Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 11 giugno 2015

Hungary: MEPs condemn Orbán’s death penalty statements and migration survey

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

The European Parliament asks the European Commission to assess the situation in Hungary and to establish an EU mechanism to monitor democracy, the rule of law and human rights annually across the EU, in a resolution voted on european parliamentWednesday. Reinstating the death penalty in Hungary would breach the EU Treaties and Charter of fundamental rights, and the wording of the Hungarian government’s public consultation on migration is “highly misleading, biased and unbalanced”, it says.In the resolution wrapping up the 19 May plenary debate with Hungary’s Prime Minister Viktor Orbán and Commission First Vice-President Frans Timmermans, MEPs condemn Mr Orbán’s repeated statements on the possibility of reinstating the death penalty in Hungary and stress the duty of prime ministers to “lead by example”.The death penalty is “incompatible with the values of respect for human dignity, freedom, democracy, equality, the rule of law and respect for human rights on which the union is founded”, they stress, adding that any member state reintroducing the death penalty would be “in violation of the Treaties and of the EU Charter of Fundamental Rights”. They note that a serious breach by a member state would trigger the EU Treaty Article 7 procedure, which could lead to the withdrawal of its voting rights in the Council.MEPs also denounce the Hungarian government’s public consultation on migration. Although “public consultation can be an important and valuable tool for governments to develop policies”, “the content and the language used in this particular consultation is “highly misleading, biased, and unbalanced; establishing a biased and direct link between migratory phenomena and security threats”, they say.They call on the Commission to “immediately initiate an in-depth monitoring process on the situation of democracy, rule of law and fundamental rights in Hungary and to report back on this matter to the European Parliament and Council before September 2015”.The Commission is also asked to present a proposal to establish an EU mechanism on democracy, rule of law and fundamental rights, as a tool for ensuring compliance with and enforcement of the Charter of Fundamental Rights and the Treaties as signed by all member states, MEPs say. They also instruct Parliament’s Committee on Civil Liberties, Justice and Home Affairs to help elaborate this proposal by drafting a non-binding resolution to be voted by Parliament as a whole by the end of this year.The resolution was passed by 362 votes to 247, with 88 abstentions.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La XVI Fiera internazionale della luce di Guzhen si svolgerà a Zhongshan City a ottobre

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

Guzhen-lighting-supplier-wholesale-Smart-colorGUZHEN, Cina, /PRNewswire/ — L’edizione autunnale della XVI Fiera internazionale della luce cinese si terrà dal 22 al 26 ottobre 2015 al Guzhen Convention and Exhibition Centre di Zhongshan City, nella provincia di Guangdong.Guzhen, sede di grossi gruppi industriali della produzione e del commercio del settore dell’illuminazione vanta una produzione annuale stimata in miliardi, ed è uno dei quattro principali mercati di produzione e vendita di sistemi di illuminazione professionali al mondo. Quest’anno, il numero di visitatori dell’edizione primaverile della XV edizione della fiera ha raggiunto nuove cime, attraendo un totale di 250.000 visitatori nazionali e internazionali.Dopo due anni di sviluppo del nuovo modello di approvvigionamento con la formula “One Exhibition Hall + Five Trade Marts”, la fiera richiama oggi 1.800 espositori del settore di altissima qualità che producono sistemi di illuminazione, lampade, LED e prodotti elettrici, offrendo agli acquirenti una piattaforma di vendita altamente efficace su una superfice di 700.000 metri quadrati.Il mercato delle luci di Guzhen è da sempre considerato in tutto il mondo fortemente competitivo per l’ottima qualità, i prezzi all’ingrosso imbattibili e la convenienza. A questa edizione della fiera inoltre, debutteranno i padiglioni luminosi allestiti con decorazioni creative, nonché un’area di installazione per elettricisti.L’edizione 2015 del Guzhen Lighting Fair si rapporterà con le risorse dell’industria locale grazie al ‘Business Matching Service’, un servizio mirato ad acquirenti stranieri e fornitori locali di alto profilo. Un team esperto di specialisti del settore organizzerà appositi incontri con gli acquirenti stranieri in cerca di svariati beni, dal componente più semplice al prodotto finale. La registrazione online prevede una quota di adesione di 100 RMB, che sarà scontata per chi esegue la pre-registrazione. La pre-registrazione consentirà inoltre ai visitatori di beneficiare dei servizi VIP offerti dall’organizzazione.Nel corso della fiera, gli organizzatori inaugureranno inoltre il Guzhen Lighting Culture Festival. Durante l’evento, designer provenienti da tutto il mondo contribuiranno alla realizzazione di un happening culturale in grado di competere con la Festa delle luci di Lione.I preparativi per l’edizione autunnale XVI China Guzhen International Lighting Fair sono in corso. L’evento promette di offrire interessanti opportunità ai clienti e di portare un alto riconoscimento per Guzhen, rafforzando il consolidamento del mercato e la crescita del settore.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Partnership between Riyadh Valley Company and Naseba

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

RiyadhRiyadh. For three years Naseba, French business facilitation company, has been introducing worldwide, pre-selected investment opportunities to Riyadh Valley Company, the investment arm of King Saudi University.Today, the two have inked the partnership that will create, develop and manage the MENA Venture Capital and Private Equity Summit, taking place in Riyadh on October 25th and 26th.This high-level 2-day executive event focuses on private equity and venture capitalists from the GCC countries, who are seeking to learn best-in-class methodologies that will help them to enhance their investment strategic planning and performance management. Most promising global emerging firms across healthcare, renewable energy and IT sectors will be provided with unmatched exposure to the region’s top venture capitalists and private equity investors.The partnership was signed today in Riyadh, between Dr Khalid Al Saleh, CEO of RVC and Fabien Faure, Managing Director of Naseba.
Riyadh Valley Company is the investment arm of king Saud University and one of the Kingdom’s largest initiatives, developed to help adopt innovation culture and foster entrepreneurship. For them, this summit is all about leveraging local capabilities, investing locally and globally in early-stage and growth businesses to create financial returns and strategic returns that will support the future of Saudi Arabian economic development. “Long-lasting relationship has just became stronger. Naseba has been our instrumental partner in connecting us with promising businesses across the globe, which was highlighted last month when we successfully invested in Solexel. This partnership is just a logical continuation of our relationship, but now we will join our forces and connect many more companies with our local investors, with the ultimate goal in our mind – to spur the economic development of Saudi Arabia”, commented Dr Khalid Al Saleh.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

France: A hotbed of opposition to the TTIP?

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

Parigi torre-eiffel1In was initially expected for opposition to TTIP to come primarily from France, where public opinion is traditionally wary of trade liberalisation. But Germany has become the leading voice in opposition, while French public opinion teetered around a 50% approval rating in Novembre 2014. Attention has nevertheless been brought to the possibility that this anti-TTIP dynamic might be transmitted to neighbouring France.In this Policy paper, published in partnership with the German Council on Foreign Relations (DGAP), Elvire Fabry, senior research fellow at the Jacques Delors Institute, analyses the evolution of the French debate on TTIP since the launch of negotiations two years ago in July 2013, until its most recent developments.
1. Up until the summer of 2014, the debate has been dominated by minor parties and civil society. Defence of TTIP was done discreetly while the undecided camp, which formed the majority, has become more and more sceptical over time.
2. While the government has displayed a great deal of caution over the matter, the inclusion of a mechanism for regulating disputes between investors and states (ISDS) has since become a catalyst for cross-partisan opposition.
3. This prudence on the part of the government may not be enough to contain the opposition to TTIP as the agreement looms ever closer. With a general French malaise when it comes to globalisation and a traditional mistrust of the United States, TTIP may become a thorny issue on the road to the presidential elections in 2017. (foto: assemblee)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sovrappeso, ipertensione e colesterolo sono ancora i nemici più diffusi di una vita lunga e in buona salute

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

anzianiSovrappeso (48%), pressione alta (46%) e colesterolo (38%) sono le tre minacce alla longevità più diffuse e ancora poco contrastate, persino da un campione rappresentativo di persone che pure sembrano avere particolarmente a cuore un invecchiamento in buona salute. Questi risultati, infatti, sono emersi dal Longevity Check-up, un vero e proprio test sui sette parametri di salute cardiovascolare il cui rispetto è ritenuto dalla scienza il vero segreto della longevità. Il Chech-up è stato offerto dalle Marche, regione con l’aspettativa di vita più alta d’Italia, all’interno del proprio spazio EXPO, per promuovere le abitudini alimentari e gli stili di vita che rappresentano le strategie ottimali per candidarsi a divenire centenari.Grazie alla collaborazione di Italia Longeva – network internazionale fondato dalla Regione insieme al Ministero della Salute, proprio per indagare e diffondere le evidenze scientifiche su un invecchiamento in buona salute fisica e mentale – i visitatori dello spazio Marche all’interno dell’EXPO hanno avuto l’opportunità di eseguire il Longevity Check-up. Hanno effettuato il test, rivolgendosi ai medici di Italia Longeva, circa mille persone: il 94% italiani e il 6% stranieri, con un’età media di 54 anni e con una prevalenza del campione femminile (il 56%, contro il 44% di maschi).“Il dato genetico – dichiara il professor Roberto Bernabei, presidente di Italia Longeva – incide fra il 20 e il 25% sulla speranza di vita di ciascuno di noi. Ciò significa che quel che fa la differenza sono le abitudini di vita, dall’alimentazione all’attività fisica: la longevità è quindi una conquista personale. Per questo abbiamo posto al centro del nostro Longevity Check-up i sette parametri di salute cardiovascolare che sono alla base di una vita lunga e in salute: astensione dal fumo, regolare esercizio fisico, dieta equilibrata con adeguato apporto di frutta e verdura, lotta al sovrappeso, valori di colesterolemia sotto controllo e attenzione anche alla pressione arteriosa e alla glicemia. Purtroppo, dal nostro test sui visitatori dello spazio Marche in EXPO è risultato che solo il 9% delle persone esaminate rispetta tutti e sette questi parametri”.E infatti quasi la metà del campione che si è sottoposto al Longevity Check-up (48%) presenta un peso corporeo eccessivo (di questo 48%, il 35% è risultato in sovrappeso e il 13% addirittura obeso); il 46% ha la pressione troppo alta e il 38% valori di colesterolo fuori controllo. Ancora molto diffuso anche il vizio del fumo, con il 17% di fumatori impenitenti e il 25% di ex fumatori. Meglio, invece, la sensibilità per una dieta corretta e un adeguato esercizio fisico, con l’80% del campione analizzato che segue una dieta equilibrata e il 70% che pratica regolarmente un’attività sportiva.“Significativamente – aggiunge Bernabei – dal nostro test è risultato che i marchigiani seguono una dieta corretta addirittura nell’85% dei casi, e conseguentemente manifestano un controllo ottimale del colesterolo nel 66% del campione che si è sottoposto al Check-up. È chiaro, quindi, che l’alimentazione gioca un ruolo cruciale per la conquista della longevità, eppure mangiare bene non basta: l’esercizio fisico, che nelle Marche è spesso imposto dall’acclività del terreno, fatto di sali-scendi collinari, una rete familiare e sociale solida, il mantenimento di forti rapporti inter-generazionali, fra genitori e figli e fra nonni e nipoti, e persino saldi riferimenti spirituali sono all’origine di una vecchiaia lunga e serena, che si fonda sulla salute fisica, ma anche sulla lucidità intellettiva e sull’equilibrio psicologico”. Nel Forum internazionale sulla longevità, con il quale proprio oggi termina la presenza della Regione Marche all’Expo, è stata proposta un’analisi scientifica – grazie alla presenza dei massimi esperti a livello internazionale – delle abitudini delle popolazioni più longeve del mondo, gli abitanti delle famose ‘Blue Zone’. “Gli studi mostrano chiaramente che il fumo, l’obesità, la felicità e persino la solitudine sono contagiosi – ha detto nel corso del Forum Dan Buettner, l’esploratore del National Geographic che ha studiato le Blue Zone sparse per il pianeta –. Il segreto, in fondo, è circondarsi di amici che seguano e ci incoraggino a seguire uno stile di vita salutare. Anche dal punto di vista dell’esercizio fisico, infatti, i popoli più longevi del mondo non passano la giornata a sollevare pesi in palestra, non sono maratoneti né assidui frequentatori di circoli sportivi: piuttosto, vivono in un ecosistema familiare, lavorativo, sociale e ambientale che li induce a muoversi in continuazione, senza neanche pensarci. La strategia ottimale per la longevità sembra quindi soprattutto combattere la pigrizia e la tristezza, andare a piedi a lavoro, fare le scale invece di prendere l’ascensore”.“Negli ultimi decenni – ha spiegato Gianni Pes, del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Sassari, scopritore della prima Blue Zone – le ricerche sulla longevità si sono concentrate su una strategia multidisciplinare, che ha visto l’integrazione di genetica, demografia, antropologia e scienza dell’alimentazione, tutte alleate nello sforzo comune di comprendere non solo come si viva più a lungo, ma soprattutto come si possa invecchiare in buona salute, fisica e mentale. Non tutti sanno che è italiana la prima zona del pianeta ormai ampiamente accreditata dalla scienza come vero osservatorio internazionale sulla longevità: la prima Blue Zone. Si tratta dell’Ogliastra, la zona montuosa centro-orientale della Sardegna nella quale si registrano gli indici di sopravvivenza media più elevati al mondo, soprattutto nella popolazione di sesso maschile, e ciò in controtendenza rispetto a quanto avviene nel resto del pianeta. A mio parere, la principale lezione che possiamo apprendere dallo studio delle Zone Blu è che i fattori modificabili hanno un peso maggiore di quelli ereditari, e pertanto uno stile di vita equilibrato è la migliore strategia per una vita lunga e in buona salute. Cibi elaborati, sedentarietà, isolamento sociale, vizi persino ricercati e ogni altra abitudine che più si discosti dallo stile di vita di popoli pastorali, con un’alimentazione essenziale e la necessità di spostarsi al seguito delle greggi, sono senza dubbio le strategie meno efficaci per candidarsi alla longevità”.“Complessivamente abbiamo rilevato – conclude Roberto Bernabei – che per vivere a lungo l’alimentazione corretta è necessaria ma non sufficiente. È imprescindibile anche l’esercizio fisico, una rete familiare e sociale solida e persino saldi riferimenti spirituali. In sostanza, quasi con uno slogan, può dirsi che la salute fisica non è sufficiente per invecchiare in salute, e gli elementi psico-sociali sono altrettanto indispensabili; se non altro, perché la longevità non è ‘sopravvivere molto’, ma piuttosto imparare a costruire e a difendere, giorno dopo giorno, una vita degna di essere vissuta a lungo”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fisco, Ap: “Bene Governo, meno vincoli su uso contante”

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

donne_denaro1“Meno lacci e vincoli per i cittadini che vorranno spendere più di mille euro in contanti. Grazie alla mozione di Area popolare (Ncd e Udc) approvata dalla Camera, il Governo si è infatti assunto l’impegno, rispetto alle norme contenute nella delega fiscale, ad alzare il limite sull’uso della moneta contante. Mettiamo così l’Italia in linea con la media degli altri Paesi europei che hanno introdotto anch’essi un limite (undici Paesi, tra cui la Germania, non ne hanno alcuno),ricordando che il presidente del Consiglio si era impegnato per l’innalzamento del limite a tremila euro. Una misura che riteniamo fondamentale per contribuire ad incentivare i consumi e favorire così la crescita e la ripresa, e che conferma inoltre la nostra attenzione verso cittadini e commercianti. Libertà e competitività: sono queste le linee guida della nostra azione per rendere l’economia italiana al passo di quelle europee”. Così in una nota il gruppo di Area popolare alla Camera, dopo l’approvazione della mozione con 288 voti favorevoli su 374 presenti. “In merito va smentito il falso mito del link tra uso del contante ed evasione fiscale – prosegue la nota – alla base dei provvedimenti restrittivi adottati negli ultimi anni sulla disciplina della circolazione del contante. Diversi studi, come quelli effettuati dalla Cgia di Mestre, affermano esattamente il contrario. Più libertà dunque, e non solo tracciabilità. Anche perché, come riscontrato dall’Istat, il contante è il mezzo di pagamento più diffuso. Tra l’altro in Italia esistono 15 milioni di unbanked, cioè persone che non hanno un conto corrente e preferiscono tenere i soldi in casa. A questo si aggiunga che solo il 37,9% degli italiani usano il bancomat e il 10,9% le carte di credito. In questo contesto – spiega la nota di Area popolare – va fatta una riflessione anche sui significativi costi di gestione e apertura dei conti correnti, che in Italia sono più alti del 50% rispetto al resto dell’Europa, e sui costi per l’utilizzo del pos, visto dai commercianti come un ulteriore balzello. Ne consegue che il migliore incentivo alla diffusione dei pos non è costituito dalla sua obbligatorietà, ma dalla riduzione di questi costi e, nello stesso tempo, in un ulteriore impegno nell’incentivazione dell’utilizzo della fatturazione elettronica e in un potenziamento dei sistemi di tracciabilità, come peraltro già previsto dal decreto legislativo approvato il 21 aprile scorso dal Consiglio dei ministri”, conclude la nota.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Shanghai. Let’s meet!”

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

La Municipalità di shanghai-china, in partnership con il Comune di Milano, ha lanciato ieri la nuova global brand campaign per la promozione della città di Shanghai. L’evento, Shanghai. Let’s Meet! si è svolto nella innovativa cornice del City Pavilion di Expo ed ha rappresentato l’occasione per dare ufficialmente inizio alla Settimana di Shanghai 2015 Expo Milano (9- 18 Giugno), un ricco calendario di appuntamenti studiato per esprimere le storie e le connessioni tra le due città.“Shanghai. Let’s Meet!” è una campagna di forte impatto concepita per proporre una nuova immagine di Shanghai, una metropoli che deve gran parte della propria ricchezza al ruolo di crocevia di popoli, tradizioni e culture diverse dove, passato, presente e futuro convivono. A dare spessore al progetto, sponsor di altissimo livello come Elle China, che è anche key producer e media partner; Maysu, azienda cosmetica di altro profilo, impegnata ad infondere nella donna cinese un nuovo concetto di bellezza, rendendola così più sicura di sé ed il Bund Finance Center, ambizioso progetto di un nuovo quartiere finanziario a Shanghai, ancora più Internazionale di Wall Street.“Parte della mission di Elle China, in qualità di primo magazine internazionale di lifestyle femminile, in Cina dal 1988, è portare non solo marchi di moda e design nel mercato cinese, ma anche di farsi ambasciatore di progetti speciali come questa campagna per la promozione di Shanghai”, ha detto Lena Yang, CEO di Hearst Magazines China. Il progetto è articolato su quattro aree tematiche, l’architettura, la cucina, il design e la moda e sarà supportato da una serie di importanti eventi. Focus principale, la mostra di Shanghai che sarà in esposizione presso il padiglione cittadino, curata dal celebre artista cinese Alan Chan e dal designer dell’iconica “House of Dunhill” di Shanghai, Yann Debelle de Montby.“Shanghai è sempre stata aperta al mondo. La nostra città ha una ricca storia di incroci di culture e prospettive, che vive tutt’oggi” – ha dichiarato Zhu Yonglei, Portavoce della Municipalità di Shanghai. “Possono accadere cose stupefacenti quando diverse prospettive e culture si incontrano: questo è il motivo per il quale vogliamo portare avanti questa campagna globale”.
Il padiglione rientra tra le iniziative di Expo in città, ed è stato realizzato per ospitare diverse città da tutto il mondo, incoraggiandone, così, gli scambi culturali. L’architettura è stata disegnata da Vudafieri Saverino Partners, con uno stile tutto italiano. Shanghai, è la prima città ad avere la possibilità di usufruire di questo spazio. Il racconto delle storie e delle relazioni è lasciato al tocco artistico di Alan Chan e Yann Debelle de Montby. Oltre alle esibizioni di Alan Chan, “Silk Road Chairs” e gli spazi “Shanghai by night” e “Shanghai by day” di Yann Debelle de Montby, il padiglione è stato arricchito da opere di antiquariato cinese e curiosità moderne, per accompagnare i visitatori in un viaggio virtuale alla scoperta della cultura del Paese. Inoltre, ad aumentare la sensazione di vicinanza tra le due città sarà la Shanghai Super Pixel Map, che mostra Shanghai vista dall’Oriental Pearl Tower. Alcune celebrità hanno collaborato a questo progetto, raccontando per immagini il loro rapporto con la città, le loro storie ed le esperienze personali su Shanghai.
“Questa campagna promozionale non sarebbe stata possibile senza il supporto dei nostri partner e, ovviamente, senza i nostri buoni amici della città di Milano”- ha aggiunto Zhu Yonglei. “La manifestazione nasce infatti da una condivisione di obiettivi e mentalità, che ha permesso di creare una piattaforma globale in grado di rappresentare tutto ciò che Shanghai è ed ha da offrire”. Elle China: Fondata nel 1945 a Parigi, ELLE è pubblicata in 46 paesi, raggiungendo un bacino di lettori di oltre 21 milioni ogni mese. ELLE China è stato il primo magazine di moda, di alto profilo, lanciato in Cina. Da allora, la rivista ha creato nuovi trend e stili, contribuendo a plasmare il paesaggio del mondo della moda in Cina. ELLE China ha incoraggiato le donne della city a scoprire la propria personalità e a perseguire l’autodeterminazione. La rivista fonda la sua filosofia sul valore dell’eleganza, impreziosito dall’idea di vivere il cambiamento in atto nel Paese stando al passo coi tempi. Oggi ELLE China raggiunge 6 milioni di lettori ogni mese. Come la prima edizione bimestrale di ELLE in tutto il mondo, ELLE China ha anche sviluppato una varietà di piattaforme multimediali, tra cui la rivista ELLE, E-publishing, ellechina.com, ELLEplusiPad e mobili, ELLE TV, ELLE e ELLE Negozio carta di credito con oltre 2.1 milioni di titolari di carta. ELLE China sostiene da sempre la creatività e sposa gli ultimi trend ed è principale produttore e media partner della campagna “Shanghai. Let’s meet!”.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stati Uniti e Toscana, è boom di scambi commerciali per 4,5 miliardi

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

firenzeQuattro miliardi e mezzo di euro in scambi commerciali solo l’anno scorso, un incremento del valore dell’export dell’80,7% e un volume di importazioni aumentato del 67,7% dal 2009 al 2014: gli Stati Uniti sono per la Toscana il primo partner economico extraeuropeo e mai come in questi ultimi anni il rapporto è cresciuto e maturato, con un sempre maggior numero di imprese che trovano partnership Oltreoceano e scambi politici, educativi, culturali che si uniscono al business.
Proprio per sfruttare al massimo il potenziale di due aree geografiche molto legate fra loro si è svolto nel Salone de’ Dugento di Palazzo Vecchio lo USA Day, una mattina per conoscere meglio le opportunità commerciali con gli Stati Uniti, organizzata da Camera di Commercio di Firenze e PromoFirenze, in collaborazione con Comune di Firenze e Consolato Generale degli Stati Uniti d’America a Firenze. Presenti il console generale degli USA a Firenze Abigail M. Rupp, il presidente della Camera di Commercio di Firenze Leonardo Bassilichi, l’assessore allo sviluppo economico del Comune di Firenze Giovanni Bettarini, i rappresentanti di oltre cento imprese del territorio.«Sono convinto che gli ottimi rapporti fra USA e Italia possano agevolare ancora di più gli scambi economici nei prossimi anni – ha detto Leonardo Bassilichi -. Oggi gli investitori americani trovano un Paese più solido, positivo, che ha voglia di crescere e l’ottimo lavoro svolto con le imprese multinazionali presenti a Firenze per il progetto One Contact Point ne è un chiaro esempio, tanto da volerne stimolare altre a venire. Allo stesso tempo sappiamo benissimo che solo gli USA garantiscono tante opportunità avendo anche un patrimonio storico e culturale comune».«Maggiori opportunità commerciali e di investimento negli Stati Uniti per le aziende toscane proverranno dal T-TIP, il nuovo trattato fra Stati Uniti ed Unione Europea sul commercio e gli investimenti, ancora in fase di negoziazione – ha aggiunto il console generale Abigail M. Rupp -. Una volta completato, il trattato consentirà alle imprese toscane, soprattutto le piccole e medie imprese, di accedere più facilmente al mercato americano, grazie a una consistente riduzione delle barriere tariffarie e non tariffarie. Inoltre, il T-TIP fisserà degli standard internazionali per l’apertura ai mercati».
Nel 2014 la Toscana ha esportato negli USA merci e servizi per un valore di 3 miliardi di euro, pari al 9,5 per cento del totale e ne ha importate 1,48 miliardi pari al 7,4 per cento del totale (dati Istat elaborati dall’Ufficio Statistica di Camera di Commercio di Firenze). E la prospettiva è anche migliore. Secondo l’ultima indagine realizzata dal Servizio Studi di Intesa Sanpaolo per Banca CR Firenze, l’aumento del PIL americano e le condizioni di cambio euro/dollaro favorevoli stanno facilitando molti distretti toscani come la ceramica di Sesto Fiorentino, i vini del Chianti, la pelletteria e le calzature di Firenze e Arezzo, il tessile e l’abbigliamento di Prato e Arezzo, i mobili di Poggibonsi e l’agroalimentare di Lucca.«L’iniziativa di oggi intercetta l’interesse reale delle aziende che portano avanti l’economia della città – ha detto l’assessore allo Sviluppo economico e turismo del Comune di Firenze, Giovanni Bettarini –. La fortissima propensione all’internazionalizzazione dell’economia della nostra città è un plus che consente a Firenze di guardare con fiducia al futuro. Siamo portatori di una storia di creatività, talento e merito che possiamo ancora interpretare con grande orgoglio in giro per il mondo. Firenze è una realtà attrattiva, in grado di esportare all’estero molto del suo talento, con grande vantaggio per la propria economia. Dobbiamo essere capaci di leggere davvero le nostre potenzialità e metterle a sistema per essere più competitivi. In questo momento sono molto importanti i sistemi urbani di riferimento, in una competizione tra città capaci di esprimere economie, messaggi e senso di sé. In questa competizione Firenze è già molto forte. Siamo riconoscibili e conosciuti in tutto il mondo, ora dobbiamo riempire questa fama di contenuti di attualità e della creatività che ancora abbiamo».Durante la mattinata in Palazzo Vecchio sono state presentate alcune proposte per il mercato statunitense, con particolare riferimento al Texas, anche attraverso contributi e testimonianze di esperti e operatori dei diversi settori, mentre il pomeriggio è stato riservato a incontri bilaterali organizzati dai rappresentanti di Italy-America Chamber of Commerce Texas e PromoFirenze. Infine, maggiori informazioni sulle opportunità d’investimento negli Stati Uniti per le imprese italiane si trovano sul sito del Dipartimento per il Commercio Estero USA all’indirizzo: http://selectusa.commerce.gov/. (foto: scambi commerciali)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio speciale alle forze armate italiane

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

universita-la-sapienza-romaRoma 9 luglio, nell’Aula Magna della Sapienza Università di Roma verrà assegnato un premio speciale alla forze armate italiane nel centenario dell’ingresso dell’Italia nella prima guerra mondiale con la seguente motivazione: “Dalla vittoriosa guerra del ’15 -18, all’odierno contributo per il mantenimento della pace nel mondo”. Il premio è stato conferito in occasione della XVI edizione del Premio Roma e che ha, inoltre, annunciato per il corrente anno i finalisti per il 2015 del premio:
Per la Narrativa straniera:
a) Nelly Alard “Momento di una coppia” – Gremese;
b) Sasha Arango “La verità e altre bugie” – Marsilio;
c) Camilla Lackberg “Il guardiano del faro” – Marsilio;
d) Chevi Stevens “Il passato di Sara” – Fazi;
e) Jonathan Stone “Non puoi dimenticare” – Newton Compton;
Menzione di merito: Fatis Kongoll “La vita in una scatola di fiammiferi” – Rubbettino.
2) Narrativa Italiana
a) Francesco Caringella “Non sono un assassino” – Newton Compton;
b) Valter Catoni “L’inutilità della lettera Q” – Mondadori;
c) Lilli Gruber “Tempesta” – Rizzoli;
d) Wanda Marasco “Il genio dell’abbandono” – Neri Pozza;
e) Romana Petri “Giorni di spasimato amore” – Longanesi;
Menzioni di merito:
a) Rosario Bonavoglia “Un angelo alle case verdi” – Lupetti;
b) Ennio Montano “Augusto ed io” – APL;
c) Claudio Valente – Andrea Montesanti “Quelle capanne chiamate Roma” – Reverdito;
3) Saggistica:
a) Alberto Angela “I tre giorni di Pompei” – Rizzoli;
b) Aldo Cazzullo “La guerra dei nostri nonni” – Mondadori;
c) Cesare De Seta “L’Italia nello specchio del Grand Tour” – Rizzoli;
d) Emilio Gentile “In Italia ai tempi di Mussolini” – Mondadori;
e) Vincenzo Trione “Effetto città” – Bompiani;
Menzioni di merito:
a) Federico Pasquali – Carlo Santi “Campioni per sempre” – Il Lazio e le sue eccellenze –
Contributo per la parte riferita alle Paralimpiadi di Giampiero Spirito. Le schede degli atleti sono state curate da Francesca Monzone – Riccardo Viola Editore;
b) Christian Salmon “La politica nell’era dello storylling” – Fazi;
c) Franco Zangrilli “Dietro la macchina della scrittura” – Polistampa;

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La bomba della liquidità nei mercati finanziari è carica

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

previsioniSta facendo discutere, fra gli addetti ai lavori del settore finanziario, la recente presa di posizione di Nouriel Roubini, relativa al paradosso della liquidità che potrebbe trasformarsi in una bomba innescata, pronta a scoppiare, nel momento in cui matureranno le condizioni sui mercati finanziari. Qualche mese fa abbiamo recensito un bel libro (“Previsioni”, di Mark Buchanan) che è stato molto sottovalutato dal circuito mediatico, probabilmente perché a scriverlo non è stato un autore inserito nel giro accademico degli economisti, ma un fisico.Una delle tesi principali del libro è che le fondamenta delle teorie economiche dominanti, ovvero il concetto di equilibrio tra domanda ed offerta, è totalmente sbagliata. L’equilibrio domanda-offerta, in realtà, è solo un concetto teorico che non si manifesta praticamente mai nella pratica. Nella realtà abbiamo situazioni più o meno instabili esattamente come con il clima meteorologico. La condizione “normale” è l’instabilità, non l’equilibrio.Ci sono alcune condizioni che favoriscono manifestazioni di instabilità particolarmente forti. L’eccesso di liquidità è senza alcun dubbio una di queste.In altre parole, se noi avessimo una visione teorica dei mercati finanziari più aderente a quella che è la realtà, potremmo avere anche strumenti di gestione e prevenzione delle grandi turbolenze nei mercati finanziari così come abbiamo, in parte, strumenti di gestione e prevenzioni dei grandi fenomeni atmosferici come uragani e simili. Purtroppo, al contrario, abbiamo i principali organi di controllo dei mercati finanziari (cioè le banche centrali) che stanno creando le condizioni affinché si verifichino forti turbolenze.E’ un po’ come se la Protezione Civile modificasse le temperature dell’aria artificialmente, magari con lo scopo di favorire l’agricoltura, ma non si rendesse conto che così facendo favorisce la formazione di uragani.Tornando a Nouriel Roubini, l’economista si è guadagnato una certa fama nel settore finanziario per aver in qualche modo “previsto” la crisi del 2008. Sulla base di questa “fama” (viene chiamato anche Dr. Doom, cioè Dr. Destino) ha creato un po’ la sua carriera professionale e con questa sua nuova presa di posizione da cui abbiamo preso spunto, ci riprova ancora.
La tesi di Roubini è assolutamente sensata ed a noi sembra una “facile previsione”.Cerchiamo di spiegarla meglio per i non addetti ai lavori.Le banche centrali hanno immesso (in USA, UK, Giappone ed altre) e stanno immettendo (in Europa) una quantità impressionante di liquidità nel sistema finanziario.La base monetaria negli USA è quadruplicata rispetto ai livelli pre-crisi.In pratica le banche centrali comprano obbligazioni con denaro che prima non esisteva e quindi immettono nuovo denaro nel sistema. Con questo nuovo denaro si comprano altri titoli.Così tanta nuova moneta nel sistema crea ovviamente inflazione, ma poiché il denaro, in larghissima parte, rimane nel sistema finanziario, l’inflazione è sul prezzo dei beni finanziari (obbligazioni ed azioni) e non sui beni e servizi nel mondo reale.Tutta questa massa di liquidità crea un paradosso. Un eccesso di denaro nel sistema finanziario può rendere più difficile, in determinate circostanze, riuscire a negoziare i titoli per uno squilibrio troppo forte fra domanda e offerta. Espresso in modo sintetico e paradossale: troppa liquidità crea mercati illiquidi. Ecco che ci ricolleghiamo a quanto abbiamo accennato in relazione al libro di Buchanan. Se c’è tantissimo denaro nel sistema, ma tutto il denaro è orientato in fortissima prevalenza in una direzione, non si riesce a formare il prezzo perché non c’è adeguata quantità nella direzione opposta. Immaginiamo, ad esempio, il momento nel quale i mercati si formeranno la convinzione che i tassi siano destinati a salire, magari perché le banche centrali smetteranno di immettere liquidità nel sistema. Tutti vorranno vendere obbligazioni, ma chi comprerà? I prezzi crolleranno rapidissimamente, ma faticheranno a trovare un equilibrio proprio per l’eccesso di denaro che è stato immesso precedentemente nel sistema e che porterà ad un eccesso di persone che in quel momento vorranno uscire. In breve: l’eccesso di moneta immessa dalle banche centrali sta ponendo le condizioni per incrementare gravemente l’instabilità dei mercati finanziari, li sta rendendo, paradossalmente, meno liquidi di prima.Nel suo articolo Roubini ricorda alcuni episodi recenti che dovrebbero fungere da ammonimento rispetto a ciò che potrebbe accadere in futuro. Nel maggio del 2010 avvenne ciò che è passato alla storia come “flash crash”, quando, nel giro di mezz’ora i principali indici azionari americani crollarono del 10% per poi recuperare rapidamente. Nel mondo obbligazionario, qualcosa di simile avvenne nella primavera del 2013 quando Ben Bernanke, allora capo della FED, la banca centrale degli USA, fece capire ai mercati che il così detto QE (immissione di soldi nel sistema, semplificando brutalmente) sarebbe terminato a breve: nel giro di pochissimo i tassi schizzarono di 100 punti base. Una cosa che non si era mai vista prima. Lo scorso ottobre nel giro di pochi minuti il rendimento dei titoli di stato USA salirono di 40 punti base, una cosa che statisticamente avrebbe dovuto essere sostanzialmente impossibile. Questa carrellata di eventi “improbabili” potrebbe concludersi con l’episodio di poche settimane fa relativo ai rendimenti del Bund tedesco che nel giro di pochi giorni è passato a 5 punti base ad oltre 80 punti base.Il problema su cui Roubini cerca di far soffermare la nostra attenzione è che anche i mercati considerati i più liquidi del mondo come quello dei titoli di stato di grandi paesi occidentali o il mercato azionario USA, possono non essere più sufficientemente liquidi per far fronte all’impressionante aumento di denaro che è stato immesso nel sistema, specialmente quando tutta questa massa monetaria tende a muoversi nella stessa direzione .Quali possono essere le conseguenze di questo grave incremento dell’instabilità strutturale?
Tutti coloro che si occupano di mercati finanziari professionalmente sanno che, prima o poi, i mercati invertiranno la loro direzione. Non possiamo sapere quando ciò avverrà, ma sappiamo che ciò avverrà. Ebbene, quando ciò avverrà, è ragionevole attendersi che i movimenti saranno molto più violenti di quelli che abbiamo registrato fino ad oggi. Una “facile” previsione che possiamo abbozzare è la seguente: se le banche centrali non saranno bravissime nel gestire le aspettative, è probabile che assisteremo al più grande crollo del prezzo del bund tedesco che sia mai stato registrato dalla storia dei mercati finanziari.
In generale, potremmo assistere ad un aumento della volatilità molto forte un po’ su tutti i mercati. Per evitare questa turbolenza, le banche centrali dovrebbero riuscire a ritirare la liquidità molto gradualmente riuscendo a gestire le aspettative degli investitori affinché non si precipitino a vendere. Si tratta di un’operazione non impossibile, ma difficilissima. Per i piccoli risparmiatori, che poi sono il tipo di lettore al quale prevalentemente ci rivolgiamo su questo sito, il messaggio forte e chiaro che vogliamo far arrivare è quello di cercare di evitare di trovarsi nel mezzo della prossima turbolenza finanziaria. Già adesso i prezzi della maggioranza degli strumenti obbligazionari sono chiaramente folli. Potranno continuare ad esserlo anche per molto tempo, a causa del comportamento delle banche centrali. Ma ciò che dobbiamo domandarci è: quali sono i vantaggi ulteriori che percepisco tenendo i soldi in obbligazioni che rendono lo zero virgola, rispetto ai rischi che corro nell’ipotesi in cui vi sia una turbolenza finanziaria? (Alessandro Pedone, responsabile Aduc Tutela del Risparmio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marò: Renzi tace

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

marò“In occasione della festa della Marina Militare leggo tante dichiarazioni di solidarietà e vicinanza a favore dei nostri marò. Alcune sicuramente sincere, altre forse meno. Ne leggo tante, ma ne manca una. Quella del premier Renzi che anche oggi parla di tutto, persino di calcio e vodka con il presidente Putin, ma tace su Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Una semplice dimenticanza la sua o solo un voler evitare, almeno per una volta, delle ‘inutili’ dichiarazioni sapendo già che su questa vergognosa vicenda
non farà mai seguire fatti concreti?” Lo dichiara Ignazio La Russa, deputato di Fratelli d’Italia.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mafia Capitale: ferita infetta

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

regione-lazio“La corruzione che attraversa la Città di Roma appare di momento in momento più grave e sembra non risparmiare nessuna delle sue strutture di accoglienza, a cominciare da quelle che per loro stessa vocazione dovrebbero occuparsi delle persone più fragili: immigrati, anziani e bambini, soprattutto quei minori non accompagnati a cui dobbiamo aggiungere anche tutti quegli altri bambini accolti senza diagnosi sicura e senza un piano preciso in una vera e propria rete di case famiglia” lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare. “La speculazione, gli sprechi, le ruberie, sono una grave ferita infetta che indebolisce l’intero organismo della città. Qualcuno vorrebbe le dimissioni della giunta a cominciare dal suo sindaco, ma la risposta preoccupata è che comunque non sarebbe sufficiente, perché non è solo il poter politico ad essere coinvolto. C’è un’ampia coinvolgimento di funzionari ed impiegati, e soprattutto c’è la responsabilità di una società civile che appare, molto ma molto più corrotta dello stesso potere politico. I politici locali appaiono come burattini nelle mani dell’uno e dell’altro boss. Sembra che per la Città di Roma non ci sia speranza, ma non può essere così” aggiunge. “Da qualche parte occorre ricominciare. Qualche giornale ha scritto che non basta essere onesti. Eppure se ricominciassimo tutti da lì forse si potrebbe guarire dalla corruzione, come recita una delle più belle lezioni di Papa Bergoglio, che risale ai tempi in cui era cardinale a Buenos Aires. Di corruzione ci si ammala e dalla corruzione si può guarire. Però è ora di passare dalla diagnosi alla terapia, usando tutti i mezzi possibili: dalla chirurgia alla farmacologia. Tutti i mezzi vanno messi in gioco senza limitarsi alla denuncia, pur essendo questa assolutamente necessaria, ma non sufficiente” conclude.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spreco alimentare: cosa buttiamo e cosa possiamo recuperare

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

alimentareParma sabato 13 giugno alle ore 10 al Palazzo del Governatore, con il coordinamento di Arnaldo Dossena (Dipartimento di Scienze degli Alimenti, Università di Parma) e gli interventi di Stefano Sforza (Dipartimento di Scienze degli Alimenti, Università di Parma), Francesca Bigliardi (Kuminda) e Luca Sandei (Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari) si svolgerà l’incontro, intitolato “Spreco alimentare: cosa buttiamo e cosa possiamo recuperare”.
Nella prima sessione Stefano Sforza interverrà sul tema “Del maiale (e non solo) non si butta via niente. Il recupero dei sottoprodotti nella filiera di produzione alimentare”. Un’enorme quantità di materiale alimentare viene scartata durante i processi di produzione. Si stima che nella produzione di carne mediamente circa metà della massa iniziale dell’animale finisca sulle nostre tavole. Parti dell’animale vengono scartate perché tradizionalmente poco “nobili” o per processi di produzione poco efficienti, ma costituiscono spesso un materiale che, se opportunamente recuperato, può divenire nuovo cibo o nuovo mangime di ottima qualità per gli animali.
Nella seconda sessione Francesca Bigliardi terrà la relazione “Mostrami cosa sprechi e ti dirò chi sei. Culture e pratiche intorno al cibo e agli sprechi”. Gli sprechi alimentari parlano delle persone, del loro stile di vita, delle loro scelte rispetto a tutto ciò che è in relazione al cibo. Alcune esperienze virtuose in Europa di lotta agli sprechi e/o di redistribuzione degli sprechi dicono quale sia il nesso tra scelte personali di vita, modalità di consumo di cibo e partecipazione ad azioni di impegno e solidarietà verso chi non ha accesso al cibo.
Nella terza e ultima sessione Luca Sandei si occuperà invece di “Recupero e valorizzazione industriale dei sottoprodotti della filiera del pomodoro. Nuove materie prime per lo sviluppo di prodotti nutraceutici e funzionali”. L’Italia è uno dei principali produttori mondiali di pomodoro lavorato, con circa 5 milioni di tonnellate di prodotto fresco inviato alla trasformazione industriale. Il metodo convenzionale per la lavorazione industriale del pomodoro genera enormi quantità di sottoprodotti non sufficientemente valorizzati (bucce e semi). Attraverso lo sviluppo di nuove tecnologie biocompatibili è possibile estrarre sostanze bioattive naturali, che possono diventare materie prime per lo sviluppo di alimenti nutraceutici e funzionali, basi per coloranti naturali e altre applicazioni.
Gli incontri di “Nutrire il pianeta – I sabati di Unipr per EXPO” sono inseriti nel progetto “Unipr&Expo – L’Università di Parma per Expo 2015”, con il quale l’Ateneo mette in campo il suo patrimonio di saperi nelle tematiche legate all’alimentazione e al cibo, e in genere agli ambiti centrali dell’Esposizione Universale di Milano 2015.L’iniziativa è aperta a tutti i cittadini interessati, ed è rivolta anche alle scuole superiori di Parma.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sindacato Labor: Servono politiche strutturali

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

impreseI dati Istat sul calo della produzione industriale (ad Aprile è scesa dello 0,3% rispetto a Marzo) dimostrano l’urgenza di un piano nazionale che si proponga di rilanciare gli investimenti pubblici e che affronti con serietà i temi della crescita italiana. Non è infatti sensato – dichiara il Sindacato Labor –, soprattutto nel difficile contesto storico contemporaneo, continuare a utilizzare palliativi senza prospettiva. Allo scoppio della crisi economica del 2008 – continua il Sindacato Labor – tutte le principali organizzazioni economiche e politiche hanno riconosciuto una serie di errori. Ora si stanno commettendo di nuovo e l’emanazione di ulteriori forme di svilimento del lavoro come quelle approvate dal Jobs Act ne sono una ulteriore dimostrazione. Oggi più che mai c’è bisogno di ripensare al lavoro, alle relazioni lavorative e all’idea stessa di progresso che il nostro Paese e la nostra comunità europea devono fare propria. Senza queste riflessioni – conclude il Sindacato Labor –il rischio è quello di non riuscire mai a uscire dal tunnel della crisi.

Posted in scuola/school, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Il ddl 1934 continua ad essere oggetto di contestazioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 giugno 2015

Pupils in primary school  -ALLIANCE-INFOPHOTO

Pupils in primary school -ALLIANCE-INFOPHOTO

In tutte le regioni, dalle prime informazioni che giungono dagli istituti, risulta pressoché totale l’adesione al boicottaggio ‘intelligente’ delle valutazioni di fine anno. In particolare alle superiori, dove i presidi sono stati costretti a riconvocare gli scrutini a sabato o ai primi due giorni della prossima settimana. Intanto, la Commissione Ue continua a ricevere richieste di attivazione di ricorsi contro lo Stato italiano e interrogazioni parlamentari su una vergogna nazionale che con il disegno di legge ‘La Buona Scuola’ rischia di acuirsi. Marcello Pacifico (Anief-Confedir-Cisal): è l’ennesima risposta importante del personale della scuola contro questa riforma che piace solo a chi l’ha ideata: il Governo oggi più che mai deve fare un passo indietro. E approvare un decreto legge che dia finalmente il via libera all’assunzione su tutti i posti vacanti, come l’Europa ha indicato di fare da oltre tre lustri.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »