Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 24 giugno 2015

Movie screening and debate on migration

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2015

bruxellesThe debate will take place on Thursday 25 June, from 8.45 to 11.00, in room Paul-Henri Spaak (PHS) 1A002, in Brussels. It will be webstreamed on EP Live.
The Civil Liberties Committee will hold the fifth debate on the strategic own-initiative report on migration on Thursday 25 June, from 8.45 to 11.00. Tackling criminal smuggling, trafficking and labour exploitation of irregular migrants, developing adequate legal economic migration channels, and border management and visa-policy are the topics to be addressed in this meeting.A series of debates on the portrayal of migration through cinema will also take place in the framework of the preparation of this report, followed by a sequence of screenings focussing on this topic. The second movie will be shown in room Paul-Henri Spaak (PHS) 3C050 on Wednesday 24 June, from 19.00: “Every face has a name”. Tackling criminal smuggling, trafficking and labour exploitation of irregular migrants – debate with Tsvetlin Yovchev, former Minister of Home Affairs of Bulgaria and former Director of the State Agency on National Security, and Wolfgang Bauer, International Reporter for the ZEIT, weekly newspaper, Germany Developing adequate legal economic migration channels – debate with Luca Visentini, Confederal Secretary, European Trade Union Confederation (ETUC), and Prof. Iván Martín, Migration Policy Centre, European University Institute, FlorenceBorder management and visa-policy, including the role of Frontex and other relevant agencies – debate with Prof. Steve Peers, University of Essex; Swiss humanitarian visas – debate with H.E. Roberto Balzaretti, Ambassador, Head of the Mission of Switzerland to the EU The next two hours session on the strategic report on migration is scheduled for the meeting of 2 July. These discussions will feed into the report that is being prepared by Roberta Metsola (EPP, Malta) and Kashetu Kyenge (S&D, Italy). The EU Fundamental Rights Agency’s (FRA) annual report 2014 will be presented in the Civil Liberties Committee on Thursday, from 11.30 to 12.30. Its key message is that migrant tragedies is one of the fundamental rights challenges that needs to be addressed. FRA asks Member States to consider offering more legal possibilities for people in need of international protection to enter the EU, as viable alternatives to risky irregular entry.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Miami Residential Sales and Median Prices Climb in May

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2015

miamiMIAMI – Median sales prices for Miami single-family homes and condominiums each registered double-digit growth while total residential sales increased in May, according to a new report by the 36,000-member MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI) and the local Multiple Listing Service (MLS) system.Single-family home transactions — which set an all-time Miami annual record in 2014 — increased 5 percent year-over-year in May 2015, from 1,215 to 1,276. Existing condominium sales — which posted the second best year in Miami history last year despite an increase in sales of pre-construction condos — decreased 2.6 percent, from 1,489 to 1,450. Combined, Miami-Dade County residential real estate sales increased 0.8 percent to 2,726 last month compared to 2,704 a year ago.
Access to mortgage loans for existing condominium buyers remains limited. The lack of Federal Housing Administration loans for a large number of existing Miami condominium buildings is preventing further market strengthening. Of the 8,523 condominium buildings in Miami-Dade and Broward Counties, only 29 are approved for FHA loans, according to statistics released earlier this year from the Florida Department of Business and Professional Regulation and FHA. Just .0034 percent of local condo buildings are getting FHA loans. The U.S. average is 30 percent.“The MIAMI Association of REALTORS has created several initiatives to try to increase the number of Federal Housing Association loans approved for our existing condo buyers as we believe this could significantly increase the ability for many Miami residents to buy a home,” said Danielle Blake, MIAMI’s Senior Vice President of Government Affairs & Housing.Single-family home prices, which again increased in May, remain at affordable 2004 levels despite more than three years of consistent year-over-year increases. Condo prices also increased in May 2015, marking 47 months of growth in the last 48 months. The median sale price for single-family homes rose 12.8 percent, up to $282,000 in May 2015 from $250,000 in May 2014. The median sale price for condominiums increased 11.1 percent in May to $207,250 from $186,500 a year ago.Miami’s residential properties are significantly more affordable than other similar global cities, according to the National Association of Realtors 2015 Profile of Home Buying Activity of International Clients. NAR analyzed the cost of a 120-square meter condo in a number of foreign cities based on prices reported in the Global Property Guide and compared the prices against the median price of a condo in several major U.S. cities. A 120-square meter condo in Miami-Fort Lauderdale-Miami Beach cost $149,900, according to NAR. The price for the same condo in London ($960,840), Hong Kong ($776,280), and New York ($1.6 million) were at least five times higher. Miami single-family homes and condominiums continue to sell close to asking price, reflecting a strong consumer demand. The median number of days on the market for single-family homes remained unchanged year over year at 47 days. The average percent of original list price received was 95 percent, an increase of 0.7 percent from a year earlier.The median number of days on the market for condominiums sold in May 2015 was 57 days, an increase of 7.5 percent from 53 days in May 2014. The average percent of original list price received was 94.1 percent, a 0.2 percent decrease.Nationally, sales of existing single-family homes, townhomes, condominiums, and co-ops rose 5.1 percent to a seasonally adjusted annual rate of 5.35 million in May from an upwardly revised 5.09 million in April, according to the National Association of Realtors. Sales have now increased year-over-year for eight consecutive months and are 9.2 percent above a year ago (4.90 million).Statewide closed sales of existing single-family homes totaled 24,789 last month, up 7.7 percent over May 2014, according to Florida Realtors. Statewide sales of condominiums remained essentially flat last month with a total of 10,549, down 0.1 percent compared to May 2014The national median existing-home price for all housing types in May was $228,700, which is 7.9 percent above May 2014. This marks the 39th consecutive month of year-over-year price gains.The statewide median sale price for single-family existing homes last month was $200,000, up 11.1 percent from the previous year, according to Florida Realtors. The statewide median price for townhouse-condo properties in March was $159,000, up 9.7 percent over the year-ago figure.Cash deals represented 49.5 percent of Miami’s total closed sales in May 2015, more than double the national average. Just 24 percent of all national housing sales are made in cash, according to NAR. Cash transactions represented 56 percent of total Miami deals in May 2014. Miami’s high percentage of cash sales continues to reflect South Florida’s historic ability to attract international home buyers, who tend to purchase properties in all cash.Condominiums comprise a large portion of Miami’s cash purchases as 63.9 percent of condo closings were made in cash in May compared to 33.2 percent of single-family home sales.Distressed property transactions declined in Miami due to fewer short sales and foreclosures. In May 2015, only 25.1 percent of all closed residential sales in Miami were distressed, including REO (bank-owned properties) and short sales, compared to 32.5 percent in May 2014.Short sales and REOs accounted for 6.3 percent and 18.8 percent, respectively, of total Miami sales in May. Short sale transactions decreased 30.9 percent year-over-year while REOs decreased 18.4 percent. Nationally, distressed sales were 10 percent of sales in May, down from 11 percent a year ago.
Seller confidence continues to result in more properties being listed in Miami. Active listings at the end of May increased 7.1 percent year-over-year, from 16,945 to 18,141. Active listings remain about 60 percent below 2008 levels when sales bottomed. Inventory of single-family homes decreased 1.1 percent from 6,004 active listings last year to 5,935 last month. Condominium inventory increased 11.6 percent to 12,206 from 10,941 listings during the same period in 2014. At the current sales pace, there is a 5.1-month supply of Miami single-family homes, a decrease of 6.9 percent from 5.5 months in May 2014. There is a 9.1-month supply of condominium inventory, up from 7.7 months in May 2014, an increase of 17.5 percent. A balanced market between buyers and sellers offers between six and nine months supply of inventory. New listings of Miami single-family homes decreased 1.8 percent from 2,069 in May of last year to 2,031 last month. New listings of condominiums decreased 7.1 percent to 2,667 last month, compared to 2,871 during the same time period in 2014.Nationally, total housing inventory at the end of May increased 3.2 percent to 2.29 million existing homes available for sale, and is 1.8 percent higher than a year ago (2.25 million).Strong sales in the preconstruction condominium Miami market east of Interstate 95 continue to reflect significant demand for new properties, according to the latest New Construction Market Status Report released by Cranespotters.com and MIAMI.
In the four years since 2011, 12 towers with 313 floors and 1,977 units have been completed in Miami-Dade County east of I-95, according to Cranespotters.com and MIAMI’s latest released report. There are 75 towers with 1,644 floors and 9,399 units under construction in Miami east of I-95. About 71 towers with 1,731 floors and 11,130 units are planned, but have not begun development. There are also 57 towers with 1,472 floors and 9,024 units that have been proposed in Miami east of I-95. Overall in Miami-Dade County, developers have announced 215 towers with 5,160 floors and 31,530 units since 2011. Of the above projects in Miami-Dade:
▪103 projects with 119 towers comprising 17,199 units are currently selling.
▪71 percent of units have been sold.
▪The mean minimum price per square foot of these units is $949, compared to $952 last month.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Child Protection ­ A Spiritual and Theological Approach

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2015

pontificia università gregorianaRome Pontifical Gregorian University, Piazza della Pilotta 4 June 21-24, 2015. The annual Anglophone Conference, where the representatives of English speaking Bishops Conferences share their best practices in the prevention of sexual abuse of minors, will take place at the Pontifical Gregorian University from 21st to 24th June, hosted by the United States Conference of Catholic Bishops in collaboration with the Gregorian University.For the first time this topic will be addressed from a systematic-theological perspective. As the title of this year Anglophone Conference suggests, a “spiritual and theological approach” is required to understand how to speak with victims about topics such as redemption, reconciliation, the Church’s responsibility and mission, and the possibility to pray in the face of the sins and the crimes committed by the perpetrators.At this occasion the CCP, which is promoting in these months its E-learning programme, will announce that the application process for the admission of candidates to the Diploma in Safeguarding of Minors. An Interdisciplinary Approach has started. The diploma course will begin in February 2016 and aims at the formation of those, who will become child protection officers for institutions such as dioceses and congregations and advisors and trainers in the field of safeguarding (e.g. in formations houses, seminaries, schools, etc.).

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Estate low cost al Riad Sable Chaud di Marrakech

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2015

riadEstate low cost in Marocco al Riad Sable Chaud, dimora di charme con cucina gourmand nel cuore della Medina di Marrakech, tutelata per la sua bellezza dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità: per luglio, agosto e settembre propone interessanti sconti a scalare in base al numero di notti del soggiorno. Chi sceglie 5 notti, ad esempio, ne paga solo 4. Per chi prenoterà il riad in esclusiva per almeno 3 giorni, transfert gratuito dall’aeroporto, grande cena marocchina di benvenuto, sconti particolari e altre sorprese. Tradizionale dimora marocchina arredata con mobili antichi, oggetti d’arte, decorazioni in un sapiente mix fra spunti etnici africani e raffinatezza europea, ha 5 stanze da letto, improntate allo “spirito del Marocco” (non per niente si chiamano Africaine, Oasis, Bédouine, Touareg, Berbére) ed è apprezzato dai gourmet per la sua eccellente cucina: l’ideale per essere affittato da una famiglia o da un gruppo di amici che vi possono trascorrere in assoluta libertà le vacanze, godendo di tutti i servizi (cuoca compresa) di un hotel. Il Riad Sable Chaud si trova nel cuore della Medina, vicino alla mitica piazza Djema El Fnâa e ai souk traboccanti di merci e profumati di spezie, in una posizione ideale per andare alla scoperta di Marrakech, città imperiale e perla turistica del Regno, meta trendy del turismo internazionale, da sempre località cosmopolita amata da viaggiatori, intellettuali, vip. Bastano poco riad1più di 3 ore d’aereo dall’Italia e ci si trova immersi nella sua magica atmosfera, fatta di colori e profumi, giardini lussureggianti e grandi piazze, palazzi principeschi e moschee, folle variopinte e caratteristici mercati a cui si affiancano (in un singolare melting pot) locali di tendenza, eleganti atelier di giovani stilisti, gallerie d’arte, raffinati e modernissimi parchi acquatici con piscine, ristoranti, musica. Marrakech è anche il punto di partenza ideale per andare alla scoperta dei tesori del sud del Marocco: l’Atlante, dominato dai 4167 m del Toublkal (la cima più alta dell’Africa del Nord, con splendidi trekking), la vallate della Draa (una delle più spettacolari oasi del sud marocchino), le spettacolari gole di Todra e del Dadés, la Via delle Kasbhe e, ancora più a meridione, Ouarzazate (la Hollywood del Marocco, set di film quali Laurence d’Arabia e Il Gladiatore) e il deserto.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dibattito sul Piano d’azione della Commissione sulla tassazione societaria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2015

commissione europeaI deputati discuteranno mercoledì sera il Piano d’azione della Commissione sulle imposte sulle società con il commissario Pierre Moscovici, che ha redatto e presentato il testo lo scorso 17 giugno. Il Piano, che dovrebbe introdurre una base comune d’imposta sulle società (CCCTB), fa seguito alla proposta della Commissione del marzo scorso per lo scambio automatico di decisioni fiscali tra le autorità fiscali e la Commissione.La tassazione delle imprese rappresenta una delle priorità del Parlamento. Sulla scia delle rivelazioni “Luxleaks”, è stata istituita una commissione speciale per le decisioni fiscali, con il compito di elaborare le migliori prassi per garantire una concorrenza fiscale più equa e trasparente nell’UE. Le sue raccomandazioni saranno poste in votazione nel corso della sessione plenaria del Parlamento di novembre.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Procreazione assistita: scoperta una proteina che predice la possibilità di gravidanza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2015

procreaIndividuata una proteina capace di indicare il possibile successo di una terapia di procreazione assistita nelle donne con problemi di infertilità. A questa conclusione è arrivato lo studio condotto dal laboratorio di genetica molecolare del centro per la fertilità ProCrea di Lugano in collaborazione con l’università di Ferrara. Lo studio è stato presentato nei giorni scorsi a Lisbona nel corso del 31esimo congresso Eshre (European Society of Human Reproduction Embryology).«Abbiamo riscontrato una correlazione tra livelli elevati della proteina sHLA-G e il successo della terapia, quindi la gravidanza, nelle donne sottoposte a un trattamento di inseminazione artificiale», spiega Giuditta Filippini direttore del laboratorio di ProCreaLab che ha condotto lo studio con Michael Jemec ginecologo del centro ProCrea e Roberta Rizzo ricercatrice del dipartimento di Scienze mediche – microbiologia e genetica medica – dell’università di Ferrara. «È il primo lavoro che viene effettuato su questa proteina in questo particolare ambito; i risultati sono decisamente interessanti e possono aprire nuovi ambiti di ricerca. Adesso per indicare la gravidanza si fa riferimento ai livelli di Beta-hCG, studiando invece la sHLA-G si potrebbe arrivare ad individuare la gravidanza prima. Inoltre, andando ad analizzare il gene corrispettivo HLA-G nei due partner, si potrebbe delineare un quadro clinico più preciso della coppia e così intraprendere la terapia migliore per arrivare ad una gravidanza».Lo studio ha preso in considerazione 18 donne con problemi di infertilità non spiegata, senza altre patologie. Sono stati controllati i livelli della proteina in diversi momenti: prima dell’inizio della stimolazione ovarica, due giorni prima del pickup, durante il pickup, durante il trasferimento embrionale e sette giorni il dopo il trasferimento. Il risultato ha evidenziato livelli alti di sHLA-G nelle 6 donne che hanno avviato una gravidanza e bassi nelle altre.«Conosciuta soprattutto per l’importante ruolo che svolge nei trapianti, solo recentemente questa proteina è stata affiancata alla medicina della riproduzione. Studi hanno rilevato che la concentrazione della sHLA-G rilasciata dall’embrione è correlata con il successo del transfer nell’utero materno. Con questa ricerca siamo andati più a monte abbinando i livelli di concentrazione nella madre al successo della terapia». Lo studio apre nuove prospettive. Conclude la direttrice del laboratorio di ProCreaLab: «Sono ambiti che necessariamente dovranno essere ulteriormente approfonditi. Resta il fatto che abbiamo un elemento in più per valutare il quadro clinico e individuare la strada più corretta per arrivare ad un successo delle terapie, ovvero arrivare ad una gravidanza».
ProCrea – Con una lunga esperienza nel campo della medicina della riproduzione, ProCrea è il maggiore centro di fertilità della Svizzera ed è un polo di riferimento internazionale. ProCrea è composto da un’équipe professionale di medici, biologi e genetisti specialisti in fisiopatologia della riproduzione. Unico centro svizzero ad avere al suo interno un laboratorio accreditato di genetica molecolare (www.procrealab.ch), ProCrea esegue analisi genetiche per lo studio dell’infertilità con tecniche d’avanguardia. La sede principale è a Lugano in via Clemente Maraini, 8. http://www.procrea.ch. (foto: procrea)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Parlamento dovrebbe approvare definitivamente le regole del Piano Juncker

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2015

parlamento europeoIl Piano di investimenti di 315 miliardi di euro annunciato dalla Commissione europea lo scorso novembre per stimolare il finanziamento di investimenti vitali in Europa dovrebbe ricevere l’approvazione finale del Parlamento europeo mercoledì. Durante i negoziati col Consiglio, il Parlamento ha modificato la struttura di finanziamento del Fondo, ottenuto voce in capitolo nella scelta della leadership e rafforzato il controllo democratico sul suo funzionamento.Il Parlamento ha ridotto i tagli che l’istituzione del Fondo avrebbe comportato per il bilancio del programma di ricerca Orizzonte 2020 e la parte riguardante i trasporti del Meccanismo per collegare l’Europa (CEF).E inoltre riuscito a ottenere voce in capitolo nella nomina della leadership del Fondo, inserire gli obiettivi di Orizzonte 2020 e del CEF negli obiettivi generali del Piano, fare della creazione di lavoro di qualità un dei criteri di selezione dei progetti e, infine, assicurare il suo controllo democratico attraverso audizioni e relazioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malattie croniche e accesso ai programmi di supporto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2015

sistema sanitario nazionaeSono oltre 14 milioni i malati cronici in Italia, circa il 24% degli assistiti dal Sistema Sanitario Nazionale e, secondo i dati Istat 2014, solo tre pazienti su dieci possono usufruire di programmi di supporto integrato. Anche in termini di accesso alle terapie farmacologiche si registrano forti criticità, come dimostra il XIII° Rapporto sulle Cronicità di Cittadinanza Attiva che evidenzia come circa il 30% delle famiglie ha difficoltà di accesso ai farmaci.“E’ necessario un cambiamento di paradigma che, per fortuna, anche se lentamente, si sta realizzando nel nostro Paese, ha sottolineato il Presidente di Federsanità Anci, Angelo Lino Del Favero. Occorre integrare prestazioni socio-sanitarie e sociali con le classiche prestazioni sanitarie, avere valutazioni che si basino anche sul grado di percezione del servizio da parte del “paziente – cliente” con un modello che possa trasferire all’esterno una serie di prestazioni, come per esempio sta avvenendo con le recenti riforme sanitarie in Toscana o in Lombardia che riflettono questo passaggio”.E oggi a Roma, in occasione del convegno “Il paziente al Centro: Soluzioni innovative di Integrated Health Care per il miglioramento della qualità delle cure e la continuità assistenziale dei Centri Clinici” promosso da Domedica, presso la LUISS, ci si è focalizzati su quattro malattie croniche: artrite reumatoide, sclerosi multipla, fibrosi cistica e ipertensione polmonare che colpiscono in Italia, con numeri molto diversi tra loro, circa 500.000 persone ma che sono accomunate dalla necessità di cure che, se erogate attraverso programmi di home care migliorano la qualità di vita, l’adesione alla terapia e riducono i costi per il Servizio Sanitario Nazionale.Il poker di patologie scelto evidenzia peraltro il bisogno che anche il nostro Paese si attrezzi per uscire da un modello ospedale centrico che rischia di collassare e si creino, a livello regionale e locale percorsi virtuosi ospedale-casa-ospedale. Di fronte a questi dati e alla necessità di far quadrare i conti della spesa sanitaria, i programmi di supporto al paziente con patologie croniche, sul territorio, sono una leva sempre più preziosa da utilizzare da parte degli Assessorati Regionali alla Salute, dei Centri Clinici, delle ASL e degli stessi clinici. “I nostri Programmi di Supporto ai pazienti – spiega Maurizio Pércopo, Amministratore Delegato di Domedica – vanno oltre il sostegno alla somministrazione del farmaco, perché si integrano con il Centro Clinico, pur restando il medico il riferimento principale del paziente. Consistono nello studiare, nel progettare e nell’attuare la cura e la gestione a 360° di una patologia grazie a figure nuove come l’Health Care Manager e con un focus sempre presente: la partecipazione del paziente alle scelte terapeutiche. Le nostre equipe multidisciplinari composte da medici, fisioterapisti, infermieri e psicologi supportano, con un approccio olistico, i pazienti cercando di “educarli” affinché siano sempre più consapevoli sulle proprie necessità di cura e offrendo un reale supporto al clinico.”E la conferma del bisogno di progetti di questo tipo arriva sempre dall’indagine Domedica – Eurisko, una ricerca innovativa in quanto integra le voci di malati, medici e aziende farmaceutiche, per un totale di oltre 2.000 soggetti intervistati e dalla quale emerge in particolare che oltre il 50% dei pazienti si dichiara pronto ad entrare attivamente in un programma di supporto.Le aziende farmaceutiche, dal canto loro, mostrano una sempre maggiore sensibilità e apertura a sostenere iniziative per migliorare l’accesso alle cure e l’appropriatezza terapeutica.Unanime il consenso dei clinici intervenuti nel riaffermare la necessità di un salto di qualità nei programmi di home care. A fronte infatti di livelli di eccellenza spesso raggiunti nella cura ospedaliera, non vi è un adeguato, diffuso e strutturato servizio al domicilio che mobiliti tutte le competenze necessarie al paziente, assicurando uniformità negli standard di qualità.Il professor Giovanni Minisola – Presidente Emerito della Società Italiana di Reumatologia e Direttore dell’UOC di Reumatologia dell’Ospedale San Camillo di Roma – commentando i risultati del programma di somministrazione domiciliare SusTain, ha evidenziato la capacità da parte di questo progetto nell’ambito dell’artrite reumatoide di “generare un valore concreto per i pazienti, i Centri clinici di Reumatologia e il Sistema Sanitario Nazionale”. Il programma Sustain, ha proseguito Minisola, ha coinvolto nel corso degli ultimi 5 anni importanti Centri reumatologici del Lazio e della Puglia. L’attuazione del programma ha realizzato un’aderenza alla terapia pari al 100% per i pazienti trattati a domicilio rispetto al 93% dei pazienti trattati in ospedale e ha generato un risparmio medio dei costi indiretti pari a 450 euro/paziente/anno”.La professoressa Serena Quattrucci, Consulente del Centro di Fibrosi Cistica, Dip. Pediatria, Sapienza, Università di Roma, presentando il progetto di assistenza domiciliare per la fibrosi cistica, messo a punto presso l’ospedale Umberto I di Roma, ha posto l’accento sulle “oltre 1027 giornate di degenza ospedaliera risparmiate grazie a questo progetto con un alto livello di gradimento da parte dei pazienti inseriti”.
Il professor Carlo Pozzilli, Ordinario di Neurologia, presso l’Università di Roma e Direttore del Centro di Sclerosi Multipla presso il Policlinico San Andrea di Roma ha riportato le conclusioni di uno studio realizzato su un gruppo di pazienti randomizzato, assistiti a domicilio, riscontrando rilevanti differenze in particolare dal punto di vista emozionale, del funzionamento sociale, dello stato di salute generale e del dolore diffuso. Pozzilli ha evidenziato come “la pianificazione di un intervento domiciliare svolto da un team multidisciplinare e disegnato specificamente per le persone con sclerosi multipla può fornire un approccio economicamente vantaggioso per la gestione del paziente e per il miglioramento della qualità della vita”.Il dottor Roberto Badagliacca, ricercatore Sapienza, Università di Roma ha sottolineato come per la terapia dell’ipertensione polmonare un approccio integrato come quello realizzato attraverso l’Italian Pulmonary Hypertension Network (IPHnet) Project possa consentire un miglior trattamento dei pazienti grazie alla migliore conoscenza delle loro caratteristiche e di quelle della patologia realizzate con un database integrato ad hoc.Pazienti quindi protagonisti della gestione dei propri Percorsi Diagnostico – Terapeutici (PDTA) come ribadito dalle Associazioni intervenute al Convegno: AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), ANMAR (Associazione Nazionale Malati Reumatici), LIFC (Lega Italiana Fibrosi Cistica) e AMIP (Associazione Malati di Ipertensione Polmonare). Le Associazioni sono attivamente impegnate a chiedere e a costruire Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali che assicurino la continuità ospedale-territorio e l’uniformità di accesso a servizi e prestazioni in relazione alla specificità del singolo paziente.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EACR, AACR e SIC (Società Italiana di Cancerologia) premiano la carriera scientifica del dott. Maurizio D’Incalci

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2015

Cancro-sintetizzata-molecola-che-blocca-proteina-tumoraleIl dott. Maurizio D’Incalci, MD, Ph.D., è stato premiato per la sua carriera scientifica in occasione della conferenza speciale “Anticancer Drug Action and Drug Resistance: from Cancer Biology to the Clinic”, organizzata dall’Associazione europea per la ricerca sul cancro (EACR), dall’Associazione americana per la ricerca sul cancro (AACR) e dalla Società italiana di cancerologia (SIC), che si è tenuta a Firenze dal 20 al 23 giugno. L’illustre scienziato è stato il primo a ricevere il riconoscimento Pezcoller-Prodi Award, con cui si intende celebrare la sua carriera scientifica e in particolare il suo lavoro di ricerca traslazionale sul cancro, oltre al suo prezioso contributo nello sviluppo di nuovi approcci terapeutici nel campo dell’oncologia. La Award Lecture è stata incentrata sull’importanza della ricerca traslazionale per lo sviluppo efficace di farmaci innovativi, usando la trabectedina come esempio di nuova tipologia di farmaco attivo sia sulle cellule tumorali, sia sul microambiente del tumore. D’Incalci è a capo del dipartimento di oncologia dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche IRCCS Mario Negri di Milano. Il suo intervento, intitolato “From seabed to the bedside: lessons learnt from the marine-derived anticancer drug trabectedin” – “Dal letto del mare al letto del paziente”: che cosa abbiamo imparato dallo sviluppo preclinico-clinico del farmaco antitumorale, di origine marina, trabectedina, si è svolta martedì 23 giugno alle 10:30, nell’Auditorium di Firenze Fiera.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore alla prostata

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2015

Prostata urinary_bladderNove uomini su dieci, colpiti da cancro alla prostata, oggi superano la malattia. Dal 1995, infatti, la sopravvivenza globale è sensibilmente migliorata grazie a una diagnosi precoce e mirata e ai nuovi trattamenti combinati (farmaci, chirurgia, radioterapia) sempre più efficaci e meno invasivi che consentono di cronicizzare la malattia senza alterare la qualità di vita dei pazienti. “Un successo importante – affermano Giario Conti, presidente uscente e Riccardo Valdagni, presidente eletto della Società Italiana di Urologia Oncologica (SIUrO)–, determinato da numerosi fattori”.
Con 36.000 nuove diagnosi l’anno, il tumore della prostata rappresenta il 20% di tutti quelli diagnosticati nell’uomo a partire dai 50 anni di età, con un incidenza maggiore soprattutto tra gli over 60. “Il carcinoma prostatico – proseguono Valdagni e Conti – è spesso presente in forma indolente (circa il 30-40% dei pazienti), caratterizzata da una crescita che può essere molto lenta e non in grado di provocare disturbi e ancor meno di causare la morte dei pazienti. In questi casi è possibile adottare una strategia osservazionale come la sorveglianza attiva, tenendo sotto stretto controllo nel tempo il comportamento e l’evoluzione del tumore, riservando il trattamento (chirurgico, radioterapico, farmacologico) solo ai pazienti che ne abbiano bisogno e quando ne abbiano bisogno. Il paziente viene sottoposto a controlli periodici e programmati del PSA (ogni tre mesi), a viste cliniche con esplorazione rettale (ogni sei mesi) a biopsie di riclassificazione (dopo uno, quattro, sette e dieci anni dalla diagnosi). Esami aggiuntivi vengono proposti sulla base di eventuali segnali che provengono da questi controlli.
In questo modo, possiamo osservare il cancro e preservare la qualità di vita della persona malata, che i trattamenti attivi (soprattutto chirurgia e radioterapia) possono minare.
Sul versante opposto, quello dei pazienti affetti da carcinoma in fase avanzata, metastatico e resistente alla castrazione uno dei fattori più importanti è rappresentato dalla aumentata disponibilità di nuovi farmaci in grado di migliorare significativamente la sopravvivenza dei pazienti, che affiancano quelli chemioterapici (docetaxel e cabazitaxel). In particolare sono disponibili oggi, sia per pazienti che abbiano già avuto un trattamento chemioterapico con docetaxel sia per pazienti che non abbiano fatto tale chemioterapia due farmaci “ormonali”. Il primo arrivato della classe delle terapie ormonali innovative è l’abiraterone acetato, il primo farmaco in grado di inibire gli ormoni in ogni sede di produzione, in particolare all’interno del tumore stesso, diversamente da quanto avveniva con le terapie precedenti, bloccando la produzione autonoma di testosterone da parte delle cellule prostatiche e togliendo loro la “benzina” di cui si nutrono per crescere.
Un secondo farmaco, l’enzalutamide, agisce invece bloccando i recettori cui il testosterone aderisce per essere trasportato all’interno della cellula fino al nucleo e al DNA impedendo quindi la “messa in moto” del motore della crescita tumorale
Gli studi clinici, eseguiti utilizzando questi farmaci sia dopo la chemioterapia sia prima hanno dimostrato risultati positivi in termini di prolungamento della sopravvivenza e di miglioramento della qualità della vita, riducendo sensibilmente il rischio di progressione nei malati con tumore metastatico resistente alla castrazione, con effetti collaterali complessivamente modesti e ben controllabili, anche in pazienti “difficili” perché affetti da altre patologie (come il diabete) o molto anziani, come si conferma dai lavori presentati al nostro XXV Congresso Nazionale SIUrO, che si chiude oggi a Roma. “Il tumore della prostata – proseguono Conti e Valdagni – è molto sensibile agli ormoni androgeni, che giocano un ruolo fondamentale nello sviluppo delle cellule tumorali e dunque favoriscono la progressione della malattia.
Un altro farmaco, con meccanismo d’azione completamente diverso, è il Radium 223. È un “radiofarmaco” capace di incorporarsi nell’osso, nella sede delle metastasi scheletriche, e di liberare un’energia molto intensa e poco penetrante (radiazioni alfa) capace di uccidere le cellule tumorali riducendo al minimo gli effetti collaterali sui tessuti sani, in particolare sul midollo osseo. Anche il Radium 223 si è dimostrato capace di prolungare la sopravvivenza dei malati affetti da carcinoma della prostata con metastasi scheletriche e sintomi dolorosi; analogamente agli altri farmaci sopra menzionati, è possibile ridurre sensibilmente il rischio di eventi scheletrici (come le fratture patologiche) preservando quindi più a lungo la qualità della vita dei pazienti.
Se consideriamo poi la possibilità di utilizzare in maniera differente la chemioterapia in pazienti con tumori a rischio molto alto di progressione, come suggerito dai dati presentati al recente congresso americano di oncologia medica (ASCO), è possibile disegnare uno scenario di possibilità terapeutiche completamente differente da quello in cui ci siamo mossi, noi e i pazienti, fino a pochi anni fa. L’aspettativa di vita dei malati si è praticamente quintuplicata nell’arco di pochissimi anni.
Oggi la sfida è capire quando e come utilizzare queste armi terapeutiche, in quali malati, con quale sequenza. L’unica strada percorribile per raggiungere questo traguardo è l’approccio multidisciplinare; competenze diverse e complementari che concorrono insieme all’obbiettivo comune, offrire più vita e più speranza ai propri pazienti. La neoplasia prostatica, però, è sensibile ad altri fattori “esterni”: il consumo di tabacco può essere responsabile della malattia così come l’alimentazione e gli stili di vita. “È una patologia subdola che, spesso, non presenta sintomi fino allo stadio avanzato – concludono Valdagni e Conti – La prevenzione è fondamentale. Svolgere una regolare attività fisica, seguire un’alimentazione equilibrata e povera di grassi su modello della dieta mediterranea, abbandonare il vizio del fumo e l’abuso di alcol rappresentano la prima vera strategia di difesa contro i tumori a qualunque età”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Grecia dominerà il dibattito pre-Vertice UE

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 giugno 2015

Jean-Claude JunckerIl risultato del summit sulla Grecia sarà al centro degli interventi dei leader dei gruppi politici che affronteranno anche l’immigrazione, la sicurezza e le sfide economiche, durante un dibattito in preparazione della riunione del 25 e 26 giugno dei Capi di Stato e di governo. Il dibattito di mercoledì si aprirà alle 14.00 con le dichiarazioni del Presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, del Presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk (TBC) e della Presidenza lettone del Consiglio.I temi in discussione riguarderanno la crisi del debito greco, il trasferimento, il reinsediamento e le politiche di rimpatrio dei migranti, le sfide sulla sicurezza dell’Unione europea e la lotta al terrorismo. I deputati dovrebbero, inoltre, discutere il proseguimento del completamento dell’Unione monetaria europea, come indicato nella recente relazione dei cinque Presidenti, l’agenda digitale e le raccomandazioni specifiche per Paese per le politiche di bilancio del 2015.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »