Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 16 giugno 2015

Steinway & Sons Unveils Historic 600,000th Piano–The Fibonacci

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

SteinwayNew York, NY Steinway & Sons, manufacturer of the world’s finest pianos, today unveiled the company’s 600,000th piano, stunningly designed by master artisan, Frank Pollaro. Handcrafted using natural Macassar ebony, the end result is a feat of artistry, engineering and precision that celebrates this milestone for Steinway & Sons and demonstrates the company’s ongoing commitment to uncompromising craftsmanship. Named “The Fibonacci,” the piano’s veneer features the iconic Fibonacci spiral made entirely from six individual logs of Macassar Ebony, creating a fluid design that represents the geometric harmony found in nature. The lines of The Fibonacci spiral on the top of the piano’s lid are projected down to its unique curved base. Synthetic ivory inlay adds a breathtaking effect to the design, which also features unique patinated bronze details. In the end, over 6,000 hours of work over a four-year period were devoted to the creation of The Fibonacci, from design to finish. The superior craftsmanship of the piano’s exterior is matched only by the unparalleled craftsmanship that is at the very core of all Steinway & Sons pianos.According to Frank Pollaro, “Designing Steinway & Sons’ 600,000th piano was an honor and a challenge. To me, knowing that this piano would become part of history meant that it had to be more than just a beautiful design, but also needed to visually convey a deeper message.” Pollaro added, “As I considered the number 600,000, the Fibonacci spiral came to mind. The way in which it continues to grow but stay true to its form is very much like Steinway & Sons over these many years. Combining the universal languages of music and mathematics suddenly made perfect sense.”“Steinway & Sons has a long tradition of world-class craftsmanship, so as we began planning the 600,000th piano, it quickly became apparent that Frank Pollaro was the artist we needed for creative design and perfect execution. His ability to create unforgettable images through woodwork demonstrates artistry at the highest level, something that spoke to the very core of what this company is all about,” stated Darren Marshall, Chief Marketing Officer of Steinway & Sons. Adding, “The Fibonacci spiral is a representation of perfect proportions and natural beauty. Without a doubt, Frank captured those qualities in this piano, creating a work of art for the eyes and the ears.”The Fibonacci is destined to become an important piece of cultural history, taking its place of honor amongst previous milestone models that the company has created. The 100,000th was originally given to the United States White House and is now part of the permanent collection at the Smithsonian Institute in Washington D.C., while the 300,000 piano currently resides in the East Room of the White House.In April The Fibonacci was previewed during a special VIP reception at Steinway & Sons’ new showroom in Beverly Hills, where the internationally celebrated Steinway Artist, Lang Lang, had the honor of being the first artist to perform on the piano. This June The Fibonacci will travel to the United Kingdom, where it will be showcased at the 2015 Masterpiece London art fair. The Fibonacci is a Steinway & Sons Model D piano, nine foot concert grand, priced at $2.4 million. In addition to the original 600,000th version, Steinway & Sons will create up to six exclusive, limited edition Model B pianos (6’10.5”) inspired by the same design.
As a young man, Frank Pollaro became interested in the master works of furniture designer Jacques-Emile Ruhlmann. He fell in love with the way Ruhlmann used ivory as an embellishment against rich, dark wood backgrounds. Fascinated by the natural colors and textures of exotic woods, he began to collect solid wood and veneer from all corners of the world, a passion that he has continued for more than 30 years. His collection currently contains over 80 species and the largest collection of rare woods in private hands.Twenty-seven years after founding Pollaro Custom Furniture, Frank’s work continues to win critical acclaim from leading collectors, designers and architects, who consider a Pollaro piece to be the crown jewel of their interiors. Additionally, his furniture has won numerous awards for both design and craftsmanship. Today, Frank and his team are considered the finest furniture makers in the world. Capable of replicating skills of a century ago, they are also masters of cutting edge materials and techniques.
Since its founding in New York in 1853, Steinway & Sons has been considered the world’s premier piano manufacturer. Known for their exceptional craftsmanship, Steinway & Sons pianos are built in one of two company-owned and operated factories: Astoria, New York and Hamburg, Germany. Steinway & Sons pianos are still constructed primarily by hand, using many of the techniques developed over 160 years ago. Today, Steinway & Sons also offers the Boston and Essex piano lines, Listen, a magazine for music and culture lovers, and the Steinway & Sons record label. For more information, visit http://www.steinway.com (photo steinway)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Data protection: Parliament’s negotiators welcome Council negotiating brief

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

european parliamentParliament looks forward to starting talks with ministers soon on reform to give the EU high common standards of data protection fit for the digital era, said its key negotiators on Monday, welcoming the Council’s announcement that it had approved its negotiating mandate. The first meeting between the institutions is scheduled for 24 June and will be followed by a joint press conference.The European Parliament adopted its negotiating position in March 2014 and has since been waiting for Council to agree on its own mandate to open talks on the final text.Reacting to the news of the ministers’ agreement, Parliament’s lead MEP on the data protection regulation, Jan Philipp Albrecht (Greens, DE) said:”After over a year of stalling, it is encouraging that we can finally push ahead with the EU data protection reform and that Parliament can begin negotiations with the Council.The challenge is now to reconcile the two sides, to ensure that the reform provides reliable and high common standards of data protection, and reach an agreement on this before the end of the year.There are clearly differences, notably on consumer rights and the duties of businesses. However, if we can negotiate constructively and pragmatically, it should be possible to deliver a compromise acceptable to both sides within the timeframe. This outcome would benefit everyone and show that the EU takes the concerns of its citizens in the digital age seriously.”Civil Liberties Committee Chair Claude Moraes (S&D, UK), who will be chairing the talks with Council and Commission, added:”It has now been over 1 year since the Parliament has adopted its mandate for the negotiations on the Data Protection Regulation proving its commitment to improving the standards of data protection. Since then, we have continually called for the Council to adopt its own position (“General Approach”) so that negotiations can begin to improve current legislation both for EU citizens and business. As it stands, EU legislation on data protection dates back to 1995, a time where internet access, smart phones or social media were not a part of daily life as they are today.Despite the difficult negotiations involved, the Parliament, led by the Rapporteur Jan Albrecht, will work towards finding a swift agreement on the Data Protection Regulation by the end of 2015 which will set out a robust, modern, consistent and higher level of protection for the years to come. As Chair of the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee I would also urge the Council to ensure that they find agreement on the Data Protection Directive for law enforcement by October 2015 as the Parliament’s position has always been clear that we treat both proposals as a package”
The first three-way talks between Parliament, Council and Commission are to be held in the European Parliament on 24 June.. After the meeting, there will be a joint press conference by the three institutions at 14.00 (tbc).

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Announcement – KDP Select Global Fund Update & Program Changes

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

kindleThe KDP Select global fund. The first is that we’re adding a bonus of $7.8 million to the May KDP Select global fund on top of the previously announced $3 million base fund, bringing the total fund to $10.8 million. We are also pleased to report that:
• KDP Select authors are on track to earn over $60M in the first half of 2015 from books read in Kindle Unlimited and the Kindle Owners’ Lending Library.
• Total royalties across subscription and a la carte sales earned by KDP Select authors in the US are on track to more than double in the first half of 2015 compared to the same period last year.
• Authors have continued to renew their titles in KDP Select at rates in excess of 95% each month since Kindle Unlimited launched.
These trends give us the confidence to look forward and share that the KDP Select global fund will be in excess of $11M for both July and August.
We’re always looking at ways to make our programs even better, and we’ve received lots of great feedback on how to improve the way we pay KDP authors for books in Kindle Unlimited. One particular piece of feedback we’ve heard consistently from authors is that paying the same for all books regardless of length may not provide a strong enough alignment between the interests of authors and readers. We agree. With this in mind, we’re pleased to announce that beginning on July 1, the KDP Select Global Fund will be paid out based on the number of pages KU and KOLL customers read. As with our current approach, we’ll continue to offer a global fund for each month. Under this new model, the amount an author earns will be determined by their share of total pages read rather than their share of total qualified borrows. Here are a few examples illustrating how the fund will be paid out. For simplicity, assume the fund is $10M and that 100,000,000 total pages were read in the month:
• The author of a 100 page book which was borrowed and read completely 100 times would earn $1,000 ($10 million multiplied by 10,000 pages for this author divided by 100,000,000 total pages).
• The author of a 200 page book which was borrowed and read completely 100 times would earn $2,000 ($10 million multiplied by 20,000 pages for this author divided by 100,000,000 total pages).
• The author of a 200 page book which was borrowed 100 times but only read half way through on average would earn $1,000 ($10 million multiplied by 10,000 pages for this author divided by 100,000,000 total pages).
We will similarly change the way we pay KDP Select All-Star bonuses which will be awarded to authors and titles based on total KU and KOLL pages read.
We think this is a solid step forward and better aligns the interests of readers and authors. Our goal, as always, is to build a service that rewards authors for their valuable work, attracts more readers and encourages them to read more and more often. We welcome your continued feedback and ideas about how we can further improve Kindle Direct Publishing and Kindle Unlimited.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carnival Corporation conclude un contratto con Meyer Werft per la costruzione di quattro navi da crociera di nuova generazione

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

Nave_da_crocieraMIAMI, /PRNewswire/ — Carnival Corporation & plc (NYSE/LSE: CCL; NYSE: CUK), la maggiore società di viaggi e tempo libero al mondo, ha annunciato oggi di aver firmato un contratto multimiliardario per la costruzione di quattro navi da crociera di nuova generazione dalla maggiore capacità passeggeri al mondo. Il contratto con Meyer Werft è parte di un più ampio promemoria d’intesa strategico precedentemente annunciato con gli eminenti costruttori navali Meyer Werft e Fincantieri S.p.A per commesse di nove nuove navi tra il 2019 e il 2022. Le quattro nuove navi saranno anche caratterizzate da un rivoluzionario progetto di “green cruising”. Le navi saranno le prime nel settore crocieristico ad essere alimentate in mare da gas naturale liquefatto (GNL/metano), il combustibile fossile più pulito al mondo, rappresentando un importante passo avanti a livello ambientale.La compagnia ha riferito che due delle navi saranno fabbricate per AIDA Cruises presso il cantiere navale di Meyer Werft a Papenburg, in Germania. Ulteriori informazioni inerenti le navi, incluso quali nuove navi si aggiungeranno ad ogni marchio, saranno rese disponibili successivamente.Sulla base del progetto navale innovativo di Carnival Corporation, ognuna delle quattro navi di nuova generazione avrà la capacità di ospitare in totale 6.000 passeggeri, disporre di oltre 5.000 posti letto inferiori, superare 180.000 tonnellate di stazza lorde e comprendere una vasta serie di funzioni su misura per i passeggeri. Un aspetto importante del progetto innovativo consiste nel ricercare un uso molto più efficiente degli spazi navali per una migliore fruizione a bordo da parte dei passeggeri.Aprendo la strada a una nuova era nell’uso dei carburanti sostenibili, le quattro nuove navi saranno le prime nel settore crocieristico a utilizzare metano nei motori ibridi a doppia alimentazione per alimentare la nave sia in porto che in mare aperto. Il metano sarà immagazzinato a bordo e utilizzato per una completa alimentazione durante i tragitti in mare, dando vita a un’ennesima innovazione per Carnival Corporation e relativi marchi di cui fregiarsi per primi nel settore. Utilizzando il metano per alimentare le navi in porto e in mare si elimineranno le emissioni di particolato e ossidi di zolfo.In aggiunta alle due navi in costruzione in Germania, Meyer Werft, avente la capacità di accogliere queste quattro commesse di cantieristica navale nel suo programma di produzione, costruirà anche le due navi aggiuntive descritte durante l’annuncio odierno presso il suo cantiere navale di Turku, in Finlandia. Ogni nuova nave sarà appositamente progettata e sviluppata per il marchio e i rispettivi passeggeri, sottolineando l’obiettivo della compagnia di superare costantemente le aspettative stesse dei passeggeri e offrire tanto ai nuovi quanto ai vecchi clienti la più bella vacanza della loro vita con ogni singola crociera.Arnold Donald, amministratore delegato di Carnival Corporation, ha riferito che il contratto è in linea con la strategia di aumentata capacità misurata della compagnia per sostituire le navi con minore efficienza di capacità con imbarcazioni più nuove e grandi a minor consumo di carburante nel tempo.”Siamo ansiosi di eseguire il prossimo passo nel piano di potenziamento della nostra flotta”, ha detto Donald. “Con un costo per singolo letto allineato con il nostro portafoglio ordini esistente, queste nuove navi miglioreranno il profilo di rendita della nostra flotta. Queste sono navi estremamente efficienti con cabine stupefacenti e spazi comuni le cui linee sono state create da Micky Arison e Michael Thamm e sviluppate dai nostri nuovi gruppi di costruzione.”. Arison è presidente del consiglio di amministrazione presso Carnival Corporation & plc mentre Thamm è amministratore delegato presso Costa Group, che comprende AIDA Cruises e Costa Cruises.Ha aggiunto Donald: “Sarà emozionante vedere il nostro gruppo cantieristico dare vita a queste nuove navi. Ad ogni passo di questo percorso, il nostro obiettivo è quello di progettare navi all’avanguardia che offrano ai passeggeri una vacanza molto gradevole e stiamo investendo tutte le nostre risorse ed energie creative nella realizzazione di tale obiettivo.”.”Queste navi accresceranno la posizione predominante di Costa Group, già leader commerciale in tutti i maggiori mercati europei”, ha detto Thamm. “Saranno delle navi favolose progettate appositamente per i nostri passeggeri che viaggiano con i nostri marchi Costa Group.”.Bernard Meyer, amministratore delegato presso Meyer Werft, ha detto: “Negli anni scorsi, abbiamo costruito sette navi di grande successo per AIDA Cruises. Ci sentiamo onorati per la fiducia accordataci da Carnival Corporation con l’implementazione di questo programma cantieristico ambizioso e siamo ansiosi di costruire queste quattro magnifiche navi.”.La nuova commessa navale consentirà a Costa Group di continuare a consolidare la sua posizione predominante nel mercato crocieristico europeo, un mercato in cui cinque passeggeri di crociere su dieci nel 2014 hanno navigato a bordo di una nave di Costa Group. Costa Group, insieme con Princess Cruise Lines, anch’essa parte della famiglia Carnival Corporation, occupa pure una posizione eminente nel mercato crocieristico in rapida crescita della Cina.In quanto parte di ogni partenariato strategico a lungo termine della compagnia cantieristica con Carnival Corporation, ulteriori nuove commesse navali saranno in esame per il prossimo decennio.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Artrosi al ginocchio

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

Ginocchio-sano-e-artrosicoMilano. Risultati incoraggianti per il trattamento del dolore acuto al ginocchio nei casi di artrosi in cui la risonanza magnetica rilevi un edema midollare, arrivano da uno studio condotto da alcuni medici dell’Istituto Ortopedico Gaetano Pini di Milano. La ricerca, svolta da un gruppo di lavoro composto dal dottor Massimo Varenna insieme alla dottoressa Simonetta Failoni e al dottor Massimo Berruto, è stata pubblicata sulla rivista Rheumatology il 20 maggio. “Si tratta di uno studio, in doppio cieco, randomizzato contro placebo, svolto su 68 pazienti affetti da artrosi al ginocchio – spiega il dottor Varenna, responsabile del centro per la diagnosi e il trattamento delle patologie osteometaboliche dell’Istituto Pini -. I risultati hanno dimostrato l’efficacia del neridronato, molecola della famiglia dei bisfosfonati, anche per questa patologia: somministrato per via endovenosa, infatti, ha permesso di diminuire il dolore acuto già al termine del ciclo terapeutico (10 giorni) e con risultati ancora più evidenti alla successiva valutazione, due mesi dopo il trattamento”. L’artrosi del ginocchio è una malattia molto frequente ed è una grave sorgente di disabilità. Può portare forte dolore e deambulazione limitata, difficoltà a salire e scendere le scale e limitare significativamente tutte le normali attività della vita quotidiana. La risonanza magnetica può mostrare, nei casi in cui il dolore insorge acutamente, i motivi del dolore, ovvero la presenza di un edema midollare osseo. “Del gruppo di 68 pazienti, una metà è stata trattata con placebo mentre l’altra metà è stata sottoposta a quattro infusioni con neridronato. Nei pazienti trattati con il farmaco, il dolore al ginocchio diminuiva già dopo dieci giorni, cioè al termine della terapia e soprattutto tutti i parametri funzionali mostravano un miglioramento significativo, corrispondente a una migliore qualità di vita – aggiunge il dottor Varenna –. Inoltre, la successiva risonanza magnetica mostrava che l’estensione dell’edema osseo si era ridotta grazie all’utilizzo di questo farmaco. I pazienti con questa patologia, soprattutto anziani, che solitamente vengono sottoposti a cure con anti-infiammatori, con questa terapia potrebbero riprendere a fare una vita normale, come quella che conducevano prima della fase dolorosa acuta ”. Questo studio mette le basi per importanti novità nella cura dell’artrosi del ginocchio. Già lo scorso anno il dottor Varenna e il suo team avevano testato il neridronato per la sindrome algodistrofica: è stato così individuato come primo farmaco al mondo per la cura di questa patologia con l’indicazione ufficiale di AIFA in Gazzetta Ufficiale a febbraio 2014.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumori della testa e del collo

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

tumore metastatico2Merck Serono S.p.A., affiliata italiana di Merck (Darmstadt, Germania), prosegue il proprio impegno a sostegno della ricerca scientifica in Oncologia. L’Azienda supporta infatti l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) con un contributo in occasione del Premio per il miglior progetto di management multidisciplinare dei tumori della testa e del collo. Al Premio possono partecipare i soci AIOM che, entro il 30 settembre 2015, invieranno il proprio progetto, in formato pdf, alla Segreteria Nazionale dell’Associazione (elena.moro@aiom.it), corredato da un breve curriculum vitae. Un’apposita Commissione ad hoc valuterà i lavori pervenuti ed il Premio sarà consegnato nel corso della Cerimonia Inaugurale del Congresso Nazionale AIOM (a Roma dal 23 al 25 ottobre 2015). Il Premio, del valore di 15.000 euro, sarà conferito al termine del Presidential Address. “L’iniziativa – ha affermato il Dottor Carmine Pinto, Presidente AIOM e Direttore dell’Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma – intende riconoscere la rilevanza scientifica dell’approccio multidisciplinare ed i numerosi benefici che questa comporta per i pazienti colpiti da tumore del distretto cervico-facciale. I tumori della testa e del collo sono neoplasie complesse ed eterogenee che richiedono strategie di trattamento diversificate da affrontare con il contributo di numerosi specialisti”.In Italia i tumori della testa e del collo rappresentano il quinto tumore più diffuso e si stima che siano 106.727 le persone colpite da questa patologia con circa 10.432 nuovi casi ogni anno tra gli uomini e 1.980 tra le donne. Nelle donne l’incidenza è in crescita, legata soprattutto ad un aumento dei tumori della cavità orale e della faringe1.“Supportare la ricerca scientifica e promuovere l’approccio multidisciplinare nel trattamento dei tumori della testa e del collo – ha sottolineato Antonio Messina, Presidente e Amministratore Delegato di Merck Serono S.p.A. – è un impegno che Merck Serono persegue con costanza. Il nostro sostegno all’iniziativa dell’AIOM sottolinea ancora una volta l’importanza e la volontà di individuare nuove strategie di trattamento per i pazienti, in stretta collaborazione con la comunità scientifica.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ridurre le emissioni di gas serra

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

londonLondra. Greenpeace condivide la presa di posizione dell’International Energy Agency che, nel rapporto speciale World Energy Outlook pubblicato oggi, chiede a tutti i Paesi obiettivi più ambiziosi per ridurre le emissioni di gas serra. «Siamo alle soglie di una nuova era energetica, e la IEA lo riconosce chiaramente. Il carbone farà presto parte del passato, seguito dal petrolio», afferma Luca Iacoboni, responsabile della Campagna Energia e Clima
​ ​di Greenpeace Italia​. «Occorrono però maggiori sforzi da parte di tutti gli Stati. Concordiamo con la IEA, gli attuali impegni di riduzione delle emissioni presi in vista della Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici sono decisamente inferiori rispetto a quanto necessario per mantenere l’aumento di temperatura entro i 2°C, soglia limite indicata dalla scienza. Tutti i Paesi devono essere più ambiziosi, e gli impegni attualmente sul banco devono rappresentare​ ​il​ ​p​unto di partenza minimo».La diminuzione dell’utilizzo di carbone in Cina nell’ultimo anno, e il conseguente calo delle emissioni di gas serra, dimostra
​no​ ad esempio che importanti risultati possono essere raggiunti in un​ b​reve ​periodo di temp​o​. Questo dovrebbe spingere gli Stati a puntare ad obiettivi più ambiziosi in vista di Parigi.Greenpeace esprime inoltre soddisfazione per il riconoscimento da parte della IEA del fondamentale ruolo che le rinnovabili stanno avendo nel mantenere grosso modo allo stesso livello dello scorso anno le emissioni di CO2, permettendo contestualmente crescita economica. È ormai provato l’effetto positivo che le rinnovabili hanno sia​ ​sull’ambiente che sull’economia, a differenza di tecnologie rischiose e dalla dubbia efficacia come nucleare e CCS (Carbon Capture Storage). «Come affermato dalla IEA, occorrono maggiori investimenti in energie rinnovabili, tecnologie già oggi economicamente convenienti, mentre bisogna porre fine ai sussidi alle fonti fossili», continua Iacoboni. «Ridurre le emissioni è un’opportunità di business, e non solo un costo. Per questo dobbiamo lavorare tutti insieme per un futuro 100 per cento rinnovabile entro il 2050».

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Greenpeace e la piattaforma “Polar Pioneer” di Shell

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

seattle-skyline-386171SEATTLE (STATI UNITI). Quest’oggi tredici attivisti di Greenpeace hanno protestato pacificamente bloccando temporaneamente con dei kayak la piattaforma “Polar Pioneer” di Shell, che si apprestava a lasciare Seattle per dirigersi nell’Artico. I tredici attivisti sono stati fermati dalla Guardia Costiera statunitense e la Polar Pioneer ha infine lasciato la baia.«Shell stava tentando di far partire la Polar Pioneer da Seattle con il favore delle tenebre, ma gli attivisti per qualche ora hanno impedito che questo accadesse, mostrando al mondo quanto stava per succedere», ha dichiarato Travis Nichols, della campagna Artico di Greenpeace. Nel mese di maggio, l’amministrazione Obama ha approvato il piano di Shell per le trivellazioni petrolifere nel mare di Chukchi, nell’Alaska artica. Shell vorrebbe utilizzare la Polar Pioneer per iniziare a cercare petrolio in quell’area tra due settimane circa.Le estreme condizioni artiche, con giganteschi iceberg in movimento e mari tempestosi, rendono estremamente rischiose le trivellazioni offshore. Lo stesso governo degli Stati Uniti stima che in conseguenza di queste attività ci sia il 75 per cento di probabilità che avvenga un ingente sversamento di petrolio. In aprile, altri sei attivisti di Greenpeace hanno intercettato e scalato la stessa piattaforma petrolifera nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico, a 750 miglia a nord ovest delle Hawaii, occupandola pacificamente per quasi una settimana.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dall’Australia per studiare la bonifica italiana

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

incontroUn esplicito invito per contribuire attraverso la loro esperienza allo sviluppo idrocompatibile dell’agricoltura in Australia è stato avanzato dall’Ente Commerciale dell’importante Paese oceanico ai Consorzi di bonifica italiani durante l’incontro inaugurale della missione, che i vertici della Victorian Farmers Federation stanno svolgendo alla scoperta della gestione idraulica del territorio lombardo. “E’ sempre una grande soddisfazione verificare come, a fronte di problemi comuni, dall’estero si guardi con grande interesse alla realtà italiana di gestione del territorio agricolo”: a sottolinearlo è Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale Gestione Tutela Territorio e Acque Irrigue (ANBI), che poi prosegue: “E’ però sconcertante notare la differenza di attenzione, riservata dalla politica ai medesimi temi: là sono stati investiti 7 miliardi di euro in 10 anni per incrementare e migliorare la rete irrigua; in Italia, dove l’84% del celebrato made in Italy agroalimentare dipende dalla disponibilità d’acqua, stiamo difendendo i 300 milioni del 2° Piano Irriguo Nazionale da letture talvolta oscurantiste sull’uso dell’acqua in agricoltura.”
Quella di Vittoria è la regione più agricola dell’Australia e probabilmente dell’Oceania, ma arriva da 9 anni di siccità; per questo, la Victoria Farmers Federation (8.000 imprese associate con una dimensione media superiore ai 300 ettari!) è alla ricerca di soluzioni, che ottimizzino l’uso della risorsa idrica in agricoltura, evitando i crescenti contrasti con altri utilizzi e migliorandone la compatibilità con l’ecosistema. “Non è certo un caso – prosegue Vincenzi – il grande interesse, che sta suscitando il sistema irriguo Irriframe ad Expo, dove è sperimentabile grazie ad un’apposita app: combinando più variabili, questo know how italiano invia il miglior consiglio per l’irrigazione sul cellulare o sul computer dell’interessato. Accanto a ciò è necessaria una battaglia comune per far capire definitivamente che in agricoltura l’acqua si usa e non si consuma, restituendola al ciclo biologico talvolta addirittura migliore di come la si è prelevata da fonti idriche minate dal diffuso inquinamento.” (foto: incontro)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Osteoartrosi e controllo del dolore cronico

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

doloreIl paracetamolo risulta sicuro per la gestione del dolore cronico nei pazienti con artrosi sia sul piano cardiovascolare che su quello gastrointestinale. “Anche nelle persone con un alto rischio di eventi cerebro e cardiovascolari o quando usato a lungo termine – sottolinea il dott. Claudio Cricelli, presidente SIMG (Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie) – il paracetamolo non appare associato a un aumento del rischio di ictus e cardiopatia ischemica”. È quanto emerge dalla prima analisi effettuata nel nostro Paese sull’impatto effettivo di questa molecola in persone colpite dalla malattia al di fuori dei criteri di selezione tipici degli studi clinici, cioè appartenenti al cosiddetto mondo reale (real life). La ricerca è stata condotta dalla SIMG grazie al database di “Health Search” selezionando una coorte di circa 37 mila pazienti con osteoartrosi trattati per un decennio, fra il 2002 e il 2012. “Solo una medicina generale evoluta e dotata di una delle banche dati più grandi d’Europa – afferma il dott. Cricelli – è in grado di condurre studi retrospettivi fondati sul mondo reale. Queste conclusioni dovrebbero determinare un salto culturale fra i clinici. Infatti in Italia il paracetamolo rappresenta solo il 6% delle prescrizioni come terapia analgesica”. Il dolore cronico non oncologico costituisce uno dei più comuni motivi di consultazione medica: basti pensare che interessa nel nostro Paese oltre 15 milioni di persone (20% della popolazione), la maggior parte delle quali (75%) soffre proprio di artrosi. La ricerca ha analizzato i pazienti in relazione alla comparsa di eventi cardiovascolari acuti ed emorragie digestive superiori in corrispondenza del trattamento con paracetamolo. “Nello studio condotto con ‘Health Search’, l’uso di paracetamolo è stato definito corrente (da 0 a 90 giorni), recente (da 91 a 180 giorni) o passato (da 181 a 365 giorni) in relazione alla data dell’ultima prescrizione antecedente l’insorgenza di eventi cardiovascolari acuti e di emorragie del tratto gastrointestinale superiore – spiega il dott. Francesco Lapi, Direttore della Ricerca di ‘Health Search’ -. La presenza di due diversi eventi clinici ha richiesto di suddividere i pazienti in due coorti: la prima ha individuato 2.215 casi per gli eventi cardiovascolari acuti, la seconda 462 casi per le emorragie digestive superiori. L’analisi ha dimostrato che l’utilizzo corrente, recente o passato del farmaco non presenta alcuna associazione significativa con eventi cardiovascolari acuti. Anche sul fronte delle problematiche gastrointestinali, l’uso di paracetamolo è risultato di per sé sicuro: in questo contesto il rischio di emorragie superiori ha riguardato solo i pazienti esposti anche a antinfiammatori (FANS).” A conferma di ciò, è stato osservato che rispettando un intervallo di almeno 150 giorni tra interruzione dei FANS e avvio della terapia del paracetamolo, l’insorgenza di emorragie risultava sensibilmente ridotta. “Sappiamo che nel mondo ‘reale’ è necessario tenere conto dell’assunzione contemporanea di antinfiammatori, di analgesici da banco e dell’esposizione a FANS, che rappresentano un fattore di rischio certo per eventi cardiovascolari e gastrointestinali – afferma il dott. Pierangelo Lora Aprile, segretario scientifico SIMG e responsabile Area medicina del dolore e cure palliative -. La nostra analisi multivariata ha tenuto conto di fattori potenzialmente confondenti quali stili di vita, altre patologie e terapie farmacologiche concomitanti: ossia, di quanto avviene nella pratica clinica italiana, che vede tra l’altro la frequente assunzione di FANS. Proprio perché calata nella realtà del nostro Paese, l’indagine fornisce dati solidi e utili al medico e queste conclusioni dovrebbero determinare un importante salto culturale”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Formazione amministratori di condominio, scegliere bene per evitare sorprese

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

CondominioL’organizzazione di corsi di formazione iniziale per amministratori di condominio rappresenta uno dei maggiori business sulla formazione professionale che si sta sviluppando in questi ultimi anni.Il tutto nasce dall’approvazione della legge n. 220/2012, la così detta riforma del condominio, che ha stabilito la necessità della frequenza di un corso di formazione iniziale per l’assunzione degli incarichi di amministrazione condominiale da parte di chi ha iniziato quell’attività a partire del 2013.
Ricordiamo che è esentato dalla frequenza di questo corso il così detto amministratore interno e chi ha amministrato per almeno un anno nel triennio 18 giugno 2010 – 18 giugno 2013.Fino all’entrata in vigore del d.m. n. 140/2014 (dedicato per l’appunto alla disciplina dei corsi di formazione e dei formatori in tale materia), è stato un proliferare di corsi più o meno utili. Dopo il 9 ottobre 2014 (data di entrata in vigore del decreto ministeriale) la situazione è leggermente cambiata anche se la scelta del corso migliore resta sempre un’attività molto delicata; l’assenza di uno specifico sistema di controlli preliminari e di sanzioni da parte del Ministero della Giustizia, rende seriamente complicato ottenere il rispetto di un provvedimento (il d.m. n. 140/2014) già di per sé molto lacunoso.
Il problema sta nel fatto che moltissimi operatori del mercato della formazione non hanno la benché minima cognizione di causa della materia condominiale e altrettanti attori del settore condominiale utilizzando questi corsi come forma di finanziamento della propria attività, senza badare molto al contenuto ed allo scopo reale che, ricordiamolo, dovrebbe essere quello di immettere sul mercato persone preparate.
Non è raro, per chi si approccia al settore, imbattersi in associazioni di categoria che dell’associazione hanno soltanto la forma giuridica, ma che in realtà sono vere e proprie aziende il cui fine ultimo non è l’azione per la tutela dei diritti dell’associato o l’ausilio alla sua attività professionale, ma altro, leggasi utile .
Come scegliere, allora, il corso di formazione iniziale da seguire e chi evitare a priori?
In un precedente approfondimento sull’argomento abbiamo evidenziato che rispetto ai corsi di formazione iniziale non è da escludersi, anzi in alcuni casi è certo, che a questi contratti debbano applicarsi le norme previste a tutela dei consumatori
Quando si applicano queste norme? Sicuramente quando lo scopo di chi decide di frequentare il corso non è iniziare l’attività di amministratore condominiale, ma lo vuole seguire per cultura personale. Sono le stesse associazioni di categoria (ed enti di formazione) ad affermare che i corsi sono aperti anche ai condòmini che vogliono imparare a difendersi dall’amministratore di cui non si fidano o comunque per ampliare il proprio bagaglio di conoscenza specialistica. Anche in altre circostanze, comunque, non è si può escludere a priori l’applicazione di questa disciplina. Come dire: bisogna valutare caso per caso.
È bene quindi che dichiariate per iscritto all’organizzatore del corso l’intenzione con la quale vi state iscrivendo al corso. Se questo dovesse rifiutarla chiedendovi di dichiarare, contrariamente al vero, che state frequentando il corso per iniziare l’attività di amministratore, meglio lasciarlo perdere: chi non vuole applicare le norme dettate per la tutela del consumatore (davanti ad un consumatore) è soggetto da evitare.
Quando si applica la disciplina prevista a tutela del consumatore? Due esempi:
a) nell’ipotesi di corsi on-line, acquistati fuori dai locali commerciali (o fuori dalle sedi di associazione) e in internet, è necessario che sia previsto il diritto di recesso a favore del consumatore. Non prevederlo non vuol dire escluderlo, ma commettere un illecito sanzionabile a livello amministrativo, salvo il diritto di esercitarlo comunque ove ne ricorrano le condizioni;
b) nell’ipotesi di corso con lezioni frontali è bene evitare quelle organizzazioni che richiedono acconti senza prevedere un data certa per l’inizio del corso o quanto meno una data entro la quale poter recedere se il corso non è iniziato. Gli enti e le associazioni che nel modulo d’iscrizione prevedono che “l’avvio del corso potrà essere prorogato dall’organizzatore a suo insindacabile giudizio”, senza consentire al consumatore di svincolarsi, impongono una condizione vessatoria come tale punibile con una sanzione amministrativa e di per sé inefficace. Ciò, a determinate condizioni, vale anche se ad acquistare non è un consumatore.
Diffidate, infine, da quegli enti associativi che, messi a conoscenza della vostra intenzione di partecipare al corso per motivi di cultura personale, vi chiedano pedantemente, o addirittura impongano, l’iscrizione all’associazione per uno o più anni. Questo modo di fare è il classico espediente per accaparrarsi un’entrata economica. Se l’iscrizione non è voluta, chi organizza il corso può scomputarla dalla quota e se non lo fa, è meglio girare al largo e cercare altri corsi. Se, poi, l’iscrizione è gratuita, fate in modo che tempi e modalità di recesso dal vincolo associativo siano chiaramente indicati nel contratto o comunque rifiutatela; se non possibile e proprio non volete sapere d’iscrivervi, cambiate aria.
Requisiti dei formatori e dei responsabili scientifici. Il decreto ministeriale n. 140/2014 specifica che solamente alcune persone possono assumere l’incarico di formatore e/o di responsabile scientifico. In breve: l’ente formatore sceglie il responsabile scientifico che ha il compito di certificare la rispondenza del corso ai criteri indicati per il suo svolgimento (in termini di forma e contenuto), nonché l’onorabilità e la competenza dei formatori.
Evitate come la peste quegli enti che nelle varie iniziative di promozione dei corsi non indicano quanto meno il nome del responsabile scientifico ed il programma dettagliato del corso o comunque che se ne escano con soluzioni del genere “responsabile scientifico, formatore e argomenti del corso verranno comunicati direttamente ad iscrizione avvenuta”. Non si acquistano scatole chiuse e questo comportamento è indice di grave improvvisazione da parte di chi organizza. Chi acquista sta comprando un corso e ha diritto di sapere come e da chi esso è tenuto, essendo tali informazioni parte fondamentale del contratto; ciò tanto che a concluderlo sia un consumatore, tanto che sia chi vuole esercitare l’attività di amministrazione condominiale.
Ultimo elemento, non fondamentale, ma comunque da valutare è rappresentato dall’organizzazione dell’ente il corso. Se si tratta di una società è chiaro lo scopo di lucro e quindi c’è poco da comprendere: chi organizza il corso lo fa anche e soprattutto per ottenere un utile e quindi è sufficiente che rispetti le regole che abbiamo appena indicato. Se si tratta di associazione è bene comprendere se i responsabili locali, quelli con i quali solitamente ci si interfaccia, siano organi dell’associazioni o più semplicemente dei mandatari o collaboratori. Nulla d’illegale per carità, ma a differenza di un delegato locale, che ha il compito di promuovere l’attività associativa (che è per legge no-profit), il mandatario ha lo scopo principale di compiere atti giuridici per conto del suo rappresentato e quindi nel caso specifico di vendere corsi per averne un ritorno economico. Per capire come sono strutturate le associazioni, basta guardare i loro siti internet (non mancano quelle che cercano “agenti mandatari” o che parlano genericamente di collaboratori, un dirigente locale è un associato e non è collaboratore o mandatario). La specificità delle associazioni professionali di categoria, così come individuate dalla legge n. 4 del 2013, richiederebbero altra organizzazione.
Così fosse sebbene non sia necessario evitarle come per gli altri motivi, è comunque utile sapere che in alcuni casi questo modo di operare è il preludio a continue future sollecitazioni ad acquistare altri servizi, venduti sempre da quella compagine associativa e che la forma associativa è stata scelta forse più per motivi fiscali che per i reali scopi cui dovrebbero dedite le associazioni. Ricordiamo che anche la frequenza del corso finalizzata all’esercizio probabile (futuro e non certo) dev’essere considerata soggetta alla disciplina del codice del consumo (si pensi agli studenti universitari).
Chiediamo, infine, a tutti gli operatori del settori di rispettare i diritti dei corsiti adottando quelle poche indicazioni che abbiamo fornito in questo approfondimento: si tratta di accorgimenti utili e doverosi; utili perché consentono un rapporto contrattuale corretto e trasparente e doverosi perché comunque imposti dalla legge.
(Alessandro Gallucci, legale Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cosa rappresenta per uno studente l’esame di maturità?

Posted by fidest press agency su martedì, 16 giugno 2015

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cPer sei ragazzi su 10 (58%) è il primo impegno della vita, per altri è solo l’ultimo ostacolo prima della fine della scuola (24%). Con quale atteggiamento si approcciano gli studenti agli esami? I sentimenti maggiori provati dagli studenti in questo periodo sono ansia (22%) e preoccupazione (37%). “Farò scena muta”, “sono troppo indietro”, “Ho paura delle tracce”, sono alcune delle affermazioni più ricorrenti da parte degli studenti. Il 15% si dichiara relativamente sereno, mentre solo il 18% si sente tranquillo.Come ci si prepara, quindi, ad affrontare gli esami nella giusta maniera? L’aspetto nutrizionale risulta fondamentale: secondo gli esperti sono imprescindibili una corretta idratazione (43%) ed una sana alimentazione (42%). Nutrizionisti e psicologi sono concordi nell’affermare che una corretta idratazione aiuta a mantenere alta la concentrazione (42%), stimola le facoltà cognitive (38%), Aiuta il reintegro delle sostanze che si vengono a perdere con il caldo e lo sforzo (22%).Afferma Luca Piretta, Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva e in Scienza della Nutrizione Umana al dipartimento di Scienze Cliniche dell’Università “La Sapienza” di Roma: “ Un consiglio basilare è quello di non mischiare cibo e studio. Mangiare mentre si studia non è mai un buon consiglio: l’organismo deve avere il tempo di assimilare i pasti, senza essere subito distratto dallo sforzo necessario per la concentrazione da studio. La dieta più adatta per il maturando parte da una buona colazione abbondante (uno studio ha dimostrato che i ragazzi che fanno la prima colazione risolvono meglio i problemi di matematica) e seguita da 4 piccoli pasti equilibrati (pranzo cena e due spuntini) e non abbondanti durante la giornata seguiti da un buon riposo. Non dimentichiamo una corretta idratazione; soprattutto con l’arrivo del caldo diventa fondamentale bere 2 litri di acqua o al giorno anche per compensare le perdite dovute al sudore. Per aiutare il sonno, infine, è opportuno mettere al bando il caffé e gli alimenti di difficile e lenta digestione come cioccolata, superalcolici, patatine, salatini e tutti i prodotti con abbondanza di spezie forti come paprika o curry”. Il decalogo consigliato:
1. Non catastrofizzare! E’ la maturità ma dopo tutto è come l’ultimativa del giro d’Italia, quello che dovevamo fare l’abbiamo già fatto. Le % di bocciature sono irrisorie e per poter avere qualche punto in più bisogna giocarcela proprio da maturi, ovvero ridimensionando la quota emotiva.
2. E’ l’esame di maturità: non dobbiamo fare tutto giusto ma fare nel modo giusto; verrà premiato un atteggiamento consapevole, riflessivo e ponderato.
3. Diamoci noi un voto il giorno prima, non aspettiamo un voto su un semplice tema. Dobbiamo sfatare l’ansia della notte prima degli esami promuovendoci il giorno prima, vivendo la sensazione di aver fatto tutto quello che dovevamo fare e riconoscendoci di aver combattuto a testa alta “un campionato” di 5 anni
4. Il giorno prima non studiare ma distrarsi, riguardare magari i ricordi, le foto degli anni di liceo
5. Preparare la partita anche a tavola: abituarsi ad una colazione adeguata, ci servirà per le lunghe ore di prova. Per facilitare concentrazione, resistenza alla fatica e attenzione prepariamo una colazione emotivamente intelligente: acqua minerale, Succo di mela, avocado, arance, yogurt, pane integrale dolce.
6. Alla sera prima mangiare leggero, dormiremo bene e faremo il pieno di energia per la mente: trancio di tonno crudo all’aceto balsamico con semi di girasole, pane integrale
7. E’ normale essere in ansia: non pretendiamo di dormire tropo bene, quando teniamo a qualcosa, le sere prima di una grande sfida, il nostro sistema simpatico tende a non andare in stand by e il tono rimane elevato. E’ sano, non è un problema.
8. Impariamo a conoscere se rendiamo di più la sera o la mattina: non conformiamoci necessariamente con i nostri compagni di classe che magari studiano alla sera: se siamo un crono-tipo mattutino ( allodola) dobbiamo svegliarci prima a studiare e rilassarci dopo cena. viceversa chi è serotino deve fare cene leggere a spuntino e sfruttare le per tarde per lo studio.
9. Sconnettiamo gli smartphone quando studiamo, dobbiamo facilitare l’attenzione sostenuta o faremo fatica nel processo di memorizzazione. prendiamoci invece frequenti pause (ogni 45 min) per rispondere a sms e chiamare amici, ci rilasseremo mantenendo sempre alto la qualità del studio
10. Le ultime interrogazioni: usiamo come ansiolitico il ripasso collettivo: quello in cui ci confrontiamo con gli altri ripetendo ad alta voce, ci aiuterà a raccogliere informazioni utili e nuove e renderci conto di ciò che è veramente utile focalizzare e sapere. studiamo però da soli, renderemo di più.(fonte: Matteo Gavioli – Found S.r.l.)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »