Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 27 giugno 2015

European Fund for Strategic Investments (EFSI): set-up and EU budget contribution

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

european parliament (EP) and Council negotiators have reached a political agreement on the rules creating and governing the European Fund for Strategic Investments (EFSI). Proposed by the Commission as part of the ‘Juncker plan’ and backed by a guarantee from the EU budget, EFSI will aim to foster job creation and growth across the EU, by triggering investments worth an estimated €315 billion over three years. The agreed text now needs to be adopted by the EP, with plenary due to consider it on 24 June, and the Council in order for EFSI to become operational. EFSI, a significant component of the Investment Plan for Europe Last year, presenting his political guidelines for the new European Commission to the EP, Jean-Claude Juncker pledged to make strengthening the EU’s competitiveness and stimulating investment, to support job creation, his first priority. In November 2014, the Commission put forward an Investment Plan for Europe (also known as the ‘Juncker plan’) to address the reduced level of investment that the EU has been experiencing since the crisis, and which is hindering job creation and long-term growth in the area. According to the Commission, while abundant financial liquidity is now available in the system, it is not reaching the real economy efficiently enough. To tackle this gap, a significant component of the strategy is the creation of a European Fund for Strategic Investments (EFSI) by mid-2015, which should promote additional public and private investment in strategic projects and improve access to finance for businesses with up to 3 000 employees. The Commission has named the European Investment Bank (EIB) as its strategic partner to implement the strategy, with EFSI to be integrated into the EIB Group. According to the Commission, the overall Investment Plan could support the creation of up to 1.3 million new jobs over three years. Proposal for the EFSI regulation Legislative proposal In January 2015, the European Commission submitted its proposal for a regulation establishing EFSI to the EP and the Council (under ordinary legislative procedure). The initial financial allocation of EFSI would amount to €21 billion, based on a €16 billion guarantee created under the EU budget and a €5 billion contribution from the EIB’s own resources. The idea is to maximise the impact of public resources, by addressing market gaps and mobilising private investment in strategic projects through a range of financial instruments (such as loans, guarantees, credit-enhancement products and equity-type products) offered by the EIB Group. The Commission estimates that, over three years, the initial EFSI allocation alone (to which other public and private investors would be able to add) would trigger total investment worth at least €315 billion. This amount is around twice the annual EU budget, which EFSI is expected to complement. Proposed EU budget contribution The regulation would create the €16 billion guarantee under the EU budget and the related Guarantee Fund, which backs it up to 50% with EU resources to ease the orderly payment of potential guarantee calls by the EIB. This means that, under the proposal, the provisioning of the Guarantee Fund would require €8 billion in commitment appropriations, to be financed gradually over the 2015-18 period. The Commission proposed that these resources come from the Connecting Europe Facility or CEF (€3.3 billion), Horizon 2020 (€2.7 billion) and unallocated margins of the EU’s Multiannual Financial Framework (€2 billion). Likewise, payment appropriations from the EU budget would be gradually phased in over the 2016-20 period. In practice, these resources would be earmarked for the Guarantee Fund, but used only in the case of guarantee calls by the EIB, thus providing a buffer for the orderly implementation of the EU budget.
EPRS EFSI: set-up and EU budget contribution Members’ Research Service. Governance of EFSI and creation of a single advisory hub for project financing Under the proposal, a Steering Board would be in charge of the strategic orientation and the strategic asset allocation of EFSI, as well as of its operating policies. An Investment Committee accountable to the Steering Board would assess potential projects to decide whether they should receive EFSI support, irrespective of their geographical location. Eligible projects could stem from a wide range of strategic sectors. In addition, building on existing expertise, a European Investment Advisory Hub (EIAH) would be set up within the EIB to act as a single technical advisory hub for project-financing within the EU, helping with investment project identification, preparation and development. Political agreement on the EFSI regulation The EU’s institutions have actively cooperated to have the EFSI rules into force by mid-2015, as planned. In December 2014, the European Council endorsed the Investment Plan. With the Commission acting as broker, Parliament and Council have carried out intensive trilogue negotiations on the EFSI regulation. Their respective standpoints were based, on the one hand, on the report (rapporteurs: José Manuel Fernandes, EPP, Portugal, and Udo Bullmann, S&D, Germany) prepared jointly by the EP’s Committees on Budgets (BUDG) and on Economic and Monetary Affairs (ECON), and on the other hand on the Council’s negotiating stance. On 28 May 2015, EP and Council negotiators reached a political agreement on the EFSI rules. As regards the financing of the EFSI Guarantee Fund, the agreement increases the contribution of unused margins of the EU budget by €1 billion, to €3 billion, correspondingly reducing the redeployments from the transport component of the CEF (to €2.8 billion) and the Horizon 2020 programme for research (to €2.2 billion). The EP’s negotiators have already declared that the Parliament will seek to further reduce the cuts to both programmes in the coming years through the annual budgetary procedure. In addition, the compromise text has augmented the rules on the governance, functioning and democratic accountability of EFSI. For example, it provides for the appointments of the Managing Director and Deputy Managing Director of the EFSI Investment Committee to be approved by the EP following hearings (Article 7.6). The general objectives of EFSI now include the objectives of Horizon 2020 and the CEF, so as to enhance EFSI’s contribution to results in the policy areas covered by the two programmes that play a role in provisioning the EFSI Guarantee Fund (Article 9.2). The negotiators have laid down eligibility criteria for EFSI support, which include consistency with EU policies and quality job creation (Article 6). The EFSI Investment Committee is to provide an independent and transparent assessment of the possible use of the EU guarantee by using a scoreboard of indicators, which the Commission is empowered to adopt through delegated acts (Article 7.14). The expertise of the EIAH will be available at capped fees for small and medium-sized enterprises (one third of the cost of the technical assistance they receive) and free of charge for public project promoters (Article 14.4). The Commission is to work with the EIB to create a European Investment Project Portal, with a view to ensuring transparency and visibility of current and future investment projects (Article 15). Reporting, accountability and evaluation obligations (Articles 16 to 18) for the Commission and the EIB have been set out in more detail. In particular, before the end of the three-yearinvestment period, the European Commission must submit an independent evaluation of EFSI to the EP and the Council, and propose on the basis of this assessment either to continue the scheme (if necessary, with changes to the Regulation to address identified weaknesses) or to terminate it (Article 18.6-8). The agreed text now needs to be adopted by the EP, with the plenary due to consider it on 24 June, and the Council in order for EFSI to become operational. Meanwhile, seven EU countries (Germany, Spain, France, Italy, Luxembourg, Poland and Slovakia) have already said that they will contribute to EFSI. Amendment to the 2015 EU budget If the agreed text is adopted, the following step will be to translate its budgetary implications into the 2015 EU budget, with Draft Amending Budget (DAB) No 1/2015 (rapporteur: Eider Gardiazábal Rubial, S&D, Spain) currently scheduled for examination by the EP plenary in July. The overall impact of DAB No 1/2015 is
neutral for the 2015 EU budget with regard to expenditure and revenue. The main proposed modifications are: 1) the creation of three new budget articles related to EFSI; 2) the provisioning of the EFSI Guarantee Fund for 2015, by reallocating €1.35 billion in commitment appropriations; and 3) the provision of the 2015 EU contribution to the financing of the EIAH, by reallocating €10 million in both commitment and payment appropriations.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

China has become one of the top investors in Germany and Europe

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

pechinoChinese takeovers and direct investments are increasing drastically in Europe. In the last year they reached a new record mark (with a volume of around 14 billion Euros). Nearly on a weekly basis new investment projects are being announced. There are many factors that indicate this trend will continue. China is becoming a driving force for global capital flows and already today is one of three biggest foreign investors worldwide. According to forecasts China’s current global assets will treble by 2020 up to nearly 18 billion Euros. In their latest study Thilo Hanemann and Mikko Huotari analyse on the basis of a unique data base the newest trends of Chinese direct investment in Germany and the EU.
Between 2000 and 2014 the 28 EU countries in total recorded more than 1,000 Chinese newly established companies, mergers and takeovers. These amounted to a total figure of 46 billion Euros. The Chinese government had gradually over the last years relaxed the rules for foreign investment which paved the way for Chinese companies to expand their global business activities. Whilst at the beginning the focus of the investors was on commodities now a diverse mix of technology, brands and consumer goods is sought after. From a Chinese perspective in Europe the energy, automobile, food and real estate sector are the most attractive industrial areas. Western Europe was particularly the focus of Chinese investors but recently South and Eastern Europe have been able to up. In Europe the UK remains the number one destination followed by Germany and France.
Since 2000 Chinese companies have invested around 6.9 billion Euros in Germany. Worth noting is that annual investments rose significantly in 2011 and since then remained relatively stable around the 1-2 billion Euro mark per year. Recently the interest has increased in IT technology, finance and corporate services as well as consumer goods. Some of the most prominent takeovers have been the acquisition of the concrete pump manufacturer Putzmeister by Sany in 2012 or the electronic enterprise Medion by Lenovo in 2011/12. Currently the bidding process of the Chinese insurer Anbang for the Hypo Real Estate Core Banking System is in the final stages. The old West German states are especially popular with Chinese investors with North Rhine-Westphalia, Hesse and Bavaria leading the way. Up to now Chinese companies have invested 1.8 billion Euros in North Rhine-Westphalia.Size, growth and complementarity of the Chinese economy offer Europe unique opportunities. On the other hand, many governments fear a greater interdependence with China. This is because there is the real danger that China will continue to distort competition by subsidising own companies whilst putting up barriers for foreign enterprises. Furthermore, there is the expectation that the decision-making processes will remain aligned to the authoritarian political system. In addition to this one is able to observe that China is shutting out a number of industries from foreign direct investment.At the same time China has over the last years been able to disprove some preconceptions: Chinese investors are by no means just interested in subtracting know-how. They are quite willing to invest in infrastructure as well as in research and development. The analysis of around 1,000 projects across Europe didn’t confirm the fear that Chinese investments would have a negative impact on the domestic employment situation or the innovative capability. The new wave of Chinese investments offers exceptional opportunities for Germany and Europe in a phase of economic change. This potential is particularly highlighted by China’s intention of participating in the new infrastructure fund of the European Union. In order to capitalise on the opportunities and minimise risk it is vital to set the right political framework. In the run-up to the EU-China Summit on the 29th of June in Brussels Mikko Huotari and Thilo Hanemann argue the case for the speedy conclusion of a robust bilateral investment agreement (BIA) which amongst other things removes existing imbalances in respect to market access. It is important that the principle of freedom of investment is upheld.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EU and Liberia initial a new sustainable Fisheries Partnership Agreement

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

liberia-ivorycoastThe European Union and the Republic of Liberia signed a new Sustainable Fisheries Partnership Agreement as well as an associated Protocol which will reinforce cooperation between the two parties, especially in their fight against illegal, unreported and unregulated (IUU) fishing and help the development of the fishing sector of Liberia. The new Partnership Agreement is expected to contribute to Liberia’s recovery after the Ebola crisis and is a sign of the EU’s confidence in Liberia’s economy.The Protocol provides the EU with fishing opportunities for 6 500 tonnes of tuna and other highly migratory species, for 28 purse seiners and 6 long-line vessels. In return, the EU will pay Liberia an annual compensation of € 650 000, out of which 50% is earmarked to support the fisheries policy of Liberia.The Agreement and the Protocol are fully in line with the reformed Common Fisheries Policy (CFP) and will ensure that the fishing activities of EU vessels in Liberian waters will be carried out in respect of the principles of sustainability, good governance, transparency, non-discrimination and respect of human rights. Control of fishing activities and catch reporting will be assured through the use of Electronic Reporting System (ERS – Electronic logbooks) and Vessel Monitoring System (VMS). Both parties have also committed to respect fully all the recommendations made by the International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas (ICCAT).This Protocol will also reinforce cooperation between the two parties, especially in their fight against illegal, unreported and unregulated (IUU) fishing. Moreover, the agreement will help Liberia reinforce its fisheries monitoring, control and surveillance capacity, as well as to enhance scientific cooperation and promote the development of the fishing sector of Liberia. The new Partnership Agreement is expected to contribute to Liberia’s recovery after the Ebola crisis and is a sign of the EU’s confidence in Liberia’s economy.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agriculture and Fisheries Council discusses fishing opportunities for 2016

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

Agriculture and Fisheries CouncilThe Agriculture and Fisheries Council (Luxembourg, 16 June 2015) discussed fishing opportunities for 2016 in EU waters. Ministers of EU Member States reaffirmed their strong commitment to make EU fisheries more sustainable.Other topics included expenditure under the European Fisheries Fund 2007-13, the Russian ban on fisheries products imports from Latvia and Estonia and negotiations for a sustainable fisheries partnership agreement with Tanzania.
Fishing opportunities for 2016. The Commission briefed ministers on a communication on EU fishing opportunities for 2016, which it had tabled earlier this month. The document reports that in the last few years the EU has generally managed its fisheries more sustainably and thus achieved a better state for a large number of its fish stocks. Overfishing is still predominant in the Mediterranean however, where improvements have been slower.
Several Member States acknowledged the overall improvement in the state of fish resources; however some delegations stressed that improvements in other stocks, such as Blue Fin tuna, could have been better recognised. They also recalled the importance of setting up multiannual plans with a multispecies approach for fish stocks. The Council needs to agree on the fishing opportunities for 2016 by the end of this year. The agreement will take into account the impact of fishing fleets on stocks (fishing mortality). Several countries noted that this means moving to levels needed to permit stocks to rebuild to biomass levels that can produce maximum sustainable yield (MSY), while taking into account socio-economic factors.
Ministers also discussed a request by Greece to extend the eligibility period of expenditure for the Operational Programme Fisheries 2007-2013. The period is set to expire on 31st July 2015. The Commission explained that it could not extend the period of eligibility and that funds available should be used under existing rules.
Russia has imposed a ban on Latvian and Estonian fish and fish product imports for sanitary reasons, as of 4th June 2015. The Commission presented a set of measures and instruments that could be mobilised to support the member states and industry affected by this decision. They include more storage aid, better support in identifying alternative markets and greater flexibility for transfers of fishing quotas for the most affected stocks.
EU and Tanzania – negotiations for a Fisheries Partnership Agreement Ministers have authorised the Commission to open negotiations on behalf of the EU for the conclusion of a sustainable fisheries partnership agreement (FPA) and protocol with the United Republic of Tanzania.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Building the Blue Growth agenda: Commission asks public its views on EU’s role in shaping international ocean governance

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

commissione europeaThe Commission has launched a public consultation on what the EU can do to improve international governance of oceans and seas to the benefit of sustainable blue growth. Speaking at the World Ocean Summit in Portugal earlier this month, Commissioner Karmenu Vella said: “If our oceans are not healthy, our economy falls ill. Global maritime challenges require global solutions. I am committed to work intensively to define Europe’s role in international ocean governance, for a sustainable blue economy and blue growth”.
As the use of marine resources continues to increase around the globe, the existing international ocean governance framework could be ineffective in addressing resulting maritime challenges, particularly in the 60 per cent of the oceans that are beyond national jurisdictions. The consultation therefore asks European and international stakeholders – international organisations, state actors, NGOs, business, the research community, academia and civil society – for their views on the best path of action and the EU’s role. The consultation is available in all EU languages and in an on-line survey format (English only). It will run until 15th September 2015.To complement the consultation, Commissioner Vella will also be meeting personally with stakeholders and international partners to gather their views and discuss possible ways forward. The listening tour will kick off with a visit to Cork, Ireland in early July.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jacques Delors Honorary Citizen of Europe

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

european parliamentI am moved by this recognition from the highest European authorities, and am also very proud to follow in the footsteps of two great men–two great Europeans for whom I feel both admiration and affection: Jean Monnet et Helmut Kohl.The fight for a strong Europe which supports its values with pride remains my own. I rage when I feel that she is moving away from this ideal. I send my warmest thanks to all of those who have given me this honor. I remain convinced that, without a strong Europe which is building a collective and sustainable future, there cannot be a happy future for our fellow EuropeansThe challenge for Europe, in the face of the radical transformations in the world and the human and social disorders that they bring, remains today what it was yesterday: the choice between survival and decline. To pursue this ambition, I continue my militant activism, most notably within the Jacques Delors Institute (Notre Europe).

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The European Council has awarded Jacques Delors the title of “Honorary Citizen of Europe”

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

monnetAfter Jean Monnet in 1976 (Luxembourg European Council) and Helmut Kohl in 1998 (Vienna European Council), Jacques Delors is the third major actor of the European construction to be distinguished by such a title.This decision by the European Council was taken after a request sent to the European authorities by around 130 professors and academics from all over the European Union.In its conclusions, the European Council “expressed its gratitude to Jacques Delors, former President of the European Commission, for his remarkable contribution to the development of the European project”.As a reminder, the historic achievements to which Jacques Delors contributed are numerous: the Single European Act and the Single Market, the Maastricht treaty, the Economic and Monetary Union, the development of the structural funds and the creation of the Cohesion fund, the European citizenship, the Erasmus programme, the European social charter, the membership of Portugal and Spain, then of Austria, Sweden and Finland and the launching of the enlargement process following the fall of the Berlin Wall…It is thanks to the support of the European Council that Jacques Delors was able to create the “Notre Europe” think tank – which today bears his name – so as to allow him to go on taking full part in the European public debate by targeting not only decision makers, but also EU citizens.All of the current and past heads and members of the Jacques Delors Institute (www.delorsinstitute.eu) are both very happy and very proud of their founding president’s designation as “Honorary Citizen of Europe”.They see this award as a strong message of encouragement to pursue their action in favour of the ideas and values personified by Jacques Delors, at the service of the European construction.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jacques Delors nommé “Citoyen d’honneur de l’Europe” par le Conseil européen

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

delorsLe Conseil européen a décidé de nommer Jacques Delors “citoyen d’honneur de l’Europe” à l’occasion de sa réunion des 25 et 26 juin 2015. Après Jean Monnet en 1976 (Conseil européen de Luxembourg) et Helmut Kohl en 1998 (Conseil européen de Vienne), Jacques Delors est le troisième grand acteur de la construction européenne distingué par un tel titre.Cette décision du Conseil européen fait notamment suite à une demande adressée aux autorités européennes par près de 130 professeurs et acteurs académiques issus de toute l’Union européenne.Dans ses conclusions, le Conseil européen exprime “sa gratitude à Jacques Delors, ancien Président de la Commission européenne, pour sa contribution remarquable au développement du projet européen”.Pour rappel, les réalisations historiques auxquelles Jacques Delors a contribué sont nombreuses: l’Acte unique européen et le marché unique, le Traité de Maastricht, l’Union économique et monétaire, le développement des fonds structurels et la création du Fonds de cohésion, la citoyenneté européenne, le programme Erasmus, la Charte sociale européenne, l’adhésion du Portugal et de l’Espagne, puis de l’Autriche, de la Finlande, et de la Suède, le lancement du processus d’élargissement consécutif à la chute du mur de Berlin…
C’est grâce au soutien du Conseil européen que Jacques Delors a pu fonder en 1996 le think tank “Notre Europe”, qui porte désormais son nom, et continuer ainsi à participer pleinement au débat public européen en s’adressant à la fois aux décideurs et aux citoyens de l’UE.Tous les dirigeants et membres actuels et passés de l’Institut Jacques Delors (www.institutdelors.eu) sont à la fois très heureux et très fiers de la nomination de leur président fondateur comme “citoyen d’honneur de l’Europe”.Ils y voient un vif encouragement à poursuivre leur action en faveur des idées et valeurs incarnées par Jacques Delors, au service de la construction européenne.(foto: delors)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

WTTC Statement following the terrorist attack in Tunisia

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

terrorist attackWTTC condemns in the strongest terms the attack in Port el-Kantaoui, Sousse, Tunisia, on 26 March 2015. David Scowsill, President & CEO, World Travel & Tourism Council, said:“I would like to extend my deepest condolences to the families of all the victims of this brutal attack. Our thoughts are with them at this terrible time.It is it with deep regret that the world again has its eyes on Tunisia. This attack strikes at the heart of the country’s tourism industry, only three months after the callous attack on the Bardo Museum in Tunis in March 2015.Tunisia is a beautiful destination. Travel & Tourism plays a pivotal role in the country’s economy, generating over 15% of the country’s GDP at around US$7.4 billion, and supporting nearly 14% of total employment in 2014.Tourism is a force for good in the world with its great economic and social benefits. It is important that travel organisations and travellers continue to support Tunisia, whilst the government takes appropriate measures on security.”

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il biosimilare in Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

farmaci“L’arrivo dei farmaci biosimilari rappresenta per l’Italia un’occasione unica innanzitutto per aumentare il numero dei pazienti che ricevono terapie gold standard e, poi, per garantire la sostenibilità del sistema. E’ quindi meritorio che l’Istituto Superiore di Sanità abbia dedicato una giornata di lavoro a questo che sarà uno dei fattori decisivi per lo sviluppo dell’assistenza farmaceutica in Italia” dice Francesco Colantuoni, coordinatore dell’Italian Biosimilar Group, intervenuto a presentare il punto di vista dell’industria al convegno “I farmaci biosimilari: uso, sicurezza, sostenibilità”, organizzato dal Reparto di Farmacoepidemiologia del Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute dell’Istituto. Per l’IBG la situazione italiana presenta un quadro contraddittorio: “dal punto di vista della penetrazione nell’uso clinico, abbiamo l’esempio del filgrastim biosimilare che rispecchia quanto detto prima: rappresenta il 72% delle dosi dispensate, con un aumento di oltre il 40% dell’accesso a questa terapia da parte dei pazienti ed una sostanziale riduzione della spesa. E tra gli aspetti positivi va senz’altro ricordato il position paper del’AIFA, che ha tracciato in maniera limpida il ruolo di questi medicinali, ribadendo che la scelta tra questi e il farmaco biologico di riferimento spetta esclusivamente al medico, considerando tuttavia che “I biosimilari sono da preferire qualora costituiscano un vantaggio economico, in particolare per il trattamento dei pazienti mai trattati in precedenza, i cosiddetti naive” spiega Colantuoni. Altrettanto positivo è che molte Regioni abbiano attuato politiche di incentivazione dell’uso del biosimilare, in alcuni casi fissando anche degli obiettivi di appropriatezza prescrittiva o di contenimento del costo della terapia ma, e qui cominciano le note negative, “non in tutti i casi c’è stata una regolamentazione delle procedure di acquisto coerente con questi stessi obietti. Ne consegue” spiega Colantuoni “che ancora oggi il quadro generale è estremamente disomogeneo, con alcune Regioni che hanno saputo mettere a frutto il biosimilare per rendere più inclusiva e sostenibile l’assistenza farmaceutica e altre dove sono presenti vere e proprie diseconomie. E’ un quadro che occorre rendere omogeneo nelle diverse regioni se vogliamo trarre il massimo vantaggio dalle imminenti scadenze di brevetto di farmaci biologici, tra i quali vi sono per esempio farmaci antitumorali importantissimi e insuline ricombinanti di larghissimo impiego. In una fase in cui alla crescita della spesa farmaceutica si risponde con misure sempre più complesse e spesso penalizzanti, in primo luogo per i cittadini, è imperdonabile trascurare occasioni di risparmio che si traducono anche in un miglioramento dell’accesso alle cure per decine di migliaia di malati”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Interoute aggiunge un secondo nodo in Svizzera per il suo networked cloud globale

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

ZurigoInteroute, l’operatore proprietario della più grande piattaforma di servizi cloud in Europa, ha annunciato l’apertura di un nuovo Virtual Data Centre (VDC) a Zurigo. Il VDC di Interoute è integrato nel network privato che forma la sua piattaforma cloud globale. Tale piattaforma completamente automatizzata offre ai clienti il libero trasferimento di dati e il pieno controllo della posizione dei dati.Interoute, uno degli operatori cloud con la crescita più rapida a livello europeo1, è il primo provider mondiale ad offrire due siti di cloud computing in Svizzera. Le aziende possono utilizzare il nuovo nodo di Zurigo insieme a quello già esistente di Ginevra, e costruire un’architettura duplice, sicura e flessibile all’interno del paese, oltre che godere di altri 12 siti disponibili in tutto il mondo all’interno del networked cloud offerto da Interoute. Il nuovo Virtual Data Centre di Interoute a Zurigo è stato costruito in risposta alla crescente domanda dei clienti per la localizzazione di siti cloud sensibili in tutta Europa. La piattaforma Infrastructure-as-a-Service di Interoute è in continua espansione, e offre ora un totale di 14 Virtual Data Centre dislocati in tutto il mondo. La Svizzera è il terzo paese europeo in cui Interoute offre funzionalità dual-site per la sua piattaforma di cloud, con sedi di questo tipo già disponibili nel Regno Unito (Londra – Slough) e in Germania (Berlino – Francoforte). Gli utenti possono godere di una velocità di ben 4 millesimi di secondo2 nell’invio di un pacchetto di dati tra i siti di Zurigo e Ginevra, e viceversa. La portata globale dell’infrastruttura cloud di Interoute si estende dalla costa occidentale degli Stati Uniti, attraverso una fitta rete di siti VDC nei più importanti centri economici europei, continuando ad ovest verso l’Asia.Il VDC di Interoute ha una interfaccia online facile da usare e può anche essere controllato tramite numerose funzionalità API. Per lo storage dei dati i clienti possono scegliere una delle 14 zone, mantenendo il pieno controllo del nodo in cui i file e le applicazioni sono archiviati. Inoltre, il trasferimento di dati tra le zone è gratuito per i clienti dei VDC di Interoute, in modo da avere l’elaborazione dati multi-zona e le relative architetture estremamente flessibili ed economicamente efficienti, e raggiungere più mercati in tutto il mondo.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Più potere ai robot con il cloud computing

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

robot chirurgicoLa robotica cloud, che consiste nell’integrazione della tecnologia di cloud computing nei robot, ha guadagnato importanza a livello globale. Gli utenti finali hanno iniziato a riconoscere i benefici di questo nuovo concetto, che utilizza internet per aumentare le capacità di un robot, principalmente delegando la parte computazionale e fornendo servizi on-demand. Poiché questa idea è destinata a rendere i robot del futuro più produttivi ed efficienti, i diversi requisiti degli utenti finali saranno soddisfatti senza che la qualità dei servizi risulti compromessa. Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “Innovations in Cloud Robotics”, rileva che la robotica cloud porterà allo sviluppo di robot intelligenti che avranno una maggiore efficienza computazionale e che consumeranno meno energia. Queste caratteristiche faranno scendere i costi di produzione, grazie alla riduzione dei componenti hardware, e si tradurranno in una riduzione delle emissioni. Le innovazioni nel campo della robotica cloud hanno avuto un notevole slancio, grazie alle iniziative di grandi aziende come Google e IBM e all’impegno di diversi istituti di ricerca in numerosi progetti attivi in tutto il mondo. La necessità di sviluppare robot caratterizzati da prestazioni e accessibilità elevate è stata al centro dell’interesse delle attività di ricerca. “Man mano che la robotica cloud supera la fase iniziale, numerose applicazioni di queste tecnologie verranno alla ribalta, – osserva Debarun Guha Thakurta, analista di Frost & Sullivan. – Per il momento, sanità, trasporti, robotica di consumo e produzione sono aree che possono trarre beneficio dall’utilizzo di risorse condivise e dall’eliminazione della necessità di gestire o aggiornare il software di robotica.” Considerando la grande diffusione della tecnologia del cloud computing e di smartphone e tablet, il mercato della robotica di consumo assisterà a una forte crescita. Inoltre, la robotica cloud sarà un catalizzatore per la nascita di un mercato commerciale per la robotica di consumo. La sfida principale per gli operatori del mercato, tuttavia, è rappresentata dall’elevata dipendenza della robotica cloud da una connessione Internet attiva per processare qualsiasi funzione. Nelle aree con connettività limitata o assente, i robot che fanno affidamento sul cloud sono incapaci di funzionare efficacemente e di rispondere prontamente nel caso di situazioni critiche. “La convergenza della robotica cloud con Big Data, context-aware computing e reti wireless ubique ad alta velocità, insieme all’utilizzo di sensori wireless avanzati, potrebbe risolvere i problemi legati alla connessione e i tempi di risposta lenti, – afferma Mousumi Dasgupta, analista di Frost & Sullivan. – Anche le operazioni che richiedono l’esecuzione di task in tempo reale avranno bisogno di robot orientati ai servizi con una propria capacità di elaborazione.” Lo studio “Innovations in Cloud Robotics” fa parte del servizio Technical Insights e offre un approfondimento sulle nove dimensioni della robotica cloud: anno di incidenza, potenziale del mercato, impronta globale, proprietà intellettuale, finanziamenti, ampiezza dei diversi settori, impatto e macro-tendenze, potenziali punti di convergenza e dimensioni dell’ecosistema di innovazione. Questo servizio di ricerca include inoltre una dettagliata analisi tecnologica e le tendenze nel settore, valutate in seguito ad esaurienti colloqui con gli operatori del mercato. Il servizio Technical Insights di Frost & Sullivan è un servizio internazionale di analisi tecnologica che fornisce una vasta gamma di avvisi sulle ultime notizie tecniche, newsletter e servizi di ricerca.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rifugiati e carenza di fondi

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

rifugiati sirianiSecondo un rapporto pubblicato oggi, la carenza di fondi sta ostacolando gli sforzi di assistenza umanitaria e di sviluppo volti a soddisfare le esigenze di 3,9 milioni di rifugiati fuggiti dal conflitto in Siria, oltre che di più di 20 milioni di persone delle comunità locali che li ospitano nei paesi limitrofi.
I più di 200 partner del Piano Regionale su Rifugiati e Resilienza (3RP) in risposta alla crisi siriana chiedono alla comunità internazionale di agire più rapidamente per dare seguito ai propri impegni a sostegno del 3RP.
Rispetto ai 4,53 miliardi di dollari necessari per i programmi attuati dalle agenzie dell’ONU e dalle ONG nell’ambito del piano, alla fine di maggio erano stati raccolti solamente 1,06 miliardi di dollari – il 23%. Rimangono scoperti circa 3,47 miliardi di dollari.
“Questa massiccia crisi richiede molta più solidarietà e condivisione delle responsabilità da parte della comunità internazionale, rispetto a quanto abbiamo visto finora”, ha dichiarato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati António Guterres. “Invece, siamo così pericolosamente a corto di fondi, che si rischia di non essere in grado di soddisfare nemmeno le esigenze più elementari di sopravvivenza di milioni di persone nei prossimi sei mesi.”
Già ora, come conseguenza della mancanza di fondi, 1,6 milioni di rifugiati si sono visti ridurre l’assistenza alimentare nell’anno in corso; 750.000 bambini non frequentano la scuola; e i servizi sanitari fondamentali per salvare tante vite umane stanno diventando troppo costosi per molti, tra cui 70.000 donne in gravidanza a rischio di parto non sicuro. Circa l’86% dei rifugiati urbani in Giordania vive al di sotto della soglia di povertà di 3,2 dollari al giorno, mentre il 45% dei rifugiati in Libano vive in alloggi in condizioni inferiori agli standard minimi. Quasi la metà di tutte le persone colpite da questa crisi sono bambini e molti di loro, insieme alle loro famiglie, lottano per far fronte al disagio causato dalle violenze e dallo sconvolgimento che hanno subito.
I partner del 3RP avvertono che se ulteriori fondi non arriveranno presto, fino a 130.000 famiglie vulnerabili non riceveranno l’assistenza in denaro necessaria per aiutarle a soddisfare i bisogni primari e molte persone vulnerabili smetteranno di ricevere i buoni pasto mensili. L’erogazione dell’acqua e i servizi delle acque reflue di cui godono milioni di persone in tutta la regione saranno in pericolo. Fino a 1,7 milioni di persone potrebbero trovarsi ad affrontare l’inverno di quest’anno senza carburante, riparo, isolamento, coperte o vestiti pesanti. Lo scorso anno molte persone, tra cui anche dei bambini, hanno perso la vita durante l’inverno più duro che la regione abbia visto negli ultimi quarant’anni.
A metà dell’anno, avendo ricevuto meno di un quarto dei fondi necessari e con l’inverno proprio dietro l’angolo, i partner del 3RP hanno urgente bisogno di finanziamenti certi per poter pianificare le attività e dare risposte tempestive.
La crisi in Siria ha anche prodotto importanti effetti sociali ed economici sui paesi ospitanti, che restano in prima linea nella crisi e che stanno attraversando instabilità politiche, economiche, sociali e di sicurezza. Nel pieno del suo quinto anno, la crisi siriana sta avendo un impatto sullo sviluppo e la sicurezza globale.
Secondo l’Amministratore dell’UNDP Helen Clark, “le lezioni apprese nel corso degli ultimi quattro anni di risposta alla crisi siriana mostra senza ombra di dubbio l’importanza di offrire un approccio umanitario e di sviluppo basato sulla costruzione di resilienza. Un Piano 3RP ben finanziato sosterrà la stabilizzazione aiutando le persone a trovare un impiego, ad avere accesso ad opportunità imprenditoriali, e a migliorare la sicurezza alimentare delle famiglie.”
Il rapporto rileva che, se da un lato la pressione sui paesi ospitanti continua a crescere, dall’altro è sempre più difficile per i siriani trovare sicurezza, anche richiedendo asilo. Queste difficoltà hanno fatto aumentare il numero di siriani che cercano sicurezza e protezione al di fuori della regione, anche intraprendendo viaggi spesso pericolosi attraverso il Mediterraneo, nella speranza di raggiungere l’Europa. Molti siriani hanno perso la vita in questi viaggi.
Il rapporto invita la comunità internazionale a condividere maggiormente l’onere portato dai paesi ospitanti, attraverso una tempestiva fornitura di finanziamenti e l’offerta di soluzioni, come ulteriori opportunità di reinsediamento e altre forme di ammissione umanitaria per i rifugiati siriani. I partner del 3RP avvertono che se la richiesta di azione rimarrà inascoltata, una generazione di siriani rimarrà indietro e i paesi limitrofi continueranno con fatica a fare il possibile per riuscire a garantire un bene pubblico che non possono e non devono offrire da soli.
Il contesto di 3RP Il Piano Regionale su Rifugiati e Resilienza (3RP) in risposta alla crisi siriana è un appello internazionale volto a rispondere alle esigenze di protezione dei rifugiati, ai bisogni umanitari delle persone più vulnerabili, e agli impatti socio-economici a lungo termine della crisi siriana sui paesi limitrofi, ovvero Turchia, Libano, Giordania, Iraq ed Egitto. Il 3RP è un appello per il finanziamento di 5,5 miliardi di dollari, che comprende 1 miliardo di dollari da dare ai governi dei paesi di asilo e 4,5 miliardi di dollari per i programmi attuati dalle agenzie delle Nazioni Unite e dalle organizzazioni non governative (ONG). L’appello è pianificato sulla base in uno scenario di 4,27 milioni di rifugiati siriani nella regione per la fine del 2015, e ha lo scopo di assistere nell’anno in corso più di 20 milioni di altre persone nelle comunità locali coinvolte.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CWT acquisisce Ormès

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

FloydCarlson Wagonlit Travel (CWT) ha annunciato l’acquisizione di Ormès, storica agenzia francese specializzata in meeting ed eventi aziendali. Con l’unificazione di CWT Meetings & Events e di Ormès, CWT conferma la sua ambiziosa strategia nel mercato meeting ed eventi volta a costituire una organizzazione leader in eventi aziendali a livello globale, ma con una forte presenza nei mercati locali.Ormès è infatti una realtà importante del mercato francese, dove è attiva da oltre quarant’anni, e ha visto crescere i propri volumi del 20% tra il 2013 e il 2014. «Questa acquisizione dimostra l’impegno di CWT nel mercato e ci posiziona bene per un’ulteriore crescita nel futuro – sottolinea Floyd Widener, senior vice president di CWT Meetings & Events global -. I clienti di entrambe le società potranno beneficiare della nostra forte cultura creativa, unita a una gestione omogenea della clientela in tutto il mondo».«Gli eventi oggi sono una priorità per la comunicazione aziendale – aggiunge Widener -, e noi abbiamo competenze, esperienza globale, creatività e solidità finanziaria che possono contribuire al successo dei meeting e gli eventi dei nostri clienti».Leader nel mercato francese dei meeting ed eventi aziendali con 150 dipendenti, Ormès continuerà a dedicarsi sia all’ideazione e realizzazione di eventi che allo Strategic Meetings Management, gestendo dalle piccole riunioni ai grandi momenti aggregativi.Sarà Michel Dutertre, chairman di Ormès, a guidare l’integrazione delle due aziende. «Ormès e CWT Meetings & Events hanno sempre condiviso una visione comune del mercato, e la nostra dimensione, le aree di competenza e i valori aziendali ci hanno portato ad unirci in modo quasi naturale – commenta Dutertre -. La fedeltà e la fiducia che i clienti ripongono nella nostra squadra è il nostro bene più prezioso e questo, combinato con l’entusiasmo dei nostri collaboratori, è la migliore garanzia di successo».Con una squadra di riconosciuti professionisti, una forte visione strategica, una decisa propensione all’innovazione, risorse grafiche e audiovisive d’eccellenza, il nuovo gruppo è in grado di rispondere ancora più efficacemente alle esigenze dei propri clienti, trasformando le idee in risultati. (foto:Floyd)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Digital disruption: gli executive si aspettano che 4 incumbent su 10 perderanno la loro posizione entro i prossimi cinque anni

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

vimercateVimercate (MB), Gli effetti della digital distruption hanno il potenziale di cambiare le carte in tavola per gli incumbent e modificare radicalmente i mercati, più velocemente di qualsiasi altra forza nella storia: lo evidenzia un nuovo report reso noto oggi dal Global Center for Digital Business Transformation (DBT Center), una iniziativa creata da Cisco e dall’International Institute of Management Development (IMD) di Losanna, Svizzera.Questo studio, intitolato Digital Vortex: How Digital Disruption is Redefining Industries, è il primo report rilasciato dal DBT Center. Lo stato attuale della digital disruption e le prospettive per i diversi settori economici sono stati analizzati con un questionario somministrato a 941 business leader di 12 settori in 13 paesi: Italia, Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Giappone, Messico, Russia, Regno Unito e Stati Uniti.Dai risultati emerge che la digital disruption farà perdere la propria posizione a circa il 40% degli operatori incumbent in ognuno dei 12 settori analizzati, entro i prossimi cinque anni. Nonostante ciò, il 45% delle aziende non credono che la digital disruption sia un fenomeno che meriti di essere portato all’attenzione del board di direzione. “Ogni paese, ogni città, ogni impresa dovrà diventare digitale per competere e resistere nella nuova economia digitale” ha dichiarato Martin McPhee, senior vice president, Cisco Consulting Services. Il Global Center for Digital Business Transformation, che si occupa sia di digital disruption sia di formazione, rappresenterà per gli executive chiamati a occuparsene una piattaforma per comprendere perché affrontare il viaggio verso la digitalizzazione, come farlo, quali strumenti sono necessari per questo percorso e – in ultima analisi – per la sostenibilità nel tempo delle organizzazioni in cui operano”La gran parte degli executive che hanno partecipato allo studio considerano la digitalizzazione un fenomeno positivo per il business e per la società. Infatti, il 75% di loro crede che la digital disruption sia una forma di progresso, il 72% dichiara che consente di dare più valore ai clienti ed il 66% ritiene che aumenti il potenziale delle persone. Allo stesso tempo, il 43% non riconosce i rischi della digital disruption, oppure non li ha affrontati in modo sufficiente. Solo il 25% descrive il proprio approccio alla digital disruption come “proattivo”.Fra i dodici settori presi in considerazione, il settore Prodotti e Servizi Tecnologici mostra il maggior potenziale di cambiamento nei prossimi cinque anni. In generale, il report evidenzia che i settori “data-driven” sono ai primi posti di questa lista: Media & Entertainment, Telecomunicazioni, Servizi Finanziari, Retail. Secondo lo studio, questi sono i settori che si basano maggiormente sulla Rete per “scambiare” valore digitale – con dati, transazioni, etc.Le forze motrici della distruption sono nuove start-up ben dotate di finanziamenti, concorrenti più proattivi rispetto al digitale e – sempre più – il “fondersi” di settori diversi, favorito dal fatto che la digitalizzazione dà più liberta di espansione in nuovi mercati. In media, i manager delle aziende incumbent in tutti e dodici i settori presi in considerazione hanno ammesso di aspettarsi cambiamenti sostanziali a causa della digital disruption, compresi cambiamenti di market share entro i prossimi cinque anni. Nonostante ciò, lo studio evidenzia che quasi un terzo degli incumbent ha un approccio attendista.“Non sono solo i modelli di business a cambiare: cambiano anche le catene del valore e le offerte di prodotto. La digitalizzazione non sta solo trasformando i vari settori, sta sempre più sfumando i confini fra di essi” ha commentato Michael Wade, Director del DBT Center e Professore di Innovation and Strategy in IMD. “Man mano che i diversi settori si avvicinano al “centro” del vortice digitale, le componenti fisiche – nella misura in cui ostacolano il vantaggio competitivo – si disperdono. Gli innovatori di maggior successo utilizzano un approccio “combinatorio” alla disruption: molteplici fonti di valore – costi, epserienza, piattaforma – sono fuse insieme per creare nuovi modelli di business dirompenti e ottenere guadagni esponenziali”.Il termine “Digital Vortex” descrive la forza trainante creata dalla digitalizzazione in tutti i settori, ed il modo in cui le aziende sono inevitabilmente portate verso il centro di questo fenonemo. La ricerca Digital Vortex indaga le sfide e le opportunità della digital disruption ed è un importante primo passo del DBT Center in un percorso che durerà cinque anni, coinvolgendo l’IMD, Cisco ed un ecosistema di altre organizzazioni partner.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Gesture and word analysis: the same or different processes?”

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

parma universitàImportante “palcoscenico” per uno studio firmato dal Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Parma. Il prof. Maurizio Gentilucci, docente di Fisiologia, e le sue collaboratrici Elisa De Stefani e Doriana De Marco hanno pubblicato sulla rivista internazionale “NeuroImage” l’articolo “Gesture and word analysis: the same or different processes?”, nel quale si studia l’integrazione del linguaggio gestuale con il linguaggio verbale utilizzando tecniche comportamentali e neurofisiologiche.
Gli autori riportano che, se il significato di un gesto è congruente col significato di una parola (per esempio: gesto “pollice su” e parola “bene”) a 250ms (millisecondi) dalla presentazione di un gesto, la parola è integrata col gesto. Ne risulta un’amplificazione dei parametri cinematici del movimento delle labbra e dei parametri vocali della parola, e conseguentemente un rafforzamento del significato della parola. Inoltre, usando tecniche neurofisiologiche di stimolazione magnetica transcranica applicata alla corteccia motoria, gli autori hanno mostrato che, a 100 ms dalla sua presentazione, il gesto viene automaticamente simulato verosimilmente per comprenderne il significato. Di conseguenza, il significato del gesto incomincerebbe a essere compreso a 100ms dalla sua presentazione e sarebbe poi integrato con la parola a 250ms. Questo studio supporta l’ipotesi secondo la quale il linguaggio parlato deriverebbe da un sistema di comunicazione gestuale (pubblicazioni di Gentilucci e Corballis del 2006). E ciò potrebbe avere significative ricadute: un avanzamento delle conoscenze dei rapporti tra i circuiti legati al controllo dei gesti e delle parole potrebbe ad esempio trovare un’applicazione anche nella riabilitazione delle afasie.

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuole di specializzazione: Binetti: (Ap): più facile vincere il ricorso che il concorso

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

Paola-Binetti“Ma che Paese è mai questo, se anche un concorso nazionale, il primo del suo genere, lungamente desiderato, attentamente programmato, faticosamente giunto ad una apparente conclusione, può essere smontato pezzo per pezzo da sentenze della magistratura, che stanno trasformando i suoi inevitabili difetti, in un radicale capovolgimento delle posizioni iniziali”? Questo il commento di Paola Binetti, deputato di Area Popolare. “Mi riferisco al concorso nazionale per l’ammissione alle scuole di specializzazione, svolto nell’Ottobre dello scorso anno per la prima volta. Accolti i ricorsi di Bari, dove in aula 3 fu trovato un plico manomesso. Accolti anche tutti i ricorsi della Federico II di Napoli, quelli di piccoli gruppi della Sapienza a Roma, quelli di Tor Vergata e della Statale di Milano, emerge la triste realtà che è più facile vincere il concorso sulla base del ricorso che non sulla base della qualità del test fatto. A questa amara conclusione di molti partecipanti che non hanno fatto ricorso: non contano tanto le capacità dei concorrenti quanto i difetti del sistema. Rispettiamo le sentenze, ma ci attendiamo- commenta la parlamentare- che il Miur riservi le dovute attenzioni alla selezione della futura classe di specialisti. Proprio ieri il MIUR rispondendo ad una mia duplice interrogazione nell’Aula di Montecitorio, ha glissato proprio sul passaggio, in cui si faceva riferimento alla vicenda dei 300 aspiranti, di cui il TAR aveva bocciato il ricorso, poi accolto dal Consiglio di Stato.Un vero pasticciaccio tra le Istituzioni che crea amarezza e confusione anche tra i candidati di quest’anno, che per altro vedono ridursi il numero di posti complessivamente disponibili, dal momento che non ci sono risorse aggiuntive. Giustamente preoccupato Walter Mazzucco, presidente nazionale dell’Associazione Giovani Medici, cauto sull’ultima sentenza del Tar del Lazio, che permetterà a quasi mille studenti di essere equiparati ai vincitori del test per l’ammissione al corso di laurea in Medicina e Chirurgia, passando dalla condizione di immatricolati con riserva a quella di immatricolati di diritto. Nessun raccordo tra numeri di immatricolati al corso di Laurea in medicina e numero di contratti per gli specializzandi. L’unico punto di convergenza consiste nella drammatica confusione che si crea tra ammessi subito dopo i rispettivi concorsi, e ammessi invece su indicazione dei successivi ricorsi. Davvero non c’è nessuna certezza- conclude Binetti- in fase di ammissione, né al corso di laurea né alla scuola di specializzazione. L’unica speranza sembra che stia solo nelle maglie di un sistema che trasforma gli errori in opportunità. Per alcuni però, solo per alcuni e non per i migliori”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Osteoporosi dietro l’angolo

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

Morbo-di-CrohnLe malattie croniche infiammatorie intestinali (MICI), ovvero il morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa, possono determinare un maggior rischio di osteoporosi e quindi di fratture ossee. “Questo aspetto è spesso misconosciuto e sottovalutato” spiega il prof. Vincenzo Bruzzese, Presidente Nazionale della SIGR “l’osteoporosi è una patologia subdola che si evidenzia con l’avvento indesiderato di una frattura ossea”.
I processi infiammatori cronici sia di tipo reumatico come l’Artrite Reumatoide ma anche di tipo intestinale come il Morbo di Crohn si possono complicare con un quadro conclamato di osteoporosi. Molte le cause, in primis l’infiammazione stessa, mediata da sostanze chiamate ‘citochine’ in particolare il Tumor Necrosis Factor (TNF) e l’Interleukina 6 (IL6), può determinare uno squilibrio a carico del metabolismo osseo. Inoltre l’uso cronico di cortisone può portare ad una alterazione della struttura ossea anche severa. Il TNF e L’IL6 agiscono attivando un’altra citochina, denominata RANKL, che a sua volta, determina una più veloce maturazione degli osteoclasti, le cellule deputate al riassorbimento osseo. “I pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali sono ad elevato rischio di osteoporosi per la presenza di più fattori di rischio concorrenti” racconta il gastroenterologo prof. Piero Vernia del Dipartimento di Medicina Interna all’Università di Roma La Sapienza. “La cronicità delle malattie comporta l’esposizione per tempi prolungati ad elevate concentrazioni di citochine pro-infiammatorie, che svolgono di per sé una azione negativa sul metabolismo osseo. Secondo fattore negativo è il frequente e prolungato uso di farmaci cortisonici, che notoriamente aggravano il problema, in quanto influisce negativamente sull’attività degli osteoblasti, le cellule che formano le ossa, mentre rimangono attivi gli osteoclasti, responsabili del riassorbimento dello scheletro. Altro fattore aggiuntivo é dato da una dieta povera di latte e latticini, che rappresentano la principale fonte dietetica di calcio”.
Proprio la carenza di calcio dovuta alla scarsa assunzione di latticini è un elemento fondante della epidemica diffusione di ossa fragili nei pazienti con Malattie Croniche Infiammatorie che eliminano latte e derivati nel tentativo di diminuire alcuni sintomi. “Uno studio italiano pubblicato sul Journal Crohn’s Colitis del 2013 su un gruppo di circa 200 pazienti ha mostrato come almeno un terzo di pazienti, in particolare donne, con malattie infiammatorie croniche riceva un apporto inadeguato di calcio dalla dieta che li rende a rischio di osteopenia, condizione reversibile con adeguate strategie correttive come la supplementazione” aggiunge Vernia. Questo dato è stato confermato da una ricerca condotta presso il Dipartimento di Scienze della Nutrizione dell’Università di Bahia, in Brasile che ha valutato l’assunzione di latticini da parte di pazienti con MICI rilevando che il 64,7% li elimina in tutto o in parte dalla dieta quotidiana, percentuale che raggiunge quasi il 100% nei pazienti con Crohn. In dettaglio: il 52,3% ha cambiato abitudini alimentari dopo la diagnosi, il 64,7% ha sostituito in parte il latte di mucca con quello di soia con la conseguenza che il 90,8% dei pazienti presi in esame nello studio ha un apporto di calcio dalla dieta, insufficiente e inadeguato.
Si aggiunge a questa situazione già critica, il fatto che in alcune patologie intestinali è proprio l’intestino tenue a perdere la capacità di assorbimento del prezioso minerale. Inoltre, pazienti affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali tendono ad avere una ridotta esposizione al sole, con la conseguenza di un’inadeguata produzione della preziosa vitamina D. “Ecco allora che questi pazienti devono essere valutati nella globalità e non solo nelle patologie presenti” spiega Bruzzese “così da prevenire l’insorgenza di problemi medici che possano peggiorare ulteriormente la vita di questi soggetti. L’identificazione dei fattori di rischio, la loro precoce correzione possono consentire di ridurre il rischio di osteoporosi o almeno di iniziare precocemente un trattamento adeguato. In particolare uno studio del 2014 pubblicato sull’American Journal of Gastroenterology* ha mostrato come l’aderenza dei pazienti con colite ulcerosa in trattamento con cortisone allo screening della densità ossea aveva come effetto la diminuzione del 50% del rischio di fratture. La ricerca è stata condotta su oltre 5700 pazienti seguiti per un periodo di follow up di 10 anni, dal 2001 al 2011”. Cosa fare allora? Il professor Vernia sottolinea che in questi casi occorre eseguire uno screening per valutare la salute delle ossa e l’opportunità di ricorrere ad una supplementazione di calcio e di vitamina D, attraverso una MOC (mineralometria ossea computerizzata) soprattutto nei soggetti in trattamento con corticosteroidi. La supplementazione con vitamina D può non solo prevenire la degenerazione ossea ma migliorare il quadro clinico delle MICI grazie alle proprietà immunomodulanti proprie di questa molecola.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal pacemaker alla cardiocapsula

Posted by fidest press agency su sabato, 27 giugno 2015

pacemakerIl pacemaker più piccolo del mondo arriva in Italia. I primi impianti, iniziati nei giorni scorsi, proseguiranno nelle prossime settimane, coinvolgendo 12 aziende ospedaliere e cliniche nelle città di Bari, Bologna, Brescia, Cotignola, Milano, Pisa, Roma, Torino, Udine.Poco più grande di una pillola, un decimo della grandezza di un pacemaker convenzionale, il sistema di stimolazione intracardiaco transcatere Micra™ Transcatheter Pacing System (TPS) di Medtronicè una vera e propria cardiocapsula, pesa 2 grammi, misura poco più di 2 cm e ha una durata che può variare dai 7 ai 14 anni. Viene impiantato direttamente nella cavità cardiaca attraverso la vena femorale e non prevede l’impianto di elettrodi di stimolazione. Una volta posizionato, il sistema Micra™, ancorato al cuore attraverso piccoli ganci appositamente progettati, emette impulsi elettrici in grado di regolarizzare il battito cardiaco attraverso un elettrodo posto sul dispositivo.A differenza delle attuali procedure di impianto, quella del Micra™ TPS non necessita di alcun filo o catetere e non richiede incisioni nel torace, né la creazione di una tasca sottocutanea, eliminando, così, il rischio di potenziali complicanze legate alla procedura tradizionale.Il dispositivo ha ricevuto il Marchio CE nell’aprile 2015, sulla base dei risultati dei primi 60 pazienti arruolati nello studio clinico mondiale Micra™ Transcatheter Pacing Study, a distanza dei primi tre mesi dall’impianto.Lo studio, multicentrico, a singolo braccio, procede per completare il follow up con il coinvolgimento di 700 pazienti in 56 centri di 19 Paesi. Durante il 36° Annual Scienfic Session della Heart Rhythm Society svoltosi nel maggio scorso, sono stati presentati i risultati relativi a 140 pazienti, che hanno dimostrato il successo della proceduta nel 100% dei casi. Non si sono verificati episodi di infezione o eventi che abbiano richiesto un nuovo intervento. In tutte le visite di follow up dei pazienti (1-3 mesi), poi, i valori della stimolazione elettrica rientravano nei parametri previsti. I soggetti coinvolti coprivano un’ampia gamma di “profili”, dal punto di vista dell’età (da 21 a 94 anni), del peso corporeo (da 41 a 148 Kg), delle comorbilità (BPCO, ipertensione polmonare).La stimolazione del cuore senza elettrocateteri rappresenta un’innovazione rivoluzionaria che si posiziona come una pietra miliare nella storia dei pacemaker, che da circa sessant’anni ha visto numerose ed importanti evoluzioni.
Micra™ TPS, infatti, è uno dei segni tangibili dell’impegno profuso da Medtronic nell’innovazione tecnologica, mirata soprattutto alla miniaturizzazione dei dispositivi cardiaci impiantabili, che comporta notevoli vantaggi e benefici per il paziente. Elemento molto importante, se consideriamo le dimensioni del numero di device cardiaci impiantabili: nel 2014, in Italia, sono stati impiantati, infatti, circa 89.500 dispositivi cardiaci, di cui, 63.440 pacemaker per la bradicardia, circa 2.000 per la resincronizzazione cardiaca (nello scompenso cardiaco) e oltre 24.000 defibrillatori impiantabili.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »