Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 4 giugno 2015

ON Semiconductor Announces Pricing of Private Offering of $600 Million of 1.00% Convertible Senior Notes

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

PHOENIX, Ariz, Ariz. ON Semiconductor Corporation (NASDAQ: ON), (“ON Semiconductor”) announced today the pricing of its previously announced private offering of $600 million aggregate principal amount of 1.00% Convertible Senior Notes due 2020 (the “notes”). The notes were offered only to qualified institutional buyers in accordance with Rule 144A under the Securities Act of 1933, as amended (the “Securities Act”). ON Semiconductor has granted to the initial purchasers of the notes a 30-day option to purchase up to an additional $90 million aggregate principal amount of notes. The offering is expected to close on June 8, 2015, subject to customary closing conditions.
The notes will be ON Semiconductor’s senior unsecured obligations and guaranteed by certain of its subsidiaries. The notes will bear interest at a rate of 1.00% per year, payable semiannually in arrears on June 1 and December 1 of each year, beginning on December 1, 2015. The notes will mature on December 1, 2020.The initial conversion rate for the notes is 54.0643 shares of ON Semiconductor’s common stock per $1,000 principal amount of notes (equivalent to an initial conversion price of approximately $18.50 per share of ON Semiconductor’s common stock), which represents an approximately 42.50% conversion premium over the last reported sale price of $12.98 per share of ON Semiconductor’s common stock on The NASDAQ Global Select Market on June 2, 2015.
Prior to September 1, 2020, the notes will be convertible only upon satisfaction of certain conditions and during certain periods, and thereafter, at any time until the close of business on the second scheduled trading day immediately preceding the maturity date. Upon any conversion, ON Semiconductor will settle its conversion obligation in cash, shares of its common stock, or a combination of cash and shares of its common stock, at its election.In connection with the pricing of the notes, ON Semiconductor has entered into privately negotiated convertible note hedge transactions with one or more of the initial purchasers of the notes or their affiliates or other financial institutions (the “hedge counterparties”). The convertible note hedge transactions will cover, subject to customary anti-dilution adjustments, the same number of shares of common stock as those underlying the notes, and are expected to reduce the potential dilution to ON Semiconductor’s common stock and/or offset potential cash payments upon conversion of the notes.
ON Semiconductor has also entered into privately negotiated warrant transactions with the hedge counterparties relating to the same number of shares of ON Semiconductor common stock as the convertible note hedge transactions. The strike price of the warrant transactions will initially be $25.96 per share, which represents an approximately 100% premium to the last reported sale price of ON Semiconductor’s common stock on The NASDAQ Global Select Market on June 2, 2015. The warrant transactions could have a dilutive effect to ON Semiconductor’s common stock to the extent that the market price per share of ON Semiconductor’s common stock exceeds the strike price of the warrants. If the initial purchasers exercise their option to purchase additional notes, ON Semiconductor may enter into additional convertible note hedge and warrant transactions.
In connection with establishing their initial hedge of the convertible note hedge and warrant transactions, the hedge counterparties, or their affiliates, expect to purchase shares of ON Semiconductor’s common stock and/or enter into various derivative transactions with respect to ON Semiconductor’s common stock concurrently with or shortly after the pricing of the notes. In addition, the hedge counterparties, or their affiliates, may modify their hedge positions by entering into or unwinding various derivative transactions with respect to our common stock and/or by purchasing or selling ON Semiconductor common stock or other securities of ON Semiconductor in secondary market transactions prior to the maturity of the notes, and are likely to do so during any observation period related to a conversion of notes. These hedging activities could have the effect of increasing, or reducing the size of any decline in, the market price of ON Semiconductor’s common stock or the notes at that time.
ON Semiconductor intends to use the net proceeds: to fund the cost of the convertible note hedge transactions described above (the cost of which will be partially offset by the proceeds that ON Semiconductor will receive from entering into the warrant transactions described above); to fund the repurchases of up to $100 million of ON Semiconductor’s common stock, of which approximately $70 million has been purchased from purchasers of notes in the offering in privately negotiated transactions effected through one or more of the initial purchasers or its affiliates conducted concurrently with the pricing of the notes, and the balance of which is expected to be purchased in the open market after the pricing of the notes, to repay $350 million of borrowings outstanding under its revolving credit facility and for general corporate purposes, including additional share repurchases and potential acquisitions.The purchase price per share of ON Semiconductor’s common stock in repurchases conducted concurrently with the pricing of the notes was equal to the last reported sale price of $12.98 per share of ON Semiconductor’s common stock on the NASDAQ Global Select Market on June 2, 2015. Any share repurchases conducted concurrently with the pricing of the notes or afterwards could increase, or prevent a decrease in, the market price of ON Semiconductor’s common stock or the notes, which could result in a higher effective conversion price for the notes, affect the ability of the holders to convert the notes and, to the extent such repurchase occurs during any observation period related to a conversion of the notes, affect the amount and value of the consideration that holders will receive upon conversion of the notes.
ON Semiconductor (Nasdaq: ON) is driving energy efficient innovations, empowering customers to reduce global energy use. The company is a leading supplier of semiconductor-based solutions, offering a comprehensive portfolio of energy efficient power and signal management, logic, standard and custom devices. The company’s products help engineers solve their unique design challenges in automotive, communications, computing, consumer, industrial, medical and military/aerospace applications. ON Semiconductor operates a responsive, reliable, world-class supply chain and quality program, and a network of manufacturing facilities, sales offices and design centers in key markets throughout North America, Europe, and the Asia Pacific regions.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Greenpeace experts at G7 summit

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

berlinoBerlin, Ahead of the G7 summit this Sunday in Elmau, where climate change will be high on the agenda, Greenpeace head of international climate politics, Martin Kaiser said:“If Angela Merkel does not want to go down in history as the ‘Coal Chancellor’, she has to use this opportunity to make the first step in the phase-out of coal in Germany ahead of the summit. This would enable her to convince Obama, together with his G7 colleagues, to make the transition to 100% renewable energy by mid-century.”The G7 meeting in Elmau is six months ahead of the UN climate change conference in Paris, where nations have set a deadline for a global agreement.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EU PNR: MEPs to discuss possible changes to Commission proposal

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

european commissionAmendments to the EU Passenger Name Record data (EU PNR) proposal will be discussed in the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee on Thursday 4 June from 11.15 to 12.15. Of the 836 amendments tabled, 47 were presented by rapporteur Timothy Kirkhope (ECR, UK) in his draft report and 789 by MEPs from various political groups.The amendments touch on a wide range of issues, such as which flights should be included or excluded, the data retention period, several data protection provisions, clearer rules on how data should be processed and by whom, etc. Some amendments would reject the Commission proposal, and others would change it from a directive to a regulation.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mieloma multiplo: elotuzumab riduce del 30% rischio progressione malattia

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

New England Journal of MedicinePassi in avanti significativi nel trattamento del mieloma multiplo. Elotuzumab, anticorpo sperimentale immuno-stimolante, ha dimostrato di ridurre del 30% il rischio di progressione della malattia o di morte. I dati emergono da ELOQUENT-2, studio randomizzato di fase III in aperto, pubblicato nell’edizione online del New England Journal of Medicine. E l’Italia ha svolto un ruolo di primo piano in questo studio. ELOQUENT-2 ha valutato elotuzumab in combinazione con il trattamento standard lenalidomide e desametasone rispetto a lenalidomide e desametasone nel mieloma multiplo in recidiva o refrattario. Lo studio ha dimostrato un aumento della sopravvivenza libera da progressione e della risposta obiettiva.
“Il mieloma multiplo, nonostante i passi in avanti nei trattamenti, è una malattia ancora in gran parte non curabile”, ha affermato Sagar Lonial, M.D. chief medical officer al Winship Cancer Institute of Emory University School of Medicine. “I dati di ELOQUENT-2 sono significativi perché mostrano che aggiungendo elotuzumab al trattamento standard si ottiene una sorprendente riduzione del rischio di progressione della malattia, che si mantiene nel tempo. È la dimostrazione del beneficio del trattamento immuno-oncologico nel mieloma multiplo”. I risultati dello studio ELOQUENT-2 sono stati presentati a Chicago al Congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) che si è concluso ieri. Presentati all’ASCO anche i risultati di uno studio di fase II che ha valutato elotuzumab in combinazione con bortezomib e desametasone rispetto a bortezomib e desametasone in pazienti con mieloma multiplo in recidiva o refrattario. In linea con i dati di ELOQUENT-2, i risultati di questo studio di fase II hanno mostrato una riduzione del 28% del rischio di progressione della malattia o di morte nel braccio elotuzumab, bortezomib e desametasone rispetto a bortezomib e desametasone. “Questi studi, che hanno valutato elotuzumab in combinazione con un immuno-modulatore o un inibitore del proteasoma, dimostrano che elotuzumab, un anticorpo immuno-stimolante, possiede potenzialità come nuova modalità di trattamento del mieloma multiplo”, ha commentato Michael Giordano, senior vice president, Head of Development, Oncology, Bristol-Myers Squibb. “Continuiamo a fare grandi progressi nel nostro obiettivo di espandere il ruolo dell’immuno-oncologia nei tumori ematologici, come il mieloma multiplo. Siamo in attesa dei risultati di un follow-up prolungato di ELOQUENT-2 perché un miglioramento dei risultati a lungo termine, inclusa la sopravvivenza, è fondamentale per i pazienti”.
Elotuzumab è un anticorpo sperimentale immuno-stimolante che ha come bersaglio SLAMF7 (Signaling Lymphocyte Activation Molecule), una glicoproteina di superficie altamente e uniformemente espressa nelle cellule di mieloma e sulle cellule Natural Killer (NK), ma non nei tessuti normali o nelle cellule staminali ematopoietiche. Elotuzumab è attualmente in sperimentazione per valutare se la molecola possa selettivamente colpire le cellule di mieloma. Si pensa che elotuzumab agisca attraverso un duplice meccanismo d’azione: legandosi a SLAMF7 sulle cellule NK, le attiva direttamente, e legandosi a SLAMF7 sulle cellule di mieloma, le rende sensibili al riconoscimento e alla distruzione da parte delle cellule NK.
A maggio 2014, la Food and Drug Administration (FDA) ha concesso ad elotuzumab la designazione di ‘Breakthrough Therapy’ per l’utilizzo in combinazione con uno dei trattamenti per il mieloma multiplo (lenalidomide, usato in combinazione con desametasone) nei pazienti che avevano ricevuto uno o più linee di terapia precedenti. Elotuzumab è una molecola sperimentale e la sua sicurezza ed efficacia non sono state valutate dalla FDA o da altra autorità regolatoria sanitaria.
Bristol-Myers Squibb e AbbVie hanno sviluppato insieme elotuzumab, ma solo Bristol-Myers Squibb sarà impegnata nella commercializzazione del farmaco.
Il mieloma multiplo è una neoplasia ematologica, o del sangue, maligna che si sviluppa nel midollo osseo. Si manifesta quando una plasmacellula, un tipo di cellula presente nella parte centrale del midollo osseo, diventa cancerosa e si moltiplica senza controllo. Malgrado i recenti avanzamenti degli ultimi anni nel trattamento del mieloma multiplo, soltanto il 45% dei pazienti sopravvive 5 anni. Una caratteristica comune per molti pazienti è che manifestano cicliche remissioni e recidive, tra le quali sospendono il trattamento per un breve periodo per eventualmente riprenderlo. Dopo la recidiva, meno del 20% dei pazienti è vivo a 5 anni. Si stima che annualmente siano diagnosticati globalmente più di 114.200 nuovi casi di mieloma multiplo e che più di 79.000 persone muoiano per questa malattia nel mondo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dimension Data presenta i risultati del Network Barometer Report 2015

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

dimension dataI nuovi dati pubblicati nell’annuale Network Barometer Report¹ di Dimension Data rivelano che il monitoraggio remoto e la gestione automatizzata riducono il tempo dedicato alla risoluzione dei problemi dei dispositivi di rete difettosi di un significativo 75%. Di conseguenza, si riduce del 32% il tempo necessario a riparare questi dispositivi, rispetto a quelli gestiti diversamente. La ricerca di quest’anno, inoltre, mostra una forte correlazione tra i malfunzionamenti causati dai dispositivi e il loro stato di invecchiamento.
Secondo il Report, per il quinto anno consecutivo le reti continuano a invecchiare, rilevando che il 53% di oltre 70.000 dispositivi tecnologici analizzati sono vecchi o obsoleti, 2 punti percentuali in più rispetto allo scorso anno. È stato registrato anche un leggero calo nella percentuale dei dispositivi obsoleti, dall’11% dello scorso anno al 9% attuale, mentre sono aumentati i dispositivi vecchi (+4 %). La percentuale dei dispositivi attuali vecchi e obsoleti è al suo minimo storico degli ultimi tre anni.La ricerca ha analizzato le reti di aziende di qualsiasi dimensione appartenenti a diversi settori di mercato , che operano in 28 paesi.”Nel corso dei sette anni di storia del Network Barometer Report, il livello medio di tolleranza nei confronti dei dispositivi aziendali obsoleti presenti sulle reti è stato di circa il 10%. Raramente le aziende hanno consentito a questo valore di raggiungere l’11% prima di procedere alla sostituzione dei relativi dispositivi. Secondo logica, questo avrebbe dovuto portare ad un imminente aggiornamento tecnologico, ma i nostri dati mostrano che le aziende stanno aggiornando soprattutto i dispositivi più obsoleti e che sono chiaramente propense a sfruttare i dispositivi vecchi più a lungo del previsto. Le aziende concentrano quindi le iniziative di aggiornamento, in particolare, sulla tecnologia che ha raggiunto una fase critica del ciclo di vita, quando non è più possibile usufruire dell’assistenza da parte dei vendor”, ha dichiarato Andre van Schalkwyk, ConsultingPractice Manager della business unit Networking di Dimension Data.In base all’esperienza di Dimension Data, nella valutazione della maturità del supporto operativo delle aziende, su una scala di cinque punti, circa il 90% di queste si trova ancora al primo o al secondo livello di maturità. Questi livelli sono caratterizzati dalla mancanza di processi standard e di strumenti specifici per la risoluzione dei problemi e da ruoli e responsabilità ambigui del personale IT. Tutto ciò genera un aumento dei tempi di fermo della rete e dei costi operativi. Questa è anche la ragione per cui il 30% di tutti gli incidenti di servizio continua a dipendere da errori umani.Van Schalkwyk sottolinea che processi maturi di monitoraggio, supporto e manutenzione consentono una maggior tolleranza verso i dispositivi vecchi presenti sulla rete. Questo conferma che è possibile una gestione di una rete complessivamente meno aggiornata, “a condizione che vi sia una visibilità sufficiente dello stato del ciclo di vita di tutti i dispositivi, la presa di coscienza del relativo profilo di rischio, in funzione della loro criticità all’interno dell’infrastruttura globale, e che tale rischio venga gestito in modo proattivo. In generale assistiamo a un bisogno crescente di una gestione quotidiana della rete in modo più efficace, di tutte le reti aziendali”. (foto: report)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fibrillazione Atriale e nuovi anticoagulanti orali

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

fibrillazione_atriale2Oltre 1.000 cardiologi, medici di medicina generale, internisti e geriatri in aula per aggiornarsi sulla gestione dei pazienti con Fibrillazione Atriale, l’aritmia cardiaca più diffusa a livello mondiale. Cominciano i corsi della prima Scuola di Formazione in Fibrillazione Atriale, Tromboembolismo e Nuovi Anticoagulanti Orali, promossa dall’Università degli Studi “Sapienza” e dall’Università Cattolica Sacro Cuore di Roma, con il supporto dell’Alliance Pfizer-Bristol-Myers Squibb. Obiettivo principale del corso è migliorare la conoscenza e l’appropriatezza delle strategie terapeutiche, che da circa due anni si sono evolute grazie all’avvento dei Nuovi Anticoagulanti Orali, NAO, caratterizzati da un profilo migliore in termini di sicurezza, maneggevolezza ed efficacia rispetto ai vecchi dicumarolici nella prevenzione dell’ictus causato dalla Fibrillazione Atriale. «L’avvento dei nuovi anticoagulanti orali rappresenta una delle più importanti rivoluzioni nella terapia farmacologica cardiovascolare – dichiara il professor Francesco Fedele, Direttore DAI Malattie Cardiovascolari e Respiratorie dell’Azienda Policlinico Umberto I – Sapienza Università di Roma – alla luce del nuovo scenario è fondamentale che il mondo accademico promuova una migliore conoscenza della Fibrillazione Atriale e delle strategie terapeutiche: solo conoscendo in maniera approfondita i meccanismi d’azione dei nuovi farmaci, i loro profili di sicurezza e di efficacia e le problematiche delle varie categorie di pazienti con Fibrillazione Atriale, si può riuscire a creare una valida rete assistenziale che coinvolga ospedale, università e territorio». Oltre 600.000 persone in Italia e quasi 2,5 milioni in Europa soffrono di Fibrillazione Atriale, aritmia cardiaca caratterizzata da una completa irregolarità degli impulsi elettrici a livello dei due atri, responsabile di gravi conseguenze cliniche. Secondo i dati di diversi studi, quasi il 20% degli ictus è causato da Fibrillazione Atriale e i pazienti con questa aritmia sono esposti ad un rischio di ictus aumentato di 4 volte rispetto alla popolazione generale. «È importante intercettare il più rapidamente possibile pazienti con Fibrillazione Atriale; spesso quest’ultima è sintomatica e porta il paziente dal medico, in altri casi è asintomatica ed è un riscontro occasionale durante una visita. È importante che il medico non perda questa opportunità anche perché la diagnosi è facile: basta palpare il polso e fare, se necessario, un ECG» dichiara il professor Filippo Crea, Direttore del Dipartimento di Scienze Cardiovascolari del Policlinico “Agostino Gemelli” – Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. «Una volta fatta la diagnosi, il secondo passaggio consiste nel decidere se iniziare una terapia anticoagulante, scelta che viene basata sul calcolo del rischio di ictus utilizzando delle scale appropriate. Nel caso in cui sia necessario prescrivere farmaci anticoagulanti bisogna attentamente valutare il rischio emorragico, utilizzando, anche in questo caso delle scale appropriate: se il rischio emorragico è elevato deve essere contrastato con misure specifiche per ogni paziente. Il terzo passaggio è la gestione della terapia antiaritmica».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

IBM aiuta le aziende a gestire la crescente complessità del Marketing e a fornire customer experience uniche e rilevanti

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

San Diego, California. ibmIBM (NYSE: IBM) ha annunciato nuove funzionalità di progettazione e analytics nell’ambito della piattaforma IBM Marketing Cloud, che consentiranno agli operatori di marketing di interagire con i clienti in modo sempre più personalizzato. Queste nuove funzionalità infatti permettono agli operatori di marketing di collaborare, progettare e fornire customer experience personalizzate.Oggi il ruolo del marketing è più complesso, data la proliferazione di dispositivi, canali e mercati emergenti in tutto il mondo, che rende l’offerta di esperienze personalizzate ai clienti al tempo stesso una sfida e un’opportunità. In effetti, secondo lo studio di IBM/eConsultancy, solo il 35 percento dei consumatori afferma che le comunicazioni ricevute dai brand preferiti sono rilevanti e 4 consumatori su 5 ritengono di non essere compresi come individui.
Per affrontare queste nuove dinamiche di mercato, gli operatori di marketing possono sfruttare le nuove funzionalità di analytics e progettazione nell’ambito di una soluzione integrata di IBM Marketing Cloud o come offerte singole:
IBM Journey Designer – Una “lavagna” virtuale sulla quale i professionisti di diversi team all’interno di un’organizzazione possono collaborare, con un’unica vista del percorso del cliente, per prendere decisioni migliori. Questa funzionalità è concepita con la stessa semplicità d’uso di strumenti “drag and drop” e offre la possibilità di pianificare, progettare, creare ed eseguire in modo efficace campagne multicanale basate sulle informazioni acquisite nel corso del tempo, fornendo esperienze più significative e mirate per interagire con il cliente.
IBM Journey Analytics – La grande quantità di dati generati per ogni cliente in ogni singolo secondo rappresenta una sfida per gli operatori di marketing. Ad esempio, un cliente entra in negozio e guarda un articolo, poi controlla prodotti paragonabili e prezzi attraverso un dispositivo mobile, riceve un feedback da familiari e amici su un social network – per acquistare poi tramite un iPad. Nell’ambito della crescita del fenomeno dell’omnichannel, IBM Journey Analytics permette agli operatori di marketing di visualizzare e quantificare i percorsi effettivamente compiuti dal cliente, aiutando a fornire esperienze più pertinenti con maggiore precisione, per aumentare la fedeltà al brand.
IBM Customer Experience Analytics – Una singola piattaforma raccoglie i prodotti IBM Journey Analytics, Digital Analytics e funzionalità di analisi del comportamento dei clienti. Gli operatori di marketing dispongono di una vista completa di come i brand interagiscono con i rispettivi clienti. È possibile, ad esempio, vedere quali contenuti i clienti osservano, se acquistano, se si registrano e/o scaricano del materiale. Possono comprendere inoltre il motivo di determinate azioni, ad esempio perché un cliente non ha completato una registrazione o ha abbandonato un carrello e intraprendere un’azione correttiva per recuperare il cliente e fidelizzarlo.IBM Commerce Insights – Operatori di marketing, merchandiser e product manager possono ora individuare le cause delle prestazioni insoddisfacenti di prodotti e articoli su un sito di e-commerce, o evidenziare dati e informazioni pertinenti per rispondere rapidamente a un concorrente o a un cambiamento delle condizioni del mercato con IBM Commerce Insights. Questa soluzione di predictive analytics permette di comprendere un cliente al di là dei semplici modelli di acquisto, grazie alla possibilità di conoscere più approfonditamente i suoi modelli di acquisto online e osservare la sua reazione in tempo reale rispetto alle diverse tattiche di marketing e merchandising.“Come produttori di abbigliamento intimo, è cruciale per noi differenziarci per fidelizzare i consumatori al brand. I clienti interagiscono con noi in molti modi, attraverso i diversi siti e i dispositivi, e per assicurare l’esperienza più mirata è necessario poter collegare tutti questi punti di contatto”, spiega Tom Blaisdell, Search Marketing Manager, HanesBrands, Inc. “Comprendere i percorsi dei clienti è essenziale per la nostra strategia di marketing e il lavoro che IBM sta facendo in questo ambito ci aiuterà a creare una connessione emotiva tra il nostro brand e i clienti”.IBM fornisce ai clienti anche un ecosistema di business partner ampliato, che li aiuta a sfruttare appieno queste funzionalità di progettazione e analisi. IBM e Facebook hanno recentemente annunciato che collaboreranno per fornire ai brand funzionalità di marketing “su misura”, in grado di raggiungere le persone giuste, al momento giusto, con il messaggio giusto. Con una facile integrazione “click-to-connect” per gli operatori di marketing, le aziende possono beneficiare rapidamente delle nuove applicazioni e delle nuove fonti di dati, inclusi i social media, la rete pubblicitaria e le informazioni che questi forniscono.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MediaTek amplia la famiglia di processori Helio™ con la Serie P

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

helioMediaTek, leader nella tecnologia per dispositivi mobili System-on-Chip (SoC) energeticamente efficienti, ha annunciato il lancio di Helio™ P10, un SoC ad alte prestazioni e alto valore progettato per rispondere alla crescente richiesta di smartphone sottili dotati di funzionalità premium avanzate. Il nuovo Helio P10 è basato su una CPU a 64 bit Cortex-A53 True Octa-core™a 2 GHz e su una GPU a 64 bit Mali-T860 dual-core a 700 MHz. Il nuovo Helio™ P10 sarà disponibile dal terzo trimestre 2015 e si prevede che possa apparire all’interno di prodotti consumer entro la fine del 2015.Il P10 è il primo chip della nuova famiglia Helio P, una linea studiata per integrare all’interno di un chipset ad alto valore una serie di funzionalità premium come tecnologie modem ad alte prestazioni; il primo sistema TrueBright ISP per RWWB ultra-sensibili; e, MiraVision 2.0, per un’esperienza display di alto livello. Le caratteristiche della Serie P comprendono diverse tecnologie di punta sviluppate da MediaTek come WorldMode LTE Cat-6, capace di supportare l’aggregazione carrier 2×20 con velocità dati pari a 300/50Mbps; l’algoritmo di schedulazione avanzata MediaTek CorePilot, che ottimizza l’architettura eterogenea del P10 istradando i carichi di lavoro verso il dispositivo di elaborazione più appropriato – CPU, GPU o entrambi; e MediaTek Visual Processing Application – Non-contact Heart Rate Monitoring, una soluzione che sfrutta la videocamera dello smartphone per misurare il battito cardiaco con la medesima precisione dei pulsiossimetri o degli elettrocardiogrammi portatili.“La Serie P fornisce ai produttori di smartphone OEM una superiore flessibilità progettuale per rispondere ai consumatori che richiedono dispositivi sottili in grado di fornire esperienze multimediali dinamiche”, ha dichiarato Jeffrey Ju, Senior Vice President di MediaTek. “Il nuovo P10 rende possibili funzionalità mobili multimediali e di elaborazione allo stato dell’arte bilanciando le performance con la durata della batteria”.Helio™ P10 è il primo prodotto ad avvalersi del processo HPC+ da 28nm di TSMC, accorgimento che permette di ridurre i consumi di energia da parte del processore. Con il contributo della tecnologia 28HPC+ e di numerose ottimizzazioni a livello di architettura e progettazione dei circuiti, Helio P10 può infatti arrivare a risparmiare fino al 35% di energia (a seconda degli scenari di utilizzo) rispetto ai SoC per smartphone esistenti fabbricati mediante il processo 28HPC.“Siamo lieti di assistere ai risultati ottenuti da MediaTek nella produzione del chip 28HPC+ per smartphone più evoluto al mondo”, ha commentato BJ Woo, Vice President, Business Development di TSMC. “Versione ottimizzata del processo 28HPC di TSMC, il processo 28HPC+ promette il 15% di velocità in più a parità di consumo o il 50% di riduzione della dispersione a parità di velocità rispetto al processo 28HPC. Grazie alla nostra tecnologia 28HPC+ e alla collaborazione attuata con MediaTek nel design di processo, siamo convinti che MediaTek rilascerà una serie di prodotti che offriranno vantaggi agli utenti smartphone di tutto il mondo”. Come accade con l’intera linea di SoC Helio™, anche il nuovo P10 è dotato di caratteristiche multimediali premium. Progettato con una tecnologia display avanzata, su foto video camere di alto livello e su audio di qualità HiFi, il P10 mette a disposizione le migliori funzionalità nelle aree più utilizzate sui telefoni mobili moderni.(foto: helio)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marketing e privacy in Internet: le nuove regole sui cookies

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

Online Banking ComputerIl 2/6/2015 è scaduto l’anno di tempo a disposizione dei gestori di siti Internet per adeguarsi alle nuove disposizioni del Garante della privacy inerenti i cookies, ovvero l’insieme delle informazioni, raccolte in piccoli files, che i siti che visitiamo memorizzano sul nostro pc (o tablet o telefonino) e che poi vengono ritrasmessi alla visita successiva. Attraverso i cookies i gestori dei siti possono facilmente raccogliere informazioni su gusti, abitudini, scelte personali, dati che consentono di “profilare” i consumatori, ovvero collocarli in profili più o meno standardizzati in modo da poter indirizzare pubblicità mirate.Si può facilmente immaginare come questa modalità di utilizzo dei dati costituisca la base per sviluppare potenziali e svariati tipi di business all’insaputa dell’utente che si e’ limitato a visitare, magari più volte, un determinato sito per scopi ben diversi. Ebbene, il garante della Privacy ha disposto che al momento dell’accesso in un sito Internet che utilizza i cookies ai fini della proliferazione degli utenti dovranno apparire dei banner (immagini a striscia) ben visibili, contenenti questa informazione, ed eventualmente l’informazione che il sito potrebbe utilizzare cookies di terze parti. Analogamente dal banner si deve poter accedere ad un link che rimandi all’informativa sull’utilizzo dei propri dati (informativa sulla privacy) dove sia anche possibile NEGARE il consenso all’utilizzo degli stessi ai fini della profilazione.Il banner dovrà altresì indicare che proseguendo nella navigazione si presta il consenso all’uso dei cookies, consenso che comunque potrà esser sempre revocato in seguito.Il mancato rispetto di queste nuove regole potrà comportare, dietro segnalazione al Garante della Privacy, l’applicazione di sanzioni fino a 120 mila euro per ogni violazione.Questo provvedimento del Garante si incastra e si completa con le nuove LINEE GUIDA del Garante stesso inerenti la profilazione online che riguardano TUTTI i soggetti italiani che forniscono servizi online (motori di ricerca, posta elettronica, mappe online, social network, pagamenti elettronici, cloud computing, etc.).
Qualunque attività di trattamento dei dati personali dell’utente, sia quelli autenticati (con account) sia quelli occasionali, ai fini della profilazione e diversa da quelle necessarie per la fornitura del servizio, deve essere effettuata esclusivamente con il consenso informato dell’utente stesso.L’informativa in merito dovrà essere ben visibile già dalla prima pagina del sito, come presupposto per consentire all’utente di dare o meno il suo consenso.Da segnalare, infine, la pubblicazione da parte del Garante della privacy del vademecum “VIVA I CONSIGLI, ABBASSO LO SPAM. Dal telefono al supermercato: il marketing a prova di privacy”, che riassume le regole inerenti la tutela della privacy.(Rita Sabelli, responsabile Aduc aggiornamento normativo)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MediaTek presenta MT7687, Soc wifi altamente integrato

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

mediatekMediaTek, leader nelle tecnologie IoT (Internet of Things) integrate energeticamente efficienti, annuncia il lancio di MT7687, System-on-Chip (SoC) wifi leader di settore che permette agli elettrodomestici e ai dispositivi intelligenti di connettersi ed essere controllati all’interno del circuito domestico. Aprendo a diversi tipi di applicazioni IoT, MT7687 assicura sicurezza massima, memoria integrata e un innovativo microcontrollore programmabile per l’utente. Il microprocessore MT7687 è a disposizione di clienti e sviluppatori nel terzo trimestre del 2015.
“Con quest’ultimo SoC, risolviamo la maggior parte delle richieste degli sviluppatori IoT – diminuire il consumo di energia, aumentare la sicurezza, ed ampliare le funzionalità di programmazione”, dichiara SR Tsai, General Manager of Connectivity Business Unit at MediaTek. “I test sulle prestazioni wi-fi e sul consumo di energia hanno dimostrato he questo chip può dare agli sviluppatori grande flessibilità in termini di progettazione, più di ogni altro chip sul mercato”.MT7687 garantisce un basso consumo di energia per portare al massimo le prestazioni con il minimo impatto sulla batteria del dispositivo. MT7687 ha la capacità di trasmettere output a una Potenza massima di 21dBm, un livello che supera I SoC comparabili nel mercato per migliorare la copertura wifi nelle case smart. Inoltre, la sicurezza è garantita da protocolli di affidabilità AES e 3DES/SHA2.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

PharmaMar annuncia nuovi passi avanti in oncologia

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2015

AlzheimerPharmaMar ha reso noti  i dati di uno studio di Fase II condotto su pazienti con mesotelioma pleurico maligno di tipo sarcomatoide/bifasico, i quali dimostrano che il 41,2% (IC 95%: 18,4-67,1) dei pazienti trattati in seconda linea con il farmaco antitumorale trabectedina erano ancora vivi e liberi da progressione a 12 settimane di trattamento. La sopravvivenza libera da progressione (PFS) mediana nei 17 pazienti valutati era di 8,3 settimane. Cinque pazienti hanno continuato a ricevere la trabectedina oltre le 12 settimane.“Generalmente i pazienti con mesotelioma non rispondono ai trattamenti di seconda linea, perciò i dati osservati sono incoraggianti. Questo studio supporta anche il ridotto numero di evidenze disponibili per questa patologia, in quanto l’uso della trabectedina si basa sui suoi effetti diretti sui macrofagi associati al tumore e sulla sua efficacia in diversi tumori, inclusi i sarcomi dei tessuti molli”, ha dichiarato Diego Luigi Cortinovis, MD, specialista in Oncologia Medica presso l’ospedale San Gerardo di Monza. “Considerata l’aggressività di questa patologia e la scarsa risposta della popolazione affetta da mesotelioma, l’indicazione che questo trattamento possa essere attivo in questi pazienti è un grande passo in avanti e richiede ulteriori indagini in una popolazione più ampia”.L’autore principale dello studio, il Dott. Diego Luigi Cortinovis, dell’Ospedale San Gerardo di Monza, ha presentato i dati completi in occasione del 51° Incontro annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »