Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 35 n°32

Due sacerdoti cattolici arrestati dalle milizie russe a Donetsk

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 dicembre 2022

La fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) ha appreso con profonda costernazione dell’arresto di due sacerdoti che prestavano servizio nella città portuale di Berdyansk, nel sud-est dell’Ucraina, occupata dalla Russia dal febbraio 2022. I Padri redentoristi, detenuti dalle milizie russe, prestavano assistenza pastorale alle parrocchie greco-cattoliche e cattoliche di rito latino e sono tra i pochi rimasti nei territori occupati. Secondo un comunicato ufficiale inviato ad ACS a firma di mons. Stepan Meniok, Vescovo dell’Esarcato di Donetsk, della Chiesa greco-cattolica ucraina, la detenzione è «infondata e illegale».Padre Ivan Levitskyi C.SS.R., parroco della chiesa della Natività della Vergine Maria nella città di Berdyansk, e Padre Bohdan Heleta C.SS.R., cappellano della stessa chiesa, sarebbero stati incarcerati in un centro di custodia cautelare a Berdyansk dall’amministrazione russa con l’accusa di aver preparato un atto terroristico. Il comunicato inviato ad ACS denuncia che l’accusa di possesso di armi ed esplosivi da parte dei sacerdoti è falsa ed aggiunge che si è trattato di una manovra organizzata per fini propagandistici. «I sacerdoti sono nel ministero sacerdotale da più di tre anni e svolgono legittimamente la loro attività pastorale nella parrocchia locale, annunciando un messaggio di pace per tutti», spiega mons. Meniok. «Al momento della perquisizione della chiesa, della canonica e dei locali tecnici della parrocchia, entrambi i sacerdoti erano già in custodia, il che significa che non avevano più alcun tipo di controllo sulle strutture, né sulle azioni del Rosguard [Guardia nazionale russa]», sottolinea il prelato nella sua comunicazione.ACS segue con grande preoccupazione questi tristi avvenimenti, viste le ripetute notizie sul disprezzo dei principi fondamentali dei diritti umani da parte dei servizi speciali russi, cioè quelli che hanno arrestato i religiosi. «Chiediamo che le informazioni siano ampiamente diffuse, al fine di liberare i cappellani detenuti. Facciamo appello alle autorità e a tutte le persone di buona volontà affinché si uniscano alla causa della liberazione dei sacerdoti, oltre che ad aumentare la preghiera», conclude il Vescovo dell’Esarcato di Donetsk.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: