Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Festa Nazionale australiana e neozelandese in memoria dei militari caduti in Sicilia durante la seconda guerra mondiale

Posted by fidest press agency su martedì, 5 aprile 2016

commemorazione caduti australiani3Catania Martedì 26 Aprile 2016 – ore 11.30 Cimitero di Guerra del Commonwealth di Catania Stradale Passo del Fico, zona Industriale,in occasione della ricorrenza dell’ANZAC DAY – Festa Nazionale australiana e neozelandese cerimonia in memoria dei caduti che persero la vita in battaglia, l’Istituto di Cultura Sicilia Australia (I.C.S.A.), in collaborazione con l’Ambasciata d’Australia a Roma, l’Ambasciata della Nuova Zelanda in Italia e la Returned and Services commemorazione caduti australianiLeague of Australia (RSL – Victorian Branch), commemorerà, per il terzo anno consecutivo, i soldati australiani e neozelandesi, caduti in Sicilia durante la campagna militare dell’agosto 1943.
La Celebrazione sarà presieduta dall’Ambasciatore d’Australia a Roma, dall’Attache’ Militare d’Australia – Southern Europe – Department of Defence of Australia, da Autorità civili e militari italiane, dal direttivo commemorazione caduti australiani1dell’Istituto di Cultura Sicilia Australia (I.C.S.A.)
In particolare, alla Celebrazione parteciperanno rappresentanti dell’Ambasciata della Nuova Zelanda a Roma, della Commonwealth War Graves Commission – Mediterranean Office, della USA NAVY/NATO Sigonella, e le varie Associazioni d’Arma di Catania.Don Agrippino Salerno, Prevosto Parroco della Pontificia Basilica Collegiata “Santa Maria dell’Elemosina” di Biancavilla, guiderà i presenti nella preghiera. La cerimonia religiosa verrà accompagnata dalla Corale Polifonica della Basilica.La celebrazione si concluderà con la deposizione di ghirlande commemorative, che saranno offerte in Memoria e con la visita alle tombe dei caduti ANZAC, segnate per l’occasione da bandierine australiane e neozelandesi e da papaveri rossi, simbolo di rigenerazione, speranza e ricordo perpetuo dei 102.000 australiani e 52.000 neozelandesi, che hanno dato la loro vita in guerre e conflitti militari mondiali durante gli ultimi 100 anni.
Alle ore 09:00 am – prima dell’inizio della Commemorazione al Cimitero del Commonwealth – le delegazioni visiteranno il Museo dello Sbarco – “Le Ciminiere”, Viale Africa, Catania. Il museo, fra i piu’ importanti musei bellici d’Italia, raccoglie documentazioni e memorabilia attinente allo Sbarco Alleato – Operation Husky – commemorazione caduti australiani2dell’agosto 1943.
Alle ore 10:00 am., sempre presso il Museo dello Sbarco, si terrà un Rinfresco che offrirà l’opportunità di un incontro con le delegazioni estere, prima di procedere al Cimitero di Guerra di Catania, per la Cerimonia Commemorativa con inizio ore 11.30.
L’accesso alle commemorazioni ANZAC di Catania e Siracusa è aperto a tutti coloro che desiderano rendere omaggio ai caduti dell’ Australian and New Zeland Army Corps (Corpo d’ Armata Australiano e Neozelandese dell’ Esercito – ANZAC ).
Il 25 Aprile 2015 – giorno dell’ANZAC DAY – una Commemorazione ANZAC sarà celebrata in forma ristretta anche al Cimitero di Guerra di Siracusa – Via per Floridia, 10 Contrada Canalicchio SR – con inizio ore 10:30am. In quella occasione verrà reso omaggio ai sei soldati australiani ed all’unico neozelandese sepolti presso il Cimitero di Guerra di Siracusa.
Il 10 luglio 1943 truppe americane, canadesi ed inglesi, a seguito della conclusione della campagna nord africana, sbarcavano nella parte sud-orientale della Sicilia, rispettivamente nei pressi di Gela e tra Portopalo e Siracusa. L’invasione, definita dagli anglo-americani “Operazione Husky”, avrebbe portato la Sicilia e l’Italia tutta verso la liberazione dall’occupazione tedesca. La campagna in Sicilia, – definita la seconda più importante avanzata di truppe alleate – seconda, quindi, solo alla Sbarco in Normandia, si concluse il 17 agosto, quando le forze alleate si riunirono a Messina. All’occupazione della Sicilia parteciparono: Divisioni dell’aereonautica Australiana e Neozelandese e militari di queste nazioni aggregati ad unità inglesi, otto navi della Marina e quattro squadriglie di aerei della Forze Australiane.
L’Istituto di Cultura Sicilia Australia è un’associazione no-profit con sede in Sicilia e in Australia – essa ha come scopo primario lo scambio culturale fra le genti di Sicilia e d’Australia, sul piano dell’arte, della cultura, dello sport e dell’ingegno. Quale ponte culturale tra i due Paesi, oltre a porre in rilievo, sostenere e programmare eventi di particolare interesse che coinvolgano entrambi i territori, collabora con Istituzioni, Enti governativi, Associazioni, Fondazioni e privati di entrambi i Paesi, per una concreta opera di promozione culturale. Si dedica alla promozione di entrambi i territori, creando gemellaggi accademici, l’attuazione di seminari di studio, master e – in genere – l’elaborazione di progetti di studio, in comunione fra istituti scolastici ed università dei due Paesi, l’istituzione di premi e borse di studio per studenti e accademici australiani che vogliono studiare in Sicilia e viceversa per siciliani, con specifici interessi di studio e ricerca in Australia; prova a suscitare spunti di confronto tra i due Paesi, nella convinzione che lo scambio culturale rappresenta una grande occasione di crescita; più in generale, promuove sinergie per far nascere iniziative.
Molti australiani vivono in Italia e in media 100.000 australiani visitano l’Italia ogni anno (dati ricevuti dal “Australia Ministry of Foreign Affairs and Trade”). (foto: commemorazione caduti australiani)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: