Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Archive for 26 agosto 2022

Renato Serra così riassunse il comune sentire negli anni che seguirono la Prima guerra mondiale

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

“La guerra non cambia niente.” Non migliora, non redime, non cancella, per sé sola. Non fa miracoli. Non paga i debiti. Non lava i peccati. […] Essa non cambia i valori artistici e non li crea. Non cambia nulla morale. E anche nell’ordine delle cose, anche nel campo della sua azione diretta… Che cosa è che cambierà su questa terra stanca, dopo che avrà bevuto il sangue di tanta strage. “Quando i morti e i feriti, i torturati e gli abbandonati dormiranno insieme sotto le zolle e l’erba sopra sarà tenera lucida nuova, piena di silenzio e di lusso al sole di primavera che è sempre la stessa?” Quanto di vero c’è ancora oggi da allora dopo decine di guerre regionali e l’ultima, la più assurda, scatenata da Putin lo zar della Federazione Russa. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Leave a Comment »

Al via le Camminate 2022 sulle Strade di Colori e Sapori

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

Torino. Prende il via domenica 28 agosto il ciclo di camminate “I sabati e le domeniche del villaggio” organizzate da Città metropolitana di Torino all’interno del progetto Strade di Colori e Sapori in collaborazione e con il contributo del Cammino di Don Bosco, Nord Walking Andrate e il supporto dell’associazione di promozione sociale In collina – Turismo nel cuore del Piemonte.Un calendario ricco di offerte che iniziano domenica 28 agosto con CamminaPralormo e terminano sabato 12 novembre a Chieri in occasione della Fiera di San Martino, quando con un evento dedicato, verranno premiati i 10 partecipanti con il maggior numero di presenze alle escursioni.Le camminate, tutte gratuite e di facile esecuzione, rispecchiano totalmente lo spirito con cui nel 2006 la Città metropolitana di Torino ha dato il via a Strade di colori sapori, progetto ideato per valorizzare e promuovere il territorio collinare della zona sud di Torino.Un territorio ricco di attrattive, composto da un paesaggio che in molta parte conserva un ambiente naturale e rurale di pregio, ma anche da piccoli borghi e città dense di beni storici, artistici, architettonici di alto valore culturale.Il progetto sostenuto dalla Città metropolitana di Torino, dall’ATL Turismo Torino e Provincia, dall’Ente di Gestione delle Aree Protette del Po e della Collina Torinese e dai Comuni di Andezeno, Baldissero, Chieri, Cinzano, Marentino, Montaldo, Pavarolo, Pecetto, Pino, Pralormo, Riva presso Chieri, Santena, Sciolze, favorisce lo sviluppo di una cultura dell’accoglienza contribuisce a visitatori e turisti di scoprire le tante bellezze, lo spirito e le tradizioni dei luoghi coinvolti.La CamminaPralormo di domenica 28 agosto propone una tranquilla passeggiata nella campagna organizzata in collaborazione con il Comune di Pralormo, con visita all’azienda agricola Agrisapori (agrigelateria, ristorante), all’allevamento della Società Agricola La Cerea (bovine lattifere con produzione di latte, yogurt e latticini, Coniglio Grigio di Carmagnola, Gallina Bionda Piemontese) e all’azienda orticola Bechis (peperoni e altre verdure). L’appuntamento è alle ore 8,45 a Pralormo nel parcheggio dell’Azienda agricola La Franca Agrisapori – strada della Franca 3/1.Gli appuntamenti di settembre proseguono poi sabato 3 a Riva presso Chieri, sabato 10 Andezeno, sabato 17 Montaldo T.se, sabato 24 Marentino e domenica 25 Pecetto Torinese.www.camminodonbosco.eu

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festival tra arte e fede

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

Siena. In programma dal 7 all’11 settembre, avrà come luogo d’incontro principale piazza Duomo a Siena, da tutti riconosciuta come l’Acropoli della città e spazio ideale per decifrare il sacro attraverso la Divina Bellezza.Mercoledì 7 settembre alle ore 21 l’Abate di San Miniato al Monte, Padre Bernardo Gianni, terrà la conferenza dal titolo “Aprire gli occhi sulla realtà, vedere la luce, ascoltare il vero silenzio” (Simone Weil). Contro la dismisura il primato della bellezza. Giovedì 8 settembre sarà la volta dell’incontro Donatello a Siena – Donatello e Siena, affidato a Francesco Caglioti, Professore ordinario di Storia dell’Arte Medievale presso la Scuola Normale Superiore di Pisa e curatore della recente mostra fiorentina dedicata al celebre maestro rinascimentale.Il programma ruota attorno a quattro appuntamenti – evento serali, che si svolgeranno in piazza Duomo, introdotti e con il saluto di S.E. Rev.ma il Cardinale Augusto Paolo Lojudice, Arcivescovo di Siena – Colle di Val d’Elsa – Montalcino, e del Professor Giovanni Minnucci, Rettore dell’Opera della Metropolitana di Siena. Il programma proseguirà venerdì 9 settembre con la conferenza Percorsi di fraternità davanti alle sfide di un mondo che cambia, di Andrea Riccardi della Comunità di Sant’Egidio, e sabato 10 settembre con l’incontro Tornare ad abitare la vita: condividere, dialogare, generare, tenuto dallo scrittore, pedagogista e imprenditore sociale Johnny Dotti.Ad arricchire il calendario di eventi contribuiranno, poi, ulteriori incontri che permetteranno di vivere e apprezzare alcuni tra i luoghi più significativi del patrimonio spirituale e artistico del territorio dell’Arcidiocesi. Mercoledì 7 settembre, alle ore 16, si svolgerà una visita per bambini al Complesso del Duomo, seguita da un picnic al Chigiana Art Cafè, mentre alle 18 Don Enrico Grassini illustrerà il Museo Diocesano e l’Oratorio di San Bernardino.Giovedì 8 settembre, alle ore 18, Marilena Caciorgna condurrà in un percorso alla scoperta dei capolavori di Donatello conservati tra Duomo, Museo dell’Opera e Battistero; venerdì 9 settembre l’Accademia Chigiana ospiterà una rassegna dedicata a una selezione di volumi storico-artistici editi nel 2022. Entrambi gli appuntamenti saranno seguiti da un’apericena al Chigiana Art Cafè.Sabato 10 settembre alle ore 11, presso il Santuario Casa di Santa Caterina, Paola Lambardi leggerà Raimondo da Capua nell’Oratorio della Cucina, mentre alle 17 è in programma l’evento Perché in tutto sia glorificato Dio, visita al Complesso Abbaziale di Sant’Antimo tra arte, storia e Regola di San Benedetto. Nella giornata di domenica 11 settembre, alle ore 11, sarà possibile approfondire la conoscenza del Pavimento del Duomo di Siena nella visita a cura di Marilena Caciorgna, mentre alle 15 Don Enrico Grassini mostrerà i cicli raffiguranti il Vecchio e il Nuovo Testamento della Collegiata di San Gimignano.Il festival si concluderà domenica, in concomitanza con la chiusura della Settimana delle Famiglie della Diocesi, con la Santa Messa presieduta dal Cardinale Augusto Paolo Lojudice nella Chiesa di Sant’Antonio al Bosco alle ore 17.Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero fino a esaurimento posti. Per info e prenotazioni 0577 286300.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: David Tremlett

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

Bologna Galleria Studio G7 via Val D’Aposa 4 A. Venerdì 23 settembre ore 18:00-21:00 apertura mostra. Studio G7 inaugura la nuova stagione espositiva ospitando nei propri spazi la quarta mostra personale dell’artista inglese David Tremlett. Dopo l’ultima esposizione del 2008 che aveva visto l’artista creare un grande wall drawing capace di coinvolgere e idealmente riunire tutte le pareti dello spazio espositivo, in questo nuovo progetto l’architettura della galleria si fa metafora del tempo. In particolare, l’artista presenta opere inedite su carta realizzate tra il 2019 e il 2021. È proprio questo l’intervallo di tempo che vede il lavoro di Tremlett mutare, spostando il cosiddetto “spazio delle idee” dalla dimensione del viaggio a quella dello studio. Se prima infatti l’artista rintracciava nel mondo e nelle lunghe distanze nuove geometrie e architetture da formalizzare e presentare in spazi pubblici e privati, il nuovo modo di viaggiare ha visto lo studio d’artista e i luoghi d’Europa a Tremlett familiari diventare il centro del pensiero e del processo creativo.Seguendo questo nuovo approccio al lavoro, la galleria verrà divisa in tre momenti, idealmente testimoni dei tre anni – 2019, 2020, 2021 – in cui l’artista ha dovuto allontanare la propria idea di viaggio dal processo creativo. Le opere su carta sono il risultato di una riflessione che attinge dal passato e, consapevole del presente, rivolge lo sguardo al futuro. Orari da martedì a sabato, 15.30 – 19.30. Mattina, lunedì e festivi per appuntamento http://www.galleriastudiog7.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La Carinzia vanta una storia millenaria di viticoltura

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

​​

I monasteri di Arnoldstein, Millstatt, Ossiach, Viktring, St. Georgen am Längsee, Griffen, Eberndorf e St. Paul, infatti, furono i primi nel Medioevo a coltivare le viti da cui producevano il vino, che era molto apprezzato in tutto il territorio. Nel tempo, poi, diverse circostanze furono avverse alla produzione vinicola carinziana: i dazi doganali e le tasse troppo alte, le malattie fungine come la peronospora e annate sfavorevoli di raccolti scarsi. Fu così che il vino scomparve quasi completamente dalla Carinzia fino agli anni ’70 del 1900, quando Herbert Gartner piantò di nuovo le prime viti nella valle del Lavanttal. Da allora è tornata la consapevolezza nei Carinziani che il vino appartiene alle radici della regione e sempre più persone hanno iniziato la ricerca di terreni adatti alla viticoltura, dedicandosi con passione alla produzione del vino come hobby o come professione. Dall’inizio del 2000 il vino della Carinzia sta vivendo una rinascita: Do Woxt Wos – Sta crescendo qualcosa. Nel 2011 sono state prodotte per la prima volta più di 100.000 bottiglie di vino e oggi in Carinzia se ne imbottigliano più di 500.000.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Decima edizione di Uni-Tanz, campus di danza contemporanea

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

Lecce. Da lunedì 29 agosto a sabato 3 settembre decima edizione di Uni-Tanz, campus di danza contemporanea organizzato dall’associazione Koreoproject, con la direzione artistica di Giorgia Maddamma e il coordinamento di Sara Bizzoca, in collaborazione con Regione Puglia, Comune di Lecce, Liceo Coreutico Ciardo Pellegrino di Lecce e, sin dalla prima edizione nel 2013, dell’Università delle arti Folkwang di Essen, storico ateneo tedesco, fucina di alcuni tra i più noti artisti della scena contemporanea, diretta per molti anni da Pina Bausch. Uni-Tanz è un’occasione unica nel panorama italiano per la presenza di artisti di altissimo profilo e di grande esperienza. Dal 29 agosto al 2 settembre, dalle 10 alle 19 nelle aule del Liceo Coreutico Ciardo Pellegrino, si alterneranno lezioni di tecnica contemporanea con Giorgia Maddamma (docente dell’Accademia Nazionale di Danza di Roma e direttrice artistica di Koreoproject); repertorio Bausch con Stephan Brinkmann (docente di Danza contemporanea, improvvisazione, pedagogia della danza contemporanea e coreografia e direttore dell’Università delle arti Folkwang di Essen), tecnica contemporanea con Clémentine Deluy (danzatrice delle compagnie Sasha Waitz e Tanztheater Wuppertal Pina Bausch), e laboratorio coreografico con Juan Kruz Diaz De Garaio Esnaola (coreografo e danzatore della compagnia Sasha Waitz). Il Campus si concluderà sabato 3 settembre (ingresso 10 euro – info e prenotazioni 3287614148) nel Chiostro dei Teatini di Lecce, nell’ambito di LecceInScena, cartellone estivo del Comune di Lecce, con “Uni-Tanz Dance Evening-Guests”. La serata accoglierà la restituzione dei lavori coreografici sviluppati durante il campus, gli interventi degli studenti dei licei coreutici Ciardo Pellegrino di Lecce e Antonio Locatelli di Bergamo e le coreografie “Des temps en temps sinon Jamais” di e con Clémentine Deluy e Juan Kruz Diaz De Garaio Esnaola e, in prima assoluta, Crack di e con Giorgia Maddamma e Fernando Suels Mendoza, con musica dal vivo del contrabbassista e compositore Marco Bardoscia.Tra docenti e artisti ospiti che si sono succeduti nelle nove edizioni del campus, per fare alcuni nomi, Malou Airaudo, Susanne Linke, Stephan Brinkmann, Rodolpho Leoni, Eva Lopez Crevillen, Roman Arndt, Mark Siezkarek, Fernando Suels Mendoza, Francesca Falcone, Marigia Maggipinto, Kenji Takagi, Henrietta Horn, Daphnis Kokkinos, Johannes Wieland, Tamas Morics, Marco Bardoscia, Sonia Stomeo, Cristian Bevi-lacqua, Antonio Farì, Pascal Merighi, Thusnelda Mercy, Aida Vainieri e molti altri. http://www.giorgiamaddamma.com

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festival Film a Villa Medici

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

Roma. Mercoledì 14 a domenica 18 settembre 2022, Viale della Trinità dei Monti, 1 saranno presentati quattordici film in competizione internazionale. Queste produzioni, di tutte le durate e i generi, includono 2 film presentati in prima mondiale e 9 prime italiane. Anche quest’anno, artisti, registi e pensatori di tutti i continenti si danno appuntamento a settembre a Villa Medici per celebrare la vitalità delle pratiche cinematografiche contemporanee attraverso una selezione di proposte – film d’autore, cinema d’essai, fiction o documentari – che si distinguono per l’originalità del discorso o della forma. Sostituire il racconto dei vincitori con quello dei vinti significa riscrivere la storia alla luce di una «morale della minoranza» (per riprendere le parole del filosofo francese Didier Eribon). In MOUNE Ô di Maxime Jean-Baptiste, le comparse di un film sulla colonizzazione della Guyana rivendicano l’immagine del loro popolo assente dall’immaginario francese; in MANGROVE SCHOOL di Filipa César e Sónia Vaz Borges, gli scolari guerriglieri sistemano quaderni e matite tra le mangrovie della Guinea-Bissau.Questi personaggi assenti dalle rappresentazioni del secolo scorso fanno gioiosamente irruzione nel nostro secolo, sfrenati, orgogliosi e con una smorfia sul viso. Come la strana figura, senza sesso né età identificabili, che impersona l’artista guatemalteco maya Edgar Calel in XAR scritto insieme a Fernando Pereira dos Santos: un essere la cui potenza originale fa esplodere qualsiasi cosa attraversi, tanto lo spazio quanto il tempo. Un misticismo politico su cui lavora anche l’artista libanese Ali Cherri con LE BARRAGE, la sua favola di resistenza girata nel Sudan in guerra. Questa ricerca di un’altra narrazione avviene spesso attraverso il ritratto degli Antichi, in una filiazione che i film mettono in discussione. Sparite le «memorie dei nostri padri» al loro posto ci sono le nonne, protagoniste della trasmissione al centro di KICKING THE CLOUDS di Sky Hopinka, cineasta indiano d’America, e di INTO THE VIOLET BELLY dell’artista tedesca di origine vietnamita Thùy-Hân Nguyễn-Chí, rivelazione dell’ultima Biennale di Berlino. Questi antenati, ai cui film si richiamano, sono anche gli artisti che li ispirano. In À VENDREDI, ROBINSON, Mitra Farahani, con il suo inimitabile talento nell’ammansire le anime selvagge, riunisce Ebrahim Golestan e Jean-Luc Godard in una favola inaspettata in cui è difficile dire chi sia più serio o più malizioso. Éric Baudelaire raccoglie la parola del compositore d’avanguardia Alvin Curran contestualizzandola nella Roma delle Brigate Rosse in WHEN THERE IS NO MORE MUSIC TO WRITE, AND OTHER ROMAN STORIES. Le proiezioni dei film in concorso saranno seguite da incontri con i registi presenti a Villa Medici e saranno completate da una programmazione parallela Focus che invita a scoprire film di artisti fuori concorso, masterclass e incontri. Infine, ogni sera, il pubblico del festival si riunirà sul Piazzale, davanti alla facciata storica e ai giardini di Villa Medici, per proiezioni all’aperto di film recenti, tra cui numerose anteprime, ma anche classici del cinema in versione restaurata. Il comitato organizzativo del Festival di Film di Villa Medici è composto da Alizée Alexandre (referente per la programmazione culturale dell’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici), Lili Hinstin (programmista e direttrice artistica di festival), Laurent Perreau (autore e regista), Sam Stourdzé (direttore dell’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici) e Véronique Terrier Hermann (storica dell’arte e programmista). Ogni anno viene designato un comitato di selezione con il compito di scegliere i film in concorso. villamedici.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sono oltre 130 gli eventi meteo estremi, registrati in Italia dall’inizio dell’anno

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

Ma soprattutto rischiano di essere solo il prologo di quanto potrebbe accadere in autunno, quando l’aria fresca del Nord incontrerà le correnti di un mar Mediterraneo, la cui temperatura (30°) sfiora ormai quella del mar dei Caraibi in piena estate ed è appena inferiore a quella del mar Rosso (32°): a rilanciare l’allarmante prospettiva è l’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), il cui Osservatorio sulle Risorse Idriche segnala come le recenti piogge abbiano alleggerito, ma non risolto, la crisi idrica che, partita dalle regioni settentrionali nei mesi scorsi, si è via via estesa verso il Sud Italia.Esempio della contingenza ad alto rischio idrogeologico, che si sta delineando, è la costa tirrenica tosco-laziale, dove sono caduti pochi millimetri di pioggia (la settimana scorsa: mm.1,6 a Capalbio nel grossetano contro gli oltre 100 millimetri registrati dai pluviometri fiorentini) e Tarquinia si candida ad essere “regina della siccità d’Italia” con soli 104 millimetri di pioggia, fin qui caduti nel 2022. Per capire la situazione di rischio idrogeologico, che si sta creando, basti pensare che il minimo storico annuo sulla celebrata località viterbese risale al 2017 con mm. 370; ciò significa che nei prossimi 4 mesi dovrebbero cadere ben 266 millimetri di pioggia solo per evitare un nuovo record negativo! Una situazione analoga si ebbe nel 2012, quando a Tarquinia caddero solo 109 millimetri nei primi 8 mesi dell’anno e poi, dopo un autunno caratterizzato da fenomeni meteo violenti e con pesanti ripercussioni per il territorio, si raggiunsero a fine anno addirittura i 571 millimetri di pioggia.Una situazione di sofferenza idrica si segnala anche nelle Marche, dove il deficit pluviometrico nei bacini dei fiumi Foglia, Arzilla, Bosso, Burano e Candigliano ha raggiunto l’80% in Luglio ed i volumi d’acqua, trattenuti negli invasi, sono superiori al solo 2021 nel recente quinquennio.In Abruzzo, a Luglio, il deficit pluviometrico maggiore si è avuto ad Orsogna, in provincia di Chieti (-44%) e nella valle Peligna (-40,6%) vicino alle colline della città di Sulmona dove, per ben 18 giorni, la temperatura ha superato i 35 gradi.Emblematica di una situazione, che ha raggiunto condizioni di eccezionalità e che abbisognerà di tempo per tornare ad un regime di normalità, è la portata del fiume Po, che nel tratto lombardo-emiliano registra una discreta ripresa, uscendo dalla condizione di estrema scarsità idrica, ma rimanendo comunque più che dimezzata rispetto alla media storica.Per quanto riguarda i livelli dei grandi laghi del Nord sono tutti largamente sotto media con il Lario al 2,9% del riempimento ed il Sebino al 3,6%.Stessa fotografia arriva dal Piemonte, dove le portate di quasi tutti i corsi d’acqua sono in decrescita (come la Dora Baltea, in Valle d’Aosta) ed il mese di luglio ha registrato -23,1% nelle piogge, arrivando a deficit fra il 60% ed il 72% nei bacini dei fiumi Stura di Lanzo, Cervo, Dora Riparia e Pellice. L’indice SPI (Standardized Precipitation Index) a 12 mesi conferma l’intera regione in una condizione di siccità estrema, considerando anche lo stato delle acque di falda.E’ così anche per l’Emilia Romagna dove, soprattutto nei bacini montani del fiume Trebbia, il deficit pluviometrico è talmente grave da non bastare 70 millimetri di pioggia per far uscire quei territori dalla zona rossa della siccità estrema.Nella confinante Lombardia, le piogge hanno solo parzialmente ristorato le riserve idriche, mentre la portata del fiume Adda è scesa a 77 metri cubi al secondo.Per concludere, a testimonianza di un’estate record per la calura, va segnalato che in Luglio i volumi d’acqua, trattenuti nei bacini della Sardegna. sono diminuiti di ben 157 milioni di metri cubi, mentre il calo nei bacini siciliani ha raggiunto i 79 milioni.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Robeco rende accessibile la sua PI sugli investimenti sostenibili

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

Rotterdam. Robeco lancia oggi l’Iniziativa di libero accesso agli investimenti sostenibili, che mette a disposizione la sua Proprietà intellettuale (PI) sugli investimenti sostenibili. Come primo passo di questa iniziativa di Libero accesso, tramite un portale i clienti e un gruppo di accademici potranno consultare gratuitamente i punteggi relativi agli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle società generati da Robeco utilizzando il suo quadro SDG proprietario.Lo sviluppo del Quadro SDG di Robeco, che permette di misurare il contributo agli SDG delle società investibili, è iniziato nel 2017. La qualità dei dati è una delle maggiori sfide dell’investimento sostenibile e Robeco crede che gli attori del settore debbano collaborare per migliorare i dati e definire gli standard. Con l’Iniziativa di libero accesso agli investimenti sostenibili (SI Open Access), Robeco intende contribuirvi in modo rilevante.L’impegno di Robeco per un mondo più sostenibile significa anche rendere fruibile la sua proprietà intellettuale a un pubblico più ampio, per aiutare i clienti ad assumere decisioni sostenibili più consapevoli. Robeco ricerca attivamente feedback sui dati e intrattiene un dialogo continuo con i propri stakeholder, tra cui accademici, clienti ed esperti di investimenti sostenibili. Di conseguenza, prevede che questa iniziativa migliorerà ulteriormente l’affidabilità dei dati e la metodologia proprietaria. Tutte queste attività servono ad essere parte attiva nell’evoluzione verso un mondo più sostenibile e a contribuirvi. In una fase successiva, Robeco metterà a disposizione di un numero più ampio di stakeholder altri dati di sviluppo sostenibile e contenuti di proprietà intellettuale.Il quadro SDG è utilizzato per molti portafogli dei clienti di Robeco, fra i quali alcuni dei più grandi investitori al mondo – come UBS Global Wealth Management, BBVA AM & pensioenfonds ING – e più convinti sostenitori dell’iniziativa SI Open Access di Robeco.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Esiste un rischio Italia?

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

A cura di Michele Morra, Portfolio Manager Moneyfarm. L’affidabilità dell’Italia dal punto di vista del debito ha svolto un ruolo centrale all’interno del dibattito politico degli ultimi anni. Uno dei compiti principali di ogni governo è quello di rappresentare il Paese, a livello internazionale, come un soggetto economico affidabile e in grado di gestire le proprie finanze in maniera responsabile, compito oggi più che mai fondamentale alla luce del rischio di crisi finanziaria e dell’elevato stock di debito, che ha superato il 150% del Pil durante la pandemia. Con l’inversione di marcia della politica monetaria e la graduale rimozione delle coperture della Bce (che negli ultimi anni ha rappresentato il principale acquirente del debito pubblico italiano), occorre chiarire se l’Italia si trovi esposta o meno al rischio di una nuova crisi finanziaria e come le prossime elezioni possano influenzare questa eventualità.Quando gli investitori cominciano a nutrire dei dubbi sulla capacità di un Paese di ripagare il proprio debito, diminuisce la domanda di titoli di Stato e aumenta il costo del servizio del debito, poiché lo Stato, per attirare investitori, deve pagare un premio al rischio sui titoli di Stato emessi. Per quanto riguarda l’Italia, tale premio si esprime generalmente attraverso lo spread tra Btp e Bund, ovvero il differenziale tra quanto paga lo stato tedesco per i propri bond decennali e quanto paga invece l’Italia. Questo indicatore finanziario è ormai diventato il “termometro” del rischio percepito nell’Eurozona e, in particolare, intorno all’Italia; basti ricordare quando, tra il 2011 e il 2012, la speculazione sul tasso Btp si abbatté sul sistema Italia e lo spread arrivò a oltre 500 punti base.L’Italia ha un ingente debito pubblico che necessita del sostegno degli investitori internazionali: quando questo sostegno, per qualunque motivo, cala, lo spread aumenta rendendo il servizio del debito italiano ancora più costoso e mettendo il Paese a rischio di perdere la capacità di finanziarsi. Quando questo avviene, solo scelte drastiche di politica economica o un intervento della Banca Centrale possono riportare il debito sotto controllo. Le implicazioni sono evidenti, dal momento che avere un ampio debito, in un certo senso, limita la sovranità del Paese e la sua libertà di autodeterminazione.Un’analisi di come si è mosso lo spread negli ultimi anni può essere utile per capire quali sono i fattori che ne determinano l’andamento. Se guardiamo agli spread di una selezione di Paesi europei con una prospettiva di lungo termine, notiamo come essi abbiano cominciato a divergere a partire dalla crisi finanziaria del 2008 per poi subire un’impennata in occasione della crisi della crisi finanziaria del debito europeo del 2011 e del 2012.Il tema della percezione internazionale del Paese sarà centrale nei prossimi mesi, quando la Bce andrà a ridurre gradualmente l’acquisto di titoli di Stato e quando i tassi di interesse cominceranno gradualmente a crescere. In questo contesto l’Italia sembra oggi occupare la scomoda poltrona di Paese “sotto osservazione speciale”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Weekly market outlook

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

A cura di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments. Quando a giugno il prezzo della benzina negli Stati Uniti ha superato i 5 dollari al gallone, molti americani hanno pensato che la recessione negli Stati Uniti sarebbe arrivata rapidamente. “Prezzo elevato della benzina, uguale recessione” fa parte della saggezza popolare negli Stati Uniti. Con l’inversione della curva dei rendimenti e l’aumento delle richieste di disoccupazione, molti erano d’accordo. Ora le cose sembrano molto diverse. Sì, la curva dei rendimenti è ancora invertita, ma la benzina è scesa a 4 dollari al gallone, le richieste di disoccupazione si sono stabilizzate a un livello basso e la forza della spesa dei consumatori statunitensi ha sorpreso i pessimisti.Anche l’inflazione è stata oggetto di una serie di buone notizie, ma la speranza che la Federal Reserve possa smettere di aumentare i tassi in tempi brevi è stata dissipata da una serie di commenti da falco da parte dei membri del comitato per la fissazione dei tassi. Come già ricordato, la forte e persistente inflazione nei salari e negli affitti negli Stati Uniti significa che l’obiettivo della Fed di un’inflazione al 2% è ancora fuori portata, a meno che non si verifichi una recessione. Gli automobilisti europei sarebbero entusiasti di fare il pieno ai prezzi statunitensi, che si traducono in 90 pence inglesi o poco più di 1 euro al litro. Ma abbiamo motivo di essere molto più invidiosi dei prezzi del gas naturale di quest’inverno. Attualmente il prezzo del gas naturale è oltre 8 volte più alto in Europa e nel Regno Unito che negli Stati Uniti.Naturalmente questo non ha ancora colpito i consumatori europei: siamo in estate e i prezzi sono ancora relativamente bassi. Ma la portata dell’imminente disastro è più evidente nel Regno Unito. La bolletta energetica della famiglia media ha iniziato l’anno con 1.277 sterline in termini annuali. A partire da ottobre, il prezzo salirà a circa 3.600 sterline (il numero esatto lo sapremo venerdì) e forse a circa 4.200 sterline il prossimo gennaio. Le bollette energetiche annuali delle famiglie britanniche aumenterebbero quindi di ben 3.000 sterline in meno di 12 mesi. Il governo ha già previsto alcuni sgravi, ma chiunque diventi premier il mese prossimo sarà costretto a prorogarli drasticamente.Nel Regno Unito ci aspettano alcune settimane di sollievo. Grazie alle modifiche apportate alle soglie dell’assicurazione nazionale e ai sussidi per il costo della vita, questo mese i redditi reali disponibili riceveranno un’importante spinta. E molti consumatori hanno ancora spazio per spendere i loro risparmi – la liquidità accumulata e i debiti ridotti durante la pandemia. Ma è davvero la tregua prima della tempesta.È difficile sfuggire alla conclusione che le prospettive economiche sono migliori negli Stati Uniti che in Europa. Il potente dollaro potrebbe diventare ancora più potente e, sebbene i tassi di interesse siano destinati a salire in Europa e nel Regno Unito, gli Stati Uniti devono sicuramente fare da apripista. E gli asset di rischio? A mio modesto parere, l’aumento dei tassi e la recessione non sono sufficienti per un mercato azionario in crescita.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Spettacolo: Canzoni popolari ebraiche

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

Boves (Cuneo) Venerdì 9 settembre alle ore 21, presso l’auditorium Borrelli ritornerà Stella Bassani con il suo repertorio di canzoni popolari ebraiche. Accompagnata da Emiliano Paterlini, pianista e cantante mantovano e da Luca Bonaffini (alla chitarra e regista dello show concept di Stella), la Bassani traccerà un percorso emozionale attraverso la scelta di una scaletta varia e pensata per l’evento. A proposito di questo, la Città di Boves ricorderà i fatti accaduti tra il mattino del 9 settembre e il mezzogiorno del 13 settembre, in cui circa mille ebrei, concentrati nel residence forcée di Saint Martin Vésubie dalle autorità di occupazione italiana, salirono i sentieri che conducevano in Italia, attraverso il Colle di Finestra e il Colle di Ciriegia, per sfuggire al feroce sterminio nazifascista. Profughi di tutta Europa, tra cui bimbi e anziani, scesero in Valle Gesso alla ricerca di un rifugio: per 334 di loro ebbe come tragico epilogo la cattura e la deportazione ad Auschwitz nel novembre del 1943. Ha Yikkar, titolo della serata (e dell’album uscito lo scorso anno) significa “l’essenziale, la cosa fondamentale, ciò che conta”.Dalle colonne sonore celebri dei film sulla Shoah (Gam Gam, Oyfn Pripetshik, Tumbalalyka) a medley caratteristici della tradizione etnica (Hava Nagila, Evenu Shalom), fino alla contaminazione pop con classici come Halleluya di Leonard Cohen. Stella Bassani, italiana di famiglia ebraica, è nata a Mantova nel 1970. Figlia di Italo (scrittore e presidente della comunità mantovana dal 1973 al 1985) si è appassionata di musica grazie al nonno Cesare Galli (direttore d’orchestra) e alla mamma Sara (insegnante di propedeutica musicale). Dal 1996 ha partecipato come testimonial nazionale e internazionale a numerose iniziative istituzionali per “La Giornata della Memoria” e “La Giornata Europea della Cultura Ebraica”.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Archeologia e Storia con le particelle elementari”

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

Parma. Dedicato al tema “Archeologia e Storia con le particelle elementari”, l’appuntamento in programma per giovedì 1° settembre alle 18 nell’Auditorium del centro culturale ed espositivo di Fondazione Monteparma (Strada Farini 32/a), si apre con una presentazione scientifica a cura di Massimiliano Clemenza dell’INFN di Milano Bicocca, che racconterà dettagli storici (sul giallo della morte di Napoleone, sui manufatti in bronzo realizzati dagli abitanti dei nuraghi sardi e su altri casi ancora) ottenibili con tecniche basate su fasci di particelle quali i muoni, senza danneggiare i rari reperti che vengono indagati. Per mezzo della spettroscopia X dei muoni negativi è possibile infatti studiare in modo non invasivo la composizione di oggetti spessi. Massimiliano Clemenza, che utilizza questa tecnica al Rutherford Laboratory, vicino a Oxford, illustrerà una serie di esempi. A seguire, il pubblico potrà assistere a uno spettacolo di “Magia Quantistica” che vedrà protagonista il Mago Silvani, giovane ricercatore dell’Università di Perugia ed esperto prestidigitatore, il quale intende spiegare con analogie “magiche” gli apparenti paradossi della fisica quantistica, a cominciare dal mitico gatto di Schrõdinger. Raffaele Silvani condurrà gli spettatori nel mondo quantico dove l’impossibile diventa possibile, in un continuo scambio fra scienza e “magia”, per spiegare in modo comprensibile a tutti alcuni dei fenomeni fisici più affascinanti della meccanica quantistica. L’iniziativa, che si rivolge sia al mondo scientifico che al pubblico generico, è realizzata in occasione della “XV International Conference on Muon Spin Rotation, Relaxation and Resonance”, in programma a Parma da domenica 28 agosto a venerdì 2 settembre, organizzata congiuntamente dall’Ateneo e dal Rutherford Appleton Laboratory dello Science Campus di Harwell (Co-chairs Adrian Hillier e Roberto De Renzi), anche con il sostegno di Fondazione Monteparma.L’appuntamento del 1° settembre e la conferenza internazionale hanno il patrocinio del Comune di Parma. L’appuntamento all’APE Parma Museo, rivolto a un pubblico che va dai 10 anni in su, è a ingresso gratuito con prenotazione al numero telefonico 0521 203413

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni politiche e i problemi reali del Paese

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

“Alle preoccupazioni dei cittadini per l’aumento dei costi delle bollette e sulla necessità di garantire i servizi, la politica sta rispondendo con un teatrino assurdo. O peggio, con ricette economiche insostenibili che genereranno solo debito per le future generazioni. Un atteggiamento che non piace a me, ma che non piace soprattutto ai cittadini. In questi cinque anni al Governo ho lavorato, soprattutto con Comuni e Amministrazioni locali, per raggiungere risultati che dicevano essere impossibili. Ed invece abbiamo “salvato” i bilanci di centinaia di Comuni, comprese le grandi città come Torino, Roma, Napoli, Palermo e delle Province, evitando così il taglio dei servizi ai cittadini. Abbiamo stanziato più di 40 miliardi per investimenti ed introdotto riforme storiche, come il passaggio, per la spesa sociale, dai costi storici a quelli standard. Questo vuol che le risorse che arrivano ai Comuni per i servizi sociali, dagli asili nido, ai servizi per la disabilità, a quelle per gli anziani, dal 2021 sono erogate sulla base di quanto è realmente necessario e non di un dato storico, che penalizzava soprattutto piccoli comuni e realtà del sud. Grazie a questa riforma i cittadini non devono avere più paura di non ricevere i servizi garantiti. Un impegno e risultati che vi sto raccontando, anche su questa pagina, in questi giorni. Per portare avanti questo lavoro, con molti amici e colleghi con cui abbiamo condiviso tutto questo percorso ed il sostegno al Governo Draghi, e con nuovi compagni di strada, abbiamo costruito Impegno Civico. Un progetto a cui credo molto e ritengo possa rappresentare la risposta giusta, all’interno di una coalizione che può assicurare continuità al Governo di Mario Draghi ed al suo metodo. Anche per questo sarò candidata alla Camera dei Deputati, capolista nei 2 collegi plurinominali in Piemonte 1, in Lombardia 3 – P02 e, con Luigi Di Maio, in Campania 1 – P02.La prossima è una legislatura fondamentale per il futuro dell’Italia. A Governarla non può essere chi ha interrotto, inspiegabilmente, il percorso riformatore, mettendo a rischio il PNRR e non solo”. Lo scrive sui social Laura Castelli, Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze e Deputata di Impegno Civico.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Contraccezione maschile. Basta crogiolarsi con la pillola

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 agosto 2022

La contraccezione riguarda sia uomini che donne, ma sostanzialmente il controllo delle nascite è a quasi totale appannaggio delle donne. E non è una nostra invenzione la soddisfazione che gli uomini e le donne, anche più consapevoli, provano in un rapporto sessuale se lo stesso non debba essere mediato da un preservativo, metodo tra i più sicuri (figuriamoci il coito interrotto…). Al momento l’unica soluzione perché il maschio “faccia la sua parte” è la vasectomia, ma la radicalità del provvedimento non è incoraggiante. Non si hanno notizie su una ricerca scientifica che prenda in considerazione il problema come, a suo tempo accadde per la pillola femminile. Nella nostra società la parità di genere è una delle questioni al centro (anche se c’è ancora molto da fare) di normative, politica e cultura. Ma è una centralità dove la sessualità non procreativa sembra che abbia raggiunto un proprio livello di soddisfazione tecnico/scientifica e si sia fermata. Inoltre, anche il metodo più estremo dell’aborto (sempre a carico della donna), violando le leggi che lo riconoscono come diritto, è boicottato dalle stesse istituzioni. Mentre per il legislatore sembra che il problema non esista, per gli uomini continua il trend maschilista di affidare la decisione a donne che, socialmente ed individualmente, continuano ad essere condizionate dalle decisioni maschili. E’ di questi giorni, in Francia, il lancio di una petizione perché politica e scienza si interessino della questione, sviluppando la contraccezione maschile. Forse non siamo ancora in grado di prendere esempio dai “cugini” francesi, ma la loro iniziativa è stimolo a non sottovalutare l’importanza della questione per il raggiungimento di un’armonia sociale e culturale.In questi giorni abbiamo la campagna elettorale… ci saranno candidati in grado di affrontare la questione, esprimendosi e proponendo? Vincenzo Donvito Maxia http://www.aduc.it

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »