Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Archive for 5 agosto 2022

Arte, Mostra personale di Marie Matusz

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

Milano 15.09.2022 H18:00-20:00 (16.09.2022 19.11.2022) Via Vecchio Politecnico 3, Nella sua mostra personale Fall, Marie Matusz presenta nuovi lavori che si articolano liberamente attorno alla serie di poesie Mirlitonnades di Samuel Beckett – rime talvolta quasi laconiche, talvolta ironiche, talvolta malinconiche che il poeta scrisse su pagine di calendario, margini di orari o tovaglioli nel 1977. L’artista non è interessata solo al potenziale di queste rapide rime, ma anche ai momenti di oscuramento o di straniamento che si nascondono dietro il ‘mirliton’: in francese, il termine indica rime semplici e banali, ma allo stesso tempo si riferisce anche a una tromba, uno strumento che aliena la voce umana su un foglio teso. Con Fall, l’artista concepisce un’installazione di dimensioni pari a una stanza che riprende gli aspetti del ritmo, della ripetizione e della composizione, ma anche della distorsione o, come dice Marie Matusz, della ‘maschera visiva’: come spettatrice, mi trovo in un labirinto aperto di plexiglas semitrasparente, in cui vengo rispecchiata tanto quanto gli oggetti e le sculture presentate. A cura di Gioia Dal Molin. Il lavoro di Marie Matusz è sostenuto dalla Ernst und Olga Gubler-Hablützel Stiftung.Marie Matusz (1994, Tolosa) vive e lavora a Basilea e Berlino. La sua pratica nasce da un impegno critico con le forme e i loro significati intrinseci, che si evolve attraverso una ricerca approfondita di teorie filosofiche, sociologiche e linguistiche. Accostando elementi e texture, crea un’estetica di gestione e sviluppa una coreografia del pubblico mentre le opere sembrano rimanere immobili e statiche. Questa sospensione oltrepassa il fisico, in quanto cerca di attivare un’interruzione del tempo. Il suo lavoro gioca con questo momento di ozio presentando oggetti provenienti da vari archivi storici, tratti dal nostro repertorio classico, e riesaminandoli attraverso lenti e tecniche di produzione contemporanee. Le mostre personali più recenti includono: Until We Turn Blue (Dorothea Von Stetten Art Award), Kunstmuseum Bonn (2020); Epoche, Kunst Raum Riehen (2020); Golden Hour, Atelier Amden (2019); e Caravan, Aargauer Kunsthaus (2019). Marie Matusz ha ricevuto lo Swiss Art Award nel 2021.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Musica&” Cortina 2022

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

Cortina d’Ampezzo (BL) Grand Hotel Savoia, 11-24 agosto 2022 Forte della presenza di un pianista come Roberto Prosseda e della complicità tra lui e Mattia Rondelli, direttore d’orchestra e direttore artistico della rassegna, “Musica&” è un salotto in cui il pubblico è vicino agli artisti così da poter anche interloquire con loro, e gli artisti non sono visti dall’alto di un palcoscenico, ma devono essere compresi in un discorso, in temi e ospiti che, per frequentazione e visibilità, sono più che familiari al pubblico. Da pochissimo online il sito proprio della rassegna http://www.musicaet.comIl percorso degli incontri di agosto di “Musica&” inizia giovedì 11 agosto nella Sala Dolomia del Grand Hotel Savoia con un viaggio nella storia di compositori ed artisti che, avendo accesso ai Palazzi del potere, si sono rivelati anche uomini di diplomazia, fino all’esperienza contemporanea di Paesi che comunicano, scambiano informazioni e missive attraverso l’arte della diplomazia e la polvere dei palcoscenici. Proseguirà poi il 17 agosto affrontando il tema della Memoria: lo scopo sarà senz’altro il racconto, ma a cominciare dalla musica i frutti di quel racconto dovranno emergere e indicare i presupposti attuali e condivisi di una prospettiva di vita migliore. L’incontro finale, il 24 agosto, vedrà l’intreccio di due o più arti che, come ormai accertato dalle neuro scienze, interagiscono con il benessere: se arte è conoscenza, musica e vino sono indubbiamente arti che sublimano la bellezza fino al piacere.Il programma comprende tre incontri in cui si dialogherà su “musica&diplomazia”, “musica&memoria”, “musica&vino” con illustri ospiti presenti, tra i quali l’Ambasciatore italiano a San Salvador, S. E. Edoardo Pucci, Pier Francesco Zago Ambasciatore italiano in Ucraina, Antonia Arslan, scrittrice italo armena, la violinista Sonig Tchakerian, Alessia Antinori, Gelasio Gaetani Lovatelli D’Aragona e il baritono Simone Piazzola. Gli eventi vedranno confrontarsi ambasciatori e diplomatici, scrittrici e musiciste, imprenditori e cantanti. Nel corso degli incontri il Maestro Roberto Prosseda, seduto al pianoforte, interloquirà con l’esecuzione di grandi pagine musicali eseguite ad hoc per arricchire e stimolare ulteriormente il dibattito. Gli ospiti che interverranno, oltre ad essere eminenti protagonisti dei temi che vengono a rappresentare, hanno tutti accolto il particolare obiettivo della rassegna che, con semplicità di forma ma intransigenza sui contenuti, si offre come un singolare format da scoprire e condividere.Ad inaugurare “Musica&” giovedì 11 agosto alle 18 sarà l’incontro “Musica&Diplomazia” che vedrà l’Ambasciatore italiano a San Salvador S. E. Edoardo Pucci insieme a Pier Francesco Zago Ambasciatore italiano in Ucraina, dialogare sull’arte della diplomazia e la “polvere dei palcoscenici” con il pianista Roberto Prosseda.Mercoledì 17 agosto alle 18 per “Musica&Memoria”, nel centenario del grande incendio di Smirne, saranno protagonisti Antonia Arslan, scrittrice italo armena, autrice del best seller La masseria delle Allodole, Sonia Guetta Finzi, presidente della Società dei Concerti di Venezia, Maya Oganyan, pianista quindicenne enfant prodige di origini armene, allieva di Prosseda e vincitrice del Premio Giol di Venezia e la violinista di fama internazionale Sonig Tchakerian.Mercoledì 24 agosto, sempre alle 18, l’incontro intitolato “Musica&Vino” ospiterà Alessia Antinori con Gelasio Gaetani Lovatelli D’Aragona e il baritono Simone Piazzola. In occasione del dibattito, il M° Prosseda eseguirà alcune pagine musicali con riferimenti al tema del vino, in un brillante intreccio di rimandi ed esperienze.Musica& sarà anche Partner di un’iniziativa privata con la Galleria Farsetti.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il meglio del giornalismo da tutto il mondo a DIG Festival

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

Dal 22 al 25 settembre a Modena, caratterizzata da un programma internazionale che prevede oltre 80 eventi tra cui incontri, workshop, anteprime cinematografiche, arte e musica. Si comincia il giovedì con l’inaugurazione della mostra personale dell’acclamata artista Gabriella Giandelli, autrice del Watchdog dell’edizione 2022, il “cane da guardia” simbolo del giornalismo di inchiesta e di ogni edizione di DIG. A seguire, le lectiones inaugurali delle intellettuali Maria Nadotti, saggista e traduttrice, e Silvia Federici, tra le più importanti filosofe e teoriche viventi del femminismo, apriranno ufficialmente il Festival nella cornice della Chiesa di San Carlo. Durante “DIG Festival 2022: Stay Gold” si parlerà di conflitti, propaganda e giornalismo, delle grandi crisi del nostro tempo, di autoritarismo tecnologico. Un’edizione dedicata alla memoria di Matteo Scanni – giornalista, documentarista, a lungo direttore della Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica – prematuramente scomparso il 27 gennaio scorso: Stay Gold, “resta d’oro”, era infatti l’invito con cui amava spronare i giovani giornalisti a rimanere incorruttibili e a continuare a cercare la verità senza scendere a compromessi.Tra gli ospiti più importanti il documentarista investigativo danese Mads Brugger, vera e propria icona del giornalismo sotto copertura; la reporter irlandese Sally Hayden, vincitrice dell’Orwell Prize 2022 con il suo My Fourth Time, We Drowned, sulla tratta di esseri umani in Libia; Avi Mograbi, il documentarista che con i suoi lavori ha saputo raccontare meglio di chiunque altro la politica di occupazione di Israele nella Striscia di Gaza. Saranno presenti anche esponenti di spicco di diverse realtà chiave del giornalismo di inchiesta più innovativo: Bellingcat e Forensic Architecture, che con le loro tecniche di indagine hanno saputo svelare abusi e crimini di guerra nelle zone di conflitto, recentemente anche nel contesto ucraino. Il prestigioso “laboratorio” Centre for Investigative Journalism (CIJ) e la ONG Privacy International arricchiranno invece il programma di DIG con riflessioni sull’uso autoritario della tecnologia contro il giornalismo e i migranti.DIG è anche cinema e grandi documentari: per quattro giorni nelle sale dello storico Cinema Astra verranno proiettati i film finalisti nelle cinque categorie dei DIG Awards, alla presenza degli autori che raggiungeranno Modena da ogni parte del mondo. Oltre ai titoli in concorso, il Festival presenta come ogni anno una ricca sezione di film extra: spiccano le rassegne dedicate al lavoro proprio di Loznitsa, Mograbi e Brugger.Il Festival ospiterà, come sempre, anche le sessioni della DIG Academy, con cui DIG offre 12 workshop gratuiti di alta formazione, aperti a tutti e accreditati dall’Ordine dei Giornalisti, ospitate all’interno del Complesso San Paolo e nel Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Modena. Durante DIG Festival, inoltre, saranno assegnati i premi internazionali dei DIG Awards – il concorso che quest’anno ha attirato una partecipazione da record, con oltre 400 opere candidate da tutto il mondo. I premi saranno attribuiti dalla giuria internazionale di DIG, in cui siedono autori e produttori dei maggiori brand del giornalismo di inchiesta e del documentario al mondo, tra cui Al Jazeera, Arte, SVT, BBC e Fremantle. Sempre maggiore spazio verrà dato alla categoria audio, con una giuria composta da membri di assoluto prestigio tra i quali Susanne Reber e Matteo Caccia, che saranno anche protagonisti di panel dedicati al podcast.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nuova linea ferroviaria Ferrandina – Matera La Martella

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

Il progetto della nuova linea permetterà di collegare la città di Matera all’infrastruttura ferroviaria nazionale attraverso una linea elettrificata di 20 chilometri a binario unico. La stazione di Matera La Martella sarà servita sia da un collegamento diretto con la stazione di Ferrandina, sia da un collegamento verso Nord attraverso la nuova bretella di collegamento con la linea Battipaglia – Potenza – Metaponto.Il progetto consentirà inoltre di istituire collegamenti ferroviari di lunga percorrenza tra Matera e il sistema AV e di potenziare l’offerta di trasporto pubblico locale sul territorio in termini di frequenza e qualità. L’investimento complessivo per la realizzazione dell’opera è di circa 430 milioni di euro, finanziati anche con risorse PNRRR. All’approvazione del progetto definitivo farà seguito nei prossimi giorni l’avvio delle procedure negoziali, segnando così un importante traguardo nello sviluppo dell’intervento la cui attivazione è prevista entro il 2026.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Fondo Cometa risponde ai mutamenti del quadro finanziario

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

Il Fondo Cometa – Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell’industria metalmeccanica, dell’installazione di impianti e dei settori affini, e per i lavoratori dipendenti del settore orafo e argentiero – ha concluso l’iter per il rinnovo dei mandati di gestione finanziaria dei comparti Monetario Plus, Reddito e Crescita, per una capitalizzazione complessiva di circa 11 miliardi di euro, individuando le società vincitrici della gara.Cometa è il principale fondo pensione operante in Italia, con un patrimonio di oltre 13 miliardi di euro e più di 450.000 iscritti.Dopo un approfondito lavoro di analisi dei profili e delle offerte economiche prospettate dai candidati, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di assegnare in gestione: il comparto Monetario Plus ad Allianz ed Eurizon attraverso due mandati di tipo obbligazionario a rischio controllato. Il Comparto si rivolge agli aderenti prossimi al pensionamento, pertanto persegue un obiettivo di conservazione del capitale nominale su un orizzonte temporale non superiore a cinque anni; il comparto Reddito ad Allianz, Amundi, Axa, BlackRock, Credit Suisse, Eurizon, assegnatari di sei mandati di tipo multi-asset total return. Il comparto persegue l’obiettivo di realizzare un rendimento in linea con la rivalutazione del TFR su un orizzonte temporale di 6-10 anni; il comparto Crescita a BlackRock, Eurizon che opereranno sulla base di due mandati multi-asset a benchmark attivi. Il comparto ha l’obiettivo di massimizzare il rendimento su un orizzonte temporale non inferiore a dieci anni e si rivolge quindi agli aderenti, in particolare i più giovani, con tolleranza al rischio più elevata. Nelle prossime settimane verranno elaborate le convenzioni con le società vincitrici, che renderanno pienamente operative le gestioni nel corso dell’autunno. I nuovi mandati sono il frutto di un’attenta revisione della politica di investimento con cui Cometa risponde alla crisi in atto sui mercati e ai mutamenti del quadro finanziario degli ultimi anni, puntando a offrire agli iscritti una copertura previdenziale sempre più adeguata e in linea con i loro diversi profili e obiettivi, consentendo anche un ulteriore riduzione delle commissioni di gestione. L’aggiornamento delle strategie finanziarie è il frutto di un lungo lavoro di studio e analisi delle caratteristiche demografiche, retributive e contributive e degli obiettivi previdenziali sia dei lavoratori iscritti sia della popolazione metalmeccanica in generale, così come dell’analisi dei risultati ottenuti dalle gestioni finanziarie durante gli ultimi cinque anni, dello studio dell’attuale contesto di mercato e delle stime di medio-lungo periodo degli investimenti. Nel processo di selezione ha avuto un ruolo rilevante la valutazione della sostenibilità dei gestori, effettuata tramite un apposito questionario il cui esito ha costituito a tutti gli effetti punteggio per l’assegnazione dei mandati. Le società individuate hanno dimostrato di avere integrato precisi standard ESG e di impegnarsi a rispettare la rigorosa Politica di Sostenibilità del Fondo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’incertezza politica accresce le preoccupazioni delle famiglie

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

In un clima reso già molto difficile da una crescita dell’inflazione che non si registrava da decenni, dalla guerra in Ucraina e dalla recrudescenza della pandemia, la crisi di Governo e le possibili ripercussioni sull’economia italiana hanno accresciuto le ansie delle famiglie, restituendo una fotografia tra le peggiori degli ultimi due anni e mezzo: quasi 1 nucleo familiare su 2 (47,5%) teme fortemente le conseguenze dell’aumento dei prezzi sulla propria condizione economica, così come 4 su 10 non smettono di angosciarsi per il perdurare della guerra e, in controtendenza rispetto al passato nel periodo estivo, si fanno più forti anche le preoccupazioni per la pandemia. A dirlo sono le rilevazioni effettuate tra il 20 e il 23 luglio – quindi proprio all’indomani della fine del governo Draghi – da Termometro Italia, l’indagine avviata nel marzo 2020 da Innovation Team, unità di ricerca di MBS Consulting, Gruppo Cerved, per monitorare l’impatto del Covid19 e che oggi prosegue per rilevare come le famiglie vivono la ripresa, l’inflazione e le tensioni internazionali, le prospettive future. L’indagine periodicamente intervista oltre 500 capifamiglia ed espande i dati all’universo delle famiglie italiane (26 milioni) in funzione di area geografica, tipologia familiare e professione della principale fonte di reddito.“A fronte del sensibile aumento dei prezzi, l’ultimo trimestre ha visto precipitare la situazione economica delle famiglie, che risulta la peggiore dall’inizio delle rilevazioni – commenta Fabio Orsi, partner di Innovation Team, unità di ricerca di MBS Consulting, Gruppo Cerved -: infatti, il 60,9% dei nuclei ha dovuto intaccare i propri risparmi (+5,7% rispetto al mese scorso) e quasi il 25% in maniera consistente. L’impatto dell’inflazione sui prezzi dei beni di consumo è vissuto come grave o molto grave da quasi il 40% degli intervistati, con effetti importanti sulle abitudini di acquisto: addirittura 2 su 3 hanno ridotto le spese (62,5%, giugno: 63,7%), e con le vacanze in corso o alle porte, anche il caro-carburante ha pesato fortemente sul bilancio familiare, con conseguenze gravi per il 42,6% dei capi famiglia. Dopo mesi di relativa stabilità, insomma, la situazione sta scivolando nuovamente verso i picchi di febbraio”.Anche le aspettative per il futuro non sono buone: nei prossimi mesi praticamente tutti (86,5%, quasi 9 famiglie su 10) si aspettano un periodo difficile o molto difficile, fatto persino di rinunce a bisogni primari per 1 intervistato su 4 (24,3%). Se poi si fa correre la mente al prossimo anno le previsioni non migliorano: per il 73,3% dei rispondenti (+3,7% rispetto a giugno) la crisi di governo porterà un netto peggioramento nella condizione economica del Paese, e per 1 capofamiglia su 2 (il dato massimo mai rilevato: 51%, +10,4%) anche nella propria. Il 33,6% teme anche un peggioramento nella condizione lavorativa (+8,3%).Come se non bastasse, con l’ennesimo aumento dei contagi da Covid-19 la pandemia torna ad assumere un ruolo importante nelle preoccupazioni delle famiglie, con pensieri polarizzati: rispetto a un mese fa, crescono sia gli ottimisti (39,5%) che i pessimisti (35,5%).

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra artigianato e palazzo

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

Firenze Dal 16 al 18 settembre 2022 torna al Giardino Corsini di Firenze ARTIGIANATO E PALAZZO, la mostra promossa dall’Associazione Giardino Corsini, di cui è presidente Sabina Corsini, insieme a Neri Torrigiani ideatore e organizzatore della mostra, che, ogni anno, porta all’attenzione un’originale nuova selezione di oltre 90 testimoni della più alta tradizione artigiana, con un focus particolare alle generazioni emergenti, selezionate fra Italia ed Europa.Tre giorni, quelli che propone ARTIGIANATO E PALAZZO, dove scoprire i capolavori di dei maestri artigiani; incontrare i giovani vincitori dal concorso “Blogs&Crafts Europe”; comprendere la preziosità di una pelle lavorata con la concia al vegetale nella “Mostra Principe” dedicata quest’anno al Consorzio Vera Pelle Italiana Conciata al Vegetale; assistere agli incontri presso il Giardinetto delle Rose tra i quali, in programma, la presentazione dei risultati di un’indagine condotta per il progetto “Gentilezza e Sostenibilità”; ascoltare Annamaria Tossani e i suoi nuovi ospiti durante gli appuntamenti con “Ricette di Famiglia” e assaggiare i piatti realizzati dagli chef-docenti della Scuola di Arte Culinaria Cordon Bleu di Firenze sulla cucina allestita da Casta e serviti al pubblico sui piatti in porcellana decorata a mano di Fornasetti, dell’iconica serie “Tema e Variazioni”. Ma anche visitare nello spazio Focus la nuova mostra di Artex dedicata alle eccellenze della Toscana e l’allestimento video di Toscana Promozione nella “Boschereccia” di Palazzo Corsini; viaggiare con la fantasia tra gli espositori provenienti dalla Regione del Centro Valle della Loira; ammirare sotto la Loggia le installazioni del laboratorio di falegnameria della Comunità di San Patrignano nell’inedito allestimento curato da Cosimo Bonciani; imparare nei laboratori gratuiti all’aperto tante tecniche artigianali per grandi e piccini.E tutto questo lungo un percorso espositivo che si snoda tra le Limonaie e il Palazzo e comprende anche gli spazi privati al piano terra con i padiglioni esclusivi realizzati artigianalmente in tela decorata a mano da Guido Toschi Marazzani Visconti nel laboratorio di Torino.Atmosfere che diventano i soggetti della nuova campagna di comunicazione affidata quest’anno ai disegni di Paolo Fiumi, architetto, scenografo teatrale e illustratore fiorentino i cui disegni negli ultimi anni sono comparsi sui migliori periodici di moda.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Robeco: La moda sostenibile, è un ossimoro?

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

A cura di Sam Brasser, Trend Analyst di Robeco. Il modo più efficace per ridurre l’impatto della moda sull’ambiente sarebbe una riduzione in termini assoluti dei volumi di consumo. Ogni anno vengono prodotti circa 100 miliardi di capi di abbigliamento, 14 per ogni persona sul pianeta. Circa il 20% rimane invenduto. Meno dell’1% viene riciclato in nuovi capi di abbigliamento e il settore è responsabile di circa il 2-8% delle emissioni globali di gas serra. A voler essere realisti, è necessario produrre molto meno perché le persone possano ancora permettersi di vestirsi. Quindi, se da un lato è innegabile che la moda apporti gioia e sia un modo di esprimersi per milioni di persone in tutto il mondo, dall’altro l’industria della moda ha anche un forte impatto sociale e ambientale. In sintesi, la situazione è piuttosto critica e un cambiamento è necessario ormai da tempo. Riteniamo che il passaggio a modelli di business più sostenibili e circolari richieda alle aziende di ripensare le modalità di produzione e utilizzo degli abiti. L’industria della moda crea una grande quantità di rifiuti per diverse ragioni, tra cui l’uso di materiali di bassa qualità e il continuo cambiamento delle preferenze dei consumatori. L’adozione di passaporti digitali dei prodotti, riconosciuti a livello internazionale, sarà fondamentale per migliorare la trasparenza e aumentare la circolarità nel settore della moda nei prossimi anni. L’obiettivo dei passaporti digitali dei prodotti è quello di registrare, elaborare e condividere per via elettronica le informazioni relative ai prodotti tra le aziende della filiera, le autorità e i consumatori. I vantaggi attesi dall’adozione su larga scala dei passaporti digitali dei prodotti sono duplici: maggiore trasparenza per le aziende della filiera nonchè per i consumatori e maggiore efficienza in termini di scambio delle informazioni.A partire dal 2018, 130 firmatari della Carta dell’ONU dell’industria della moda a favore del clima si sono impegnati a raggiungere l’azzeramento delle emissioni di gas serra entro il 2050. Ciò richiederà l’adozione su larga scala di materiali di provenienza responsabile e di materiali riciclati. Attualmente, la produzione di materiali e la preparazione e lavorazione di filati e tessuti sono responsabili di circa due terzi di tutte le emissioni di gas serra del ciclo di vita di abbigliamento e calzature. due materiali più utilizzati nell’industria della moda – poliestere e cotone – comportano una serie di problemi dal punto di vista della sostenibilità. Il poliestere è economico, versatile e affidabile, caratteristiche che lo hanno portato a diventare la fibra di gran lunga più utilizzata al mondo: nel 2021 rappresentava circa il 58% della produzione globale di fibre. Prodotto a partire da combustibili fossili e spesso mescolato con altre fibre, il poliestere vergine richiede molte risorse ed è difficile da riciclare. Anche il cotone, la seconda fibra più utilizzata nella moda, che rappresenterà circa il 24% del mercato globale delle fibre nel 2020, è oggetto di controversie. È tra le colture più bisognose d’acqua, in quanto richiede circa 2.700 litri d’acqua (acqua potabile sufficiente per una persona per 900 giorni) per produrre una quantità di cotone sufficiente a confezionare una sola maglietta. Nei prossimi anni prevediamo ulteriori investimenti nelle infrastrutture necessarie per il riciclo dei materiali, con conseguente aumento della diffusione di diverse tecnologie di riciclo a ciclo chiuso e aperto, tra cui il riciclo meccanico da fibra a fibra, il riciclo rigenerativo della cellulosa, il riciclo rigenerativo di materiali sintetici, il riciclo termomeccanico di materiali sintetici e il riciclo rigenerativo misto. (abstract)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ci sarà una nuova Stella dedicata a Luciano Pavarotti sulla Walk of Fame di Hollywood

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

Los Angeles. 24 agosto 2022 alle 11.30 (orario di Los Angeles) al 7065 di Hollywood Boulevard, con trasmissione in diretta in esclusiva su walkoffame.com. La figlia del tenore Cristina Pavarotti sarà presente per accogliere il prestigioso riconoscimento, anche a nome delle altre eredi Lorenza, Giuliana e Alice Pavarotti e Nicoletta Mantovani, e interverrà insieme al direttore d’orchestra James Conlon, Direttore musicale dell’Opera di Los Angeles, che ha avuto un lungo rapporto di collaborazione professionale e di amicizia con l’artista.La cerimonia sarà accompagnata da una serie di appuntamenti celebrativi realizzati sotto il nome di “Luciano Pavarotti, la Stella”, offerti nella metropoli californiana il 24 e il 25 agosto, prodotti e curati dalla casa di produzione cinematografica italiana Albedo Production di Cinzia Salvioli insieme a Genoma Films di Paolo Rossi Pisu e a Silvia Bizio, Anna Manunza e Cecilia Miniucchi, grazie al sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Emilia-Romagna, dei comuni di Modena e di Pesaro, del Rossini Opera Festival e ancora di Isatex, Marposs, Deisa Ebano, Calzanetto e Alternative Group. La delegazione italiana sarà accolta a Los Angeles il 23 agosto con un ricevimento presso l’Istituto Italiano di Cultura (IIC) e sotto gli auspici del Consolato Generale d’Italia a Los Angeles.Cuore delle celebrazioni sarà la proiezione di due testimonianze audiovisive italiane, mai trasmesse negli Stati Uniti, che rappresentano due importanti momenti della lunga e ricca storia artistica di Luciano Pavarotti. La prima è la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, con l’Orchestra Sinfonica di Roma della Rai e i Cori di Milano e Roma della Rai diretti da Claudio Abbado nella Basilica di Santa Maria Sopra Minerva a Roma nel 1970, conservata negli archivi di Rai Teche e proposta per la prima volta nella versione restaurata dalla Fondazione Cineteca di Bologna ad opera del laboratorio “L’immagine ritrovata”. Protagoniste, insieme al tenore modenese, le voci di Renata Scotto, Marilyn Horne e Nicolai Ghiaurov. La seconda è una selezione di cinque brani tratti dall’ultimo dei tre recital che Pavarotti tenne come solista al Teatro alla Scala nel 1983: Già il Sole dal Gange di Alessandro Scarlatti, l’Ave Maria di Franz Schubert, La Serenata e Non t’amo più di Francesco Paolo Tosti e Quando le sere al placido da Luisa Miller di Giuseppe Verdi. Al pianoforte Leone Magiera.Le proiezioni a Los Angeles sono in programma il 24 agosto alle ore 20 presso l’Aero Theater, in collaborazione con l’American Cinematheque e con la presentazione al pubblico a cura di James Conlon – Richard Seaver Music Director dell’Opera di Los Angeles; il 25 agosto alle ore 17 al Warner Grand Theatre San Pedro, in collaborazione con l’Associazione Little Italy di Los Angeles e Councilmember Joe Buscaino – LA 15th Council District Proclamation della Città di Los Angeles. In questa occasione, la Città di Los Angeles consegnerà un riconoscimento ufficiale in memoria di Luciano Pavarotti. Nello stesso giorno ci saranno proiezioni anche all’Auditorium del Grammy Museum, il Clive Davis Theater.Nel corso della sua incredibile carriera artistica, che lo ha visto protagonista sui palcoscenici di tutto il mondo per 43 anni, con la sua arte e la sua voce Luciano Pavarotti ha fatto scoprire e amare l’opera lirica ad un pubblico sempre più ampio e trasversale. Cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana, ha ricevuto innumerevoli altre onorificenze e prestigiosi premi nazionali e internazionali. Per il suo grande impegno in cause umanitarie, il tenore è stato insignito, tra gli altri, del Premio per i Servizi all’Umanità della Croce Rossa Internazionale, del Nansen Refugee Award ed è stato nominato “Messaggero di Pace delle Nazioni Unite”. Questa Stella sottolinea ancora una volta l’importanza internazionale dell’opera lirica italiana, candidata per entrare, a partire dal 2023, nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità tutelato dall’UNESCO. Un ulteriore momento celebrativo, con eventi in corso di programmazione, si realizzerà fra il 12 e il 16 novembre 2022.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni: Il risultato del voto non è affatto scontato

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

By Enrico Cisnetto.A far discendere le proprie valutazioni e le conseguenti decisioni dalla realtà virtuale dei sondaggi è un errore capitale. Seconda premessa: se i partiti fossero tali, e non dei comitati elettorali a carattere padronale, oggi gli schieramenti sarebbero delineati e i programmi già consolidati. Invece tutto è ricondotto a scelte personali che ruotano intorno a vere o, soprattutto, presunte leadership. Questo significa che l’affermarsi, prima sul piano mediatico e poi, eventualmente, su quello elettorale, di personalità che sembrano rivolte ad un successo imperituro, sono invece destinate a durare, al massimo, lo spazio di uno scorcio di legislatura. Teniamone conto. Terza e ultima premessa: il 25 settembre si voterà con la vecchia legge elettorale, che assegna il 37% dei seggi con il metodo maggioritario delle candidature uninominali, e il resto con il sistema proporzionale. Questo perché – nonostante sia stata decisa la decurtazione di un terzo del numero dei parlamentari, scendendo a 400 deputati e 200 senatori, cosa che ha determinato uno stravolgimento dei collegi – i partiti non hanno trovato la determinazione e la lucidità necessaria per cambiare la legge, come avevano detto e promesso. E siccome la quota uninominale sarà decisiva, specie al Senato, i partiti pur di vincere sono costretti – ma sarebbe meglio dire, si sono autocostretti – a formare alleanze preventive. Ed essendo totalmente privi di intelligenza politica, peggiorano le cose costringendo queste alleanze – la cui inconsistenza è dimostrata dal fatto che a poche settimane dal voto o devono ancora essere fatte o sono con tutta evidenza posticce e quindi destinate a frantumarsi dopo le elezioni – dentro lo schema bipolare, già dimostratosi fallimentare nella Seconda Repubblica. Tutto ciò premesso, ne discende che occorre evitare di farsi abbagliare sia dalla chincaglieria delle facili promesse – di solito spesa pubblica senza indicazione di dove si prendono le risorse, e quindi o non realizzabile o fatta a debito – sia dalle demonizzazioni degli avversari (basterebbe sottolinearne il dilettantismo e l’ignoranza, che ce ne sarebbe davanzo). Viceversa, la linea del giudizio deve assumere come discrimine le grandi questioni che sono davanti a noi. E la prima, quella fondamentale perché riguarda l’appartenenza all’Occidente e al suo sistema di valori, democrazie e libertà in testa, riguarda la collocazione internazionale dell’Italia, sollecitata dalla guerra che la Russia di Putin ha scatenato in Ucraina ma che ha mire che vanno ben oltre. Ricorderete che fin dalla prima cannonata su Kiev, a febbraio, io scrissi che il nostro Paese si sarebbe trovato di fronte ad una inequivoca (ma non per questo acritica) scelta di campo, e che la politica italiana avrebbe ritrovato un fattore discriminante, il “fattore P” (da Putin), così come durante la guerra fredda del secolo scorso ci fu il “fattore K”, che stava per comunismo e da cui ne discendeva la “conventio ad excludendum” nei confronti del Pci. Ora, la linea di confine è la caratura euro-atlantica dei partiti. Laddove entrambe le componenti del binomio – la pienezza della dimensione europea, che preclude ogni sbavatura sovranista, e la convinta adesione al patto Atlantico e alla Nato – devono essere garantite. E tradotte in una conseguente “solidarietà attiva”, cioè anche militare, all’Ucraina, senza ambiguità pacifiste, dietro le quali si nascondono i fili di legami inconfessabili con Mosca.Giorgio La Malfa ha tradotto l’applicazione rigorosa di questa discriminante in una proposta: il centrosinistra costruisca – pur nelle difficoltà di una legge elettorale che vieta forme di alleanze indirette, come la desistenza – un patto per i collegi uninominali tra tutti gli euro-atlantici, partendo dal presupposto che nessuna delle leadership del centro-destra abbia sul punto le carte in regola. Ora, se è vero che la Meloni è atlantista ma non europeista (l’amicizia con Orban e la collocazione nel parlamento europeo lo testimoniano), che Salvini non è né l’uno né l’altro e che Berlusconi ha dimenticato i suoi vecchi orientamenti liberali (ammesso che fossero autentici) ma non l’amicizia “molto stretta” con Putin, non per questo è altrettanto vero che il vasto fronte di chi si colloca nel centro-sinistra sia tutto adamantinamente euro-atlantico. Ne sono escluse vaste area della sinistra, anche dentro il Pd, mondi cattolici vari a cominciare da quelli ispirati al Papa peronista, e i 5stelle di Conte. E infatti si è già visto che la sinistra anziché organizzare su questi temi la campagna elettorale, preferisce – more solito – andare sul terreno della demonizzazione dei leader della destra e chiamare a raccolta il suo popolo agitando lo spettro del fascismo. La verità è che la selezione andrebbe fatta tra gli elettori, che sono sicuro starebbero in grande maggioranza dalla parte giusta, mentre il filtro dei partiti rende tutto poco limpido e credibile. Purtroppo, manca pochissimo alla presentazione delle liste e al voto, e pesano tutte le cose sbagliate fatte fin qui, e soprattutto quelle non fatte. E queste elezioni sono fondamentali, perché il Paese si gioca l’osso del collo. Sia perché arriva impreparato all’impatto con la somma di una serie di problemi esogeni di portata epocale – la guerra alle porte, la pandemia ancora ben viva, lo spettro della recessione da crisi dei costi dell’energia e delle materie prime e da inflazione prossima alle due cifre – con quelli endogeni dovuti ad una arretratezza lasciata incancrenire, sia perché subisce le conseguenze di avere un sistema politico e una architettura istituzionale sprofondati da anni in una crisi senza sbocco. Se poi gli ombrelli riparatori e le ciambelle di salvataggio che l’Europa ci ha messo a disposizione in questi anni, e di cui empiamente non abbiano fatto buon uso, non ci dovessero più essere, allora la situazione si farebbe davvero drammatica. Per questo non ci possiamo permettere una riedizione del 2018, in cui il combinato disposto tra l’astensione – ve lo dice uno che nel passato l’ha praticata, rivendicandone anche il valore politico quando non derivante da qualunquismo – e il voto di protesta, ha prodotto la peggior legislatura della storia repubblicana, che neppure l’italiano con maggiore credibilità internazionale è riuscito a salvare.Partiamo da qui, e portiamoci queste considerazioni in vacanza con noi che ci aiutino a riflettere, che prima del 25 settembre un’idea sul che fare ce la faremo. Per intanto buone vacanze a tutti, riprenderemo il filo del discorso ai primi di settembre. (abstract) Enrico Cisnetto direttore http://www.terzarepubblica.it

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lavoro: Mura (Pd), a regime congedo paternità e indennità autonome

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

“La tutela della maternità e della paternità sono stati al centro dell’impegno del Pd al Governo e in Parlamento, migliorando la flessibilità e la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Nella commissione Lavoro della Camera abbiamo svolto un’attività che ha avuto tra le sue priorità il riequilibrio delle disuguaglianze e la difesa della parità delle condizioni di lavoratrici e lavoratori. Purtroppo la fine prematura della legislatura lascia aperte sul tavolo molte altre questioni rilevanti”. Lo afferma la presidente della commissione Lavoro della Camera Romina Mura (Pd), dopo la pubblicazione ieri in Gazzetta Ufficiale del decreto legislativo legge 30 giugno 2022, n. 105, di “Attuazione della direttiva (UE) 2019/1158 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2019, relativa all’equilibrio tra attività professionale e vita familiare per i genitori e i prestatori di assistenza. “Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale – aggiunge la parlamentare – entra a regime il congedo di paternità anche per i dipendenti pubblici e l’indennità di maternità per le lavoratrici autonome e libere professioniste. Altre norme integrano il perimetro degli aiuti alla genitorialità e – sottolinea Mura – si estende ai caregiver e alle persone con disabilità grave il diritto alla priorità per lo smart working e altre forme di lavoro flessibile”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Servono interventi combinati che possano portare ad un alleggerimento sulle tasche degli italiani

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

“Alla luce del dato sull’inflazione (+7,9%), è necessario calmierare il costo delle materie prime e dei beni di prima necessità. L’azione del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, è stata sinora puntuale a livello europeo per cercare di introdurre un tetto al prezzo del gas e rimane tale nonostante la caduta del Governo”. Lo dichiara il deputato Pasquale Maglione, vicepresidente vicario di ‘Insieme per il Futuro’ alla Camera.“Il carrello della spesa cresce addirittura del 9,1% il dato più elevato da settembre 1984 – aggiunge – Per questo riteniamo vitale la misura proposta di azzerare l’IVA per pane e pasta, riducendola su carne e pesce nonché sui beni legati alla natalità, ai farmaci e le bollette”.“Allo studio del Governo c’era anche il taglio del cuneo fiscale per i dipendenti con redditi bassi – prosegue Maglione (IpF) – In tal senso bisognerà lavorare nella futura Legge di Bilancio. Ogniqualvolta gli italiani fanno spesa, purtroppo, possono toccare con mano la gravità di aver fatto cadere un Esecutivo in questo momento drammatico”.“Auspichiamo che questa scelta scellerata non venga confermata da un atteggiamento deleterio di mera contrapposizione elettorale quando esamineremo i prossimi provvedimenti, in cui faremo in modo di inserire i primi interventi in aiuto degli italiani” conclude Maglione (IpF).

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“EU GREEN – European University Alliance for Sustainability, Responsible Growth, inclusive Education and Environment”

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

Il progetto di rete universitaria europea iniziato nel corso del 2020 è ora una realtà: “EU GREEN – European University Alliance for Sustainability, Responsible Growth, inclusive Education and Environment”, di cui l’Università di Parma è Ateneo co-fondatore, è da ieri una delle 4 nuove alleanze approvate dalla Commissione Europea nell’ambito dell’azione “European Universities” del Programma ERASMUS+ 2021/2027. “Un risultato importantissimo, per il quale c’è davvero grande soddisfazione – commenta il Rettore dell’Università di Parma Paolo Andrei –. EU GREEN è un’iniziativa dalle enormi potenzialità sul versante dello sviluppo internazionale per tutta la nostra comunità universitaria, che guarda alla sostenibilità in tutte le sue forme e che punta a un gioco di squadra non solo fra Atenei ma fra territori: un’ottima opportunità di crescita per tutti i partner coinvolti”. Coordinati dall’Universidad de Extremadura (Spagna), gli Atenei europei partner sono nove: oltre all’Università di Parma, l’Institute of Technology Carlow (Irlanda), la Otto von Guericke University of Magdeburg (Germania), l’Université de Angers (Francia), la Universidade de Évora (Portogallo), la University of Gävle (Svezia), la Universitate din Oradea (Romania) e la Wroclaw University of Environment and Life Sciences (Polonia). L’obiettivo comune è la creazione di uno spazio europeo di istruzione superiore che abbia come priorità la sostenibilità in tutte le sue dimensioni (didattica, ricerca, terza missione, vita studentesca e internazionalizzazione): una rete che si prefigge un migliore servizio a studenti e studentesse e ai rispettivi territori, lavorando insieme per aumentare e promuovere la sostenibilità e affrontare le principali sfide sociali individuate degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite, favorendo la crescita di una società più equa e lo sviluppo di un’economia più equilibrata e di un ambiente più sostenibile.Per l’Università di Parma lo sviluppo del progetto è stato seguito dal Delegato per le Reti Universitarie Giorgio Pelosi con la collaborazione di un gruppo di lavoro appositamente predisposto, composto dai Prorettori Roberto Fornari, Sara Rainieri e Fabrizio Storti, dal Delegato alle Relazioni internazionali Guglielmo Wolleb, dalla Dirigente dell’Area Didattica, Internazionalizzazione e Servizi agli Studenti Anna Maria Perta, dal Responsabile della UO Internazionalizzazione Alessandro Bernazzoli, da Elena Raschiani della UO Progettazione Didattica e Assicurazione della Qualità e da Theonil Lugo Arrendell, Ermelinda Ferrarese e Loredana Gianolini della UO Internazionalizzazione. Insieme a loro, tutto l’Ateneo ha profuso grande impegno per la definizione delle linee programmatiche insieme agli altri partner europei.La presenza di Parma vedrà il coinvolgimento attivo anche di altre importanti realtà territoriali che, a diverso titolo, hanno offerto la loro disponibilità a collaborare attivamente: Regione Emilia-Romagna, Provincia di Parma, Comune di parma, EFSA, Barilla, “Parma io ci sto!”, Chiesi Farmaceutici, Fondazione Cariparma, Unione Parmense degli Industriali, Dallara Group, Fiere di Parma, Fondazione Collegio Europeo.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Conte: Rojc (Pd), buttati fuori? Tentato di tutto per evitare rottura

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

“Conte non rivolti la frittata. I 5Stelle non sono stati buttati fuori dal Palazzo e i suoi parlamentari lo sanno bene come fino all’ultimo abbiamo tentato di convincerli a non fare mosse avventate, che avrebbero avuto gravi conseguenze al di là dei loro calcoli immediati. Molti sono stati ingannati, si accorgono dell’errore in cui sono stati indotti e fanno scelte conseguenti. Aver interrotto il lavoro del Governo Draghi non ha giustificazione per nessuno, destre in prima linea”. Lo afferma la senatrice Tatjana Rojc (Pd), replicando al leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, secondo il quale “oggi ci buttano fuori dal palazzo” in quanto “paghiamo un prezzo per la nostra coerenza“.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Arera: cambia aggiornamento bollette

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2022

Arera cambia il metodo di aggiornamento dei costi della materia prima gas per le famiglie che sono ancora nelle condizioni di tutela. “E’ un’ottima notizia! Accolte le richieste che facevamo da mesi all’Authority. Ora però anche il Governo Draghi deve fare la sua parte e intervenire immediatamente per rinviare la scadenza del mercato tutelato del gas prevista per il 1° gennaio 2023, come chiede oggi Arera e ha già chiesto da mesi” afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori. “E’ un ‘emergenza nazionale non più rinviabile. La fine del mercato tutelato del gas prevista per il 1° gennaio 2023 va allineata a della luce, programmata invece per il 10 gennaio 2024. Non solo perché differenziare le scadenze è privo di senso logico e crea solo confusione per i consumatori, ma perché in momento di prezzi impazziti, in cui le famiglie fanno fatica a pagare le bollette, bisogna che continui il ruolo di Arera nella definizione dei prezzi, così dare maggiore stabilità a un mercato impazzito” conclude Vignola.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »