Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘trasformazione’

Trasformazione digitale in Turchia

Posted by fidest press agency su martedì, 26 febbraio 2019

Turkcell ed Airspan annunciano la prima implementazione di AirDensity per fornire copertura e capacità agli spazi interni più ristretti in Turchia, oltre che per estendere la copertura alle aree rurali e permettere lo sviluppo di soluzioni di prossima generazione, come i droni con funzione di celle volanti.AirDensity si basa sulla pluripremiata piattaforma AirUnity e fa parte del portafoglio Airspan di densificazione della rete, che conta circa mezzo milione di celle 4G implementate a livello mondiale. Si tratta di un’ulteriore prova del progresso realizzato nel quadro della cooperazione strategica annunciata il 23 febbraio 2017 tra Turkcell ed Airspan. Airspan supporta il consorzio 5G ‘Made in Turkey’ con un centro di ricerca e sviluppo nel Technopark di Istanbul e assicura un sostegno regionale alle implementazioni di Airspan.Turkcell implementa AirDensity, l’innovativa piccola cella totalmente wireless, per offrire un’esperienza utente davvero ottimale ai clienti residenziali e professionali, sviluppa rivoluzionarie applicazioni verticali e si conferma come operatore digitale leader in Turchia.Eliminando i tradizionali ostacoli all’implementazione, l’ampio portafoglio di soluzioni di densificazione della rete targate Airspan consentono a Turkcell di rispondere in pochi giorni alle proprie esigenze in materia di densificazione, rivoluzionando al contempo gli aspetti economici di tale implementazione.
AirDensity comprende l’innovativa tecnologia di auto-ottimizzazione pronta all’uso di Airspan che riduce a pochi minuti i tempi di messa in servizio, rispetto alle ore o ai giorni richiesti dalle soluzioni tradizionali, e che permette a Turkcell di implementare una rete a livello di ‘cell edge’ con capacità di auto-configurazione e di auto-riparazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Invitalia fa squadra con Microsoft per la trasformazione digitale dell’Agenzia

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 giugno 2018

Invitalia e Microsoft hanno siglato un protocollo d’intesa finalizzato alla trasformazione digitale dell’Agenzia nazionale per lo sviluppo: l’obiettivo è semplificare i processi interni e migliorare la qualità e la rapidità dei servizi per la concessione degli incentivi alle imprese. Invitalia potrà avvalersi della consulenza strategica di Microsoft per rinnovare la propria infrastruttura tecnologica e adottare nuove tecnologie di Cloud Computing e Intelligenza Artificiale per ottimizzare l’iter di valutazione ed erogazione dei finanziamenti nel segno di una maggiore rapidità e sicurezza. L’obiettivo è permettere agli utenti di interagire più facilmente con la piattaforma informatica dell’Agenzia per richiedere le agevolazioni, conoscere in tempo reale lo status della propria domanda di finanziamento – ad esempio attraverso app dedicate – e per partecipare agli eventi nei quali Invitalia orienta i potenziali beneficiari e spiega il funzionamento degli incentivi.
Inoltre una maggiore attenzione alla gestione e analisi di Big Data consentirà a Invitalia un’elaborazione più efficace delle informazioni e una maggiore proattività nell’individuare i target più adatti ai singoli incentivi.Nell’ambito del protocollo d’intesa, Invitalia e Microsoft creeranno insieme un Digital Lab, ovvero un centro di competenza per realizzare su cloud una piattaforma utile per l’Agenzia per svolgere azione di scouting sui territori ed eseguire analisi capaci di valutare la qualità e l’impatto delle misure adottate. A tal fine Microsoft metterà a disposizione i propri esperti e digital advisor per definire le strategie necessarie a sviluppare nuovi servizi, avviare test tecnici e creare progetti pilota. Contestualmente i tecnici di Invitalia avranno l’opportunità di frequentare percorsi di formazione professionale e vivere delle vere e proprie full immersion nel mondo della tecnologia nei centri Microsoft di Bruxelles, Redmond o Milano.Invitalia avrà inoltre la possibilità di sfruttare moderne soluzioni di collaborazione, sistemi gestionali e CRM come Microsoft 365 e Dynamics 365 e di far leva sulla piattaforma cloud Microsoft Azure, beneficiando dei tool di analisi, degli strumenti di machine learning e delle funzionalità di Artificial Intelligence integrate, con il vantaggio di godere di un’infrastruttura scalabile per gestire in modo flessibile i picchi legati alle campagne per gli incentivi, come già accaduto nel caso di Resto al Sud, l’incentivo per i giovani del Mezzogiorno che vogliono mettersi in proprio.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione del volume “La Provincia di Torino. La sua trasformazione, i suoi Presidenti. E poi?

Posted by fidest press agency su martedì, 5 giugno 2018

Torino mercoledì 13 giugno alle 16,30 nella Sala Consiglieri di Palazzo Cisterna presentazione del volume “La Provincia di Torino. La sua trasformazione, i suoi Presidenti. E poi? La Città metropolitana!?”, pubblicato per i tipi delle edizioni SGI e sotto l’egida della Consulta permanente dei Consiglieri della Provincia e della Città metropolitana di Torino. Dalla ricostruzione post-bellica alle difficoltà con cui è partita la nuova stagione amministrativa della Città metropolitana: potrebbe essere sintetizzato così l’itinerario storico e politico delineato da Giuseppe Cerchio, amministratore comunale, provinciale e regionale di lungo corso.
Oltre all’autore, a presentare il libro sarà il Presidente della Consulta, Marco Canavoso. Sono stati invitati a proporre la loro testimonianza alcuni ex Presidenti dell’Ente di area vasta. Quelle scritte da Cerchio, autorevole membro dell’assemblea di piazza Castello in diverse consiliature, sono pagine intense e vivaci, nelle quali sono ripercorse le trasformazioni dell’Ente torinese di area vasta, attraverso l’attività dei Presidenti che si sono succeduti alla sua guida dal 1951 – anno della prima elezione diretta del Consiglio provinciale – al 31 dicembre 2014. Dal 1° gennaio 2015 gran parte delle funzioni e delle competenze amministrative della Provincia sono passate alla Città Metropolitana, istituita con la Legge Delrio, con un delicato passaggio istituzionale che è tuttora in corso.Cerchio, dall’alto della sua esperienza amministrativa, esprime un giudizio severo sulla riforma degli Enti locali, peraltro condiviso da molte delle forze presenti nell’attuale panorama politico. La configurazione della Provincia torinese, osserva Cerchio, assunse nel dopoguerra una caratteristica particolare per la lungimiranza dei Presidenti che guidarono l’Ente a partire dal 1951. Il libro ripercorre le idee, i progetti e le azioni di uomini e donne come Giuseppe Grosso, Gianni Oberto, Elio Borgogno, Eugenio Maccari, Nicoletta Casiraghi, Luigi Sergio Ricca, Mercedes Bresso e Antonio Saitta, alle prese con sfide epocali: dal difficile superamento dell’isolamento geografico alla ricostruzione post- bellica, dal rapporto con la Fiat al conflitto di competenze con il potere centrale, dalle tensioni sociali dovute all’immigrazione alle emergenze e calamità naturali dovute alla fragilità del territorio. Il racconto inizia quindi con la figura dell’insigne docente universitario Giuseppe Grosso, che mise la sua competenza nelle discipline giuridiche al servizio di un Ente che scelse come missione prioritaria il superamento dell’isolamento e l’apertura di Torino e del suo territorio ai traffici europei. Il racconto si conclude con le due amministrazioni di Antonio Saitta, l’ultimo Presidente della Provincia, che fu tra i protagonisti nella fase di gestione delle Olimpiadi Invernali del 2006 e dell’eredità post-olimpica, ma anche delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia e del confronto sul progetto del nuovo collegamento ferroviario Torino-Lione. L’ultimo capitolo è dedicato alla complessa e delicata fase di avvio della Città Metropolitana. L’autore indica quelle che a suo parere potrebbero essere l’identità e la missione del nuovo Ente, recuperando idee già presenti nel dibattito politico-amministrativo della Provincia in tema di mobilità sostenibile. Cerchio ritiene che la promozione della produzione e della diffusione delle auto a propulsione elettrica e a guida automatica troverebbe nel Torinese un terreno fertile, grazie a una filiera produttiva e tecnologica dell’automotive che da oltre un secolo è all’avanguardia a livello mondiale. L’ex consigliere provinciale ed ex assessore regionale al Lavoro conclude il suo libro con un appello agli attuali amministratori della Città metropolitana, affinché propongano alla Regione e alla Città di Torino un’alleanza strategica per costruire reti di interconnessione tra il mondo della ricerca scientifica e le imprese, in primis appunto nel settore della mobilità sostenibile. Cerchio propone quindi di elaborare un piano strategico per far ripartire un lavoro squadra, nel quale la Città metropolitana dovrebbe istituire un tavolo di lavoro e di confronto permanente con istituzioni, imprenditori, istituti finanziari ed imprese del settore della logistica.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il settore manifatturiero ottimista sulla trasformazione digitale

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 maggio 2018

Il settore manifatturiero italiano ha registrato un buon inizio del 2018, rilevando la crescita maggiore della produzione da inizio 2011 e uno degli aumenti maggiori dei nuovi ordini degli ultimi 18 anni, secondo gli ultimi dati riportati da Markit Economics.Riflettendo questa recente ripresa, la ricerca commissionata da Interoute, l’operatore proprietario di una piattaforma di servizi cloud globale, evidenzia infatti che il 68 per cento delle aziende del settore industria e ingegneria nutre fiducia verso questo driver di cambiamento. Questo dato è più elevato rispetto a quelli riscontrati in ogni altro settore, e superiore alla media europea, che è, invece, pari al 61 per cento.L’obiettivo principale delle aziende del settore manifatturiero, se si parla di digital transformation, è migliorare l’esperienza del cliente. Circa la metà (49 per cento) di queste realtà, infatti, segnala come priorità la customer experience, nel quadro dei programmi inerenti questa trasformazione. Il manifatturiero e il settore ingegneristico hanno dato maggiore peso a questo aspetto rispetto alle aziende di altri settori, come ad esempio quello legale (32 per cento), oppure turismo e trasporti (38 per cento). Queste aziende hanno sempre più necessità di una dorsale digitale che offra loro una connettività e una rete adatte al supporto di una collaborazione più intensa nel contesto della supply chain, e che consenta di fornire una esperienza di acquisto più piacevole ai propri clienti.
I risultati di questa ricerca sono estratti dal report The challenges facing European IT decision-makers engaged in digital business transformation, che analizza i fattori alla base dei processi decisionali in ambito IT, e i metodi utilizzati dai professionisti IT senior per prepararsi ai cambiamenti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’accessibilità nella trasformazione digitale dei siti aziendali”

Posted by fidest press agency su sabato, 12 maggio 2018

Roma 17 maggio 2018, alle ore 17.30 Residenza dell’Ambasciatore di Danimarca a Roma, in via Adolfo Cancani n.6. Una persona su cinque in Europa è affetta da una disabilità che influenza il modo in cui usa il computer e naviga il web. Il 17 maggio ricorre la settima edizione del Global Accessibility Awareness Day (GAAD), la giornata internazionale dedicata alla sensibilizzazione sui temi dell’accessibilità e dell’inclusione. In occasione del GAAD 2018, Siteimprove, in collaborazione con il Trade Council della Reale Ambasciata di Danimarca, organizza a Roma il seminario “L’accessibilità nella trasformazione digitale dei siti aziendali” per discutere degli sviluppi futuri dell’accessibilità web.L’evento, rivolto a aziende e professionisti, sarà l’occasione per fare il punto sulle linee guida per l’accessibilità, sulla normativa europea e per un confronto sulle strategie più efficaci per garantire un accesso equo alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Tra gli interventi in agenda, Roberto Scano, normatore del settore IT vincitore del Premio Fibonacci 2017, illustrerà gli obiettivi del programma dell’UE Horizon 2020, mentre la Fondazione ASPHI Onlus, organizzazione che si occupa di informatica e disabilità da oltre trent’anni, presenterà le tecnologie digitali per l’inclusione.Nel corso dell’evento, Siteimprove assegnerà il Premio per l’Accessibilità Digitale all’organizzazione che si è distinta nella creazione di un sito web accessibile e senza barriere, nel rispetto delle linee guida Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) 2.0.L’evento è dedicato ad aziende e professionisti. La partecipazione è gratuita, previa iscrizione sul sito entro il 14 maggio 2018.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mobile banking: la trasformazione delle reti è un fattore chiave

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 gennaio 2018

SmartphoneDi Peter Konings, Director Products EMEA di Verizon Enterprise Solutions. Nell’attuale era digitale, i clienti sono abituati ad avere un approccio incentrato sul massiccio utilizzo degli smartphone nella loro quotidianità e auspicano, anche per il Banking, di poter usufruire dei medesimi servizi. Per le banche, questo rappresenta un passaggio necessario per consentire la crescente economia delle app sulla quale contano gli utenti. Servizi e applicazioni cloud permettono alle istituzioni finanziarie di venire incontro alle esigenze del cliente e forniscono solidi servizi tra una moltitudine di dispositivi e location diverse. Oggi giorno, i clienti utilizzano apposite app per accedere al proprio conto corrente e richiedere prestiti da remoto. Tuttavia, per consentire alle app prestazioni efficienti e coinvolgere i clienti, la connessione risulta essere di fondamentale importanza per garantire velocità, sicurezza e affidabilità, necessarie per gestire il crescente volume di dati sensibili quotidianamente raccolti e trasmessi dalle banche.
I network tradizionali funzionavano bene quando la domanda di mercato delle aziende era meno dinamica, oggi invece il business deve essere flessibile ed innovativo. Molto spesso le applicazioni non sono scalabili in modo abbastanza veloce, per questo i cicli di deployment possono diventare lunghi e scomodi. Queste nuove applicazioni cloud-based devono essere collocate all’esterno delle reti interne tradizionali precedentemente utilizzate, e richiedono un modello di network maggiormente flessibile.La risposta risiede nelle architetture Software-Defined Networking (SDN), come le software-defined wide area networks (SD-WAN), che supportano le aziende nella trasformazione delle proprie reti fisiche in reti virtuali on-demand. La struttura di queste architetture di rete sta consentendo alle banche di creare dei network sempre più attivi, veloci e flessibili rispetto al passato, essenzialmente rinforzando i loro servizi mobile e cloud-based e permettendo, quindi, ai clienti di usufruire dei servizi senza alcuna interruzione.Se il trasferimento di pagamenti con i servizi mobile è più veloce, il tempo di attesa per le applicazioni di pagamento tramite carta di credito è ridotto e sono supportate perfino le nuove applicazioni di AR (Argumented Reality) e VR (Virtual Reality), l’applicazione di SDN consente inoltre ai network di regolarsi automaticamente nei momenti di elevato traffico per permettere ai servizi di mobile banking di essere al riparo da problematiche e crash. Dato che queste tecnologie sono basate sui software piuttosto che sugli hardware, il network è in grado automaticamente di regolarsi a seconda dei diversi volumi di traffico. Un esempio concreto a tal riguardo, concerne l’automatizzazione della capacità di una rete bancaria durante i primi cinque giorni del mese, tipiche giornate di picco di traffico dovute al pagamento della rate dei mutui e dei canoni d’affitto, quando i pagamenti vengono normalmente trasferiti dai clienti alle istituzioni finanziarie e ai proprietari degli immobili.Le reti software-defined possono, inoltre, supportare più efficientemente l’aumento di traffico in una sezione specifica, senza compromettere o ritardare le funzioni di base come l’emissione di un bonifico o l’aggiornamento di account. Anche laddove fosse necessaria una accelerazione del network o una maggiore ampiezza di banda, le banche non devono più attendere il supporto di un tecnico che richiederebbe giorni o settimane. Al contrario, lo stesso sistema di automazione intelligente incorporato nel software della rete assegna priorità alle applicazioni più importanti, prevenendo possibili congestioni del traffico e creando una rete più dinamica e flessibile. Questo sistema di automazione consente alle reti di essere costantemente aggiornate e migliorate attraverso gli aggiornamenti software quando necessario, riducendo il bisogno di complessi aggiornamenti dell’hardware e consentendo il supporto di applicazioni all’avanguardia. Questa architettura flessibile consente, inoltre, alle banche di rispondere per tempo alle ultime minacce di malware e di costruire preventivamente forti misure di sicurezza per proteggere le informazioni bancarie sensibili dei propri clienti e le risorse corporate a livello di rete.Le istituzioni finanziarie, prima di iniziare l’aggiornamento del network tramite SDN, dovrebbero definire i loro obiettivi e decidere chiaramente quale traguardo raggiungere. Questo consentirà alle banche di esprimere efficacemente le loro richieste al loro team IT, e assicurare un allineamento tra le necessità di business ed il supporto informatico. In questo momento, è decisivo intraprendere i corretti investimenti nelle infrastrutture di rete, dato che grazie agli efficienti aggiornamenti basati sui software, le reti odierne dureranno più a lungo rispetto a quelle hardware degli anni o dei decenni scorsi.
Infine, una rete solida e flessibile migliora enormemente le funzioni delle tecnologie cloud-based che supportano i servizi di mobile banking sui quali, dipendenti e clienti, fanno affidamento per le proprie esigenze. Investire nella trasformazione digitale delle reti, rappresenta un passaggio di fondamentale importanza per supportare il cambiamento di approccio del cliente nei confronti della banca. L’inaugurazione della banca del futuro comincia con l’applicazione delle reti appropriate per supportare non solo la tecnologia di oggi ma, soprattutto, le innovative applicazioni tecnologiche che saranno presenti in futuro.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trasformazione digitale della stampa

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

stampa digitale

Al via il prossimo 20 settembre la Digital Transformation Academy, una iniziativa in collaborazione con Talent Garden. L’iniziativa prevede 3 giornate di formazione nelle città di Brescia (20 settembre), Roma (5 ottobre) e Palermo (17 ottobre), e una maratona di 12 ore nella sede torinese di Talent Garden, durante la quale tutti i partecipanti potranno mettersi alla prova nella creazione di soluzioni digitali innovative applicabili al settore dell’editoria. Sono 150 i professionisti dell’editoria coinvolti in questo percorso di formazione. La prima fase di formazione, “Envisioning Academy”, vedrà alternarsi lezioni frontali, brainstorming e workshop per sviluppare abilità di pensiero laterale e di utilizzo della tecnologia all’interno dei diversi settori dell’editoria e sarà affidata alla guida di alcuni professionisti del settore. Tra questi Alessandro Rimassa, direttore della scuola di innovazione di Talent Garden e esperto di digitale; Pier Luca Santoro, consulente, giornalista ed esperto di social media e di data driven marketing; Alessandro Chessa, coordinatore del Master della Tag Innovation School sull’analisi dei dati e esperto di comunicazione basata sulla lettura dati.
Il percorso si chiuderà nel Campus di Talent Garden Fondazione Agnelli con una sfida che metterà in competizione giornalisti, marketing manager ed esperti di digitale nella produzione di progetti innovativi per la fruizione di informazione attraverso i nuovi strumenti del digitale. Nel corso di 12 ore i professionisti coinvolti nei workshop verranno organizzati in gruppi di lavoro per sfidarsi in un contest di creatività e innovazione (hackathon) sulle idee nate durante le giornate di formazione e trasformarle in qualcosa di pratico e potenzialmente applicabile all’interno dell’azienda.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’inizio della trasformazione dell’India”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 luglio 2017

MUMBAI, IndiaL’India ha cominciato il 2017 all’insegna della solidità. Dopo il periodo turbolento di fine 2016, quando il governo riformista è intervenuto in maniera radicale ritirando da un giorno all’altro l’86% della moneta in circolazione per contrastare l’economia sommersa, la crescita economica si è ripresa e le azioni hanno guadagnato terreno.Il programma di riforme del primo ministro Narendra Modi ha ottenuto un enorme voto di fiducia a marzo, con la vittoria nello Stato dell’Uttar Pradesh, che con i suoi 200 milioni di abitanti è il più popoloso dell’India. Erano 15 anni che il partito BJP di Modi non vinceva in questo Stato, eppure in questa tornata elettorale ha conquistato l’80% dei seggi. Con le prossime elezioni nazionali in programma nel 2019, Modi sembra avere buone probabilità di vincere un altro mandato di governo e avere il tempo per apportare cambiamenti reali.Nel commento in allegato, Natasha Ebtehadj, gestore azionario di Columbia Threadneedle Investments, ritiene che sia il momento più propizio per investire in questo paese da quando abbiamo lanciato la nostra prima strategia dedicata all’India nel 1998. L’India si trova a un punto di svolta. Modi e il suo partito BJP stanno attuando riforme rivoluzionarie, spazzando via la vecchia paralisi governativa. Tali conseguimenti fanno crescere la loro popolarità.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce Veronafiere S.p.A

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 dicembre 2016

maurizio-danesegiovanni-mantovaniL’Assemblea dei soci di Veronafiere ha deciso all’unanimità la trasformazione giuridica dell’Ente Autonomo per le Fiere di Verona in Società per Azioni. Nasce così Veronafiere S.p.A.Rimane invariata l’attuale compagine societaria. Nel corso dell’assemblea straordinaria, svoltasi  nella sede di Viale del Lavoro, i Soci hanno deliberato anche il collegato piano industriale di sviluppo, come previsto dalla normativa regionale vigente in materia di trasformazione degli enti fieristici in società di capitali.
Il progetto, che analizza attentamente le dinamiche del mercato fieristico mondiale, europeo e italiano, prevede 94 milioni di euro di investimenti entro il 2020 e si incardina su cinque pilastri, uno dei quali è rappresentato dalla digital transformation.
Il primo pilastro prevede il consolidamento delle rassegne esistenti e della leadership mondiale nelle filiere wine&food e marmo-costruzioni, con una crescita sostenibile e mirata anche in alcuni Paesi esteri (es: USA, Cina, Brasile, Africa).
Il secondo pilastro poggia sul rafforzamento nel settore dell’agricoltura e delle relative tecnologie, sulla crescita degli altri settori dove si vanta un primato nazionale sia attraverso nuove iniziative in Italia e all’estero, sia tramite la razionalizzazione del portafoglio eventi.
Il terzo pilastro mira allo sviluppo integrato dei servizi, con particolare riguardo a quelli “core” della ristorazione e degli allestimenti, per incrementare volumi e margini in linea con i benchmark internazionali, come pure dei servizi dedicati all’internazionalizzazione delle imprese. Una attenzione particolare è rivolta ai temi della innovazione digitale nei processi e nella gestione dei rapporti con i clienti e il mercato.
Il quarto pilastro è rappresentato dalla disciplina dei costi con la riduzione dell’incidenza percentuale sui ricavi sia di quelli di struttura, sia del lavoro, prevedendo l’inserimento di nuove competenze e professionalità.
Il quinto riguarda il potenziamento e l’ammodernamento del quartiere, a parità di superficie installata, con il rafforzamento del lato Sud, la costruzione di nuovi parcheggi, la riqualificazione degli ingressi e delle Gallerie Mercatali e l’acquisizione di aree adiacenti alla Fiera. L’obiettivo è allineare lo standard qualitativo a quello dei migliori quartieri espositivi europei.
Con questo piano industriale gli obiettivi che si intendono conseguire sono fondamentalmente due. Rafforzare il ruolo di leadership mondiale e continuare a essere un motore di produzione di ricchezza per la città e per il territorio, il cui indotto è stimato in circa 1 miliardo di euro secondo l’Osservatorio Cermes Bocconi, corrispondente al 4% del PIL provinciale.In questo contesto il piano prevede al 2020 un volume d’affari obiettivo di 113 milioni di euro con un Ebitda (margine operativo lordo) di 21,9 milioni di euro (pari al 19% dei ricavi). (foto: maurizio danese presidente, giovanni mantovani)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Futuro della previdenza notarile

Posted by fidest press agency su sabato, 25 giugno 2016

Roberto Dante CogliandroRoma Lunedì 27 giugno presso la sede dell’università Mercatorum (Piazza Mattei 10) si svolgerà la prima conferenza nazionale della previdenza notarile organizzata dall’Ainc associazione italiana dei notai cattolici in collaborazione con la Cassa nazionale del notariato e dell’Università Mercatorum.“La questione assume oggi grande rilievo per la trasformazione che sta vivendo da tempo la nostra professione che ci vede sempre più nella veste di professionisti al servizio dei cittadini e della crescita della società. I mutamenti e le aperture in atto ci coinvolgono direttamente e dobbiamo essere capaci di affrontare le nuove sfide in campo civile, patrimoniale e fiscale che si pongono di fronte a noi e per questo motivo un confronto aperto nella categoria e con i rappresentanti delle istituzioni era urgente e necessario”, spiega Roberto Dante Cogliandro, presidente dell’Ainc associazione dei notai cattolici che aprirà la giornata con il saluto del rettore dell’Università Mercatorum Giovanni Cannata partner dell’iniziativa che sarà caratterizzata da numerosi interventi di rappresentanti istituzionali ed esperti della materia. Tra questi il presidente della Cassa nazionale del notariato Mario Mistretta il presidente della commissione Lavoro e Previdenza al Senato Maurizio Sacconi e del suo omologo alla Camera Cesare Damiano. Interverranno poi i vertici di tutte le associazioni di categorie, dal vicepresidente Ainc Andrea Dello Russo ai rappresentanti Asign, Federnotai, Notaract, Sisn. Sarà l’occasione anche per l’associazione dei notai cattolici di fare il punto a due anni dall’avvio dell’associazione che raccoglie circa quattrocento professionisti in tutta Italia.
Tre le sessioni previste: “Le prospettive del sistema previdenziale privato” che vedrà tra gli altri l’intervento di Francesco Fimmanò direttore scientifico Università Mercatorum; “Come cambia la gestione di un ente previdenziale alla luce del nuovo quadro formativo dell’andamento dei mercati” con Danilo Lombardi direttore generale della Cassa nazionale del notariato e “La previdenza notarile che vorrei con tutte le associazioni di categoria”. (foto: Roberto Dante Cogliandro)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La trasformazione digitale in forma di cartoon

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

cartoonNegli ultimi anni la rete è stata protagonista di un’evoluzione straordinaria che ha gettato le basi per una ‘nuova era’ e un ‘nuovo mondo’. Un mondo in cui la tecnologia è in grado di connettere gli oggetti, anche quelli più impensati, grazie a software e sensori che permettono di scambiare dati e comunicare con altri oggetti, persone e processi.Il ‘nuovo mondo’ interconnesso comporta enormi benefici in termini di produttività, sostenibilità e qualità della vita, e le sue possibilità e i campi di applicazione sono infiniti, dai processi produttivi alla mobilità, dalla medicina all’efficienza energetica, dagli elettrodomestici alla sicurezza fisica, fino al controllo di un’intera città con il solo limite dettato dalla fantasia.Ma, come tutte le nuove opportunità, deve conquistare pienamente la fiducia degli utenti, prima di essere ampiamente adottata.“Il principale ostacolo che l’IoT deve superare è dato dalla vastità della sua portata,” dichiara Stefano Bossi, amministratore delegato di VEM sistemi, “Il nostro compito è quello di riuscire a trasmettere correttamente e compiutamente le potenzialità e il valore dell’IoT alle imprese.”“In altre parole, per lo cartoon1sviluppo dell’IoT è necessario dare alle aziende e alle persone un’idea chiara di cosa vuol dire rivedere i processi, la produzione, la logica del business grazie all’Internet of Things, e dei suoi vantaggi,” prosegue Bossi. “Il cartoon, nella sua immediatezza e vivacità, ci è sembrata la modalità più adatta a promuovere un tema così dirompente, che abbiamo potuto rappresentare in modo semplice e diretto, esemplificando in modo accattivante la vita con e senza l’IoT.”Le IoT Stories di Elliot, ideate da VEM con la collaborazione di Cisco, rappresentano le avventure di un “doppio” Elliot che vive in due mondi paralleli; uno tradizionale e poco innovativo, e uno “digitale”, in cui la vita e il lavoro si svolgono in ambienti che hanno abbracciato l’Internet delle cose, mostrando chiaramente i benefici dell’IoT, nell’Industry 4.0, nell’ambito della building automation, nei data center, nella sicurezza e nella vita quotidiana di tutti. “Il nostro obiettivo è guidare i clienti verso un futuro sempre più connesso,” conclude Bossi, “per permettere loro di sfruttare appieno le infinite potenzialità della trasformazione che stiamo vivendo.” (cartoon)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Francoforte, centinaia di contatti per le aziende friulane del settore plastico

Posted by fidest press agency su martedì, 23 giugno 2015

aziende1Centinaia di contatti e grande interesse per quattro aziende regionali del settore plastico (vetroresina e lavorazioni relative), nei giorni scorsi presenti in collettiva ad Achema, fiera di Francoforte che è punto di riferimento internazionale per il settore dei processi industriali di trasformazione, luogo d’incontro per le aziende che cercano nuove prospettive per il comparto, incentivando il dialogo tra produttori e utilizzatori. La partecipazione al Salone è stata promossa dalla Camera di Commercio di Udine, in collaborazione con il sistema camerale regionale e in sinergia con Confindustria Udine, nell’ambito del programma promozionale cofinanziato dalla Regione Fvg “Progetto Vs. Global Competition”: Achema riunisce oltre 3.800 espositori da 50 paesi, 170.000 visitatori da più di 100 paesi, dei quali 30.000 dei due primi livelli della dirigenza aziendale. Sono dunque positivi i riscontri per il settore industriale, per cui la Camera di Commercio con Confindustria ha in programma altre iniziative, rivolte in particolare alle Pmi della meccanica. Il primo appuntamento sarà a Celje in Slovenia l’8 e 9 settembre (adesioni entro il 15 luglio), con una visita-studio alla fiera Mos e incontri B2b mirati, e sarà poi proposta la partecipazione a Metal-Expo di Mosca, a novembre, la fiera internazionale più importante dedicata ai prodotti ferrosi e non solo, alle più avanzate attrezzature, soluzioni innovative e tecnologie. (foto: aziende)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Turchia si afferma come regione chiave per la sanità a livello globale

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 maggio 2015

turchia-ist3Guidata da riforme e investimenti privati, la Turchia si sta affermando sempre più come uno dei mercati più interessanti per la sanità nel panorama mondiale. Il paese ha raddoppiato la propria spesa sanitaria negli ultimi dieci anni, raggiungendo quota 62,3 miliardi di dollari, con la sua popolazione di 74,7 milioni di abitanti e un crescente bacino di pazienti.
La Turchia è stata un tema di interesse chiave nel corso del Breakfast Briefing sulla crescita nelle regioni emergenti di Frost & Sullivan, che si è tenuto a Milano la scorsa settimana. Il briefing si è focalizzato sulle opportunità di investimento in Turchia, così come nei paesi CIS e in Africa, in tutti i settori. Philipp Reuter, Direttore Sud Europa e Turchia di Frost & Sullivan, a seguito del proprio intervento nell’ambito della conferenza, commenta: “Parallelamente alla sua crescita economica, la Turchia ha attraversato una trasformazione socio-economica significativa negli ultimi dieci anni. Tra il 2005 e il 2015, il numero di pazienti affetti da varie malattie croniche è raddoppiato nel paese, raggiungendo 9 milioni di pazienti diabetici e 1 milione di pazienti affetti da cancro. Inoltre, si osserva una rapida tendenza all’invecchiamento nel paese, che porterà a un ampliamento del bacino di pazienti dopo il 2020.” L’assistenza sanitaria ha rappresentato il focus principale dell’attuale governo turco, che è salito al potere nel 2002 e ha immediatamente lanciato il programma di trasformazione sanitaria nel paese, concentrandosi su un piano di assicurazione sanitaria nazionale. Mentre il budget sanitario del governo è raddoppiato durante il periodo della riforma, la copertura assicurativa pubblica è aumentata dal 50% del 2003 al 100% raggiunto nel 2015. “Un altro risultato significativo del programma di trasformazione sanitaria è stato l’aumento della qualità dei servizi sanitari nel paese, – aggiunge Hilal Cura, Consulente per il settore Healthcare di Frost & Sullivan, che ha affrontato il tema della sanità turca durante il Breakfast Briefing di Milano. – Tra il 2006 e il 2010, il numero di ospedali privati è aumentato dell’86%, mentre la percentuale di posti letto qualificati è aumentata dal 12% del 2002 al 40% del 2011. Inoltre, il numero delle unità MRI installate è aumentato di 12 volte, da 58 a 781.” Come hotspot emergente nel mercato globale della sanità, la Turchia ha attirato notevoli investimenti da tutto il mondo in vari segmenti, tra cui servizi sanitari privati, dispositivi medici e prodotti farmaceutici. Dopo il 2010, molte aziende attive in ambito sanitario hanno reso la Turchia il proprio quartier generale CEE/MENA, mentre i maggiori gruppi ospedalieri privati della Turchia sono stati acquisiti da gruppi di private equity. Attualmente, le prime dieci catene ospedaliere private in Turchia rappresentano il 30% delle entrate relative ai servizi sanitari privati in Turchia, pari a 10 miliardi di dollari, mentre il mercato farmaceutico turco è il sesto più grande d’Europa, con entrate pari a 13,5 miliardi di dollari. “La Turchia ha un grande potenziale per tutte le tipologie di aziende nel settore sanitario. Da sempre considerata un centro di ricerca e sviluppo nel settore sanitario, – conclude Reuter – il paese è ora diventato un mercato immenso e ancora non saturo, che offre opportunità significative nell’ambito di servizi sanitari, tecnologie innovative per dispositivi medici, diagnostica e farmaceutica.”

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lavoro part time

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 luglio 2011

Il ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta, il ministro per le Pari opportunità Mara Carfagna e il sottosegretario con delega alle Politiche per la famiglia Carlo Giovanardi hanno sottoscritto ieri una circolare rivolta a tutte le pubbliche amministrazioni in tema di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale per i pubblici dipendenti. Con la circolare vengono forniti indirizzi e raccomandazioni sulla trasformazione del rapporto sia per l’applicazione della disciplina a regime (innovata dal decreto legge n. 112/2008, convertito nella legge n. 133/2008) sia per la gestione della fase transitoria (regolata dall’art. 16 della legge n. 183/2010, il c.d. “collegato lavoro”). In particolare, quest’ultima norma ha previsto, in sede di prima attuazione, la possibilità per le amministrazioni di rivedere le situazioni di part-time già in essere al momento dell’entrata in vigore del decreto legge n. 112/2008, accordando un potere unilaterale speciale per ricondurre i rapporti a tempo pieno nel rispetto dei principi di buona fede e correttezza.
L’iniziativa per l’adozione della circolare è stata assunta a seguito delle segnalazioni pervenute ai Dipartimenti da parte di dipendenti interessati e di organizzazioni sindacali che hanno denunciato casi di errata interpretazione della norma, con un pregiudizio nei confronti delle lavoratrici, spesso impegnate nella cura dei figli e dei famigliari bisognosi di assistenza. Nella circolare si evidenzia la particolare attenzione che il Governo e le parti sociali stanno dedicando al tema della conciliazione tra vita lavorativa e vita famigliare, ricordando come lo scorso 7 marzo sia stata siglata un’intesa dedicata alle “Azioni a sostegno delle politiche di conciliazione tra famiglia e lavoro” in cui è emerso il valore comune di una flessibilità family-friendly come elemento organizzativo positivo. La circolare contiene quindi delle raccomandazioni per indirizzare le scelte delle pubbliche amministrazioni nelle eventuali situazioni di contenzioso in essere o in riferimento ai rapporti non ancora esauriti, evidenziando soprattutto i casi in cui i pubblici dipendenti sono titolari per legge di un diritto alla trasformazione (come nel caso dei malati oncologici) o di un diritto di precedenza alla trasformazione (come nel caso di dipendenti che assistono persone disabili o hanno figli minori di tredici anni). Nella circolare viene poi richiamata una particolare attenzione ai principi di buona fede e correttezza, cui la norma transitoria fa riferimento e la cui osservanza richiede l’instaurazione di un contraddittorio con l’interessato nonché la valutazione ponderata dell’interesse di cui lo stesso è portatore, al fine di tener conto delle situazioni sottostanti la trasformazione del rapporto e di quelle emerse e consolidatesi successivamente.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma piazza S. Silvestro: trasformazione

Posted by fidest press agency su domenica, 12 giugno 2011

L’assessore alle Politiche Culturali e al Centro Storico, Dino Gasperini, ha inaugurato questa mattina a Largo Chigi la banchina della fermate dell’autobus e la pensilina realizzate in tempi da record. «È il primo passo dell’opera di riqualificazione di Piazza San Silvestro che prevede la ripavimentazione, una nuova illuminazione pubblica e artistica e la pedonalizzazione dell’area centrale. Per la trasformazione di Piazza San Silvestro è stata attivata una cabina di regia con residenti e commercianti che seguirà passo passo il cantiere di un’opera di straordinaria importanza per il Centro Storico della città. La cabina di regia – spiega Gasperini – consente, per la prima volta, a chi opera nell’area e a chi rappresenta i commercianti di partecipare alla scelta dei tempi del cantiere e alle sue modalità, garantendo con la sua presenza gli associati. In prima fila le organizzazioni di categoria.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Varato ponte sul canale Agro

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2011

Un ponte a campata unica, della lunghezza di 42 metri, è stato “varato” sul canale Agro, in Comune di Farra d’Isonzo. L’opera, la più impegnativa fra quelle realizzate fino ad ora sul raccordo Villesse-Gorizia in fase di trasformazione in autostrada, ha richiesto sette giorni di lavori preparatori. La struttura, infatti, è composta da tre travi (acciaio corten non verniciato) a forma di “cassoncino metallico” e da una soletta in cemento armato che sarà realizzata successivamente. Il ponte sarà dotato di isolatori sismici. Ogni trave, a sua volta, è formata da tre elementi che sono stati saldati in cantiere, dando così vita alla travata completa. Costruiti a Treviso, da una ditta specializzata in carpenteria metallica, i pezzi sono stati trasportati in cantiere e assemblati in loco, così come la speciale gru (della portata di 500 tonnellate)  utilizzata per la posa di ogni trave, montata nelle prime ore del mattino di lunedì. Ogni cassoncino pesa circa 45 tonnellate, a cui va ad aggiungersi la soletta in calcestruzzo. Per questo la tipologia del ponte viene definita ” a struttura mista acciaio calcestruzzo”. Alle operazioni di varo del ponte hanno assistito l’assessore ai trasporti e vice Commissario per l’emergenza in A4 Riccardo Riccardi e il vice presidente vicario di Autovie Venete Enzo Bortolotti che, affiancati dai tecnici della Concessionaria e ai responsabili del Consorzio Fvg Cinque (l’Ati che si è aggiudicata i lavori), hanno anche effettuato un sopralluogo sul tratto del raccordo interessato dagli interventi. “Nella realizzazione di queste opere – ha affermato Riccardi – la vera difficoltà, paradossalmente, è l’architettura procedimentale. Nel caso specifico della Villesse-Gorizia, per esempio, l’essere riusciti a inserire il procedimento di trasferimento delle interferenze – metanodotto in primis – all’interno della procedura unica che consente una serie di passaggi in deroga, ha consentito di proseguire rapidamente. Il solo spostamento del metanodotto, in realtà, per la complessità e delicatezza dell’intervento, rappresenta un’opera a sé”. Se da un lato, la soddisfazione di Riccardi per l’andamento dei lavori è palpabile, dall’altro un minimo di preoccupazione per i riflessi del decreto Milleproroghe, sussiste ancora. “E’ ovvio che il nostro impegno per la prosecuzione procedimentale sarà massimo – precisa – ma non possiamo negare che le norme contenute nel decreto rappresentano un appesantimento”. Nel complesso, gli interventi per l’adeguamento a sezione autostradale del raccordo comprendono 33 opere principali e numerosi interventi minori. Fra le opere principali, attualmente le imprese stanno lavorando sul sottopasso campestre di Villesse, sul sovrapasso che attraversa la Strada Provinciale 18, sul viadotto di Farra (sovrapasso alla Strada Statale 351), su un sottopasso agricolo, sul ponte che attraversa il canale di bonifica Isonzato, sul sottopasso alla variante della Strada Statale 56, su uno dei due sovrapassi della rotatoria in uscita da Gorizia. In fase conclusiva il sottopasso agricolo Savogna-Scariano, quello riguardante la braida di Strassoldo e le tre “fornici” (opere in calcestruzzo a struttura scatolare poste a Sud del fiume Isonzo, mentre i lavori per la realizzazione della nuova galleria, a Savogna, sono quasi al cinquanta per cento. Già ultimata, invece, l’opera di sottopasso all’autostrada, in località borgo grotta-roggia del Mulino. Per quanto riguarda le opere cosiddette minori, attualmente sono in fase di realizzazione numerosi muri di sostegno distribuiti lungo tutta l’opera nonché le opere relativi alle aree di fitodepurazione. Prossimo step molto impegnativo, la costruzione del primo dei due sovrappassi ad arco strallato sulla rotonda di Sant’Andrea, porta d’ingresso alla città di Gorizia. “Nonostante anche le opere commissariate siano coinvolte dai lacci e lacciuoli della burocrazia – è il commento del vice presidente Vicario di Autovie Enzo Bortolotti – la trasformazioni in autostrada della Villesse Goriza è ormai una realtà concreta. E questo grazie al lavoro del Commissario, al supporto della Giunta regionale e all’impegno della Concessionaria, fortemente impegnata, proprio in questo periodo, sul versante finanziario, per portare rapidamente a compimento la raccolta delle risorse necessarie alla realizzazione di tutte le opere riguardanti la terza corsia della A4”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Australia: promozione di Cibus Tec 2011

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 novembre 2010

Sydney, Si sta svolgendo in questi giorni in Australia una missione organizzata da Fiere di Parma, che ha come obiettivo la promozione di Cibus Tec 2011, una delle principali manifestazioni internazionali per l’industria di trasformazione alimentare e del packaging. La Camera di Commercio di Sydney, in virtú dell’accordo stretto a fine ottobre con la Camera di Commercio di Parma e Fiere di Parma, supporta questa azione di approccio al mercato australiano tramite l’organizzazione di appuntamenti di lavoro con istituzioni universitarie locali e aziende potenziali espositrici.  Le realtá chiamate a rappresentare le diverse filiere in fase co-progettuale sono: Barilla, Parmalat, Mutti, Stazione Sperimentale per le Conserve Alimentari (SSICA, Azienda Speciale della CCIAA di Parma), Università di Parma-Cipack, Nestlé, Plada Industriale, Consorzio del Prosciutto di Parma, Ferrero, Coop, Agroittica Lombarda, ArtigianPiada, Conserve Italia, Ordine Tecnologi Alimentari, Consorzio Casalasco del Pomodoro, Desco, Formec Biffi, Cesare Regnoli e figlio/Medusa, Orogel, Parmacotto e il Consorzio del Prosciutto di Parma. Questi saranno i principali percorsi tematici in cui si articolerá l’edizione 2011 di Cibus Tec, definiti con il chiaro intento di attrarre i migliori players tecnologici internazionali: il Tomato Day, realizzato in collaborazione con AMITOM (Associazione Mediterranea del Pomodoro) e il World Processing Tomato Council, dedicato al mondo del pomodoro da industria; il Meat Day, che vede la partnership organizzativa di ASS.I.CA. (Associazione Industriali delle Carni), dedicato al confronto e all’innovazione di filiera; il Food Packaging Focus, dedicato alla sicurezza e all’innovazione nei materiali e nelle tecnologie per il packaging del prodotto alimentare.
In contemporanea alla manifestazione fieristica, la Federation Internationale de Laiterie (FIL), l’International Dairy Federation (IDF) e Fiere di Parma organizzeranno il Summilk 2011, il Convegno Mondiale del Latte, in programma dal 15 al 19 ottobre, che riunirá a Parma l’intera business community del settore dairy. I partecipanti avranno dunque l’opportunitá di visitare Cibus Tec e toccare con mano le piú avanzate e soluzioni per l’industria lattero-casearia. Ed é proprio il Summilk il punto di contatto con l’Australia. Le rappresentanti di Fiere di Parma sono infatti fresche reduci dall’edizione 2010, che si é appena svolta a Auckland, in Nuova Zelanda, dall’8 all’11 novembre. “Abbiamo partecipato con un nostro stand, promuovendo la prossima edizione del summit, che si terrá appunto a Parma” afferma Alice Bazantay, della gestione attivitá congressuali di Cibus Tec. “I risultati sono andati ben oltre le nostre aspettative. Abbiamo avuto un ottimo riscontro da parte di numerose aziende australiane, che sono intenzionate a partecipare all’evento per approfondire l’offerta del sistema Parma con riferimento alla meccanica applicata al settore alimentare.” La concomitanza di Summilk e Cibus Tec rappresenterá infatti un’opportunitá unica di visibilitá a livello internazionale per le aziende australiane, tanto che alcune di esse si sono giá dette interessate a partecipare sia a livello di sponsorizzazione, che di presenza diretta tramite desk informativi o stand veri e propri. Per l’occasione, Fiere di Parma organizzerá a ottobre dei tour tecnici presso i centri produttivi e di ricerca di eccellenza della Provincia, attivi nell’industria alimentare e meccano-alimentare, cosí da fornire ai visitatori una panoramica esaustiva del settore. “Gli australiani cominciano a capire che Parma, collocandosi nel cuore della cosiddetta Food Valley, ha molto da offrire non solo in termini di gastronomia e turismo, ma anche di ricerca e tecnologie connesse al food processing” prosegue Bazantay “In questo senso sono consapevoli che una partecipazione espositiva a Cibus Tec può dare riscontri concreti su diversi fronti.”
Questa formula di approccio al mercato australiano, incentrata sulla promozione di Cibus Tec e dell’offerta congressuale a corredo, ha un precedente di successo. I primi contatti con l’Australia risalgono infatti all’edizione 2004 del Tomato Day organizzato da Fiere di Parma a Melbourne: in quella circostanza nacquero e si svilupparono solide relazioni d’affari con i produttori locali, che durano ancora oggi. (ICCIsydney)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Tempo di Gaia

Posted by fidest press agency su domenica, 7 novembre 2010

Milano 9 novembre 2010 dalle ore 19.00 Corso Sempione 68 – 2 piano Emi Music Italy rinfresco di Cammina della Dolci Milano Il Tempo di Gaia intende risvegliare, in ogni donna, la potente energia creatrice e generatrice della trasformazione. Un’energia che insegna a trasformare il proprio punto di vista in una prospettiva più ampia ed evolutiva. Il progetto si articola in un percorso di crescita personale costituito da seminari e attività di consulenza individuale, attraverso gli strumenti del Counseling a Pratica Psicodinamica™ e del Coaching del Cuore. Gaia propone inoltre Sorelle del Disordine, la nostra comunity virtuale, e una serie di eventi formativi a tema, quali Afrodite in cucina e Sante, Regine e Streghe. Obiettivo del Tempo di Gaia è riconoscere chi siamo e qual è il nostro compito di vita. Scoprire la nostra mission comporta, anche, la scoperta dei talenti e della forza creativa propria dell’energia del femminile. Nella consapevolezza e nella gioia. http://www.iltempodigaia.com

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra finanziaria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 giugno 2010

Dopo il varo del Consiglio dei Ministri nella riunione del 25 maggio 2010 e la firma de lCapo dello Stato, ecco il testo definitivo della manovra da 24,9 miliardi in due anni, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – Decreto-legge 31 maggio 2010 , n. 78.  I tagli economici che subiranno i militari e decisi dal Governo con la manovra finanziaria 2010 sono i seguenti:
Congelamento del trattamento economico complessivo anche del trattamento accessorio dei singoli dipendenti (C.F.I. – C.F.G. – STRAORDINARI, ECC. ECC.) per gli anni 2011, 2012 e 2013 che non potrà essere superiore a quello avuto nel 2010;
Non si dà  luogo ai rinnovi contrattuali per il triennio 2010-2012, rimane solo la vacanza contrattuale;
dal 2011 il 30% dei reparti che attualmente fruiscono dell’indennità di impiego operativo per reparti di campagna la perdono (art. 9 comma 32). Ovvero dal 2011 MOLTI MILITARI CORRONO IL RISCHIO DI AVERE ANCHE 100 EURO IN MENO DI STIPENDIO AL MESE!
“Esproprio” delle somme allocate per il riordino delle carriere sino al 2010 (art. 9 comma 29), quasi 800 milioni di euro che vengono tolti al comparto difesa-sicurezza;
le promozioni dal 2011 al 2013 avranno solo valore ai fini giuridici e non economici;
congelamento delle classi e degli scatti per il triennio 2011-2013;
Trattamento di fine servizio spalmato su due anni oltre i 90.000 mentre, oltre i 150.000 in tre anni.
Trasformazione da trattamento di fine servizio in T.F.R. con decorrenza dal 2011.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eliminata la tassa sui controlli sanitari

Posted by fidest press agency su martedì, 25 maggio 2010

Il Senato ha approvato in via definitiva il Disegno di legge Comunitaria 2009, che esonera dal pagamento dei controlli sanitari gli imprenditori agricoli. Ora il testo, dopo la firma del Capo dello Stato, verrà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e diventerà finalmente legge a tutti gli effetti.  «Abbiamo coerentemente sostenuto la battaglia relativa all’abolizione di questa ingiusta nuova gabella – sottolinea un soddisfatto Nicola Galluà, segretario generale di Confcooperative Fvg -. Gli agricoltori e le cooperative di trasformazione si erano visti moltiplicare i costi dei controlli a dei livelli insostenibili. Era giusto non pagare allora e ora sarà anche legale». Si conferma, dunque, quanto sempre sostenuto da Fedagri-Confcooperative e che, cioè sono escluse dall’applicazione del D.L.194/2008 le cooperative di conduzione terreni e allevamenti con relative attività connesse, in quanto trattasi di imprenditori agricoli a tutti gli effetti. Inoltre, sono esonerate dalla tassa tutte le cooperative di imprenditori agricoli e loro consorzi che, manipolano, conservano, trasformano, commercializzano e valorizzano i prodotti prevalentemente forniti dai soci e che, al pari dei propri soci, sono espressamente considerate “imprenditori agricoli”. Fedagri-Confcooperative Fvg, infine, esprimere l’auspicio che la nuova formulazione della norma non sia suscettibile di interpretazioni diverse e non aderenti al significato letterale della medesima da parte delle Aziende Socio Sanitarie deputate alla riscossione delle tariffe per i controlli.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »