Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 23 settembre 2021

Caro bollette: Anp-Cia, macigno per milioni di pensionati

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

L’aumento in bolletta di luce e gas da ottobre, rischia di rivelarsi una bomba sociale e soprattutto per milioni di pensionati che percepiscono assegni al minimo e che, negli ultimi anni, si sono addirittura visti erodere il potere d’acquisto delle pensioni di oltre il 30%. Il Governo intervenga subito per mettere al sicuro la sussistenza di tanti italiani. Così Anp, l’Associazione nazionale pensionati di Cia-Agricoltori Italiani alla notizia del caro bollette di circa il 40% (per l’elettricità) e del 31% (per il gas) dal prossimo mese e in vista della riunione sul provvedimento che dovrebbe provare a ridurre di un terzo l’impatto da 9 miliardi degli aumenti in arrivo.Dunque, Anp-Cia sollecita le istituzioni a stringere sulla questione scongiurando il peggio per molti cittadini e per quei pensionati, tanti, che sono già in difficoltà e lottano quotidianamente contro condizioni di vita per nulla dignitose, non avendo la garanzia di beni fondamentali come cibo e spese sanitarie. Problema, sottolinea Anp-Cia, che paralizzerà ancora di più le aree interne e rurali del Paese, come dimostrato anche dalla pandemia, le più carenti di servizi essenziali e socio assistenziali. Inoltre, Anp-Cia ricorda che nel 2020 sono state oltre 10 milioni, il 59,6% del totale, le pensioni erogate dall’Inps con un importo inferiore a 750 euro, con la percentuale che sale al 72,6% per gli assegni delle donne ed è ben più elevata se si prendono le sole gestioni degli ex lavoratori autonomi. In questo caso, la quota di assegni è al di sotto dei 750 euro mensili. Dunque, per Anp-Cia, è arrivato il momento di rivedere il sistema della formazione dei costi sulla bolletta, tenuto anche conto del fatto che, attualmente, i cosiddetti “oneri di sistema” incidono fino al 50% del totale rispetto ai consumi reali. Infine, vanno anche mantenute tutte le agevolazioni e i bonus sulle bollette a beneficio dei soggetti con disagio sociale, comprese quelle introdotte per l’emergenza Covid. La difesa dei più deboli resti una priorità come previsto dalla Costituzione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Benzina alle stelle. Dopo luce e gas… Rivedere le politiche di incentivi e fiscalità

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

Il prezzo della benzina sale ancora e si porta ai massimi degli ultimi sette anni. Secondo le rilevazioni settimanali del Ministero della Transizione ecologica, il prezzo medio della verde in modalita’ self si e’ attestato nella settimana appena trascorsa a 1,670 euro al litro (in rialzo di 8,58 centesimi), ovvero al livello piu’ alto dalla fine dell’ottobre 2014, quando viaggiava in media a 1,681 euro. Sale anche il prezzo del diesel, in rialzo di 6,58 centesimi, a 1,516 euro al litro.Una “mazzata” che arriva dopo gli annunciati rincari di luce (+40%) e gas (+31%) su cui il Governo intende prendere qualche provvedimento tampone, che però non crediamo farà altrettanto per la benzina. Ufficialmente perché, mentre per luce e gas esistono ancora i mercati vincolati e lo Stato ha un certo potere, non è altrettanto per la benzina, il cui mercato è libero… sulla carta… visto che la componente fiscale della benzina si avvicina al 70%… “avoglia” ad intervenire… Al di là delle politiche specifiche, i rincari dei prodotti energetici dovrebbero far riflettere sui metodi statali di aiuto, e valutare un cambio. Non più interventi/sussidi a pioggia, ma una POLITICA che tratti i prodotti energetici (luce, gas, benzina) come necessariamente poco costosi, perché è su di essi che gira tutta l’attività economica domestica ed industriale. Far pagare questi prodotti depurandoli di quasi tutte le componenti fiscali, se da un lato potrebbe creare problemi agli introiti fiscali, dall’altro incentiverebbe vita e produzione. Noi crediamo che un bilanciamento che consideri quanto si toglie da una parte e quanto si stimoli dall’altra, potrebbe portare a sorprese inedite per l’economia individuale e collettiva. Il governo ha voglia di valutare questa rivoluzione con uno studio di fattibilità? Non ci sembra che al momento ci sia niente. E intanto si continuerà a sollevare allarmi, dove non è chiaro quanto siano endemici di una economia di mercato o voracità eccessiva (e sbagliata) dello Stato. Vincenzo Donvito, Aduc

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’impossibile referendum sul Green-Pass. Cogliamone l’aspetto comico/tragico

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

Auspichiamo ai promotori di raccogliere le firme necessarie, corredate di certificati di iscrizione alle liste elettorali dei sottoscrittori, e auspichiamo che superino il vaglio della Corte Costituzionale sulla legittimità dello stesso. Ma abbiamo molti dubbi che l’iniziativa non sia fine a se stessa e solo per cavalcare l’onda lunga di fatti politici referendari che stanno innegabilmente stravolgendo gli assetti del regime partitocratico parlamentare. Questo per cercare di capire e spiegare perché la disperazione può anche trovare espressione politica, ma ci sono anche gli strumenti tecnici che svolgono una determinante funzione. Nella fattispecie, la “disperazione” è quella di chi comincia a sparare a caso non avendo più davanti a sé ben chiaro quale sia l’obiettivo e la strategia per poterlo raggiungere. E si butta nella mischia al grido di “muoia Sansone con tutti i filistei”, auspicando che nella memoria della storia rimanga segno del proprio “bel gesto”. Oltre alla comprensibile necessità di visione mediatica, non riusciamo a trovare altra lettura di questa iniziativa. Siamo in emergenza sanitaria, il green-pass è per oggi, la eventuale consultazione referendaria dovrebbe tenersi la primavera prossima, salvo rinvii per vari motivi tecnici e politici (soprattutto il fatto che il provvedimento potrebbe non più esserci), e quindi abbiamo un fare per il fare e non per qualcosa. Contenti gli organizzatori… ci dispiace solo che sarà solo ulteriore occasione per i detrattori del referendum per parlarne contro. Detrattori che, invece di trovare anche il lato comico/tragico di questo referendum, crediamo si prodigheranno in una sorta di minestrone giustizialista a base di cannabinolo auspicando benefica eutanasia dello strumento. Comunque, crediamo sia anche un bene che anche la “disperazione” abbia un proprio ruolo: il polso della civiltà giuridica e politica deve considerare anche questi aspetti. Vincenzo Donvito, Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nel cavalluccio marino i segreti dell’Alzheimer

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

Continuano gli studi sul decorso dell’Alzheimer presso l’IRCCS Fatebenefratelli di Brescia, dove è in sviluppo “neuGRID”, una piattaforma informatica avanzata in grado di quantificare in modo automatico e con estrema precisione il volume dell’ippocampo (che per la sua conformazione ricorda proprio un cavalluccio marino) tramite MRI, cioè una risonanza magnetica cerebrale, per identificare il rischio di sviluppare la malattia.I ricercatori del laboratorio di Neuroinfomatica del Fatebenefratelli hanno identificato delle “curve di invecchiamento” (ovvero percentili) che permettono di identificare la presenza o l’assenza dell’atrofia ippocampale in tutti quei soggetti che si sottopongono ad una MRI volumetrica. Il monitoraggio della volumetria ippocampale nel tempo rappresenta, inoltre, un indicatore ottimale per valutare l’evoluzione della Malattia di Alzheimer (AD).“Per misurare la volumetria della regione ippocampale, spiega il dott. Alberto Redolfi, coordinatore del laboratorio di Neuroinformatica, il medico può utilizzare oggi un algoritmo chiamato ADABOOST che è in grado di fornire in tempi estremamente rapidi il volume dell’ippocampo ed il suo collocamento rispetto ai percentili”. Tutte queste informazioni vengono poi riportate in un report scientifico ed inviato direttamente nella mailbox del medico specialista. “Alla luce di tutto ciò, la principale sfida che stiamo iniziando a fronteggiare è quella di impegnarci in una accurata identificazione e stratificazione dei soggetti che, già nel prossimo futuro, potrebbero beneficiare di future terapie in grado di interrompere il processo neurodegenerativo alla base della Malattia di Alzheimer” – conclude il dott. Redolfi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il nuovo volto della fame in Afghanistan

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

KABUL – La perdita di posti di lavoro, la mancanza di contante e gli aumenti dei prezzi stanno creando una nuova classe di affamati in Afghanistan. È l’allarme lanciato dall’agenzia ONU World Food Programme (WFP). Per la prima volta, chi vive nelle città soffre l’insicurezza alimentare a livelli simili a quelli delle comunità rurali, devastate da due siccità negli ultimi tre anni.Secondo una recente indagine del WFP, solo il 5 per cento delle famiglie in Afghanistan dispone di cibo sufficiente ogni giorno, mentre la metà di quelle intervistate ha riferito di aver esaurito il cibo a disposizione almeno una volta nelle ultime due settimane.“La caduta libera dell’economia in Afghanistan è stata improvvisa e continua, e si aggiunge a una situazione già difficile, con il paese alle prese con la seconda grave siccità negli ultimi tre anni. Stiamo facendo tutto il possibile per sostenere le comunità afghane in questo momento critico”, ha detto Mary-Ellen McGroarty, Direttrice e Rappresentante WFP in Afghanistan.Anche la classe media fa fatica, solo il 10 per cento delle famiglie con il capofamiglia che ha un’istruzione superiore o universitaria è riuscita a comprare ogni giorno cibo sufficiente per le proprie famiglie. Sebbene la situazione sia peggiore per chi ha livelli di istruzione più bassi, la prevalenza senza precedenti della fame tra le famiglie che prima non soffrivano la piaga della fame è indicazione della profonda crisi che gli afghani si trovano davanti. In media, i capifamiglia trovano lavoro solo per un giorno a settimana, a malapena sufficiente per permettersi cibo il cui prezzo sta rapidamente aumentando. Per esempio, il prezzo dell’olio da cucina è quasi raddoppiato dal 2020 e il grano è aumentato del 28 per cento. L’Afghanistan è sull’orlo del collasso economico, causato da un rapida revoca degli aiuti internazionali, insieme all’impossibilità di accedere a beni all’estero. Ciò contribuisce, a sua volta, a incrementare la crisi di contante, con una forte svalutazione della moneta locale oltre all’improvviso arresto degli investimenti stranieri, spingendo ancora più famiglie nell’insicurezza alimentare con sempre meno lavoro disponibile e meno guadagni.“Il WFP sta intensificando il lavoro per rispondere alle urgenti sfide di doppia natura. Per prima cosa, continuiamo ad assistere le persone che ne hanno più bisogno per evitare che la fame acuta e la malnutrizione devastino il paese. Secondo, stiamo rafforzando le capacità locali per produrre cibo e portarlo ai mercati, oltre a fornire opportunità di lavoro a breve termine che aiutino a stabilizzare l’economia e diano contante alle famiglie”, ha aggiunto McGroarty.Il WFP ha fornito assistenza alimentare a 6,4 milioni di persone quest’anno, compresi oltre 1,4 milioni di persone dalla conquista del potere da parte dei talebani il 15 agosto. I programmi del WFP rispondono ai bisogni immediati delle persone che vivono emergenze ma anche aiutano a costruire la resilienza delle comunità così da essere più preparati nei momenti di crisi.Il WFP lavora con le comunità per rafforzare la loro capacità di ridurre il rischio di disastri e adattarsi ai cambiamenti climatici, creando anche opportunità di lavoro che forniscono utile contante in momenti difficili, come la costruzione o la riabilitazione di strade, canali, pareti protettive contro le alluvioni, riforestazione, oltre a corsi di formazione professionale.Nelle difficili settimane di agosto e settembre, il WFP ha continuato i programmi di alimentazione scolastica, aiutando a mantenere bambini e bambine a scuola e prevenendo la malnutrizione, mentre si sosteneva l’economia locale con cibo prodotto e comprato localmente, creando mercati stabili, sostenendo l’agricoltura locale e rafforzando i sistemi alimentari locali. “Il WFP sta lottando contro il tempo per fornire assistenza alimentare e nutrizionale salvavita alle famiglie afgane più vulnerabili. Abbiamo bisogno di 200 milioni di dollari per comprare e preposizionare cibo prima dell’arrivo dell’inverno. Se perdiamo questa finestra di opportunità, le conseguenze saranno catastrofiche”, è l’allarme lanciato da McGroarty.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Le ragazze di Barbiana

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

Di: Sandra Passerotti Editore: Libreria Editrice Fiorentina Collana: Don Lorenzo Milani Pagine: 191 euro 12. Tu sai che il mio scopo principale è di fare la scuola per le bambine piccole e queste sono 6 o 7..Voglio educarle in tutti i modi per farne delle figliole intelligenti, furbe, sveglie, capaci di difendersi, di guadagnarsi il pane, di mandare avanti la famiglia, ecc…” (da una lettera di don Lorenzo Milani ad Eugenia Pravettoni del 23.7.1959) Sandra Passerotti è la moglie di un ex-allievo di don Milani, ha conosciuto il Priore anche attraverso i racconti e la storia personale del marito, purtroppo mancato. E’ portando la sua testimonianza in una scuola che una ragazza le chiese se la scuola di Barbiana fosse stata una scuola maschile, se non ci fossero bambine… Da quella domanda è nato il libro “Le ragazze di Barbiana. La scuola al femminile di don Milani” frutto di un lungo e paziente lavoro di ricerca dell’Autrice che ha intervistato le bambine di allora (oggi nonne) e ha ricercato le diverse testimonianze femminili. Il libro raccoglie diverse testimonianze di donne che, negli anni ’50 e ’60, hanno avuto don Milani come maestro e i racconti delle donne adulte che a Barbiana contribuivano all’azione educativa. Dai racconti emerge come Don Lorenzo Milani spiegasse alle sue allieve come l’apprendimento di un lavoro avrebbe permesso loro una vera emancipazione e quanta importanza attribuisse alla loro formazione. Le ragazze di Barbiana ha contribuito a far crollare i tanti stereotipi diffusi sul disinteresse di Don Milani al mondo femminile. Il volume si conclude con un raffronto con la scuola elementare pubblica italiana negli anni di Barbiana. A cura di Claudio M. Tartari. Le fonti sono inedite e documentate.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Libro: La rivoluzione integrale

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

Di: Giannozzo Pucci. Editore: Libreria Editrice Fiorentina Collana: Manifesti Pagine: 192 euro 14,00. Una rilettura di mezzo secolo di battaglie ecologiste alla luce della storica Enciclica di papa Francesco per disegnare un nuovo/antico progetto politico. Rivoluzione integrale è rivoluzione culturale, politica, economica, scientifica e tecnica e indica l’immane, entusiasmante lavoro di modifica di ogni aspetto della realtà attuale che dobbiamo affrontare. A differenza delle rivoluzioni degli ultimi due secoli motivate dall’egoismo, la rivoluzione integrale esige a tutti i livelli disegnare e costruire una civiltà comunitaria in simbiosi con la natura animati da uno spirito di gratuità. Il virus del progresso ha infettato tutte le attività umane e sta distruggendo il mondo. Questo libro è un contributo per sviluppare gli anticorpi necessari.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: La rigenerazione del bene comune

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

Di: Giannozzo Pucci editore: Libreria Editrice Fiorentina Collana: Manifesti Pagine: 90 euro 12,00. Un libro agile che ambisce a invitare la gente a passare dalla mentalità che vede il pubblico e lo stato come nemici, a cui si deve delegare il potere e a battersi per obiettivi precisi e pretendere dalle istituzioni atti e risposte conseguenti. A prima vista potrebbe sembrare un’utopia il contenuto di questo libro, ma vi invitiamo ad andare oltre, a non fermarvi alle apparenze. Nel libro si delinea una visione di governo rivolta a tutti (compresi i rioni e le frazioni) per fare del nostro paese la punta avanzata della rivoluzione ecologica.Questo opuscolo vorrebbe sollecitare le persone, i comitati, le associazioni che lavorano per la rigenerazione ecologica a formare una rete di liberazione nazionale per aiutare ad applicare l’ecologia integrale nella nostra casa, nel nostro vicinato nel territorio circostante perché è il modo più concreto che abbiamo per prenderci direttamente cura del mondo, la nostra casa comune.L’inquinamento delle acque, dell’aria e della terra, il cambiamento climatico sono effetti della privatizzazione di beni comuni essenziali che i poteri pubblici non hanno potuto o voluto custodire e proteggere. Non basta più smettere di inquinare, occorre rigenerare. Si tratta di scoprire l’anima comune, in forza della quale superare vecchie lotte ideologiche e politiche, rancori, antipatie, torti.Di fronte all’emergenza occorre andare oltre, perché tutto è interconnesso. Questo libro indica finalità e obbiettivi, secondo il proverbio per cui “è meglio sapere dove bisogna andare senza sapere come, che sapere come senza sapere dove”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Romani più poveri con la riforma del catasto

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

“Il candidato sindaco Gualtieri dimentica cosa voleva il ministro dell’Economia, Gualteri: la riforma del catasto che oggi il suo partito sarebbe in procinto di varare dando l’ennesima stangata alle famiglie italiane. Una conferma della sua tradizione persecutoria nei confronti di chi possiede un immobile. Un’eventuale riforma del catasto – con il pretesto di rispondere alle riforme chieste da Bruxelles – si tradurrebbe in una catastrofe per gli italiani già tartassati dal sistema tributario. Il rilancio dell’Italia, a maggior ragione dopo un periodo cupo come questo, non può in alcun modo essere fondato su nuove tasse. Se il Governo Draghi ha bisogno di risorse è al reddito di cittadinanza che deve guardare . La revisione dei valori catastali rischia di incidere pesantemente sul mercato immobiliare falsando anche l’Isee delle famiglie molte delle quali finirebbero per essere escluse dagli aiuti sociali. Una conseguenza che si farà sentire a Roma più che altrove, un tema sul quale Gualtieri, che da ex ministro dell’economia aveva proposta, e da attuale candidato sindaco di Roma la ignora, non sembra volersi esprimere. Un doppiogiochismo indegno di chi non vuole scegliere tra la tutela degli interessi dei romani e quelli tutti interni alla sua coalizione. “Ce lo chiede l’Europa” non è mai stata una giustificazione accettabile, non lo era prima e non lo sarà durante la crisi più grave dal secondo dopoguerra”. E’ quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Equiduct launches trading in Exchange Traded Funds for retail investors in Europe

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 settembre 2021

London. Equiduct, the pan-European retail exchange, announced today that it has launched Exchange Traded Funds (ETFs) and Exchange Traded Products (ETPs) trading on Apex – Equiduct’s on-exchange Best Execution service with zero trading fees for retail brokers. This is a major step in enabling access to ETFs for European retail investors.In Europe ETFs have been less accessible to retail than in the US market – 40% US retail investors invest in ETFs, compared to only 15-20% in Europe. ETFs in Europe are still predominantly traded by institutional investors either via request for quote (RFQ) or over-the-counter (OTC), avoiding the challenges of Best Execution with liquidity fragmented across multiple markets, a key barrier to retail access. Equiduct, already known for its focus on innovative equity trading solutions for retail investors, now brings 436 ETFs and ETPs under the umbrella of its unique Best Execution service, Apex. These products span multiple asset classes and geographies, as well as thematic ETFs and leveraged ETPs from 13 different issuers, such as Lyxor ETF and VanEck. The project will be delivered in two phases: phase one is now live with over 321 ETFs; phase two completing in early 2022 with an extra 215 ETFs.This latest launch means that more than four million retail investors across Europe can now access, on-exchange, pre-trade transparent Best Execution in these ETFs via Equiduct’s zero-commission Apex service.Wail Azizi, Managing Director & Global Head of Growth at Equiduct said: “This is a thrilling launch for Equiduct as we continue to expand while democratising trading for retail investors who will now have access the hottest ETFs on the market. ETFs can provide easy and cost-effective investment opportunities to the millions of retail investors accessing the market through Equiduct. Challenging the status quo by breaking barriers and bringing unparalleled commission-free Best Execution to the retail community across the world is part of our DNA and we will continue to do so.”This launch is fully supported by Virtu, a leading global market maker and liquidity provider. David Furlong, CEO and Head of Trading at Virtu Financial said: “Virtu is proud to be working with Equiduct to provide reliable liquidity across such a wide range of ETFs. ETFs are a growing trading instrument for the retail industry and we’re excited to be a part of enhancing the whole market ecosystem for retail investors. We are passionate about delivering best-in-class execution with every trade, making this a natural extension of our global liquidity offerings.” Marcello Chelli, European Head of Distribution and Retail at Lyxor ETF commented “We are pleased to see that a significant number of Lyxor ETFs on several asset classes have been selected by Equiduct for this initiative aiming at improving the access of retail investors to ETFs across Europe. Lyxor has made the ability to provide cutting-edge, innovative and cost-effective solutions for retail, intermediaries and IFAs a priority in its product strategy. “Martijn Rozemuller, CEO of VanEck Europe said “Our groundbreaking thematic ETFs, which are already so popular via primary markets, now have a new access point via Equiduct. This is an important step in the maturing of ETFs for retail investors. Now, key retail brokers in Europe will be able to offer unique ETFs for investing, such as our video gaming and eSports ETF as quickly as they could play a game online.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »