Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 30 marzo 2021

Il culto della nostra identità

Posted by fidest press agency su martedì, 30 marzo 2021

La nostra identità si dispiega tra un punto di partenza e di arrivo per tutti ineludibile. È quello genetico. Si voglia o no, la vita di ognuno si snoda lungo una traccia programmata nelle sue linee generali. I nostri gradi di libertà sono molteplici, ma entro limiti indipendenti da noi. L’indipendenza di tali limiti crea la nostra “dipendenza”. Atei o credenti si trovano, da questo punto di vista, sullo stesso binario. Sopra la nostra volontà, c’è un altro imperativo, chiamato, impersonalmente, destino, o personalmente indicata col nome di Dio. Nel momento in cui entriamo in quest’ordine d’idee giunge l’ora, come osserva l’Ubaldi, “di compiere un salto in avanti verso un nuovo tipo di selezione biologica, non più quella feroce del passato che esaltava come campione il vincitore violento, assaltante. Oggi divenuto pericolo sociale. Si tratta di un tipo di selezione più progredita, che vuole produrre l’uomo intelligente, lavoratore, spiritualmente forte, collettivamente organizzato. Si tratta di costruire l’uomo cosciente che sa pensare da sé, indipendente dal giudizio altrui, un responsabile, perché conosce la legge di Dio e secondo essa sa vivere”. La coscienza di trovarsi dentro la legge e in armonia con essa conferisce una maggiore resistenza nelle avversità e un maggiore equilibrio in senso all’ordine universale. Chi ha capito come funziona la vita, si accorge d’essere al di fuori delle vaghe astrazioni. Si rende conto come la legge sia una forza viva, operante, risanatrice, positiva. Sa che la sua giustizia finisce col vincere tutte le ingiustizie umane e che quindi il vincitore finale è il giusto e non il prepotente della terra. La legge è imparziale e universale. Ripaga ciascuno secondo i meriti. Oltre questo livello, comune ai razionalisti e agli stoici, oggi si va affermando un elemento di trascendenza che percorre tutti i rami più alti del sapere. Quella che un grande matematico italiano definiva la “insufficienza logica dell’universo naturale”, e quella che un grande logico tedesco definiva “incompiutezza” oggi si presenta nell’orizzonte della vita come aspetto escatologico. Qual è l’ultima parola della vita? È forse la morte come voleva il grande Claude Bernard e come pensa la maggior parte della gente? Oppure l’ultima parola della vita è ancora la vita, la vita oltre la vita? Che significa oltre? C’è un cammino che dall’esterno, diciamo dalle regioni epidermiche, porta verso l’interiorità che non si arresta al fenotipo, cioè al tipo che appare. Quando dico “fiore” io celebro un’apparenza fatta di sepali e di petali, la loro decadenza coincide con una deiscenza. È là che s’incontra il genoma e la sua immortalità relativa. Quando io dico “la vita oltre la vita”, penso appunto al genoma e alla legge interiore che lo sottende. Ove si colloca questa legge interiore, se non nella logica che, per l’appunto, si chiama logica della vita? Ecco allora che questa moralità biologica, che riscontriamo nelle leggi della vita, non è altro che un’espressione dell’universale ordine della legge a questo livello. Si tratta della stessa disciplina che la scienza ha visto nel campo fisico e dinamico e che accade nel campo più avanzato, quello della condotta dell’uomo, quello della morale che la dirige. Si tratta dello stesso principio di ordine insito nella legge e funzionante a livelli evolutivi diversi. È così che si spiega come la condotta umana sia soggetta a norme etiche. È così che possiamo dire che la vita, sia pure in proporzione e forma adatta al suo grado di evoluzione, è fondamentalmente onesta. Fino al suo livello più alto, quello della psiche e della coscienza, ciò è dato da uno stato di equilibrio, di rispondenza tra causa ed effetto, tra azione e reazione, che riscontriamo nel mondo della materia ed energia. Si tratta dello stesso principio di ordine che, al livello superiore della psiche, prende la forma di rettitudine nella condotta e di giustizia. Cosa mai dice tutto questo? Non dice forse unità fondamentale del tutto, non dice forse unità fondamentale della legge? Non dice forse principio di armonia che regge tutto l’universo? Tutto è un momento della legge. Tutto si moralizza in misura diversa a qualunque livello. (Riccardo Alfonso)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Per Da Vinci Classics esce il nuovo album di Axel Trolese

Posted by fidest press agency su martedì, 30 marzo 2021

E’ un’immersione nel repertorio pianistico spagnolo del primo Novecento.Un intenso viaggio nel paesaggio musicale della Spagna del primo Novecento, tra partiture che, nell’intreccio di immagini e sentimenti, suggeriscono una creativa architettura di visioni, colori ed emozioni. Il nuovo cd di Axel Trolese, prima tappa di un percorso che prevede la pubblicazione dell’integrale dei quattro libri che compongono la suite Iberia di Isaac Albéniz, disegna una trama singolare che alle pagine di Albéniz accosta brani di Federico Mompou e Manuel De Falla, invitando ad un ascolto che riflette l’elegante suggestione di profondissimi mondi musicali. Dopo l’approfondimento dell’ambiente francese con il primo cd “The late Debussy: Etudes & Epigraphes Antiques”, Axel Trolese approda adesso alla Spagna di inizio Novecento con un itinerario che si dispiega tra pagine celebri e momenti di sapiente bellezza. Un ascolto che rivela il legame dei tre grandi compositori con la terra natale e, al contempo, mantiene uno sguardo verso la capitale francese dove Isaac Albéniz, Federico Mompou e Manuel De Falla vissero anni fondamentali del loro cammino artistico.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spettacoli al Teatro Villa Pamphilj di Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 30 marzo 2021

Roma Sabato 3 aprile alle 19.30 torna la rassegna “Assolo” al Teatro di Villa Pamphilj all’interno del “Festival Popolare italiano – canti e corde mantici e ottoni” che presenta concerti in “solo” di alcuni degli artisti più interessanti del panorama musicale italiano che si esibiscono e dialogano in musica (e non solo) con il direttore artistico del festival Stefano Saletti, in un continuo scambio di sonorità e rimandi musicali. Nel primo appuntamento Saletti dialoga e suona con Ginevra Di Marco e Francesco Magnelli, seguiranno il 10 aprile Nando Citarella, il 17 aprile Lucilla Galeazzi, il 24 aprile Pejman Tadayon, il 30 aprile la cantante e percussionista Valentina Ferraiuolo, insieme al chitarrista Domenico De Luca. Chiuderanno la rassegna l’8 maggio le voci di Sara Marini e Fabia Salvucci. Domenica 4 alle ore 12 LA VIGNETTA di Fabio Magnasciutti. Una vignetta dedicata all’arte, alla cultura, in questo periodo sospeso, per riflettere e sorridere con profonda leggerezza realizzata da uno dei più apprezzati disegnatori contemporanei. Lunedì 5, alle ore 12, va in onda “Anarchy in The U Kitchen Easter Special Edition”. Dopo essersi destreggiata tra frittate e polpette durante le prime due stagioni, Anna Maria Piccoli – protagonista (e ideatrice) del format che ha raggiunto decine di migliaia di visualizzazioni durante le precedenti edizioni – torna tra i fornelli per una puntata speciale, in cui proporrà il suo particolare menu fatto di “cucina & cultura”, pensato per una Pasquetta in zona rossa e sottolineato dalle note di Carlo Amato (Tetes de Bois) che da sempre condisce musicalmente ogni ricetta di Anarchy.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Tecniche per la lettura ad alta voce”

Posted by fidest press agency su martedì, 30 marzo 2021

Come si fa a leggere a voce alta ai bambini, c’è una tecnica per rendere la nostra lettura più efficace, conquistare l’attenzione, creare interesse e soprattutto innescare nei nostri giovani ascoltatori la voglia di leggere? Molte risposte si trovano in “Tecniche per la lettura ad alta voce – 27 suggerimenti per la fascia 0-6 anni” libro curato da Federico Batini e Simone Giusti, edito da Franco Angeli e pubblicato in open access con download gratuito da questo link: https://bit.ly/3faoDZ5 (già oltre 15mila i download effettuati). Il libro arriva a due anni dal lancio di “Leggere: Forte! Ad alta voce fa crescere l’intelligenza” il progetto della Regione Toscana realizzato con il coordinamento scientifico dell’Università degli Studi di Perugia in particolare appunto di Federico Batini e in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale della Toscana, Indire (L’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa) e Cepell (Centro per il libro e la lettura del Ministero dei Beni Culturali) per diffondere e promuovere la lettura ad alta voce nelle scuole.Nel 2019 la Regione Toscana ha infatti deciso di caratterizzare l’offerta formativa di tutto il sistema educativo e di istruzione, dai nidi alle scuole secondarie di secondo grado, con una pratica didattica quotidiana, strutturata, progressiva e permanente: l’introduzione dell’ora di ascolto della lettura ad alta voce di fiction narrativa ad opera delle educatrici, degli educatori e degli insegnanti. L’obiettivo è fornire a tutti i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze, la strumentazione di base per poter raggiungere il successo formativo.Questo libro, nato nell’ambito di questa politica educativa, è frutto di un lavoro di ricerca che ha esplorato la bibliografia specialistica e i siti internet dedicati alla lettura ad alta voce e che ha coinvolto, tramite interviste, educatrici dei nidi e docenti delle scuole dell’infanzia delle 35 Zone dell’Educazione e dell’Istruzione della Regione Toscana. Il suo intento è fornire indicazioni operative utili a rendere il più efficace possibile la pratica della lettura ad alta voce nelle strutture educative che si occupano di bambine e bambini fino ai 6 anni. A partire da centinaia di suggerimenti formulati da studiose e studiosi, da educatrici e da insegnanti esperti di lettura ad alta voce, un gruppo di ricercatori e di ricercatrici ha provveduto – secondo una particolare procedura illustrata nell’Introduzione metodologica – a selezionare 27 tecniche, organizzate in tre sezioni: Conquistare e sviluppare l’attenzione, Creare interesse per le storie e favorire la partecipazione, La cultura del libro. I testi sono di Federico Batini, Benedetta D’Autilia, Simone Giusti, Valerio Luperini, Andrea Mancini, Susanna Morante, Irene D.M. Scierri. Prefazione di Eugenio Giani e Alessandra Nardini.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Progetto “Corsi di educazione sessuale e relazionale nelle scuole”

Posted by fidest press agency su martedì, 30 marzo 2021

Studenti per Draghi, movimento giovanile apartitico propone l’introduzione di corsi di educazione sessuale, che includano nozioni inerenti alla parità di genere, in tutte le scuole pubbliche e paritarie del territorio nazionale. Nonostante l’Agenzia di salute sessuale e riproduttiva delle Nazioni Unite ha spesso rimarcato l’importanza di questo tema, oggi il nostro Paese è uno tra i pochi Stati dell’Unione Europea nel quale l’educazione sessuale non è tra le materie obbligatorie del programma d’istruzione. L’educazione sessuale accompagna i giovani adolescenti nello sviluppo della sicurezza e consapevolezza del proprio essere ed aiuta a prevenire il fenomeno delle gravidanze precoci. E’ necessario introdurre Corsi di educazione sessuale e relazionale nelle scuole mediante un programma didattico che affronti temi e contenuti adatti ad ogni fascia di età. Relazione tra i sessi ed uguaglianza, responsabilità dei comportamenti sessuali, contraccezione, violenze, prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili dovranno essere i temi chiave di tali percorsi. Inoltre una parte della didattica dovrà integrarsi nei programmi di scienze e biologia affrontando aspetti più biologici ed anatomici della sessualità. Il futuro è adesso!

Posted in scuola/school, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Energia: Arera, dal 1° aprile elettricità +3,8%, gas +3,9%

Posted by fidest press agency su martedì, 30 marzo 2021

Secondo quanto stabilito da Arera, dal 1° aprile la bolletta dell’elettricità salirà del 3,8% mentre quella del gas del 3,9%.Secondo lo studio dell’Unione Nazionale Consumatori, per una famiglia tipo significa spendere su base annua (non, quindi, secondo l’anno scorrevole, ma dal 1° aprile 2021 al 31 marzo 2022, nell’ipotesi di prezzi costanti), 21 euro in più per la luce e 39 euro per il gas. Una maggior spesa complessiva pari, quindi, a 60 euro.”Una doccia fredda per i consumatori! Una pessima notizia! Un rialzo non può che mandare in tilt i bilanci delle famiglie già in difficoltà per via dell’emergenza Covid” afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori.”Per questo avevamo proposto all’inizio della pandemia di ridurre l’Iva sul gas al 10% sull’intero consumo e non solo sui primi 480 Smc annuali come è attualmente. Lo chiediamo ora anche al Governo Draghi” conclude Vignola.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I farmacisti e la nuova fase vaccinale

Posted by fidest press agency su martedì, 30 marzo 2021

La firma del protocollo che regola l’esecuzione delle vaccinazioni contro la COVID-19 nelle farmacie di comunità da parte dei farmacisti, annunciata dal Ministro della Salute Roberto Speranza, è la premessa per una decisiva accelerazione della marcia che porterà il paese fuori dall’emergenza sanitaria. L’accordo raggiunto tra il Ministero, le Regioni e le Rappresentanze sindacali delle farmacie pone infatti le basi per rendere capillare l’accesso al vaccino in piena sicurezza per i cittadini, e allinea l’Italia alle migliori esperienze europee, a cominciare da Francia e Inghilterra, dove i farmacisti hanno già effettuato milioni di vaccinazioni, dall’Irlanda, dove cominceranno aprile, ma anche a quanto fatto negli Stati Uniti. Per la Federazione degli Ordini dei Farmacisti e per tutti i farmacisti italiani si tratta di un traguardo fondamentale nell’evoluzione del ruolo del farmacista e della farmacia che ha costantemente promosso a partire dal 2006, e un riconoscimento dell’impegno profuso dai farmacisti nel corso della pandemia, quando sono stati il riferimento più vicino e sempre accessibile ai cittadini, anche nei momenti più critici dell’emergenza COVID. La partecipazione dei farmacisti alla campagna vaccinale è un passaggio cruciale sulla via del riassetto della sanità territoriale che, come più volte sostenuto dal Governo, dovrà basarsi sul concetto di prossimità e sulla sinergia di tutti i professionisti che sul territorio operano quotidianamente. Un cambiamento di paradigma nel quale ha un ruolo centrale il modello della farmacia dei servizi intesa come presidio sanitario polifunzionale. I farmacisti italiani sapranno moltiplicare il loro impegno per assolvere anche a questo importantissimo compito al servizio della collettività.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primo compleanno di Torcha

Posted by fidest press agency su martedì, 30 marzo 2021

Il compleanno di TORCHA è stato festeggiato con l’espansione sulla piattaforma Twitch: sul social di proprietà di Amazon dedicato alle dirette video, TORCHA sbarca con un palinsesto dedicato, che partirà con un appuntamento settimanale chiamato “SENZA SCARPE”. La conduttrice Elisa Serafini, insieme a Marco Cartasegna nel ruolo di commentatore, intervisteranno un politico del panorama italiano. Un format pop che vuole mostrare ai millenials e alle generazioni più giovani il dietro le quinte della politica e il lato più umano dei suoi protagonisti, con momenti in cui verranno trattati i temi più seri della nostra società e altri più goliardici, in cui l’intervistato si presterà a dei giochi, proprio senza scarpe. Ma questa non è l’unica novità, già nel Gennaio 2021, è stata varata la newsletter Prisma a cadenza settimanale, dove si tratta il tema più divisivo e complesso del momento attraverso video e interviste realizzate ad hoc. L’obiettivo unico è spiegare in profondità l’argomento trattato per dare al lettore tutti gli strumenti necessari per farsi una propria opinione in merito. I vari temi sono trattati in modo semplice e intuitivo, ma non semplicistico. Alcuni post sono testuali, altri video. Non manca la satira, perché si può informare anche facendo sorridere. La lotta contro le fake news che invadono il web, si affianca a interviste a professionisti dell’economia e della politica, anche se TORCHA non si schiera con nessun partito, ma non teme di schierarsi invece contro populismo e perbenismo. L’offerta è quindi variegata, ma sempre modulata verso l’attenzione del pubblico di riferimento con temi di estrema attualità come l’uguaglianza di genere o la sostenibilità ambientale. Le nuove generazioni sono sempre al centro del progetto. L’informazione non è unidirezionale, molto spesso gli utenti sono chiamati in causa, creando coinvolgimento, fidelizzazione ed engagement, grazie a format che contengono proposte e stimoli concreti. E’ stata introdotta una nuova rubrica, una diretta video a cadenza settimanale con interviste a politici a cura di Elisa Serafini. Anche in questo caso si trattano temi lontani dai giovani, ma in modo giovane.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Le gliflozine nel diabete e nello scompenso cardiaco”

Posted by fidest press agency su martedì, 30 marzo 2021

Torino Venerdì 9 aprile alle 17.30, l’Accademia di Medicina di Torino organizza una seduta scientifica on line dal titolo “Le gliflozine nel diabete e nello scompenso cardiaco”. Introducono l’incontro Paolo Cavallo Perin, professore di Medicina Interna all’Università di Torino, e Patrizia Presbitero, primario di chirurgia interventistica presso l’Istituto Humanitas di Rozzano (MI), entrambi soci dell’Accademia di Medicina. I relatori saranno Gabriella Gruden, Professore Associato di Medicina Interna presso l’Università di Torino e Dirigente Medico presso la Medicina Interna 3U della “Città della Salute e della Scienza di Torino” e Edoardo Gronda, Primario di Cardiologia dell’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) Multimedica di Sesto San Giovanni (MI). Le glifozine sono una nuova classe di farmaci per il trattamento farmacologico del diabete di tipo 2. I farmaci tradizionali del diabete agiscono aumentando la secrezione di insulina da parte del pancreas e/o la sensibilità degli organi periferici all’azione dell’insulina. Le glifozine agiscono invece a livello del rene, aumentando l’eliminazione con le urine di sodio e glucosio. La perdita glucosio con le urine migliora il compenso glicemico e facilita la perdita di peso. Inoltre, l’aumentata eliminazione con le urine di sodio favorisce il controllo della pressione arteriosa. Oltre a valutare l’azione dei farmaci per il diabete sul compenso glicemico, è importante studiarne l’effetto sulle complicanze a lungo termine del diabete. Studi clinici condotti a tale scopo hanno recentemente dimostrato che questa classe di farmaci ha un inatteso effetto protettivo su rene e cuore, riducendo il rischio di eventi cardiovascolari, scompenso cardiaco e malattia renale diabetica. Tali effetti benefici delle glifozine su cuore e rene sono recentemente stati dimostrati anche in pazienti non affetti da diabete, estendendo la platea di soggetti che possono beneficiare di questo nuovo importante strumento terapeutico. Si potrà seguire l’incontro solo collegandosi al sito http://www.accademiadimedicina.unito.it.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Imperial Jewels at Christie’s Geneva

Posted by fidest press agency su martedì, 30 marzo 2021

GENEVA – May 2021 marks 200 years since the death of Emperor Napoléon I (1769-1821), and it is an extraordinary coincidence that this spectacular parure of sapphires and diamonds, from the collection of his adoptive daughter, Stephanie de Beauharnais, Grand Duchess of Baden (1789-1860) will be offered for sale at Christie’s Magnificent Jewels auction in Geneva on 12 May 2021. The nine pieces, including a tiara, one collier, one pair of earrings, two pendants and brooches as well as one ring and one bracelet will be offered as individual lots. A total of 38 sapphires originating from Ceylon were used to create this parure in the early 1800s. The collection also includes the important sapphire crown of Maria II Queen of Portugal, set with a remarkable Burmese sapphire in the centre.Napoleon I married Josephine de Beauharnais in 1796, who was Stephanie’s aunt. Stephanie was born on 28 August 1789, unfortunately her mother died two years later and she spent her early years with the nuns in the French country side. Soon after her aunt’s marriage to Napoléon I she joined them and grew up in Versailles and Paris. A month before her own wedding, she was adopted by Napoléon and became Her Imperial Highness Princess Stephanie Napoléon and was therewith able to marry into the Baden Family on 6 April 1806, when she said yes to Prince Charles of Baden. Together they had five children; two boys, who died in infancy, and three daughters. A record in writing, found between the boxes of jewels, stated that these sapphire jewels were given to Stephanie by her cousin Hortense de Beauharnais. Such an origin is very likely. In many paintings Hortense, and her mother Empress Josephine, can be seen wearing precious belts. Furthermore, Hortense’s financial papers, which are kept in the Napoléon archive in Paris, give evidence of her fortune between 1817 and 1837, the year she passed away. They show that she left Paris in 1816 with little money, but a lot of jewellery. After Stephanie’s death in 1860 the sapphire parure described as ‘necklace, pendant, earrings, 7 pins and a belt’ was inherited by Stephanie’s second daughter, Josephine, Princess of Hohenzollern Sigmaringen. Under Napoléon’s court, belts decorated with precious stones were part of any jewellery parure, as fashion dictated that the waist was very high on dresses and court ladies needed a belt which was placed just under the décolleté. It seems the belt was remodelled into a bandeau-tiara and a bracelet by Princess Josephine, who died in 1900, aged 83. In her will, she left the sapphires (necklace, bandeau-tiara, earrings, pendants and bracelet) to her eldest son, Léopold (1835-1905). At this point, Stephanie’s sapphire parure was joined by another spectacular sapphire jewel: a crown with detachable brooches from Queen Maria da Gloria of Portugal (1819-1853).Maria was born in 1819 in Rio, where her family, the Braganza dynasty, took refuge when Napoléon I invaded their kingdom of Portugal. Her father Pedro, King of Portugal and 1st Emperor of Brazil, abdicated the crown of Portugal in her favour in 1826. Therewith, Maria da Gloria became Queen of Portugal at the age of seven. She died in 1853 after having given birth to 11 children. Her seventh child Infanta Antonia (1845-1913) married Léopold, Prince of Hohenzollern Sigmaringen in 1861, and it is believed that their union united the two sapphire parures.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »