Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 21 marzo 2021

Annabella Calabrese presto sugli schermi nel cast del film “Credimi!”

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

La giovane e brillante attrice, regista e autrice, Annabella Calabrese sarà nel cast del film “Credimi!”, nato da un’idea di Daniele Moretti e prodotto dallo stesso Moretti e Dream Film con Amanita Media, produzione esecutiva di Lucia Lo Russo e Duilio Simonelli, e diretto da Luna Gualano. Il film, di cui sono appena terminate le riprese, vuole dar vita al lato più “immaginario” che abbiamo e risvegliare il potere nascosto in ognuno di noi. “Salvatore e Vittoria, madre e figlio, affrontano il mondo e le sue difficoltà con l’aiuto di una potente e invisibile alleata: la fantasia.” Questo l’incipit della storia, scritta da Jacopo Sonnino e Andrea Ciccolini, che racconta il modo in cui lo sguardo di un bambino si scontra con la valenza che gli adulti danno al mondo reale: un luogo tangibile, ma anche fantastico, popolato da persone comuni, eroi fuori dall’ordinario e normali supereroi. Il piccolo Salvatore assieme alla mamma Vittoria affronterà le sfide della quotidianità battendosi contro i tanti “supercattivi” che lo circondano, per far trionfare “i supereroi”. Annabella Calabrese, già nota al grande schermo per il film “Un nemico che ti vuole bene” di Denis Rabaglia ( presentato alla 71° edizione del Festival di Locarno), accanto a Diego Abatantuono e Massimo Ghini, e per “Go home – A casa loro” , sempre di Luna Gualano, vincitore del premio Panorama Italia nella sezione Alice nella città del Festival del Cinema di Roma, interpreta il personaggio di Mara, la “super cattiva” del film. Figlia del proprietario del bar in cui lavora Vittoria, è una ragazza più attenta all’apparenza che alla sostanza, mira a diventare un’ influencer e per questo cura il suo look in ogni minimo dettaglio: dai capelli piastrati alla manicure perfetta. Verso Vittoria, la mamma di Salvatore, prova un misto di invidia e insofferenza e per questo non fa altro che maltrattarla e umiliarla in pubblico. Il piccolo Salvatore vede in lei un personaggio estremamente malvagio, una cattiva da cui difendere la sua mamma, continuamente vessata da richiami e umiliazioni. “Credimi!”, girato nel mese di febbraio a Roma, è ora in postproduzione, per approdare al più presto nelle sale. Nonostante il difficile momento storico sociale, e le restrizioni imposte dalla pandemia, sul set si è creato un clima davvero familiare e un’atmosfera speciale in cui si avvertiva il desiderio di realizzare qualcosa di bello, che facesse sognare, cosa più che mai necessaria adesso. Foto Annabella Calabrese fotografia copyright di FEDERICO D’ONOFRIO)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Infermieri: si allenta l’esclusività del rapporto di lavoro

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

I dipendenti potranno vaccinare anche dopo il loro orario di lavoro ordinario, moltiplicando esponenzialmente l’offerta e abbattendo le attuali disuguaglianze nell’accesso ai vaccini anche in una stessa area geografica.Oggi infatti gli infermieri dipendenti sono circa 270mila e se solo un terzo di questi dovesse aderire alla campagna vaccinale (ma il numero sarà sicuramente maggiore), ci saranno almeno 90mila vaccinatori in più, in grado, in media, di eseguire 12 vaccinazioni ogni due ore e, quindi, con sole due ore al giorno per cinque giorni a settimana, si potrebbero aggiungere secondo le stime FNOPI a quelle già programmate anche oltre di 5 milioni di vaccinazioni in più ogni settimana. Disponibilità di vaccini permettendo naturalmente e con le necessarie garanzie e tutele legali per i vaccinatori.Questo il risultato dell’introduzione nel decreto Sostegni della previsione di allentare il vincolo di esclusività per gli infermieri dipendenti, dando seguito alla richiesta della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) che nei giorni scorsi ha prospettato e articolato tra le soluzioni possibili per un cambio di passo nella campagna vaccinale, proprio l’allentamento dell’esclusività per gli infermieri, da sempre vaccinatori nei centri vaccinali pubblici.
Grazie a questa nuova possibilità, sarà possibile aumentare la capacità vaccinale del Paese, garantire più equità di accesso ai vaccini e uscire il più rapidamente possibile dalla pandemia.“Accogliamo con soddisfazione la norma richiesta e proposta dalla nostra Federazione di superamento dell’esclusività al ministro della Salute Speranza, alla struttura commissariale del Generale Figliuolo e a tutto il Governo”, ha detto Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI.
“Siamo certi che questa soluzione sarà in grado di mettere in sicurezza il maggior numero di cittadini possibile ben prima dei tempi finora immaginati”.“Gli infermieri dipendenti – aggiunge – hanno già manifestato la loro piena disponibilità a essere vaccinatori in molte Regioni se fosse stato rimosso lo scoglio dell’incompatibilità a prestazioni extra-azienda da cui dipendono. Gli infermieri ci sono e ci saranno sempre per scrivere la parola fine alla situazione che da oltre un anno vive il Paese e il mondo intero. Come hanno già dimostrato e dimostrano ogni giorno nella pandemia, dove sono i professionisti sempre accanto ai cittadini, a chi soffre, a chi altrimenti sarebbe solo”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I ragazzi che fanno antirazzismo anche in DAD

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

Sono circa 130 i giovani che parteciperanno agli incontri gNe per il progetto Il razzismo non è un’opinione, promosso dalle Associazioni Oltre Le Parole e Dire Fare Cambiare e realizzato grazie al contributo dell’Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri) per la promozione, attraverso la cultura, di azioni positive finalizzate al contrasto delle discriminazioni etnico-razziali, anche con riferimento alle discriminazioni multiple, in occasione della XVII Settimana di azione contro il razzismo (dal 21 al 27 marzo 2021).Durante la Settimana le classi coinvolte animeranno 6 incontri, ognuno su un tema legato alle discriminazioni. A moderare gli incontri sarà la redazione di Giornalisti Nell’Erba (gNe): interverranno la direttora di giornalistinellerba.it Paola Bolaffio, la vice direttora Giorgia Burzachechi e la coordinatrice della Rete nazionale Docenti gNe Ilaria Romano.Le scuole sono state coinvolte attraverso la Rete nazionale Docenti Giornalisti Nell’Erba (Rete Docenti gNe), che dal 2014 riunisce insegnanti che fanno del giornalismo uno strumento didattico per l’educazione allo sviluppo sostenibile. Durante gli incontri, ciascuna classe discuterà di uno o più aspetti legati alle discriminazioni. I temi, scelti dai ragazzi, saranno sviscerati e analizzati anche alla luce di approfondimenti che gli alunni stessi hanno voluto fare prima della discussione: chi ha cercato dati, chi ha fatto interviste ad operatori di volontariato, a giovani stranieri, a esperti di flussi, chi ha analizzato i luoghi dei razzismi e quelli dell’integrazione, chi propone giochi interattivi a quiz per dare modo a ciascun giocatore di individuare i propri pregiudizi, chi ha raccolto parole e definizioni da mettere “sotto processo” all’incontro, chi prepara padlet con una serie di domande e risposte per indagare sulle esperienze dirette di esclusione e inclusione. Tutti lavori che poi verranno pubblicati su giornalistinellerba.it.
“La lotta al razzismo coinvolge trasversalmente molti degli obiettivi dell’Agenda 2030; basti pensare all’1 – sconfiggere la povertà, il 2 – sconfiggere la fame, il 5 – parità di genere e l’obiettivo 10 – ridurre le disuguaglianze. Giornalisti Nell’Erba che da sempre promuove un’educazione allo sviluppo sostenibile, supportata, negli ultimi anni, anche dal protocollo d’intesa sottoscritto con il MIUR, aderisce quindi con grande entusiasmo a questo progetto che nella modalità interattiva e orizzontale sposa in pieno la filosofia di gNe” dice la vice direttora di gNe Giorgia Burzachechi.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Decreto Sostegno, pronto lo scostamento di ulteriori 20 miliardi per le nuove chiusure

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

Il Decreto Ristori, che è divenuto Sostegno, “dovrebbe essere in rampa di lancio, ma c’è ancora poca chiarezza. Marcello Pacifico (Anief) rinnova l’appello al ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi affinché chieda l’inserimento nella norma che sarà licenziata da Palazzo Chigi sull’abolizione del vincolo quinquennale per “ristorare” tutti quei lavoratori della scuola che sono stati separati dalle loro famiglie per via dei divieti di spostamento tra le regioni. L’ordinanza sulla mobilità sarebbe aggiornata in pochi giorni così come il sistema informatico. È l’ultima campanella per quest’anno. Il leader del giovane sindacato ha affermato quanto sia importante occuparsi di questo adesso: “la politica ascolti le parole di migliaia di docenti immobilizzati”.Anief ribadisce come tutte le forze politiche avevano presentato emendamenti nell’ultimo decreto Milleproroghe per eliminare il vincolo quinquennale, considerato iniquo e dannoso per le famiglie. Ora sembra che questa battaglia di civiltà comune a tutti i gruppi politici sia insormontabile da vincere. Anche il giovane sindacato ha ribadito con forza la proposta di considerare quest’anno come un anno di transizione e permettere almeno di poter richiedere l’avvicinamento ai propri cari mediante le assegnazioni provvisorie su tutti i posti disponibili. “Noi non ci rassegniamo – dice Pacifico – perché se non riusciremo a spuntarla politicamente ricorreremo contro questo vincolo e chiederemo ai tribunali quello che l’amministrazione si ostina a non voler abolire”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una più forte dimensione regionale per lo spazio europeo dell’istruzione

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

La crisi della COVID-19 ha messo in luce tutta l’importanza di sistemi di istruzione resilienti che favoriscano la transizione verso un’economia verde, basata sulla conoscenza e la trasformazione digitale. Il Comitato europeo delle regioni (CdR) sostiene l’azione della Commissione europea volta a realizzare lo spazio europeo dell’istruzione entro il 2025 , ma esorta anche a tenere meglio conto delle esigenze a livello regionale e ad affrontare il problema delle disparità tra regioni nel settore dell’istruzione. Il parere del CdR è stato presentato mercoledì scorso durante la sessione plenaria dal relatore Emil Boc (RO/PPE), sindaco di Cluj-Napoca.
Il CdR ritiene che tra le finalità fondamentali perseguite dallo spazio europeo dell’istruzione debbano figurare il conseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) e la realizzazione della sostenibilità ambientale. La duplice transizione ecologica e digitale dovrebbe essere presente in modo significativo e integrato in tutti i processi educativi e negli obiettivi trasversali stabiliti per il settore dell’istruzione e della formazione. La valutazione dei progressi compiuti dagli Stati membri dovrebbe essere effettuata sulla base di una tabella di marcia, nonché di una serie di indicatori annuali e di tappe intermedie.”Sebbene le competenze degli enti locali e regionali in materia di istruzione differiscano notevolmente da uno Stato membro all’altro, gli enti territoriali hanno un legame diretto e organico con le comunità in cui devono essere attuate le politiche in materia di istruzione definite a livello dell’UE – comunità su cui tali politiche hanno un’incidenza diretta. Pertanto, agli obiettivi strategici stabiliti per lo spazio europeo dell’istruzione devono corrispondere risorse finanziarie, chiare e identificabili, rese disponibili per gli enti locali e regionali”, ha sottolineato il relatore del parere Emil Boc , che ha ricoperto la carica di primo ministro della Romania tra il 2008 e il 2012.L’europarlamentare Michaela Šojdrová (CZ/PPE), relatrice del Parlamento europeo sul tema dello spazio europeo dell’istruzione, ha dichiarato: “Sono convinta che tutti aderiamo all’idea che un’istruzione di alta qualità costituisce una risposta alle sfide sia attuali che future, compresa quella della duplice transizione verde e digitale. Ma quello dell’istruzione è il settore che ha più gravemente risentito della pandemia di COVID-19. È mia intenzione elaborare e presentare una relazione del Parlamento europeo che sia realistica e miri a una strategia comune in direzione dello spazio europeo dell’istruzione, condivisa e attuata da tutte le istituzioni e l’insieme degli attori a livello europeo, nazionale e locale.”Nel parere a cura di Emil Boc si sottolinea che le regioni e le città possono contribuire a individuare i fabbisogni regionali in materia di istruzione e promuovere politiche specifiche basate sui contesti dei diversi territori. Si dovrebbe rivolgere particolare attenzione alla riduzione delle attuali disparità in materia di istruzione tra zone rurali e urbane, tra i diversi gradi di istruzione e tra i vari istituti di istruzione. Un’istruzione di scarsa qualità è spesso correlata alla povertà e alla mancanza di risorse individuali, ed è anche un fattore chiave alla base del fenomeno della fuga dei cervelli.Il parere insiste anche sull’importanza di stabilire partenariati strategici tra gli enti locali e regionali e le università presenti nei loro territori, nonché con altri istituti di istruzione e di formazione formale e non formale. Tali partenariati contribuirebbero ad offrire gli indispensabili programmi di apprendimento permanente per il miglioramento delle competenze e la riqualificazione professionale al fine di consentire alle persone di inserirsi o di rimanere in un mercato del lavoro in rapida evoluzione nell’ambito della duplice transizione verde e digitale.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza sul futuro dell’Europa

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

Il gruppo ad alto livello sulla democrazia europea del Comitato europeo delle regioni (CdR), presieduto dal primo presidente del Consiglio europeo ed ex primo ministro belga Herman Van Rompuy, ha tenuto oggi la sua prima riunione. Il gruppo contribuirà ai lavori del CdR sulla Conferenza sul futuro dell’Europa. Il gruppo ad alto livello è un organismo consultivo indipendente, incaricato di sostenere il ruolo politico e istituzionale del CdR fornendo un’analisi politica strategica incentrata sulle sfide per gli enti locali e regionali in Europa, nel contesto della partecipazione del CdR alla Conferenza sul futuro dell’Europa. Il gruppo ad alto livello ha il compito di rafforzare l’impatto e l’influenza che gli enti locali e regionali, attraverso il CdR, esercitano nel processo di elaborazione delle politiche europee, e di stimolare il dibattito sulla democrazia europea.Il Presidente del CdR Apostolos Tzitzikostas ha dichiarato: ” Ringrazio i membri del gruppo ad alto livello per avere accettato l’invito. La loro competenza, la loro adesione ai valori dell’Unione europea e la loro profonda conoscenza delle sue dinamiche rappresentano risorse inestimabili che contribuiranno a massimizzare il contributo del Comitato alla Conferenza sul futuro dell’Europa. Ogni membro del gruppo ad alto livello ha un profilo e una visione unici, che apporteranno un inestimabile valore aggiunto al nostro lavoro. La Conferenza non deve limitarsi a essere uno dei tanti concorsi di bellezza tra le istituzioni dell’UE, che ci lascia solo parole. Vogliamo e dobbiamo fare in modo che, dopo la Conferenza, la nostra Casa europea della democrazia sia ancora più solida in tutte le sue parti. La creazione del gruppo ad alto livello darà un contributo concreto a questo processo “.
Il presidente del gruppo ad alto livello Herman Van Rompuy ha dichiarato: ” Sono onorato della fiducia che il CdR mi ha dimostrato incaricandomi di guidare questo gruppo di importanti personalità. La nostra missione consiste nel presentare idee e proposte innovative e creative per rafforzare la democrazia europea e sviluppare un’Europa che protegge i suoi cittadini e conferisce loro potere. Gli enti locali e regionali possono contribuire a ripristinare la fiducia nella democrazia e dovrebbero essere maggiormente coinvolti nell’elaborazione delle politiche dell’UE. La Conferenza sul futuro dell’Europa offre un’opportunità unica per colmare il divario tra l’Unione europea e i cittadini che vivono nelle regioni, nelle città e nei villaggi, e dobbiamo riflettere su come rafforzare il nostro sistema democratico e costruire la fiducia attraverso un migliore coinvolgimento delle regioni e delle città. La Conferenza deve offrire soluzioni per una democrazia europea moderna che coinvolga i cittadini e fornisca risposte alle loro esigenze e preoccupazioni, con una visione condivisa per un futuro più resiliente e sostenibile “.Il gruppo ad alto livello procederà a uno scambio di vedute e collaborerà strettamente con i membri del CdR, in particolare con la Conferenza dei presidenti del CdR, l’Ufficio di presidenza, le commissioni tematiche e i membri della delegazione del CdR alla Conferenza sul futuro dell’Europa. Esso interagirà inoltre con i giovani politici regionali e locali che partecipano all’iniziativa Young Elected Politicians (YEP) del CdR, al Forum europeo della gioventù e ad altri organi giovanili. Il suo lavoro e il suo impulso serviranno da base per il contributo del CdR alla Conferenza sul futuro dell’Europa, insieme ai dialoghi locali organizzati dai membri del CdR nelle regioni e nelle città dell’Unione europea, garantendo che la Conferenza abbia una risonanza anche al di là delle capitali nazionali.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migliorare l’approvvigionamento europeo di materie prime

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

Il piano d’azione sulle materie prime critiche presentato dalla Commissione europea nel settembre scorso è oggetto di un parere che sarà discusso dai leader locali e regionali il 18 marzo durante la sessione plenaria del Comitato europeo delle regioni (CdR). Molte industrie chiave europee, in particolare quelle che impiegano tecnologie orientate al futuro, dipendono fortemente dalle materie prime “critiche”, la maggior parte delle quali sono importate da paesi terzi. Nel parere elaborato da Isolde Ries (DE/PSE), prima vicepresidente del parlamento regionale del Saarland, si sottolinea la necessità di affrontare la questione dell’eccessiva dipendenza dell’UE da paesi non europei promuovendo un uso circolare delle risorse, migliorando il riciclaggio e le catene di approvvigionamento e ampliando l’estrazione di materie prime critiche all’interno dell’Unione europea. Nel parere, inoltre, si sottolinea che gli enti locali e regionali devono svolgere un ruolo fondamentale nella salvaguardia dell’approvvigionamento futuro di tali materie prime.La Commissione europea definisce “critiche” le materie prime di cruciale importanza economica che non possono essere ottenute in modo affidabile e sostenibile all’interno dell’Unione europea (UE). Su scala globale, meno del 5% delle materie critiche viene estratto o prodotto nell’UE, mentre le industrie europee assorbono il 20% circa del consumo mondiale di tali risorse. Un approvvigionamento sicuro e affidabile di materie prime critiche è di vitale importanza per settori cruciali dell’economia europea come quelli automobilistico, siderurgico e sanitario, nei quali lavorano milioni di cittadini europei. L’UE dipende in particolare dalle importazioni delle materie prime critiche che sono componenti essenziali delle tecnologie orientate al futuro, come le batterie o gli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, che contribuiscono a trainare la transizione verde in Europa. Si prevede che, nei prossimi decenni, la domanda di tali risorse continuerà ad aumentare drasticamente.La relatrice del parere del CdR Isolde Ries (DE/PSE) , prima vicepresidente del parlamento regionale del Saarland, ha dichiarato che ” le economie moderne come quella europea, contraddistinte da lunghe catene del valore, non possono funzionare senza un approvvigionamento di materie prime sicuro, competitivo e rispettoso dell’ambiente . Dobbiamo pertanto garantire l’accesso dell’UE alle materie prime critiche, facendo leva sull’uso efficiente delle risorse, su prodotti sostenibili e sull’innovazione. Un approvvigionamento di tali materie prime sicuro e affidabile, nonché più responsabile sul piano ambientale e sociale, è di vitale importanza non solo per le industrie europee e i milioni di posti di lavoro che da esse dipendono, ma anche per il buon esito dell’attuazione del Green Deal europeo.” Nel parere, si sottolinea che gli enti locali e regionali, in quanto direttamente responsabili dell’approvazione e supervisione dei progetti industriali che comportano l’uso o l’estrazione di materie prime critiche all’interno dell’UE, devono svolgere un ruolo fondamentale nella salvaguardia dell’approvvigionamento futuro di materie prime critiche; e si invoca altresì un rafforzamento sostanziale delle capacità di riciclaggio all’interno dell’Unione. Inoltre, occorre diversificare le forniture di materie prime critiche provenienti da paesi terzi e, per ridurre la dipendenza dell’UE da tali importazioni, sostenere – tanto sul piano politico quanto su quello finanziario – l’estrazione di materie prime critiche all’interno degli Stati membri. Questo punto assume particolare rilievo per le regioni europee che sono state o sono tuttora regioni minerarie, le quali dovrebbero valutare le eventuali opportunità di estrazione di materie prime nel loro territorio. Infine, il CdR accoglie con favore l’annuncio – effettuato dalla Commissione parallelamente a quello del piano d’azione – di un’ Alleanza europea per le materie prime aperta a tutte le parti interessate, comprese le regioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salari minimi adeguati nell’UE

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

Le regioni e le città ritengono che la lotta contro la povertà lavorativa e la garanzia di una convergenza dei salari minimi verso l’alto siano requisiti indispensabili per un’economia di mercato sociale, equa e sostenibile nell’Unione europea. Il Comitato europeo delle regioni (CdR) ha pertanto accolto con favore la proposta di direttiva della Commissione europea, che mira a fornire un quadro per la fissazione di salari minimi adeguati nel rispetto della legislazione nazionale vigente e del ruolo delle parti sociali. Il parere del CdR elaborato da Peter Kaiser (AT/PSE), presidente della Carinzia, è stato adottato questa settimana, dopo un dibattito con un rappresentante della presidenza portoghese del Consiglio.Negli ultimi anni si è registrato un incremento delle disuguaglianze salariali in molti Stati membri: la percentuale di lavoratori a rischio di povertà è aumentata dall’8,3 % del 2010 al 9,3 % del 2018. A ciò si aggiunge la pandemia di COVID-19, con il suo impatto negativo sui salari dei lavoratori, soprattutto quelli a reddito più basso. Il CdR chiede pertanto di avviare un processo di convergenza al fine di raggiungere una soglia minima pari almeno al 60 % del salario nazionale lordo mediano a tempo pieno e al 50 % del salario nazionale lordo medio a tempo pieno in tutti gli Stati membri che hanno un salario minimo legale. Esorta inoltre la Commissione a sostenere sia il futuro sviluppo delle capacità che l’autonomia delle parti sociali a livello europeo e nazionale.
Il primo vicepresidente del Comitato europeo delle regioni Vasco Cordeiro ha dichiarato: “Con la fissazione di salari minimi adeguati nell’UE, stiamo facendo un altro passo avanti verso l’eliminazione della povertà lavorativa e la riduzione della povertà in generale. Gli enti locali e regionali sono in una posizione chiave per applicare, promuovere e monitorare la direttiva proposta. Insieme al piano d’azione per l’attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali e al vertice sociale di Porto, questa iniziativa servirà a ribadire che l’UE tiene profondamente ai suoi cittadini, alla sua dimensione sociale e alla ripresa dalla pandemia”.Miguel Cabrita , viceministro portoghese del Lavoro e della formazione professionale, ha dichiarato: “Noi tutti riteniamo che garantire salari adeguati ai lavoratori nell’Unione europea sia essenziale per assicurare condizioni di vita e di lavoro dignitose, come pure per costruire economie e società eque e resilienti. I salari adeguati sono una componente essenziale del modello sociale europeo. Noi tutti difendiamo l’idea che il lavoro deve essere retribuito e condividiamo l’obiettivo di garantire salari minimi adeguati in tutta l’UE, che sia per legge o per contrattazione collettiva, nel rispetto dei sistemi nazionali e dell’autonomia delle parti sociali.”
Sebbene solo pochissime regioni dell’UE abbiano poteri legislativi per fissare salari minimi, esse svolgono un ruolo fondamentale nella negoziazione dei contratti collettivi regionali, nella loro qualità di datori di lavoro e nell’aggiudicazione degli appalti pubblici, i quali dovrebbero garantire che gli operatori economici si conformino alle condizioni retributive applicabili e rispettino il diritto alla contrattazione collettiva. Nel contempo, il parere del CdR invita ad affrontare la povertà lavorativa con un approccio multiforme che tenga conto di altri fattori, quali il sistema fiscale, le iniziative di formazione, il livello delle prestazioni sociali e le politiche occupazionali.Il relatore Peter Kaiser (AT/PSE), presidente della Carinzia, ha dichiarato: “I salari minimi dignitosi sono un elemento costitutivo importante del pilastro sociale europeo. Il contributo dei lavoratori a basso reddito alle nostre società durante la crisi della COVID-19 merita un riconoscimento, ma soprattutto azioni concrete. Vi è l’urgente necessità di affrontare la povertà lavorativa e la spirale al ribasso di una concorrenza malsana sui costi del lavoro. Affinché il lavoro nell’UE sia remunerativo per tutti, è necessario un obiettivo vincolante di un salario minimo che rappresenti almeno il 60 % del salario nazionale lordo mediano e il 50 % del salario nazionale lordo medio. Questo processo di convergenza deve rispettare gli attuali sistemi nazionali di fissazione dei salari e l’autonomia delle parti sociali.” Il 4 marzo la Commissione europea ha presentato un piano d’azione per accelerarne l’attuazione e preparare la strada al vertice sociale dell’UE che si terrà a Porto il 7 e l’8 maggio.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Covid-19, task force di Padova in aiuto di Chieti per le vaccinazioni

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

A Chieti sono arrivati dieci volontari, che dopo il saluto di benvenuto da parte del Direttore generale della Asl Thomas Schael e del Rettore dell’Università “D’Annunzio” Sergio Caputi sono diventati subito operativi nel punto vaccinale allestito presso il Pala UdA, al Campus di via dei Vestini. Alla breve e informale cerimonia è intervenuto anche il Generale Carlo Cerrina, Comandante della Legione Carabinieri Abruzzo e Molise, il quale ha sottolineato la vicinanza dell’Arma al Comitato #maniunite attraverso una partnership instaurata da tempo. Presenti Rocco Del Conte, in rappresentanza dell’Ordine dei medici e odontoiatri della provincia di Chieti, il Governatore del Distretto Rotary 2090 Rossella Piccirilli, che ha avviato il reclutamento di soci volontari da mettere a disposizione della campagna vaccinale, Angela Paolucci, Presidente della Croce Rossa già oggi schierata al Pala UdA, e Costantino Gallo, medico, responsabile del settore Ricerca e innovazione della Asl Lanciano Vasto Chieti.Calorosa l’accoglienza riservata al gruppo di volontari dal Direttore generale della Asl: “Questo è il punto vaccinale più grande e importante della provincia – ha sottolineato – attivo da oggi con il prezioso aiuto degli amici di Padova, che ringrazio vivamente. Sono coadiuvati da forze locali che si sono generosamente messe a disposizione, dando un’ulteriore conferma della coesione sociale esistente in questo territorio,di cui abbiamo avuto prova già in occasione dello screening di massa”. “Nella nostra regione abbiamo sviluppato una sorta di modello operativo che coinvolge il mondo del volontariato e delle istituzioni – ha raccontato Eleonora Caramanna – e ci permette di essere utili al territorio quando ce n’è necessità oppure in occasione di campagne di prevenzione. In questa circostanza offriamo all’Abruzzo e in particolare alla Asl di Chieti il nostro contributo attivo per accelerare il completamento della vaccinazione nelle zone rosse e mettere a disposizione il nostro format nel caso ci siano le condizioni e il desiderio di replicarlo anche qui. La nostra esperienza di rete nel mondo del volontariato è più che positiva, e ci ha permesso finora di essere di supporto concreto soprattutto in progetti che riguardano la salute. Grazie a quest’Azienda che ci ha dato fiducia, e ci permette di scrivere una nuova e bella pagina di solidarietà”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Oggi è la Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

E’ stata istituita dall’Onu in memoria del massacro di Sharpeville, in Sudafrica, avvenuto il 21 marzo 1960, quando 69 persone che manifestavano pacificamente contro l’apartheid furono uccise dalla polizia. Ogni anno in questo periodo, la Rete 21 marzo Mano nella mano contro il razzismo, in collaborazione con il mondo dell’associazionismo, organizza manifestazioni ed eventi coinvolgendo enti, istituzioni impegnate sul tema. Così come già lo scorso anno, l’emergenza legata al Covid-19 non permette di organizzare celebrazioni pubbliche. La Giornata resta tuttavia un’occasione preziosa per ribadire l’importanza del principio di uguaglianza tra esseri umani come fondamento della nostra società, sancito anche dalla nostra Costituzione e per ricordare a tutte le persone che subiscono episodi di discriminazioni razziali che non sono sole.L’appuntamento online “Io sono antirazzista” in diretta Fb sulla pagina di Rete 21 marzo, anticipa di un giorno la tradizionale Giornata. Appuntamento dunque sabato 20 marzo a partire dalle ore 15,00 per l’evento suddiviso in tre sessioni.Alle ore 15 , moderati da Ayoub Moussaid, portavoce della Rete 21 marzo dialogano sull’attivismo antirazzista di base Ivana Nicolic, attivista, coreografa e ballerina, Sueni De Blasi, attivista che partecipa con passione e consapevolmente alla vita politica e sociale della comunità e Janet Buhanza, presidente dell’Associazione Donne Africa Subsahariana e II generazione.Dalle ore 16 si svolgerà una sessione dedicata al confronto tra le istituzioni. Introdotta dalla giornalista Federica Tourn, Antonella Ferrero, responsabile ufficio Pari Opportunità e contrasto alle discriminazioni della Città Metropolitana di Torino presenterà il Nodo metropolitano contro le discrimazioni, organismo parte integrante della Rete regionale contro le discriminazioni in Piemonte, che svolge diverse attività quali l’accoglienza e la gestione dei casi di discriminazione e le attività di comunicazione e informazione sulle tematiche antidiscriminatorie. Al dibattito partecipano anche Juan Tafur, sidacalista della Funzione Pubblica della CGIL di Torino, e Stefano Chicco, referente dell’Ufficio Diritti della Città di Torino.Nell’ultima sessione, prevista per le ore 17 intervengono Dijana Pavlovic, attrice, mediatrice culturale e attivista per i diritti umani, Esperance Hakuzwimana Ripanti, scrittrice e speaker radiofonica italiana di origine ruandese e Federico Faloppa, insegnante di Storia della lingua italiana e Sociolinguistica nel Dipartimento di Lingue moderne dell’Università di Reading (Gran Bretagna). Modera Murat Cinar, fondatori del freepress mensile Glob011.Evento Facebook al link: https://www.facebook.com/events/437658320848589/

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Effe Radio supporta il progetto “Musical-Mente: Sfumature Sonore”

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

La direzione di Effe Radio (www.efferadio.it) ha deciso di supportare, per quanto possibile, il progetto “Musical – Mente: Sfumature Sonore”. Ma cosa rappresenta questo progetto? “Musical-Mente: Sfumature Sonore” rappresenta un’iniziativa che pone al centro la persona e la musica che ha dentro. Un’iniziativa promossa e coordinata da Progetto promozione lavoro, una cooperativa sociale di Olgiate Olona (VA), realtà che da sempre lavora e promuove progetti artistici rivolti alle persone diversamente abili, mettendo al centro l’integrazione. Fondamentale il contributo della Fondazione Comunitaria del Varesotto che ha sostenuto ancora questa realtà dalle mille risorse e dai tanti progetti d’integrazione. Il Comune di Olgiate Olona (VA) ha patrocinato il progetto riconoscendone il valore. Quando si potrà (le cooperative sociali hanno numerose restrizioni causa pandemia) l’intenzione come sempre è raccogliere tutto il materiale creato nell’arco della durata del progetto e allestire una mostra in maniera tale da passare ad una concreta integrazione dove i fruitori incontreranno gli artisti che hanno lavorato al progetto e le loro opere. “Abbiamo deciso di dare ulteriore voce a questa bellissima realtà – commenta Davide Macor, uno dei coordinatori di Effe Radio – l’abbiamo incontrata su Facebook, ci siamo conosciuti e abbiamo deciso di supportarci vicendevolmente. Svolgere il loro lavoro è fondamentale per la società attuale e così noi come piccola radio abbiamo deciso di metterci a loro disposizione, con i nostri canali. Ma nello specifico, cosa succederà? Ci sarà uno spazio audio e video per l’associazione, dove si parlerà dei loro progetti e dove potranno raccontare tutto il loro lavoro. Promuoveremo anche una playlist con le loro canzoni. Piccoli gesti, ma che reputiamo fondamentali per progetti così belli e positivi, guardando al futuro”. Da Udine a Olgiate Olona (VA) e ritorno, sulle “note” di un progetto musicale (splendido) e di una web radio, sempre in sostegno a queste piccole, grandi realtà.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’intelligenza artificiale e le sue relative implicazioni etiche, giuridiche e sociali

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

Si terrà lunedì 22 marzo, alle 16.30, la seconda delle AI Lectures organizzate dal Centro Universitario di Bioetica dell’Università di Parma. L’incontro si inserisce nella più ampia edizione delle Letture magistrali “Bioetica/Scenari”, appuntamento ormai consolidato nell’ambito delle attività del Centro, volto a promuovere la discussione di questioni di rilevanza bioetica e biogiuridica con studiosi di fama nazionale e internazionale. Le AI Lectures rappresentano un focus particolare su una delle tematiche più controverse e ormai ‘totalizzante’ degli ultimi tempi: l’intelligenza artificiale e le sue relative implicazioni etiche, giuridiche e sociali. Ospite dell’incontro sarà Clementina Barbaro, co-segretaria del Comitato Ad hoc sull’intelligenza artificiale (CAHAI) del Consiglio d’Europa, che terrà una relazione sul tema “Sistemi giudiziari e intelligenza artificiale. La prospettiva del Consiglio d’Europa”. L’evento sarà moderato da Antonio D’Aloia, Direttore del Centro. Clementina Barbaro è studiosa di fama internazionale e da anni lavora al Consiglio d’Europa dove è stata anche segretaria del Working Group on Quality of Justice della Commissione europea per l’efficienza della giustizia (CEPEJ). Il Comitato ad hoc sull’intelligenza artificiale rappresenta un organo intergovernativo, incaricato di esaminare la fattibilità e i possibili elementi costitutivi di un futuro quadro giuridico per lo sviluppo, la progettazione e l’applicazione dell’intelligenza artificiale, nel rispetto degli standard sui diritti umani e sui principi democratici del Consiglio d’Europa. L’incontro, dunque, verterà sul rapporto fra “intelligenza artificiale e giustizia”, questione di stretta attualità se si pensa ai sistemi di AI come possibile ausilio del giudice e magari anche quale potenziale sostituzione dello stesso nell’ambito delle controversie di minor valore. L’evento rappresenta l’occasione per una riflessione sotto un profilo giuridico e tecnico della rilevanza dei meccanismi di intelligenza artificiale nel contesto della giustizia, valutandone i potenziali effetti e la fattibilità, attraverso la ‘lente’ del Consiglio d’Europa.L’evento si terrà su Zoom e sarà in diretta Facebook sulla pagina del Centro (University Center for Bioethics (UCB) – Università di Parma). Questo il link di collegamento Zoom (Meeting ID: 984 6401 3631; Passcode: 022775).La prossima AI Lectures è in programmazione per il 14 aprile con Cosimo Accoto, filosofo e fellow al Massachusetts Institute of Technology-MIT di Boston, che interverrà sul tema “Algomazione tra machine experience e machine economy”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

3 anni di collana editoriale Centro Pecci–NERO Editions

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

Giunta al suo terzo anno di vita, la collana editoriale del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci – pubblicata dalla casa editrice NERO Editions – raccoglie oggi un importante corpus di titoli che mettono in relazione l’arte contemporanea con alcuni dei grandi temi del presente. Avviata nel 2019 con l’insediamento di Cristiana Perrella alla Direzione del museo, la collana è stata ideata con lo scopo di creare, attraverso la produzione di prodotti editoriali transdisciplinari, ricercati e coerenti, un’estensione della piattaforma critica e di ricerca del museo che ne rafforza l’identità.
NERO Editions è stata individuata tra molte case editrici per la vicinanza alle tematiche che il Centro Pecci porta avanti con grande interesse dal 2019: l’attenzione al gender e alle identità sessuali, letta attraverso il linguaggio della fotografia, in titoli come Soggetto nomade. Identità femminile attraverso gli scatti di cinque fotografe italiane 1965-1985, Jacopo Benassi. FAGS e Marialba Russo. Cult Fiction; l’analisi del capitalismo contemporaneo attraverso la sua controparte storica nel libro The Missing Planet. Visioni e revisioni dei tempi sovietici; l’approfondimento di artiste complesse e poliedriche come Chiara Fumai e Simone Forti in Chiara Fumai. Poems I Will Never Release 2007-2017 e Simone Forti. News Animations; la centralità di un pensiero ecologico in Formafantasma. Cambio; la manifestazione di dissenso come possibilità di controcultura in Protext!.I volumi della collana Centro Pecci–NERO Editions, coordinata per il museo da Vittoria Pavesi, non si configurano come cataloghi delle mostre, ma rappresentano dei progetti editoriali complementari di studio e approfondimento critico e teorico, capaci di incontrare l’interesse dei frequentatori dell’arte e di un pubblico più ampio e generalista. Filo conduttore delle pubblicazioni è l’ibridazione dei campi del sapere, che spaziano dall’antropologia al design, dalla botanica all’economia e alla filosofia, per un affresco dai molteplici punti di vista che aiutano ad arricchire il nostro sguardo sulla contemporaneità attraverso l’arte.L’identità grafica della collana editoriale, è pensata per avere degli elementi fissi e riconoscibili nel retro di copertina e nel dorsetto e nella tipologia dei materiali, lasciando libera la griglia grafica e i formati così da rendere ogni volume della collana coerente al contenuto che di volta in volta viene presentato, favorendone la diffusione nel mercato librario nazionale e internazionale.Con la collana Centro Pecci–NERO Editions il Centro per l’arte contemproanea Luigi Pecci rafforza la sua vocazione di laboratorio culturale, veicolo di informazione e conoscenza incentrato sullo sviluppo della ricerca artistica e sulla formazione di “spazi critici” internazionali, assegnati alla produzione e all’interpretazione di tutte le espressioni del contemporaneo che avvicinano le persone ai grandi temi della vita e della nostra società.Parallelamente alla collana editoriale sviluppata con NERO, il Centro Pecci ha presentato in questo triennio anche altre importanti pubblicazioni, nate per lo più dalla collaborazione con altre istituzioni e partner, ma sempre coerenti con la visione del museo, la sua mission e i suoi filoni di ricerca: Luca Vitone. Romanistan, edito da Humboldt Books all’interno della collana Artist’s Travels, che documenta il viaggio compiuto a ritroso da Bologna a Chandigarh sulle tracce del popolo Rom; Codice Colore, edito dal Centro Pecci, narra l’imponente collezione di arte contemporanea di Alessandro Grassi; Gianni Pettena. 1966-2021, edito da Mousse Publishing, realizzato in collaborazione con MAXXI, KunstMeranoArte e Parco Archeologico di Pompei; Lara Vinca Masini. Scritti scelti 1961-2019, edito da Gli Ori e realizzato grazie al contributo di Giuliano Gori, del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci e della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, con il sostegno del Museo Novecento di Firenze e di Ronaldo Fiesoli, presenta la ricerca e il pensiero di una delle studiose d’arte italiane più prolifiche del Novecento, che ha donato il suo archivio al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nasce la ‘Milano Smart City Alliance’

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

Lavorare in sinergia e fare sistema tra imprese per favorire lo sviluppo della città del futuro in chiave smart, grazie a progetti condivisi e innovativi a beneficio di cittadini e aziende. Con questo spirito è nata la ‘Milano Smart City Alliance’, un’alleanza tra imprese che, in partnership con istituzioni e stakeholders del territorio – in particolare il Comune di Milano -, agisce ideando progetti catalizzatori e sostenendo iniziative per promuovere un modello di sviluppo urbano basato su innovazione, sostenibilità e collaborazione.La ‘Milano Smart City Alliance’, promossa da Assolombarda e formata ad oggi da un comitato di nove imprese – A2A Smart City, Accenture, ATM, Cisco, Coima, Enel X, IBM, Siemens, TIM – sostiene l’open innovation affinché stimoli imprese e start up a impegnarsi nella creazione di nuove soluzioni e progetti smart con un significativo impatto per la città in ambiti come la digitalizzazione, la sicurezza e l’utilizzo dei dati, ambiente ed energia, la mobilità sostenibile e le nuove modalità di lavoro.‘CyberSecureCity’ è la prima iniziativa della ‘Milano Smart City Alliance’, realizzata in collaborazione con il Comune di Milano, allo scopo di diffondere maggiormente la cultura digitale della sicurezza.Infatti, la trasformazione digitale è tra i principali aspetti sui quali intervenire per costruire una città sempre più smart. Si tratta di un fenomeno che a causa della pandemia ha subito una grande accelerazione creando, insieme a diversi aspetti positivi, anche qualche criticità: tra queste, l’esposizione di un numero sempre maggiore di utenti e di una mole crescente di attività e servizi ai rischi connessi al cyber crimine. Attraverso questo progetto, presentato oggi durante l’evento “CyberSecureCity: imprese e istituzioni sviluppano azioni concrete per città digitali e protette”, Assolombarda mette a disposizione del Comune di Milano l’esperienza sviluppata nella realizzazione della sua piattaforma Cybersecurityalliance, uno strumento di comunicazione e dialogo tra l’Associazione e la Polizia Postale per condividere con le imprese le informazioni tecniche sugli attacchi informatici, insieme ai relativi aggiornamenti di sicurezza.A questo si aggiungono iniziative di carattere informativo e formativo rivolte ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni, ai cittadini, alle imprese e alle scuole, con l’obiettivo di divulgare nozioni utili a fronteggiare i rischi connessi all’uso delle nuove tecnologie.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Antonio Preziosi: Il Papa doveva morire

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

Il 13 maggio 1981, in piazza San Pietro, a Roma, alle ore 17.17 si consuma uno degli attentati più gravi e conosciuti della nostra storia recente: un sicario, forse incaricato da mandanti ancora oggi non identificati, spara a distanza ravvicinata a papa Giovanni Paolo II per ucciderlo. A quarant’anni da quel tragico avvenimento, Antonio Preziosi ricostruisce quel giorno con dettagli poco conosciuti o addirittura inediti, analizza le ragioni e le conseguenze del gesto, evidenziando tutte le implicazioni di cronaca, storiche e spirituali dell’attentato. L’Autore racconta alcune testimonianze dirette (come quelle di suor Letizia Giudici che “arrestò” il terrorista Ali Ağca o del professor Renato Buzzonetti, il medico del Papa) e tantissimi dettagli ricordati dal cardinale Stanislao Dziwisz – già segretario personale del Papa – e da tanti altri testimoni. Il racconto coinvolge il lettore come in un “film” che ha una duplice regia: una umana (i mandanti ancora oscuri dell’attentato) e una soprannaturale (la mano che deviò il proiettile salvando la vita a quel Papa che quel giorno “doveva morire”). Antonio Preziosi, Il Papa doveva morire. La storia dell’attentato a Giovanni Paolo II, Edizioni San Paolo 2021, pp. 240, euro 22,00 Antonio Preziosi è giornalista, saggista e scrittore. Attualmente è direttore di Rai Parlamento. A lungo corrispondente del servizio pubblico da Bruxelles, ha svolto per anni l’incarico di inviato speciale seguendo i principali avvenimenti di politica interna e internazionale. Ha diretto Radio Uno, Giornale Radio e Gr Parlamento. Studioso di questioni religiose e vaticane, è stato anche Consultore del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il satellite WildTrackCube-SIMBA è pronto al lancio

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

É stata completata il 12 febbraio a Mosca (Russia) l’installazione del CubeSat WildTrackCube-SIMBA (System for Improved Monitoring of the Behavior of Animals) nel sistema di lancio della GK Launch Services. Il satellite è stato sviluppato da studenti e ricercatori del laboratorio S5Lab – Sapienza Space Systems and Space Surveillance Laboratory coordinato da Fabrizio Piergentili e Fabio Santoni dei dipartimenti DIMA e DIAEE di Sapienza Università di Roma, in collaborazione con Machakos University (Kenya) e University of Nairobi (Kenya). Il progetto è supportato dall’Agenzia Spaziale Italiana e dall’Agenzia Spaziale del Kenya nell’ambito del programma IKUNS (Italian-Kenyan University Nano-Satellites). La missione è risultata vincitrice nel 2019 del concorso internazionale “Win a free launch of 1U Cubesat on the first commercial mission of GK Launch Services”, promosso dalla International Astronautical Federation e dalla compagnia di lancio GK Launch Services.Nell’ambito del programma IKUNS, è già stato lanciato con successo il CubeSat 1KUNS-PF, primo nano-satellite kenyano, sviluppato in collaborazione con Sapienza, ed è previsto nei prossimi mesi il lancio del nano-satellite IKUNS-B/LEDSAT. WildTrackCube-SIMBA è il terzo nano-satellite sviluppato nell’ambito di collaborazioni internazionali dagli studenti dei Corsi di Ingegneria Aerospaziale della Sapienza, dopo URSA-MAIOR (lanciato a giugno 2017) e 1KUNS-PF (lanciato a maggio 2018).Il CubeSat 1U (100 x 100 x 113.5 mm) è stato concepito dalle tre università come dimostratore tecnologico di un sistema innovativo di tracciamento della fauna selvatica nei parchi nazionali del Kenya, per studiare il comportamento degli animali, anche in vista di una riduzione dei pericoli legati al loro sconfinamento, con ingenti danni alle colture e, nei casi più gravi, con la perdita di vite umane. Il satellite sarà in grado di ricevere la posizione e i dati sanitari degli animali, dotati di un collare, e di ritrasmetterli alle stazioni di terra, così da garantire il tracciamento e il monitoraggio della fauna interessata dall’esperimento. Tali dati saranno ricevuti ed elaborati in collaborazione con le Università kenyane partecipanti al progetto. Durante le attività di integrazione avvenute a Mosca, i quattro studenti della Sapienza hanno potuto partecipare a tutte le operazioni di integrazione del satellite nel sistema di separazione del lanciatore. Il satellite, così preparato al lancio, è in trasferimento verso il Cosmodromo di Baikonur (Kazakhstan), da dove sarà lanciato a bordo di un razzo Soyuz/Fregat il 20 marzo 2021.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prezzi: Unc, la top ten dei rincari durante pandemia

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

L’Unione Nazionale Consumatori ha condotto uno studio sui prodotti più rincarati durante la pandemia, facendo il confronto con i prezzi di febbraio 2020, ultimo mese pre-lockdown, ossia prima che scattassero i rialzi avvenuti durante l’emergenza Covid, elaborando i dati Istat. Il record spetta alla voce E-book download, con i prezzi che sono più che raddoppiati dal febbraio 2020, con un’impennata del 54,4%. Si è approfittato, insomma, dell’esigenza di trascorrere il tempo libero in casa per far lievitare i listini.Al secondo posto il prodotto simbolo dello smart working e della didattica a distanza, ossia Computer portatile, palmare e tablet, con un balzo del 20,6%. I rincari a danno dei lavoratori e degli studenti sono anche al quinto posto con gli Accessori per apparecchi per il trattamento dell’informazione, ossia monitor e stampanti, saliti del 12,8%, e al settimo posto, con gli Altri apparecchi per la ricezione, registrazione e riproduzione di suoni e immagini, come le cuffie con microfono, indispensabili per webinar e webmeeting, e gli E-book reader, con un incremento del 10,3%..Al terzo posto un altro bene utile per intrattenere i ragazzi a casa nel tempo libero, i giochi elettronici, con +16,9%. Un altro gruppo che ha registrato rialzi lunari è quello dei trasporti: trasporto ferroviario appena giù dal podio con +15% (per fortuna le compagnie ferroviarie avevano sostenuto di non aver aumentato i prezzi…..), voli intercontinentali al sesto posto con +10,9%.Altri segmenti di consumo per i quali si è sfruttata l’esigenza di dover stare in casa sono gli Altri piccoli apparecchi elettrici per la casa, come le centrifughe che segnano un +8,6% e, appena fuori dalla top ten, all’undicesimo posto, gli Apparecchi per la telefonia fissa, +4,9% (i telefoni fissi che si avevano non potevano bastare dal momento che tutta la famiglia era durante il giorno tra le quattro mura di casa).Al nono posto le spese bancarie, che salgono del 7% e al decimo posto le Macchine fotografiche e videocamere, +6,8%.”C’è chi si è approfittato del fatto che gli italiani erano costretti ad acquistare alcuni prodotti per via dell’emergenza Covid, in particolare lockdown, smart working e Dad, per lucrare. Gli aumenti sono talmente stratosferici che appaiono ingiustificati” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Hydro Holding cresce in Europa

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

Castello d’Argile (BO), 18 marzo 2021 – Hydro Holding, gruppo bolognese leader europeo nella produzione di raccordi oleodinamici per costruzioni, agricoltura e applicazioni industriali, controllato da Neuberger Berman Renaissance Partners, annuncia il perfezionamento di un accordo vincolante finalizzato all’acquisizione di HPS-Hydraulic Professional Service srl, azienda romena con sede a Dumbrăviţa Village. Fondata nel 2012, HPS è un fornitore specializzato di soluzioni oleodinamiche e servizi correlati nell’Est Europa. Il business di riferimento si è rapidamente evoluto dalla revisione di pompe idrauliche e manutenzione di impianti fino all’attuale fornitura di soluzioni integrate, mantenendo sempre il focus sull’oleodinamica di alta qualità e sul servizio. HPS opera mediante l’utilizzo del brand Hydraulic Center Group (HCG) e serve clienti in più settori tra cui: industriale, agricolo, minerario, marittimo, energetico e metallurgico. Impiega 15 dipendenti e prevede di raggiungere circa 4 milioni di euro di fatturato nel 2021 con una profittabilità best-in-class.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Risonanza cardiaca in piena attività anche in emergenza Covid

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

Milano. Malgrado la paura generale a recarsi in ospedale per effettuare gli esami di routine, in molti casi l’attività diagnostica è proseguita anche nel pieno dell’emergenza coronavirus. E’ avvenuto al laboratorio di Risonanza Magnetica Cardiaca del Grande ospedale metropolitano Niguarda di Milano, un’attività fortemente sostenuta dalla Fondazione De Gasperis. «Complessivamente nel 2020 abbiamo effettuato circa 1000 esami, di questi il 77% per esterni. Possiamo dire che la RMC non ha avuto (troppa) paura del Covid; la nostra attività ha subito una flessione, ma in generale si è dimostrata stabile» spiega il cardiologo Patrizia Pedrotti.La SCMR (Society for Cardiovascular Magnetic Resonance), ovvero la società internazionale di RMC, ha emanato delle linee guida sull’esecuzione di RMC nei pazienti affetti da Covid, sottolineando la stringenza dell’indicazione clinica e fornendo indicazioni sulla protezione del personale e sulla semplificazione dei protocolli diagnostici. «Va sottolineato – aggiunge Pedrotti – che in generale i pazienti con instabilità clinica ed emodinamica non sono candidati ad RMC, indipendentemente dal tipo di patologia da cui sono affetti; in tali pazienti bisogna attendere il ripristino di una condizione clinica stabile (alcuni pazienti non potranno mai essere sottoposti a tale esame per la gravità persistente, spesso con esito infausto della patologia di base), che spesso nei pazienti affetti da Covid coincide anche con una negativizzazione dell’infettività. Nella nostra esperienza abbiamo studiato alcuni pazienti che avevano Covid, complicato da miocardite (infiammazione del miocardio); tali pazienti sono stati studiati una volta negativizzati al Sars-Cov2. In caso di necessità, in presenza di indicazione stringente, in paziente affetto da Covid stabile da un punto di vista emodinamico e respiratorio, è comunque possibile effettuare la RMC, adottando delle procedure di protezione del personale e di sanificazione degli ambienti, che comportano la chiusura dell’attività per uno stabilito periodo di tempo dopo la sanificazione».La creazione nel 2006 di un Laboratorio di Risonanza Magnetica (RM) Cardiaca presso l’Ospedale Niguarda è stata resa possibile grazie ad uno sforzo congiunto da parte del Dipartimento di Cardiologia-Cardiochirurgia e della Fondazione A. De Gasperis, con il supporto del Dipartimento di Radiologia. Il Niguarda può vantare il primato di rappresentare la prima struttura ospedaliera pubblica in Italia a disporre di uno scanner per RM (1.5 Tesla, Magnetom Avanto, Siemens, recentemente sostituita dal nuovo scanner da 1.5 Tesla Siemens Aera) esclusivamente dedicato all’imaging cardiovascolare.La RMC è un esame complesso, di terzo livello, ed è uno strumento diagnostico molto potente, in grado di fornire informazioni, in modo particolare riguardanti la caratterizzazione dei tessuti del cuore, non ottenibili con altre metodiche in modo non invasivo. Tale caratteristica, oltre al fatto di essere il “gold standard” per lo studio della funzione ventricolare, nonché alla possibilità di avere una visione complessiva del cuore e dei grossi vasi, rende la RMC un esame fondamentale per lo studio di numerose cardiopatie (es. cardiomiopatie, cardiopatia ischemica, cardiopatie congenite). La RMC riveste inoltre un ruolo particolare nel follow-up dei pazienti affetti da anemia congenita trasfusione-dipendente (es. talassemia major), nei quali oltre allo studio della volumetria e funzione cardiaca la RMC consente di quantificare in modo non invasivo il sovraccarico marziale cardiaco ed epatico secondario alle trasfusioni, fornendo quindi ai colleghi ematologi un dato prezioso per l’adeguamento della terapia ferrochelante.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Webinar sulla nuova app Workeen

Posted by fidest press agency su domenica, 21 marzo 2021

In programma per martedì 23 marzo alle 16 sulla piattaforma Zoom (link per registrarsi: https://www.eventbrite.ca/e/webinar-the-workeen-app-a-game-for-labour-market-integration-of-migrants-tickets-141444120171). L’appuntamento, organizzato dall’Università di Parma (Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali) con la Cattedra Canadese di Eccellenza Migrazione e Integrazione della Ryerson University di Toronto, vuole essere un confronto a più voci su uno strumento innovativo, nato dal progetto di ricerca europeo Horizon 2020 SIRIUS ”Skills and Integration of Migrants, Refugees and Asylum Applicants in European Labour Markets” coordinato dal Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma.Di come un’applicazione tecnologica può aiutare a migliorare l’esperienza di integrazione per i migranti discuteranno sia i “creatori” di Workeen sia i rappresentanti di organizzazioni che affiancano gli immigrati, che forniranno quindi una valutazione dal punto di vista dei fruitori della app.Interverranno Antonio Ascolese, docente della Sigmund Freud University, Digital Project Manager di Imaginary s.r.l e creatore dell’app Workeen; Simone Baglioni, docente di Sociologia all’Università di Parma, Coordinatore del progetto e Principal Investigator del progetto SIRIUS; Ada Wong, Vicepresidente Marketing, Comunicazioni e Strategie digitali di Acces Employment; Alexandra Zavvos, responsabile del programma integrazione dell’associazione greca Solidarity Now. Moderatrice sarà Anna Triandafyllidou, titolare della Cattedra di Eccellenza Migrazione e Integrazione della Ryerson University di Toronto e Team Leader del progetto SIRIUS.Workeen è una app del genere “serious game” creata da un team di ricercatori di scienze sociali ed economiche e da ingegneri con sede in sette Paesi europei e in Canada per fornire un servizio di tutorial e training sulle soft skills per chi si affaccia sul mercato del lavoro. È una delle prime app a offrire un training interattivo del genere. Guida chi cerca lavoro attraverso due livelli di gioco, il primo relativo alla ricerca e il secondo concentrato sull’integrazione nel posto di lavoro. Fornisce informazioni su come si cerca un lavoro, come ci si candida per un posto di lavoro e come ci si inserisce in un contesto lavorativo nuovo allenando le soft-skills che sono reputate qualità fondamentali dai datori di lavoro (come, per esempio, gli aspetti comportamentali da tenere una volta assunti).Attraverso un’esperienza di gioco interattiva, chi utilizza l’app può cercare un lavoro, prepararsi per un colloquio e apprendere di quali competenze trasversali ha bisogno per avere successo nel lavoro stesso.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »