Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 16 marzo 2021

Samba sbarca alla Milano Digital Week

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

Milano Venerdì 19 marzo 2021 alle ore 11:00 verrà presentato il progetto all’interno della Milano Digital Week. Il Progetto SAMBA verrà presentato durante la quarta edizione della Milano Digital Week, punto di riferimento di tutta l’innovazione digitale, promossa dal Comune di Milano – Assessorato alla Trasformazione digitale e Servizi civici – e realizzata da IAB Italia, Cariplo Factory e Hublab, il cui focus di quest’anno sarà “Città Equa e Sostenibile”. Seguendo il fil rouge della manifestazione, l’appuntamento sottolineerà l’importanza del digitale, dell’Intelligenza Artificiale e del machine learning nell’efficientamento energetico degli edifici già esistenti. Si descriveranno gli strumenti utilizzati da SAMBA all’interno della sperimentazione in atto nello spazio coworking che consentiranno di migliorare il comfort dell’utenza dell’edificio, minimizzando costi e sprechi. Un modello sostenibile, questo, che potrà essere replicato anche in altre tipologie di edifici come per esempio condomìni, scuole, biblioteche, musei e ospedali.
All’evento, moderato dal giornalista Federico Pedrocchi di Triwù, parteciperà Sara Iacovaccio di Alchema in qualità di coordinatrice del progetto e interverranno i referenti di ogni azienda partner.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prisma Spa: si chiude l’esperienza con Ergon

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

“A 13 anni dalla sua nascita abbiamo deciso di vendere la nostra quota societaria in Ergon S.r.l.”. Ad annunciarlo è Luciano Vetturini, CEO di Prisma Spa, azienda romana attiva dal 1983 nell’Information Technology.“Siamo soddisfatti dell’esperienza maturata con Ergon, – aggiunge Vetturini – in particolare, per aver contribuito concretamente alla sua nascita ed aver creduto nella sua crescita esponenziale. Ora, però, è il momento che le nostre strade si dividano”.“Intendiamo in questo modo -conclude Luciano Vetturini-, da un lato migliorare la nostra identità incrementando gli investimenti nella innovazione tecnologica e, dall’altro, rafforzare la collaborazione commerciale con HPE ed i nostri partner software strategici”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Aggiornamento multi-asset mensile: a qualcuno piace caldo!”

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

A cura di Maya Bhandari, Gestore di portafoglio Multi-Asset di Columbia Threadneedle Investments. Alla fine del 2020 ho sostenuto che “bisogna confidare in tassi di sconto bassi” per pensare che gli asset rischiosi, tra cui le azioni, possano continuare a conseguire buoni risultati nel 2021. Se da una parte la ripresa dell’economia e degli utili dagli effetti del Covid-19 è stata e continua ad essere più poderosa del previsto, consentendo alle imprese di crescere internamente e portarsi su multipli elevati, dall’altra l’aumento dei costi del capitale dai livelli rasoterra, come osservato soprattutto nelle ultime settimane, è un rischio non da poco.
In particolare, la forte correzione dei mercati dei tassi sovrani nelle ultime settimane sembra rispecchiare i crescenti timori di un “errore a livello di scelte politiche”, in quanto i rendimenti obbligazionari reali stanno aumentando in condizioni apparentemente analoghe a quelle registrate durante il taper tantrum del 2013 o a fine 2018, quando la Fed di Powell sottolineava che i tassi erano “ben lontani dal livello neutrale”. Il tratto a breve delle curve dei tassi incorpora ora un primo rialzo dei tassi d’interesse ad opera della Fed (e della Bank of England) già nel 2023, anticipandolo di un intero anno o più, e le curve obbligazionarie hanno registrato un irripidimento ribassista in quanto la volatilità dei tassi è fortemente salita, riportandosi sui livelli dello scorso marzo. Quindi, è ora di prendere le distanze dall’idea di rendimenti obbligazionari bassi, e quali sono le ripercussioni per chi investe in asset rischiosi?
La risposta è: dipende. Dipende dall’interazione di tre forze: i fattori che spingono al rialzo i rendimenti obbligazionari, la risposta dei legislatori (in particolare delle banche centrali) e la capacità o meno dei flussi di cassa azionari e degli utili di crescere al ritmo serrato delle attuali previsioni. Per gran parte dell’arco temporale da marzo 2020 a febbraio di quest’anno, i rendimenti obbligazionari sono stati spinti al rialzo dai movimenti dell’inflazione di pareggio, mentre i rendimenti reali sono piombati su nuovi minimi post-2003. Questa combinazione ha rappresentato un'”oasi felice” per i mercati azionari, e in particolare per i titoli con orientamento growth e duration più lunga: i loro flussi di cassa attesi sono stati sospinti dal miglioramento delle aspettative per la crescita e l’inflazione catturato dai tassi di pareggio e sono stati scontati a tassi tra i più vantaggiosi della storia. Negli ultimi tre anni e cinque anni, per ogni aumento di una deviazione standard dell’inflazione di pareggio, corrispondente alla variazione dei tassi reali, i rendimenti dell’S&P 500 sono aumentati di 0,6-0,7 deviazioni standard. Al contempo, tra inizio novembre 2020 e metà febbraio i rendimenti reali hanno ceduto circa la metà dell’aumento del costo del capitale implicito nella risalita dei tassi di pareggio. Le aspettative inflazionistiche hanno già percorso molta strada insieme al petrolio e ad altri indicatori delle pressioni sui costi, pertanto ogni eventuale aumento dei rendimenti nominali dovrà essere verosimilmente dettato dalla risalita dei tassi reali dai minimi post-2003. Ed è qui che le cose si complicano, perché le variazioni dei rendimenti reali possono riflettere un’infinità di fattori, comprese le aspettative per la crescita e le politiche della Fed. Non a caso, nella storia recente sono salite per ragioni molto diverse fra loro.Nelle ultime settimane l’ordine di battaglia è mutato e i rendimenti reali hanno guidato il rialzo, mentre i tassi di pareggio sono rimasti fermi. L’ultima tessera del puzzle sono quindi gli utili, o i flussi di cassa. La stagione degli utili del quarto trimestre è stata sorprendentemente solida in quasi tutte le regioni, e le nostre aspettative per il 2021 e il 2022 sono leggermente più costruttive delle attuali stime di consenso ottimistiche. Di fatto, la crescita degli utili è sufficientemente forte da garantire rendimenti totali soddisfacenti per le azioni, persino nell’eventualità di un qualche arretramento, mentre lo scenario di una fase leggermente ribassista per i multipli prezzo/utili è già inglobata nei prezzi nell’arco dei prossimi due anni. Il punto è quanto in profondità si spingerà questo mercato ribassista. Nei portafogli multi-asset di CTI abbiamo puntato a concentrare le nostre allocazioni di rischio nei mercati azionari con utili che generano una crescita “intelligente”, come l’Asia emergente e il Giappone, due regioni con un’elevata esposizione operativa al miglioramento del quadro globale. A queste posizioni abbiniamo titoli USA di maggiore qualità e un mix di obbligazioni societarie, mentre per ora restiamo cauti sui titoli di Stato core.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Equity duration e mercato italiano”

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

A cura di Antonio Amendola, Fund Manager Equity Italia ed Europa di Acome. La Duration è una metrica importante nel mondo fixed income perché serve a determinare il rischio di tasso del portafoglio. Tuttavia, lo stesso concetto si può usare, con qualche arrangiamento, al mondo equity. In un mondo dominato per anni dai tassi bassi e dalle banche centrali, abbiamo visto una sovraperformance dei bond, ma anche dei titoli così detti “proxy bond”, ovvero quelli lunghi di duration. Alla luce della crescente centralità delle politiche fiscali e dei movimenti delle curve dei tassi alla quale abbiamo assistito in questi giorni, vale la pena guardare a questa misura (la duration) anche in ottica di equity holder. La duration, come detto, è una misura di tempo necessaria ad un flusso di cassa per ripagare un particolare investimento. Per il mondo fixed income la duration è calcolata come media ponderata dei pagamenti ricevuti dal bond (coupon e principal), scontati all’yield to maturity. Partendo da una breve premessa teorica, abbiamo provato a calare questa analisi nel contesto dei titoli quotati italiani. L’universo di investimento è quindi tutto il mercato quotato italiano (AIM e MTA), dove sono state eliminate le aziende che non avevano abbastanza dati. Ci sembra interessante calare questa analisi in un contesto pratico, in particolare nel mercato italiano, alla luce dei recenti andamenti macroeconomici. Proprio come nel mondo bond stiamo assistendo a un certo grado di sofferenza per i titoli a duration lunga, così vogliamo cercare gli omologhi in ambito equity e muovere le stesse considerazioni macro. Per definizione, un titolo long duration è quindi sia più sensibile al movimento dei tassi al rialzo, sia più sensibile a notizie inattese come può essere una trimestrale non in linea oppure che non sorprende come ci si aspetta. Abbiamo quindi calcolato l’equity duration con entrambe le formule descritte sopra, riportando un valore medio e ordinando in quartili. Così come si tiene d’occhio la duration dei portafogli bond, così si dovrebbe tener d’occhio la duration implicita dell’equity, specialmente nelle fasi di cambio di regime come quella che stiamo vivendo ora. Infatti, il concetto di equity duration non è solo “se” è importante, ma soprattutto “quando” è importante. L’irripidimento delle curve dei tassi governativi (tematica che non trattiamo in questo pezzo) sta avendo un impatto non trascurabile sui mercati, direttamente obbligazionari, indirettamente azionari. Continuiamo a preferire le aziende con buona posizione di cassa e capacità di generare cassa nel medio periodo in quanto le riteniamo le maggiori beneficiarie di un cambio di regime tra dominio delle politiche monetarie a maggiore centralità delle politiche fiscali. I settori che beneficiano di questa tematica macro, ma anche di altre tematiche come il recovery fund o il piano Biden, sono sicuramente i ciclici (industriali e parzialmente i finanziari – tenendo ben distinto tra le società che remunerano il costo del capitale e quelle che non lo coprono). Menzione particolare va poi al nostro Paese: beneficia di una riduzione del rischio Paese, è ancora molto sottovalutato in termini di valutazione, ed è posizionato per accogliere maggiori flussi da investitori esteri specialmente sul segmento delle mid e small caps.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Università di Camerino e Cisco insieme per garantire continuità a didattica e servizi

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

Camerino Cisco e Università di Camerino sono liete di annunciare la loro collaborazione che le ha viste impegnate per garantire continuità di didattica e servizi utilizzando la piattaforma Cisco Webex per far fronte all’emergenza pandemica Covid-19 e permettere agli studenti di continuare a studiare e laurearsi, portando avanti completamente “online” tutte le attività. L’ateneo aveva già adottato Cisco Webex Meeting dal 2016 a seguito del sisma che aveva colpito il centro Italia con un progetto diventato caso di eccellenza a livello internazionale. In questi ultimi mesi l’utilizzo della piattaforma è stato esteso a tutte le sedi dell’Ateneo, che si trovano a Matelica, San Benedetto del Tronto e Ascoli Piceno. Circa 7.000 studenti con i loro 280docenti, impegnati in 27 corsi di laurea e i 230 dipendenti dell’area amministrativa e tecnica hanno fatto affidamento sugli strumenti di video-collaborazione e condivisione disponibili nella piattaforma.L’università ha anche fatto ampiamente uso di Events, il modulo di Cisco Webex, che ha permesso all’Università di Camerino di gestire gli eventi online, realizzando anche virtualmente alcuni Open Day di orientamento e, primo tra gli Atenei italiani, il Career Day per laureati, tenutosi completamente on line, con oltre sessanta aziende collegate in contemporanea per colloqui con studenti e apertura posizioni. L’utilizzo di Events ha inoltre permesso di continuare l’attività di seminari e incontri rivolti al grande pubblico, particolarmente importante per un Ateneo che individua nella terza missione un cardine fondamentale del proprio piano strategico di sviluppo. Grazie a Cisco Webex è stato possibile inoltre svolgere la “International Winter School on Blockchain technologies and applications”, della sezione di informatica d’Ateneo, che ha visto la partecipazione attiva da remoto di 30 studenti di dottorato e professionisti ICT collegati da tutto il mondo. Tramite la piattaforma, i partecipanti hanno potuto intervenire e cooperare per acquisire competenze utili a progettare, configurare, implementare e eseguire applicazioni basate su blockchain.
“La prossima sfida da affrontare sarà trasformare l’esperienza di didattica mista che abbiamo attuato, in una esperienza “standard” altamente integrata, ancora più efficace, completa e sicura per i nostri studenti” spiega il prof. Luciano Barboni, Prorettore con delega alla didattica dell’Università di Camerino.Grazie all’integrazione tra Cisco Webex e la piattaforma di e-learning dell’università gestita dal team di Unicam e-learning basata su tecnologie open source Moodle, è stato possibile attivare in modo efficace e controllato l’attività di esami online: la vera novità portata dall’emergenza Covid-19, in quanto in precedenza essi si erano svolti sempre esclusivamente in presenza. Sfruttando le funzionalità delle due piattaforme si è gestito il riconoscimento degli studenti, l’invio di questionari e materiali e si sono svolti gli esami orali, tenendo da marzo in poi ben 175 sessioni di esame, sia per gli iscritti ai corsi universitari sia per i docenti di scuola superiore iscritti al percorso di accreditamento necessario per la partecipazione ai concorsi pubblici. In totale, si sono svolti 10.000 esami interamente online.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La curia di Bergamo con il gruppo Mascio per costruire il futuro dei giovani

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

Un progetto in sinergia con la Curia di Bergamo per dare un’occasione ai giovani senza lavoro del territorio, attraverso un percorso di formazione specializzata. È questo il progetto del Gruppo Mascio (www.mascio.it): corsi di formazione gratuiti, finalizzati al conseguimento della Patente CE e della Patente Professionale CQC per la guida di autoarticolati, e la conseguente partecipazione ad uno stage formativo di almeno 6 mesi in azienda. Sarà proprio la Curia di Bergamo ad individuare, tra le tante realtà in cui opera, i tre giovani da coinvolgere nel progetto. Un investimento sulla formazione, sulla crescita sociale ed umana del proprio personale, che conferma ancora una volta il ruolo centrale riservato dal Gruppo Mascio alla persona, come individuo e come risorsa. La Curia, rappresentata dal Segretario Generale Curia diocesana, Mons. Giulio Dellavite e dal Direttore dell’Ufficio per la pastorale sociale e del lavoro Diocesi di Bergamo, Don Cristiano Re, accompagnati dal Sindaco di Mornico al Serio, Eugenio Cerea, hanno accolto l’invito di Stefano Mascio ed hanno partecipato ad un primo incontro istituzionale presso la sede del Gruppo, per gettare le basi per quello che sarà il primo di una serie di step che porterà alla realizzazione di un progetto dall’alto valore sociale.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Divieto di utilizzo del vaccino AstraZeneca

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

“L’Agenzia italiana del farmaco Aifa ha deciso di estendere in via del tutto precauzionale e temporanea, in attesa dei pronunciamenti dell’EMA, il divieto di utilizzo del vaccino AstraZeneca Covid19 su tutto il territorio nazionale.” – questa la nota diffusa poco fa dalle agenzie di stampa, a seguito dello stop operato nei confronti del vaccino AstraZeneca da parte del governo tedesco, nonché del ritiro da parte dei Nas di un ulteriore lotto di vaccino in Piemonte. Una decisione tardiva, che alla luce di quanto avvenuto avrebbe dovuto essere assunta giorni fa, all’indomani delle verifiche avviate sul lotto ritirato. Invitiamo le autorità competenti ad effettuare al più presto le verifiche necessarie. Questi ritardi e questa confusione vanno tutti a discapito della campagna vaccinale: sono moltissimi i cittadini che per paura hanno cancellato le prenotazioni al vaccino o hanno rinunciato a vaccinarsi fino a quando non fosse chiarita la vicenda.Ora è necessario in primis dotarsi delle dosi di vaccino necessarie a garantire che la campagna prosegua senza intoppi, passando al vaglio ogni soluzione possibile. Inoltre è indispensabile fornire chiarimenti e rassicurazioni ai cittadini: informando chi ha fatto già la prima dose di vaccino con AstraZeneca o chi deve ricevere la somministrazione nei prossimi giorni su come dovrà procedere. Già all’indomani del primo stop dell’Aifa avevamo chiesto inoltre al ministero della Salute di fornire delle linee guida chiare ai cittadini su quali fossero eventuali segnali a cui prestare attenzione. Torniamo a rivendicare delle indicazioni in tal senso, per far sì che l’autorevolezza e la trasparenza delle informazioni fornite direttamente dalle autorità sanitarie dissipino il caos delle false notizie e delle fantasiose teorie che dilagano in rete (e non solo).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Anief chiede la ripresa degli incontri del tavolo permanente sulla sicurezza

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

ANIEF sollecita al ministero la ripresa degli incontri del tavolo permanente voluto dallo stesso sindacato nel mese di ottobre 2020 e la conseguente indizione di tavoli tematici in materia di uso dei DPI, di gestione dei lavoratori fragili, oltre che per il lavoro agile, tenendo anche conto degli incontri già svolti con il ministero della Salute e dei Trasporti, dei rappresentanti degli istituti non statali, anche sui temi della povertà educativa. La terza ondata di contagi sembra essere arrivata, i numeri in risalita riguardano solo alcune regioni, ma se dovessero aumentare in tutto il Paese la situazione sarebbe più complicata. Inoltre si continuano a non avere dei numeri ufficiali dei contagi dentro le scuole, come non si è mai attivato uno screening tra gli studenti, più volte proposto dal sindacato e posto in essere solo a livello locale e parziale. Appare pertanto opportuno organizzare il prima possibile un nuovo tavolo permanente per verificare l’adeguatezza dei protocolli sia per il prossimo rientro in classe e sia sugli Esami di Stato conclusivi oramai imminenti”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccini agli insegnanti: AstraZeneca, l’Italia sospende l’utilizzo

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

Sulle vaccinazioni anti-Covi19 del personale, Anief chiede quindi la massima trasparenza. Su tutte le vaccinazioni fatte, sulle possibili conseguenze a chi si è sottoposto al vaccino, sul breve e sul lungo periodo. E sulle vaccinazioni da fare. Il giovane sindacato ribadisce inoltre la necessità impellente di allestire il prima possibile il già annunciato tavolo specifico con i rappresentanti del ministero dell’Istruzione, del Comitato tecnico scientifico e delle Regioni per monitorare gli andamenti dei contagi da Covid19. E, alla luce degli ultimi fatti riguardanti gli effetti collaterali, anche per rendicontare gli andamenti delle vaccinazioni.Come Francia e Germania, anche il nostro paese ferma la somministrazione delle dosi in via precauzionale. Sulle vaccinazioni anti-Covi19 del personale, Anief chiede quindi la massima trasparenza. Su tutte le vaccinazioni fatte, sulle possibili conseguenze a chi si è sottoposto al vaccino, sul breve e sul lungo periodo. E sulle vaccinazioni da fare. Il giovane sindacato ribadisce inoltre la necessità impellente di allestire il prima possibile il già annunciato tavolo specifico con i rappresentanti del ministero dell’Istruzione, del Comitato tecnico scientifico e delle Regioni per monitorare gli andamenti dei contagi da Covid19. E, alla luce degli ultimi fatti riguardanti gli effetti collaterali, anche per rendicontare gli andamenti delle vaccinazioni

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Internazionalizzazione del made in Italy in America Centrale

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

Fino alle ore 17.00 del 22 marzo 2021 è aperto il bando gestito da Invitalia, lanciato dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione internazionale , a supporto delle aziende che desiderano internazionalizzarsi e trovare nuovi mercati di sbocco.Il “voucher” è destinato alle piccole imprese del settore manifatturiero che hanno necessità di assistenza professionale per avviare o accrescere la loro proiezione sui mercati esteri. Le piccole e micro imprese, con meno di 50 dipendenti e almeno 2 anni di attività, possono ottenere dai 20.000€ ai 30.000€, se rispondono ad alcuni requisiti relativi al codice di attività. La Camera di commercio italiana in Guatemala (CAMCIG) allineandosi con gli obiettivi dell’intervento del Governo Italiano, ha elaborato un progetto per accompagnare le imprese italiane a posizionarsi e per vendere i propri prodotti attraverso le principali piattaforme on-line presenti nell’America centrale.CAMCIG (Camara de Comercio e Industria Italo-Guatemalteca) in collaborazione con Confartigianato di Vicenza, sta presentando quest’opportunità ad una serie di aziende dislocate sull’intero territorio italiano, che intendono diversificare la propria strategia di internazionalizzazione. Lo scopo è arrivare al consumatore finale con un prezzo ridotto dall’ottimizzazione del processo di internazionalizzazione. Sarà il fattore di successo per un prodotto come quello italiano nel mondo conosciuto per la propria qualità, design e la rinomata esclusività.La creazione di una piattaforma che permette alle aziende di usufruire di un pacchetto col quale predisporre le varie soluzioni legali, fiscali, di comunicazione e di logistica, consente all’imprenditore di poter gestire il proprio business dall’ ufficio in Italia e di beneficiare di un rapporto diretto col consumatore finale: ciò significa mantenere il completo controllo sul cliente, potendolo fidelizzare.Il progetto permette di sfruttare il pilastro commerciale dell’accordo di associazione fra Unione Europea e America Centrale, in vigore dal 2014, consentendo l’abbattimento dei dazi doganali e facilitando le esportazioni italiane verso questo mercato.Questo accordo commerciale, nel triangolo del Nord dell’America Centrale (Guatemala, El Salvador e Honduras) da due anni consente la libera circolazione delle merci, nonché l’immediatezza di distribuzione verso un mercato di quasi 30 milioni di abitanti.Pertanto il “voucher” sarà un ulteriore incentivo per l’incremento delle relazioni commerciali tra queste due aree geografiche del mondo.Tutti gli imprenditori interessati, possono contattare gli uffici della Camera di commercio italiana in Guatemala, per avere assistenza e valutare quest’opportunità. Dr. Donato Galante

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: sostegno green alla Dad

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

Milano. A dicembre è stata approvata dal Consiglio Comunale la mia proposta “computer e tablet rigenerati” per sostenere il diritto allo studio, supportare le famiglie e tutelare l’ambiente. Il Comune deve infatti procedere tempestivamente a raccogliere computer e tablet non utilizzati o in fase di dismissione dai suoi uffici e da quelli delle società partecipate come ad esempio ATM, SEA, MM, per poi rigenerarli e renderli perfettamente funzionanti con sistemi operativi open source. Tablet e computer rigenerati saranno distribuiti gratuitamente alle famiglie che hanno figli in età scolastica, ma non hanno computer ormai indispensabili per lo studio in modalità DAD” dichiara Andrea Mascaretti Capogruppo FdI Palazzo Marino “indispensabile avviare subito il progetto da parte dell’Amministrazione poiché molte famiglie non hanno computer o tablet a sufficienza per far studiare tutti i figli contemporaneamente e alcune non ne hanno neppure uno” prosegue Andrea Mascaretti “si tratta di una proposta, a differenza di altre analoghe, dal forte valore green, oltre che sociale e risponde alle necessità di molte famiglie, proprio in questa fase dove alunni e studenti non potranno andare a scuola e dovranno studiare in modalità DAD. Il diritto all’istruzione dei nostri ragazzi” conclude Andrea Mascaretti “rappresenta il futuro del nostro Paese ed è per questo che deve essere garantito in ogni modo, anche dal Comune di Milano”

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Pacifico (Anief): in Italia i docenti più vecchi al mondo

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

Per chi lavora nella scuola l’uscita anticipata dal lavoro dovrebbe essere la regola. Non l’eccezione e pure pagando di tasca propria, come avviene oggi. Ne è convinto il leader dell’Anief, secondo il quale ci sono professionalità nell’amministrazione pubblica, ad iniziare da quelle della scuola, molto esposte a minacce alla salute e alla sicurezza personale in generale. Per questo vanno collocati tra i lavoratori gravosi. Già devono fare i conti con il burnout e con un rischio biologico superiore ad altre categorie professionali non riconosciuto dallo Stato: non possono pure essere lasciati in servizio fino a 70 anni di età, magari dopo 40 e più anni di contributi. Secondo il professore Marcello Pacifico, quindi, l’indennità di rischio Covid19 “deve essere inserita nel contratto” di lavoro nazionale”. Confermandola anche quando finirà la pandemia. Ecco perché “in Italia deve essere aggiornato l’elenco delle malattie invalidanti, come si sta facendo in Europa”. Per il sindacalista va fatto per tutti i docenti, Ata, Dsga e dirigenti scolastici che devono “garantire per lo Stato un servizio che è” chiaramente “a rischio biologico”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Patto per l’innovazione del lavoro pubblico

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

L’attuazione del Patto per l’Innovazione del Lavoro pubblico e la Coesione sociale, le cui linee guida sono state appena accordate con i sindacati, non può prescindere dalla valorizzazione delle risorse umane, a partire dalla stabilizzazione dei precari storici della PA della scuola pubblica e paritaria, oltre che dall’assegnazione di stipendi finalmente adeguati al ruolo e dall’introduzione reale di professionalità sinora solo approvate sulla carta. A sostenerlo è il sindacato Anief, che ha realizzato delle osservazioni sul documento, attraverso le quali intende definire, in chiave costruttiva, il piano programmatico che seguirà la già avvenuta sottoscrizione del Patto. Per rinnovare la Pubblica Amministrazione, definita “motore di sviluppo”, il sindacato “richiede misure e piani mirati che guardino alla stabilità e all’aumento dell’occupazione e alla valorizzazione professionale del lavoro pubblico. Secondo l’Anief, “il rilancio della Pubblica Amministrazione si costruisce anche investendo sulle risorse umane. La questione emergente è la valorizzazione del personale: rispetto alla media europea degli stipendi del settore istruzione il divario è notevole, circa 9.539,98 euro in meno per la scuola primaria è un esempio non isolato.Nell’ambito del lavoro agile, sempre secondo l’Anief “è indispensabile uscire da una dimensione emergenziale dotando tutto il personale della strumentazione necessaria per svolgere la prestazione lavorativa in modalità remota e garantendo l le adeguate tutele sindacali. Particolarmente urgente è l’accessibilità, per tutto il personale scolastico, a percorsi di abilitazione, specializzazione e qualificazione professionale che consentano l’accesso alla stabilizzazione e/o alla progressione di carriera”. Inoltre, “a tutto il personale docente, Ata ed educativo, con contratti a tempo determinato o indeterminato, deve essere garantita l’attribuzione della card per la formazione e l’aggiornamento, attualmente riservata solo ai docenti di ruolo.Come diventa sempre più “opportuna l’attivazione di profili intermedi, con specifiche competenze in ambito di didattico (con particolare riferimento all’innovazione metodologica e alle buone pratiche), formativo e gestionale. Tra gli interventi più urgenti, l’Anief segnala una revisione della Legge 30 dicembre 2010, n. 240; l’Implementazione delle risorse FFO, con il superamento del tetto del salario accessorio; l’emanazione di linee guida che rendano omogenei i protocolli d’intesa Università- Regioni; il riconoscimento giuridico dell’equiparazione economica ex art. 31del D.P.R. 20.12.79. n.761; un piano straordinario di reclutamento; l’utilizzo delle risorse del Recovery Fund per la transizione digitale”. A livello di Ricerca, per il rinnovo contrattuale, “di cui si auspica l’emanazione degli atti di indirizzo in tempi brevi, è necessario investire nel capitale umano con un piano di stabilizzazione, reclutamento e formazione del personale. La nuova contrattazione, da concludersi presumibilmente entro giugno 2021, non potrà recare modifiche peggiorative rispetto al precedente contratto”. Come “è urgente un processo di delegificazione per ricondurre alcune materie alla contrattazione cui sono state sottratte come, ad esempio, in materia di sanzioni disciplinari. Va riaffermato che l’efficacia e l’efficienza dell’azione delle pubbliche amministrazioni non possono essere esclusivamente legate alla valutazione oggettiva della produttività ed ai contenuti dei testi contrattuali. Occorre invece una semplificazione dell’organizzazione e dei processi di lavoro e una riduzione consistente della componente burocratica”.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: In Europa i docenti sono pochi e anziani

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

L’UE programma il nuovo profilo del personale docente: entro il 2030 la professione dovrà cambiare faccia, invogliare i cittadini e ringiovanire gli organici. Il piano è contenuto nella Risoluzione del Consiglio europeo che conta di disegnare la nuova figura della professione dell’insegnante attraverso un quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell’istruzione e della formazione verso uno spazio europeo dell’istruzione e oltre (2021-2030) 2021/C 66/01, ponendo le basi programmatiche che i vari Paesi dovranno recepire. Si afferma che è “necessario aumentare l’attrattività della professione di docente e rivalorizzarla; questo aspetto è sempre più importante in un momento in cui i paesi dell’UE si trovano ad affrontare carenze di docenti e l’invecchiamento del corpo docente. Si tratta di priorità strategiche a cui i vari Paesi europei dovranno uniformarsi per portare le strategie programmatiche all’attuazione entro il 2030, attraverso quindi un decennio di riforme. Tra i punti centrali del programma c’è il nuovo reclutamento, l’avanzamento di carriera, l’individuazione delle eccellenze, migliorare le condizioni di lavoro, ridurre lo stress da lavoro, promuovere il benessere dei docenti. Tra le 12 richieste dell’UE ai paesi membri c’è anche quella di valutare la possibilità di elaborare strumenti strategici sotto forma di quadri di competenza dei docenti al fine di accrescere la pertinenza dei percorsi iniziali di formazione per insegnanti, oltre che lo sviluppo di opportunità di formazione professionale continua, nonché di fornire orientamenti ai docenti nello sviluppo della loro carriera; sostenere la formazione iniziale, l’entrata in servizio e la formazione professionale continua a tutti i livelli, soprattutto per affrontare la crescente diversità dei discenti e i loro bisogni specifici, per combattere l’abbandono dell’istruzione e della formazione al fine di promuovere l’apprendimento basato sul lavoro, nonché per sostenere lo sviluppo di competenze digitali di base e avanzate e pedagogie innovative, anche garantendo che la formazione dei docenti si occupi delle loro competenze a insegnare in contesti digitali.Si chiede quindi di elaborare misure e creare meccanismi per migliorare le condizioni di lavoro e affrontare lo stress da lavoro, al fine di promuovere il benessere dei docenti, dei formatori e del personale pedagogico e della scuola, oltre che adoperarsi per ridurre gli squilibri di genere a tutti i livelli e in tutte le tipologie di professioni connesse all’istruzione e alla formazione. Bisognerà, infine, garantire che i programmi di istruzione e formazione dei docenti e dei formatori preparino altresì i docenti e i formatori a tutti i livelli e in tutte le tipologie di programmi di istruzione e formazione al loro ruolo chiave di fornire ai discenti le competenze per vivere, lavorare e contribuire allo sviluppo sostenibile e di accrescere il benessere e la salute mentale di tutti i discenti.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso straordinario, delusione dei docenti per i primi risultati

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

Per quanto riguarda il concorso straordinario, come riporta anche Orizzonte scuola, giungono le prime bocciature per i docenti che hanno già insegnato almeno per tre anni scolastici: “arrivano i primi risultati della prova scritta e anche le prime delusioni. Le parole sono quelle di una candidata della classe di concorso A041 in Friuli Venezia Giulia ma rappresentano probabilmente il pensiero di coloro che non potranno usufruire del risultato del concorso neanche per l’abilitazione. La particolarità del concorso straordinario infatti è quello di prevedere 33.000 posti in ruolo (se fossero assegnati tutti dal 1° settembre il numero dei ruoli sarebbe già di per sé superiore a quello dell’anno precedente) e la possibilità, per i docenti che superano la prova con almeno 56/80 ma che non rientrano nei posti disponibili, di ottenere l’abilitazione per la classe di concorso in oggetto”.Il sindacato Anief non è d’accordo e ha sempre sottolineato come sia indispensabile tutelare i docenti che hanno insegnato presso le nostre scuole per anni e che in questo modo hanno portato avanti la scuola stessa. Dunque, al fine di tutelare tutti i candidati, il sindacato rilancia il ricorso per l’accesso alla graduatoria a prescindere dall’esito della selezione. La preadesione è per il ricorso che sarà presentato presso il Tar del Lazio per ottenere l’accesso alle graduatorie del concorso straordinario per la scuola secondaria di I e II grado a prescindere dell’esito del test considerato utile dal bando ai fini della selezione.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Le ferie dei docenti bloccano i recuperi estivi degli alunni?

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

Il recupero delle lezioni non svolte in classe, attraverso delle lezioni ad hoc da organizzare a fine anno scolastico, sarebbe ostacolato dalla fruizione delle ferie che gli insegnanti dovranno fruire obbligatoriamente tra luglio e agosto. E i dirigenti scolastici sarebbero impotenti di fonte a questo. Lo scrive oggi Il Sole 24 Ore, sostenendo che i 32 giorni di ferie previsti dal contratto, assieme a delle supposte “rigidità” renderebbero “difficile il ritorno in aula dopo la fine dell’anno.L’insegnante è a disposizione se non è in ferie, ma deve rientrare solo per attività programmate a inizio anno. La specifica odierna del Sole 24 Ore mette in luce che il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, sta “ancora approfondendo il dossier” dei recuperi, ma “occorre fare un passo indietro, e ricordare quanto avvenuto a settembre 2020, quando dovevano svolgersi i corsi di recupero degli apprendimenti previsti da Lucia Azzolina, la prima a parlare (e a investire risorse) sui “ristori formativi”, dopo l’arrivo della pandemia, con le scuole chiuse dal 5 marzo e fine a fine anno”. “Ebbene – continua il quotidiano economico -, nonostante questi corsi fossero stati normati da una legge, il dl 22 del 2020, articolo 2, comma 1 lettera a, e qualificati come «attività ordinaria», e quindi non retribuiti fino all’avvio delle lezioni (dopo potevano essere pagati come impegno aggiuntivo dei docenti attraverso le risorse del fondo d’istituto) in larghissima parte non sono stati fatti partire. La ragione? La mancata obbligatorietà per gli insegnanti, così come prevista nel Ccnl. Uno stesso copione rischia di ripetersi ora quando da domani praticamente 9 studenti su 10 torneranno alle lezioni da remoto, acuendo disagi su disagi”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Terapie Ablative Imaging-guidate in Oncologia”

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

Martedì 23 marzo alle 17.30, l’Accademia di Medicina di Torino organizza una seduta scientifica on line dal titolo “Terapie Ablative Imaging-guidate in Oncologia”. Introduce l’incontro Alessandro Comandone, già Presidente dell’Accademia di Medicina e Primario di Oncologia presso l’ASL Città di Torino. Il relatore sarà Andrea Veltri, Professore di Radiologia presso l’Università di Torino e socio dell’Accademia. L’Oncologia si connota sempre più come un’attività multidisciplinare di gruppo (i GIC, Gruppi Interdisciplinari di Cura), che applica i Percorsi Diagnostico-Terapeutici Assistenziali (PDTA), studiati per ottimizzare diagnosi, stadiazione, cura e follow-up dei tumori.Nell’ambito delle cure, a fianco della chirurgia per i tumori precoci e delle terapie sistemiche per i tumori avanzati, si sono sviluppate terapie loco-regionali, per i pazienti con tumori precoci ma non operabili o tumori avanzati ma con metastasi limitate per sede e numero (oligometastatici).Tra le terapie loco-regionali, le Terapie Ablative rappresentano trattamenti percutanei minimamente invasivi effettuati dal Radiologo Interventista quando esercitati con la guida dell’Imaging durante la procedura (ecografia, TC, radioscopia, etc.).Il ruolo delle Terapie Ablative in Oncologia si è sviluppato nell’ultimo ventennio, consolidando indicazioni più sperimentate (es. l’epatocarcinoma) e offrendo nuove opzioni in proporzione all’efficacia dei risultati ottenuti (es. malattia oligometastatica da carcinoma del colon retto, tumori renali, tumori polmonari, etc.).In ottemperanza alle disposizioni del DPCM relative alle misure di contenimento della pandemia, si potrà seguire l’incontro solo collegandosi al sito http://www.accademiadimedicina.unito.it.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PNRR occasione di rilancio per il settore agro-zootecnico

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2021

Rendere più efficiente l’attività zootecnica, migliorando le performance ambientali e la competitività. L’industria mangimistica punta a rinnovare il suo sistema produttivo nell’ottica di uno sviluppo economico sostenibile ed etico.Per avere mangimi ancora più sani e di qualità, sicuri, ottenuti in modo ancora più sostenibile con nuove materie prime e ampliando l’adesione a criteri di economia circolare, è necessario ammodernare i mangimifici. «Occorre favorire e accompagnare l’investimento privato con risorse per adeguare le unità produttive alla richiesta di standard più elevati anche in termini di sicurezza ed efficienza complessiva. I nostri imprenditori e gli allevatori sono pronti a investire per nuovi allevamenti con il più elevato livello di biosicurezza, di contenuto tecnologico e valore ambientale», sottolinea Veronesi.Favorire la ripresa produttiva di materie prime. L’Italia dipende dall’estero per soddisfare il suo fabbisogno di materie prime agricole; ad esempio importa cereali per il 60% e carni suine per il 40%. ASSALZOO, oltre a segnalare a più riprese questa situazione, si è impegnata a contrastare la condizione di non autosufficienza del Paese promuovendo la firma dell’Accordo quadro sul mais da granella di filiera italiana. «Dobbiamo favorire l’aumento delle produzioni di cereali e proteine vegetali e compensare gli agricoltori – con semplici certificati verdi – anche per il sequestro del carbonio, per la migliore fertilità dei suoli, per la prevenzione dei rischi idrogeologici e la cura dell’ambiente», ricorda Veronesi.La condizione di subalternità ai mercati esteri è emersa con ancora più forza nei mesi dell’emergenza sanitaria non solo in relazione alle commodities agricole ma anche agli additivi per mangimi, oggi quasi del tutto prodotti in Cina. È dunque necessario un progetto per stimolare la produzione italiana ed europea di questi input fondamentali per l’industria dei mangimi e quindi per la zootecnia nazionale.Ricerca – ASSALZOO crede da sempre nel valore della ricerca, pubblica e privata, dello sviluppo e dell’innovazione. Non ci potrà essere un completo rilancio del settore primario senza investimenti in ricerca scientifica da trasferire nei mangimifici, in campo e negli allevamenti. Accanto a questi servono programmi di formazione dei giovani e degli operatori della filiera sul benessere animale, la riduzione dell’impatto ambientale e le moderne pratiche agronomiche e zootecniche.La chiusura del canale Horeca ha sospeso i consumi fuori casa, solo in parte compensati, per alcune filiere, da un aumento della spesa domestica e dalla tenuta dell’export. Il settore agro-alimentare-zootecnico italiano ha bisogno di uscire da questo stato quanto prima. Una volta che la pandemia avrà allentato la sua morsa, sarà necessario rilanciare i consumi sia sul mercato interno sia su quello internazionale, proteggendo il Made in Italy da accordi commerciali che favoriscono l’ingresso di beni prodotti a costi inferiori e senza rispettare elevati standard o con etichettature nutrizionali ingannevoli. «Chiediamo di promuovere i nostri prodotti sui mercati internazionali facendo leva sulla loro qualità e sulla capacità delle nostre aziende di servire i diversi mercati, senza dilapidare le risorse con progetti poco significativi e chiediamo l’impegno delle istituzioni ad aprire nuovi mercati, come quello cinese», conclude Veronesi.
ASSALZOO sosterrà infine quei progetti rivolti a scuole, famiglie e opinion leader per promuovere l’importanza della Dieta mediterranea, un regime alimentare vario e bilanciato, depositario di valori, cultura e tradizione, che non esclude il consumo di prodotti di origine animale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »