Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 307

Archive for 6 settembre 2017

2017 IFA Product Technical Innovation Award: Leading Innovators of the Intelligent Technology Future

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

IFA (PRNewsfoto/METZ)Berlin. As one of the worldwide large-scale exhibitions and the most influential consumer electronics products and home appliances exhibition, IFA gathered excellent manufacturers of consumer electronic products, purchasers and top media from all over the world, to enjoy the unique charms of the consumer electronics products industry. On Day 1, winners of 2017 IFA Product Technical Innovation Award by International Data Group (IDG) and German Industry & Commerce Co., Ltd. were announced in the presence of over 500 international media from all over the world. The 19 winning international enterprises including BOSCH, SIEMENS, LG, TCL, Haier, SONY, Midea, Galanz, PHILIPS, etc. received the awards from IFA image representative Miss IFA and top executives.
The IFA Product Technical Innovation Award includes 4 innovative awards for products covering refrigerator, washing machine, dish washer, oven, steam stove, television, sound system, camera, air conditioner, air purifier, gas heater, rice cooker, mobile phone, smart watch, unmanned aerial vehicle, VR device, intelligent internet application, etc. As the international influence of Chinese brands rises rapidly with the strengthened power of Intelligent Manufacturing in China, exhibits from Chinese consumer electronics enterprises and home appliances brands have gained more and more recognition from the world. During this IFA Product Technical Innovation Award, Chinese enterprises such as TCL, Haier, Midea, BOE, Galanz, Hisense and CHANGHONG obtained 11 awards with their technical innovation and strength. LIVALL, ILIFE and other enterprises also won three innovation awards for their innovative products.Mrs. Xu Zhou, Vice-President of IDG Asia, agreed that the 2017 IFA will be an incomparable banquet with various new consumer electronic goods and recreation facilities that made users feel as if they were right on the scene which is exciting and thrilling. Future competition among consumer electronics brands will focus on their R&D technology ability. Only with continuous development of interconnected technology and innovative products can those products be more vigorous and competitive. The IFA Product Technical Innovation Award inspires enterprises to make continuous efforts towards globalization, promotes technical transformation and industrialization, cultivates more innovative products and leads the world into the era of Intelligent Technology.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

METZ Debuts New OLED TV Set

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

METZ at 2017 IFA in Berlin, Germany (PRNewsfoto/METZ)BERLIN, /PRNewswire/ Germany’s METZ Consumer Electronics GmbH held its new product presentation in the exhibition hall at IFA in Berlin Germany, introducing the product lineup that will be on exhibit at the event, including the new METZ TV set incorporating the latest OLED technology. The company unveiled its unique split-type OLED TV, Wallpaper, and showcased its Novum OLED TV and Android smart TVs.One of the highlights that METZ showcased at the product presentation is the new OLED TV, Wallpaper! The split-type TV set is comprised of two units, the OLED screen which is the visual part and a host machine which houses all of the operative components. The two parts are connected via a thin wire, which is fully hidden from view inside the wall of the home to create an invisible effect, with the TV set, in all appearances, looking like a mural that is suspended on the wall. The TV set incorporates the OLED screen, at a miraculously thin 3.65mm. The screen is attached to a toughened glass rear panel that is fastened to the wall, creating a perfect ultra-thin visual effect.OLED has the best picture quality available. It does not need a backlight, as each pixel is independent from the other in terms of light and shading, delivering an incomparable screen display contrast, visual angle and movement-picture response. Conventional LCD screens glow through the backlight, which emits harmful blue light with wavelengths ranging from 415nm to 455nm, while, with the OLED screen, each pixel precisely emits the light with the METZ displays its OLED TV sets at 2017 IFA in Berlin, Germany (PRNewsfoto/METZ)wavelengths needed through imaging, reducing the blue light that is not only an irritant but also harmful to human eyes.At the new product presentation, METZ also displayed its award-winning Novum OLED TV. With a UHD 3D OLED screen, a best-in-class audio system, the unique Metz Tri-Star operating concept, 1TB digital video recorder, an elegant rotatable metal base, and an additional OLED display for displaying channels and time, the TV set is a premium, flagship product of METZ. METZ has also collaborated with Google to incorporate the world’s most powerful Android smart TV system with the richest content and the best experience into its products, and, as a result, launched its latest Android TV series of flagship smart TV sets. METZ’s portfolio also includes Topas and Planea, two high-end UHD HDR TV series, and the entry-level 4K series.Following two years of planning, METZ returns to the spotlight with a fresh start. OLED is a future-oriented display technology, and one of the most exciting future topics in the TV set industry. The technology, with few manufacturers adopting it currently, is expected to inject new vitality into the METZ brand. (photo: METZ Debuts)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Merkel all’inaugurazione di “Sete di Pace”, con i leader delle religioni mondiali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

merkel angelaIn un’intervista video, realizzata nei locali della Cancelleria a Berlino, Angela Merkel spiega con queste parole la sua presenza, il 10 settembre prossimo, all’inaugurazione dell’incontro internazionale “Sete di Pace-Paths of Peace”, così come fece a Monaco nel 2011:
“Sono contenta di poter partecipare all’incontro internazionale di Sant’Egidio. Ho rapporti molto stretti con Sant’Egidio e per questo partecipo per la seconda volta. Ho molto rispetto per il loro lavoro e stimo tantissimo in particolare il loro impegno per lo sviluppo, la riconciliazione e la pace. La loro impostazione, la scelta di restare sempre fedeli al dialogo e impegnarsi per la pace, anche aiutando localmente, merita la mia più grande considerazione. Per questo vado lì, convinta, per sostenere il loro lavoro. E il fatto che tanti giovani siano entusiasti di questo mi riempie di gioia”.
La tre giorni – che si svolgerà dal 10 al 12 settembre nelle città di Münster e Osnabrück, con centinaia tra leader delle diverse religioni, autorità istituzionali e mondo della cultura, nello “spirito di Assisi” – vedrà infatti anche una larga partecipazione popolare di giovani e adulti da tutta Europa. Insieme contro le guerre e ogni violenza, per aprire subito “strade di pace”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Due bozzetti rispettivamente di Luca Giordano e Taddeo Mazzi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

gallerie uffiziFirenze. Gli Uffizi, Palazzo Pitti, Piazza Pitti, 1 Sala del Camino fino 15 ottobre 2017 presentano al pubblico con questa mostra due delle nuove acquisizioni più importanti operate nell’ultimo biennio: due bozzetti rispettivamente di Luca Giordano e Taddeo Mazzi, preparatori di ben più ampie decorazioni ad affresco o su tela che si trovano in complessi monastici di Firenze e del contado. Legati il primo (di Luca Giordano) agli affreschi della cappella Corsini nella basilica fiorentina di Santa Maria del Carmine (1682) e il secondo (di Taddeo Mazzi) a una pala realizzata per la cappella dell’Antella presso il santuario di Monte Senario (1725-1726), essi ribadiscono lo stretto rapporto che unisce il museo fiorentino al territorio: le due piccole tele infatti richiamano grandi cicli decorativi che fanno parte del tessuto storico e artistico della città e dei suoi dintorni e rappresentano, inoltre, un invito a visitare luoghi di grande fascino ma meno noti al grande pubblico.Le qualità pittoriche presenti in entrambi i bozzetti confermano le ragioni della fortuna di un genere artistico apprezzato dal collezionismo per il formato ridotto e per quei caratteri di virtuosismo sintetico e di brio esecutivo propri delle opere ‘non finite’. «La prima di due mostre che aprono questo settembre e mettono sotto i riflettori i nuovi acquisti delle Gallerie degli Uffizi è dedicata a due “macchie”, “pensieri”, o “modelli”, uno del tardo Seicento, l’altro del primo Settecento, ovvero il periodo più caratteristico per la fortuna collezionistica di quel genere. Non è un caso: perché con essi si esemplifica molto bene uno degli aspetti cruciali del collegamento tra museo e territorio. Infatti, essendo parte del processo creativo all’interno della bottega dell’artista, dello sviluppo verso l’opera finale, pari ai disegni preparatori già collezionati da Giorgio Vasari nel suo leggendario Libro, il bozzetto si collega in maniera strettissima ad opere presenti in città e nei dintorni, opere che tuttavia non si possono spostare (come è il caso degli affreschi di una cupola) o non si devono traslocare (come è il caso di una pala d’altare dipinta per un insieme architettonico – decorativo)» (Eike D. Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi).
Per l’occasione, i due dipinti vengono accompagnati dagli autoritratti di Luca Giordano e di Taddeo Mazzi, presenti agli Uffizi già da epoca granducale, e da due ulteriori bozzetti storicamente in rapporto con le nuove acquisizioni. Nella Sala del Camino sono così esposti anche un altro bozzetto di Luca Giordano proveniente dalla Galleria Corsini – sempre riferibile alla volta affrescata della grande cupola della cappella del Carmine con la scena della ‘Dedicazione della Cappella’ – nonché uno studio per l’affresco della volta della navata della chiesa di Montesenario, dipinto nel 1718 da Anton Domenico Gabbiani, di proprietà invece delle Gallerie degli Uffizi.
Quando il pittore napoletano Luca Giordano ( 1632 – 1705) arrivò a Firenze nel 1682 per il suo secondo soggiorno in città era già un pittore celebre e ricercato. I cugini Bartolomeo e Neri Corsini, membri di una delle più eminenti famiglie fiorentine, gli avevano commissionato un’imponente opera ad affresco per decorare la grande cupola della cappella di famiglia nella basilica di Santa Maria del Carmine. Le pitture dovevano celebrare l’antenato Andrea Corsini, carmelitano e vescovo di Fiesole, che nel 1629 era stato canonizzato. Il soggetto scelto con Sant’ Andrea Corsini viene accolto nella gloria celeste dalla santissima Trinità fu sviluppato da Luca Giordano con piena sensibilità barocca dilatando pittoricamente lo spazio della cupola e popolandolo di una folla di personaggi raffigurati in una straordinaria varietà di pose e volti.Le fonti antiche ricordano che tre accurati bozzetti furono realizzati nei primi mesi del 1682 da Giordano come elaborazioni o ‘pensieri’ relativi agli affreschi della cupola. Uno di essi, proprio quello raffigurante la scena principale con il Santo Corsini che ascende al cielo, da molti decenni era considerato disperso. Ricomparso sul mercato antiquario in occasione della Biennale dell’Antiquariato del 2015, il bozzetto di Luca è stato nel 2016 acquistato delle Gallerie inv. G.A.A. 17849 e 1890/10701degli Uffizi per conservare al patrimonio pubblico questa preziosa testimonianza legata alla maggior impresa barocca degli ultimi decenni del Seicento a Firenze.Nativo di Palagnedra (Svizzera) Taddeo Mazzi venne accolto nel 1694, appena diciottenne, nella compagnia di San Carlo Borromeo di via dei Calzaioli, naturale riferimento per la cospicua comunità lombarda che a Firenze vedeva presenti altri artisti ticinesi, specialmente stuccatori. Con loro il pittore lavorò all’impresa decorativa della cappella dedicata a Manetto dell’Antella, presso il santuario servita di Monte Senario, dove realizzò gli affreschi della cupola e la pala d’altare il cui bozzetto è esposto in mostra. Per il piglio esecutivo della pittura raggrumata e veloce la teletta lo rivela efficace rappresentante della cultura figurativa fiorentina del primo Settecento, attento inoltre alla tradizione del secolo precedente come suggerisce la composizione arcaizzante, confrontabile con i dipinti di un’altra cappella legata sempre ai dell’Antella, alla Santissima Annunziata, chiesa appartenente al medesimo ordine dei Servi di Maria. Databile al 1726 l’opera si pone a chiusura di un’attività del Mazzi dedita in esclusiva a soggetti di argomento religioso, che lo documenta in contatto anche con l’ambiente del granduca Cosimo III e della figlia Anna Maria Luisa, Elettrice Palatina. Di quest’ultima, presso la villa della Quiete, si conserva un ritratto di mano dell’artista che la raffigura in veste di Sant’Anna: un omaggio al nome proprio della principessa e alle doti di devozione dell’ultima Medici, che volle legare a Firenze il patrimonio artistico della famiglia tutt’ora proprietà dei nostri museiLa mostra a cura, come il catalogo edito da Giunti, di Alessandra Griffo e Maria Matilde Simari, è promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con le Gallerie degli Uffizi e Firenze Musei. (foto: gallerie uffizi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra: “Macchie” del territorio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

galleria uffiziFirenze. A Palazzo Corsini dal 23 settembre al 1° ottobre 2017, in occasione e in anticipazione della Biennale Internazionale dell’Antiquariato, le Gallerie degli Uffizi presentano in due mostre alcune delle acquisizioni più importanti dell’ultimo biennio: quella dedicata al doppio ritratto dei figli del granduca Pietro Leopoldo di Toscana, Federico e Maria Anna di Lorena, di Anton Raphael Mengs (Palazzo Pitti, Galleria Palatina, 18 settembre 2017 – 7 gennaio 2018), e la presente esposizione, con bozzetti di Luca Giordano e Taddeo Mazzi per complessi monastici locali, un piccolo gioiello che riunisce opere connesse ai bozzetti e gli autoritratti degli artisti. Il bozzetto di Luca Giordano, tra l’altro, venne presentato al mondo degli studi e dei collezionisti appunto nell’ultima edizione della Biennale dell’Antiquariato fiorentino, nel settembre 2015, e il suo acquisto mi fu proposto e caldeggiato proprio dal funzionario responsabile in uscita, Antonio Natali. La prima mostra delle Gallerie che mette sotto i riflettori i nuovi acquisti è dunque dedicata a due “macchie”, “pensieri”, o “modelli”, uno del tardo Seicento, l’altro del primo Settecento, ovvero il periodo più caratteristico per la fortuna collezionistica di quel genere. Non è un caso: perché con essi si esemplifica molto bene uno degli aspetti cruciali del collegamento tra museo e territorio. Infatti, essendo parte del processo creativo all’interno della bottega dell’artista, dello sviluppo verso l’opera finale, pari ai disegni preparatori già collezionati da Giorgio Vasari nel suo leggendario Libro, il bozzetto si collega in maniera strettissima con opere presenti in città e nei dintorni, opere che tuttavia non si possono spostare (come è il caso degli affreschi di una cupola) o non si devono traslocare (come è il caso di una pala d’altare dipinta per un insieme architettonico – decorativo). Eppure il bozzetto, pur richiamando queste realtà, di per sé non ha avuto mai altra sede se non la mente, la bottega e la personale raccolta di opere dell’artista, oppure in maniera secondaria la collezione di un amante del genere, particolarmente attratto dagli aspetti più intimi del procedimento creativo e dal carattere “non finito” di queste reliquie del pensiero artistico. A Firenze, il protagonista e il pioniere di questo tipo di interessi – assolutamente in anticipo sui tempi – fu il cardinal Leopoldo de’ Medici, il cui quattrocentesimo compleanno celebriamo quest’anno, che agli Uffizi istituì la collezione dei disegni e con uno spirito analogo fondò anche la famosa collezione degli autoritratti. Con l’acquisto dei due bozzetti di Luca Giordano e del ticinese toscanizzato Taddeo Mazzi s’intende altresì proseguire su questo solco, e invitare i visitatori da un canto a calarsi nella mente dei due artisti nel momento della contemplazione museale delle opere, dall’altro a recarsi alla cappella Corsini in Santa Maria del Carmine e al santuario servita di Monte Senario a Vaglia, per assimilare tutta la bellezza delle opere finali (e molto più grandi) in loco. Sarà un cimento straordinario, intellettuale e fisico, dall’idea iniziale alla realizzazione pubblica, dallo spazio chiuso del museo alla città aperta, e al meraviglioso contado con le sue ricchezze nascoste.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Crescita economica europea: Italia fanalino di coda

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

europa comunitaria2“La crescita economica investe tutta l’Europa, e l’Italia in Europa è penultima. Vuol dire che quello che hanno fatto Renzi e Gentiloni non ha funzionato, hanno fallito. Perché altrimenti saremmo tra i primi, come la Spagna”.Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervistato da TgCom24 in occasione della quinta edizione del “Campus Everest”, la rassegna dedicata ai giovani forzisti, in corso a Giovinazzo (Bari). “Gli ultimi dati su occupazione-disoccupazione: aumenta la disoccupazione in generale, aumenta quella giovanile, al 35%, il doppio della media europea, e quei posti di lavoro che si creano sono a termine, ossia precari. L’esatto contrario di quello che voleva fare Renzi con il suo Jobs Act, con cui in compenso ha buttato via 20 miliardi di euro in decontribuzione che potevano essere, invece, 20 miliardi di investimenti veri per creare posti di lavoro. E’ un imbroglio quello di Renzi-Gentiloni anche sull’occupazione, come lo è stato sulla riforma costituzionale, come lo è stato sulla legge elettorale, come lo sarà sulla povertà”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Marzano: prosegue impegno su trasparenza giunta romana

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

campidoglioRoma. “Desta stupore l’articolo apparso su Repubblica a firma di Laura Mari che, capovolgendo la realtà dei fatti, attribuisce a questa amministrazione la volontà di limitare il diritto alla conoscenza da parte degli organi di informazione e dei consiglieri capitolini e municipali attraverso il nuovo regolamento sugli accessi alla documentazione amministrativa in corso di approvazione. La proposta formulata dalla giunta capitolina introduce, infatti, per la prima volta nella storia di Roma Capitale, il diritto degli amministratori capitolini e municipali ad avere accesso diretto al sistema informatico di gestione documentale del Comune in modo che possano acquisire senza l’intermediazione degli uffici ogni documento ritenuto utile per l’espletamento del mandato elettorale. Una rivoluzione che non conosce precedenti ” – così in una nota l’Assessora a Roma Semplice Flavia Marzano.Allo stesso modo, costituisce una vera e propria fake news l’affermazione relativa ad un presunto “bavaglio” all’informazione: l’articolo di Repubblica cita in modo parziale e strumentale una disposizione inserita all’interno della proposta del nuovo regolamento e che riguarda rapporto tra diritto di accesso generalizzato (c.d. FOIA) e organi di stampa e/o social media. E’ una disposizione che rappresenta la trasposizione pressoché integrale di quanto riportato nella recente circolare della Funzione Pubblica a firma della Ministra Madia e la cui finalità è esattamente opposta a quella riferita: responsabilizzare il personale capitolino rispetto alle richieste di accesso che provengano da organi di stampa. E’ singolare, infatti, che l’articolo di Repubblica ometta proprio la parte più significativa e che consente di comprendere la finalità della norma “l’Amministrazione tiene conto della particolare rilevanza delle istanze provenienti da organi di stampa o da organizzazioni non governative, verificando con la massima cura la veridicità e l’attualità dei dati e dei documenti rilasciati, onde evitare che il dibattito pubblico si fondi su informazioni non affidabili o non aggiornate”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Caro-scuola: gli italiani quest’anno spenderanno il 13% in più

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

scuola-libriRispetto allo scorso anno gli italiani spenderanno in media il 13% in più per pagare libri e corredo scolastico dei figli con una spesa media di 654 euro. Lo rileva l’Osservatorio Findomestic di settembre, realizzato in collaborazione con Doxa, che sottolinea come le famiglie, per far fronte a questa spesa crescente, erodono sempre più i loro risparmi (28% del campione) o ricorrono ad aiuti esterni quali contributi di parenti e amici (7%) o borse di studio (4%).
IL RISPARMIO È D’OBBLIGO. La situazione è più pesante per i nuclei familiari con almeno due figli in età scolare, come dimostra l’analisi di Findomestic Banca (Gruppo BNP Paribas), leader nel settore del credito al consumo: se le coppie con un solo figlio spendono in media 466 euro contro i 503 del 2016, quelle più numerose devono spendere 875 euro contro i 721 del 2016. Come reperire, dunque, le risorse necessarie? Gli italiani seguono sempre più la via del risparmio: il 73% acquista libri e materiale scolastico di seconda mano (+7% rispetto al 2016) e il 77% si affida agli acquisti online (+4% in confronto a dodici mesi fa) anche perché si possono ottenere sconti sui libri di testo.
STRETTA SUI CONSUMI PER PAGARE LA SCUOLA. Dall’Osservatorio Findomestic emerge che il caro-scuola incide anche sulle abitudini familiari: una famiglia su due è pronta a limitare i consumi, rinunciando in particolare alle spese per il tempo libero, per gli elettrodomestici e per i dispositivi tecnologici.
LICEO, QUANTO MI COSTI. Quali sono le voci di bilancio che incidono maggiormente sulle spese scolastiche? Secondo lo studio di Findomestic per il 70% sono libri e dizionari (vale a dire il 2% in più rispetto al 2016), per il 36% articoli di cancelleria e per il 26% i trasporti da casa a scuola. L’Osservatorio rileva che quest’anno costa di più mandare i figli al liceo (880 euro): 100 euro in più rispetto al 2016. La spesa media per gli altri istituti superiori è in leggero calo: 577 euro contro i 598 di un anno fa. Alle scuole medie si spendono 846 euro e alle elementari 623 euro. Schizza la spesa per le scuole medie (da 582 a 846 euro), ma anche per le elementari la crescita è consistente (da 516 a 623 euro).

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola – Personale Ata: il Miur apre le graduatorie anche a chi vuole fare supplenze per la prima volta

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

scuola1Le domande di inserimento – come assistente amministrativo, tecnico e collaboratore scolastico – potranno essere presentate, assieme a quelle di aggiornamento, dal 30 settembre al 30 ottobre prossimi attraverso dei modelli cartacei: le candidature andranno inviate a una scuola (la capofila) della provincia scelta, tramite raccomandata A/R o presentata a mano o mediante l’utilizzo della posta elettronica certificata. La procedura prevede la possibilità di chiedere il depennamento dalle graduatorie permanenti o ad esaurimento della provincia di attuale iscrizione. La scelta delle sedi avverrà telematicamente, tramite il portale ministeriale Istanze On Line, secondo la tempistica che sarà comunicata in un secondo tempo.
L’associazione sindacale Anief annuncia l’apertura straordinaria di un alto numero di sportelli di assistenza sparsi nei vari territori del Paese: il servizio di consulenza sarà attuato per tutto il mese di ottobre e servirà sia a fornire informazioni agli aspiranti supplenti sui requisiti d’accesso alle graduatorie Ata di terza fascia, sia a supportarli per una corretta compilazione delle domande da presentare. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): il considerevole numero di posti liberi e vacanti, derivanti anche dallo scarso numero di immissioni in ruolo effettuate quest’anno, ha lasciato un posto su quattro a supplenza. Non tutte saranno coperte da coloro che sono precari da tempo, con oltre 24 mesi di servizio svolto.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola Obbligo a 18 anni e riforma dei cicli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

ministero-pubblica-istruzioneA pochi mesi dal sicuro ‘rompete le righe’ della Legislatura, gli esponenti dell’esecutivo Gentiloni continuano a dire la loro su un progetto impraticabile per il poco tempo a disposizione. Stamane, la Ministra dell’Istruzione è tornata a parlare di revisione dei cicli, definendolo un processo inevitabile: subito dopo ha però smentito, assieme alla carta stampata, anche la sua sottosegretaria all’Istruzione Angela d’Onghia, la quale si era espressa favorevolmente sull’idea di cancellare un anno di scuola media.
Anief ritiene che il bene più importante del Paese, i giovani, vada salvaguardato, prescindendo dal Governo in carica. Invece, si continua a navigare a vista, prendendo l’Europa, a pretesto, come riferimento solo per quel che fa comodo. Il giovane sindacato torna quindi a chiedere di portare l’obbligo a 18 anni, anziché gli attuali 16, riprendendo il progetto avviato quasi vent’anni fa dall’allora Ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer, però anche anticipando di 12 mesi l’inizio della scuola primaria. A dare credito a tale possibilità ci sono anche i pediatri. È di queste ore l’intervista al pediatra Italo Farnetani, ordinario alla Libera Università Ludes di Malta: ‘i nati dal primo maggio al 15 settembre, che compiranno dunque 5 anni prima dell’inizio dell’anno scolastico, potrebbero tranquillamente fare il loro ingresso in prima elementare’.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Ignorare certe autorevoli indicazioni significa volere non ammettere l’evidenza. Oppure lavorare per un solo scopo: cancellare altre 35mila cattedre. Assieme all’anticipo dell’obbligo scolastico, è ovvio che servirebbero anche altri provvedimenti. Come il ripristino dell’insegnante specialista di inglese alla primaria, che porterebbe 10mila nuovi maestri con competenze specifiche, anche in questo caso come si fa in tutta Europa. Allo stesso modo, all’interno del primo ciclo scolastico va assolutamente reintrodotta la didattica per moduli, con il maestro prevalente, un maggiore tempo scuola e la compresenza di due insegnanti, in modo da fare fronte al sempre più alto numero di allievi Dsa, Bes, stranieri e in generale con problemi di apprendimento. Con la nostra proposta, infine, si risolverebbe l’annoso problema dei maestri della scuola dell’infanzia estromessi dall’ultima riforma 0-6 anni prevista dalla L. 107/15.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La politica continua a vivere in una bolla di grandi illusioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

Enrico Cisnetto, “Cortina InConTra”

La politica si affaccia ai riti settembrini più che mai immersa in una bolla di grandi illusioni. E, di conseguenza, gli italiani tornano dalle ferie così come erano partiti: profondamente intrisi di scetticismo. Hai voglia di sbandierare i decimali di pil in più – la ripresa c’è, ma la crescita strutturale è ben altra cosa – o sfornare qualche dato sulla maggiore occupazione – nascondendo che in due casi su tre si tratta di contratti a termine, e che la disoccupazione è altrettanto aumentata – piuttosto che agitare la carota di nuovi bonus dal chiaro sapore elettorale: il sentimento diffuso è che il Paese non sia governato e, soprattutto, che non ci siano le condizioni perché lo diventi prossimamente. D’altra parte, si tratta di un’idea difficile da confutare. Anche a chi, come noi, non batte affatto un cuore populista e disfattista, gli basta vedere, da un lato, la rinuncia codarda a mettere mano alla legge elettorale, e dall’altro la dinamica del dibattito (si fa per dire) politico solo ed esclusivamente incentrato sugli equilibri di potere (presunti), per soccombere alla irrefrenabile pulsione di alzare le mani in segno di resa. Persino il giochetto estivo sull’understatement dell’attuale premier come caratteristica gradita dagli italiani e come premessa per individuare il prossimo – che sarebbe tema serio se fosse affrontato seriamente – finisce per rendere scoraggiante la prospettiva dei prossimi mesi. Nei quali con la manovra di bilancio ci giocheremo la residuale credibilità in Europa e la possibilità di consolidare o meno la ripresa economica, e con la campagna elettorale e il voto decideremo se la prossima legislatura sarà finalmente quella buona per traghettarci nella Terza Repubblica o se sarà l’ennesima occasione sprecata a favore della transizione infinita. Il maledetto vizio di compulsare continuamente i sondaggi e, peggio ancora, di usarli per costruire trame politiche, spinge i partiti a immaginare situazioni che non esistono. Per esempio, si fantastica che il centro-destra unito possa vincere le elezioni e a questo fine si costruiscono a tavolino mediazioni politiche per rendere compatibili la posizione europeista del partito di Berlusconi e Tajani, collocata nell’alveo del partito popolare europeo e nel solco merkeliano della Dc tedesca, con quella eurodisfattista del duo Salvini-Meloni. Trascurando non solo che per vincere ci vogliono i voti – e in un contesto proporzionale questa armata brancaleone non arriverà mai al 51% – che acqua santa e diavolo non sono fatti per stare insieme e che il Cavaliere, per quanti remise en forme faccia, rimane pur sempre un ottantenne senza uno straccio di classe dirigente intorno, ma soprattutto che la cosa è già stata lungamente sperimentata nel passato con esiti disastrosi. Allo stesso modo si immagina che la gauche, spaccata non solo tra il Pd e chi sta alla sua sinistra ma anche e soprattutto dentro i Democratici in un festival dei veti incrociati che si fatica persino a censire, possa in qualche modo tornare a palazzo Chigi, tanto che si discute se ciò sia più probabile con Renzi o qualcun altro, trascurando di percepire che nella società il sentimento diffuso sia quello di voler infliggere una dura punizione a coloro – tutti, Renzi in primis ma nessuno escluso – che hanno abusato del consenso e mortificato le aspettative in modo intollerabile. Forse si fanno illusioni anche i 5stelle, fin qui candidati ad essere il primo partito ma con l’handicap di non aver costruito uno straccio di alleanze, visto che sembrano trascurare l’effetto per nulla positivo sui potenziali elettori che stanno provocando sia i disastrosi risultati degli amministratori locali arrivati alla conquista di alcune città, che le scene un po’ ridicole di sorda competizione interna in un contesto dove tutti contano uno ma due (Grillo e Casaleggio) contano più di tutti gli altri messi assieme.All’intero sistema politico, dunque, sfugge il fatto che in queste condizioni la cosa più probabile, per non dire certa – tanto più se ci si presenterà al cospetto dei cittadini senza essere riusciti ad evitare la mortificazione di doverli costringere a votare con due mozziconi di leggi elettorali rivenienti da altrettanti bocciature della Corte Costituzionale – è che le elezioni non laureino alcun vincitore. Cosa che non rappresenterebbe un dramma se le forze politiche, consce di questa probabilità, si muovessero fin d’ora a creare le condizioni per cucire, dopo, le alleanze necessarie a dare un governo al Paese. Non si dice, come noi invece abbiamo sempre auspicato e come bisognerebbe fare in un paese serio, che questo “patto di governabilità” sia sottoscritto adesso, o comunque prima del voto, ma che almeno si evitasse di parlare fin d’ora di inciucio come se le larghe intese tra moderati e riformisti fossero una lesione alla democrazia.L’unico embrione di questa discussione s’intravede in qualche analisi giornalistica circa le qualità della leadership che occorre in una fase politica come questa. Assodato che il decisio-bullismo alla Renzi è stato (giustamente) rottamato da tutti (tranne che dal suo inventore), si discetta se è meglio il piglio di Minniti – che sta facendo complessivamente molto bene il suo mestiere, come dimostra il fatto che una parte non piccola del suo partito non glielo riconosce – e di Calenda o la sorniona bonarietà di Gentiloni. Detta così pare un gioco estivo da spiaggia, e infatti quasi sempre finisce a gossip. In realtà, dietro c’è (ci sarebbe) un’analisi politica molto profonda da fare, riguardo l’eccesso di leaderismo che ha caratterizzato la nostra Seconda Repubblica (e in generale il mondo dopo il passaggio del secolo) e gli effetti dell’ubriacatura maggioritaria che non ha affatto portato maggiore governabilità. Occorre dunque ripartire dalla natura del sistema politico – e di conseguenza istituzionale – che occorre per far uscire l’Italia dal declino imboccato un quarto di secolo fa. C’è il tema dei partiti – che vanno rivalorizzati, ma senza nascondere il fatto che non possono più essere come quelli del dopoguerra – della loro capacità di rappresentanza in una società atomizzata e liquida come la nostra, e del peso che essi debbono avere rispetto alle leadership personali. E c’è il tema delle alleanze tra soggetti politici diversi, che a sua volta pone quello delle figure più adatte alla mediazione, necessariamente inclusive ma non per questo prive del necessario decisionismo.Nonostante tutto, non vogliamo arrenderci allo scoramento. Buona ripresa. (Enrico Cisnetto direttore http://www.terzarepubblica.it)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Strade di Pace-Paths of Peace”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

OsnabrückDa Münster e Osnabrück in Germania dal 10 al 12 settembre 2017 si terrà l’incontro internazionale nello “spirito di Assisi”. Sarà il primo grande evento per la pace del 2017, dopo che, nelle ultime settimane, si è assistito ad una recrudescenza del terrorismo, con gli attentati in Catalogna e in Burkina Faso. “Un’occasione – ha spiegato il presidente di Sant’Egidio Marco Impagliazzo – per lanciare un forte messaggio al mondo. Si deve fare di più – e con urgenza – contro la violenza e per la pace. Un impegno che vede le religioni svolgere un ruolo delicato e importante: possono anche essere manipolate, ma se indirizzate verso il dialogo restituiscono un’anima a Paesi e continenti in crisi e divisi al loro interno”. Se ne parlerà per tre giorni in Germania, cuore di un’Europa che, in crisi di solidarietà, deve ritrovare nella costruzione della pace il suo fondamento. Oltre alla presenza di centinaia di autorevoli rappresentanti delle religioni (cristiani, ebrei, musulmani, buddisti e di altre religioni asiatiche), di autorità istituzionali e del mondo della cultura, è prevista una larga partecipazione popolare, con numerosi giovani da tutta Europa, a sostegno dell’incontro, promosso, come ogni anno, dalla Comunità di Sant’Egidio, dopo la storica giornata di Preghiera per la Pace di Assisi voluta da Giovanni Paolo II nel 1986. All’incontro “Strade di Pace” interverranno la Cancelliera Angela Merkel, il grande Imam di Al-Azhar Al-Tayyeb (massima autorità dell’Islam sunnita, che ha recentemente accolto Papa Francesco al Cairo), il presidente del Niger Mahamadou Issoufou (Capo di Stato di un Paese dove passa il grande flusso dei migranti diretti verso il Nord e strategico per il contrasto al terrorismo), il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, il Patriarca greco ortodosso di Antiochia e di tutto l’Oriente (da Damasco) Giovanni X, il Direttore del Gran Rabbinato di Israele Moshe Dagan, il cardinale Ernest Simoni dall’Albania, padre José Alejandro Solalinde dal Messico (simbolo della lotta al narco-traffico), il cardinale Dieudonné Nzapalainga (Repubblica Centrafricana), il rappresentante dei Rohingya dalla Birmania, Al-Haj U Aye Lwin; il Grande Imam della moschea di Lahore (Pakistan) Muhammad Abdul Khabir Azad, Jeffrey D. Sachs della Columbia University (USA), Parfait Onanga-Anyanga, rappresentante speciale delle Nazioni Unite per la Repubblica Centrafricana, il viceministro degli Esteri Mario Giro, i presidente della commissione Esteri del Senato, Pier Ferdinando Casini, il cardinale salvadoregno Rosa Chavez e numerosi rappresentanti delle religioni orientali.
Tra i temi dei numerosi panel in programma, oltre alla pace e al dialogo interreligioso, la non violenza, il disarmo, le migrazioni, il diritto alla salute, la corruzione e la giustizia sociale. Previsti anche focus su alcuni Paesi come Iraq e Tunisia, con l’intervento di alcuni testimoni.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sui bus di Palermo avvisi ai borseggiatori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

leoluca orlandoPalermo. “Non ti vogliamo sui nostri bus”, firmato Amat Palermo. Questo il messaggio affisso da questa mattina all’interno dei bus 101 e 102 del capoluogo siciliano, rivolto al borseggiatore seriale arrestato dalla Polizia lo scorso 29 agosto che dopo la scarcerazione si era vantato sui social network.
L’Azienda pubblica che gestisce i servizi per la mobilità nella città ha ritenuto necessario assumere questa iniziativa a tutela di tutti coloro, cittadini e turisti, che utilizzano il servizio di trasporto pubblico. “Abbiamo voluto lanciare un messaggio diretto ed efficace – afferma Antonio Gristina, presidente dell’azienda – rivolto a mettere in guardia i passeggeri ma anche ad affermare la nostra vicinanza e gratitudine alle Forze dell’ordine”.Gli adesivi si trovano sui trenta bus, che abitualmente sono programmati per le linee 101 e 102 che attraversano il centro cittadino.A rafforzare il messaggio è il fatto che gli adesivi sono realizzati con la foto diffusa proprio dalla Polizia e con i contenuti apparsi sulla stampa. Il messaggio è tradotto anche in lingua inglese.“La tutela dei passeggeri e del nostro personale è una priorità dell’azienda e anche per questo motivo, da oltre un anno, a bordo di molte vetture sono presenti i vigilantes. Non voltiamo la faccia dall’altro lato – continua Gristina -. Spero che questo nostro primo passo possa condurre verso una più proficua collaborazione anche con i cittadini, che invitiamo a denunciare senza remore gli episodi di borseggio”.
Apprezzamento viene espresso dal sindaco Leoluca Orlando che afferma come “questa iniziativa si inserisce ed è in sintonia con quelle realizzate negli anni in città da tanti cittadini singoli e organizzati contro ogni forma di grande e piccola criminalità, dal pizzo ai posteggiatori abusivi. È un segno di sintonia culturale e collaborazione fra aziende, istituzioni e cittadini, per affermare che non ci sono a Palermo zone franche”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vaccino antitetanico, obbligatorio ma introvabile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

vaccino bambinoNelle farmacie territoriali manca il vaccino antitetanico. Se non di assenza, che pure sussiste a macchia di leopardo, si deve parlare di grave carenza, dai confini con la Svizzera fino alla Sicilia. Il problema non è tanto distributivo quanto produttivo. Da Roma Andrea Cicconetti segretario di Federfarma Roma conferma: «Ho solo due esemplari di vaccino abbinato, non singolo, presi dal grossista a inizio estate, ma le aziende hanno comunicato all’Agenzia del Farmaco di avere problemi produttivi già a primavera». Situazioni registrate in modo sporadico in Lombardia, Campania, Emilia Romagna, confermano il problema. Se si verifica la tabella del sito Aifa (vedi tabella) sui farmaci carenti, la situazione appare complessa anche per quanto riguarda l’approvvigionamento da parte di Asl e ospedali. «Certo, non si arriva a carenze ancora più penalizzanti per il cittadino come quella delle eparine e in particolare del Clexane, centinaia di volte più richieste in farmacia di un vaccino antitetano; ma tra vaccini singoli e abbinati oggi ufficialmente in commercio, Aifa segnala “problemi produttivi” almeno per tre» spiega Cicconetti «È critica la situazione dei vaccini singoli, confezione monodose (una siringa di antitetano da 0,5 ml): per uno la ripresa produttiva è prevista ad ottobre, mentre non è ancora prevista per un secondo e questi due casi l’Agenzia ha autorizzato le strutture sanitarie ad importare il prodotto dall’estero. Sussistono problemi produttivi anche per un vaccino antitetano+antidifterica, il cui produttore ha annunciato di aver aperto una finestra produttiva tra il 15 agosto di quest’anno e tutto ottobre; per trovare alternative, Aifa consiglia di rivolgersi allo specialista o al medico di medicina generale».
Nel caso del vaccino abbinato, l’alternativa c’è: un prodotto di marca disponibile sia in confezione da dieci per i centri vaccinali sia in monodose per le farmacie territoriali. Per inciso, i problemi produttivi sono una dicitura generica, può significare problemi al sito di produzione o dovuti a carenza di scorte di materie prime, anche una sola. «In genere è il vaccino antitetanico singolo che non si trova più», spiega un medico igienista che vuol restare anonimo, aggiungendo che l’antitetano costa molto poco e in abbinamento il prezzo cresce rendendo più conveniente la commercializzazione. Poi sottolinea un altro aspetto: «Il problema della carenza di vaccino, non di siero, prodotto diverso che dà protezione a breve (e pure presenta problemi di reperibilità) è più grave per gli adulti; le prime dosi nell’infanzia sono somministrate obbligatoriamente in abbinamento con dosi molto più alte di vaccino antidifterico. Crescendo, i vaccini antitetano, pur importanti (la protezione dell’antitetanica dura 5-10 anni) si trovano più raramente». E questo è grave in un paese come l’Italia che, secondo l’European Centre for Disease Prevention and Control 2012, dal 2006 riporta il più alto numero di casi di tetano in Europa, tra i 53 e i 64 in un anno e soprattutto tra adulti, con le donne sopra i 64 anni a rappresentare i tre quarti delle vittime.
Paolo Vintani vicepresidente di Federfarma Milano, confermando la carenza distributiva in Lombardia, vede il settore dei vaccini “minori” strategico per le farmacie, «dovremmo fare la voce grossa per far sì che proprio nelle farmacie territoriali non manchino i vaccini come l’antitetano, che ci vengono chiesti una tantum ma possono rappresentare un servizio chiave per la farmacia. Oggi manca una sorveglianza di breve e di lungo periodo proprio su vaccini come l’antitetano; il farmacista potrebbe, in accordo con la medicina generale, farsi carico di forme di monitoraggio degli effetti avversi e dell’educazione sanitaria dei cittadini, quanto meno del richiamo per le popolazioni a rischio». (Mauro Miserendino – fonte farmacista33) (foto: vaccino bambino)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I politologi italiani a convegno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

convento di MonteripidoPresso l’antico convento di Monteripido, nei pressi di Perugia da oggi e sino all’8 settembre, si tiene la tre giorni organizzata dalla «Rivista di Politica», diretta da Alessandro Campi ed edita da Rubbettino, intitolata “Gli incontri di Monteripido”. L’iniziativa, in collaborazione con la rivista «Storia del Pensiero Politico», con l’Istituto di Politica e il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Perugia, vedrà la partecipazione di numerosi studiosi che si confronteranno su temi di grande attualità: dal populismo all’America di Trump; dall’attuale situazione geopolitica del Mediterraneo alla ridefinizione del concetto di Democrazia senza tralasciare gli aspetti più teorici e metodologici della politologia e della scienza politica.
Molti i relatori che interverranno ai numerosi dibattiti provenienti sia da diverse università italiane che estere. Un’occasione importante per approfondire argomenti e tematiche che in un mondo sempre più interconnesso come il nostro coinvolgono sempre più direttamente e in maniera sempre più chiara e consapevole la vita quotidiana delle persone.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

As missiles fly, Britain offers Japan whisky and Aston Martins

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

Theresa MayA NORTH KOREAN missile whizzing over Japan the day before Theresa May’s arrival in the country on August 30th provided the British prime minister with a reminder that there is more to life than Brexit. Mrs May had set off for three days of talks on trade and—appropriately—defence with Shinzo Abe, her Japanese counterpart. But the inclusion of a band of British executives hawking Scottish whisky and Aston Martins indicated that Britain was focused on the former subject.Mrs May’s remark to interviewers that she intends to fight the next election stole the headlines in Britain. But Japan has longer-term worries about its ally. It has been a polite but pointed critic of Brexit, going further than other countries in laying out its demands and expectations for its future trading relationship with Britain. While British politicians flailed over what type of Brexit to pursue last summer, the Japanese government circulated a 15-page memo outlining its own view. Published two months after the referendum, it provided a clear-eyed diagnosis of the hurdles facing Britain. A year on, most of the issues raised have still not been solved. The future of tariffs, customs clearance, free movement, euro clearing, intellectual-property rights and the regulation of industries such as pharmaceuticals are up in the air.Only a recent acceptance among British politicians that some form of transition deal was necessary has provided Japanese officials with any relief. An early and explicit Japanese demand for a transitional arrangement stemmed from experience. Unlike British officials, Japanese negotiators have sat across the table from the European Union’s trade negotiators: they know how long things can take when dealing with a diplomatic hydra.Yet although the EU has this time been clear in its demands, the British government has not—a situation that has left Japanese businesspeople and officials exasperated. “Japanese business can mitigate the problem associated with every scenario of Brexit, but not with the financial risks stemming from an unassertive government,” says Hosuk Lee-Makiyama of the European Centre for International Political Economy, a think-tank.At first glance, Japan’s stake in Britain is large. In the 1980s Margaret Thatcher lured Japanese firms, partly on a promise that Britain provided an entry route into the European market. Companies such as Nissan, a carmaker, duly set up shop. The Japanese memo of last summer tartly reminded readers of this fact. Thatcher’s strategy worked. The stock of foreign direct investment from Japan into Britain stood at £44bn ($57bn) in 2015, making it Britain’s largest non-European investor after America. Britain now accounts for nearly half of all Japanese investment in Europe.But these figures require a caveat. Investment from the Netherlands in Britain outstrips Japan’s, despite the Dutch economy being one-sixth the size. Germany’s investment in Britain is 50% bigger. Mrs May’s praise for the “important” Japanese spending in Britain only highlights the much bigger investors with which Britain is choosing to complicate ties.For their part, Japanese officials have made clear that trade talks with between Japan and the EU take precedence over any future deal with Britain. Before Mrs May had even landed in the country they pooh-poohed any suggestion that Japan would start informal discussions on a bilateral trade deal.Although Japan takes a bigger interest in Brexit than many, the topic still comes low down the pecking order. “For most finance ministers within the G20, Brexit is provincial politics,” says Mr Makiyama. Especially if missiles are flying overhead. (photo. theresa may) (font: The economist)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The French president acts on his promise to overhaul jobs laws

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

macronWHEN he launched his political movement last year, Emmanuel Macron said that he wanted to “unblock” France. Four months after he was elected president, his government on August 31st unveiled its first piece of legislation designed to do just that. It is a labour reform, consisting of 36 measures, which should help to loosen the labour code, encourage job creation and make it easier for firms to manage their headcount in France. “After decades of mass unemployment,” said Edouard Philippe, the prime minister, “nobody can seriously say that our labour law favours job creation.” The reforms, he said, would “make up for lost decades.” The changes are wide-reaching and impressive, and rest on a number of guiding principles. One is that industrial relations must be devolved to the level of the firm. Employers will get more freedom to negotiate working time and salaries within their firm, rather than having to stick to branch-level agreements. France’s rate of unionisation in the private sector is surprisingly low; but the role of unions is powerfully entrenched by a complex tangle of rules governing their representation in companies. Now, the various statutory works councils—the delégués du personnel, the comité d’entreprise and the comité d’hygiène, de sécurité et des conditions de travail—are to be merged into one, which will simplify union discussions. Small firms without union representatives will have greater freedom to negotiate agreements, if they can secure the backing of a majority of employees. Another underlying idea is to encourage firms to create more permanent staff, by minimising the uncertainty that hangs over redundancy plans in France. Under current law, cases for unfair dismissal can be brought against a company for up to two years after an employee has left a firm, and the awards made by labour tribunals in such cases vary hugely, making it difficult for small companies to plan their budgets. Mr Macron’s reform reduces the cut-off to one year and caps such awards to 20 months of salary for an employee with 30 years of service, thus greatly reducing the element of financial risk. (In return, the level of mandatory redundancy pay will be increased.) The rules governing the right to make redundancies for firms in economic difficulty will also be eased.A measure of how far all this touches some of the taboos about France’s eye-popping 3,500-page labour code was the reaction of certain union leaders. “All our worst fears have been confirmed,” declared Philippe Martinez, leader of the hard-line Confédération Générale du Travail (CGT). He had already called for a day of strikes on September 12th in protest. Even Laurent Berger, the leader of the more moderate Confédération Française Démocratique du Travail (CFDT), who has been a mostly constructive voice, called some of its measures “disappointing”. He added, though, that he would not back the strikes.This is a crucial moment for Mr Macron. In many ways, he has managed this reform deftly so far. He spelt out during the election campaign what he wanted to do (and has been as good as his word), and said in advance that his reform would go through under an accelerated parliamentary procedure. His government has held some 100 meetings, involving 300 hours of talks, with unions over the past couple of months. So nobody can say that they have been taken by surprise. As a result, the new rules should be written into law by the end of September. That minimises the amount of time that unions and other opponents of the reforms now have to mobilise against them.Still, over the summer Mr Macron’s approval ratings have slid precipitously. It will take time for the effects of the labour reform to feed into job creation. France’s unemployment rate is currently 9.8%—more than twice that in Germany—and has not dipped below 7% since 1983. Moreover, a worrying narrative is beginning to take hold in some quarters that the president, a former investment banker, is governing only for the bosses or the well-off. “Macron: president of the rich?” read the front cover of Libération, a left-leaning newspaper, last week. The government’s challenge will be to make the case that greater freedom for employers is not just about making it easier for bosses to shed staff, but about encouraging them to create jobs in the first place. (font The economist) (photo: macron)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Kenya’s high court annuls the presidential election

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

presidential electionIN KENYA, as in many African countries, when government spokesmen say that the judiciary is independent, foreigners tend to be sceptical. They may be less so in future. On September 1st the supreme court in Kenya ruled that the country’s disputed presidential election, which took place on August 8th, will have to be held again within 60 days. The decision could prove to be a watershed in Kenya’s development into a functioning, modern democracy. But in a country where elections are hard-fought and the results usually disputed, sometimes violently, it could equally herald a new round of uncertainty and chaos.
The court’s complete ruling has not yet been released. But the panel of judges did not decide that Uhuru Kenyatta, the incumbent and apparent winner, actually lost. Nor have they endorsed the opinion of Raila Odinga (pictured), Mr Kenyatta’s opponent in the election, that the vote was “hacked” and that the official results were phoney. Instead, the judges seem to have been persuaded that irregularities in the transmission of the results from polling stations to the electoral commission were important enough that the exercise should be repeated.
What happens now is anyone’s guess. The result could be “anarchy”, says Michael Chege of the University of Nairobi. At a cost of $500m, the election in August was one of the most expensive, not just in Africa, but anywhere. It involved hundreds of thousands of temporary workers. The government will have to find the money to repeat it. The electoral commission will also have to do a better job than last time—or else risk facing a second disputed result in a year. New lawsuits, disputing races for senate seats and county governors, could also lead to new elections.The economy is likely to suffer, says Faith Mwangi of Exotix, an investment firm. In the run-up to the vote, firms held off on investing, adopting a “wait and see kind of approach”, says Ms Mwangi. That will continue for at least two more months. The Nairobi Stock Exchange fell sharply after the court’s decision, while the Kenyan shilling weakened slightly.In the end, though, the vote many not change the outcome. True, Mr Odinga’s supporters will be jubilant at the decision. And they may be more enthused to vote in the next election. But support for Mr Odinga is more marginal than that for Mr Kenyatta. Mr Odinga may also have made himself less popular with swing voters over the past few weeks, says Mr Chege. His team has talked wildly about “divorce” and “secession” from Kenya. Being forced to fight a gruelling campaign all over again could also win sympathy for Mr Kenyatta.Despite its flaws, the overturned election was probably one of Kenya’s most credible. In contrast to previous votes, violence was relatively limited. Expensive electronic equipment was used to check voters against a biometric database and to stop vote totals from being padded. It broadly worked. International observers gave the election generally positive reviews. So there is concern that, if Mr Odinga loses again, his supporters still will not accept the result. But if Kenyans see the next election as free and fair, regardless of the outcome, it could herald a new faith in the country’s institutions. That would make future elections less chaotic and controversial. Despite the short-term disruption, it would be worth it. (photo: presidential election) (font: The Economist)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

eHealth CEO Scott Flanders Endorses HHS Decision to Reform Obamacare Navigators Program

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

eHealth, Inc. (Nasdaq: EHTH) CEO Scott Flanders today endorsed the Department of Health and Human Service’s (HHS) decision to reduce and rethink the Affordable Care Act’s (ACA or Obamacare) navigator program, which spent over $62 million to enroll 81,000 people in Obamacare in 2017 ($768 per enrollment).
“Secretary Price has an obligation to the American people to use their money effectively and efficiently, and the navigator program failed on both fronts,” said Scott Flanders, CEO of eHealth, Inc. “The navigator program’s results are discouraging, but HHS’ decision to acknowledge that failure and try something else is a positive step for government.”HHS provided the following findings about the Navigator program (source):
Navigators received $62.5 million for the 2017 Open Enrollment Period
Navigators enrolled 81,426 people for 2017 at an average cost of $768 per enrollment.
One-in-five navigators achieved their performance goals.
“At eHealth we wholeheartedly endorsed the Affordable Care Act’s goal of expanding coverage and improving access to health coverage for people with pre-existing conditions,” Flanders continued.
“Where the legislation has fallen short is in its goal to make health coverage affordable for middle-class families and young, healthy people who are so critical to creating a healthy, balanced risk pool. Replacing the individual mandate, which has not worked, with a functioning alternative would be a good first step,” Flanders continued.“We also need to acknowledge the strides Secretary Price is making to stabilize the individual insurance market. This year HHS tightened up enforcement of the special enrollment periods so people can’t wait until they get sick to buy health insurance. And, under Secretary Price, HHS is requiring people to repay their past-due premiums before they can sign up for a new health plan. Those are two very positive steps that will help bring more insurance companies back to the market and reduce volatility in insurance premiums.” “HHS has also taken steps to make it easier for consumers to enroll in Obamacare health plans, using their tax credit, without using Healthcare.gov,” Flanders continued.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IT Market in Qatar – Drivers and Forecasts by Technavio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 6 settembre 2017

TechnavioThe research study covers the present scenario and growth prospects of the IT market in Qatar for 2017-2021. To calculate the market size, the report considers the revenue generated through the sales of IT hardware, software, and services in government organizations, large enterprises, and SMEs.The IT market in Qatar is currently driven by the rising demand for IT services owing to the adoption of advanced solutions such as cloud computing services, big data and analytics services, IoT, and virtualization. A major driver for this market is the availability of funds to install new IT infrastructure and upgrade legacy systems. With the upcoming 2022 FIFA World Cup, there are millions of dollars being spent to enhance the existing infrastructure and improve the security infrastructure of the country.This report is available at a USD 1,000 discount for a limited time only: View market snapshot before purchasing
In 2016, Qatar’s financial services sector performed well, experiencing high growth in Islamic banking. Sharia-compliant banking grew over 7% while the conventional banks grew by over 6%, with high retail and real estate financing. Qinvest, a local sharia-compliant investment bank, announced a revenue increase of 18% in 2016. The Central Bank of Qatar (QCB) increased interest rates by 0.25%, following the US Federal Reserve’s 2016 December announcement that it was raising its federal fund’s rate target range to 0.5%-0.75%.Amrita Choudhury, a lead enterprise application research analyst at Technavio, says, “With such a position of Islamic banking in Qatar, the need for advanced IT solutions to track and maintain banking operations is high. Several banking software vendors in Qatar have realized this opportunity and are offering sharia-compliant software solutions specifically for Islamic banks. As a result, the revenue inflow from banking software is a major contributor to the growth of the IT market in Qatar.”The increase in IT consolidations and IT modernization is taking place to improve the operational efficiency of organizations and to achieve economies of scale, which is driving the IT market in Qatar. The ever-increasing consolidation of IT infrastructures such as data centers and networking systems in the organizations are forcing C-suite executives to implement advanced IT service delivery models such as shared and managed IT services. Financial inclusion can be achieved using mobile solutions, and people without access to a bank can use m-commerce, mobile banking, and mobile money. Unprecedented growth in the smartphone market leads to an increase in mobile app users. Mobile application developers require IT services such as backend as a service (BaaS) and the web integrated development environment (IDE) solutions for innovative mobile application development solutions. (photo: Technavio)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »