Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 315

Archive for 1 aprile 2018

Messaggio per la Pasqua 2018 dell’Arcivescovo Mons. Corrado Lorefice

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Palermo. Carissimi, sorelle e fratelli,nella liturgia del giorno di Pasqua, nell’alba del Giorno inedito che noi cristiani chiamiamo domenica [in greco κυριαχή ἡμήρα (kyriakè hemèra), in latino dies dominicus], Giorno del Signore, perché consacrato dal Signore risorto; Giorno primo e ultimo; il Giorno ottavo, che ci fa pregustare la Pasqua eterna, la Madre Chiesa mette ancora sui nostri passi Maria di Magdala (Mc 16, 1-8; Gv 20, 1-9) che in questa settimana Santa, in particolare nel Sacro Triduo, ha segnato il nostro itinerario ecclesiale di fede dietro a Gesù.Maria di Magdala ci sospinge ora al sepolcro, dove è stato deposto e tumulato il corpo esangue e ormai gelido di Gesù, e mette a nostra disposizione il suo alto magistero di fede. In lei, discepola tenace e caparbia, la Chiesa – noi battezzati, discepoli e fratelli di Gesù – si rispecchia, si riconosce, e si riesamina. Discepola e apostola.Sono le donne le prime testimoni della risurrezione di Gesù e in particolare lei, Maria di Magdala. In un contesto culturale in cui poteva valere solo la testimonianza e la parola degli uomini, dei maschi adulti, i Vangeli incuranti accordano a lei l’annunzio della risurrezione. Bambini e donne, secondo il sentire giudaico del tempo, non sono idonei alla testimonianza, non sono credibili.
Ma Gesù è diverso, il suo Vangelo sconvolge. Tanti lo hanno seguito e lo seguono per questo. La sua parola, la sua notizia, è diversa. È bella. È un E-Vangelo [εὐαγγέλιον (euangélion)], una Bella Notizia. Oggi come ieri. È Parola che raggiunge, che entra dentro la vita. È Parola incarnata, che intercetta le parole umane più profonde, anche quelle che salgono dal nostro essere figli di questo tratto del cammino umano denominato da noi occidentali postmoderno. Incerto, confuso, senza meta. Liquido. Senza parole che accomunano, senza simboli di riferimento che interpretano la convivenza sociale. Che conosce parole arroganti. Alienanti. Massificanti. Manipolatrici. Violente. Spersonalizzanti. Indifferenti. Fredde. Respingenti. Ma pur sempre spazio e tempo umano desideroso di vita, di relazioni, di autenticità, di pace, di mitezza, di accoglienza, di giustizia, di cordialità, di rettitudine.Ma nei Vangeli, guarda caso, i bambini, gli umili, le donne sono capaci di intercettare la presenza di Dio e diventano asse dell’intera storia della salvezza; da loro e in loro emerge e avanza la trasfigurazione della storia umana. Da Betlemme al Golgota. Ne intravedono gli albori, ne diventano intrepidi e arguti costruttori.In Maria di Magdala lo sguardo della fede è sostenuto dallo sguardo dell’amore. Nessuna amnesia [dal greco ἀμνησία (amnesia), composto di ἀ (a) privativo e μνησις (mnesis), dal tema di μιμνήσκω (mimnesco), “ricordare”, e dunque perdita della memoria). In lei solo anamnesi. Memoria. Donna di invitta memoria. Una memoria tenuta desta dall’amore. Una memoria provata, tentata di disperazione. Ma pur sempre audace, perché forte come la morte è l’amore, le grandi acque non lo possono spegnere, né i flutti impetuosi degli eventi travolgerlo (cfr Ct 8, 6-7). L’amore non teme l’oblio.D’altra parte come si fa a non essere segnati sin nelle fibre più intime dell’essere dopo aver conosciuto un uomo come Gesù di Nazaret, aver ascoltato le sue parole, contemplato i suoi gesti? La disperazione non le ha allentato la tenacia. Come ha fatto da quando lo ha incontrato, da quando era stata liberata dalla sua schiavitù (cfr Lc, 8,2), continua ancora a marcare i luoghi della presenza di Gesù, per le strade della Palestina, a Gerusalemme nell’ora dell’Osanna, al Calvario nel giorno dell’infamia, al sepolcro in quella notte tombale sovrastata dalla morte.
Ma l’Amore prevale. Vince. Sempre. Perché l’Amore spinge il dono di sé all’altro fino a morire, fino a dare la propria vita. L’Amore ama sino alla morte. Sino alla fine (cfr Gv 13, 1-2). Fino a gridare sulla croce: è compiuto! (cfr Gv 19,30) L’Amore. Vince già in lei, perché è l’amata che va a cercare ancora Gesù, l’amato nonostante il buio, il dolore, l’angoscia. Ma vince molto più in Gesù: un amore il suo che abbraccia il cielo e la terra. Gli uomini e Dio. In Gesù c’è solo l’Amore. Di Dio e degli uomini, amati da Dio fino a donare il suo Figlio. L’amore degli uomini in Dio. L’amore filiale e fraterno degli uomini per Dio.Il sepolcro vuoto è il segno della vittoria dell’Amore. Al sepolcro si sente solo un annuncio, un canto che accomuna il cielo e la terra, il canto dell’Amore: Alleluja. «Il suo Amore è per sempre» (Sal 135).Anche quest’anno celebrare il memoriale della morte e della resurrezione di Cristo, celebrare la Pasqua di Gesù, significa custodire la memoria di lui. La memoria dell’Amore. Sostanza essenziale per la vita degli uomini e delle donne. Non celebriamo un mero rito. Confessiamo che quegli avvenimenti hanno un senso e una efficacia per noi oggi. Celebrando la Pasqua di Gesù celebriamo la nostra pasqua, la nostra vita. Perché custodiamo la memoria dell’Amore, siamo resi partecipi in virtù del memoriale della Pasqua di Gesù della sua energia di risurrezione, di vita, di relazione.Con Maria di Magdala celebriamo così anche la nostra ripartenza dal sepolcro vuoto come discepoli e apostoli di Gesù, dell’Amore Crocifisso, della Verità dell’Amore. Ce lo ricorda papa Francesco in una sua catechesi: «La gioia di sapere che Gesù è vivo, la speranza che riempie il cuore, non si possono contenere. Questo dovrebbe avvenire anche nella nostra vita. Sentiamo la gioia di essere cristiani! Noi crediamo in un Risorto che ha vinto il male e la morte! Abbiamo il coraggio di “uscire” per portare questa gioia e questa luce in tutti i luoghi della nostra vita! La Risurrezione di Cristo è la nostra più grande certezza; è il tesoro più prezioso! Come non condividere con gli altri questo tesoro, questa certezza? Non è soltanto per noi, è per trasmetterla, per darla agli altri, condividerla con gli altri. È proprio la nostra testimonianza» (Udienza Generale del 3 aprile 2013).Buona e gioiosa Pasqua a tutti!

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La pace non viaggia da sola/Peace does not travel alone

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Dalla domenica delle palme a Pasqua siamo passati nel giro di sette giorni dal ramoscello d’ulivo al dramma del martirio e della morte di Gesù. In tutti questi giorni la parola più gettonata è stata “pace” come se avessimo voluto in qualche modo esorcizzarla immaginando che al solo citarla gli animi si acquietassero e l’umanità avrebbe ritrovato il suo “paradiso perduto”.
Non è stato così, ovviamente, e dalla striscia di Gaza alla vicina Siria e agli altri conflitti regionali e locali le vittime delle violenze pubbliche e private hanno fatto la parte del leone. Qualcuno dall’animo candido e immacolato si sarà chiesto il perché dalle parole non siamo riusciti a passare ai fatti e cerca di trovare una qualche spiegazione che riesca a salvare capra e cavoli. In effetti la spiegazione c’è e la dobbiamo interamente alle ciniche logiche del capitalismo, all’economia di mercato, all’avidità dei satrapi di turno. Lo dobbiamo all’ipocrisia e alla falsità di chi ci governa nel mondo. Ci copriamo il capo di cenere e inorridiamo al cospetto di violenze di ogni genere che fanno scempio del nostro prossimo ma non andiamo al cuore del problema per dire basta alla proliferazione delle armi di distruzione di massa sempre più sofisticate e micidiali, nel foraggiare i ras locali di strumenti di morte per guerre tribali e regionali dove il primato sta nei crimini che sono capaci causare. E noi queste creature del male siamo disposti ad accoglierle e riverirle una volta giunti nei paesi della cosiddetta democrazia compiuta.
Questa verità speculare ci mostra con crudezza i limiti di una civiltà deprivata dei suoi valori fondanti e che fa scempio dei principi che pure abbiamo fissato a nostra guida e insegnamento.
E’ un limite che misura la nostra inadeguatezza a parlare di pace senza aggettivazioni: pace e libertà, pace e giustizia, pace e rispetto per i nostri simili. Se non riusciamo ad andare oltre le nostre miserie umane la parola pare resta nuda come la verità e perde la sua stessa natura e significato. (Riccardo Alfonso)
From Palm Sunday to Easter we passed within seven days from the olive branch to the drama of martyrdom and the death of Jesus. In all these days the most popular word was “peace” as if we had somehow wanted to exorcise it by imagining that just to mention it, the spirits were acquitted and humanity would find its “lost paradise”.
This was not the case, obviously, and from the Gaza Strip to neighboring Syria and other regional and local conflicts, victims of public and private violence took the lion’s share. Someone from the candid and immaculate soul will have wondered why we could not pass from the words to the facts and try to find some explanation that can save goat and cabbage.
In fact, the explanation is there and we owe it entirely to the cynical logic of capitalism, to the market economy, to the greed of the shift satraps. We owe it to hypocrisy and to the falsity of those who govern us in the world. We cover the head of ashes and horrified in the face of violence of all kinds that make havoc of our neighbor but we do not go to the heart of the problem to say enough to proliferation of weapons of mass destruction increasingly sophisticated and deadly, in foraging the local ras of instruments of death for tribal and regional wars where the primacy lies in the crimes they are capable of causing. And we creatures of evil are ready to welcome them and to reverend them once they arrive in the countries of the so-called complete democracy.
This specular truth shows us with crudity the limits of a civilization deprived of its founding values ​​and which destroys the principles that we have also set for our guidance and teaching.
It is a limit that measures our inadequacy to speak of peace without adjectives: peace and freedom, peace and justice, peace and respect for our fellow men. If we can not go beyond our human misery, the word seems to remain naked as the truth and loses its very nature and meaning.

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Audible Congratulates Audible on His Florida Derby Win and Celebrates His Journey to the Kentucky Derby

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Audible Inc., the world’s largest seller and producer of downloadable audiobooks and other spoken-word entertainment, today announced its sponsorship of Audible, the three-year-old colt who won the Florida Derby this weekend, and will be competing in the Kentucky Derby this May. To salute Audible the horse on his journey to the Kentucky Derby, Audible is also highlighting a collection of equine-related audiobooks for its millions of listeners over the next month.
To commemorate Audible’s race today at the Florida Derby, Audible is donating $15,000 to the Thoroughbred Aftercare Alliance, a non-profit organization that accredits, inspects, and awards grants to approved aftercare organizations to retire, retrain, and rehome thoroughbreds.
“We are honored to share our name with Audible and thrilled to be a part of his road to the Kentucky Derby,” said Audible SVP of Marketing John Harrobin. “Our millions of listeners around the world use our audio service to immerse themselves in memorable stories every day. We know they’ll appreciate following the story of this remarkable horse as it unfolds.”
“It’s wonderful to see Audible the media company rooting for Audible in such a big way,” said Elliot Walden, President, CEO and Racing Manager of WinStar Farm and majority owner of Audible the horse. “By supporting the Thoroughbred Aftercare Alliance and highlighting equine-related audio titles for millions of listeners to enjoy leading up to the Kentucky Derby, Audible is gearing up our colt’s quest to wear the roses on the first Saturday in May.”In addition to a rich selection of horse-inspired titles to get Audible’s growing fan base ready for the Kentucky Derby, the company will introduce an Audible-inspired game and other interactive content in the weeks leading up to the race. Fans are encouraged to check http://www.audible.com/goaudible regularly for the latest updates and announcements.Audible invented and commercialized the first digital audio player in 1997, and has since been at the forefront of the explosively growing audiobook download segment. In 2017, listeners around the world downloaded over two billion hours of Audible content.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Globes: Visions of the World seconda mostra temporanea del Louvre Abu Dhabi

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Abu Dhabi. Il Louvre Abu Dhabi ha inaugurato la seconda mostra speciale dal titolo Globes: Visions of the World, aperta al pubblico lo scorso 23 marzo fino al 2 giugno 2018. La conferenza stampa ha incluso interventi di Sua Eccellenza Ludovic Pouille, Ambasciatore francese negli Emirati Arabi Uniti, Manuel Rabaté, Direttore del Louvre Abu Dhabi, Sylviane Tarsot-Gillery, Direttore Generale della Bibliothèque nationale de France (BnF), e i Curatori Responsabili Catherine Hofmann e François Nawrocki. Centosessanta globi, rari reperti archeologici, monete, magnifici manoscritti e stampe, astrolabi, mappe del mondo e dipinti, provenienti principalmente dalle collezioni della Bibliothèque nationale de France, guideranno i visitatori attraverso i 2500 anni di storia della rappresentazione del mondo.
Manuel Rabaté, Direttore del Louvre Abu Dhabi, ha dichiarato: “Questa mostra offre un’eccezionale opportunità di costruire una narrativa completa che collega astronomia, geografia, religione e filosofia, esaminando diversi simboli e rappresentazioni della Terra. In questo modo si inserisce perfettamente nell’ethos del Louvre Abu Dhabi – il racconto della storia dell’umanità. La Bibliothèque nationale de France ha avuto la responsabilità di curare questa mostra, ed è stato un onore incontrare questi incredibili curatori che hanno trascorso tutta vita alla ricerca della conoscenza e dell’eccellenza.
Desidero estendere un ringraziamento speciale a Catherine Hofmann, Chief Curator presso Bibliothèque nationale de France, e a François Nawrocki, Chief Curator e Deputy Director alla Bibliothèque Sainte-Genevieve. Vorrei anche rendere omaggio a Jean-Yves Sarazin, un curatore che è stato centrale in questo progetto, che purtroppo è mancato prima del suo completamento.
Attraverso la storia scopriamo le nostre influenze comuni, i collegamenti, il patrimonio comune e quindi la nostra umanità condivisa. Nuove prospettive continuano a sorprenderci e a renderci umili: la storia è riflessiva, nel senso che ci mostra chi siamo.”Catherine Hofmann, Chief Curator della Bibliothèque nationale de France (BnF), e François Nawrocki, Chief Curator and Deputy Director della Bibliothèque Sainte-Geneviève, hanno dichiarato: “La mostra inizia con tre magnifici strumenti e opere del XVII secolo: un globo celeste, un globo terrestre e una sfera armillare che è un modello che colloca la Terra al centro dell’universo. Attraverso questi tre tipi di oggetti esposti in tutta la mostra, si scopre la nascita e lo sviluppo di una visione del mondo che ha attraversato secoli e civiltà arricchendosi di molteplici contributi, non solo attraverso esperienze e osservazioni, ma anche con la matematica e la filosofia. Queste sfere sono esposte tra molti documenti e oggetti che gettano luce sul loro contesto, usi e associazione simbolica dall’antichità ai giorni nostri.”

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abu Dhabi: arrivi internazionali

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Abu Dhabi, Il numero di hotel guest ad Abu Dhabi a gennaio è aumentato del 7,4% rispetto allo stesso mese del 2016, confermando il trend positivo del 2017, che si è chiuso registrando quasi 5 milioni di persone che hanno soggiornato nell’Emirato.
A gennaio ben 437.228 hotel guest hanno soggiornato negli 162 hotel e apart-hotel dell’Emirato, più di 30.000 ospiti rispetto allo stesso mese del 2016, secondo quanto rivelato dal Dipartimento di Cultura e Turismo – Abu Dhabi (DCT Abu Dhabi).
Tutte e tre le regioni sono state interessate da una crescita positiva: Abu Dhabi City +6,3%, Al Ain +7% e Al Dhafra +17,3%.S.E. Saif Saeed Ghobash, Direttore Generale di DCT Abu Dhabi, ha dichiarato: “Stiamo continuando il percorso di successo dello scorso anno e assistiamo a un magnifico avvio del nuovo anno con una crescita superiore al 7%. I nostri mercati principali, Cina, India, UK, Germania, Arabia Saudita e Stati Uniti hanno registrato una crescita pari a oltre il 10%.”
“Continuiamo a investire nella promozione dell’Emirato nei mercati chiave, con una strategia finalizzata ad attirare più hotel guest che mai. Puntiamo ad avere ancora più visitatori entro la fine dell’anno e, con il nostro portafoglio di attrazioni in espansione, incluso il Louvre Abu Dhabi e il parco a tema Warner Bros. World Abu Dhabi che aprirà a breve, siamo fiduciosi di poter raggiungere questo risultato e continuare verso il nostro obiettivo di 8,5 milioni di visitatori entro il 2021.”Il mercato italiano, quarto europeo, a gennaio registra 5.782 hotel guest che con 22.044 pernottamenti raggiunge una media soggiorno di 3,8 notti.Al fine di rendere l’Emirato più facile da scoprire per i visitatori, promuovendo al contempo i siti culturali e storici di Abu Dhabi e fornendo le informazioni più recenti, DCT Abu Dhabi ha recentemente lanciato la sua nuova iniziativa digitale, Abu Dhabi Culture.Questa piattaforma rappresenta un punto di riferimento unico e completo per tutte le risorse culturali dell’Emirato, consentendo agli utenti l’accesso immediato a informazioni, itinerari e contenuti video. La piattaforma comprende un sito Web come hub principale, una App mobile su iOS e Android, un feed di social media tramite Facebook, Twitter, Instagram e YouTube, nonché podcast su Soundcloud e iTunes, con trasmissioni settimanali di argomenti e discussioni culturali con esperti.Il Dipartimento ha partecipato all’ITB di Berlino (7-11 marzo), una delle più grandi fiere del turismo al mondo, con una nutrita delegazione di partner e stakeholder, con l’obiettivo di continuare a promuovere la destinazione a livello internazionale e mantenere alti il numero degli arrivi internazionali.Proprio in occasione dell’ITB, Abu Dhabi è stata premiata nella categoria “Personal Security” nel Destination Satisfaction Index (DSI). Più di 70.000 viaggiatori globali provenienti da 24 Paesi hanno espresso le preferenze valutando i loro viaggi nel mondo per un anno. Oltre ad aver valutato l’accommodation, il cibo o la qualità delle spiagge, i viaggiatori hanno anche fornito un feedback sulla sicurezza personale, sul livello di ospitalità o sul rapporto costo-beneficio totale del viaggio. Più di 20 elementi hanno contribuito a identificare il vincitore DSI.
Sempre all’ITB Berlin, il premio HolidayCheck Award 2018 “Most Popular Hotel” dell’Emirato è andato a 7 hotel di Abu Dhabi, nello specifico a Park Hyatt Abu Dhabi Hotel & Villas (HolidayCheck Gold Award), Sofitel Abu Dhabi Corniche (HolidayCheck Gold Award), Beach Rotana Abu Dhabi, Emirates Palace Abu Dhabi (HolidayCheck Gold Award), Jumeirah alle Etihad Towers, Khalidiya Palace Rayhaan di Rotana (HolidayCheck Gold Award), Intercontinental Abu Dhabi (HolidayCheck Gold Award).Oltre 900.000 recensioni sono state utilizzate come base per l’Holiday Check Award di quest’anno, un riconoscimento giunto alla sua tredicesima edizione per premiare gli hotel più famosi in tutto il mondo.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Pediatria: Nuovo accordo collettivo nazionale

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Firmato a Roma il rinnovo dell’Accordo Collettivo Nazionale (ACN) tra la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) e la Struttura Interregionale Sanitari Convenzionati (SISAC). Dopo mesi di trattative le parti hanno raggiunto un’intesa definitiva e il documento è stato firmato presso la sede della SISAC della Capitale. “E’ un momento atteso da anni nel percorso di rinnovo dell’ACN – afferma il dott. Paolo Biasci, Presidente Nazionale FIMP -. Siamo soddisfatti di aver firmato un accordo per tutti i pediatri di famiglia italiani che permette finalmente recuperi economici per la nostra categoria fin dal 2010. Inoltre si sono fatti importanti passi avanti per l’inserimento dei giovani pediatri attraverso nuove norme che facilitano l’entrata nel mondo del lavoro. Potremo così avviare il ricambio generazionale della nostra categoria con l’auspicio che il nuovo Governo faccia la sua parte aumentando il numero delle borse di studio necessarie per la pediatria”. Nel nuovo ACN firmato dalla FIMP sono concordati gli obiettivi prioritari da sviluppare negli accordi integrativi regionali. “E’ importante senza dubbio l’attiva partecipazione del pediatra di famiglia nell’ambito del sistema vaccinale nazionale – prosegue Biasci -. Sempre maggiore deve essere poi il nostro ruolo nell’assistenza ai pazienti cronici. Su questi ultimi due aspetti la parola ora passa alle Regioni che devono cogliere i nuovi indirizzi concordati e avviare nuovi percorsi assistenziali. Come sempre siamo pronti e disponibili a collaborare anche con le Istituzioni locali per rendere effettivamente operative le importanti novità contenute nel documento firmato oggi”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tra i cinesi è chirurgia plastica-mania

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

“L’attrice Lucy Liu? In Cina faticherebbe a trovare marito: gli zigomi alti non piacciono per niente” parola dei chirurghi plastici cinesi intervenuti a Firenze al 6° congresso dell’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe). “I canoni di bellezza cinesi sono molto diversi da quelli occidentali, da loro tutti vogliono la “wang hong face”, ossia un volto come quello delle superstar di internet” dice il presidente uscente di Aicpe, Eugenio Gandolfi.Quello delle “wang hong”, che in mandarino significa celebrità di internet, è un fenomeno dilagante in Cina, un paese che conta 700 milioni di smartphone, dove è addirittura nato un corso universitario per diventare “wang hong”. Del resto, le influencer cinesi muovono un business di decine di milioni di dollari, destinato ad aumentare ancora nei prossimi anni: promuovono brand e prodotti, indirizzando i followers all’acquisto. Con ripercussioni anche sui modelli di bellezza.
“La “wang hong face” ha caratteristiche ben precise – ha spiegato la dottoressa Ying, membro della Chinese Association of Aesthetics Plastic Surgeons Shenzen, ai chirurghi plastici riuniti per il congresso Aicpe -. Il viso ideale è a forma di cuore, allungato, con mento sottile, fronte ampia e occhi grandi. Inoltre deve essere in 3D: non deve essere schiacciato, ma il profilo deve avere naso e mento ben pronunciati”.Quella dei cinesi per la chirurgia plastica è una passione piuttosto recente, ma che ha già raggiunto numeri da capogiro: il fenomeno sta crescendo sei volte più in fretta rispetto al resto del mondo, con una crescita del 30% ogni anno. Secondo gli ultimi dati ufficiali Isaps, la Cina è il terzo paese al mondo per numero di interventi, ma c’è chi scommette che presto raggiungeremo il secondo posto del podio dietro gli Stati Uniti, sorpassando il Brasile.“E’ la prima volta che avviene uno scambio ufficiale tra un’associazione scientifica italiana e una cinese nel campo dell’estetica, nell’ottica di una crescita reciproca – dice il presidente uscente di Aicpe, Eugenio Gandolfi -. I chirurghi plastici cinesi sono interessati alle novità presentate al nostro congresso, mentre per noi italiani è interessante conoscere da vicino un fenomeno nuovo: anche qui in Italia sono sempre di più i pazienti cinesi che si rivolgono al chirurgo plastico ed è bene conoscere le loro esigenze e peculiarità”.
Negli ultimi dieci anni il numero dei cinesi che fanno ricorso a chirurgia e medicina estetica è in costante crescita anche in Italia, in particolare nelle zone dove i cinesi sono più radicati, come Prato e Milano.“Siamo felicissimi di essere qui in Italia, è la prima volta per noi – hanno detto i chirurghi plastici cinesi -. Per noi questo paese è sinonimo di bellezza. Il congresso Aicpe è stata un’importante occasione per conoscere i migliori chirurghi plastici italiani e stranieri ed apprendere le loro tecniche. Ci auguriamo che questa collaborazione prosegua in futuro in modo sempre più proficuo”Anche in Italia, le comunità cinesi sono contagiate dalla passione per la chirurgia plastica che caratterizza il paese d’origine. Un fenomeno che è più evidente a Milano e a Prato, in particolare, dove si trova la comunità cinese più importante d’Italia, nata negli anni ’70. “Le pazienti cinesi sono il 10-15% del totale – rileva Giovanni Salti, chirurgo plastico toscano socio di Aicpe – si tratta di donne giovani, quarant’anni o anche meno, che spesso appartengono a famiglie di imprenditori di seconda generazione. I canoni di bellezza sono quelli del paese d’origine: spesso mi mostrano foto tratte da siti cinesi, sono questi i modelli a cui si ispirano. Cercano armonia e bellezza e quindi preferiscono rivolgersi a medici italiani: per i cinesi, come per gran parte degli stranieri, italiano è garanzia di bellezza”. Ecco le richieste principali dei pazienti cinesi di medicina e chirurgia estetica:
– Pelle perfetta: “Come tutti gli orientali, anche i cinesi hanno il culto di una pelle liscia ed eburnea, senza imperfezioni. Di solito hanno una pelle che tende a pigmentare facilmente e quindi ricorrono a laser e luci pulsate, oppure a botulino e filler per renderla più liscia. Le rughe invece causano meno problemi, anche perché di solito sembrano più giovani dell’età che hanno davvero” afferma Salti.
– Naso più sporgente. Spesso i cinesi hanno il naso molto piatto e schiacciato: “Per questo la richiesta è di renderlo più sporgente. Di solito si ricorre alla medicina estetica, con delle iniezioni di rinofiller che permettono di definire il dorso nasale, oppure alla chirurgia con la rinoplastica” dice lo specialista toscano.
– Polpacci più sottili. “Tra le cinesi, i polpacci sottili sono molto ambiti. Quindi spesso ricorrono a iniezioni di botulino che, atrofizzando il muscolo, lo rimpiccioliscono. È una pratica che in Italia è poco conosciuta, ma che in Cina è molto diffusa” aggiunge il socio Aicpe.
– Interventi sulle palpebre. A volte gli occhi presentano una doppia piega, che ha l’effetto di una tenda sopra gli occhi. “Rimuovendo l’epicanto, si ottiene uno sguardo più aperto, ma non si tratta di rinunciare agli occhi a mandorla” precisa Salti.
– Aumento del seno. Le cinesi spesso chiedono di aumentare il seno di qualche taglia, ma sempre in modo moderato. L’armonia è sempre il criterio che guida il loro approccio a medicina e chirurgia estetica.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni: il contributo dei molisani di Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

I molisani di Roma dicono la loro sulla prossima tornata elettorale amministrativa nella regione d’origine. E lo fanno attraverso un documento di 50 pagine denominato “Piano d’intenti” frutto di un rilevante lavoro collettivo promosso dall’associazione “Forche Caudine” con il coinvolgimento di circa 400associati. Il corposo dossier offre una dettagliata analisi sulla condizione attuale del Molise in molti settori, una vera e propria “fotografia” economica e sociale supportata dagli ultimi dati sui trend regionali. A fronte di ciò, vengono riportate idee e proposte operative a uso dei prossimi amministratori regionali, ma anche dettagliate richieste di trasparenza (ad esempio con la pubblicazione on-line di biografia, curriculum professionale e politico, finanziamenti ottenuti per la campagna elettorale) e di impegno futuro. Chi lo farà potrà godere della “luce verde” da parte dell’associazione. C’è naturalmente grande attenzione anche dalla Capitale per le sorti del Molise, dove tante persone d’origine molisana conservano non solo affetti, ma anche beni materiali, ad iniziare da decine di migliaia di abitazioni e terreni. Inoltre non meno di cinquemila persone che vivono a Roma fanno parte delle liste elettorali molisane in quanto hanno conservato la residenza nei comuni d’origine. Ma cosa contiene, nel dettaglio, il dossier redatto dai molisani di Roma?
La prima parte del documento si sofferma sui settori che stanno più a cuore ai molisani capitolini: il turismo, i rapporti tra il Molise e Roma, la formazione (capace di ampiare le competenze anche della classe politica locale) e il lavoro, naturalmente la viabilità e il real estate. Per ogni argomento si offre sia un’approfondita disanima dello status regionale, arricchita dei numeri più recenti, sia un quadro di proposte operative.La seconda sezione del lavoro, denominata “Documenti utili”, riporta indicazioni sul brand molisano frutto delle consultazioni on-line operate negli ultimi anni tra gli associati. Emergono indicazioni operative soprattutto per la valorizzazione della regione, ad esempio nella scelta dei “simboli” ritenuti più idonei per rafforzare in modo univoco l’identità territoriale (la cultura sannita s’impone sul tratturo e sul tartufo, che invece vince tra le eccellenze enogastronomiche), nel folklore il campione sceglie i Misteri di Campobasso rispetto alla ‘Ndocciata di Agnone e ad altre numerose indicazioni, Sepino viene scelto come simbolo di testimonianza storica e infine il Monforte di Campobasso è preferito tra i castelli.
“Forche Caudine, come sempre, politicamente non si schiera, anche perché facendolo richierebbe di spaccare l’associazione e di macchiare la sua onorata ‘carriera’ trentennale – evidenzia il segretario Gabriele Di Nucci. “Tuttavia, proprio perché abbiamo a cuore le sorti della nostra regione, stiamo assicurando non solo un nostro contibuto di idee, qualificato perché frutto dei tanti professionisti molisani che fanno parte della nostra associazione, ma soprattutto un costante monitoraggio dall’esterno – continua Di Nucci.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Commission enregistre une nouvelle spécialité traditionnelle de République tchèque

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

La Commission européenne a approuvé la demande d’inscription du «Pražská šunka» dans le registre des Spécialités Traditionnelles Garanties (STG). Le «Pražská šunka» (Jambon de Prague) est un jambon élaboré à partir de parties de cuisses de porc parées, cuites et fumées. Sa production repose, depuis son origine, sur la sélection des matières premières et sur la méthode de salaison. La dénomination «Pražská šunka» est utilisée depuis les années 1860 pour désigner ce qui est l’un des produits les plus renommés de la République tchèque, et de Prague en particulier. Le label “Spécialité Traditionnelle Garantie” met l’accent sur la tradition plutôt que sur l’origine et désigne des produits dont la composition ou les moyens de production présentent un caractère traditionnel. Il s’agit du 5ème produit tchèque à être enregistré comme Spécialité Traditionnelle Garantie. Cette nouvelle appellation va rejoindre plus de 1425 produits déjà protégés dont la liste est disponible dans la base de données DOOR.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

State aid: Commission approves reductions on offshore surcharge for electro-intensive and railway companies in Germany

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

The European Commission has found German plans to grant reductions on an offshore surcharge to electro-intensive users and railways to be in line with EU State aid rules. The measure will contribute to the competitiveness of these companies without unduly distorting competition in the Single Market. Following an amendment to the German Energy Act (EnWG), as of 2019 the costs of connecting offshore wind installations to the main electricity grid will be financed via an offshore surcharge (Offshore-Netzumlage), to be paid by electricity consumers. The amended German Energy Act also provides for reductions from this offshore surcharge for certain electro-intensive industrial users, as well as for railway companies. The reductions will confer an advantage to these companies, as it will lower their financial burden compared to other companies that will not benefit from them. The Commission has assessed the measure under both its Guidelines on State aid for environmental protection and energy 2014-2020 as well as its Guidelines on State aid for railways undertaking and concluded that the German plans to grant reductions on offshore surcharges to electro-intensive users and railways are in line with EU State aid rules, because they will contribute to the competitiveness of these companies without unduly distorting competition in the Single Market.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Antitrust: Commission invites comments on TenneT’s proposed commitments to increase cross border electricity capacity with Denmark

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

The European Commission has invited comments on commitments by the German grid operator TenneT to increase capacity on the electricity interconnector between Western Denmark and Germany. The commitments are in response to Commission concerns that capacity restrictions may breach EU antitrust rules.Prior to the opening of the investigation and sending of a preliminary assessment on 19 March 2018, TenneT had already been in commitment discussions with the Commission. The opening of the investigation allowed TenneT to formally submit a set of commitments to address the Commission’s concerns. In particular, TenneT is proposing to ensure that the maximum capacity of the interconnector between Denmark and Germany would be made available to the market, while preserving the security of the German high-voltage electricity network. The Commission invites all stakeholders to submit their views on the commitments. Taking into account all comments received, the Commission will then take a final view on whether the commitments address its competition concerns. Commissioner Margrethe Vestager, in charge of competition policy, said: “Electricity interconnectors must be open to cross-border trade if we are to build a real Energy Union. To achieve this we need to ensure that energy flows freely without any capacity restrictions that may breach EU antitrust rules. In this context, we will assess whether TenneT’s proposed commitments address our competition concerns in light of the responses of interested parties.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commission welcomes ambitious agreement on first ever EU legislation to monitor and report CO2 emissions from heavy-duty vehicles

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Representatives from the European Parliament and the Council reached a provisional agreement on the Regulation for monitoring and reporting CO2 emissions and fuel consumption data from new heavy-duty vehicles (HDVs), i.e. lorries, buses and coaches. This is the first ever EU legislation focusing on the CO2 emissions from these vehicles. The new rules are part of the EU’s Strategy on low-emission mobility and Communication on delivering on low-emission mobility laying out actions for a fundamental modernisation of European mobility and transport. Welcoming the political agreement, Commissioner for Climate Action and Energy Miguel Arias Cañete said: “This agreement is proof of Europe’s firm intention to curb the growing CO2 emissions from heavy-duty vehicles. I thank the European Parliament and the Council for their work to reach this ambitious outcome. With this new robust, reliable and transparent monitoring and reporting system, we are on track for the next step: CO2 emissions standards for heavy-duty vehicles to be proposed in May 2018.” Accelerating the shift to clean and sustainable mobility is essential to improve the quality of life and health of citizens and contribute to the EU’s climate objectives under the Paris Agreement. The clean mobility transition offers major opportunities for the European economy and reinforces the EU’s global leadership in clean vehicles. Monitoring and reporting CO2 emissions and fuel consumption of new heavy-duty vehicles will also increase transparency enabling transport operators to make well-informed purchasing decisions and save fuel costs. It will also drive innovation amongst European manufacturers.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Travel with your digital subscriptions: Joint statement by the European Commission, the European Parliament and the Bulgarian Presidency of the Council of the EU

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

From 1 April 2018 onwards, Europeans will be able to access the online content that they have subscribed to at home, wherever they are in the EU. Vice-President Ansip, Commissioner Gabriel, Bulgarian Minister Ivaylo Moskovski and Members of the European Parliament Pavel Svoboda and Jean-Marie Cavada said the following: “Citizens are at the core of all our digital initiatives. As of 1 April, wherever you are travelling to in the EU, you will no longer miss out on your favourite films, TV series, sports broadcasts, games or e-books, that you have digitally subscribed to at home. The rules will apply to paid-for services, but providers of free content may opt in.Providers of online content will also benefit from the new rules. They will no longer have to acquire licences for other territories where their subscribers are travelling to […]Today we have taken another concrete step towards building a true Digital Single Market and a united European digital society, accessible for all our citizens and profitable for our businesses.”The full text is available here. Watch the press statement by Commissioner Gabriel live on EbS. More details on the new rules are available in the Q&A and a factsheet, as well as a recent Facebook chat.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Iniziativa dei cittadini europei

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Dall’entrata in vigore di questo nuovo strumento nel 2012, si stima che 9 milioni di europei di tutti i 28 Stati membri abbiano sostenuto un’iniziativa dei cittadini europei. Finora 4 iniziative di successo hanno superato la soglia del milione di firme: la Commissione si è impegnata a dare un seguito a 3 di esse.Il Primo Vicepresidente Frans Timmermans ha dichiarato: “Il fatto che 9 milioni di persone abbiano sostenuto un’iniziativa dei cittadini europei negli ultimi 6 anni mostra che questo strumento dell’UE promuove la partecipazione e il dibattito oltre i confini nazionali, incidendo concretamente sulle politiche dell’UE. Ma dobbiamo andare oltre: la nostra recente proposta di riforma renderà molto più agevole per i cittadini varare e sostenere nuove iniziative, consentendo altresì ai giovani a partire dall’età di 16 anni di avere voce in capitolo.”
Negli ultimi 3 anni sono stati apportati miglioramenti non legislativi allo strumento. La Commissione Juncker ha inoltre adottato un approccio più politico: tutte le richieste di registrazione (prima di iniziare la raccolta delle firme) sono ora sottoposte al Collegio dei commissari e in alcuni casi sono concesse registrazioni parziali. Questi cambiamenti hanno comportato un aumento significativo del numero di iniziative delle quali è stata accettata la registrazione: dall’aprile del 2015 circa il 90% delle iniziative proposte, rispetto al 60% di tutte le proposte del precedente periodo triennale.Fra le 4 iniziative dei cittadini che hanno ottenuto il sostegno di oltre 1 milione di cittadini, la Commissione ha dato seguito all’iniziativa “Stop Vivisection” attraverso azioni non legislative; in risposta all’iniziativa “Right2Water”, nel febbraio scorso la Commissione ha proposto la revisione della direttiva sull’acqua potabile e, in seguito all’iniziativa “Ban glyphosate and toxic pesticides”, la Commissione ha annunciato una proposta legislativa intesa a migliorare la trasparenza delle valutazioni scientifiche e del processo decisionale.Successivamente alla pubblicazione della prima relazione sull’applicazione del regolamento riguardante l’iniziativa dei cittadini nel marzo del 2015, è stata avviata una revisione intesa a migliorare l’efficacia dello strumento, anche per mezzo di una consultazione pubblica aperta. Il 13 settembre 2017 la Commissione ha quindi proposto un nuovo regolamento, che dovrà ora essere adottato dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Questo nuovo atto renderà l’iniziativa dei cittadini europei più accessibile, meno gravosa e più agevole per gli organizzatori così come per i sostenitori. La Commissione invita ad adottarlo entro la fine del 2018 affinché possa entrare in vigore nel gennaio del 2020.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accreditamento ufficiale “HR-Excellence in Research”

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

La Commissione Europea ha confermato per UNICAM l’accreditamento ufficiale “HR-Excellence in Research” per la Human Resources Strategy for Researchers, ossia la definizione di una strategia di risorse umane per i ricercatori, documento strategico che tutte le Università europee sono invitate ad adottare per l’attuazione dei principi della Carta Europea dei Ricercatori e del Codice di Condotta per il loro Reclutamento, sottoscritto dagli Atenei italiani proprio a Camerino nel luglio 2005.
La definizione, da parte delle Istituzioni di Ricerca europee, di una Human Resources Strategy for Researchers è infatti considerata dalla Commissione Europea un passaggio cruciale per attrarre verso la professione del ricercatore i migliori talenti, europei e no e per promuovere all’attenzione dell’opinione pubblica (e quindi della politica) il ruolo-chiave dei ricercatori per lo sviluppo sociale, culturale ed economico dell’Europa.
“Siamo ovviamente molto soddisfatti – ha dichiarato il Rettore Unicam prof. Claudio Pettinari – per questo risultato che conferma per la terza volta consecutiva la qualità del lavoro svolto e con grande orgoglio mostriamo sempre il riconoscimento HR-Excellence in Research”. L’Università di Camerino si pone dunque sempre più come modello da seguire anche a livello europeo. Voglio quindi esprimere un particolare ringraziamento al gruppo di lavoro che si sta fortemente impegnando per continuare a mantenere alto il livello di attenzione dell’Ateneo nei confronti dei ricercatori, con particolare riferimento alle ricercatrici ed ai giovani ricercatori”.
“Il lavoro che abbiamo svolto – ha dichiarato con soddisfazione la prof.ssa Anna Maria Eleuteri, Delegata del Rettore per l’implementazione della Strategia e coordinatrice del Presidio Qualità per le Risorse Umane – è stato giudicato eccellente e siamo stati incoraggiati a progredire nella implementazione dei principi della Carta e del Codice. Si tratta di un risultato ancor più eccezionale tenendo presenti le difficoltà che stiamo affrontando da fine agosto 2016: tutti noi siamo stati capaci di trovare energie per discutere e lavorare su questi temi, nonostante l’emergenza ci indirizzasse verso ben altre questioni e ci tenesse impegnati su altri fronti.
“L’aver costituito il Presidio Qualità Risorse Umane – ha proseguito la prof.ssa Eleuteri – composto sia da docenti e ricercatori che da personale tecnico e amministrativo, è stata una mossa vincente perché siamo riusciti a fare sinergia coordinando efficacemente gli sforzi di tutti i componenti. L’ottimo risultato deve motivare il nostro Ateneo ad andare avanti su queste tematiche che sicuramente aumentano la nostra visibilità e, di conseguenza, la nostra attrattività”. L’Università di Camerino è una delle Istituzioni di Ricerca europee che hanno finora ottenuto questo riconoscimento dalla Commissione Europea e può mostrare sul proprio sito il logo ufficiale. Il diritto di utilizzare il logo viene infatti assegnato ad organizzazioni che hanno dimostrato di riuscire ad allineare le proprie politiche e pratiche ai principi base della ‘Carta e codice’, e che cercano quindi sistematicamente di muoversi verso l’eccellenza nella gestione delle risorse umane nel settore della ricerca.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

How to reduce energy use in our buildings and cities

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Roma 11 aprile 2018 ore 14,30, presso Spazio Europa – European Public Space – Via IV Novembre n149 European Council for an Energy Efficency Economy (ECEEE) e Kyoto Club vi invitano a partecipare al workshop “Roundtable on energy sufficiency: How to reduce energy use in our buildings and cities”, che si inserisce all’interno del progetto sull’energy sufficency di ECEEE, finanziato principalmente dalla Fondazione KR, con il supporto di molte agenzie europee che operano nei settori della ricerca e dell’energia.Il progetto legato all’energy sufficiency prevede diversi incontri e iniziative di ambito politico, durantele quali si offriranno ai decisori politici informazioni pratiche sul tema dell’energy sufficiency e su come queste possano essere tradotte in azioni pratiche al fine di ridurre il consumo di energia.Il workshop avrà come scopo principale quello di informare i partecipanti sui lavori già svolti e le pratiche adottate, partendo dalla nostra idea di energy sufficiency ed analizzando come le azioni di sufficienza energetica possano ridurre il consumo energetico negli edifici.
Verrà anche dato spazio alle opinioni del pubblico riguardanti il ruolo dell’efficienza energetica e delle azioni di energy sufficiency nel miglioramento della pianificazione di futuri edifici e città.Le discussioni del seminario saranno poi raccolte in un rapporto pubblico. Ai partecipanti verrà inviato un briefing a tempo debito che approfondisca il progetto e introduca quella che è stata la nostra attività fino ad ora.
Parteciperanno: Gianni Silvestrini, Direttore Scientifico Kyoto Club – Joanne Wade, CEO Association for the Conservation of Energy – Gianni Girotto, Senatore Movimento 5 Stelle – Stefan Thomas – Wuppertal Institute for Climate Environment and Energy – Lorenzo Pagliano – Politecnico di Milano. Il workshop sarà tenuto interamente in lingua inglese.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Porta in viaggio i tuoi abbonamenti digitali

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Il Vicepresidente Ansip, la Commissaria Gabriel, il Ministro bulgaro Ivaylo Moskovski e i membri del Parlamento europeo Pavel Svoboda e Jean-Marie Cavada hanno dichiarato: “I cittadini sono al centro delle nostre iniziative digitali. A partire dal 1° aprile, qualunque sia la loro destinazione in Europa, non dovranno più rinunciare ai film, alle serie, ai programmi sportivi, ai videogiochi ed agli e-book preferiti. Il regolamento si applica ai servizi a pagamento, ma possono allinearsi anche i fornitori di servizi gratuiti. I vantaggi non riguardano solo i consumatori, ma anche i fornitori dei servizi online, che non dovranno più acquistare i diritti per i paesi in cui viaggiano i loro abbonati […]. Oggi abbiamo fatto un altro importante passo avanti verso il Mercato digitale unico ed una società digitale europea più unita, accessibile a tutti i cittadini e vantaggiosa a livello economico.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Middle East Now Festival di Firenze

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Il 10 aprile, Wajib – Invito al matrimonio. Ambientato nella comunità cristiana di Nazareth, in Palestina, il film – diretto dalla pluripremiata regista palestinese di When I saw you, Annemarie Jacir, e interpretato da due straordinari attori, Mohammed e Saleh Bakri, padre e figlio sullo schermo e nella vita – evidenzia le criticità e le difficoltà del vivere in una terra martoriata, in cui pragmatismo e idealismo non sempre riescono a convivere. Il titolo Wajib, che tradotto in italiano significa “dovere”, fa riferimento alla tradizione palestinese secondo la quale il padre e i fratelli della sposa hanno il dovere sociale di consegnare personalmente gli inviti di matrimonio. Un gesto solenne e culturalmente importante che dà vita a un road-movie profondo ed emozionante, che esplora la complessità del rapporto padre-figlio nel confronto tra liberà e dovere, modernità e tradizione.Il film, che ha ottenuto anche il Premio ISPEC (Istituto di Storia e Filosofia del Pensiero Contemporaneo) al Festival di Locarno 2017, sarà distribuito da Satine Film a partire dal 19 aprile 2018.
Abu Shadi ha 65 anni e vive a Nazareth, in Palestina. Di professione insegnante, molto stimato, Abu Shadi ha cresciuto da solo i due figli dopo l’abbandono della moglie e la sua fuga in America con un altro uomo, e ora si appresta a vivere quello che è forse il giorno più bello della sua vita: il matrimonio della figlia Amal. Per l’occasione e per aiutarlo nei preparativi, è tornato nella città natale anche Shadi, l’altro figlio che ormai da tempo vive in Italia, dove lavora come architetto. Pur essendo ormai avvezzo agli usi occidentali e molto critico verso quanto accade nella regione, Shadi non si è sottratto al rispetto della locale consuetudine palestinese che prevede il “Wajib”, il “dovere” da parte dei familiari, di consegnare personalmente le partecipazioni di nozze, come forma di rispetto verso gli invitati. Di casa in casa, con visite a familiari, amici o anche semplicemente vicini, Shadi e Abu Shadi si apprestano a trascorrere insieme un’intensa giornata on the road dedicata a incontri e consegne così come vuole la tradizione. Le porte di cristiani, mulsulmani e anche atei si aprono al loro arrivo. Ma se al cospetto degli invitati padre e figlio riescono a calarsi nel ruolo che tutti da loro si aspettano, nei momenti in cui sono soli, la diversa visione della vita e dei valori che ormai ampiamente li separa affiora man mano in superficie costringendoli a un inevitabile confronto.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Arbitro per le Controversie Finanziarie

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

E’ stato pubblicato il resoconto del primo anno di attività con informazioni molto interessanti.
Dei 1.468 ricorsi giudicati ammissibili (l’80% di quelli presentati) oltre la metà riguarda la consulenza in materia di investimenti finanziari.
Complessivamente i ricorsi accolti sono poco meno del 62%, mentre i ricorsi presentati da un procuratore (in genere avvocati, ma anche associazioni di consumatori) vedono una percentuale di successo del 73%.Il numero di ricorsi decisi è ancora molto basso, stiamo parlando di 207 casi, però sono già sufficienti per iniziare a fare qualche considerazione in merito all’orientamento dell’Arbitro, che è decisamente favorevole ai clienti.Sia chiaro, non è che l’Arbitro interpreti le norme in modo particolarmente favorevole, sono le norme che sono particolarmente a favore dell’investitore, e l’Arbitro le interpreta con specifica competenza e coerenza, cosa che difficilmente ci si può aspettare da un giudice ordinario.
I due pilastri attorno ai quali è costruita tutta l’impalcatura di tutela degli investitori sono gli obblighi informativi e l’obbligo di verifica di adeguatezza.
Le banche devono fornire tutte le informazioni per fare scelte d’investimento consapevoli. E’ esperienza più che comune che, nei fatti, salvo rare eccezioni, questo non avviene mai. Le banche tendono ad assolvere quest’obbligo solo formalmente, ma ciò non è sufficiente secondo la corretta interpretazione delle norme.
In merito, l’Arbitro per le Controversi Finanziarie ha in più occasioni affermato che l’intermediario è tenuto a dimostrarne la loro osservanza “in concreto”. In altre parole, l’intermediario deve porsi in condizione di dimostrare di non aver assolto a tali obblighi d’informazione preventiva in modo meramente formalistico. Non è sufficiente la dichiarazione del cliente di “aver preso visione” della documentazione informativa e di “aver ricevuto l’informativa sui rischi dell’investimento” ma è necessario che l’intermediario provi di aver adempiuto nella loro effettività a tali obblighi, dovendo fornire al cliente tutte le informazioni necessarie al fine di consentirgli di valutare le caratteristiche dell’investimento e da ciò farne scaturire consapevoli scelte d’investimento. (Decisioni 11, 34, 155).
Lo stesso principio vale per la consegna del famoso “prospetto informativo” che molto spesso non viene mai consegnato al cliente, ma che il cliente dichiara di aver ricevuto. L’ACF ha chiarito che la mera predisposizione e messa a disposizione del prospetto informativo d’offerta non è sufficiente (ad eccezione che per l’investimento in OICR aperti ex art. 33 del Regolamento Intermediari n. 16190/2007) a far ritenere che siano stati correttamente adempiuti gli obblighi informativi gravanti sull’intermediario, trattandosi di documento predisposto dall’emittente nei riguardi della generalità di investitori potenzialmente interessati (Decisioni 34, 71, 107, 157).
In tema di informazioni, particolarmente interessante è quello delle informazioni successive all’investimento.
Nella decisione n. 116 l’ACF ha stabilito che gli intermediari (con ciò intendendosi non solo gli intermediari consulenti o gestori di portafogli, ma anche gli intermediari depositari) assumono obblighi continuativi di informare, in tempo utile, i propri clienti in relazione a qualsiasi modifica rilevante attinente alla natura, ai rischi degli strumenti finanziari trattati.
Sulla base di tale principio, l’ACF ha deciso per la responsabilità della banca in un caso di default dell’emittente anche perché non si era curata (se non a default intervenuto) di informare il cliente della variazione significativa del livello di rischio che le obbligazioni avevano subito nel periodo intercorrente tra l’acquisto del titolo e la data del definitivo default dell’emittente. Questo è un principio che è sempre esistito nella norma, ma che ha fatto molta fatica a trovare accoglimento presso i tribunali ordinari. Concetti simili sono stati enunciati in merito alla valutazione di adeguatezza (o “non adeguatezza”) dell’investimento rispetto al profilo di rischio. (abstract by Alessandro Pedone, responsabile Aduc Tutela del Risparmio – il testo integrale su: http://www.aduc.it)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Unicoop Tirreno: la Coop che sposa il modello Marchionne

Posted by fidest press agency su domenica, 1 aprile 2018

Unicoop Tirreno, terminati gli esodi volontari, sembra voglia cominciare a risolvere gli atavici problemi di bilancio, che prevedibilmente sarà ancora negativo di molti milioni di euro, attraverso lo svecchiamento coatto del personale. Assistiamo sempre più spesso ad atteggiamenti degni del peggiore dei padroni ed esprimiamo seria preoccupazione per il prossimo futuro.
Unicoop Tirreno, invece di fare autocritica sulla decennale gestione fallimentare, dispensa lettere di contestazione a pioggia a tutti i livelli. Il recente licenziamento del direttore del supermercato Coop di Roma Colli Aniene è soltanto la punta di un iceberg di proporzioni enormi. Capi reparto ed addetti subiscono una vera e propria caccia all’uomo e vengono contestati per i più disparati motivi. I lavoratori vivono il luogo di lavoro con preoccupazione, sempre attenti a non cadere in errore nonostante i carichi di lavoro pesantissimi e lo strutturale sotto organico. L’episodio di Annapaola Benassi, lavoratrice commessa alla Coop di Fiuggi, che per l’ultimo ricovero della figlia (invalida grave), nel nosocomio di Caserta, si è vista richiedere un certificato supplementare – oltre a quello di ricovero previsto dalla legge – che attestasse la sua presenza fisica in ospedale, la dice lunga sulle modalità attuate dall’azienda. Non è certo questo il modo di motivare il personale per cercare una via di uscita dalla crisi.
Nel frattempo Unicoop Tirreno, con gli ammortizzatori sociali in campo, attinge una grande quantità di lavoratori interinali, più flessibili e ricattabili. Senza proporre estensioni orarie ai tantissimi part-time presenti nei negozi. Questo è un abominio che vorrebbe sottrarre lavoro garantito per creare una popolazione di dipendenti precaria e povera. Insomma, la solita ricetta dei nostri capitani coraggiosi. Il Cobas del Commercio, che in Unicoop Tirreno è sindacato maggiormente rappresentativo, si oppone in maniera decisa a questa che sembra una vera e propria rappresaglia padronale. Sin da oggi prepareremo una memoria da spedire al Ministero del Lavoro e costruiremo le iniziative da mettere in campo per arrestare questa china pericolosa.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »