Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 24 aprile 2018

Stromboli: attività eruttiva

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Questa mattina, 24 aprile, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha registrato una intensa sequenza esplosiva sul vulcano Stromboli che ha coinvolto le bocche dell’area centro-sud poste sulla terrazza craterica. Una prima esplosione, avvenuta alle 11.05 locali, ha emesso abbondante cenere frammista a materiale incandescente e blocchi lavici di grosse dimensioni che sono ricaduti in zona sommitale e lungo la Sciara del Fuoco. I prodotti emessi hanno superato un’altezza di 250 m sopra la terrazza craterica, come evidenziato dalle telecamere di videosorveglianza dell’Osservatorio Etneo dell’INGV-OE. Tale esplosione è stata seguita da un secondo evento esplosivo alle 11.06, caratterizzato da un modesto fontanamento. Alle 11.10, l’evento di chiusura della sequenza con il lancio di materiale piroclastico di intensità minore, rispetto alla prima esplosione. Complessivamente, tale sequenza esplosiva ha prodotto una nube di cenere che è stata rapidamente dispersa verso i quadranti sudorientali dell’isola. Il lancio di materiale piroclastico grossolano è stato radiale ed è ricaduto oltre la terrazza craterica e lungo la Sciara del Fuoco. Violente sequenze esplosive, come quella descritta e classificate come esplosioni maggiori, si sono verificate anche di recente, lo scorso 18 e 7 marzo, e nel corso del 2017, il 1 dicembre, il 1 novembre , il 23 ottobre e il 26 luglio. Si tratta di esplosioni più violente di quelle dell’attività stromboliana ordinaria, durante le quali viene emesso materiale grossolano e cenere, che ricade in zona sommitale. Questi eventi, occasionali e imprevedibili, interrompono bruscamente l’attività stromboliana ordinaria. Fanno comunque parte della fenomenologia vulcanica tipica dell’attività sommitale di Stromboli, caratterizzata da esplosioni di variabile energia. L’attività dello Stromboli è continuamente monitorata dall’INGV mediante le sue Sezioni di Catania, Napoli e Palermo.

Posted in Cronaca/News, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il voto dei molisani: una diversa lettura

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

di Luigi Di Maio. Voglio dire grazie ad Andrea Greco per l’impegno e la passione con cui ha portato avanti una campagna elettorale non facile. Il MoVimento 5 Stelle si è presentato da solo mentre dall’altra parte c’erano grandi ammucchiate che ora rischiano di sciogliersi come neve al sole, come la Sicilia insegna, e che difficilmente potranno lavorare per il bene dei molisani.
Donato Toma era sostenuto da una coalizione composta da 9 liste, di queste nemmeno una è riuscita a raggiungere il 10% dei voti. I partiti che insieme rappresentano il centrodestra a livello nazionale – Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia – insieme superano appena il 22%.
Il nostro Andrea Greco, da solo, supera il 38%. Il MoVimento 5 Stelle si conferma anche in Molise prima forza politica della Regione. Questo risultato è la dimostrazione che una larga parte del Paese ci chiede con forza di archiviare la vecchia politica e di far partire un governo del cambiamento. Non intendo lasciare questa richiesta inascoltata. Rimaniamo concentrati su questo obiettivo, fiduciosi di poter arrivare a dare al Paese un governo che finalmente lavori per i cittadini.(fonte: blog delle stelle)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una nuova generazione di talenti splende al Lac

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Lugano (Svizzera) 25 aprile / 16 e 23 maggio 2018 LuganoMusica propone, fra aprile e maggio, tre concerti con giovani protagonisti scelti fra i talenti emergenti più significativi nel panorama attuale degli strumenti ad arco.
Il primo appuntamento è per il 25 aprile con il violinista ventiseienne Marc Bouchkov. Nato nel 1991 in una famiglia di musicisti, suo maestro e mentore è stato Boris Garlizky. Bouchkov è risultato vincitore del prestigioso premio Regina Elisabetta di Bruxelles e del concorso internazionale di Montréal; nel 2014, su invito di Mariss Jansons, ha debuttato al Concertgebouw di Amsterdam, mentre nel 2016 ha calcato per la prima volta il prestigioso palcoscenico della Wigmore Hall di Londra. Convinto dell’importanza di stabilire un forte contatto emotivo con il pubblico durante le esecuzioni dal vivo, Bouchkov sa trovare un mirabile equilibrio fra le esigenze di rispetto della partitura e di autenticità dell’interpretazione, che si nutrono della conoscenza del contesto storico in cui una pagina musicale è nata, e la forza pura dell’espressione, affidata alle corde e all’arco del suo violino, un prezioso Vuillaume del 1865. Al LAC il giovane violinista sarà accompagnato dal pianista Christopher Park in un programma che si snoda su tre secoli. Il classicismo viennese sarà rappresentato dalla Sonata n. 17 in do maggiore di Mozart e dalla Sonata n. 7 in do minore op. 30 n. 2 di Beethoven; la grande stagione romantica tedesca dalla Sonata n. 1 “Regensonate” di Brahms. Non mancherà un capolavoro del Novecento, la Sonata in sol minore di Claude Debussy, estrema testimonianza del lavoro del grande maestro francese, già minato dal cancro e tormentato dalla divampante prima guerra mondiale.
Dal violino si passa quindi al violoncello: il 16 maggio è la volta di Christophe Croisé, classe 1993. Nato a Basilea e formatosi a Berlino con Wolfgang Emanuel Schmidt, Croisé si è perfezionato con maestri quali Steven Isserlis, Michael Sanderling, David Geringas, Walter Grimmer, Frans Helmerson. Alla giovanissima età di 17 anni ha debuttato alla Carnegie Hall di New York, dove è poi tornato in diverse occasioni; si è inoltre esibito alla Tonhalle di Zurigo, alla Wigmore Hall di Londra, a Vienna, Monaco, San Pietroburgo, Lucerna. Come camerista ha lavorato con Dmitri Sitkovetsky, Mayuko Kamio, Oliver Schnyder, Oxana Shevchenko (con la quale ha inciso il suo primo cd nel 2015), Lorenzo Soulès e con Alexander Panfilov, suo partner nel concerto al LAC. Vincitore di numerosi concorsi internazionali, è stato insignito del titolo di Ambasciatore per la Svizzera nel 2017. Con il suo violoncello Goffriller del 1712, Croisé offrirà al pubblico di Lugano un programma di intenso fascino, muovendo dalle brume romantiche della Sonata n. 1 in mi minore di Brahms, per arrivare alla Russia contemporanea con Prokofiev (Sonata op. 119) e con l’autore vivente Rodion Ščedrin, di cui presenterà una pagina che per molti sarà certamente un primo ascolto, dal titolo “Nello stile di Albeniz”. Completerà il programma il virtuosistico “Pezzo capriccioso” op. 62 di Ciaikovskij.
Il trittico Nuova Generazione si conclude il 23 maggio con la violoncellista ventiseienne Harriet Krijgh. Olandese, si è formata a Utrecht per poi studiare al Conservatorio di Vienna e all’Accademia di Kronberg. Grazia ed espressività sono doti che rendono i suoi concerti esperienze memorabili. Negli ultimi due anni Harriet Krijgh ha debuttato in sale prestigiose quali la Boston Symphony Hall (con Andris Nelsons), la Carnegie Hall, il Lincoln Center, il Musikverein di Vienna. Ha avuto l’occasione di suonare con la London Philharmonic Orchestra e di effettuare un tour con la Academy of St Martin in the Fields diretta da Sir Neville Marriner. Suona in quartetto con Baiba e Lauma Skride e con Lise Berthaud, e si è esibita con il Signum Saxophon Quartet ed il Pavel Haas Quartet. Nel giugno del 2017 è stata nominata direttore artistico del Festival Internazionale di Musica da Camera di Utrecht; dal 2012 ha fondato il festival “Harriet & Friends” che si svolge ogni estate a Feistritz. Ha inciso fra l’altro i concerti di Haydn per l’etichetta Capriccio e le sonate per violoncello di Brahms e Rachmaninov. Suona un Maggini del 1620. Accompagnata al pianoforte da Magda Amara, la violoncellista olandese proporrà la Sonata n. 3 in la maggiore di Beethoven, la Sonata in sol minore op. 19 di Rachmaninov e le energiche Danze Rumene di Bela Bartok. Biglietti: Fr. 22.- / 13.20 http://www.luganomusica.ch

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

More than half of heart patients continue smoking after hospitalisation

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Ljubljana, Slovenia More than half of heart patients continue smoking after hospitalisation, according to results of the EUROASPIRE V survey presented today at EuroPrevent 2018, a European Society of Cardiology congress.1 Nearly half of obese patients have no plans for weight loss.EUROASPIRE is a series of cross sectional surveys on cardiovascular prevention in Europe that are conducted under the ESC’s EORP initiative.2 EUROASPIRE V examined cardiovascular risk factors in 8,261 patients with established coronary heart disease from 27 countries during June 2016 to September 2018. Patients were interviewed and clinically examined six months to two years (median 1.12 years) after hospitalisation for an acute coronary event or coronary revascularisation.
Nearly one in four patients (26%) in the study were women, the average age of all study participants was 64 years, and one-third were under 60 years old.
One year after their heart attack, more than half (55%) of the patients who were smokers before hospitalisation were still smoking (almost one-fifth of all study participants)Professor Kornelia Kotseva, chair of the EUROASPIRE Steering Committee from Imperial College London, UK, said: “Smoking is still a major problem in patients who have been hospitalised for heart disease, especially in younger patients.” Some 38% of patients were obese (body mass index 30kg/m2 or higher), with levels ranging from 16% in Serbia to 47% in Lithuania. Of those who were obese, 45% had no plans for weight loss and 25% had never been told they had a weight problem. More than half of patients (59%) were centrally obese (waist circumference 88 cm or greater in women and 102 cm or greater in men).
The prevalence of high blood pressure (140/90 mmHg or above, and 140/80 mmHg or above in patients with diabetes) was 46% (range 31–57%), while 12% of patients had blood pressure 160/100 mmHg or above. Antihypertensive drugs were used in 78% of patients (range 49–83%), of whom 49% had controlled blood pressure (less than 140/90 mmHg, and less than 140/80 mmHg in patients with diabetes).Some 29% of patients reported that they had diabetes, but only 54% of these patients had HbA1c less than 7%, meaning their diabetes was well controlled. In addition to those with known diabetes, an oral glucose tolerance test revealed that 12% of patients had newly detected diabetes, 18% had impaired glucose tolerance, and 10% had impaired fasting glycaemia.Less than half (46%) of patients had been advised to attend cardiac rehabilitation programmes (range 0–84%), and only 32% attended at least half of the sessions. Professor Kotseva said: “Some countries do not have any programmes on secondary prevention and rehabilitation while in others they are standard practice. Most patients follow advice to attend such programmes so the challenge is to achieve wider availability and access for all patients across Europe.”
Professor David A. Wood, Principal Investigator of EUROASPIRE from Imperial College London, said multidisciplinary, comprehensive prevention programmes were needed for all patients with coronary heart disease. He said: “We need multidisciplinary teams to address lifestyle, risk factor management and the effective use of cardioprotective drug therapies.” (Authors: ESC Press Office)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Patient immune response could potentially prevent heart failure

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Vienna, Austria. Patients’ own immune response has the potential to prevent the development and progression of heart failure, according to research presented today at Frontiers in CardioVascular Biology (FCVB) 2018, a European Society of Cardiology congress.1 The study found antibodies in the plasma and heart muscle of end-stage heart failure patients. “The role of the immune response in the development of heart failure is unknown,” said Patricia van den Hoogen, a PhD student at the University Medical Centre Utrecht / Netherlands Heart Institute in Utrecht, the Netherlands. “We investigated the immune response in patients with end-stage heart failure to see if this might be a new target for treatment.” This study looked at whether patients with end-stage heart failure show signs of inflammation. After a heart attack, inflammation, which is the body’s normal immune response to injury, clears dead cells and other resulting debris. Heart attacks damage the heart muscle and may eventually lead to heart failure, which is a progressive disease. For patients with end-stage heart failure, heart transplantation may be the only treatment option. The study included 20 patients with end-stage heart failure and three healthy controls. Heart failure was caused by ischaemic heart disease (heart attack) in ten patients and by dilated cardiomyopathy in ten patients. The researchers analysed heart tissue and plasma samples to see which antibodies and other immune cells were present. Next they tested the samples with different epitopes to see if they could find the targets of the antibodies.The investigators found increased levels of antibodies in the heart and plasma of end-stage heart failure patients compared to healthy controls .Interestingly, antibody levels were higher in patients with ischaemic heart failure compared to those with dilated heart failure. Levels of other types of immune cells, including T cells, B cells, and macrophages, were significantly higher in the heart tissue of heart failure patients compared to healthy controls. In the plasma, heart failure patients had different types of B cells than healthy controls. Specifically, heart failure patients had more plasma B cells, which produce antibodies, and fewer regulatory B cells, which are immunosuppressive.The epitope screening to identify antibody targets is ongoing. Based on their initial results, the researchers have selected 200 epitopes for follow-up studies. Ms van den Hoogen said: “We observed more inflammation in patients with end-stage heart failure than in healthy people. Heart failure patients had higher levels of antibodies, and more of the cells that produce antibodies. This suggests that the inflammatory response is activated and might play an important role in heart failure.” “These patients were in the final stage of heart failure,” she added. “In future studies we will investigate whether there is an inflammatory response in the early phase of heart failure, and whether the response becomes more pronounced as heart failure worsens.” She concluded: “We now know there is an inflammatory response in patients with end-stage heart failure. This paves the way for creating new therapies to prevent the development or progression of heart failure by targeting the immune response. If we identify the targets of the antibodies through our epitope screening, personalised treatments could be designed.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I trend, i mercati asiatici e l’innovazione i focus della 69° Assemblea Fruitimprese

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Nell’ambito dell’annuale Assemblea Fruitimprese, Associazione Imprese Ortofrutticole, si discute di “Innovazione e competitività nel mercato internazionale”. L’evento, promosso in collaborazione con International Paper, Unitec e Euler Hermes – moderato dal giornalista Rai Franco Di Mare – intende analizzare i nuovi scenari geopolitici internazionali, le opportunità offerte all’ortofrutta italiana dai mercati asiatici e il loro impatto sulle attività e le strategie delle aziende. Dai dati diffusi da Fruitimprese, nel 2017 l’export di ortofrutta italiana è salito al valore record di 4,9 miliardi di euro (+3% sull’anno precedente). Una performance che colloca l’ortofrutta al secondo posto, dopo il vino, nel ranking dei settori dell’agroalimentare “Made in Italy” più esportati.Se l’Europa si conferma il core business per gli esportatori di ortofrutta tricolore, molti segnali portano gli operatori a guardare anche a Oriente. Lo sottolinea nel suo intervento la Prof. Alessia Amighini, Co-direttore dell’Osservatorio Asia Aspi e docente all’Università Orientale del Piemonte, concentrandosi sulle potenzialità del settore frutticolo. Tra i trend più significativi, Amighini rileva uno spostamento dei consumi verso la frutta con un’immagine più naturale e fresca, compresa quella congelata (la cui domanda nell’ultimo decennio è cresciuta del 5% all’anno) e un forte sviluppo del segmento bio e dei “superfood”. Rilevante il ruolo della Cina, che ha rapidamente ampliato le importazioni ed esportazioni di frutta fresca e trasformata. Nel 2017, l’export agroalimentare italiano verso la Cina è cresciuto del 15% e l’Italia è il primo paese europeo esportatore di frutta verso quel grande mercato. In prospettiva emergono almeno due fattori-chiave: la lotta sui dazi commerciali tra Pechino e Washington e le nuove rotte ferroviarie, in particolare il nuovo collegamento tra Mortara (Pavia) e Chengdu (Sichuan), che toccherà paesi a elevato potenziale di crescita.Marco Salvi, presidente Fruitimprese, tratteggia lo scenario economico nel quale operano le imprese associate, non privo di problematiche ma anche interessanti opportunità. Per coglierle è fondamentale investire innanzitutto in innovazione. Un ruolo centrale per il settore ortofrutticolo è senza dubbio rappresentato dalle politiche comunitarie della nuova PAC (Politica Agricola Comune) 2020/2027 e quindi dalle OCM (Organizzazioni Comuni del Mercati agricoli), tra cui quella ortofrutticola. In sede comunitaria si sta lavorando a ritmi serrati, sulla scia dell’approvazione della parte agricola del Regolamento Omnibus, che revisiona medio termine la politica europea 2014/2020.“Per competere nel settore ortofrutticolo – conferma l’Onorevole Paolo De Castro, Vice Presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, chiamato ad affrontare il tema degli accordi di mutuo riconoscimento per l’apertura dei nuovi mercati – non basta avere prodotti di qualità ma è fondamentale poter contare su un’adeguata organizzazione commerciale, che in Italia è l’aspetto su cui sicuramente dobbiamo puntare di più e che è ciò su cui da tempo Fruitimprese lavora. In questo senso il regolamento Omnibus, entrato in vigore a gennaio di quest’anno, ha sicuramente segnato alcuni passi avanti importanti, come per esempio le regole sulla concorrenza, ma ovviamente a questo si deve affiancare l’impegno degli imprenditori”.Sul fronte export, prosegue Salvi, il settore ortofrutticolo è in salute: basti citare il saldo attivo di oltre un miliardo della bilancia commerciale. L’innovazione è la chiave di volta, a patto che riguardi tutti i segmenti della filiera, dalla produzione alla promozione. Questo significa lavorare sulle varietà e qualità per distinguersi sui mercati internazionali, sulla valorizzazione di alcune specie, ma anche su logistica e commerciale.A completare il quadro, gli interventi di Raffaele Borriello, Direttore Generale Ismea, incentrato sul sostegno finanziario all’internazionalizzazione delle imprese italiane.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alluvioni in Kenya

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Piogge battenti e improvvise inondazioni nel nord del Kenya hanno distrutto le abitazioni e costretto migliaia di persone a sfollare, mentre decine di migliaia sono esposte al rischio di contagio delle infezioni trasmesse dall’acqua, come il colera, in un’area che comprende anche Dadaab, uno dei campi profughi più grandi al mondo.Nella contea di Madera, 750 abitazioni sono state spazzate via dall’acqua e 4.500 persone sono sfollate, e molte comunità nella contea di Turkana si ritrovano isolate senza soccorsi e aiuti a causa della distruzione di un ponte. Nel campo di Dadaab, dove vivono quasi 250.000 rifugiati, principalmente somali, la metà dei quali sono bambini, e dove si registrano ancora nuovi arrivi dal confine, si stanno facendo le stime dei ricoveri distrutti e molti rifugiati si sono raccolti nelle scuole per sfuggire al continuo aumento dell’acqua alta. “Le latrine a fossa che si trovano nel campo sono strabordate diffondendo il rischio di contagio del colera, perché i bambini giocano nell’acqua infetta senza sapere che potrebbe essere fatale. Le alluvioni stanno portando via tutto, abitazioni e bestiame, e le famiglie sono senza rifugio e cibo,” ha dichiarato Caleb Odhiambo, Area Manager di Save the Children’s a Dadaab.
Queste alluvioni giungono dopo un lungo periodo di siccità assoluta nel Corno d’Africa che ha decimato il bestiame e le fonti di sostentamento, lasciando 3,4 milioni di persone in Kenya, un paese che ospita 309.000 sfollati e 489.000 rifugiati, alle prese con una grave insicurezza alimentare. “I rifugiati a Dadaab si sentono condannati al peggio, perché la siccità toglie loro il cibo e queste piogge battenti e improvvise producono il disastro. Piegate dalla siccità, le comunità nel nord del Kenya hanno pregato invocando l’acqua, ma i cambiamenti climatici, la desertificazione e la deforestazione hanno eroso il terreno in vaste aree, impedendo a qualunque cosa di crescere. In assenza degli alberi che assicurerebbero l’umidità del terreno, le piogge battenti possono essere disastrose al pari della siccità, perché l’acqua invece di essere assorbita dal terreno porta via la terra e tutto quello che c’è.” “Siamo preoccupati anche per l’impatto negativo sull’educazione, perché in questi casi di grave emergenza le scuole sono l’unico rifugio possibile per le famiglie e le lezioni vengono sospese per lunghi periodi, mentre bisogna garantire la continuità dell’insegnamento per i bambini.”
Le Organizzazioni umanitarie presenti nel campo stanno anche faticando a far fronte alla riduzione dei fondi, che ha costretto a metà dello scorso anno Save the Children a limitare i suoi interventi, e l’agenzia ONU World Food Program a tagliare del 30% la distribuzione delle razioni di cibo.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Carte di identità: abbiamo tecnologia innovativa, applichiamola sia nei Comuni che nei Consolati

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

La Commissione Europea ha recentemente rilasciato il nuovo pacchetto sicurezza per garantire maggior controllo sul territorio dell’Unione e presso le frontiere. Il Commissario agli Affari Interni ha inoltre indicato l’Italia come il Paese meno in linea con i più avanzati sistemi di tutela dell’identità.“Seppur è di certo condivisibile l’indirizzo ad abbandonare quanto prima possibile i documenti di identità cartacei, evidente punto debole del sistema di tutela dell’identità – ha dichiarato l’on. Nissoli (FI) – voglio però confermare che l’Italia è, invece, tra i Paesi più avanzati nell’adozione di documenti di sicurezza biometrici quali il passaporto elettronico, il permesso di soggiorno elettronico e la nuova carta di identità elettronica. Ritengo quanto mai opportuno quindi proporre l’Italia come esempio da seguire anche da parte degli altri Paesi europei e confermo anche in questa Legislatura tutto il mio impegno per far sì che lo sviluppo digitale dello Stato progredisca con l’obiettivo di affermare la sicurezza, la razionalizzazione dei costi della pubblica amministrazione e il miglioramento dei servizi ai nostri connazionali, anche all’estero. La tecnologia, sicuramente, potrà aiutare anche a mettere in sicurezza il voto nella Circoscrizione Estero”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rocío Muñoz Morales al timone di Ballando con le stelle Spagnolo

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Rocío Muñoz Morales la bellissima attrice e modella, tra i protagonisti del film dal 25 Aprile in sala “Tu mi nascondi qualcosa”, sta per tornare nella sua terra, in Spagna, al timone del programma di punta della prima rete televisiva RTVE, Bailando con las estrellas. Dopo aver partecipato come super ospite a Ballando con le Stelle in Italia su Raiuno proprio qualche settimana fa in coppia con il suo compagno Raoul Bova, Rocio calcherà il palco della versione spagnola del popolare programma ma questa volta in veste di conduttrice. L’attrice ha dichiarato: “Amo l’Italia e la mia casa ormai è a Roma, l’Italia continua a regalarmi tanta fortuna sia in amore che nella mia mia professionale. Proprio in questi giorni uscirà un mio nuovo film al cinema dal titolo “Tu mi nascondi qualcosa” e la mia simpatica partecipazione come doppiatrice per il film americano “ Show Dogs”. Questa nuova avventura in Spagna però mi rende particolarmente felice perchè mi riporta vicino la mia famiglia ed è un pò come tornare alle radici, in un programma che in qualche modo mi ha lanciato nel mondo dello spettacolo quando ero ancora una ragazzina”La televisione spagnola insieme a Gestmusic Endemol presenta quello che promette essere il programma rivelazione di questa primavera. Format internazionale di grandissimo successo, la versione spagnola di Ballando con le stelle partirà nel mese di maggio e conterà anche sulla partecipazione del presentatore Roberto Leal.
Rocío non è nuova al mondo della danza. Sempre in Spagna infatti ha mosso i suoi prima passi a livello televisivo come ballerina e insegnante nel programma Mira Quién Baila. In Italia si è fatta apprezzare e amare dal grande pubblico per il suo ruolo nella serie record di ascolti di Rai1 A un passo dal cielo, oltre che ad aver partecipato per ben due edizioni con Carlo Conti al Festival di Sanremo. Attrice di teatro e cinema e adesso nuovamente conduttrice.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Medical Devices and clinical investigations

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Milan May, 9th 2018 – Piazza Borromeo 12, 17:30 – 19:00 Seminar. This seminar is aimed at medical device and medical technology companies or organisations that are planning to develop new medical devices that will need to undergo clinical investigations.
The seminar will explore the new trends with respect to clinical investigations on medical devices in the light of the application of the EU medical devices regulations.We will discuss the main challenges to be faced by companies in order to comply with the new regulations, both in Italy and in the UK, whilst considering the context of the evolving legal and regulatory landscape (e.g., recent legislative changes to the ethics committees system in Italy, Brexit, etc.). Moreover, we will provide recommendations in relation to clinical investigation contracts and the processing and possible uses of patients’ sensitive personal data.The Portolano Cavallo’s Life Sciences team will discuss with Richard Dickinson and Jackie Mulryne from the EU life sciences London based practice of Arnold & Porter.This seminar will be held in English.This event has limited seating.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma sbloccato concorso, assumiamo 350 vigili

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

“Dal 1 giugno per le strade di Roma ci saranno 350 vigili in più. Assunzioni che daranno nuova linfa al corpo di Polizia locale di Roma Capitale”. Così in una nota la Sindaca di Roma Virginia Raggi. “Da quando ci siamo insediati ci siamo messi subito al lavoro per risolvere la vicenda del concorso, rimasto incagliato tra ricorsi e ritardi delle precedenti amministrazioni. Dopo sette anni di stallo abbiamo finalmente sbloccato le nuove assunzioni. Il 23 e 24 maggio i vincitori del concorso saranno convocati per la firma del contratto. Il 1 giugno prenderanno servizio nella nostra città. Avranno il compito di presidiare le strade, garantire sicurezza e maggiore decoro”, spiega.“Ogni giorno i vigili svolgono un ruolo importantissimo e sono in prima linea per risolvere le criticità che ha una città grande e complessa come Roma. Con queste 350 nuove assunzioni diamo una boccata d’ossigeno al Corpo ma soprattutto una risposta concreta a quanto chiedono da tempo i cittadini”, conclude Raggi.“L’arrivo dei 350 nuovi agenti è solo l’inizio di un piano di potenziamento del corpo della Polizia Locale. Il piano assunzionale già approvato dalla Giunta Raggi prevede per il 2019 l’assunzione di ulteriori 300 agenti. È ferma intenzione dell’Amministrazione proseguire anche negli anni successivi al rafforzamento del Corpo per il rilancio dei servizi da offrire alla città”, commenta il delegato della Sindaca al Personale Antonio De Santis.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quanto costa fare lo studente in città?

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

A Napoli le stanze più economiche. Roma la più conveniente per mangiare e bere. Padova la più cara per i trasporti e Pisa per il vitto. Vitto, alloggio, bevande e trasporto urbano, Uniplaces, piattaforma digitale per gli affitti a studenti con oltre 50.000 annunci online, presenta i dati relativi al costo della vita nelle principali città universitarie italiane.
Costano quasi quanto un appartamento nelle città ‘non universitarie’. Il prezzo medio mensile di una camera a Napoli (307€) è quasi la metà rispetto ai prezzi di Milano (610€). Mentre tra le più care ci sono Roma (530€) e Firenze (520€). All’ombra della torre pendente, il prezzo medio per il vitto è il più alto. Il costo medio per mangiare ogni mese a Pisa è di 316€, seguita da Firenze (285€) e Bologna (283€). La città più conveniente in assoluto, relativamente a questo tipo di spesa, è la capitale: Roma 251€.
Meglio ordinarla nella capitale, considerato che il costo medio per una singola birra a Roma è di appena 1,10€. La città più cara in questo caso è Padova con 1,50€. In gran parte delle altre città esaminate la cifrà si attesta attorno a 1,40€.
La forbice del prezzo mensile per viaggiare in città va dai 27€ di Pisa, la più economica, ai 39€ di Padova, la più cara. Mentre a Milano, Roma e Firenze il costo medio è di 35€, Bologna 36€ e Napoli 37,5€.Nelle città italiane una stanza costa mediamente 441€, circa 170€ in meno rispetto alla città universitaria più cara, Milano. Riguardo alla spesa mensile per il vitto, la media nazionale è di 259€, poco sopra Roma, la più economica. Il costo medio di una birra è di 1,27€, inferiore alla maggior parte dei prezzi nelle varie città considerate. Infine il prezzo medio mensile per il trasporto urbano è di 35€.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anziani autosufficienti e non

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

In Europa l’8,8% degli over 65 ha difficoltà a svolgere attività quotidiane come mangiare o vestirsi. In Italia questa quota è più alta, siamo all’11,2%. Pur essendo il secondo paese al mondo per longevità siamo soltanto 11esimi in Europa per aspettativa di vita senza limitazioni fisiche. Questo significa che in Italia si vive più a lungo ma peggio a livello fisico. “In 10 anni gli anziani tra i 65 e i 74 anni saranno 6,5 milioni e oltre il 90% dei pensionati attuali – commenta Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale di DOMINA, Associazione Nazionale Famiglie Datori di Lavoro Domestico – non è in grado di far fronte alle spese di assistenti familiari full-time”. Per una badante convivente i costi annuali oscillano tra i 16.000,00 (54 ore livello CS) e i 21.000,00 Euro se la badante è formata (54 ore livello DS). “I dati dell’Osservatorio nazionale sulla Sanità delle regioni italiane – prosegue Gasparrini – delineano un sistema debole che non è in grado di far fronte alla richiesta di assistenza di lungo periodo. Bisogna intervenire con progetti di aiuto alle famiglie datori di lavoro domestico che rendano sostenibile il costo dell’assistenza negli anni”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

No alla propaganda di guerra turca in Germania!

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha chiesto un divieto per iniziative di propaganda elettorale di politici turchi in Germania. L’APM parte dal presupposto che l’occupazione turca della regione kurda di Afrin in Siria possa giocare un ruolo centrale nella propaganda elettorale del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, il quale, proprio per approfittare dell’attuale “entusiasmo pro-bellico” diffuso in Turchia, ha fatto anticipare le elezioni. Oltre che nel proprio paese, la campagna elettorale dell’establishment turco prevede iniziative anche in Germania tra i molti residenti di origine turca con diritto di voto in Turchia. Per l’APM non è ammissibile che le istituzioni tedesche permettano lo svolgimento di iniziative che glorificano crimini di guerra e l’occupazione illegale secondo il diritto internazionale condotta dalla Turchia ad Afrin. Secondo l’APM, l’illegalità e la violenza messa in atto dal regime turco non può essere accettata con il pretesto della democrazia e della libertà di espressione.
La guerra di aggressione della Turchia ha causato l’ulteriore destabilizzazione e il massiccio aumento di violenza in Siria. Più di 200.000 persone sono dovute fuggire dai carri armati turchi e dalla violenza messa in atto dalle forze turche e dai loro alleati. L’Europa a sua volta si trova ad accogliere nuovi profughi e a sostenere le spese per l’assistenza di cui i profughi hanno bisogno. Sarebbe davvero folle e controproducente premiare un guerrafondaio permettendogli di fare campagna elettorale in Germania e dandogli la possibilità di guadagnare consensi grazie ai crimini commessi.Nella guerra di aggressione ad Afrin avviata nel gennaio 2018, l’esercito turco e le milizie radical-islamiche alleate hanno attaccato l’ospedale di Afrin, bombardato civili in fuga e messo sotto assedio la città di Afrin per settimane. Si tratta di gravi crimini di guerra e di crimini contro l’umanità. Anche nel loro ruolo di forza occupante, le forze turche e le milizie alleate violano i fondamentali diritti umani della popolazione civile, commettono saccheggi, distruggono monumenti e cimiteri kurdi e hanno proibito l’uso della lingua kurda nella vita pubblica. I cristiani e gli yezidi temono ancora una volta per la loro vita, le milizie radical-islamiche obbligano la popolazione civile a seguire la sharia e le donne subiscono ancora una volta la forte e violenta limitazione dei loro diritti.

Posted in Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ciclo di concerti “Nuova Generazione”

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Lugano (Svizzera) Mercoledì 25 aprile prenderà inizio il ciclo di concerti “Nuova Generazione” che LuganoMusica dedica a giovani talenti emergenti. Per la stagione 2018, l’attenzione è tutta rivolta agli strumenti ad arco.
Protagonista del primo concerto nel Teatro Studio del LAC alle ore 20.30 sarà il violinista ventiseienne Marc Bouchkov, vincitore del premio Regina Elisabetta di Bruxelles, mentre i due successivi concerti vedranno sul palco due violoncellisti: Christophe Croisé (16 maggio), che a ventiquattro anni ha già calcato palcoscenici come la Carnegie Hall e la Tonhalle di Zurigo, e Harriet Krijgh (23 maggio), ventisei anni, apprezzata come solista con orchestre quali la London Philharmonic e la storica Academy of Saint Martin in the Fields.
Il violinista ventiseienne Marc Bouchkov, protagonista del primo concerto, il 25 aprile, è nato nel 1991 in una famiglia di musicisti, suo maestro e mentore è stato Boris Garlizky. Bouchkov è risultato vincitore del prestigioso premio Regina Elisabetta di Bruxelles e del concorso internazionale di Montréal; nel 2014, su invito di Mariss Jansons, ha debuttato al Concertgebouw di Amsterdam, mentre nel 2016 ha calcato per la prima volta il prestigioso palcoscenico della Wigmore Hall di Londra. Convinto dell’importanza di stabilire un forte contatto emotivo con il pubblico durante le esecuzioni dal vivo, Bouchkov sa trovare un mirabile equilibrio fra le esigenze di rispetto della partitura e di autenticità dell’interpretazione, che si nutrono della conoscenza del contesto storico in cui una pagina musicale è nata, e la forza pura dell’espressione, affidata alle corde e all’arco del suo violino, un prezioso Vuillaume del 1865.
Al LAC il giovane violinista sarà accompagnato dal pianista Christopher Park in un programma che si snoda su tre secoli. Il classicismo viennese sarà rappresentato dalla Sonata n. 17 in do maggiore di Mozart e dalla Sonata n. 7 in do minore op. 30 n. 2 di Beethoven; la grande stagione romantica tedesca dalla Sonata n. 1 “Regensonate” di Brahms. Non mancherà un capolavoro del Novecento, la Sonata in sol minore di Claude Debussy, estrema testimonianza del lavoro del grande maestro francese, già minato dal cancro e tormentato dalla divampante prima guerra mondiale. Biglietti: Fr. 22.- / 13.20.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Riscoprire che la comunicazione coinvolge persone concrete, non masse”

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Roma. Crescere nella comprensione e nel rispetto nel campo della comunicazione pubblica, come chiede Papa Francesco, significa innanzitutto rendersi conto che questo lavoro “coinvolge persone con nome e cognome” e non “masse”. Così il Prelato dell’Opus Dei e Gran Cancelliere della Pontificia Università della Santa Croce, mons. Fernando Ocáriz, a chiusura dell’XI Seminario professionale sugli Uffici di comunicazione della Chiesa, promosso dalla Facoltà di Comunicazione sul tema del “Dialogo, rispetto e libertà di espressione nella sfera pubblica”.Vi hanno partecipato 400 persone di vari Paesi, tra professionisti della comunicazione, direttori e responsabili di uffici stampa di Diocesi, Conferenze episcopali e altre realtà ecclesiali, docenti universitari e giornalisti.Tra le tematiche affrontate, anche quelle recenti della post-verità e delle fake news. A questo proposito, mons. Ocáriz ha ricordato come di fronte al proliferare di notizie false, avere comprensione e rispetto significhi “rinnovare la professione dell’informazione dall’interno”, approfondendone “la dimensione di servizio”, proprio perché “una persona ben informata è una persona più libera e responsabile” e perciò “capace di agire nella società in maniera solidale”.
Riguardo al dialogo, per il Prelato dell’Opus Dei occorre nutrire il desiderio di “capire gli altri, di comprendere i loro punti di vista”, in modo da scoprire “aspetti concreti che non erano stati presi in considerazione” e così perfezionare le proprie proposte e rendersi più comprensibili.Un ultimo aspetto evidenziato da mons. Ocáriz è quello della necessità – soprattutto in un mondo professionale caratterizzato da velocità e immediatezza – di svolgere il proprio compito con “serenità”, la stessa che “ci permette di dare profondità al nostro lavoro, scoprirne la dimensione di eternità e di riposare in Dio.
Tra i relatori di questa edizione del Seminario, Richard R. John, della Columbia Journalism School (New York), Juan Pablo Cannata, dell’Universidad Austral (Argentina), Walter Quattrociocchi, della Ca’ Foscari (Venezia), l’Arcivescovo Primate d’Irlanda Eamon Martin, Margaret Somerville, dell’University of Notre Dame (Australia), Chiara Giaccardi, dell’Università Cattolica (Milano) e Steve William Fuller, dell’University of Warwick (Regno Unito).
I partecipanti hanno ascoltato le opinioni di giornalisti di testate come The New York Times, EWTN, Itar-Tass, e hanno condiviso le esperienze con responsabili di comunicazione ecclesiale di paesi diversi come Francia, Slovacchia, Ucraina e Messico. Mercoledì mattina hanno assistito all’Udienza in Piazza San Pietro con Papa Francesco, che ha rivolto loro un saluto.Nel corso del Seminario è stata anche presentata la “Cattedra Navarro-Valls”, dedicata allo storico portavoce di San Giovanni Paolo II, scomparso il 5 luglio dello scorso anno.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra fotografica “Un percorso nella storia dell’automobile”

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Torino giovedì 3 maggio h 11 inaugurazione della mostra fotografica “Un percorso nella storia dell’automobile”, che rimarrà allestita sotto i portici di via Po a Torino per 45 giorni. All’inaugurazione parteciperà la Sindaca Chiara Appendino, insieme ad Andrea Levy, presidente di Parco Valentino.La mostra sarà composta di pannelli sospesi sotto i portici, ognuno dei quali dedicato a un brand automobilistico. Ciascun supporto vedrà l’anno di fondazione della casa automobilistica, la foto di uno dei primi modelli prodotti e quella del modello più rappresentativo della produzione del 2018. Un percorso che evidenzierà la trasformazione ingegneristica e stilistica del Brand e anche la storia dell’industria automobilistica, che ha ricoperto un’importanza fondamentale nell’economia e nello sviluppo della società moderna.Patrocinata da UNRAE e ANFIA, rappresenta la volontà di Parco Valentino di promuovere la cultura dell’automobile con il pubblico, in un contesto libero e informale come le piazze e le vie delle città. “Un percorso nella storia dell’automobile” sarà una mostra itinerante per l’Italia e nelle prossime settimane sarà allestita nelle seguenti location: Modena via Emilia (1 giugno-1 luglio), Milano, Castello Sforzesco, ottobre 2018; Roma, giugno/luglio; Aeroporto di Torino, 15 maggio-15 giugno insieme ai prototipi di Pininfarina e GFG Style.Contestualmente alla cerimonia d’inaugurazione della mostra, Andrea Levy presenterà la 4ª edizione di Parco Valentino Salone dell’Auto Torino, i protagonisti e il calendario degli eventi di una kermesse che mai come quest’anno coinvolgerà l’intera città con eventi, raduni, passerelle e anniversari che animeranno piazze e vie dal 6 al 10 giugno.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In Italia costi di acquisto degli immobili tra i più bassi d’Europa

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Torino. In Italia i costi correlati all’acquisto della prima casa sono tra i più bassi d’Europa. Lo evince uno studio nato per valutare i costi correlati all’acquisto di una prima casa realizzato da Homstate.it, piattaforma per la vendita immobiliare online senza commissioni.
Ad esclusione delle commissioni d’agenzia che non sono state oggetto di analisi perché stanno variando molto con l’ingresso sul mercato di operatori online come Homstate.it, che puntano ad industrializzare il processo di commercializzazione con tariffe fisse low cost, sono stati analizzati i costi accessori per l’acquisto di un immobile come l’onorario notarile, le imposte di registro e le altre tasse e diritti correlati.Oggi un compratore che intende acquistare una prima casa usata deve calcolare mediamente spese accessorie nell’ordine del 3% del valore dell’immobile per far fronte a imposta di registro,
tassa d’archivio, imposta ipotecaria, imposta catastale, onorario notarile, contributo Cassa Nazionale Notariato, C.N.N., tassa consigliare e visure.L’onorario notarile viene calcolato sulla base del prezzo di vendita e definito in base a degli scaglioni indicati dal Notariato. Mediamente per un compravendita da 200.000€ l’onorario notarile è compreso tra lo 0,75% e l’1,10% ossia una parcella media di 1.650€, un range che consente ai notai di avere un minimo di discrezionalità in fase di proposta di preventivo.Come emerge dalla ricerca disponibile alla pagina https://www.homstate.it/blog/mercato/505/costi-notaio.html per un immobile adibito a prima casa con un prezzo di 200.000€, senza usufruire del credito d’imposta e senza un mutuo, le spese accessorie sono mediamente di 5.750€.
Ma cosa succede negli altri Paesi d’Europa?La ricerca di Homstate.it si è focalizzata sulla comparazione con altri stati Europei, con una serie di limiti dovuti ai diversi meccanismi di calcolo della base imponibile su cui viene richiesta l’imposta di registro.
Sono stati messi a confronto 9 Paesi dove le normative sulla proprietà sono simili. Per l’Italia le imposte di registro sono state calcolate sul prezzo di vendita, ma essendo la base imponibile, la rendita catastale rivalutata, quasi sempre più bassa del prezzo di vendita questo dato è sopravalutato.Primo classificato in Europa è il Lussemburgo che ha notai con costi di stipula bassi e una tassazione agevolata per la abitazione principale da far invidia a tutti.
Grazie al Bëllegen Akt un acquirente ha diritto ad un credito d’imposta di 20.000€ che diventa di 40.000€ se a comprare è una coppia: quando è possibile applicare il Bëllegen Akt l’imposta di registro ha un importo fisso di 100€.Dallo studio emerge anche che gli onorari notarili italiani sono tra i più bassi d’Europa, che pone l’Italia come terzo paese più conveniente dopo Spagna e Portogallo.Da notare che per quanto concerne il Regno Unito l’onorario notarile è stato sostituito con la prestazione professionale dell’avvocato che stipula il contratto.Dallo studio emerge infine che anche sul fronte dell’imposta di registro (tenendo conto che è calcolata sulla rendita rivalutata e del credito d’imposta) è vantaggioso acquistare la prima casa in Italia rispetto al resto d’Europa.Tra i Paesi con i costi più elevati emergono infine Grecia, Francia e Spagna.Secondo Ivan Laffranchi, ceo di Homstate che ha realizzato lo studio, “Ad esclusione del Lussemburgo, che conferma anche nel settore immobiliare tutti i suoi vantaggi fiscali, l’Italia è un Paese dove i costi per l’acquisto della prima casa sono interessanti, con tariffe notarili tra le più basse d’Europa, ma con un elevato livello di sicurezza sulle transazioni immobiliari”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Street Dance italiana

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

Roma Sabato 28 Aprile alle 21:00 le migliori Crew italiane si affronteranno sul palco del Teatro Olimpico di Roma per guadagnare la vetta della Street Dance italiana e conquistare un posto al World Hip Hop Dance Championship (Phoenix, USA, 6-11 agosto), la celebre competizione mondiale prodotta dai creatori del talent America’s Best Dance Crew.In un percorso che guida ogni anno i danzatori italiani verso la platea internazionale, le migliori ventiquattro Crew italiane, scelte attraverso una serrata selezione pomeridiana, si ritroveranno per una serata di grande spettacolo e competizione condotta dal rapper RIDO (già alla guida di Rapture / All Music, poi autore di The Flow / Deejay TV).
Suddivise in quattro categorie – Junior (7-12), Varsity (13-17 anni), Adult (18+) e Megacrew – le Crew si sfideranno con performance originali per mostrare il meglio della street dance “made in Italy” davanti a una giuria internazionale composta da alcune star del settore. Ospite d’onore la statunitense AMARI MARSHALL, già danzatrice per Lady Gaga e innumerevoli festival, show televisivi e video musicali, docente al Movement Lifestyle Studio e al Debbie Reynolds Dance Studio di Los Angeles. Ben tre gli ospiti dalla Francia: DOMINIQUE LESDEMA, danzatore e coreografo per la tv francese e docente presso lo Studio Heart Point di Parigi di sua fondazione; FUNKY-J, professionista del Lockin’ e docente presso la Paris Dance School, vincitrice di moltissime competizioni nel mondo; JOEL, fondatore della crew 9-1PACT e finalista nel 2013 al World Hip Hop Dance Championship. Ancora dagli USA, ZULU GREMLIN, icona della cultura Hip Hop delle origini, coreografo per il cinema (“Step Up”) e danzatore per alcuni big della musica (Justin Bieber, Rihanna); dall’Italia SWAN, uno dei più importanti rappresentanti del Poppin’ e del Lockin come ballerino, insegnante e coreografo in Europa.
Hip Hop International coinvolge ogni anno il meglio della community globale della Street Dance in oltre trenta paesi, svelando al pubblico e all’industria dell’intrattenimento televisivo e dal vivo i migliori talenti emergenti del settore.BIGLIETTI: Teatro Olimpico (06.3265991), circuito VIVATicket, circuito Ticka. http://www.hiphopinternational.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’INGV alla Festa di Scienza e Filosofia 2018

Posted by fidest press agency su martedì, 24 aprile 2018

A Foligno gli esperti INGV, dal 26 al 29 aprile. L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) sarà presente con 7 conferenze alla VIII edizione della “Festa di Scienza e Filosofia – Virtute e Canoscienza” (Foligno 26 – 29 aprile). L’avventura dell’Uomo: da quale passato, verso quale futuro è il tema dell’evento che si concentrerà sulle sfide affrontate in passato e sugli obiettivi ancora da raggiungere, per poter conoscere e riuscire a descrivere le leggi fisiche che governano i fenomeni naturali.Ad aprire la Festa per l’INGV, sabato 28 aprile la conferenza Si possono prevedere i terremoti? a cura del fisico e ricercatore INGV Antonio Piersanti che analizzerà lo stato delle conoscenze e le prospettive delle ricerche, finalizzate alla previsione dei terremoti.
Sempre sabato 28 aprile, le sismologhe INGV Giovanna Cultrera, Maria Grazia Ciaccio e Lucia Margheriti racconteranno come la recente storia di intuizioni, scoperte e metodi di analisi sismologiche possa aiutare a comprendere il fenomeno del terremoto, all’interno della conferenza Cosa ci insegnano i terremoti? Quando il passato aiuta a scoprire il futuro.
A seguire, ancora sabato 28 aprile, il direttore del Dipartimento Vulcani dell’INGV, Augusto Neri, presenterà Vulcani: cosa sappiamo e cosa dobbiamo ancora imparare, un viaggio tra passato e futuro della ricerca e dei metodi impiegati per conoscere i vulcani, i loro precursori e le loro manifestazioni distruttive.
Altri 4 appuntamenti con l’INGV, domenica 29 aprile: Daniela Pantosti, direttrice del Dipartimento Terremoti, inizierà con Geologia del Terremoto: imprevisti che non devono sorprendere. Grazie allo studio di tracce lasciate dagli eventi sismici nel passato è possibile raccontare l’evoluzione nel tempo della deformazione della superficie terrestre, per capire come e dove si potranno verificare nuovi eventi sismici.
Alessandro Amato, responsabile del Centro Allerta Tsunami del Mediterraneo dell’INGV, proseguirà con la presentazione del suo libro Sotto i nostri piedi: storie di terremoti, scienziati e ciarlatani, finalista al Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica 2017.
Oltre ai terremoti e ai vulcani, attraverso le tecniche geofisiche viene monitorato e studiato anche l’ambiente terrestre; con La Geofisica per Ambiente: cosa abbiamo imparato, cosa dobbiamo ancora imparare sarà Leonardo Sagnotti, direttore del Dipartimento Ambiente dell’INGV, a parlare di tempeste magnetiche, inquinamento dell’atmosfera delle acque e del suolo e molto altro.
Concluderà la serie di presentazioni, targate INGV, Carlo Doglioni, Presidente dell’INGV, con la conferenza Gradienti della Terra e non solo: com’è possibile misurare la variazione delle forze presenti all’interno del nostro pianeta e come queste influenzano i tempi e modi con cui manifesta la sua energia? A questi interrogativi e a molti altri ancora risponderà il Presidente dell’INGV, il principale ente di ricerca italiano per lo studio delle geoscienze. (http://www.festascienzafilosofia.it/events/ivano-doglioni-gradienti-della-terra-e-non-solo/)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »