Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 4 agosto 2019

Funzioni Locali, la Corte dei Conti certifica l’abisso economico tra i dirigenti e il resto del personale

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Con la delibera n.21/SEZAUT/2019/FRG la Corte dei Conti ha certificato la spesa per il personale degli enti territoriali nel triennio 2015-2017. Il documento approvato dalla sezione delle Autonomie ha attestato in 14 MLD di euro la spesa complessiva, comprensiva del lavoro flessibile, per il personale nelle funzioni locali che risulta così suddivisa: 2,8 nelle Regioni, 0,9 nelle Province e le Città metropolitane e 10,3 nei Comuni.Il comparto nella sua totalità conta 483 mila unità tra dirigenti, segretari, direttori e lavoratori con qualifica non dirigenziale, di cui 36 mila unità pari al 7,5% hanno un contratto di tipo flessibile.Nel 2017, la spesa media per dipendente regionale ammonta a 34mila euro, a fronte di 27mila relativi al dipendente comunale e di 28mila per il dipendente provinciale. La spesa media per il personale dirigente è di 94mila euro nelle Regioni, 84mila nei Comuni e 103mila nelle Province.Nelle regioni e province autonome aumenta la consistenza dei dirigenti a tempo determinato (+35,63%) con una spesa media totale per la categoria che arriva ad un (+5,34%) nelle regioni a statuto ordinario. Per il personale non dirigente la spesa media nel triennio fa registrare una flessione (-1,1%).Nei comuni si registra una riduzione della spesa generale pari al (-4,05%) ma per le qualifiche apicali come Direttori generali e Segretari comunali emerge un incremento delle retribuzioni di risultato (+1,1%) che per la dirigenza arriva fino ad un (+1,53%). Degno di nota il dato di alcune regioni che sull’indennità di risultato hanno aumenti ingiustificati come per il Lazio (+286,49%), Molise (+251,605) e la Sicilia (+130,99%).Va segnalata infine una netta contrazione dei contratti degli LSU, 2.092 in meno rispetto al 2015 e non certo per avvenute stabilizzazioni, le regioni che mostrano una minima tenuta sono la Campania (2.148 unità), Lombardia (900) e Veneto (640), mentre va registrato un uso eccessivo dei contratti a tempo determinato a favore della dirigenza.
Per USB la relazione della Corte dei Conti certifica in maniera netta ed inequivocabile un aumento della spesa a favore solo del personale che ricopre posizioni apicali, mentre attesta una diminuzione di spesa nei confronti del personale non dirigente.
Se si pensa al fatto che questo rapporto si riferisce ad un triennio in cui erano presenti diversi vincoli come il blocco del turn over, la mancanza di contratto nazionale, e gli stringenti limiti economici assunzionali, appare evidente che è necessario un piano straordinario di assunzioni, di reinternalizzazione dei servizi e stabilizzazione di precari ed LSU, scelte non più procrastinabili.
Il risultato che scaturisce dalla lettura del documento della Corte infatti, non fa che comprovare il conseguente aumento dei carichi di lavoro sofferto dai lavoratori delle Funzioni Locali che non hanno posizioni apicali ed il ricorso forsennato al fenomeno del mansionismo, con il conseguente ed inevitabile peggioramento dell’organizzazione e della qualità ed efficienza dei servizi pubblici rivolti ai cittadini.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

RC auto: la prima classe a Napoli può costare il 151% in più che a Milano

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Secondo un’analisi realizzata da Facile.it su un campione di oltre 14.000 preventivi di rinnovo Rc auto compilati sul sito nel primo trimestre 2019 e relativi ad automobilisti in prima classe di merito, Prato, con 598,55€, è la provincia italiana con il prezzo più alto per assicurare un’auto nonostante si sia guadagnato il diritto alla prima classe di merito; alle spalle di Prato si trovano Caserta e Napoli, dove le migliori offerte disponibili sono in media, rispettivamente, 595,93€ e 580,62€. Belluno (168,43€), Aosta (184,18€) e Vercelli (192,90€) sono le più economiche.Considerando solo le grandi città, Napoli (580,62€) è la più cara, seguita da Palermo (379,79€) e Firenze (368,03€); decima Milano (231,06€). Conti alla mano, quindi, a parità di profilo, una prima classe a Napoli può costare il 151% in più che a Milano.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

74° aniversario della tragedia di Hiroshima

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Roma – martedì – 6 agosto 2019 ore 9,30 P.ZZA DEL PANTHEON. Anche quest’anno in occasione del 74° aniversario della tragedia di Hiroshima, il Comitato “Terra e Pace” organizza al Pantheon a Roma con il patrocinio della Presidenza della Repubblica, dei presidenti di Camera e Senato, della Regione Lazio e di Roma Capitale la manifestazione per non dimenticare quel tragico evento che costituisce una ferita ancora aperta nella storia del XX° secolo,con 250.000 vittime.civili.La manifestazione si svolgerà alle ore 9,30 nella Piazza del Pantheon nel cuore della Roma antica,con Carla Fracci, con la presenza del rappresentante dell’Ambasciata del Giappone il ministro consigliere Sig.ra Hitomi Sato, i Gonfaloni della Regione Lazio, di Roma Capitale, dell’Area Metropolitana di Roma Capitale,autorità, dello Stato, rappresentanti delle istituzioni, del volontariato, organizzazioni internazionali, rappresentanze diplomatiche. Dopo l’ esecuzione da parte della banda dei Carabinieri degli inni nazionali,vi saranno brevi interventi delle autorità. Sarà data lettura dei messaggi dei Presidenti della Camera Roberto Fico e del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e altre Istituzioni. Seguirà la consegna del premio “terra e pace” (un fossile di un milione di anni simbolo del rispetto della vita sul pianeta) alla vice Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I ) Alessandra Sensini per la promozione attraverso lo Sport e gli eventi olimpionici della amicizia e la pace tra i popoli nello spirito autentico delle antiche Olimpiadi. Saranno presenti le campionesse olimpioniche Valentina Marchei e Silvia Salis .La scuola di balletto di Roma di Claudia Iorio, eseguira’ un saggio di danza. “La morte del Cigno”La signora Maki eseguira’ un brano dedicato ad un sopravvissuto di Hiroshima.“Anche quest’anno,nella difficile situazione che vive il mondo -tra minacce di riarmo nucleare ,mutamenti climatici, grandi fenomeni migratori e terrorismo,il Comitato “terra e pace”- dice il presidente Athos de Luca- ricorda l’aniversario di Hiroshima,perché nessuno e soprattutto tra i giovani dimentichi le tragiche conseguenze per l’umanità quando il dialogo e la politica falliscono e si intraprende la via delle armi,dell’intolleranza e del razzismo” La manifestazione si concluderà con l’ esecuzione di un minuto di silenzio per le vittime di tutte le guerre.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sud: politiche Pd e M5S hanno aggravato divario

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

“Il rapporto Svimez fotografa una situazione disastrosa per il Mezzogiorno soprattutto per quanto riguarda le imprese e i giovani. In particolare quello che risalta è il progressivo aggravarsi del divario tra Nord e Sud a conferma che le politiche economiche del governo Renzi e quelle dei governatori Pd hanno prodotto il costante impoverimento delle regioni meridionali. Dinanzi a questa situazione difficile risalta ancora di più l’inadeguatezza del M5S e delle sue ricette economiche che puntano soltanto ad aumentare la spesa corrente ma non quella per investimenti. E chiaramente nemmeno l’Autonomia differenziata, che tanto sta a cuore alla Lega, può essere la soluzione che anzi rischia di aumentare il divario e di penalizzare proprio il Mezzogiorno. FdI continua a ribadire che al Sud non serve l’elemosina di Stato, come il reddito di cittadinanza, quanto piuttosto la possibilità di competere ad armi pari con il Nord”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Ritorna l’educazione civica per 33 ore ma non si sa chi la insegnerà e quando

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Il paradosso di una riforma senza coraggio e a costo zero. Anief aveva chiesto al Parlamento maggior coraggio, di trasformarla in disciplina con un orario aggiuntivo e non a spese di altre materie, con docenti specializzati e programmi specifici. Marcello Pacifico (Anief): Da sempre, ogni educatore ha affrontato l’argomento in materia trasversale. Non servono coordinatori ma docenti preparati e serve anche dare dignità a una disciplina che deve essere considerata una materia. È stata approvata in via definitiva dal Senato la proposta di legge che reintroduce l’insegnamento dell’educazione civica, con 33 ore della disciplina a settimana in tutte le classi a partire dalla primaria e voto in pagella. Il fatto che la legge non stanzi nuove risorse per la formazione dei docenti è un dato che pesa molto nel giudizio della norma approvata. Inoltre, rimane il problema dell’inglobamento della disciplina all’interno di altre, quindi non si svolgeranno di fatto delle ore in più. Anief, ricevuta in audizione a marzo alla Camera, aveva segnalato quali erano i punti deboli e quelli da valorizzare, ma non è stata ascoltata. Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, afferma che “ancora una volta si vuole fare una riforma a costo zero, con la sottrazione di altre ore d’insegnamento per fare spazio all’educazione civica senza darle la dignità di materia con un coordinatore non definito che la dice lunga su quanto si tenga alla qualità dell’insegnamento. Per non parlare dell’improvvisazione con la quale i colleghi dei docenti si ritroveranno ad inizio settembre a dovere decidere a chi affidare le 33 ore di lezione annue, magari a personale presente nell’organico dell’autonomia che non ha alcuna cognizione di quello che dovrà insegnare. Ma chi deciderà chi insegna è il vero dilemma”.
Tutti gli alunni da sei anni in poi dovranno studiare la Costituzione: andando avanti nel tempo, si ritroveranno a trattare le istituzioni dello Stato italiano, dell’Unione europea e degli organismi internazionali; la storia della bandiera e dell’inno nazionale; l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile; l’educazione alla cittadinanza digitale; gli elementi fondamentali di diritto, con particolare riguardo al diritto del lavoro; l’educazione ambientale, sviluppo eco-sostenibile e tutela del patrimonio ambientale, delle identità, delle produzioni e delle eccellenze territoriali e agroalimentari; l’educazione alla legalità e al contrasto delle mafie; l’educazione al rispetto e alla valorizzazione del patrimonio culturale e dei beni pubblici comuni; la protezione civile. A dire il vero, quella approvata è una reintroduzione. Perché l’educazione civica era stata introdotta nelle scuole nel 1958 per volere di Aldo Moro, e venne soppressa a partire dall’anno scolastico 1990/1991.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Precariato, decreto legge il 9 agosto fuori tempo massimo

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

I provvedimenti per la stabilizzazione dei supplenti storici e meritevoli che il Governo si appresta ad approvare, probabilmente la prossima settimana, sono tardivi oltre che non risolutivi del problema della supplentite. Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief) spiega i motivi: “Il testo doveva prevedere necessariamente oltre ai concorsi riservati per primaria e secondaria, altre norme, peraltro prioritarie. Come i percorsi abilitanti e le proroghe di graduatorie, l’estensione del doppio canale alle graduatorie d’istituto da trasformare in provinciali, l’allargamento del reclutamento nazionale alle attuali graduatorie di merito ordinarie e ad esaurimento, l’assunzione degli idonei del concorso a dirigente scolastico, oltre che la stabilizzazione di tutto il personale Ata ed educativo con la trasformazione dell’intero organico di fatto in quello di diritto laddove vi è presenza di posti vacanti”. Cercare di risolvere i problemi cronici del precariato scolastico ad una ventina di giorni dall’inizio dell’anno scolastico è una pia illusione: perché si procede solo al “salvataggio” di un precario su tre e all’approvazione di disposizioni che lasceranno in vita l’attuale situazione di emergenza. I motivi sono diversi e chi conosce la scuola capirà bene la limitatezza delle decisioni che stanno andando a prendere nel Consiglio dei Ministri. Il testo prevede l’inclusione del percorso abilitante speciale per i supplenti della secondaria, rivolto a chi ha svolto tre anni di servizio negli ultimi otto nella scuola statale, di cui uno nella classe di concorso per cui si chiede di partecipare. Tra i provvedimenti c’è poi l’ok al concorso straordinario bis per diplomati magistrale e laureati Scienze della formazione primaria, ma anche la proroga per far completare l’anno scolastico con contratto fino al 30 giugno 2020 a tantissimi maestri con diploma magistrale a cui dovesse arrivare la sentenza di merito negativa. Ci sono poi la proroga delle graduatorie del concorso a cattedra 2016 e la proposta di mobilità nazionale volontaria per i docenti, anche idonei, inseriti nelle graduatorie dei concorsi 2016 e 2018. E pure lo slittamento di un anno dell’applicazione delle aliquote previste per le graduatorie del concorso abilitati 2018.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Sostegno, approvato il decreto Inclusione

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Ancora paletti sugli organici nonostante sentenze dei tribunali ricordino che bisogna rispettare la Costituzione sul diritto all’istruzione. Ancora una riforma a costo zero che vorrebbe rimettere famiglie e insegnanti al centro del progetto educativo individualizzato degli alunni, ma diventa lettera morta nell’obbligo di fotografare l’illegittima realtà esistente che riporta il 40% dei posti in deroga rispetto all’organico di diritto. Nessuna certezza sui posti chiesti dai dirigenti scolastici che ogni anno di vedono rifiutare un posto su due. Inascoltate le proposte dell’Anief. Marcello Pacifico (Anief): Un’occasione persa per garantire il diritto allo studio di tutti i nostri figli. Troppe parole, un’ipertrofia a cui avrebbero dovuto seguire fatti concreti. I ricorsi continueranno nei tribunali per attribuire le ore non assegnate e per impugnare gli organici sbagliati. Sono diverse le nuove norme incluse nel decreto appena approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri, dopo che era stato esaminato in via preliminare lo scorso maggio: dal nuovo conferimento delle ore settimanali, richiedibili anche dal Glho, alle rinnovate commissioni mediche, passando per il profilo di funzionamento che ricomprende la diagnosi funzionale e il profilo dinamico-funzionale, fino alla nascita dei Gruppi per l’Inclusione Territoriale e a quella del Gruppo di lavoro operativo per l’inclusione. Novità in arrivo anche per le domande di accertamento della disabilità.
In attesa, di prendere visione del testo, ci atteniamo alla sintesi realizzata dal Miur, nella quale si evidenziano i punti salienti di un’altra piccola riforma del settore, successiva al decreto legislativo n. 66/2017, che allo stesso modo appare lontana dal risolvere i problemi della didattica speciale indirizzata a circa 300 mila alunni certificati, che aumentano al ritmo di 10 mila in più l’anno. Il tentativo di coinvolgere le famiglie e gli studenti maggiorenni nel piano educativo, continua poi ad essere vanificato da circa il 40% degli organici in deroga, con le cattedre non assegnabili ai ruoli e nemmeno ai trasferimenti, nonostante le effettive esigenze rilevate e nei casi gravi le ore scoperte, alcuna novità sugli assistenti all’autonomia e al raccordo della scuola con il mondo del lavoro, mentre la legge sui bisogni educativi e speciali rimane solo scritta e mai adottata. Le novità toccano punti importanti dell’inclusione scolastica degli alunni con disabilità, come l’assegnazione delle ore di sostegno, che verranno decise “d’intesa con le famiglie” e “dove possibile, se maggiorenni, gli stessi alunni con disabilità potranno partecipare al processo di attribuzione delle misure di sostegno”. Inoltre, “sussidi, strumenti, metodologie di studio non saranno più elaborati in modo ‘standard’, in base al tipo di disabilità, ma con un Piano didattico individualizzato che guarderà alle caratteristiche del singolo studente”. Cambia poi ancora “la composizione delle commissioni mediche per l’accertamento della condizione di disabilità ai fini dell’inclusione scolastica: saranno sempre presenti, oltre a un medico legale che presiede la Commissione, un medico specialista in pediatria o neuropsichiatria e un medico specializzato nella patologia dell’alunno”. Trovano spazio pe la prima volta “i Gruppi per l’Inclusione Territoriale (GIT), formati su base provinciale, ovvero nuclei di docenti esperti che supporteranno le scuole nella redazione del Piano Educativo Individualizzato (PEI) e nell’uso dei sostegni previsti nel Piano per l’Inclusione. I GIT avranno anche il compito di verificare la congruità della richiesta complessiva dei posti di sostegno che il dirigente scolastico invierà all’Ufficio scolastico regionale”. All’interno della scuola “opererà il Gruppo di lavoro operativo per l’inclusione, composto dal team dei docenti contitolari o dal consiglio di classe, con la partecipazione dei genitori dell’alunno con disabilità, delle figure professionali specifiche, interne ed esterne all’istituzione scolastica che interagiscono con l’alunno stesso, nonché con il supporto dell’unità di valutazione multidisciplinare e con un rappresentante designato dall’Ente Locale. Il Gruppo di lavoro operativo per l’inclusione avrà il compito di redigere il Piano Educativo Individualizzato, compresa la proposta di quantificazione di ore di sostegno”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumore Ovarico: individuati meccanismi pericolosi

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Il tumore ovarico rappresenta la principale causa di morte per tumore ginecologico e la quinta per tumore nelle pazienti dei Paesi sviluppati. Questa patologia colpisce ogni anno 5200 donne in Italia e poco meno di 300 mila nel mondo, e nel 75% dei casi viene diagnosticata in fase avanzata. Il carcinoma sieroso ad alto grado è il sottotipo più comune e rappresenta l’80% circa dei tumori ovarici in stadio avanzato, spesso associati a una prognosi infausta. Lo studio dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, condotto con il sostegno di AIRC, porta alla luce un meccanismo attraverso cui le mutazioni della proteina p53 rendono più aggressivo questo sottotipo, creando un inaspettato sistema di comunicazione fra i segnali. La scoperta potrebbe migliorare la classificazione della malattia e portare allo sviluppo di nuove terapie. “Mancano a oggi bersagli terapeutici specifici per il tumore dell’ovaio sieroso ad alto grado, una delle forme con rischio di recidiva elevato. I risultati del nostro studio individuano alcuni eventi che risultano essenziali per orchestrare le attività pro-metastatiche di questo sottotipo tumorale: un passo indispensabile per la messa a punto di strategie terapeutiche mirate.” Sottolinea Anna Bagnato, autrice del lavoro condotto dalla sua équipe dell’Unità di modelli preclinici e nuovi approcci terapeutici in collaborazione con Giovanni Blandino, dell’Unità di Oncogenomica ed Epigenetica dell’Istituto nazionale dei tumori Regina Elena di Roma, con il sostegno di Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro. I risultati sono pubblicati sulla prestigiosa rivista Nature Communications.”Spesso nei tumori sierosi ad alto grado dell’ovaio sono presenti mutazioni della proteina p53, – spiega la Bagnato -. I tumori con queste mutazioni sono particolarmente aggressivi. Per cercare di capirne la ragione, i ricercatori hanno scoperto che, in molti casi, la p53 mutata si lega ad un’altra proteina chiamata YAP, uno degli interruttori generali del cancro, in una ‘liaison‘ pericolosa che porta i tumori a resistere alla chemioterapia”.Al centro di tutto sembra esserci l’attivazione del recettore dell’endotelina, che ha come partner un’importante molecola: la beta-arrestina. Grazie a una serie di esperimenti condotti con cellule tumorali che derivano dal paziente, i ricercatori hanno dimostrato che, insieme, le tre proteine, beta-arrestina, p53 mutata e YAP, costituiscono una piattaforma di coordinamento per altri segnali che consentono alle cellule tumorali di eludere la risposta al cisplatino, il farmaco di elezione nel trattamento del carcinoma ovarico,. “Giovanni Blandino precisa “L’interazione fisica tra le tre proteine rende le cellule tumorali capaci di dare origine alle metastasi e di non rispondere alle terapie”.La scoperta potrebbe avere una notevole rilevanza traslazionale. Chiarita la catena di eventi responsabili dell’aggressività tumorale, i ricercatori del Regina Elena hanno capito che è possibile interromperla utilizzando dei farmaci in uso clinico in grado di bloccare i recettori dell’endotelina. In esperimenti condotti in laboratorio, i ricercatori hanno verificato che un farmaco capace di bloccare questi recettori rallenta la capacità di formare metastasi, rendendo le cellule tumorali sensibili alla chemioterapia.Nel tessuto tumorale la presenza contemporanea del recettore dell’endotelina insieme a YAP e beta-arrestina è associata a un decorso peggiore della malattia. È questa un’ulteriore prova dell’importanza della relazione pericolosa messa in luce dai nostri ricercatori, analizzando un gruppo di pazienti con tumore all’ovaio sieroso di alto grado con alta frequenza delle mutazioni della proteina p53. Questa scoperta, se ulteriormente validata, potrebbe avere significative ricadute cliniche nello sviluppo di nuove strategie terapeutiche e prognostiche.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primo intervento in Italia di rimozione di metastasi ai linfonodi retrofaringei con il robot

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Per la prima volta in Italia, la Chirurgia cervico facciale dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, diretta da Raul Pellini, ha messo a punto una nuova tecnica di asportazione di linfonodi retrofaringei grazie all’utilizzo del robot da Vinci con un accesso dal cavo orale. L’equipe utilizza il sistema robotico da circa 10 anni e vanta una delle maggiori casistiche sebbene i pazienti oncologici che ne possano beneficiare sono in numero limitato.
I linfonodi retrofaringei sono spesso sede di metastasi da neoplasie localizzate nella parte posteriore del naso (rinofaringe). Più di rado si formano metastasi che originano da tumori localizzati nel cavo orale, nella gola o addirittura nella tiroide. Nel 2018 la stima è stata di circa 9.700 nuovi casi di tumore del testa-collo, 7.400 tra gli uomini e 2.300 tra le donne (dati Aiom). Circa il 50% dei pazienti affetti da carcinoma del rinofaringe può sviluppare metastasi ai linfonodi retrofaringei.
Per via della posizione difficilmente raggiungibile, il trattamento delle metastasi nei linfonodi retrofaringei è spesso effettuato mediante la radioterapia. In caso di recidiva, dopo il trattamento radioterapico, l’unica possibilità di cura efficace è l’intervento chirurgico.I classici interventi chirurgici transcervicali, trasparotidei e transmandibolari possono provocare conseguenze estetiche e funzionali anche gravi, visto che il campo chirurgico è ridotto, difficile da raggiungere e occupato da strutture vitali quali l’arteria carotide interna. Questo studio dimostra ed illustra la fattibilità tecnica dell’innovativa procedura chirurgica eseguita con il robot in un uomo di 68 anni.
Grazie all’impiego del Robot quindi e in casi selezionati, è possibile l’ asportazione completa delle metastasi con tempi di recupero molto rapidi e con assenza di conseguenze funzionali di rilievo.Tale esperienza è stata recentemente pubblicata sulla prestigiosa rivista statunitense “Head and Neck”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La mobilità a Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Un piano strategico di ampio respiro che inglobi la visione di mobilità di medio e lungo periodo nella città di Roma: dai tram, alle infrastrutture, nuove metropolitane, alla ciclabilità e isole ambientali, tutte misure da attuare per migliorare il trasporto pubblico locale e la qualità della vita dei cittadini. È quanto prevede la delibera sul Piano Urbano della Mobilità Sostenibile adottata dall’Assemblea capitolina.“Roma si dota finalmente di una vera programmazione sulla mobilità, una strategia futura di medio e lungo periodo che risponde a una visione precisa di quello che vogliamo per la Capitale. Il piano è stato pensato mettendo al centro le esigenze di mobilità delle persone e delle imprese, perché la nostra città può e deve offrire una migliore qualità della vita a chi la abita e la vive ogni giorno. Le politiche e le misure definite nel PUMS coprono tutte le tipologie di trasporto, sia pubblico sia privato, su tutto il territorio”, dichiara la Sindaca di Roma, Virginia Raggi.
Priorità è il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica attraverso la definizione di azioni orientate a migliorare l’efficacia e l’efficienza del sistema di mobilità e la sua integrazione con l’assetto e gli sviluppi urbanistici e territoriali, previsti negli attuali strumenti di pianificazione.
L’adeguamento delle metropolitane A e B, l’ammodernamento della ferrovia Roma-Giardinetti, la creazione di un collegamento tra le metro A e C a Tor Vergata, la realizzazione di nuove linee tranviarie: dal tram che passerà su via dei Fori imperiali, per arrivare a Piazza Vittorio a quello che collegherà Stazione Tiburtina a Piazzale del Verano, fino alla linea Auditorium-piazza Risorgimento.Ma anche funivie a partire da Battistini-Casalotti, fino alla realizzazione di altri due progetti: la funivia di Magliana-Piazza Civiltà del Lavoro e quella su rotaie, Jonio-Bufalotta. Sono alcune delle opere, definite invarianti infrastrutturali “punti fermi”, inserite nel Piano urbano della mobilità sostenibile. A queste vanno aggiunte le opere condivise e decise anche grazie alle consultazioni e alla partecipazione di tutti i Municipi.A dicembre scorso Roma Capitale ha chiesto al ministero delle Infrastrutture i finanziamenti per sette progetti contenuti nel Pums: tre nuove tranvie; il potenziamento e l’estensione di linee ferroviarie urbane; due funivie e l’acquisto di nuovo materiale rotabile per la rete tranviaria di Roma.“I principi guida del piano si basano sull’integrazione tra le diverse tipologie di mobilità, la promozione di diverse modalità di trasporto alternative all’auto privata, il rafforzamento degli standard di sicurezza nel trasporto pubblico e per il traffico stradale, l’aumento della capacità di trasporto pubblico, progetti e strategie per la mobilità dolce e condivisa. Tra i progetti inseriti nel PUMS, e recentemente presentati al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per avere accesso ai fondi governativi, ci sono tre tramvie, due funivie e l’acquisto di nuovi tram”, spiega l’assessore alla città in Movimento, Linda Meleo. “È un importante pezzo della visione che questa amministrazione ha e che guarda alle città come luoghi in cui si giocano le sfide del futuro. Un futuro – sottolinea l’assessore all’Urbanistica Luca Montuori – che si lega anche agli impegni che Roma ha sottoscritto con altre grandi città del mondo per raggiungere obiettivi condivisi sulla sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Una visione integrata che prevede diversi interventi sia per quanto riguarda gli obiettivi già definiti e finanziati, quindi in corso di realizzazione, sia quelli per lo scenario di programmazione dei prossimi anni. Stiamo dialogando anche con altri attori fondamentali per raggiungere risultati attesi da tempo come ad esempio il tema del completamento dell’anello ferroviario, dello sviluppo dei nodi delle stazioni, sia con il recupero delle aree urbane esistenti, da piazza dei Cinquecento a piazzale Ovest a piazzale Ostiense e piazzale Flavio Biondo che con lo sviluppo delle aree dismesse previste dall’ambito strategico: la revisione del piano di assetto di Tiburtina, in collegamento con l’area dello SDO di Pietralata, e di Tuscolana tra gli altri. Il PUMS è uno strumento fondamentale per immaginare la città futura, è uno strumento di democrazia, perché spostarsi liberamente rappresenta uno dei pilastri fondamentali del diritto alla città”.“Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile è stato rimodulato con l’integrazione delle opere richieste dalla cittadinanza attraverso numerosi passaggi partecipativi. Gli obiettivi di rete integrata su ferro sono molto ambiziosi ed è evidente che sono legati alla straordinaria urgenza di recuperare i decenni persi. Abbiamo un tracciato da seguire per ‘infrastrutturare’ la nostra visione della Capitale del futuro, i cui effetti andranno ovviamente a ridefinire gli scenari di sviluppo urbano, dove anche gli spazi pubblici saranno ripensati sulla base delle idee condivise in un percorso durato due anni: l’accessibilità come principio quadro in tutte le linee del Piano, l’indispensabile garanzia di realizzare la sicurezza nelle nostre strade, il piano della mobilità dolce e sostenibile, della ciclabilità, la riorganizzazione dei parcheggi di scambio, la sistematizzazione della logistica delle merci, ma soprattutto la cura forte del ferro con la previsione di nuove linee metro e tram. Il PUMS pone al centro le persone e la soddisfazione delle loro esigenze di mobilità, aggiunge Pietro Calabrese, Presidente Commissione Mobilità.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lazio: Le cementificazioni alla “Zingaretti”

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

“L’approvazione del Ptpr Lazio era un atto doveroso sul quale Fratelli d’Italia ha lavorato alacremente senza tuttavia dare il proprio assenso. Si tratta infatti di un piano assolutamente importante per il territorio laziale al centro del quale c’è una voragine. Questa voragine è Roma Capitale. Ci stupiamo che la sindaca Raggi non se ne sia accorta. Le tutele paesaggistiche infatti non si applicano, a causa di emendamenti presentati dal Pd, al centro di Roma e alla città storica, il che significa che Roma sarà assoggettata agli appetiti di fondi d’investimento convertiti alle attività immobiliari o di giganti dell’economia finanziaria, lo dimostra la vicenda di Caracalla con McDonald’s senza avere alcun potere di veto. Oltre a questo, Zingaretti ha accelerato sull’autonomia differenziata facendo carta straccia delle osservazioni del Mibac, attuando ultra-legem ciò che Zaia e Fontata stanno affrontando con interlocuzioni governative. Ci saranno ricorsi a non finire, oltre all’impugnativa del ministro Bonisoli che ci auguriamo arrivi quanto prima. Il Partito Democratico, governato nel Lazio da Zingaretti, e in tutta Italia da Zingaretti…è il partito della cementificazione e della distruzione di Roma. Del resto, Tor Marancia l’abbiamo salvata noi”.E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

International Conference on Assistive Technology and Disabilities

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Roma venerdì 20 settembre 2019 dalle ore 9:30 alle ore 18:30, presso l’Università Pontificia Salesiana P.zza dell’Ateneo Salesiano, 1 e le iscrizioni saranno aperte fino al 18 settembre 2019 si terrà il convegno “Tecnologie a sostegno delle disabilità plurime e sensoriali” che, grazie alla collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti del Lazio, è stato accreditato come evento formativo gratuito che permetterà di ricevere 8 CFP.
L’evento è organizzato e promosso dalla Lega del Filo d’Oro – Associazione punto di riferimento in Italia nell’applicazione delle tecnologie assistive per le terapie riabilitative delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali – e dalla casa editrice Springer, in collaborazione con l’Istituto di Psicologia dell’Università Pontificia Salesiana di Roma. Inoltre, sono partner dell’evento il Centro Nazionale Malattie Rare, il Centro Nazionale Tecnologie Innovative in Sanità Pubblica e l’Istituto Superiore di Sanità.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Premio Natale Ucsi compie 25 anni

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Il Premio Natale Ucsi soffia sulle sue prime 25 candeline, e anche quest’anno è pronto a valorizzare i giornalisti di carta stampata/web, tv e radio, a caccia di “buone notizie”, distintisi per aver raccontato testimonianze, problemi, storie e fatti inerenti ai valori della solidarietà, dell’integrazione sociale, della convivenza civile, della fratellanza, dell’attenzione verso il prossimo e della difesa dei diritti e della dignità umana.Promosso dall’Ucsi – Unione Cattolica della Stampa Italiana – sezione di Verona, con il sostegno di Fondazione Cattolica Assicurazioni, la partecipazione di Banco BPM e il patrocinio di Ucsi nazionale, Comune di Verona, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Ordine dei Giornalisti del Veneto, cui si aggiunge l’apporto della società editrice Athesis e dell’Ufficio Regionale Comunicazioni sociali della Conferenza Episcopale del Triveneto, il Premio giornalistico nazionale “Natale Ucsi” nacque un quarto di secolo fa dall’idea di un gruppo di professionisti attivi in riva all’Adige, con l’obiettivo di fare emergere il bello e buono che si muove e prospera nelle maglie, anche più recondite, della nostra società, e che il lavoro giornalistico ha spesso il merito – pur senza tanti clamori – di sottrarre dall’oblio e dall’indifferenza collettivi, per portarli alla conoscenza di tutti.L’edizione 2019, che conferma partner dell’iniziativa la Cantina Valpolicella di Negrar (tramite il marchio di eccellenza Domini Veneti, pregiata espressione della tradizione enologica della Valpolicella e del settore vitivinicolo veronese) e la Tipografia La Grafica Editrice, vedrà alcune novità nelle modalità di partecipazione, a partire dall’iscrizione esclusivamente online.Invio documentazione via web: le candidature degli articoli pubblicati ovvero dei servizi televisivi/radiofonici andati in onda dal 1 novembre 2018 al 31 ottobre 2019 dovranno infatti pervenire, con allegata scheda di partecipazione, all’indirizzo candidature@premioucsi.it, entro le ore 17 di giovedì 31 ottobre 2019, esclusivamente tramite servizi web quali, a titolo esemplificativo, wetransfer.com, e non più, come nelle edizioni precedenti, in formato cartaceo.
La cerimonia di premiazione si terrà sabato 14 dicembre 2019, ore 11, nella Sala Arazzi di Palazzo Barbieri, sede del Municipio di Verona. http://www.premioucsi.it

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Primo contratto di espansione in Italia

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

“Dopo anni di applicazione di ammortizzatori sociali finalizzati ad evitare licenziamenti collettivi, per la prima volta si introduce uno strumento di politica del lavoro, che consente di coniugare politiche attive e passive, favorendo non solo interventi formativi per tutto il personale in forza, ma consente anche di ampliare la base occupazionale, con l’impegno di Tim di assumere 600 nuovi lavoratori e scongiurare circa 3000 esuberi, dopo 10 anni di blocco delle assunzioni.
Stiamo trasformando il mondo del lavoro e, in un periodo di grandi evoluzioni, ci fa piacere che sia il mondo delle telecomunicazioni a mettere il primo tassello, e TIM rappresenta un esempio positivo per l’intero settore.
È una misura in cui crediamo, lavoreremo perché diventi una strutturale.
Adesso, il passo successivo è l’avvio di un tavolo interministeriale per analizzare con le parti sociali l’intera filiera delle TLC”.
Così in una nota congiunta il Sottosegretario di Stato al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Claudio Durigon, e il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, a margine della sottoscrizione dell’accordo, avvenuto oggi, tra Ministero del Lavoro, Tim e organizzazioni sindacali per l’avvio del primo contratto di espansione in Italia, a seguito della sua introduzione nel Decreto Crescita.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La grande ricchezza del Sud: risorse umane, fisiche, naturali e sociali

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

“ANBI plaude al Premier Conte quando afferma di voler realizzare un piano integrato per ricostruire le 4 tipologie di capitale, che costituiscono la grande ricchezza del Sud e cioè le risorse umane, fisiche, naturali e sociali, sviluppando la dotazione infrastrutturale del Mezzogiorno e propone con orgoglio la grande opportunità offerta dalle centinaia di progetti, redatti dai Consorzi di bonifica per la sistemazione del territorio e la gestione delle sue acque e, ad oggi, in attesa di finanziamento.” Ad evidenziarlo è Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) a corollario dell’odierno incontro fra il Presidente del Consiglio e la neo Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen. Nello specifico:
– -in Campania sono richiesti 3 interventi di irrigazione con progetti di fattibilità, per un importo complessivo di circa 10 milioni di euro; nuova occupazione stimata: 50 unità
– -in Puglia sono richiesti 131 interventi di irrigazione (6 progetti esecutivi, 11 definitivi, 112 preliminari e 2 di fattibilità) per un importo complessivo di circa 131 milioni di euro; nuova occupazione stimata: 655 unità. Richiesti anche 80 interventi per la riduzione del rischio idrogeologico (10 progetti esecutivi, 33 definitivi, 35 preliminari e 2 di fattibilità) per un importo complessivo di oltre 281 milioni di euro; nuova occupazione stimata: 1408 unità
– -in Basilicata sono richiesti 28 interventi per la riduzione del rischio idrogeologico (17 progetti esecutivi e 11 preliminari) per un importo complessivo di circa 341 milioni di euro; nuova occupazione stimata: 1707 unità
– -in Calabria sono richiesti 48 interventi di irrigazione (8 progetti esecutivi, 10 definitivi, 2 preliminari e 28 di fattibilità) per un importo complessivo di oltre 125 milioni di euro; nuova occupazione stimata: 628 unità. Richiesti inoltre 107 interventi per la riduzione del rischio idrogeologico (44 progetti esecutivi, 17 definitivi, 42 preliminari e 4 di fattibilità) per un importo complessivo di oltre 191 milioni di euro; nuova occupazione stimata: 958 unità
– -in Sicilia sono richiesti 4 interventi di irrigazione con progetti preliminari per un importo complessivo di 30,69 milioni di euro; nuova occupazione stimata: 153 unità. Richiesti anche 14 interventi per la riduzione del rischio idrogeologico (8 progetti esecutivi, 4 definitivi e 2 preliminari) per un importo complessivo di circa 31 milioni di euro; nuova occupazione stimata: 156 unità.
A questi dati vanno aggiunti i 1387 progetti approntati per l’Italia Centrale (Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise) e la Sardegna, per un importo complessivo di oltre 2.575 milioni di euro, capaci di garantire circa 12.000 posti di lavoro.
“Il patrimonio progettuale dei Consorzi di bonifica è una straordinaria opportunità di sviluppo per contribuire a colmare il riacutizzato divario fra Nord e Sud del Paese, come certificato dalle anticipazioni sul Rapporto Svimez 2019 – conclude Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI – Va sicuramente migliorata l’efficienza complessiva del sistema meridionale, ma è indubbio che se il Sud frena è l’Italia stessa a rallentare. Porre il territorio al centro di un nuovo modello di sviluppo permetterebbe di sfruttare l’enorme giacimento di risorse agricole ed ambientali, nonché turistico-culturali del Meridione, facendone un asset di crescita, originale, distintivo, identitario che sarebbe decisivo per un protagonismo virtuoso del nostro Paese nei mercati globali.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Istat: vendite giugno salgono dell’1,9%

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Secondo i dati Istat resi noti oggi, a giugno le vendite in valore salgono sia su base mensile (+1,9%) che su base annua (+1,3%).”Dati finalmente positivi per le vendite, che salgono sia in volume che in valore, sia su base mensile che annua, sia per gli alimentari che per i non alimentari. Unico dato negativo, purtroppo, per i piccoli negozi, che sono ancora nel tunnel della crisi e che, per le vendite alimentari, registrano, rispetto a giugno 2018, un calo dello 0,6%” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Se a questo aggiungiamo che, rispetto ai valori pre-crisi del giugno 2007, i piccoli negozi segnano ancora una perdita delle vendite totali del 13,5%, e addirittura del 21,3% per le vendite alimentari, ossia più di un quinto, è chiaro che i commercianti sono ancora sull’orlo del fallimento” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Industria:calo della produzione

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

In questi mesi l’andamento della produzione industriale è stato caratterizzato da un andamento decisamente discontinuo, in cui aumenti e diminuzioni si sono alternati pressoché ogni mese. I dati pubblicati oggi dall’Istat parlano di un calo del – 0,2% su base mensile e addirittura di una flessione del -1,2% rispetto allo scorso anno.
La diminuzione della produzione non è che l’ennesimo segnale di una crisi che, purtroppo, continua a strozzare la nostra economia, con conseguenze spesso disastrose sui bilanci familiari dei cittadini. Le famiglie continuano a dover affrontare gravi situazioni di difficoltà economica e faticano a sostenere le spese quotidiane anche perché, non ci stanchiamo di ribadirlo, le retribuzioni non crescono in misura proporzionale rispetto al costo della vita.Sulle vendite al dettaglio l’Istituto di Statistica registra invece un aumento del +1,9%, un dato che non solo è opposto a quello della produzione ma che, anche in questo caso, fa emergere un trend discontinuo, poiché solo il mese scorso la stessa voce risultava in diminuzione.“L’inutilità degli interventi realizzati al solo scopo di raccogliere consensi politici appare sempre più evidente, così come è lampante la necessità di azioni concrete finalizzate a far uscire il Paese dalla crisi e dall’incertezza” – dichiara Emilio Viafora, Presidente di Federconsumatori Nazionale.In questo quadro rinnoviamo la richiesta al Governo di mettere in campo misure efficaci per il lavoro e per la crescita, in modo da rilanciare in modo stabile e duraturo la domanda interna e da fornire una solida base ad una nuova fase economica.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Gruppo tecnologico internazionale Körber acquisisce Roll-Tec Cilindro Ltda

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Amburgo (Germania) / Joinville (Brasile) Il Gruppo tecnologico internazionale Körber acquisisce Roll-Tec Cilindro Ltda., con sede a San Paolo in Brasile. Roll-Tec sviluppa, produce e commercializza cilindri per macchine goffratrici per carta e altri prodotti tissue. L’acquisizione è stata completata a fare effetto dal 31 luglio 2019. Scopo dell’acquisizione è l’ulteriore espansione internazionale della Business Area Tissue del Gruppo Körber. La Business Area offre soluzioni complete per macchine per il converting e packaging di carta igienica, prodotti piegati e carta da cucina.
Roll-Tec è il leader tecnologico latinoamericano del settore della goffratura; sviluppa cilindri per l’incisione e produce e commercializza rulli per goffratura per la produzione del tissue. Inoltre, i suoi circa 60 esperti offrono supporto ai clienti nello sviluppo di nuovi motivi per l’incisione, inclusa la fabbricazione dei corrispondenti rulli fino alla consegna dei cilindri goffratori.
All’interno della Business Area Tissue di Körber, Roll-Tec collaborerà strettamente con l’italiana Engraving Solutions e con lo stabilimento Fabio Perini di Joinville in Brasile. Con questa acquisizione, Körber sta espandendo la gamma dei suoi prodotti per i clienti latino-americani.”Siamo molto felici di rafforzare ulteriormente la nostra posizione nel mercato latinoamericano del tissue insieme a Roll-Tec e di orientarci verso il nostro ingresso nel mercato nordamericano”, ha dichiarato Dineo Silverio, Presidente di Fabio Perini Brasile. “Grazie all’aggiunta di Roll-Tec al nostro portafoglio tecnologico, possiamo offrire ai nostri clienti ulteriori prodotti e soluzioni, differenziati.”.“I 50 anni di esperienza sul mercato che Roll-Tec e Fabio Perini possiedono congiuntamente porterà entrambe le società a consolidare ed espandere la loro leadership nelle Americhe”, ha aggiunto Oswaldo Cruz Junior, CEO della Business Area Tissue di Körber.
“Körber è il partner strategico ideale per noi,” ha speigato Jose Antonio Logiodice, Managing Director di Roll-Tec. “La nostra combinazione con la Business Area Tissue di Körber crea valore aggiunto per i nostri clienti. Inoltre, questa acquisizione apre per noi nuove prospettive di mercato sul lungo termine”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Germania: sputi e insulti contro un rabbino della comunità di Berlino

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Non si placano gli episodi di antisemitismo in Germania. Nel fine settimana scorso, un’altra vicenda ha messo in allarme gli ebrei del paese. A denunciarla è stata la Comunità ebraica di Berlino, dove il rabbino Yehuda Teichtal è stato insultato e fatto oggetto di sputi da due uomini che si sono rivolti a lui in arabo.Il rabbino aveva appena prestato servizio alla sinagoga che si trova nel distretto di Wilmersdorf, quando in strada è accaduto tutto:“Vivo a Berlino da 23 anni e non ho mai vissuto una cosa del genere. È stata una situazione minacciosa, soprattutto perché avevo mio figlio con me. Sfortunatamente, dobbiamo dire che l’aggressione contro gli ebrei ha sviluppato una vita propria, sia nei cortili della scuola che nelle strade di Berlino”.Teichtal ha continuato fotografando la situazione in merito all’antisemitismo nella capitale tedesca:“La maggior parte delle persone a Berlino non vuole accettare questa aggressione contro gli ebrei come parte triste della vita quotidiana ebraica”.Teichtal è nato nel 1972 negli Usa, nel quartiere di Brooklyn ed è stato ordinato rabbino all’età di 23 anni a New York. Nel 1996, lui, sua moglie e la sua famiglia si trasferirono a Berlino “con un biglietto di sola andata”:“Sono venuto per restare. Da un incidente del genere, per quanto difficile, non lascerò che la mia immagine della Germania e di Berlino venga distrutta”.L’ennesimo episodio antisemita sta mettendo in allarme le Comunità ebraiche tedesche e soprattutto quella di Berlino, dove l’odio antiebraico si ripete con preoccupante ripetizione.Secondo le ricerche il Rias – l’ufficio preposto per la raccolta dei dati sull’antisemitismo – il distretto di Charlottenburg-Wilmersdorf (dove è avvenuta l’aggressione a Teichtal) è il secondo posto a Berlino per frequenza di attacchi antisemiti (80 nel 2018), preceduto solo dal distretto di Mitte (146 nel 2018).Perché le autorità tedesche sembrano non voler rendersi contro della situazione?

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

39th Annual Canaccord Genuity Growth Conference

Posted by fidest press agency su domenica, 4 agosto 2019

Agilysys, Inc. (Nasdaq: AGYS), a global provider of next-generation hospitality software solutions and services, today announced that it will be participating in the Canaccord Genuity 39th Annual Growth Conference held at the InterContinental Hotel in Boston, Massachusetts on Thursday, August 8, 2019. Dave Wood, Agilysys VP, Corporate Strategy and Investor Relations, will make a company presentation at 2:30 p.m. ET that day. Mr. Wood will also meet with institutional investors in one-on-one meetings throughout the day at the conference.A copy of the Agilysys investor presentation is available in the Investor Relations section of the Company’s website at http://www.agilysys.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »