Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 13 luglio 2021

Tradurre è l’arte che ci permette la lettura di opere scritte in un’altra lingua. Ne parla Ilide Carmignani

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

Ho imparato ad apprezzare ancora di più il lavoro di un traduttore dall’attenzione che mio figlio vi prestava. Arrivava persino a comprare lo stesso testo per confrontare le diverse abilità adottate nel tradurre certi passaggi più impegnativi. E’ il motivo per il quale ho chiesto ad una esperta, cogliendo l’occasione del recente meeting dei traduttori a Torino, di scrivere qualcosa sulla sua professione e la ringraziamo per aver aderito alla nostra richiesta. E’ anche lo spunto per far conoscere e apprezzare al grosso pubblico un lavoro che non tutti riescono a considerare nella sua giusta misura. Ilide Carmignani. “Tradurre, oltre che un mestiere, è di solito una grande passione legata al profondo e duplice piacere che offre a chi la coltiva: piacere della lettura e piacere della scrittura. Per chi ami queste due attività, non vi è lavoro che le combini meglio, che le colleghi più intimamente. Per tradurre, infatti, prima si legge e poi si scrive, in quella forma specializzata di scrittura che è la traduzione letteraria. Si ha così il privilegio di veder diventare la propria lettura materia di lettura altrui, il privilegio di trasformare l’atto creativo del leggere in un nuovo testo, unico e originale, opera d’ingegno protetta a tutti gli effetti dal diritto d’autore. Perché la letteratura non è un’arte universale come la pittura, è più come la musica, ha bisogno di un interprete che dia voce a note che altrimenti resterebbero mute: solo il traduttore può liberare la bellezza chiusa in un testo letterario straniero. E non è unicamente questione di bellezza: la traduzione è una delle forme più alte di dialogo fra culture: senza di essa resteremmo isolati nello spazio e anche nel tempo. Scriveva Susan Sontag: «La traduzione è il sistema circolatorio delle letterature del mondo». Capita che per lavorare su testi più congeniali, i traduttori si facciano promotori di proposte, che presentino opere inedite a loro avviso meritorie di pubblicazione agli editori, specie i più piccoli, quelli che non possono permettersi di acquistare i diritti dei successi annunciati e devono cercare capolavori fra le ortiche. Il traduttore diventa così non solo un avamposto di una certa letteratura in terra straniera, ma un alleato dello scrittore, di cui si fa al tempo stesso sosia nel testo e socio in affari. Nel vasto mondo del self-publishing, accade perfino che traduca un’opera per lo scrittore, invece che per un editore, in cambio di un certo compenso e/o di royalties. L’opera poi è regolarmente posta in vendita sulle piattaforme online, talvolta tramite siti specializzati come Babelcube, anche se la difficoltà della promozione all’interno di quella sterminata offerta di e-book può scoraggiare. Il convegno “Dall’italiano al mondo” del Salone del libro di Torino vuol aiutare tutti quei traduttori letterari stranieri che diffondono i nostri scrittori, la nostra cultura, nei cinque continenti, rafforzando la posizione dell’Italia nell’immaginario collettivo, il suo soft-power, nella certezza che questo rafforzerà a sua volta, in modo meno immateriale, l’economia italiana. Un esempio internazionale? Senza i meravigliosi libri di Luis Sepúlveda, quanti turisti italiani sarebbero andati fino in Patagonia? (Ilide Carmignani)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatro: Antigone soffia contro

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

Roma 14-15 luglio 2021 h. 20.00 presso Lo Spazio Diamante (Via Prenestina 230B – tel. 06 27858101 ) nell’ambito di I Classici del secolo futuro andrà in scena “Antigone” di Sofocle Tutor drammaturgia Tamara Bartolini Regia Bartolini/Baronio “Quando abbiamo concepito il progetto intitolato “Classici del Secolo Futuro” nessuno dei presenti immaginava che il futuro sarebbe stato così come da più di un anno lo conosciamo. Abbiamo avuto la previdenza di utilizzare i classici per fotografare, ascoltare, prefigurare il presente. Ed essi, una volta di più, ci hanno condotto in luoghi e in sentimenti che la realtà ha solo mostrato con maggior precisione e radicalizzato. È bastato, come sempre, essere contemporanei ma non cronisti. La tragedia accaduta e che sta accadendo è, in questo momento, irraccontabile se non attraverso i sentimenti che stanno sconvolgendo il pianeta: il dolore, la confusione, la paura. Le allieve e gli allievi del Terzo anno hanno reagito. Che è quello che fanno gli artisti, da sempre. Siamo giunti al quinto anno dei “Classici del secolo futuro”: quattro spettacoli scritti e interpretati dalle allieve e dagli allievi, assistiti e poi diretti da drammaturghi e registi. Non c’è nessuna distorsione da parte dell’artista/docente/tutor ma l’esaltazione e la messa in forma di quello che viene dai giovani allievi/artisti che mettono l’essere umano al centro dell’evento teatrale. Perché qualcosa cresca bisogna prendersene cura, per avere fiducia bisogna darne, per essere ascoltati bisogna ascoltare. E questo è quello che Bartolini/Baronio, Fabrizio Pallara, Lorenzo Gioielli, Virginia Franchi e Daniele Prato hanno fatto con ancora più convinzione in questo anno particolare. I Classici hanno, come sempre, un filo conduttore che quasi deroga dai classici da cui sono tratti: Cappuccetto Rosso, Amleto, Antigone, Sogno di una notte di mezza estate. Questo fil rouge non è mai scelto a priori, ma viene desunto da quello che accade intorno agli allievi/artisti che quelle riscritture concepiscono. È il potere il tema, la distorsione, la manipolazione, la credulità che rendono il potere così difficile da sconfiggere se teso unicamente alla propria conservazione. L’unica arma a disposizione è la cultura, la più immateriale, disattesa qualità in questi tempi in cui l’unica lente con cui analizzare i comportamenti umani sembra essere solo l’economia e la tecnica. La cultura che è rappresentata dagli strumenti e dai processi con cui si riesce a ragionare con la propria testa e ancor di più a sentire con il proprio cuore. Non sappiamo se la bellezza salverà le donne e gli uomini, lo speriamo. Intanto, anche quest’anno, abbiamo provato a mostrarla”. Sono inoltre aperte le selezioni per il prossimo triennio dell’Accademia di recitazione, drammaturgia e regia Stap Brancaccio diretta da Lorenzo Gioielli. I prossimi provini si terranno mercoledì 14/07/2021, a partire dalle 14.30, presso la sede dell’Accademia a Roma, in Via di Acqua Bullicante 133. L’Accademia, alla fine del triennio, rilascia l’attestato di qualifica professionale legalmente riconosciuto (ai sensi della L. R. 23/92 e L. 845/78).

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Finanziamento di 30 MIL dollari per Lookiero

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

Lookiero, il servizio di personal shopping online, annuncia oggi di aver ottenuto un round di finanziamenti da 30 milioni di dollari guidato da Perwyn, un investitore di private equity e capitale di crescita a conduzione familiare, con investimenti ulteriori da parte degli investitori esistenti MMC Ventures, All Iron Ventures e Bonsai Partners. Questo ulteriore finanziamento porta il totale dei fondi raccolti da Lookiero a oltre 60 milioni di dollari negli ultimi sei anni. Il finanziamento permetterà all’azienda di continuare la sua espansione internazionale, con il lancio in Germania nella seconda metà del 2021 e di rafforzare la sua posizione di leadership all’interno dei suoi mercati principali: Spagna, Francia, Regno Unito e Italia.Con un team di oltre 400 persone, Lookiero ha attualmente oltre 3 milioni di utenti registrate e ha aumentato le entrate di oltre il 50% nella prima metà del 2021 a livello europeo. In Italia nel 2020, Lookiero ha registrato una crescita a tre cifre rispetto al 2019. Infine Lookiero, negli ultimi 3 anni ha registrato un incremento di quasi il 50% nel numero di articoli che le clienti conservano in ogni scatola, migliorando i margini in modo significativo.Generando profili “lookalike” e analizzando le precedenti interazioni della cliente con ogni articolo, la tecnologia di Lookiero può prevedere con precisione quanto sia probabile che una utente tenga un determinato articolo, da una gamma di più di 150 brand europei. Questo “recommendation algorithm” assiste il personal shopper assegnato alla cliente nella selezione degli articoli più adatti.Dal suo round di finanziamento Serie B* nel 2019, Lookiero ha fatto passi significativi per migliorare ulteriormente il proprio servizio e l’esperienza del cliente. L’azienda ha ampliato il suo catalogo, con l’introduzione di categorie come premaman, calzature e brand premium. Ha condotto un rebrand completo nel 2020, ridefinendo la missione aziendale e l’identità visiva. Più recentemente, l’azienda ha lanciato le nuove app iOS e Android, insieme a nuove funzionalità come la possibilità di scambiare un articolo con una nuova taglia e “Look & Like”, un mini gioco innovativo, dove la cliente fornisce un feedback a vari capi attraverso un “like” o un “dislike”, consentendo ai Personal Shopper di conoscere ancora meglio le sue preferenze.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra On life

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

Roma 19 luglio – 30 agosto 2021 Rossocinabro Via Raffaele Cadorna 28 Curatori: Joe Hansen, Cristina Madini Questo periodo di pandemia ha reso chiaro a tutti che le esperienze online e offline sono ora unite. Non si tratta più di uscire dal mondo virtuale per entrare in quello fisico e viceversa, viviamo in un mondo in cui queste due dimensioni sono ormai intrecciate. E questo è stato evidente nell'arte già da molto tempo. Rossocinabro prosegue l’attività espositiva nella consapevolezza di tenere aperto il discorso e richiama l’attenzione sull’arte contemporanea orientando lo sguardo sul presente e sul futuro. L’attenzione ai linguaggi diversi, la conoscenza e lo scambio con gli altri trovano vie concrete e canali privilegiati di realizzazione proprio nei linguaggi artistici ed espressivi. Aspirare ad avviare e promuovere, passo dopo passo, la ricerca di una ragione comune, può infatti rappresentare nuove occasioni di confronto e di crescita culturale. Siamo consapevoli che allestire una collezione d’arte oggi significa riflettere i cambiamenti dei propri sentimenti, ma a pochi mesi dallo scoppio della pandemia Roma si candidava a tornare capitale del contemporaneo, e con la recente riapertura è ormai chiaro che la città è in subbuglio. Il forte aumento dell’afflusso di dati nell'ultimo anno indica che l’interesse per l’arte in tutte le sue espressioni sta crescendo, che il peso della tradizione, particolarmente forte a Roma, non impedisce anche a un pubblico eterogeneo di avvicinarsi più difficile e meno provato terreno dell’arte recente. La mostra è un work in progress, alle opere già esposte se ne aggiungeranno di nuove durante l’estate. Questa mostra offre una grande opportunità per investire nell’arte internazionale ed è una vetrina dell’artista affermato e dei giovani talenti. I visitatori possono aspettarsi una varietà di dipinti, disegni, arte fotografica, arte urbana, video e sculture in diversi stili. In mostra opere di: Daniel Agra, Ekaterina Aristova, Brian Avadka Colez, Heike Baltruweit, Steve Bicknell, Marciana Biasiello, Yenny Carruyo, Dénes Csasznyl, Marie-Pierre de Gottrau, Onno Dröge, Tom Dugdale, Earnest, Torhild Frøydis Eid, Margarita Felis, Elena Gonzalez Muñoyerro, Hanna Maarit Jauhiainen, Michael Jiliak, Chikara Komura, Agnieszka Kopczyńska-Kardaś, Alexandra Kordas, Lize Krüger, Kristin Inbal, Constanza Laguna Roldán, Gudrun Latten, Angelika, Lialios Freitag, Linda Liao, Fiona Livingstone, Marcia Lorente Howell, Judith Minks, Fanou Montel, Susan Nalaboff Brilliant, Cox Nathanael, Vera Nowottny, Ann Palmer, Sal Ponce Enrile, Erwin Rios, Belle Roth, Toril Sæterbakken, Olgu Sümengen Berker, Taka & Megu, Serina Tara, Stéphane Vereecken, Victoria V. Visita: https://www.rossocinabro.com/exhibitions/exhibitions_2021/214_on_life.htm On Life July 19 – August 30, 2021 Rossocinabro Rome, Via Raffaele Cadorna 28 Curators Joe Hansen, Cristina Madini This pandemic period has made it clear to everyone that online and offline experiences are now united. It is no longer a question of leaving the virtual world to enter the physical one and vice versa, we live in a world where these two dimensions are now intertwined. And this has been evident in art already a long time. Rossocinabro goes on the exhibition activity in the awareness of keeping the discourse open and draws attention to contemporary art by orienting its gaze on the present and the future. Attention to different languages, knowledge and exchange with others find concrete ways and privileged channels of realization precisely in artistic and expressive languages. Aspiring to start and promote, step by step, the search for a common reason, can in fact represent new opportunities for comparison and cultural growth. We are aware that setting up an art collection today means reflecting the changes in one's feelings, but a few months after the outbreak of the pandemic Rome was a candidate to return as the capital of the contemporary, and with the recent reopening it is now clear that the city is in turmoil. The sharp increase in the influx of data in the last year indicates that the interest in art in all its expressions is growing, that the weight of tradition, particularly strong in Rome, does not prevent even a heterogeneous public from approaching more difficult and less proven terrain of recent art. The exhibition is a work in progress, the artworks will be joined by new ones during the summer. This exhibition offers a great opportunity to invest in international art and is a showcase of the established artist and young talents. Visitors can expect a variety of paintings, drawings, photographic art, urban art, videos and sculptures in different styles. Featured artists: Daniel Agra, Ekaterina Aristova, Brian Avadka Colez, Heike Baltruweit, Steve Bicknell, Marciana Biasiello, Yenny Carruyo, Dénes Csasznyl, Marie-Pierre de Gottrau, Onno Dröge, Tom Dugdale, Earnest, Torhild Frøydis Eid, Margarita Felis, Elena Gonzalez Muñoyerro, Hanna Maarit Jauhiainen, Michael Jiliak, Chikara Komura, Agnieszka Kopczyńska-Kardaś, Alexandra Kordas, Lize Krüger, Kristin Inbal, Constanza Laguna Roldán, Gudrun Latten, Angelika Lialios Freitag, Linda Liao, Fiona Livingstone, Marcia Lorente Howell, Judith Minks, Fanou Montel, Susan Nalaboff Brilliant, Cox Nathanael, Vera Nowottny, Ann Palmer, Sal Ponce Enrile, Erwin Rios, Belle Roth, Toril Sæterbakken, Olgu Sümengen Berker, Taka & Megu, Serina Tara, Stéphane Vereecken, Victoria V The exhibition is accompanied by a page on the website http://www.rossocinabro.com, with in-depth analysis of the research of the selected artists and their works on display.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Antitrust: Tar annulla 228mln multa fatturazione a 28 giorni

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

Il Tar del Lazio ha annullato le maxi sanzioni per complessivi 228 milioni di euro inflitte nel gennaio 2020 dall’Antitrust a Fastweb, Tim, Vodafone e WindTre per un’intesa anticoncorrenziale relativa al repricing effettuato nel ritorno alla fatturazione mensile.”Una vergogna! Che la giustizia non funzioni in questo Paese è cosa nota, ma ora si è toccato il fondo” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Il Tar continua ad assecondare la politica dilatoria delle compagnie telefoniche, che si arrampicano sui muri e sugli specchi a caccia di cavilli legali pur di poter fare i loro comodi in barba a quanto hanno deciso le Authority: Agcom e Antitrust. Una decisione che ci lascia sgomenti!” conclude Dona.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conferenza di alto livello sullo stato globale dei diritti umani

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

Venerdì 16 luglio 10:00 – 19:30 conferenza in streaming. il Parlamento ospiterà per la prima volta la conferenza sullo stato globale dei diritti umani, per discutere la situazione dei diritti umani a livello internazionale.La conferenza riunirà deputati e Commissari europei, premi Nobel per la pace, premi Sacharov, rappresentanti delle organizzazioni internazionali, del mondo accademico e delle parti interessate, che discuteranno una varietà di argomenti relativi alla situazione globale dei diritti umani, attraverso tre pannelli principali. La conferenza, organizzata congiuntamente dal Parlamento europeo e dal Global Campus of Human Rights, si terrà presso il monastero di San Nicolò a Venezia e nei locali del Parlamento a Bruxelles (e a distanza).I partecipanti ascolteranno gli interventi, tra gli altri, del Presidente del Parlamento europeo David Sassoli, della Presidente del Global Campus of Human Rights Veronica Gomez, dell’Alta Commissaria delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet, della Segretaria generale di Amnesty International Agnès Callamard e di Denis Mukwege, premio Nobel per la pace nel 2018 e premio Sakharov nel 2014.Parteciperanno attivamente alla discussione anche alcuni deputati di spicco nel campo dei diritti umani, tra cui la Presidente e diversi membri della sottocommissione per i diritti umani del Parlamento e due vicepresidenti del Parlamento.Due diligence, responsabilità globale, risposta alle violazioni dei diritti umani Nel corso dei lavori della conferenza sarà discusso in che modo la legislazione UE sulla due diligence può rendere le società e le imprese maggiormente sensibili alle violazioni dei diritti umani, come la giustizia internazionale può aiutare a garantire la responsabilità globale e quali sfide deve incontrare una politica estera basata sui valori quando si affrontano i temi globali relativi a diritti umani e democrazia. La conferenza sarà conclusa dalla performance “White torture” del venezuelano Lorent Saleh, vincitore del Premio Sacharov, il cui spettacolo si basa sulla sua esperienza di prigioniero ne ‘La Tumba’, la prigione dei servizi segreti venezuelani.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Innovazione in sanità

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

Gli investimenti del pharma in R&S, nel mondo, sono in costante aumento, con una crescita del 25% tra 2020-2026. L’Italia, che ricopre una leadership con Francia e Germania nel campo della produzione farmaceutica, può concorrere ad attrarre una quota importante di questi investimenti nella ricerca e sviluppo, incrementando gli 1,62 miliardi di € investiti nel 2020, che già rappresentano ben il 13% del totale dell’industria manifatturiera italiana. Gli investimenti nel pharma generano importanti ricadute: infatti il rapporto tra risorse investite dalle aziende e valore economico totale generato è di 1 a 3.Questi alcuni dei dati e delle riflessioni condivise oggi durante il secondo incontro organizzato da The European House – Ambrosetti, con il sostegno dell’Italian American Pharmaceutical Group (IAPG) e del Gruppo Europeo e Nipponico di Farmindustria (EUNIpharma). Si è discusso di come promuovere l’innovazione e di quali politiche economiche, industriali e sanitarie possono aumentare l’attrattività del nostro Paese per gli investimenti esteri nel settore farmaceutico.La pandemia ha accresciuto notevolmente la consapevolezza delle istituzioni italiane sull’importanza strategica del settore farmaceutico per il nostro Paese. Per cogliere queste opportunità di crescita occorre tradurre questa consapevolezza in misure in grado di migliorare l’attuale governance della farmaceutica.Nel dibattito sono state, infatti, ricordate le criticità connesse all’equivalenza terapeutica, con le sue ricadute negative sulla tutela brevettuale. Ma il vero problema rimane il sottofinanziamento cronico della spesa farmaceutica per acquisti diretti, che accresce inoltre le difficoltà di accesso per i pazienti alle terapie innovative. L’innovazione e la tutela brevettuale sono inoltre penalizzate dall’attuale sistema di governance della spesa farmaceutica. Infatti, il sistema del payback impatta fortemente la spesa per acquisti diretti in cui sono presenti la quasi totalità dei farmaci innovativi e quelli coperti da brevetto.Esiste un sottofinanziamento strutturale della spesa per acquisti diretti, solo in parte ridotto, dalla creazione dei fondi per i farmaci innovativi e dalla revisione dei tetti di spesa introdotta con la Legge di Bilancio 2021.Un altro esempio di limiti strutturali è rappresentato dal processo di approvazione di nuovi farmaci, questi quando approvati a livello EMA vengono messi a disposizione dei pazienti italiani moltissimi mesi dopo perché soggetti ad un doppio passaggio approvativo, una valutazione da parte di Aifa (418 giorni in media) e passaggi burocratici a livello delle regioni. L’effetto prodotto da tali lungaggini è un -19% di consumi pro-capite in Italia verso la media dei grandi paesi europei.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Coronavirus. Siamo nella quarta ondata

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

Anche se in tanti, istituzione comprese, cercano di nasconderlo, siamo entrati nella quarta ondata. E prima dell’anno scorso e anche se ora ci sono i vaccini. Proprio un anno fa, nel 2020, in Italia c’erano meno ricoveri, meno terapie intensive e meno casi giornalieri. E mentre l’anno scorso eravamo molto timorosi e premurosi perché avevamo sulle spalle i pesanti lockdown primaverili, quest’anno – diffusa sensazione di uscita dalla pandemia – ci sentiamo tutti più leggeri e disponibili a comportamenti a rischio. Il caso recente più lampante sono stati i festeggiamenti per la coppa Uefa dove, chi direttamente o chi indotto dalle immagini mediatiche, ha partecipato ad un abbraccio con chiunque… in periodo in cui vige ancora il metro e mezzo di distanza e dove ci si saluta col tocco del gomito. In questo contesto aggiungiamo che le vaccinazioni stanno rallentando perché è sempre più vicino lo zoccolo duro dei no-vax (20-30%) e che i vaccinandi sono i più giovani, finora convinti che erano praticamente fuori dalla pandemia e che per il rientro a scuola ancora non si è provveduto a decidere come dovrebbe essere (i dati giornalieri sulle infezioni vedono sempre di più la presenza di giovani). Una situazione in cui è diventato molto difficile far capire che ci siamo rovinati anche questa estate (notizie di focolai in zone di villeggiatura sono frequenti), ma che ha visto diverse amministrazioni dare il proprio contributo pandemico consentendo e foraggiando i festeggiamenti per la Uefa. E’ evidente che occorre una più forte iniziativa delle istituzioni, anche se i pericoli maggiori sono rappresentati dalle varianti tipo Delta che (esperienza Uk e Israele) sono considerate meno forti. A cui aggiungere la necessaria consapevolezza e disponibilità di ognuno, soprattutto a considerare questa estate come più pericolosa di quella del 2020. Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Caritas Sud Sudan nel decimo anniversario dell’indipendenza

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

“Il decimo anniversario dell’indipendenza può rappresentare un punto di partenza per un nuovo Sud Sudan che proceda verso la stabilità politica e che garantisca lo sviluppo umano integrale attraverso attività di sviluppo incentrate sulle comunità, messe in atto dalle organizzazioni della società civile». Così afferma Aloysius John, segretario generale di Caritas Internationalis, esprimendo l’auspicio dell’intera confederazione. Ma perché questo accada, è necessario un forte sostegno da parte della comunità internazionale, che oggi più che mai potrebbe essere decisivo, come spiega Gabriel Yai, direttore di Caritas Sud Sudan. I partiti principali (SPLM, SFLA-I0, SSOA, SSOPP) hanno infatti recentemente firmato un accordo di pace e lo sostengono. I diversi eserciti si sono uniti e vengono ora addestrati al fine di formare un esercito nazionale. Il Consiglio di Stato e i consigli legislativi sono stati formati e i membri delle due camere del Parlamento hanno prestato giuramento. «Questa è un’opportunità d’oro per la comunità internazionale di sostenere la costruzione della nazione. Il nostro Paese ha più che mai bisogno di un supporto politico internazionale al fine di consolidare l’emancipazione politica dei leader e di formare un esercito statale che protegga il proprio popolo. La nostra nazione avrebbe potuto iniziare questo processo appena in seguito all’indipendenza, se solo la comunità internazionale fosse stata presente per accompagnare la transizione facilitando la costruzione di un’autonomia politica nazionale e la formazione di vertici politici e amministrativi», continua Gabriel Yai. La Confederazione Caritas ha accompagnato il processo di pace negli ultimi anni, che purtroppo sono stati profondamente segnati da gravi conflitti. Caritas Sud Sudan è stata creata nel novembre 2011 per rispondere ai bisogni delle persone che tornavano nel Paese e per migliorare le condizioni dei sud-sudanesi che in questi anni hanno vissuto in condizioni di grave povertà. Con una rete di diverse Caritas a sostegno di quella del Sud Sudan, è stato messo in atto un piano di programmi di emergenza e riabilitazione nelle sette diocesi. In tutto il Paese, Caritas ha dato il via a diversi programmi di assistenza: programmi per la sicurezza alimentare, fornitura di mezzi di sussistenza, alloggi e beni di prima necessità, e costruzione della pace. Caritas ha altresì risposto alle situazioni di emergenza create da condizioni climatiche estreme quali la siccità e le inondazioni. In alcuni luoghi sono state tentate anche attività agricole, purtroppo ostacolate dalle violenze legate ai conflitti interni. Mentre Caritas serviva e curava la popolazione, i leader della Chiesa erano al tavolo delle trattative per parlare di pace e armonia con le diverse fazioni in guerra. La Chiesa cattolica, insieme alle altre confessioni cristiane, ha motivato e incoraggiato le diverse parti a partecipare alle trattative di pace e invitato i due leader Salva Kiir e Riek Machar ad unirsi a loro.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Caritas South Sudan on the tenth anniversary of the country’s independence

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

“The 10th anniversary of independence could be a starting point for a new South Sudan moving towards political stability, ensuring integral human development through community-based development activities put in place by civil society organisations,” says Aloysius John, secretary general of Caritas Internationalis, expressing the wish of the confederation for the world’s youngest State.But for this to happen, there is a need for strong support from the international community, which now, more than ever before, can be decisive, as explains Gabriel Yai, Director of Caritas South Sudan. Today the major parties (SPLM, SFLA-I0, SSOA, SSOPP) have signed the peace agreement, and they support it. The different armies have been combined, and they are being trained to form a national army. The State Council and the legislative councils have been formed, and the members of the two houses of parliament have been sworn in.The Caritas Confederation has accompanied the peace process during these ten years, which were unfortunately deeply marked by serious conflicts. Caritas South Sudan was created in November 2011 to cater to the needs of people returning to the country, and also to improve the living conditions of those who were living in poverty in South Sudan during these years. With a network of several Caritas member organisations helping Caritas South Sudan, a vast emergency and rehabilitation program was put in place in the seven dioceses to respond to the needs of the poorest. Caritas introduced emergency and recovery programs all over the country, consisting of four different kinds of activities: emergency food security assistance, livelihood, shelter and non-food items, and peacebuilding through awareness building. Caritas also responded to the emergency situations created by the harsh extreme climatic conditions such as drought and floods. In some places, small agricultural activities were also attempted, but they were hampered by violence due to the internal conflicts between the warring factions.While Caritas was serving and caring for the people, the Church authorities were at the negotiating table to talk about peace and harmony in the new state with the different belligerent factions. The Catholic Church, along with the other Christian denominations, motivated and encouraged the different factions to come to the negotiating table. They were also motivating and encouraging the two top leaders Salva Kiir and Riek Machar to join the peace table.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

BCE: l’arte del compromesso e l’opportunità mancata

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

A cura di Pasquale Diana, Senior Macro Economist di AcomeA SGR. La BCE ha annunciato i risultati della Strategy Review. La review ha avuto inizio nel 2020 e ha subito forti ritardi a causa della pandemia. Il processo ha visto coinvolti ben 13 gruppi di lavoro, i cui risultati saranno presentati in working papers che la BCE pubblicherà nelle prossime settimane.Ci sono quattro cambiamenti principali: primo, il nuovo target sarà 2%, non più “poco al di sotto del 2%”; secondo, negli anni a venire includerà i costi delle attività immobiliari (housing) nell’indice di inflazione, come fanno già altre banche centrali; terzo, il “pilastro monetario” sarà rimpiazzato da un pilastro “monetario e finanziario”, presumibilmente per includere analisi regolari sulle condizioni finanziarie spesso menzionate dalla Lagarde; quarto, fattori legati ai cambiamenti climatici saranno inclusi nelle sue analisi, nei programmi di acquisti e nel framework monetario.L’inclusione delle attività immobiliari nell’inflazione era probabilmente nelle attese e dovrebbe alzare l’inflazione misurata al margine di 10-20 punti base. La revisione formale del target a un 2% simmetrico era senz’altro anch’essa attesa dal mercato. In generale, portare l’obiettivo d’inflazione da “poco sotto il 2%” a un 2% simmetrico equivale ad alzare il target e quindi – ceteris paribus – va al margine nella direzione di una politica monetaria più espansiva. Il contesto in cui vengono prese queste decisioni è importante. L’inflazione in eurozona negli ultimi dieci anni è stata in media 1.2%, poco più della metà del target. Ci si attendeva forse qualcosa di più concreto dalla BCE su come riportare l’inflazione al target. Invece la BCE si è limitata a menzionare gli strumenti esistenti (tassi d’interesse, forward guidance, QE, LTRO) e a dire in maniera generica che ne avrebbe introdotti di nuovi ove fosse necessario. E che dire dell’inflazione? La BCE avrebbe potuto annunciare ad esempio che avrebbe cercato di portare l’inflazione oltre il 2% per un periodo, al fine di compensare in parte la bassa inflazione degli ultimi anni. Questa è l’essenza dell’Average Inflation Targeting (AIT) annunciato dalla Fed a Jackson Hole nel 2020. Oppure la BCE avrebbe potuto fornire delle indicazioni su come avrebbe cercato di mantenere la sua politica di acquisti flessibile anche dopo la fine del PEPP, prevista per marzo 2022. Invece, nulla di tutto questo. Quando – come adesso – i tassi sono prossimi al cosiddetto effective lower bound (cioè il limite oltre il quale non è prudente tagliarli), la BCE sostiene che si creano delle condizioni particolari. Non potendo tagliare i tassi, la banca centrale deve prendere delle misure forti per evitare che le aspettative d’inflazione si deteriorino. Fare questo può condurre a un periodo temporaneo d’inflazione sopra il target, secondo la BCE. Può sembrare un passo verso AIT, e in effetti lo è, ma è davvero molto timido. Inoltre, la stessa Lagarde ha detto che non ci saranno conseguenze materiali sulla politica monetaria. Sarebbe sbagliato – e ingeneroso – dire che non è cambiato niente. La BCE ha contribuito a chiarire il suo obiettivo d’inflazione e renderlo trasparente. I working papers che saranno pubblicati nelle prossime settimane forniranno senz’altro materiale di studio interessante. Ciò detto, va ricordato che la BCE prevede l’inflazione solo all’1.4% tra due anni, nonostante lo stimolo monetario già messo in atto. Il problema di un’inflazione ben sotto il target è reale e richiede misure forti. La chiara sensazione è che la BCE avrebbe potuto fare di più e che la necessità di trovare un compromesso tra i vari membri abbia impedito una soluzione più ambiziosa. Molti dei nodi irrisolti verranno inevitabilmente al pettine nei prossimi mesi. Per adesso, la Strategy Review è indubbiamente un passo avanti, ma anche un’opportunità mancata.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istat: consumi mai così bassi dal dopoguerra

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

I dati diffusi dall’Istat nel Rapporto 2021 sulla situazione del Paese rivelano uno scenario preoccupante, che sottolineiamo da tempo.Nel 2020 la povertà assoluta ha segnato una forte crescita: interessa oltre 2 milioni di famiglie, pari al 7,7% (mentre nel 2019 erano il 6,4%). Anche sul fronte dei consumi c’è stata una caduta “di dimensioni molto più ampie (-10,9%) e mai registrata dal dopoguerra”. È evidente che tali indicatori risultano influenzati dall’emergenza pandemica e dalle sue limitazioni, ma è altrettanto chiaro che i contraccolpi della crisi sono ancora in corso e, con la sospensione del blocco dei licenziamenti in quasi tutti i comparti avremo un netto peggioramento di tale situazione.Ecco perché è necessario che il Governo intervenga rapidamente mettendo in atto misure efficaci per contenere gli effetti negativi per le famiglie, disponendo un serio piano di sostegno e di rilancio, che punti sull’occupazione, sugli investimenti per lo sviluppo tecnologico e l’innovazione.Inoltre non è più rinviabile la disposizione di una riforma fiscale che preveda forti elementi di progressività e una tassazione straordinaria sui grandi patrimoni. È fondamentale agire, in questa fase, per contrastare l’ulteriore crescita di disuguaglianze e disparità in grado di creare profonde e incolmabili spaccature nel tessuto sociale del Paese.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Consiglio direttivo della Bce ha cambiato l’obiettivo d’inflazione

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

“Decisione rischiosa. Non abbiamo mai ritenuto il 2% di inflazione come un obiettivo, ma come uno strumento. Abbiamo sempre appoggiato la politica monetaria espansiva della Bce a fonte di una grave recessione in atto, ma per la finalità di dare liquidità al sistema, di tenere bassi i tassi di interesse, rilanciare gli investimenti e i mutui delle famiglie, non certo per aumentare i prezzi che riducono il potere d’acquisto delle famiglie” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Insomma, accettavamo di pagare lo scotto dell’inflazione in cambio di crescita, maggiore occupazione e minori oneri sul debito pubblico, pagati con le tasse dei cittadini. Ma c’è un limite che va posto all’inflazione, perché se su un piatto della bilancia c’è la crescita, dall’altro c’è l’inflazione e la riduzione della capacità di spesa dei consumatori. Il tetto del 2%, pur essendo puramente simbolico, garantiva un equilibrio che ora rischia di saltare” prosegue Dona. “Insomma, siamo favorevoli a un coordinamento tra politica monetaria e fiscale, non abbiamo msi ritenuto giusto considerare la politica monetaria come una variabile indipendente che non tiene conto della recessione in atto, come avveniva ai tempi di Trichet, ma quando saremo usciti dalla crisi e si sarà recuperato il Pil perso, l’inflazione dovrà tornare a essere tenuta sotto controllo, senza se e senza ma” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istat: produzione maggio -1,5% su mese, +21,1% su anno

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

Secondo i dati resi noti oggi dall’Istat, la produzione industriale a maggio scende dell’1,5% sul mese precedente e sale del 21,1% su base annua.”Dati inquietanti e a dir poco allarmanti. Dopo che ad aprile la produzione aveva recuperato sui valori pre-crisi, con un balzo eccellente, a maggio si sprofonda nuovamente nel burrone della crisi” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Secondo il nostro studio, in aprile la produzione era già superiore dell’1,2% su febbraio 2020, ultimo mese pre-lockdown, mentre a maggio è tornata in territorio negativo, con un gap dello 0,8%. Nel confronto, poi, con i valori pre-crisi del gennaio 2020, ultimo mese pre-pandemia, il divario ora è pari addirittura al 2,1%, che sale all’8,6% per i beni di consumo non durevoli. Una voragine!” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Dl sostegni: caro prezzi edili, monitoraggi e compensazioni

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

Un emendamento al dl Sostegni Bis prevede, per fronteggiare gli aumenti eccezionali dei prezzi di alcuni materiali da costruzioni negli appalti pubblici, che nel caso il costo sia aumentato oltre l’8% si procederà a compensazioni in favore delle imprese.”Bene, ma non basta! L’emendamento mette una pezza che non può certo bloccare l’emorragia in corso! Intanto perché affronta solo il problema degli appalti pubblici e non quelli dell’edilizia privata, ma soprattutto perché interviene sulle conseguenze delle speculazioni sui prezzi e non risolve il problema alla radice, rimuovendo le cause di questi rialzi intollerabili” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Bisogna che ogni ricarico eccessivo dei prezzi sia considerato per legge automaticamente una pratica commerciale scorretta punibile dall’Antitrust, attraverso una definizione di prezzo anomalo” prosegue Dona. “Noi abbiamo già presentato un esposto all’Antitrust sugli aumenti dei prezzi nel settore dei materiali edili, come il raddoppio dei prezzi di noleggio dei ponteggi avvenuto in appena tre mesi. Ma non è certo che l’Antitrust proceda, come dimostrano le numerose archiviazioni contenute nel Bollettino settimanale del 28 giugno sui prezzi di vendita di beni di prima necessità durante le prime fasi del lockdown” prosegue Dona. “Queste speculazioni rischiano di compromettere seriamente il provvedimento del Superbonus, importantissimo per rilanciare la nostra economia. Ecco perché il Governo deve intervenire con urgenza in modo inflessibile” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Necessaria una modifica alla riforma della giustizia

Posted by fidest press agency su martedì, 13 luglio 2021

Le associazioni Codici – Centro per i Diritti del Cittadino, Adiconsum, Altroconsumo, Asso-Consum, Assoutenti, Associazione Utenti dei Servizi Radiotelevisivi, Casa del Consumatore, Codacons, Confconsumatori, Ctcu Bolzano e Movimento Consumatori, da sempre impegnate nella tutela dei cittadini, utenti e consumatori, esprimono la loro preoccupazione per le modifiche previste dal DDL Lattanzi, in particolare per quanto riguarda l’esclusione della società civile dalla tutela legale.”Siamo consapevoli che il nodo principale della riforma si muove sul dibattito della prescrizione – dichiarano Ivano Giacomelli (Segretario Nazionale di Codici), Danilo Galvagni (Vicepresidente di Adiconsum), Luisa Crisigiovanni (Segretario Generale di Altroconsumo), Ettore Salvatori (Presidente di Asso-Consum), Furio Truzzi (Presidente di Assoutenti), Alessia Stabile (Presidente Associazione Utenti dei Servizi Radiotelevisivi), Giovanni Ferrari (Presidente di Casa del Consumatore), Marco Ramadori (Presidente di Codacons), Mara Colla (Presidente di Confconsumatori), Gunde Bauhofer (Direttrice di CTCU Bolzano), Alessandro Mostaccio (Segretario Generale di Movimento Consumatori) –, ma il risultato prodotto dalla Commissione Lattanzi, di cui si discute ormai da settimane, avrebbe conseguenze gravissime per le persone che si rivolgono alle associazioni rappresentative degli interessi collettivi lesi da reato. Il riferimento specifico è ad un passaggio contenuto nell’Articolo 1-Bis, che di fatto impedisce alle associazioni rappresentative degli interessi collettivi lesi da reato di costituirsi parte civile nei procedimenti penali. Come la storia recente insegna, non si tratta di un dettaglio, ma di una questione cruciale. Non bisogna sottovalutare, infatti, quello che sta accadendo nei processi criminali. Le persone offese non si costituiscono parte civile perché hanno paura. È un allarme che merita attenzione e la proposta avanzata dalla Commissione Lattanzi va nella direzione sbagliata, perché non rischia di allontanare la società civile dalle aule di giustizia, ma ne impedisce addirittura l’accesso. Quella che si profila è pertanto una situazione preoccupante. È grazie alle associazioni che la società civile viene rappresentata nei Tribunali ed è chiaro, quindi, che estrometterle dai processi provocherebbe un danno gravissimo alla partecipazione sociale e alla democrazia. Questa riforma nasce sotto il segno della necessità di accorciare i tempi della giustizia, garantendo finalmente tempi brevi e certi ai cittadini, troppo spesso costretti ad affrontare un lungo ed estenuante iter, come richiesto dall’Europa. Una corsa ad ostacoli dovuta non certamente alla costituzione come parte civile delle associazioni, la cui presenza in aula è anzi sinonimo di tutela dei diritti dei cittadini e spesso di corretto svolgimento del processo, oltre che un contributo prezioso per fare luce sulle vicende oggetto del processo. È per queste ragioni che abbiamo deciso di promuovere una campagna di sensibilizzazione per evitare che, dietro il paravento della necessaria riforma della Giustizia, venga impedito alla società civile di essere partecipe nei processi, a partire da quelli delicatissimi nei confronti della criminalità organizzata. La giurisprudenza ha già da tempo elaborato i canoni per qualificare e ammettere le associazioni effettivamente impegnate sulla vicenda oggetto di reato, per tale ragione non si comprende la scelta di estrometterle dal processo. Non è certo una soluzione ai problemi del sistema giustizia, anzi è un modo per affossarlo allontanando ancora di più i cittadini. Alla luce di questo, chiediamo la modifica della riforma nell’articolo in cui di fatto viene negata alle associazioni la possibilità di costituirsi parte civile, garantendo invece la possibilità alla società civile di continuare a difendere in aula, come fatto finora, i diritti delle persone deboli, a partire dai processi che riguardano la criminalità organizzata”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »