Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 21 luglio 2021

Rendere strutturali le misure per l’export

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

“Erano in pochi a credere che, come Italia, attraverso l’export, saremmo riusciti a dare questa spinta importante all’economia. Ed invece questa grande sfida la stiamo vincendo grazie soprattutto al lavoro di squadra costruito attorno al Patto per l’Export, fortemente voluto dal Ministro Luigi Di Maio. Gli strumenti messi in campo, a partire dagli incentivi a fondo perduto, che abbiamo finanziato abbondantemente, stanno funzionando. Le esportazioni, nei primi mesi del 2021, hanno raggiunto i livelli pre-Covid e in alcuni casi li hanno pure superati. Ora dovremo fare un passo in più per rendere strutturali questi interventi, che rappresentano un tassello stabile sul quale dobbiamo, con forza, continuare ad edificare questo progetto di valorizzazione del Made in Italy e di promozione dell’export. Questa mattina ne ho parlato intervenendo al convegno “Export e Made in Italy”, organizzato dal Consiglio Nazionale e dall’Ordine di Napoli dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. Ma oltre all’aspetto finanziario, per aumentare la competitività del nostro Sistema Paese ed azzerare quel gap fastidioso che abbiamo nei confronti di altre realtà, servono interventi ordinamentali, di semplificazione e sburocratizzazione. Proprio in questi mesi stiamo lavorando, anche in raccordo con le organizzazioni di categoria, sugli ambiti da stimolare. Lato impresa, quattro sono gli ambiti su cui penso si debba puntare: 1. acquisizioni e fusioni, che oggi soffrono della mancanza dei giusti stimoli fiscali; 2. rafforzamenti di governance; 3. interventi di re-shoring, tenendo presente che i primi 3 motivi di delocalizzazione sono riduzione del costo del lavoro, la flessibilità sulla capacità produttiva e la riduzione del costo delle materie prime; 4. crescita dimensionale, che oggi non è sostenuta da strumenti rapidi, come invece avviene in altri paesi europei, ed efficaci. Sono temi su cui, come quello della crescita dimensionale, abbiamo già iniziato a lavorare durante questa gestione dell’emergenza Covid. Con Sace, ad esempio, lo abbiamo fatto per la ricapitalizzazione. Sul re-shoring, e sugli incentivi fiscali per favorire l’export, c’è poi un’interessante proposta che arriva dal Presidente dell’ICE, e che punta, sul modello statunitense, ad una riduzione dell’imponibile fiscale per il reddito generato all’estero. In una fase di ripartenza, come questa post pandemia, rappresenterebbe un grande aiuto alle imprese, soprattutto nella conquista di nuove quote di mercato”. Così, sui social, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La rimozione delle statue e la teoria critica della razza: strada per una migliore America?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

“Rimuovere la statua è un piccolo passo che ci avvicina ad aiutare Charlottesville, la Virginia e l’America ad affrontare il loro peccato di distruggere volontariamente gli afro-americani per i profitti”. Queste le parole della sindaca Nikuyah Walker mentre si apprestava ad annunciare la rimozione della statua di Robert E. Lee, generale degli Stati confederati durante la Guerra Civile. Come si ricorda, nel 2017 Charlottesville è stata al centro del raduno dei suprematisti “Unite the Right” che protestavano la rimozione della statua. Un suprematista ha usato la sua macchina per scontrarsi con manifestanti pacifici di sinistra, causando la morte di una donna e ferendo anche dozzine di altri presenti.Sono passati quattro anni ma adesso la statua di Lee è stata rimossa e sarà conservata per poi decidere il da farsi. Gli eventi di quel giorno e la susseguente morte di afro-americani in incontri con la polizia, specialmente l’uccisione di George Floyd, hanno scatenato manifestazioni che hanno spinto alla riconsiderazione dei rapporti fra bianchi e gruppi minoritari. Inoltre si è anche arrivati alla rivalutazione di eventi storici con radici nella guerra di secessione (1861-1865). A dare manforte a queste rivalutazioni i media hanno scoperto la teoria critica della razza, un concetto accademico che si rifà agli anni 60′ e 70′. Nella primavera di quest’anno è emerso poiché non pochi Stati in America hanno introdotto leggi che mirano a vietare il suo studio nelle scuole primarie e secondarie del Paese.La Florida, in particolare, ha approvato una legge che insiste sull’insegnamento della storia guidata dal principio di “creazione di una nazione basata in grande misura sui principi della Dichiarazione di Indipendenza”. Questa legge proibisce l’uso di nuove metodologie che includono i rapporti razziali per spiegare la continua esistenza di disuguaglianze fra bianchi e afro-americani dopo moltissimi anni dalla fine della schiavitù nel 1865.La teoria critica della razza ci dice invece che il razzismo non è tutto semplicemente un costrutto di pregiudizi individuali ma è anche parte integrale dei sistemi legali e politici. Il razzismo e le differenze economiche, sociali e politiche fra i bianchi e i gruppi minoritari, specialmente gli afro-americani, sono legati all’ideologia suprematista. L’unione delle manifestazioni contro il razzismo, la rimozione delle statue simbolo di supremazia bianca, e la teoria critica della razza hanno creato una sorta di assedio per una buona fetta degli americani bianchi che si vede attaccata, causando pericoli ai loro privilegi.Bisogna dunque opporsi ad iniziare con la difesa delle statue persino quelle confederate che celebrano personaggi che hanno perso la Guerra Civile ma che hanno continuato ad essere visti come figure eroiche. Abbattere queste statue per una buona maggioranza di destra significa eliminare la loro cultura non solo per quelli del Sud ma anche per quelli del Nord i cui antenati, paradossalmente, hanno lottato e vinto la Guerra Civile e mantenuto unificato il Paese. Strano che un individuo come l’ex presidente Donald Trump, che si considerava un “vincente”, abbia abbracciato i “perdenti” confederati. Lo fece ovviamente per fare piacere ai suprematisti che erano e continuano ad esser parte integrale della sua base. Non sorprende dunque che dopo gli eventi di Charlottesville del 2017, l’allora presidente Trump non condannasse i filonazisti, limitandosi semplicemente a dire che “c’era brava gente da ambedue le parti”. Inoltre, da presidente, Trump si era opposto ai cambiamenti dei nomi di una decina di basi militari che ricordano generali confederati dicendo che “Questi monumenti e potentissime basi fanno parte del patrimonio americano e una lunga storia di vincere, vittoria e libertà”. C’è una piccolissima dosi di verità in questa affermazione di Trump poiché gli schiavi, con la fine della Guerra Civile, ottennero la libertà. Ciononostante, con il ritiro graduale delle truppe nordiste, i bianchi al Sud ricominciarono poco a poco a riprendere il controllo politico ed economico, continuando a sfruttare ed abusare gli afro-americani. Questi abusi sono stati rivendicati dagli afro-americani ma i bianchi ci credevano poco. In tempi recentissimi, però, con l’avvento dei telefonini e le riprese di video, gli abusi citati storicamente da afro-americani sono venuti alla luce del sole per tutti. Difficile ignorare il video della morte di Floyd, scattato da una giovane donna presente. Difatti, il poliziotto responsabile per la morte di Floyd, in un caso storico, è stato condannato a 22 anni di reclusione. Questa sentenza è stata vista come un possibile cambiamento per una nuova visione di giustizia per gli afro-americani.Non basta però se lo si vede solo come un caso isolato. Gli studiosi della teoria critica della razza interpretano la morte di Floyd come risultato di ingiustizia sistemica e strutturale che va riesaminata nel contesto storico. Il sistema giudiziario, economico e politico attuale che vede gli afro-americani in una situazione sfavorevole è causato dalla storia e per creare un clima di uguaglianza bisogna capirlo appieno. La rimozione delle statue è solo un piccolo passo. La destra ribatte con il tipico relativismo, interpretando la rimozione delle statue come rifiuto della storia, la loro storia. Si tratta di quella storia rievocata da Trump nel suo slogan “Make America Great Again” (Rifacciamo grande l’America di nuovo). I conservatori si chiedono quali altre statue di eroi consacrati come George Washington, Thomas Jefferson ed altri andranno abbattute perché anche loro furono proprietari di schiavi. La chiave in questo ragionamento è il relativismo, usato non solo dalla destra ma in modo magistrale da Vladimir Putin. Ogni qualvolta che gli vengono criticate le ingiustizie nel suo Paese, il leader russo indica, con una dosi parziale di verità, i problemi razziali in America che lui stesso e i suoi collaboratori hanno fomentato, specialmente nell’elezione presidenziale del 2016.Alcuni studiosi tendenti a destra ci dicono che non è possibile giudicare eroi del passato con parametri etico-morali contemporanei. Si sbagliano perché rivalutando la storia con gli occhi del presente ci aiuta a capirla, scongelando alcune posizioni già cementate ma bisognose di nuove analisi per capirle a fondo. Solo con una comprensione aggiornata si potrà migliorare la società attuale. Decidere di abbattere le statue che con il loro simbolismo celebrano falsi eroi, indirettamente e spesso direttamente, è un piccolo passo per un’interpretazione accentrata della storia. Robert Lee, diretto discendente del generale Robert E. Lee, ha pubblicato un editoriale sul Washington Post dove appoggia la distruzione della statua del suo antenato a Richmond, la capitale degli Stati Confederati durante la Guerra Civile, ed attuale capitale della Virginia. Un’interpretazione personale che riconosce il bisogno della rivalutazione storica per farci capire come procedere per una migliore America. Domenico Maceri, PhD, è professore emerito all’Allan Hancock College, Santa Maria, California.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PD: “No paura di vento che soffia nelle strade”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

“Una scelta ambiziosa di cui avevamo bisogno e che sarà decisiva per aiutare ad aprire il partito alle tante forze vitali che si muovono all’esterno. Le agorà saranno utili anche per scuotere alcune realtà territoriali a uscire da dinamiche interne che oramai non hanno più alcun senso”. Lo afferma la presidente della commissione Lavoro della Camera Romina Mura (Pd), dopo il “lancio” delle Agorà Democratiche. “Non bisogna avere paura del vento che soffia nelle strade – aggiunge Mura – ma anzi bisogna trasformarlo in forza che riempie le nostre vele. Il partito non esaurisce la società e se vuole servire il Paese deve mettersi in gioco e di nuovo in contraddizione: il segretario Letta ha dato corpo a questo concetto basilare”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La canzone d’autore di Maurizio Ferrandini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

E’ presente sulle maggiori piattaforme digitali, videoclip e canzone saranno finalmente on line. La canzone d’autore di Maurizio Ferrandini, nel debutto antologico (quasi un ossimoro) “Io non c’entro col rock” – uscito qualche settimana fa – si tinge di blues indaco e prog fluo nelle atmosfere oscure e nei testi ricchi di spunti poetici.In “Questa notte” Maurizio descrive “la notte più buia di sempre, quando un genitore parte per non ritornare” e la sua desolazione e solitudine mentre osserva il mondo correre intorno a lui, senza nessuna remora, senza nessuna pietà, senza alcun rispetto. Fa da sfondo una storia d’amore che, seppur tormentata, allevia in parte il dolore. Mentre finisce l’amore, la vita ritorna quella di sempre nella eterna lotta tra l’arte e l’egoismo comune.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’olivo gentile. Lo splendore ignorato delle ulivete”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

“L’olivo gentile. Lo splendore ignorato delle ulivete” è il progetto nato per aggregare e dare forza a tutte le esperienze e i progetti, grandi e piccoli, che da nord a sud promuovono attività innovative di gestione delle ulivete, ma soprattutto per favorire la nascita di nuove progettualità. Il progetto è stato ideato e promosso dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio e dal Lab Center for Generative Communication diretto dal professor Luca Toschi dell’Università di Firenze. Le ulivete possono tornare a essere ambienti in cui le comunità sviluppano un nuovo modello di sviluppo economico – sostenibile e innovativo – e inedite forme di socialità, inclusione e formazione. Il progetto, infatti, mira a riportare al centro delle nostre comunità le ulivete (a partire da quelle abbandonate o a rischio abbandono), intese come ambienti privilegiati per la sperimentazione di nuove socialità, e a valorizzare la ricchissima – ma spesso poco conosciuta – cultura dell’olio e dell’olivo di cui sono portatori tanti dei nostri territori. “L’olivo gentile” mira a ripensare profondamente il concetto di “agricoltura sociale”, sviluppandone la funzione socio-economica e culturale in direzione di una strategia di sviluppo e cura del territorio e dell’intera comunità che vada oltre il recupero di soggetti svantaggiati. Gli attori del progetto: 375 Comuni impegnati a rivitalizzare le ulivete. In questa prima fase sono coinvolti principalmente i 375 Comuni che aderiscono alle Città dell’Olio, ma entro la fine del 2021 sono previste la realizzazione di un evento nazionale per attivare e rafforzare una community di istituzioni, associazioni, imprese in cui ogni soggetto interessato possa avere un ruolo attivo e una banca dati nazionale e internazionale sull’olivicoltura sociale e la cultura dell’olio e dell’olivo, per favorire la collaborazione e lo scambio tra tutti i portatori di interesse e facilitare la nascita di nuove progettualità a livello locale, regionale e nazionale, con un occhio di riguardo ai paesi produttori di olio d’oliva che si affacciano sul bacino del Mediterraneo.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Clima: Agricoltura in sofferenza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

Gli eventi climatici che in queste settimane stanno provocando danni all’agricoltura italiana ed europea confermano una volta di più che è necessario accelerare l’azione di contrasto al riscaldamento globale – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Un’ulteriore spinta in questa direzione proviene dall’Unione europea, che ha chiesto all’Italia di tagliare le emissioni del 43% entro il 2030. Un incremento del 10% rispetto al 33% fissato in precedenza. L’alternarsi di siccità e inondazioni a cui ci stiamo a poco a poco abituando provoca danni rilevanti – continua Tiso. Nel complesso si stima che in un decennio i cambiamenti climatici abbiano fatto perdere oltre 14 miliardi all’agricoltura, non solo per il calo della produzione agricola, ma anche per i danni alle infrastrutture nelle campagne provocati da allagamenti e frane. Inoltre, secondo lo European Severe Weather Database (Eswd), nel 2021 si contano in Italia già 426 eventi estremi. Alla luce di questo scenario, preoccupa la mancanza di ambizione della nuova Pac, che ha rivisto al ribasso gli impegni in tema di agricoltura biologica e sostenibilità. Dalla stessa Europa si levano voci che chiedono un cambiamento delle politiche ambientali. La Corte dei conti europei ha di recente esaminato le pratiche per la mitigazione dei cambiamenti climatici dell’Ue. La valutazione non lascia spazio a interpretazioni: sebbene nel periodo 2014-2020 siano stati investiti oltre 100 miliardi per la lotta ai cambiamenti climatici, le emissioni di gas serra non sono diminuite dal lontano 2010. Si tratta di un bilancio fallimentare che richiede un cambio di passo all’Unione e ai Paesi membri.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Alunni meno preparati causa lockdown

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

“Formazione e aggiornamento all’innovazione didattica devono diventare un obbligo per tutti con continue verifiche della qualità raggiunta”. Lo chiede Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Agnelli: nel commentare i preoccupanti dati emersi dall’ultimo rapporto Invalsi, ha quindi detto che durante il lockdown “i docenti si sono limitati a riproporre online il metodo d’insegnamento tradizionale: lezione frontale, compiti e verifiche”. Anief ricorda che i docenti italiani hanno affrontato un evento eccezionale mostrando altissima professionalità e andando ben oltre quanto loro dovuto, superando gli orari di competenza ed intraprendendo strade didattiche alternative ed efficaci rispetto a quelle tradizionali. Il tutto, con mezzi spesso di fortuna e con i costi di connessione a loro spese.“Puntare il dito contro il corpo docente italiano per giustificare la regressione di apprendimenti rilevata dall’Istituto Invalsi è ingeneroso e ingiusto”, ribatte Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief. “Perché dall’inizio della pandemia i nostri insegnanti si sono prodigati al massimo, mettendo a disposizione l’offerta formativa migliore in quel momento e anche oltre. Anche perché organizzata, implementata e attuata senza indicazioni o supporti, almeno nella parte iniziale. Nel caso del personale precario, docente e Ata, nemmeno avvalendosi dal bonus annuale per l’acquisito dei dispositivi tecnologici”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Laurea Megalizzi: Rotta, ha avuto sguardo profetico su Ue solidale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

“Il grande merito di Antonio Megalizzi è stato, soprattutto, quello di raccontare, fuori dalla retorica della ‘generazione Erasmus’, la complessità dell’Unione europea (nell’epoca in cui i nazionalismi e i sovranismi sembravano prendere il sopravvento) e le grandi opportunità che può dare ai giovani. Aveva visto lontano. Aveva visto le potenzialità di un’Europa solidale e unita, quella che sta provando a nascere dopo la terribile crisi pandemica. È importante continuare a celebrare e a ricordare la sua memoria e il suo impegno”. Lo scrive su Facebook la presidente della commissione Ambiente della Camera, Alessia Rotta, nel giorno in cui è stata conferita la laurea magistrale a titolo d’onore in European and International Studies ad Antonio Megalizzi, all’Università di Trento. “Se pensiamo alla direzione che sta prendendo l’Europa – aggiunge Rotta – riconosciamo nell’impegno di Antonio Megalizzi e nella sua dedizione al progetto europeo uno sguardo quasi profetico”. Un merito che, scrive la presidente Rotta, si affianca a quello di aver promosso “un modello di giornalismo ‘antico’ per un ragazzo, un giornalismo che si basa sui fatti e non sulle opinioni, spesso, infondate. Un giornalismo che non accetta la semplificazione del messaggio ma scava nella complessità e prova a raccontarla. Un giornalismo che indaga e incoraggia le opinioni, non le impone certamente”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

La violenza nelle carceri è frutto anche del silenzio delle cosiddette persone perbene

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

“Eseguimmo ordine”. Molti pensano che quello che è accaduto a Santa Maria Capua a Vetere sia un caso isolato, purtroppo non lo è. E se non ci fossero stati quei video nessuno lo avrebbe mai saputo. La prigione è un mondo ignoto per tutti coloro che sono liberi ed è difficile far conoscere alla società e ai nostri politici l’inferno che hanno creato e mal governano. Alcuni detenuti vivono come cani bastonati e all’ordine del giorno vi sono: autolesionismo, suicidi, tensioni interne che sfociano a volte in condotte aggressive dell’uno o dell’altro, abusi, soprusi, ingiustizia istituzionali, pestaggi, e la lista sarebbe troppo lunga per andare avanti. Ma le botte che fanno più male sono quelle che l’Assassino dei Sogni, come chiamo io il carcere, dà ai cuori e alle anime dei prigionieri e dei loro familiari.L’altro giorno facendo ordine nelle mie carte mi è capitato fra le mani un vecchio verbale del lontano 1992, quando ero detenuto nel carcere dell’Asinara. Ed ho riletto una frase che avevo urlato durante un Consiglio di disciplina: “I buoni hanno bisogno dei cattivi e del carcere per apparire buoni”, che mi era costata 15 giorni di cella di rigore e una pioggia di manganellate. Purtroppo molti “buoni”, comunque e nonostante tutto, continuano a vedere nel carcere una soluzione e non capiscono che il problema, sia per le guardie sia per i detenuti sia per la società, è proprio il carcere, perché una pena che fa male è come buttare benzina sul fuoco. Nessuno parla dei morti del carcere di Modena, purtroppo di quell’evento non ci sono video e poi sembra che siano morti di metadone e non è certo colpa degli infermieri, dei medici o della polizia penitenziaria… Forse erano occupati a fare altro, visto che non si sono accorti che stavano male. Margherita Hack, commentando il mio libro “Gli Uomini Ombra”, mi scrisse:“Quando si legge di casi reali di giovani rei di aver partecipato a qualche manifestazione, o di aver reagito alla forza pubblica, che entrati in carcere in piena salute ne escono avvolti in un lenzuolo e con sul corpo i segni di pestaggi selvaggi, si vuol credere che si tratti di casi eccezionali, poi si pensa a quello che è successo durante il G8 a Genova e si comincia a dubitare. Il carcere che dovrebbe essere scuola di riabilitazione si rivela un centro di abbrutimento per i carcerieri e di annullamento della personalità dei carcerati a cui questi si ribellano con la violenza, carcerieri e carcerati egualmente vittime di un sistema degradante”

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Istituto americano firma Archeoclub

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

Il Sant’Anna Institute ha firmato una convenzione con Archeoclub. Il Sant’Anna opera da più 20 anni in campo internazionale. L’Archeoclub ha una storia di 50 anni e dobbiamo pensare ai prossimi: è l’ora di puntare all’internazionalizzazione e il Sant’Anna Institute è una delle realtà accademiche internazionali più accreditate in Italia e all’Estero. La convenzione stipulata sancisce le linee guida di questa collaborazione: contribuire allo sviluppo della ricerca avanzata all’interno del territorio italiano, specie nell’ambito dell’archeologia e degli studi umanistici, attraverso la collaborazione di studenti impegnati in progetti di ricerca archeologica e di tutela e salvaguardia dei beni culturali ed ambientali italiani. Lungimiranza, impegno e alta professionalità: gli ingredienti ci sono tutti per scrivere una nuova pagina nella storia dell’Archeoclub d’Italia”. Lo ha affermato Rosario Santanastasio, Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia, nell’annunciare la firma della convenzione tra Archeoclub d’Italia e Sant’Anna Institute.“Il Sant’Anna Institute che a sede a Sorrento – ha dichiarato Cristiana Panicco, la Presidente del Sant’Anna Institute, campus universitario americano di base a Sorrento – è attivo nell’organizzazione di programmi accademici basati sul modello Erasmus in collaborazione con numerose Università americane, comprese alcune delle più storiche e prestigiose degli Stati Uniti, il Sant’Anna Institute opera in campo internazionale. L’incontro con Rosario Santanastasio ha sancito una collaborazione forte tra Archeoclub d’Italia e l’Istituto, dal momento che comune ad entrambi è la visione rivolta al mondo estero”. Così la Presidente Panicco, da poco insignita del premio ‘Sorrento nel Mondo 2021’.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Balagan Cafè”. Il giovedì nel giardino della Sinagoga di Firenze

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

Firenze. Sinagoga in via Farini 6. dal 22 luglio al 2 settembre, ogni giovedì, ad esclusione del 12 agosto, sei appuntamenti per la nona edizione della kermesse culturale estiva in programma nella Sinagoga di Firenze, organizzata dalla Comunità e dal Museo ebraico di Firenze, con il sostegno di Rete Toscana ebraica e della Regione Toscana e realizzata in collaborazione con il Comune di Firenze nell’ambito del calendario dell’Estate Fiorentina. Le visite guidate alla Sinagoga e al Museo ebraico, tenute da operatori dedicati, avranno luogo a piccoli gruppi ad iniziare dalle ore 18 fino alle 20; per partecipare è necessario prenotare al numero 055290383 e pagare il costo di 10 euro.http://www.firenzebraica.it/

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Festival Lirico dei Teatri di Pietra ” nei teatri più belli e suggestivi della Sicilia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

By Marina Luca. Si svolge dal 24 luglio a metà settembre nei teatri più belli e suggestivi della Sicilia. Dopo lo straordinario successo di pubblico e critica delle precedenti edizioni, il Coro Lirico Siciliano, diretto da Francesco Costa e presieduto da Alberto Munafò Siragusa, rilancia l’edizione 2021 del “Festival Lirico dei Teatri di Pietra ”, con una programmazione artistica prestigiosa e ricca di novità, che vede la partecipazione di star del panorama lirico nazionale e internazionale. Nasce così un vero e proprio circuito delle antichità siciliane, che attraversa monumenti famosi e di impareggiabile bellezza e luoghi meno noti ma di grande valore evocativo, che riaprono al pubblico in sicurezza.Il Festival Lirico dei Teatri di Pietra è una manifestazione itinerante, che attraverso la musica coinvolge lo spettatore in un vero e proprio cammino nei più splendidi teatri della Sicilia dove il fascino della storia e della leggenda si fondono in un abbraccio sempre attuale. L’arte dunque diventa mezzo per valorizzare e diffondere bellezza in contesti unici al mondo, che ospiteranno opere liriche, concerti sinfonici, concerti lirici e recital.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Commercialisti: Investimenti e cambiamenti climatici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

Attenzione puntata sulla Commissione europea che ha presentato una nuova norma europea per le obbligazioni verdi e una nuova strategia comune per la finanza sostenibile che definisce alcune iniziative per affrontare i cambiamenti climatici e le altre sfide ambientali, aumentando nel contempo gli investimenti, e l’inclusione delle piccole e medie imprese, nella transizione dell’UE verso un’economia sostenibile. Nei giorni scorsi la Commissione europea ha pubblicato le raccomandazioni di riforma aggiornate per la regolamentazione dei servizi professionali alle imprese, inclusi i servizi contabili, le raccomandazioni riguardano le norme nazionali che disciplinano l’accesso a tali professioni e il loro esercizio, aspetti spesso identificati tra gli ostacoli più costanti per le imprese nel mercato unico. Dopo la prima emissione arrivata a metà giugno, la Commissione ha completato con successo la seconda e la terza emissione di bond per un totale di 25 miliardi di euro, destinati a coprire il fabbisogno di finanziamento per il Next Generation EU e sostenere la ripresa dell’Europa, sono quindi 45 i miliardi raccolti finora dall’esecutivo UE il cui obiettivo è raggiungere gli 80 miliardi entro l’anno.Tra gli altri temi analizzati dall’informativa dei commercialisti, il pacchetto di decisioni adottato dalla Commissione a sostegno della competitività e della capacità di innovazione dell’industria della difesa dell’UE. All’adozione del primo programma di lavoro annuale del Fondo europeo per la difesa (FED) fanno immediatamente seguito 23 inviti a presentare proposte per un totale di 1,2 miliardi di euro in finanziamenti dell’UE a sostegno di progetti collaborativi di ricerca e sviluppo nel settore della difesa. Nell’ambito del programma precursore del FED, il programma europeo di sviluppo del settore industriale della difesa (EDIDP), erano stati inoltre selezionati per un finanziamento 26 nuovi progetti, per una dotazione di oltre 158 milioni di euro. Infine un approfondimento sul nuovo rapporto OCSE su PMI e imprenditorialità esamina le misure adottate a sostegno delle piccole e medie imprese, analizza gli effetti a lungo termine della crisi ed evidenzia come i Paesi possono creare le condizioni per una ripresa più verde, sostenibile e inclusiva, la pandemia e le sue conseguenze hanno infatti rafforzato la resilienza delle PMI e creato nuove opportunità, attraverso le trasformazioni delle catene di valore globali, il rafforzamento di ecosistemi aziendali locali e la promozione verso la transizione verde e digitale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Long-Covid, identificati i principali sintomi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

Sono 203 i sintomi del long-Covid identificati in uno studio pubblicato sulla rivista EClinicalMedicine e condotto da Athena Akrami, dell’University College di Londra. L’indagine, la più ampia mai condotta, ha coinvolto 3.762 persone con long Covid confermato o sospetto in 56 paesi e ha portato all’identificazione di 203 sintomi, 66 dei quali possono perdurare sette mesi dalla guarigione dall’infezione.Si tratta di disturbi che colpiscono dal distretto respiratorio a quello gastrointestinale, dall’urinario all’endocrino, dal cardiovascolare al muscoloscheletrico fino al neurologico I sintomi più comuni sono affaticamento, malessere dopo uno sforzo fisico o mentale, stato confusionale. Altri sintomi includono allucinazioni visive, tremori, orticaria, cambiamenti del ciclo mestruale, disfunzioni sessuali, tachicardia, problemi di incontinenza, perdita di memoria, visione offuscata, diarrea, tinnito. A destare particolare preoccupazione i sintomi neurologici che hanno riguardato fino all’85% del campione analizzato. “Mal di testa, insonnia, vertigini, nevralgie, alterazioni neuropsichiatriche, tremori, sensibilità ai rumori e alla luce, allucinazioni, acufene, e altri sintomi sensomotori erano tutti comuni, e possono indicare problemi neurologici più grandi che riguardano sia il sistema nervoso centrale che periferico”, ha precisato Akrami.Oltre uno su 5 degli intervistati, il 22%, ha riferito di non essere stati in grado di lavorare – per licenziamento, stato prolungato di malattia, aspettativa o dimissioni – a causa del long-Covid. Il 45% ha richiesto di passare al part-time. “Molti dei reparti post-Covid nel Regno Unito si sono concentrate sulla riabilitazione respiratoria – spiega Akrami. È vero che gran parte dei guariti alle prese con il long-Covid soffre di affanno – conclude – ma hanno anche tutta una serie di altri problemi e sintomi cui i clinici devono rispondere con un approccio più olistico”. (fonte doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Obbligo vaccinale e sospensioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

L’obbligo vaccinale per i sanitari è un tema su cui sono accesi i riflettori, anche per i ricorsi ad alcuni Tar presentati da alcuni professionisti. Diversi sono i punti della norma considerati da più parti poco chiari e, tra questi, un aspetto, sollevato già il mese scorso nel mondo medico, riguarda la sospensione del sanitario. Dal Ministero arriva un nuovo chiarimento in una nota indirizzata, la settimana scorsa, alla Fofi, che ripercorre anche il ruolo degli Ordini.Come si ricorderà, a introdurre l’obbligo di vaccinazione per gli operatori sanitari – che riguarda anche i farmacisti che operano in farmacie e parafarmacie – è stato il cosiddetto Decreto Covid (Dl 44/2021 convertito nella Legge 76/2021). Una disposizione che da più parti è stata considerata poco chiara e che è a rischio disomogeneità. A intervenire nuovamente sul tema è una circolare della Fofi che, a fine giugno, aveva indirizzato al ministero della Salute una richiesta di chiarimento in merito al ruolo degli Ordini. Per il Ministero, nel documento inviato a Fofi, valgono le indicazioni già date anche alla Fnomceo, la Federazione degli ordini dei medici. In particolare, si legge «è attribuito alla Asl il compito di accertare la mancata osservanza dell’obbligo, sulla base delle segnalazioni da parte della regione dei nominativi di coloro che non risultano vaccinati». L’Asl ha quindi «l’onere di dare immediata comunicazione scritta dell’atto di accertamento della inosservanza all’interessato, al datore di lavoro e all’ordine professionale. Tale atto di accertamento determina la sospensione del sanitario dal diritto di svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali o comportano in altra qualsiasi altra forma il rischio di diffusione del contagio da Covid-19». E tale sospensione va «comunicata immediatamente all’interessato dall’Ordine professionale di appartenenza». Secondo il Dicastero, che richiama «la relazione illustrativa al Decreto, è espressamente chiarito che dall’atto di accertamento della mancata osservanza dell’obbligo adottato dall’azienda sanitaria discende ex lege la sospensione dall’esercizio della professione sanitaria e dalla prestazione dell’attività lavorativa da parte degli operatori obbligati che svolgono mansioni che implicano necessariamente un contatto interpersonale con il paziente, l’utente o comunque con il destinatario o che, qualsiasi sia la modalità dello svolgimento, comportano comunque il rischio di diffusione del contagio da Covid-19». (Fonte farmacista33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il nostro ultimo avvertimento Sei gradi di emergenza climatica di Mark Lynas

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

Collana Le terre. Fazi editore. Mark Lynas fornisce un vivido resoconto del futuro che attende la nostra Terra e la nostra civiltà nel caso in cui gli attuali tassi di incremento delle temperature globali persistano.E non è un bello spettacolo.Stiamo già vivendo un’emergenza climatica. Ma quanto possono peggiorare le cose? La civiltà collasserà? Abbiamo già superato il punto di non ritorno? Che tipo di futuro possono aspettarsi i nostri figli? Consultando rigorosamente i più recenti studi della climatologia, Mark Lynas esplora il corso che abbiamo tracciato per la Terra nel prossimo secolo e oltre. Grado per grado, Lynas delinea le probabili conseguenze del riscaldamento globale e della catastrofe climatica che ne deriverebbe. Con un grado in più – la situazione in cui ci troviamo ora – già le foreste della California e dell’Australia vengono divorate da incendi devastanti, mentre uragani mostruosi colpiscono le città costiere. Con due gradi in più, la calotta polare artica si scioglierà e le barriere coralline scompariranno dai tropici. Con tre gradi in più, il mondo inizierà a rimanere senza cibo, rischiando di condannare milioni di persone alla carestia. Con quattro gradi in più, vaste aree del globo diventeranno inabitabili per via del caldo, cancellando dalla mappa intere nazioni e trasformando miliardi di persone in rifugiati climatici. Con cinque gradi in più, il pianeta registrerà le temperature più alte degli ultimi 55 milioni di anni. Con sei gradi in più, infine, avrà luogo un’estinzione di massa senza precedenti, e quasi tutte le forme di vita rischieranno di scomparire dalla faccia della Terra. 259Pagine:480 Prezzo in libreria:€ 20 Prezzo E-Book:€ 9.99.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il Circo della Notte di Erin Morgenstern

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

Collana LAINYA Fazi editore. Il circo apre al crepuscolo e chiude all’aurora. Inaugurato nella Londra vittoriana di fine Ottocento, gira per tutto il mondo, con un seguito di sognatori conquistati per sempre dalle sue meraviglie. Ogni notte, nei tendoni a strisce bianche e nere vengono messi in scena spettacoli sofisticati e numeri incredibili, tanto da sembrare magici. In realtà, dietro le quinte del circo è in corso un duello di veri incantesimi, di cui solo pochi sono a conoscenza. Celia e Marco sono due giovani maghi addestrati fin dall’infanzia a combattere l’uno contro l’altra dai loro rispettivi mentori, due misteriosi esperti dell’occulto, rivali fin dalla notte dei tempi. Mentre l’illusionista Celia incanta tutte le notti il pubblico nel suo tendone, il discreto Marco, ingaggiato come assistente dal proprietario del circo, controbatte creando attrazioni sempre più elaborate e potenti. Nessuno ha messo in conto, però, l’amore che quasi inevitabilmente sboccia tra i due; un sentimento così profondo e prodigioso che scatena pericolose scintille a ogni sguardo rubato e che travolge un’intera sala non appena le loro dita si sfiorano. Ma la sfida tra Celia e Marco non può durare in eterno e solo uno di loro ne dovrà essere il vincitore. Gli anni passano, il circo diventa sempre più celebre ma il destino di tutti coloro che hanno contribuito a rendere possibile questo meraviglioso luogo è in bilico, proprio come gli acrobati che volteggiano ogni notte nei tendoni. Pagine:520 Prezzo in libreria:€ 15

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campionati taglialegna estate 2021

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

Si inizia il 26 luglio con una serie di episodi per conoscere la disciplina su Sky Sport e Cielo, si prosegue il 31 con la diretta su Dazn e le piattaforme social. Una scommessa che si rinnova per un’estate da ricordare, una scommessa da vincere per far crescere la community italiana dei taglialegna nel 2021. La stessa del diciannovesimo secolo in cui due uomini ne fecero una particolare: leggenda vuole che nel 1870, in Tasmania, nell’emisfero australe, due boscaioli di Ulverstone si sfidarono per scoprire chi sarebbe stato il più rapido. Senza averne, allora, reale consapevolezza, nasceva TimbersportS® la disciplina sportiva praticata dai taglialegna che vent’anni dopo proprio in Australia avrebbe avuto la propria Associazione in grado nel 1981 di organizzare il primo campionato del mondo del taglio del legno. Non chiamateli boscaioli, ma piuttosto sport del bosco con l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale necessari per il corretto svolgimento delle performance. Atleti con tanto di approfondite e dure sessioni di allenamento che prevedono preparazione fisica, miglioramento della tecnica e corretto utilizzo della propria attrezzatura che deve rispondere a varie esigenze in gara, le più importanti sono: equilibrio, velocità, forza e precisione. Nel 1985 nacquero le STIHL TimbersportS® Series, la competizione ufficiale con sei specialità che vengono riconosciute ufficialmente: Springboard (taglio a colpi d’ascia di un blocco posto sulla cima di un tronco fissato in modo verticale), Stock Saw (si gareggia con una motosega standard, la MS 661), Standing Block Chop (simula l’abbattimento di un albero con l’ascia), Single Buck (taglio di un disco di legno con una sega a mano tradizionale), Underhand Chop (simula il taglio di un albero già abbattuto) e Hot Saw (vengono usate motoseghe molto potenti per tagliare tre dischi). Dopo i rinvii dovuti alla pandemia di Covid-19 tornano i grandi eventi internazionali. su DaZn e sui canali Facebook, YouTube e Twitch di STIHL TIMBERSPORTS®: 31 luglio European Rookie Championship 31 luglio 2021, dalle ore 14:00 e Campionato Europeo dalle ore 19:00.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Anziani e disabili: Le insidie stradali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

“il primo nemico dei disabili e delle persone anziane sono le insidie stradali rappresentate dalle moltissime buche e avvallamenti presenti sui marciapiedi e sugli attraversamenti pedonali di Milano a causa della scarsa manutenzione. Tuttavia, da tempo, grazie alle scelte scellerate dell’Amministrazione Sala i marciapiedi della Città, a volte già troppo stretti e dissestati, si trasformano in una giungla impenetrabile per un disabile o una persona anziana” segnala il Consigliere Mascaretti, capogruppo FdI a Palazzo Marino “abbondano infatti monopattini e bike sharing a flusso libero abbandonati in posizioni improprie o lasciati di traverso sui marciapiedi” prosegue il Consigliere Mascaretti “senza contare i monopattini elettrici e le biciclette elettriche, che sfrecciano silenziose a velocità elevate sui marciapiedi e in prossimità delle aree pedonali mettendo costantemente a rischio l’incolumità di disabili, anziani, bambini e cani che ignari percorrono i marciapiedi. Rendere sicura e vivibile Milano anche per i disabili e le persone anziane è una nostra priorità” conclude l’esponente del partito di Giorgia Meloni. (n.r. Non è solo Milano a dover fare i conti con questo genere di “rischi”. Si potrebbe fare il bis a Roma e a Torino, come a Palermo e a Bologna. A nostro avviso il problema è di più ampia portata. Pensiamo ai parcheggi in aree proibite, in seconda se non in terza fila, davanti ai passaggi pedonali e via di questo passo. Manca una seria educazione civica che non si amministra con le sanzioni ma con regole di educazione civica.Si può incominciare dalle scuole e a comminare agli inadempienti non solo multe ma l’obbligo di frequentare nei week-end corsi di educazione civica o un servizio civile per le strade.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Compagnie aeree sanguisughe e disperate. Enac le metterà in riga?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

L’Enac ha minacciato multe fino a 50.000 euro per i vettori aerei che fanno pagare sovrapprezzi per assegnare posti di bambini e disabili accanto ai rispettivi accompagnatori . Ottimo intervento nell’ambito delle competenze di Enac, ma immaginiamo la grande paura che queste compagnie “sanguisughe” si prenderanno…. Vicina allo zero. Non sarebbe la prima volta. Ricordiamo l’anno scorso quando Enac intimò ai vettori aerei di non esercitare il diritto esclusivo di rimborsare i viaggi non effettuati colpa covid, nonostante la legge speciale italiana lo prevedesse ma in contrasto con le norme Ue… tutte continuarono a farlo: ancora oggi se ne fregano, nonostante termini di legge scaduti e nonostante dopo 12 mesi dall’emissione dei voucher c’è l’obbligo di rimborso in denaro. E’ evidente che occorrono provvedimenti più severi, tipo le multe milionari dell’Antitrust (con la speranza che poi i Tar non le boccino) oppure NUOVA NORMATIVA che preveda blocchi della loro attività, anche in attesa degli eventuali ricorsi che i vettori potrebbero presentare.Purtroppo siamo arrivati ad un livello di sopportabilità vicino allo zero da parte degli utenti di questi servizi e le norme, oltre a non essere rispettate, riescono ad essere eluse.Questo, tra l’altro, grazie alla ripresa del covid e alle chiusure (per il momento a macchia di leopardo), accade alla vigilia di una probabile disaffezione dell’utenza al trasporto aereo, nonché disdette. Niente ci dice che queste sanguisughe di vettori aerei non si comporteranno nello stesso modo in cui si sono comportati fino ad oggi. Passeggeri avvisati, passeggeri mezzo salvati. Per il momento. Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »