Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 14 luglio 2021

Grandi navi: Rotta, bene lo stop, ora un nuovo progetto di città

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

“Un passo fondamentale per la tutelare l’integrità ambientale, paesaggistica e culturale di Venezia che, proprio a causa del transito delle grandi navi nella laguna, ma anche dell’intera gestione della città, rischia di perdere il suo status di patrimonio dell’umanità Unesco”. Lo dichiara la presidente della commissione Ambiente della Camera, Alessia Rotta, commentando il via libera in consiglio dei ministri al decreto legge sullo stop alle grandi navi a Venezia. “È altrettanto importante – aggiunge la presidente Rotta – che il governo abbia stabilito interventi per compensare e risarcire le perdite degli operatori economici e tutelare i livelli occupazionali. Perseguire la sostenibilità ambientale e tutelare l’immenso e inestimabile patrimonio di Venezia è fondamentale, a patto che vi siano investimenti significativi per il rilancio della città e che si garantisca sostenibilità economica e sociale. Venezia è una ricchezza per il sistema Paese e un patrimonio di tutta l’umanità. Oggi si compie un passo storico per proteggerla. Ora serve un lavoro di progettazione per un nuovo modello di città” .

Posted in Politica/Politics, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’agricoltura biologica è in grado di soddisfare il fabbisogno alimentare europeo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Lo fa abbattendo al tempo stesso le emissioni di gas serra e l’inquinamento idrico – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. La diffusa convinzione che solo l’agricoltura intensiva e il massiccio impiego di pesticidi possano garantire cibo per tutti è messa in seria discussione da uno studio del National Center for Scientific Research (Cnrs), realizzato in collaborazione con tre università europee, il Joint research centre (Jrc) e l’Ispra.Secondi i ricercatori è concretamente possibile rimodellare l’agroalimentare europeo adottando pratiche sostenibili, un obiettivo da molti considerato ancora troppo ambizioso – continua Tiso. Tra i passaggi fondamentali per realizzare questa trasformazione ci sono la riduzione degli allevamenti intensivi, la rotazione delle colture e un ritorno al giusto rapporto tra animali e campi. L’agricoltura biologica potrebbe in questo modo sfamare l’intera Europa nel 2050, che per quella data dovrebbe arrivare a contare 600 milioni di abitanti. Per riconvertire l’agricoltura europea serve insomma una trasformazione radicale, ma si tratta di uno sforzo che verrebbe ripagato con gli interessi.Mentre a livello nazionale non mancano gli interventi positivi, come i cinque milioni stanziati in questi giorni per il settore apistico e del miele, a livello europeo la discussione rimane centrata su traguardi minimi. Il 19 luglio i ministri dell’Agricoltura si riuniranno per approvare le conclusioni del Consiglio sul piano d’azione Ue per l’agricoltura biologica. Si tratta dello strumento che dovrebbe tradurre in realtà l’obiettivo della strategia ‘Farm to fork”: destinare almeno il 25% dei terreni dell’Ue al biologico entro il 2030. Una quota insufficiente a innescare una vera riconversione del settore primario, che un’Europa ancora esitante ha di fatto rinviato a data da definirsi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Cereali, prezzi in rialzo e buona qualità in avvio di campagna

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

La campagna cerealicola 2021/2022 inizia con segnali positivi sul fronte dei prezzi, in rialzo rispetto all’avvio della scorsa campagna, sia per il grano tenero (+18%) che per l’orzo (+25%).Questo lo scenario in cui è partita la campagna dei cereali, secondo le elaborazioni di BMTI sui prezzi all’ingrosso delle Camere di Commercio e delle Borse Merci nazionali.Nello specifico, con la raccolta ancora in corso al Nord e con i buoni riscontri sia per le rese che per la qualità della granella (l’insieme dei chicchi di grano e di altri cereali, separati dalla paglia dopo la trebbiatura), i prezzi del grano tenero destinato alla panificazione hanno esordito tra i 216 e i 220 €/t. A sostenere i prezzi del grano tenero sta contribuendo, in parte, l’aumento della domanda proveniente dagli allevamenti orientati sul grano tenero piuttosto che sul mais, aumentato del 48% rispetto al 2020, con prezzi sui 260 €/t. Per quanto riguarda il raccolto dell’orzo si registra una situazione molto variabile per le rese, con buoni riscontri al Nord e qualche difficoltà, invece, nel Lazio e in Umbria. Buona, in generale, la qualità.Le gelate di Aprile e le scarse precipitazioni di Maggio hanno inoltre impattato sulle rese della raccolta del grano duro, soprattutto al Sud, da dove proviene gran parte della produzione nazionale, rialzando lievemente i prezzi di inizio campagna a 315-320 €/t, in linea con i valori di un anno fa.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Presentato il nuovo corso di laurea Unicam in “Informatica per la comunicazione digitale”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Si amplia ancora l’offerta formativa dell’Università di Camerino: dal nuovo anno accademico 2021/2022 sarà infatti attivato il nuovo corso di laurea in “Informatica per la Comunicazione digitale” nell’ambito dei corsi della Scuola di Scienze e Tecnologie.La presentazione ufficiale stamattina nel corso dell’incontro “L’informatica per la comunicazione digitale: sfida ed opportunità” al quale ha partecipato anche Raffaella Gentile, product marketing manager Southern Europe di Facebook, a testimonianza di quanto informatica e comunicazione siano un binomio inscindibile nei social media, attualmente principali mezzi di comunicazione, in particolar modo tra le giovani generazioni. L’incontro si è aperto con i saluti del Rettore Unicam Claudio Pettinari, al quale sono seguiti gli interventi del responsabile della sezione di Informatica Flavio Corradini e del responsabile del nuovo corso di laurea Michele Loreti. Il corso è unico nel panorama universitario del centro Italia e fornisce conoscenze e competenze strategiche a cavallo tra informatica e comunicazione digitale allo scopo di integrare tecnologia e modalità̀ di comunicazione. L’obiettivo è quello di formare figure professionali in grado di supportare la trasformazione digitale, sia nei settori privati che pubblici, al fine di garantire la competitività delle organizzazioni sia a livello locale che globale. Tra le attività formative, oltre agli insegnamenti caratterizzanti ogni tipico corso di laurea in Informatica, sono presenti anche corsi di comunicazione e marketing digitale, diritto dei prodotti digitali, grafica per la comunicazione digitale, modellazione e gestione della conoscenza, social media e social media marketing, progettazione interfaccia uomo-macchina, sul game design, solo per citarne alcuni. “Si tratta di un progetto – ha sottolineato il prof. Flavio Corradini, Responsabile della sezione di Informatica di Unicam – ambizioso e strategico: siamo nella società dell’informazione e della conoscenza, in cui la pervasività del digitale ha cambiato drasticamente il modo in cui interagiamo. Il corso di laurea si propone di formare due figure professionali necessarie e per questo molto richieste dal mercato del lavoro: l’informatico per la consulenza digitale, il cosiddetto “digital consulting” e l’informatico dei media digitali, il “digital media specialist”, che si occuperanno rispettivamente di supportare il processo per la comprensione e la valorizzazione delle tecnologie digitali in ambito aziendale o della pubblica amministrazione, e di progettare e sviluppare applicazioni per l’utente finale, note come lato front-end, che integrano componenti di tecnologia digitale per la comunicazione interna ed esterna di organizzazioni pubbliche e private curando gli aspetti di accessibilità ed usabilità”. “L’Università di Camerino – ha sottolineato il Rettore Unicam, prof. Claudio Pettinari – ha scelto da tempo di proporre un’offerta formativa moderna e innovativa, frutto anche di confronti con il mondo imprenditoriale e delle professioni e l’attivazione di questo nuovo corso ne è certamente una conferma. Informatica e comunicazione digitale sono due tematiche attualissime, i social media sono sempre più utilizzati ed è necessario che ci siano professionisti che vi operino: è in questo contesto che si inserisce la figura professionale che andrà a formare il nuovo corso di laurea ”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Informazione ed educazione sessuale a scuola

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Una proposta di legge regionale per “sostenere iniziative e progetti in materia di informazione sessuale ed educazione all’affettività” nelle scuole. Iniziativa dei consiglieri della Regione Lazio di +Europa) e Lista Civica Zingaretti, per assicurare “a tutti i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze il diritto di ricevere una corretta informazione sessuale e un’educazione all’affettività, intese nei loro diversi aspetti inclusi quelli emozionali, biologici, culturali e giuridici”. Iniziativa lodevole che potrebbe divenire punto di riferimento non solo per tutte le altre Regioni ma anche per il legislatore nazionale oggi alle prese con approvazione e modifiche del Dl Zan contro la transomofobia. Perché, per i “distratti”, è bene ricordare che l’accettazione di se stessi e dell’altro è essenzialmente un fatto culturale, di formazione e informazione che ci viene erogata fin dalla prima infanzia, dalla famiglia e dalla scuola. E mentre sulla famiglia normativamente si interviene male se non con stimoli e opportunità, fondamentale l’intervento sulla scuola. Il progetto laziale è esplicito e preciso nei suoi intenti: “per una sessualità consapevole e responsabile, informare sui servizi sanitari relativi alla salute sessuale, educare alla parità tra i sessi, e fornire una formazione aperta e rispettosa dell’identità e dell’orientamento sessuale di ciascun individuo”. Oggi il nostro Paese (in buona e anche peggiore compagnia) subisce le conseguenza di questa non-informazione. Non è un caso che episodi di violenza interpersonale sono rari in quei Paesi dove la sessualità non è bandita dalle aule scolastiche (soprattutto nei Paesi del nord Europa). Scuola che non solo informa gli individui ma contribuisce ad una migliore informazione anche all’interno delle famiglie e dei vari contesti sociali. Sarebbe interessante che, sulla scia di quanto avviene ed avverrà nella Regione Lazio, si consideri anche la creazione di un comitato per la promozione di un progetto di legge in materia da presentare in Parlamento. Senza l’illusione che miracolosamente questo significhi approvazione (ddl Zan docet…), ma perché, come per esempio avviene oggi con la raccolta firme del referendum sull’eutanasia, la discussione in merito sia all’attenzione di molti.Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Castelli: Lotta evasione fiscale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

“Finalmente la situazione internazionale sul tema “lotta all’evasione” va migliorando e si sta diffondendo sempre di più il principio della trasparenza e della lealtà fiscale. In Italia lo abbiamo fatto, in questi anni, con importanti norme che ci stanno permettendo di recuperare ingenti risorse sulle più grandi frodi, e lo facciamo ogni giorno con l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza. Sono contenta dell’approccio della Germania, che con la Lista Dubai ha acquistato i dati di un intero sistema bancario e che ora, questi stessi dati, li mette a disposizioni di tutti i partner internazionali. Dati che noi, tra i primi, abbiamo richiesto e stiamo acquisendo e valutando. Proprio Agenzia delle Entrate, grazie a questi dati, ha avviato le verifiche necessarie ad appurare quanti non hanno dichiarato i capitali spostati all’estero, evadendo così nel nostro Paese. Secondo un rapporto UE, di qualche tempo fa, oltre confine potrebbero esserci almeno 142 miliardi incagliati. Anche per questo, GdF richiederà di acquisire la documentazione relativa ai trasferimenti, all’estero, di valuta superiore ai 15 mila euro. Lo Stato deve recuperare il gettito mancante, con tutti gli strumenti a disposizione, è un dovere primario per garantire equità sociale. Ma i contribuenti che non sono in regola possono, come ha ricordato il Prof. Tremonti, in un’intervista rilasciata oggi al Sole 24 Ore, ancora definire il loro rapporto, ricorrendo a quegli istituti deflattivi del contenzioso fiscale, come il ravvedimento operoso. Mettendo così, anche loro, al primo posto il principio di lealtà fiscale. Pagare tutti, perché tutti paghino meno. La riforma fiscale passa anche da qui”.Così, sui social, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

SIX acquires ULTUMUS from ETFS Capital to strengthen its ETF and Managed Data Service offering

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

SIX, the Swiss and Spanish Exchange group, acquires ULTUMUS, the international index and ETF data specialist, from ETFS Capital, an investment firm focused on growth opportunities across the investment ecosystem.The global ETF industry is expected to reach record assets of US$9 trillion by the end of Q2 2021. Acquiring ULTUMUS, long-time partners with SIX on the index-business side, enhances their data offering for the fast-growing global ETF market. We believe this transaction is good for the industry, clients and the firms themselves, as it will help trading in ETFs become more transparent and efficient.ETFS Capital recognised the significant potential of ULTUMUS right from its start. We were the first investor in 2016, investing further in 2018, while actively supporting its growth to enable ULTUMUS to become the global ETF and Managed Data solution provider it is now.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

‘Fondo per favorire la qualità e la competitività delle imprese agrumicole’

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Nel corso della conversione in legge del decreto Sostegni-bis è stato accolto il rifinanziamento con 5 milioni di euro per il 2021. L’obiettivo è incentivare l’aggregazione, gli accordi di filiera, l’internazionalizzazione, la competitività e la produzione di qualità del comparto, anche attraverso il sostegno ai contratti e agli accordi di filiera”. Lo dichiara la deputata Maria Marzana, esponente M5S in commissione Agricoltura. “Il settore agrumicolo – prosegue – rappresenta il fiore all’occhiello del Sud e di regioni come la Sicilia e la Calabria, prime per produzione. Le risorse messe a disposizione possono da un lato sostenere le imprese che hanno subito contraccolpi dalla pandemia o dalle avversità naturali, dall’altro aiutarle a superare le criticità che caratterizzano il comparto per rafforzarsi nei confronti delle sfide che pone il mercato. Quest’anno la produzione è stata di qualità ma di piccolo calibro ed è importante che si incrementi l’aggregazione lungo la filiera, nell’attesa che venga finalmente realizzato il catasto frutticolo che permetterà mirate politiche di settore” conclude.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Con il voto amministrativo di fine estate si apre la stagione elettorale in Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Tutti i partiti sembrano voler imitare il piazzista delle fiere paesane dove la merce, pur di scarsa qualità, è venduta con un profluvio di parole per confondere e nascondere la verità all’incauto acquirente. In tutto questo polverone da accecare la vista avanza sempre più inquietante l’idea che sia meglio non andare a votare, tanto si pensa, l’uno è degno dell’altro. Non ci rendiamo conto, forse in buona fede, che anche in questo modo facciamo il gioco di chi punta a rendere la politica un potere riservato a pochi, ai sempre più selezionati e asserviti ad interessi partigiani. In altri termini non umiliamo la politica ma, semmai, la facciamo scadere in mercimonio. È che non ci siamo ancora resi conto di trovarci nel bel mezzo di una rivoluzione culturale dove i retaggi del passato hanno perso smalto e c’impongono una maggiore e più attenta riflessione. Oggi non dovremmo più ragionare secondo le correnti di pensiero che hanno attraversato gli ultimi due secoli dove l’ideologia ci ha portato a distinguerci tra la sinistra il centro e la destra e le loro sfaccettature. Oggi possiamo posizionarci solo in due modi: Tra chi ha e chi è. E chi ha, comanda, e chi è, resta asservito al primo. E la beffa sta nel fatto che mentre chi vive nell’area del benessere conta poche milioni di persone tutti gli altri, sono miliardi, pur tanto numerosi, non riescono ad imporre il loro diritto a vivere con dignità. A questo punto tornando agli eventi odierni ciascuno di noi dovrebbe rendersi conto che non si può continuare a sostenere chi ci rende schiavi del bisogno e che la sola forza del chi è sta nel partecipare e soprattutto comprendere da che parte collocarsi. (Riccardo Alfonso)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il governo degli esperti: dalle parole ai fatti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Quando si dice che il Movimento 5 Stelle non ha la sufficiente esperienza per governare il Paese perché non chiediamo a questi critici, che si considerano degli esperti, cosa hanno fatto per meritarsi tanti onori? Non sono quelli che hanno portato il debito pubblico alla cifra astronomica di 2600 miliardi di euro? Che hanno favorito un’evasione fiscale da oltre 120 miliardi di euro? Che hanno messo in ginocchio la giustizia e umiliato i tutori dell’ordine e della legalità? Che hanno arrecato discredito alle istituzioni con la corruzione e il mal governo? L’Italia è in ginocchio per colpa loro; eppure, hanno l’improntitudine di erigersi a tutori del buon governo. Se oggi milioni di italiani disertano le urne disgustati da tanto sfacelo e dalla convinzione che ci troviamo al cospetto di una classe politica che ha perso in dignità e fiducia, lo dobbiamo al disastro che hanno combinato e pensano di poter continuare come se nulla fosse turlupinando gli italiani e considerandoli degli gnoccoloni da strapazzare a loro piacimento. È tempo di destarsi dal torpore. È tempo di prendere coscienza che non possiamo fare a meno della politica perché essa è l’unica strada che abbiamo per migliorarci e progredire e permettere ai nostri figli un avvenire migliore. A patto che dimostriamo di saper fare scelte consapevoli e soprattutto farsi rappresentare non dai soliti pifferai di turno. E ricordiamo che un politico non deve essere necessariamente un esperto ma una persona che riesca ad avere una visione che ponga l’essere umano al primo posto nel suo diritto a vivere con dignità. (Riccardo Alfonso)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Democrazia? ma mi faccia il piacere…

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Da alcuni anni, oramai, avvertiamo degli scricchiolii nei sistemi politici istituzionali delle cosiddette “democrazie avanzate” e ora ci stiamo rendendo conto che è stata impressa, al riguardo, una forte accelerazione. Da che cosa l’avvertiamo? Ci scriveva Fausto Carratù partendo dalla crisi sistemica della fidelizzazione al voto: “Nel paese democratico per eccellenza, vota il 50-60% degli statunitensi. In Europa primeggia la Germania col 70%, seguita da Gran Bretagna (65%) e Russia (60%). Poi troviamo la Francia, col non un esaltante 55% e, l’ormai deprimente Italia, dove, dagli anni Settanta, quando si moltiplicarono i partitini, l’affluenza è scesa dal 93% al 72% del 2013. Nelle amministrative del 2017 lo spettacolo scivola nell’allarmante: eccetto Padova e Rieti, con un 50-55% appena decente. Nel resto d’Italia tutti sono ben al di sotto del 50% (46% complessivo), con Taranto e Como sotto il 35% e Trapani addirittura sotto il 27%!!!” “Se al voto – soggiunge – ormai va la metà del demos o ancora meno, che fine fa la tanto decantata democrazia? dal demos al demi-demos? e poi? mini-demos? nanodemos? picodemos? oligocrazia e uomini soli al comando?” A questo punto conveniamo con Fausto Carratù che “l’aspetto più preoccupante della diserzione civica è costituito dal fatto che i voti di chi diserta le urne sarebbero probabilmente i voti più significativi e utili, perché meno interessati, mentre i voti che fuoriescono dalle urne sono quelli delle immense clientele politiche, degli amici non solo dei parlamentari che verranno eletti, ma della sterminata massa di candidati che trovate scritti nelle pletoriche liste elettorali. In questo senso è significativo che in Italia, nonostante che la Costituzione definisca la partecipazione al voto come un dovere; poi non esistano leggi che diano concretezza ad un simile obbligo”. Il dubbio a questo punto si fa atroce. Se la conclusione di Carratù è che non vanno a votare soprattutto quelli che potrebbero garantire meglio dei votanti la tenuta della democrazia vuol dire che esiste una volontà politica a demonizzare l’intero sistema a partire dal discredito continuo delle istituzioni, attraverso i loro rappresentanti, tanto da creare il convincimento che tutto è marcio e non ci sia più nulla da fare e bastano pochi esempi di malaffare per mettere una perversa ipoteca su tutto e su tutti. (Riccardo Alfonso)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

La gioventù in Italia è demotivata

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Manca quella carica di energia che promana dalla stessa età mentre si cresce fisicamente ed intellettualmente. È un momento delicato e importante per i giovani che hanno sete di conoscenza non solo attraverso l’istruzione scolastica ma di visioni positive della vita. Un giovane mi diceva: guarda mio padre. Si ammazza di lavoro per una modesta paga e nessuna possibilità di migliorare la sua posizione lavorativa e se protesta rischia di essere licenziato. E io dovrei fare la stessa cosa? Questo significa essere onesti o dei minchioni? Mia madre non è da meno. Per arrotondare i magri guadagni del marito va a fare la colf ad ore oltre a sfaccendare in casa. Questa è una famiglia con due figli a carico disoccupati e se riescono a trovare un lavoro li aspetta per qualche mese il call center, il garzone di pizzaiolo e il cameriere e dire che sono diplomato e se i miei avessero avuto più soldi forse mi sarei laureato. Laureato? Per fare cosa? Ho la ragazza. Anche lei non trova un impiego. È laureata in lingue ma nessuno sembra interessato a questa qualifica, se non per fare la commessa “tappa buchi” quando di tanto in tanto la chiamano sotto le feste. Non ci pensano lontanamente di metterla in regola e ora si è persino trovato un lavoretto ingegnoso, sebbene frutti poco. Va in giro per i mercatini a comprare oggetti che pensa abbiano qualche pregio artistico e va proporlo ad alcune case d’asta. Se le va bene compra per venti euro e ne ricava 80-100. Altre volte resta con il cerino in mano. Questa è vita? C’è qualche mio amico che mi dice: fatti furbo. Cosa significa? Io lo so ma non te lo voglio dire. Puoi immaginarlo. Ci salutiamo e lo vedo incamminarsi con aria trasandata ed annoiata. Vive nel presente ma che futuro avrà? (Centro studi politici e sociali della Fidest diretto da Riccardo Alfonso)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Non abbiamo ancora imparato a votare i perdenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Credo che gli italiani abbiano nel loro Dna la voglia di sentirsi dei “vincenti” e di considerare gli altri dei “perdenti” o quasi. Quando a scuola t’imbatti con un coetaneo debole di carattere e servile con i compagni ti diletti a stuzzicarlo e ad umiliarlo perché hai trovato qualcuno che ti fa sentire un vincente. Quando da grande rubi il lavoro o una promozione al collega meno pronto e reattivo, quando fai la cresta sulla spesa della casa o ti fai prestare dagli amici dei soldi senza restituirli, quando ti iscrivi a un partito e riesci a farti votare promettendo agli elettori di tutto, tanto chi se ne frega una volta eletto, quando smerci la droga a quei cretini che la usano, non ti senti un vincente? Se accendo la televisione o mi sintonizzo su un canale radio o navigo sul web sento che un signore avendo solo pochi soldi a disposizione è riuscito in pochi anni a farsi una fortuna non pensi che è lui, e non tu, un vincente? Se segui le vicende di un politico sempre chiacchierato per le sue amicizie equivoche che a dispetto di tutto e di tutti continua ad essere eletto chi è il vincente se non lui? Avete mai provato a far emergere dalla massa un povero cristo un perdente patologico per farlo diventare un grand’uomo? Mai. Ma se per uno strano disegno della natura ci fosse un giorno un perdente che diventasse un grand’uomo e per giunta votato dai vincenti cosa potremmo dire di lui? Che anche in questo caso è e resta un perdente perché sarà sempre e comunque lo zerbino davanti la porta della casa del vincente. Dura lex sed lex. (Centro studi politici e sociali della Fidest)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Come si fa a distinguere i buoni dai cattivi?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

È la solita storia della vita. Il vecchio saggio asseriva che è più facile per i cattivi passare per dei buoni per riuscire meglio nel loro disegno malvagio. Questa logica del camuffamento se la trasferiamo in politica rende più illuminante il giudizio che, purtroppo a posteriori, possiamo fare di taluni personaggi che scelgono la vita pubblica per costruire o consolidare o meglio ancora rimpinguare i loro imperi economici e finanziari. E per ironia della sorte o anche per dabbenaggine dei soliti “gnoccoloni” che vedono la luna nel pozzo diventano i più gettonati per essere amati e seguiti alla perdizione. Soltanto che a un certo punto le due vie parallele diventano divergenti e fanno di uno il vincente e l’altro il perdente. Con questa solfa che ci accompagna nel nostro percorso esistenziale breve o lungo che sia dobbiamo convincerci che i buoni sono destinati a vincere da morti mentre i cattivi raccolgono i loro frutti da vivi. È facile, infatti, per i cattivi una volta che i buoni lasciano questa valle di lacrime esaltarne i meriti. Così si diventa “cornuti e mazziati” o altrimenti detto oltre al danno la beffa. C’è che asserisce che è una questione genetica e non credo che lo dica solo per giustificare i cattivi e stendere un velo pietoso sui buoni. In effetti si tratta di un rapporto di rottura che è comune a tutti gli esseri viventi e le cui origini sanno di molto remoto. L’antico testamento non ci parla di Abele e Caino? In una società dove è evidente che esistono delle vittime sacrificali tra gli umani come nelle altre specie è importante indagare su un criterio evolutivo che ci consenta di trovare una via mediana dove le intemperanze degli uni e la remissività degli altri non ci portino in un vicolo cieco. Pensiamo al difficile ruolo che deve ricoprire chi si sente profondamente onesto ma gli tocca vivere tra gente priva di scrupoli. Costoro alla fine fanno anche di peggio cercando d’inquinare i valori demonizzandoli, e le istituzioni, umiliandole. Così alla fine non si va dalle guardie per denunciare le malefatte del cattivo di turno nel timore che anche tra i tutori dell’ordine vi alberghi chi non dovrebbe esserci. A questo ci siamo ridotti. Se ci guardiamo in giro scopriamo che la verità per disvelarsi ha bisogno di vestirsi con l’abito della menzogna. (Centro studi politici e sociali della Fidest diretto da Riccardo Alfonso)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Casa Trelawney è una brillante commedia familiare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Neri Pozza Editore Traduzione dall’inglese di Alessandro Zabini Euro 18,00 / 368 pagine. Segue le peripezie dei Trelawney, ultimi discendenti di un’antica casata la cui immensa fortuna è stata dilapidata, portando la famiglia allo sbando. Come in un grande arazzo Hannah Rothschild intreccia le vicende di moltissimi personaggi, che tratteggia in maniera vivida, servendosi di un umorismo tipicamente inglese. Ironico e sfolgorante, Casa Trelawney sembra uscito dalla penna di Wodehouse. Nel grande castello dalle moltissime ali in stile elisabettiano, rinascimentale e georgiano abitano gli ultimi, sgangherati Trelawney: Kitto, l’erede al titolo, un uomo sentimentale, irrazionale e molto poco pratico, sempre coinvolto in investimenti fallimentari e attualmente presidente di una banca pur senza avere una minima nozione di finanza; sua moglie, Jane Browne, una donna apparentemente insicura e insignificante, pessima cuoca, che dedica il poco tempo che le lascia l’immane compito di gestire la casa alla realizzazione di originali motivi naturalistici per carte da parati usando una macchina da stampa scovata in una delle antiche stanze della servitù; i loro tre figli – Ambrose, 17 anni, privo di talento e carattere, ma l’unico a cui la famiglia ha potuto pagare gli studi in una scuola privata; Toby, 16 anni, sensibile e generoso; Arabella, 15 anni, schietta e ribelle, con una passione per la biologia. E poi ci sono la prozia Taffy, che vive in un’ala remota del castello e ha dedicato la sua vita allo studio delle mosche, e il conte Enyon e sua moglie Clarissa, i quali fingono, anche tra di loro, che tutto sia come prima, quando la famiglia viveva nell’agio e nello splendore. Ma qualcosa sta per sconvolgere la vita dei Trelawney. Improvvisa e inaspettata, giunge infatti la notizia che le borse sono crollate, e che la banca di cui Kitto è presidente è fallita…

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Albert Camus Nicola Chiaramonte: In lotta contro il destino

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Traduzione dal francese di Alberto Folin Euro 18,00 / 224 pagine Neri Pozza Editore. ALBERT CAMUS è stato uno scrittore, filosofo, saggista, drammaturgo e anarchico francese, importantissimo esponente dell’esistenzialismo. Nacque in Algeria, dove studiò e iniziò a lavorare come attore e giornalista. Affermatosi con il romanzo Lo straniero e con il saggio Il mito di Sisifo, raggiunse un vasto riconoscimento di pubblico nel 1947 con La peste. Nel 1957 ebbe il nobel per la letteratura. Morì in un incidente automobilistico a Villeblevin. L’amicizia tra Albert Camus e Nicola Chiaromonte nasce «da uno dei rapporti umani più belli e veri: l’ospitalità», che il primo aveva offerto all’italiano in occasione del loro incontro ad Algeri nella primavera del 1941. Come gli assurdi conquistatori del Mito di Sisifo, Camus e Chiaromonte condividevano il sentimento della «stupefacente grandezza dello spirito umano». Questa corrispondenza incrociata, che riunisce una novantina di lettere inedite, restituisce l’esigenza e la fraternità di questo dialogo vissuto nel mododell’urgenza

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Visioni Corte Film Festival: Decima edizione dedicata a Vittorio De Sica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Si svolgerà dal 18 al 25 Settembre 2021 presso il Cinema Teatro Ariston di Gaeta (LT). Nel 120° anniversario della nascita, il grande regista e attore, nato il 7 luglio del 1901 a Sora nel frusinate, sarà al centro di una mostra fotografica e iconografica che racconterà la sua vita privata e professionale. Sono previste anche proiezioni di alcuni dei suoi film più iconici, tra i quali anche “Miracolo a Milano” di cui ricorrono i 70 anni. L’edizione numero 10 del festival del sud Lazio, con la direzione artistica di Gisella Calabrese, prevede 106 opere finaliste provenienti da 37 nazioni: 72 cortometraggi in concorso e 34 per le sezioni non competitive. Le sezioni in gara sono CortoFiction Italia, CortoFiction international, CortoAnimation, CortoDoc, alle quali si è aggiunta Kiddos, dedicata prettamente a bambini e adolescenti protagonisti con storie tutte diverse tra loro e spesso difficili. Le due sezioni non competitive sono Germogli di Cinema, composta da cortometraggi considerati innovativi e meritevoli di interesse ed estremamente particolari, e Meridiani, un focus dedicato a cortometraggi provenienti da un singolo Stato che quest’anno sarà dedicato alla nazione Iran. Una programmazione che darà tanto spazio ai generi cinematografici ma anche tanta commedia e un’attenzione particolare a tematiche attuali come i diritti umani, identità sessuale, diritto all’infanzia, rapporti familiari e la guerra. Le opere saranno fruibili anche su piattaforma web, come l’anno scorso, per raggiungere un pubblico più vasto.Anche quest’anno ampia presenza di registe donne, ben 68, andando a superare ampiamente il record dello scorso anno. E nel segno delle donne è anche l’immagine scelta per il manifesto della decima edizione, un disegno originale dell’artista Mirka Perseghetti dal titolo “Il Cinema ci illumina” che vuole essere un buon auspicio dopo questo lungo periodo di privazioni e chiusure dovute all’emergenza sanitario Covid-19.Visioni Corte International Short Film Festival è realizzato con il contributo della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del Mibact e della Regione Lazio, gode dell’Alto patrocinio del Parlamento Europeo, e dei patrocini di Enit – Agenzia Nazionale del Turismo, Provincia di Latina e Comune di Gaeta e fa parte di AFIC – Associazione Festival Italiani di Cinema, FEDIC – Federazione Italiana Cineclub e Coordinamento Festival Cinematografici Campania.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Outbrain annuncia un investimento di 200 milioni di dollari da parte di The Baupost Group

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Outbrain, una delle principali piattaforme di recommendation dell’open web, ha annunciato oggi che, nell’ambito del suo piano di finanziamento strategico, si è assicurata un finanziamento di 200 milioni di dollari da parte del gestore di investimenti The Baupost Group con sede a Boston.”Siamo entusiasti di annunciare questo investimento da parte di The Baupost Group, che condivide la nostra visione e l’impegno per il nostro business, il nostro team e le nostre prospettive future” ha detto David Kostman, Co-CEO di Outbrain. “Siamo orgogliosi di guidare lo spazio di raccomandazione che abbiamo creato. Abbiamo piani audaci per il futuro per continuare a fornire innovazione critica ai nostri partner media Premium in tutto il mondo ed espandere la nostra potente piattaforma pubblicitaria globale nell’open web” ha aggiunto Yaron Galai, Co-Fondatore e Co-CEO di Outbrain.Jefferies e Citigroup hanno operato come intermediari per Outbrain. Mayer Brown LLP è stato il consulente legale di Outbrain. Ropes & Gray LLP è stato il consulente legale di Baupost.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Opportunità di lavoro nell’istruzione ai laureati rifugiati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

L’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, e la rete globale Teach For All collaborano per sostenere l’impiego dei laureati rifugiati nel settore dell’istruzione attraverso una rete di programmi di borse di studio per l’insegnamento. La partnership sosterrà l’inclusione dei rifugiati nelle comunità ospitanti.Secondo la Banca Mondiale, il ritorno economico sulla frequenza universitaria è il più alto di tutto il sistema di istruzione, con un aumento medio del 17% dei guadagni per ogni anno di università frequentato. Nell’ambito della collaborazione, i laureati sostenuti dal programma di borse di studio DAFI (Albert Einstein German Academic Refugee Initiative) saranno avviati verso l’occupazione attraverso una borsa di studio per l’insegnamento e lo sviluppo di leadership con Teach For All.“Questa entusiasmante partnership con Teach for All aiuterà i laureati rifugiati a entrare nel mercato del lavoro e a realizzare il loro immenso potenziale come membri attivi delle comunità ospitanti”, ha detto Rebecca Telford, capo dell’istruzione dell’UNHCR.Ad oggi in tutto il mondo solo il 3% dei giovani rifugiati ha accesso all’istruzione superiore. Attraverso il programma DAFI e altri progetti come UNICORE – University Corridors for Refugees, l’UNHCR aiuta i rifugiati a iscriversi a istituti pubblici di istruzione superiore in tutto il mondo, come parte del suo obiettivo di garantire che, entro il 2030, il 15% dei giovani rifugiati sia iscritto all’università, in linea con gli obiettivi del Global Compact sui Rifugiati e l’impegno di “non lasciare nessuno indietro” dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.La collaborazione permetterà alla rete di organizzazioni partner di Teach For All nei paesi d’asilo di includere i laureati rifugiati nei loro pool di insegnanti e di trasformarli in leader motivazionali per le loro classi. Verrà sperimentata in diversi paesi africani con l’obiettivo di espandersi in altri paesi dove operano le organizzazioni partner di Teach For All. Opportunità di lavoro come quelle fornite dalla rete di Teach For All sono vitali per promuovere la piena inclusione sociale ed economica dei rifugiati che hanno conseguito una laurea e possono mettere le loro preziose capacità e talento a servizo dell’insegnamento.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La terza dose di vaccino fa discutere

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 luglio 2021

Gli operatori sanitari, specie quelli più a contatto con i pazienti come gli infermieri, tra i primi ad essere vaccinati contro il Covid, temono che la copertura vaccinale si stia avvicinando alla scadenza e chiedono con forza la terza dose. Ma gli enti regolatori e gli scienziati frenano: è troppo presto per dire con certezza che gli anticorpi sviluppati con la malattia o in seguito alla somministrazione dell’immunizzante e la memoria immunitaria a livello cellulare scompaiano dopo solo un anno. Le autorità sanitarie statunitensi, i Centers for Disease Control and Prevention e la Food and Drug Administration, hanno risposto ufficialmente ai dubbi: gli americani che hanno già ricevuto due dosi non devono sottoporsi ad una terza somministrazione, nonostante il diffondersi delle nuove varianti. Stessa posizione dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) secondo la quale al momento “è troppo presto per confermare se e quando sarà necessaria una dose di richiamo per i vaccini Covid-19, perché non ci sono ancora abbastanza dati dalle campagne di immunizzazione e dagli studi in corso per capire quanto durerà la protezione dai vaccini”. E anche dall’Oms arriva una precisazione sullo stesso tenore: “Non sappiamo se saranno necessari vaccini di richiamo per mantenere la protezione contro Covid-19 fino a quando non verranno raccolti ulteriori dati”. In ogni caso, le aziende farmaceutiche sono andate avanti con la sperimentazione clinica. Pfizer e BioNtech hanno annunciato che nelle prossime settimane chiederanno alle autorità regolatorie di Usa e Ue l’autorizzazione per la terza dose. Se dovesse rendersi necessaria, sarà a disposizione dei Paesi che l’autorizzeranno. Per il momento, la reale necessità non è per nulla sicura. “La terza dose è nelle cose ma non sappiamo ancora quando”, ha detto il direttore della prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza durante la conferenza stampa sul monitoraggio settimanale dei dati Covid, spiegando che servono più dati.Intanto buone notizie arrivano dall’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) sulla cosiddetta vaccinazione eterologa: anche se ancora i numeri a disposizione sull’utilizzo di un vaccino per il richiamo diverso da quello fatto con la prima dose non sono altissimi e sono stati raccolti solo da poche settimane, risulta che gli eventi avversi con l’eterologa sono minori rispetto a quella omologa. (fonte Doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »