Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 20 luglio 2021

Premio “Donne di Talento” a Carla Ferreri

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

Bologna-Locri. Non è solo la massima esperta di lipidomica in Italia, napoletana, da trent’anni a Bologna, Carla Ferreri è anche madre e da poco nonna! (di Lidia, due anni). Ricercatrice senior presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) di Bologna, dove è capogruppo di ricerca sullo stress e le trasformazioni dei radicali liberi, Ferreri da 20 anni si occupa di lipidomica di membrana, per l’identificazione di nuove vie degli acidi grassi e biomarcatori, e per la caratterizzazione di profili lipidomici in diverse condizioni fisiologiche e patologiche, quali longevità, cancro, obesità, autismo, per citarne solo alcune. È co-fondatrice e direttrice scientifica di Lipinutragen, azienda nata come spin-off del CNR in Italia e oggi leader dell’approccio nutrilipidomico, che combina l’analisi lipidomica di membrana a base di acidi grassi con l’assegnazione personalizzata di nutraceutici. L’azienda possiede un’apparecchiatura originale (robot che ha ricevuto il marchio di qualità da parte di ACCREDIA nel 2020) ad alta produttività che seleziona i globuli rossi maturi ed esegue le fasi cruciali dell’analisi della membrana ora certificata con lo standard ISO17025:2018. È autrice di oltre 200 pubblicazioni scientifiche, 3 libri e 3 brevetti. Nel 2010 ha vinto il Premio come Miglior Donna Innovatrice in Italia. È Direttore dell’Accademia dei Meccanismi Molecolari, un’iniziativa per gli operatori sanitari che necessitano di essere aggiornati nel campo della medicina molecolare e della diagnostica. A lei si deve anche la nascita della nutrilipidomica, anello di congiunzione tra il campo della medicina e quello della cucina. “La lipidomica – spiega Carla Ferreri – deve arrivare anche in cucina e inserirsi nella nostra vita quotidiana, applicandosi dalla scelta degli alimenti alle ricette che dovrebbero sempre rispettare la migliore scelta dei grassi. Sbagliando i grassi, la maggior parte delle persone provoca nel proprio organismo lo stato infiammatorio, che è un dato accertato da tutte le ricerche e le conoscenze scientifiche fin qui raccolte. Oggi invece è possibile conoscere lo stato di equilibrio delle nostre cellule e fare prevenzione attiva proprio nella vita e nelle scelte che tutti noi facciamo. Tutto è basato sul raggiungimento e sul controllo della condizione di equilibrio, per trovarci preparati ad affrontare lo stress della vita ed anche eventi straordinari, come è accaduto in questa pandemia.” Il progetto di innovazione “Il profilo lipidomico di membrane cellulari: un approccio molecolare applicato alla salute umana” è valso a Ferreri, nel 2010, il premio ITWIIN come Migliore Innovatrice Italiana e una menzione di merito al Premio Internazionale EUWIIN tenuto ad Helsinki nel 2011. Nel 2005 ha fondato la R&D dell’azienda Lipinutragen, spin-off della ricerca ufficialmente autorizzato dal CNR, la prima azienda che porta sul mercato l’approccio innovativo della medicina molecolare: la nutrilipidomica e la nutraceutica.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sassoli: l’Europa è la vera chiave del nostro futuro

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

Discorso in occasione della cerimonia di conferimento della laurea honoris causa alla memoria di Antonio Megalizzi. Desidero ringraziare innanzitutto l’Università di Trento e il suo Rettore Flavio Deflorian per il cortese invito. Saluto la famiglia Megalizzi, la cara Luana e, ovviamente, tutti gli amici della città di Trento.Sono passati poco più di 30 mesi da quella sera dell’11 dicembre 2018. In quei giorni a Strasburgo era in corso la sessione plenaria del Parlamento europeo. La città, già in pieno clima natalizio, era animata da tanti turisti, ma anche da molti deputati europei, funzionari, assistenti parlamentari, giornalisti.Fra loro vi era anche Antonio Megalizzi, un giovane giornalista attento, che amava profondamente il suo lavoro, che credeva nell’Europa, nella libertà di espressione, con una missione: raccontare l’Europa ai suoi coetanei, ai giovani così spesso disinformati e disinteressati. La morte di Antonio e di quattro altre persone, fra cui il suo amico e collega polacco Bartosz Orent-Niedzielski, in quella sera di dolore e terrore sono ferite vive nella nostra memoria e nella storia del Parlamento europeo.Non possiamo dimenticare quanto è accaduto. Antonio – al pari di tanti suoi coetanei – ha rappresentato il simbolo dell’Europa che vogliamo: un’Europa vicina ai cittadini, solidale, autorevole che cresce grazie al dialogo e al confronto, due aspetti che stanno alla base della buona politica e costituiscono la colonna portante di ogni sistema democratico. In questa giornata così importante, in cui l’Università di Trento ha deciso di conferire a Antonio la laurea ad honorem in Studi europei e internazionali, permettetemi di salutare tutti gli studenti presenti e in particolare gli amici di Europhonica, la rete di radio universitarie con cui Antonio collaborava: un luogo di scambio e di elaborazione di idee, ma anche uno spazio aperto di informazione e approfondimento dedicato proprio ai giovani europei. Perché Antonio era una persona che credeva fortemente nel sogno europeo e lo alimentava ogni giorno con il suo lavoro. Il suo obiettivo era infatti quello di far conoscere a milioni di ragazze e ragazzi le opportunità dell’Europa, di stimolare dibattiti, di aprirsi al confronto con l’altro. Ci piace pensare che avrebbe apprezzato il modo in cui l’Unione ha affrontato la crisi della pandemia, con modalità profondamente diverse dal passato, di vedere dedicare il programma di ripresa e resilienza alle giovani generazioni, con il Next Generation UE, di sapere che il Parlamento europeo si è battuto e ha ottenuto un amento, oltre il doppio, di quel programma faro dell’Unione, Erasmus, che lui considerava essenziale per la formazione della cittadinanza Europa.E lo avremmo avuto al nostro fianco anche nella difesa dello Stato di diritto e dei valori fondamentali, un impegno che in questo momento vede coinvolte tutte le Istituzioni europee.La pace tra le nazioni, la libertà di pensiero, il rispetto delle persone – di tutte le persone – la tutela delle diversità sono i principi fondanti della nostra identità. Se perdessimo tutto questo l’Europa si ritroverebbe senza identità e funzione. Ecco perché il Parlamento chiede che la tutela dei nostri Trattati venga assicurata con scrupolo in un momento in cui alcuni paesi intervengono minando l’autonomia della magistratura e dell’informazione. Così come sosteniamo l’apertura di procedure d’infrazione da parte della Commissione europea nei confronti di quei paesi che dichiarano alcuni loro territori “Lgtbiq free zone”.Quando si parla di territori vietati a qualcuno si mette in discussione il diritto all’uguaglianza dei nostri cittadini. E in Europa i diritti di ogni persona sono diritti di tutti.Antonio ci avrebbe aiutato a parlare di tutto questo ai giovani, a trasmettere il messaggio che lo stile di vita europeo è ammirato nel mondo, che dobbiamo migliorare ma non sottovalutare mai la straordinaria storia di successo dell’Unione europea. Di fronte all’intolleranza, all’odio e alle minacce terroristiche, alle ingerenze straniere, alle sfide nuove che ci presenta il mondo globale, Antonio ci avrebbe ricordato che l’Europa è il nostro destino, o come amava ripetere, “la vera chiave del nostro futuro”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Flash: Vendite al dettaglio USA di giugno”

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

Migliori delle attese grazie anche a revisione al ribasso di maggio, la curva continua il flattening” A cura di Antonio Cesarano, Chief Global Strategist di Intermonte. Si conferma lo scenario tassi a lungo e soprattutto lunghissimo termine in calo a fronte di flattening della curva che progressivamente potrebbero interessare l’area euro in estate in vista di dati sull’inflazione che, da agosto in poi, potrebbero segnalare inflazione sopra il 2% In questo contesto, nel trimestre in corso potrebbe essere opportuno preferire i settori che lavorano meglio in contesto di tassi in calo/flattening (mi riferisco a curva tedesca in particolare, rilevante visto che il pricing dei finanziamenti è tarato su IRS, espressione dei tassi tedeschi)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Incontro ministero su operazioni avvio nuovo anno scolastico

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

Si è da poco concluso l’incontro al ministero sul tema relativo alle operazioni di avvio del nuovo anno scolastico 2021-22. Per l’amministrazione erano presenti il dottor Stefano Versari, capo del Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione, e il dottor Filippo Serra, Direttore generale per il personale scolastico. Per l’ANIEF era presente il vicepresidente nazionale Gianmauro Nonnis. Sul tavolo punti estremamente importanti quali titoli di abilitazione, reclutamento e pareri del CTS in materia di prevenzione da SARS-COV 2. I punti di criticità sono stati messi subito in evidenza, il decreto sostegni-bis ha modificato il precedente assetto normativo rendendo poco chiare le modalità di conseguimento dell’abilitazione per quanti avessero conseguito una votazione non inferiore ai 7/10 nelle prove del concorso 2020. L’amministrazione pertanto ha ritenuto opportuno attendere ulteriori indicazioni dal decisore politico confidando in tempi brevi, anche in vista delle imminenti 112mila assunzioni autorizzate che attingeranno anche dalle GPS di I fascia che per molti aspiranti rappresenta l’occasione di una meritata stabilizzazione.“Si è fatto presente che esiste un’asse che collega i tre piani del confronto, senza un assetto stabile del personale qualsiasi piano o protocollo di sicurezza è destinato a essere poco efficace, negli ultimi anni infatti il conferimento degli incarichi a tempo determinato si è protratto fino a dicembre inoltrato in numerose provincie, a discapito dei protocolli interni che variano di istituto in istituto e spesso di plesso in plesso, e il numero di candidati presenti nelle attuali graduatorie concorsuali è tale da non coprire il contingente autorizzato”, ha commenta Gianmauro Nonnis.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ha affermato che “si necessita pertanto di un piano di stabilizzazione che preveda, oltre al conferimento delle abilitazioni a quanti abbiano superato la soglia dei 7 decimi, anche il loro reclutamento e lo scorrimento in subordine a quanti presenti in II fascia GPS con conferimento della abilitazione al termine del periodo di prova. Per questo esortiamo tutti i candidati esclusi a fare comunque domanda e far valere i propri diritti alla stabilizzazione nelle aule di tribunale”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Il Mef ha autorizzato 112mila assunzioni di docenti

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

I conti sulle immissioni in ruolo 2021 non tornano. Oltre 112mila assunzioni accordate dal Mef non si realizzeranno mai. Perché dalle graduatorie – Gae, di merito e prima fascia Gps – potranno esseri individuati non più di 20-30mila precari. E dai concorsi – straordinario della scuola secondaria di primo e secondo grado e Stem– se ne ricaveranno anche meno. Va infatti anche considerato che le procedure di questi concorsi non sono ancora completate e che nel caso del riservato dei 32mila posti del bando, almeno 10mila si sono ‘persi’ per eccesso di selettività. Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “lasciare così tante cattedre vacanti, a cui si aggiungeranno i 40mila dell’organico aggiuntivo Covid (perché fino solo al 31 dicembre?), rappresenta una modo di procedere del tutto inadeguato a rispondere all’emergenza pandemica ancora in atto, tanto è vero che il Comitato tecnico scientifico ha confermato il distanziamento sociale. Questa decisione, inoltre, conferma la volontà di non volere assolutamente combattere la supplentite in modo serio. Anief cercherà di opporsi a questo modo di procedere in tutti i modi possibili, anche ricorrendo in tribunale contro un abuso di precariato che l’Europa contesta da tempo e che oggi più che mai va combattuto”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Per settembre l’ISS chiede areazione adeguata, microfoni per docenti e screening periodico

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

A meno di due mesi dall’inizio delle nuove lezioni, si accavallano pareri e indicazioni. Anche l’Istituto Superiore di Sanità si è espresso. Rispetto all’anno scorso, la vera novità sarebbe rappresentata dai microfoni per gli insegnanti: una esigenza derivante dal fatto che con la variante Delta, il 60% più trasmissibile rispetto Alfa, bastano meno particelle per il contagio. Per questo nelle scuole viene suggerito agli insegnanti, che devono tenere un tono di voce alto per spiegare, di utilizzare microfoni così da poter abbassare la voce ed emettere meno aerosol.Per quanto riguarda le altre disposizioni indicate, la stampa ha rilevato che sono ancora poche le scuole dotate di impianti di ventilazione meccanica che possono ridurre il rischio in aula con un adeguato ricambio d’aria: un aiuto potrebbe arrivare dai rilevatori di anidride carbonica che monitorano costantemente la qualità dell’aria (misurata in ppm, parti per milioni). I sensori di anidride carbonica funzionano come i semafori: luce verde, gialla e rossa in base alla concentrazione di CO2 nell’aria con valori tarati ad hoc per ogni ambiente. In questo modo l’insegnante può intervenire spalancando le finestre quando scatta il rosso fino al ritorno a valori accettabili. Utili potrebbero anche essere i purificatori d’aria filtri HEPA (High Efficienty Particulate Air filter) che sostituiscono l’areazione naturale e gli screening periodici sugli studenti e sul personale scolastico come ha suggerito anche dalle autorità europee. Ultima, ma non meno importante, è l’arma dei vaccini: in questo momento, però, valida solo per gli over 12. Pfizer, come è noto, ha annunciato che chiederà l’autorizzazione per l’uso in emergenza del suo vaccino per i bambini tra i 5 e gli 11 anni per il prossimo autunno.Anief ricorda che è importante aggiornare il contratto sulla sicurezza degli istituti scolastici sottoscritto lo scorso autunno, le cui linee guida erano state individuate nell’agosto del 2020 attraverso un apposito protocollo d’intesa. Adesso, bisognerebbe agire perché vengano modificate e attuate. Parte delle disposizioni del precedente contratto non sono state infatti mai interamente adottate: si tratta, ad esempio, della contrattazione per la definizione del lavoro agile del personale docente e amministrativo, della ricerca delle risorse per rivedere i criteri del dimensionamento scolastico, oltre che di garantire la continuità didattica nel reclutamento, specie su posti di sostegno.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ormoni e fattori di crescita

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By Francesco Romanelli, vice presidente dell’Accademia Italiana di Medicina Anti-Aging (AIMAA) Da editore della Aesthetic Medicine Magazine, rivista ufficiale internazionale delle Società di Medicina Estetica mondiali, ho il dovere di annunciare che la ‘Medicina Estetica’ ha trovato il suo valore in pubblicazioni scientifiche di alto valore e ben fatte che sfatano il mito di una medicina ‘miracolosa’ e senza evidenze scientifiche. Dal 2015, l’ascesa della rivista dal nazionale all’internazionale, ha permesso ad Aesthetic Magazine l’accesso a Scopus, una banca dati di articoli scientifici a livello europeo, la più importante insieme a PubMed che invece è statunitense. Ciò significa che è stato apprezzato e validato il lavoro di ricerca che ruota attorno alla Medicina Estetica e il suo valore scientifico espresso all’interno delle pubblicazioni di Aesthetic Magazine. Nei prossimi due anni scopriremo se verrà accolta anche da PubMed, per cui l’accesso è un po’ più difficile ma non impossibile. Sulla sessione dedicata a “Ormoni e fattori di crescita”, il focus sarà sul GH più comunemente detto ‘ormone della crescita’. Con l’invecchiamento, la secrezione dell’ormone della crescita diminuisce progressivamente provocando la somatopausa. Questa diminuzione del GH, ottimo anabolizzante, ha fatto intuire che questo ormone può essere anche utilizzato come uno strumento anti-ageing. È importante limitare la prescrizione di questo ormone in quanto i rischi che posso facilitare sono il diabete e i polipi intestinali. La valutazione dell’opportuna somministrazione varia da caso a caso, in base al paziente e al suo quadro clinico. Caso contrario è l’eccesso di GH, cioè può capitare che si abbia un eccesso di produzione di questo ormone provocando quella malattia che si chiama acromegalia. Ingrossamento degli arti è una caratteristica fisica di questa malattia legata alla secrezione del GH. Questa patologia, non frequente, deve essere conosciuta molto bene dal medico estetico. Può capitare che il paziente si presenti con un problema estetico e, invece, poi si scopre essere un problema di secrezione del GH. Sia in caso di somatopausa che acromegalia, la diagnostica avviene attraverso esami del sangue specifici in entrambi i casi. Storicamente, già nel 1990 sul The new England Journal of Medicine si cominciò a parlare di GH come anti – ageing, il siero miracoloso della giovinezza. Ben presto, però, si iniziò a capire che non è proprio così, in quando ha dei rischi ed è doping a tutti gli effetti. Diagnostica precisa e terapia specialistica autorizzata molto attentamente sono le premesse per l’assunzione di questo ormone. Alimentazione corretta e regolare attività fisica possono fisiologicamente stimolare la produzione di questo ormone, questo è assolutamente assodato sin da quando moltissime mamme utilizzavano l’arginina per facilitare la crescita dei propri bambini. In quest’ottica, ogni anno, si crea la sessione SIE e SIME per temi che siano condivisi dall’endocrinologia e dalla medicina estetica. Altra sessione importantissima all’interno del Congresso è quella dedicata alla vitamina – D, un ormone che regola – insieme al paratormone e alla calcitonina – l’adeguato metabolismo del calcio e delle ossa e che viene stimolata dall’esposizione alla luce, attraverso le radiazioni ultravioletta B o UV-B e assunta, in parte, dalla dieta. Oltre a questa attività prioritarie, la vitamina-D è importante in quanto svolge un’attività immunomodulante e per questo motivo la sua somministrazione è stata presa in considerazione anche per la cura di una patologia come il Covid-19. Esiste più di un lavoro a riguardo che ha permesso di osservare come i pazienti carenti di vitamina-D, dopo il suo incremento, rispondevano meglio alle terapie. L’importanza della vitamina-D, quindi, va oltre il consueto compito. Spesso viene somministrata come un integratore quando in realtà si tratta di un ormone e prima di prescriverla è fondamentale conoscere il suo valore nel sangue. Per misurarla basta un accorgimento diagnostico semplice come le analisi del sangue, contestualmente alla calcemia. ‘Vitamina D 2.0’ è una sessione ricca ed esplicativa di questo ormone che prenderà ad esame le Linee Guida e durante la quale gli esperti coinvolti si soffermeranno sulla diagnostica e sui corretti mezzi terapeutici

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Nutrizione e immunità

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By dottor Domenico Centofanti, vice presidente della Società Italiana di Medicina Estetica (SIME) La sessione sulla nutrizione è ormai la più attesa tra le altre al Congresso SIME. Quest’anno la tematica che tratteremo riguarda il ‘sistema immunitario’, inevitabile nell’era Covid-19. Oggi la nutrizione è diventata una disciplina spesso trattata come fosse una ‘moda’ piuttosto che un argomento da specializzati del settore. Non si può pensare al cibo soltanto come un regolatore del nostro peso corporeo, piuttosto è un investimento sul nostro stato di salute. La nutrizione influisce sul nostro benessere ed è chiaro che mangiare in maniera corretta fa la differenza. Chi non mangia correttamente pagherà le conseguenze a lungo andare, anche e soprattutto sul sistema immunitario. Il Covid-19 ci ha aiutato a capire quanto sia importante la nostra alimentazione, in quanto le problematiche maggiori si sono presentate lì dove il paziente aveva delle carenze. L’esempio più eclatante e più banale riguarda il nostro intestino. A proposito della sessione di diversi anni fa quando abbiamo parlato del microbiota intestinale, cioè i microrganismi che stazionano nel nostro corpo e in particolare nell’intestino, scopriamo oggi in maniera sempre più affermativa che è lui il regolatore di benessere del nostro corpo e del nostro sistema immunitario. Le sostanze prodotte in funzione di quello che mangiamo sono le stesse che influiscono sul nostro benessere, in virtù del fatto che il 70% del nostro sistema immunitario risiede nel nostro intestino. Se mi preoccupo di far stare bene il mio microbiota intestinale, creo beneficio per tutto il mio corpo. Ma come? Mangiando alimenti ricchi di fibre come frutta e verdura. Ai microrganismi piace in particolare l’inulina contenuta nella cicoria, nella cipolla, nell’aglio, ecc. ma ciò che è essenziale è mantenere il giusto apporto di fibra giornaliero. Il nostro sistema immunitario trae vantaggio anche dal giusto apporto di minerali e vitamine che si trovano sia negli alimenti del mondo marino, ma anche in tanti vegetali. Non è il ‘cibo miracoloso’ a fare la differenza, ma un’alimentazione equilibrata a base di dieta mediterranea – quella originale, dei nostri nonni – ricca di prodotti integrali, frutta e verdura e cibi più genuini possibili. Variare gli alimenti è la chiave. Oggi si tende a considerare la Medicina Estetica come una delle specializzazioni della medicina che è stata molto ‘parcellizzata’. Da una parte è molto utile, ma dall’altra si rischia di perdere la complessità del paziente. Su questo vorrei soffermarmi per dire che la Medicina Estetica non è togliere la ruga, ma provocare benessere nella complessità. Non tolgo la ruga soltanto, ma mi occupo del paziente a 360 gradi occupandomi di tutta la salute della persona e curando anche e soprattutto il metodo di nutrizione, perché questo ottimizza anche i risultati che ricerco in ambulatorio. Oltre alla SIME, nella sessione – che sembra essersi delineata come un mini-congresso nel congresso – saranno protagoniste: l’Ansisa (Associazione Nazionale Specialisti in Scienza dell’Alimentazione), l’ADI (Associazione Italiana di dietetica e nutrizione clinica), la SIO (Società Italiana dell’Obesità), la SISDCA (Società Italiana dei disturbi del comportamento alimentare), la SICOb (Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità). Intorno allo stesso tavolo sei società scientifiche con esperti di diversa estrazione, nell’ambito di un Congresso di Medicina Estetica si confronteranno sulla scienza della nutrizione. Particolare attenzione si presterà, inoltre, alla vitamina C e D e al loro ruolo nella nutrizione e per il sistema immunitario. Tutto sarà direzionato a lanciare il messaggio che rendere in salute il nostro intestino attraverso le sane abitudini alimentari e il sano stile di vita può tradursi nel benessere del proprio sistema immunitario. A supporto studi e analisi. La novità riguarderà la vitamina D e la risposta alla domanda: per la vitamina D si consiglia l’esposizione al sole, ma i medici estetici consigliano anche e sempre la protezione solare: qual è il punto di congiunzione tra questi due aspetti? “Sono molto felice ed orgoglioso della collaborazione scientifica al nostro Congresso di tante Società Scientifiche di alto valore – commenta il professor Emanuele Bartoletti, presidente SIME – Questo a riprova della multidisciplinarietà della Medicina Estetica. Ricordiamo però che il medico estetico non è un tuttologo e che nell’atto fondamentale della visita avrà la competenza per indagare la fisiologia di tutti i distretti studiati e che, nel caso in cui rilevasse delle alterazioni dalla normalità, invierà il paziente allo specialista di riferimento per un approfondimento diagnostico e per la terapia adeguata”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Filler e malattie autoimmuni

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By dottor Felice Strollo, presidente dell’Accademia Italiana di Medicina Anti-Aging (AIMAA). Le persone affette da malattie autoimmuni (come la tiroidite di Hashimoto o l’artrite reumatoide) possono fare tranquillamente i filler? Ma anche alcuni pazienti che non partono con una malattia autoimmune di base, nel tempo, possono presentare la comparsa di una forma di autoimmunità. Allora ci siamo chiesti: non sarà meglio in questi soggetti evitare i filler in quanto tali? La presenza di anticorpi si accentuerà con l’applicazione dei filler? E chi ha familiarità con l’autoimmunità non rischia la comparsa di una risposta autoimmunitaria che prima non esisteva? Sono domande che non hanno ancora una risposta, ma il mondo della medicina estetica sta provvedendo a colmare questo gap di conoscenza e una sessione del Congresso della SIME sarà dedicata appunto a questi temi.I dubbi sono nati dalla constatazione che l’uso dell’acido ialuronico in medicina estetica può scatenare qualche reazione proprio perché si tratta di una molecola che non essendo ‘estranea’ all’organismo, quando viene iniettata è vissuta come qualcosa da ‘elaborare’. Di certo, prima di sottoporre un paziente a trattamenti di medicina estetica, è molto importante verificare il suo stato di salute globale e l’eventuale presenza di segnali di autoimmunità, come la presenza degli anticorpi anti-tiroidei (antitireoglobulina e antiperossidasi).Ma in tema di medicina estetica e autoimmunità non riguarda solo ai prodotti applicati, ma anche le metodiche utilizzate, che possono anch’esse provocare una risposta immunitaria. È il caso ad esempio del ‘danno da ago’. Nei prossimi anni dedicheremo grande attenzione alle risposte immunitarie da piccoli traumi, e andremo ad approfondire temi come la diagnostica e le reazioni ritardate all’acido ialuronico in rapporto alle caratteristiche immunitarie, alla cute e al sistema immunitario del paziente. Per migliorare le conoscenze in questo campo abbiamo messo a punto un semplice questionario di 16 domande che, se utilizzato in ogni ambulatorio di medicina estetica, potrebbe darci informazioni ‘real life’ preziose sul paziente. La raccolta di questi dati offrirà grandi vantaggi in termini di sicurezza, sia dei medici, che soprattutto dei pazienti.“La sicurezza del paziente è sempre al primo posto tra le priorità della medicina estetica – sottolinea il presidente SIME Emanuele Bartoletti – Molti eventi avversi descritti sono dovuti a reazioni immunitarie dovute ai più diversi fattori. La qualità delle sostanze iniettate è importantissima, come fondamentale è lo studio del paziente prima di qualsiasi terapia. Diffidare di chi ci tratta senza averci sottoposto ad un check up di medicina estetica e di chi esegue trattamenti a basso costo: i materiali di qualità hanno sempre un alto costo e il medico non riduce il suo guadagno…”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Gli algoritmi terapeutici dei principali inestetismi

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By dottoressa Annarosa Catizzone, coordinatrice nazionale delle sezioni locali della Società Italiana di Medicina Estetica (SIME) La medicina estetica si sta professionalizzando sempre di più, anche nella standardizzazione dei protocolli di trattamento. Non siamo ancora approdati a vere e proprie linee guida ma stiamo lavorando ad esse in molti campi. Tra questi, particolare attenzione è stata posta riguardo alla pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica ovvero la cosiddetta ‘cellulite’, per cui si sta lavorando a degli algoritmi, poi ancora all’acne e al rilassamento cutaneo del viso e del corpo. Ma come si costruisce un algoritmo? Costruire un algoritmo significa far riferimento a delle linee guida che mancano. È per questo che preventivamente abbiamo deciso di fare uno studio, portato avanti da un gruppo di professionisti che hanno una ventennale esperienza in medicina estetica e lo stesso background: si sono formati tutti presso la Scuola di Medicina Estetica Fondazione Fatebenefratelli di Roma. Le proposte di algoritmi e l’inizio della discussione seguirà, quindi, a questa analisi condotta dai professionisti che si baseranno su: Accurata valutazione diagnostica; Diagnosi preventiva rispetto al piano terapeutico; Terapia con gestione del paziente a largo raggio: correzione delle cattive abitudini di vita, corretta alimentazione, sana dieta alimentare, attività fisica, consigli per smettere di fumare, corretta cosmesi. Quest’ultimo punto è fondamentale per consentire ai medici di seguire il paziente a casa attraverso la terapia domiciliare che garantisce il mantenimento, grazie alla prescrizione cosmetologica che viene effettuata dopo un attento check-up cutaneo.Gradualità delle terapie: dalle più soft come i peeling e la bio rivitalizzazione – che hanno un ruolo fondamentale nel rilassamento cutaneo sia dal punto di vista esteriore, sia per luminosità, elasticità e tono – per passare alle terapie della cute più sofisticate. La sessione del Congresso mira a tracciare delle vere e proprie linee guida, come suggerito dalla Legge Gelli-Bianco. Linee Guida di cui non si può fare a meno. L’art. 7 della legge Gelli-Bianco (L. 8 marzo 2017, n. 24 – ‘Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie’), entrata in vigore il 1° aprile 2017, rubricato ‘Responsabilità civile della struttura e dell’esercente la professione sanitaria’, prevede, al comma 3, che l’esercente la professione sanitaria risponde del proprio operato ai sensi dell’articolo 2043 del codice civile, salvo che abbia agito nell’adempimento di obbligazione contrattuale assunta con il paziente. Per questo, la costruzione delle linee guida implica degli studi clinici effettuati con integrità e rigore scientifico impeccabili che devono essere trasformate in pubblicazioni su riviste scientifiche fino a diventare vere e proprie raccomandazioni, da cui nasceranno – appunto – le linee guida. Questo è l’iter e l’impatto è la risposta ad una necessità e il coinvolgimento degli esperti. Esattamente come accade per la SIME, che ha già avviato dei protocolli di ricerca in vari campi, tutte le linee-guida che ne seguiranno permetteranno di costruire in maniera significativa una medicina estetica basata su evidenze scientifiche.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Dire addio alle braccia da pipistrello

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By dottoressa Alessia Pini, coodinatore Regione Toscana-Società Italiana di Medicina Estetica-SIME. Tra i principali segni di inestetismi delle braccia rientra sicuramente la lassità cutanea, la formazione di rughe e micro-rughe e discromie cutanee (macchie). In alcuni casi, invece, vi è al contrario un aumento di accumulo adiposo. Lo stile di vita influisce moltissimo sulla comparsa di questi inestetismi, in genere vengono rilevati dopo i 40 anni. La prevenzione è efficace se il paziente bada bene ad un’alimentazione ricca di frutta e verdura, un’attività fisica ben controllata, l’eliminazione del fumo dalla quotidianità e gli eccessivi dimagrimenti. Tra i trattamenti meno invasivi annoveriamo i massaggi connettivali e con il vacuum oppure trattamenti tipicamente da medicina estetica come la biostimolazione con e senza aghi e i fili biostimolanti. Tantissime le novità del Congresso SIME come la terapia combinata con biostimolazione senza aghi associata a carbossiterapia per i più giovani e i protocolli con fili bio-stimolanti combinati tra loro. I trattamenti sono accessibili a tutti, in quanto non eccessivamente onerosi, ovviamente variano da caso a caso e in base alle necessità del paziente e la durata del trattamento può variare, anche se in media dura circa un anno. “Molti gli inestetismi a carico delle braccia e non tutti risolvibili con la medicina estetica – dice il professor Emanuele Bartoletti, presidente della SIME – eccessi cutanei o adiposi importanti possono essere migliorati solo chirurgicamente. Tra le terapie medico-estetiche più efficaci ricordiamo le infiltrazioni con sostanze bio-ristrutturanti come l’acido polilattico o l’idrossiapatite di calcio e le tecniche di endolift o radiofrequnza endodermica, capaci di un ricompattamento importante dei tessuti”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Uno ‘zoom’ sul sorriso perfetto

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By dottor Andrea Alessandrini, docente della Scuola Internazionale di Medicina Estetica della Fondazione Fatebenefratelli, Roma. Quando una paziente sente la necessità di intervenire sulle proprie labbra, ci sono elementi da osservare, quali: L’età: bisogna quindi indagare se è una paziente giovane e vuole intervenire perché ha delle labbra sottili o se è una paziente più avanti con l’età e vuole effettuare un altro tipo di intervento; La struttura quindi la serratura della mascella, il tipo di labbra, le rughe tipo codice a barra, i solchi naso-genieni. Poi si indaga sul tipo di intervento che si vuole intraprendere, quale risultato si vuole ottenere così da consentire ai medici di intervenire nel giusto modo e con i giusti prodotti. Esistono terapie di vario tipo, è possibile utilizzare sia gli aghi che le cannule. L’ago viene utilizzato soprattutto per una ridefinizione dei contorni delle labbra e per riempire le rugosità che solcano il vermiglio; oppure l’ago può essere utilizzato con una tecnica verticale se si desidera effettuare una forte eversione delle labbra, cioè girarle verso il naso accorciando la distanza naso-labbra. È chiaro che l’ago può avere degli effetti collaterali, essendo tagliente. La cannula, invece, viene utilizzata quando si riempie la parte interna della mucosa o la mucosa ipotrofica per ottenere un effetto volumetrico. Lo studio delle labbra è importantissimo, perché esiste una grande varietà di morfologia delle labbra. In virtù della forma iniziale delle labbra e della forma del viso, verrà stilato un programma terapeutico preciso e mappare con esattezza i punti in cui introdurre il prodotto utilizzato e in quali quantità, facendo molta attenzione a non cadere mai negli eccessi della volgarità. I trattamenti delle labbra vengono richiesti dai 18 anni agli 80 anni. Se le più giovani richiedono un intervento puramente estetico, quindi si interviene sulla sottigliezza delle labbra o sulla forma, le pazienti più avanti con l’età hanno altre esigenze di correzione non solo nel volume ma anche per i cosiddetti codice a barra delle labbra e per tutta la zona peribuccale intesa come unità estetica completa. Quando parliamo di ‘sorriso’ intendiamo: apparato dentale, faccette, sbiancamento dei denti, masticazione e le labbra. Poi quando si sorride è chiaro che la linea delle labbra è una linea che deve essere parallela ai denti, non deve procurare un sorriso ‘gengivale’ o ‘cavallino’ che dir si voglia. È ovvio che per sorriso si intende tutta l’unità estetica. Il trattamento ha una durata di 8 mesi o 1 anno e, se si parla solo delle labbra, il trattamento è alla portata di tutti e varia a seconda della quantità di prodotto utilizzato.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Tecniche di ringiovanimento per affrontare i problemi dell’invecchiamento del collo

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By professoressa Carla Scesa, docente di Cosmetologia dell’Università degli Studi di Siena e della dottoressa Loredana Cavalieri, chirurgo plastico e Consigliere della SIME. Il sogno di un collo da cigno deve far i conti con l’invecchiamento, che spesso lascia a questo livello i suoi segni in maniera più precoce che in altre parti del corpo. Ecco dunque i consigli delle esperte per migliorare l’estetica del collo. Quando si parla di questa parte così in vista e delicata, bisogna tenere a mente che ci sono diverse tipologie di invecchiamento del collo: Le cosiddette collane di Venere.L’invecchiamento del collo (collo ‘da tartaruga’ o ‘da tacchino’). Collo tecnico (o da webinar) Collo ‘ansioso’. Le ‘collane di Venere’ possono essere presenti in età molto giovane e di solito vengono ereditate, sono quelle linee sul collo che, di solito, hanno anche mamma e nonna. L’invecchiamento, invece, è dovuto all’età e si tratta di accumulo di grasso locale e rilassamento dei tessuti. Colpisce soprattutto gli uomini e già prima dei 40 anni. Per questo, si richiede una maggiore prevenzione. Il ‘collo tecnico’ (o da webinar), invece, è un fenomeno abbastanza nuovo che si è notato soprattutto con il Covid-19 e l’aumento delle ore che ci tengono impegnati in posizioni da scrivania, al pc oppure al cellulare. La postura sbagliata ha inciso moltissimo sul collo, dando vita a questo fenomeno. Ma a volte c’è bisogno di un trattamento più energico per ritrovare un collo da cigno, e contrastare il collo da ‘tacchino’ o da ‘tartaruga’, regalo degli anni che passano. “Per contrastare quelle due ‘corde’ verticali (dovute alla contrazione del muscolo platisma) che si formano nella parte centrale del collo, conferendo un aspetto teso e ansioso – spiega la dottoressa Loredana Cavalieri – si può ricorrere all’infiltrazione di pochissime unità di tossina botulinica lungo le cosiddette bande platismatiche, per indurne il rilasciamento. Un’altra metodica, introdotta di recente anche per il collo, è il cosiddetto Endolift, un raggio laser a diodi, emesso dalla punta sottilissima di una fibra ottica (più sottile di un ago) che viene inserita nel derma superficiale, subito sotto la superficie cutanea. Questa metodica sfrutta l’effetto termico del laser per creare una lieve retrazione del derma (effetto ‘tightening’ o di tiraggio), che crea un ‘lifting’ dall’interno, stimolando allo stesso tempo la produzione di neo-collagene da parte dei fibroblasti. L’effetto dell’Endolift si manifesta a partire da un mese dopo il trattamento e dura almeno 12 mesi”. “E non dimentichiamo mai di proteggere il collo dal sole applicando filtri solari ad alta protezione – commenta il presidente della SIME Emanuele Bartoletti – La medicina estetica può fare molto con terapie mirate come peeling, radiofrequenza, filler, biostimolazione, laser endodermici, ma la cosmesi e la prevenzione rimangono capitoli importantissimi”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

La nuova estetica del Lato B tra tendenze e nuovi canoni

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By Annalisi Calisti.La perfezione non esiste, nemmeno quando si tratta di Medicina Estetica. Quello che possiamo dire è che certamente ci sono stati e ci sono dei modelli di riferimento. Dagli anni ’80-’90 in cui il ‘tipo’ dominante era fianco stretto e gluteo piccolo di dominazione nord-europea, si è passati al modello sud-americano e alla rivalutazione – finalmente – del modello di donna mediterranea con vita sottile, fianchi e glutei importanti ma sodi con pelle curata. Tra i principali inestetismi del gluteo dobbiamo annoverare: la culotte de cheval che è molto diffuso tra le donne di tutte le età e consiste in adiposità localizzate su fianchi, glutei e cosce che alterano l’armonia del corpo; la cellulite e il rilassamento muscolare e cutaneo. Quando trattiamo le pazienti, per lo più donne, presupponiamo che ognuno di loro abbia una partecipazione attiva al processo di miglioramento del proprio corpo. Diventa fondamentale l’attenzione alla circolazione, all’alimentazione e all’attività fisica con allenamenti di ipertrofia. Oltre ai vari tipi di trattamento, in Medicina Estetica è possibile anche mascherare le disarmonie con punture di acido ialuronico ad alto uso molecolare di idrossiapatite di calcio ad esempio in caso di cellulite, oppure può essere ottenuto un gluteo più grande con filler per il corpo a base di sostanze bio-stimolanti come l’acido polilatico. Tra le varie tecniche anche i fili che, però, non hanno soddisfatto né medici né pazienti. L’ultima frontiera che ha invertito questa tendenza sono i nuovi fili riassorbili che hanno, invece, dato dei buoni risultati. Se parliamo di chirurgia plastica, invece, dobbiamo considerare trattamenti come liposcultura dei glutei o lipofilling, quindi riempimento del gluteo con il grasso oppure la protesi. Tra le novità che annunciamo in questo congresso, il reshaping chirurgico con un luminare della chirurgia, il dottor Foued Hamza, che coniugherà il modello tipo di donna mediterranea all’eleganza della silhouette della paziente che ricostruisce perfettamente. Nuove tecniche chirurgiche e nuove frontiere della Medicina Estetica effettuati con macchinari di elettrostimolazione avanzata accostata alla radiofrequenza per incidere sia sul muscolo che sulla cute, anche in maniera abbastanza duratura. Ciò significa, ad esempio, che nella tecnica di lipofilling il prodotto iniettato contiene anche cellule staminali che – grazie ad un intervento ben fatto – consentono la riproduzione del grasso in maniera automatica con risultati a lungo termine perfetti.Alla base dobbiamo sempre ricordare che c’è l’attività fisica: aumentare il volume dei muscoli glutei già da solo migliorerà l’aspetto di questa importante parte anatomica. Non dimentichiamo poi tecniche fisiche come l’endermologie o la radiofrequenza per il ricompattamento cutaneo, magari associate ad una bioristrutturazione con acido polilattico.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

1° Premio giornalistico SIME intitolato a Carlo Alberto Bartoletti

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

La Società Italiana di Medicina Estetica SIME bandisce il 1° Premio giornalistico ‘Carlo Alberto Bartoletti’ istituito dalla società scientifica con lo scopo di riconoscere e stimolare la corretta divulgazione scientifica di tematiche riguardanti la medicina estetica. Il Premio, intitolato al fondatore della disciplina in Italia, vuole essere un omaggio allo stile e al modo di svolgere questa professione con competenza, rigore, sintesi, completezza di contenuti, chiarezza di linguaggio e capacità di divulgazione delle notizie.Il riconoscimento, dell’ammontare di €. 2.000 per ciascuna delle categorie individuate: Agenzie di stampa e carta stampata Radio-Televisioni, Web e servizi on line verrà assegnato da una giuria composta dall’Ufficio di Presidenza della Società Italiana di Medicina Estetica e da due giornalisti, e sarà consegnato a Roma in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico della Scuola Internazionale di Medicina Estetica della fondazione Internazionale Fatebenefratelli FIF. Possono concorrere al premio gli autori di servizi in lingua italiana consegnati alla Segreteria della SIME e pubblicati da quotidiani, agenzie di stampa, settimanali, periodici, riviste specializzate, testate online, servizi radio-televisivi, pubblicati, trasmessi o diffusi dal 16 luglio 2021 al 30 aprile 2022. Le opere in concorso (non più di tre per ogni autore) dovranno pervenire entro e non oltre il 1 maggio 2022, presso la Segreteria organizzativa Premio giornalistico ‘SIME 2020’ – via Monte Zebio, 28 – 00195 Roma (RM)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Quando il lifting diventa liquido

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By professor Emanuele Bartoletti, presidente della Società Italiana di Medicina Estetica – SIME. Si tratta di una procedura non invasiva, perché come dice l’espressione si tratta di ottenere un riposizionamento dei tessuti molli verso l’alto, agendo sulla struttura ossea. Le ossa, infatti, rappresentano nel viso dei punti di ‘ancoraggio’ forti per i tessuti molli – il grasso e le guance, sia attraverso i legamenti che ancorano la superficie all’osso, limitandone lo slittamento verso il basso, sia perché l’osso stesso, proprio per il volume che ha, riempie i tessuti stessi eli distende in superficie. Liquid lifting significa, quindi, riempire con un filler – acido ialuronico o idrossiapatite di calcio – per riportarli in tensione i legamenti zigomatici o mandibolari che con l’invecchiamento si ammorbidiscono e si rilassano. Poi aumentare i volumi ossei per cercare di riempire un poco quel ‘sacchetto svuotato’ e riportarlo verso l’alto – per esempio sullo zigomo o sulla mandibola, appunto – e poi riempire, ad esempio, proprio quella parte che si trova davanti all’orecchio, dove c’è una struttura abbastanza importante, la fascia parotidea, che se riempita e gonfiata leggermente riporta in alto tutti i tessuti della parte intermedia del viso, quella della guancia, per intenderci. Riempire l’osso significa aumentarne il volume, mettendo del filler sulla sua superficie per aumentarne la ‘prominenza’. Una tecnica ‘nuova’, con filler già in uso. L’unica cosa cui bisogna prestare attenzione è che c’è un limite a questa operazione: non possiamo continuare a ‘sollevare tessuti’ riempiendo progressivamente la faccia delle persone, perché così si rischia quello che si vede sempre più spesso in giro: visi ‘strapieni’ per sollevare i tessuti quando questi, però, sono ormai scesi troppo. Non è facile indicare qual è l’età giusta a intervenire con il liquid lifting: ci sono visi già invecchiati a 30 anni causa di dimagrimenti eccessivi o cedimenti precoci, come donne che a 60 anni stanno benissimo perché dotate di zigomi prominenti che non facilitano il cedimento dei tessuti. Però, in tutti i casi in cui si assiste ad un cedimento dei tessuti molli che riguarda il viso – attenzione, non il collo, perché il liquid lifting qui non ha effetti, e quindi non è indicato – in cui ancora non ci sia l’indicazione ad un lifting. Un intervento indicato nella fase iniziale del cedimento dei tessuti.Siccome si usano filler che hanno una densità (cross-linkaggio) importante, hanno una durata altrettanto importante: può essere sufficiente intervenire anche una sola volta ogni sette-otto mesi. In qualche caso, comunque, può essere necessaria una quantità maggiore di filler, fino a tre-quattro fiale necessarie per ricostituire una valida impalcatura e soprattutto non infiltrate in un’unica seduta, ma distanziate di almeno 1 settimana per dare il tempo ai tessuti di adattarsi alla nuova condizione. Ma è una quantità da non superare per non andare verso ‘l’effetto-palla’. Se con questa quantità non si ha un risultato sufficiente non ha senso andare oltre, perché siamo al di là. Siamo di fronte alla standardizzazione di una tecnica in uso da tempo ma che non era mai entrata nell’uso comune. E la standardizzazione è un fatto assolutamente positivo nelle tecniche e nelle metodiche, perché ne inquadra meglio indicazioni e limiti. Un intervento il cui costo è più che ragionevole, oscillando tra i 1.500/2.000 euro.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Garantirsi un buon invecchiamento

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By dottoressa Gloria Trocchi, vice presidente della Società Italiana di Medicina Estetica – SIME. Invecchiare in salute è il messaggio che vogliamo lanciare anche dalla medicina estetica. Ricerca e gestione delle eventuali problematiche patologiche, effettuare delle valutazioni diagnostiche che permettano di capire la predisposizione del paziente al processo di invecchiamento. Per un invecchiamento in salute, sia cutaneo che generale, non si può prescindere dalla prevenzione che passa dalle norme di igiene di vita che comprendono: la corretta nutrizione, un programma di prevenzione di invecchiamento cutaneo tramite dermocosmesi e terapie da proporre ad personam valutando il quadro anamnestico del paziente, l’attività fisica. L’invecchiamento è un processo irreversibile che inizia da quando nasciamo, con l’avanzare dell’età diminuisce la produzione di acido ialuronico e questo a lungo andare incide ed è visibile sulla cute che apparirà quindi disidratata, con rughe e così via. Ad incidere di più sull’invecchiamento è soprattutto la nutrizione: un’alimentazione controllata e in stile mediterraneo sicuramente rappresenta un buon metodo di prevenzione per le patologie e per l’invecchiamento in generale, così come l’attività fisica che previene osteopenia e osteoporosi. Tra le novità di quest’anno al Congresso SIME 2021, gli indici diagnostici ed ematochimici che possiamo individuare per andare a capire come sta invecchiando il paziente, se va supportato anche da altri punti di vista. La medicina estetica riguarda tutta la persona e non solo, ad esempio, la cute. Quest’ultima, certamente è il primo strumento per capire se un paziente è in salute oppure no. Non dimentichiamo mai che, anche in Medicina Estetica come in tutte le altre specialità mediche, ogni programma terapeutico deve essere preceduto da un attento e preciso inquadramento diagnostico che si realizza con il check-up di Medicina Estetica. Una visita che dura più di un’ora in cui vengono misurati tutti i parametri fisici e cutanei del paziente per avere un quadro preciso della sua condizione. Diffidate di chiunque propone delle terapie senza una visita e un check-up cutaneo. Non è un Medico Estetico.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | 1 Comment »

Croma Pharma: nell’Olimpo degli esperti dell’acido ialuronico

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

By Licia Armiraglio. Croma è riconosciuta come una delle principali aziende sviluppatrici e produttrici di acido ialuronico modificato e rappresenta sempre più uno dei principali attori nel settore della medicina estetica minimamente invasiva.Croma commercializza in oltre 70 Paesi circa 6 milioni di siringhe di acido ialuronico all’anno. La produzione avviene esclusivamente in Austria, presso la sede dell’azienda vicino a Vienna che vanta uno fra gli stabilimenti più moderni e automatizzati al mondo per la produzione di acido ialuronico. In Italia,oltre alla linea di filler saypha®, Croma commercializza la linea di fili in PDO Princess®, e delle linee skincare innovative e di elevata qualità quali pure HA (maschera liquida a base di acido ialuronico), elure™ per regolare la pigmentazione, universkin™ per una dermocosmesi personalizzata sul singolo paziente e croma farewell™, una linea di 5 sieri target specifici. Inoltre, Croma Pharma Italia promuove anche le soluzioni iniettabili Cytocare e Haircare del laboratorio francese Revitacare ad azione anti-aging e per contrastare le alterazioni qualitative e quantitative dei capelli I progetti di Croma Nel settore dei trattamenti medicali è prevista a breve l’approvazione della tossina botulinica. Dopo 15 anni dall’ultima registrazione, Croma sarebbe la quarta azienda in Europa a poter commercializzare una tossina botulinica.Sviluppo di nuovi mercati Con il suo partner storico Hugel Inc. ha creato una joint venture per sviluppare e commercializzare congiuntamente la tossina botulinica, i suoi filler HA e i fili in PDO negli Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda.Con la China National Biotech Group Company Ltd. (“CNBG”) ha stabilito una joint venture per commercializzare I suoi dermal filler e altri prodotti estetici Croma in Cina e Hong Kong. Investimenti R&D Per sostenere una crescita a lungo termine Croma punta sull’innovazione, per questo investe in ricerca e sviluppa circa il 30% del suo fatturato annuo.Sostenibilità e responsabilità sociale Da molti anni Croma è sponsor di “Light for the World”: con generose donazioni di prodotti dà un importante contributo alla cura degli occhi nelle regioni più povere del mondo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Foibe. FdI: intollerabile gesto vandalico che va condannato

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

“Quanto avvenuto a Manerba del Garda è per noi intollerabile” sostiene il senatore di Fratelli d’Italia, Gianpietro Maffoni, Coordinatore Provinciale di FdI Brescia.“Siamo molto vicini al Comitato 10 febbraio e al Comune di Manerba e condanniamo il vile atto vandalico contro la targa commemorativa dedicata a Norma Cossetto e Nidia Cernecca, due donne – sostiene l’onorevole Paola Frassinetti vicepresidente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati – che hanno vissuto sulla propria pelle il dramma delle Foibe”.Anche il capo delegazione di Fratelli d’Italia a Bruxelles, l’onorevole Carlo Fidanza, esprime il proprio sdegno per quanto avvenuto: “Nonostante questo ignobile gesto, non potranno mai fermare tutti coloro che vogliono riportare la verità su un tema così delicato che per anni ha nascosto molte verità sugli italiani infoibati ed uccisi nella terra istriana”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EAACI Weekly Highlights

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

After three days of intense scientific exchange, we can proudly confirm that the EAACI Hybrid Congress 2021 was a solid success! More than 7.500 delegates from over 100 countries joined us both physically and digitally, tuning in to more than 80 scientific sessions as part of an extensive programme tailored to bring you the finest research available in our specialty. Following the steps of our first-ever digital congress in 2020 and many other successfully virtual Focused Meetings, we had our first hybrid meeting! We were able to welcome the EAACI Family, our delegates, suppliers, industry partners, and others to the congress venue in Krakow and our EAACI Digital Congress Platform. And that is where the congress lives from now on! So, access the platform and experience our meeting once more, discover every unexplored corner, and access the community page to network with other attendees, create meaningful connections and expand your network.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »