Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 30 luglio 2021

Prosegue la rassegna “Valderice a Teatro 2021. Emozioni in Sicurezza”

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Secondo appuntamento lunedì 2 agosto alle ore 21.45, con il cantautore Mario Incudine. L’artista ennese ritorna a Valderice con la sua ultima creazione, “Affacciabedda”, una serata dove il pubblico presente godrà di vere e proprie poesie, capolavori antichi, in cui la parola cantata si faceva espressione di un sentimento ancora puro, ingenuo, fresco e carico di speranze. Gli innamorati le cantavano alle loro amate che sognanti le ascoltavano affacciate dal balcone di casa, quasi sempre in compagnia di altre donne, tutti a trattenere il fiato da dietro le finestre.Un format classico e tradizionale che viene rivisitato in una visione moderna nello spettacolo “Affacciabedda”, un’innovazione che s’innesta nella tradizione della serenata, in cui il cantore rivolge il proprio canto d’amore non alla donna amata, ma a una platea
 che rivivrà il ricco repertorio della serenata della tradizione e non solo.I biglietti sono già in vendita online presso la piattaforma Liveticket: http://www.liveticket.it/teatrocrocevalderice,
oppure presso il botteghino del Teatro Ariston di Trapani (previo appuntamento telefonico allo 092321659), tutti i giorni dalle 18,00 alle 22,00 tranne il lunedì.
Per info e prenotazioni al 342 0330263. Contatto whatsapp : 379 263 4491 Facebook : Valderice a Teatro Instagram : @valderice.a.teatro

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il grande potenziale per la ripresa del lavoro

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

L’Italia ha almeno 4 milioni di occupati in meno rispetto alla media europea, un enorme spreco di capitale umano da cui potrebbe attingere: ben 26 milioni di lavoratori “inattivi”, di cui il 60% donne (4 su 10 concentrati nel Sud e nelle Isole), oltre 5 milioni di giovani. Complessivamente (considerando anche i pensionati), non lavora e non è in cerca di occupazione quasi metà della popolazione, un’anomalia tutta italiana che ci pone ai primi posti in Europa, aggravata nell’anno del Covid19, perché nel 2020 l’inattività nella fascia 15-64 anni è cresciuta del 3%. Un “arcipelago” molto diversificato, che va da giovani impegnati negli studi ad anziani che percepiscono la pensione (statisticamente inattivi, ma con un giustificato motivo), passando da Neet, giovani che non studiano e non lavorano, casalinghe alle quali mancano servizi di supporto per affacciarsi al mercato del lavoro, ex lavoratori, possessori di un sussidio che le politiche attive non hanno intercettato. Vere e proprie “isole”, una diversa dall’altra, perché l’inattività comporta un certo grado di separazione delle comunità sociali.Alcuni italiani sono inattivi per scelta, perché hanno deciso di dedicarsi allo studio, ad un periodo “sabbatico”, alla gestione della famiglia, perché il lavoro e la retribuzione offerta non sono considerati accettabili o perché possono vivere con una pensione o un sussidio. Altri per forza, vittime di eventi traumatici o scoraggiati dall’attesa di una transizione, dallo studio o dalla disoccupazione, al lavoro. Nello specifico, l’arcipelago degli inattivi è costituito da 5,2 milioni di giovani tra i 15 e i 29 anni, 3,6 milioni di uomini 30-69 anni, 7,1 milioni di donne 30-69 anni e 9,9 milioni di over 70. È la fotografia di “Ripartiamo da 26 milioni di inattivi”, il nuovo rapporto di Randstad Research, il centro di ricerca sul lavoro promosso da Randstad, che ha analizzato questa anomalia italiana per esplorarne il futuro possibile.La geografia degli inattivi. Considerando la popolazione oltre i 15 anni, sono 26 milioni gli inattivi in Italia a fine 2019 (scelto come periodo di riferimento dell’analisi per non scontrarsi con gli effetti della pandemia). Di questi, quasi il 40% è concentrato nel Sud e nelle Isole (10,2 milioni), il 24,5% nel Nord ovest, il 19% nel Centro e il 17,3% nel Nord est. Se metà della popolazione italiana è inattiva, impressiona il dato del meridione dove la quota raggiunge ben il 58% della popolazione. Analizzando l’età degli inattivi, la quota maggiore di 11 milioni di persone si trova nella classe di età centrale dei 30-69 anni, composta soprattutto da lavoratori “scoraggiati”; 10 milioni sono over 70 pensionati; i rimanenti 5,3 milioni appartengono alla classe dei più giovani. In Italia le donne sono il 60% degli inattivi. Una netta maggioranza comune in tutta Italia, senza particolari differenze regionali. Nel confronto internazionale, il problema dell’inattività grava in maniera speciale sull’Italia: nell’Europa a 28 siamo il terzo paese (dopo Turchia e Montenegro) per percentuale di inattivi sulla popolazione tra i 15 e i 64 anni, 8,4 punti percentuali più della media europea (25,8%). Ancora più impressionante il dato sulla popolazione femminile: con il 43,2% di donne inattive sulla popolazione 15-64 anni, siamo 12 punti in più rispetto alla media Eurostat (terzi dopo Turchia e Macedonia).

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lombardia: “Chiesti i fondi per garantire il diritto allo sport ai minori affetti da disabilità psico-fisiche”

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Da più di un anno a causa della pandemia i giovani e giovanissimi lombardi hanno perso il diritto allo sport, un elemento essenziale di crescita e di sostegno alla loro salute psico-fisica. E a soffrirne di più sono stati ancora una volta i più fragili, perché spesso mancano gli strumenti per garantire l’esercizio di questo diritto a tutti. Ma la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, adottata il 13 dicembre 2006 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, all’art. 7, assicura ai bambini con disabilità il pieno godimento di tutti i diritti umani e delle libertà fondamentali su base di eguaglianza con gli altri bambini e all’articolo 30 impegna gli Stati membri a incoraggiare la partecipazione delle persone con disabilità alla vita culturale, alle attività ricreative, al tempo libero e allo sport, sancendo, in tal modo, un riconoscimento specifico al valore di tali attività.Per dare attuazione ai diritti riconosciuti dall’ONU si è attivata l’opposizione a Palazzo Pirelli. Il Consigliere regionale del M5S Lombardia Gregorio Mammì dichiara: “Per trasformare le parole in fatti servono fondi: ecco perché ho depositato un emendamento al bilancio regionale per chiedere di stanziare 150mila euro per l’acquisto di mezzi, strumenti e ausili necessari per consentire la pratica di attività sportive alle persone affette da disabilità psico-fisiche, con particolare riguardo ai soggetti di giovane età. Perché per passare a una accezione di sport inteso come vero e proprio diritto, occorre contribuire concretamente per ridurre l’incidenza delle menomazioni psico-fisiche che ostacolano il pieno raggiungimento di questo obbiettivo, dotando coloro che ne hanno necessità dei mezzi necessari”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Finanziare i corsi di formazione anti-soffocamento per insegnanti di asili nido e scuole elementari

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Il M5S Lombardia, per la sessione dell’Assestamento di bilancio, ha chiesto di finanziare i corsi di formazione anti-soffocamento per insegnanti di asili nido e scuole elementari. Gregorio Mammì, consigliere regionale del M5S, dichiara: “Ho chiesto un milione di euro per i corsi anti-soffocamento per chi cura i nostri figli. Solo al Niguarda ci sono 15 casi all’anno di bambini che hanno ingoiato qualcosa che ne causa il soffocamento. L’ultimo caso noto è di un bambino di 8 anni salvato da un’operazione d’urgenza a giugno 2020, ma si tratta di una piccola parte di un problema più ampio: le linee guida del Ministero della Salute hanno infatti stimato che ci siano 80mila episodi ogni anno in Italia tra ricoveri e “quasi-eventi”. E in tutta Europa sono 500 i bambini morti ogni anno per soffocamento, nella maggior parte (tra il 60% e l’80% dei casi) a causa del cibo”. “Noi pensiamo che un modo realistico per affrontare il problema sia puntare sulla formazione, perché le ricerche mostrano come la metà degli eventi si verifica quando sono presenti degli adulti a supervisionare i bambini allora ho portato in Consiglio regionale un emendamento che chiede di stanziare risorse regionali per realizzare dei corsi di disostruzione pediatrica rivolto alle insegnanti di asili nido e scuole elementari, alle mamme ed ai papà, ai nonni e alle baby-sitter e a tutti coloro che quotidianamente si rapportano con dei bambini. Vogliamo infatti tutelare il presente e il futuro dei minori con la formazione, perché la cultura della salute può essere una base importante per le cure ai più fragili”, conclude Mammì.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Develhope chiude un aumento di capitale da 2 milioni di euro guidato da CDP Venture Capital

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Palermo. La startup Develhope ha aperto il capitale a nuovi investitori, registrando un aumento di 2 milioni di euro guidato da CDP Venture Capital attraverso il Fondo Italia Venture II – Fondo Imprese Sud, che ha deliberato un investimento di 1.5 milioni di euro, insieme a ISI Holding Srl e HU Investment LTD.Software house e scuola per competenze digitali, Develhope è stata fondata a Palermo nel 2019 da Massimiliano Costa, Alessandro Balsamo e Sasa Sekulic con l’obiettivo di combattere il divario occupazionale italiano, formando e offrendo al mercato una categoria tanto ricercata quanto rara: gli sviluppatori. Secondo i dati Eurostat, infatti il Sud Italia presenta una disoccupazione giovanile pari al 50%, mentre secondo recenti stime1, nel 2025 serviranno al mondo 98 milioni di nuovi developer. Develhope si pone quindi l’obiettivo di formare 1000 nuovi sviluppatori nei prossimi mesi, in perfetta linea con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, fortemente orientato all’inclusione di genere e al sostegno all’istruzione, alla formazione e all’occupazione dei giovani. Il piano di investimento elaborato dal team di Develhope e dagli investitori prevede un ampliamento dell’offerta formativa in grado di formare tutte le principali figure professionali richieste dal mercato digitale: dallo sviluppo del software all’analisi dei dati, dalla gestione del prodotto alla sicurezza in ambito informatico. L’ampliamento previsto per il settore Education della startup andrà a integrarsi con la parallela crescita del settore dedicato alla ricerca e allo sviluppo di prodotti digitali: l’obiettivo è quello di creare un polo di innovazione digitale basato nel Mezzogiorno d’Italia in grado di attrarre partner e progetti di sviluppo dal panorama internazionale. In Italia i giovani che intraprendono percorsi universitari in materie STEM rappresentano solamente il 27% del totale, con un elevato gender gap (1 donna su 4) (Fonte: Fondazione Deloitte – RiGeneration STEM). Ed è da questo gap nell’educazione che Develhope fa partire la propria sfida, rivolgendosi a donne e uomini, ragazze e ragazzi, appassionati di tecnologia e fortemente motivati a renderla il proprio mestiere, offrendo un’opportunità accessibile senza rinunciare ad un elevato valore formativo Le lezioni di Develhope si svolgono da remoto e hanno un’impronta fortemente pratica, essendo tenute da sviluppatori di grande esperienza. Gli studenti seguono le lezioni e lavorano ai progetti didattici – singolarmente o in gruppo – su una piattaforma dedicata su cui hanno a disposizione anche un servizio di tutoring dedicato. Il percorso formativo ha una durata di sei mesi e richiede un impegno a tempo pieno, ma flessibile, grazie al quale gli studenti potranno acquisire tutte le competenze necessarie per iniziare a lavorare come sviluppatori. Al termine del corso un team specializzato supporterà i migliori studenti in percorsi di inserimento lavorativo all’interno della software house di Develhope o nelle aziende partner.Chiunque fosse interessato, può presentare la propria domanda su http://www.develhope.co e sostenere un semplice test di ammissione. 1https://blogs.microsoft.com/blog/2020/06/30/microsoft-launches-initiative-to-help-25-million-people-worldwide-acquire-the-digital-skills-needed-in-a-covid-19-economy/

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Investimenti al Sud

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

La startup Develhope ha aperto il capitale a nuovi investitori, registrando un aumento di 2 milioni di euro guidato da CDP Venture Capital attraverso il Fondo Italia Venture II – Fondo Imprese Sud, che ha deliberato un investimento di 1.5 milioni di euro, insieme a ISI Holding Srl e HU Investment LTD. Software house e scuola per competenze digitali, Develhope è stata fondata a Palermo nel 2019 da Massimiliano Costa, Alessandro Balsamo e Sasa Sekulic con l’obiettivo di combattere il divario occupazionale italiano, formando e offrendo al mercato una categoria tanto ricercata quanto rara: gli sviluppatori. Secondo i dati Eurostat, infatti il Sud Italia presenta una disoccupazione giovanile pari al 50%, mentre secondo recenti stime1, nel 2025 serviranno al mondo 98 milioni di nuovi developer. Develhope si pone quindi l’obiettivo di formare 1000 nuovi sviluppatori nei prossimi mesi, in perfetta linea con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, fortemente orientato all’inclusione di genere e al sostegno all’istruzione, alla formazione e all’occupazione dei giovani. Il piano di investimento elaborato dal team di Develhope e dagli investitori prevede un ampliamento dell’offerta formativa in grado di formare tutte le principali figure professionali richieste dal mercato digitale: dallo sviluppo del software all’analisi dei dati, dalla gestione del prodotto alla sicurezza in ambito informatico. L’ampliamento previsto per il settore Education della startup andrà a integrarsi con la parallela crescita del settore dedicato alla ricerca e allo sviluppo di prodotti digitali: l’obiettivo è quello di creare un polo di innovazione digitale basato nel Mezzogiorno d’Italia in grado di attrarre partner e progetti di sviluppo dal panorama internazionale. In Italia i giovani che intraprendono percorsi universitari in materie STEM rappresentano solamente il 27% del totale, con un elevato gender gap (1 donna su 4) (Fonte: Fondazione Deloitte – RiGeneration STEM). Ed è da questo gap nell’educazione che Develhope fa partire la propria sfida, rivolgendosi a donne e uomini, ragazze e ragazzi, appassionati di tecnologia e fortemente motivati a renderla il proprio mestiere, offrendo un’opportunità accessibile senza rinunciare ad un elevato valore formativo “Siamo orgogliosi di poter supportare un progetto lungimirante come quello di Develhope, una realtà con la quale condividiamo l’obiettivo della lotta alle disuguaglianze educative tra Nord e Sud del nostro Paese, soprattutto per quanto riguarda il forte divario esistente sulle competenze digitali e il gender gap. Ampliare la platea dei futuri sviluppatori, valorizzando i giovani talenti e l’alto potenziale del capitale umano, è fondamentale per garantire lo sviluppo economico di un tessuto imprenditoriale italiano che è sempre più alla ricerca di nuove figure lavorative – commenta Francesca Bria, Presidente di CDP Venture Capital Sgr – Fondo Nazionale Innovazione – Sono ancora numerosi i passi necessari per rendere il Mezzogiorno un vero e proprio laboratorio di sviluppo e innovazione sostenibile, ma siamo convinti che la direzione intrapresa sia decisamente coerente con un traguardo così ambizioso”. “La trasformazione digitale è un’occasione da non perdere per la nostra società e per i giovani – dichiara Massimiliano Costa, Founder & CEO di Develhope. – Offrendo corsi di altissima qualità speriamo di poter contribuire non solo ad impiegare centinaia di giovani, ma anche a fornire al Paese le figure fondamentali per attuare innovazione in ambito digitale: gli sviluppatori. Sono felice che CDP Venture Capital, ISI Holding e HU Investment abbiano creduto nel nostro ambizioso progetto per creare un Polo Sud digitale”.Le lezioni di Develhope si svolgono da remoto e hanno un’impronta fortemente pratica, essendo tenute da sviluppatori di grande esperienza. Gli studenti seguono le lezioni e lavorano ai progetti didattici – singolarmente o in gruppo – su una piattaforma dedicata su cui hanno a disposizione anche un servizio di tutoring dedicato. Il percorso formativo ha una durata di sei mesi e richiede un impegno a tempo pieno, ma flessibile, grazie al quale gli studenti potranno acquisire tutte le competenze necessarie per iniziare a lavorare come sviluppatori. Al termine del corso un team specializzato supporterà i migliori studenti in percorsi di inserimento lavorativo all’interno della software house di Develhope o nelle aziende partner.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Green pass. Le scuole fucine di contagi?

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Ad oggi il governo continua a latitare sul green pass a scuola. Sono ancora indecisi se l’obbligo dovrà esservi per tutto il personale, ed è ancora più vaga la possibilità per gli studenti. Alla base ci sono gli equilibri del governo, con partiti come Lega e M5S che continuano a strizzare l’occhiolino elettorale ai no-vax… altro non è dato sapere visto che non hanno mostrato una pezza sulle evidenze sanitarie e scientifiche che sarebbero a favore della loro contrarietà.Nulla per provvedimenti d’urgenza per arrivare a settembre coi ragazzi vaccinati e il personale no-vax sostituito. Certo, non è facile… per esempio le due dosi e il tempo che deve trascorrere tra una somministrazione e l’altra… ma ci sono anche vaccini monodose e, in difficoltà, per ridurre il danno, si può organizzare l’apertura in presenza in ritardo rispetto al tradizionale calendario. Cosa significa l’intento di Draghi (“Costi quel che costi a settembre la scuola deve ricominciare in presenza”), considerato che una dose (ammesso che la facciano e anche considerando che andare a scuola non è come andare al bar) è solo un piccolo passo verso quell’immunità 80/90%+ delle due dosi? Non vorremmo che il diffuso non gradimento della Dad possa portare studenti e famiglie ad accettare anche più restrizioni pur di tornare in presenza, prolungando la pandemia. Allo stato dei fatti ci sembra che il governo dia più prova di debolezza e inconcludenza che certezza. La stabilità del governo è più importante della salute dei ragazzi? La scuola è dell’obbligo, ma se lo Stato non garantisce, trasformandole in fucine di malattie e contagi (portati poi anche in famiglia), è obbligo ad ammalarsi? Quanti genitori manderanno a scuola i figli senza la sicurezza dei vaccini? Perché non si fa intervenire l’esercito e si precettano alla bisogna tutti i funzionari e dipendenti pubblici? Cosa ne dice il presidente della Repubblica? Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Corte di Giustizia UE è chiamata ad esprimersi se avevano diritto alla card da 500 euro l’anno dal 2016

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

“Sarà esaminato dalla Corte di Giustizia Europea il tema della card annuale dei docenti da 500 euro da assegnare al personale precario”: ad annunciarlo è Marcello Pacifico, presidente dell’Anief. Durante una video-intervista all’agenzia Teleborsa, il sindacalista ha ricordato che da anni il sindacato, prima con la sentenza Mascolo poi con quelle Rossato e Motter, fa appello alla Corte Europea basandosi sul principio di tutelare tutti i precari della scuola italiana. Stavolta, in attesa della sentenza della Corte di Giustizia europea, l’organizzazione sindacale invita quindi i docenti precari a produrre domanda per ottenere il bonus da 500 euro previsto dal 2016 per il personale di ruolo. Potenzialmente, il ricorso potrebbe riguardare fino a 250mila precari, chiamati ogni anno a portare avanti la scuola: se, come si sta verificando in sede giudiziaria, hanno diritto a questo prezioso strumento che consente di svolgere attività formative, lo Stato sarebbe costretto ad assegnare le somme sottratte. “Grazie alla pronuncia del Tribunale di Vercelli – ha spiegato Pacifico – per l’ennesima volta torneremo dinanzi al Tribunale di Lussemburgo per discutere di una norma italiana, la Legge 107/15, che prevede questo bonus solo per il personale di ruolo. E’ importante quindi inviare subito una diffida per interrompere i termini di prescrizione, essendo il bonus stato previsto a partire dall’anno scolastico 2016-17″, afferma il leader del sindacato, aggiungendo: “sono soldi che si perdono: 500 euro ogni anno per cinque anni per un cifra di 2.500 euro”. “Il problema vero – continua il presidente Anief – è rivendicare i diritti dei precari, anche se siamo in estate, anche se siamo tutti in vacanza. Non bisogna ricorrere. Basta inviare una lettera di interruzione. Se la Corte Europea ci darà ragione, finalmente riusciremo a dare 2.500 euro a ogni precario che in questi ultimi anni è stato sfruttato dallo Stato, senza neanche avere gli strumenti per poter fare la Dad ed utilizzare la card per l’acquisto degli strumenti informatici”. Alla luce di questo, conclude Pacifico, “è quindi importante interrompere i termini di prescrizione perché è un diritto che deve essere rivendicato da tutti i precari della scuola”. Il sindacato ricorda che la discriminazione è diventata assurdità con l’esplosione della pandemia da Covid19: i 250mila docenti precari privati della carta di aggiornamento si sono trovati a connettersi e a formarsi a proprie spese, dalle proprie abitazioni. Senza alcun supporto da parte dello Stato. Anief ha sostenuto – già all’indomani lo dall’approvazione della norma sulla formazione obbligatoria prevista dalla riforma Buona Scuola voluta dal Pd allora guidato da Matteo Renzi, che il bonus annuale andava assegnato anche ai supplenti, almeno a quelli annuali: per questo motivo, ha messo a loro disposizione un modello di diffida per poter interrompere i termini di prescrizione e richiedere l’erogazione di questo assegno comprensivo degli arretrati dal 2016.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La Stagione 2021 al Teatro Greco di Siracusa

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Siracusa dal 3 agosto la commedia Nuvole di Aristofane. Un maestro della regia italiana, una compagnia strepitosa e una commedia con una grandissima vis comica ma dai contenuti profondi. Mentre al Teatro Greco di Siracusa, Coefore Eumenidi di Eschilo e Baccanti di Euripide continuano a riscuotere un grande successo, è tutto pronto per il debutto della terza produzione del 2021 della Fondazione Inda. Antonio Calenda è alla sua ottava regia al Teatro Greco di Siracusa, la prima commedia dopo le tragedie Aiace di Sofocle (1988), Prometeo di Eschilo (1994), Agamennone di Eschilo (2001), Coefore di Eschilo (2001), Persiani di Eschilo (2003), Eumenidi di Eschilo (2003), Baccanti di Euripide (2012). “La qualità sfumata dei confini della realtà descritta in questa commedia, che alterna irresistibile commedia ad amare derive, a tragici esiti – sono le parole di Antonio Calenda -, a figure inquietanti e grottesche, è assonante con un tempo in cui, per Aristofane, ogni dimora, soprattutto quella del Pensiero, è resa instabile da una filosofia che rispetta solo la ragione dell’evidenza, in cui ci si chiede dove siano finiti gli dei della polis”. Nel cast di Nuvole ci sono Stefano Santospago (Aristofane), Nando Paone (Strepsiade), Fidippide (Massimo Nicolini), Antonello Fassari (Socrate), Daniela Giovanetti e Galatea Ranzi (corifee), Stefano Galante (discorso migliore), Jacopo Cinque (discorso peggiore), Alessio Esposito (primo creditore di Strepsiade), Matteo Baronchelli (secondo creditore di Strepsiade), Antonio Bandiera, Matteo Baronchelli, Jacopo Cinque, Alessio Esposito, Stefano Galante, Giancarlo Latina, Alessandro Mannini, Damiano Venuto (discepoli di Socrate), Rosario D’Aniello (Xantia), Noemi Apuzzo, Rosy Bonfiglio, Luisa Borini, Verdiana Costanzo e Laura Pannia (coro di Nuvole). Il coro è formato dalle allieve dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico. Le scene e i costumi sono di Bruno Buonincontri, le musiche di Germano Mazzocchetti, la coreografia di Jacqueline Bulnes, Luigi Biondi è il light designer, Alessandro Di Murro l’assistente alla regia, Francesca Forcella l’assistente alla scenografia, Laura Gianni l’assistente ai costumi mentre Giovanni Ragusa è il direttore di scena.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Donna, giovane e preparata: è l’identikit di chi cerca lavoro nell’estate 2021

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Buone notizie nel mondo del lavoro in somministrazione: tra luglio e agosto saranno 150 mila in più i posti disponibili in italia. Un’opportunità che rappresenta una stampella soprattutto alla luce della brusca contrazione degli occupati nel nostro Paese dovuta alla pandemia. Ma chi sta cercando un impiego in somministrazione in Italia nell’estate 2021? Secondo un’analisi di Jobtech sono prevalentemente donne, giovani, qualificate e flessibili. Identikit questo, che conferma l’ampliamento delle disuguaglianze sociali causato dalla pandemia, che ha portato ad una maggiore disoccupazione femminile e ha messo sempre più donne nelle condizioni di cercare un nuovo impiego.L’indagine di Jobtech – condotta su un campione di oltre 20.000 persone in ricerca attiva da maggio 2021 ad oggi – rivela che oggi chi cerca un impiego è, nel 59% dei casi, una donna. Le donne rappresentano la maggioranza assoluta nei settori retail – candidature come commesse, cassiere, store manager – nel settore accoglienza e nel mondo dei call center – centralinisti, team leader, operatori inbound e outbound. Gli uomini, di contro, rappresentano la maggioranza nelle candidature nella ristorazione – come personale di sala e cucina, bartender, pasticceri e pizzaioli – e nella logistica (magazzinieri, operai, meccanici, autisti, addetti al picking e al controllo qualità)

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La ricerca in agricoltura

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

La ricerca in agricoltura ha una strada ancora lunga da percorrere, nonostante gli impegni presi negli ultimi anni per fare il salto di qualità e inaugurare una nuova era – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. A conti fatti, solo una piccola frazione dei fondi europei è investito dalle regioni per promuovere avanzamenti in campo scientifico e tecnologico. La Toscana, per esempio, pur primeggiando in questo settore ha destinato solo 19 milioni di euro in sette anni alla ricerca e all’innovazione in campo agricolo. Nello stesso arco temporale, un’altra regione cruciale come la Lombardia ha investito solo 3 milioni, mentre il Piemonte si è fermato a 3,7 milioni. La scarsa propensione alla ricerca del mondo agricolo riguarda tutto il Paese, con poche eccezioni che non si discostano però molto dall’andamento generale – continua Tiso. Anche l’agricoltura 4.0 e lo sviluppo del digitale, che permetterebbero alle aziende di diventare più efficienti e rispettose dell’ambiente, mancano dello slancio necessario per diffondersi in modo capillare. Facciamo quindi appello al Governo affinché inverta questa rotta a partire dal Pnrr e renda accessibili gli avanzamenti tecnologici anche alle piccole e medie imprese. Mentre al pre-vertice in corso a Roma si discute di sistemi alimentari, è bene ricordare che per un sano sviluppo agricolo è indispensabile procedere in due direzioni solo in apparenza contrarie: da una parte promuovere la ricerca e l’innovazione tecnologica, dall’altra recuperare le tecniche di coltivazione tradizionali che permettono produzioni sostenibili. Modernità e tradizione, infatti, possono e devono convivere nell’agricoltura del futuro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Zootecnia biologica

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

L’incontro internazionale di pre-Summit promosso dalle Nazioni Unite sui Sistemi Alimentari che si sta svolgendo a Roma in questi giorni, sta coinvolgendo governi, organizzazioni intergovernative, comunità scientifica, organizzazioni di sviluppo ambientale e settore privato in un confronto sui temi dell’agricoltura sostenibile e della sicurezza alimentare. Uno dei maggiori obiettivi è infatti riuscire a trovare soluzioni per creare processi economici circolari che favoriscano una transizione del sistema alimentare, che garantisca equa alimentazione per tutti e benessere del Pianeta. Il WWF partecipa al pre-Summit promuovendo i temi dell’agroecologia, come pratica che contribuisce a regimi alimentari sani, diversificati, stagionali e culturalmente appropriati. Nell’ambito della sua campagna Food4Future, oggi il WWF rinnova il suo impegno nella promozione dell’agroecologia con un nuovo approfondimento incentrato sulla zootecnia biologica e chiede a istituzioni e consumatori rinnovata sensibilità per la promozione di sistemi alimentari più responsabili.L’agroecologia è la scienza che applica i concetti e i principi dell’ecologia per progettare e gestire sistemi agro-alimentari sostenibili. È nel contempo una disciplina scientifica, un movimento, un insieme di pratiche che guarda all’intero sistema alimentare, per raggiungere obiettivi di produttività, stabilità, sostenibilità per costruire nuove relazioni ed equilibri tra risorse naturali disponibili, agricoltura ed esigenze della società. Per il WWF nell’approccio agroecologico per una agricoltura sostenibile è importante il ruolo della zootecnia, all’interno di ogni singola azienda agricola o di un comprensorio territoriale locale, per favorire la vitalità del suolo e la presenza di sostanza organica e incrementare il livello di biodiversità nei sistemi agricoli.Negli ultimi anni è sempre più evidente l’emergere di sensibilità nuove, che tendono a premiare aspetti quali l’origine della materia prima o i metodi di produzione maggiormente rispettosi dell’ambiente e del benessere degli animali, temi sempre più determinanti nelle scelte di acquisto e consumo. Esiste una fascia di consumatori che non vuole rinunciare alla carne ma è consapevole degli impatti ambientali della zootecnia intensiva e attenta al benessere degli animali. La zootecnia biologica è oggi il modello di allevamento più vicino ai principi generali dell’agroecologia e soddisfa anche motivazioni etiche e sociali. É incentrata sulla tracciabilità e trasparenza garantita in tutto il ciclo produttivo, dalla produzione, alla preparazione fino al trasporto e alla commercializzazione, la valorizzazione e conservazione delle tipicità, naturali, storiche e sociali dei territori. Ultimo aspetto da non trascurare è quello della sostenibilità economica: il riconoscimento del giusto prezzo da parte dei consumatori per i prodotti di una zootecnia sostenibile è fondamentale.In quest’ottica sono indispensabili adeguate politiche di incentivo alla produzione a al consumo attraverso un sostegno fiscale ai prodotti biologici. È inoltre necessaria una comunicazione chiara e trasparente in etichetta affinché i consumatori possano conoscere il metodo di allevamento utilizzato e il livello di benessere animale.Il Ministro dell’agricoltura francese, H.E. Julien Denormandie, ha lanciato ieri dal pre Summit la proposta di una grande coalizione per la promozione dell’agroecologia, il WWF Italia auspica che il Ministro dell’agricoltura dell’Italia, Stefano Patuanelli, accolga la proposta francese aderendo subito alla coalizione internazionale ed avvii anche nel nostro Paese un Piano di azione specifico per l’agroecologia che affronti anche il tema della transizione ecologica della zootecnia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Roma Capitale-Policlinico Gemelli: al via lavori su nuova viabilità

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Sono iniziati i lavori di riorganizzazione della viabilità attorno al Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS e all’Università Cattolica del Sacro Cuore. L’intervento consentirà di rendere più scorrevole il traffico e aumentare la sicurezza delle strade circostanti, migliorando l’accessibilità a un polo sanitario e universitario di eccellenza. Il progetto è stato condiviso con i cittadini e le diverse Istituzioni interessate grazie a un lavoro portato avanti sin dal 2017 dal Municipio XIV in collaborazione con gli uffici della direzione tecnica e del mobility manager del Policlinico A. Gemelli. Il piano, curato da Roma Servizi per la Mobilità, sarà anche un’occasione per riqualificare l’area.“Con questi lavori diamo una risposta concreta a un tema molto sentito dai cittadini e dai tanti pazienti, familiari, visitatori, studenti e lavoratori che frequentano quotidianamente il Policlinico Gemelli e l’Università Cattolica. È un progetto ampiamente condiviso dal territorio, con grandi benefici anche per il trasporto pubblico”, dichiara la sindaca di Roma, Virginia Raggi.“Le opere previste per rendere più rapidamente accessibili le nostre strutture sono di vitale importanza. Raggiungere velocemente il Gemelli consentirà una più rapida risposta ai bisogni assistenziali dei cittadini che, sempre più numerosi, si rivolgono con fiducia al nostro ospedale”, afferma il Direttore Generale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, Marco Elefanti.“Poli ospedalieri come il Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS devono essere più facilmente raggiungibili e accessibili a tutti. Per questo abbiamo dato il via a interventi precisi e puntuali sulle vie di accesso all’ospedale e sulle strade vicine, prevedendo anche percorsi pedonali più sicuri per raggiungere le fermate dei bus e la stazione ferroviaria”, aggiunge il vicesindaco con delega alla Città in Movimento, Pietro Calabrese.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Canone/imposta Rai. Verso l’abolizione?

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Il Ddl Concorrenza, nei prossimi giorni in Consiglio dei ministri, dovrebbe eliminare le incrostazioni che frenano l’economia, impegno verso l’Ue contenuto nel Piano nazionale di ripresa e resilienza inviato a Bruxelles (pilastro dei 200 e passa miliardi di prestiti e sovvenzioni che l’Italia riceverà nei prossimi anni). Tra queste la cancellazione dell’obbligo per i venditori di elettricità di “raccogliere tramite le bollette somme che non sono direttamente correlate con l’energia” . L’imposta/canone Rai (9 euro mensili per dieci mesi) tra queste. Il Ddl dovrebbe essere approvato entro fine mese, ma per la sua operatività può slittare anche a fine 2022, e alcune novità potrebbero essere introdotte nell’esame parlamentare.Il cosiddetto canone (1,8 miliardi di euro all’anno) è finito in bolletta nel 2016, ed è l’imposta che si paga per il possesso di un tv per il servizio monopolista di informazione e spettacolo della Rai. Prima era tra le imposte più odiate e, di conseguenza, abbastanza evasa. Poi si è stabilizzata.La Rai è quello che è: gestita dai partiti del Parlamento, illegale perché viola norme Antitrust (abuso di posizione dominante: compete in un mercato, anche pubblicitario, in cui i suoi concorrenti non hanno canone), e perché, nonostante referendum e legge, continua a non essere privatizzata .Ora il Parlamento deve scegliere se tener fede agli impegni verso Bruxelles (e prendersi gli oltre 200 miliardi) o continuare con la gabola della riscossione tramite bolletta elettrica, inventarsi un’altra gabola (probabile) o far rientrare il finanziamento della tv di Stato nella fiscalità generale (difficile che venga ripristinato il vecchio metodo di esattori che rincorrevano evasori).Sulla gabola non osiamo “dare consigli” ma la creatività in materia non è loro assente. Sulla fiscalità generale (quasi 2 miliardi l’anno), nel caso, aspettiamoci di tutto (iva, benzina, rc-auto in prima fila).Rimane IL PROBLEMA che in Parlamento non vogliono affrontare. Nel 2021, ha ancora senso una tv di Stato così com’è? Informazione faziosa spartita tra i partiti in Parlamento, marchette a go-go dallo sport alle ballerine e ai notiziari, spese di gestione da baraccone pubblico (la vicenda Rai Play/ItsArt grida vendetta – 3) con un numero di giornalisti e tecnici e un rapporto produzione/costi da incubo. E’ possibile e credibile che in una democrazia economica la maggiore impresa Tlc sia dello Stato?Forse – FORSE – la cancellazione del canone in bolletta luce farà tornare i decisori (Parlamento e non solo) sulla via maestra di un’economia di mercato smettendo di violare le leggi e bandendo, per esempio, una gara per l’affidamento del servizio pubblico? Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Percival Everett: Telefono

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Collana Oceani, trad. Andrea Silvestri, pp. 288, 22 euro Finalista Premio Pulitzer 2021.Un biglietto ritrovato in una giacca acquistata online pone di fronte a una scelta decisiva Zach Wells, docente di geologia con una vita fino a quel momento tranquilla, sebbene percorsa da un fiume sotterraneo di irrequietudine. Quando la sua esistenza viene sconvolta da una terribile scoperta, Zach decide di prendere sul serio la richiesta di aiuto contenuta in quel misterioso biglietto, come se tentare di salvare uno sconosciuto fosse l’unico modo per tentare di salvare se stessi. Tra Los Angeles, una caverna nel Grand Canyon, il deserto del New Mexico e Ciudad Juárez, al di là del confine, Zach proverà a dare un senso al proprio dramma imbarcandosi in un’impresa donchisciottesca senz’altro aiuto che quello offerto da un improbabile cenacolo di aspiranti poeti. Un romanzo di sentieri che si biforcano, in cui le suggestioni paleontologiche e scacchistiche si fondono alle prove estreme di una famiglia e di un matrimonio, le domande esistenziali di un uomo al mistero delle donne scomparse nella “città del Male”. Finalista al premio Pulitzer 2021, Telefono è un’opera intensa ed emozionante sulla mancanza e la perdita, ma soprattutto sull’opportunità di riscatto che può nascere dalle difficoltà. Percival Everett (1956), autore e professore presso la University of Southern California, ha scritto numerosi libri, tra i quali: Cancellazione (2001), Deserto americano (2004), Ferito (2005), La cura dell’acqua (2007), Non sono Sidney Poitier (2009), Percival Everett di Virgil Russel (2013), Quanto blu (La nave di Teseo, 2020). Ha ricevuto lo Hurston/Wright Legacy Award e il PEN Center USA Award for Fiction. Vive a Los Angeles. Editore: la nave di Teseo

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra TERRA al cubo – abitare il futuro

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Dal 5 al 10 settembre 2021, in occasione della Milano Design Week, nei Chiostri dell’Umanitaria, ISIA Faenza presenta la mostra TERRA al cubo – abitare il futuro, una mostra che nasce da tre anni di ricerca sull’ecodesign della casa del futuro con indagini mirate a nuove possibili forme di convivenza con la terra, intesa come luogo dove abitare, come nutrimento e materia da lavorare attraverso l’arte della ceramica, è anche ciò che lega Faenza al proprio genius loci. L’esposizione è concepita come un trittico di esperienze con oggetti e arredi progettati dagli studenti dei Biennio Specialistico in Design del Prodotto e Progettazione con Materiali Ceramici e Innovativi e il Biennio Specialistico in Design della Comunicazione di ISIA Faenza. EARTHz comprende attrezzi per coltivare la terra, protesi-contenitori da indossare per il contenimento e la riserva di cibo, utensili in ceramica 3D di nuova generazione per la raccolta dell’acqua, la sua depurazione e la conservazione alimentare. Oggetti che funzionano anche in assenza di energia grazie a materiali ceramici potenziati con nano-materiali. Nomadism progetta micro-unità abitative, trasportabili e facilmente scomponibili. I “Cocoon” sono gusci funzionali realizzati con materiali di recupero, polimeri, tessuti intelligenti, biomateriali e nanoceramiche. La preziosa eredità custodita dal Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza è fonte di ispirazione per il design della collezione di contenitori “Faventia_Upgrade”. Community si focalizza sull’ambiente di lavoro contemporaneo, co-working o da remoto, in spazi condivisi e flessibilii. Tramite l’adesione al ClustER Regionale Emilia Romagna Industrie culturali e Creative, l’ISIA di Faenza ha svolto in collaborazione con l’azienda specializzata Methis una ricerca sperimentale orientata ai futuri scenari possibili, tenendo in considerazione le attuali vicissitudini pandemiche. In una dimensione di convivenza in spazi chiusi, i giovani progettisti di ISIA Faenza hanno sviluppato anche l’innovativo progetto “Designer custodi dell’aria”, una serie di depuratori d’aria con filtri ceramici potenziati da nanomateriali, in collaborazione con il Centro Ricerche Ce.Ri.Col di Colorobbia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In grande aumento gli studenti che scelgono Architettura al Politecnico di Torino

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Torino. Il Politecnico di Torino è il primo Ateneo in Italia a dare il via oggi alle selezioni per l’accesso al Corso di laurea in Architettura: il Politecnico ha infatti deciso di sfruttare la possibilità di anticipare i test di ammissione al 27 luglio, primo giorno utile stabilito dal Ministero dell’Università e della Ricerca, offrendo la possibilità alle aspiranti matricole di concretizzare la propria scelta del percorso universitario già prima della pausa estiva, in modo da renderla più consapevole e da riuscire a programmare meglio il proprio futuro all’università.Una scelta molto apprezzata dai futuri studenti, che hanno confermato il trend di crescita dell’attrattività registrato dal Politecnico lo scorso anno, con un sensibile aumento degli iscritti ai test di ammissione: +22,7% rispetto all’anno scorso.Le domande di iscrizione all’Anno Accademico 2021/22 sono state addirittura il doppio rispetto ai posti disponibili, precisamente 1093 di cui 388 per il test in inglese, a fronte di 500 posti disponibili; nel 2020 le domande erano state 891 di cui 216 per il test in inglese.Particolarmente interessante l’aumento delle iscrizioni di studenti stranieri (+44% rispetto all’anno scorso), favoriti da un’offerta formativa che prevede sia per la laurea di primo livello che per le tre lauree magistrali percorsi erogati completamente in lingua inglese: Turchia, Iran e Cina sono i Paesi più rappresentati tra gli iscritti al test. Per il secondo anno consecutivo, infine, il Politecnico di Torino ha gestito il test – erogato esclusivamente in remoto come previsto dalla normativa sanitaria – internamente, avvalendosi delle competenze del proprio personale docente e tecnico amministrativo.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Young civil society under threat – European Youth Parliament in Belarus being liquidated

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Berlin. The National Committee representing the European Youth Parliament (EYP) in Belarus has been put under liquidation by the Belarusian government. Following the developments of August 2020, civil society, including members of EYP are heavily under threat. The EYP network as one of the biggest youth-led organisations in Europe stands in full solidarity with its member organisation in Belarus. The European Youth Parliament (EYP), working under the umbrella of the Schwarzkopf Foundation (Schwarzkopf-Stiftung Junges Europa), is an organisation based on values such as democracy and pluralism and strives to empower young people across the whole continent in more than 40 countries to become active citizens and to execute their civil rights. Darya Skorokhod, the President of EYP Belarus explains: “The morning I got a message that EYP Belarus alongside with other Belarusian NGOs is being liquidated, was not a complete surprise for us. This could not come as a surprise for anyone who lives in Belarus and has been recently involved in any non-governmental activities. We do not know what to expect from the near future and how the situation develops, but we want to highlight the fact that the liquidation does not mean we will stop our activities but rather move them to the neighbouring countries. They can liquidate the NGO but not the people behind it.” The Governing Body of the EYP Network as its international board states the following: “While our volunteers and the members of the Board of our National Committee in Belarus will continue their work to the best of their abilities, we as a network are shocked by how their efforts and the efforts of EYP as a whole are blatantly undermined and put under scrutiny. We demand an end to these actions and the threats made to young Europeans who want to play an active role in the shaping of their own lives and society at large.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nagua Achieves the Friend of the Sea Certification for Nautical Eco-friendly Cleaning Products

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 luglio 2021

Friend of the Sea, the global certification standard for products and services that respect and protect the marine environment, has recognized Nagua Swiss Sagl for its line of ecological cleaning products that spare the ocean from the spilling of harmful chemicals. Accordingly, Nagua can now display the Friend of the Sea label on its nautical products.Nagua is a Swiss-based company that created an innovative line of eco-friendly cleaning products specially designed for boats. The idea was born out of the concern about the impact of chemicals spilled into the sea, particularly those present in products to clean different kinds of boats.Besides plastic, chemicals are the other significant contributor to sea pollution. From an invisible kind, but equally harmful. The residues of products used for cleaning boats and personal care while seafaring can end up in the sea, damaging the marine ecosystem. For this reason, Friend of the Sea developed the Sustainable Cleaning Standard to provide guidelines that promote chemical safety and reduce environmental impact.Nagua’s products are made from natural ingredients to give an ecological alternative to the usual chemical or petroleum-based products. The company’s nautical line, which includes universal degreasers, laundry detergent, floor and glass cleaners, as well as personal care items such as solid cosmetics and sunscreens, are made with over 95% of natural ingredients. The impact on the marine ecosystem is consequently minimal and sustainable.Additionally, Nagua’s products are not tested on animals and do not contain synthetic dyes or parabens. Packaging is optimized to reduce material waste and is made from recycled and recyclable plastic.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »