Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 13 settembre 2016

The Estate of Wifredo Lam on his Tate Modern Retrospective

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

wifredo-lamZurich PARADEPLATZ 2 – SWITZERLAND Galerie Gmurzynska 14 September 2016 – 8 January 2017 The Estate of Wifredo Lam on his Tate Modern Retrospective. Born in Cuba, Lam’s work has spanned decades of political turmoil, including the Spanish Civil War and the onset of World War II. His work addresses this unrest, offering a unique, historical perspective on contemporary global issues.Lam was an intrinsic part of the Paris avant-garde scene, alongside figures such as Pablo Picasso and Andre Breton. His complex syncretic pictorial system and cutting-edge style he developed, produced an oeuvre that continues to maintain a unique position within the trajectory of twentieth century modern art.This long overdue traveling retrospective has so far generated worldwide critical acclaim as well as strong renewed interest in Lam’s work in general. Having previously been shown at the Centre Pompidou, Paris, and the Museo Reina Sofia, Madrid, the exhibition will reach its final destination at the Tate Modern in London. (photo: Wifredo Lam)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Civil Liberties Committee MEPs will quiz UK candidate Commissioner for the Security Union Sir Julian King

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

european parliamentStrasbourg. Based on the committee’s recommendation, Parliament’s Conference of Presidents (EP President and political group leaders) will then decide whether to close the hearing procedure after which the full House can take a vote on Thursday. The hearing is to last three hours, starting at 19.00. It will be open to the press and web-streamed. The Commissioner-designate may make an opening statement of no longer than 15 minutes. There will be two rounds of questions and a five-minute closing statement by the candidate if he so wishes.On Tuesday, Civil Liberties Committee Coordinators will meet (in camera) to assess the outcome of the hearing, after which the evaluation will be put to the Conference of Presidents (CoP – EP President and political group leaders). If the CoP deems the hearing procedure closed, the full House will vote on the candidature by secret ballot on Thursday at noon.As laid down in the Rules of Procedure (Annex XVI), Sir Julian King replied to a written questionnaire prior to the hearing. MEPs are particularly interested in his priorities in the areas of security, coordination with migration, home affairs and citizenship Commissioner Dimitris Avramopoulos, and the implementation of current legislative instruments, in particular as regards information sharing among law enforcement authorities.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Artemis appoints an Investment Director

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

stephanie-suttonArtemis Investment Management LLP is pleased to announce that Stéphanie Sutton has joined the firm today as an Investment Director, concentrating initially on marketing Artemis’ US equity products in Europe.
Stéphanie joins Artemis from Fidelity, where she was an Investment Director, and has over 20 years’ investment experience. She graduated from the Institut Commercial de Nancy in 1995. After that Stéphanie held various roles as an equity analyst, fund manager and product manager/specialist at Société Générale, F&C and Lehman Brothers. She then worked as a consultant at Ernst & Young, advising asset managers, before joining Fidelity in 2008.Commenting, Artemis’ head of asset-gathering, Dick Turpin, said: “Stéphanie brings with her a wealth of experience in both investment and marketing. We are sure that she will help us continue to meet our clients’ needs, especially in continental Europe.” (photo: Stéphanie Sutton)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

3 out of 4 startups are acquired by US companies

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

startupsSan Francisco. US companies are more acquisitive. Even less surprisingly, among the top 15 acquirers, over 70% are Silicon Valley companies. This is the main finding from “Startup Transatlantic M&As. US vs EU”, the report that will be presented today at the European Innovation Day conference in Mountain View, the event created and organized by Mind the Bridge and co-organized by EIT Digital.The research completed by Mind the Bridge and CrunchBase analyses approximately six thousand startup acquisitions performed by US and European companies since 2012. It reveals that US and European companies focus their M&A activity in the US and Europe: 91% of the acquisitions performed by US and European companies – and 96% of the price paid – refer to US and European startups. “The common wisdom is that acquisitions have played a central role in Silicon Valley’s success, and that buying startups is one of the fastest ways for companies to embrace disruption and keep innovating – Alberto Onetti, Chairman Mind the Bridge, comments – The aim of this report was to understand if these beliefs are actually true. Now the numbers speak for themselves.”In particular, US companies acquired a number of startups that is significantly higher than EU companies, approximately 4 times more. 4,880 deals out of 5925, in fact, have been performed by US companies representing 82% of all the transatlantic transactions and investing $504 billion in disclosed transactions. This represents 90% of the overall value invested in startup acquisitions across the Atlantic. Silicon Valley alone registers 1,264 deals (21% of all the transatlantic deals and 26% of US ones) for $118B, more than the whole Europe. The Old Continent accounts for 1,045 deals – 18% of the total – for $57B. The median deal size of US acquisitions is $110M, 1.83 times than the median amount invested by EU companies ($60M). Additionally, if we look at the distinction between domestic and cross-atlantic acquisitions of startups, it has been reported that US buys prevalently domestic companies (4,300 out of 4,900 total EU/US based startups acquired, 88% on the number of acquisitions, 80% of the value of disclosed transactions). 68% of European startups acquisitions (700 out of the 1,045 total) happen domestically.
To be noted that US startups accounted for just under a third of the number of European startup acquisitions but ate up 59% of the total capital invested. This data suggests, on the one hand, that there is still a gap to be filled in the European startup ecosystem’s ability to produce exits; on the other hand – even more interestingly – US startups are more expensive than their European counterparts (32% of the acquisitions absorbed 59% of the overall amount paid).
“This is the first report doing a comparative analysis of acquisitions looking at Europe and the US. The interdependence of Europe and the US is striking and second only to the dependence of European countries on each other. The findings will inform corporate strategy in both continents”, says Gené Teare Head of Content at CrunchBase.
startups1Remarkably, US companies acquired 562 European startups while 709 startups were acquired by European companies in Europe. That means – consistently with data from SEP Monitor – that 44% of European startup acquisitions have been performed by US companies.
Research introduces the “exits/acquisition ratio” that shows the ratio between the number of exits and the number of acquisitions. Not all ecosystems have a positive balance between the sell (exits) and buy (acquisitions) side. US shows a certain equilibrium with 0.95 while Europe is characterized by a negative M&A balance (1.2): it means that the overall number of startups that have been sold in a region is larger than the ones that have been acquired by regional companies. This situation is clearly evident in the youngest ecosystems (Spain, Italy, the Benelux).
When broken down by city, New York, Chicago and some municipalities of the Silicon Valley (including Mountain View, Sunnyvale and San Jose), and to a lesser extent Los Angeles, Austin and Boston are “net acquirers” of startups (the number of startups acquired is larger than the ones that have been sold), while San Francisco, Seattle and Palo Alto are “net sellers” of startups. Silicon Valley, when considered as a whole, demonstrates a healthy balance (0.95), slightly below the parity.
US and Silicon Valley Run the M&A Show – Not surprisingly the top 15 acquirers in the transatlantic ranking are all US companies. Even less surprisingly, 11 out of the top 15 are from the Silicon Valley. The first European one – Germany’s SAP – ranks 33rd. On average, the top 15 US-based companies acquire 6 times more startups than the top European companies. Altogether, the top 15 most active European companies have acquired approximately the same number of startups that Google bought in the same period. (graphic: startups)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agricoltura: il motore dell’economia italiana

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

trattoreMentre l’agricoltura si conferma pilastro portante del Pil nazionale, segnando un incoraggiante +1.8% nel secondo trimestre dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2015 (dati: Istat), la burocrazia continua a “picconare” la crescita del settore primario.
Il bersaglio questa volta è il gasolio agricolo a prezzo agevolato, ossia il carburante additivato con il caratteristico colorante verde e destinato ai soli mezzi per la lavorazione della terra, venduto a circa la metà rispetto al costo del gasolio alla pompa, che è diventato negli ultimi tempi un vero “bene di lusso” per gli agricoltori piemontesi.
La paradossale situazione è denunciata da Confagricoltura Asti per voce di Bruno Gallia, coordinatore ufficio UMA, e Luisella Torchio, vicedirettore e responsabile CAA dell’organizzazione agricola: “Ogni giorno riceviamo nuove richieste di gasolio agricolo a prezzo agevolato da parte dei nostri associati ma siamo costretti a rifiutarle e lasciare “a secco” chi cerca di lavorare. L’eccessiva imposizione fiscale sommata alle rigide tabelle ettaro coltura, che prevedono per diverse lavorazioni un consumo troppo basso di gasolio, e la riduzione del 23% dell’assegnazione del carburante sono un salasso insostenibile per contoterzisti ed agricoltori. Chiediamo alla Regione Piemonte di rappresentare al Governo le assurde condizioni in cui sono costretti a lavorare gli imprenditori agricoli e d’intervenire, senza ulteriori indugi, al riconoscimento dei supplementi di assegnazione del gasolio anche per l’Astigiano, così come previsto dalla nuova normativa nazionale. Se la situazione non migliorerà saremo costretti a dichiarare il fermo dei mezzi nei campi”.
Confagricoltura è determinata a porta avanti la battaglia fino in fondo: “Chiediamo solo quello che ci spetta – precisa l’imprenditore agricolo astigiano e vicepresidente nazionale di Confagricoltura, Ezio Veggia – è decisamente ambiguo l’atteggiamento delle Istituzioni che da una parte chiedono ai nostri agricoltori di tenere in ordine i terreni ma dall’altra si “dimenticano” di fornire gli strumenti necessari per azionare i mezzi, primo fra tutti proprio il gasolio agricolo. Stiamo già sopportando un calo di prezzi veramente consistente in un periodo di crisi che ha coinvolto diversi settori, non trovo giusto che osteggino ulteriormente in questo modo la nostra categoria. Confagricoltura non permetterà che la burocrazia rappresenti ancora a lungo un freno a mano tirato per la produzione e il necessario processo di meccanizzazione in ambito agricolo. Il peso di provvedimenti sbagliati ricade come una scure su tutta la filiera agroalimentare, facendo levitare i costi anche per il consumatore finale, e rischia di rappresentare il colpo di grazia per alcuni settori – come quello cerealicolo – già in grandi difficoltà per le storture di un mercato speculatorio”. (foto: trattore)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il futuro del movimento cinque stelle

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

beppe_grillo-fonte-wikipediaIl MoVimento 5 Stelle continua a crescere ogni giorno che passa e insieme ad esso anche la sua struttura di coordinamento.
Dal novembre del 2014 Alessandro Di Battista, Luigi Di Maio, Roberto Fico, Carla Ruocco e Carlo Sibilia operano come riferimento più ampio del M5S sul territorio e in Parlamento e si confrontano regolarmente con me per esaminare la situazione generale, condividere le decisioni più urgenti e costruire, con l’aiuto di tutti, il futuro del MoVimento 5 Stelle.
Dal luglio 2015 Manlio Di Stefano, Nunzia Catalfo, Davide Bono, David Borrelli, Alfonso Bonafede, Paola Taverna, Max Bugani, Marco Piazza, Nicola Morra e Danilo Toninelli operano come responsabili delle funzioni di Rousseau, il sistema operativo del MoVimento 5 Stelle.
Da maggio 2016 David Borrelli e Massimo Bugani fanno parte, assieme a Davide Casaleggio, dell’Associazione Rousseau, fondata da Gianroberto per implementare lo sviluppo degli strumenti di democrazia digitale e aiutare il MoVimento 5 Stelle a crescere ancora.
A giugno 2016 è stata presentata la squadra di supporto ai comuni composta da Riccardo Fraccaro (area Nord), Alfonso Bonafede (centro e Sardegna), Giancarlo Cancelleri (Sud e Sicilia).
In futuro continueremo ad evolvere, ad allargare di conseguenza la struttura di coordinamento e a potenziare gli strumenti di democrazia diretta a disposizione degli iscritti per le decisioni dirimenti all’interno del MoVimento 5 Stelle. (Beppe Grillo)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Air France festeggia 50 anni di presenza in Cina

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

air franceNel settembre del 1966, il Boeing 707 “Château de Cheverny” inaugura la rotta Parigi-Shanghai. Tre diversi equipaggi si succedono durante le 23 ore di volo, con scali ad Atene, Il Cairo, Karachi e Phnom Penh. Air France diventa così la prima compagnia aerea europea a volare verso la Repubblica Popolare Cinese.
Air France è molto attenta ad adattarsi alla cultura dei propri passeggeri cinesi e offre l’eccellenza di un servizio personalizzato, unito a numerosi prodotti sviluppati esclusivamente per i voli da e verso la Cina.
Air France-KLM è la prima compagnia aerea europea in termini di offerta dall’Europa alla Cina e propone 90 voli settimanali che collegano gli hub di Paris-Charles de Gaulle e Amsterdam-Schiphol con 9 destinazioni nella Grande Cina: Pechino, Chengdu, Canton (Guangzhou), Hangzhou, Hong Kong, Shanghai, Taipei, Wuhan e Xiamen.
Nel corso degli ultimi cinque decenni, Air France-KLM ha inoltre potenziato la propria rete di collegamenti. Grazie alla partnership con le compagnie aeree cinesi China Southern Airlines, China Eastern Airlines e Xiamen Airlines, il gruppo Air France-KLM propone fino a 132 voli a settimana diretti in Cina.In questa occasione, Jean-Marc Janaillac, CEO di Air France-KLM, ha dichiarato: “Siamo molto orgogliosi di essere a Shanghai per festeggiare i 50 anni di servizio tra la Francia e la Repubblica Popolare Cinese. Air France è presente nella Cina continentale dal 1966 e da allora ha investito costantemente nel potenziamento della propria rete di collegamenti tra l’Europa e la Cina. Air France e KLM sono state le prime compagnie aeree europee a volare a Pechino, Shanghai, Canton (Guangzhou), Hangzhou, Chengdu, Wuhan e Xiamen. Oggi, il nostro gruppo è la prima compagnia aerea europea in termini di offerta dall’Europa alla Cina e continueremo a migliorare i nostri prodotti, i nostri servizi e la nostra offerta di rotte verso questo paese.”Frédéric Gagey, CEO di Air France, ha aggiunto: “La prima rotta Francia-Cina è al centro della storia della compagnia. Da allora, ci siamo costantemente impegnati a implementare i nostri prodotti più innovativi nei voli diretti in Cina: nuove cabine di viaggio, servizi personalizzati, prodotti sviluppati esclusivamente per i passeggeri cinesi, aeromobili di ultima generazione. Ciò che dobbiamo fare, adesso, è portare avanti questa strategia e contribuire a potenziare la presenza di Air France nella Grande Cina, dove la compagnia ha già ricevuto svariati riconoscimenti per i propri prodotti e servizi.”

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mini Idro, massima efficienza nella protezione delle mini centrali idroelettriche

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

barrieraMassima efficienza nel trattenere materiali galleggianti di grandi dimensioni, come tronchi e bancali; capacità di impedire il passaggio di volumi considerevoli; ampio soddisfacimento delle richieste operative.Queste alcune delle valutazioni che emergono dalla relazione ufficiale dell’Università di Pavia sulle barriere galleggianti “Mini Idro” realizzate da Airbank, azienda leader per il settore antinquinamento, insieme a Frendy Energy SpA, azienda specializzata nel progetto, sviluppo e realizzazione di piccole centrali idroelettriche, proprio con la collaborazione dell’Università di Pavia, Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura – sez. Idraulica.Il progetto nasce dell’esigenza di evitare che il lavoro delle mini centrali idroelettriche, che forniscono energia pulita e integrabile alle condutture idriche cittadine, sia messo in difficoltà da detriti di notevoli dimensioni come tronchi, pallet e plastiche, che rischiano di arrivare alla turbina, impedendo anche operazioni di manutenzione e riassetti della stessa.
Le barriere Mini Idro rappresentano dunque un’innovazione, essendo in grado di impedire proprio ai grandi detriti di arrivare alla turbina, azzerando i fermi impianto che provocano perdite di denaro e danni all’ambiente a causa della mancata efficienza.
Le attività sperimentali condotte dall’Università di Pavia hanno valutato sia l’efficienza di ritenzione del materiale galleggiante in diverse condizioni idrauliche, sia l’effetto che una barriera per la ritenuta dei detriti galleggianti può avere sul rigurgito idraulico in un canale.Dalla sperimentazione è risultato “evidente che il dispositivo soddisfi ampiamente le richieste operative”, scrive l’ingegner Stefano Sibilla nella relazione ufficiale. In particolare, “in termini di ritenuta di detriti galleggianti, l’apparecchiatura presenta in genere efficienze elevate” e complessivamente “la barriera può essere definita uno strumento efficace nel trattenere il materiale galleggiante più leggero, senza modificare le condizioni della corrente in maniera significativa”. Dalla sperimentazione emerge infine che la disposizione della barriera nel canale che presenta le migliori caratteristiche dal punto di vista idraulico è quella con barriera inclinata, sia per il minore incremento di tirante indotto a monte, sia perché permette la formazione di una zona laterale di raccolta del materiale, che risulta più efficiente dal punto di vista della capacità di ritenuta dei rami di legno con densità di poco inferiori a quella dell’acqua. La barriera Mini Idro di Airbank è dotata di tiranti in acciaio per aumentare la resistenza alla corrente, di maniglie per agevolare il posizionamento, di strisce catarifrangenti ad alta visibilità per segnalare la presenza della barriera. Inoltre, è presente un telo sotto il pelo dell’acqua per migliorarne l’efficienza di contenimento nonché di galleggianti inaffondabili per garantire massima durata in qualsiasi condizione. Infine, il progetto prevede che le barriere siano completamente personalizzabili in lunghezza e altezza per adattarsi ad ogni singola situazione di installazione. (foto: barriera)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Renzi è alla canna del gas anche con l’Italicum, la legge elettorale

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

napolitanoAdesso dice che si può cambiare, tutta. Ma non ci aveva messo per tre volte la fiducia? Non aveva detto che era intoccabile? Non aveva detto che era lo strumento per governare l’Italia fin dalla sera stessa delle elezioni? Adesso, si può cambiare tutta. Contrordine compagni. E tutto questo perché vuole tentare il suo ultimo trucco, quello di aprire un tavolo, di dividere il fronte referendario, fare qualche promessa, salvo poi non mantenerla. Lui e Napolitano, il suo mentore e compare”.
Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio.
“Tutto questo è molto triste, è molto triste che questo presidente del Consiglio si comporti in questa maniera. Ormai non gli crede più nessuno, fa i suoi comizi blindati, a cancelli chiusi, a quattro gatti. Gli italiani hanno capito tutto e gli voteranno sonoramente ‘no’, e tutti i partiti diranno ‘no’ alla modifica dell’Italicum prima dell’esito referendario. Dopo sarà il Parlamento a decidere”, ha concluso.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Esclusa dal concorso in finanza perché incinta

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

Brand Esercito Italiano(GRNET.IT) – Esclusa dal concorso straordinario per il reclutamento di 400 allievi finanzieri per l’anno 2016 perchè incinta. E’ la storia di A.E., giovane soldatessa in ferma pluriennale che ha provato ad accedere, come tanti altri giovani, alla carriera nella Guardia di Finanza, dopo aver servito per anni le Forze armate e desiderosa finalmente di stabilizzare il proprio posto di lavoro.
Il motivo della sua esclusione – scrive GrNet.it il sito web su Sicurezza e Difesa -, come riportato nel verbale della “Commissione per la verifica del mantenimento dei requisiti psico-fisici” della Guardia di Finanza, è lapidario: «Si comunica che, sulla base della certificazione presentata in data odierna attestante lo stato di gravidanza e, quindi, il temporaneo impedimento all’accertamento dell’idoneità al servizio nella Guardia di Finanza (art. 3, comma 2 del Decreto 17 maggio 2000 n. 155), la SV ai sensi dell’art 4, comma 4, ultimo capoverso della determinazione in epigrafe indicata, è “ESCLUSA” dalla procedura poiché tale temporaneo impedimento sussisteva alla data del 31 agosto 2016».In effetti, il Decreto 17 maggio 2000 n. 155 del Ministero delle Finanze, all’articolo 3 (Accertamento dell’idoneità al servizio nella Guardia di Finanza) recita che “Lo stato di gravidanza costituisce temporaneo impedimento all’accertamento”, tuttavia, a fronte dell’asserito temporaneo impedimento, scaturisce una definitiva esclusione dal concorso. Ed è proprio quello che l’aspirante donna finanziere contesterà dinnanzi al TAR Lazio, assistita dagli avvocati Giorgio Carta e Giuseppe Piscitelli.Un caso identico, pubblicato in esclusiva da GrNet.it, fu quello del Caporalmaggiore Valentina Fabri, anche lei esclusa dal concorso per il passaggio in servizio permanente nell’Esercito a causa del suo stato di gravidanza.In quell’occasione Valentina Fabri, assistita dai medesimi avvocati che oggi difendono A.E., fu riammessa al concorso dai giudici del TAR del Lazio (sentenza n. 8213/2011), secondo i quali non solo “deve considerarsi illegittima la norma di bando impugnata nella parte in cui, fissando un limite ai rinvii temporali degli accertamenti sanitari allorchè una candidata versi nello stato di gravidanza, di fatto impedisce la partecipazione della stessa al concorso”, ma sottolinearono anche che “va da sè che una tale norma collide con i principi costituzionali, determinando un’inammissibile disparità di trattamento nei confronti di una concorrente che vede così pregiudicata la sua scelta in favore della maternità”, ribadendo che “Lo stato di gravidanza non può essere considerato una malattia o un’imperfezione che mette in discussione l’idoneità psico-fisica della donna al suo eventuale reclutamento nell’Esercito”.Il Caporalmaggiore Valentina Fabri fu quindi riammessa al concorso con tante scuse della Difesa che nemmeno impugnò la sentenza dinnanzi al Consiglio di Stato, tali e tante furono le illegittimità della normativa italiana e comunitaria ad essere state infrante.Nonostante i continui appelli alla parità di genere, anche da parte delle altissime cariche dello Stato, sopravvivono dunque ancora oggi normative di rango ministeriale che sembrano insensibili a tali sollecitazioni. Siamo fiduciosi – conclude GrNet.it – che anche questa volta i giudici sapranno rendere giustizia ad A.E. restituendogli la dignità di donna e di mamma, così come avvenne per la collega Valentina Fabri. (GRNET.IT)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ricerca biomedica

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

nino-cartabellottaNel gennaio 2014 la rivista The Lancet con la serie di articoli Research: Increasing Value, Reducing Waste ha lanciato un allarme alla comunità scientifica: oltre l’85% degli investimenti nella ricerca biomedica non produce adeguate evidenze per l’assistenza sanitaria e, di conseguenza, non fornisce alcun contributo nel migliorare la salute delle persone, generando ingenti sprechi.
«L’interesse per la ricerca biomedica nel nostro Paese – afferma Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione GIMBE – è oggi documentato da varie iniziative: il rilancio della ricerca indipendente AIFA, l’Human Technopole, la call per un’Agenzia Nazionale per la Ricerca. Tuttavia, l’inderogabile necessità di ottenere il massimo “valore” dal denaro investito impone un’attenta valutazione degli indicatori utilizzati per misurare il ritorno degli investimenti: produttività scientifica, pubblicazione di evidenze di elevata qualità, impatto della ricerca sui servizi sanitari e sugli esiti di salute, oltre ovviamente a brevetti e profitti, prioritari per chi produce farmaci e tecnologie sanitarie».Dalla serie di Lancet è nata la campagna Lancet-REWARD (REduce research Waste And Reward Diligence), che ha formulato 17 raccomandazioni su cinque aree di potenziali sprechi: rilevanza delle priorità di ricerca; adeguatezza del disegno dello studio, dei metodi e delle analisi statistiche; efficienza dei processi di regolamentazione e gestione della ricerca; completa accessibilità ai dati; usabilità dei report della ricerca.«La Fondazione GIMBE – continua il Presidente – prima e unica organizzazione italiana ad avere ufficialmente aderito alla campagna, ha realizzato la versione italiana delle raccomandazioni per diffondere la consapevolezza scientifica e sociale di quanto sia indispensabile ottenere il massimo ritorno in termini di salute dalle risorse investite nella ricerca biomedica».
Le raccomandazioni REWARD saranno inizialmente diffuse e condivise con gli stakeholders della ricerca in Italia (finanziatori pubblici e privati, ricercatori, enti regolatori, istituzioni di ricerca, comitati etici, editori e associazioni di pazienti). Successivamente, la Fondazione GIMBE avvierà un monitoraggio indipendente utilizzando gli indicatori definiti dalla campagna Lancet-REWARD.«Con questa iniziativa – conclude Cartabellotta– vogliamo ribadire l’indifferibile esigenza di restituire vigore alla ricerca biomedica con nuove modalità di supervisione e regolamentazione, per promuovere il rigore metodologico, proteggere l’integrità del processo scientifico e allontanare i ricercatori da indebite influenze. Infatti, solo garantendo il rigore in tutte le fasi del processo di ricerca la comunità scientifica potrà proteggere sé stessa dai sofismi della politica, separare le conflittuali logiche capitalistiche da quelle della scienza e dare reale valore al denaro di finanziatori e contribuenti». (foto: Nino Cartabellotta)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Oppioidi e benzodiazepine, i rischi di un uso combinato denunciati dalla Fda

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

droga cannabis-vicinoSono gravi i rischi di un uso combinato di oppioidi e benzodiazepine: lo ha sottolineato la Food and drug administration (Fda), che in una comunicazione di sicurezza ha chiesto di rafforzare le avvertenze contenute nell’etichettatura di questi farmaci. La decisione di informare medici e pazienti è giunta dopo un’ampia revisione delle ultime evidenze scientifiche che hanno riportato effetti avversi di varia natura: sonnolenza estrema, depressione respiratoria, coma e decesso. I cambiamenti richiesti riguardano circa 400 prodotti e sono parte del piano d’azione che l’Agenzia regolatoria americana ha avviato sul tema degli oppioidi, con l’intento di stabilire e diffondere le regole per un utilizzo sicuro e di contrastare l’abuso di questi farmaci, fenomeno già più volte segnalato negli Stati Uniti.La revisione ha infatti documentato una crescita delle prescrizioni per lo stesso paziente di farmaci appartenenti alle due classi citate e anche un numero sempre maggiore di eventi avversi. Dal 2004 al 2011 sono aumentate le visite al pronto soccorso dovute all’utilizzo di oppioidi e benzodiazepine e per entrambe le classi di farmaci si sono avuti decessi per overdose, che sono addirittura triplicati nel periodo preso in esame. Anche l’uso contemporaneo di questi farmaci è in forte crescita e oggi riguarda oltre due milioni e mezzo di cittadini statunitensi, con un aumento di oltre il 40% tra il 2002 e il 2014.
«È a dir poco un problema di salute pubblica; – ha detto il Commissario della Fda Robert Califf – assistiamo a un aumento sostanziale di sovradosaggi e di decessi evitabili. Imploriamo gli operatori sanitari di ascoltare questi nuovi avvertimenti e di valutare con più attenzione, attraverso un’analisi specifica per ogni paziente, se i benefici di un uso combinato di oppioidi, benzodiazepine, o qualunque altro farmaco depressivo del Snc, siano superiori rispetto ai gravi possibili rischi». Se negli Usa gli effetti avversi gravi sono segnalati in crescita, dal punto di vista clinico è noto da tempo che l’uso combinato di oppioidi e benzodiazepine, entrambi depressori del sistema nervoso centrale, è rischioso. E nell’Unione europea, le informazioni su questi prodotti sono già presenti. (fonte: farmacista33) (foto: pillole)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Robotica: Toglie posti di lavoro?

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

robotLo scenario e’ allarmante. Stando ad alcuni studi, la robotizzazione dei lavori portera’ la percentuale di disoccupazione al 50% entro il 2045. Sono vere queste previsioni? Anche la Rai in un programma, trasmesso sul terzo canale, paventa un aumento preoccupante di disoccupati. Abbiamo dei dubbi.Prevedere cosa succedera’ fra trent’anni basandoci su parametri econometrici attuali porta fuori pista.
In Europa, nel ‘700, l’80% della popolazione lavorava la terra, oggi e’ il 5%. In Italia negli anni ’20, il 55% della popolazione era costituita da contadini, oggi, chi si dedica alla agricoltura rappresenta il 3,8% della popolazione. Tutti gli altri sono a spasso? Dovrebbe essere cosi’ se, all’epoca, si fossero fatte analoghe previsioni, invece la meccanizzazione agricola ha reso superfluo un numero elevato di contadini trasferendo, pero’, su altri settori l’occupazione e rendendo, tra l’altro, meno faticoso il lavoro dei contadini stessi.L’allarme gira sui media e genera allarmismo, paura, apprensione. Si e’ alla continua ricerca di notizie sensazionali: parlare alla pancia fa sempre piu’ effetto che parlare alla testa.
Se, invece, di sostituzione parlassimo di complementarieta’? Troppo difficile per i media nostrani! Meglio dedicarsi agli allarmi.
La Rai, visto che e’ un servizio pubblico, dovrebbe fornire elementi di valutazione maggiormente approfonditi. A quando?(Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Campus University: borse di studio

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

Roma Sono aperti i bandi per l’assegnazione di 228 borse di studio per i master dell’Università degli Studi Link Campus University di Roma. Per l’anno accademico 2016-2017, l’Ateneo mette infatti a disposizione 130 borse di studio a copertura totale finanziate da INPS in favore dei figli di dipendenti e pensionati della PA e 98 borse di studio finanziate dall’Università (di cui 15 a copertura totale, 36 al 75% e 47 al 50%), in scadenza il 20 ottobre 2016. Nove i master per i quali si può presentare la domanda: si va dal nuovo master di I livello in Migrazioni forzate e Protezione Internazionale ai due nuovi master di II livello in Joint China and Italy Economic Cooperation e in African Studies: Europe and Africa – international synergies and development strategies (quest’ultimo in lingua inglese), dedicati a futuri manager e a chi vuole lavorare in organismi internazionali e nelle ONG.
Sul fronte degli MBA, sono 20 le borse di studio a disposizione per il nuovo master in Applied Economic Science (in lingua inglese) e 30 quelle in Diritto e Management dello Sport, realizzato in collaborazione con CONI, Comitato Italiano Paralimpico e le più importanti federazioni del settore. Per quest’ultimo, in particolare, sono previste 12 borse di studio INPS e 18 borse di studio Link Campus University, di cui 10 riservate agli atleti nazionali e paralimpici di alto livello.
Per partecipare a tutti i bandi occorre inviare la domanda di partecipazione entro il 20 ottobre 2016 (via raccomandata a/r o via pec a lcu@pec.unilink.it) o consegnarla direttamente presso la nuova sede di Link Campus University, il Casale di San Pio V (via del Casale San Pio V, 44, Roma). Scaduto il termine di presentazione delle domande, la segreteria comunicherà ai candidati la data del test d’accesso. Per info e dettagli sui bandi: http://www.unilink.it
L’Università degli Studi Link Campus University di Roma è un’università dall’impronta internazionale, fortemente orientata all’innovazione, basata su un modello didattico che favorisce il lavoro e il placement: l’85% dei suoi studenti trova occupazione in Italia e all’estero nei primi 6 mesi dopo il conseguimento del titolo di studio. Obiettivo della Link Campus University è offrire competenze trasversali per preparare professionisti in grado di rispondere alle richieste di un mercato del lavoro globale e in continua evoluzione.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expo deve dare i verbali del CdA al M5S Lombardia

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

Milano-Expo-250x150I verbali del CdA di Expo devono essere messi a disposizione “all’istante” al M5S. Il Difensore regionale ha accolto, il 7 settembre 2016 scorso, il ricorso presentato dalla consigliere regionale del M5S Silvana Carcano e invitato la società (“una azienda italiana di totale proprietà pubblica”, dice la missiva recapitata alla società) a trasmettere la documentazione richiesta.“Nonostante i numerosi solleciti ad Expo S.p.A, come ad Arexpo che ci ha inviato materiale censurato, non è stato possibile ottenere alcuna informazione utile all’attività di verifica e controllo sui flussi di denaro pubblico. E’ intollerabile che Expo, a spese dei cittadini, beffi i principi della trasparenza. Non appena riceveremo il materiale, e ci auguriamo che questa sia la volta buona, faremo tutte le verifiche del caso. La trasparenza è un principio importante nella gestione della Pubblica Amministrazione, come è possibile che non sia ancora chiaro ai vertici di queste società?
E’ chiaro che la trasparenza toglie la linfa alla corruzione, ed è vergognoso e allarmante che Expo abbia negato in tutti i modi la documentazione sui verbali del Consigli d’amministrazione che abbiamo richiesto nell’interesse dei cittadini che hanno pagato l’esposizione”, spiega Carcano.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

M5S a Roma: Se la cantano e se la suonano

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

campidoglio«Partecipo al consiglio comunale di Roma e vedo da parte dell’Amministrazione Raggi molto pressapochismo e un certo grado di presunzione, che mi spaventano. Ormai sappiamo tutto delle correnti e delle beghe interne del movimento 5 stelle, delle nomine e degli assessori più brevi del mondo ma non c’è la notizia, dopo tre mesi, di una delibera fatta per i romani.
E mi fanno sorridere Grillo ed alcuni esponenti del m5s: dicono di essere assediati dai poteri forti e nessuno più di me condivide l’idea che in Italia esistano dei poteri forti che tentano di indebolire la politica, ma qui siamo di fronte a una situazione diversa. Hanno nominato un capo di gabinetto senza leggere la legge; hanno nominato un assessore indagato che non aveva detto di essere indagato e quando lo ha detto hanno mandato una lettera al loro superiore, che ha letto la email ma non l’ha capita. Hanno nominato un altro assessore al bilancio che il giorno dopo ha detto di non aver mai visto la Raggi. Insomma, come si dice a Roma, quelli del movimento 5 stelle “se la cantano e se la suonano”».
Lo ha detto nel corso della trasmissione “L’aria che tira” il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni
«Il post della Raggi? Capisco il senso e con lei voglio solidarizzare perché l’assedio sotto casa di giornalisti e dei fotografi dà molto fastidio, soprattutto quando stai con un bambino piccolo: senti che la tua vita non ti appartiene più e purtroppo questo coinvolge anche persone che non si possono difendere. Credo serva un po’ di tregua ed è bello che i politici possano mantenere una dimensione di semplicità. Quello che tuttavia non funziona nel ragionamento della Raggi è che è stata su tutte le cronache per essere andata a fare la spesa con la scorta. A me, in Campidoglio, hanno bocciato la mozione con la quale chiedevo che il sindaco e la giunta rinunciassero alle auto blu: si può fare e lo dico perché io stessa ho fatto il ministro senza auto blu. L’ho presentata e hanno votato contro tutti i consiglieri m5s. Non volete toglierle? Va bene ma poi non potete presentare la stessa mozione nelle amministrazioni in cui governano gli altri. Ecco, questo è un problema rispetto alla narrazione del movimento 5 stelle e le garanzie di discontinuità per le quali hanno preso i voti degli italiani», ha spiegato Meloni.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anastasis: da trent’anni persone per persone

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

anastasisBologna Sabato 17 settembre Anastasis festeggia il suo trentesimo compleanno, inaugurando la nuova sede del Centro di Apprendimento e di Ricerca “Laboratori Anastasis” a Bologna (via Giovanni Amendola,12) con una giornata aperta a tutti, dove sarà possibile partecipare a workshop gratuiti ed incontri con esperti di dislessia e autismo tra cui Giacomo Stella, Ordinario di Psicologia Clinica dell’Università di Modena-Reggio e Giacomo Cutrera, Vice presidente Associazione Italiana Dislessia. La giornata inizierà alle 10:00 e si concluderà alle 17:30 con la performance teatrale frutto del Progetto Orme: percorso teatrale rivolto a ragazzi DSA e diretto da Valeria Vicentini e Andrea Pegoretti del Laboratorio Birnam.
Il programma. Si comincia alle 10:00 con il benvenuto e i saluti delle autorità. Interverranno: Andrea Ustillani, Presidente Anastasis, Matteo Lepore, Assessore del Comune di Bologna, Franco Botticelli, Presidente Associazione Italiana Dislessia, Giacomo Stella, Ordinario di Psicologia Clinica dell’Università di Modena-Reggio, Luca Grandi Centro Ricerche Anastasis e Monica Bertelli Psicologa e Direttore tecnico laboratori specialistici DSA e BES ai quali spetterà il compito di presentare i servizi offerti sul territorio da “Laboratori Anastasis” e la nuova struttura.
Nella mattinata dalle 11:30 alle 13:15 sono previsti anche quattro workshop gratuiti sul metodo di studio, sulla didattica inclusiva e sugli strumenti tecnologici per la clinica e per l’apprendimento: il Laboratorio sul metodo di studio(per famiglie e studenti), un approfondimento sul doposcuola Anastasis e sui percorsi di apprendimento verso l’autonomia a cura delle psicologhe Vania Galletti e Giulia Demaria; RIDInet per il trattamento dei DSA (per i clinici), un viaggio alla scoperta della piattaforma online ideata da Anastasis e i suoi modelli d’uso a cura della psicologa Giovanna Cialdini e del Direttore Commerciale Anastasis Tullio Maccarrone; Alla scoperta del linguaggio è invece il laboratorio per insegnanti ed educatori della scuola dell’infanzia a cura di Lucille Uguzzoni, Tecnico dell’apprendimento e Elisa Carli psicologa; La didattica inclusiva (per insegnanti della scuola primaria e secondaria) nel quale si approfondiranno le tecnologie e mappe concettuali per l’apprendimento con Andrea Ustillani Anastasis e Laura Chiavaro, psicologa. Per la partecipazione ai workshop è necessario registrarsi gratuitamente alla piattaforma https://sedeanastasis.eventbrite.it Nel pomeriggio spazio ai contributi e alle testimonianze sui temi della dislessia e dell’autismo. In particolare dalle 14:30 alle 16:30 è previsto un incontro testimonianza con alcuni ragazzi dislessici dal titolo “ Vita da dislessici” a cui parteciperanno Giacomo Cutrera, Vice presidente Associazione Italiana Dislessia e Luca Grandi del Centro Ricerche Anastasis. Dalle 15:30 alle 16:30 si terrà un focus ad inviti su “Autismo e metodo di studio. La tecnologia a favore dell’apprendimento” con le psicologhe Monica Bertelli e Vania Galletti. Seguirà dalle 16:30 alle 17:30 la performance teatrale frutto del Progetto Orme: percorso teatrale rivolto a ragazzi DSA diretto da Valeria Vicentini e Andrea Pegoretti del Laboratorio Birnam. (foto: anastasis)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cyberbullismo

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

montecitorio“Inizia alla Camera il dibattito sul disegno di legge sulle Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo: tutto sommato è un buon disegno di legge che potrà migliorare ulteriormente se verranno accolti alcuni emendamenti che ne semplificano la struttura e accentuano gli aspetti della prevenzione e della formazione nei confronti di tutti i protagonisti: genitori, docenti e studenti… Ma formazione e prevenzione non possono essere ancorate solo all’aspetto centrale del rispetto della persona, della solidarietà tra coetanei, e della continua scoperta di quel particolare valore che è l’accoglienza della fragilità e la valorizzazione della diversità. C’è qualcosa di più che va fatto in questo caso: occorre sollecitare i giovani a rendersi conto dell’enorme potere della tecnologia, soprattutto delle nuove tecnologie informatiche. Un potere che amplifica a dismisura quel che si dice, connotando in modo del tutto particolare quel che si dice. Lavorare con i giovani alla prevenzione significa far capire in profondità teorie e tecniche della comunicazione e quindi portare la formazione ad un livello molto più alto di quanto non possa far prevedere il semplice consiglio o l’ammonizione nella stanza del preside”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare.
“Lavorare sulla potenza mediatica di mezzi come le chat, twitter, facebook, instagram, ecc. può diventare una modalità di formazione-informazione che rinnova la scuola più di quanto non si preveda in un primo momento. Ma per farlo occorre che genitori e docenti si mettano in discussione – prosegue Binetti -, cerchino modalità concrete per mostrare cosa accade quando i confini tra mondo virtuale e mondo reale si assottigliano. Il rischio è che siano figli e alunni ad insegnare loro come si usano questi mezzi e che effetti possano avere. Per questo l’aggiornamento tecnologico non è estraneo alla riscoperta di un codice di valori etici da declinare anche quando si lavora sul web. Ma può aiutarli anche a capire come siano gonfiati certi sondaggi che avvengono solo via web; rendersi conto della sostanziale fragilità dei dati che il web molto spesso offre, dovrebbe aiutarli a recuperare non solo senso critico ma anche un sano realismo. Questa è la sfida che una scuola moderna deve poter affrontare per sviluppare la sua dimensione tecno-scientifica, senza però rinunciare alla nostra tradizione umanistica. Oggi per mettere la persona al centro – conclude Binetti – bisogna saper maneggiare tutte le tecnologie disponibili”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tutela della salute nelle scuole

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

Ministero saluteScuole, attività sportive e ludiche riaprono i battenti in questi giorni. Ma se settembre è il mese della ripresa dei ritmi normali, il rovescio della medaglia è il ritorno anche delle infezioni. E come se non bastasse, adesso bisogna fare attenzione anche ai selfie che, secondo un recente studio olandese, sarebbero la causa di una maggiore diffusione dei pidocchi tra bambini e ragazzi.
Al di là dei nuovi allarmismi, è certamente vero che la vita in comunità presenta molte insidie, per questo è importante saper riconoscere e prevenire le infezioni più comuni che colpiscono i bimbi piccoli ma anche i più grandicelli.“I locali chiusi, spesso eccessivamente riscaldati e frequentati da tanti bambini – sottolinea la prof.ssa Susanna Esposito, direttore dell’Unità di Pediatria ad Alta Intensità di Cura della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico dell’Università degli Studi di Milano e presidente WAidid, Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (www.susannaesposito.it) – rappresentano un ambiente ideale per la diffusione dei virus, principali agenti eziologici delle infezioni nei primi anni di vita e durante l’età scolare; la trasmissione dei microrganismi è, poi, particolarmente facilitata dallo scambio degli oggetti che inevitabilmente avviene soprattutto tra bimbi piccoli, complice anche il sistema immunitario immaturo. La frequentazione di piscine e palestre è un’ulteriore fonte di rischio che può essere limitata applicando le buone norme igieniche. Per rientrare, infine, nella vita normale dopo la lunga pausa estiva è fondamentale rispettare uno stile di vita sano basato su un’alimentazione corretta e varia, un riposo notturno mai al di sotto delle 8 ore e un utilizzo dei video-giochi limitato ai fine settimana”.Ma adesso che riaprono le scuole quali sono i rischi infettivi più diffusi a cui mamme e papà devono prestare più attenzione? Ecco i consigli e le raccomandazioni degli esperti di WAidid per riconoscere e affrontare alcune delle infezioni più comuni che colpiscono bambini e ragazzi:
La pediculosi del capo, è una infestazione del cuoio capelluto (soprattutto regione retro-auricolare e nucale) da parte di pidocchi adulti, larve o uova (lendini) e si trasmette per contatto diretto tra testa e testa infetta o attraverso l’utilizzo di pettini, spazzole, cappelli o caschi infestati. La pediculosi può essere asintomatica ma spesso provoca prurito intenso e lesioni da grattamento. Il periodo di incubazione è caratterizzato dallo schiudersi delle larve del pidocchio 6-10 giorni dopo la deposizione delle uova; il pidocchio raggiunge la maturità dopo 8-9 giorni. Il soggetto è contagioso finchè continua ad ospitare pidocchi o lendini vitali; la vita media del pidocchio sulla persona è di circa 1 mese.
Il trattamento consigliato: effettuare un’accurata ispezione del cuoio capelluto; trattare i capelli con prodotti specifici a base di piretrina in mousse o permetrina in gel o creme, lasciar agire in genere per almeno 10 minuti e risciacquare con acqua; sfilare tutte le lendini rimaste sui capelli servendosi di un pettine a denti molto stretti, partendo dalla radice dei capelli; ripetere il trattamento a distanza di 7-10 giorni; disinfestare le lenzuola e gli abiti che vanno lavati in acqua calda o a secco.
La scabbia, è una malattia parassitaria della cute causata da un acaro e si trasmette per contatto diretto cute-cute. Inizia con piccole macchie rosse e un intenso prurito, soprattutto notturno. Nei bambini al di sotto dei due anni, l’eruzione è spesso vescicolare con frequente localizzazione alla testa, collo, palmo delle mani e pianta dei piedi. Nei bambini più grandi vengono colpite in modo particolare le pieghe interdigitali (tra dito e dito), la zona dei polsi, gomiti e le pieghe ascellari. L’incubazione è di solito di 4-6 settimane.
Il trattamento consigliato: fare attenzione al contatto con le lesioni o, comunque, con la cute; lavare accuratamente lenzuola e capi d’abbigliamento; iniziare il trattamento specifico con una crema o lozione medicata per uccidere gli acari. È necessario applicare la crema sulla pelle di tutto il corpo e non solo sull’area che presenta l’eruzione. Di solito la crema deve rimanere sulla pelle da 8 a 12 ore prima di poterla lavare via, è necessario ripetere il trattamento dopo una settimana. La contagiosità del soggetto dura fino alla distruzione degli acari e delle uova.
La gastroenterite si trasmette per via orofecale ma anche per contatto e in alcuni casi per via respiratoria. A volte definita erroneamente “influenza intestinale”, la gastroenterite è un’infezione molto comune che riguarda lo stomaco e l’intestino ed è causata per lo più da virus come Rotavirus, che colpisce soprattutto i bambini più piccoli, Norovirus, che colpisce anche gli adolescenti e gli adulti, Adenovirus, che può causare anche sintomi respiratori o da batteri tra cui Salmonella e Clostridium difficile. Siano esse virali o batteriche, le gastroenteriti sono caratterizzate da sintomi quali nausea, vomito, diarrea o dolori addominali.Il trattamento consigliato: nella maggior parte dei casi, quando si sviluppa una forma blanda di diarrea, i malati guariscono con un’adeguata idratazione. Tuttavia è consigliabile assumere anche probiotici, ossia microrganismi quali il Lactobacillus GG in grado di migliorare l’equilibrio della microflora endogena. Nei casi di diarrea acuta, la principale problematica è la disidratazione comune soprattutto nei bambini con meno di 2 anni di età. Vanno evitate le bibite ad alto contenuto di zucchero come i succhi di frutta confezionati che potrebbero aggravare la diarrea. E’ raccomandabile, poi, non smettere di mangiare, in pasti piccoli e frazionati (es. 6 pasti al giorno). Non vanno utilizzati né antibiotici né farmaci antiemetici.
La malattia “mani-piedi-bocca” è una malattia esantematica molto frequente nei bambini dei primi anni di vita ed è caratterizzata da una faringite associata a un’eruzione cutanea di pustole, vescicole o bolle che si concentrano nel cavo orale, nel palmo delle mani e nella pianta dei piedi.
Il trattamento consigliato: la malattia ha generalmente decorso benigno, quindi tende di norma a guarire spontaneamente senza particolari complicanze. Va somministrato il paracetamolo in caso di malessere persistente o febbre ed eventualmente rimedi locali per attenuare il dolore in bocca e facilitare l’ingestione di cibo e liquidi.
La mononucleosi è causata dal virus di Epstein-Barr (EBV) ed è una malattia che si contrae attraverso lo scambio di saliva infetta. Molto comune soprattutto tra giovani e adolescenti è caratterizzata da sintomi come febbre, astenia, malessere, cefalea e linfonodi ingrossati.Il trattamento consigliato: nella maggior parte dei casi, la malattia è risolvibile con una decina di giorni a riposo e con una terapia di supporto farmacologica con paracetamolo in caso di febbre. Il riposo e una buona idratazione contribuiscono, nella maggior parte dei casi, a rendere più veloce il processo di guarigione.
Le infezioni respiratorie virali sono malattie infettive che colpiscono gli organi dell’apparato respiratorio (naso, trachea, bronchi e polmoni) e sono molto frequenti in età pediatrica. Sono favorite da fattori ambientali quali umidità inadeguata o calore eccessivo che causano la secchezza delle mucose. Gli agenti responsabili delle infezioni respiratorie possono essere diversi: spesso la colpa è di virus, come l’Adenovirus o il Rinovirus, che causano infezioni virali. Tuttavia, anche se più raramente, queste infezioni possono essere di origine batterica. Tra le infezioni respiratorie, la più comune è la faringite virale, ossia l’infiammazione della faringe che si manifesta con senso di bruciore e difficoltà a deglutire; in alcuni casi compaiono febbre e malessere generale, talvolta si verifica anche un ingrossamento dei linfonodi cervicali. Nonostante i virus influenzali circolino nel nostro Paese soprattutto tra dicembre e marzo, sono stati riscontrati casi sporadici di influenza già in settembre e ottobre.
Il trattamento consigliato: non esiste alcun trattamento specifico per la cura della faringite virale, dato che il fastidio tende a risolversi da sé. Ad ogni modo, è possibile trattare la febbre e il dolore con farmaci quali paracetamolo e ibuprofene.

Posted in Cronaca/News, scuola/school, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tornano sui banchi 8 milioni di studenti: troveranno il caos

Posted by fidest press agency su martedì, 13 settembre 2016

scuolaDa un lato i vincitori del concorso, chissà quando in cattedra; dall’altro, TFA e concorso per presidi e Dsga di cui si sono perse le tracce. Lo stesso vale per le leggi delega della Buona Scuola. Riprendono, intanto, le lezioni con le classi ‘orfane’ di almeno un docente e tanti di essi con la valigia in mano. Bisognerà attendere non poche settimane, poi, prima di vedere i consigli di classe al completo, visto che il 70-80 per cento delle 100mila supplenze annuali sono decretate da graduatoria d’Istituto e che i contratti potranno essere sottoscritti solo dopo il via libera degli uffici scolastici periferici del Ministero. Meno Ata, anche, all’interno degli uffici scolastici e nei corridoi a sorvegliare. Non va meglio per il sostegno. Gli alunni di una scuola su tre si dovranno accontentare di un preside ‘a metà’ con un altro istituto, viste le 200 assunzioni.
Marcello Pacifico (Anief-Cisal): a 14 mesi dall’approvazione della Legge 107/2015 non abbiamo visto approvata neanche una delle undici leggi delega. Dai vertici del Governo e del Ministero ci continuano a dire che i testi delle deleghe attuative della Legge 107/2015 sono pronti e che le coperture finanziarie ci sono, ribadendo che tutto è sul punto di essere approvato. Il tempo, però, passa e la supplentite non arretra, così come le “classi pollaio” e, ora, anche il personale di ruolo è diventato precario. Per non parlare del contratto fermo da quasi sette anni: l’aumento di qualche euro che non coprirà nemmeno l’inflazione riguarderà solo un docente su tre.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »