Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 341

Archive for 5 aprile 2017

El Sínodo en camino con los jóvenes

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

cracoviaRoma, 5-9 abril 2017. El Santo Padre Francisco en la Carta a los jóvenes que escribió en ocasión de la presentación del Documento Preparatorio de la XV Asamblea General del Sínodo de los Obispos, dedicado a los jóvenes, recordó la última Jornada Mundial de la Juventud: “En Cracovia […] les pregunté varias veces: «Las cosas, ¿se pueden cambiar?». Y ustedes exclamaron juntos a gran voz «¡Sí» […] La Iglesia desea ponerse a la escucha de la voz, de la sensibilidad, de la fe de cada uno; así como también de las dudas y las críticas. Hagan sentir a todos el grito de ustedes, déjenlo resonar en las comunidades y háganlo llegar a los pastores”.
Para responder concretamente a estas palabras del Santo Padre y siguiendo el camino de las JMJ, el Dicasterio para los Laicos, la Familia y la Vida en colaboración con la Secretaría General del Sínodo de los Obispos ha organizado el Encuentro Internacional “De Cracovia a Panamá. El Sínodo en camino con los jóvenes”, que se celebrará esta semana en Roma del 5 al 9 de abril 2017 en el Pontificio Colegio Internacional Maria Mater Ecclesiae. Durante el encuentro se hará la evaluación de las JMJ de Cracovia y será presentado el trabajo del Comité Organizador de las JMJ de Panamá 2019.
El encuentro, celebrado en Roma, se prepara a recibir a unos 270 delegados de 103 países y 44 movimientos, asociaciones o comunidades. Habrá muchos participantes jóvenes.
El Cardenal Kevin Farrell, Prefecto del Dicasterio para los Laicos, la Familia y la Vida y el Cardenal Stanisław Dziwisz, Arzobispo emérito de Cracovia, darán comienzo a la jornada dedicada a Cracovia, mientras que Mons. José Domingo Ulloa Mendieta, Arzobispo de Panamá, coordinará la jornada de presentación de las JMJ de Panamá.
La novedad de este evento es que habrá dos días dedicados a la presentación del Documento Preparatorio del próximo Sínodo de los Obispos. El Cardenal Lorenzo Baldisseri, Secretario General del Sínodo de los Obispos, y Mons. Fabio Fabene, Obispo Subsecretario del Sínodo de los Obispos, explicarán a los responsables de la Pastoral Juvenil de las Conferencias Episcopales y a los jóvenes presentes el Documento Preparatorio y la dinámica de la consulta en las Iglesias particulares.
En la noche del viernes 7 de abril se llevará a cabo en la Sala Sinopoli del Auditorio “Parque de la Música” de Roma el concierto de los GEN Rosso y GEN Verde al cual asistirán cientos de jóvenes invitados. La elección del lugar no es una casualidad: quiere ser un “puente” de diálogo y de participación entre los jóvenes creyentes con todos sus coetáneos.
El sábado 8 de abril, en la Basílica de Santa Maria Maggiore, tendrá lugar una Vigilia de Oración en preparación a la Misa de la JMJ, que este año, al igual que el próximo, se celebrará a nivel diocesano.
El domingo 9 de abril todos los delegados participarán en la celebración de la Jornada Mundial de la Juventud que tendrá lugar en la plaza de San Pedro, con la Santa Misa presidida por el Papa Francisco.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Restauro della Fontana della Pigna in Piazza San Marco

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

fontana della pignaRoma: L’opera tornerà a splendere grazie all’Associazione Rotary Club Roma. Un’altra fontana di Roma tornerà a splendere grazie all’opera di un mecenate: si tratta della Fontana della Pigna in Piazza San Marco per la quale sono stati avviati oggi (3 aprile) i lavori di restauro. A circa venti anni dal precedente restauro la fontana necessitava di un intervento conservativo, reso possibile dalla generosità dell’Associazione internazionale Rotary Club Roma che si è fatto carico della progettazione definitiva e curerà anche la direzione lavori sotto la Direzione scientifica della Sovrintendenza Capitolina. La durata prevista per gli interventi di ripristino, che verranno eseguiti dalla R.O.M.A. Consorzio, è di 60 giorni per un importo di 19.000 euro.
Solo nella città di Roma vi sono 23 siti che hanno beneficiato degli interventi rotariani per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio artistico della capitale. In linea con questa vocazione, il Rotary Club di Roma, fondato nel 1925, si è impegnato con il contributo intellettuale ed economico dei suoi soci, per il restauro della Fontana della Pigna, anche nel ricordo del concorso bandito proprio nel 1925 per la costruzione di questa fontana.
La Fontana della Pigna in piazza San Marco fa parte di una serie di dieci fontanelle rionali commissionate dal Governatorato di Roma all’architetto e scultore Pietro Lombardi (1894-1984) nel 1925. La serie di fontanelle artistiche, che furono inaugurate il 28 ottobre 1927, anniversario della marcia su Roma, intendeva rimpiazzare i “nasoni” in ghisa, ritenuti al tempo antiestetici e inadatti ai luoghi di pregio della città. Ispirata nella forma, come le altre della serie, al rione omonimo, la Fontana della Pigna è realizzata interamente in travertino. Si compone di una pigna posta al centro di un calice formato da una corona di grandi foglie, collocato in un pozzo circolare inserito a sua volta in una piccola vasca quadrangolare. Quattro colonnotti ne delimitano l’area. L’acqua sgorga da due bocchette contrapposte e dalla sommità della pigna. (foto. fontana della pigna)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Non era il Principe azzurro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

non era il principe azzurroTorino Giovedì 6 aprile 2017 alle ore 17,30 Sede AIP, Sala Principe Eugenio, via Legnano 2/b presentazione del libro di Giusi AUDIBERTI: “Non era il Principe azzurro”. Partecipano e dialogano con l’Autrice:
Chicca MORONE, scrittrice e poetessa, Vittorio G. CARDINALI, giornalista e scrittore, Silvia RAMASSO, editore.
Sullo sfondo dei grandi eventi storici che portarono all’Unità d’Italia, si profilano le figure di cinque protagonisti del nostro Risorgimento, colti nella loro dimensione più privata: nel rapporto – tormentato e spesso avvolto dall’arcano – con le loro mogli.
Da Garibaldi che, ricevuta una lettera misteriosa, lascia per sempre la sua seconda moglie Giuseppina sul sagrato delle nozze, a Costantino Nigra, brillante diplomatico ritenuto uno scapolo impenitente che pure a Torino aveva moglie e figlio; dalla disperata passione del conte di Castiglione per la moglie Virginia, all’amore che unisce Sigismondo Castromediano e Adele Savio, ma che non approderà mai al matrimonio; fino a Massimo d’Azeglio che sposa la dolce Giulietta Manzoni e, rimasto vedovo, si risposa in tempi rapidi con la zia di lei, l’affascinante Luisa Blondel. Da queste pagine rigorosamente storiche scaturiscono alcune riflessioni sulla complessità dei sentimenti umani. Da una parte ci stupiscono queste storie esemplari nella loro tormentata e impensabile originalità, ben fuori da ogni luogo comune. Dall’altra l’Autrice ci consegna, insieme ai ritratti dei protagonisti, quelli delle loro compagne: alcune ancora vittime della consuetudine sociale e degli ideali virili, altre, magari confusamente ma coraggiosamente, alla ricerca di un modo nuovo di affermare se stesse. “L’essere umano forse non è mai così solo come quando il destino lo assegna a far parte di una coppia”(Sándor Màrai).
Giusi AUDIBERTI è nata e vive a Torino, dove si è laureata in Lettere a indirizzo storico e ha insegnato materie letterarie nei licei. Appassionata di scrittura e di storia del Piemonte, e più specificamente di storia “al femminile”, con Neos edizioni ha pubblicato la raccolta di racconti Colombina d’amore e le sue sorelle, 2004, e il romanzo storico, Il fiore del lino, 2008; è stata curatrice delle antologie C’era una volta il Settecento, 2009, e C’era una volta l’Ottocento, 2012, che comprendono anche alcuni suoi racconti; ha partecipato alle edizioni 2012 e 2013 dei volumi strenna Natale a Torino, con i racconti L’albero di Margherita e Il vermouth di Suzette. Ha inoltre pubblicato Il fantasma del castello, La Bela Gigogin, 2006 e La cucina medievale di Laura Mancinelli, Il leone verde Edizioni, 2012. Ha svolto relazioni al convegno su De Amicis (2009) e alla celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia “Scripta manent” (2011); ha collaborato all’allestimento della mostra “Torino 1706” e partecipato ai convegni storici sul Principe Eugenio (Associazione Immagine per il Piemonte, Torino 2006), sul Grand Tour (Moncalieri 2010) e su Utrecht 1713 (Torino 2013). Si è classificata in diversi premi letterari (dal Pannunzio a Penna d’Autore, da Scrivere Donna a Libri da gustare). Impegnata nel volontariato culturale, tiene un corso all’Unitre di Torino.
Giusi Audiberti, Non era il principe azzurro. I belli del Risorgimento mariti improbabili, Neos Edizioni, 2016. (foto: principe azzurro)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Moving tribute by India’s President

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

president-of-indiaNEW DELHI —2017 marks the two hundred year anniversary of the birth of Baha u llah, and thousands of Baha’i communities in localities around the world are preparing to commemorate this momentous occasion in October of this year.In India, as preparations advance, the Baha’i community has received from the President of India — His Excellency Pranab Mukherjee — a moving tribute honoring this bicentenary year. President Mukherjee’s message draws attention to the relevance today of Baha u llah’s well-known statement, “The earth is but one country and mankind its citizens,” and calls on all Indians to reflect on the life and vision of Baha u llah. (photo. president of india)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Futuro delle Infrastrutture e dei Trasporti Sostenibili nel Mondo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

stradeRoma dal 10 al 12 aprile nella sede dell’Automobile Club d’Italia (ACI), organizzato dall’Associazione Italiana per l’Ingegneria del Traffico e dei Trasporti (AIIT) si terrà il primo congresso internazionale “Transport Infrastructures and Systems” (TIS). E’ organizzato dall’Associazione Italiana per l’Ingegneria del Traffico e dei Trasporti (AIIT). Scienziati, ingegneri, manager e professionisti da oltre 40 Paesi, che si occupano di sviluppo sostenibile e manutenzione di infrastrutture e sistemi di trasporto, affronteranno i problemi di strade, ferrovie, aeroporti, porti e sistemi intermodali. Uno degli obiettivi principali è pensare infrastrutture di trasporto che mitighino gli impatti negativi sull’ambiente, includano pratiche sostenibili piuttosto che moderne tecniche costruttive e permettano di massimizzare la durata dell’opera. Città dinamiche e vivibili si affidano a sistemi di mobilità efficienti e la sicurezza stradale svolge un ruolo fondamentale in questo processo.
Il congresso TIS metterà sotto i riflettori tutte le modalità di trasporto, con oltre 150 presentazioni in più di 20 sessioni e workshop, interessanti per policy maker, amministratori, professionisti, ricercatori e rappresentanti delle Istituzioni. Aprirà i lavori il prof. Ennio Cascetta coordinatore della Struttura tecnica di Missione per l’indirizzo strategico, lo sviluppo delle infrastrutture e l’Alta Sorveglianza presso il MIT.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

MANTRIKA di Cosimo Alberti e Danilo Ròvani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

MantrikaNapoli Sabato 8 aprile 2017, ore 21.00 Domenica 9 aprile 2017, ore 18.30 e ore 21.00 se con sovrannumero di prenotazioni per il primo spettacolo Via Sedile di Porto, 55 (Via Mezzocannone) sarà di scena sul palcoscenico dell’AvaNposto Numero Zero MANTRIKA un percorso tra sacro e profano di e con Cosimo Alberti e Danilo Ròvani con la partecipazione di Luigi Montesanto e Tony Saggese.
Composizione per voce e tammorra sulle pene d’amore con canti devozionali e brani recitati al ritmo dei tamburi, Mantrika è un cammino spirituale che ha per protagonisti due pellegrini; un angelo nero un po’ indemoniato e un diavolo bianco un po’ angelico, che incarneranno a vicenda svariati personaggi: pescatori innamorati, cavalieri ammaliati, capitani suicidi, suonatori comici e comici suonatori. Un viaggio nell’anima umana sempre più convalescente che inizia con un mare in tempesta e il naufragio di alcuni marinai su un’isola sconosciuta che si domandano, quale delle molte divinità che esistono, li abbia salvati. Indossano monili e amuleti di diverse religioni del mondo e hanno tatuati sulla pelle simboli esoterici. Uno degli uomini è convinto che sia la stessa energia dell’uomo a creare Dio, ma loro sono napoletani e pensano che se c’è qualcuno da ringraziare, è senz’altro la mamma di tutte le mamme, la Madonna delle Grazie. Per ringraziare, d’ora in poi passeranno, come in un mantra da un corpo all’altro, in un turbinio di volti e caratteri, tra canti, ballate e favole magiche, perdendo la memoria terrena per acquistare quella atavica al suono della tammorra e della melodia di canti ancestrali. In un vortice senza fine i cuori innamorati di questi uomini si perderanno, accarezzati da illusioni lontane, per non ritrovarsi più se non nel cuore più grande dei loro, quello di chi sempre li ha amati incondizionatamente e senza riserve come solo una madre può fare, colei che non tradirà mai il loro amore tenendoli sempre con sé, colei che è la mamma di tutta le mamme.Contributo associativo AvaNposto Numero Zero 10€. Ingresso riservato ai soci. (foto: mantrika)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Schizofrenia: arriva la prima terapia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

schizofreniaIl loro grande sogno è la libertà. Libertà di organizzare il proprio tempo, di immaginare un futuro, di avviare nuovi progetti. Ma nella realtà quotidiana i pazienti con schizofrenia e malattia psicotica convivono soprattutto con il peso di una terapia da non saltare mai per evitare una ricaduta, un nuovo episodio psicotico che comporta il ricovero e fa crollare con un soffio il castello della vita faticosamente ricostruito.
In anni recenti, però, la cura delle psicosi è cambiata grazie all’avvento dei LAI – Long Acting Injectables, farmaci a lunga durata d’azione, che permettono intervalli di somministrazione più lunghi rispetto ai farmaci orali e grazie ai quali il paziente non è più condizionato dall’assunzione giornaliera della terapia.
A essere cambiati, in questi anni, non sono solo le strategie terapeutiche ma lo stesso volto della malattia psicotica, malattia sempre più giovane. Diminuisce l’età media alla quale i pazienti arrivano dallo psichiatra, perché la patologia viene diagnosticata sempre più precocemente, indice in parte di una maggiore accettazione del concetto di malattia mentale da parte delle famiglie e della società, ma anche a causa di alcuni fattori esterni che ne anticipano l’esplosione: il consumo di sostanze stupefacenti in primis, ma anche il ritmo di vita frenetico, l’esposizione continua a stimoli diversi, il bombardamento mediatico, l’incitamento alla violenza, che aprono la porta ad una malattia probabilmente già presente, ma che in altre condizioni non necessariamente si sarebbe manifestata così precocemente. «Per affrontare il percorso terapeutico di questi giovani pazienti, è fondamentale tener presente che una più lunga durata di malattia non trattata in soggetti schizofrenici è stata associata a una più lunga degenza ospedaliera, a più alti tassi di ospedalizzazione nel lungo periodo e a una più importante disabilità. Quindi è preferibile trattare la malattia prima possibile, evitando la degenerazione e il peggioramento. Uno studio retrospettivo con 21.492 pazienti affetti da schizofrenia ha mostrato come la terapia di lungo periodo con i farmaci antipsicotici (non con benzodiazepine) sia associata a un minor tasso di mortalità generale e suicidio, rispetto a nessun trattamento», commenta Carlo Altamura, Direttore Clinica Psichiatrica Università degli Sudi di Milano e Unità operativa di Psichiatria Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico di Milano e Presidente Società Italiana di Neuropsicofarmacologia (SINPF).
«Il recupero del paziente con schizofrenia è diventato nel corso degli ultimi anni un elemento sempre più importante per noi psichiatri e prima ancora per i pazienti», spiega Silvana Galderisi, Professore Ordinario di Psichiatria, Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” e Presidente della European Psychiatric Association (EPA). «Nell’arco dell’ultimo decennio abbiamo fatto un percorso migliorativo di cura, che ha coinvolto medici, pazienti e familiari e che, da un approccio clinico in cui si affrontavano solo gli effetti devastanti delle fasi acute della malattia, ci ha condotto gradualmente alla situazione attuale in cui si cerca di perseguire il reinserimento della persona nel suo ambiente socio-familiare. L’integrazione passa attraverso molteplici fattori connessi tra loro ma tutti essenziali per il restituire un significato pieno alla vita del paziente: la resilienza, la consapevolezza sociale, la lotta contro lo stigma, le capacità funzionali. Naturalmente la stabilità delle condizioni cliniche del paziente è un fattore indispensabile per la continuità e la completezza dei percorsi di reinserimento. Pertanto la disponibilità di trattamenti farmacologici che migliorano l’aderenza alla cura rappresenta un importante tassello della strada per il recupero. I farmaci long-acting sono certamente un presidio importante in tal senso e uno schema di terapia che prevede 4 somministrazioni in un anno può essere gradito a molte persone, semplificare questo aspetto della cura e rispondere a svariate esigenze».
«La novità terapeutica presentata oggi è frutto di un impegno costante dell’azienda in ricerca e sviluppo, con l’obiettivo di offrire soluzioni che rendano la vita migliore al paziente. Non ci siamo mai fermati, da 60 anni a questa parte, nel perseguire un progressivo miglioramento che, passo dopo passo e anno dopo anno, porti a risultati concreti. L’area salute mentale ne è un chiaro esempio: nel punto da cui siamo partiti c’era una situazione in cui questi malati venivano isolati e rinchiusi in manicomi, ora siamo arrivati a parlare di una terapia di 4 volte l’anno. Janssen ha avuto un ruolo centrale in questa rivoluzione», ha commentato Massimo Scaccabarozzi, Presidente e Amministratore Delegato Janssen Italia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Roma: Parco Archeologico Centocelle

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

parco-di-centocelleRoma è stata approvata all’unanimità la mozione presentata dal coordinamento popolare. E’ passata all’unanimità la mozione voluta dal Coordinamento popolare PAC, di cui riprende gran parte dei punti. Primi tra tutti l’inalienabilità del Parco e il vincolo democratico per cui occorrerà condividere con i cittadini qualsiasi progetto si andrà a sviluppare su di esso. La Mozione impegna, tra le altre cose, il Presidente e la Giunta del V Municipio a:
– sollecitare l’esecuzione di quanto previsto dall Ordinanza del Sindaco fino alla bonifica complessiva del Parco;
– informare prontamente i cittadini sull’inquinamento ambientale;
– accellerare la delocalizzazione degli autodemolitori;
– mantenere gli impegni presi durante l’Assemblea dello scorso 7 marzo;
– creazione tavolo di lavoro cittadino con la presenza di tutti gli Attori coinvolti (cittadini, comitati ed associazioni del territorio, Municipi confinanti) per lo studio delle problematiche del Parco;
– attivazione fruibilità del Parco, aprendo accessi ciclopedonali;
– subordinare gli atti riguardanti il Parco e i lavori previsti agli esiti della discussione in sede di Tavolo;
– fornire informazioni circa l’impatto sull’inquinamento del progetto cd Pentagono Militare voluto dalla Ministra Pinotti;
– richiedere all’Assessora all’ambiente Montanari la predisposizione di un programma con tempi espliciti circa la bonifica dell’area interessata dai roghi tossici, del Parco nella sua totalità, spostamento autodemolitori, interventi di riqualificazione relativi al II Lotto dei Lavori Pac.
E sottolineiamo il lapsus freudiano commesso dal Consiglio nella Mozione dove indica come TOSSICI i roghi sviluppatisi nel Canalone, mentre l’Arpa ha diffuso risultati di campionamento entro i limiti di emissione di legge. Che non fosse aria di montagna era stato denunciato da tempo da parte dei cittadini.
Questa Mozione è un ”pezzo di carta” fino a quando non ci saranno le prime riverberazioni pratiche e azioni concrete da parte del V Municipio. Perchè purtroppo ancora non si parla di tempi certi, si parla di ”impegni ad avviare processi” e non ”impegni di risultato”.
E i romani del quadrante sud-est della città restano pronti alla lotta per la difesa della salute dei propri figli e loro e del PAC come bene comune.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concierto de Alexander Gadjiev

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

Alexander GadjievMadrid. Alexander Gadjiev ofrecerá este jueves, 6 de abril a las 20:00 horas, en el Instituto Italiano de Cultura de Madrid, un recital de piano con un programa que incluye obras de Schumann y Liszt. El concierto será con acceso LIBRE HASTA COMPLETAR EL AFORO. Tras el éxito del Quartetto Noûs y del Dúo Biondi&Brunialti, continúa el próximo 6 de abril la nueva edición de “Suono Italiano Madrid”, ciclo que organizan el IIC Madrid junto al Cidim (Comitato Nazionale Italiano Musica), con el patrocinio de Unión Fenosa Gas. El protagonista de este tercer concierto será el pianista Alexander Gadjiev. El programa incluirá obras de Schumann y Liszt.
Alexander Gadjiev, 1° Premio y Premio del Público de la Novena edición del prestigioso “Hamamatsu International Piano Competition”, nació en 1994 en Gorizia, en una familia de músicos. En 2012 fue ganador de la IX edición del “Premio delle Arti” y en noviembre de 2014 de la XXX edición del prestigioso “Premio Venezia”. Invitado en las principales sociedades concertísticas italianas, Gadjiev ha iniciado una vivaz actividad internacional, también como solista con la orquesta. En este ámbito, es de destacar el concierto ejecutado en abril de 2015 con la Orchestra del Teatro la Fenice, bajo la dirección del Maestro Yuri Temirkanov, en el que interpretó el Concierto n. 1 de Shostakovich. En el otoño de 2015 ha dado recitales solistas en importantes temporadas concertísticas como el festival “MiTo” en Turín, el “Festival Pianistico” del Ridotto del Teatro Verdi de Trieste y “Pordenone legge” en el Teatro Comunale de Pordenone. En noviembre de 2015 ha debutado en un recital solista en la Sala Grande de la Filarmonía de Ljubljana. (photo:Alexander Gadjiev)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: Totò genio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

totòNapoli 13 aprile – 9 luglio 2017 Palazzo Reale Museo Civico di Castel Nuovo (Maschio Angioino) Convento di San Domenico Maggiore. Presentazione stampa: mercoledì 12 aprile ore 11.00 Teatro di Corte, Palazzo Reale, Napoli
In occasione del cinquantenario della scomparsa del grande Antonio de Curtis, in arte Totò, avvenuta il 15 aprile 1967, e nell’ambito delle celebrazioni che si terranno in suo ricordo, la città di Napoli ospita la mostra monumentale Totò Genio, voluta dall’Associazione Antonio de Curtis, promossa e co organizzata dal Comune di Napoli in collaborazione con le maggiori istituzioni culturali del paese, l’Istituto Luce, il Polo Museale della Campania – Palazzo Reale, la RAI, la Siae – Società italiana degli Autori ed Editori, con il contributo di Rai Teche e dell’Archivio Centrale dello Stato.Curata da Alessandro Nicosia, che ha coordinato anche la direzione generale del progetto, insieme a Vincenzo Mollica, la mostra è prodotta da C.O.R, Creare Organizzare Realizzare.Il catalogo ufficiale, realizzato da Skira, è introdotto da una prefazione di Goffredo Fofi.La mostra ospitata a Napoli è la prima grande antologica dedicata a Totò e vuole mettere in luce la grandezza di uno dei maggiori interpreti italiani del Novecento: un viaggio indietro nel tempo, attraverso l’arte universale di Totò, figura poliedrica che ha giocato la sua vita gomito a gomito con l’arte dello stupore.
Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfiro – genito Gagliardi De Curtis Di Bisanzio, più brevemente Antonio de Curtis e conosciuto al grande pubblico come Totò, è stato uno dei maggiori artisti italiani, simbolo dello spettacolo comico in Italia, un artista a tutto tondo, attore di teatro e di cinema (sono 97 i film da lui interpretati) ma anche poeta e autore di canzoni.
Proprio in virtù del forte legame che univa Totò a Napoli, si è scelto di ospitare questa grande mostra nella città da lui tanto amata, come prima tappa di un lungo progetto itinerante nazionale e poi internazionale. Tre i luoghi prescelti per mettere insieme i tanti tasselli di un grande mosaico che rappresenta l’arte di Totò: il Museo Civico di Castel Nuovo (Maschio Angioino), Palazzo Reale e il Convento di San Domenico Maggiore. All’interno di questi prestigiosi spazi si snoda il percorso delle mostre nella mostra, che ripercorrono e raccontano attraverso centinaia di documenti tra fotografie, filmati, costumi di scena, locandine di film, interviste, disegni, riviste e giornali d’epoca, spezzoni cinematografici e televisivi, manoscritti personali, lettere, cimeli e materiale inedito, la vita, l’arte e la grandezza del Principe Antonio de Curtis.
totòLa mostra ospitata all’interno del Convento di San Domenico Maggiore permetterà di scoprire nuovi importanti aspetti della figura del grande artista, attraverso diverse sezioni. In questa parte dell’esposizione verrà raccontato un Totò più “privato” attraverso 250 fotografie che lo ritraggono nei fuoriscena dei suoi film, nei momenti di vita quotidiana, nelle serate mondane e che mostrano le sue passioni, come quella per gli animali.
Nella prima sezione Totò e il cinema, allestita nel Piccolo Refettorio, verranno esposti manifesti, locandine e fotobuste dei 97 film che hanno visto protagonista Totò e che lo hanno fatto conoscere al grande pubblico.
Totò e la pubblicità racconta un aspetto meno noto della sua carriera; come molti altri personaggi del cinema e della televisione, ha fornito la propria testimonianza diretta sulla qualità dei prodotti italiani. Negli anni è stato testimonial di diversi prodotti, come nel 1957, quando insieme a Franca Faldini è stato protagonista della pubblicità della Lambretta, oppure ancora nel caso della Perugina, che lo scelse come volto per pubblicizzare il famoso Bacio. Nessuno mi ricorderà è la frase con cui, pochi giorni prima della sua scomparsa, Totò chiuse un’intervista. In questa parte della mostra vengono raccontati i suoi funerali, che furono tre, il primo a Roma, il secondo a Napoli e il terzo nel Rione Sanità a Napoli, in cui era nato. Attraverso fotografie, filmati storici provenienti dall’Archivio Luce e dalla Rai, giornali e ricordi, viene data testimonianza del sentito e meraviglioso addio che Napoli ha rivolto al suo più grande artista. (foto. totò)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Stranieri che comprano casa in Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

borgo casaleInnamorati dell’Italia, decisi a trovare il luogo perfetto per stabilirsi almeno sei mesi l’anno, quasi tutti cercano la casa ideale tramite Internet, motori di ricerca e portali immobiliari specializzati. Sono gli stranieri in cerca di una casa in Italia, normalmente una seconda casa per la pensione, le vacanze e come investimento per i propri risparmi. Più del 61% degli intervistati è over 55 e oltre l’87% visiterebbe il centro Italia nei prossimi 12 mesi per aiutare il territorio. Più del rischio sismico fanno tassazione e burocrazia, vissuti come un potente deterrente nell’acquisto di una casa nel nostro paese.L’indagine condotta da Gate-away.com, unico portale immobiliare in Italia rivolto ad agenti immobiliari e privati che vogliono vendere casa a stranieri e rivolto esclusivamente ad acquirenti esteri, si basa su un campione di oltre 1500 utenti stranieri. Principalmente si tratta di americani tedeschi e inglesi, insieme a olandesi e svedesi. Ma il raggio di azione copre oltre 150 paesi nel mondo. Il portale è il punto di riferimento oltre confine per chi deve trovare la casa ideale in Italia: genera oltre 1 milione e 700mila pagine visitate al mese, più di 110mila utenti unici mensili e oltre 31mila iscritti alla newsletter che propone la destinazione Italia all’estero, informazioni qualificate e soluzioni di visibilità per immobili in vendita.“Abbiamo utenti fortemente motivati perché amano il nostro paese e spesso ne sanno più di noi sull’Italia e i suoi tesori – commenta Simone Rossi, direttore generale di Gate-away.com – e ci rincuora sapere che oltre il 55% degli intervistati pone l’Italia come unica scelta nella sua ricerca di una casa all’estero. La convinzione che motiva questa predilezione è quella di ritenere superiore la qualità della vita in Italia: ben oltre il 50% degli intervistati pone natura, clima, arte cultura ed enogastronomia come elementi determinanti, che sono quindi un volano per calamitare le preferenze”.Nell’approfondimento dell’indagine dedicata al centro Italia volta a conoscere l’atteggiamento degli stranieri nei confronti delle zone colpite dal sisma, emerge un aspetto particolare legato alla consapevolezza che si può tornare e investire nelle regioni colpite, scegliendo magari aree più sicure (43%) e utilizzando soluzioni costruttive antisismiche che rendano più sicura l’abitazione (33%).Una buona notizia che arriva dall’indagine è che quasi la totalità degli intervistati visiterebbe il centro Italia come turista entro i prossimi 12 mesi sapendo che questo aiuterebbe l’economia locale. “Un messaggio importante e di vitale importanza – afferma Simone Rossi – che Gate-away.com vuole trasmettere ad operatori del settore turistico e immobiliare, ma anche a privati che vogliono vendere casa a stranieri. Ovviamente investire in zone dove la ricostruzione non è neanche avviata – conclude Simone Rossi – per gli acquirenti esteri rappresenta un’opzione poco realistica. Ma spostarsi di qualche chilometro per scegliere un immobile sempre in Lazio, Abruzzo, Marche e Umbria è invece un’idea che molti stranieri possono considerare seriamente”. Come confermano le rilevazioni, il deterrente più grande che rende complicato scegliere casa in Italia va identificato piuttosto nella burocrazia, aggravata dal sistema di tassazione italiano: due aspetti che mettono a dura prova non solo gli italiani ma anche gli stranieri e che totalizzano il 43% delle risposte rispetto al 10% del rischio sismico. Soprattutto riguardano tutto il territorio nazionale, non solo i comuni colpiti dal sisma.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

BREXIT – BDO: sterlina debole, inflazione e IVA spine nel fianco della Gran Bretagna

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

sterlinaLondra. Rallentamento dei consumi e inflazione galoppante sono i primi nodi che la Gran Bretagna in fase di transizione verso Brexit si trova a dover affrontare. Secondo BDO, network internazionale di revisione contabile e consulenza aziendale, infatti, l’impatto economico di una sterlina sempre più debole nei confronti dell’euro porterà più dolori che benefici.Il recente studio Manufacturing Outlook Q1 2017 di BDO rivela che la prima vera sfida per l’economia inglese si giocherà sul terreno dei salari e dei consumi. Il settore alimentare sarà quello che avrà un impatto maggiore sulle tasche dei consumatori inglesi: i costi di importazione, alla luce della debolezza della sterlina, faranno lievitare i costi retail del food&beverage tra il 5 e il 10%. Ci si aspetta che gli inglesi reagiscano a questo trend nella maniera più immediata, ovvero frenando il consumo di questi beni.
L’inflazione in aumento, a cui non sta corrispondendo un aumento dei salari, porterà quindi a un rallentamento dei consumi. La sterlina rimarrà debole, continuando a spronare l’export britannico ma anche il segmento del turismo. Per l’inflazione, in particolare, si stima un aumento del 2,8% nel corso del 2017. Bisognerà attendere il 2018, secondo BDO, perché l’inflazione faccia qualche passo indietro.
Il 2016 è stato un anno di crescita per la manifattura britannica, con un +0,7% fatto segnare dalla produzione industriale nazionale: un risultato oltre le aspettative. Negli ultimi mesi dell’anno scorso, le statistiche hanno mostrato un incremento in più della metà dei segmenti industriali, segno che il referendum su UE non ha causato danni irreparabili all’industria inglese. Gli indicatori di questo inizio d’anno fanno pensare che questi trend positivi siano stati trasportati anche nel 2017, con la sterlina debole che continua a gonfiare le vele dell’export britannico. Le aziende in Gran Bretagna pianificano investimenti e assunzioni per il prossimo futuro, segno che il manifatturiero inglese ha le capacità e le abilità per rispondere alle esigenze dei clienti a livello internazionale.Le previsioni di BDO per il primo trimestre del 2017 in UK sono tutte positive: sia il mercato domestico sia il mercato estero vengono stimati in crescita, così come la fiducia delle imprese, il livello occupazionale e gli investimenti. Esaminando i soli dati economici, i trend positivi dovrebbero continuare anche nel corso del secondo trimestre dell’anno, grande influenza sullo scenario generale la avranno i negoziati dopo l’attivazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona, prevista per il 29 marzo, che segnerà l’inizio della “Brexit” ufficiale, ovvero l’uscita ufficiale della Gran Bretagna dalla UE.Il report di BDO Business Trends ci dà un quadro preciso della situazione inglese in piena Brexit di questi primi mesi del 2017. Salvo l’indice relativo all’occupazione, rimasto stabile rispetto al mese precedente al valore di 101,9, tutti gli altri indici registrano in febbraio un calo rispetto al mese precedente. L’indice sull’occupazione rimane ai livelli più alti registrati dal maggio 2016, con un tasso di occupazione che rimane al livello record di 74,6% e un tasso di disoccupazione di solo il 4,8%. A ciò non corrisponde, tuttavia, un adeguato incremento della media dei redditi dei lavoratori. Si prevede un possibile indebolimento del mercato del lavoro nei prossimi mesi, a causa del clima di incertezza generale, che potrebbe portare a un ritardo nei processi di assunzione. “I rapidi cambiamenti dal punto di vista tecnologico e regolatorio, la crescita di movimenti politici populisti, un rapporto incerto con i Paesi UE e le opportunità nascenti di accordi commerciali in tutto il globo stanno facendo sì che i confini che una volta davano forma al modo di fare business del manifatturiero inglese stiano cambiando o scomparendo – prosegue Del Bianco di BDO Italia. – I risultati di questo Q1, tuttavia, mostrano quanto l’industria britannica si stia rivelando resiliente a tutti questi cambiamenti in atto.” Nel mese di febbraio, l’output index ha subito un leggero calo rispetto al mese precedente, passando dal 97,5 di gennaio al 97,2 di febbraio…[…]

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Yuriko Damiani presenta le sue delicate e colorate creazioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

kimone dragoneRoma. Mercoledì 5 (vernissage ore 18:30) e giovedì 6 aprile, presso la galleria romana SpazioCima, in via Ombrone 9, in vista dell’appuntamento romano “Festival dell’Oriente” di fine aprile, l’artista Yuriko Damiani presenta le sue delicate e colorate creazioni, tra draghi e farfalle, fiori e tanti altri simboli della cultura nipponica. Piatti, vasi e centrotavola di rara bellezza, realizzati artigianalmente e dipinti con colori puri e oro 14 carati.
Ospiti del vernissage di mercoledì 5 aprile, ore 18:30, anche la Band “Oltre Project” (Francesca Fusco voce, Luigi Tresca sax soprano, Lorenzo Apicella pianoforte e arrangiamenti). Il gruppo si dedica a diversi progetti multimediali in cui la musica incontra altre forme d’arte. Proporrà “Il Sol levante di Riuichy Sakamoto” che unisce i capolavori del grande compositore ai versi della tradizione letteraria giapponese in particolare alla forma poetica dell’Haiku. Tra i brani del concerto “Forbidden Colours” brano presente anche nel loro disco “Coloured Shadows”. Sponsor tecnico della vernice, Metropoliz Wine, il vino trend delle grandi metropoli legato all’arte contemporanea.
Violino frontePorcellana decorata con polvere di oro antico su fondo oro metallizzato o su fondo nero. L’artista utilizza l’oro antico in quanto, risultando più ruvido al tatto, risulta più caldo. L’oro antico è importato direttamente dal Giappone ed è dato in modo che non rifletta la luce, come è sempre stato fatto in antichità, ma in modo che la assorba. L’oro antico è molto più resistente in quanto viene cotto a 780 gradi e può subire diverse cotture senza danno. Caratteristica è quella dei disegni geometrici creati da due o tre tonalità di oro antico. La precisione e meticolosità rendono questi pezzi unici.
Figlia d’arte, nasce a Roma nel 1972 da mamma giapponese, pittrice ed insegnante di decorazione su porcellana, e papà italiano, profondo conoscitore della cultura del Sol Levante. Frequenta la facoltà di architettura dimostrando, però, sempre una propensione per l’arte e il disegno a mano libera che abbandona per molti anni per dedicarsi all’arredamento e fondare la catena di negozi di design DCube. In seguito riprende la sua iniziale passione decidendo di dedicarsi a tempo pieno alla decorazione su porcellana. Fondamentale per il suo percorso la straordinaria esperienza lavorativa in Giappone nello studio dell’Architetto Yoshinobu Ashihara.Durante questa esperienza comprende l’importanza degli equilibri fra “pieni” e “vuoti” tipici dell’arte giapponese. Il primo affaccio nel mondo della porcellana avviene nel 2014 a Milano durante il prestigioso convegno internazionale “XIII Convention Azzurra”, dove riceve una menzione d’onore per l’opera presentata. In Yuriko piattoseguito perfeziona sempre più la sua tecnica fondendo la cultura italiana a quella giapponese sperimentando molteplici accostamenti di colori e di materiali per arrivare così alla tecnica “Oro Antico a rilievo su Oro Brillante”. L’accostamento di temi orientali a quelli occidentali rendono le sue opere senza alcun dubbio identificabili.
Prosegue contemporaneamente l’esposizione “Paesaggi umani – con lo sguardo rivolto all’interno”, visitabile sino al 28 aprile, dal lunedì al venerdì, dalle ore 15:30 alle 19:30. La galleria rimarrà chiusa dal 13 al 18 aprile. Ingresso gratuito. La mostra, organizzata da Roberta Cima e Giuliano Graziani,curata da Roberta Cima, propone circa trenta opere dell’artista. Cornici liquefatte, cemento frammentato, grovigli di corde ben intrecciate, bruciature quasi perfette.Una serie di opere in cui i contrasti, tra materiali morbidi e duri, tra bianco e nero, sottolineano la disillusione e il pessimismo dell’artista nichilista. Il colore qui non è un elemento cromatico, meramente estetico, ma un principio significativo. Le sfumature sono lievissime, prevalgono il conflitto e l’uniformità, ulteriore simbolo di dualità psicologica e sensoriale. Qui anche i puzzle perdono valore, la propria riconoscibilità: vengono privati del loro senso, così come l’uomo viene alterato nella sua esistenza. (foto: kimone dragone, Violino fronte, Yuriko piatto)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

National Referendums on EU Issues: from Clarification to Frustration/L’UE et les référendums nationaux : de la clarification à la frustration

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

European UnionThe recent succession of referendums that led to people saying “no to Europe” are leading to a radicalisation of political debate over the articulation between national democratic choices and belonging to the European Union. Often this debate leads to a challenge being made to “denials of democracy” which are said to result when national referendum results are not taken into account; this Policy Paper by Yves Bertoncini, our director, brings claims like this into perspective.The progressive shift from conciliation to contradiction, then from contradiction to confrontation, should prompt us to highlight which political conditions enable a better juncture between national referendums and European integration, not only to guarantee the smooth functioning of our democracies, but also the European Union’s ability to act effectively and legitimately.
1. National referendums on European issues reflect an often harmonious conciliation
2. Negative referendums on “indivisible” European issues reflect a structural contradiction between national democracies
3. The referendums of the “third type” are hopeless tools of confrontation between the EU member states.
La succession récente de référendums ayant conduit à dire « non à l’Europe » contribue à radicaliser le débat sur l’articulation entre les choix démocratiques nationaux et l’appartenance à l’Union européenne. Il est fréquent que ce débat débouche sur la mise en cause des « dénis de démocratie » qui découleraient de la non-prise en compte des verdicts référendaires nationaux : ce Policy Paper de Yves Bertoncini, notre directeur, met en perspective une telle assertion.
Les glissements progressifs de la conciliation à la contradiction, puis de la contradiction à la confrontation, doivent inciter à mieux souligner dans quelles conditions politiques il est possible de bien articuler référendums nationaux et construction européenne, aussi bien pour garantir le fonctionnement effectif de nos démocraties que pour conforter la capacité de l’UE à agir de manière efficace et légitime.
1. Les référendums nationaux sur les enjeux européens traduisent une conciliation plutôt harmonieuse
2. Les référendums négatifs sur des enjeux européens « indivisibles » traduisent une contradiction structurelle entre démocraties nationales
3. Les « référendums du 3e type » sont les outils d’une confrontation sans issue entre les États membres de l’UE

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

On War and Terrorism

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

Roma Venerdì 7 Aprile 2017, ore 16:30 Dipartimento di Filosofia, Sala del Consiglio, Via Ostiense 234 Università Roma TreDepartment of Philosophy, Communication Studies and Media Studies On War and Terrorism
16:30 Introduction
16: 45 George Meggle (Leipzig), On terrorism
18:00 Christoph Lumer (Siena), Humanitarian interventions: A consequentialist conception
19:00 Mario De Caro (Roma Tre & Tufts), Is a just war theory still possible?
Ingresso libero

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Memorie di Orazio a Tivoli: Stazio, Silvae 1, 3

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

Roma Venerdì 7 Aprile 2017, ore 15:00 Dipartimento di Studi Umanistici, Aula Paolo Radiciotti Via Ostiense 234/236 il Prof. Andrea Cucchiarelli (Sapienza – Università di Roma) terrà un seminario sul tema Memorie di Orazio a Tivoli: Stazio, Silvae 1, 3.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del volume ‘Capacitare l’Innovazione. La formatività dell’agire lavorativo’

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

Roma Venerdì 7 Aprile 2017, ore 14:30 Dipartimento di Scienze della Formazione, Aula 4 Via Principe d’Amedeo 186 – il Prof. Massimiliano Costa dell’Università Cà Foscari di Venezia presenterà il volume Capacitare l’Innovazione. La formatività dell’agire lavorativo (Franco Angeli, Milano 2016)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Linguaggio a Roma Tre

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

Roma Giovedì 6 Aprile 2017, ore 15:30 Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo, Aula Matassi Via Ostiense 234. Il Prof. Claudio Giovanardi (Università degli Studi ‘Roma Tre’) terrà una conferenza dal titolo Qualche riflessione sulla grammaticografia del primo Cinquecento, nell’ambito del ciclo seminariale Linguaggio a Roma Tre.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Seminario sul cinese classico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

Roma Giovedì 6 Aprile 2017, ore 15:00 Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Straniere, Sala Ignazio Ambrogio Via del Valco di San Paolo 19. Il prof. Attilio Andreini (Università Ca’ Foscari, Venezia) il 6 aprile alle ore 15 terrà un seminario dal titolo Frasi, sintagmi, parole: studiare il cinese classico a partire dalla sintassi.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Seminario di Geometria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 5 aprile 2017

Roma Giovedì 6 Aprile 2017, ore 14:30 Dipartimento di Matematica e Fisica, Aula 211 Largo San Leonardo Murialdo, 1. Generic vanishing and minimal cohomology classes on abelian fivefolds. Stefan Schreieder (University of Bonn) Abstract. Building on previous conjectures of Beauville and Ran, Debarre famously conjectured that Jacobians of curves and intermediate Jacobians of smooth cubic threefolds are the only principally polarized abelian varieties which contain a subvariety with minimal cohomology class. In this talk we discuss a sheaf theoretic analogue of that conjecture, due to Pareschi and Popa, and explain how to prove Pareschi–Popa’s conjecture in dimension five. Our result is implied by a more general statement about subvarieties of minimal cohomology class whose sum is a theta divisor. This is joint work with Casalaina-Martin and Popa.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »