Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 55

Archive for 19 gennaio 2020

Governo: I 23 miliardi trovati dal premier Conte

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Sorseggiando il caffè di mezza mattinata, mi imbatto con un avventore, Tizio, che, con aria soddisfatta, dice: il Governo ha trovato 23 miliardi, così non pagheremo le tasse. Il tempo di degustare la nera bevanda è troppo breve perché mi avventuri in approfondimenti fra tasse e imposte, ma, con fare interessato, chiedo a Tizio dove il Governo ha trovato i 23 miliardi. Al che, Tizio, rimane perplesso, si riprende e afferma “lo ha detto il presidente Conte al telegiornale”, e se ne va.Conversazione chiusa che vorrei riprendere.Il premier Conte non ha trovato un bel niente, perché i 23 miliardi sono debito. Non esiste la pignatta colma di monete d’oro alla fine dell’arcobaleno, ma c’è un debito pubblico che ha raggiunto la ragguardevole cifra di 2.444 miliardi, che divisi per 60 milioni di italiani, neonati e centenari compresi, fanno circa 41 mila euro a testa di debito.Il bello, ovvero il brutto, è che nessun giornalista contesti le affermazione del premier Conte.Siamo sempre più convinti che i telegiornali servono a vedere le previsioni meteo. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc) (n.r. pubblichiamo come titolo di testa di oggi quanto ci è pervenuto da Aduc perché come giornalisti, sia pure in sedicesimo, ci siamo sentiti toccati sul vivo. La verità è che stiamo “affogando” nella disinformazione e con il rischio che alla fine dopo aver denudato la verità per ricoprirla solo con le vesti della falsità continuiamo ad osannarla. Dovremmo anche stimolare i lettori e quanti per la loro professione sono in contatto con la gente a considerare con più attenzione le notizie che pervengono e a stimolarne il senso critico e non a lasciare agli altri le conclusioni di comodo per ammannirci le loro castronerie e compiacercene. Bravo Aduc e noi siamo contenti che abbiamo scelto da anni, oramai, di pubblicare i suoi comunicati e ad apprezzarne la competenza e la serietà degli interventi.)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Grand Egyptian Museum di Giza

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Nel cuore di Tokyo apre i battenti il nuovo Artizon Museum, incarnazione dell’ex Bridgeston Museum of Art, fondato nel 1952 da Ishibashi Shojiro, proprietario della società Bridgestone e allo stesso tempo uno dei maggiori collezionisti d’arte del Sol Levante.
Il Museo era ospitato nell’headquarter dell’azienda, dove gli spazi espositivi erano però insufficienti e le opere d’arte di grandi dimensioni non potevano essere esposte a causa dei soffitti bassi, tipici degli uffici. Poi nel 2012, la decisione di ricostruire interamente l’edificio Bridgeston nello stesso luogo di origine e riprogettare così il museo da zero. Nikken Sekkei è stato incaricato della progettazione della nuova struttura, mentre a Tonerico INC è stata affidata quella del Museo, collocato ai piani inferiori. I lavori sono terminati a luglio 2019 e da sabato 18 gennaio il Museo riapre le porte al pubblico in una veste totalmente rinnovata.Grazie alla Fondazione Ishibashi, fondata nel 1956 da Shojiro per portare avanti il sogno di una vita, ovvero condividere l’arte da lui collezionata nel corso degli anni e proseguire in tale intento anche negli anni a venire, in 65 anni la collezione si è allargata fino a comprendere 2.800 opere d’arte antica, moderna e in particolare capolavori di impressionisti, arte del 20° secolo e contemporanea: una collezione permanente che sarà esposta a rotazione con esposizioni temporanee.Il nuovo Museo Artizon simboleggia ora un senso di rinascita, incarna il desiderio di rinnovarsi sia nel nome sia nella sostanza, un luogo dove il pubblico può non solo apprezzare l’arte, ma sperimentare il concetto di creatività del passato, del presente e del futuro.Lo spazio espositivo occupa attualmente un’area di circa 2100 m2, il doppio di quella del vecchio Museo. L’Artizon Museum è stato progettato e costruito tenendo conto dei più alti standard di sicurezza dal punto di vista antisismico e in un’ottica di totale isolamento delle opere in caso di possibili tsunami e inondazioni. Per soddisfare le particolari esigenze curatoriali di questo nuovo museo in stile urbano, Goppion, impresa italiana leader nella progettazione di sistemi espositivi di ultima generazione, è stata chiamata a realizzare sei vetrine. Una delle principali sfide incontrate dall’azienda milanese è stata la complessità dei sistemi di apertura motorizzati e telecomandati la cui operatività è gestita da sistemi elettronici. Delle sei vetrine infatti, tre sono dotate di apertura motorizzata che, in caso di mancata alimentazione elettrica, per esempio a seguito di terremoti, possono comunque essere aperte manualmente per la gestione e messa in sicurezza delle opere.Terminato il lavoro di Tokyo, Goppion si appresta a terminare un’altra prestigiosa collaborazione: quella con il Grand Egyptian Museum di Giza in Egitto, il museo archeologico più grande di tutti i tempi (apertura prevista per l’autunno 2020) che custodirà manufatti egizi mai esposti prima.L’edificio sorge proprio nei pressi della Necropoli di Giza ed è stato progettato dalla Heneghan Pengun di Dublino. In esposizione: la collezione completa di reperti rinvenuti nella tomba del Faraone Tutankhamon, manufatti provenienti da altri grandi complessi espositivi d’Egitto e 5000 reperti che saranno movimentati dal Museo Egizio del Cairo per approdare al GEM. In totale oltre 50.000 manufatti saranno esposti al pubblico e circa la metà di questi saranno custoditi proprio all’interno di sistemi espositivi Goppion capaci di coniugare le più avanzate prestazioni di conservazione preventiva ad un design raffinato ed essenziale. Fondata nel 1952, Goppion è leader mondiale nella produzione di sistemi espositivi e conservativi in ambito museale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ciclo di incontri “Il futuro è uno spazio ospitale”

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Roma Teatro Palladium Piazza Bartolomeo Romano, 8, Dal 20 gennaio al 25 maggio il Teatro Palladium ospita in collaborazione con la Fondazione Leonardo – Civiltà delle Macchine – nata dall’omonima azienda italiana fra le prime dieci al mondo nel settore dell’aerospazio, difesa e sicurezza – il ciclo di incontri “Il futuro è uno spazio ospitale”. Cinque appuntamenti per parlare alle nuove generazioni di futuro e innovazione con alcuni tra i più importanti esponenti del mondo scientifico, universitario e industriale. L’iniziativa nasce con l’obiettivo di incentivare la condivisione di conoscenze e opportunità, contribuendo alla divulgazione della cultura scientifica affinché sia a disposizione di tutti.Le conversazioni spazieranno dal tema dell’intelligenza artificiale e il suo rapporto con l’intelligenza umana, allo spazio, che pone l’interrogativo dell’uomo su Marte, proseguendo con le implicazioni che la scoperta del bosone di Higgs ha per la scienza e la vita, fino alle energie del futuro e alla salute circolare.Protagonisti degli incontri sono: Roberto Cingolani (Chief Technology e Innovation Officer Leonardo), Eleonora Ammannito (Scientific Researcher ASI – Agenzia Spaziale Italiana), Fabiola Gianotti (Direttore Generale Cern), Valeria Termini (Professore ordinario di Economia politica – Università Roma Tre) e Ilaria Capua (Virologa e direttrice del One Health Center of Excellence, Florida University).Il primo appuntamento in programma lunedì 20 gennaio alle ore 18 affronta il tema dell’ intelligenza artificiale e intelligenza naturale. Siamo pronti a convivere con un’altra specie capace di decidere ma incapace di volere? Il digitale è una vera rivoluzione? Esistono davvero due intelligenze, naturale e artificiale? Quali saranno i codici del futuro? Proverà a dare una risposta Roberto Cingolani, Chief Technology & Innovation Officer di Leonardo da settembre 2019, dopo essere stato Direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia dal 2005 al 2019.Programma:
•20 gennaio ore 18.00 – Roberto Cingolani, Chief Technology e Innovation Officer Leonardo – “L’altra specie: rapporti tra I.A. e intelligenza naturale”
• 24 febbraio ore 18.00 – Eleonora Ammannito, Scientific Researcher ASI – Agenzia Spaziale Italiana – “Andare su Marte: come, quando e perché”
• 23 marzo ore 18.00 – Fabiola Gianotti, Direttore Generale Cern – “Il bosone di Higgs: implicazioni per la scienza e per la vita”
• 27 aprile ore 18.00 – Valeria Termini, Professore ordinario di Economia politica – Università degli Studi Roma Tre – ”Dopo il petrolio: l’energia del futuro”
• 25 maggio ore 18.00 – Ilaria Capua, Virologa e direttrice del One Health Center of Excellence, Florida University – “Salute circolare”

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Filigrana

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Bologna venerdì 24 gennaio 2020 alle ore 18.00 a Palazzo Vizzani (via Santo Stefano 43) la mostra Filigrana, che propone un dialogo tra le opere, per la maggior parte inedite, di Stefano Arienti, Pierpaolo Campanini e Maurizio Mercuri, a cura di Fulvio Chimento. Filigrana è promossa e organizzata dall’Associazione Alchemilla in collaborazione con Associazione Controcorrente nell’ambito di ART CITY Segnala 2020 e in occasione di Arte Fiera. L’idea di coinvolgere Arienti, Campanini e Mercuri nella mostra Filigrana, nata per gli ambienti settecenteschi di Palazzo Vizzani, ha lo scopo di offrire al pubblico un percorso espositivo ricercato dal punto di vista teorico ed estetico. La filigrana, antica tecnica di impressione visibile su carta solo in trasparenza o in controluce, rimanda infatti alla preziosità e alla sapienza del processo di elaborazione artistica, ma costituisce simbolicamente anche l’anima dell’opera d’arte che può manifestarsi o rimanere quieta, in attesa di un atto critico in grado di ridestarla. Stefano Arienti presenta esclusivamente opere inedite, frutto della sua attuale ricerca, che prevede la stampa di immagini, prodotte dallo stesso artista, su materiali di uso comune, come tappetini in ciniglia o carta da manifesto sapientemente lavorata fino a ottenere una resa quasi scultorea. In altra serie di lavori la superficie fotografica è cucita a macchina, l’ordito della trama costituisce il codice-segno impresso dall’artista sulla propria opera. Arienti si serve di un raffinato linguaggio metamorfico che gli consente di manipolare gli oggetti con cui si misura, trasformandoli in veicolo e supporto di forme e colori, a un primo sguardo non riconducibili alla realtà.Le opere realizzate da Pierpaolo Campanini dialogano con affreschi, tessuti e carte da parati che decorano gli ambienti di Palazzo Vizzani: la pittura diviene quasi “araldica” e infonde carica simbolica al percorso espositivo. Gli interventi di Campanini rifuggono dalla classificazione di “dipinti” o di “oggetti”: l’artista accentua la dimensione mimetica delle opere. Uno di questi interventi contempla la presenza di un’opera preesistente di Luca Bertolo, in un confronto teso a esplorare le potenzialità del linguaggio pittorico nel misurarsi con un contesto ambientale caratterizzato dall’azione del tempo.Il suono, la luce e la fotografia sono gli elementi che qualificano la presenza in mostra di Maurizio Mercuri (che presenta un consistente numero di lavori inediti), artista dotato di un talento cristallino che gli permette di formalizzare con immediatezza la sorgente concettuale delle sue intuizioni artistiche. Alcuni lavori installativi di Mercuri si misurano con lo stesso grado di magnificenza degli ambienti di Palazzo Vizzani, mentre altri interventi minimali (alcuni pensati come “opere da viaggio”) risultano quasi incastonati nella memoria delle strutture architettoniche. La filigrana è espressione di una stratificazione di senso, di un presente sul quale incide un involontario processo di conservazione/disgregazione esercitato dal tempo, lo stesso che ha permesso agli ambienti di Palazzo Vizzani (la cui direzione artistica è affidata a Camilla Sanguinetti) di mantenere intatta la sua essenza. Artisti: Stefano Arienti, Pierpaolo Campanini, Maurizio Mercuri
A cura di: Fulvio Chimento Periodo: 24 gennaio – 7 marzo 2020 Ingresso: libero. Fino al 28 febbraio 2020 gli spazi dell’associazione accolgono anche la residenza del duo artistico formato da Saggion-Paganello, a cura di Fulvio Chimento.Il 25 gennaio il curatore conduce due visite guidate gratuite, alle ore 19 e alle ore 21.Il 25 e 26 gennaio alle ore 11 e alle ore 12 vengono eccezionalmente proposte visite guidate negli studi/atelier messi a disposizione degli artisti dall’Associazione Alchemilla. ORARIVenerdì 24 gennaio: ore 18-22.30 Sabato 25 gennaio (Art City White Night): ore 10-24 Domenica 26 gennaio: ore 10-20

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tech Trend di Key4biz per il 2020

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Nel corso del 2019, possiamo dire che il termine più usato (e forse in qualche modo abusato) è stato quello dell’Intelligenza Artificiale (IA), assieme ad altri termini come 5G, Blockchain, Machine learning, Quantum computing, ma a farla da padrone sono stati i tradizionali campi operativi dell’economia digitale, molti dei quali ormai giunti ad un livello di piena maturità.
Nei Tech Trend 2020 abbiamo distinto, per comodità di lettura, le aree tecnologiche in paragrafi, anche se è a voi tutti ben noto il livello di interdipendenza e sovrapposizione funzionale di molte tecnologie.Ancora una volta ci preme però sottolineare come al cuore del sistema, anche in questo 2020 appena iniziato, non vi sarà la tecnologia, ma le persone.Il 2020 sarà anche un anno forse cruciale nel giro di boa della definitiva condivisione ed internazionalizzazione del futuro.La parola d’ordine sarà l’interdipendenza e le soluzioni ai problemi crescenti del mondo non potranno essere assunte da un solo Paese. Le controverse vicende della guerra commerciale tra USA e Cina indicano inoltre come le tecnologie siano ormai divenute un elemento fondamentale, anzi imprescindibile, della geopolitica.E la scadenza delle elezioni presidenziali americane contribuirà ulteriormente a sottolineare questo aspetto.Le tecnologie saranno sempre meno neutrali, ma dovranno pur sempre essere viste come una straordinaria opportunità per migliorare la qualità del pianeta e della vita di ciascuno dei suoi abitanti.
La partita tra regioni del mondo (USA, Cina ed Europa su tutte) sarà il terreno di gioco e l’attenzione di tutti si concentrerà come sempre sulle regole.In tutto ciò l’Italia gioca purtroppo un ruolo marginale.Ha smarrito il ruolo attivo dei decenni passati. E non è un problema di tessuto produttivo sfilacciato o di deficit di politiche industriali o di crollo degli investimenti o di allentamento dei rapporti tra decisori ed università.O meglio, non solo di questo.Scontiamo la mancanza di decisioni, siamo infatti ormai privi di un sistema decisionale complesso e integrato in una visione di insieme, in un’idea di futuro connessa con la crescita del Paese.
Scontiamo l’assenza di una classe dirigente che guardi un punto lontano dell’orizzonte invece di fissare la punta delle proprie scarpe.
Occorre tuttavia essere ottimisti ed è possibile che il nostro Paese abbia un moto di reazione, a patto che riemergano competenze tra i decisori, autonomie nelle scelte ed una generale riaffermazione dei principi di interesse nazionale sulla scia della “sovranità digitale” invocata dalla presidente dell’Unione Europea Ursula von der Leyen.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Progetto Salute Parma: Prevenzione primaria e secondaria del danno da fumo”

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

 

E’ un’iniziativa di ricerca coordinata dall’Università di Parma, con la collaborazione dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria e dell’Azienda USL, cofinanziata da Fondazione Cariparma e patrocinata dal Comune.Il responsabile scientifico del progetto è Nicola Sverzellati, docente di Diagnostica per immagini al Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma e Direttore dell’Unità Operativa Scienze Radiologiche dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, affiancato da Paolo Carbognani e Luca Ampollini, docenti di Chirurgia Toracica, e da Caterina Caminiti, Direttrice della Struttura complessa Ricerca e Innovazione dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria.Questa mattina la presentazione al ParmaUniverCity Info Point, con interventi del Rettore Paolo Andrei, del Direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Massimo Fabi, della Direttrice generale dell’Ausl Elena Saccenti, dell’Assessora alla Sanità del Comune di Parma Nicoletta Paci, della Vice Presidente della Fondazione Cariparma Anna Mazzucchi, del Principal Investigator Nicola Sverzellati, di Paolo Carbognani e Caterina Caminiti. Presente all’incontro anche il Direttore del Dipartimento di cure primarie dell’Ausl Antonio Balestrino.Il tumore del polmone è una malattia ancora frequente e molto grave: nel 2018, nel mondo, ci sono stati più di 2.000.000 di nuovi casi e 1.700.000 decessi.La sopravvivenza a cinque anni del tumore del polmone è pari al 17.7%, molto inferiore rispetto a quella del tumore del colon (64.4%), della mammella (89.7%) e alla prostata (98.9%).Il fattore di rischio più importante per lo sviluppo del tumore del polmone è rappresentato dall’esposizione – attiva o passiva – al fumo di sigaretta. Circa l’80 % dei casi è collegato al fumo di sigaretta. Studi scientifici nazionali e internazionali hanno mostrato l’efficacia della diagnosi precoce del tumore del polmone mediante screening con TAC a bassa dose di radiazioni ionizzanti. Con la TAC sarebbe possibile individuare tumori in individui che non presentano sintomi, permettendo di intervenire in uno stadio precoce di malattia.
Il “Progetto Salute Parma: Prevenzione primaria e secondaria del danno da fumo” è finalizzato alla valutazione della fattibilità di un programma di prevenzione del tumore del polmone. Lo studio è indirizzato a 500 soggetti (di età compresa tra 50 e 75 anni) residenti a Parma e provincia, forti fumatori o ex fumatori (da meno di 10 anni), che hanno fumato almeno 15 sigarette al giorno per almeno 25 anni o almeno 10 sigarette al giorno per almeno 30 anni. Per la partecipazione, i volontari dovranno rivolgersi al proprio medico di famiglia che, dopo valutazione dei criteri di eleggibilità, consiglierà un colloquio di approfondimento con il Responsabile scientifico del progetto per valutare insieme l’adesione allo studio.I partecipanti allo studio saranno sottoposti a un esame TAC del torace a bassa dose di radiazioni ionizzanti per la ricerca di lesioni polmonari e a una spirometria per testare la funzionalità polmonare. Contestualmente verrà proposta loro una visita al Centro antifumo coordinato dal prof. Alfredo Chetta per favorire l’interruzione all’abitudine tabagica dei soggetti fumatori attivi. Queste valutazioni si svolgeranno nell’Unità Operativa di Scienze Radiologiche dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma: in questo reparto, nel padiglione Barbieri, è disponibile un’apparecchiatura TAC di ultima generazione che sarà utilizzata per l’esecuzione dell’esame TAC il sabato mattina. I soggetti arruolati che alla TAC presenteranno reperti sospetti per tumore del polmone saranno indirizzati all’esecuzione di approfondimenti diagnostici nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Verona:114° edizione di Fieragricola

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Verona Venerdì 31 gennaio (ore 9:30). Quali sono le strategie che l’agricoltura può e deve definire per affrontare i grandi temi oggi all’ordine del giorno, come la sostenibilità economica, ambientale e sociale, i cambiamenti climatici, il mantenimento della redditività dell’impresa agricola, ecc.? In questo quadro, preoccupante, risolvere la problematica del corretto equilibrio del carbonio presente nei suoli è sicuramente molto importante. Ma quali sono le tecniche agronomiche e le innovazioni che meglio contribuiscono alla ”recarbonizzazione” della biosfera? Nell’occasione, i tecnici dell’Agenzia regionale presenteranno i diversi i percorsi che possono essere intrapresi per centrare questi obiettivi, puntando sui tre che ad oggi sembrano essere i più promettenti, ovvero: l’agricoltura conservativa, l’agroforestazione e la valorizzazione delle risorse organiche derivanti anche dai sottoprodotti agricoli.Su questi tre percorsi si svilupperà dunque il seminario di Veneto Agricoltura al quale interverranno esperti del mondo accademico, della ricerca e della produzione.Il Focus è parte di un ampio programma formativo per i consulenti agricoli sviluppato da Veneto Agricoltura e Regione del Veneto con il supporto del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020. Nei prossimi mesi, ciascuno dei temi affrontati in questa occasione verranno approfonditi in una serie specifici corsi di formazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nasce il Propeller Club di Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Finalmente anche a Roma, nasce l’International Propeller Club port of Roma, associazione culturale che promuove l’incontro e le relazioni tra persone che gravitano nei trasporti marittimi, terrestri, aerei; favorisce la formazione e l’aggiornamento tecnico, culturale tra tutti gli appartenenti alle categorie economiche e professionali legate alle attività marittime, dei trasporti e della logistica. Con atto costitutivo del 17 dicembre 2019, registrato il 2 gennaio 2020 ed il primo Consiglio Direttivo del 9 gennaio 2020 prende definitivamente forma “The International Propeller Club Port of Roma” . Il consiglio Direttivo, del club romano è così composto: Donato Caiulo (Presidente), Elda Turco Bulgherini e Giovanni Antonio Grimaldi (Vicepresidenti), Rosaria La Grotta (Tesoriere), Giuseppe Muricchio (Segretario), Michelangelo Chinni, Biancaneve Codacci Pisanelli, Graziano Bonardelli, Annalisa Laurenti, Giorgio Sotira, Tale Propeller club nella Capitale d’Italia è il 25 esimo club in Italia e si offre come punto di rifermento logistico-culturale per gli altri 24 clubs. In questa prospettiva il club può contare, tra i soci fondatori, la presenza del Presidente Nazionale Umberto Masucci oltre a quella del presidente del club di Civitavecchia, Giannandrea Palomba. I primi impegni del Propeller club di Roma sono quelli di organizzare:
1) Un incontro a Roma con il Ministero dell’Ambiente e con Assoporti di tutti i 25 Propeller club italiani (Febbraio).
2) Un convegno sulla riforma portuale con il CSLLPP ed il MIT (Marzo),
3) Un convegno sulla procedura integrata VIA/VAS nella pianificazione portuale (Aprile).
4) Un convegno sulla nautica da diporto e lo sviluppo sostenibile del territorio (maggio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il mondo nel 2020: opportunità e rischi per le imprese italiane

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Milano Giovedì 23 Gennaio alle ore 10.00 a Milano presso l’Auditorium di Assolombarda (via Pantano 9) si terrà la Conferenza ‘Il Mondo nel 2020: opportunità e rischi per le imprese italiane’ promossa da ISPI e Assolombarda (cfr. Programma allegato).
Per l’occasione, ISPI distribuirà ai presenti una pubblicazione speciale dedicata ai Top risks 2020 per le imprese. Il 2020 rappresenta un turning point degli attuali assetti politici ed economici internazionali: inizierà con l’entrata in carica della nuova Commissione europea e terminerà con le elezioni americane di novembre. Quali saranno, in questo contesto, i principali driver politici ed economici? L’Europa può ritrovare sé stessa o rimarrà schiacciata nelle logiche del confronto bipolare? Come rilanciare il multilateralismo? Di questo si discuterà con i vertici di aziende, istituzioni e autorevoli esperti tra cui Manlio di Stefano, Sottosegretario di Stato, Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, Silvia Candiani, Amministratore Delegato, Microsoft Italia; Fabrizio Di Amato, Presidente, Maire Tecnimont; Roberto Gavazzi, Amministratore Delegato, Boffi; Paolo Magri, Vicepresidente Esecutivo e Direttore, ISPI; Giampiero Massolo, Presidente, ISPI e Fincantieri; Alessandro Scarabelli, Direttore Generale, Assolombarda; Marco Sesana, Amministratore Delegato, Generali Italia e Alessandro Terzulli, Chief Economist, Sace.La conferenza è organizzata nell’ambito delle attività di ISPI per le imprese e in particolare dell’Osservatorio Geoeconomia promosso da ISPI e Intesa Sanpaolo, in collaborazione con Sace.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: nuovo concorso per personale non dirigente e dirigente

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Programmare con sguardo prospettico per rafforzare i servizi. Con questo obiettivo l’Amministrazione capitolina ha previsto, nel Piano assunzionale 2020 – 2022, un bando con nuove procedure concorsuali per un totale di 1.470 posti che copriranno diversi profili professionali del personale non dirigente e 42 posti per dirigenti. Come ha spiegato la Sindaca di Roma Virginia Raggi sin dall’insediamento di questa Amministrazione ci siamo occupati di rigenerare la macchina amministrativa a partire dalle sue fondamenta. Come prima cosa, abbiamo dovuto colmare le lacune strutturali, immettendo linfa negli uffici che consentono ai servizi di funzionare. Basti pensare che nel 2016 il 18% dei dipendenti era over 60 e il 40% oscillava tra i 51 e i 60 anni. Per assicurare ricambio generazionale si è messo in campo un lavoro titanico, con l’assunzione tra il 2016 e il 2020 di 6mila persone nei vari settori: personale amministrativo, maestre e insegnanti, agenti di Polizia Locale, tecnici e giardinieri. Ora, con questo concorso, ha concluso la Sindaca, si vuole assicurare a Roma Capitale una programmazione sistemica, tramite un’organizzazione solida, in grado di durare nel tempo e di fortificare l’ente.Grazie alle assunzioni effettuate tra il 2016 e il 2020, è stato garantito un ricambio pari al 26% dei dipendenti capitolini. In sostanza, una persona su 4 che lavora oggi per Roma Capitale è stata assunta da questa Amministrazione. I nuovi assunti sono stati indirizzati nelle varie strutture sulla base di una precisa analisi dei fabbisogni effettivi, con lo scopo primario di erogare i servizi in modo funzionale ed efficiente. In quest’ottica è stato impostato anche il lavoro di pianificazione sulle procedure ancora aperte, consentendo lo smaltimento di buona parte delle vecchie graduatorie e l’inserimento di tutti gli idonei vincitori.Il nuovo concorso prevede l’attivazione di una nuova figura professionale, il ‘Funzionario Servizi Tecnici (D1)’ che nasce con l’obiettivo di implementare la programmazione e la progettazione delle opere pubbliche, di riqualificazione urbana e ambientale. Inoltre, questa nuova figura sarà responsabile di monitorare le fasi di progettazione, esecuzione, collaudo e manutenzione. L’inserimento di 100 persone in un altro nuovo profilo professionale, ’Istruttore Servizi Informatici e Telematici (C1)’, contribuirà ad allineare la macchina amministrativa capitolina ai bisogni di modernizzazione, soprattutto in relazione alle nuove tecnologie e ai processi di digitalizzazione, che caratterizzano le Pubbliche amministrazioni. Grazie ai nuovi dirigenti (42), sarà inoltre possibile ottimizzare le procedure relative ai bandi di gara.Come sottolineato dall’Assessore al Personale Antonio De Santis la pubblica amministrazione è il perno intorno a cui ruotano i servizi. Per questo il nostro personale deve essere valorizzato e organizzato con azioni di sistema che rispondano a una visione d’insieme. L’architrave del nostro percorso consiste nella firma di due contratti decentrati tra 2017 e 2019, che ha permesso di superare le criticità dell’atto unilaterale. Un percorso che, integrato con le 6mila nuove assunzioni, anche grazie allo smaltimento delle graduatorie ancora aperte, ha permesso di migliorare la qualità di molti servizi. Si pensi, per esempio, all’abbattimento dei tempi per il rilascio della Cie, passati da 117 giorni del luglio 2018 ai circa 10 di oggi. Dopo aver sistemato alcuni pilastri fondamentali, ora possiamo programmare il futuro con ambizione. Il nuovo concorso determinerà l’inserimento di tanti giovani addirittura ‘millennials’. Merito, motivazione e nuove competenze sono gli ingredienti che ci permetteranno di consegnare ai cittadini una macchina davvero moderna e longeva.
PROFILI PROFESSIONALI PERSONALE NON DIRIGENTE
– Funzionario Avvocato (D1) 20
– Funzionario Amministrativo (D1) 100
– Funzionario Servizi Educativi (D1) 80
– Funzionario Servizi Tecnici (D1) 80
– Funzionario Assistente Sociale (D1) 140
– Istruttore Amministrativo (C1) 250
– Istruttore Servizi Informatici e Telematici (C1) 100
– Istruttore Tecnico Costruzioni, Ambiente e Territorio (C1) 200
– Istruttore Polizia Locale (C1) 500
TOTALE PERSONALE NON DIRIGENTE 1470
DIRIGENTI 42

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondi Ue all’agricoltura e la burocrazia

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

I nostri agricoltori dimostrano di essere beneficiari affidabili delle risorse dell’Europa. Il reale ostacolo sono le normative e le procedure troppo complesse, che moltiplicano le possibilità di errore rallentando le attività produttive – dichiara il presidente nazionale Confeuro Andrea Michele Tiso.A gettare nuova luce sui fondi Ue per l’agricoltura è l’ultimo rapporto del Colaf, l’organismo italiano per la lotta alle frodi sul bilancio comunitario. Tra il 2006 e il 2018, su 5.620 casi sospetti solo 21 sono risultati vere frodi per un valore di 2,55 milioni di euro. Per contro, un ammontare complessivo di aiuti agricoli di diverse decine di miliardi di euro va a buon fine. I fondi europei, in altre parole, sono quasi sempre ben spesi dagli agricoltori italiani, con una percentuale di frodi ridottissima rispetto al totale degli stanziamenti – spiega Tiso.La maggior parte delle sospette frodi – sottolinea il rapporto – dopo un’attenta analisi si sono rivelate più semplici irregolarità amministrative, spesso conseguenza di normative stratificate che moltiplicano le possibilità di errore. I numeri ufficiali smentiscono dunque la percezione comune di un alto tasso di truffe nella gestione dei fondi europei, tutelati da ben tre livelli di controllo: regionale, nazionale ed europeo. I veri nodi da sciogliere sono quindi a livello politico, dove si identificano le risorse e gli obiettivi prioritari per l’agricoltura, e a livello amministrativo, dove è urgente semplificare procedure farraginose di assegnazione e adempimenti troppo complessi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

«Invecchiare in salute: quali percorsi?»

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Roma venerdì 24 gennaio 2020, dalle 14,30 alle 19.00, presso la Sala Zuccari del Senato della Repubblica a Palazzo Giustiniani a Roma in Via Dogana Vecchia 29 organizzato dal Rotary Club Roma Capitale convegno intitolato «Invecchiare in salute: quali percorsi?»
Il convegno-evento, realizzato grazie alla fattiva collaborazione della senatrice Paola Binetti, è organizzato dal Rotary Club Roma Capitale (distretto 2080) con la partecipazione (ad oggi) di 20 differenti club appartenenti a 5 diversi distretti italiani del Rotary International. «Non è un convegno medico-scientifico a favore di qualche casa farmaceutica, ma è un convegno “rotariano”» puntualizza il responsabile e portavoce del Progetto Alzheimer del Rotary Club Roma Capitale.E con ciò il dottor Renato Boccia intende dire che il convegno si occuperà di un problema attuale di grande interesse sociale per il quale il Rotary è in grado di fornire una lettura del problema alla luce dei valori che propugna, quali il «servire al di sopra di ogni interesse personale».In Italia i malati conclamati di Alzheimer sono 1,2 milioni, ma ci sono anche oltre 700 mila persone che ancora non sanno di essere malate. Nel mondo invece i malati sono addirittura 49 milioni, il che equivarrà a dire tra 10 anni un nuovo malato ogni tre secondi. «Cifre che devono far pensare e che devono essere prese seriamente in considerazione» conclude il presidente del Rotary Club Roma Capitale. Anche solo una notte di sonno persa da giovani potrebbe avere effetti gravissimi sul cervello. Questa è la più recente scoperta sull’Alzheimer basata su uno studio condotto da Jonathan Cedernaes, senior researcher dell’«Università di Uppsala» in Svezia, pubblicato sulla rivista «Neurology», che ha messo in evidenza come perdere una notte di sonno porti all’aumento del 17% della proteina tau presente nel sangue, il più probabile marker del rischio di malattia di Alzheimer.«Nel frattempo, però, nuove ricerche aprono la strada verso un vaccino contro questa malattia e il decennio appena iniziato potrebbe così segnare la svolta. Bisogna solo trovare più fondi per finanziare la ricerca e di questo possiamo farci carico noi rotariani, proprio come abbiamo fatto per la poliomelite» commenta il dottor Renato Boccia, portavoce e responsabile -insieme al consocio Claudio Pernazza- del Progetto Alzheimer del Rotary Club Roma Capitale.Combinando due vaccini, i risultati ottenuti sui topi da un team composto da ricercatori dell’Istituto di Medicina Molecolare e dell’Università della California, a Irvine, sono promettenti e sono già stati pubblicati su «Alzheimer’s Research & Therapy», prevedendo di arrivare alla sperimentazione umana entro 2 anni.La sfida più grande, però, parte ora da Roma, più precisamente dal Rotary Club Roma Capitale (distretto rotariano 2080) che -essendo la poliomelite prossima ad estinguersi- sta proponendo ai rotariani di tutto il mondo di concentrarsi nella lotta ad un’altra malattia: l’Alzheimer.Negli ultimi 30 anni l’associazione internazionale fondata da Paul Harris si è concentrata proprio sulla poliomelite ed ha consentito di vaccinare 2,5 miliardi di bambini in 122 Paesi, con un impegno economico di circa 2 miliardi di dollari da parte dei rotariani di tutto il mondo. Ma questa malattia è oggi quasi del tutto debellata.Ci vuole allora un altro ambizioso obiettivo da raggiungere: sconfiggere l’Alzheimer. E d’altra parte gli studiosi italiani stanno dando un contributo fondamentale, con in prima linea i ricercatori della Fondazione EBRI (European Brain Research Institute) “Rita Levi-Montalcini”.In pratica, i ricercatori italiani hanno scoperto una molecola che «ringiovanisce» il cervello bloccando l’Alzheimer nella prima fase: è l’anticorpo A13 che favorisce la nascita di nuovi neuroni e contrasta così i difetti che accompagnano le fasi precoci della malattia.Lo studio coordinato da Antonino Cattaneo, Giovanni Meli e Raffaella Scardigli, presso la Fondazione EBRI in collaborazione con il CNR, la Scuola Normale Superiore e il Dipartimento di Biologia dell’Università di Roma Tre, è stato recentemente pubblicato sulla rivista «Cell Death and Differentiation».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fenomeno migratorio a livello internazionale

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

A Parigi si è tenuta la riunione dei Paesi Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) sulle migrazioni dal titolo ”Making Migration and Integration Policies Future Ready”. A tema le politiche di integrazione. A guidare la delegazione italiana il sottosegretario al Ministero del lavoro e delle Politiche sociali fresco di Deleghe per la Direzione generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione afferenti a quel ministero. A questo riguardo il sottosegretario Steni Di Piazza ha dichiarato: “Un governo di discontinuità sul fenomeno migratorio. Il carattere strutturale delle migrazioni impone un approccio politico, è necessario un passaggio da un approccio emergenziale ad uno di sistema. Su questo si gioca la sfida della sicurezza e della coesione sociale nei nostri Paesi. Bisogna offrire soluzioni condivise e buone politiche ai nostri cittadini.A livello europeo, bisogna superare una volta per tutte l’idea che il paese di primo ingresso sia quello che debba farsi carico da solo dei migranti, solo una condivisione della responsabilità può portare a politiche capaci di conciliare sicurezza e solidarietà.In una logica di sistema dobbiamo sviluppare una strategia di integrazione attenta alle dinamiche economiche e sociali, senza enfatizzazioni né semplificazioni, senza ideologismi né allarmismi. Ma badando alla realtà del fenomeno, alle policy possibili a livello nazionale e nei contesti territoriali.In questa fase l’azione del nuovo Governo attraverso il suo Ministero del Lavoro e politiche sociali dovremo costruire metodologie e strumenti più avanzati di governo del fenomeno migratorio e di implementazione della qualità della integrazione. Preparare le politiche di integrazione del futuro è, quindi, possibile rafforzando la capacità di capire le sfide attuali e le tendenze del fenomeno, nell’operare rispetto alla concretezza delle dinamiche migratorie e migliorando le condizioni di vita delle persone migranti e dei territori ove sono accolti, contrastando, sempre e ovunque, ogni forma di discriminazione.”

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Optometristi figli di un ‘dio minore’?

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Non si tratta di questo, ma le loro competenze sono limitate: l’optometrista, prima di eseguire l’esame delle deficienze puramente ottiche della vista, a nostro parere deve richiedere la certificazione del medico oculista che attesti l’assenza di patologie oculari. E naturalmente non può effettuare diagnosi e prescrivere terapie farmacologiche o chirurgiche per la cura di patologie”. È la risposta dell’Associazione Italiana Medici Oculisti ad una lettera pubblicata su un quotidiano online firmata dalla deputata Celeste D’Arrando, che ha annunciato di aver depositato un’interrogazione parlamentare in cui chiede al ministro della Salute, Roberto Speranza, e al ministro dell’Università, Gaetano Manfredi, di ordinare (ai sensi delle legge Lorenzin 3/2018) la professione dell’optometrista inserendola “a pieno titolo nel nostro sistema universitario”, perché altrimenti resta “figlia di un dio minore”.Ma secondo AIMO la questione non esiste: “Semplicemente sono due professioni diverse, una medica e l’altra no”. L’oculista, torna infatti a ribadire AIMO, è un “medico specialista con una laurea in medicina e chirurgia, l’abilitazione professionale e il diploma rilasciato dalla scuola di specializzazione”. Quindi ha “almeno 11 anni di formazione” ed è “specializzato per diagnosticare e curare tutte le malattie degli occhi, eseguire interventi chirurgici, prescrivere occhiali e applicare lenti a contatto”. Al contrario, l’optometrista “non è un medico e non spetta a lui nessuna delle attività svolte dall’oculista”, sottolinea il presidente di AIMO, Luca Menabuoni, che poi tuona: “L’optometrista, per dirla con una metafora calcistica, non può ‘toccare palla’ se il paziente non si è rivolto prima al medico oculista. Esiste un obbligo in questo senso”.Senza parlare del comportamento “poco etico” di alcuni ottici-optometristi “che, pur non potendo eseguire visite mediche agli occhi, come le norme stabiliscono- aggiunge Menabuoni- spesso lo fanno senza scrupoli nei loro negozi, di fatto spacciandosi per veri medici. Con la vista non si scherza”. Proprio per questo AIMO condivide infine l’azione giudiziaria intrapresa dalla Società Oftalmologica Italiana (SOI) a tutela della salute della popolazione contro l’abuso della professione del medico oculista, che “sarebbe stato perpetrato da alcuni ottici, che avrebbero sottoposto i propri clienti ad esami medici non di loro competenza”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Economia reale e private banking

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Milano Martedì 21 gennaio 2020, ore 10:30 – Piazza Affari 6 presentazione del Quaderno di Ricerca Intermonte SIM, Politecnico di Milano – School of Management e AIPB su “Economia reale e Private Banking: una analisi dell’impatto del settore sul Paese” Programma:
10h30 Discorso di benvenuto Raffaele Jerusalmi, Amministratore Delegato Borsa Italiana
10h40 Discorso di benvenuto Paolo Langé, Presidente AIPB
10h50 Introduzione ai lavori Guglielmo Manetti, Amministratore Delegato Intermonte Sim
11h00 Esposizione della ricerca Prof. Giancarlo Giudici – Politecnico di Milano – School of Management
11h40 Tavola rotonda. Panel: Saverio Perissinotto – Direttore Generale Intesa Sanpaolo Private Banking, Andrea Ragaini – Vicedirettore Generale Banca Generali, Federico Sella – Amministratore Delegato Banca Patrimoni Sella & C., Guglielmo Manetti – Amministratore Delegato Intermonte Sim

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aggiornamento mensile sulla strategia di investimento

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

A cura di: Andrea Delitala, Head of Investment Advisory di Pictet Asset Management e Marco Piersimoni, Senior Portfolio Manager di Pictet Asset Management. Il 2019 finisce all’insegna dell’ottimismo sui mercati in virtù degli sviluppi positivi tra Cina e Stati Uniti sul fronte della disputa commerciale, dell’esito ampiamente favorevole a Boris Johnson nelle elezioni parlamentari di inizio dicembre che scongiura il rischio immediato di una Brexit senza accordo e, sul fronte delle banche centrali, grazie a politiche monetarie ulteriormente espansive da parte della FED e dell’ECB. Il miglioramento del quadro congiunturale provoca una risalita dei rendimenti globali con un irripidimento significativo delle curve dei rendimenti giustificato dalle politiche accomodanti delle banche centrali destinate ad accompagnare, almeno nel 2020, anche un’eventuale risalita dell’inflazione. Gli indici azionari registrano nuovi massimi e i mercati obbligazionari correggono in maniera marcata. Le iniezioni di liquidità da parte della FED consentono ai mercati monetari di “scavallare” il fine anno senza le temute tensioni sui tassi Repo causando, al contempo, un significativo indebolimento del dollaro (1.1215 contro euro a fine anno). Per quanto riguarda gli indicatori macroeconomici possiamo osservare, a fine 2019, l’indice manifatturiero PMI globale in rialzo nonostante l’Eurozona, il Giappone e gli Stati Uniti d’America registrano una diminuzione. Segnali che risultano contrastanti considerando i buoni valori di crescita della spesa al consumo negli USA e con il recupero delle breakeven inflations vediamo anche prospettive più floride sull’inflazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Europa potrà guidare il mondo verso la sostenibilità?

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Il programma di investimenti “verdi” presentato dalla Commissione von der Leyen conferma il grande impegno per il prossimo decennio. Ma per una leadership globale serve un’Europa più coesa e determinata. 17/1/20 Al riguardo Donato Speroni scrive:
“Non sono stato originale nei miei doni di Natale: ho regalato libri. Visitando alcune librerie mi ha colpito la quantità di volumi ben esposti, soprattutto nelle sezioni internazionali, che parlavano del futuro. Insomma, il futuro vende: sembra aumentata la voglia di guardare avanti e di interrogarsi sui possibili scenari, forse alimentata anche dalle crescenti preoccupazioni sul clima e sulle sorti del Pianeta. O meglio, sulle sorti dell’umanità, visto che il Pianeta se la caverà comunque ancora per qualche miliardo di anni.La preoccupazione può davvero trasformarsi in azione? Mira proprio a questo la “Decade of action”, che le Nazioni unite avvieranno il 22 gennaio. Si tratta di un piano che prevede tre livelli, in vista dell’attuazione dell’Agenda 2030: un’azione globale per soluzioni più efficienti nell’uso delle risorse; un’azione locale che incorpori transizioni significative nelle politiche, nelle istituzioni e nei quadri normativi di governi, città e autorità locali; un’azione individuale da parte di giovani, società civile, media, settore privato, sindacati, università e altre parti interessate. Amina Mohammed, vicesegretaria generale delle Nazioni Unite, presentando l’iniziativa ha sottolineato che “il Decade of action è un’opportunità per correggere la rotta”.In questo contesto, l’Europa può davvero assumere una funzione di leadership, ben delineata dallo “European green deal”. Una parte importante di questo piano, lo “European green deal’s investment plan”, è stato presentato martedì 14 dalla Commissione von der Leyen al Parlamento europeo: un piano da mille miliardi di investimenti in dieci anni. Come spiega il sito della Commissione. La normativa europea sul clima sancirà per la prima volta nella legge l’obiettivo della neutralità climatica dell’Ue entro il 2050. Ciò significa emettere meno biossido di carbonio ed eliminare dall’atmosfera quello emesso. Per farlo è necessario estendere ad altri settori il sistema di scambio di quote di emissione che già aiuta l’Ue a ridurre le emissioni dei settori energetico e industriale. Lo sviluppo di fonti di energia più pulite e di tecnologie verdi ci consentirebbe di produrre, viaggiare, consumare e vivere rispettando di più l’ambiente. Occorre sviluppare un’economia realmente circolare e proteggere la biodiversità. In particolare, il Green deal europeo prevede un percorso per una transizione giusta e socialmente equa. È concepito in modo da non lasciare indietro nessun individuo e nessuna regione in questa grande trasformazione.Più in dettaglio, il Piano si basa su tre dimensioni:
Il finanziamento: ci si propone di mobilitare almeno mille miliardi di investimenti sostenibili nel prossimo decennio, con una spesa sulle azioni climatiche ed ambientali senza precedenti nel budget dell’Unione, ma con un contributo importante anche di fondi privati e un ruolo fondamentale della Banca europea degli investimenti.
L’abilitazione: fornire incentivi per liberare e reindirizzare investimenti pubblici e privati. La Ue metterà a disposizione degli investitori nuovi strumenti che mettano la finanza sostenibile al centro del sistema finanziario; faciliterà investimenti sostenibili da parte delle autorità pubbliche, attraverso forme di incoraggiamento ad acquisti e bilanci verdi; verranno delineate procedure per facilitare l’aiuto di Stato nelle regioni più colpite dalle esigenze di giusta transizione.Il supporto pratico: la Commissione aiuterà le autorità pubbliche nella programmazione, messa a punto ed esecuzione di progetti sostenibili.Particolare attenzione verrà dedicata alla Giusta transizione, con un meccanismo ad hoc, il Just transition mechanism (Jtm), finanziato con 100 miliardi di euro dal 2021 al 2027, per aiutare i territori maggiormente esposti sul piano socioeconomico. Si precisa che il Jtm non riguarda soltanto il finanziamento, ma:sulla base di una piattaforma per la giusta transizione, la Commissione fornirà assistenza tecnica agli Stati membri e agli investitori e si assicurerà che le comunità, le autorità locali, i partner della società civile e le Ong vengano coinvolti nella gestione. Il Jtm includerà un forte contesto di governance basato su piani territoriali di giusta transizione. (fonte: ASviS)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo regolamento CPC sulla cooperazione tra le autorità nazionali

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

E’ entrato in vigore il regolamento (UE) 2017/2394 sulla cooperazione tra le autorità nazionali per l’esecuzione della normativa che tutela i consumatori. Il nuovo regolamento abroga e sostituisce il regolamento (CE) n. 2006/2004, con il quale la Comunità Europea ha istituito una rete di autorità nazionali, comunemente identificata con l’acronimo CPC (Consumer Protection Cooperation Network), avente lo scopo di realizzare una cooperazione tra gli Stati membri della Comunità e dello Spazio Economico Europeo, al fine di affrontare congiuntamente le violazioni del diritto in materia di tutela dei consumatori.L’entrata in vigore della nuova normativa comporta un indiscutibile rafforzamento dei poteri delle autorità nazionali responsabili individuate (la lista completa è disponibile qui) , che potranno, nel caso di violazioni delle normative menzionate del regolamento,
– richiedere informazioni a qualsiasi ente privato e pubblico per individuare l’identità dell’operatore responsabile dell’infrazione, nel rispetto della legislazione in materia di protezione dei dati
– effettuare degli acquisti campione (cd. mystery shopping) per verificare le condizioni post-vendita applicate e l’eventuale perpetrazione di discriminazioni geografiche
– ordinare, se necessario, la rimozione di contenuti online
– comminare multe o sanzioni periodiche per le violazioni commesse
– intraprendere azioni in coordinamento con la Commissione Europea nell’ipotesi di infrazioni su larga scala, che coinvolgano cioè almeno 2/3 dei cittadini europei.
Il regolamento istituisce inoltre un nuovo sistema di allerta per lo scambio efficace d’informazioni in caso di infrazione; le autorità nazionali potranno avvalersi del contributo di meccanismi di segnalazioni esterne da parte di organismi appositamente designati, quali associazioni di consumatori e i Centri Europei dei Consumatori della rete ECC-Net. Il Centro Europeo Consumatori Italia, anche prima di tale designazione, ha sempre proficuamente collaborato con il Ministero dello Sviluppo Economico, che ai sensi del regolamento CPC, funge da unico ufficio di collegamento (soggetto incaricato di coordinare le attività d’indagine ed esecutive), fornendo puntualmente informazioni e dati al fine di soddisfare richieste o esigenze specifiche dell’autorità. Il regolamento (UE) 2017/2394, nell’allegato, menziona espressamente, quali “norme dell’Unione a tutela degli interessi dei consumatori” ventisei specifiche normative, tra le quali si ricordano quelle relative alle clausole abusive, alla vendita e alle garanzie dei beni di consumo, ai diritti dei passeggeri nel trasporto aereo e ferroviario, alla multiproprietà, ai pacchetti turistici. Tale elenco potrà essere aggiornato in futuro al fine di estendere l’ambito di applicazione del regolamento a nuovi settori legislativi.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Committee on Foreign Affairs

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Brussels, Tuesday 21 January in József Antall, 2Q2 The Eastern Partnership – vision of development after 2020 09.15 – 11.15 The objective of the hearing is to discuss the achievements and shortcomings of the EU’s Eastern Partnership both at the regional and multilateral level. MEPs and invited experts will also analyse the possible evolution of the EU’s relations with its six Eastern Partners and a way forward for the Eastern Partnership in the next decade. The hearing will constitute the Foreign Affairs Committees’ contribution to the next Eastern Partnership summit, which is scheduled to take place in the spring of 2020. Full programme.
Exchange of views with the Minister of Foreign Affairs of the Republic of Paraguay (Pro Tempore Presidency of Mercosur), Ambassador Antonio Rivas, on EU-Mercosur relations (in association with the Delegation for relations with Mercosur)
14.30-15.00 Parliament’s Foreign Affairs Committee will discuss EU-Mercosur relations (Argentina, Brazil, Paraguay and Uruguay) with Paraguayan Foreign Affairs Minister Antonio Rivas. On 28 June 2019, an “agreement in principle” was reached between the EU and the four Mercosur countries on the trade pillar (free trade agreement (FTA)) as part of a wider Association Agreement (AA) including political dialogue and cooperation. This agreement still requires ratification at EU and Member State levels.
Exchange of views with Gordan Grlić Radman, Minister of Foreign and European Affairs of the Republic of Croatia, on the priorities of the Croatian Presidency 15:30 – 16.30 MEPs will discuss the political priorities of the new Croatian Presidency in the field of EU external relations with Gordan Grlić Radman, Croatia’s Minister of Foreign and European Affairs.
Exchange of views with Jens Stoltenberg, NATO Secretary General (Jointly with the Subcommittee on Security and Defence and in association with the Delegation for relations with the NATO Parliamentary Assembly)
16:30-17.30NATO Secretary General Jens Stoltenberg will address the AFET MEPs just a week after the European Parliament adopted resolutions on state of play of CFSP/CCSDP (Common Foreign and Security Policy / Common security and defence Policy) calling for close cooperation with NATO, but also stressing the need of ensuring EU-s strategic autonomy.
Exchange of views with Adel Al Jubeir, Minister of State for Foreign relations of the Kingdom of Saudi Arabia
17:45 – 18.30The committee will take stock of the latest political developments in the Middle East, in particular with regard to the recent increased tensions between Iran and the US, together with Saudi Arabia’s Minister of State for Foreign Relations Adel Al Jubeir.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »