Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 55

Archive for 28 gennaio 2020

Rafforzare i rapporti tra la Regione siciliana e i siciliani all’estero

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Ieri, in New Jersey, con la Federazione siciliana, invitata da Sarah Salamone e Marco Cangialosi per accogliere il Presidente Musumeci in visita nella Tri-State Area per promuovere legami culturali ed economici tra la bella terra di Sicilia e quella zona degli USA mettendo al centro la Comunità siciliana emigrata. Veramente una bella Comunità che la Federazione aiuta a mantenere in contatto con le origini! Presenti all’incontro il Console Generale d’Italia a New York, Francesco Genuardi, il Governatore del New Jersey ed altri esponenti politici americani. Nel mio intervento ho espresso la mia gratitudine, da siciliana, al Presidente Musumeci per la sua “disponibilità e dedizione a tutti i siciliani in Sicilia ma anche a tutti noi che viviamo in giro per il mondo!”Sono particolarmente contenta che ci sia un Presidente di Regione che finalmente dica che la Sicilia, in questo momento, ha bisogno di noi che siamo all’estero, e che il contributo dei siciliani all’estero è importante! Ecco, questo significa fare sistema e far entrare l’emigrazione nel pieno delle politiche attive per lo sviluppo locale promuovendo scambi culturali e commerciali.Infatti, sempre nel mio intervento, ho rinnovato il mio apprezzamento all’opera svolta dal Governo regionale di Musumeci “che già da tempo lavora in sintonia con gli Stati Uniti – ed il protocollo d’intesa con l’università di Pittsburgh ne è un esempio – affinché i rapporti diplomatici, gli scambi economici e tecnologici possano essere sempre più solidi e proficui”. Dopo l’incontro in New Jersey ci siamo trasferiti a New York, nel Queens, per assistere all’importante manifestazione culturale, la 25esima edizione, denominata Festival of Song USA, ideata dalla compianta Silvana Romania ed oggi portata avanti dalla bravissima Maria Romania e condotta da Joseph Cirnigliaro.In tale contesto il canto ha dato ragione della bellezza della lingua italiana e del patrimonio culturale ad essa connesso”. Lo ha dichiarato l’on. Fucsia Nissoli Fitzgerald (FI), eletta nella Circoscrizione Estera – Ripartizione Nord e Centro America.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Musica e cabaret per la prima di Risollevante Cabaret Teatro 2020

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Bari Venerdì 31 gennaio al teatro Forma di Bari, Via Fanelli 206/1per la rassegna “Risollevante Cabaret Teatro 2020” organizzata dall’associazione culturale Sirio, il cui Presidente è Giovanni Tagliente, patron del Festival del Cabaret di Martina Franca, con la collaborazione dell’associazione culturale Echo Events, diretta da Donato Sasso, si esibiranno la band musicale Orchestra mancina e il comico Chicco Paglionico. La formazione, composta da Antonio Tinelli in voce e alla carra, Marcello De Felice alla batteria, Maurizio Cardone al trombone e alle percussioni, Giuseppe D’Amati alla chitarra elettrica, acustica e classica e al mandolino e Nicola Spera al basso, Ferdinando Filomeno al sax tenore e clarinetto e Piero Santoro alla fisarmonica, proporrò uno spettacolo musicale frizzante e coinvolgente basato su brani inediti e cover di canzoni famose, riproposte con un stile tutto nuovo che caratterizza il gruppo.
“Eseguiremo i brani del nostro ultimo lavoro discografico ‘Emusicon’ – ha affermato Tinelli, frontman del gruppo – pubblicato due anni fa e dove sono raccolti 7 brani inediti, alcune cover riarrangiate con il nostro stile e proporremo anche ‘Nella rete’ il nostro nuovo singolo”. Da Massafra, paese nel quale l’Orchestra mancina ha preso forma, grazie al proprio talento musica e alla grande capacità di coinvolgimento, hanno avuto modo di farsi apprezzare per tutta la Puglia e anche fuori regione. Ciò che contraddistingue questo gruppo è la capacità di eseguire famosi brani, in un modo totalmente diverso, da farsi sembrare nuovi all’orecchio. Questi, che spaziano da De Andrè a Mina, Da Lucio Battisti a Massimo Ranieri, sono riarrangiati da Maestri musicisti e riproposti in versione ska e reggae. Il risultato è uno spettacolo di costume, musica e divertimento. Particolarità dell’Orchestra mancina è suonare la loro musica realizzando un vero e proprio spettacolo dove ogni componente ha una sua figura.
“La parte teatrale è costituita dai costumi che indossiamo. Durante lo spettacolo ognuno di noi diventa un personaggio, quello che vuole rappresentare, in base a ciò che preferisce. Ad esempio a me piacciono molto l’Irlanda, la Scozia e in generale i paesi del nord. Quindi utilizzo un kilt e questa è la mia divisa.
Sul palco del teatro Forma, con i musicisti, ci sarà anche il comico Chicco Paglionico, che proporrà le sue divertenti disavventure da commesso Ikea, personaggio con il quale è stato presente nel cast di Zelig.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione Rivista di Politica Economica Confindustria: Il debito pubblico in Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Roma Il prossimo 30 gennaio, dalle 15 alle 17, presso la sede di Confindustria (Viale dell’Astronomia 30), si terrà l’incontro “Ripartiamo con Il debito pubblico in Italia: perché è un problema e come se ne esce”. La partecipazione è libera previa iscrizione entro il 28 gennaio sul sito di Confindustria.Alla Relazione del Direttore della Rivista di Politica Economica, Giampaolo Galli, seguirà un confronto con Lorenzo Bini Smaghi, Presidente di Société Générale, Antonio Foglia, Consigliere di amministrazione della Banca del Ceresio, e Davide Iacovoni, Capo della Direzione Debito Pubblico del Ministero dell’Economia e delle Finanze.Concluderà i lavori il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia.La Rivista di Politica Economica, fondata nel 1911, è una delle più antiche pubblicazioni economiche italiane ed ha sempre accolto analisi e ricerche di studiosi appartenenti a diverse scuole di pensiero.Con questo numero la Rivista viene rilanciata, con periodicità semestrale, in un nuovo formato e con una nuova finalità, che la differenzia dalle numerose riviste accademiche: discutere di questioni di politica economica, sempre con rigore scientifico, ma in modo comprensibile anche ai non addetti ai lavori. Ogni numero è una monografia, in italiano, su un tema specifico, e gli scritti sono accessibili online sul sito di Confindustria.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Through time: integrità e trasformazione dell’opera

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Parma Abbazia di Valserena Strada Viazza di Paradigna 1 16 febbraio 2020 (fino al 22 marzo 2020) negli spazi della grande Chiesa dell’Abbazia il primo capitolo di Through time: integrità e trasformazione dell’opera vedrà protagonista Massimo Bartolini con il progetto On Identikit. Le opere di Massimo Bartolini, spesso pensate a partire da un contesto specifico ­– un’opera, una collezione – vivono in stretto legame con il luogo che le ospita. L’artista interviene sullo spazio in maniera del tutto antimonumentale, modificandolo, interpretandolo e definendolo. Nel corso della sua residenza allo CSAC, Bartolini si è focalizzato sulle opere di due grandi maestri come Luigi Ghirri e Luciano Fabro, presenti nelle collezioni degli archivi CSAC.Nella fase preliminare del progetto, Bartolini si è concentrato sulla ricerca di tutti i dischi in vinile fotografati da Ghirri nella serie “Identikit” (1979), dove l’artista emiliano restituiva in maniera veritiera e implacabile un ritratto di se stesso attraverso quello della propria libreria. I titoli dei vinili, spesso erosi dall’uso e quasi illeggibili sulla spina dei 33 giri, hanno istigato a Bartolini una “curiosità da archeologo”, per poter sfilare finalmente i dischi dalla bidimensionalità dello scatto fotografico e ascoltarli in compagnia dell’opera Lo Spirato di Luciano Fabro (1972), allestita in una delle cappelle nobiliari della Chiesa, “forse per consolare, come quando si porta un mazzo di fiori su una tomba o per rallegrare, come quando si vuole smuovere una energia o per modificare, come, grazie ad un sortilegio, si rende organico l’inorganico”.Il secondo capitolo di Through time coinvolge Luca Vitone, già protagonista di una residenza presso lo CSAC nel 2017 in occasione del progetto #GrandTourists, artista che da sempre lavora sull’idea di luogo, produzione culturale e memoria. Il progetto espositivo dal titolo Il Canone che apre il 4 aprile 2020 (fino al 30 maggio 2020) prevede la messa in mostra del furgone utilizzato fino ai primi anni 2000 dallo CSAC per il trasporto delle opere e degli archivi in occasione delle donazioni, che sarà allestito nella navata della Chiesa dell’Abbazia di Valserena seguito da una lunga “parata” di lavori e progetti che rappresentano un ampio spettro della ricerca artistico-culturale italiana del Novecento, selezionati dall’artista con un criterio del tutto personale, quasi a ricostruire immaginari legami tra le opere conservate allo CSAC e le proprie vicende biografiche. Per Vitone, “entrare nell’archivio del CSAC è come immergersi in un mare tropicale […] Impossibile non rimanerne affascinati, anche se non si riconoscono i pesci si è frastornati dai colori, dalle forme e soprattutto dalla quantità di animali da osservare”. Tra gli autori scelti da Vitone negli archivi CSAC figurano Ugo Mulas, Alighiero Boetti, Gianni Colombo, Lucio Fontana, Mario Schifano, Mario Nigro, Pietro Consagra, Alberto Rosselli, Afro Basaldella, Luigi Ghirri, Archizoom Associati/Lucia Bartolini, Walter Albini, Giosetta Fioroni, Michelangelo Pistoletto, Maddalena Dimt, Franco Albini, Danilo Donati/Sartoria Farani, Ettore Sottsass jr., un anonimo (imitazione di Magistretti), Andrea Branzi, “Il Male” e infine un monocromo eseguito dallo stesso Vitone con le polveri del CSAC: una sorta di retino, di quelli usati dai bambini per catturare granchi e pesciolini, ma spesso portante vuota acqua salata.Il capitolo conclusivo di Through time inaugura il 5 settembre 2020 (fino al 17 ottobre 2020) e avrà come protagonista Eva Marisaldi, artista che aveva già lavorato sugli archivi CSAC nel 2017 nell’ambito del progetto L’Abbazia per tutti, finanziato dal MIUR, quando aveva prodotto, con la collaborazione di Enrico Serotti, l’opera audio-video Jukebox rivolta al pubblico disabile e non, nell’ottica di un approccio inclusivo all’Archivio-Museo.Eva Marisaldi si esprime attraverso un linguaggio artistico poliedrico mediato tra fotografie, manufatti, azioni, video, animazioni, installazioni, alternati a tecniche di ricamo e di disegno. Altresi` i suoi lavori sono caratterizzati da una raffinata vena narrativa. Nella sua ricerca prende spunto dalla realta` ma si concentra su aspetti nascosti delle situazioni quotidiane, analizzandoli attraverso il suo modo di fare arte, un processo giocoso che si addentra nella sfera della fantasia e dell’immaginazione. Interrogandosi su tematiche quali il dialogo e la comunicazione, Eva Marisaldi indaga le possibilita` di riflessione individuale e collettiva all’interno dello spazio espositivo, rapportandosi con esso in maniera sempre delicata ed elegante. Le sue opere di conseguenza non producono un impatto immediato, i suoi interventi sono complessi e si contraddistinguono per un iniziale senso di spaesamento, richiedendo lunghe pause di riflessione e un’attenta osservazione.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lancio della campagna elettorale e del programma di Volt

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Roma 1 febbraio alle 10:30 a Roma, via Nazionale 66 (presso l’associazione “Per Roma”) conferenza stampa di lancio della campagna elettorale e del programma di Volt.Lo Muzio è stato scelto con largo anticipo rispetto alla consultazione. Questo ha consentito ai potenziali elettori di conoscerlo ai vari banchetti e eventi organizzati per raccogliere le firme necessarie alla presentazione della sua candidatura. Luca Maria Lo Muzio Lezza, 32 anni, architetto originario di Bari, vive a Roma da 8 anni. Lavora in uno studio di progettazione per grandi infrastrutture e collabora con l’università di RomaTre. Per Volt è responsabile regionale del Lazio. Dichiara Luca: “Roma è la città che ho scelto e che sento mia. La città che chiamo casa, dove ho conosciuto mio marito, e che vorrei vedere rinascere”.
Volt è un partito paneuropeo, progressista ed ecologista che conta già un eurodeputato al parlamento di Strasburgo. È presente in tutti gli stati membri dell’Unione Europea con lo stesso simbolo, gli stessi valori e lo stesso programma. Ma Volt lavora anche a livello nazionale e locale. Ne è prova la partecipazione a queste elezioni suppletive.
gaetano.gati@volteuropa.org, silvia.bertini@volteuropa.org, ufficiostampa@voltitalia.org,

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spettacolo: Pink Floyd tribute band siciliana

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Palermo 21 marzo alle 21,30 al teatro Golden di Palermo in via Terrasanta con gli Inside out. La storia di una band da trenta milioni di dischi, raccontata per una sera attraverso il suo lavoro simbolo.Con la partecipazione straordinaria degli Erato String Quartet e il Coro voci bianche AMM.Sarà suonato interamente l’undicesimo lavoro discografico del gruppo musicale britannico, l’ultimo in cui figura la formazione completa, pubblicato nel 1979 con i suoi 30 milioni di dischi è il secondo doppio album più venduto di tutti i tempi, dopo The White Album dei Beatles. Lo show sarà corredato da proiezioni, laser show ed effetti speciali, marchio di fabbrica degli spettacoli floydiani.Lo show sarà corredato da proiezioni, laser show ed effetti speciali.
Il biglietto di ingresso costa da 20 a 25 euro. I ticket si possono comprare al Botteghino del teatro Golden (telefono 0916264702 e online su http://www.cinemateatrogolden.it)Il concerto è organizzato In the spot light di Gaetano Vicari.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La carenza di talenti (Talent Shortage) a livello globale raggiunge posizioni record

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

La carenza di talenti a livello globale è quasi raddoppiata nell’ultimo decennio, secondo la nuova ricerca di ManpowerGroup (NYSE: MAN), pubblicata in vista del World Economic Forum di Davos. Il 54% delle aziende segnala una carenza delle competenze e in 36 su 44 Paesi si riscontrano difficoltà nell’attirare talenti qualificati rispetto al 2018. Sono i datori di lavoro negli Stati Uniti (69%), in Messico (52%) in Italia (47%) e in Spagna (41%) a registrare le maggiori difficoltà nel trovare i lavoratori con le giuste competenze.La Ricerca “Closing the Skills Gap: What Workers Want” evidenzia cosa attragga le persone verso le aziende e cosa le faccia rimanere nell’organizzazione, permettendo alle imprese di trovare, consolidare e trattenere i migliori talenti. Se, da un lato, la Ricerca mette in luce che ciò che ricercano i lavoratori varia in base all’area geografica, al genere e alle diverse fasi dei cicli di carriera lavorativa; dall’altro lato si rileva che sono di fondamentale importanza l’ambiente e gli orari in cui si lavora, il grado di benessere che deriva da programmi di conciliazione vita-lavoro offerti dall’azienda e percorsi di crescita professionale per il consolidamento delle competenze, insieme ad una forte leadership e ad un orientamento ai risultati.”In un mondo sempre più abilitato dalla tecnologia, le persone che hanno competenze sono molto richieste”, ha dichiarato Jonas Prising, Presidente e CEO di ManpowerGroup. “Sappiamo da colloqui con i candidati, conversazioni con i clienti e dal nostro patrimonio di dati che i lavoratori ricercano flessibilità e l’opportunità di acquisire nuove competenze. In vista dell’incontro annuale del World Economic Forum a Davos, abbiamo chiesto ai leader di orientare la loro domanda al nuovo approccio dei talenti. La creazione di valore per le aziende e gli azionisti deve essere accompagnata dal prendersi cura di dipendenti, clienti e comunità, è quindi fondamentale ascoltare la voce delle persone. Con l’accelerazione dei processi di disruption, aiutare le persone ad integrarsi nel lavoro del futuro e le aziende a diventare “creatrici di talenti” non è mai stato così importante.”La Ricerca “Closing the Skills Gap: What Workers Want” offre un quadro dei cambiamenti in corso nei bisogni dei lavoratori in base all’area geografica, al genere e alle diverse fasi dei cicli di carriera lavorativa: Generazione Z (18-24 anni): è composta da giovani ambiziosi, desiderosi di guadagno e di sviluppo di carriera, ma donne e uomini hanno desideri diversi. Le donne attribuiscono un livello di priorità due volte maggiore alla retribuzione, rispetto alla priorità successiva, ovvero lo sviluppo delle competenze, mentre gli uomini affermano che le competenze e la carriera contano almeno quanto la retribuzione.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce il Gruppo autonomo delle Value Added Medicines

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Di “vecchio” hanno solo la data sull’atto di prima registrazione. Ma nel DNA hanno la capacità e la voglia di offrire nuove soluzioni a bisogni sanitari insoddisfatti o di migliorare significativamente la gestione di terapie consolidate nelle diverse aree terapeutiche di appartenenza. Sono le Value Added Medicines, di cui all’estero si discute ormai già da qualche anno: i medicinali a valore aggiunto che utilizzano principi attivi noti e di indiscussa efficacia introducendo delle “innovazioni” che ne migliorano le performance regalando loro una marcia in più rispetto a qualsiasi precedente versione.A dar voce alle aziende impegnate in questo settore sarà un Gruppo autonomo, appena battezzato nell’ambito di Assogenerici: l’Italian VAM Group, che ieri ha eletto come proprio coordinatore Geremia Seclì (Medac Pharma) e come vice coordinatore Raffaelle Marino (Zentiva Italia).Obiettivo del neonato Gruppo – che è aperto anche all’adesione di aziende non appartenenti ad Assogenerici – è quello di contribuire tramite i nuovi prodotti a migliorare l’aderenza alle terapie e i risultati sulla salute o sulla qualità della vita; incrementare la sicurezza ed efficienza del personale sanitario; allargare le opzioni di trattamento e prevenzione; migliorare il rapporto costi-benefici e infine accesso all’assistenza sanitaria.Al gruppo hanno già aderito 10 aziende già trasversalmente attive sia nel settore delle small molecules che in quello dei biologici (ABC Farmaceutici, Accord Healthcare, Baxter, Medac, Mylan, Italia, NTC, Sun Pharma, Salf, Teva, Zentiva Italia) e si sta registrando l’interesse di aziende attualmente non associate ad Assogenerici. «Le VAM includono una grande varietà di prodotti off patent modificati o combinati prevedendo ad esempio nuove forme farmaceutiche, vie di somministrazione, dosaggi, indicazioni, devices, soluzioni digitali e patient support programs», spiega, il neo-coordinatore Seclì.«Esiste un significativo potenziale non sfruttato in Europa per ottimizzare le terapie esistenti per soddisfare al meglio le esigenze di pazienti, operatori sanitari e pagatori – conclude Marino – una maggiore personalizzazione delle terapie esistenti non può che portare ad una maggiore efficienza per l’intera comunità sanitaria».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Governo. L’economia per sentita dire

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Mettiamo soldi in tasca ai cittadini e l’economia ripartirà.L’abbiamo sentita diverse volte questa approssimazione ai temi economici che trova riscontri nella conversazione giornaliere.Cosa c’è di più semplice? Più soldi in tasca, più spesa, più ricchezza per tutti.L’ultima è quella del ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, il quale sostiene che se si mettono 100 euro in tasca ai cittadini l’economia ripartirà. L’avevamo sentita per il Reddito di cittadinanza e l’economia non è ripartita, l’avevamo sentita per Quota 100 con l’equazione: tanti vanno in pensione, tanti posti di lavoro si creeranno e l’economia ripartirà; anche in questo caso l’economia non è ripartita.In sostanza siamo di fronte a maggiore spesa pubblica, alla quale non corrisponde una diminuzione, o razionalizzazione, della spesa stessa, il che fa aumentare il debito pubblico, il quale ha raggiunto la cifra astronomica di 2.444 miliardi che non fanno bene alla nostra economia, considerato che il Pil, cioè la ricchezza prodotta, si avvicina percentualmente allo zero.Queste ricette economiche, “semplici semplici”, attraggono l’attenzione di chi ci vuol credere, ma non risolvono il problema. Continuare a proporle può trovare il consenso popolare, ma non raggiungono l’obiettivo propagandato.
( Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Data Protection Day 2020: la gestione del rischio nell’era della trasparenza

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

La questione della protezione dei dati e della privacy era, fino a poco tempo fa, una conversazione che avveniva tra uno specifico gruppo di persone all’interno di un’organizzazione. Chi si occupava di rispetto della privacy erano figure come il consulente informatico o l’avvocato aziendale. Quindi, come siamo arrivati al punto in cui molte organizzazioni sono obbligate per legge ad assumere un responsabile della protezione dei dati (RPD)? Perché i CEO sono ora così interessati alle politiche di protezione dei dati e della privacy della loro azienda?Erroneamente si potrebbe pensare che l’interesse per la data privacy risalga al 2018, ma nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Da un punto di vista antropologico, gli esseri umani desiderano la privacy da oltre 3.000 anni. Lo dimostra l’uso di muri interni all’interno degli edifici che hanno iniziato ad essere di uso comune nel 1500 d.C.. Il concetto di “diritto alla privacy”, così come lo conosciamo oggi, è in realtà più giovane, ed è stato formalizzato come un diritto umano internazionale nel 1948. La Svezia è stato il primo paese a promulgare una legge nazionale sulla protezione dei dati nel 1973. Anche questo, il primo sforzo tangibile per regolamentare la privacy dei dati, è avvenuto in risposta alla preoccupazione dell’opinione pubblica nei confronti del sempre maggior uso dei computer per elaborare e memorizzare informazioni personali.Certo, non si può negare che il 2018 è stato il momento di svolta in tema di privacy dei dati. Il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) ha ora meno di due anni, ma il suo impatto è stato senz’altro significativo. Oltre alla sua natura molto specifica che rende il regolamento applicabile, i regolatori del GDPR non hanno avuto paura di tenere una linea ferrea. Ad oggi, sono stati raccolti quasi 429 milioni di euro di multe – che servono a ricordare costantemente a qualsiasi impresa che elabora i dati dei cittadini europei che esistono sanzioni per il mancato rispetto dei requisiti di riservatezza dei dati.
La ricerca Veeam dimostra che tre quarti dei responsabili IT a livello globale guardano al Cloud Data Management come a un mezzo per rendere l’azienda più intelligente. Il Cloud Data Management riunisce discipline come il backup, la replica e il disaster recovery in tutto ciò che riguarda il cloud e la gestione dei dati all’interno di un’organizzazione. Garantisce che i dati siano sempre disponibili, recuperabili e protetti in ogni momento. Ma, come la privacy dei dati, anche l’IT è un settore fattor di persone. In un mondo in cui le aziende hanno più che mai bisogno di proteggere i loro dati, i CEO, i CIO e gli RPD sono alla ricerca di partner di fiducia che aiutino a ridurre i rischi nella gestione dei dati. Questo supporto può assumere la forma di configurazione dei sistemi di gestione dei dati, di formazione tecnica per gli amministratori o di formazione di base sulla privacy dei dati per gli utenti finali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vitamina D, ecco come scegliere l’integratore giusto

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Il consumo di farmaci a base di vitamina D in Italia cresce di anno in anno: nel 2017 la spesa pubblica per questi farmaci ha raggiunto i 260 milioni di euro e 12,6 italiani su mille li hanno assunti (il doppio rispetto al 2013) secondo l’AIFA, che proprio lo scorso ottobre, con la nota 96, ha posto nuovi limiti alla prescrivibilità di questi farmaci a carico del SSN. Così, questi medicinali sono rimborsabili solo previo un test a carico del cittadino che accerti la carenza di vitamina D, e solo ad alcune categorie di pazienti (persone con osteoporosi e osteopatie, donne in gravidanza o allattamento, persone che soffrono di carenze iatrogene o hanno malattie che causano il malassorbimento della vitamina). Ma i preparati a base di vitamina D sono presenti sul mercato anche come integratori, quindi acquistabili senza bisogno di ricetta medica: «Si tratta di importanti alleati nella prevenzione, perché le carenze di vitamina D sono molto comuni in tutta l’Italia, non soltanto al Nord. Infatti il 60-80% della popolazione italiana ne è interessato» spiega Maurizio Salamone, direttore scientifico di Metagenics Italia, produttore e distributore di integratori alimentari ad alto impatto che nel 2019 ha visto aumentare le vendite dei propri integratori a base di vitamina D del 40%.
La vitamina D infatti dà un contributo fondamentale alla salute di ossa e denti, alle funzioni del sistema immunitario, alla funzione muscolare, al mantenimento dei livelli di calcio nel sangue e al normale assorbimento del calcio e del fosforo. È una sostanza che viene prodotta dal corpo grazie soprattutto all’esposizione alla luce solare, mentre la dieta ci fornisce solo 20% dell’apporto giornaliero.«Occorre però fare un po’ di chiarezza – prosegue Maurizio Salamone – perché i cambiamenti sulla mutuabilità della vitamina D hanno generato un po’ di difficoltà nel mondo degli operatori sanitari che sono costretti in molti casi di prescrivere la vitamina D a carico del cittadino».L’indicazione più importante, sottolineata proprio dall’AIFA nelle avvertenze alla nota 96, recita: “l’approccio più fisiologico della supplementazione con vitamina D è quello giornaliero col quale sono stati realizzati i principali studi che ne documentano l’efficacia”. «Dato che la vitamina D ha la caratteristica di accumularsi nel tessuto adiposo è consigliabile assumere la dose giornaliera raccomandata quotidianamente, piuttosto che un dosaggio più elevato saltuariamente» spiega Salamone. La precisione nella quantità è quindi fondamentale, ed è per questo che Metagenics ha sviluppato una gamma di prodotti calibrate su esigenze diverse: 400 U.I. per i bambini, 1000 U.I. per adolescenti e adulti, 2000 U.I. per gli anziani e le donne in gravidanza, fino alle 4000 U.I. per chi presenta carenze gravi. «La cosa migliore – sottolinea Salamone – è sempre consultare il proprio specialista di fiducia per definire la posologia corretta, in modo da massimizzare i benefici».Inoltre sono da preferire prodotti facili da assumere e gradevoli al gusto: Metagenics pone grande importanza non soltanto alle formulazioni ma anche alla facilità di assunzione. Nel caso specifico della Vitamina D sono disponibili sia lecompresse masticabili al gusto lime, dolcificate con stevia, sia le gocce dal gusto neutro a base di olio MCT (medium chain triglycerides) ben digeribile e tollerabile, adatto anche ai neonati.Con una scelta mirata e una spesa molto contenuta, quindi, la prevenzione di una delle più diffuse carenze micronutrizionali è davvero alla portata di tutti, eliminando in questo modo il problema della ridotta mutuabilità della vitamina D generata dalla recente nota 96.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Gli antibiotici sono uno strumento essenziale per contrastare diverse infezioni oculari

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Roma. Si parlerà di questo mercoledì 29 gennaio nella Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, in occasione del convegno dal titolo ‘Occhio agli antibiotici! Focus in Oftalmologia sulle evidenze, laprofilassi e la terapia antibiotica’, organizzato dall’Associazione Italiana Medici Oculisti e dall’Associazione ‘G. Dossetti: i Valori – Tutela e Sviluppo dei Diritti’. Coordinatore scientifico dell’incontro, la dottoressa Alessandra Balestrazzi, referente di AIMO per i rapporti con le istituzioni. Sono stati invitati a partecipare tutti i componenti della 12° Commissione Igiene e Sanità del Senato e della XII Commissione Affari Sociali della Camera.
Hanno dato conferma di partecipazione le senatrici Paola Binetti, Elisa Pirro e Laura Stabile (della 12a Commissione Igiene e Sanità del Senato) e i deputati Roberto Bagnasco, Fabiola Bologna e Paolo Russo (della XII Commissione Affari Sociali della Camera). Tra i relatori: Stefano Baiocchi, dell’azienda ospedaliera universitaria Senese; Alessandra Balestrazzi, dell’ospedale Oftalmico di Roma; Romina Fasciani, dell’Unità operativa complessa (Uoc) di Oculistica Fondazione del Policlinico Universitario Gemelli Irccs di Roma; Marilena Galdiero, dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli; Silvio Gherardi, presidente del Comitato Scientifico dell’Associazione ‘G. Dossetti’; Luca Menabuoni, presidente di Aimo; Renato Marroncelli, dell’ospedale Santo Spirito di Pescara; Corrado Stillo, responsabile dell’Osservatorio Tutela Civica dell’Associazione ‘G. Dossetti: i Valori – Tutela e Sviluppo dei Diritti’.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La terza via di Cinque Stelle

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Durante la Maratona di Mentana per le regionali emiliane e calabresi un giornalista sosteneva come questi risultati dimostrino che la “terza via” non esiste. E invece il Movimento 5 Stelle esiste proprio per questo. Da sempre.
Vorrei ricordare che “la terza via” ha permesso a questo Paese di trovare stabilità laddove una legge elettorale non garantiva la governabilità. “La terza via” è quella che ha dimostrato di poter andare oltre le ideologie e realizzare cose che questo Paese chiedeva da 20 anni: Reddito e Pensione di Cittadinanza, agevolazioni per le partite iva, Quota 100, legge anticorruzione, abolizione della prescrizione, via vitalizi e pensioni d’oro, 10.000 assunzioni nelle forze dell’ordine, 1.5 mld per i truffati delle banche, 1 mld per l’innovazione, il decreto dignità, la class action, il codice rosso, stop a nuove trivellazioni, ecobonus per le auto elettriche, 11 mld contro il dissesto idrogeologico, tempo pieno nelle scuole, stop all’aumento dell’iva, decreto clima, blocco pedaggi autostradali, 4 mld per il green new deal, taglio del cuneo fiscale, stop alla pubblicità del gioco d’azzardo, aumento stipendi vigli del fuoco, assunzione di 50.000 insegnanti precari.“La terza via” è quella che si prende ogni giorno la responsabilità di andare oltre il consenso pur di lottare contro potentati e grandi lobby.Siamo noi. Quelli che da 10 anni percorrono una strada e che ora sono pronti per tracciarne una nuova, senza dimenticare che l’impossibile non esiste.Dopo il taglio dei parlamentari, altra nostra battaglia storica, tutto verrà rimesso in discussione. A partire da questo falso bipolarismo, tutto italiano, dove le realtà più diverse si mettono assieme solo per vincere. Noi compensiamo tutto questo.La nuova legge elettorale, basata sul metodo proporzionale, ancora una volta dimostrerà che “la terza via” continuerà ad essere la giusta compensazione di ciò che la politica non è più capace di fare”.Lo ha scritto su Facebook il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Top Italian Women Scientists”

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Milano mercoledì 29 gennaio, dalle 11.30, a Palazzo Pirelli Susanna Esposito, Ordinario di Pediatria all’Università di Parma e Direttore della Clinica Pediatrica dell’Ospedale dei Bambini dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria, riceverà un importante attestato di riconoscimento, nel corso dell’evento “Scienza e comunicazione”. Il club è dedicato alle scienziate italiane impegnate nella ricerca recensite nella classifica dei Top Italian Scientists (TIS) di Via-Academy, un censimento degli scienziati italiani di maggior impatto in tutto il mondo, misurato con il valore di H-index, l’indicatore che racchiude sia la produttività sia l’impatto scientifico del ricercatore, nonché la sua continuità nel tempo, e che si basa sul numero di citazioni per ogni pubblicazione. Per il Club sono state selezionate le ricercatrici con H-index pari o superiore a 50: quello di Susanna Esposito è pari a 67. Va ricordato che la docente dell’Università di Parma, tra le altre cose, è anche Presidente dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAidid).
“’Amare il proprio lavoro è la cosa che si avvicina più concretamente alla felicità’ diceva Rita Levi Montalcini, la più grande scienziata di tutti i tempi. Non c’è cosa più vera – ha commentato Susanna Esposito -. Passione, tenacia, curiosità, e ovviamente un forte spirito di sacrificio, mi hanno consentito di raggiungere importanti traguardi in ambito pediatrico, infettivologico e immunologico. È un onore per me ricevere questo prestigioso riconoscimento che conferma, ancora una volta e con la premiazione di altre connazionali, come le donne diano quotidianamente un significativo contributo alla ricerca scientifica italiana e internazionale”.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumori Testa Collo: nuove strategie terapeutiche

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Lo studio multidisciplinare ha svelato una correlazione tra una mutazione genica e l’attività di un farmaco di nuova generazione nei tumori testa-collo.In particolare i risultati hanno dimostrato che la presenza di mutazioni del gene p53, da cui dipende una minore sopravvivenza dei pazienti con tumori testa-collo, è associata alla risposta al trattamento con un farmaco di nuova generazione, l’alpelisib, un inibitore specifico della PI3K.I tumori della testa e del collo (laringe, faringe e cavità orale) rappresentano il sesto tipo di patologia neoplastica più frequente al mondo, con circa 500.000 nuovi casi per anno. Queste patologie sono note per avere sviluppi molto differenti da paziente a paziente. Da qui nasce la necessità di studiare nuovi marcatori molecolari, capaci di predire il decorso clinico del paziente e la risposta alle terapie.I risultati dello studio, sostenuto da Fondazione AIRC e condotto dal gruppo di Giovanni Blandino dell’area di Medicina Molecolare IRE, in collaborazione con l’Otorinolaringoiatria IRE ed il Princess Margaret di Toronto, sono stati pubblicati sulla rivista Clinical Cancer Research.“Lo studio ha dimostrato che la presenza di mutazioni di p53 e di alti livelli di espressione della proteina p53 alterata possono essere un indicatore della sensibilità al trattamento con alpelisib” spiegano Federica Ganci ed il Claudio Pulito, coautori dell’articolo.
“In particolare, – proseguono i ricercatori – la presenza di alti livelli della proteina mutata p53 è in grado di potenziare l’attività di MYC, un fattore che agisce a valle di PI3K, ed il trattamento con alpelisib sembra inibire l’attività di p53 mutata e MYC”.“L’aspetto più interessante – sottolinea Giulia Fontemaggi, che insieme a Giovanni Blandino ha coordinato lo studio – è che il trattamento con alpelisib sensibilizza le cellule tumorali con mutazione di p53 ai trattamenti chemio- e radioterapici, aprendo nuovi scenari per il trattamento di questi tumori”.“I risultati del lavoro appena pubblicato, – afferma Gennaro Ciliberto, Direttore Scientifico dell’IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, – sono una ulteriore dimostrazione che lo studio approfondito delle caratteristiche molecolari dei tumori apre ampie possibilità al riposizionamento di farmaci e a innovative strategie terapeutiche per i nostri pazienti”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Percival Everett “Quanto blu”

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Uscita prevista: 3 febbraio. Il grande ritorno di uno dei più grandi ed eclettici scrittori americani. Un romanzo geniale e irresistile sul mondo dell’arte, raccontato con il suo stile inconfondibile intriso di ironia e acume, che fin dagli esordi ha conquistato critica e pubblico. Kevin Pace lavora da tempo a un dipinto che non lascia vedere a nessuno: né ai suoi figli, né al suo migliore amico Richard, e neppure a sua moglie Linda. Questa gigantesca tela di quattro metri per sette, interamente ricoperta da strati di vernice blu di sfumature differenti, potrebbe essere il suo capolavoro, oppure no. Kevin non lo sa ancora o, più precisamente, non gli importa, concentrato com’è sul suo passato, di cui questo quadro sembra essere una sintesi, una rappresentazione, enigmatica e inspiegabile. Dieci anni prima ha avuto una storia con una giovane acquarellista a Parigi: una storia che ha segnato profondamente Kevin, che ora non riesce a smettere di pensarci. E ritornano i fantasmi del passato, i segreti che tiene nascosti da anni, le bugie che racconta per proteggersi da qualcosa di troppo doloroso. Mentre gli eventi del passato si intrecciano con il presente, Kevin lotta per giustificare con sua moglie i sacrifici che compie per la sua arte e per trovare con lei un punto di equilibrio che consenta a entrambi di non precipitare. E quel dipinto nasconde una verità indicibile. O forse la sua salvezza. (La Nave di Teseo Editore)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Libro: Luca Ricci “Gli estivi”

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Uscita prevista: 27 febbraio. Da uno dei più acclamati scrittori del panorama italiano contemporaneo. Dopo Gli autunnali, il secondo capitolo della serie di Luca Ricci dedicata alle stagioni. L’autore torna al tema che più gli è caro – quello dei sentimenti– con la consueta limpida maestria nella scrittura e uno sguardo ancora più disincantato e brillante sulle passioni che animano l’uomo. Il protagonista del romanzo è uno scrittore di mezza età, sposato da trent’anni con Ester. Il matrimonio per lui è sostanzialmente un fallimento: non perché non ami sua moglie, ma perché è un sostenitore del sentimento non realizzato, delle cose che non hanno inizio né fine, che a differenza del matrimonio non scontano il deperimento e il logorio. Ogni anno, va in vacanza sul Circeo, dove incontra il suo editore – Lello, un romantico inevitabilmente sconfitto dalle donne e negli affari – e trascorre giornate identiche, sopraffatto da una noia rassicurante. Un anno, però, nella notte di San Lorenzo, una ragazzina intravista al ristorante diventa subito un’attrazione irresistibile, di cui quasi provare vergogna, “un desiderio non espresso, esaudito da una stella non vista”. Estate dopo estate tra loro due succede qualcosa, sempre molto poco, un gioco fatto di reciproche accuse, ripicche, tranelli, un esercizio di crudeltà che non è poi molto diverso dalla trama sottile con cui è composta ogni vera storia d’amore. collana Oceani – narratori stranieri (La Nave di Teseo Editore)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Marida Lombardo Pijola “L’imperfezione delle madri”

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Uscita prevista: 20 febbraio. Un romanzo psicologico di straordinaria finezza, potente, attuale, che parla a tutte le donne. Donne coraggiose e fragili, in corsa costante verso l’emancipazione dal dolore, dal cinismo e dall’egoismo degli uomini che hanno incontrato, dalla loro stessa percezione di inadeguatezza, incapacità, frustrazione e paura.
Agata, Angela e Azzurra sono rispettivamente madre, figlia e nipote. Benché diverse, le tre donne sono legate da vincoli caratteriali e comportamentali che loro stesse stentano a riconoscere, e tutte e tre lottano, in queste pagine, contro le delusioni e i fantasmi d’amore. Agata, solare e ottimista, ha vissuto il naufragio del suo matrimonio con l’uomo che per tutta la vita ha amato e, destabilizzata, ha avuto un crollo psicologico: nella struttura di cura in cui si trova ormai da anni, ha iniziato una relazione con Piergiorgio, che pure l’ha abbandonata. Angela è umbratile e insicura: anche il suo matrimonio con Andrea è finito, per noia e fastidio di entrambi, e ora cerca conforto in chat online dove conosce Piero, di cui si invaghisce ma che col suo carattere ambiguo la fa soffrire molto. Azzurra è bellissima e irruenta, egoista ma anche molto fragile: il suo rapporto con Massi è in precario equilibrio e finisce col fallire davanti alla possibilità di un futuro fatto di impegni e responsabilità. A sostenerla c’è Gioia, amica di sempre, che le confessa il suo amore. Quando tutti i pezzi di queste tre storie si ricompongono, quello che emerge è un mosaico di frustrazioni, di aspettative deluse, di donne che in modi diversi combattono la stessa battaglia: è questo il momento per tutte e tre di ritrovare in sé le certezze per reagire, di ricucire legami e tornare a credere nel futuro. (La Nave di Teseo Editore)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Guido Maria Brera “La fine del tempo”

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

Uscita prevista: 20 febbraio. Dopo il successo italiano e internazionale del precedente I Diavoli – che si annuncia come la serie evento di questa primavera su Sky con Patrick Dempsey e Alessandro Borghi – Guido Brera ritorna con un thriller nella notte dell’economia digitale, che racconta come le grandi corporation tecnologiche hanno imposto il loro dominio finanziario. Londra, Philip Wade è un intellettuale di sinistra in crisi. Insegna Storia contemporanea al prestigioso Birkbeck College, ma in passato ha vissuto molte vite e in una di queste ha lavorato per una grande banca d’affari della City in qualità di strategist. Così viene chiamato l’analista deputato a cogliere le tendenze economiche, politiche e sociali. Colpito da una forma di amnesia a breve termine, Philip non riesce a conservare alcun ricordo recente. Una delle cose che ha dimenticato è il libro a cui stava lavorando e di cui non c’è più traccia. La fine del tempo narra con il ritmo di un thriller l’indagine di un uomo nell’abisso della propria mente, intorno al mistero di un’opera epocale e scomoda, ora perduta. Scoperta dopo scoperta, tassello dopo tassello, mentre l’Europa brucia sotto il montare della marea populista, Philip Wade ricomporrà il mosaico di un libro forse mai scritto. Ovvero: un’analisi della nascita dell’economia high tech e del dominio delle grandi corporation tecnologiche; una ricerca su quel paradosso dei “tassi a zero” che hanno reso possibile l’ascesa delle platform companies, cancellando la variabile principale del gioco finanziario – il tempo – e condannando il pianeta Terra a vivere un eterno presente in cui tutto è possibile per i nuovi padroni del vapore, i signori del silicio, l’aristocrazia delle App. (La Nave di Teseo Editore)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Post-War and Contemporary Art Evening Auction

Posted by fidest press agency su martedì, 28 gennaio 2020

London – Christie’s Post-War and Contemporary Art Evening Auction will take place on 12 February 2020, continuing ‘20th Century at Christie’s’. From the collection of Richard L. Weisman, Andy Warhol’s ‘Athletes’, comprised of ten 40-by-40-inch multicoloured portraits of athletes, is highlighted by Muhammad Ali (1977, estimate: £3,000,000-5,000,000). This follows the successful sale of works from the collection at Christie’s in New York in November 2019. The seminal series is presented alongside Flowers (1964, estimate: £1,000,000-1,500,000), which is offered as part of ‘Art for Future: Selected Works from the UniCredit Group’. A further focus on Andy Warhol includes Knives (1982, estimate: £2,500,000-3,500,000), a razor-sharp chorus of beauty and menace, and Brillo Soap Pads Box (1964, estimate: £300,000-500,000) which was originally held in the collection of Leo Castelli. Three works by Jean Dubuffet from the 1950s, 60s and 70s not only trace the artistic development throughout the artist’s career but culminate in Panorama (1978, estimate: £2,000,000-3,000,000), from the final decade of the artist’s life where he employs the pictorial devices seen in his works since the 1940s. Albert Oehlen’s Mission Rohrfrei (1996, estimate: £1,800,000-2,500,000) is among the most abstract and explosive of Oehlen’s ‘Remixes’, displaying the artist in freewheeling improvisatory flow. Coinciding with a survey of contemporary painters at London’s Whitechapel Gallery, ‘Radical Figures’, a group of works by Dana Schutz, Tschabalala Self and Cecily Brown showcase new directions in expressionism as artists tackle subjects of political and social significance. Jordan Casteel’s Mom (2013, estimate: £180,000-250,000) is a poignant tribute to the artist’s mother, Lauren Young Casteel.The Post-War and Contemporary Art Day Auction will take place on 13 February while First Open: Post-War and Contemporary Art Online, a dedicated online-only auction, will be open for bidding from 7 to 18 February. Selected works will be on view from 8 to 13 February with viewing by request from 14 to 18 February. The works from the Evening and Day Auctions will be on view in the King Street galleries from 8 to 12 February 2020.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »