Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Archive for 31 luglio 2018

La verità per favore sull’Air Force Renzi: parte l’indagine della Corte dei Conti

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

I 150 milioni di euro spesi per soli 8 anni di noleggio dell’Air Force Renzi rischiano di costare molto cari all’ex premier: adesso anche la Corte dei Conti sta indagando per vederci chiaro. Il Fatto Quotidiano di oggi riporta che già “lo scorso 9 luglio la magistratura contabile ha aperto un fascicolo gestito direttamente dal procuratore Andrea Lupi, che ha affidato la delega per le indagini alla Finanza. Le Fiamme Gialle chiederanno al Segretario Generale della Difesa e alle varie autorità la documentazione, dal contratto e dalle spese previste e già effettuate, e sentiranno i dirigenti coinvolti”.Si infrange così, miseramente, il tentativo del pd di derubricare l’azione del governo a semplice “propaganda”: la verità è che l’Air Force Renzi è uno spreco multimilionario che i cittadini hanno dovuto subire a causa delle manie di grandezza dell’ex premier. Con gli stessi soldi avremmo potuto comprare ogni anno tre treni nuovi di zecca per il trasporto regionale e dei pendolari, oppure acquistare una decina di nuove Tac per la sanità pubblica o ancora costruire due scuole con almeno 25 aule ciascuna e laboratori ai nostri ragazzi.Il senatore semplice del pd farebbe bene a evitare di perdere tempo con video della disperazione e dedicarsi a preparare le carte per la Corte dei Conti: è ora di dire la verità agli italiani. E se la magistratura rileverà degli abusi è giusto che chi ha sbagliato paghi. La strenua difesa degli sprechi e dei privilegi da parte del partito democratico è completamente antistorica. Con il governo del Cambiamento tutti i cittadini sono tornati ad essere uguali. Che tu sia un banchiere, un lobbista, un sottosegretario o un senatore semplice sei e rimani un cittadino con gli stessi diritti e doveri, ma zero privilegi.E adesso la verità, per favore, sull’Air Force Renzi! (fonte: blog delle stelle)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Jean-Claude Juncker ha rilanciato le trattative per il TTIP

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Nella più totale assenza di trasparenza e forzando il bilanciamento di poteri tra le istituzioni europee, il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker ha rilanciato le trattative per il TTIP con Donald Trump. L’intenzione di Bruxelles è nominare un ristretto gruppo di tecnici che avvii il negoziato con la controparte statunitense. L’obiettivo è discutere dell’abbattimento di dazi e regole su una vasta gamma di settori: dall’agricoltura all’energia, dai farmaci alla chimica. La Campagna Stop TTIP Italia condanna fermamente questo gesto antidemocratico, che non tiene conto della contrarietà espressa da più di 3,5 milioni di cittadini europei, dei numerosi richiami alla trasparenza che negli ultimi anni il Mediatore europeo (Ombudsman) ha mosso alla Commissione e alle proteste fiorite in tutti gli Stati membri.
Le forze politiche che siedono nel Parlamento Europeo devono immediatamente prendere la parola e fermare questa corsa verso una pericolosa apertura dei mercati, ricercata senza alcun mandato da parte dei governi nazionali. Per questo la Campagna Stop TTIP invita tutte e tutti i cittadini italiani e le organizzazioni della società civile a sollecitare gli europarlamentari italiani a difendere l’interesse pubblico e a far valere la loro posizione di rappresentanti dell’Italia in Europa.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Orlando Furioso nel Parco Chigi in Ariccia

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Ariccia (Roma) Dal 11 al 19 agosto, ore 19.30 – Parco Chigi in Ariccia, ingresso Via dell’Uccelliera, torna Labirinto d’Amore: 14 attori per uno spettacolo immersivo negli spazi seicenteschi dei giardini di Palazzo Chigi di Ariccia (RM) che, con gli scorci suggestivi e le straordinarie strutture architettoniche che lo caratterizzano, si trasforma inscenografia ideale per la rappresentazione di questa divertente versione dell’epopea ariostesca. Una messa in scena totalizzante e itinerante, in cui lo spettatore è invitato a seguire 4 storie d’amore tratte dalla grande penna di Ludovico Ariosto, in uno dei patrimoni storici e artistici del Lazio.
Magie, incantesimi e poteri sovrumani: nell’Orlando Furioso tutto è possibile, proprio come in un sogno, e, come in un sogno, tutto ciò che accade rimanda a simboli nascosti nel profondo del nostro inconscio.Il risultato, grazie alla regia di Giacomo Zito, è un mondo magico, dentro il quale lo spettatore/viaggiatore si addentra e, coinvolto in prima persona, si perde per seguire le avventure dei personaggi. Il pubblico si muove in questo labirinto godendosi la caleidoscopica coralità di immagini, voci e suoni generati dalla rievocazione da parte dei personaggi delle loro avventure e dei loro travagli amorosi, alcuni dei quali impressi energicamente nell’immaginario collettivo, come la follia di Orlando a causa del’amore di Angelica per il giovane Medoro. Un’atmosfera di sogno, un remoto e imprevedibile universo dove tutto ciò che accade alimenta l’illusione che il tempo possa essersi fermato.Una ricostruzione che al tempo stesso è viaggio nell’immaginario e momento unico per godere di uno dei più grandi capitoli della nostra letteratura, in uno spazio unico visitabile così anche in orario serale.
Labirinto d’Amore – Orlando Furioso nel Parco Chigi in Ariccia con (in ordine alfabetico) Giada Barbieri – Angelica, Mirella Dino – Maga Melissa, Chiara Di Stefano – Olimpia, Francesca La Scala – Dalinda, Mattia Mariani – Mago Atlante e San Giovanni, Silvia Nati – Bradamante, Gabriele Paupini – Astolfo, Luigi Pisani – Orlando, Nicola Sorrenti – Pinabello e Re Cimosco e con Dario Di Luccio – Ariodante, Federico Lunetta – Pastore, Alessandra Patella – Marfisa e Ginevra, Lorenzo Stamerra – Polinesso e Rinaldo, Jacopo Strologo – Medoro e Bireno Regia di Giacomo Zito.
Labirinto d’Amore è una produzione Arteidea Eventi e Servizi con il contributo economico del Comune di Ariccia. Grazie all’Associazione Culturale Amici di Palazzo Chigi lunedì riposo. Biglietti: € 10 intero, € 8 ridotto (under 18 e residenti).

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Shungite – energia di vita” di Regina Martino anche in ebook

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

La SHUNGITE è una roccia formatasi più di due miliardi di anni fa in un’unica zona del nostro pianeta, la regione russa della Carelia. La sua origine, in relazione alla datazione della comparsa della vita sulla terra, pone quesiti ancora attualmente irrisolti dagli scienziati.
Fra tutti la questione cruciale è come sia potuto avvenire che i fullereni, le molecole sferiche di carbonio solo da poco scoperte nello spazio interstellare, siano presenti in questo minerale.
È da questa struttura che derivano alla SHUNGITE le sue straordinarie proprietà tra cui quella di proteggere l’organismo umano dagli effetti nocivi delle onde elettromagnetiche emesse da computer e cellulari senza caricarsi a sua volta delle energie negative che la attraversano?
A questo e ad altri quesiti l’autrice cerca di dare una risposta corredandola con numerosi risultati di ricerche personali e di altri scienziati, offrendo inoltre una serie di test che ciascun lettore può facilmente riprodurre.
Regina Martino è geobiologa e studiosa di bioenergetica. Le sue ricerche riguardano in particolare il campo delle energie e dei loro effetti sulla salute dell’uomo.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Evento teatrale: Tovaglia a Quadri

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Anghiari (Ar), dal 10 al 19 agosto 2018 si svolge dal 1996 l’evento teatrale: Tovaglia a Quadri fra le mura medievali di Anghiari, in provincia di Arezzo, definito dai suoi autori “cena toscana con una storia da raccontare in quattro portate” arriva quest’anno alla sua ventitreesima edizione. Promossa dall’Associazione culturale Tovaglia a Quadri, che si occupa anche degli aspetti logistici e organizzativi, realizzata in collaborazione con l’Associazione Teatro Stabile di Anghiari come responsabile della parte artistica, con il Comune di Anghiari (Ar) e la Rete Teatrale Aretina, con il sostegno della Regione Toscana e di numerosi sponsor locali, questa manifestazione raccoglie ogni anno oltre 1000 spettatori provenienti da tutto il territorio nazionale.
Lo spettacolo che avrà luogo da venerdì 10 a domenica 19 agosto, alle ore 20,15, scritto come sempre dal direttore artistico del Teatro di Anghiari Andrea Merendelli e da Paolo Pennacchini, porta in scena come di consueto una storia centrata su problematiche del nuovo millennio che si fondono con le vecchie tradizioni del paese. Le storie narrate negli spettacoli sono infatti frutto di un continuativo lavoro di ricerca d’archivio, unito alle testimonianze degli abitanti del posto, legate alla memoria di Anghiari, ai racconti dei nonni. Vicende di vecchia data che gli autori restituiscono alla collettività con un sapiente lavoro di ricerca, antiche passioni sopite, vicende più o meno note ma anche personaggi dimenticati tornano a vivere grazie alle interpretazioni degli attori locali che si fanno cantori delle loro stesse radici. I personaggi tipici del paese abitano gli amarcord che si intrecciano con il presente e con le vite, solo apparentemente quiete, dei protagonisti. Il tutto condito dagli stornelli toscani che risuonano dalla fisarmonica e dalle voci degli stessi attori in mezzo ai vicoli di Anghiari mentre, tra una scena e l’altra, il pubblico si gode la prelibatezza dei piatti e del vino rosso.
È questa tematica della memoria civile della collettività una delle caratteristiche salienti della manifestazione, che dal 1996 ci ha parlato e portato dentro piccole grandi storie che vanno dalle miniere etrusche a Leonardo, dal brigantaggio alle deportazioni nazifasciste, dall’emigrazione in Argentina alla svendita dell’acqua pubblica, dagli artigiani alla crisi della sanità fino ad arrivare alla crisi occupazionale della Buitoni, partendo dal locale fino ad arrivare al nazionale. Storie antiche o temi di potente attualità, come afferma Gianfranco Capitta “Gradualmente, con lo scorrere degli anni e delle portate, si è passati dal racconto dei fasti di una celebre cortigiana locale approdata in Vaticano (l’Anghiarina, appunto), al problema degli immigrati che qui sono molti e rendono possibili le grandi coltivazioni di tabacco pregiato”. La carica civile non viene mai meno in questi temi brucianti, che a tavola sono divenuti patrimonio comune, raccontati con l’umorismo toscano che rende “accettabili” le realtà raccontate, tutte pienamente documentate, in un vero e proprio teatro della memoria collettiva in cui la piazza del paese diviene una “zona franca” dove la memoria può essere (o non essere) condivisa da tutti. Le prime tredici sceneggiature sono state raccolte, nel volume Tovaglia a Quadri, tutte le storie, pubblicato nel 2009 con prefazione del critico teatrale Gianfranco Capitta.
Palcoscenico deputato è la piazzetta del Poggiolino, luogo denso di significati per i suoi abitanti, una piazzetta lunga e stretta che si trova nel cuore del borgo. Paese della alta Val Tiberina, adagiato tra Toscana, Umbria e Marche, Anghiari è noto ai più per il famosissimo affresco perduto di Leonardo da Vinci, giunto a noi tramite i disegni di Rubens (conservati al Louvre) e un’opera del 1470 di Biagio di Antonio (oggi alla National Gallery of Ireland di Dublino). L’opera di uno dei più grandi geni dell’arte raffigurava la famosa e omonima battaglia, che avvenne il 29 giugno 1440 proprio nella piana antistante la parte più antica della città, il Poggiolino, appunto.
Novità nel menù della cena e novità nel cast degli attori. Oltre ai consueti piatti tipici del luogo (crostini, bringoli, bocconcini di Chianina, cantucci, vino rosso e vin santo del contadino), quest’anno ci sono novità nel menù e nel cast degli attori. Il pubblico, seduto davanti alle tavole apparecchiate con le famose tovaglie a quadri della storica manifattura anghiarese, assisterà allo spettacolo messo in scena dagli attori-abitanti, affacciati a porte e finestre che danno sulla Piazzetta. Sono gli stessi cittadini, non dunque attori professionisti, a recitare tra i commensali della lunga tavolata. A scandire la performance, gli intermezzi musicali che rappresentano una sospensione del racconto e accompagnano le portate servite agli spettatori dagli stessi attori, deputati al ruolo di camerieri, sia nella finzione che nella realtà. Le materie prime che compongono il menù sono tutti a “chilometro 0”, per una spesa sostenibile ed ecocompatibile. L’evento è realizzato con il contributo della Regione Toscana e del Comune di Anghiari. Ingresso 45,00 euro.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mosaico pavimentale de La Sala dei draghi e dei delfini

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Monasterace (Reggio Calabria) 1- 2 agosto 2018 ore 9.00 – 14.00; 16.00 – 20.00 Museo Archeologico dell’antica Kaulon c/da Runci SS 106.Il Polo Museale della Calabria, nell’ambito delle iniziative del Piano di Valorizzazione 2018 del MiBAC, promuove, presso il Museo Archeologico dell’antica Kaulon, l’apertura eccezionale al pubblico del mosaico pavimentale de La Sala dei draghi e dei delfini.
L’iniziativa, che ha visto la collaborazione della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della città metropolitana di Reggio Calabria e della provincia di Vibo Valentia, del Comune di Monasterace, dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Roccella Jonica e della Delegazione di Spiaggia di Monasterace, della Cooperativa Vivikaulon-Servizi aggiuntivi Museo archeologico di Kaulonía, è stata possibile anche grazie alla sponsorizzazione di Restauro opere d’arte Giuseppe Mantella e della Ditta Falcomar, che si ringraziano per la disponibilità e sensibilità.
Le giornate dell’1 e 2 agosto, nelle intenzioni del Polo Museale della Calabria, vogliono non solo offrire al pubblico un’ulteriore l’occasione per prendere visione di manufatti di particolare fascino e suggestione archeologica, ma ricordare anche la valenza del patrimonio storico-archeologico del territorio calabrese e reggino in particolare.
Il mosaico della cosiddetta Sala dei Draghi e dei Delfini, realizzato con tessere policrome, di particolare interesse scientifico per la sua fattura, per la ricercatezza del tema figurativo e per le dimensioni, è da considerarsi tra le testimonianze più significative riconducibili al centro magno-greco di Kaulonía, identificato dall’archeologo Paolo Orsi agli inizi del Novecento e localizzato nell’odierna cittadina di Monasterace Marina. Testimonianze oggi conservate nell’area del Parco archeologico dedicato allo stesso centro e situato in contrada Runci, lungo la Strada Statale 106, nel comune di Monasterace ai piedi della suggestiva Collina del Faro.
Dopo la scoperta, a cura della Soprintendenza Archeologica della Calabria, nel 2012, nell’ambito delle attività di ricerca condotte nel sito di Kaulonia, il mosaico ad oggi ricordato come uno dei più importanti e dei più antichi ritrovati in Magna Grecia, è stato ricoperto per una sua opportuna tutela e conservazione, dopo un intervento di restauro conservativo finalizzato alla messa in sicurezza delle parti più deteriorate.Il mosaico, di circa 30 mq e databile tra fine IV- inizio III secolo a C., costituisce il piano pavimentale centrale di un lungo vano con piscina per il bagno caldo di un edificio termale, eretto su un edificio pubblico già esistente, munito di ambienti di rappresentanza e di servizio. Colpisce la particolare ricchezza dei motivi e dei soggetti decorativi scelti – delfini, draghi, ippocampi – e la loro composizione armoniosa con particolari tecnici quali l’uso di lamine in piombo per delineare i profili dei delfini. Lo schema compositivo del mosaico – realizzato con tessere policrome in pietra naturale, ceramica e terracotta di varie forme e dimensioni – pone al centro sei medaglioni con motivi floreali, delimitati da più listelli colorati, la cui particolare composizione dà luogo a una visione prospettica, mentre sul lato occidentale e meridionale sono disposti stretti e lunghi pannelli con figure di animali marini (draghi, delfini e ippocampo) affrontati per coppie. Un particolare decorativo è costituito inoltre, in prossimità dell’accesso alla sala, da una rosetta circolare a 12 petali.
Il Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon, diretto da Rossella Agostino, è afferente al Polo Museale della Calabria guidato da Angela Acordon.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Secondo le ultime stime, entro 80 anni l’italiano sarà una lingua morta

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Dal 2000 a oggi, infatti, l’anglicizzazione ossessiva ha fatto aumentare del 773% le parole inglesi nell’italiano scritto. La causa però non è dovuta solo all’abuso di vocaboli stranieri ma anche a una falla all’interno della nostra costituzione, che all’art. 6 cita solo il fatto che ‘la Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche’ senza citare l’italiano come lingua ufficiale della Repubblica – si legge nell’articolo pubblicato oggi da Libero. A salvaguardare la lingua italiana come patrimonio prezioso da tutelare ci pensa il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli, che a marzo scorso ha presentato due proposte di legge affinché l’italiano diventi idioma ‘ufficiale della Repubblica’ e per chiedere l’istituzione di un ‘Consiglio superiore’ contro l’abuso di lingue straniere. Gli anglicismi secondo Rampelli si devono “all’intrusione di gerghi appartenenti al cinema e televisione, che dovrebbe responsabilizzare almeno la Rai, ma anche Mediaset e La 7, a una promozione della nostra lingua.
Poi c’è l’uso indiscriminato dei neologismi provenienti dal linguaggio burocratico e scientifico e l’infiltrazione seriale di parole mutuate dall’inglese, che negli ultimi decenni ha oltrepassato livelli di guardia. Perfino all’interno di leggi e decreti: jobs act, spending rewieu, split payment… A raccogliere l’appello del vicepresidente della Camera – si legge nell’articolo di Libero – i massimi competenti in materia, ovvero la Treccani e l’Accademia della Crusca. “Se il Consiglio superiore della lingua italiana previsto nella proposta di legge dovesse essere finalizzato alla valorizzazione della ricchezza della nostra lingua, soprattutto in ambito scolastico, potrebbe essere uno degli strumenti utili da promuovere” – ha commentato il direttore di redazione della Treccani; mentre il presidente dell’Accademia della Crusca, Claudio Marazzini, ha specificato che la “proposta di legge è interessante soprattutto come punto di partenza del dibattito”. “È necessario rilanciare la missione culturale della Rai – ha ribadito il deputato di Fdi Rampelli – annunciando un convegno alla Camera sulla tutela della lingua italiana. Negli anni ’60 ha svolto un ruolo di unificazione linguistica con programmi appositi per la diffusione dell’italiano. Oggi ci troviamo con canali tutti in inglese, programmi con titoli stranieri, utilizzo massivo di parole straniere anche nei Tg. Si faccia come la Francia, che tra tanti difetti, testimonia il proprio orgoglio linguistico con leggi e politiche attive. Basti pensare che per dire computer usano il termine ‘ordinateur’. Spero – conclude – che si trovi la convergenza di tutti i gruppi parlamentari e le proposte siano presto assegnate in commissione”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Fabio Perini il 100% della Engraving Solutions

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Fabio Perini S.p.A. e NARA S.r.l. (Gruppo Simec) hanno perfezionato il passaggio della totalità delle partecipazioni di Engraving Solutions S.r.l. alla Fabio Perini S.p.A. che già deteneva il 70% di quote dell’azienda.La consolidata partnership industriale fra i due gruppi continuerà nel futuro per una sempre migliore soddisfazione dei clienti e continuando a innovare seguendo le esigenze del mercato.
Engraving Solutions è nata nel 2003 proprio grazie all’unione di intenti di Fabio Perini e Simec Group, leader nella produzione di rulli con lavorazioni superficiali per diversi settori applicativi. Grazie al know-how e all’eccellenza tecnologica delle due aziende si è subito distinta nel mercato per la capacità di sviluppare nuovi disegni di goffratura e di supportare il cliente nello studio delle incisioni per prodotti goffrati nel comparto Tissue.Più di 4.000 rulli già prodotti, la realizzazione di oltre 12.000 soluzioni grafiche di goffratura e 15 brevetti attivi in tutto il mondo, sono gli asset di Engraving Solutions. Attualmente lavorano nella sede di Lucca 20 dipendenti. Tra i prodotti di maggior successo a livello internazionale ricordiamo il Softop, PP-Evo, 4D e Pixel.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I masi di Gallo Rosso con malga

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Bolzano. In Alto Adige le malghe sono in totale circa 200. Ma cos’è esattamente una malga? Una malga è la struttura immersa nel verde, ad un’altitudine che può variare dal 300 ai 2000 metri, che accoglie i contadini e le bestie nel momento dell’alpeggio. Una usanza, questa, viva ancora oggi e che fa parte, forse da sempre, dell’antica vita del contadino. Tra fine maggio e inizio giugno, infatti, i contadini accompagnano il bestiame in malga (monticazione) e lo tengono lì per tutta la durata dell’estate a brucare l’erba fresca dei pascoli in quota e al riparo dalla canicola. Una sorta di casa per vacanza per bovini, ovini, equini e caprini, con tanto di stalla per trascorrere notti fresche serene.Alla fine della “vacanza”, verso settembre, i contadini riportano il bestiame al maso (demonticazione). Le malghe sono quindi abitate solo nei mesi estivi (c’è un alloggio per i contadini e per chi gestisce la malga) e offrono agli escursionisti soprattutto ciò che producono: salumi, burro e formaggi.Alcuni masi Gallo Rosso hanno la propria malga e i contadini accompagnano con piacere i propri ospiti a visitarla. L’esperienza di un’escursione in malga avvicina le persone a comprendere ancora di più lo stile di vita dei contadini altoatesini, a scoprire un mondo nuovo fatto di animali che corrono liberi, di montagne meravigliose, di paesaggi da favola che rigenerano corpo e anima.Dopo una bella colazione ricca e abbondante preparata dalla contadina del maso in cui si soggiorna con i prodotti freschi e genuini del suo orto, gli ospiti si incamminano verso la malga, guidati dal contadino, che, strada facendo, racconta loro aneddoti, leggende, proprietà delle piante, segreti legati alla vita nel bosco e antichi saperi custoditi dai contadini da generazioni.
Il maso Gallo Rosso Rasterhof di Aldino, ad esempio, nei mesi di luglio e agosto su richiesta organizza per i propri ospiti un’escursione alla malga con grigliata finale, mentre il contadino del maso Ronsonholf a Castelrotto accompagna regolarmente una volta alla settimana gli ospiti a visitare gli animali in malga. Anche il maso Platschgolerhof di Tires ha una malga propria con un panorama stupendo, a 2000 metri ai piedi del Catinaccio.Per scegliere i masi Gallo Rosso con malga da visitare con escursione guidata è sufficiente andare sul sito dell’Associazione http://www.gallorosso.it nella parte “ricerca agriturismo” e spuntare sotto il titolo “Altri criteri di ricerca per prestazioni” la voce “malga propria”. http://www.gallorosso.it

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Morbillo militare o politico per gli yanomami?

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

by Loretta Emiri. Il Segretariato della Sanità di Roraima, lo stato più a nord del Brasile, ha dato notizia di 272 casi di morbillo e del decesso di quattro persone. A morire sono stati tre venezuelani e un indigeno yanomami. Altri 422 casi sono sospetti, non ancora confermati. La maggior parte delle occorrenze riguarda pazienti venezuelani (191) e brasiliani (70), oltre a un guianese e un argentino. L’incidenza maggiore si ha nella capitale Boa Vista e nelle città di Amajari e Pacaraima, nella frontiera con il Venezuela. L’epidemia ha raggiunto lo stato di Amazonas, con 444 casi accertati e un decesso; poi è arrivata fino agli stati di Rondônia, Rio de Janeiro, San Paolo, Rio Grande do Sul, totalizzando 670 casi in tutto il paese.La malattia era stata sradicata; nel 2016 il Brasile aveva ricevuto il certificato di eliminazione del virus dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. La prima diagnosi del suo ritorno è avvenuta nel febbraio scorso, in un bimbo venezuelano di un anno che abitava con i genitori e decine di altri connazionali in una piazza nel centro di Boa Vista. Dopo l’identificazione, un’estesa azione di vaccinazione è stata realizzata in piazze e accampamenti per immigrati per tentare di contenere l’avanzata della malattia nello stato di Roraima, che sta ricevendo un sempre crescente numero di fuggitivi dal Venezuela. Analisi realizzate dalla Fondazione Osvaldo Cruz, laboratorio di referenza del Ministero della Sanità, confermano che il virus è importato ed è associato al massiccio esodo di venezuelani verso il BrasileLa difficile crisi politica, sociale ed economica in corso in Venezuela, e l’avvio di progetti di grande impatto ambientale sui loro territori tradizionali (estrazione mineraria e petrolifera, costruzione di strade e infrastrutture), ha provocato l’esodo di varie etnie, soprattutto dei warao. Sono le popolazioni indigene le più penalizzate dalle conseguenze di scelte politiche fatte in nome di uno sviluppo selvaggio, il cui vero risultato è quello di distruggere la natura, provocare catastrofi ambientali e umane, arricchire chi è già spudoratamente ricco. Malattia altamente contagiosa, di trasmissione respiratoria, causata da virus, il morbillo aveva già duramente colpito il popolo yanomami negli anni settanta, durante la costruzione della strada Perimetrale Nord, voluta (e mai completata) dai militari brasiliani. Il territorio tradizionale degli yanomami è quello di cui Brasile e Venezuela si sono impossessati, spartendoselo. Oggigiorno, a riproporre la tragedia agli yanomami e agli altri gruppo indigeni dell’area, sono i mostruosi progetti di cosiddetto sviluppo dei politici venezuelani.
Loretta Emiri ha vissuto per diciotto anni nell’Amazzonia brasiliana. Durante i primi quattro anni e mezzo ha operato tra gli yanomami svolgendo assistenza sanitaria, ricerche linguistiche e un progetto chiamato Piano di Coscientizzazione, di cui l’alfabetizzazione di adulti nella lingua materna faceva parte. (fonte: Pressenza international press agency)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuole all’estero: le indennità di sede stanno scomparendo

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

La conferma è giunta in queste ultime ore, a seguito dell’incontro svolto al MAECI tra i sindacati e i dirigenti dell’amministrazione: l’indennità di sede, infatti, è stata dapprima decurtata, nel 2015, a seguito delle operazioni di spending review, con un docente di scuola media superiore che ha perso il 12%; con la Buona Scuola, si è perso un ulteriore 26%. E, come se non bastasse, ora ai sindacati “l’Amministrazione del MAECI, ha previsto la decurtazione per circa 250 unità di personale della scuola, di un terzo dell’assegno di sede fino all’estinzione dello stesso, a partire dal mese di luglio”. L’incidenza del problema è meno marginale di quanto si pensi: stiamo parlando di docenti e personale impegnati in 140 scuole, nei 242 lettorati e nei corsi di lingua e cultura italiana dove sono iscritti più di 30mila alunni (scuole italiane ed europee), 60 mila nei lettorati, 320mila nei corsi ex lege 153/71. A queste strutture si rivolge una utenza “mista”, composta infatti da allievi italiani e stranieri, a cui si offrono lezioni sia in lingua italiana sia in quella locale. Il loro apporto è preziosissimo, perché vale la pena ricordare che la lingua italiana figura tra le prime 20 più parlate al mondo e al quarto posto tra le più richieste. Davanti a questa ennesima ingiustizia, Anief ribadisce la possibilità per i lavoratori della scuola all’estero di attivare appositi ricorsi presso il foro di Roma, al fine di riconoscere la parità di trattamento in termini di progressione di carriera e indennità complessiva di sede con il personale di ruolo.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Daniela Santanchè condannata a reintegrare cinque giornalisti di Novella 2000 e Visto

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Cinque giornalisti di Novella 2000 e Visto – già testate storiche della RCS, poi vendute a Luciano Bernardini De Pace e finite alla Visibilia Magazine SRL di Daniela Santanchè che li aveva licenziati – sono stati reintegrati dal giudice.Con la sentenza del Tribunale di Milano del 24 luglio scorso, il loro licenziamento è stato riconosciuto illegittimo, e i cinque dovranno essere immediatamente reintegrati in azienda.
L’avvocato di Visibilia Magazine SRL ha sostenuto che le due testate e il loro marchi erano stati ceduti alla Visibilia SpA (una sorta di holding del gruppo che fa capo a Santanchè), e che quindi o giornalisti non avrebbero potuto essere reintegrati nella Visibilia Magazine SRL. Il giudice gli ha dato torto.La sentenza dimostra che quando il sindacato non funziona è bene rivolgersi al giudice che, infatti, ha dato ragione ai colleghi. La cessione delle testate RCS era una sorta di licenziamento mascherato, infatti così è stato. La decisione dei magistrati ristabilisce un principio di diritto. (fonte: Senza Bavaglio)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Employment and Social Developments in Europe

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Employment and Social Developments in Europe: 2018 review confirms positive trends but highlights the increasing need for skills and inclusion. The Commission has published the 2018 edition of its yearly Employment and Social Developments in Europe (ESDE) review.This year’s edition confirms the ongoing positive labour market trends as well as an improving social situation. The numbers of people in employment reached new record levels. With almost 238 million people having a job, employment has never been higher in the EU. In 2017 over three and a half million more people were in employment, compared with 2016.However, while the number of hours worked per person employed has grown in recent years, they are still below the 2008 levels. At the same time we witness rising disposable incomes and lower levels of poverty. Severe material deprivation has receded to an all-time low, with 16.1 million fewer people affected, compared with 2012.But looking at the impact of technological developments, there are uncertainties about the future effects of automation and digitalisation. This is why the 2018 ESDE review is dedicated to the changing world of work.Commissioner for Employment, Social Affairs, Skills and Labour Mobility, Marianne Thyssen, said: “The European economy is growing faster and more evenly than before. This favours employment, props up household incomes, and improves social conditions. Technological change has a high potential to boost growth and jobs, but only if we shape this change. The European Pillar of Social Rights provides a compass for getting everyone ready for this transformation. Our proposals turn the Pillar into practice, by equipping people in Europe with better education and skills throughout their life and by ensuring that all workers are covered by basic rights in this fast changing world of work, with our proposals on transparent and predictable working conditions and access to social protection.”This year’s edition of the report aims to analyse opportunities and risks linked to technological innovation, demographic change, and globalisation. The review shows what needs to happen so that everybody can benefit from these developments.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Gli Italiani e il fascino dei tatuaggi

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Con l’arrivo dell’estate non vediamo l’ora di scoprirci al sole, svelando così i più svariati disegni che colorano la nostra pelle. Da fiori variopinti a scritte che ricordano momenti importanti, passando per tribali dal sapore esotico e simboli legati alle persone a noi più care. Groupon ha condotto un’analisi interna relativa alla passione degli italiani per i tatuaggi, sulla base dei coupon venduti in ambito estetica, sia per realizzarne uno che per accedere a trattamenti di rimozione.La moda dei tattoo si conferma in costante crescita nel Bel Paese: sono sempre di più gli italiani di tutte le età che decidono di farsi fare un tatuaggio, nero o a colori, grande o piccolo. Rispetto al 2017, quest’anno il numero dei coupon venduti per la realizzazione di un tatuaggio si è triplicato e ormai per le strade o sulle spiagge è quasi impossibile incrociare qualcuno che non ne abbia almeno uno!
Lombardia, Lazio e Piemonte sono le regioni più attente alla moda dei tattoo, mentre liguri e siciliani sembrano non cedere al fascino dell’inchiostro sulla pelle. Ma un tatuaggio è davvero per sempre? In generale, gli italiani non si pentono dei tatuaggi fatti, anche se nel 2018 il numero di coupon venduti per trattamenti di rimozione si è più che raddoppiato. E se i lombardi sfoggiano i propri tattoo con grande soddisfazione, i piemontesi sono quelli che più rimpiangono le decisioni prese, seguiti da emiliani e liguri. Un delfino sulla caviglia o un tribale sulla spalla? In caso di dubbio, meglio pensarci due volte!

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agosto low cost: Sicilia e Abruzzo regine del risparmio per le case vacanza

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Nonostante agosto sia da sempre percepito come il mese in cui partire costa di più, per prenotare le proprie vacanze nel periodo più caldo dell’anno non si deve per forza spendere una fortuna, almeno secondo la recente analisi di CaseVacanza.it, che ha studiato le prenotazioni effettuate sul sito per scoprire le 20 destinazioni italiane in cui l’affitto di una casa vacanza è costato di meno.Le due regioni che contano più località in classifica sono la Sicilia e l’Abruzzo: le mete siciliane sono ben sette e fra queste c’è Palermo, la più economica in assoluto, dove per l’affitto di una casa vacanza per 4 persone ad agosto sono stati spesi in media 390 euro per una settimana. Ha risparmiato rispetto alla media nazionale, di 730 euro per un soggiorno ad agosto, anche chi ha scelto come meta per le sue ferie Sciacca, Agrigento, Ispica, Marsala, Isola delle Femmine e Milazzo, dove la spesa non ha superato i 510 euro a settimana.Per l’Abruzzo si trovano in classifica Pineto, al secondo posto con una spesa media di 395 euro a settimana, Francavilla, Silvi, Alba Adriatica e Martinsicuro. Anche per gli amanti della montagna in estate si sono registrate buone possibilità di risparmio in alcune mete italiane: nella top 20 si trovano infatti anche due località valdostane, Torgnon (420 euro) e Aosta (520 euro).

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNICAM: finanziamento Bando Cassini 2018 da Institut Français

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

L’Università di Camerino ha partecipato al Bando Cassini 2018, programma ideato dall’Institut Français in collaborazione con l’Ambasciata di Francia in Italia ottenendo il finanziamento di un progetto presentato dalla prof.ssa Lucia Ruggeri, Direttore della Scuola di Specializzazione in Diritto Civile.L’Institut Français promuove le relazioni franco-italiane nel settore culturale e con il bando Cassini incentiva collaborazioni nel campo universitario. Il progetto risultato vincitore si inserisce nella tematica “lotta al cambiamento climatico: climatologia, analisi del sistema terrestre, scienze e tecnologie nella transizione energetica”.
UNICAM in collaborazione con il prof. Nouredine Hadjsaid dell’INP, Istituto Politecnico di eccellenza dell’Università di Grenoble, realizzerà un evento dal titolo “Energy Market. New Technologies and challenges for improving the access to Energy”.
L’incontro vedrà la partecipazione di studiosi coinvolti in importanti progetti europei dedicati ai problemi posti dalla transizione energetica e sarà incentrato sull’impatto delle nuove normative europee in materia di energia sulle attività umane.
Si discuterà, in particolare, della regolamentazione del mercato immobiliare dopo l’Accordo di Parigi, delle politiche dei trasporti dirette alla riduzione dell’emissione di CO2. Una speciale sessione sarà dedicata a nuove problematiche quali la lotta alla povertà energetica e al perseguimento della concorrenza nel mercato dell’energia elettrica.
Partner dell’iniziativa sarà il Consorzio ENSIEL, Consorzio interuniversitario nazionale per energia e sistemi elettrici, con il quale UNICAM ha avviato una collaborazione che coinvolge la Scuola di Giurisprudenza per attività di studio e di ricerca in àmbito giuridico.
L’incontro di studi è programmato per il 2019 in collegamento con il Forum Mediterraneo dell’Energia in programma in Italia a Napoli nella prossima primavera.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sclerosi Multipla e Alzheimer: come affrontare l’estate

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Il caldo estivo rappresenta una nota dolente per la maggior parte delle persone, ma in particolare per coloro che sono affetti da una patologia neurologica come Sclerosi Multipla e Alzheimer. L’aumento della temperatura, infatti, può influire – spesso negativamente – sui sintomi e sulle manifestazioni cliniche di queste due patologie, molto sensibili alle variazioni climatiche.Nella Sclerosi Multipla, ad esempio, malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale ed è responsabile dei disturbi della motilità, dei sistemi sensoriali, della sensibilità di alcune parti del corpo o delle funzioni sfinteriche, l’aumento della temperatura aggrava i sintomi già esistenti o facilita la comparsa di nuovi disturbi.“D’estate le persone affette da Sclerosi Multipla – afferma il Prof. Gianluigi Mancardi, Presidente della SIN e Direttore Clinica Neurologica Università di Genova – hanno maggiori difficoltà a camminare, possono lamentare disturbi visivi e molto spesso accusano una fatica maggiore. Il consiglio è quello di climatizzare bene la casa e di trascorrere, se possibile, le vacanze in montagna. Anche l’assunzione di bevande fredde o di granite è fortemente raccomandata; un abbassamento della temperatura corporea può essere, infatti, molto utile. Non bisogna dimenticare, comunque, che si tratta di problemi transitori, legati al caldo, che non interferiscono con il decorso generale della malattia”. Anche nelle persone molto anziane, soprattutto se affette da malattia di Alzheimer, possono insorgere problematiche legate alle alte temperature estive. “In questi casi – sottolinea il Prof. Mancardi – la percezione delle variazioni di temperatura e la termoregolazione corporea sono alterate; le persone con queste patologie possono non rendersi conto del calore e, di conseguenza, non mettere in atto le normali contromisure, come indossare abiti più leggeri o aumentare l’assunzione di liquidi per compensare la disidratazione dovuta al caldo. Questo può causare un aumentato rischio di complicanze infettive o di squilibri metabolici che, seppur lievi, in situazioni cliniche già compromesse possono avere conseguenze negative”.Il caldo, inoltre, aumenta la sensazione di stanchezza che, unita all’assunzione di farmaci, accentua alcuni sintomi della malattia stessa. Nell’anziano, in questi periodi estivi, sono più frequenti gli stati confusionali e il peggioramento dell’orientamento così come delle funzioni cognitive. Bisogna dunque prestare attenzione a quei piccoli accorgimenti che servono ad aiutare il paziente ad alleviare il decorso della sua malattia durante l’estate: rinfrescare gli ambienti in cui soggiorna, garantire un’adeguata idratazione, bilanciare la dieta variandola sia nella scelta degli alimenti che nelle modalità di cottura.
La Società Italiana di Neurologia conta tra i suoi soci oltre 3000 specialisti neurologi ed ha lo scopo istituzionale di promuovere, in Italia, il progresso della conoscenza delle malattie neurologiche, al fine di promuovere lo sviluppo della ricerca scientifica, di migliorare la formazione, di sostener l’aggiornamento degli specialisti e di elevare la qualità professionale nell’assistenza alle persone colpite da condizioni morbose che coinvolgono il sistema nervoso. (fonte: Ufficio stampa SIN)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tratta e sfruttamento bambini e donne

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Si stima che quasi 10 milioni di bambini e adolescenti, nel mondo, solo nel 2016 siano stati costretti in stato di schiavitù, venduti e sfruttati principalmente a fini sessuali e lavorativi. Un numero che corrisponde al 25% del totale delle persone in questa condizione, oltre 40 milioni, di cui più di 7 su 10 sono donne e ragazze. Circa 1 milione, secondo le stesse stime, i minori vittime di sfruttamento sessuale nel 2016, mentre in cinque anni – tra il 2012 e il 2016 – 152 milioni di bambini e ragazzi tra i 5 e i 17 anni sarebbero stati coinvolti in varie forme di lavoro minorile, di cui oltre la metà in attività particolarmente pericolose per la loro stessa salute.
Per quanto riguarda il nostro Paese, tra le evidenze contenute nel rapporto di Save the Children significativa, alla frontiera di Ventimiglia, l’emersione del fenomeno del cosiddetto survival sex, ovvero delle minorenni in transito provenienti per lo più dal Corno d’Africa e dai Paesi dell’Africa-sub-sahariana che vengono indotte a prostituirsi per pagare i passeurs per attraversare il confine o per reperire cibo o un posto dove dormire. In Italia, quello della tratta e dello sfruttamento dei minori resta un fenomeno per lo più sommerso. Nel corso del 2017, secondo i dati del Dipartimento per le Pari Opportunità, nell’ambito della Piattaforma Nazionale Anti-Tratta, le vittime minorenni inserite in programmi di protezione sono state complessivamente 200 (quasi il doppio rispetto all’anno precedente, 111 vittime), di cui la quasi totalità – 196 – sono ragazze. In circa la metà dei casi (46%) si tratta di vittime di sfruttamento sessuale e in più del 93% delle situazioni si tratta di ragazze nigeriane tra i 16 e i 17 anni. Una tendenza che trova conferma anche nei rilevamenti delle unità di strada del programma “Vie d’uscita” di Save the Children per il contrasto allo sfruttamento sessuale dei minori, che tra gennaio 2017 e marzo 2018, in alcuni territori chiave nel fenomeno tratta e sfruttamento come le regioni Abruzzo, Marche, Sardegna, Veneto e la città di Roma, sono entrate in contatto con 1.904 vittime, di cui 1.744 neomaggiorenni o sedicenti tali e 160 minorenni, in netta prevalenza (68%) nigeriane, seguite dalle rumene (29%). Un numero nettamente cresciuto rispetto al periodo maggio 2016-marzo 2017, quando erano state contattate 1.313 vittime. In una sola notte, a ottobre 2017, la rete di organizzazioni riunite nella Piattaforma Nazionale Anti-Tratta ha inoltre rilevato 5.005 vittime in strada, tra cui 211 minori, registrando un incremento del 53% rispetto alla precedente rilevazione effettuata a maggio dello stesso anno.
Al 31 maggio 2018, 4.570 minori risultano irreperibili nel nostro Paese, hanno cioè abbandonato le strutture di accoglienza in cui erano stati inseriti, in particolare nelle regioni del sud. Si tratta per lo più di minori eritrei (14%), somali (13%), afgani (10%), egiziani (9%) e tunisini (8%). L’abbandono del sistema di accoglienza e l’ingresso nell’invisibilità, sottolinea il rapporto “Piccoli schiavi invisibili”, espone i minori in transito a rischi notevoli, in particolare per i più vulnerabili come le ragazze minorenni provenienti dal Corno d’Africa. Sebbene le comunità di accoglienza ospitino per lo più ragazzi, infatti, particolarmente significativa risulta la presenza di ragazze minorenni eritree (178) e somale (65), la cui propensione all’abbandono è molto alta e che una volta entrate nell’alveo dell’invisibilità rimangono esposte ad abusi e soprusi enormi.
Vittime di tratta e sfruttamento sessuale, nel nostro Paese, sono soprattutto le ragazze nigeriane e rumene. Tra le ragazze nigeriane che giungono via mare in Italia – emerge dal rapporto – 8 su 10 sarebbero potenziali vittime di tratta a fini di sfruttamento sessuale, un numero che ha fatto registrare, tra il 2014 e il 2016, un incremento del 600 per cento.
Secondo il rapporto di Save the Children, i casi emersi di lavoro minorile nel nostro Paese nel 2017, riguardanti sia minori italiani che stranieri, ammontano a 220 e anche in questo caso ci troviamo di fronte alla punta di un iceberg di un fenomeno per lo più sommerso. In particolare, oltre il 70% delle violazioni riguarda il settore terziario in cui si producono o forniscono servizi, in particolare nei servizi di alloggio e ristorazione, nel settore del commercio all’ingrosso e al dettaglio, in agricoltura e in attività manifatturiere.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Case study: Seabass in the EU

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

EUMOFA (European market observatory for fisheries and aquaculture products) has recently published the Price Structure Analysis “Seabass in the EU”. In 2016, the production of farmed seabass reached 191.000 tonnes globally. Out of this, 82.000 tonnes were farmed in the EU, 81.000 tonnes in Turkey, 24.000 tonnes in Egypt and 4.000 tonnes in the remaining countries. In the last 10 years (2007-2016) production increased much faster in Turkey (+93%) and in the other third countries (multiplied by 14) than in the EU (+35%), where seabass farming growth had taken place a few years before (late 1990s-early 2000s). However, the EU aquaculture production of seabass reached its higher level ever in 2016. Greece (43.000 tonnes) and Spain (23.000 tonnes) represent 80% of the EU total output.In contrast, wild seabass production decreased in the same period, by 46% globally and by 39% at EU level, mostly due to the strong decline of the resource in the Atlantic. With 5.300 tonnes in 2016, the EU represents 93% of world catches. In spite of a strong decline of its catches over the period, France is still leading the EU production.Overall the apparent market (production + imports – exports) for seabass amounts to 97.000 tonnes, which are mostly consumed fresh. The top-3 markets, Italy, Spain and France, represent more than 70% of total EU consumption. The annual consumption per capita is 190 grams on average but exceeds 500 grams in a few Mediterranean countries (Italy, Spain, Portugal, Cyprus). Trade for seabass is mainly intra-EU and reached 55.000 tonnes in 2016, but extra-EU imports from Turkey multiplied by 2,5 between 2012 and 2016.The focus on Greece, Croatia and Spain shows specific market features in each of the three MS. While seabass is mostly exported in the case of Greece and Croatia, it is mainly sold on the domestic market in Spain. Farmed seabass is found as whole fresh fish at retail in all countries, first and foremost in large-scale retail outlets. Wild seabass is a high-end product, interesting more fishmongers and restaurants; its price can exceed 25 EUR/kg while the farmed seabass generally remains below the 10 EUR/kg mark. Thanks to lower labour and operating costs, the retail price of the Croatian farmed seabass is at the same level as the Greek price, in spite of a higher ex-farm price and a higher VAT rate.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Orthofix Schedules Second Quarter 2018 Earnings Release and Conference

Posted by fidest press agency su martedì, 31 luglio 2018

Orthofix International N.V. (NASDAQ:OFIX), a global medical device company focused on musculoskeletal products and therapies, today announced that it plans to release financial results for the second quarter 2018 after market close on Monday, August 6, 2018. Brad Mason, Chief Executive Officer, and Doug Rice, Chief Financial Officer, will host a conference call and webcast to review the Company’s results at 4:30 p.m. ET the same day.
Interested parties may access the conference call by dialing (844) 809-1992 in the U.S. and (612) 979-9886 outside the U.S., and referencing the conference ID 5556977. A replay of the call will be available for two weeks by dialing (855) 859-2056 in the U.S. and (404) 537-3406 outside the U.S., and entering the conference ID 5556977. A webcast of the conference call may be accessed by going to the Company’s website http://www.orthofix.com by clicking on the Investors link and then the Events and Presentations page.
Orthofix International N.V. is a global medical device company focused on musculoskeletal healing products and value-added services. The Company’s mission is to improve patients’ lives by providing superior reconstruction and regenerative musculoskeletal solutions to physicians worldwide. Headquartered in Lewisville, Texas, the Company has four strategic business units: BioStim, Extremity Fixation, Spine Fixation, and Biologics. Orthofix products are widely distributed via the Company’s sales representatives and distributors. For more information, please visit http://www.orthofix.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »