Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 27 luglio 2018

A settembre scuole del Nord in ginocchio

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

L’apice del caos si toccherà quando si dovrà dare seguito all’adunanza plenaria dello scorso 20 dicembre, facendo tornare nelle graduatorie d’istituto 60 mila maestri. Il governatore del Veneto scrive al titolare del Miur: “il regolare inizio del prossimo anno scolastico in Veneto è a fortissimo rischio” con “la scuola primaria veneta penalizzata da tre fattori: l’esclusione delle maestre diplomate magistrale dalle graduatorie ad esaurimento, che in Veneto relega 848 insegnanti prive di laurea alle sole supplenze; il venir meno di 888 insegnanti che, a settembre, vanno in pensione o hanno ottenuto il trasferimento in altra regione; il numero insufficiente di posti assegnati al Veneto (300 tra Padova e Verona) per i corsi di laurea in Scienze della formazione primaria rispetto al fabbisogno formativo”. Situazione da allarme rosso anche in Lombardia, dove si è creata una voragine di quasi 2 mila posti solo tra scuola dell’infanzia e primaria.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Pensare di coprire questi vuoti con contratti stipulati da graduatorie d’istituto, ancora di più in corso d’anno, andrebbe a creare una vera catastrofe organizzativa e didattica. Perché la collocazione nelle GaE è cosa ben diversa da quella nelle graduatorie d’istituto, peraltro circoscritta per legge ad un numero limitato di istituti autonomi. Senza un intervento immediato, ci ritroveremo con migliaia di posti privati in modo scellerato dell’insegnante che li copriva. Il Parlamento ha un’occasione d’oro, lo ripetiamo, per sanare una situazione che altrimenti andrà a provocare disastri organizzativi, con effetti nocivi per gli alunni, con un tourbillon di docenti, molti dei quali chiamati per coprire i ‘buchi’ pur senza alcuna esperienza né tantomeno abilitazione all’insegnamento. Mentre chi ha esperienza da vendere, con oltre 36 mesi di supplenze svolte, rischia di trovarsi presto addirittura cancellato dalle nomine annuali su posti vacanti, a meno che non venga giustamente cancellato per mano della maggioranza l’ignobile comma 131 della Legge 107/2015. Per tali motivi, proprio in questi giorni, l’Anief si è fatto carico di chiedere ai parlamentari, attraverso degli emendamenti ad hoc nel Decreto Dignità, a fronte di 850 complessivi, di riaprire le GaE a tutto il personale abilitato, a partire dai diplomati magistrale, di reclutare i docenti non abilitati con 36 mesi di servizio in assenza di altri candidati e di confermare in ruolo i neo-assunti in ogni ordine e grado, dando nel contempo il via libera al ruolo a tutti coloro che hanno superato l’anno di prova.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lavoro: Fp Cgil a Di Maio, bene su Centri Impiego, accelerare su stabilizzazione precari

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

“È positivo il fatto che il ministro Di Maio abbia mostrato interesse rispetto allo stato in cui versano i Centri per l’impiego e che abbia affermato la volontà di affrontare il tema. Ma va innanzitutto conclusa la fase di stabilizzazione del personale precario attualmente in servizio: gli strumenti ci sono ma siamo ancora molto in ritardo su quel versante”. Così il segretario nazionale della Fp Cgil, Federico Bozzanca, commenta quanto emerso dall’incontro tra il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, e gli assessori regionali all’impiego.In ogni caso, precisa il dirigente sindacale, “è ingeneroso da parte del ministro sostenere che in questi anni i Centri per l’impiego non abbiano funzionato perché, nonostante le drammatiche condizioni in cui si sono ritrovati, gli oltre seimila dipendenti hanno fatto il possibile, e spesso ben oltre il possibile, per garantire un servizio adeguato ai cittadini. Per questo cogliamo con favore le affermazioni circa una volontà di potenziare i Centri per l’impiego ma, oltre i processi di stabilizzazione del personale precario, va avviato allo stesso tempo un confronto con i sindacati per rispondere al meglio alle esigenze dei singoli territori”, conclude Bozzanca.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Solennità del Perdono di Assisi 2018

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Assisi Domenica 29 Luglio alle ore 21.00, “GLORIOSUS FRANCISCUS”, spettacolo di chiusura di Universo Assisi 2018. Michele Placido e Anonima Frottolisti in un viaggio attraverso musica e letteratura dedicato a San Francesco. Un percorso originale che muove dalle fonti manoscritte medievali e arriva alle opere a stampa rinascimentali, restituendo un’immagine antica e al contempo universale. Michele Placido è attore, autore e regista teatrale e televisivo. Esordisce a teatro ne “L’Orlando Furioso” di Luca Ronconi. Resta famosa la sua interpretazione del Commissario Cattani nel televisivo “La Piovra”. Come regista vanta una lunga serie di titoli premiati in molti festival internazionali. Ingresso libero, previa prenotazione (http://universoassisi.it/tickets/).
Lunedì 30 Luglio alle ore 21.00, torna ad Assisi, dopo la straordinaria esecuzione del 2017 presso il Sagrato della Cattedrale di San Rufino, il M° Leonardo Quadrini con la GRANDE ORCHESTRA SINFONICA RUSSA IN CONCERTO. Ad accompagnarli, questa volta, Fra Alessandro (tenore) oltre a Felicia Bongiovanni (soprano), Mauro Trombetta (baritono) e Giorgia Gazzola (mezzosoprano), il Coro Lirico di Craiova e quattro cori umbri che si alterneranno in un’ emozionante programma all’insegna della grande musica classica ed operistica: il Coro della Pace, il Coro Naharti della Valnerina, il Coro Musica Antiqua, il Coro Edi Toni. Il M° Quadrini, pianista accompagnatore del celebre soprano Katia Ricciarelli, direttore artistico dal 2005 del Teatro dell’Opera e Operetta “Elena Teodorini” di Craiova (Romania), direttore artistico di decine di festival e centinaia di concerti in Italia e all’Estero, ha collaborato con artisti fra i quali Enzo Garinei, Elio Pandolfi, Moni Avadia, Giancarlo Giannini, Lucio Dalla, Antonella Ruggiero, Ron, Mariella Nava, Sergio Cammariere.
La Porziuncola, custodita dalla maestosa Basilica Papale dedicata alla Madonna degli Angeli, dedica la serata di Martedì 31 Luglio (ore 21.00) proprio alla Vergine Maria attraverso un tributo in versi e musica dal titolo IN VIAGGIO CON MARIA, regia di Riccardo Leonelli. Un percorso poetico e musicale dedicato alla figura di Maria che si sviluppa attraverso i secoli, la musica e i versi di grandi poeti, da Jacopone da Todi ad Alda Merini, per comprendere come la figura della madre di Cristo sia stata centrale nel mondo letterario europeo non solo cristiano ma anche laico, scuotendo i cuori e le coscienze di generazioni di scrittori e compositori. La voce recitante è di Riccardo Leonelli, attore teatrale, cinematografico e televisivo apparso recentemente fra i protagonisti di fiction Rai come Il Paradiso delle Signore e Luisa Spagnoli, accompagnato da Francesco Falcioni (tastiera), Matteo Ceccarelli (violino) e dal tenore Frate Alessandro della Basilica di Santa Maria degli Angeli, che omaggerà la performance con la sua straordinaria partecipazione.
Giovedì 2 Agosto alle ore 21.00, il tradizionale CONCERTO DEL PERDONO, organizzato dalla Pro Loco di S. Maria degli Angeli, è affidato alla Banda Musicale del Corpo della Gendarmeria. Dirigono i maestri Dirett. Magg. Cimini Giuseppe e Vice Dirett. Cap. Iannilli Stefano. La banda, costituita nel 2007, per decisione del Comandante del Corpo della Gendarmeria, con il benestare dell’Em.mo Cardinale Presidente del Governatorato, si compone di circa 100 elementi, tutti volontari, diplomati in Conservatorio, di elevatissima professionalità e profonda vocazione musicale, provenienti dalle diverse bande militari italiane.
A conclusione degli eventi legati alle celebrazioni del Perdono, Venerdì 3 Agosto alle ore 21.00, la compagnia Rondine Balletto di Assisi, in co-produzione con il Teatro Stabile dell’Umbria presentano la prima nazionale di LE DUE VIE, balletto in atto unico che vedrà come madrina e padrino d’eccezione due danzatori noti al grande pubblico della televisione e del teatro, quali Anbeta Toromani e Alessandro Macario. In scena con loro l’attore umbro Rodolfo Mantovani e sei splendidi danzatori: Silvia Accardo, Davide Bastioni, Valerio Polverari, Lara Angela Rocco, Pietro Valente e Serena Vitali. Le coreografie di Valerio Polverari ed i testi di Padre Giuseppe Renda sostanziano il cammino di ogni essere umano che solo nella riconciliazione con sè stesso e con il Padre può dare senso e pace alla propria esistenza. Il Balletto di Assisi nasce con il preciso intento di essere ambasciatore nel mondo dello “Spirito di Assisi” attraverso il linguaggio universale della danza, ispirando ed ospitando coreografi e danzatori provenienti da tutto il mondo.Tutti gli spettacoli sono ad ingresso libero.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Innovazione: Giffoni firma accordo con Campania New Steel

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Alfabetizzazione digitale delle startup, crescita e formazione di giovani talenti per innovare le imprese, valorizzazione dello spirito imprenditoriale attraverso laboratori e percorsi formativi, sviluppo e progettazione di format, workshop ed eventi di educazione digitale rivolti al target bambini, ragazzi e famiglie. Firmato un accordo di collaborazione finalizzato al potenziamento dei talenti innovativi delle nuove generazioni tra Giffoni Innovation Hub e Campania NewSteel.II primo incubatore del Mezzogiorno – promosso dall’Università degli Studi di Napoli Federico II e dalla Fondazione IDIS-Città della Scienza – e la creative agency nata nel segno del Giffoni Film Festival per avvicinare i giovani all’innovazione e al mondo delle industrie creative e culturali – hanno siglato il protocollo durante l’incontro “Hub Campania – Competenze Digitali e Ambienti per lo Sviluppo”, parte del programma della 48 esima edizione festival del cinema, in corso a Giffoni Valle Piana fino al 28 luglio. A stringere l’intesa, Luca Tesauro, CEO di Giffoni Innovation Hub, ed Edoardo Cosenza, presidente di Campania NewSteel.
“Giffoni e Campania NewSteel sono due ecosistemi importanti – afferma Edoardo Cosenza – Campania NewSteel è l’unico incubatore del Sud riconosciuto dal ministero dello Sviluppo economico, con più di 100 startup all’attivo mentre Giffoni è un luogo unico al mondo nel suo genere. Da questo accordo ci aspettiamo tanto. La Campania ha bisogno di creare opportunità per i giovani. Ne abbiamo tanti di straordinario valore, ma poi devono andare all’estero a cercar fortuna. Le idee, fortunatamente, valgono ancora molto ma si deve passare dalla creatività alla creazione d’impresa. La cultura digitale sta avanzando fortemente. Vedi l’arrivo di Apple ma anche di Cisco e di altre realtà importanti che dimostrano uno straordinario fermento e una capacità d’attrarre dall’estero che affermano una forte controtendenza”.All’evento hanno partecipato Valeria Fascione, assessore Startup, Innovazione ed Internazionalizzazione della Regione Campania, Jacopo Gubitosi, strategist manager di Giffoni Experience, Giorgio Ventre, direttore Apple Developer Academy Napoli, Amleto Picerno Ceraso, CEO di Medaarch. Un ruolo fondamentale nella neonata collaborazione sarà rivestito dalla Apple Developer Academy, la prima iOS Developer Academy d’Europa, in considerazione del suo ruolo di riferimento strategico per la conoscenza e cultura digitale dei giovani talenti. Obiettivo: sperimentare le applicazioni sviluppate dall’Academy nell’ambito dell’universo giovanile di Giffoni e realizzare stage formativi nell’ambito delle attività e degli eventi promossi da Giffoni Innovation Hub in Italia e all’estero (giffonihub.com).
Questi gli ambiti di intervento dell’accordo appena ufficializzato: digital education for kids and adults, digital tourism, new media, digital and corporate storytelling, multimedia e web marketing, media e interattività, App development, cultural and creative industries (CCI), kids-tech startups, formazione, enterteinment, eventi, comunicazione, promozione, social entrepreneurship, Corporate Social Responsabilities, impact investing. Con una missione ulteriore: la condivisione di strategie e opportunità per contribuire alla crescita dell’ecosistema dell’innovazione regionale e meridionale.

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Recuperare aree industriali dismesse per promuovere investimenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Torino Con la volontà di recuperare le aree industriali dismesse del territorio metropolitano, è nata l’iniziativa Trentametro; ”la Città metropolitana vuole promuovere, secondo criteri di attrattività, le potenzialità delle superfici occupate da ex insediamenti produttivi – spiega il consigliere delegato alle attività produttive Dimitri De Vita – perché vogliamo supportare sia lo sviluppo economico locale sia l’incremento occupazionale. Sono convinto che i siti già compromessi e che non possono ripristinati alle naturali condizioni d’origine, rappresentano un’importante risorsa per rivitalizzare aree marginali o periferiche contenendo il consumo di suolo. Certo, devono essere valorizzati”. Da qui, il progetto avviato con SiTI, Istituto Superiore sui Sistemi Territoriali per l’Innovazione, che ha consentito di mappare le aree industriali dimesse e di realizzare una piattaforma web georeferenziata.Il progetto voluto dalla Città metropolitana di Torino è stato realizzato con la collaborazione del Consorzio Insediamenti Produttivi del Canavese e con Confindustria Piemonte, con la quale è già stato sottoscritto un protocollo di intesa per il coordinamento tra le iniziative finalizzate sia alla mappatura delle aree dismesse che all’attrazione di investimenti. “Guardiamo al mercato italiano – aggiunge De Vita – ma anche a quello inglese e soprattutto russo: infatti sul sito della Città metropolitana di Torino esiste una versione del progetto TrentaMetro tradotta in inglese ed in caratteri cirillici”.
Tutto è già on line al link: http://www.cittametropolitana.torino.it/cms/attivita-produttive/attrazione-investimenti/trentametro/ Il database delle aree può essere interrogato utilizzando diversi filtri, accessibilità, caratteristiche, dimensioni, localizzazione e fonte di provenienza del dato. Inoltre la piattaforma http://www.urbantoolbox.it/project/trentametro/ fornisce diverse informazioni sul contesto in cui sono localizzate le aree individuate: infrastrutture, poli logistici, settori economici prevalenti, presenza di grandi aree industriali, quotazioni immobiliari, presenza di vincoli, contesto socio-culturale, presenza di scuole secondarie di secondo grado, presenza di farmacie, ospedali e altri insediamenti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I detrattori per partito preso del MoVimento 5 Stelle

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

di Alessandro Di Battista Il PD e Forza Italia sono defunti, i loro esponenti stanno pensando a come riciclarsi, lo sanno anche i sassi. Quel che non è defunto, purtroppo, è quell’atteggiamento che hanno alcuni cittadini di ritenere l’appartenenza ad una forza politica simile a quella verso una squadra di calcio. Questo atteggiamento porta a ragionare “per partito preso” ovvero alla morte della politica. Guardiamo il caso dei vitalizi. Qui abbiamo ex-parlamentari che hanno versato 5 ma prendono 15. Come può esserci un solo italiano (a parte chi riceve il vitalizio o al massimo i suoi familiari) a difendere questo furto legalizzato? Eppure ci sono. Pochi ma ci sono. Sono i detrattori “per partito preso” del Movimento 5 Stelle. Esponenti dell’ultima corrente del PD, quella dell’autolesionismo, non si accorgono che andare contro il Movimento molto spesso significa andare contro i loro stessi interessi. Le loro frasi, colme del livore che sgorga da chi sa di aver perso il contatto con la realtà oltre che milioni di voti sono:
1. «Cosa volete che siano 40 milioni di euro all’anno rispetto al debito pubblico?»
2. «I vitalizi sono già stati aboliti da Monti»
3. «Tanto la Corte Costituzionale boccerà questo provvedimento»
Le prime due frasi sono ridicole, la terza è pericolosa. E’ pericolosa perché ci svela l’atteggiamento di certe persone, persone che non vogliono il bene dell’Italia, per loro è più importante aver ragione, poter attaccare. Io ho fatto il parlamentare per 5 anni. Pensate che mi sarei arrabbiato se il governo avesse tagliato i vitalizi? Pensate che mi sarei indignato se avesse bloccato il TAP e il TAV, opere inutili e dannose? Ho letto commenti di persone che si augurano persino più morti in mare per poter andare contro il governo. Il governo può, anzi deve, essere criticato e pungolato, ma augurarsi il fallimento è da scemi, non da cittadini. Difendere la propria forza politica ad ogni costo è da idioti, non da cittadini sovrani. Per questo ho apprezzato la presa di posizione del Movimento sul suo parlamentare assenteista che sostiene si possa fare politica in barca. Ci andasse pure in barca, senza essere parlamentare e restituendo gli stipendi che si è preso fino ad oggi senza aver lavorato adeguatamente.
Le forze politiche iniziano a morire quando pensano più all’autoconservazione che agli interessi dei cittadini. E’ quel che è successo a Forza Italia o al PD in fondo. I sostenitori di una forza politica hanno il dovere non soltanto di sostenerla ma di pungolarla affinché rispetti i patti.Ho sempre detto che le forze politiche hanno il dovere di occuparsi dell’interesse generale. Ebbene questo dovere ce l’hanno anche i cittadini, mica solo i politici. Difendere i vitalizi o augurarsi che un vertice europeo vada male per l’Italia significa comportarsi esattamente come quei politici che più che pensare all’interesse della Nazione hanno pensato agli interessi loro.
Alcuni in rete mi chiedono dove siano i milioni intascati indebitamente dalla Lega. E che ne so io? Io so che devono restituirli punto, perché sono soldi della collettività. Ma questa domanda la dovrebbero fare in primis gli elettori della Lega stessa così come i sostenitori del Movimento (quelli non tifosi) mi chiedono quando restituirò l’assegno di fine mandato dato che l’ho promesso. Ed io rispondo tra poco. Poi c’è chi mi chiede come si possa governare con la Lega. Se avessimo fatto un contratto con il PD a migliaia ci avrebbero chiesto: «come potete governare con il partito dell’arrestato Pittella?».
Mi sarebbe piaciuto un governo solo del Movimento ovviamente, non è stato possibile ma, tra riandare ad elezioni (dopo aver preso il 32% e con la stessa legge elettorale probabilmente), fare un accordo con il PD (non hanno voluto loro tra l’altro) o con la Lega, ho sempre preferito quest’ultima ipotesi. Perché mi piace la Lega? Niente affatto. Solo perché ho sempre reputato il PD, soprattutto finché il giglio morente continuerà ad imperversare, il partito più legato alle lobbies d’Italia.Questo è quel che penso. Penso, oltretutto, che siamo fortunati ad avere un ministro come Luigi. Ha già preso decisioni estremante coraggiose e presto ne prenderà altre. Il suo coraggio è un esempio per me e spero lo sia per tutti gli esponenti del Movimento 5 Stelle.
(fonte: blog 5 stelle)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo: Savona, Bce, Omt, Qe e tassi di cambio

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Siamo rimasti un po’ dubbiosi nel leggere le dichiarazioni del ministro per gli Affari Europei, Paolo Savona, che ha elogiato il presidente della Banca Centrale europea (Bce), Mario Draghi, “nel varare l’Omt, più noto come Qe (Quantitative easing) europeo, sfruttando gli interessi dei Paesi che ne avrebbero beneficiato per rientrare dai loro crediti.”
L’Omt, varato nel 2012, sta per operazioni definitive monetarie; queste operazioni servono a impedire che le tensioni sui mercati dei titoli di stato possano portare a forti aumenti dei tassi di interesse, che avrebbero effetti negativi su imprese e banche. Le Omt consistono nell’acquisto diretto, da parte della Bce, di titoli di stato, a breve termine, emessi da Paesi in difficoltà economica.Il Qe (quantitative easing), varato nel 2015, sta per alleggerimento quantitativo; consiste, nell’acquisto di titoli pubblici e altre obbligazioni; in questo modo la Bce fornisce denaro alle banche che, a loro volta, lo prestano a imprese e alle famiglie.
Ora, non ci risulta che l’Omt siano state utilizzate, il Qe si. Tra l’altro con il Qe, la Bce dà denaro alle banche, come detto, con l’Omt fornisce denaro ai governi. C’è una sostanziale differenza! Forse è stata una svista del ministro Savona, il quale, nella sua dichiarazione, propone che siano attribuiti maggiori poteri alla BCE “se si vuole che il mercato comune e l’euro sopravvivano sul piano del consenso politico che trae alimento nella crescita del benessere economico e sociale dei Paesi membri”. La proposta del ministro Savona prevede un aumento dei poteri della BCE sui tassi di cambio, che già possono essere esercitati, e la possibilità di intervenire sui debiti dei Paesi, garantendoli. Sulle finalità della proposta non possiamo che essere d’accordo, la vediamo un po’ difficile sulle garanzie dei debiti. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Australia e Nuova Zelanda combattono la cimice asiatica

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Arriva dall’oceano e rappresenta un pericolo concreto per frutticoltura e orticoltura. Stiamo parlando della Brown Marmorated Stink Bug (BMSB), meglio conosciuta come cimice asiatica. L’insidioso insetto di provenienza orientale si nasconde tra i container, imballaggi e manufatti e sfrutta la globalizzazione per raggiungere nuove terre. Lo scorso anno, i governi di Australia e Nuova Zelanda sono corsi ai ripari rafforzando le misure restrittive per le importazioni di prodotti da Stati Uniti e Italia. Precauzioni necessarie, ma che non hanno fermato l’insetto asiatico: nel dicembre 2017, infatti, colonie di BMSB sono state rinvenute in Australia e Nuova Zelanda all’interno di container provenienti dall’Italia. Per questo motivo, la Nuova Zelanda e il Paese dei canguri hanno imposto l’obbligo di trattare preventivamente la maggior parte delle merci importate per la stagione 2018-2019. In Italia, il corretto trattamento fitosanitario degli imballaggi in legno, in conformità allo standard ISPM n. 15, è garantito dal marchio IPPC/FAO di cui Conlegno (Consorzio Servizi Legno Sughero) è Soggetto Gestore, dal 2005, attraverso il Comitato Tecnico FITOK.“Occorre prestare massima attenzione e prevedere misure per fermare l’avanzata della BMSB e preservare la biodiversità – spiega Daniela Frattoloni, coordinatrice del Comitato Tecnico FITOK di Conlegno – Adottare buone prassi per la mitigazione del rischio fitosanitario non è solo responsabilità dell’imballatore ma deve essere un tema comune a tutti gli operatori che concorrono a una spedizione internazionale. Il controllo delle aree di stoccaggio della merce e la pulizia dei containers sono alla base di un buon sistema di prevenzione del rischio fitosanitario”. La cimice asiatica, avvistata per la prima volta in Italia 6 anni fa, è arrivata nello Stivale viaggiando con le merci provenienti dall’Asia (Cina e Giappone) e dagli Stati Uniti, colonizzati dalla BMSB sul finire dello scorso millennio. Altamente polifaga ed estremamente resistente ai prodotti fitosanitari, è pericolosa soprattutto in estate quando colpisce diverse colture, come peschi, meli, peri, fagiolini, soia, kiwi e noccioli. Quando fa più freddo, invece, si rifugia in case, stalle, cabine di automezzi e container e, una volta al riparo, sopravvive per mesi grazie all’ibernazione per poi riprendere la sua attività distruttiva con l’innalzarsi della temperatura. È dunque l’inverno il momento in cui occorre fare maggiore attenzione in quanto è proprio in questo periodo che può avvenire la migrazione tramite lo scambio internazionale di merci. “È doveroso precisare però che l’imballaggio in generale, e quello in legno in particolare, non è veicolo di infestazione da parte della BMSB e non si può in nessun modo ritenerlo responsabile della stessa – spiega Alessandro Rapone, Presidente IFA (Imprese Fumigatrici Associate) e membro del Comitato Tecnico FITOK – Tuttavia alcuni tipi di imballaggio possono essere considerati dalla cimice asiatica un ottimo posto per lo svernamento; si consiglia quindi agli operatori, soprattutto in procinto di una spedizione imminente, di fare attenti controlli preventivi e adottare precisi accorgimenti”. Le misure obbligatorie previste da Australia e Nuova Zelanda per la stagione 2018/2019 riguarderanno il trasporto via mare delle merci che partiranno dall’Italia nel periodo che va dal 1° di settembre al 30 aprile. I due Paesi dell’Oceania hanno deciso di implementare le misure di biosicurezza messe in campo nel 2017 e di allinearsi quanto più possibile in modo da facilitare gli scambi commerciali ed evitare possibili contenziosi. Inoltre, entrambi stanno valutando di estendere tali precauzioni ad altri paesi oltre ai già interessati Italia e USA. Le misure obbligatorie per la stagione 2018/2019 sono ancora in fase di finalizzazione ma è noto che saranno introdotti standard minimi per i trattamenti BMSB e per i fornitori di trattamento. Saranno inoltre accettati solo i certificati di trattamento provenienti da fornitori approvati e implementati i processi per impedire l’uso di certificati fraudolenti.
Ai fornitori di trattamento sarà inoltre richiesto di compilare un modulo che attesti il possesso di determinati requisiti prima di ricevere l’idoneità. In modo particolare dovranno provare di possedere le licenze e le qualifiche appropriate per eseguire i trattamenti, avere le attrezzature e i locali necessari per condurli e monitorarli in modo efficiente e disporre di sistemi e procedure per la gestione delle informazioni. (Matteo Gavioli)

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fca, cambiano i manager ma cambierà anche la musica?

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Nel dare il benvenuto ai nuovi amministratori delegati di Fca e Cnhi, il Coordinamento Nazionale Usb in Fca e Cnhi ricorda ai manager che le condizioni delle operaie e degli operai del gruppo hanno subito negli ultimi 14 anni un notevole peggioramento della loro condizione lavorativa e di vita.Il vecchio A. D. con le sue politiche ha determinato stipendi molto più bassi rispetto ai colleghi metalmeccanici delle altre aziende, turnazioni che nulla hanno a che vedere con il rispetto della vita delle persone, aumento insostenibile dei carichi e ritmi di lavoro, e tanto tanto altro.Il nostro auspicio è che le decisioni del nuovo corso siano prese all’insegna della discontinuità con il precedente e che i nuovi management mettano al primo posto tra gli obbiettivi da raggiungere nell’immediato il rispetto del lavoratore e della sua dignità, la fine della cassa integrazione ed il ritorno alla piena occupazione in tutti gli stabilimenti della FCA. Perché questo avvenga riportiamo di seguito alcuni punti che sono sicuramente prioritari:
• Reintroduzione delle tutele per i lavoratori, ad iniziare dal ripristino dell’articolo 18 per i lavoratori del gruppo e la stabilizzazione di tutti i precari che attualmente lavorano in Fca e Cnhi.
• Abbassamento dell’orario lavorativo settimanale a parità di stipendio.
• Rispetto della salute e sicurezza negli stabilimenti del gruppo.
• Aumento dello stipendio dei lavoratori del gruppo di 200 euro netti mensili.
• Ripristino della quattordicesima mensilità.
• Ritmi e carichi di lavoro più leggeri rispetto agli attuali, che sono a dir poco insostenibili.
• Ripristino di pause fisiologiche congrue al lavoro di fabbrica.
• Turnazioni di lavoro che prevedano il sabato e la domenica di riposo.
• Garanzie occupazionali a lungo termine per tutti gli attuali lavoratori del gruppo.
• Rispetto di tutte le rappresentanze sindacali e ripristino di libere elezioni sindacali per tutte le sigle presenti negli stabilimenti Fca e Cnhi. Per adesso ci limitiamo a dare solo un piccolo contributo di proposte ai nuovi A. D., evitandogli quindi un sovraccarico di lavoro.Le nostre proposte vanno incontro alle esigenze dei lavoratori e allo stesso tempo ridanno dignità ai marchi Fca e Cnhi, ridimensionati negli anni da scelte politiche antioperaie che ne hanno danneggiato l’immagine.Qualora si scelga invece un progetto di continuità con il vecchio assetto manageriale ( così come paventato dalla proprietà), ci vedremmo costretti a fare altrettanto in termini di lotta in difesa della nostra classe, e laddove si costruiscano i presupposti, addirittura inasprendo il conflitto che tanto piaceva alla vecchia dirigenza. Ai nuovi amministratori delegati la scelta. (Coordinamento nazionale Usb in Fca e Cnhi)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rocky Horror Erotic Dream: il musical rock’n roll a Parco Schuster

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Roma 28 luglio a Parco Schuster Via Ostiense 182 Basilica di San Paolo, ore 21.30 al teatro con la Dreamers Company che porterà in scena lo sfrontato musical a elevato tasso di Rock’n’Roll e carico di folle sensualità: il ROCKY HORROR EROTIC DREAM, uno spettacolo recitato completamente in Italiano (eccetto le parti cantate, fedelmente riproposte in lingua originale) e suonato rigorosamente dal vivo.La storia è quella che entusiasma i fan di mezzo mondo da quarant’anni: Brad e Janet, due giovani fidanzatini americani, finiscono per sbaglio in un oscuro castello popolato da irriverenti e perversi alieni del pianeta Transexual, il cui capo, l’ambiguo e diabolico Frank’n’Furter, li avvierà sulla strada della lussuria e del “piacere assoluto”.
Personaggi pittoreschi, costumi eccentrici e soprattutto una grande dose di interattività con il pubblico la fanno da padrone: come nella vera tradizione del Rocky Horror Show, la compagnia invita tutti quelli che parteciperanno a presentarsi vestiti o truccati a tema e ad essere veri e propri protagonisti dello show, interagendo con gli attori sul palco.Transilvani, Alieni, Creature della Notte o semplicemente Avventori Curiosi, lasciatevi sedurre dall’oscuro e folle dr. Frank ‘n’ Furter e dalla sua banda di saltellanti svitati, per un’avventura surreale ed ipnotica ad alto rischio di perdizione. Info: http://www.parcoschuster.it biglietto 10 euro +dp. Prevendite: https://oooh.events/ ridotto Studenti under 25 in possesso di un documento rilasciato dall’Istituto scolastico o universitario comprovante l’iscrizione per l’anno in corso, biglietto omaggio acquistabile al botteghino disabili con invalidità certificata, con accompagnatore, bambini al di sotto degli 8 anni accompagnati da genitore con valido documento di identità attestante l’età del bambino.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2° Congresso Nazionale Onda

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Milano, 19 settembre h. 12.30 Hotel Michelangelo – Piazza Luigi di Savoia 6. Un buon sonno gioca un ruolo determinante per un corretto stile di vita e per salvaguardare il benessere psicofisico. La fase della vita che va dai 48 ai 65 anni si rivela particolarmente delicata sotto questo profilo perché se si sperimenta una carenza di sonno, cominciano a manifestarsi i principali disturbi che impattano anche a livello relazionale, come dimostrano i dati dell’indagine conoscitiva di Onda “Post-fertilità e disturbi del sonno” sulla percezione e sull’esperienza dei disturbi del sonno in uomini e donne che verranno presentati e discussi durante la conferenza stampa. Partecipano:
Annamaria Bernardini de Pace, avvocato matrimonialista
Luigi Ferini Strambi, Primario UO Neurologia-Centro del Sonno, IRCCS San Raffaele Turro e Università Vita-Salute San Raffaele, Milano
Stefano Genovese, Responsabile Unità Operativa di Diabetologia e Malattie Metaboliche, Centro Cardiologico Monzino, Milano
Claudio Mencacci, Direttore Dipartimento di Neuroscienze e Salute Mentale, ASST Fatebenefratelli-Sacco, Milano
Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere Modera: Vera Martinella, giornalista

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Da CWT e GBTA il Global Travel Price Forecast 2019

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Lo studio analizza lo scenario macroeconomico e in particolare tutti gli elementi che possono impattare maggiormente sul travel quali le politiche protezionistiche di Trump, l’impatto della Brexit in UK e a livello più allargato, il rialzo del prezzo del petrolio, l’andamento delle valute, la crescita dell’India, e molto altro ancora. Inoltre offre previsioni dettagliate sull’andamento delle tariffe aeree, hotel e di trasporto via terra, per area geografica e per paese, nonché approfondisce i più importanti sviluppi tecnologici che contribuiranno a dare forma al settore del travel nel prossimo futuro.In particolare, il Forecast 2019 prevede a livello globale un aumento complessivo del 2,6% nelle tariffe aeree e del 3,7% in quelle hotel, spinte da una economia globale in crescita e dall’aumento dei prezzi del petrolio. Rilevanti sono tuttavia le differenze tra le diverse aree geografiche.Per quanto riguarda più nello specifico l’Italia, i buyer potranno attendersi un aumento sia per le tariffe aeree che per quelle alberghiere, rispettivamente del 5,5% e del 6,3% in media.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rispetto delle regole e la tutela dei diritti

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

In ogni Paese civile e democratico deve esistere una costante, quella del presidio della legalità. Solo attraverso questo processo è infatti possibile garantire il rispetto delle regole e la tutela dei diritti. Se invece tutto questo viene meno, pian piano le basi cominciano a sgretolarsi e si inizia ad intraprendere un sentiero estremamente pericoloso.Un rischio in tal senso arriva dai dati messi in evidenza dell’ispettorato nazionale del lavoro per la ‘Nuvola del lavoro’. In questi numeri, infatti, emerge il calo degli individui che si è accertato far parte del mondo del lavoro nero, ma solo perché è crollata in maniera vertiginosa la quantità di controlli effettuata in questi anni.Naturalmente garantire il presidio della legalità non significa mettere in piedi “uno Stato di polizia”, semmai il contrario, e cioè creare meccanismi collaborativi tra i datori di lavoro e i lavoratori.Il progresso e la crescita delle società si basano proprio sulla combinazione di diversi fattori, i quali, interagendo ognuno con la propria competenza, riescono a garantire che ogni passaggio venga fatto osservando criteri economici, sociali e culturali.E’ quindi compito del governo, anche in osservanza dell’enunciata volontà di un cambiamento rispetto al passato, combattere questa sorta di decadentismo che rischia di pregiudicare seriamente il futuro delle nuove generazioni, le quali, già sprovviste di numerosi diritti, rischiano un ulteriore e pericoloso passo indietro.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Passeports lisibles par machine: publication de nouvelles méthodes d’essais améliorées

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Par Clare Naden. Le passeport a considérablement évolué depuis son apparition. Alors qu’autrefois, il fallait remplir des registres volumineux à la main et affronter des files d’attente interminables, la technologie actuelle a rendu les choses plus fluides, tandis que la sécurité a été renforcée. Il convient ainsi de mettre en place des procédures rigoureuses afin de garantir l’efficacité et la durabilité des passeports lisibles par machine. Les méthodes d’essais de l’ISO et de l’IEC, reconnues à l’échelle internationale, viennent justement d’être mises à jour à cet effet. Grâce aux passeports lisibles par machine, les contrôles ont gagné en fluidité et les résultats renvoyés par les bases de données de l’immigration et les listes de surveillance sont plus fiables. C’est la raison pour laquelle ce type de document représente la majeure partie des passeports en circulation actuellement. Ces derniers doivent ainsi répondre à des normes fondées sur le Document 9303 de l’Organisation de l’aviation civile internationale (OACI), qui visent à garantir leur conformité aux exigences réglementaires internationales. La norme ISO/IEC sur les essais de durabilité des passeports lisibles par machine est un complément officiel qui vient étayer le document émis par l’OACI et définit donc les exigences de mise en conformité. Elle vient tout juste d’être révisée afin de consolider son contenu et de l’adapter à la mondialisation.ISO/IEC 18745-1:2018, Méthodes d’essais pour documents de voyage lisibles par machine et dispositifs associés – Partie 1 : Méthodes d’essais physiques pour livrets de passeport (durabilité), remplace désormais le rapport technique de l’OACI sur la durabilité et définit les critères minimaux à remplir afin de répondre aux attentes de l’organisation.
Tom Kinneging, Animateur du groupe de travail chargé d’élaborer cette norme, a insisté non seulement sur la nécessité de respecter les exigences légales, mais également sur le besoin de garantir la durabilité des passeports lisibles par machine: «Ce type de passeport n’est utile que s’il est robuste et lisible au fil du temps. Cette norme spécifie les méthodes d’essais permettant d’évaluer au mieux sa longévité. Ainsi, il pourra être conçu pour durer.» ISO/IEC 18745-1 a été élaborée et mise à jour par le groupe de travail 3, Documents de voyage lisibles par machine, qui fait partie du comité technique ISO/IEC JTC 1/SC 17, Cartes et dispositifs de sécurité pour l’identification des personnes, dont le secrétariat est assuré par la BSI, membre de l’ISO pour le Royaume-Uni.Elle est disponible auprès du membre de l’ISO dans votre pays ou sur l’ISO Store.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Improved guidelines for testing machine-readable passports just out

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Machine-readable passports (MRPs) mean faster processing and more accurate matching against immigration databases and watchlists, which is why most passports these days fall into that category. To ensure they meet international regulatory requirements, they are standardized against the International Civil Aviation Organization (ICAO) Document 9303. The ISO and IEC standard for testing the durability of these MRPs is an official companion to the ICAO document, defining what is necessary for passports to be compliant. It has just been updated to make it even more robust and fit for today’s globalized world.
ISO/IEC 18745-1:2018, Test methods for machine readable travel documents (MRTD) and associated devices – Part 1: Physical test methods for passport books (durability), now replaces the ICAO’s own technical report for durability, specifying the minimum criteria to be achieved in order to meet ICAO’s expectations.Tom Kinneging, Convener of the working group that developed the standard said it is essential not just to meet legal requirements but to ensure MRPs withstand the stresses it can be placed under.“Having a MRP is only useful if it doesn’t fall apart or lose its readability over time,” he said.“This standard gives details for effective testing so their feasible lifespan can be assessed, and they can thus be built to last.”ISO/IEC 18745-1 was developed and updated by working group 3 Machine readable travel documents, which is part of the ISO and IEC technical committee ISO/IEC JTC 1/SC 17, Cards and security devices for personal identification, the secretariat of which is held by BSI, ISO’s member for the UK.It can be purchased from your national ISO member or the ISO Store.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

KLM, pioniera dell`innovazione, presenta Car-E

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

car e.jpgKLM, pioniera dell’innovazione, presenta Car-E, un piccolo ma sofisticato assistente ai passeggeri appositamente progettato per facilitare gli spostamenti in aeroporto. Una volta superati i controlli di sicurezza, Care-E di KLM aiuta i passeggeri a orientarsi e a sollevarli dal peso del bagaglio a mano considerando che è in grado di trasportare fino a 38kg di peso, esegue la scansione della carta d’imbarco, carica i trolley e segue i passeggeri ovunque vogliano andare. Visto che è intelligente e collegato in tempo reale con il database di arrivi e partenze, è sempre informato su eventuali cambi di orario o di gate, guidando il passeggero verso l’imbarco giusto.Dal telerilevamento laser Lidar per evitare collisioni e ostacoli alla mappatura dello scalo in 2D fino a una camera Rgb-D per scansionare le carte d’imbarco e otto misuratori di distanza a ultrasuoni, queste le caratteristiche di Car-E e inoltre, per interagire, non occorre sapere l’olandese o l’inglese: ogni rapporto col passeggero verrà svolto attraverso una serie di suoni non verbali famigliari a chiunque oltre a delle animazioni sul display Led 4K che è il “volto” di Car-E.
Car-E è in fase di sperimentazione negli scali di San Francisco a luglio e New York JFK ad agosto.Questa prima fase demo aiuterà KLM a stabilire le modalità di introduzione del nei principali hub del vettore a partire dallo scalo Schiphol di Amsterdam. (car e)

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Skytrax Awards per Air France

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Londra Nel corso della cerimonia di assegnazione degli Skytrax Awards che si è svolta a Londra Air France si è classificata prima in 3 diverse categorie:
1. Miglior ristorazione presso la lounge La Première all’aeroporto di Paris Charles de Gaulle. Un’oasi di pace, lusso e piacere, uno spazio esclusivo di 1.000 mq che offre coccole e momenti di serenità per cominciare un`esperienza di viaggio eccezionale. La tradizione gastronomica è particolarmente curata, i menu e le liste dei vini sono selezionati dallo chef Alain Ducasse e i clienti sperimentano il servizio al tavolo individuale come al ristorante.
2. Miglior ristorazione a bordo in classe La Première. Menu gourmet progettati da chef stellati: per il 2018, durante tutto l’anno e a seconda delle stagioni, quattro chef stellati si avvicendano per preparare nuove creazioni gastronomiche dedicate ai menu della classe La Première di Air France, offrendo il meglio delle delizie gastronomiche francesi. I loro nomi sono Joël Robuchon, Anne Sophie Pic, Régis Marcon e Guy Martin.
3. Miglior comfort kit per i passeggeri della classe La Première. In collaborazione con la maison de beauté francese Carita, Air France offre un’eccezionale selezione di prodotti inclusi nella trousse per i passeggeri in classe La Première. I passeggeri possono anche rilassarsi grazie a una comoda tuta da notte in cotone 100% inclusa nel kit comfort distribuito dall’equipaggio.

Posted in Recensioni/Reviews, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sei comuni paradigmi del trattamento reumatologico

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

I reumatologi dovrebbero essere cauti nell’applicare sei comuni paradigmi del trattamento reumatologico, perché ognuno di essi potrebbe portare a una diagnosi eccessiva e a un sovra-trattamento, secondo quanto riferisce Robert Landewé, dell’Amsterdam Rheumatology and Clinical Immunology Center, in un commento pubblicato su Annals of Rheumatic Diseases. Il ricercatore rileva che la sovra-diagnosi è spesso un effetto negativo dello screening che può portare a sovraffollamento, disagio psicologico e costi enormi. «Nessuno sembra preoccuparsi di sovra-diagnosi e di sovra-trattamento, poiché per la prima volta nella storia i reumatologi hanno a disposizione molti farmaci efficaci e molti altri che stanno arrivando» spiega Landewé.
Il primo paradigma trattato è quello della diagnosi precoce. L’autore suggerisce che le iniziative per incoraggiare una diagnosi precoce potrebbero essere una spada a doppio taglio, perché per alcuni casi gravi potrebbero significare un intervento più tempestivo, ma verranno identificati anche molti casi lievi e con buona prognosi.
Il secondo paradigma è il trattamento intensivo. L’autore sottolinea che i risultati degli studi clinici in genere riguardano una media su un gruppo, e la superiorità clinica può essere in realtà il risultato di esiti in una minoranza di pazienti, mentre la maggioranza avrebbe potuto essere gestita altrettanto bene con la terapia abituale.
Il terzo paradigma riguarda la ricerca della remissione. Puntare alla remissione clinica, secondo il ricercatore, può essere appropriato in pazienti con malattia grave e con alta attività, ma non sempre nel paziente con bassa attività della malattia.
Il quarto paradigma riguarda la prognosi e la stratificazione del rischio. La maggior parte dei potenziali test di imaging e dei biomarcatori studiati per la stratificazione del rischio nelle malattie reumatiche non sono stati riproducibili o sono stati solo marginalmente più accurati delle semplici misurazioni cliniche.
Il quinto paradigma riguarda la reumatologia basata sulle prove. Le linee guida basate sulle prove possono aiutare nella scelta del trattamento per singoli pazienti, ma una rigida aderenza alle stesse senza considerazione per i singoli pazienti può contribuire a sovra-diagnosi e sovra-trattamento.
Il sesto e ultimo paradigma riguarda la medicina di precisione che Landewé ritiene più di una semplice moda, ma poco applicabile nella reumatologia, date le complicate interconnessioni coinvolte nelle malattie reumatiche. (fonte: medicinainterna33 – Ann Rheum Dis. 2018. doi: 10.1136/annrheumdis-2018-213700 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29973350)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’economia mondiale tra nuove minacce di protezionismo e rialzi dei tassi Usa”

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

di Andrea Delitala, Head of Investment Advisory di Pictet Asset Management. Il protezionismo torna a dominare la scena macroeconomica, mentre si fa strada la possibilità che i tassi reali Usa non andranno oltre lo 0,5% in un biennio. Due elementi destinati a influenzare il modo in cui dovranno essere strutturati i portafogli nelle prossime settimane.Quanto al protezionismo, Pictet Asset Management aveva ipotizzato che Donald Trump usasse l’argomentazione come un espediente negoziale e che quindi non dovesse essere preso alla lettera: oggi lo scenario potrebbe essere mutato, anche se non è chiara la strategia che muove la rinnovata aggressività del presidente Usa; un proseguimento di questa politica di chiusura procurerebbe un danno tendenzialmente enorme. A febbraio 2016 l’Accordo di Shanghai aveva previsto che la Fed non alzasse i tassi troppo rapidamente se la Cina avesse evitato di svalutare aggressivamente. Attualmente siamo a un punto critico: da un lato lo yuan cinese sta vivendo una fase di rapido deprezzamento, dall’altra in Usa persino Powell ha assunto un atteggiamento da “America First”, negligendo il contesto internazionale nei suoi commenti.
Sul fronte macro questo contrasto è stato acuito da una serie di eventi:il Goldilocks (crescita elevata, inflazione moderata) di fine anno scorso ha lasciato il passo a uno scenario diverso: i leading indicators – una quarantina di indicatori economici elaborati dai nostri economisti – non lasciano adito a particolari dubbi interpretativi. Il momentum macro si è impoverito e questo fenomeno ha una dimensione piuttosto globale. Dunque anche dal punto di vista degli investimenti sostanzialmente dobbiamo rivedere le aspettative tenendo conto della debolezza osservata nei primi tre mesi del 2018;
è ricomparsa l’inflazione com’è tipico nelle fasi finali del ciclo economico ed è stata accolta come una sorpresa in quanto assente nello scenario Goldilocks caratterizzato appunto da una crescita sopra il potenziale e da variazioni dei prezzi che non superavano il target delle banche centrali. Adesso siamo di fronte a un mix in cui entrambi i termini sono deteriorati: dunque la ripresa rischia di rallentare, mentre l’inflazione è tornata – Pictet AM la stima a un livello ancora leggermente più elevato rispetto al consenso;
le Banche Centrali non possono più rimandare una normalizzazione della liquidità, sentiero su cui la Fed si è già incamminata dopo un 2017 anomalo per generosità, nella creazione di Base Monetaria. Il giro di boa è compiuto e gli analisti di Pictet AM temono che si sia intrapreso un sentiero così impegnativo per le condizioni finanziarie USA da potersi ipotizzare un ripensamento nella normalizzazione prevista dei tassi di interesse chiave (Fed funds) fissati da parte della FED.
E giungiamo al secondo punto: i tassi reali Usa. A inizio anno le previsioni sui tassi incorporata nei futures sui Fed funds era molto bassa e fissata al 2% dopo due anni (fine 2019): in quella situazione ritenevamo il mercato vulnerabile con una prospettiva di adeguamento verso la FED, cosa puntualmente avvenuta in gennaio. L’attuale spostamento delle previsioni FED verso l’alto, questa volta, non produrrà un allineamento del mercato: al contrario oggi è quest’ultimo che sembra poter esercitare maggior forza di attrazione e potrebbe indurre un cambiamento di rotta alle decisioni della Banca Centrale Usa.A supporto di questa convinzione, dobbiamo anche considerare elementi aggiuntivi che riteniamo non siano ancora totalmente a fuoco. Il più rilevante è la composizione del nuovo Board della Fed, composto oggi da personalità con idee piuttosto forti su come si debba misurare il tenore della politica monetaria. In particolare John Williams, economista a Berkeley, sostiene che i tassi di interesse debbano essere guidati da un tasso naturale che, nel caso dell’economia USA, è calato strutturalmente dopo la grande recessione e non mostra di fatto di voler risalire nel prossimo futuro. Secondo Williams, l’impatto delle manovre fiscali sul Natural rate non va oltre lo 0,25%. Se il professore diventasse un leader all’interno del FOMC, il punto di neutralità a cui si tendere non andrebbe oltre lo 0,5%, in termini di tassi reali, valore che si raggiungerebbe con due o tre rialzi e quindi nel giro di un anno. In Pictet AM ci attendiamo questo, insieme al dissolversi del paventato overshooting che, a queste condizioni, non è giustificato neppure dall’inflazione. Sulla base di queste attese, Pictet AM ha già ricomprato la parte centrale della curva americana e intende, in caso Williams comunicasse posizioni ancora più estremiste, aumentare in portafoglio la quota di inflation-linked, che sarebbero i grandi beneficiari delle idee del professore.Per la BCE la situazione è completamente diversa: abbiamo appreso che giunge a conclusione il quantitative easing ma il mercato ha interpretato, probabilmente correttamente, le parole di Mario Draghi come la promessa che il rialzo dei tassi non sarà mai contemplato nella sua politica economica.Su bond e azioni gli effetti sono i seguenti:
Le scommesse più aggressive, dal punto di vista degli investimenti, sono sulla conclusione del flattening della curva americana se la Fed rinuncia all’overshooting dei fed funds (previsti dalla stessa Fed al 3,375% prima di ripiegare verso il punto d’arrivo di lungo termine al 2,875%) come atteso; mentre sulla parte intermedia della curva si potrebbe tentare di trarre profitto da uno spread contro l’Europa.
Infine la normalizzazione delle politiche monetarie provoca un vento contrario alle valutazioni di tutti i risky asset: in particolare il price/earning che a inizio anno era quotato a 18 in America, è rientrato a fine febbraio a seguito della correzione del mercato indotta che ha accompagnato la crisi delle strategie venditrici di volatilità (VIX “squeeze”). I mercati emergenti (azionari e a reddito fisso) sono stati le vittime più vistose del 2018, penalizzati dal rialzo dei rendimenti americani, dal dollaro forte e, più recentemente, dall’escalation delle tensioni commerciali. Non è chiaro se il movimento correttivo dei mercati azionari sia del tutto esaurito. Riteniamo comunque le attuali valutazioni accettabili e pertanto la scommessa sull’azionario dovrebbe basarsi sulle attese in merito agli utili che restano però vulnerabili alla minaccia della guerra commerciale. Sul fronte dei mercati emergenti, riteniamo che ulteriori correzioni dai livelli attuali possano rappresentare interessanti opportunità di acquisto. In portafoglio l’esposizione ai mercati emergenti è al momento limitata mentre sull’equity globale appena al di sotto della neutralità (27% contro un 30% tipico di esposizione azionaria) ma con protezioni che derivano dalla duration americana, dallo Yen giapponese sul fronte valutario e da una quota, per ora non ancora rilevante, di volatilità.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sereni Orizzonti: cambio al vertice

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 luglio 2018

Cambio al vertice di Sereni Orizzonti Holding, capofila del Gruppo dell’imprenditore friulano Massimo Blasoni, e che costruisce e gestisce residenze sanitarie per anziani in Italia. Sereni Orizzonti con i suoi 5.000 posti letto è uno dei leader del settore, una realtà in grande crescita con un consolidato di oltre 150 milioni di euro e uno sviluppo costantemente in doppia cifra nell’ultimo quinquennio.A prendere le redini della Holding è Simone Bressan, 36 anni, già impegnato con incarichi al Ministero del Lavoro, direttore di un Centro Studi economico nazionale e da tempo nell’organico dirigenziale del Gruppo. Bressan è, infatti, entrato in Sereni Orizzonti nel 2006 e negli ultimi due anni ha guidato LifeCare, l’immobiliare di sviluppo del gruppo. “Siamo impegnati – ha spiegato Bressan – con un rilevante piano di sviluppo che prevede la realizzazione di oltre 2.500 nuovi posti letto entro il 2020 con investimenti per 180 milioni di euro: un progetto ambizioso ma coerente con la domanda di posti letto e l’incremento dell’aspettativa di vita media” – ha dichiarato Bressan. Il gruppo è oggi già presente con 85 residenze in Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Sicilia e Sardegna.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »