Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Archive for 8 luglio 2020

Angela Merkel presenta al Parlamento europeo le priorità della Presidenza tedesca

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

I deputati hanno discusso con la Cancelliera Angela Merkel e la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen strategia e obiettivi della Presidenza tedesca per i prossimi sei mesi.All’insegna del motto “Insieme per la ripresa dell’Europa”, la Presidenza tedesca è determinata ad affrontare l’enorme sfida posta dalla pandemia, ha dichiarato la Cancelliera Merkel. Ha sottolineato cinque aree su cui l’Europa deve lavorare se vuole uscire unita e forte dalla crisi attuale: diritti fondamentali, solidarietà e coesione, cambiamento climatico, digitalizzazione e ruolo dell’Europa nel mondo. “La Germania è pronta a dimostrare una straordinaria solidarietà”, ha sottolineato, per costruire un’Europa verde, innovativa, sostenibile, più digitale e competitiva. “L’Europa è in grado di fare grandi cose se lavoriamo insieme e siamo uniti nella solidarietà”, ha concluso.
“La sfida che ci attende non potrebbe essere più straordinaria”, ha detto la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen. “Ma possiamo emergere più forti grazie a ‘Next Generation EU’. La Germania ha scelto la parola: insieme. Questo è il motore della nostra unione”. Ha poi sottolineato che l’Europa ha bisogno di entrambi, di un nuovo bilancio a lungo termine dell’UE (QFP) e del programma Next Generation EU. La Commissione farà tutto il possibile per assicurare che si raggiunga un accordo, ha detto.Manfred Weber (PPE, DE) ha affermato che l’UE inciampa di crisi in crisi a causa della paura. “La paura è nemica della solidarietà, del futuro e della libertà”. Ci sono grandi aspettative per la Presidenza tedesca, ha continuato. “L’UE ha bisogno ora di coraggio per mostrare solidarietà”: Abbiamo bisogno di una soluzione questo mese per il Fondo di ripresa”, ha insistito Weber. “Nessuna comunità può sopravvivere senza spirito comunitario. Per noi, questo è semplicemente lo stile di vita europeo”.Iratxe García Perez (S&D, ES) si è offerta di lavorare “fianco a fianco” con la Presidenza per superare le differenze e le divisioni nord-sud ed est-ovest in Europa, a beneficio dei cittadini. “Dobbiamo dimostrare che è possibile creare una società più giusta e sostenibile, che pensi all’ambiente e alle generazioni future (…), che protegga i lavoratori, che valorizzi la diversità e che gestisca i flussi migratori con solidarietà”, ha aggiunto.
“La priorità in questo momento deve essere l’adozione del Piano di ripresa e del nuovo Quadro finanziario pluriennale”, ha detto Dacian Ciolos (Renew Europe, RO). “Costruiamo l’Europa intorno a un progetto, a una visione e a valori forti”, ha aggiunto. “È giunto il momento di fare del rispetto dello Stato di diritto una condizione per accedere ai fondi dell’UE”. L’opportunità politica è qui. Utilizzate questo pacchetto senza precedenti come leva”.
Jörg Meuthen (ID, DE) ha criticato la Cancelliera perché ignorante e ideologica. “State tradendo l’idea europea e mettendo in pericolo il futuro delle prossime generazioni”, ha affermato, citando il Green deal europeo e il Fondo di ripresa. “La vostra concezione di solidarietà è assurda”, ha concluso.
Ska Keller (Verdi/ALE, DE) ha dichiarato che la stessa risolutezza dell’UE mostrata contro il COVID-19 dovrebbe essere applicata alla crisi climatica. “Dobbiamo superare la crisi del Coronavirus ed evitare la crisi climatica”, ha dichiarato. Ha poi aggiunto che la Presidenza tedesca può dare un importante contributo in questo senso, con un’ambiziosa legge sul clima, chiedendo una riduzione del 65% delle emissioni di gas serra entro il 2030.
Rafaele Fitto (ECR, IT) ha affermato che finora la risposta dell’UE alla pandemia è stata “lenta, poco efficiente e priva di vera solidarietà”. La Germania dovrebbe mettere da parte l’egoismo e recuperare lo spirito originario dell’UE, evitando gli errori del passato. “Dobbiamo rivitalizzare l’economia, attuare politiche commerciali favorevoli e rilanciare il mercato unico”, ha aggiunto.
Martin Schirdewan (GUE/NGL, DE) ha ricordato le dannose politiche di austerità attuate durante la crisi finanziaria e ha fatto appello alla signora Merkel affinché non commetta lo stesso errore due volte. Ha anche invitato la Germania a rendere pubblici e trasparenti i protocolli del Consiglio e a non bloccare più la proposta di tassa sulle grandi imprese digitali.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Reform of road transport sector: press conference

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

Brussels Thursday, 9 July at 10:00Anna Politkovskaya pressroom and via Skype. Rapporteurs Kateřina Konečná, Henna Virkkunen and Ismail Ertug will hold a press conference on reforms to provide clarity on posting of drivers, improve drivers’ working conditions and fight illegal practices.MEPs will vote on Wednesday evening on amendments to the mobility package of revised rules for posting of drivers, drivers’ rest times and better enforcement of cabotage rules (i.e. transport of goods carried out by non-resident hauliers on a temporary basis). The new rules, which have been provisionally agreed with Council, will be considered adopted unless amendments tabled are voted through with an absolute majority in favour. The results of the votes on amendments will be announced on Thursday at 9:00 (CEST).Journalists may attend the press conference in person, respecting the precautionary measures in force (see below), or participate remotely.Parliament will be using an interactive virtual press environment (with interpretation) based on Skype TX, in conjunction with the traditional EbS and web-streaming services.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Angela Merkel presents German Presidency priorities to the European Parliament

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

MEPs discussed with Chancellor Angela Merkel and Commission President Ursula von der Leyen the strategy and goals of the German Presidency in the coming six months.Under the motto “Together for Europe’s recovery”, the German presidency is determined to tackle the huge challenge posed by the pandemic, Mrs Merkel said. She highlighted five areas that Europe needs to work on if it wants to emerge unified and strong from the current crisis: fundamental rights, solidarity and cohesion, climate change, digitisation and Europe’s role in the world. “Germany is prepared to show extraordinary solidarity”, she underlined, to build a Europe that is green, innovative, sustainable, more digital and competitive. “Europe is capable of achieving great things if we work together and stand together in solidarity”, she concluded.
“The challenge ahead for all of us could not be more extraordinary”, Commission President Ursula von der Leyen said. “But we can emerge stronger thanks to Next Generation EU. Germany chose the word: together. That is the engine of our union”. She underlined that Europe needed both, a new EU long-term budget (MFF) and Next Generation EU. The Commission will do its utmost to make sure we will reach agreement, she said. Manfred Weber (EPP, DE) said that the EU stumbles from crisis to crisis because of fear. “Fear is the enemy of solidarity, future and freedom”. There are high expectations for the German Presidency, he continued. “The EU needs now courage to show solidarity: We need a solution this month for the Recovery Fund”, Weber insisted. “No community can survive without community spirit. For us, this is simply the European Way of Life.”Iratxe García Perez (S&D, ES) offered to work “side by side” with the German Presidency to overcome North-South and East-West differences and divisions in Europe, for the benefit of citizens. “We have to prove that it is possible to create a fairer and more sustainable society, which thinks about the environment and future generations (…), protects workers, values diversity and manages migration flows with solidarity”, she added.“The priority right now must be the adoption of the recovery plan and the new multiannual financial framework”, said Dacian Ciolos (Renew Europe, RO). “We build Europe around a project, a vision and strong values”, he added. “It is high time we make the respect of the rule of law a condition for accessing EU funds. The political opportunity is here. Use this unprecedented package as leverage”.Jörg Meuthen (ID, DE) criticised the chancellor for being ignorant and ideological. “You are betraying the European idea and endangering the future of coming generations”, he said, pointing to the European Green Deal and the recovery fund. “Your understanding of solidarity is absurd”, he concluded.Ska Keller (Greens/EFA, DE) said the same decisiveness that the EU shows against COVID-19 should apply to the climate crisis. “We need to overcome the Coronavirus crisis and to avoid the climate crisis”. The German presidency can make an important contribution here, she said, such as an ambitious climate law, calling for 65 % reduction in greenhouse gas emissions by 2030.Rafaele Fitto (ECR, IT) said that up to now the EU’s response to the pandemic was “slow, not very efficient and lacking in true solidarity”. Germany should put aside selfishness and recover the original spirit of the EU by avoiding the mistakes of the past. “We need to revitalise the economy, implement favourable trade policies and relaunch the single market.”Martin Schirdewan (GUE/NGL, DE) recalled the harmful austerity policies implemented during the financial crisis and appealed to Mrs Merkel not to make the mistake twice. He also called on Germany to make Council protocols public and transparent and to no longer block a proposal on digital tax on big companies.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I sondaggi dicono Biden: Trump punta sull’economia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

“Se si tratta di un referendum su Donald Trump, Joe Biden può sorridere”. Così Colin Reed, noto stratega politico repubblicano, mentre commentava le prossime elezioni presidenziali americane in una recente intervista concessa alla Fox News. Reed sottolineava l’operato di Trump negli ultimi mesi che è anche riflesso nei sondaggi a picchiata e i dubbi sulla rielezione dell’attuale inquilino della Casa Bianca.Fino a pochi mesi fa l’economia continuava ad andare bene e Trump si era impossessato di tutto il credito nonostante il fatto che si trattasse solo di una situazione cominciata con la presidenza di Barack Obama, il suo predecessore. Trump, però, ha un grande talento a accaparrarsi dei frutti degli alberi piantati da altri. La maggioranza degli americani lo aveva accettato e nonostante i danni recati all’economia da Trump con i suoi dazi a Paesi considerati avversari, ma anche quelli visti come alleati, lo slancio economico sembrava non finire. Il 45esimo presidente da candidato aveva coltivato la sua immagine promettente di un’economia forte basandosi sul suo passato di uomo di affari di successo. Dopotutto, Trump andava in giro nel suo aereo personale durante la campagna elettorale del 2006 e ripeteva a più non posso che era ricco e non aveva bisogno di soldi. Voleva la presidenza solo per il bene dell’America.Sappiamo benissimo adesso che durante la campagna del 2016 il tycoon continuava i suoi affari e mentre di giorno diceva di non avere niente a che fare con la Russia, di sera parlava con il suo avvocato del progetto di una Trump Tower a Mosca. Ce lo ha rivelato nelle sue testimonianze Michael Cohen, uno dei suoi ex avvocati condannato a tre anni di carcere per frode fiscale e per avere mentito al Congresso. Cohen, adesso è ai domiciliari e sconterà il resto della sua pena a casa per via della pandemia. Cohen, nelle sue testimonianze, aveva rivelato che Trump gonfiava il valore delle sue proprietà per ottenere prestiti mentre allo stesso tempo lo riduceva quando si trattava di responsabilità fiscali. Il fatto che il 45esimo presidente non ci ha rivelato le dichiarazioni dei suoi redditi fa credere che non sia tanto ricco come lui dà a credere e aumenta i sospetti che i suoi prestiti gli siano arrivati da fonti poco limpide.Nonostante tutto, questa sua immagine non poco falsa di essere bravo negli affari, la fede nel suo “successo” economico rimane solida. La maggioranza degli americani crede che, comparato a Biden sulla questione dell’economia, il tycoon sarebbe più efficace. Un sondaggio della CNBC-All-America ci dice infatti che Trump avrebbe una politica economica migliore di quella di Biden (44 a 38 percento). Questo dato è significativo soprattutto per il fatto che l’economia attuale si trova in uno stato di recessione iniziata nel mese di febbraio del 2020, una situazione che non avveniva dal 2009. Da notare che la recessione era già iniziata prima della diffusione del Covid-19. Il primo trimestre dell’anno in corso il PIL (prodotto interno lordo) degli Stati Uniti è calato del 4,8 percento e si crede che nel secondo trimestre il calo arriverà al 30 percento, cifra che non si vedeva dalla Grande Depressione degli anni ’30.Se Trump è riuscito a convincere che sarebbe preferibile a Biden per l’economia, in tutte le altre aree i sondaggi ci dicono che il candidato democratico avrebbe la meglio. Alcuni sondaggi danno a Biden un vantaggio di 14 punti a livello nazionale ma anche in sei Stati tipicamente in bilico Trump si trova indietro. Persino in Stati “red”, che tipicamente votano per i candidati repubblicani, come il Texas e la Georgia, Biden si trova in una posizione favorevole. Le cifre vengono spiegate dalle reazioni di Trump alla pandemia e le manifestazioni contro il razzismo ma anche con l’unificazione del Paese. L’unico punto forte per Trump si trova nell’entusiasmo dei suoi fedelissimi. Biden invece non entusiasma, ma considerando le sue posizioni moderate, non si presta nemmeno agli attacchi del suo avversario che cercano di definirlo come radicale.I repubblicani in generale anche al Senato dovrebbero preoccuparsi poiché il 51 percento degli americani voterebbe per candidati democratici (51 percento) invece di candidati repubblicani (37 percento). Queste preoccupazioni aumenteranno almeno nel vicino futuro poiché la reazione alla pandemia della linea di Trump, caratterizzata da poca serietà, non quadra con la maggioranza. Gli americani sono preoccupati che la pandemia rappresenti un serio pericolo e con 21 punti di distacco credono che il governo dovrebbe fare sforzi per contenere i contagi anche se l’economia ne soffrirebbe. Tutto il contrario della politica di Trump colorata anche dalla sua avversione a indossare la mascherina come raccomandano i virologi, servendo dunque da cattivo esempio, inviando un messaggio che le 130mila morti causate dal Covid-19 non lo preoccupano affatto.
Nei tre anni e mezzo di mandato Trump non è riuscito ad ampliare il suo elettorato, preferendo di concentrarsi a mantenere unita la sua base come se lui fosse solo il loro presidente. Uno sbaglio che riflette la sua incapacità di dimostrare empatia verso gli altri. Un comportamento tragico per un presidente il cui ruolo dovrebbe mirare a unificare il Paese. Trump sembra però legato al passato ed ha persino dichiarato che imporrà il veto a un ingente disegno di legge sulla difesa che include i cambiamenti di nomi che onorano leader militari confederati.Se Trump non sembra essere preoccupato dai sondaggi alcuni dei suoi sostenitori invece la vedono diversamente. Tucker Carlson, della Fox News, per esempio, ha recentemente twittato che il presidente potrebbe perdere le elezioni a meno che “alcuni fatti fondamentali cambino subito”. Lo stratega Reed ha aggiunto che si può ignorare un sondaggio ma quando si tratta di cifre che sono riflesse in tutti i sondaggi bisogna prenderli sul serio. Dissente ovviamente Brad Parscale, il manager della campagna elettorale di Trump. In un recentissimo editoriale nel Washington Post fa notare che il suo candidato genera entusiasmo nel suo elettorato ma visibile anche nei contributi finanziari della loro campagna. Giusto. I sondaggi di questi giorni sono però compatti e l’elezione è a solo 4 mesi. Se Parscale non sembra preoccupato qualcuno lo sarà. Già si sono sentite voci che Trump potrebbe abbandonare la corsa per evitare una sconfitta storicamente schiacciante e umiliante. (Domenico Maceri, PhD, è professore emerito all’Allan Hancock College, Santa Maria, California)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola. Docenti precari, di male in peggio: le graduatorie provinciali per le supplenze cambiano le carte in tavola

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

Bisogna rivedere le norme che regolano le nuove graduatorie provinciali per gestire i contratti a tempo determinato. Lo chiede Marcello Pacifico, presidente del sindacato rappresentativo Anief. Come riportato oggi dalla rivista Orizzonte Scuola e in un video esplicativo, il sindacalista sostiene che la bozza prodotta dall’amministrazione scolastica “non contempla quello che prevede la legge: abbiamo fatto una cinquantina di osservazione ed altre 30 solo sui titoli. Quel testo va contro la Legge 159 del 2019. In quella legge c’è scritto che in occasione del rinnovo delle graduatorie d’istituto potevano essere inseriti gli esclusi. E non è stato fatto. Come non si comprende perché si cambiano i titoli, si danno 20 giorni di tempo per produrli, mentre quelli vecchi non valgono più”. Il sindacalista avverte: se dovesse essere confermato quel regolamento composto da “più di 20 pagine, con le tabelle di valutazione dei titoli completamente cambiate rispetto alle attuali, senza dare il tempo e la possibilità di conseguire i nuovi, non potremo fare altro che impugnarlo. Non stiamo a Wall Street, dove le azioni salgono e scendono dalla mattina alla sera. Un’ordinanza non può superare una regola di natura regolamentare primaria”.Contengono delle gravi incongruenze le nuove Graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) di prima e seconda fascia, da utilizzare per le supplenze al 31 agosto o 30 giugno nelle scuole della provincia scelta, e le graduatorie di istituto di prima, seconda e terza fascia, in cui si potranno scegliere fino a venti scuole per ogni classe di concorso. A denunciarlo, a partire dalla poco ponderata “rivoluzione” nella tabella dei titoli, è il leader dell’Anief Marcello Pacifico.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ritorno in classe: il Comitato tecnico scientifico dimentica “le vie di fuga”?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

Il Comitato tecnico scientifico deve chiarire una volta per tutte i parametri di distanziamento tra gli alunni quando torneranno in aula a settembre: nell’arco di un mese, infatti, sono giunte indicazioni ufficiali che entrano in contraddizione perché prima tengono conto degli spazi di mobilità e poi sorvolano su questi metri fondamentali per garantire la sicurezza. A sottolinearlo è la testata Tuttoscuola: “nel documento del CTS del 28 maggio – scrive la rivista specializzata – nell’indicare il metro di distanziamento si sottolinea più volte di tenere anche in considerazione dello spazio di movimento. Questa esigenza dello spazio di movimento non viene né quantificata né richiamata nel documento del 22 giugno, ma una ‘via di fuga’, aggiuntiva al distanziamento da bocca a bocca, ancorché non identificata (urge chiarire quanto prima!), va prevista in termini precisi per consentire il calcolo attendibile della capienza dell’aula”.“Secondo noi – sostiene Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – i riferimenti sugli spazi di fruibilità delle aule in sicurezza sui quali i dirigenti scolastici e gli enti locali devono agire sono indiscutibilmente quelli indicati nel primo documento del Comitato tecnico scientifico: accalcare quasi 30 alunni per classe sarebbe un’imprudenza, una irresponsabilità, che non vogliamo e non possiamo nemmeno prendere in considerazione”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Udir organizza l’evento estivo telematico “Governare la scuola: i miei primi 30 giorni da dirigente”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

Al via la scuola estiva Udir online dal 13 al 17 luglio 2020. Udir, sindacato che tutela i dirigenti scolastici, attento alle esigenze della categoria sia dal punto informativo che formativo, ha organizzato, dopo il grande successo dell’edizione del 2019, la seconda scuola estiva telematica “Governare la scuola: i miei primi trenta giorni, dedicata ai vincitori dell’ultimo concorso Ds
La scuola estiva si svolgerà in modalità telematica interattiva dal 13 al 17 luglio. I webinar saranno divisi in sessioni con esperti relatori che affronteranno diverse tematiche teoriche e pratiche (sicurezza, gestione organico, supplenze, graduatorie, cedolino da DS) in modo che le professionalità coinvolte trovino le proprie opportunità di approfondimento. Verrà condivisa l’esperienza di alcuni neo dirigenti scolastici, immessi in ruolo a settembre 2019, che hanno affrontato i loro primo incarico con tutte le difficoltà che la pandemia da Covid-9 ha causato.A ogni sessione sarà dedicato uno spazio per dibattito, domande e risposte. La scuola estiva è riservata ai dd.ss. neo assunti.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La scuola-giungla”: 200mila supplenti a rincorrere concorsi, graduatorie e abilitazioni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

Sono 835 mila i docenti della scuola italiana: professoresse e professori, maestre e maestri di cui parla oggi La Repubblica. “Disegnano la scuola ma molti di loro, duecentomila, sono precari. Ostaggi di un percorso a ostacoli fatto di concorsi, graduatorie e abilitazioni che negli anni è diventato sempre più sfinente e complicato. Eroi o burocrati, appassionati o rassegnati. In prima linea nella battaglia più importante: quella per la formazione dei ragazzi”. Esemplare è la storia di un laureato in Filosofia che non riesce a farsi riconoscere le specializzazioni post laurea, conseguite anche all’estero, e rimane fermo in graduatoria, gli vengono negate pure le supplenze brevi e al massimo gli si chiede di fare il collaboratore scolastico: “nel 2017 – scrive – mi hanno negato 5 punti in graduatoria. Da allora ho ricevuto varie convocazioni per fare il bidello. E chi sarebbe stato dietro di me se mi avessero assegnato i 5 punti ha fatto varie supplenze di Storia e Filosofia. L’Italia è una grande cloaca. Piantiamola di lamentarci dell’austerità che ci impedirebbe di spiccare il volo. Noi stessi – conclude il filosofo – ci autoincateniamo al suolo con leggi e burocrati da terzo mondo”.Marcello Pacifico (Anief): “Snellire e sburocratizzare le procedure di reclutamento e stabilizzazione è possibile: basta volerlo. Basta legiferare norme chiare, comprensibili e non più discriminanti. Si possono, ad esempio, riaprire le graduatorie ad esaurimento a tutti gli abilitati all’insegnamento, come già fatto nel 2008 e nel 2012 senza che nessuno gridasse allo scandalo. Come si possono utilizzare per le assunzioni a tempo indeterminato pure le nuove graduatorie d’istituto che l’amministrazione si appresta a trasformare in provinciali, pur con diverse modifiche da introdurre. Ma anche semplicemente prevedere l’attivazione di una nuova graduatoria per titoli e servizi, come chiesto nelle scorse settimane dall’Anief, come da diversi gruppi parlamentari in fase di modifica del Decreto Scuola e del Decreto Rilancio. Noi, dal conto nostro, non ci arrendiamo: continuiamo ad operare, in tutte le sedi possibili, anche giudiziarie, perché siamo convinti che l’inferno della burocrazia e dell’inefficienza non può prevalere sui diritti dei cittadini lavoratori”.In Italia un docente su quattro è supplente: a settembre, quando si incrementeranno gli organici con posti da assegnare solo a precari e senza prevedere stabilizzazioni, la forbice diventerà ancora più stretta. A fronte di 8 milioni e 300 mila studenti, vi sono quindi “835 mila professori e maestri, di cui 635 mila di ruolo e 200 mila supplenti. Un rapporto di un docente ogni dieci ragazze e ragazzi. Sulla carta, un paradiso. Se non fosse un inferno. La scuola è la nostra croce e insieme la nostra speranza. O almeno, dovrebbe esserlo. E in qualche modo loro, i professori, i maestri – quelli per cui la scuola non finisce e non è finita mai – sono insieme parte del problema”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola. Graduatorie Provinciali e d’Istituto – Anief: se il Ministero non ci ascolta, sarà battaglia in tribunale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

Alla luce della bozza predisposta dal Ministero dell’Istruzione sulle costituende Graduatorie Provinciali per le Supplenze e le nuove Graduatorie d’Istituto, l’Ufficio Legale Anief ha individuato già numerose illegittimità e predispone le preadesioni gratuite ai ricorsi in caso il Ministero non recepisca quanto segnalato dal nostro sindacato. Marcello Pacifico (Anief): “Le graduatorie provinciali sono una nostra vittoria in favore dei precari, ma così non servono. Tabelle titoli incoerenti e procedure farraginose, questa Ordinanza non rispetta il lavoratori precari della scuola. Abbiamo chiesto molte modifiche, altrimenti agiremo in tribunale”.Si va dall’assurda svalutazione del diploma magistrale abilitante e dell’abilitazione PAS cui le Tabelle titoli per le nuove GPS riconoscono solo il punteggio (fino a 12) per il voto finale, ma non, come è sempre stato, i 6 punti aggiuntivi in quanto titolo abilitante all’insegnamento, fino ad arrivare alla completa cancellazione di molti titoli artistici che da sempre hanno caratterizzato le graduatorie di strumento nelle scuole secondarie. “Ci sono delle evidenti incoerenze contenute in questa Ordinanza e nelle varie Tabelle titoli – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – che speriamo il Ministero vorrà rettificare recependo le nostre segnalazioni quando emanerà la versione definitiva. Come sindacato abbiamo evidenziato tutte le incoerenze contenute nell’Ordinanza e abbiamo individuato vere e proprie illegittimità che non potremo non contestare anche in tribunale”.Gli ITP, ad esempio, per il Ministero dell’Istruzione dovranno, in alcuni casi, improvvisamente conseguire i 24 CFU entro qualche settimana per entrare nelle nuove graduatorie, nonostante quanto espressamente riportato nel D.Lgs. n. 59/2017 che ammette gli Insegnanti Tecnico Pratici ai concorsi senza altro titolo oltre al diploma fino al 2024. “Non riusciamo a comprendere la coerenza di quanto previsto nell’Ordinanza ministeriale rispetto alla norma primaria – spiega il presidente Anief – in pratica i diplomati ITP possono partecipare al concorso, quindi entrare in ruolo, solo col diploma, ma per fare i supplenti devono conseguire i 24 CFU? Non ne capiamo il senso e contestiamo non solo l’irragionevolezza di tale previsione, ma anche l’intempestività: che qualcuno ci spieghi come può un diplomato ITP conseguire in poche settimane quei 24 CFU che ora il Ministero gli impone di possedere per fare il supplente e che non gli aveva mai richiesto neanche per iscriversi al concorso ordinario! Le Università, inoltre, non fanno iscrivere i diplomati a corsi o master utili per conseguire questi famigerati 24 CFU, perché solitamente sono corsi post-lauream: è evidente che qualcuno non sa cosa sta facendo e non credo proprio siano gli ITP!”.Queste le disposizioni più eclatanti, ma poi ce ne sono altre: la solita esclusione dalla scuola primaria del personale educativo abilitato, l’assurda esclusione degli iscritti SFP ai primi 2 anni del corso, l’esclusione di chi ha solo 2 anni di servizio sul sostegno o servizio su diversi gradi di istruzione dalla possibilità di inserirsi nella seconda Fascia GPS prevista per i non specializzati, l’esclusione dalla seconda fascia dei diplomati A066 senza titolo specifico per la A041, la previsione dell’inserimento in coda dopo un solo rifiuto (e non due come prevede il regolamento delle supplenze), l’impossibilità per i docenti di Infanzia e Primaria di inserire l’opzione esplicita per l’accettazione delle supplenze sotto i 10 giorni. “Poi ci sono le Tabelle titoli – conclude Pacifico – rinnovate non si capisce bene in base a quale principio e che cancellano i 6 punti per le altre abilitazioni come il Diploma Magistrale e il PAS, cancellano la maggior parte dei titoli artistici per i docenti di strumento, per cui improvvisamente, ad esempio, avere al proprio attivo incisioni o pubblicazioni non vale più nulla e poi svalutano facendo passare da 3 a 0,5 punti il valore dei Master ed eliminano la valutazione delle altre attività di insegnamento, prima valutate in terza fascia G.I. Non possiamo stare a guardare. Ribadiamo che se la versione definitiva dell’Ordinanza continuerà a contenere previsioni illegittime, agiremo in tribunale per la tutela dei precari!”

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’ITS Day: traguardi, novità e progetti futuri degli Istituti Tecnici Superiori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

“Gli ITS rappresentano una opportunità, una ricchezza del nostro sistema su cui dobbiamo investire”, questo il messaggio di Lucia Azzolina, Ministro della Pubblica Istruzione, in occasione degli ITS Day, evento virtuale organizzato dal Sistema ITS – Istituti Tecnici Superiori, per fare un bilancio di questa realtà, nata per fornire un percorso di formazione e professionalizzazione post diploma che renda più facile l’entrata nel mondo del lavoro, grazie alla sinergia tra imprese, stakeholder e istituti di formazione. “A darci la spinta – continua il Ministro – devono essere anche i dati dell’ultimo monitoraggio che confermano la crescita degli iscritti e le opportunità lavorative offerte dagli istituti, che riescono a dare occupazione a più di 8 ragazzi su dieci a un anno dal diploma. Questi percorsi sono una porta aperta sul mondo del lavoro, allora ben vengano occasioni come questa che permettono di fare un bilancio di questa realtà, di valorizzare i punti di forza e di lavorare sui punti di debolezza. Vi auguro buon lavoro e insieme lavoriamo per far volare queste scuole ad alta specializzazione sempre più in alto”. A mostrare lo stato di salute del progetto i dati del monitoraggio INDIRE, l’Istituto nazionale di documentazione innovazione e ricerca educativa, che hanno attestato con il monitoraggio 2020 come gli ITS mantengano una continua crescita del tasso di occupazione dei loro diplomati, che raggiunge l’83% a un anno dal diploma e nel 92% dei casi con un impiego coerente con il percorso di studio alternato aula e azienda. Guardando più in dettaglio i dati è evidente quali siano gli ingredienti di questi risultati positivi e perché siano in crescita anche gli iscritti, con oltre 16mila studenti. Elemento forte del mondo ITS è l’integrazione tra formazione e mondo del lavoro: il 70% dei docenti proviene dall’impresa, mentre stage e tirocini occupano il 43% del percorso di studi; le lezioni in aula si svolgono al 26% in laboratori di impresa e di ricerca e nei laboratori 4.0 per l’Industria 4.0 degli ITS.Protagoniste dell’ITS Day sono state le “Storie di ITS 4.0 2020”, ovvero una selezione tra le numerose buone pratiche degli ITS nazionali. Ha parlato per primo l’ITS Umbria, in testa al ranking 2020. Poi sono seguiti i progetti presentati dall’ITS TAM Biella, vincitore del Best Product Competition UE; il Gel disinfettante e di sanificazione della Fondazione NTV Lazio; il Bracciale Emergency dell’ITS La Spezia; un “Un pc per la scuola” progetto dei Diplomati ITS.Durante la giornata si è dato anche spazio a best practice tematiche dei progetti ITS 4.0, ovvero per il tema FOOD il Total Quality spaghetti della Fondazione Demos; per il tema MECCANICA e TERRITORIO il progetto Old But Gold degli ITS Maker; per il tema SOSTENIBILITA’ E AMBIENTE il progetto “Una pausa caffè più sostenibile” dell’ITS Malignani; per il tema SOCIAL INNOVATION il progetto Blanket Refitting dell’ITS Moda Pescara.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Facile.it vince il primo premio assoluto ai Touchpoint Award

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

Doppio riconoscimento per Facile.it che, con la campagna di comunicazione PR Trasformare la crisi in opportunità, si è aggiudicata ai Touchpoint Award il premio per la migliore comunicazione corporate e il primo premio assoluto per la migliore comunicazione italiana dell’anno. Con la stessa campagna Facile.it ha conquistato, nel 2019, anche il premio Best European Issues and Reputation Management allo European Excellence Award, il più prestigioso riconoscimento europeo delle relazioni pubbliche e ben tre premi durante la 22esima edizione del Premio Assorel, in particolare il Primo Premio Assoluto per la miglior Campagna di Comunicazione PR, il premio nella categoria Crisis Management e quello della categoria merceologica IT.La campagna premiata nasce dal rischio di una possibile crisi gestita in maniera originale ed efficace dall’ufficio PR; alcuni automobilisti convinti di acquistare polizze Rc auto tramite comparatori famosi erano in realtà stati frodati. Nonostante Facile.it fosse estraneo alla vicenda, sul web sono cominciati a circolare articoli che legavano il nome del comparatore a quanto avvenuto. Per evitare che tutto ciò comportasse una crisi di immagine e di business, l’ufficio PR ha creato una squadra di gestione crisi coinvolgendo diversi team interni e diffondendo in rete, a meno di cinque ore dalla pubblicazione del primo articolo sulla frode, un vademecum su come riconoscere le truffe ed evitare di caderne vittima, includendo anche link a siti istituzionali per verificare la correttezza di quanto acquistato.Il web era il luogo in cui tutto si stava svolgendo e, quindi, il SEO doveva essere l’arma principale dell’azione. A dimostrazione di come la strategia fosse vincente e di come l’autorevolezza del comparatore ne fosse stata rafforzata, in poco tempo la stampa aveva ripubblicato centinaia di volta la guida originale e, in qualche mese, la campagna ha ottenuto, nel complesso, oltre 1200 uscite stampa positive.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lavoro e artrite reumatoide

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

L’artrite reumatoide, malattia infiammatoria cronica articolare, può condizionare in modo severo la vita dei lavoratori per l’impatto del dolore e della disabilità sulle attività quotidiane e per le possibili ripercussioni sulla vita di relazione e lavorativa. Chi è affetto da artrite reumatoide, infatti, è frequentemente costretto ad assentarsi dal lavoro a causa della malattia (assenteismo) o può constatare una ridotta produttività, quando al lavoro (presentismo). I reumatologi dell’ASST Gaetano Pini-CTO di Milano hanno coordinato uno studio che ha dimostrato che il trattamento con farmaci biologici è in grado di migliorare significativamente la capacità lavorativa dei pazienti con artrite reumatoide. Questo si traduce in un guadagno sia dal punto di vista economico sia di miglioramento della qualità di vita del paziente, considerate anche le ripercussioni che la riconquistata capacità lavorativa può avere sulla vita personale in termini di autostima e senso di utilità. Lo studio ha tenuto conto anche del miglioramento della workability nei soggetti non occupati.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Premio Solinas: Italia-Spagna

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

La scadenza per il Concorso Premio Solinas: Italia-Spagna 2020 è rinviata al:
– 15 luglio 2020 per l’invio via web
– 16 luglio 2020 per l’invio via posta
invita gli sceneggiatori a scrivere soggetti cinematografici da proporre al mondo della produzione e del cinema italiano, spagnolo ed internazionale.Il Concorso si rivolge a sceneggiatori maggiorenni, senza limiti di nazionalità.Al Concorso si partecipa in forma anonima a tutela della parità di condizione di tutti i Concorrenti partecipanti.
Ogni Concorrente può partecipare con un massimo di 1 soggetto in lingua italiana o spagnola adatto per una coproduzione tra Italia e Spagna, e possibilmente anche con Paesi dell’America Latina, scritto da un Autore singolo o da un gruppo di Autori o co-Autori intesi in senso unitario.I materiali da inviare al Premio Solinas Italia – Spagna dovranno consistere in:
a) il “pitch” o presentazione – lunghezza massima 10 righe.
b) il Soggetto – sono ammesse al concorso opere di minimo 5 e massimo 7 pagine.
– Premio Solinas Italia-Spagna di 1.000 euro;
– Traduzione del soggetto.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aiuti alle imprese agricole

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto del Ministero delle Politiche Agricole dello scorso 19 maggio, diviene realtà il nuovo limite dell’importo complessivo degli aiuti “de minimis” per le imprese attive nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli, nell’arco di un triennio. Alla base di una miriade di agevolazioni statali ma soprattutto regionali, il “de minimis” è stato portato dall’Unione europea nel febbraio 2019 a 20mila euro ma occorreva dare operatività concreta al “Registro degli aiuti” per avere finalmente l’importo massimo riportato nel Regolamento n. 316 del 2019, ovvero 25mila euro. Una volta accertata la funzionalità del registro, si è potuto procedere alla ripartizione dell’ammontare tra le singole regioni, a cui spetta il 75% della cifra totale che per l’Italia è pari a oltre 840 milioni di euro, e alla pubblicazione del relativo decreto ministeriale.
“Sebbene si tratti di un importante passo in avanti, basti pensare che sino al 2014 il de minimis è stato pari ad appena 7.500 euro, anno in cui fu portato a 15mila – dichiara il Sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L’Abbate – parliamo comunque di un importo modesto se paragonato a quello delle imprese non agricole che possono contare su un de minimis a 200mila euro, in situazione standard no-Covid19. Ciò è frutto della convinzione da parte della Commissione Ue che la quota molto importante di bilancio comunitario in favore del settore agricolo non si concilia con aiuti di stato consistenti che potrebbero ledere la concorrenza tra imprese. Purtroppo questa considerazione non tiene conto, però, delle situazioni di blocco degli aiuti del secondo pilastro della PAC, erogati tramite i PSR, come accade attualmente in grandi regioni, come la Puglia. L’agricoltura, pertanto – prosegue il Sottosegretario L’Abbate (M5S) – non chiede maggiori aiuti ma l’utilizzo di quelli già concessi, in linea con quanto accade in tutti i Paesi industrializzati. Per il futuro, il corretto funzionamento del Registro consentirà anzitutto di semplificare l’accesso delle imprese a tali aiuti ma potrà anche essere la base per ulteriori auspicati incrementi”?

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gestione maldestra dei beni culturali e paesaggisti e nuovi condoni n Sicilia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

«Tra Commissione di merito, Ars e con la regia del governo Musumeci si sta definendo un disegno di legge che riporta indietro di decenni la gestione dei beni culturali e paesaggisti esautorando di competenze le sovrintendenze e inserendo financo un nuovo condono edilizio».A dirlo è Pippo Zappulla, segretario regionale di Articolo uno in Sicilia.«È – continua Zappulla – un gravissimo attacco trasversalmente inferto alla diligenza dei beni comuni siciliani e alla gestione corretta del territorio che deve trovare la ferma opposizione sia nelle sedi parlamentari sia attivando una mobilitazione sociale in tutta la Sicilia. Tutto questo sta avvenendo, pur in presenza di tantissime critiche e precise posizioni contrarie assunte non solo da forze politiche e sociali ma anche da importanti esponenti del mondo della cultura, direttori di musei e gallerie d’arte, docenti universitari, esperti del settore e da diverse associazioni culturali.«La tutela paesaggistica della nostra regione, la lotta all’abusivismo e all’utilizzo speculativo del territorio – conclude segretario regionale di Articolo uno in Sicilia – è patrimonio di tutti i siciliani e non può rappresentare merce di scambio per intese e accordi politici. Questo disegno di legge così va ritirato.(Vassily Sortino)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allarme neonazismo in Germania, sciolte le forze speciali Ksk

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

La Germania sta profondendo ogni sforzo fronteggiare la deriva di estrema destra e neonazista che sta infettando la società tedesca.Dopo la messa al bando negli ultimi mesi di gruppi che si richiamavano al Terzo Reich (Combat 18 e Nordadler), il governo di Berlino ha preso una decisione clamorosa: sospendere fino a ottobre e sciogliere parzialmente le Ksk, le forze speciali perché al suo interno si è riscontrata la presenza di unità nostalgiche e neonaziste.Il provvedimento è stato preso dalla ministra della Difesa Annegret Kramp-Karrenbauer, arrivato dopo la sparizione di 48mila munizioni e 62 chili di esplosivo dall’arsenale di questo corpo speciale.Kramp-Karrenbauer che in un’intervista alla Sueddeutsche Zeitung spiegato:
“Chi lavora per il Ksk ha capacità uniche ed è in grado di svolgere operazioni altamente specializzate. Più di altri soldati della Bundeswehr deve impegnarsi per la nostra costituzione e per l’ordine democratico e liberale. Non possiamo tollerare compromessi”.Per capire l’importanza della decisione, dobbiamo sapere chi sono e cosa fanno le Ksk.Secondo la pubblicistica sono simili ai Navy Seals americani e nel loro passato miliare hanno annoverato combattimenti contro i criminali di guerra nell’ex Jugoslavia e i talebani in Afghanistan. Due conflitti significati che hanno interessato i governi di mezzo mondo negli ultimi due decenni per le forze speciali, nate nel 1996, che già in passato avevo avuto legami con l’estrema destra.Correva l’anno 2003, quando il comandante Reinhard Guenzel venne cacciato per esternazioni antisemite ed estremiste. Nulla da riscontrare fino al 2017, anno in cui la carriera di un ufficiale era stata salutata con saluti hitleriani e balli neonazisti.
Altro episodio nel 2019, protagonista un tenente colonnello che aveva attaccato lo Stato, reo secondo lui di aver perso il controllo dei profughi.La decisione del governo tedesco dimostra che la Germania sta facendo molto per combattere i rigurgiti nostalgici e neonazisti nella società e nei suoi apparati.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Anteprima della sessione del 8-10 luglio 2020

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

Bruxelles Presidenza tedesca: i deputati discutono le priorità con Angela Merkel Mercoledì pomeriggio, i deputati discuteranno con la Cancelliera tedesca Merkel la strategia e gli obiettivi principali della Presidenza tedesca per i prossimi sei mesi.
Dibattito su bilancio UE e ripresa con i Presidenti von der Leyen e Michel
In vista del Vertice del Consiglio del 17 luglio, i deputati esprimeranno la loro posizione sul futuro finanziamento dell’UE e sulla ripresa economica.
Post COVID-19: rinnovare la strategia UE sulla sanità pubblica
Mercoledì, i deputati discuteranno con la Commissaria per la salute, Stella Kyriakides, come rinnovare la politica sanitaria pubblica dell’UE.
Pacchetto mobilità: votazione finale sulla riforma del trasporto su strada
Il Parlamento voterà in via definitiva le proposte legislative per migliorare le condizioni di lavoro dei conducenti, fornire chiarezza sul ‘distacco’ e combattere le pratiche illegali.
QFP: rispetto Stato di diritto diventerà condizione per ricevere sostegno UE?
I deputati chiederanno a Consiglio e Commissione come rendere il rispetto dello Stato di diritto una condizione vincolante per ricevere i finanziamenti UE nell’ambito del prossimo QFP.
Nuove commissioni speciali, sottocommissioni e commissioni d’inchiesta
Venerdì saranno resi noti i nomi dei deputati che siederanno in una nuova sottocommissione, in tre commissioni speciali e in una commissione d’inchiesta.
Green deal: potenziare lo stoccaggio di energia per aiutare la decarbonizzazione
Per aumentare la quota di energia da fonti rinnovabili nel mix energetico UE, i deputati chiederanno di sostenere soluzioni di stoccaggio come l’idrogeno o le batterie domestiche.
Parlamento lancia l’allarme sui bambini sottratti ai genitori UE in Giappone
Deputati europei chiedono alle autorità giapponesi di rispettare il diritto internazionale sui minori contesi e trattenuti illecitamente da un genitore.
Parlamento voterà aiuti ai rifugiati siriani in Turchia, Giordania e Libano
Dibattito sulla Turchia e la sua politica di destabilizzazione nel Mediterraneo
Cultura: L’UE deve contribuire a ricostruire la cultura europea duramente colpita
Il Parlamento chiede un forte sostegno per le imprese e i lavoratori dell’UE

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Von der Leyen: per l’Europa fare le cose giuste insieme e con un solo grande cuore

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

La Presidente della Commissione Europea risponde alla lettera con la quale New Humanity e il Movimento Politico per l’Unità, espressioni civile e politica del Movimento dei Focolari, domandano ai rappresentanti politici europei di stringere un “patto di fraternità” che li impegni a considerarsi membri della patria europea come di quella nazionale, trovando insieme le soluzioni che ancora si frappongono all’unità europea.“Per raggiungere gli obiettivi dei padri e delle madri che fondarono una vera alleanza in cui la fiducia reciproca diventa forza comune, dobbiamo fare le cose giuste insieme e con un solo grande cuore, non con 27 piccoli cuori”. Così Ursula Von der Leyen, Presidente della Commissione Europea, in una lettera a New Humanity, ONG internazionale e al Movimento Politico per l’Unità (MPPU) dei Focolari.I responsabili della ONG New Humanity e della sua sezione politica MPPU, componenti civile e politica del Movimento dei Focolari, avevano infatti scritto alla Presidente della Commissione Europea per incoraggiare il lavoro comune per affrontare l’impatto della pandemia COVID-19 e per garantire il supporto di idee e progettualità anche nella fase della costruzione della Conferenza sul futuro dell’Europa: “L’unità politica, economica, sociale e culturale dell’Unione Europea sarà la risposta storica e geo-politica globale all’altezza della sfida possente della pandemia del 2020”.Ursula Von der Leyen, Presidente della Commissione Europea dal 1 dicembre 2019, ha sottolineato nella risposta come l’Unione Europea abbia garantito la più grande risposta mai data a una situazione di crisi e di emergenza nell’Unione, con la mobilitazione di 3.4 miliardi di miliardi di euro circa.
La Presidente ha anche affermato che “l’attuale cambiamento del contesto geopolitico offre all’Europa l’opportunità di rafforzare il suo ruolo unico di leadership globale responsabile” il cui successo “dipenderà dall’adattarsi in questa epoca di disgregazione rapida e di sfide crescenti, al mutare della situazione, rimanendo però fedele ai valori e agli interessi dell’Europa”.
L’Europa, infatti, sottolinea nella lettera la Presidente, “è il principale erogatore di aiuti pubblici allo sviluppo, con 75,2 miliardi di euro nel 2019. Nella sua risposta globale alla lotta contro la pandemia, l’Unione Europea si è impegnata a garantire anche un sostegno finanziario ai Paesi partner per un importo superiore a euro 15,6 miliardi, a disposizione per l’azione esterna. Ciò include 3,25 miliardi di euro verso l’Africa. L’UE sosterrà anche l’Asia e il Pacifico con 1,22 miliardi di euro, 918 milioni di euro a sostegno di America Latina e Caraibi e 111 milioni di euro a sostegno dei paesi d’oltremare”. Inoltre, prosegue la Presidente della Commissione UE, “l’Unione Europea e i suoi partner hanno lanciato il Coronavirus Global Response, che registra finora impegni per 9.8 miliardi di euro da donatori in tutto il mondo, con l’obiettivo di aumentare ulteriormente il finanziamento per lo sviluppo della ricerca, diagnosi, trattamenti e vaccini contro il Coronavirus”.
La lettera della Presidente Ursula Von der Leyen si conclude con l’invito ad una collaborazione stretta fra i paesi dell’Unione Europea: “Dobbiamo sostenerci in questi tempi difficili e poter contare gli uni sugli altri per far fronte al nostro nemico invisibile”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Fondo UE per le crisi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

I leader locali e regionali hanno appoggiato le proposte della Commissione europea che aumenterebbero la dotazione finanziaria dell’UE di 2 miliardi di euro in modo da consentire una risposta diretta alle crisi future. Sulla scorta degli insegnamenti tratti dalla pandemia di Covid-19, nel corso di un dibattito con il commissario UE per la Gestione delle crisi, Janez Lenarčič, i membri del Comitato europeo delle regioni hanno anche chiesto nuove regole per consentire alle regioni e alle città di poter fruire del sostegno diretto dell’UE durante i periodi di emergenza.I membri del Comitato europeo delle regioni, l’assemblea dei rappresentanti politici degli enti locali e regionali dell’UE, hanno accolto con favore gli sforzi compiuti dalla Commissione europea per rispondere alla pandemia di Covid-19. Il Comitato ha inoltre dato il suo sostegno alle recenti proposte per rafforzare la componente rescEU del meccanismo di protezione civile dell’Unione europea, che fornisce all’UE risorse di emergenza quali aerei e attrezzature mediche per aiutare le comunità colpite da crisi. In marzo, il Comitato europeo delle regioni ha lanciato una piattaforma di scambio online che consente alle amministrazioni locali e regionali di condividere le buone pratiche nella gestione della pandemia di Covid-19, come anche di valutare la risposta dell’UE. Il Comitato ha inoltre proposto l’istituzione di un meccanismo dell’UE per le emergenze sanitarie volto ad aiutare le città e le regioni ad assumere personale medico supplementare, ad acquistare maggiori dispositivi medici, a sostenere i servizi di terapia intensiva e a fornire strumenti e materiale di igienizzazione per ospedali e scuole, tutte misure di cui si è tenuto conto in larga misura nei piani di ripresa dell’UE.Nel corso del dibattito, i membri del Comitato hanno fornito esempi di misure e buone pratiche adottate a livello locale, basate sull’esperienza da loro fatta sul campo nella lotta contro l’attuale pandemia di Covid-19.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le sfide demografiche dell’Europa necessitano soluzioni locali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 8 luglio 2020

In un dibattito con Dubravka Šuica, vicepresidente della Commissione europea per la Democrazia e la demografia, i leader locali e regionali europei hanno esortato le istituzioni dell’UE a lavorare a stretto contatto con gli enti locali per contrastare le conseguenze territoriali e socioeconomiche dei cambiamenti demografici. Dato che la popolazione è in calo in oltre il 40 % delle regioni dell’UE, il Comitato europeo delle regioni chiede di integrare la dimensione demografica in tutte le politiche dell’UE e nel dibattito sul futuro dell’Europa.Nella relazione sull’impatto dei cambiamenti demografici , recentemente pubblicata, la Commissione europea riconosce che le questioni legate ai cambiamenti demografici “possono spesso essere affrontate al meglio a livello locale e regionale”. La relazione sottolinea inoltre lo stretto legame esistente tra i cambiamenti demografici e la transizione verde e digitale, e afferma che i cambiamenti demografici possono “portare a perdere la fiducia nella nostra democrazia” nelle regioni che sono alle prese con il declino demografico. A lungo termine, il calo della popolazione in età lavorativa rischia di esercitare forte pressione sui bilanci pubblici e di avere un impatto negativo sulle prospettive geopolitiche e sulla posizione dell’Europa nel mondo.Il Comitato europeo delle regioni presenterà, nella prossima sessione plenaria di ottobre, le sue proposte per affrontare gli effetti negativi dei cambiamenti demografici nelle regioni dell’UE. Il parere in via di elaborazione sottolinea che l’invecchiamento della popolazione europea, i bassi tassi di natalità e la sempre maggiore disomogeneità nella distribuzione demografica richiedono una risposta strategica coerente a tutti i livelli di governo e in tutte le politiche dell’UE. Insiste in particolare sul collegamento tra i cambiamenti demografici e il miglioramento generale delle condizioni di vita.
Le gravi sfide demografiche per l’Unione europea si manifestano in molti territori europei attraverso una combinazione di tre tendenze: la diminuzione della popolazione, l’invecchiamento demografico (con un aumento dell’indice di dipendenza) e un ridotto tasso di natalità. Oltre il 40 % delle regioni europee registra un declino demografico e, secondo le previsioni, la popolazione delle regioni prevalentemente rurali diminuirà di 7,9 milioni entro il 2050. Allo stesso tempo, la popolazione dell’UE è in media la più anziana, e si prevede che entro il 2070 l’Europa rappresenterà appena il 4 % della popolazione mondiale. Anche la quota dell’Europa nel PIL mondiale è in costante diminuzione.Nella sua risoluzione sul programma di lavoro della Commissione europea per il 2021 , il Comitato europeo delle regioni invita la Commissione europea a presentare una valutazione scientifica dell’impatto della Covid-19 sui cambiamenti demografici e a garantire che in futuro le decisioni prese siano concepite in modo da tener conto delle esigenze e delle specificità locali. Il Comitato sottolinea altresì il ruolo che svolgono un’istruzione e una formazione accessibili e di alta qualità nella risposta ai cambiamenti demografici e alla fuga dei cervelli e, a tal riguardo, sostiene la realizzazione di uno spazio europeo dell’istruzione entro il 2025, in stretta sinergia con lo Spazio europeo della ricerca.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »