Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Archive for 21 luglio 2020

Vertice Ue: Conte uscito in piedi ma poteva andare meglio

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

«Abbiamo votato a Bruxelles per il debito comune, che ha reso possibile il Recovery Fund. Abbiamo tifato per l’Italia in ogni momento. Con la coscienza a posto ora, a negoziato concluso, voglio dire che Conte è uscito in piedi ma poteva e doveva andare meglio. È stato sbagliato dare per acquisiti i 500 miliardi di sussidi proposti da Merkel e Macron e poi aprire a un taglio in cambio di zero condizionalità. È tornato a casa con meno sussidi e più condizionalità. Gli riconosciamo di essersi battuto per contrastare le pretese egoistiche dei Paesi nordici ma il risultato finale purtroppo non è quello che speravamo. I ‘frugali’ ottengono il ridimensionamento del Recovery Fund, mantengono e addirittura aumentano privilegi inaccettabili e anacronistici. Per l’Italia si conserva un livello accettabile di sussidi a fondo perduto ma in compenso rischiamo di perdere molti miliardi su altre voci del bilancio pluriennale. E, a monte, nessuna revisione degli assetti europei che penalizzano in modo strutturale l’Italia e la sua economia. Vengono rinviate a data da destinarsi tutte le tasse sui colossi extraeuropei e la finanza speculativa ma viene introdotta una tassa sulla plastica di 80 centesimi al chilo dal 1 gennaio 2021: un salasso per migliaia di imprese, con il rischio che i costi si riversino fino alle famiglie. Ma quello che ci preoccupa di più è che non solo queste risorse arriveranno a primavera 2021 inoltrata ma che per spenderle dovremo comunque passare dalle forche caudine dei Rutte di turno: non si chiama “diritto di veto” ma il “super freno di emergenza” funzionerà allo stesso modo. Si rischia un inaccettabile commissariamento delle scelte di politica economica di una Nazione sovrana. Difenderemo la nostra sovranità strenuamente e ci auguriamo che da questo momento in poi il governo voglia fare lo stesso». È quanto dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. (n.r. https://fidest.wordpress.com/2020/07/21/consiglio-europeo-alla-fine-spunta-un-accordo/)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Consiglio europeo: Un accordo che non può nascondere le profonde divisioni esistenti

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Il braccio di ferro a cui abbiamo assistito in occasione del Consiglio europeo mostra ancora una volta un’Unione europea segnata da profonde divisioni, dove le idee e le prospettive sul futuro soffrono di inconciliabili contrasti. Nonostante l’accordo raggiunto nella notte sul Recovery Fund dopo un estenuante negoziato, le tensioni tra gli Stati membri sono destinate a produrre nuovi ostacoli alla ripresa economica.Al di là dell’ottimismo degli annunci ufficiali, il compromesso siglato dai leader europei prevede un pesante taglio a importanti programmi europei, come quelli per la ricerca scientifica, la sanità, la transizione ecologica e l’innovazione, e riduce in modo considerevole il bilancio pluriennale dell’Unione. Sull’Italia, uscita dal vertice come il maggiore beneficiario dei nuovi fondi, aleggia inoltre l’ombra dello stretto controllo di Bruxelles sulle riforme da attuare. Il braccio di ferro a cui abbiamo assistito in occasione del Consiglio europeo mostra ancora una volta un’Unione europea segnata da profonde divisioni, dove le idee e le prospettive sul futuro soffrono di inconciliabili contrasti. Nonostante l’accordo raggiunto nella notte sul Recovery Fund dopo un estenuante negoziato, le tensioni tra gli Stati membri sono destinate a produrre nuovi ostacoli alla ripresa economica.Al di là dell’ottimismo degli annunci ufficiali, il compromesso siglato dai leader europei prevede un pesante taglio a importanti programmi europei, come quelli per la ricerca scientifica, la sanità, la transizione ecologica e l’innovazione, e riduce in modo considerevole il bilancio pluriennale dell’Unione. Sull’Italia, uscita dal vertice come il maggiore beneficiario dei nuovi fondi, aleggia inoltre l’ombra dello stretto controllo di Bruxelles sulle riforme da attuare. Noi di Soggetto Giuridico crediamo che l’Europa debba essere riformata a partire dai suoi principi generali, rimettendo al centro le persone, l’ambiente e il lavoro e ridimensionando il ruolo quasi egemone giocato ora dall’alta finanza. Serve una nuova Ventotene per restituire governabilità alla Ue e fondarla su basi completamente nuove.
https://fidest.wordpress.com/2020/07/21/consiglio-europeo-alla-fine-spunta-un-accordo/

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EU summit compromise: positive step for recovery, inadequate in the long-term

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

• EP’s negotiating team welcomes the agreement on the €750 billion recovery instrument
• But it is unacceptable that long-term EU budget is cut, while citizens ask for an increase in EU investments
• Binding commitment to new sources of EU revenue is crucial for fair repayment of recovery debt
• Respect for rule of law must be guaranteed
Commenting on the conclusions of the 17-21 July EU summit, EP negotiators welcome the recovery fund but warn that their agreement to the long-term EU budget cannot be taken for granted.After five days of intense discussions, the Heads of State and Government reached a political compromise. Parliament’s negotiating team on the Multiannual Financial Framework (MFF) and Own Resources (OR) welcomes the fact that at last a common position has been achieved, and that the newly created Recovery Instrument (Next Generation EU) is financed with a borrowing of EUR 750 billion. But Parliament remains critical on some essential aspects of the compromise, particularly on the long-term perspective.“The Recovery Instrument is an important step towards a new ambition for the Union: greener, more competitive and digital. This massive borrowing is an historical moment for the European Union, and we should not disregard what just happened.” However we regret that the Member States decided to entirely abandon the ‘bridge solution’, whose objective was precisely to provide immediate crisis response to the citizens, following the Covid-19 outbreak. In a context where the virus in on the rise again, citizens need certainty. Parliament will continue working hard to ensure that the recovery starts without delays. Furthermore, democratic oversight must be substantially increased: Parliament, as one arm of the budgetary authority will fight to be fully involved in the establishment and implementation of the Recovery Instrument”, said the EP’s negotiators on Tuesday.“The picture is much more negative when it comes to the EU long-term budget (the MFF). Parliament cannot accept the proposed record low ceilings as they mean renouncing to the EU’s long-term objectives and strategic autonomy, while citizens ask for more. More European solidarity, more European action in public health, in research and digitalisation, youth, and in the historical fight against climate change. Key programmes to reach these objectives have been considerably shrunk, and lost most of their top-ups under Next Generation EU. We will strive to secure improvements, including higher amounts, on future-oriented MFF programmes like Horizon, InvestEU, LIFE, Erasmus+. And if our conditions are not sufficiently met we will adopt the programmes on the basis of the existing MFF, as foreseen by the Treaty”, warned the members of the EP’s negotiating team.“The compromise is also a flagrant missed opportunity when it comes to modernising the revenue side, making it fairer and more transparent. The EU is now allowed to borrow funds but there is no certainty on how the debt will be repaid. Parliament has been clear: the recovery should not reduce investment capacities nor harm the national taxpayer. This is why new genuine own resources are the solution to repay the common debt, but the plastic-based contribution will not do the trick alone! We recall our strict demand to that respect: a binding commitment for the introduction of additional own resources as soon as 2021, and still in the course of the MFF 2021-2027. Furthermore, despite the United Kingdom leaving the EU, the insistence on the rebates has been extremely tough and results in a big step back for the European project: instead of being abolished, rebates are kept and even increased.Additionally, Parliament remains firmly against watering down the mechanism to reduce or suspend EU funding if a Member State disrespects the rule of law, and this issue should not be put off but addressed now. Parliament has stood ready to enter into negotiations under co-decision to continue building a Europe of fundamental rights.Parliament remains ready to immediately enter negotiations in order to achieve a better agreement for Europe”, the MEPs added.The EP’s negotiating team for the next long-term EU budget and Own Resources reform
Johan Van Overtveldt (ECR, BE), Chair of the Committee on Budgets
Jan Olbrycht (EPP, PL), MFF co-rapporteur
Margarida Marques (S&D, PT), MFF co-rapporteur
José Manuel Fernandes (EPP, PT), Own Resources co-rapporteur
Valérie Hayer (RENEW, FR), Own Resources co-rapporteur
Rasmus Andresen (Greens/EFA, DE)
The Council will now finalise its mandate to enter negotiations with Parliament, which will have a final say before the 2021-2027 budget can enter into force. The current multiannual budget runs out on 31 December 2020.Parliament will set out its conditions and take up negotiations with the German Presidency of the Council of the EU as soon as possible.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Consiglio europeo: Alla fine spunta un accordo

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Dovremmo essere soddisfatti, come europei, ma ciò che resta è l’amaro in bocca. Non entriamo nel merito delle cifre trattate ma dei danni provocati all’immagine di un’Europa incapace di sottrarsi ai suoi egoismi ed interessi affaristici. Noi per primi abbiamo usato parole forti per esprimere il nostro disappunto ed ora, a mente fredda, non le archiviamo. È stato uno spettacolo che non avremmo voluto vedere e ci ha resi consapevoli che questa comunità europea, anche se oggi si è salvata in zona Cesarini, prima o poi dovrà vedersela con gli altri nodi che arriveranno al pettine e imploderà. Il primo aspetto che appare più evidente è che la distribuzione di questa “governance” non è più sostenibile. Dobbiamo, innanzitutto chiederci se vogliamo continuare a stare insieme. Se la risposta è positiva dobbiamo cambiare le regole del gioco. Dobbiamo eliminare il Consiglio europeo e modellare la leadership su due soli pilastri: la Commissione europea e il Parlamento europeo. Altri filtri non solo sono superflui ma persino dannosi per l’immagine che noi diamo al mondo di una “vecchia e litigiosa signora” che cerca di stare in piedi anche se le gambe non le reggono mentre altrove si sta giocando una partita ancora più grande e che riguarda il futuro stesso dell’umanità. Facciamo un referendum propositivo a livello comunitario e stabiliamo delle regole comuni e con la facoltà di chi non ci sta di andarsene senza essere penalizzati come sta accadendo per il Regno Unito. Che senso ha, infatti, essere numerosi per poi paralizzare l’azione di governo comunitario essendo incapaci di dettare le regole condivise per una politica economica, fiscale, estera, della giustizia che parli con una sola voce. Facciamola finita di giocare ai furbi come lo è stato per i cosiddetti “frugali” che altri hanno anche chiamati “bucanieri” che alla fine si sono lasciati convincere solo dietro lauti compensi e di chiudere gli occhi, come per l’Olanda dove hanno permesso alle multinazionali di non pagare il dovuto agli altri stati per poi raggiungere un accordo conveniente con gli olandesi. Facciamola finita una volta per sempre. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , | 2 Comments »

Le famiglie italiane preferiscono la liquidità e i piccoli investimenti in progetti eco-sostenibili

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

«Cala invece l’interesse per i titoli considerati più tradizionali, perché è aumentata la diffidenza verso le istituzioni che dovrebbero tutelare i risparmi». È questo il giudizio di GreenVestingForum, il forum della finanza alternativa green promosso da Ener2Crowd.com, la startup italiana che sta rivoluzionando gli investimenti nella sostenibilità ambientale ed energetica.
Certo è che l’86% degli italiani riesce a mettere qualcosa da parte ogni mese, rispetto ad una media europea pari al 75%. A sottolinearlo è proprio un’indagine Ener2Crowd.com. Ma i nostri connazionali non vogliono più investire in maniera tradizionale: a ricorrere ai Bpt Futura —ad esempio— non sono stati i piccoli risparmiatori come si è voluto far credere.Da un’analisi dei dati delle aste realizzata da Ener2Crowd.com si evince che la taglia media di ordine è stata pari ad oltre 36 mila euro. «In un Paese dove lo stipendio medio netto mensile dei 18 milioni di lavoratori dipendenti è pari a 1.600 euro, ci vorrebbero quasi 10 anni per poter disporre di una tale cifra» osservano gli analisti di Ener2Crowd.Su un campione di mille uomini e mille donne di età compresa tra i 18 ed i 64 anni distribuiti lungo tutto lo Stivale ed intervistati da Ener2Crowd, la propensione al risparmio è risultata essere pari al 12% del reddito.Ma il 64% degli intervistati si mostra insoddisfatto dai classici investimenti proposti dalle banche o dagli intermediari finanziari, sfiduciati dai crac del passato e scontenti dai tassi di interesse ormai irrisori.Il GreenVestingForum evidenzia —ad esempio— come il tasso di rendimento medio nei 10 anni del Btp Futura sia pari a circa l’1,29%. Ma nell’ultimo decennio l’inflazione è stata pari all’1,5% ed in quello precedente al 2%. I Btp Futura in concreto non proteggono gli investitori nemmeno dall’inflazione «obiettivo» e rischiano di vincolare capitali per alimentare l’economia in altri modi per 10 anni. Una “fregatura” che aumenterà il divario fra ricchi e poveri.«La stessa cifra di 5,7 miliardi di euro del totale obiettivo —reinvestita nei 10 anni tramite gli strumenti di finanza alternativa come quelli di Ener2Crowd direttamente su progetti green ad alto impatto sociale ed ambientale— sarebbe invece in grado di produrre 2,3 miliardi di euro di rendimenti per gli investitori ed un gettito di 600 milioni di euro per le casse dello Stato» commenta Niccolò Sovico, ceo, ideatore e co-fondatore di Ener2Crowd.com scelto da Forbes (bit.ly/3912W8I) come uno dei 30 talenti globali under-30 di quest’anno. (AJ-Com.Net). AJ/LL 16 LUG 2020 14:40 NNNN

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli italiani risparmiano ma non investono

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Aumenta la diffidenza verso le istituzioni che dovrebbero tutelare i risparmi: le famiglie italiane preferiscono la liquidità e i piccoli investimenti in progetti eco-sostenibili. Cala così l’interesse per i titoli considerati più tradizionali. A metterlo in evidenza è il GreenVestingForum, il forum della finanza alternativa green promosso dalla piattaforma di investimenti ambientali sostenibili Ener2Crowd.com.I nostri connazionali non vogliono più investire in maniera tradizionale: a ricorrere ai Bpt Futura —ad esempio— non sono stati i piccoli risparmiatori come si è voluto far credere Da un’analisi dei dati delle aste realizzata da Ener2Crowd.com si evince che la taglia media di ordine è stata pari ad oltre 36 mila euro.«In un Paese dove lo stipendio medio netto mensile dei 18 milioni di lavoratori dipendenti —il 57% della forza lavoro impiegata in Italia— è pari a 1.600 euro ricondotti su 12 mensilità, ci vorrebbero circa 114 mesi, quasi 10 anni, per disporre di una tale cifra» osservano gli analisti di Ener2Crowd.Eppure l’86% degli italiani riesce a mettere qualcosa da parte ogni mese, rispetto ad una media europea pari al 75%. A sottolinearlo è proprio Ener2Crowd.com, la startup italiana che sta rivoluzionando gli investimenti nella sostenibilità ambientale ed energetica.Insomma i nostri connazionali tornano ad accumulare e risparmiano più di prima. Su un campione di mille uomini e mille donne di età compresa tra i 18 ed i 64 anni distribuiti lungo tutto lo Stivale ed intervistati da Ener2Crowd, la propensione al risparmio è risultata essere pari al 12% del reddito.«È la percentuale più alta d’Europa» commentano gli analisti di Ener2Crowd. Ma il 64% degli intervistati si mostra insoddisfatto dai classici investimenti proposti dalle banche o dagli intermediari finanziari, sfiduciati dai crac del passato e scontenti dai tassi di interesse ormai irrisori.E il BTP Futura? Una “fregatura” che aumenterà il divario fra ricchi e poveri in questo Paese, fra rentiers e risparmiatori.
I Btp Futura prevedono certo un meccanismo di «premio fedeltà», ma è indicizzato al pil e non all’andamento dell’inflazione: una vera e propria «lotteria Italia» con un meccanismo che è ancora più pericoloso se lo si legge nell’ottica del suo possibile rendimento e della «trappola di liquidità» che esso rappresenta.Il GreenVestingForum evidenzia inoltre come il tasso di rendimento medio nei 10 anni del Btp Futura sia pari a circa l’1,29%. Ma se l’inflazione si attesta oggi a livelli bassissimi, 0,6% nel 2019 e 0,1% nel 2020, nell’ultimo decennio è stata pari all’1,5% ed in quello precedente al 2%. E l’obiettivo dichiarato dell’Unione Europea in quanto a crescita dei prezzi nell’area Euro è proprio del +2%. I Btp Futura in concreto non proteggono gli investitori nemmeno dall’inflazione «obiettivo» e rischiano di vincolare capitali per alimentare l’economia in altri modi per 10 anni.È questo il giudizio del forum della finanza alternativa green promosso da Ener2Crowd.com, piattaforma nata nel 2018 con lo scopo di finanziare progetti di produzione di energia sostenibile che ha già avviato progetti per un investimento complessivo di oltre mezzo milione di euro che hanno consentito di eliminare 4.500 tonnellate di CO2 dall’atmosfera. «La stessa cifra di 5,7 miliardi di euro del totale obiettivo —reinvestita nei 10 anni tramite gli strumenti di finanza alternativa come quelli di Ener2Crowd direttamente su progetti green ad alto impatto sociale ed ambientale— avrebbe potuto produrre 2,3 miliardi di euro di rendimenti per gli investitori ed un gettito di 600 milioni di euro per le casse dello Stato. Senza considerare ovviamente le tasse pagate da chi i progetti li realizza e ne condivide i benefici, almeno altrettanti» puntualizza Niccolò Sovico, ceo, ideatore e co-fondatore di Ener2Crowd, scelto da Forbes come uno dei 30 talenti globali under-30 di quest’anno, sottolineando il suo ruolo di ispiratore e modello di nuovi talenti ed idee per il futuro dell’Italia.La differenza sarebbe stata sostanziale anche nell’accesso all’opportunità: l’«energy crowdfunding» —o GreenVesting— permette a tutti di aderire a partire da piccole quote, anche con soli 200 euro, i quali —impegnati mensilmente come in un piano di accumulo— possono dare davvero un nuovo significato al risparmio degli italiani: più ricchezza e più felicità per chiunque creda nella possibilità di costruire un futuro sostenibile.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teleconsulto per la diagnosi delle neoplasie

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Trovare un nodulo sospetto, ottenere la diagnosi senza muoversi da casa e in tempi rapidi, spostandosi solo al momento opportuno per effettuare l’intervento chirurgico. È questo il percorso che vuole realizzare concretamente SmartDoc, il progetto di teleconsulto che ha appena preso il via al Dipartimento di Oncologia Toracica dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano (INT), e che è stato reso possibile grazie al contributo dell’Associazione Il Tulipano Bianco APS.
Spiega Ugo Pastorino, Direttore della Struttura Complessa di Chirurgia Toracica di INT. – “Oggi il nostro dovere è quello di far sì che le persone riprendano a varcare la soglia dell’ospedale, che mantengano la continuità terapeutica e assistenziale. Con il teleconsulto offriamo un’opzione in più nell’ottica di proteggere i nostri pazienti e offriamo loro la possibilità di ricevere una diagnosi rapida, di seguire l’andamento della malattia senza gli oneri che è costretto a sostenere chi arriva da un’altra Regione e senza ulteriori stress legati al timore del contagio di Coronavirus, perché rimane a casa propria”.
La visita specialistica a distanza garantisce un livello di qualità pari a quella che viene eseguita in sede e in tutta sicurezza per quanto riguarda la trasmissione dei dati.”Abbiamo installato un programma protetto che permette al paziente di inviarci gli esiti dei suoi esami, esattamente come se ci consegnasse in mano la documentazione. A fine visita, e sempre in modalità protetta, vengono inviate la diagnosi, la relazione per il medico di famiglia e le eventuali impegnative” – spiega Alessandro Pardolesi, Dirigente Medico della Struttura Complessa di Chirurgia Toracica di INT e ideatore e responsabile del progetto. – “Durante la visita, se è necessario, agevoliamo le spiegazioni con dei disegni che il paziente vede in diretta, utilizzando lo stesso approccio adottato in studio. Può sembrare una banalità, ma in questo modo cade il muro che si potrebbe creare soprattutto nel momento della comunicazione della diagnosi, a vantaggio del rapporto medico-paziente. “L’emergenza coronavirus ha fatto nascere bisogni del tutto nuovi. Per questo ci siamo subito attivati per intercettarli e fornire risposte efficaci nel più breve tempo possibile. Sono così nate nuove collaborazioni con strutture ospedaliere che sono un punto di riferimento per pazienti provenienti da tutta Italia, come l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Siamo felici che il progetto SmartDoc abbia preso forma anche grazie all’attrezzatura tecnica per i teleconsulti che abbiamo fornito all’Istituto. Lavoreremo inoltre per far conoscere il nuovo servizio a tutti i potenziali utenti, attraverso un lavoro mirato di promozione”, dichiara Francesco Giordani, presidente del Tulipano Bianco APS.SmartDoc rappresenta uno strumento in più per una diagnosi precoce del tumore del polmone. Attualmente questa è la seconda neoplasia più frequente negli uomini (15%) e la terza nelle donne (12%), con dati in costante evoluzione. Il trend è in calo negli uomini (-1,6%) grazie a una disassuefazione dal fumo, e in aumento nelle donne (+2,2%) a causa di un incremento delle fumatrici. Il fumo di sigaretta rappresenta infatti il principale fattore di rischio del cancro del polmone, ed è responsabile di circa nove casi su dieci di malattia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Attenzione alle punture di api, vespe, calabroni e altri insetti

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Continua la campagna di informazione ‘Punto nel vivo’, patrocinata da FederAsma e Allergie Onlus-Federazione italiana pazienti ed in vista delle tanto sospirate vacanze dopo i mesi di lockdown. Le reazioni alle punture di imenotteri. Normalmente la puntura degli imenotteri (api, vespe, calabroni) causa una reazione attorno alla sede della puntura caratterizzata da dolore, gonfiore e rossore che in genere si attenua nel giro di poche ore. In base alla sensibilità individuale i sintomi possono essere diversi: alcuni soggetti già entrati in contatto con il veleno di un imenottero per precedenti punture possono sviluppare un’allergia nei confronti delle componenti del veleno e presentare reazioni allergiche più o meno gravi fino ad arrivare ad una reazione anche mortale.
L’adrenalina autoiniettabile è indispensabile per chi è allergico al veleno di imenotteri e va portata sempre con sé. L’adrenalina è sensibile alle alte temperature e pertanto è opportuno munirsi di appositi contenitori termici; inoltre nel kit “salvavita” oltre all’adrenalina andranno anche tenuti cortisone e antistaminici. Comunque, nonostante l’automedicazione attuata, il soggetto andrà trasportato al più vicino Pronto Soccorso.Il vero farmaco “salva-vita” per le persone allergiche al veleno di imenotteri è rappresentato dalla immunoterapia specifica. L’immunoterapia specifica per via iniettiva al momento attuale rappresenta l’unico presidio terapeutico in grado di prevenire efficacemente le reazioni allergiche sistemiche in caso di nuova puntura, con una efficacia protettiva superiore al 90% (per il veleno di Vespidi addirittura intorno al 95%). Se eseguita per un minimo di 5 anni consecutivi, mantiene la sua efficacia anche per molti anni dopo la sua interruzione. E’ fondamentale che durante il periodo estivo questa terapia non sia interrotta; quindi sarà compito della specialista fissare un appuntamento idoneo per evitare questo inconveniente.
Un’ulteriore minaccia estiva è rappresentata dalla diffusione sempre maggiore della vespa Velutina Nigritorax o “Calabrone asiatico”. Anche se può essere confusa con il calabrone comune, ha delle sostanziali differenze: è lungo al massimo circa 3 cm contro i 4-5 cm del calabrone e ha colori diversi dato che presenta le zampe di due colori, nero e giallo alle estremità, ha una linea gialla sull’addome, il corpo è di colore scuro e arancione nella parte frontale e le antenne sono nere. In estate la velutina si dedica alla caccia per procurarsi gli zuccheri e le proteine per permettere lo sviluppo delle larve e per questo ha una azione molto aggressiva nei confronti delle api nutrendosi dei muscoli del torace.“E’ importante sapere che questo imenottero si sta diffondendo nelle regioni del Nord-Italia e possiamo essere accidentalmente punti” spiega il dott. Oliviero Quercia, uno degli esperti di Punto nel vivo che da sempre si occupa di allergia al veleno degli imenotteri “perché così come api, vespe e calabroni (vespa crabro) può causare reazioni allergiche spesso gravi fino allo shock anafilattico. Non dimentichiamo che in Italia 9 persone su 10 vengono punte almeno una volta nella vita da un’ape, una vespa o un calabrone. E fino a 8 su 100 possono sviluppare una reazione allergica di varia gravità al veleno di imenottero.
E’ disponibile un vaccino anche per la vespa velutina: viene utilizzato l’estratto purificato di vespa crabro e il vaccino deve essere eseguito da personale esperto in centri allergologici qualificati. “Ad un paziente che ha avuto delle reazioni sistemiche dopo puntura di imenottero o è affetto da mastocitosi deve essere prescritta l’adrenalina autoiniettabile e consigliata una valutazione allergologica per valutare la prescrizione di un eventuale vaccino che al momento è l’unica terapia in grado di proteggere il paziente da reazioni generalizzate in caso di ripuntura e modificare la sua qualità della vita” sottolinea il dott. Quercia.Per proteggersi dalle punture di imenotteri gli esperti allergologi di “Punto nel Vivo” hanno realizzato un vademecum con consigli pratici. Pensando all’estate gli allergologi di “Punto nel vivo” hanno prodotto un vademecum con una descrizione dettagliata delle reazioni che si possono avere a seguito di una puntura ed i consigli per gestirla.Per Informazioni: https://www.facebook.com/puntonelvivo/ Per consultare i centri della rete Punto nel Vivo: https://www.facebook.com/puntonelvivo/app/137541772984354/

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Covid-19: I ricercatori sperimentano un nuovo test diagnostico rapido

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Per aiutare il mondo a rispondere a COVID-19, 3M e i ricercatori del MIT stanno sperimentando un nuovo test rapido per il rilevamento del virus. È attualmente in corso un progetto di ricerca accelerato per comprendere se un dispositivo diagnostico facile da usare possa fornire risultati altamente accurati in pochi minuti e possa essere prodotto su larga scala.Il National Institute of Health degli Stati Uniti ha selezionato il test rapido per COVID-19 per accelerarne lo sviluppo e supportarne la commercializzazione, dopo una rigorosa revisione da parte di un gruppo di esperti. Il test rientra nel programma Rapid Acceleration of Diagnostics Tech (RADx Tech), un’iniziativa di diagnostica per COVID-19 dai tempi serrati del National Institute of Biomedical Imaging and Bioengineering del NIH.Il test rileverebbe gli antigeni virali e fornirebbe risultati altamente accurati in pochi minuti attraverso un dispositivo su base cartacea. Il test potrebbe essere somministrato presso il centro di cura e non avrebbe bisogno di essere inviato ai laboratori per i test.Questo sforzo si basa sulla profonda competenza tecnologica di 3M nel campo dei biomateriali e del bioprocessing, unitamente al suo know-how nella produzione globale di dispositivi medici. Il team di 3M è guidato da scienziati, esperti di produzione e di regolamentazione provenienti dai suoi laboratori di ricerca aziendali e dal gruppo del settore salute.Il team di ricerca del MIT è invece diretto dal Professor Hadley Sikes presso il Dipartimento di Ingegneria Chimica dell’Istituto. Il laboratorio guidato da Sikes è specializzato nella creazione e nello sviluppo di tecnologie molecolari per migliorare le prestazioni dei test proteici rapidi a base di cellulosa.I team di 3M e del MIT ritengono che un test diagnostico possa essere messo in campo una volta approvato. Gli strumenti di produzione possono essere scalati per produrre milioni di unità al giorno.Il team è preparato per collaborare con il programma RADx Tech del governo americano per dimostrare la capacità del test e per distribuirlo il più rapidamente possibile. Il programma di innovazione a fasi di RADx Tech prevede inizialmente il supporto per un periodo di quattro settimane di intensa ricerca per dimostrare che il concetto di test funziona e può essere commercializzato su larga scala. Il progetto ha ricevuto 500.000$ di finanziamento per la validazione da parte di RADx Tech ed è idoneo per ulteriori finanziamenti nelle fasi successive dello sviluppo. (by Alessandra Spagnolo)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Aziende, decisori e pazienti insieme per una governance farmaceutica ancora più sostenibile”

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Il controllo della spesa farmaceutica rappresenta una sfida importante per il SSN. Negli ultimi due anni quasi tutte le Regioni hanno mancato l’obiettivo del rispetto. Per far ripartire il nostro Paese, abbiamo deciso di concentrarci su 3 tematiche fondamentali: salute, scienza e industria. Nell’ambito della salute, l’acquisto dei dispositivi medici in Italia per ogni cittadino conta 190 euro, poco rispetto ai 212 euro di media in Europa. È il momento di investire nel nostro SSN per poter garantire una maggiore assistenza sul territorio nazionale, la situazione attuale purtroppo vede oltre la metà dei respiratori in uso nelle terapie intensive obsoleti, con una capacità ridotta del 50% e con un’età media di 10 anni, solo per fare un esempio.Promuovere un rinnovamento tecnologico degli ospedali, investire in assistenza territoriale per essere vicini alle persone, con telemedicina e consulto a distanza e con programmi di HTA che valorizzino le nuove tecnologie. Nell’ambito ricerca, Confindustria Dispositivi Medici investe il 6% del fatturato e abbiamo elaborato un codice etico a garanzia di trasparenza al quale tutte le Aziende affiliate sono regolamentate con principi etici e precisi comportamenti, proponiamo, quindi, di tornare ad un usufruire di una ricerca di base, con partner tecnologici e puntare a progetti nel nostro Paese, per attrarre investimenti italiani ed esteri. Favorendo un rapporto virtuoso medico e industria. Per il capitolo dell’industria, le imprese che commercializzano dispositivi medici sono quasi 4000 e la maggior parte sono piccole imprese, la politica del prezzo più basso non incentiva la crescita, quindi proponiamo per un consolidamento del comparto industriale nel nostro Paese, di stabilizzare i pagamenti in 30 giorni e rivedere il gravoso sistema di tassazione. Diventa fondamentale il confronto tra tutta la filiera della salute per continuare a lavorare alla ripartenza dell’Italia”, queste le parole (di Daniela Delledonne, Vicepresidente di Confindustria Dispositivi Medici)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Formazione: due nuovi corsi specializzanti con le risorse FSE

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Palermo. Partono ad ottobre, grazie all’Avviso 14/2017, i percorsi formativi biennali co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo nell’ambito della programmazione 2014-2020. I percorsi sono stati presentati oggi dalla Fondazione ITS, nella sede di Confcommercio Palermo, alla presenza di Ciro Costa, presidente della Fondazione; Milko Cinà, sindaco di Bivona; Pietro Columba dell’Università degli Studi di Palermo; Antonio Valenti dell’assessorato regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale e Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo.
Le risorse, che ammontano complessivamente a 5,4 milioni di euro e hanno permesso l’attivazione dei corsi, rientrano nell’ambito 2 – nuove fondazioni ITS dell’Avviso 14/2017 (Asse 3 Istruzione e Formazione). Nello specifico i fondi pubblici destinati ai percorsi di alta specializzazione sono: 1.470.000,00 euro a valere sul PO FSE, 1.680.000,00 euro a valere su risorse residue del MIUR e 350.000,00 euro di co-finanziamento per le Fondazioni ITS.
I corsi, che partiranno ad ottobre 2020, rappresentano un’opportunità di assoluto rilievo nel panorama formativo siciliano, espressione della nuova strategia promossa dal MIUR a livello nazionale, fondata sulla connessione tra politiche di formazione e lavoro e politiche industriali. Si tratta di un’offerta formativa terziaria professionalizzante, con scuole di alta specializzazione legate al sistema produttivo, per preparare i quadri specializzati necessari nelle aziende, creando un punto di incontro tra le domande del mercato del lavoro e l’offerta formativa di alto livello.
La Fondazione ITS di Bivona, costituita ad aprile ad Agrigento e dedicata all’agroalimentare in Sicilia, formerà figure professionali a elevata qualificazione che, dopo due anni di corsi della durata di 1800 ore, di cui 800 di tirocinio e stage presso aziende, acquisiranno competenze specifiche, capacità di innovazione e competitività. I percorsi didattici sono pensati per mettere in connessione formazione e mondo del lavoro, ricerca scientifica e innovazione digitale, formazione tecnica e tirocini in azienda, elemento quest’ultimo che consente un’alta probabilità di inserimento nel mondo del lavoro al termine del percorso di studio di specializzazione: non è un caso che più dell’80% dei diplomati negli ITS trova lavoro entro un anno dal termine degli studi e che questo modello trova riscontro, già da tempo, nel centro e nel nord Italia.
I primi due corsi biennali a numero chiuso (25 partecipanti), attivati sull’asse Agroalimentare – made in Italy sono: “Agroduro”, finalizzato alla specializzazione nel settore della cerealicoltura e “Agrolatte”, incentrato sull’alta specializzazione nell’ambito lattiero-caseario. Sul sito http://www.itssicani.it si trova il form di preiscrizione al primo anno dei due corsi biennali per Tecnico superiore responsabile delle produzioni e delle trasformazioni agrarie, agro‐alimentari e agroindustriali EQF V* nei due diversi settori – della cerealicoltura e lattiero-caseario – e si possono avere aggiornamenti nonché informazioni sul bando di selezione. Le lezioni si svolgeranno anche online.
Al termine del percorso biennale (corrispondente al V° livello del “Quadro europeo delle qualifiche”) i partecipanti potranno chiedere, non appena verrà definita l’apposita convenzione, il riconoscimento dei CFU (crediti formativi universitari) per l’iscrizione ai corsi di laurea triennali dell’Università degli Studi di Palermo. Il diploma verrà rilasciato completo di Europass Diploma Supplement, previsto a livello internazionale, che dà il report delle conoscenze e delle competenze acquisite.
“Se si pensa che nell’anno scolastico 2018/2019, in Italia, circa 220 mila ragazzi non hanno proseguito gli studi – dichiara Roberto Lagalla, assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale della Regione Siciliana – è chiaro come la formazione terziaria può costituire per loro una valida opportunità, dal momento che oltre l’80% dei diplomati trova occupazione al termine degli studi. Sono quindi certo che i giovani, attraverso il percorso formativo proposto dalla Fondazione, possano facilmente trovare accesso al mondo del lavoro”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Discesa a remi da Linz a Vienna

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

L’impresa avrà inizio Domenica 26 luglio a Vienna, con l’arrivo dei carrelli e dello staff, mentre il giorno successivo (lunedì 27) raggiungeranno la capitale austriaca tutti i vogatori che parteciperanno alla Discesa del Danubio per raggiungere il giorno stesso la città di Linz, punto di partenza della regata.
Per un tratto di circa 300 km, Riccardo Dezi e Giulia Benigni, Presidente e Vicepresidente del Circolo Canottieri 3 Ponti, e tecnici di Canottaggio di IV livello Europeo, affronteranno a fine luglio 2020 a remi un nuovo tratto del grande fiume, quello compreso tra Linz e Vienna.I due allenatori svolgono attività remiera sia con atleti diversamente abili che normodotati. Riccardo Dezi è Direttore Tecnico del settore Pararowing del Circolo Canottieri Aniene e allenatore dell’equipaggio societario PR3 vincitore della medaglia di bronzo ai Campionato Mondiali del 2017 a Sarasota composto da Paola Protopapa, Lucilla Aglioti, Tommaso Schettino e Luca Agoletto. Inoltre per la Asd CC 3 Ponti sono impegnati nella attività agonistica due atleti del Pararowing: Marco Carapacchio e Daniela De Blasis.
In ragione di questa specifica professionalità ed esperienza, Dezi e Benigni tenteranno di nuovo l’impresa della Discesa del Danubio a remi, con un gruppo INCLUSIVO ed INTERNAZIONALE, che prevede, accanto ad una compagine dei Master del Circolo Canottieri 3 Ponti, anche la presenza di atleti diversamente abili, italiani e austriaci, per la maggior parte non vedenti o ipovedenti. Si andrà a comporre un totale di 4 equipaggi da 8 con timoniere, seguiti in tutto il tragitto dagli organizzatori e dai tecnici dello Staff con 2 motoscafi d’appoggio. Ciascun equipaggio che prenderà parte alla regata sarà composto per il 25% dei vogatori da atleti del PARAROWING.
Fondamentale per la difficoltà e complessità dell’organizzazione, anche in questa occasione, il sostegno della FONDAZIONE TERZO PILASTRO-INTERNAZIONALE, che, sotto la guida del suo Presidente Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele, fortemente convinto del “no profit” come unica alternativa valida alla crisi dello Stato e del mercato per fronteggiare le esigenze imprescindibili della collettività, opera nei campi della Sanità, della Ricerca scientifica, dell’Assistenza alle categorie sociali deboli, dell’Istruzione e Formazione, dell’Arte e Cultura, anche con funzione di trait d’union tra le culture dei Paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Sempre attenta alla importanza della diffusione dei valori più alti legati allo Sport, come quelli della inclusione e della solidarietà, ha scelto anche quest’anno di appoggiare il Circolo Canottieri 3 Ponti in questa impresa, che a quei valori fortemente si richiama.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli italiani non conoscono l’emicrania con aura

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

E’ una particolare forma di mal di testa preceduta da specifici sintomi neurologici come fenomeni visivi, disturbi sensitivi e del linguaggio, difficoltà motorie e momentanea perdita della visione. Il 42% dei nostri concittadini non ne hai mai sentito parlare. Il 22% ritiene, erroneamente, che sia un’emicrania tipica dell’adolescenza mentre per il 25% interessa sole le donne nei giorni del ciclo mestruale. Un italiano su tre è convinto che per prevenirla sia necessario non abitare in zone molto trafficate o inquinate. Si tratta di una patologia molto diffusa e che colpisce oltre 2.5 milioni di uomini e donne nel nostro Paese. Risulta poi in crescita e infatti negli ultimi mesi ben il 69% degli italiani dichiara di aver sofferto di forti mal di testa. Di questi il 53% sostiene che siano stati causati dal forte stress dovuto alla pandemia da Covid-19 e da problemi personali o di lavoro. I dati emergono da un sondaggio svolto su oltre 3.600 persone e sono illustrati oggi in una conferenza stampa on line. Nell’incontro virtuale viene presentato anche il nuovo portale http://www.emicraniaconaura.it realizzato grazie al contributo di Aesculapius Farmaceutici. “Vogliamo offrire la prima guida on line interamente dedicata ad una patologia di cui si parla ancora poco in Italia e sulla quale il livello di conoscenza è scarso – afferma il dott. Giorgio Dalla Volta, del Consiglio Direttivo Nazionale della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee (SISC), Responsabile Scientifico del portale e Direttore del Centro Cefalee dell’Istituto Clinico Città di Brescia (Gruppo San Donato) -. Sarà costantemente aggiornata con notizie e consigli e gli utenti potranno rivolgere direttamente agli esperti le loro domande su sintomi, diagnosi e rimedi. L’emicrania non può e non deve essere sottovalutata. Chi è colpito, in particolare da aura emicranica, deve rivolgersi sempre il prima possibile ad un neurologo o a un centro cefalee”. Sul portale ampio spazio è dedicato alle cure disponibili per pazienti e specialisti. “Oggi grazie alla ricerca medica siamo riusciti a mettere a punto un trattamento efficace in grado di contrastarla – aggiunge la dott.ssa Lidia Savi, già Direttrice del Centro Cefalee della AOU Città della Salute e della Scienza di Torino -. Si tratta di un particolare nutraceutico realizzato in Italia e che si chiama Aurastop. Diversi studi scientifici hanno dimostrato come sia in grado di offrire numerosi benefici sia se assunto in acuto al primo comparire dell’aura che come prevenzione cioè come terapia assunta tutti i giorni per tre o più mesi”.
In Italia il 12% della popolazione ha avuto almeno una volta nella vita un attacco di emicrania. Interessa soprattutto le donne, si manifesta principalmente tra i 25 e i 55 anni ma può colpire a qualsiasi età. Si calcola che il 5% degli adolescenti residenti nella Penisola soffre di emicrania con aura. “Non è un piccolo disturbo passeggero bensì una grave malattia spesso invalidante – prosegue la dott.ssa Savi -. Lo stress rimane la causa principale e infatti questi mesi, caratterizzati dalla pandemia e dal lockdown, sono stati particolarmente difficili per i nostri pazienti. E’ possibile contrastarla intervenendo anche su fattori modificabili come gli stili di vita. Solo il 53% degli italiani sa che il fumo di sigaretta ne favorisce l’insorgenza e quattro su dieci sono convinti che sia efficace limitare l’attività fisica. Al contrario lo sport, la cessazione del tabagismo e una dieta sana ed equilibrata possono combattere la malattia”. “Anche le alterazioni ritmo sonno-veglia o privazione del sonno influiscono sulla comparsa della patologia come giustamente sostiene l’oltre 40% degli intervistati – conclude il dott. Dalla Volta -. Possono influire inoltre la febbre, i lunghi viaggi soprattutto in aereo, influenza stagionale o altre patologie così come la familiarità. Rispetto alla popolazione generale i parenti di primo grado di pazienti emicranici hanno un rischio 1,4 volte più elevato di svilupparla. Sono quindi una categoria di persone da tenere sotto controllo e per le quali bisogna intervenire il prima possibile. I nutraceutici sono davvero un’arma in più in nostro possesso che di solito vengono ben accettati dai pazienti perché percepiti come cure più leggere e meno invasive rispetto a farmaci biologici, antiepilettici o antidepressivi”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Challenge Network riparte a luglio con la formazione in presenza

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Challenge Network riprende la sua attività a 360 gradi ed è felice di annunciare ufficialmente la ripresa della formazione in presenza già dal mese di luglio.Riprendono infatti con grande entusiasmo, ottimismo e fiducia tutte le attività non solo virtualmente, ma anche in presenza iniziando così a costruire ed agire per superare la crisi globale che ci ha coinvolti in questo periodo difficile.In questi mesi abbiamo scoperto di avere grandi doti di flessibilità, spirito di adattamento, resilienza e creatività che ci ha permesso di costruire un’offerta innovativa e pertinente in grado di adattarsi alle nuove esigenze aziendali e allo stesso tempo di sfruttare le nuove modalità per raggiungere un pubblico ancora più vasto.Challenge Network nei mesi appena trascorsi ha ottenuto grandi risultati grazie alla capacità di plasmare la sua offerta in base alle diverse necessità: con più di 200 grandi aziende che hanno aderito alla nostre proposte e 12 percorsi formativi mirati ad accrescere capacità e skills, Challenge Network ha saputo fornire una proposta formativa tailor made progettata e impostata sulla specifiche realtà e sugli obiettivi delle aziende che fosse in grado di adattarsi alle esigenze del tempo e con una pluralità di training tools che li ha resi ognuno un percorso unico e innovativo.Non dimenticandoci degli sforzi fatti ed imparando dall’esperienza acquisita, la ripresa delle normali attività ci pone di fronte ad una sfida altrettanto impegnativa che ci cala in un contesto fortemente mutato. Attraverso il nostro know-how consolidato sapremo essere ancora di più il punto di riferimento per le aziende e per tutti coloro che hanno la possibilità di investire sulle proprie competenze.Già nel mese di luglio saranno infatti disponibili tanti progetti con erogazione confermata in presenza per supportare ancora più da vicino tutte le realtà aziendali che hanno finalità di crescita, fornendo servizi innovativi e utilizzando le metodologie più efficaci.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumori: Un nuovo modello di cura

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

A quasi cinque mesi dall’inizio della pandemia, il sistema sanitario è chiamato a fornire risposte ai pazienti oncologici, visto che l’emergenza sanitaria ha costretto a rinviare screening, visite di controllo e interventi chirurgici non urgenti. Nel nostro Paese, circa 3 milioni e 400mila cittadini vivono dopo la diagnosi di tumore. La necessità di fornire continuità di cura alle migliaia di pazienti oncologici si unisce all’opportunità di operare una vera riforma della presa in carico diffusa sul territorio. In che modo è possibile riorganizzare l’assistenza oncologica per continuare a garantire a questi cittadini le cure migliori, anche durante un’eventuale seconda ondata del Covid-19 in autunno e al termine della pandemia? Che ruolo deve avere la medicina del territorio e come va rivisto il rapporto con l’ospedale?
Per rispondere a queste domande, All.Can organizza un webinar aperto alla stampa mercoledì 22 luglio, dalle 11 alle 13 Al webinar interverranno, tra gli altri, Emilia Grazia De Biasi (Portavoce All.Can Italia), Mattia Altini (Direttore Sanitario IRCCS Irst Meldola), Domenico Crisarà (Vice Segretario Nazionale FIMMG – Federazione Italiana Medici di Medicina Generale), Barbara Mangiacavalli (Presidente FNOPI – Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche), Tiziana Frittelli (Presidente Federsanità ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani) e Gianni Amunni (Direttore ISPRO Toscana). Parteciperanno anche le Associazioni e i membri di All.Can Italia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Infermieri di famiglia: Che ruolo dovranno svolgere?

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

«L’Infermiere di Famiglia è legge. “Noi del Nursing Up, tuttavia, siamo preoccupati che questa novità possa essere interpretata in senso riduttivo e non è solo quello di tutelare la categoria e far valere i nostri diritti.” Il sindacato nella persona del suo Presidente Nazionale De Palma, dichiara: “Ci sentiamo in dovere, come sindacato, io per primo come Presidente Nazionale, senza prosopopea e con grande umiltà, di mettere al corrente i cittadini sul rischio concreto che stiamo correndo, cioè di perdere una delle occasioni più importanti per uscire dalla mediocrità organizzativa. Continuo a leggere, da più parti, solo ed esclusivamente di passaggi relativi all’infermiere di famiglia legati all’assistenza domiciliare. Non va bene, non è possibile persistere in questa carente informazione. Perchè se si vuole davvero inserire, nei nostri territori regionali, una figura calibrata sul modello anglosassone, che rappresenta uno dei sistemi più funzionali, non possiamo permetterci questo errore gravissimo”. Per il sindacato l’operatività dell’infermiere di famiglia deve prevedere, oltre all’assistenza domiciliare, alla diretta responsabilità e gestione delle attività di assistenza infermieristica di famiglia e delle connesse funzioni, dando opportune indicazioni per la revisione dell’organizzazione del lavoro, e per la creazione di modelli di assistenza infermieristica di famiglia personalizzata. L’infermiere di famiglia ha le carte in regola per operare in un proprio studio ambulatoriale integrato nel complesso sistema delle cure primarie. Nel suo ambulatorio, un servizio che possiamo anche immaginare organizzativamente simile al modello del medico di famiglia, gestito in coordinamento con ASL e Regioni offrirà a tutti i componenti della famiglia, beninteso anche a chi non è costretto a letto o comunque al proprio domicilio, ogni tipologia di prestazione che la legge attribuisce alla responsabilità della professione infermieristica.
In concorso con il medico che esprime una diagnosi, individua la cura, l’infermiere ha il compito di seguire la profilassi della malattia, di prendersi cura della persona, di garantirgli l’alveo delle prestazioni che la legge gli attribuisce la responsabilità di svolgere. Si occupa, solo per esempio, di somministrazione di terapie iniettive, medicazioni, trattamenti post operatori in coordinamento con le strutture ospedaliere e con il medico di famiglia, di garantire assistenza infermieristica globale, quindi con un approccio di tipo olistico al servizio della persona e dell’intera collettività.
L’infermiere di famiglia, operando dal proprio studio/ ambulatorio o a casa nelle famiglie, potrà consentire alle persone che necessitano di prestazioni infermieristiche erogabili in regime non ospedaliero, di evitare di affollare gli ospedali, riducendo finalmente le liste di attesa, i ricoveri inutili e permettendo lo snellimento delle attività dei pronto soccorsi o dei reparti.
In buona sostanza non si tratta solo di piani di assistenza preventiva, curativa e di salvaguardia della salute rientranti nei suoi ambiti di competenza professionale, ma anche educazione alla salute al servizio del cittadino. Mai come in questo momento, con una pandemia appena lasciata alle spalle, con il rischio concreto di una sua riesplosione, gli infermieri di famiglia devono e possono lavorare, di concerto con le ASL, con i medici di base ma anche con centri specializzati nelle attività di formazione ed informazione in ambito sanitario, ad esempio in campagne di sensibilizzazione e conoscenza per la cura e la prevenzione delle maggiori patologie infettive. Potremo vederli impegnati in workshop, meeting destinati alle famiglie, in giornate di educazione alla salute nelle scuole. Immaginiamo i vantaggi che avremmo avuto con infermieri di famiglia in tutta Italia già pronti ad agire prima del Covid-19. Il tutto, a nostro avviso, va verso una medicina del territorio da tempo disattesa e che l’infermiere come figura intermedia tra il medico e il paziente può fare la differenza.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Classe con 31 alunni, Tar Lazio la sdoppia perché per la metà gli studenti presentano disabilità o disturbi d’apprendimento

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

La sentenza n. 720 del 10 luglio 2020 ha accolto il ricorso dei genitori di una classe seconda composta da 31 alunni, al cui interno erano presenti 4 alunni portatori di handicap grave, 1 portatore di handicap non grave e ben 12 alunni con disturbi dell’apprendimento. I genitori avevano chiesto l’annullamento del provvedimento con cui era stata formata la classe, perché privo della necessaria motivazione di garanzia del diritto allo studio a tutti gli alunni, alla luce della peculiare situazione in cui versava la stessa classe, rivendicando quindi lo sdoppiamento con conseguente formazione di due classi, una da 15 e l’altra da 16 alunni. Una circostanza, tra l’altro, prevista dalla normativa vigente che in presenza di anche un solo alunno disabile grave prevede la formazione della classe con non più di 20 allievi.Marcello Pacifico (Anief): “Invitiamo il Governo nella prossima legge di bilancio, dopo le dovute deroghe al regolamento sul dimensionamento scolastico, a prevedere delle modifiche: per farlo, come indicato con successo da noi allo stesso premier Giuseppe Conte, sarà fondamentale utilizzare il 10% dei 172 miliardi in arrivo dal Recovery Fund. Propendiamo per questa decisione, la realizzazione di classi con numeri non troppo alti di studenti, anche in assenza di iscritti disabili. Ho chiesto al ministro di dare nei prossimi giorni chiare indicazioni agli uffici scolastici regionali su come derogare allo stesso decreto presidenziale n. 81 del 2009, specialmente quando abbiamo alunni iscritti con handicap certificato. Non va dimenticato che in presenza dello stato emergenziale, abbiamo segnalato che per una classe di 35 metri quadri si dovrebbe abbassare a un massimo di 15 iscritti di alunni, con classi ed edifici scolastici finalmente a misura d’uomo grazie all’utilizzo dei 15 mila plessi chiusi negli ultimi 12 anni”.Trova una risposta positiva dai giudici la richiesta dei genitori degli alunni della classe composta da 31 studenti, di cui la metà disabili o con disturbi di apprendimento, hanno quindi impugnato, al Tar Lazio, il provvedimento dell’Istituto avente ad oggetto la composizione dell’organico nella parte in cui risulta la formazione e la presenza di una sola classe seconda, composta da 31 alunni.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Marco Morelli nominato Executive Chairman di AXA Investment Managers

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Parigi. AXA annuncia che Marco Morelli, già Amministratore Delegato del Monte dei Paschi di Siena, è stato nominato Executive Chairman di AXA Investment Managers (AXA IM) e membro del Comitato di Gestione AXA. Riferirà a Thomas Buberl, Amministratore Delegato di AXA. Assumerà il suo incarico il 14 settembre e avrà sede a Parigi.
Dopo 30 anni di permanenza nel Gruppo, Gérald Harlin, Vice Amministratore Delegato di AXA e Executive Chairman di AXA IM, ha deciso di ritirarsi alla fine di settembre, rimanendo membro del Consiglio di Amministrazione di AXA IM. « Ringrazio calorosamente Gérald per il suo importante contributo al successo di AXA, dove ha svolto un ruolo decisivo nel rendere il Gruppo leader mondiale nel settore assicurativo. Vorrei anche ringraziarlo per aver accettato l’anno scorso di rinviare il suo pensionamento per assumere la guida della nostra entità di gestione patrimoniale AXA IM, alla quale lui e i suoi team hanno dato nuovo slancio, creando una nuova organizzazione più adatta al suo sviluppo futuro. A titolo personale, vorrei ribadire che è stato un grande privilegio lavorare con lui. So che tutti i dipendenti AXA si uniscono a me nell’augurargli tutto il meglio », ha commentato Thomas Buberl. AXA IM, Società controllata al 100% da AXA, è un investitore globale e multi-asset con un approccio attivo e a lungo termine per fornire ai propri clienti le soluzioni di cui hanno bisogno per garantire il futuro dei loro investimenti, con un impatto positivo sulla società. Con circa 804 miliardi di euro di asset in gestione a fine marzo 2020, una raccolta netta di +13 miliardi di euro e un fatturato di 1,2 miliardi di euro nel 2019, AXA IM impiega oltre 2.350 persone in tutto il mondo in 30 uffici in 21 paesi.
Gérald Harlin è laureato alla ESSEC. Dal 1979 al 1990 ha ricoperto diverse posizioni finanziarie all’interno del Gruppo Total. È entrato in AXA nel 1990 come tesoriere del Gruppo. Nel 1991 diventa Direttore Finanziario del Gruppo e ricopre questa carica fino al 1994.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo. Tav e le bufale che circolano ancora

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Era il 1857 quando il parlamento subalpino, per volontà di Cavour, approvò la legge che autorizzava il traforo del Frejus che collegava l’Italia alla Francia.Nel 1871 si inaugurava il tunnel, un anno dopo la presa di Porta Pia a Roma e la caduta dello Stato Pontificio.Anche allora si sosteneva che ci sarebbero state gravi conseguenze ambientali. Stesse argomentazioni odierne contro il Tav, il treno Torino-Lione. Ma vediamo i fatti:
Il 92% delle merci che circola tra Italia e Francia, viaggia su gomma, solo l’8% su ferro.Una sproporzione enorme che impatta sull’ambiente con le emissioni di Tir, auto e congestione del traffico.Il perché dello scarso utilizzo odierno del trasporto su ferro è nelle caratteristiche del tracciato ferroviario e della galleria del vecchio Frejus, vale a dire:
1) i raggi di curvatura che diminuiscono la velocità;
2) l’eccessiva pendenza, che rende necessario l’uso di due o tre motrici;
3) il limitato numero di vagoni merci;
4) le caratteristiche dei nuovi container che rendono poco conveniente il trasporto su ferro.
Il progetto TAV prevede:
a) treni merci lunghi oltre 750 metri, con una capacità di trasporto di 2.000 tonnellate;
b) l’abbattimento della pendenza dal 30 per mille a 12 per mille;
c) l’utilizzo di una sola motrice;
d) il riallineamento delle curve.
Ricordiamo, per inciso, che l’area interessata, la Val di Susa, è attraversata, per 70 km, dalla autostrada A32 che arriva al traforo autostradale del Frejus, il quale è stato raddoppiato senza che, a nostra memoria, ci siano state le proteste che abbiamo visto per il TAV. Insomma, ambientalismo a senso unico.C’è poi la diceria della Corte dei conti europea che avrebbe bocciato il Tav.E’ una bufala.La Corte dei conti europea ha affermato che gli extra costi, per la realizzazione del Tav, sono dovuti ai ritardi dei governi ed è noto che i ritardi hanno un costo.E’ un monito per coloro, Di Maio in testa, che si sono gingillati sull’analisi costi-benefici del Tav, peraltro sette favorevoli e uno contrario, cui abbiamo assistito per opera dell’allora ministro cinque stellato Toninelli, per il quale per un altro tunnel, quello del Brennero, era operativo e automobilistico quando, invece, doveva essere completato ed è ferroviario.Le bufale sono come le ciliegie: una tira l’altra. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

COVID-19: conclusa la fase di discovery per il progetto MabCo19 di Toscana Life Sciences

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Il MAD (Monoclonal Antibody Discovery) LAB di Fondazione Toscana Life Sciences annuncia di aver terminato la fase di discovery di anticorpi monoclonali umani in risposta all’infezione da SARS-CoV-2, per l’impiego a scopo profilattico/terapeutico e come esca molecolare per la ricerca di antigeni per lo sviluppo di vaccini. Sono 3 gli anticorpi selezionati a partire da più di 4000 candidati ottenuti dal sangue di pazienti convalescenti o guariti da COVID-19, ricevuto grazie alla collaborazione con INMI Spallanzani e, successivamente, con la Azienda Ospedaliero-Universitaria Senese e che, dopo essere stati oggetto di domanda di brevetto, potranno essere prodotti per i test clinici.La sequenza di DNA dei tre anticorpi monoclonali umani è stata inviata a un partner svizzero per lo sviluppo delle linee cellulari e, successivamente, avverrà la produzione in cGMP (current Good Manufacturing Practice) e l’infialamento grazie all’accordo sottoscritto con il Gruppo Menarini per l’utilizzo del loro impianto industriale Biotech di Pomezia. L’obiettivo è di poter avviare entro la fine del 2020 i test clinici sull’uomo.Il MAD Lab di Fondazione Toscana Life Sciences, coordinato dal Dr. Rino Rappuoli, lavora secondo l’approccio sperimentale della Reverse Vaccinology 2.0[1]. Il progetto MabCo19, avviato a fine marzo 2020 grazie a un finanziamento parziale con risorse derivanti dalla Regione Toscana nell’ambito del Centro Regionale di Medicina di Precisione (C.Re.Me.P.), ha recentemente ricevuto anche un rilevante finanziamento dall’EU Malaria Fund assegnato ad AchilleS Vaccines, grazie anche al contributo della Fondazione MPS.I prodototti mono clonali umani sono prodotti sicuri, già ampiamente impiegati in terapia tumorale e approvati da tutte le agenzie regolatorie. Recentemente sono stati usati anche per malattie infettive e nel caso dell’infezione da Ebola hanno rappresentato la prima e unica soluzione per terapia e prevenzione. Inoltre, gli anticorpi monoclonali hanno tempi di sviluppo più rapidi rispetto ai vaccini o ad altri farmaci antivirali e si ritiene, inoltre, che tali tempi si riducano ulteriormente trattandosi di virus, entità biologica molto piccola e meno complessa rispetto ai batteri. L’approccio sperimentale seguito dal gruppo di ricerca consiste nel reclutare pazienti convalescenti o guariti da infezioni batteriche o virali e nel prelevarne il sangue che è utilizzato per isolare le cellule B, produttrici di anticorpi monoclonali. Questi ultimi vengono clonati ed espressi in opportuni sistemi cellulari per essere poi testati in saggi in vitro contro le specie batteriche o virali sopra citate. I saggi includono la valutazione del legame dell’anticorpo al batterio o al virus bersaglio e la misura della attività neutralizzante dell’anticorpo contro i medesimi batteri o virus. Gli anticorpi monoclonali isolati mediante questo processo sono poi sottoposti ad ottimizzazione molecolare in modo da aumentarne l’affinità e/o la stabilità. Inoltre, gli anticorpi monoclonali umani possono essere utilizzati come strumento per l’identificazione di nuovi antigeni per velocizzare lo sviluppo di vaccini contro un determinato patogeno (nel caso specifico SARS-CoV-2).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »