Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Archive for 16 luglio 2020

Greenpeace: Difendiamo il mare

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

Parte oggi da Porto Santo Stefano (Grosseto) la spedizione di Greenpeace in barca a vela “Difendiamo il Mare” e vengono diffusi i risultati della ricerca condotta insieme all’Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR-IAS) di Genova e all’Università Politecnica delle Marche durante il tour “MAY DAY SOS Plastica” della primavera 2019.Nelle acque marine superficiali del Mar Tirreno centrale si riscontra una diffusa presenza di microplastiche, con concentrazioni elevate sia in aree fortemente impattate, come la foce del Tevere e il porto di Olbia, che in zone lontane da fonti inquinanti come l’isola di Capraia. I risultati mostrano che nel tratto di mare investigato, come già evidenziato in varie zone del Mediterraneo (un bacino semi-chiuso con un limitato riciclo d’acqua che ne consente l’accumulo) la presenza di microplastiche è ubiquitaria e non risparmia aree potenzialmente poco impattate come Capraia, in cui è stata registrata la concentrazione più alta, oltre 300 mila particelle per chilometro quadrato. Questo dato è coerente con quanto evidenziato da altre ricerche scientifiche condotte nell’area dove, a causa di una circolazione anticiclonica nota come “Capraia Gyre”, può crearsi una zona di accumulo transitoria di microplastiche.Valori di concentrazione elevati sono stati registrati anche nel porto di Olbia e alla foce del Tevere, con oltre 250 mila particelle per chilometro quadrato, confermando come sia le aree portuali con limitata circolazione che le foci dei fiumi costituiscano zone con elevati livelli di contaminazione da microplastiche.
Campionamenti effettuati a Ventotene e alla foce del Sarno a diverse profondità e con strumentazioni differenti mostrano variazioni fino a due ordini di grandezza del contenuto di microplastiche, con concentrazioni molto più elevate a 5 metri di profondità rispetto alla superficie. La tipologia più frequente di microplastiche riscontrata è rappresentata da frammenti, tra 1 e 3 millimetri e inferiori al millimetro, costituiti soprattutto dai polimeri in polietilene e polipropilene, ovvero le tipologie di plastica più usate.Indagini approfondite verranno eseguite durante la spedizione “Difendiamo il mare” di Greenpeace, partita oggi dall’Argentario e che toccherà varie aree del Mar Tirreno centro settentrionale per le prossime settimane, con la partecipazione ancora una volta di ricercatori del CNR-IAS di Genova e dell’Università Politecnica delle Marche.A livello europeo, l’Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche (ECHA) sta lavorando a una proposta per vietare l’utilizzo di microplastiche aggiunte intenzionalmente in numerosi prodotti di uso comune tra cui cosmetici, detergenti, vernici e fertilizzanti.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tempesta su Palermo: pensiero di un socio WWF per la Santuzza in dialetto

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

Pensiero alla Santuzza, Patrona di Palermo. Cara Santuzza Rusulia,
avi ru anni ca ni manni l’acqua pisula pisula pà to festa.
L’annu passatu nà nuttata, stannu nà iurnata
Tu, ca si na vera ambientalista, ogni cosa a fai pi la natura
Tinnisti ri lu voscu di la Quisquina assicutata r’un malacarni
Attraverso voschi e ciumani, vadduna e mpirimenti
Arrivasti a lu Piddirinu dunni arristasti fino a la to morti
Ora ca tu ri dda’ ncapu viri comu è riddutta la to Sicilia e la to Palermu
T’abbruciaru puru la to’ sacra muntagna sti devoti…
Manni signali ca nuddu ascucia
Setti anni fa a notti ru 14 a Munneddu facisti ammarari na tartaruca
ca ci misi l’ova nnà sabbia
Stanotti ri 14 a Arcamu lu facisti fari arreri…
E avi ru anni ca ni’ ecchi l’acqua rincapu senza funnu…
E oggi, pi stu Fistinu rumila e binti, la to muntagna la facisti ammucciari ru malutempu
Ma nuatri ambientalisti u sapemu chi vo riri
Ti priamu Santuzza pi grapiri i cirivedda a tutti i nostri cittarini
Ca la Natura è a cosa chiù bedda c’avemu,
li voschi, li ciuma, lu mari e li vadduna, l’aceddi, li serpi e li vurpuna
e semu tutti nnà stu paraddisu ca n’ama spartiri ca si chiama Terra…
Rusalia grazi pì l’acqua ca nni manni pi la to festa…
Mannala sempi chiù forti ti raccumannu,
accussì forsi li to stimati devoti u capiscinu u picchì si siddiata…
Speramu ca unnè troppu tardu però
E semu ancora ntempu pi sarvari stu paraddisu…
Rusalia pinsaci Tu
ca la Natura la canusci megghiu ri tutti nuatri misi nsemmula
15/07/2020 Giorgio De Simone, consigliere WWF Sicilia Nord Occidentale Ambientalista e devoto di Santa Rosalia https://www.facebook.com/desimone.giorgio/posts/2753087371681124

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A proposito di emigranti: La nota estiva dell’anno

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

By Riccardo Alfonso. Fausto Carratù mi ha offerto l’occasione con un suo scritto di riflettere intorno ad alcuni argomenti che mi hanno particolarmente colpito.“Sulla crisi dell’Occidente – egli scrive – molti ci inviano e chiedono commenti sulle più macroscopiche questioni del nostro tempo, immigrazioni, terrorismo, referendum, Europa… Si tratta di fenomeni complessi e di non immediata decifrabilità”. Restando, nello specifico, ai problemi migratori posso dire che sono secoli che Africa e Asia soffrono fame, dittature, violenze e persecuzioni. Come mai solo in questi ultimi anni si è innescata una ondata interminabile di fughe dalle loro terre e immigrazione in Europa? Ragioni “locali” sono innegabilmente presenti, eppure non possiamo sottrarci al sospetto che ci sia qualche disegno ulteriore. Qualcuno teme una invasione mascherata. Si tratta di tesi da tenere certo presente, ma ardua da provare. Più realistica pare la tesi della organizzazione di una vera e propria industria della migrazione. Troppi interessi, evidenti, si sono accumulati attorno al fenomeno. Dai traghettatori che continuano comunque ad operare, nonostante perdite, sequestri ed arresti, agli albergatori che ne ricavano gli alberghi pieni, costieri e non, per l’intero arco dell’anno. Dalla criminalità che recluta con facilità nuovo personale, oppure, peggio, alimenta il mercato dei trapianti d’organo, alle imprese che dispongono di mano d’opera a prezzi stracciati. Infine, il capitolo delicatissimo delle onlus che pullulano attorno al fenomeno, non tutte in possesso delle caratteristiche di trasparenza e legalità.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

XXIV edizione Festival Ticino Musica

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

L’inaugurazione del Festival si terrà sabato 18 luglio alle ore 21.00 in Piazza Manzoni, nel centro storico di Lugano, ad opera del giovane e talentuoso Trio Bellevue, composto da tre musicisti luganesi classe 2000: la violinista Veronika Miecznikowski, il violoncellista Sandro Meszaros e il pianista Andrea Jermini, concertisti che nonostante la giovane età hanno già ottenuto importanti riconoscimenti. Organizzato in collaborazione con il LongLake Festival, questo appuntamento farà risuonare di melodie ed armonie classiche un luogo tradizionalmente dedicato a generi affini alla musica leggera.
Ticino Musica torna nella Svizzera italiana dal 18 al 31 luglio per una 24esima edizione che, pur avendo dovuto affrontare una riprogrammazione a causa dell’emergenza Covid19, offre un cartellone ricco e variegato, con eventi dal vivo ed online che spaziano dalla musica barocca alla musica contemporanea. Protagonisti, come da tradizione, sia grandi maestri che giovani promesse della musica classica internazionale. Proseguendo in linea cronologica lungo il calendario degli eventi, non può passare inosservato il primo dei concerti della serie “Grandi Maestri”: domenica 19 luglio il chitarrista Pablo Márquez – solista di richiamo internazionale e docente alla Musikhochschule di Basilea – si esibirà in recital nella Chiesa di San Carlo Borromeo in via Nassa (Lugano) con un programma da Bach al ‘900.
Martedì 21 luglio sarà invece un trio d’eccezione il protagonista del concerto serale proposto da Ticino Musica presso il Boschetto del Parco Ciani – luogo “en plein air”, ma caratterizzato dal raccoglimento e da quel senso di intimità che ben si addicono alla musica da camera: Marco Rizzi (violino), Corinne Contardo (viola) e Giovanni Gnocchi (violoncello) interpreteranno il Divertimento per archi K 563 di W.A. Mozart, pietra miliare del repertorio per strumenti ad arco di tutti i tempi.
Per chi non potesse esserci, il programma verrà replicato dagli stessi interpreti il 22 luglio nella Corte del Municipio di Bellinzona ed il 23 luglio nella suggestiva cornice del Museo Vela di Ligornetto (Mendrisio).
Venerdì 24 luglio – nel Boschetto del Parco Ciani – a questo trio d’eccellenza si unirà il pianista Ulrich Koella per un concerto cameristico con musiche di Mozart e Brahms, di cui il Quartetto op. 25, con il celebre Rondò alla Zingarese nel finale, promette di entusiasmare il pubblico con i suoi popolareschi e vorticosi ritmi danzanti.
Domenica 26 luglio, nella Chiesa di San Carlo Borromeo, il trio Rizzi-Contardo-Gnocchi sarà nuovamente chiamato sul palcoscenico, ma questa volta in tandem con il chitarrista Pablo Márquez ed il fagottista, nonché direttore artistico di Ticino Musica, Gabor Meszaros, per un concerto dal programma che mescola timbri variegati e melodie accattivanti con brani di Rebay, Devienne e Paganini. In questa occasione i grandi maestri verranno affiancati da alcuni tra i migliori partecipanti alle masterclass dell’Academy.
In prima fila vi è sicuramente il Quartetto Eos, quartetto d’archi invitato a Ticino Musica come “Ensemble in residence”. Composto da Elia Chiesa e Giacomo del Papa al violino, Alessandro Acqui alla viola e Silvia Ancarani al violoncello – il Quartetto Eos sarà in scena in numerose occasioni all’interno del Festival: lunedì 20 luglio nella Corte del Municipio di Bellinzona, mercoledì 22 luglio presso la Cappella San Vigilio a Rovio, giovedì 23 luglio Al Chiosetto di Sorengo e venerdì 25 luglio nella Chiesa di Santa Maria del Castello a Mesocco (Grigioni).Al di là di questi eventi, i concerti dei “Giovani Maestri” si terranno in buona parte nella Chiesa Evangelica di Ascona e nel Boschetto del Parco Ciani a Lugano.
La Chiesa Evangelica di Ascona ospiterà una serie di appuntamenti (21, 23, 27, 29 luglio) dedicati alla musica da camera a cura del M° Ulrich Koella e dei partecipanti alla sua masterclass di “Piano Chamber Music”. Prolifico concertista e docente alla Musikhochschule di Zurigo, Ulrich Koella porta avanti da anni a Ticino Musica un progetto di approfondimento e diffusione della musica da camera con pianoforte, occasione, per i giovani musicisti, di scambi musicali, culturali ed umani che in molti casi perdurano nel tempo.
Il Boschetto del Parco Ciani ospiterà una peculiare serie di appuntamenti denominati “Pranzi in musica” (25, 27, 28, 29 e 30 luglio alle ore 12.15), concerti che si collocano ad un orario forse inusuale, ma congeniale per chi volesse concedersi una distensiva pausa musicale tra i turni di lavoro o per chi ad esempio non potesse aspettare fino a sera per godere della magia di un concerto.
Sabato 25 luglio alle ore 18.00 ad Ascona torna invece un appuntamento che gli affezionati di Ticino Musica ben conoscono: “Musik und Wort/Musica e parola”, evento che si fonda proprio sull’incontro tra queste due forme di espressione, con letture in tedesco a cura di Dorothea Wiehmann. I testi vengono accuratamente selezionati sulla base delle proposte musicali, che vedranno in questa edizione come esecutori ed interpreti i giovani chitarristi della classe di Pablo Márquez.
Gli stessi musicisti saranno protagonisti di un concerto interamente dedicato al loro strumento mercoledì 29 luglio nella splendida cornice della Chiesa di San Biagio a Ravecchia.
Oltre alla chitarra, anche un altro strumento si ritroverà sotto i riflettori, affinché il pubblico ne possa scoprire o approfondire i segreti e la magia: il violoncello. “Principe” tra gli strumenti ad arco, il violoncello sarà protagonista in formazione di ensemble di una mini-tournée di concerti: il 28 luglio nella Corte del Municipio di Bellinzona, il 29 luglio nella Piazza del Municipio di Paradiso e giovedì 30 luglio (concerto di chiusura del Festival) al Boschetto del Parco Ciani. L’ensemble di violoncelli è una formazione estremamente versatile ed affascinante, capace di interpretare con efficacia ed enorme forza di suggestione, oltre a brani originali, trascrizioni di brani classici e non di qualunque epoca storica. I giovani maestri dell’ensemble saranno “capitanati” da Giovanni Gnocchi, solista di fama mondiale e docente presso il Mozarteum di Salisburgo.
Una menzione a sé meritano gli eventi dedicati alle tastiere antiche: organo, clavicembalo e Hammerklavier che, con una formula itinerante, vanno a costituire una sorta di piccolo festival nel festival e fanno capo ad uno dei maggiori esperti in materia a livello internazionale: Stefano Molardi.
Sabato 25 luglio ci si trasferisce a Mendrisio, più precisamente nella Chiesa di San Sisinio, dove appassionati, studiosi e curiosi potranno assistere, dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00, ad una nuova openclass di organo, occasione non consueta per scoprire le caratteristiche tecniche e sonore del prezioso organo settecentesco di Antonio Reina, sul quale alle 20.30 Stefano Molardi interpreterà in concerto brani di Cavazzoni, Merulo, Frescobaldi, Storace, Platti e A. Scarlatti.
Domenica 26 luglio si rimane a San Sisinio, ma l’attenzione si sposta nella prima parte della giornata sul clavicembalo, con openclass e concerti (ore 11.00 e ore 17.00) che vedono alternarsi Stefano Molardi ai giovani maestri del suo corso nell’interpretazione di musiche di Bach, Couperin, Forqueray e Duphly. La sera ci si sposta a Giubiasco (Bellinzona), dove nella Chiesa di Santa Maria Assunta il M° Molardi si esibirà in un nuovo recital organistico con musiche di Bach, Couperin e De Grigny.
Il 27 luglio segna la giornata conclusiva di questa piccola ma densissima “rassegna”: la sede di openclass e concerti è la Chiesa di San Siro a Canobbio, a partire dalle ore 10.00 con la lezione aperta al pubblico, per concludersi la sera con un concerto in cui i giovani maestri sono chiamati ad interpretare musiche di Bach e Buxtehude.
Accanto al cartellone di eventi incentrati sulla musica classica, Ticino Musica è anche musica contemporanea, con l’International Young Composers Academy, che, coordinata dal compositore italo-svizzero Oscar Bianchi, ospita ogni anno grandi nomi del panorama internazionale della nuova musica, offrendo a giovani compositori selezionati la possibilità di lavorare le proprie composizioni con interpreti di spicco e di grande esperienza.
Come ogni anno cinque compositori svizzeri (o attivi in Svizzera) terranno ciascuno una conferenza inerente la propria estetica compositiva: sono invitati, per questa edizione, Asia Ahmetjanova, Junghae Lee, Adam Maor, Michael Wertmüller e Michèle Rusconi. I concerti, in diretta streaming da Parigi, sede del Quatuor Diotima, si terranno mercoledì 29 luglio alle 20.00 e giovedì 30 luglio alle 20.00.Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Eccellenze dell’Informazione Scientifica e la Centralità del Paziente”

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

Takeda torna sul podio de “Le Eccellenze dell’Informazione Scientifica e la Centralità del Paziente” con il progetto IBDpoint – Linkedin Showcase primo nella categoria “Informazione Scientifica Multicanale”. Giunto alla quarta edizione, quest’anno tutta virtuale, il riconoscimento ha l’obiettivo di valorizzare i progetti che hanno generato un reale beneficio per i cittadini e un decisivo progresso per l’affermazione della centralità del paziente. Premiati da un board di esponenti delle Istituzioni, Società Scientifiche e Associazioni Pazienti, i progetti finalisti sono stati selezionati tramite una survey spontanea ai medici, reali fruitori dei messaggi informativi.
Promosso dall’OCMS (Osservatorio Comunicazione Medico Scientifica), il premio vanta anche il Patrocinio di FNOMCeO (Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri), SIMG (Società Italiana di Medicina generale e delle cure primarie) e Cittadinanzattiva e il contributo non condizionato di Merqurio Editore e Medi-Pragma. Dedicato al mondo delle malattie infiammatorie croniche intestinali, IBDpoint – LinkedIn Showcase rappresenta il primo progetto del suo genere in Italia. Nato 3 anni fa grazie alla collaborazione sinergica tra la Business Unit GI, le Direzioni Medica, Comunicazione e Digital di Takeda Italia, IBD point è al servizio di medici e pazienti e ha lo scopo di fare informazione ma anche sensibilizzare l’opinione pubblica sulla Colite Ulcerosa e la Malattia di Crohn, malattie ancora poco note ma che colpiscono circa 200.000 persone in Italia. I post affrontano temi come la comunicazione tra medico e paziente, la vita lavorativa, familiare e sociale, gli stili di vita e i fattori che possono influenzare l’insorgenza ed il decorso della malattia. Ideata come fornitore di contenuti di rilievo, in breve IBDpoint ha creato una vera e propria community dove le persone possono informarsi ma anche condividere e commentare tutto ciò che viene postato, in uno scambio arricchente e continuo, testimoniato da numeri importanti: oltre 3mila follower, più di 11.600 interazioni e quasi 8,7 milioni di visualizzazioni.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Abu Dhabi vede promettenti segni di progresso nel turismo con la riduzione delle restrizioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

Abu Dhabi, EAU. Il Dipartimento della Cultura e del Turismo – Abu Dhabi (DCT Abu Dhabi) ha rivelato oggi segni di progresso nel settore turistico mentre l’emirato si prepara ad aprirsi gradualmente ai viaggi internazionali. I tassi di occupazione degli hotel ad Abu Dhabi sono aumentati del 3% su base annua dal 1° luglio e dovrebbero aumentare ulteriormente con il lancio di una serie di iniziative all’interno dell’emirato volte a rafforzare il settore.Il governo degli Emirati Arabi Uniti ha ricevuto elogi globali per la sua risposta nell’affrontare la pandemia, nonché per come ha gestito in modo proattivo il suo impatto sociale ed economico. A sua volta, il governo locale di Abu Dhabi ha aumentato incessantemente i test per il COVID-19 e ha implementato misure rigorose, che si sono riflesse nella diminuzione dei casi, scesi a meno dell’1% nella città di Abu Dhabi. DCT Abu Dhabi ha anche lavorato a stretto contatto nell’ultimo periodo con partner del settore e parti interessate per introdurre una serie di iniziative per aiutare gli hotel e le attrazioni culturali a riaprire.
Il programma di certificazione ‘Go Safe’ è tra le iniziative lanciate per aumentare contemporaneamente la fiducia dei consumatori e il settore turistico all’interno di Abu Dhabi. Il programma mira a regolare gli standard di igiene in tutti gli hotel di Abu Dhabi attraverso l’implementazione di una serie rigorosa di linee guida in tutte le destinazioni turistiche tra cui centri commerciali, ristoranti, musei, spiagge pubbliche, parchi a tema e altre attrazioni. Ad oggi, oltre l’80% degli hotel di Abu Dhabi ha avviato il processo per ottenere la certificazione ‘Go Safe’, con il W hotel e il Louvre Abu Dhabi tra i primi a ottenere la certificazione.UFC Fight Island, che si svolge sull’isola di Yas ad Abu Dhabi dall’11 al 25 luglio, è un altro importante passo verso il riavvio del turismo nella capitale degli Emirati Arabi Uniti. Abu Dhabi ospita oltre 1.632 membri dello staff locale, oltre a 609 delegati internazionali che raggiungono la capitale con 63 voli commerciali. Tutti i partecipanti alloggeranno in una zona sicura di 11 chilometri quadrati sull’isola di Yas, che comprende sette hotel e diverse strutture dedicate.
“Abu Dhabi è nota da tempo per la sua ospitalità senza pari e la vasta gamma di proposte. I progressi che abbiamo visto dall’inizio di questo mese sono stati raggiunti semplicemente sfruttando le offerte e gli elevati standard di ospitalità esistenti, per aiutarci ad accelerare i risultati nel nostro settore e crescere ulteriormente”, ha affermato SE Ali Hassan Al Shaiba, Direttore esecutivo del turismo e del marketing presso DCT Abu Dhabi. “Il supporto che abbiamo ricevuto dalle autorità governative è stato anche un fattore chiave nello sviluppo del settore turistico. La gestione della situazione attuale è andata oltre l’eccezionale, dandoci un senso di ottimismo per il futuro per la nostra destinazione e il nostro settore”.Il governo ha anche offerto la sua quota di sostegno all’industria del turismo attraverso una serie di programmi, tra cui sconti fino al 20% per l’affitto di ristoranti, strutture turistiche e di intrattenimento e una sospensione delle tasse turistiche e comunali per gli attori del settore per il 2020.Gli hotel di Abu Dhabi hanno iniziato ad aprirsi dopo aver aderito alle linee guida stabilite all’inizio di questo mese a seguito di un lungo periodo di sterilizzazione.Mentre Abu Dhabi si sposta cautamente verso l’apertura dei suoi confini, il turismo sta assistendo a forti collaborazioni in entrambi i settori pubblico e privato per prepararsi alla riapertura di attrazioni e musei importanti, come il Louvre Abu Dhabi, e piani per ospitare grandi eventi nel prossimo futuro.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Immobiliare.it lancia la nuova ricerca per tempo di tragitto

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

L’aspetto più importante per chi vuole comprare o affittare una casa è spesso il luogo in cui si trova l’immobile. Ogni utente però ha un modo diverso di cercare il proprio immobile, ad esempio alcune persone preferiscono digitare il nome della zona mentre altre preferiscono visualizzare i quartieri sulla mappa. Per questo motivo Immobiliare.it lancia oggi una serie di novità che si adattano alle diverse esigenze degli utenti.Tra queste, la nuova ricerca per tempo di tragitto che permette di cercare casa a 10, 20, 30 o 45 minuti in auto, in bici o a piedi da un punto selezionato, in genere l’area in cui si desidera abitare o il luogo di lavoro. Una volta scelto il mezzo di trasporto e il tempo di percorrenza, l’utente potrà vedere direttamente sulla mappa l’area che include tutti i punti raggiungibili in base ai parametri impostati. Non solo, gli utenti possono ora cercare immobili situati nei pressi di una o più fermate metro (quasi 300 nelle principali città d’Italia) oppure su tutte le fermate di una determinata linea metropolitana, la più comoda per i loro spostamenti. Le grandi città italiane sono state suddivise in più di 4.000 quartieri e zone per poter garantire agli utenti di trovare con precisione solo gli annunci nell’area di loro interesse.La nuova modalità di ricerca è stata sviluppata interamente dal team tecnologico di Immobiliare.it durante il lockdown, incluso l’algoritmo che definisce l’area coperta da una persona a piedi, in bici o in auto, tenendo in considerazione sia la presenza su base statistica di traffico sia i dislivelli presenti sul percorso.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo report “Disuguaglianze digitali”

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

L’emergenza coronavirus ha messo a nudo nuove esigenze per il paese, soprattutto per le famiglie con figli. In particolare, quelle legate alla digitalizzazione del paese. Si è misurata tutta la distanza tra chi aveva a disposizione gli strumenti per comunicare, lavorare, studiare, potendo reagire al momento di crisi, e chi no.È così diventato evidente che lo sviluppo dell’agenda digitale sarà sempre più legato al contrasto alla povertà educativa. Il divario digitale si va infatti a sommare ai fattori di disuguaglianza già esistenti. Attraverso i dati a livello locale, siamo andati a mappare la profondità di questi divari sui territori da diversi punti di vista: dalle disparità di accesso alla banda larga tra aree interne e città, alla presenza di dispositivi digitali nelle scuole.La sfida per una digitalizzazione inclusiva non riguarda non solo i divari tecnologici. Tocca disuguaglianze sociali profonde, per cui serve una strategia di lungo periodo, sinergica con quella per il contrasto della povertà
educativa.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mario Tassone: riannodare i fili spezzati delle idee di De Gasperi e Sturzo

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

La volontà di andare avanti nel progetto politico di ricostruzione di un’area di centro dove riferimenti culturali e valoriali del popolarismo Cristiano democratico ritrovino attualità dopo un lungo periodo di oblio, sono state in estrema sintesi le conclusioni dell’Assemblea della Federazione popolare dei democratici cristiani. Un compito storico per dare senso alla politica, agibilità alla democrazia e ai diritti. Oggi viviamo da troppo tempo l’inerzia della supponenza, del velleitarismo senza ragione e senza passione. Ricomporre i circuiti del liberalismo, della sinistra democratica, del popolarismo democratico cristiano significa schiudere orizzonti in cui una comunità ritrovi la propria identità. Ritrovarci dopo gli anni della diaspora ha il significato di riannodare i fili spezzati delle grandi idee sturziane e degasperiane. L’Assemblea ha deciso di fare liste della Federazione nelle regioni che andranno al voto il 20-21 settembre con il simbolo dello scudo crociato con il richiamo al popolarismo e all’Unione dei democratici cristiani che era il nome con cui nasceva l’Udc nel dicembre del 2002 nel congresso di fondazione di cui fui presidente. Tale nome fu sostituito forzosamente. Oggi ritorna per ridare slancio a una intuizione progettuale inspiegabilmente abbandonata. Per fare il centro c’è bisogno di ampie convergenze. Forza Italia deve scegliere tra essere il partito liberal-democratico così come dichiara di essere sin dalla nascita oppure perdere la propria originarietà e diluirsi in movimenti di destra. Si sta cercando di costruire una storia dove gli ideali di dignità umana e di libertà siano riferimenti di un Paese che si sottrae da populismi ed estremismi. Restituire equilibrio e saggezza significa ritrovare il giusto percorso per andare avanti. I cristiani democratici dovranno esserci per fare giustizia di tante amnesie della storia.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Un caso di mieloradicolopatia infettiva a Niguarda

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

Il Covid 19 non provoca solo la polmonite. Il coronavirus può colpire tanti organi, fra cui il sistema nervoso centrale. In taluni casi, anche i malati dell’ospedale Niguarda hanno presentato sintomatologie eccezionali, oggi al centro di ricerche scientifiche. A suscitare l’interesse del Cardiocenter, che è sostenuto dalla fondazione De Gasperis, è stato ad esempio il caso di un uomo di 59 anni senza precedenti anamnestici di rilievo che a Marzo 2020 si è presentato presso il pronto soccorso lamentando debolezza agli arti inferiori e dolore lombare. «Il paziente era stato dimesso qualche settimana prima da un altro pronto soccorso della regione con diagnosi di infezione delle vie urinarie; la TC eseguita in quell’occasione documentava la presenza di lesioni ground glass compatibili con SARS-CoV-2, ma un primo tampone nasofaringeo era risultato negativo – racconta il cardiologo Enzo Grasso -. A Niguarda il paziente è stato sottoposto a un nuovo tampone, risultato positivo, e a una seconda TC del torace che documentava un quadro di polmonite interstiziale bilaterale a evoluzione consolidativa. L’esame neurologico ha evidenziato però anche la presenza di debolezza degli arti inferiori (con maggiore compromissione dei muscoli prossimali rispetto ai muscoli distali), iporeflessia diffusa, segno di Babinski bilaterale e parestesie degli arti inferiori». E’ emerso così il sospetto di essere di fronte a una Sindrome di Guillain-Barré, che viene segnalata in numerosi studi sull’argomento. Il paziente è stato quindi sottoposto a risonanza magnetica spinale, che ha mostrato contrast enhancement del cono midollare posteriore e di alcune radici della cauda equina, nonché a elettromiografia, che ha documentato delle alterazioni compatibili con una radicolopatia demielinizzante acuta. «È stata fatta pertanto una diagnosi di mieloradicolopatia parainfettiva associata a SARS-CoV-2 – precisa Grasso – e il trattamento proposto dai nostri neurologi ha compreso la somministrazione di immunoglobuline in combinazione alla terapia antivirale/immunomodulante specifica per l’infezione da nuovo coronavirus». La complessità del caso, uno dei primi report di mieloradicolopatia parainfettiva associata a COVID-19, è oggetto di uno studio di prossima pubblicazione.https://www.degasperis.it

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Osservatorio CRIF-Mister Credit sulle frodi creditizie tramite furti d’identità

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

Lo studio evidenzia che nel 2019 in Italia i casi rilevati siano stati oltre 32.300 per un danno stimato che supera i 150 milioni di Euro. Rispetto all’anno precedente il numero di frodi risulta in ulteriore crescita del +19,7% ma al contempo è diminuito l’importo medio (-5,9%), attestatosi a circa 4.650 Euro, a dimostrazione che le organizzazioni criminali ormai non disdegnano nemmeno le operazioni fraudolente su beni di importo più contenuto. Ma la costante crescita di questo fenomeno criminale non sembra arrestarsi tanto che le elaborazioni relative ai primi 4 mesi del 2020 mostrano un ulteriore incremento nei primi 2 mesi dell’anno (+5%) prima che il lockdown disposto dal Governo attenuasse la dinamica nel successivo bimestre (-12,8%), in virtù della drastica riduzione degli spostamenti delle persone e la temporanea chiusura della quasi totalità degli esercizi commerciali.Tra le forme tecniche di credito in cui si registra il maggior numero di eventi fraudolenti spiccano i prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi (quali auto, moto, articoli di arredamento, elettronica ed elettrodomestici, energie rinnovabili, ecc), che rappresentano la metà del totale e presentano un importo del ticket medio pari a 5.500 Euro.Infine l’ultimo aggiornamento dell’Osservatorio CRIF – Mister Credit mostra che, ancora una volta, la maggioranza delle vittime sono uomini (61,2% dei casi). Relativamente alla distribuzione per fascia di età, quella in cui si si rileva il maggior numero di casi è quella degli under 30 anni, con il 23,8% del totale. Seguono la classe compresa tra i 41 e 50 anni, con il 23%, e quella tra 31 e 40 anni, con il 21,2%.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Rotazione di stili d’investimento “growth” vs. “value”

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

A cura di William Davies, CIO, EMEA e Responsabile azionario globale di Columbia Threadneedle Investments. Le rotazioni di stile, con cui gli investitori passano da uno stile d’investimento all’altro, non sono nulla di nuovo. Accade in quasi tutti i cicli d’investimento che stili diversi – ad esempio growth, qualità e value – sovraperformino in momenti diversi perché gli investitori si spostano dall’uno all’altro in base alle loro aspettative.Visto il grado di volatilità dei mercati, nonché la natura estrema della sovraperformance dei titoli di qualità/growth, durante una ripresa è lecito attendersi periodi di sovraperformance dei titoli value (in genere le società che potrebbero cessare l’attività in ragione dell’ampiezza della contrazione economica). Periodi simili si sono verificati temporaneamente nel secondo trimestre del 2003 e nel secondo trimestre del 2009 a fronte del recupero dei mercati.Tuttavia, riteniamo che, dati gli elevati livelli di indebitamento, gli anni ’20 di questo secolo potrebbero essere simili al decennio precedente, caratterizzato da bassa crescita, bassa inflazione e bassi tassi di interesse, per lo meno dopo l’euforia dell’immediata ripresa dai ridotti livelli di attività economica. In questo contesto di bassa crescita, sono convinto che sia assolutamente realistico ipotizzare che i titoli di qualità sovraperformeranno quelli value fintanto che le società di qualità continueranno a generare rendimenti elevati, ed è proprio su questo aspetto che dobbiamo concentrarci.
La nostra previsione centrale è che l’attività economica tornerà ai livelli di fine 2019 entro la fine del 2022. Sebbene i progressi osservati in Asia e nella maggior parte dell’Europa continentale in termini di ridotti livelli di nuovi contagi siano incoraggianti, è improbabile che da adesso in poi il percorso sarà privo di ostacoli. Siamo consapevoli della possibilità di una seconda ondata di casi di Covid prima che venga trovato l’agognato vaccino su vasta scala e sappiamo che tale eventualità potrebbe sconvolgere le economie e i mercati. Stiamo già assistendo a battute d’arresto sui mercati e a una crescente volatilità con la fine delle misure di confinamento in varie parti del mondo. La ripresa non sarà chiaramente lineare da qui al 2022.In questo scenario, è improbabile che lo stile value sovraperformi. Alla fine della crisi finanziaria globale del 2009, i mercati hanno attraversato un momento d’oro, in particolare per un paio di trimestri a partire dal mese di marzo di quell’anno, quando i titoli value hanno messo a segno un’ottima performance. Attualmente alcuni mercati stanno chiaramente imitando quell’andamento, ma, a causa dell’entità senza precedenti degli stimoli e degli interventi dei governi, il livello di indebitamento sarà persino superiore a quello registrato dopo il 2009, pertanto è improbabile che lo slancio della ripresa perduri. Di conseguenza, emergerà un mondo caratterizzato da bassa inflazione, bassa crescita e bassi tassi d’interesse, come mostrato nella Figura 1, con le società a più rapida crescita che si distinguono nel contesto di minor crescita successivo alla crisi finanziaria globale, denominato ”
Siamo tuttora convinti che le società che traggono vantaggio dalle proprie posizioni dominanti di mercato, come quelle nei settori delle tecnologie e delle comunicazioni, nonché le grandi aziende attive nei semiconduttori, siano ben posizionate e continueranno a risultare vincenti in futuro. Le aziende caratterizzate da leva operativa ma con bilanci solidi possono essere piuttosto allettanti. Tuttavia, si tratta spesso di società di qualità, sensibili alla congiuntura o al ciclo economico, dove già deteniamo delle posizioni.Nel segmento del reddito fisso, privilegiamo il credito investment grade rispetto all’high yield dal momento che puntiamo ad esposizioni a società con maggiori possibilità di affrontare con successo l’attuale contesto. Preferiamo le obbligazioni societarie rispetto ai titoli di Stato alla luce dell’elevato numero di titoli che attualmente offrono rendimenti negativi. Di conseguenza, sebbene il debito dei mercati emergenti e l’high yield in generale abbiano registrato una discreta ripresa nelle ultime settimane, prediligiamo le società investment grade che offrono un rapporto di rischio/rendimento migliore vista l’incertezza sulla traiettoria della ripresa e le prospettive dei prossimi due anni.
Sul fronte azionario, continuiamo a ritenere che le prospettive per le società globali più piccole restino eccellenti e manteniamo la fiducia nella nostra capacità di individuare opportunità in aziende di qualità che dispongono del potenziale di crescere diventando colossi nei rispettivi settori nel corso del tempo. Inoltre, nella nostra proposta di valore, prestiamo attenzione a selezionare i titoli di qualità migliore caratterizzati da bassi livelli di indebitamento.
Intendiamo investire in società con un solido posizionamento di mercato e validi modelli di business, che tendono a essere leader nei rispettivi settori e possiedono una sorta di vantaggio economico che li distingue dalla concorrenza in un settore in crescita, consentendo loro di generare rendimenti elevati o sostenibilmente in rialzo. Tali società di qualità presentano un gruppo dirigenziale consolidato con una struttura di governance trasparente. Ricerchiamo la solidità finanziaria sotto forma di bilanci robusti, utili di alta qualità e capacità di generare ampi flussi di cassa. Tutti questi fattori sono altresì accompagnati da una valutazione interessante, che rappresenta anch’essa un importante fattore nel nostro processo di investimento nella qualità. Queste sono le società che a nostro giudizio sovraperformeranno nel decennio attuale traendo vantaggio dal contesto di bassa inflazione, bassa crescita e bassi tassi di interesse.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mercati obbligazionari: dove troviamo valore in questa fase?

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

A cura di Vittorio Fontanesi, Portfolio Manager mercati obbligazionari AcomeA SGR. Sostenuti dall’intervento delle banche centrali senza precedenti, i mercati obbligazionari registrato una robusta performance dopo la crisi di marzo, eccetto per alcune storie idiosincratiche.In Europa, l’annuncio del programma PEPP da 750 miliardi di euro, avvenuto il 18 marzo, poi ampliato di altri 600 miliardi, ha contribuito a ridurre l’ampliamento degli spread periferici. Ha inoltre influito positivamente la maggior flessibilità della BCE, in termini di deviazione rispetto alla capital key, per quanto riguarda gli acquisti di obbligazioni sovrane attraverso il PEPP. Fino ad ora, i nostri BTp sono stati il mercato che ha maggiormente beneficiato della deviazione rispetto alla capital key. Infine, è stata sicuramente la proposta franco-tedesca di un Recovery Fund da 750 miliardi ad aver giocato un ruolo decisivo nella compressione degli spread in Europa.Dopo l’importante rally degli ultimi tre mesi, gli attuali livelli di rendimento sul mercato sovrano europeo non ci sembrano particolarmente attraenti.Rimanendo geograficamente vicini, ma cambiando categoria, è nelle obbligazioni bancarie che continuiamo ad intravedere ancora valore. Nei mesi scorsi, sui nostri fondi obbligazionari abbiamo acquistato obbligazioni senior preferred di banche medio-piccole ed emissioni subordinate di realtà bancarie più grandi, che offrono maggiori solidità patrimoniali.Il comparto del debito bancario ha sicuramente performato molto bene, grazie ai supporti positivi provenienti dagli annunci monetari e fiscali. Chiaramente, il contesto macro rimane difficile, ma le banche oggi, rispetto alla crisi del 2008, rappresentano la soluzione per la ripresa e non il problema stesso della crisi.
Spostandoci sui mercati emergenti, rimanere selettivi a nostro avviso è la parola d’ordine. Molti paesi non hanno ancora del tutto arginato la diffusione del virus e le prospettive macro sono complessivamente peggiori rispetto ad aprile.Tuttavia, i mercati obbligazionari emergenti hanno reagito bene in questa fase, spinti soprattutto dalle politiche monetarie accomodanti e, in alcuni casi, dal supporto di programmi di QE.Le valutazioni oggi non sono eccessivamente vantaggiose rispetto ai fondamentali. L’indice globale dei governativi in dollari mostra 464bp di spread medio rispetto alla curva dollari americana e da inizio anno si è allargato di 175bp. L’indice globale dei governativi emergenti in valuta locale mostra un rendimento del 4,5% e si è addirittura contratto di 70bp da inizio anno.Sul mercato del debito in dollari, stiamo valutando e inserendo in portafoglio alcune storie di paesi, anche di frontiera, che non hanno del tutto recuperato dai massimi pre-Covid e che mostrano prospettive di finanziamento comunque solide da qui a fine anno.Sul mercato del debito in valuta locale, mostriamo interesse verso quei paesi che presentano curve dei rendimenti più ripide (Perù, Indonesia, Sud Africa, Messico) per beneficiare dell’extra yield tra la parte breve e la parte lunga.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Unicam è ancora una volta PRIMA tra gli atenei fino a 10.000 studenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

L’Università di Camerino ancora da record! Per il diciassettesimo anno consecutivo, infatti, Unicam si conferma al primo posto nella classifica degli Atenei italiani fino a 10.000 studenti, stilata come ogni anno dal Censis e pubblicata oggi dal quotidiano La Repubblica, ottenendo un punteggio medio di 93,5, guadagnando ancora rispetto al punteggio dello scorso anno.
L’Università di Camerino è un gradino sotto al podio a livello nazionale, QUARTA assoluta tra gli Atenei statali nonché al primo posto tra gli Atenei marchigiani; il risultato ottenuto conferma dunque il forte impegno dell’ateneo nel mantenere sempre elevata, nonché migliorarla, la qualità dei servizi e della didattica offerta agli studenti.
Le classifiche, stilate dopo un attento e scrupoloso esame degli atenei statali e privati italiani, oltre ad analizzare ogni singola realtà accademica, hanno anche il fine di aiutare studenti e famiglie alla scelta universitaria.“Sono chiaramente felicissimo ed orgoglioso di questo risultato – ha sottolineato il Rettore professor Claudio Pettinari – che per il diciassettesimo anno consecutivo premia il nostro Ateneo. Con grande soddisfazione dedico questo successo ai nostri studenti, che sono i primi destinatari di tutte le nostre attività, di tutti i nostri sforzi e di tutte le nostre azioni. Per loro cerchiamo sempre di migliorarci, con loro progettiamo e costruiamo un futuro che li renda donne e uomini capaci di affrontare le sfide che la vita riserverà loro. Ma permettetemi di ringraziare l’intera comunità universitaria che non si risparmia e dimostra quotidianamente un grande senso di appartenenza ad Unicam, reso evidente quest’anno in occasione dell’emergenza sanitaria, fronteggiata in maniera eccellente. Nessuno si è sottratto ai propri doveri lavorando alacremente per continuare a garantire l’eccellente qualità dei servizi e la continuità della didattica e della ricerca, nell’intero periodo del lockdown. Non abbiamo permesso che si perdesse neppure un’ora di lezione, neanche una sessione di esami, neanche una sessione di laurea. Grazie a tutti”.“In questi giorni – ha proseguito il Rettore – stiamo iniziando a tenere esami e sedute di laurea anche in presenza, mentre nel mese di settembre riprenderemo in presenza anche le lezioni. Manterremo comunque la possibilità di seguire le lezioni in modalità telematica. Per il nuovo anno accademico abbiamo anche lavorato ad una rimodulazione dell’offerta formativa con una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale, per rendere i nostri corsi di laurea rendendoli ancora più in linea con le esigenze degli studenti e del mondo del lavoro. Coloro che si immatricoleranno al primo anno di uno dei corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico di Unicam saranno esentati dal pagamento delle tasse universitarie: una opportunità in più per decidere di intraprendere un percorso formativo universitario dal momento che, come dimostrano anche i dati Almalaurea, la laurea rappresenta un importante investimento per il proprio futuro”.“Questa importante conferma – prosegue il Rettore – si unisce all’ottimo risultato finanziario conseguito anche quest’anno dal nostro Ateneo: grazie all’utile di bilancio ottenuto, infatti, continueremo ad investire sui servizi agli studenti, sulle borse di studio e su attività di grande innovazione che a breve annunceremo e alle quali stiamo lavorando da tempo.”

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parma terza in Italia tra i grandi Atenei nella classifica Censis delle Università

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

Ottime notizie per l’Università di Parma dalla Classifica Censis delle Università italiane, giunta alla ventesima edizione. Per il quarto anno consecutivo Parma si conferma terza a livello nazionale tra i grandi Atenei, cioè quelli con un numero di studenti compresi tra 20.000 e 40.000, ma migliora il proprio punteggio complessivo, che passa da 89,7 a 90.L’Ateneo segue le università di Perugia (92,7, che si conferma al primo posto) e di Pavia (90,3), e precede la Calabria (89,5).Questi gli indicatori utilizzati per la valutazione degli Atenei:
· Servizi
· Borse
· Strutture
· Comunicazione e servizi digitali
· Internazionalizzazione
· Occupabilità
Tra queste voci, l’Ateneo di Parma fa registrare il miglior punteggio in “Strutture”, dove è al primo posto assoluto con un ottimo 105, migliorando di un punto rispetto al 2019 e staccando il secondo (Pavia) di ben 8 punti.A seguire 96 in “Occupabilità” e in “Comunicazione e servizi digitali”, 86 in “Internazionalizzazione” (con miglioramenti rispetto al 2019 nei tre indicatori), 79 nelle “Borse” e 78 nei “Servizi”.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rifiuti elettronici, 25 mila tonnellate gestite da Ecolight nel 2019

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

Quasi 25 mila tonnellate di rifiuti elettronici gestiti nel 2019 con un tasso di recupero ben superiore al 90% e oltre 350 tonnellate raccolte attraverso strumenti di prossimità. Ecolight, il consorzio nazionale no profit per la gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), presenta il Rapporto Sociale, documento che sintetizza l’attività svolta l’anno scorso e dal quale emerge una grande attenzione al tema della sostenibilità. «La sostenibilità, che dà anche il titolo al nostro undicesimo Rapporto Sociale, è equilibrio», premette il presidente di Ecolight, Walter Camarda. «Un comportamento, un’azione, una scelta per essere sostenibile deve tenere conto del proprio impatto ambientale e di quello economico; stare quindi in equilibrio. Ecolight opera con questa consapevolezza da oltre 15 anni, coinvolgendo non solamente tutti gli attori della filiera RAEE, ma anche stimolando aziende e cittadini a conferire correttamente i loro rifiuti elettronici affinché possano essere gestiti in una logica di economia circolare». Forte delle 1.900 aziende consorziate, Ecolight nel corso del 2019 ha garantito un servizio puntuale e capillare con oltre 27 mila missioni, concentrate soprattutto nella raccolta dei rifiuti elettronici di piccole dimensioni come cellulari, frullatori, ferri da stiro e lampadine a risparmio energetico. «L’impegno ha confermato il ruolo leader del consorzio nella raccolta dei RAEE appartenenti ai raggruppamenti R4 ed R5», osserva il direttore generale di Ecolight, Giancarlo Dezio. «L’operatività è stata garantita non solamente attraverso il Centro di Coordinamento RAEE, ma anche con lo sviluppo di progetti che sono andati al servizio della Distribuzione. Attraverso il cosiddetti Uno contro Uno e Uno contro Zero, i negozi sono chiamati ad un ruolo importante nella raccolta dei rifiuti hi-tech. Il Consorzio, che ha servito oltre 3.100 punti vendita, ha gestito oltre 320 tonnellate di RAEE che sono stati consegnati in negozio – o ritirati al domicilio dell’acquirente nel caso di consegna a casa – al momento dell’acquisto di un prodotto elettronico di equivalente funzionalità. Inoltre, attraverso le nostre 30 EcoIsole che sono state posizionate in corrispondenza di importanti punti vendita e in spazi di grande afflusso, abbiamo intercettato quasi 30 mila persone che hanno conferito più di 37 tonnellate di piccoli RAEE».La sostenibilità dell’azione del Consorzio è stata inoltre supportata da elevati tassi di recupero. «Abbiamo superato il 92% in peso». Spiega Dezio: «Questo significa che per ogni 10 tonnellate raccolte, più di 9 sono state avviate ad un processo di recupero di materia. Nell’ottica di una concreta economia circolare, questo ci ha permesso di re-immettere sul mercato come materie prime seconde più di 9.800 tonnellate di allumino, metalli ferrosi e non ferrosi, oltre 5.700 tonnellate di materie plastiche e quasi 1.000 tonnellate di vetro, tutte ottenute da processi di trattamenti dei RAEE». In questa prospettiva si inserisce anche l’impegno nel progetto sostenuto dal Ministero dell’Ambiente e sviluppato con il dipartimento di Ingegneria meccanica e industriale dell’Università di Brescia e Stena Recycling, che ha portato ad un miglioramento qualitativo e quantitativo dei processi di recupero delle plastiche contenute nei piccoli RAEE.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Cerved: 6 famiglie su 10 non andranno in vacanza

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

Sei famiglie su dieci (58,3%) quest’anno non andranno in vacanza: al 21,2% di chi non andava abitualmente si aggiunge il 37,1% di coloro che ci rinunceranno per la prima volta. E se la ragione è prevalentemente economica (41%), un buon terzo (31,5%) è invece frenato dalle preoccupazioni per la salute e dalle restrizioni imposte alla vita sociale e allo svago. Segue il 14,6% di chi sceglie di rinviare il viaggio a quando potrà scegliere liberamente la meta e il 12,6% di chi le ferie ha dovuto usarle durante il lockdown.
Sono alcuni dei risultati dell’ultimo “Termometro Italia” sulle famiglie realizzato da Innovation Team, società di ricerca del Gruppo Cerved, tra i principali operatori italiani nella gestione del rischio di credito. Rilevazioni freschissime, raccolte via telefono e web a inizio luglio per monitorare l’evoluzione della crisi da Covid19 sui 26 milioni di nuclei familiari italiani, attraverso le risposte di 500 famiglie che sono state statisticamente “espanse” in funzione di area geografica, tipologia e professione della principale fonte di reddito.
Non solo si partirà di meno: sette famiglie su dieci modificheranno le abitudini estive. A quel 37,1% che per la prima volta rimarrà a casa si somma infatti il 32,9% di coloro che sceglieranno mete differenti, in particolare (59%) località italiane invece del consueto viaggio all’estero, oppure luoghi meno affollati (34,2%), alloggi più isolati (25,7%) o la seconda casa (8,4%). In generale saranno vacanze più brevi, anche perché in molti (26,8%) avranno meno giorni di ferie. Appena l’8,8% farà come ha sempre fatto.Ma il senso di disagio nei confronti dei luoghi e dei mezzi pubblici e delle attività sociali rischia di condizionare i comportamenti delle famiglie ancora a lungo: addirittura 1 italiano su 5 dichiara che non parteciperà mai più a un concerto o a un evento sportivo perché non si sente tranquillo, né farà un weekend all’estero, 15% che non riprenderà a viaggiare in treno e in aereo e il 14% che non andrà al cinema o a teatro. Anche situazioni meno affollate vengono evitate: il 76,6% ha diminuito la frequentazione di bar e ristoranti, il 66,8% lo shopping nei negozi (sostituito dall’acquisto online, ancora in crescita), il 65,8% il ricorso a parrucchiere ed estetista e il 65,9% l’allenamento in palestra, e quel che è peggio è che all’incirca nelle stesse percentuali, se non più alte, gli intervistati pensano che con l’autunno li frequenteranno ancora meno.
Nell’ultimo mese il 51,9% delle famiglie ha ripreso a uscire con amici e parenti ma è ancora molto limitato, invece, il numero di coloro che si sono spostati con mezzi pubblici come treni e aerei (16,3%, e la metà non si è sentita a proprio agio) e che hanno trascorso weekend fuori casa (13,4%). Nei confronti dei mezzi pubblici, in particolare quelli locali, si è infatti sviluppata una certa diffidenza (il 65,2% li sta usando meno e il 68,6% continuerà a non usarli) che sta rapidamente cambiando la mobilità, favorendo gli spostamenti brevi in bicicletta e monopattino (aumentati del 36,9% e in ulteriore crescita) a discapito dell’auto (-38,8%)

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Forum dell’arte contemporanea italiana

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

È stato inviato al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini il documento conclusivo del Forum dell’arte contemporanea italiana, prodotto in oltre un mese di discussioni, dibattiti, confronti, e completato, dopo la plenaria del 30 maggio, dai coordinatori dei sei tavoli tematici che ne hanno costituito l’ossatura e dal board del Forum. Nata con l’obiettivo di rispondere alla crisi economica e alla forte pressione a cui la pandemia di Covid-19 ha sottoposto il settore dell’arte contemporanea, dove la mancanza di interventi da parte del governo minaccia la sua stessa continuità di esistenza, il documento che ne consegue intende sollecitare il mondo politico a riconoscere l’importanza essenziale dell’arte contemporanea e dei suoi operatori. È un riconoscimento che non ha avuto bisogno di particolari sollecitazioni nelle nazioni più mature, come mostrano i pronti e massicci interventi voluti dai governanti di paesi come la Germania o gli Stati Uniti. Il documento cerca di avere uno sguardo lungimirante: punta a risolvere le problematiche contingenti, ma invita alla predisposizione di nuove regole e leggi che consentano di sopperire allo svantaggio strutturale del sistema dell’arte italiano rispetto a quello degli altri Paesi. Mira a rispondere all’urgenza, ma in un’ottica di riforma sostanziale del sistema di medio e lungo periodo.
Il documento (scaricabile online su forumartecontempornea.it/documenti), presenta tre tipologie di richieste al Governo:
Interventi di sostegno urgente sia nei confronti delle istituzioni che degli operatori delle arti visive la cui attività è stata drammaticamente inficiata dalla crisi del Covid-19, superando le barriere burocratiche che rendono questi lavoratori – spesso temporanei, precari, freelance – poco circoscrivibili, così come la materia di cui si occupano. Con l’intenzione, che il Forum condivide con altri gruppi di interesse e associazioni, di lavorare nei prossimi mesi per definire i criteri di costituzione di un sistema professionale per i lavoratori delle arti visive e riconoscendo il sistema produttivo che l’arte contemporanea attiva, a cominciare dalle gallerie di ricerca.
Avviare un New Deal culturale con l’intervento anche dei privati, argomento sul quale il documento presenta molti suggerimenti, ed in primis la necessità dell’estensione dell’Art Bonus a tutte le tipologie di attività e di organizzazioni di arte contemporanea. L’Art Bonus, introdotto nel 2014 dal Ministro Franceschini, che consente una detassazione pari al 65% per le erogazioni finalizzate ai beni culturali storici, è stato di recente esteso anche all’ambito dello spettacolo.
Il Forum porta avanti anche una visione dell’arte come strumento di crescita sociale, legata a un’idea di welfare e di cura, vicina alle comunità, ai territori. Per questo, per costruire un nuovo modello di Paese, richiede con forza che i rappresentanti del mondo dell’arte vengano chiamati a sedersi ai tavoli di discussione necessari per sviluppare le riforme strutturali di cui il Paese ha bisogno per pensare a un prossimo rilancio, anche in vista dell’ottenimento del Recovery Fund europeo.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vitamina D: Un bene prezioso per la salute

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

La stagione estiva è il momento ideale dell’anno per fare “scorta” di vitamina D, il potente alleato naturale per il benessere fisico di grandi e piccini. Tutti, indipendentemente dall’età, possono infatti essere a “rischio” di insufficienza vitaminica che grazie a qualche semplice e pratica strategia può essere integrata. Ma perché è così preziosa e quali effetti positivi regala a bambini, adulti e persone anziane? MioDottore – piattaforma specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo DocPlanner – ha coinvolto una delle sue specialista, la dottoressa Rossella Tozzi, endocrinologa che aderisce al progetto di video consulenza online attivato dalla piattaforma, per approfondire la tematica, suggerire come aiutare l’attivazione della vitamina protagonista dell’estate e indicare le 5 regole d’oro per assimilarla con facilità.La dottoressa Tozzi commenta: “Recenti evidenze hanno dimostrato che buoni livelli di vitamina D nei bambini si associano a un migliore stato nutrizionale e miglior risposta immunitaria, mentre negli adulti concorrono a determinare la salute del tessuto muscolare e dello stato metabolico, prevenendo anche l’insorgenza di infezioni respiratorie acute”.Le 5 regole d’oro per facilitare l’assimilazione di vitamina D
1. Esposizione diretta alla luce solare, in maniera frequente e sicura, utilizzando gli appositi filtri solari.
2. Effettuare costante attività fisica, prediligendo attività all’aperto.
3. Assicurare fonti alimentari contenenti vitamina D: seguire una dieta normo variata che preveda formaggi, uova, carne di pollo, anatra o tacchino, cereali e verdure verdi.
4. Facilitare l’azione della vitamina D con l’introduzione di cibi ricchi di calcio, soprattutto per i bambini, garantendo sufficienti quantità di latte, burro, yogurt e formaggi.
5. Cercare di effettuare escursioni e passeggiate in luoghi lontani da smog e inquinamento, che possono interferire con la corretta assimilazione di vitamina D.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Garante Privacy, multa 17mln euro a Wind Tre Spa

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 luglio 2020

Il Garante per la protezione dei dati personali ha sanzionato Wind Tre Spa per circa 17 milioni di euro per numerosi trattamenti illeciti di dati, legati prevalentemente ad attività promozionali.” Ottima notizia! Finalmente fioccano sanzioni esemplari per le attività illecite di telemarketing e teleselling. Dopo Eni gas e luce e Tim è la volta di Wind tre. E’ vergognoso che il problema del marketing selvaggio sia ancora irrisolto” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Purtroppo il nuovo regolamento sul funzionamento del Registro pubblico delle opposizioni, che non solo consentirà ai consumatori di poter iscrivere al Registro anche i loro cellulari, ma anche di revocare tutti i consensi precedentemente espressi, varato il 17 gennaio 2020 dal Consiglio dei Ministri con incredibile ritardo rispetto ai tempi previsti dalla Legge n. 5 dell’11 gennaio 2018, non diventerà operativo prima del 1° dicembre 2020″ prosegue Dona.”Gli italiani non ne possono più di telefonate indesiderate e di attivazioni di servizi non richiesti. Speriamo, quindi, che il regolamento sia varato nei tempi previsti” conclude Dona.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »