Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Archive for 6 luglio 2020

Su incendi in Sicilia: «Musumeci spegne solo la speranza»

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

«Anche questa estate sono iniziati gli incendi in tutto il territorio siciliano che mandano letteralmente in fumo il patrimonio boschivo, con danni disastrosi per la fauna e l’ambiente nell’assenza grave e colpevole di adeguati interventi della regione. Di questi giorni le prime drammatiche immagini delle fiamme che divorano i monti che sovrastano i monumenti di Segesta e del bosco di Magaggiaro, polmone verde di inestimabile valore dell’agrigentino».A dirlo è Pippo Zappulla, segretario regionale di Articolo uno in Sicilia.
«Rispetto al passato sono aumentati – continua Zappulla – solo gli annunzi, le critiche rivolte ai precedenti governi e forse la volontà di istallare qualche telecamera a infrarossi, ma continua a brillare l’assenza della indispensabile programmazione degli interventi seri, veri, concreti e la situazione è inevitabilmente peggiorata».«Musumeci – sostiene il segretario di Articolo uno in Sicilia – aveva annunziato grandi interventi per rendere più efficace l’azione di prevenzione e di spegnimento degli incendi boschivi, nell’intervento fiume di ieri all’Ars li ha reiterati ma nessuna svolta concreta si è realizzata per evitare l’ennesima stagione di disastri ambientali e paesaggistici. Occorre da subito una diversa gestione e visione del territorio, bene da tutelare, valorizzare e consolidare e non da consumare e lasciare bruciare e distruggere. Ed è evidente che hanno ragione i sindacati nel denunziare che gli stessi forestali addetti all’antincendio sono insufficienti (1.500 in meno di quanto previsto dalla pianta organica), che hanno un’età media troppo alta, che sono privi dei mezzi indispensabili per il loro lavoro e per lo più ci si affida ai mezzi aerei e privati. Quando bruciano campagne, boschi, colline, frutteti tutto serve ed è utile ma per contrastare gli incendi soprattutto quelli estesi rimane fondamentale una coordinata azione da terra».In sintonia con i sindaci – conclude Pippo Zappulla – che devono provvedere ad aggiornare i Piani di Protezione Civile e il Catasto delle aree percorse da incendio e imporre i vincoli previsti le attività di prevenzione devono iniziare già ad aprile, altrimenti anche su questo delicato e importante versante emergerà pesantemente il fallimento del governo regionale.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Obbligatorio finanziare la medicina territoriale”

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

“A quanto leggo sui piccoli focolai scoppiati nel mantovano l’ATS è intervenuta tempestivamente e sta facendo il possibile per circoscriverli. Al momento le notizie sembrano rassicuranti.Più in generale questi casi, indicano che è assolutamente necessario ritornare a investire e finanziare la medicina territoriale. Lavorare in ambito locale con controlli diffusi, l’informazione della popolazione e lo screening sanitario di massa può limitare un virus che purtroppo è ancora attivo e presenteLa Regione Lombardia, che sulla medicina del territorio si è mossa in ritardo, ha l’obbligo di continuare a mantenere altissima l’attenzione e va diffusa la consapevolezza e la necessità di ampliare il numero di tamponi e i controlli. Più volte ho chiesto, con atti formali, interrogazioni e sollecitazioni scritte, di potenziare a Mantova le USCA, le unità di continuità assistenziale che entrano in gioco proprio per lo screening della popolazione. Mi auguro di essere ascoltato: gli strumenti di difesa e prevenzione devono essere rafforzati; non è il momento di abbassare la guardia”, così Andrea Fiasconaro, consigliere regionale del M5S Lombardia, sui focolai COVID nei macelli di Mantova.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Speciale bonus maturità per 1400 studenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

Secondo l’osservatorio OneDay l’80% dei liceali non vuole rinunciare alle vacanze, così ScuolaZoo, il media brand di riferimento della Generazione Z e considerato il compagno di banco degli studenti italiani, ha pensato a un “bonus maturità” alternativo per i maturandi che quest’anno hanno dovuto affrontare la maturità più strana della storia. Causa lockdown, gli studenti hanno frequentato l’ultimo anno di scuola a casa, non hanno organizzato la festa dei “100 giorni alla maturità”, hanno vissuto una iconsueta “Notte prima degli Esami”, si sono preparati agli esami con la didattica a distanza. Hanno dovuto rinunciare ai momenti di condivisione e di socialità che una delle tappe più importanti della vita di tutti – la fine delle scuole superiori – porta con sé. Per questo ScuolaZoo, dopo aver sostenuto gli studenti con attività online di edutainment, arriva in soccorso anche stavolta aiutando i maturandi (maturati ormai!) a dimenticare ansie e paure di una anno così particolare, partendo per il tanto sognato viaggio di maturità! Da oggi fino al 15 luglio infatti ScuolaZoo mette a disposizione 100 gift card al giorno del valore casuale compreso tra 60€ e 100€, ovvero il voto minimo e massimo della maturità. Come? Collegandosi al sito http://www.scuolazooviaggi.com tutti i giorni tra le 21 e le 22.Top 3 viaggi maturità: – Corfù – Kavos – Jesolo – Isola di Pag

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Non basta riduzione Irpef, affrontare tema società pubbliche riscossione

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

“Si torna nuovamente a parlare della riforma fiscale solo nell’ottica della riduzione di qualche punto di percentuale di Irpef, come se questo risolvesse un male atavico che vede nel sistema sanzionatorio un’arma di distruzione di interi comparti produttivi e che con la crisi in atto potrebbe risultare fatale per l’intera economia nazionale. L’assurdità delle società pubbliche di riscossione, ma in genere del fisco, è questa: chi presenta la dichiarazione dei redditi ha un’attività legale, ma, al contempo, se si trova in difficoltà finanziarie viene perseguitato, e le iscrizioni a ruolo tra sanzioni e interessi triplicano il debito originario. Chi, invece, esercita attività economiche nella totale illegalità, ovverossia nell’evasione totale, non solo fiscale ma in barba a qualsiasi legge e regolamento, può rimanere tranquillissimo: non può subire iscrizioni a ruolo per debiti erariali/contributivi non versati, in quanto manca proprio la dichiarazione, per cui non vi è la spontanea ammissione. Costui, quindi, non subirà fermi amministrativi, non dovrà chiedere rateizzazioni, non dovrà pagare un bel nulla. Come può lo Stato affermare, seppur non palesemente, che le sue leggi in materia fiscale sono solo un opuscolo di cattivi consigli? Praticamente una istigazione a lavorare in nero. Ed è risibile rispondere che ogni tanto qualcuno viene scovato, perchè le pene sono risibili. Innanzitutto si può ricostruire induttivamente soltanto gli ultimi 5 anni di reddito e colui che viene colpito può patteggiare ad un terzo, ammesso che abbia intestato qualcosa. Quindi, chi ha reso dichiarazione dei redditi e non ha sufficienti risorse per pagare dovrà pagare il triplo, chi ha evaso totalmente potrà patteggiare un terzo calcolato su 5 anni di reddito calcolato induttivamente. Questo sistema sarebbe una trama adatta a un film comico, se non avesse cagionato morti”. Lo dichiara Lino Ricchiuti, viceresponsabile nazionale Imprese e mondi produttivi di Fratelli d’Italia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il posto di lavoro del nuovo decennio? Decentrato, flessibile e connesso

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

Impostosi in tutto il mondo tra i topic dominanti durante il lockdown per l’emergenza da Covid-19, lo smart working, o “lavoro agile”, rappresenta con ogni probabilità un’eredità che il mondo del lavoro si porterà dietro a lungo, auspicabilmente con migliorie e evoluzioni tecniche. Il successo dello smart working è testimoniato da numerose ricerche. Tra le più recenti spicca quella di Fpa, società del gruppo Digital 360, dedicata al lavoro agile nella pubblica amministrazione italiana. La ricerca è stata condotta su 4.200 dipendenti: il 94% dei lavoratori vorrebbe continuare a lavorare da casa con rientri in ufficio non quotidiani. Il 69,5% degli intervistati ha affermato che organizza meglio il lavoro, il 45,7% che ha più tempo per sé e la famiglia, e il 34,9% che lavora in un clima di maggiore responsabilizzazione. In definitiva, quando i dipendenti sono impossibilitati a recarsi sul luogo di lavoro, lo smart working diventa uno strumento essenziale a garantire operatività e continuità. Tuttavia l’opportunità presenta diverse insidie, a partire dalla difficoltà di pronto intervento sui processi, soprattutto in quelli per cui sono richieste una costante supervisione ed un intervento su diversi sistemi all’interno di un’organizzazione. Serve quindi adottare strategie che possano prevenire perdita d’informazioni e interruzioni del processo produttivo.Del resto quand’è l’ultima volta che vi siete trovati in un’area di lavoro realmente in grado di rendere una giornata produttiva? Forse il quesito più importante riguarda il “dove”. Era in ufficio o a casa? Se il decennio precedente ha visto l’aumento esponenziale del concetto di ufficio “open”, quello che stiamo vivendo vedrà il completo decentramento del posto di lavoro.Possiamo affermare che questo periodo in particolare è stato caratterizzato da un’interruzione dell’attività globale senza precedenti. E man mano che le imprese e le economie vengono ribaltate, lo stato del flusso lavorativo offre sia sfide che opportunità: tutti devono rimanere “agili” e adattarsi ai nuovi modi di lavorare.
Mentre affrontiamo queste topiche sfide, la tecnologia può supportarci offrendo un modo per rendere flessibili le performance dei team di lavoro, salvaguardando al contempo punti fondamentali come la concentrazione e la collaborazione, indipendentemente dalla configurazione dell’ufficio del futuro o delle specifiche aree di lavoro al suo interno.Come le basi stesse del modo in cui lavoriamo cambiano, lo stesso vale per le fonti dei dati che utilizziamo per prendere decisioni aziendali. Mentre la Business Intelligence continuerà a migliorare il futuro degli edifici “intelligenti”, diventerà sempre più importante per le aziende ottimizzare le modalità di lavoro dei dipendenti operativi da remoto. Avanzate tecnologie, per esempio, possono offrire nuovi flussi di dati per aiutare le imprese a valutare l’efficacia di questi nuovi ambienti di lavoro e a prendere decisioni per adattarsi velocemente agli odierni tempi in continua evoluzione, con la certezza che i propri dipendenti siano produttivi e pienamente coinvolti nel processo.
Elementi digitali come i webinar, le lavagne interattive e la condivisione dello schermo diventeranno strumenti sempre più importanti, ulteriormente abilitati da telecamere con campo visivo a 180° che consentono una panoramica completa di tutti i partecipanti in una sala riunioni, aumentando il senso di fiducia attraverso la piena visibilità dell’ambiente.
Il linguaggio del corpo promuoverà anche un maggiore coinvolgimento e una maggiore percezione da parte dei partecipanti attraverso questo insieme di feedback, mentre i vivavoce full duplex consentiranno una comunicazione bidirezionale equa per l’andamento dei meeting e le conversazioni.Nel complesso, la collaborazione virtuale tramite audio, video e software sarà essenziale per qualsiasi organizzazione per gestire il business in modo efficace. Queste strategie dovrebbero essere implementate in anticipo in modo che i fattori esterni che impongono la necessità di pratiche collaborative agili non rallentino in alcun modo il business delle imprese.
Complessivamente, diverse aziende saranno in grado di innovare e di adattarsi in base alle circostanze e ai parametri dei mercati, ma al centro delle nuove modalità del lavoro sarà necessaria la flessibilità.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

3rand Up Solutions e Process Factory insieme per la sostenibilità

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

3rand Up Solutions ha scelto 4sustainability® – il brand di Process Factory che attesta l’adesione delle aziende alla Roadmap per la sostenibilità – per supportare i propri clienti con prodotti e soluzioni per la trasformazione dei modelli di business in ottica sostenibile. 3rand Up mette a disposizione quattro “piattaforme” distinte ma complementari, in cui la sostenibilità concepita e praticata secondo l’approccio 4sustainability® si inserisce come valore trasversale per lo sviluppo d’impresa. Brand value platform. Attraverso progetti IOT/RFID, i prodotti assumono una propria identità digitale: questo consente di raccontare al consumatore la loro “storia” ed i loro contenuti di sostenibilità, coinvolgendolo in un’esperienza comunicativa in grado di avvicinarlo emotivamente al marchio. Digital marketing & e-commerce platform. Un sistema articolato di soluzioni che reinterpretano in chiave innovativa il concetto di e-commerce, con la creazione di negozi online multicanale – sui social e sui principali online retailer – e tool collegati per gestire gli influencer, ad esempio, o analizzare il traffico per migliorare il proprio posizionamento.Sustainability platform. I servizi a marchio 4sustainability® consentono alle imprese di “crescere sostenibili” grazie all’implementazione di progetti che, partendo da una fotografia della situazione iniziale si sviluppano in attività mirate al raggiungimento di risultati individuati come prioritari. Fondamentale, in quest’ottica, è il supporto di strumenti avanzati di monitoraggio e gestione dei dati e di misurazione delle performance in una logica di miglioramento continuo.
Supply chain & transportation management platform. Monitorare fornitori e corrieri per ottimizzare costi e prestazioni in ottica sostenibile è un vantaggio competitivo oggi irrinunciabile, che 3rand Up Solutions rende accessibile grazie da una piattaforma di gestione all’avanguardia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lendlease e PSP Investments siglano una partnership strategica

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

Lendlease, gruppo internazionale di real estate e infrastrutture, ha stretto una partnership strategica di lungo termine con PSP Investments, uno dei maggiori gestori di fondi pensione del Canada, per lo sviluppo di Milano Santa Giulia, tra i maggiori progetti di riqualificazione urbana a Milano.Milano Santa Giulia si sviluppa su una superficie complessiva di oltre 110 ettari a sud-est di Milano. Il progetto ha un valore lordo di sviluppo (GDV – Gross Development Value) di € 2,5 miliardi e prevede la realizzazione di un nuovo distretto urbano ad uso misto, suddiviso in due aree distinte a nord e sud, con un potenziale di un massimo di 2.500 residenze che affiancheranno nuovi uffici commerciali, attività retail e di intrattenimento. L’area di Milano Santa Giulia dista solo dieci minuti in auto dall’aeroporto internazionale di Milano Linate e quindici minuti dal centro città ed è strettamente connessa con la metropolitana, la stazione ferroviaria e le principali infrastrutture di viabilità di Milano.Lo sviluppo dell’area sarà progettato secondo principi di sostenibilità tra cui l’obiettivo di raggiungere zero emissioni di carbonio e la certificazione WELL. Sarà realizzato un parco di circa 30 ettari (300.000 mq), che diventerà il terzo parco urbano più grande di Milano.L’impegno nei confronti della comunità locale sarà al centro del progetto, con la realizzazione di servizi per oltre 1.500 studenti, nuove scuole e un museo. Milano Santa Giulia ospiterà inoltre la più grande arena coperta multifunzionale di Milano, con una capacità di 16.000 spettatori, che sarà costruita a nord dell’area e utilizzata come una delle sedi delle Olimpiadi invernali di Milano Cortina 2026.La nuova partnership tra Lendlease e PSP Investments prevede un investimento iniziale di circa €250 milioni per l’acquisizione dei due edifici per uffici di livello premium Spark 1 e Spark 2, che sono in fase di costruzione a sud dell’area e già stati pre-locati. Lendlease svilupperà e gestirà gli edifici e la proprietà sarà suddivisa in parti uguali tra i due partner. La partnership tra Lendlease e PSP Investments contempla inoltre lo sviluppo dell’area nord di Milano Santa Giulia, con le funzioni residenziali, commerciali e retail, attraverso una joint venture paritetica al 50% tra i due partner, come per l’area sud Lendlease si occuperà nei prossimi dieci anni della pianificazione, della progettazione e dello sviluppo del progetto. L’annuncio rientra nella strategia definita nel 2017 da Lendlease, anno in cui la società ha firmato un accordo strategico con Risanamento SpA, a cui fa capo la proprietà del sito di Milano Santa Giulia, per portare avanti e completare la variante urbanistica e le attività di bonifica del sito. Oggi Lendlease e Risanamento sono vicini al raggiungimento dell’obiettivo di trasformare Milano Santa Giulia in uno dei maggiori distretti urbani in Italia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il tema dell’autoproduzione deve essere ricondotto al rispetto delle norme e della leale concorrenza

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

L’autoproduzione in ambito portuale è regolata dall’art. 16 della legge 84/94 e dal successivo decreto ministeriale 585 del 1995, ma negli ultimi 2 anni si è assistito ad applicazioni difformi ed interpretazioni soggettive delle norme. In alcune realtà portuali il ricorso all’autoproduzione da parte dei vettori marittimi è avvenuto al di fuori delle norme determinando distonie tra diversi porti e pregiudizio per i lavoratori e le imprese.Il Presidente di Assologistica Andrea Gentile, ricordando come il tema di una corretta applicazione di questa materia sia stato oggetto di incontri presso il Ministero dei Trasporti già nell’estate del 2018, dichiara: “il rispetto delle norme è un elemento imprescindibile e se le regole non sono chiare e determinano un’applicazione difforme vanno modificate migliorandole “. E’ fondamentale che in un ambito come quello portuale, dove operano diversi soggetti, le regole siano puntuali e uniformemente applicate. In un momento emergenziale come questo è ancora più importante garantire la corretta concorrenza tra i diversi attori”. Gli aspetti legati all’autoproduzione non solo sono rilevanti per evitare situazioni di dumping, ma anche perché vengano garantiti elevati standard di sicurezza.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Franceschini, bonus già chiesto da 72mila famiglie

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

Secondo il ministro Dario Franceschini il bonus vacanze sarebbe già stato chiesto da 72.295 nuclei familiari.”Bene, una buona partenza! I dati dimostrano che gli attacchi di ieri di tutti i rappresentanti degli operatori erano immotivati ed ingiustificati” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Ovvio che il bonus non basta per risolvere la grave crisi del settore turistico, ma è comunque un passo avanti, che invoglia chi non aveva intenzione di andare in vacanza, pur potendo, a cambiare idea” prosegue Dona.”Ora vanno eliminati i voucher, controproducenti e dannosi, oltre che illegittimi, e va azzerata l’Iva su alberghi e pacchetti turistici fino a settembre” conclude Dona.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nexus diventa Facile.it Mutui e Prestiti

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

Nexus, realtà specializzata da oltre 18 anni nella mediazione del credito alle famiglie, dopo il perfezionamento dell’acquisizione da parte di Facile.it si rifà il look e cambia nome: da oggi la società si chiamerà Facile.it Mutui e Prestiti. E, contemporaneamente, annuncia alcuni importanti cambiamenti organizzativi: Daniela Zancan assume il ruolo di Managing Director Stores & FMP di Facile.it e con esso la responsabilità dell’intera Business Unit Store e Facile.it Mutui e Prestiti.
Mauro Giacobbe, già Amministratore Delegato di Facile.it, assume anche il ruolo di Amministratore Delegato di Facile.it Mutui e Prestiti, mentre ad Angela Giannicola, fondatrice di Nexus e Presidente di Facile.it Mutui e Prestiti, viene affidato anche il ruolo di Direttore Commerciale Stores & FMP di Facile.it. Francesco Rigamonti continuerà a seguire l’individuazione e l’apertura delle nuove sedi degli Store a marchio Facile.it in tutta Italia. L’operazione di rebranding, si chiarisce nella nota ufficiale diffusa oggi, coinvolgerà anche le 40 agenzie fisiche che Nexus ha su tutto il territorio nazionale che, a partire da luglio, cambieranno insegna.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via la graduale e controllata riapertura dei Centri Sociali Anziani di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

L’ordinanza sindacale prevede la possibilità della riapertura dei centri, nel rispetto delle indicazioni contenute nell’ordinanza regionale e solo nei casi in cui siano stati effettuati i necessari interventi di prevenzione sanitaria.I centri resteranno dunque chiusi in tutti i casi in cui non sia possibile garantire le idonee misure di contenimento del contagio.
Tra gli interventi necessari, rientrano le sanificazioni degli ambienti, gli interventi di manutenzione ordinaria degli spazi interni ed esterni e di manutenzione dei filtri per gli impianti di condizionamento e l’acquisto di dispenser di gel disinfettante.
La riapertura sarà effettuata con provvedimento del direttore del Municipio, sentito il direttore dell’Area Socio-Educativa e il presidente del Centro Sociale Anziani interessato.L’ordinanza prevede inoltre la riattivazione delle attività sociali e sociosanitarie, compresi i centri semiresidenziali per persone con disabilità, mentre restano chiusi i centri diurni e le strutture semiresidenziali in favore di persone anziane o affette da patologie croniche.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Covid19: la ricerca Bocconi su impatto economico, sociale, legale e sistema sanitario

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

Online l’ultimo numero della rivista viaSarfatti25, il mensile dell’Università, interamente dedicato agli studi del Covid Crisis Lab, il neonato laboratorio che indaga gli impatti del virus. 50 i professori coinvolti. Un numero speciale interamente dedicato alla ricerca e agli studi sul Covid19 prodotti dalla Bocconi: è l’ultimo numero del mensile dell’Università, viaSarfatti25, online da oggi. L’edizione speciale del magazine raccoglie infatti tutta la prima produzione del nuovo Covid Crisis Lab, il Laboratorio di ricerca nato durante la pandemia per studiare gli impatti del virus sulla Sanità, sulla società, sull’economia, la finanza e le imprese e sul sistema legale. Oltre 50 i ricercatori della Bocconi coinvolti nelle 74 pagine del numero, tra economisti, demografi, scienziati politici, studiosi di computer science, esperti di economia della sanità e di salute globale, storici, studiosi di finanza, di economia di genere, di diritto, di strategia aziendale, di economia del lavoro e di marketing.Tra le ricerche raccontate in questa edizione speciale, si va dalle analisi del caso Lombardia (Alessia Melegaro) e del reale tasso di mortalità nelle regioni italiane (Elio Borgonovi e Ilaria Capua), a quelle sull’impatto delle relazioni sociali e dei contatti intergenerazionali nella diffusione della malattia (Nicoletta Balbo); dalla reazione dei mercati finanziari alle notizie sulla pandemia su Twitter (Mariano Max Croce), all’impatto sull’aspettativa di vita (Simone Ghislandi). O ancora, dall’analisi statistica dell’efficacia delle misure di distanziamento (Emanuele Borgonovo), alle attitudini della popolazione verso il governo durante il lockdown (Arnstein Aassve); dall’impatto dello smart working sulle dinamiche familiari (Paola Profeta), a quello del lockdown sull’inquinamento (Marco Percoco). E poi ancora le analisi degli impatti sul mercato del lavoro (Tito Boeri, Vincenzo Galasso e Thomas Le Barbanchon), i costi del distanziamento sociale (Basile Grassi e Julien Sauvagnat), gli studi sulla reazione della legislazione alla novità della pandemia (Pietro Sirena, Arianna Vedaschi e Oreste Pollicino), fino all’analisi della propensione del pubblico verso le visite virtuali dei musei (Anastasia Nanni) e l’analisi delle reazioni della popolazione nel rapporto tra misure restrittive e norme liberali (Catherine De Vries).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Portare l’Europa sul territorio, più vicina alle persone

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

La Commissione europea pubblica oggi un bando per selezionare la nuova generazione di centri EUROPE DIRECT per il periodo dal 1° maggio 2021 al 31 dicembre 2025. Scopo dei centri EUROPE DIRECT è rendere l’Europa accessibile a tutti a livello regionale e locale e coinvolgere il pubblico nel dibattito sull’UE, sulle sue politiche e priorità e sul suo futuro.
I centri EUROPE DIRECT forniscono informazioni sull’UE e organizzano attività destinate a coinvolgere le persone, come ad esempio i dialoghi con i cittadini, stabiliscono relazioni con i media e altri partner locali e aiutano le istituzioni dell’UE a comprendere meglio i temi sensibili, le preoccupazioni e le percezioni dell’opinione pubblica nelle aree geografiche di competenza.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo invito del valore di 10,5 milioni di euro a presentare progetti in materia di cibersicurezza

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

I progetti riguarderanno vari ambiti, quali la risposta coordinata agli incidenti di cibersicurezza, la certificazione della cibersicurezza, lo sviluppo delle capacità, la cooperazione istituzionale in materia di cibersicurezza e la cooperazione tra pubblico e privato.Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno, ha dichiarato: “Il sostegno a progetti concreti nel settore della cibersicurezza contribuisce a far progredire le tecnologie e le soluzioni innovative in modo mirato. L’invito pubblicato oggi contribuirà a rafforzare la nostra resilienza contro le minacce informatiche, in linea con le nostre ambizioni digitali e con la nostra strategia globale, che comprende il regolamento sulla cibersicurezza, la direttiva NIS e le raccomandazioni del programma di cibersicurezza.” Il termine entro il quale presentare i progetti sulla pagina web dei bandi telecom 2020 del CEF è il 5 novembre e l’assegnazione delle sovvenzioni dovrebbe essere annunciata a maggio 2021.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il treno regionale si prenota: al via la sperimentazione per limitarne il riempimento

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

Distanziamento no, distanziamento sì. Negli ultimi giorni alcune amministrazioni regionali hanno deciso di cambiare le regole che imponevano il cosiddetto distanziamento sociale a bordo dei mezzi pubblici. Perché sui treni regionali sono proprio le Regioni a poter decidere e derogare dai protocolli nazionali. Così al momento Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Puglia, Liguria e Province autonome di Trento e Bolzano si sono orientate per l’eliminazione dei limiti di capienza del 50%. Quindi non più un posto sì un posto no, com’è stato finora, ma un ritorno al 100% della capacità. Sempre ovviamente, con l’obbligo della mascherina e la raccomandazione di una frequente igienizzazione delle mani.
Intanto Trenitalia, ha avviato sui treni regionali (1.500 a oggi) una sperimentazione per controllare e contingentare il numero dei viaggiatori presenti a bordo. I treni oggetto del test sono stati selezionati grazie alla costante attività di monitoraggio portata avanti, a partire da maggio, dagli oltre 200 operatori del customer care regionale di Trenitalia. Fra i collegamenti scelti, anche quelli con le principali località di mare nei fine settimana e nei giorni festivi.Una rivoluzione nel trasporto regionale che prevede un biglietto specifico per il treno scelto, in vendita finché il convoglio non ha raggiunto – in base alle prenotazioni dei viaggiatori – la sua capienza massima. E ciò vale sia che il limite sia quello tenuto finora, del 50%, sia che si decida di tornare al 100%, almeno nel caso in cui le Regioni non tollerino e non rendano possibile anche il viaggio in piedi. Con la nuova procedura il viaggiatore salirà sull’effettivo treno che ha scelto e prenotato. Soltanto così il sistema funziona, con il rispetto di questa regola.Un passaggio in più, dunque, ma semplice e che permetterà di viaggiare in sicurezza. A iniziare dall’app e, a breve, anche su sito web e self service, sarà possibile controllare in tempo reale la disponibilità di posti sul treno prescelto. Nel caso questo sia sold out, il sistema non permetterà di procedere all’acquisto. Nella nuova app di Trenitalia sono i colori verde, giallo e rosso a mostrare il livello di riempimento e indicare virtualmente il lasciapassare per la prenotazione. Il posto non è assegnato e la prenotazione è gratuita. I clienti dovranno quindi abituarsi gradualmente a queste inedita prassi. Dopo un periodo transitorio per far metabolizzare l’iniziativa, le accortezze post-Covid dovranno entrare nel DNA di tutti i viaggiatori per far sì che siano adottate, in futuro, a beneficio della totalità dei passeggeri regionali, in un settore dove sono proprio le Regioni a definire modalità e orari del servizio.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Per una politica agricola europea più efficace

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

Assegnare un ruolo più diretto alla regioni nelle politiche di sviluppo rurale può tradursi in una politica agricola europea più efficace, ma le amministrazioni locali devono mostrarsi all’altezza dei compiti loro assegnati – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Secondo le notizie che arrivano oggi da Bruxelles, per l’entrata in vigore della nuova Pac dovremo aspettare almeno fino al 2023. Se da un lato la proroga delle regole attuali impedisce di imprimere una svolta immediata, dall’altro concede più tempo per analizzare i punti deboli di un’architettura che mostra ormai i segni del tempo.
Durante il Consiglio europeo sull’agricoltura, la ministra Bellanova ha sottolineato che la riforma della Pac non consente ancora di soddisfare appieno le aspettative delle regioni. Un maggiore coinvolgimento delle regioni è sicuramente auspicabile nell’ottica della semplificazione e di una vera sussidiarietà. Il decentramento, tuttavia, non è di per sé sufficiente ad assicurare una migliore gestione dei fondi. Lo dimostra il caso della Puglia, che non è riuscita spendere 142 milioni di euro di fondi europei per lo sviluppo rurale entro il termine previsto del 31 dicembre 2019 – ricorda Tiso.Le amministrazioni locali conoscono più da vicino le esigenze dei loro territori ed è logico pensare che possano allocare le risorse europee per l’agricoltura in modo più rapido ed efficiente. Il decentramento delle competenze amministrative deve però essere accompagnato da un’attenta verifica delle competenze gestionali dell’ente che è chiamato a svolgere le nuove funzioni. L’esperienza mostra infatti che il solo decentramento non è in grado di migliorare l’operato della nostra burocrazia, in assenza di politiche volte a semplificare gli adempimenti e ad avvicinare le amministrazioni ai reali bisogni delle imprese.Riteniamo infine positiva la proposta avanzata dalla ministra Bellanova di utilizzare una parte degli aiuti diretti per far fronte alle future emergenze climatiche e fitosanitarie.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumore dell’ovaio: Programma terapeutico

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

Al via il primo programma di supporto a domicilio per le donne colpite dal tumore ovarico, in grado di rispondere a 360 gradi alle loro esigenze: dalla televisita di controllo, alla consegna del farmaco fino al prelievo ematico a domicilio per l’esecuzione del test BRCA. Un numero verde permetterà alle pazienti di organizzare e svolgere le visite di controllo da remoto e, al contempo, infermieri specializzati saranno disponibili per supportare la gestione di eventuali effetti collaterali.
AstraZeneca si occuperà, inoltre, della consegna a casa delle pazienti di Olaparib, terapia orale per il trattamento del tumore ovarico BRCA mutato.Un servizio che assume particolare rilevanza in questi mesi di emergenza sanitaria per la pandemia causata dal coronavirus, nei quali è auspicabile fare in modo che i pazienti oncologici seguano il loro percorso di cura, riducendo però il più possibile i tempi di permanenza negli ospedali per il rischio di contagio. Un servizio che però guarda anche oltre: l’innovazione tecnologica può infatti contribuire a una riorganizzazione dell’assistenza sanitaria anche dopo l’emergenza.
Il progetto è realizzato grazie al supporto di AstraZeneca e MSD, in collaborazione con Domedica, e ha ricevuto l’egida delle principali Associazioni di Pazienti impegnate nel tumore ovarico: Acto Onlus, Loto Onlus e Salute Donna Onlus.I primi centri a partire saranno l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano e la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS di Roma.“In 5 anni i nuovi casi di tumore dell’ovaio, in Italia, sono aumentati dell’8%: erano 4.900 nel 2014, ne sono stati stimati 5.300 nel 2019. È di fondamentale importanza mantenere un rapporto costante con le pazienti e un programma completo di supporto a distanza è la via da seguire per garantire la sicurezza delle donne colpite da tumore ovarico durante questa emergenza – afferma la Prof.ssa Nicoletta Colombo, Professore Associato presso l’Università Milano-Bicocca e Direttore del Programma di Ginecologia Oncologica dell’Istituto Europeo di Oncologia.La visita di follow-up da remoto è eseguita e refertata grazie alla tele assistenza su una specifica piattaforma condivisa da oncologo e paziente.Il programma è indirizzato alle pazienti con tumore ovarico in trattamento con gli inibitori di PARP.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In Italia una persona su 3 ha livelli di pressione non ottimale

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

Ciò mette in pericolo la salute del cuore e delle arterie. L’ipertensione arteriosa è infatti tra i principali fattori di rischio per l’insorgenza di malattie cardiovascolari (infarto del miocardio, ictus, scompenso cardiaco), che costituiscono la prima causa si morte nel nostro Paese con 240mila decessi ogni anno. Quello che però spesso si sottovaluta è l’esistenza di un’anticamera dell’ipertensione, la cosiddetta pressione normale-alta o pre-ipertensione, che si manifesta con valori a ridosso di quelli patologici, sulla quale è opportuno intervenire tempestivamente per evitare che negli anni si trasformi in ‘vera’ ipertensione. La buona notizia è questa condizione può essere tenuta sotto controllo con strategie di intervento non farmacologiche, grazie alla recente disponibilità di nuovi integratori alimentari specifici, da utilizzare sempre in abbinamento a modifiche dello stile di vita.
Un recente Documento di consenso della Società Europea dell’Ipertensione (ESH), pubblicato sul Journal of Hypertension [2], ha infatti confermato che nei soggetti con livelli pressori borderline (compresi tra 130/139 mmHg per la massima e 85/89 mmHg per la minima), è raccomandato l’utilizzo di alimenti funzionali, prodotti nutraceutici e componenti di origine naturale che si sono dimostrati efficaci nel controllo della pressione arteriosa in studi clinici randomizzati e controllati. Il paper ribadisce quanto già affermato dalle Linee Guida ESH/ESC [3] circa la possibilità di ricorrere a un approccio non farmacologico in presenza di dislivelli pressori moderati (valori normali di pressione arteriosa sono considerati sistolica < 140 mmHg e diastolica < 90 mmHg). Su questi temi si è confrontato un board di esperti in cardiologia e nutraceutica durante il webinar “FIRST, un primo approccio naturale contro i primi segnali di ipertensione”, organizzato da Neopharmed Gentili, azienda farmaceutica italiana specializzata nel trattamento delle principali patologie cardio-metaboliche.Gli esperti hanno sottolineato l’importanza di non trascurare i primi segnali dell’ipertensione, ricordando che il rischio di morte per malattia cardiovascolare è direttamente proporzionale all’aumento dei livelli di pressione arteriosa, già a partire da valori di 115 mmHg sistolici e 75 mmHg diastolici.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Malattie cardiovascolari e Covid-19

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

ESC – Società Europea di Cardiologia, in seguito al meeting del 25 giugno scorso, con il Commissario per la Salute Stella Kyriakides e con i Membri del Parlamento Europeo, ha lanciato un programma concreto di lotta per la prevenzione delle malattie cardiovascolari denominato “Cardiovascular Disease – a Blueprint for EU action”. Nel corso della pandemia da COVID si è verificato un considerevole aumento delle malattie cardiovascolari in particolare di Embolia Polmonare, complicanza più grave della Trombosi Venosa Profonda, infarto e ictus cerebrale. Le CVD sono state la prima causa di morte e di grave invalidità a livello mondiale anche prima di Covid, che ha ulteriormente aggravato lo scenario. Oltre 60 milioni di cittadini dell’UE vivono con le conseguenze di eventi cardiovascolari: a questi ogni anno si aggiungono 13 milioni di nuovi pazienti. Nell’insieme le malattie cardiovascolari (CVD) in particolare causate da Trombosi ed Embolia sono responsabili di 36 morti su 100 e sono la prima causa di morte prematura: fra i cittadini della UE che perdono la vita prima dei 65 anni, 20 su 100 muoiono per un evento cardiovascolare. La relazione pericolosa fra COVID-19 è stata confermata e richiede attenzione e interventi urgenti per molte ragioni: la maggior parte dei pazienti colpiti da COVID -19 aveva una malattia cardiovascolare preesistenteil COVID-19 scatena una risposta infiammatoria che danneggia la parete interna delle arterie, delle vene e del cuore, reazione che scatena la formazione di trombi e di emboli in qualunque distretto del corpo: polmone, cervello, rene, causando embolia, infarti, ictus cerebrale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nobel Peace Prize winner about the widespread use of hydrogen

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 luglio 2020

The world energy industry has reached a fundamentally new level of socio-economic development recently, when the key question has switched from “What do we use for fuel?” to “How do we fuel?”. The industry offers many different energy options from coal to tidal energy. At the same time, humanity makes its choice, turning away from the cheapest and most affordable sources that used to be the trend thirty years ago, to the most environmentally friendly and energy-efficient energy sources. The key global players such as the European Union, Japan, USA, China and Russia are now busy establishing conditions for investment in the development of new energy technologies. One of the most promising options may be the widespread use of hydrogen as fuel and energy storage.
Hydrogen, the first element of the periodic table, seems to have been specifically created to become the ideal fuel. It is the most common element in the entire universe. Its calorific value reaches 120 MJ/kg. It should be noted that methane (the energy resource with the second-best calorific value) yields only 56 MJ/kg. When hydrogen is used, pure water is formed without harmful emissions into the atmosphere, which is fully consistent with the global environmental agenda. This gas has long been used in the oil refining and chemical industries, so humanity has already gained experience working with it. According to the IEA, in total about 69 million tons of hydrogen per year are produced in the world, and 48 million tons are produced annually as a by-product. Japan, the country which is heavily dependent on hydrocarbon imports, is most actively introducing hydrogen technologies. In 2014, they adopted a roadmap for building a “hydrogen-based society”. According to the program, the use of hydrogen should increase from 200 tons in 2018 to 10 million tons in 2050. Even today, Japan already has about 2.5 thousand cars with a hydrogen engine. At the same time, Japan is planning to purchase more hydrogen from Australia. However, this gas will be obtained through oil refining.
At the other end of the world, in Chile, Enel Green Power launched the world’s first 100 percent pure commercial hydrogen-based micro-grid in 2017. The network is fueled by a set of hybrid storage devices consisting of a solar power station, as well as a system of hydrogen and lithium batteries.
Despite the vast geography and diversity of these projects, all of them run up against the need for industrial production of hydrogen, since this gas does not occur in its pure form in nature.
Recently, manufacturers have been trying to improve this technology through the construction of carbon dioxide capture and storage facilities, which turns “gray” projects into “blue”. However, this leads to an increase in capital expenditures up to 80% and boosts the cost of the resulting hydrogen about one and a half times.
Gazprom, the Russian gas concern, has offered the world its vision of developing hydrogen production, which has a number of significant advantages. It is based on the use of pyrolysis and plasma-chemical methods, which allows for decomposition of methane into hydrogen and solid carbon. The latter is a valuable material for the industrial and construction sectors, electrical engineering and electronics. Unlike gaseous carbon dioxide, solid carbon is non-toxic and easy to store. Emission of solid carbon in the process of hydrogen production will not only reduce harmful emissions, but also generate extra income.Methane pyrolysis and plasma-chemical methods for producing hydrogen from natural gas do not lead to direct CO2 emissions. These methods involve the use of methane, but given that the carbon footprint of the Russian gas supplies is minimal, the proposed hydrogen production method can safely be called “green”. Moreover, it is expected to have lower energy costs compared to electrolysis of water.According to the head of the Center for Hydrogen Energy Technologies of the Lithuanian Energy Institute, Darius Milcius, the production of hydrogen by pyrolysis has another significant advantage: the price of the gas so produced is comparable to the price of hydrogen produced by steam conversion. (abstract) (font: https://globalenergyprize.org/en/)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »