Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Archive for 10 luglio 2020

Industria: Istat, produzione maggio -20,3% su anno

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Secondo i dati resi noti oggi dall’Istat, la produzione industriale a maggio scende del 20,3% su base annua e sale del 42,1% su aprile.”Un rimbalzo insufficiente! Dopo che ad aprile si era verificata una caduta annua record del 42,5%, ci poteva essere un rialzo maggiore. Insomma, bene ma non basta. La produzione risulta ancora inferiore, nei dati destagionalizzati, del 20% rispetto a gennaio 2020 e del 19,2% su febbraio 2020, ultimo mese pre-crisi” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Se confrontiamo il livello della produzione di oggi con quello del 2009, l’anno più buio della passata recessione, attualmente è inferiore rispetto a maggio 2009 del 15,6%, percentuale che sale al 32,9% per i beni di consumo durevoli” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Educazione civica, il paradosso di una riforma senza coraggio e a costo zero

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Roma. Oggi 10 luglio alle 14,30 Anief è convocata in delegazione al MI per comunicazioni riguardanti la formazione dei docenti Educazione Civica di cui alla legge n.92/2019. La delegazione è composta da Giovanni Portuesi, componente della segreteria generale nazionale, e da Rodrigo Verticelli, presidente regionale Anief Abruzzo. Nel merito non possiamo non rilevare le forti perplessità sollevate da ANIEF già durante l’iter legislativo della contestata L. 92/2019. La proposta, già avanzata da Anief in audizione presso la VII Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera durante l’esame del disegno di legge, prevedeva l’istituzione della disciplina come materia autonoma, con un minimo annuale aggiuntivo di non meno di 33 ore per la scuola primaria e 66 ore per la secondaria. Per quest’ultimo grado di istruzione, in particolare, si era rilevato come fosse necessaria una preparazione specifica dei docenti; per tale motivo, erano stati indicati gli appartenenti alla classe di concorso A046 con utilizzo prioritario dei docenti che si trovano su potenziamento per valorizzarne le specifiche professionalità.Inoltre Anief aveva chiesto di estendere l’oggetto degli studi alle istituzioni europee: a livello europeo, si ricordava, anzitutto, che la Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 (2006/962/CE), relativa alle competenze chiave per l’apprendimento permanente, ha delineato 8 competenze chiave, tra cui le Competenze sociali e civiche. In particolare, la competenza civica dota le persone degli strumenti per partecipare appieno alla vita civile grazie alla conoscenza dei concetti e delle strutture sociopolitici e all’impegno a una partecipazione attiva e democratica. Più nello specifico, la competenza civica si basa sulla conoscenza dei concetti di democrazia, giustizia, uguaglianza, cittadinanza e diritti civili, anche nella forma in cui essi sono formulati nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e nelle dichiarazioni internazionali e nella forma in cui sono applicati da diverse istituzioni a livello locale, regionale, nazionale, europeo e internazionale.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I Panthers invitano a donare il sangue

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Roma. I Panthers, Gruppo sportivo dell’Università Europea di Roma, invitano alla solidarietà in questo momento difficile per l’emergenza sanitaria. Una delegazione di studenti si è recata presso l’IFO Regina Elena – San Gallicano per donare il sangue. All’iniziativa hanno partecipato membri della squadra di calcio a 5 femminile, basket e volley. L’idea è nata per rispondere all’appello lanciato da EMA-ROMA Associazione Donatori Volontari di Sangue, storico partner dell’ateneo nell’ambito delle attività di Responsabilità Sociale. Con il Covid-19, infatti, le donazioni sono molto diminuite, anche per le difficoltà ad accedere alle strutture ospedaliere.“In questo momento di emergenza il mondo dello sport può dare il buon esempio e promuovere iniziative di solidarietà”, spiega Matteo Anastasi, coordinatore dell’area Sport dell’Università Europea di Roma. “Siamo un’unica famiglia umana e le donazioni di sangue possono rappresentare un contributo prezioso per salvare tante vite. Per questa ragione i Panthers (le Pantere) si uniscono all’appello di EMA-ROMA e invitano tutti a dare il proprio contributo”. Il sito di EMA-ROMA è http://www.emaroma.it

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sanità pubblica: i deputati europei vogliono un ruolo più forte per l’UE

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Brussels. In un dibattito sulla strategia UE per la sanità pubblica, i deputati hanno affermato che il COVID-19 dimostra che l’UE ha bisogno di più strumenti per affrontare le emergenze sanitarie.Una risoluzione sulla strategia dell’UE per la salute pubblica dopo il COVID-19 sarà messa ai voti venerdì pomeriggio, i risultati saranno resi noti alle 18.00.Nel dibattito in plenaria di mercoledì sera con la Commissaria per la Salute Stella Kyriakides e il Consiglio, i deputati hanno sottolineato la necessità di trarre le giuste lezioni dalla pandemia. Molti hanno sostenuto la necessità di dare all’UE un ruolo molto più forte nel settore della salute.Pur sottolineando che l’attuale pandemia è ancora lontana dall’essere superata, i deputati hanno affermato la necessità di garantire che i sistemi sanitari in tutta l’UE siano meglio attrezzati e coordinati per affrontare future minacce sanitarie, poiché nessuno Stato membro può far fronte a una pandemia da solo.Diversi deputati hanno inoltre affermato che un ruolo più forte dell’UE nell’area della salute pubblica deve includere misure per affrontare la carenza di farmaci e di attrezzature protettive a prezzi accessibili, nonché il sostegno alla ricerca. Infine, alcuni deputati hanno chiesto che le agenzie sanitarie europee ECDC e EMA siano rafforzate, mentre altri hanno sostenuto la necessità di un’Unione europea della Salute con standard minimi comuni.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European Parliament want the EU to play a stronger role in improving public health

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Bruxelles. In a debate on the EU’s future public health strategy, MEPs said COVID-19 has shown that the EU needs stronger tools to deal with health emergencies.
In the plenary debate with Health Commissioner Stella Kyriakides and the Council, preceding Friday’s vote on a resolution on the EU’s public health strategy post-COVID-19, MEPs highlighted the need to draw the right lessons from the COVID-19 crisis. Many argued for the need to give the EU a far stronger role in the area of health.While emphasising that the current pandemic is still far from over, MEPs underlined the need to ensure that health systems across the EU are better equipped and coordinated to face future health threats as no member state can deal with a pandemic such as COVID-19 alone.Several MEPs mentioned that a stronger EU role in the area of public health must include measures to tackle shortages of affordable medicines and protective equipment as well as support to research.
Some MEPs requested that the European health agencies ECDC and EMA be strengthened, while others argued for the need for a European Health Union with EU minimum standards.The vote on the resolution will take place on Friday afternoon, with results being announced at 18.00.
Primary responsibility for public health and, in particular, healthcare systems lies with the member states. However, the EU has an important role to play in improving public health, preventing and managing diseases, mitigating sources of danger to human health, and harmonising health strategies between member states.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

European Parliament: Plenary session

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Bruxelles. Friday, 10 July. Srebrenica. MEPs will pay tribute to the victims of Srebrenica, marking the 25th anniversary of one of Europe’s worst massacres since World War II, in a debate with Commissioner Olivér Várhelyi at 09.15.
European culture. From around 09.45, MEPs are set to ask the Commission Vice-President Margaritis Schinas to come up with a plan to help the EU’s cultural and creative sector, hit hard by the pandemic.
Cohesion policy. MEPs will debate from around 10.30 the role of cohesion policy in tackling the socio-economic impact of COVID-19, with Commissioner Elisa Ferreira.
Health. Following Wednesday’s debate, MEPs will adopt at 18.00 a resolution on “The EU’s public health strategy post-COVID-19”.
Money Laundering. At 18.00, MEPs will adopt a resolution on “Preventing money laundering and terrorist financing”, following Wednesday’s debate.
Chemicals. Following yesterday’s debate, MEPs will adopt at 18.00 a resolution on a “Chemicals strategy for sustainability”.
Votes and results:.The results of the votes that took place on Thursday evening will be announced at 09.00, on, among other things:
• Protecting the EU’s financial interests and combating fraud, and
• Humanitarian situation in Venezuela and the migration and refugee crisis, and
• Activities of the European Investment Bank.
Also at 09.00, the names of MEPs who will be sitting on the subcommittee on tax matters, the committee of inquiry on animal transport and on the special committees on cancer, on artificial intelligence and on foreign interference and disinformation in the EU will be announced.The first voting session starts today at 9.45, with votes being announced at 13.30, on, among other things,
• Guidelines for the employment policies of the member states,
• European approach to energy storage, and
• Revision of the guidelines for trans-European energy infrastructure.
The second and final voting session starts at 14.15, with results being announced at 18.00.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

European Parliament adopts major reform of road transport sector

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Bruxelles. MEPs endorsed all three legal acts without any amendments, as adopted by EU ministers in April 2020. The political agreement with the Council was reached in December 2019. The revised rules for posting of drivers, drivers’ driving times and rest periods and better enforcement of cabotage rules (i.e. transport of goods carried out by non-resident hauliers on a temporary basis in a host member state) aim to put an end to distortion of competition in the road transport sector and provide better rest conditions for drivers.
The new rules will help to ensure better rest conditions and allow drivers to spend more time at home. Companies will have to organise their timetables so that drivers in international freight transport are able to return home at regular intervals (every three or four weeks depending on the work schedule). The mandatory regular weekly rest cannot be taken in the truck cab. If this rest period is taken away from home, the company must pay for accommodation costs.
Vehicle tachographs will be used to register border-crossings in order to tackle fraud. To prevent systematic cabotage, there will be a cooling-off period of four days before more cabotage operations can be carried out within the same country with the same vehicle.To fight the use of letterbox companies, road haulage businesses would need to be able to demonstrate that they are substantially active in the member state in which they are registered. The new rules will also require trucks to return to the company’s operational centre every eight weeks. Using light commercial vehicles of over 2.5 tonnes will also be subject to EU rules for transport operators, including equipping the vans with a tachograph.
The new rules will give a clear legal framework to prevent differing national approaches and ensure fair remuneration for drivers. Posting rules will apply to cabotage and international transport operations, excluding transit, bilateral operations and bilateral operations with two extra loading or unloading.The adopted rules will enter into force after they are published in the Official Journal of the EU in the coming weeks.The rules on posting will apply 18 months after the entry into force of the legal act. The rules on rest times, including the return of drivers, will apply 20 days after publication of the act. Rules on return of trucks and other changes to market access rules will apply 18 months after the entry into force of the act on market access.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Deadline extension for European Citizens’ Initiatives approved

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Bruxelles. MEPs approved the changes ensuring that the EU’s participatory democracy instrument will not be unduly impacted by the coronavirus pandemic.
After a swift trilogue and committee approval process, the Commission proposal to extend ECI deadlines, including significant Parliament-driven improvements, was approved on Thursday with 684 votes in favour, 7 against and 3 abstentions.
The new rules retroactively extend time limits to collect, verify and examine European Citizens’ Initiatives affected by COVID-19 as follows:
• Six-month extensions will be given for the collection of statements of support for initiatives whose signature collection was ongoing on 11 March 2020. Where the collection of statements of support started between 11 March and 11 September 2020, the maximum collection period will run until 11 September 2021.
• Member states can request an extension of the verification period (by one to three months) in case they cannot complete the process in time.
• EU institutions can defer the organisation of meetings with ECI organisers (a Commission obligation, normally within one month after submission of a successful initiative) and public hearings (organised by the Parliament within three months after submission) for as soon as the public health situation allows.In case of a second wave
The Commission can further prolong applicable collection periods if the situation continues to be difficult after 11 September 2020, or if lockdown measures are reintroduced in the future. Each such extension will be for three months, with a maximum total collection period of 24 months.
On this point, Parliament successfully negotiated improvements to the original proposal: the threshold required for this kind of extension has been lowered, from a majority of member states with pandemic-related measures in place, down to a quarter – or, in any case, states representing more than 35% of the population of the Union.
MEPs also insisted that the remote participation of ECI organisers in hearings or meetings should be foreseen, at the organisers’ discretion.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Orchestraccia in concerto nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Roma 14 Luglio alle ore 21.00 Cavea – Parco della Musica. Torna a grande richiesta l’Orchestraccia in concerto nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica il nell’ambito di Auditorium Reloaded. L’orchestraccia è un gruppo itinerante delirante folk-rock romano che nasce dall’idea e dalla voglia di attori e cantanti e musicisti di unire le loro esperienze reciproche e confrontarle cercando una forma innovativa di spettacolo nel panorama italiano, una forma che comprenda musica e teatro in una lettura assolutamente attuale. Lo spunto è stato prendere dal folk degli autori romani tra Ottocento e Novecento tutte quelle canzoni e poesie che sono patrimonio della cultura italiana. Dimostrando la loro attualità e la loro freschezza rivisitandone gli arrangiamenti, canzoni come “Alla renella” sembrano scritte oggi, così come le poesie di Trilussa ( L’elezione del presidente, Le cose come stanno ), delineando il ritratto di un paese che evidentemente nei confronti degli oppressi e delle fasce più deboli si è sempre comportato in una maniera prevaricatrice ed arrogante. A tutto questo si aggiungono anche degli inediti, che ben si sposano alle storie dei ragazzi di oggi che non riescono a trovare una casa o un lavoro per farsi una famiglia, oppure dolci ballate d’amore dell’Ottocento, quando gli amori dei poveri erano amori proibiti. Usando delle misture di suono estremamente moderne, dal dub, al punk-rock al patchanka, l’Orchestraccia fa cantare, ballare, ridere, riflettere, commuovere. In una continua ricerca, l’Orchestraccia aggiunge al proprio repertorio brani ed opere (e spesso anche ospiti!) propri della città in cui si esibisce, per dimostrare che soprattutto in Italia alcuni autori (per citare un esempio “Ho visto un re” di Fo, in paragone a Belli), anche se logisticamente distanti, trattano tematiche simili ed attuali! Un nuovo modo di vedere le distanze quindi, non più come divisione, ma come arricchimento del patrimonio culturale. L’Orchestraccia è composta da: Marco Conidi ( cantautore/attore), Giorgio Caputo ( attore), Luca Angeletti ( attore), Guglielmo Poggi (attore) Fabrizio Lo Cicero ( percussioni), Salvatore Romano ( chitarra) Gianfranco Mauto ( Pianoforte/fisarmonica), Alessandro Vece ( violino), Alessio Guzzon ( Tromba), Claudio Mosconi (basso), Fate Pietro( Batteria) e Angelo Capozzi ( chitarra/ukulele). Biglietti: €28 Platea numerata compresa prevendita – € 20 tribuna numerata http://www.ticketone.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto Limelight Networks

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Mentre le persone trascorrevano la quarantena nelle proprie case, il consumo di video online ha permesso loro di passare il tempo attraverso nuove forme interattive di intrattenimento. Con i tradizionali campionati sportivi sospesi, quasi un terzo dei consumatori a livello mondiale e a livello italiano (31%) ha avuto la sua prima esperienza di e-Sport durante la pandemia. Con la cancellazione di molti altri eventi live, quasi la metà dei consumatori globali (44%; 39% in Italia) ha partecipato al suo primo concerto virtuale. E anche l’esercizio fisico sta diventando virtuale, dato che le strutture sportive hanno ancora accessi limitati. Infatti, a livello globale il 31% (23% in Italia) degli intervistati ha già partecipato a un corso di fitness online e un altro 24% (28% in Italia) ha in programma di farlo nel corso dei prossimi sei mesi.Ulteriori insight contenuti nella ricerca includono:
I video online riempiono il vuoto lasciato dalle limitate interazioni sociali dal vivo. A livello globale, nove persone su dieci (89%; 85% in Italia) usano le video chat per sentirsi più connessi, rispetto al 61% (60% in Italia) prima del COVID-19.
I consumatori utilizzano i video online per accedere a informazioni cruciali. La gran parte delle persone (70%; 69% in Italia) ha utilizzato i video online per rimanere informata, guardando i discorsi in diretta e le conferenze stampa durante la pandemia: il 44% (45% in Italia) in diretta sui siti di notizie, il 26% (24% in Italia) in diretta sui social media. Perfino i baby boomer (63%) si sintonizzano su notizie e informazioni online in diretta streaming.
Il lavoro da remoto e lo sviluppo professionale si basano sui video online. Poiché la pandemia ha costretto i consumatori a lavorare in smart working, il 79% (78% in Italia) delle persone concorda sul fatto che i video online contribuiscono allo svolgimento delle proprie attività quotidiane. Un terzo dei consumatori globali (33%; 34% in Italia) lavora per la prima volta da casa e afferma che i video online li abbiano aiutati a rimanere in contatto con i colleghi (24%; 23% in Italia) e a lavorare più efficientemente (36%; 43% in Italia). Più della metà (58%; 63% in Italia) ha utilizzato o prevede di utilizzare i video online per il proprio sviluppo professionale o per acquisire una nuova competenza. La maggior parte (83%; 82% in Italia) delle persone crede che l’apprendimento basato sui video continuerà anche nel mondo post-COVID.
La pandemia ha innescato un rapido aumento della telemedicina in tutto il mondo. Più di un quinto (22%; 20% in Italia) delle persone ha recentemente incontrato virtualmente il proprio medico. Ci si aspetta che questa tendenza duri anche dopo la pandemia, con un altro quarto (27%; 31% in Italia) degli intervistati a livello globale che prevede di partecipare ad appuntamenti medici online nei prossimi sei mesi. L’uso della telemedicina è più elevato in India, dove l’81% dei consumatori ha incontrato o ha in programma di incontrare virtualmente il proprio medico.
La ricerca “How Video is Changing the World” si basa sulle risposte di 5.000 consumatori di età pari o superiore ai 18 anni in Francia, Germania, India, Italia, Giappone, Scandinavia, Singapore, Corea del Sud, Regno Unito e Stati Uniti, che guardano un’ora, o più, di video online ogni giorno. La ricerca completa è disponibile qui.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anziani: Allerta caldo

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Non solo Covid: con l’estate crescono le condizioni di rischio per la salute dei nostri anziani. Due i nemici principali: le ondate di calore appunto, che incidono direttamente sulla salute delle persone fragili, i malati cronici, gli anziani, e la solitudine, che per diverse cause colpisce maggiormente in questa stagione molti over 65. Il Ministero della Salute ha attivato, anche quest’anno, il sistema di rilevazione delle ondate di calore, e il primo consiglio è ovviamente quello di consultarlo costantemente per sapere quali saranno le giornate più a rischio e adottare di conseguenza un comportamento adeguato.Ecco il decalogo di Senior Italia FederAnziani per far fronte all’emergenza caldo:
1) Non uscire nelle ore più calde della giornata, ovvero dalle 12 alle 17.
2) Bere almeno un litro e mezzo di liquidi al giorno, in modo da reintegrare le perdite quotidiane di sali minerali. Evitare bevande alcoliche, gassate, troppo zuccherate e troppo fredde. Non eccedere con caffè o tè.
3) Consumare pasti leggeri. Preferire pasta, frutta, verdura, gelati alla frutta. Evitare cibi grassi e piccanti.
4) Arieggiare l’ambiente dove si vive, anche con l’uso di un ventilatore, evitando di esporsi alla ventilazione diretta.
5) Tenere il capo riparato dal sole.
6) Indossare abiti leggeri, non aderenti, di colore chiaro e tessuti naturali perché le fibre sintetiche ostacolano il passaggio dell’aria.
7) Non esporsi al sole in modo prolungato. Se, in seguito a un’eccessiva esposizione, dovesse insorgere mal di testa, fare impacchi con acqua fresca per abbassare la temperatura corporea.
8) Non restate all’interno di automobili parcheggiate al sole.
9) Non interrompere le terapie mediche, né sostituire i farmaci che si assumono abitualmente, di propria iniziativa. Consultare sempre il medico per ogni eventuale modifica delle cure che si stanno seguendo.
10) Se è possibile, è consigliabile andare in vacanza in località collinari o termali.
E infine, undicesima e non meno essenziale regola, l’esortazione di Senior Italia FederAnziani rivolta ai familiari, amici, figli, nipoti dei nostri insostituibili ‘nonni’: “Non lasciateli soli!”, dichiara il Presidente Messina.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ecobonus amministratori di condominio lanciano l’allarme

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

«In mancanza di dati definitivi, certi e ufficiali è impossibile fare delibere e previsioni». Esprime così la preoccupazione di perdere un’opportunità storica per l’efficientamento del patrimonio edilizio nazionale Leonardo Caruso, presidente di Anaci Milano e vicepresidente nazionale dell’associazione. «Nessuna linea di indirizzo è stata data per i condomini – prosegue Caruso- nonostante il parco edilizio italiano sia abbastanza vetusto e necessiti di interventi di ammodernamento e riqualificazione energetica per diventare più efficienti e meno inquinanti, ma in queste condizioni è impossibile andare in assemblea a proporre interventi ai cittadini».Mentre prosegue il lavoro alla Camera per la conversione in legge del Decreto Rilancio, in molti ancora aspettano ulteriori informazioni da parte del Governo per avere un quadro chiaro e definitivo per gli incentivi fiscali per l’efficienza energetica (Ecobonus), Sisma Bonus, Fotovoltaico e colonnine di ricarica di veicoli elettrici. Resta ancora tutto fermo in attesa della nuova legge, nonostante le detrazioni fiscali del 110% siano già operative per le spese sostenute dall’1 luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021. Ciò che manca sono i provvedimenti attuativi che consentiranno di scegliere di usufruire immediatamente dello sconto in fattura o della cessione del credito.«L’auspicio- conclude il presidente di Anaci Milano e vicepresidente nazionale dell’associazione – è che si arrivi, in tempi brevi, a definire modalità e procedure per garantire quell’accesso al credito che consenta all’amministratore di avviare per tempo le procedure utili all’ammodernamento dei condomini prima che sia troppo tardi in relazione alla scadenza dei termini per la presentazione delle domande».

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un nuovo Piano nazionale per mercati ortofrutta

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

“L’importante ruolo dei mercati, che è al centro del dibattito sull’organizzazione della filiera distributiva dei prodotti dell’ortofrutta, è stato oggetto di un convegno organizzato oggi da Fratelli d’Italia in collaborazione con Fedagromercati. E’ sempre più evidente che occorra un nuovo Piano nazionale capace di rivedere la logistica dei mercati e il loro stesso ruolo. I mercati, infatti, possono dare un importante contributo su diversi fronti nell’affrontare quelle criticità che proprio in questo periodo di lockdown sono emerse con maggiore evidenza: dal controllo della qualità dei prodotti a un piano infrastrutturale che preveda investimenti sia sulle strutture e sia sulle vie di comunicazioni per non creare cattedrali nel deserto. C’è poi il tema dell’innovazione tecnologica che può permettere ai mercati di porsi al centro della filiera distributiva attraverso un approccio virtuoso grazie ad un controllo dei prezzi degli stessi prodotti senza dimenticare il controllo della qualità dei prodotti, elemento qualificante anche per la tutela dei prodotti italiani. Questo potrà consentire di evitare di danneggiare tanto i produttori quanto i consumatori, che molto spesso sono o penalizzati, i primi, oppure soggetti a prodotti con prezzi spropositati, i secondi. Infine, il tema della legalità che non va dimentica ma nemmeno declinato in maniera propagandistica, come ha fatto in questo ultimi mesi il ministro Bellanova. Riorganizzare i mercati, infatti, significa anche eliminare all’interno della filiera quelle pratiche scorrette e sleali impendendo che queste favoriscano le infiltrazioni della criminalità organizzata. Ecco per Fratelli d’Italia è tempo di un Piano nazionale che ridisegni la nostra filiera”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Patrizio La Pietra, capogruppo in Commissione Agricoltura.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Immigrazione, agricoltura e mercato nero

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

“Il ministro Bellanova insiste nel sostenere che la sanatoria dai lei fortemente voluta possa risolvere i problemi della mancanza di manodopera in agricoltura. Inutile ripetere che la sanatoria non servirà a dare soluzione al problema che si sta, di fatto, risolvendo da solo con il rientro delle maestranze specializzate che tutti gli anni arrivano da altri paesi in un sistema ormai collaudato. Inutile ripetere che la sanatoria non farà emergere il lavoro nero, che si combatte con mezzi diversi, ma contrariamente sta creando un vero e proprio mercato ‘nero’ dei permessi. Occorre invece dire con chiarezza che bisogna aiutare e facilitare, dove possibile, gli stranieri che in Italia arrivano regolarmente rispettando le regole. Quelli sono coloro che devono essere tutelati affinché non cadano nelle maglie della malavita e dell’illegalità. Quello che va premiata è la legalità non viceversa. Il ministro si concentri sui veri problemi degli agricoltori e lasci stare la demagogia, l’unica cosa veramente invisibile sono le risorse e la mancanza di direttive chiare”. E’ quanto dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Patrizio La Pietra.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come creare reti WiFi affidabili nelle scuole per studenti e insegnanti

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Entro il 30 settembre 2020, insegnanti, personale IT e dirigenti scolastici dovranno scegliere come utilizzare le risorse stanziate dal Decreto Rilancio che include anche, ad esempio, le spese relative all’acquisto e/o noleggio e leasing di hardware, comprensivi di servizi di installazione e formazione per utilizzo, servizi di manutenzione di hardware, software e altri sistemi informatici e acquisto licenze software.In ambito connettività, Netgear, offre sia per l’ambiente domestico sia per quello lavorativo, soluzioni in grado di rispondere in maniera puntuale alle esigenze attuali e del futuro del mercato.
Il portafoglio Netgear comprende infatti soluzioni hardware come access point wireless avanzati e semplici da gestire che possono essere combinati e abbinati a switch, router e storage di rete per offrire agli istituti scolastici le funzionalità WiFi necessarie per lo svolgimento di lezioni, invio compiti e archivio. Soddisfano anche tutte le altre esigenze legate al WiFi: rete WiFi estesa e aperta a tutti, velocità, sicurezza integrata per proteggere studenti e dati riservati, una facilità di installazione che non richiede interventi strutturali e, soprattutto, investimenti minimi di capitale. Oltre alla facilità d’uso dell’hardware è importante per le scuole poter fare affidamento su soluzioni software che semplifichino la gestione della rete WiFi da parte del responsabile IT e installatori. Netgear Insight Pro è la soluzione cloud-based che permette ai responsabili IT di scuole, anche su più sedi, installatori e rivenditori di gestire le reti completamente da remoto, senza la necessità di recarsi fisicamente a scuola: questo significa che installazioni, diagnostica, risoluzione dei problemi, analisi e persino modifiche alle configurazioni possono essere gestite ovunque ci si trovi, sia via web che persino da uno smartphone.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fixed Income – Il credito corporate si tinge di verde

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

A cura di Stéphane Rüegg, Senior Client Portfolio Manager di Pictet Asset Management. Il mercato obbligazionario dei green bond sta prendendo quota, destinato a crescere sempre di più. Ma gli investitori devono prestare attenzione.Il mercato dei green bond, le cosiddette “obbligazioni verdi”, è in pieno sviluppo. La domanda di investimenti a favore dell’ambiente è aumentata di pari passo con la crescente consapevolezza dell’importanza di controllare il cambiamento climatico e l’inquinamento, di impedire l’erosione della biodiversità e garantire un futuro sostenibile.Ma come ogni classe di attivi che prende quota, gli investitori devono essere consapevoli delle possibili trappole.Una decina di anni fa, il mercato dei green bond esisteva a malapena. Ma a fine aprile 2020 valeva già 347 miliardi di dollari.
In sintesi, i green bond rappresentano il debito raccolto per finanziare progetti di natura ambientale. Parte della loro attrattiva è legata all’aspetto normativo: i governi inclini a incoraggiare i progetti “green” spesso offrono agevolazioni fiscali a chi detiene questi strumenti. Ma sono anche interessanti perché segnalano quella lungimiranza di gestione che tende a corrispondere al successo aziendale nel lungo termine. Le aziende hanno il vantaggio che la richiesta di queste obbligazioni tende a diversificare la loro base di investitori. E i dati suggeriscono che gli investitori in green bond tendono ad assumersi un impegno maggiore e a detenere questi strumenti più a lungo rispetto al debito convenzionale.
Un aspetto interessante per gli emittenti di queste obbligazioni consiste nella loro scadenza più lunga, il che significa che il rifinanziamento può essere meno frequente. Infatti, i green bond (societari e governativi) hanno una duration media di poco inferiore agli 8 anni, rispetto ai 7,2 anni del debito societario investment grade globale, forse per via del fatto che i progetti ambientali hanno orizzonti temporali più lunghi.
A complicare le cose c’è il modo in cui alcuni emittenti stanno ulteriormente suddividendo questa classe di titoli, creando ad esempio ‘blue bond’ ossia obbligazioni relative agli investimenti nel settore idrico, o ‘transition bond’, ossia obbligazioni che promuovono la transizione verso un’economia a bassa produzione di carbonio. Un codice di settore volontario stabilisce cosa qualifica come “verde” un’obbligazione, che è poi sottoposta a verifica e approvazione da parte del Climate Bonds Standard and Certification Scheme. Questa, a sua volta, è rafforzata da un secondo parere emesso da agenzie indipendenti, come Sustainalytics, che rivedono la componente “green” dell’obbligazione.Infine, anche le agenzie governative vengono coinvolte. L’Unione Europea ha aperto la strada a dicembre 2019 adottando regole che disciplinano quali prodotti finanziari si qualificano come “verdi” o “sostenibili”. Queste regole richiedono alle aziende di comunicare che percentuale dei loro investimenti è ecocompatibile o sostenibile. Solo il 17% del valore di mercato dei green bond presenti nell’MSCI Green Bond Index soddisfarebbe i requisiti del Green Bond Standard dell’Unione Europea (EU GBS).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

FORUM PA: indagine lavoro pubblico

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Entro il 2021 la PA italiana potrebbe avere più pensionati che dipendenti, per il continuo calo del personale e un equilibrio fra ingressi e uscite che, nonostante lo sblocco del turnover, non è ancora stato raggiunto. A fronte di 3,2 milioni di impiegati pubblici italiani (in termini assoluti il 59% in meno di quelli francesi, il 65% di quelli inglese, il 70% di quelli tedeschi) i pensionati pubblici sono già 3 milioni. Un numero in crescita costante e destinato a salire perché i “pensionabili” oggi sono molti: 540mila dipendenti hanno già compiuto 62 anni di età (il 16,9% del totale), mentre 198mila hanno maturato 38 anni di anzianità. La pensione anticipata è stata parzialmente accelerata da Quota 100, nel 2019 sono uscite anticipatamente dalla PA 90 mila persone, ma è comunque prassi comune: il 57,7% dei pensionati pubblici attuali ha optato per il ritiro anticipato, solo il 13,7% per raggiunti limiti di età (mentre questa percentuale è il 20% nel privato e il 28% negli autonomi).
Risultato: solo dal 2018 a oggi sono andati in pensione 300mila dipendenti pubblici a fronte di circa 112mila nuove assunzioni e 1.700 stabilizzazioni di precari, nel solo 2018. C’è lo sblocco del turnover, ma le procedure sono lente e la media dei tempi tra emersione del bisogno e effettiva assunzione dei vincitori dei concorsi è di oltre 4 anni. E così, con in più il blocco imposto dal covid-19, da settembre del 2019 ad oggi sono state messe a concorso meno di 22mila posizioni lavorative: di questo passo ci vorrebbero oltre dieci anni a recuperare i posti persi.È quanto evidenzia la ricerca sul lavoro pubblico presentata oggi in apertura di “FORUM PA 2020 – Resilienza digitale”, la manifestazione dedicata ai temi dell’innovazione e della trasformazione digitale come risposta alla crisi, organizzata da FPA, società del Gruppo Digital360, che si apre oggi fino all’11 luglio in un’edizione totalmente online.La fotografia tracciata dall’indagine di FPA è quella di una PA anziana, in cui l’età media del personale è di 50,7 anni, con il 16,9% di dipendenti over 60 e appena il 2,9% under 30. Una PA in cui 4 dipendenti su 10 hanno la laurea, ma gli investimenti in formazione – necessari per aggiornare competenze e conoscenze – si sono quasi dimezzati in dieci anni, passando dai 262 milioni di euro del 2008 ai 154 milioni del 2018: 48 euro per dipendente, che consentono di offrire in media un solo giorno di formazione l’anno a persona.In questo scenario, c’è un’importante novità: il ricorso (forzato) allo smart working durante l’emergenza covid-19 per la gran parte dei dipendenti pubblici è stata un’esperienza positiva, che ha portato – secondo un recente sondaggio di FPA – in qualche caso addirittura a un aumento di produttività: per 7 lavoratori su 10 è stata assicurata totale continuità al lavoro, per il 41,3% l’efficacia è persino migliorata; per il 61% la nuova cultura di flessibilità e cooperazione prevarrà anche finita l’emergenza. Ma lo Smart Working ha significato anche una notevole riduzione di sprechi, quantificabili in 135 milioni di ore di spostamenti in meno nei tre mesi di lockdown, pari a 1 miliardo di km non percorsi, 400 milioni di euro di benzina risparmiati e 127mila tonnellate di CO2 in meno nell’atmosfera, oltre al 30% di costi in meno a carico della PA tra consumi energetici, gestione delle mense e pulizie dei locali. Se, come indicato dal Ministro della PA Dadone, si riuscirà a raggiungere l’obiettivo di almeno il 40% di dipendenti in smart working per 2-3 giorni alla settimana, si potrebbero risparmiare 128 milioni di ore di spostamenti, 121mila tonnellate di CO2 nell’atmosfera, 384 milioni di euro di carburante e oltre 1 miliardo di km l’anno.“I lavoratori pubblici italiani oggi sono pochi, anziani e poco qualificati – afferma Gianni Dominici, Direttore Generale di FPA –. Sono positive le nuove norme che accelerano i concorsi, ma se si opterà su un semplice rimpiazzo del personale invece che su assunzioni basate sull’individuazione dei fabbisogni c’è il rischio di sprecare un’occasione irripetibile: è importante assumere presto, ma soprattutto bene. Lo smart working nell’emergenza covid-19, nonostante le difficoltà, ha rappresentato un’occasione straordinaria per scongelare una PA orientata più all’adempimento burocratico che ai risultati, ma anche per testare una significativa riduzione di sprechi e di costi: l’obiettivo di almeno 40% di dipendenti in smart working per 2-3 giorni alla settimana rappresenta da un lato una grande opportunità di introdurre una nuova cultura basata sull’innovazione, dall’altro una spinta perché la PA possa raggiungere importanti traguardi di sostenibilità”. “Come certifica anche il DESI, l’indice della Commissione europea che nel 2020 ci colloca al 25º posto fra 28 Stati UE nell’attuazione dell’Agenda digitale, l’Italia è ancora ben poco digitale – dice Andrea Rangone, Presidente di Digital360 –. Anche la PA italiana è ancora molto in ritardo, come ha dimostrato chiaramente l’emergenza covid-19: solo quelle amministrazioni che avevano già investito in digitalizzazione e capitale umano sono state reattive alla crisi e in grado di continuare a lavorare anche in smart working. La trasformazione digitale della PA è fondamentale per la ripartenza del Paese e questa passa anche dalla crescita delle competenze digitali dei dipendenti pubblici, sulla cui formazione si registra purtroppo ancora un gap da recuperare”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rapporto di ACS sull’Iraq

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

La fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre ha pubblicato il rapporto “Life after ISIS: New challenges to Christianity in Iraq”. Lo studio esamina le minacce che incombono attualmente sui cristiani iracheni tornati nelle loro case della Piana di Ninive dopo la drammatica persecuzione del 2014, riconosciuta internazionalmente come genocidio. Secondo il rapporto se la comunità internazionale non interverrà tempestivamente l’emigrazione forzata, nell’arco di 4 anni, potrebbe ridurre la popolazione cristiana dell’80% rispetto a quella precedente l’aggressione dell’ISIS. Ciò farebbe passare la comunità cristiana locale dalla categoria “vulnerabile” a quella critica di “a rischio estinzione”. Il 100% dei cristiani presenti nell’area avverte la mancanza di sicurezza e l’87% di loro aggiunge di percepire tale mancanza “moltissimo” o “notevolmente”. Le ricerche indicano la violenta attività delle milizie locali e la possibilità di un ritorno del sedicente Stato Islamico quali maggiori cause di timore. Secondo il 69% degli intervistati questa è la causa principale di una possibile migrazione forzata. La Shabak Militia e la Babylon Brigade, le due principali milizie attive nella Piana di Ninive con il supporto iraniano, suscitano le maggiori preoccupazioni. Tali milizie operano con il permesso del governo iracheno perché hanno contribuito alla vittoria sull’ISIS, tuttavia il 24% degli intervistati afferma che «le famiglie hanno subito gli effetti negativi dell’attività di una milizia o di altri gruppi ostili». «Molestie e intimidazioni, spesso legate alla richiesta di denaro», rappresentano le più comuni forme di ostilità riferite.Oltre alla mancanza di sicurezza i cristiani indicano disoccupazione (70%), corruzione finanziaria e amministrativa (51%) e discriminazione religiosa (39%) a livello sociale quali altrettante minacce che inducono alla migrazione. I contrasti fra il governo centrale di Baghdad e quello regionale del Kurdistan, aventi ad oggetto determinate aree a maggioranza cristiana, aumentano il senso di insicurezza.
Non ci sono solo ombre, ma anche luci confortanti. Secondo dati aggiornati ad aprile 2020 il 45% delle famiglie cristiane ha fatto ritorno nella Piana di Ninive, anche se in molti casi è tornata solo parte dei componenti, e nonostante un diffuso stato di segregazione dei nuclei familiari. Questa evoluzione complessivamente positiva è frutto del piano di recupero di lungo termine curato da Aiuto alla Chiesa che Soffre insieme ad altre Organizzazioni al fine di gestire la ricostruzione dei centri cristiani aggrediti dalla furia jihadista. La fondazione pontificia è attualmente impegnata in una nuova fase di tale piano, e cioè la ricostruzione delle strutture gestite dalla Chiesa nei centri cristiani della Piana. Delle 363 strutture interessate (34 totalmente distrutte, 132 incendiate e 197 parzialmente danneggiate), l’87% hanno anche funzioni sanitaria, di sostegno sociale ed educativa.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

48° edizione dell’Osservatorio sul Credito al Dettaglio

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Lo studio ha evidenziato che, mentre nel 2019 i flussi di credito al consumo hanno mostrato una crescita in linea con l’anno precedente e con l’evoluzione del valore dei beni di consumo durevoli (+5.9% rispetto al 2018), nei primi mesi del 2020, a seguito del diffondersi della pandemia da Covid-19, si rileva, invece, una riduzione a doppia cifra delle erogazioni (-27.8% rispetto allo stesso periodo di un anno prima). Il trend ha coinvolto tutte le forme tecniche, ma le più colpite risultano i finanziamenti finalizzati all’acquisto di auto/moto (-39% circa nei primi quattro mesi del 2020), anche per la chiusura dei concessionari, e i prestiti personali, che scontano anche le limitazioni alle aperture degli sportelli/filiali degli operatori eroganti (-32%). Hanno invece mostrato una maggiore resilienza quelli destinati all’acquisto di elettrodomestici/elettronica, grazie all’e-commerce e ai finanziamenti per prodotti informatici, di cui si sono dotate le famiglie per adeguarsi alle maggiori esigenze di digitalizzazione, e i finanziamenti destinati agli acquisti di impianti “green” e di beni per l’efficientamento energetico della casa.
Le erogazioni di mutui immobiliari alle famiglie, dopo il calo del 2019 (-9.2%), nei primi due mesi del 2020 sono state particolarmente brillanti, grazie a condizioni di mercato ancora favorevoli e alla convenienza del tasso fisso. Il lockdown ha determinato, invece, una contrazione dei mutui di acquisto (-9.7%), a seguito dello stop delle compravendite di immobili residenziali.Il rischio di credito non ha ancora risentito dello shock economico che ha investito il Paese. Nello specifico, il tasso di default del credito al dettaglio considerato nel suo complesso (quindi mutui immobiliari e credito al consumo) rimane stabile all’1.6% ad aprile 2020.Le previsioni per il 2020 e il successivo biennio presentate nell’ultima edizione dell’Osservatorio Assofin-CRIF-Prometeia indicano che, dopo le difficoltà del 2020 dovute agli impatti della pandemia, i flussi di credito alle famiglie riprenderanno a crescere nei successivi due anni, anche grazie alla ripresa del quadro macroeconomico che alimenterà la domanda e a condizioni ancora favorevoli di funding.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Arrivo in Italia di una nuova società di asset management

Posted by fidest press agency su venerdì, 10 luglio 2020

Ofi Asset Management, società di gestione risparmio francese leader negli investimenti sostenibili, entra sul mercato italiano per crescere in Europa puntando sui segmenti wholesale & advisory. L’asset manager francese, che gestisce masse per 72 miliardi di euro, arriva nel nostro Paese dopo il grande successo ottenuto in Francia sia sul fronte istituzionale che in quello retail.Da anni infatti i fondi di Ofi Asset Management che coprono le principali asset class e aree geografiche, sono apprezzati dagli investitori, soprattutto per l’approfondito approccio SRI che la società francese ha sviluppato in più di 20 anni di esperienza negli investimenti responsabili. Oltre il 75% dell’AuM di Ofi AM è oggi gestito secondo criteri SRI, e da tre anni la società ottiene dal PRI – Principles for Responsible Investments – il rating massimo (A+).Tra le soluzioni di investimento che la società propone ai canali wholesale & advisory spiccano quattro strategie:
OFI RS Equity Climate Change, fondo azionario che investe nelle aziende europee maggiormente coinvolte nelle tematiche ambientali e promuove le imprese che adottano un approccio attivo nella transizione energetica ed ecologica;
OFI Fund RS European Equity Positive Economy, anch’esso azionario e focalizzato sull’Europa, si concentra sulle aziende impegnate nella protezione dell’ambiente e delle persone, sulla base della loro esposizione all’economia positiva e del loro contributo al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU;OFI Financial Investment – RS European Convertible Bond, che investe in obbligazioni convertibili europee selezionando aziende con un forte potenziale di crescita e integrando un’analisi extra-finanziaria per valutare la performance ESG; OFI Financial Investment – Precious Metals, fondo UCITS V che offre un’esposizione a un paniere di real assets replicando l’indice “Precious Metals Strategy Basket” sviluppato dal team di gestione, composto di contratti forward sui metalli preziosi e sui tassi di interesse.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »