Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Archive for 7 luglio 2020

Il Forum Music Village ricorda Ennio Morricone

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Ennio MorriconeNel 1970 il Maestro Ennio Morricone fondava insieme ad altri tre illustri compositori, Luis Bacalov, Piero Piccioni ed Armando Trovajoli, gli studi Orthoponic, sotto la Basilica di Piazza Euclide, a Roma. Con loro anche gli storici fonici della RCA, Sergio Marcotulli e Pino Mastroianni. La lungimirante intuizione fu del manager Enrico De Melis, primo editore italiano per la musica da film, che insieme ad essi costituì la società di quello che di lì a poco diventerà il primo tempio della colonna sonora italiana, poi rilevato da Emma e Franco Patrignani e oggi chiamato “Forum Music Village”. E a costruirlo, internazionalizzarlo e farlo vivere e respirare tutt’ora, a mezzo secolo di distanza, è stato soprattutto il meticoloso lavoro di un artista, campione di scacchi musicali quel è stato Ennio Morricone, che nella sua “casa Madre”, insieme ai suoi affezionati orchestrali e solisti, ha registrato le più intramontabili melodie della storia del cinema. Nel ricordo della sua festa per il novantesimo compleanno, celebrata proprio alla Forum, e nel triste giorno della sua scomparsa, gli studi vogliono rendergli un doveroso tributo ricordandolo proprio con la dedica che il Maestro lasciò, scritta a mano, nei corridoi:”Dovrei dire lo studio di registrazione Forum Music Village è la “Madre” di tutti noi compositori del Cinema, dei Dischi e della Musica Registrata. Dico “Madre” perché è lo studio che si è sempre preoccupato di aggiornare le proprie attrezzature per aiutare noi compositori del Cinema e del Disco a fare meglio.
Si lavora con dei tecnici di grande livello, con la gentilezza di tutto il personale che collabora totalmente. Potrei dire di più entrando nei particolari anche minimi, ma forse non è utile. Utile è sapere che al Forum Music Village si vive tutti per la Musica e per la passione del suono.” (nella foto Ennio Morricone registra in sala A il film “La sconosciuta” (2006) © copyright Archivio Forum Music Village)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Supplenze docenti, rivoluzione in arrivo

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Il precariato scolastico si appresta a cambiare in modo drastico: nei prossimi giorni il ministero introdurrà una nuova organizzazione per l’assegnazione dei posti liberi attraverso le graduatorie provinciali per le supplenze. Le GPS saranno distinte in prima e seconda fascia. La prima per i docenti in possesso del titolo di abilitazione (riguarda quindi anche i docenti attualmente iscritti nella prima fascia di istituto). La seconda per i docenti in possesso del titolo di studio + 24 CFU oppure precedente inserimento del triennio 2017/20 oppure abilitazione per altra classe di concorso o grado di scuola. Anief, che sta partecipando attivamente alla stesura della bozza definitiva del regolamento delle nuove Graduatorie provinciali per le supplenze, dopo avere espresso soddisfazione per la loro introduzione, ha subito evidenziato una serie di criticità legate alla tabella titoli sulle quali abbiamo chiesto delle modifiche. Il giovane sindacato – che ha consegnato all’amministrazione una ‘memoria’ sotto forma di osservazioni sui singoli articoli della bozza – ha anche chiesto tempi certi e rapidi per l’aggiornamento delle graduatorie d’istituto e che, in caso di ritardo nelle pubblicazioni delle graduatorie, l’amministrazione fornisca indicazioni chiare su quali liste utilizzare nelle more della loro pubblicazione.Le GPS saranno utilizzate per l’attribuzione delle supplenze al 31 agosto o 30 giugno, residue dopo lo scorrimento delle graduatorie ad esaurimento. Secondo le ultime indiscrezioni sarebbero 15 i giorni per presentare la domanda: un tempo troppo ristretto in considerazione dell’importanza della procedura che interesserà anche aspiranti che si avvicinano per la prima volta al mondo dell’insegnamento.Una prima modifica importante ottenuta in seguito all’incontro del 30 giugno e che rivendichiamo con forza è l’inserimento in GPS dei diplomati magistrale in ruolo con riserva, si tratta di una questione che abbiamo sollevato già durante l’incontro del 30 giugno, come si evince dal nostro documento. Il sindacato reputa importante introdurre una deroga al possesso dei 24 CFU per gli ITP non inseriti nelle graduatorie d’istituto, ma anche consentire l’inserimento dei diplomati magistrale in ruolo con riserva in attesa di sentenza definitiva. Come consentire lo spostamento di provincia della prima fascia GI, la possibilità di utilizzare servizi di sostegno anche su gradi diversi per l’accesso alla seconda fascia della GPS. Inoltre, considerando che i posti vacanti dopo la mobilità risultano ben 85 mila e che le graduatorie da cui è possibile oggi accedere alle immissioni in ruolo si potrebbero svuotare, il sindacato torna a chiedere di estendere la “call veloce” anche alla graduatoria d’Istituto, prevista dal D.L. n. 126/2019, convertito nella Legge n. 159/2019, così da evitare il fallimento delle convocazioni per il ruolo che rischiano di andare deserte, come accaduto negli ultimi due con oltre 50 mila assunzioni sfumate.
Inoltre è necessario ripristinare i 6 punti aggiuntivi per i diplomati magistrale e gli abilitati PAS, non più previsti dalle nuove tabelle titoli e in assenza dei quali le relative abilitazioni vengono svalutate in modo inaccettabile. Stessa cosa per master e diplomi di perfezionamento, inspiegabilmente svalutati nelle nuove GPS da 3 a 0,5 punti.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Intelligenza Artificiale in rapporto all’Uomo

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Roma. La Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale dell’Università Pontificia Salesiana verso il convegno di Roma di settembre “Intelligenza Artificiale: per una governance umana. Il percorso partirà dalla varietà degli apporti presentati per consentire un approccio multidisciplinare al tema, ma l’intento è quello di arrivare a ricomporre i contributi, come tanti tasselli di un variegato mosaico, per una rappresentazione il più possibile organica di una visione Umanistica della tecnologia e del suo uso. La tecnologia e la scienza stanno infatti trasformando la vita dell’uomo in maniera rapidissima e altrettanto profonda. L’obiettivo dei podcast è quello di fare luce su almeno tre ambiti, governance, educazione e società, gli stessi sui quali si concentrerà il Convegno del 25 e 26 settembre, improntato ad un approccio etico alla Intelligenza Artificiale.Le puntate del podcast – formula tornata molto in auge ultimamente, in un’epoca che pareva definitivamente segnata dall’uso del video – riportano inedite interviste a qualificati studiosi di diverse discipline, giornalisti, addetti ai lavori. Si partirà – dopo un breve trailer descrittivo del progetto e fruibile a questo link – dal racconto dei cambiamenti dell’ecosistema urbano in relazione allo sviluppo e all’uso delle tecnologie a cura della Prof. Elena Battaglini, Professoressa di sociologia ambiente e territorio all’Università Roma Tre, Ricercatrice Senior Fondazione di Vittorio e Direttore Laboratorio Selezione e Contrattazione Tecnologie Sociali, dal titolo “Città e Intelligenza Artificiale”, già online sulla piattaforma Anchor a questo link.
Il podcast è fruibile da web all’indirizzo https://anchor.fm/iagoves2020 e tramite app su diverse piattaforme: Spotify, Breaker, Castbox, Google Podcast, Pocket Casts, RadioPublic, iTunes.
Anche il mondo dell’organizzazione del lavoro, del giornalismo, della ricerca sarà coinvolto nei podcast, che proseguiranno con Raffaele Barberio (Direttore di Key4biz e Presidente Privacy Italia), Luca Solari (professore ordinario di Organizzazione aziendale presso il Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche dell’Università degli Studi di Milano e Coordinatore del corso di laurea magistrale in Management of Human Resources and Labour Studies), e molti altri. Podcast aperti anche ai contributi degli interessati che vogliano richiedere di parteciparvi. Il podcast #IAGOVES2020 è alimentato dalle interviste realizzate da Gianluigi Marsibilio con il supporto della Redazione del sito, che accoglie alcuni studenti della Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale dell’Università Pontifica Salesiana coordinati da Sr. Maria Grazia Tripi: oltre a Gianluigi Marsibilio, Maria Chiara Lorenzelli, Sara Gugliersi e Mariaelena Iacovone. Tutti coinvolti nel progetto di studio e ricerca su questo affascinante ambito dell’innovazione tecnologica, che da saga fantascientifica è diventato, e molto velocemente, realtà scientifica. L’intento del Convegno e di tutte le iniziative che lo precedono è quello di provare a tenere ferma la barra di un timone saldamente umano della navigazione attraverso questi temi.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rimborso viaggi e pandemia. Partita la procedura d’infrazione Ue

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Si sapeva che la procedura d’infrazione sarebbe arrivata a meno che l’Italia entro lo scorso 28 maggio non avesse preso in seria considerazione l’avvertimento della Commissione Ue: la legge italiana che fa scegliere agli operatori turistici se rimborsare un servizio (trasporti e pacchetti viaggio) in voucher o soldi, non è conforme al diritto europeo. E il diritto europeo vale più di quello italiano. Tutti lo sapevano e lo sanno, ma i tutti che ci governano e gli operatori del settore hanno fatto finta di nulla, e intanto hanno trattenuto i soldi delle loro vittime. Viaggiatori vittime due volte: degli scriteriati operatori turistici (non appagati dalle sovvenzioni dello Stato, al pari degli altri), e dello Stato (che aveva trovato un doppio metodo per dare soldi al settore… letteralmente rubandoli per legge).Migliaia di persone sono incappate in questa squallida e triste situazione, in una sorta di guerra tra poveri dove, complice lo Stato e il Parlamento, si è voluta creare la figura del donatore obbligato.
Ora siamo al dunque e auspichiamo che sia un dunque veloce.La Corte di Giustizia dovrà esaminare la denuncia della Commissione e sentenziare. Auspichiamo, ovviamente, per evitare un bagno di soldi con la multa che sicuramente lo Stato italiano riceverà (e i soldi dello Stato italiano sono quelli di tutti noi contribuenti), che i nostri governanti e legislatori vi rimedino prima della sentenza della Corte di Lussemburgo, con sostanziali scuse e rimborsi alle vittime. Aduc si è mossa fin dall’inizio contro questo scempio giuridico. Consigliando alle centinaia di persone che si sono rivolte a noi di non rassegnarsi, di pretendere soldi e non voucher, come stabilito dalle norme europee e da quelle italiane del codice del consumo (temporaneamente sospese dalla legislazione d’emergenza votata dal Parlamento). E oggi, più che mai, forti di questa procedura d’infrazione avviata dalla Commissione, è opportuno e necessario non rassegnarsi all’ingordigia degli operatori turistici e dello Stato. (fonte Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il ruolo dell’industria cosmetica?

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Aiutare a costruire un’economia resiliente in un modo che supporti un mondo sostenibile, migliori la qualità della vita, rispetti i diritti umani e protegga l’ambiente. È quanto emerso dal confronto di un panel di esperti delle principali Organizzazioni Non Governative Mondiali e Alex Keith, CEO, P&G Beauty, che hanno concluso che per far diventare l’industria “orientata al futuro” e costruire un business resiliente dobbiamo affrontare delle sfide sistemiche attraverso azioni collettive.Nasce così la piattaforma P&G Responsible Beauty, un approccio basato sul pensiero sistemico che affonda le sue radici nelle connessioni e interdipendenze di cinque principi guida: Qualità & Performance; Sicurezza; Sostenibilità; Trasparenza, Equità & Inclusione.A guidare il progetto, con Alex Keith, il P&G Responsible Beauty Advisory Council, un Gruppo di consiglio formato dai rappresentanti di Royal Botanic Gardens, Kew (la massima autorità mondiali nella scienza botanica), WWF, Rainforest Alliance, Skin Health Alliance e la Roundtable on Sustainable Biomaterials.P&G Beauty ha anche condiviso gli obiettivi P&G Responsible Beauty 2030. Tra questi, la condivisione trasparente di tecnologie, programmi e processi che possono aiutare l’industria cosmetica ad avere un maggiore e positivo impatto sul mondo. Come prima azione tangibile, P&G sta rendendo pubblica una guida completa all’utilizzo sicuro dei vegetali nei prodotti cosmetici.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

USB chiede norme più stringenti per i monopattini elettrici: troppi pericoli, servono omolazione e targatura

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

L’Unione Sindacale di Base ha inviato una lettera al Ministero dei Trasporti e al Comune di Roma per chiedere una regolamentazione più stringente dell’uso dei monopattini elettrici, comprese l’omologazione e la targatura.USB sottolinea i rischi per l’incolumità dei pedoni e degli automobilisti, oltre che degli utilizzatori stessi dei monopattini, derivanti dall’inosservanza delle norme: specie di sera le strade, soprattutto in centro, si riempiono di sciami di ragazzi, spesso minorenni, che viaggiano in due sul medesimo mezzo, senza casco e giubbotti catarifrangenti, circolando contromano anche sui binari dei tram, facendo lo slalom tra gli autobus, viaggiando in gruppo e non allineati, invadendo le corsie o le aree pedonali e operando brusche inversioni.Tutto questo ha prodotto finora molti incidenti, diversi feriti e un morto, e rappresenta un incubo per chi sulle strade lavora: autisti dei bus, dei tram, dei taxi, gli agenti delle forze dell’ordine e del soccorso, i corrieri etc.Occorre dunque rivedere quanto disposto dalla legge 160 del 27 dicembre 2019 che equipara i monopattini ai velocipedi e ne consente la circolazione senza omologazione, peraltro fortemente incentivata dal Comune di Roma attraverso la modalità sharing.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Video tutorial per avvicinare gli anziani alla tecnologia

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

WINDTRE e Senior Italia FederAnziani rinnovano la propria collaborazione con un’iniziativa pensata per avvicinare gli anziani al mondo del digitale. L’azienda guidata da Jeffrey Hedberg, in partnership con la federazione della terza età, ha lanciato una serie di video tutorial per spiegare il funzionamento di alcuni tra i più diffusi servizi online, utili per rimanere in contatto con le persone care e per semplificare le attività quotidiane.L’iniziativa “Più vicino a chi ami” presenta diversi video, pubblicati sul canale YouTube di WINDTRE, che illustrano con voce chiara e un linguaggio semplice tutti i passaggi necessari per utilizzare App di messaggistica e social network, gestire la posta elettronica per avere accesso ai servizi digitali e fare ordinazioni a domicilio tramite servizi di delivery, con l’obiettivo di fornire una guida puntuale e di immediata comprensione.Il primo tutorial spiega come fare una video chiamata, singola o di gruppo, con WhatsApp, l’applicazione più diffusa per le chat. Nel secondo, viene illustrato il processo di creazione e configurazione di un account gratuito di posta elettronica con Gmail, per inviare e ricevere e-mail o documenti e avere accesso a numerosi servizi digitali. Il terzo video, invece, è dedicato all’App per la consegna a domicilio Glovo, che permette di ordinare, senza dover uscire di casa, prodotti come la spesa, i farmaci o il proprio cibo preferito. Al centro del quarto tutorial, infine, le azioni necessarie per installare sullo smartphone l’App di Facebook e quella di Facebook Messenger, due canali utili per rimanere in contatto con amici e familiari.
“Questa iniziativa va nella direzione del superamento del digital divide che, come federazione della terza età, riteniamo un passaggio fondamentale – dichiara il Presidente Senior Italia FederAnziani Roberto Messina – l’emergenza Covid19, con le sue difficoltà legate al distanziamento, in questi mesi ha reso ancora più evidente quanto l’inclusione digitale possa migliorare la qualità della vita delle persone senior. Tutti noi sappiamo che questo è vero anche ben al di là di questa emergenza. Pensiamo a quanto gli strumenti digitali possono essere utili a contrastare lo spettro della solitudine, per esempio in un momento delicato come l’estate. E più in generale quanto questi strumenti, nel quotidiano, possono servire a mantenersi in contatto coi propri cari e usufruire di servizi. La nostra esperienza ci dice che i senior sono estremamente motivati ad imparare, ce lo chiedono. L’importante è dotarli degli strumenti giusti”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via il Codice Unico Tributario

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Un Codice Unico Tributario, elaborato con metodologia scientifica nella composizione e sistematizzazione coordinata e neutrale delle norme attuali vigenti, che individui e raccolga l’intera disciplina legislativa in materia tributaria e che si ponga, soprattutto, come base sulla quale innestare i successivi testi che saranno prodotti per le già necessarie riforme in materia fiscale. È quanto sarà realizzato da ISLE (Istituto per la Documentazione e gli Studi Legislativi) e ASSOHOLDING (Associazione Holding di Partecipazione), attraverso il “Comitato di indirizzo scientifico per la predisposizione del Codice Unico Tributario”, guidato nella sua proattiva azione dalla consapevolezza che senza una effettiva certezza delle norme attuali vigenti nessun intento riformatore potrà essere davvero realmente efficace.L’iniziativa annunciata oggi sarà oggetto di presentazione ufficiale dopo la pausa estiva, presso la Camera dei Deputati, ai rappresentanti delle Istituzioni e del mondo professionale e imprenditoriale, alla presenza del Presidente del Comitato di indirizzo scientifico, Prof. Giovanni Tria, e del Presidente dell’ISLE, Dott. Gianni Letta da parte del Presidente di ASSOHOLDING, Prof. Gaetano De Vito.
Quella di ISLE e ASSOHOLDING è una risposta concreta e fattiva ad un’esigenza forte, da tempo largamente avvertita dai contribuenti, a partire dalle imprese, e dalle stesse Istituzioni. Le norme tributarie si presentano infatti ad oggi disperse e frazionate in una molteplicità di atti che si sono sovrapposti nel corso del tempo, a discapito della chiarezza perché non inquadrati in un sistema organico. E se pure il ricorso ai professionisti può di volta in volta essere di aiuto nel dipanare la matassa, sono gli stessi professionisti che potranno avvalersi per primi di uno strumento di semplificazione nelle attività di comprensione e applicazione di queste disposizioni, con beneficio anche sui conseguenti numerosissimi procedimenti di contenzioso a carico della Magistratura. Il protocollo d’intesa tra ISLE e ASSOHOLDING che ha condotto alla creazione del “Comitato di indirizzo scientifico per la predisposizione del Codice Unico Tributario” nasce dalla volontà di far convergere i loro complementari know how verso l’obiettivo comune del Codice, da entrambi ritenuto essenziale per la successiva riflessione sulle riforme e il loro avvio. L’ISLE vanta infatti un’esperienza pluridecennale nel campo della tecnica legislativa e su input di Assoholding già dallo scorso anno ha svolto un’analisi complessiva sui Testi Unici coordinata dal Prof. Giulio M. Salerno e ha pubblicato originali proposte legislative che costituiranno il punto di partenza per il lavoro di raccolta e sistematizzazione delle norme tributarie vigenti (vedile in “Rassegna Parlamentare” n. 3/2019). ASSOHOLDING, dal canto suo, porta in dote elevate e comprovate competenze e professionalità specialistiche, e contribuirà con propri esperti all’elaborazione e stesura del Codice Unico Tributario.Una prima manifestazione di interesse sul Codice Unico Tributario è pervenuta da parte dell’ANTI, l’Associazione Nazionale Tributaristi Italiani, attraverso il supporto all’iniziativa del Prof. Pietro Selicato che è responsabile del Comitato scientifico, e autore di un recente studio comparato sulla codificazione in materia tributaria come edito nel n. 2/2019 del periodico ufficiale dell’Associazione, “Neotera”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sistema immunitario ed effetti deleteri dell’alcol

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Camerino. L’attivazione del sistema immunitario è responsabile di alcuni degli effetti deleteri dell’alcol, come la dipendenza: è questa la conclusione di una ricerca condotta da un team internazionale, coordinato dal dott. Santiago Canals dall’Istituto di Neuroscienze di Alicante in Spagna e di cui fanno parte i gruppi di ricerca del prof. Roberto Ciccocioppo dell’Università di Camerino, del prof. Wolfgang Sommer del Central Institute of Mental Health dell’Università di Heidelberg in Germania, e colleghi della Charles University di Praga.I ricercatori hanno osservato che la capacità dell’alcol di evocare dipendenza è in parte legata alla sua tendenza a cambiare l’organizzazione spaziale del cervello, in particolare della materia grigia, come mostrato dallo studio appena pubblicato sulla rivista Science Advances. “Siamo molto soddisfatti per questo risultato – ha sottolineato il prof. Roberto Ciccocioppo – dal momento che comprendere il meccanismo attraverso cui l’alcol altera le funzioni cerebrali è fondamentale per lo sviluppo di nuove terapie”.I dati riportati nello studio dimostrano che i cambiamenti della geometria spaziale osservata nella materia grigia dei soggetti esposti all’alcol è legata all’attivazione del sistema immunitario cerebrale, in particolare delle cellule della microglia. L’alcol provoca l’attivazione di queste cellule responsabili della difesa dell’ospite, portando ad un cambiamento delle loro caratteristiche biochimiche e conformazionali. La microglia passando dalla sua forma inattiva a quella attivata cambia di morfologia trasformandosi da cellule dalla struttura ramificata a cellule dalla forma arrotondata o ameboide. Cambiamento che altera la geometria dello spazio extracellulare, consentendo una maggiore diffusione delle sostanze chimiche responsabili della comunicazione fra i neuroni. Una di queste sostanze è la dopamina, uno dei neurotrasmettitori più importanti nel mediare la sensazione di gratificazione che accompagna l’uso dell’alcol.Aumentare la diffusione di dopamine e probabilmente di altri neurotrasmettitori come il glutammato o il GABA può potenziare le proprietà gratificanti dell’alcool, altrimenti deboli, incrementando la motivazione al suo consumo. Questo studio traslazionale dimostra che il consumo cronico di alcol aumenta la diffusivita’ media nella materia grigia cerebrale sia dell’uomo che del ratto. Queste alterazioni compaiono poco dopo l’inizio del consumo di alcol nei ratti, persistono nell’astinenza precoce sia nei roditori che nell’uomo e sono riconducibili alla diminuzione delle barriere spaziali extracellulari dovuta all’attivazione della della microglia in risposta all’azione tossica dell’alcol.In un precedente articolo, pubblicato nell’aprile dello scorso anno su JAMA Psychiatry, questo stesso gruppo di ricercatori, ha dimostrato che l’alcol continua a danneggiare il cervello anche dopo prolungata astinenza. Quel lavoro suggeriva già un aumento della diffusività nel cervello a causa dell’alcol, ma i ricercatori non sapevano ancora perché. Ora il nuovo studio, pubblicato su Science Advances, risolve il mistero dimostrando che l’aumento della diffusività è dovuto all’attivazione delle cellule immunitarie del cervello.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Importante conquista il cessate il fuoco globale votato dall’ONU

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

La Comunità di Sant’Egidio sostiene con convinzione la risoluzione approvata ieri dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a favore di “una cessazione immediata delle ostilità in tutte le situazioni per almeno 90 giorni consecutivi”, in modo da garantire l’assistenza umanitaria alle popolazioni colpite dai conflitti e ai rifugiati, nonché contrastare la diffusione del Covid-19.
La risoluzione, che risponde all’appello lanciato lo scorso 24 marzo da Antonio Guterres per un “Cessate il fuoco globale”, è un’importante conquista per tutti coloro che lavorano per la pace, frutto di una preziosa mediazione portata avanti in prima persona dal Segretario Generale dell’Onu in un tempo pieno di gravi tensioni internazionali. La sua approvazione all’unanimità indica come solo attraverso l’accordo e la collaborazione tra i diversi Paesi l’umanità potrà affrontare il comune nemico della pandemia. In tanti anni di lavoro per la pace la Comunità di Sant’Egidio ha sperimentato come la guerra sia madre di tutte le povertà, una realtà drammatica che fa perdere tutti, a partire dai più vulnerabili. Di particolare importanza è il focus della risoluzione sui rifugiati, le cui condizioni di vita sono sproporzionatamente peggiorate in questo tempo di pandemia.
Sant’Egidio si impegna da subito a sostenere e a diffondere la risoluzione, che verrà formalmente adottata oggi, in tutti quei Paesi in cui, nonostante le difficoltà del momento, prosegue il proprio impegno per la risoluzione dei conflitti e la ricerca di una pace durevole.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ipertensione, Uspstf fa il punto sullo screening. Ecco chi deve essere sottoposto

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

La Task Force dei servizi preventivi statunitensi ha appena pubblicato una bozza di raccomandazione che conferma la necessità sottoporre a screening per l’ipertensione tutti gli adulti. «Il documento conferma l’attuale raccomandazione di Grado A per lo screening dell’ipertensione in tutti gli adulti di età pari o superiore a 18 anni» afferma il membro della task force John Wong della Tufts University School of Medicine a Boston, Massachusetts, aggiungendo che il riscontro e il trattamento tempestivi degli elevati valori pressori possono ridurre significativamente la mortalità e la morbilità a lungo termine.«I pazienti di età superiore ai 40 anni o chiunque abbia altri fattori di rischio cardiovascolare devono sottoporsi a un controllo annuale della pressione arteriosa, mentre lo screening ogni 3 o 5 anni è appropriato tra i 18 e i 39 anni in assenza di fattori di rischio» si legge nell’attuale raccomandazione della Task Force, molto simile a quella del 2015. «Aggiorniamo il documento ogni pochi anni perché l’ipertensione oltre a essere molto frequente, è un importante fattore di rischio per future complicazioni che hanno implicazioni significative in tema di salute pubblica» commenta Wong, spiegando che la soglia oltre cui si definisce l’ipertensione varia da 130/80 mm Hg a 140/90 mm Hg. «Esistono diversi tipi di ipertensione: quella persistente (misurazioni elevate sia in ambito clinico sia in comunità); quella da camice bianco (valori alti solo in presenza del medico) e quella mascherata (misurazioni elevate solo in comunità)» riassume l’esperto, precisando che il rischio cardiovascolare è più alto in caso di ipertensione persistente, seguito dall’ipertensione mascherata e quindi dall’ipertensione da camice bianco.www.uspreventiveservicestaskforce.org/tfcomment.htm.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Al cardiocenter del Niguarda si opera con l’ipnosi

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

La dottoressa Nonini spiega l’ultima tecnica cardiochirurgica utilizzata al Cardiocenter. Al Cardiocenter di Niguarda, che è sostenuto dalla fondazione De Gasperis, si opera con l’ipnosi. L’ultimo intervento di cardiochirurgia effettuato con questa tecnica è stato una sostituzione valvolare per via percutanea a una donna di 82 anni. La ragione per cui si ricorre all’ipnosi è che per realizzare questo intervento mini-invasivo è necessario somministrare dei farmaci sedativi che provocano l’immobilità, ma si può ottenere lo stesso risultato con l’ipnosi, in combinazione con una piccolissima dose di anestetico locale. La dottoressa Sandra Nonini, specialista di anestesia e rianimazione, spiega che «dal punto di vista dell’efficacia le condizioni sono due. Prima di tutto occorre che il paziente avverta il bisogno di ricorrere a questa tecnica o la curiosità di sperimentarla; in altre parole, deve ‘crederci’. Posta questa premessa, grazie al supporto dell’ipnologo il paziente viene accompagnato per tutta la durata della procedura. Dal punto di vista delle regole, inoltre, la prima e ovvia condizione è che il paziente abbia dato il suo consenso. Tra l’altro, lo richiama esplicitamente il nuovo protocollo per l’uso dell’ipnosi come terapia analgesica aggiuntiva nella cardiologia interventistica, presentato a gennaio a Milano. E, sia chiaro, il ricorso all’ipnosi non è praticabile per tutte le tipologie di procedure. Certo non negli interventi a cuore aperto o che implicano l’apertura del torace, dello sterno o dell’addome. Mentre va benissimo quando si interviene per via percutanea, come nel caso di impianti e sostituzioni di defibrillatori, pacemaker, valvole aortiche…» La dottoressa aggiunge che «il paziente in ipnosi mantiene il controllo di sé e percepisce ciò che accade nell’ambiente circostante; nel frattempo, riesce a sfruttare abilità che il suo cervello già possiede, ma che da sveglio non è in grado di utilizzare, per innalzare la soglia del dolore, tenere l’ansia sotto controllo e mantenere l’immobilità. Inoltre, un minore ricorso a farmaci sedativi implica tempi di ‘smaltimento’ e di ripresa più rapidi. Senza contare che l’ipnosi è utilissima nel caso di pazienti che per qualche ragione non possono essere sedati o anestetizzati, magari perché allergici a determinati principi farmacologici».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Crescendo” al cinema dal 27 agosto

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Dal 27 agosto nelle sale italiane arriva Crescendo – #makemusicnotwar, l’attesissimo film del regista israeliano Dror Zahavi, in cui un famoso direttore d’orchestra, Eduard Sporck, viene incaricato di formare un’orchestra composta da musicisti israeliani e palestinesi che dovrà esibirsi in un concerto in occasione dei negoziati di pace tra i due paesi.Il film è liberamente ispirato alla storia della West -Eastern Divan Orchestra, fondata nel 1999 dal grande Maestro e direttore d’orchestra Daniel Barenboim e dallo studioso Edward Said, concepita, non solo come spazio creativo in cui musicisti provenienti da paesi in lotta tra loro potessero incontrarsi per dar vita alla musica nella sua forma più pura ed eterna ma anche come luogo di confronto tra persone spesso divise da un odio insanabile.Zahavi costruisce un dramma sul pregiudizio, sull’accettazione dell’altro e sul potere riconciliante della musica vista come uno degli strumenti possibili per creare dei ponti tra popoli culturalmente lontani.Crescendo – #makemusicnotwar, distribuito in Italia da Satine Film, ha il merito di veicolare un importante messaggio di comprensione e umanità che lo fanno rientrare di diritto tra le opere che contribuiscono agli sforzi mondiali per il raggiungimento della pace nella tormentata terra palestinese.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Quattro soluzioni per iniziare a vendere da remoto velocemente e in tutta sicurezza

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Già nell’estate del 2019, si prevedeva che nel 2020 l’e-commerce globale avrebbe registrato una crescita del 16 % e la situazione odierna non ha che confermato questa tendenza. Anche in Italia, la domanda per gli acquisti on line è esplosa negli ultimi mesi dell’anno in corso. Secondo i dati presentati a Maggio dall’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm, dall’inizio del 2020 ad oggi sono 2 milioni i nuovi consumatori online in Italia, di cui 1,3 milioni arrivati alle piattaforme di acquisto digitale proprio durante la crisi sanitaria. L’emergenza ha però cambiato gli equilibri dell’e-commerce, favorendo settori non tradizionalmente “digitali” come l’alimentare, e penalizzandone altri come il turismo.Per aiutare le aziende ad adattarsi a questi inattesi cambiamenti, Adyen, la piattaforma di pagamento scelta da molte delle più importanti aziende a livello mondiale come Spotify, McDonald’s e L’Oreal, ha scelto di condividere alcune delle best practices e soluzioni messe in atto dai propri clienti per rispondere da remoto alle richieste dei consumatori, senza rinunciare alla sicurezza di pagamenti e personale.
Impostando una hosted checkout page, è possibile trasformare in breve tempo il sito internet di un’azienda in un negozio online, velocizzando così al massimo l’accettazione dei pagamenti senza dover aprire un vero e proprio sito e-commerce. La pagina rispecchierà l’identità del brand offrendo tutte le funzionalità necessarie, compresi strumenti integrati per i controlli di rischio e l’autenticazione sicura. Inoltre, si può scegliere di mostrare i metodi di pagamento selezionati in base alla provenienza della clientela.
In mancanza del contatto diretto con la clientela, si possono vendere prodotti anche tramite email o chat. Per farlo in tutta sicurezza, basta sfruttare il pay by link, un link di pagamento da inserire nel testo delle e-mail o della chatbot. Una soluzione che si adatta particolarmente ai luxury brand che vogliono offrire servizi su misura ai propri clienti più fedeli, per vendere articoli in edizione limitata tramite una pagina di pagamento privata. Tra i clienti di Adyen, ad esempio, un brand di lusso ha iniziato a usare questa soluzione per vendere i propri prodotti durante le telefonate all’assistenza clienti, mentre il brand di gioielli di lusso Monica Vinader utilizza i link di pagamento per abbinare alla vendita altri articoli o servizi extra, quali spedizioni rapide o riparazioni. Durante il contatto via telefono o chat, il venditore invia un link al cliente per completare l’acquisto, eliminando i rischi legati alla lettura dei dettagli della carta.
Nella situazione attuale, molte attività hanno dovuto chiudere i propri call center per garantire la sicurezza dei dipendenti, dovendo affrontare uno scenario del tutto inaspettata. Per poter continuare a raccogliere i dati di pagamento nel rispetto della conformità anche da remoto, diventa quindi necessario adottare misure specifiche per evitare che i truffatori approfittino della vulnerabilità delle transazioni non controllate. In questo caso, inviando al cliente un link di pagamento, l’operazione diventa una transazione di e-commerce ed è quindi protetta dagli strumenti configurati per la prevenzione dei rischi online, inclusa l’autenticazione sicura dei clienti. Una soluzione adottata da grande fornitore di caffè, che, costretto a chiudere il proprio call center in un momento in cui gli ordini erano in aumento, ha sfruttato i link di pagamento, permettendo agli agenti di vendita di rispondere alle chiamate da casa e a inviare i link via SMS durante le telefonate.
I link di pagamento possono essere utilizzati anche per garantire la regolarità dei flussi di denaro tra le aziende clienti e i fornitori. L’Occitane, ad esempio, li usa per le fatture ai grossisti: quando un hotel acquista i prodotti del marchio e desidera pagare tramite carta di credito aziendale, L’Occitane invia un link di pagamento. Una soluzione adottata anche da Christian Louboutin, che fornisce ai propri calzolai dei link di pagamento inviati direttamente al cliente una volta ultimata la riparazione delle scarpe.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roberto De Lellis è il nuovo direttore di ATER Fondazione

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

È giunta a conclusione la procedura per l’individuazione della nuova guida dell’ente emiliano-romagnolo che ha sede a Modena da oltre cinquant’anni e che alla fine del 2019, dopo un’importante trasformazione societaria, è divenuta Fondazione di partecipazione, affidandone la presidenza a Orsola Patrizia Ghedini.Subito dopo il suo insediamento, il nuovo CdA, ha immediatamente avviato l’iter per la ricerca di un nuovo direttore in sostituzione di Roberto Giovanardi, andato in pensione dopo oltre trent’anni di servizio.Le domande per la presentazione delle candidature, pervenute a seguito di un Avviso pubblico, sono scadute lo scorso 17 febbraio, ma la chiusura forzata, conseguente all’emergenza da Covid-19, ha congelato il procedimento.Con la parziale riapertura delle attività in maggio, la commissione di esperti designata dal CdA ha analizzato i curricula e i progetti di sviluppo presentati dai 13 candidati, individuandone 6, ritenuti più idonei a ricoprire il ruolo di direttore. I 6 candidati hanno poi affrontato un colloquio in via telematica con i consiglieri di amministrazione, che hanno ravvisato in Roberto De Lellis la figura più idonea per la direzione della nuova ATER.Operatore e manager teatrale ben conosciuto in Emilia-Romagna, De Lellis ha iniziato la sua carriera al Festival di Santarcangelo nel 1980. Dopo una breve esperienza come giornalista a Milano, si è stabilito a Reggio Emilia nel 1990 e ha lavorato per dieci anni al Teatro delle Briciole di Parma, dove ha rivestito la carica di presidente e di direttore artistico. Dal 2000 ha iniziato una lunga e intensa collaborazione con Teatro Gioco Vita di Piacenza per il quale è stato direttore di produzione. Appassionato ed esperto di danza, ha collaborato con Sosta Palmizi e, dal 2003, è stato responsabile del circuito AterDanza, embrione dell’attuale circuito multidisciplinare gestito da ATER. Dal 2003 e fino al 2018 ha anche diretto il Festival delle Nazioni di Città di Castello e dal 2010 è docente a contratto nel Master per l’imprenditoria dello spettacolo all’Università di Bologna.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Il gain sharing sia la pietra filosofale della governance farmaceutica”

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Una nuova politica industriale che garantisca sostenibilità al comparto pharma, assicurando a tutte le sue componenti regole chiare, certe e semplificate e ridia maggiore autonomia e capacità di reazione all’industria del farmaco nel nostro paese e nell’Europa intera.Sono questi i principali ingredienti contenuti nel “Manifesto per la ripartenza” che Assogenerici ha inviato oggi ai ministri della Salute, Roberto Speranza, dell’Economia, Roberto Gualtieri, dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli.
Primo “bersaglio” la riforma complessiva della Governance, da anni nell’agenda del Governo. Il focus è sulla revisione dei tetti di spesa, la scelta dei canali di distribuzione, i meccanismi di prezzo e rimborso. Ricetta raccomandata: l’azione a lume di gain sharing, escludendo i prodotti off patent – già a rischio sostenibilità – da una revisione “economica” del Prontuario; valorizzando il meccanismo concorrenziale di generici e biosimilari e reinvestendo nella farmaceutica le risorse che si liberano per garantire maggiore accesso; reindirizzando sulla convenzionata tutte le categorie di off patent impropriamente dirottate sulla diretta/DPC.
Trasformare la cooperazione emergenziale sperimentata nei mesi dell’epidemia in routine gestionale, puntando sulla dematerializzazione e semplificazione di tutti i processi burocratici, garantendo certezza dei tempi e velocità di esecuzione dei procedimenti autorizzativi.Garantire lo sviluppo del settore dei farmaci off patent e in particolare delle Value Added Medicines, farmaci a brevetto scaduto modificati o combinati in grado di migliorare la risposta ai bisogni di salute.Sostenere lo sviluppo dei servizi garantiti dalla rete della medicina territoriale e i legami con la rete delle farmacie aperte al pubblico, sviluppando anche tutte le attività in remoto connesse a diagnosi, prescrizione e dispensazione della terapia farmacologica.
Secondo grande “bersaglio”, le politiche di acquisto pubbliche, attraverso la revisione dei meccanismi di gara, in particolare per le forniture ospedaliere, che attualmente rischiano di determinare la fuoriuscita di molte PMI, aprendo la strada a un dannoso “monopolismo di ritorno”.Due gli obiettivi in quest’ambito: transitare dal criterio del prezzo minimo a quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa, definendo quantità minime e massime per ogni lotto; garantire uno snellimento delle procedure di gara attraverso il sostegno alle gare multi–aggiudicatarie e la totale digitalizzazione dell’iter, per ridurre i costi e velocizzare le risposte.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campidoglio, l’Ara Pacis si svela in una nuova luce con il contributo di Bvlgari

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Firmata una convenzione tra Roma Capitale e Bvlgari per dare una nuova luce all’Ara Pacis. Il monumento sarà così valorizzato con un intervento di relamping dell’attuale impianto di illuminazione, reso possibile anche grazie a una donazione della maison, di 120.000 euro, che si inserisce tra le numerose iniziative di mecenatismo intraprese dall’Azienda per tutelare e promuovere il patrimonio culturale della capitale. Il contributo di Bvlgari si aggiunge ai fondi di Roma Capitale e consentirà alla Sovrintendenza Capitolina di realizzare il relamping completo del complesso museale, il cui costo sarà di circa 200.000 euro.
Il rinnovamento dell’impianto di illuminazione (relamping) è reso necessario dalle normative europee in materia di risparmio energetico, come dalla naturale obsolescenza del vecchio impianto. Interesserà le sorgenti luminose situate nella grande teca che ospita il monumento, la zona espositiva al piano inferiore e l’auditorium dell’Ara Pacis. Obiettivo primario sarà valorizzare i fregi e le decorazioni nel recinto rettangolare e sull’altare attraverso luci dedicate, migliorando anche la percezione volumetrica del monumento nel suo complesso. Il rapporto architettonico tra gli spazi della teca trasparente e lo stesso altare sarà anch’esso posto in risalto attraverso flussi luminosi appositamente studiati. Il progetto mira inoltre a conseguire una maggiore efficienza energetica grazie all’utilizzo di lampade a basso consumo, maggiore durata ed efficace resa cromatica. Verranno di conseguenza ridotte le spese di gestione dell’impianto stesso a circa 1/7 dei consumi dell’attuale impianto alogeno e drasticamente diminuite le spese di manutenzione, dal momento che i corpi illuminanti LED hanno notoriamente una durata garantita molto più lunga dei corrispettivi alogeni.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Uganda assicura riparo ai rifugiati dalla RDC durante il confinamento imposto dal COVID-19

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, accoglie con favore la decisione presa dal Governo dell’Uganda di assicurare riparo a migliaia di rifugiati in fuga dall’acuirsi delle violenze nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) orientale. Da fine maggio, si ritrovano bloccati in un’area remota e inaccessibile del territorio di Mahagi.Secondo le autorità locali, in precedenza, i nuovi arrivati facevano parte di un gruppo più ampio composto da circa 45.000 persone che avevano tentato di fuggire verso il confine ugandese con la RDC subito dopo gli attacchi mortali perpetrati da miliziani contro i civili nella provincia di Ituri il 17 e il 18 maggio. Sebbene alcuni siano riusciti a fare ritorno alle proprie terre di origine, migliaia sono rimasti a ridosso della frontiera.Circa 1.500 richiedenti asilo hanno fatto ingresso in Uganda ieri attraverso i valichi di frontiera di Guladjo e Mount Zeu, nel distretto di Zombo. I nuovi arrivati erano affamati e stanchi. Molti, inoltre, si presentavano in stato di fragilità, avendo vissuto in condizioni precarie, nascondendosi nelle campagne per diverse settimane senza avere sufficiente accesso a cibo, acqua potabile e riparo. Si tratta soprattutto di donne e minori, nonché numerosi anziani.L’Uganda ha imposto restrizioni ai viaggi transnazionali nel mese di marzo per contenere la diffusione del COVID-19, bloccando l’ammissione di nuovi richiedenti asilo sul territorio nazionale. A fini umanitari, il Presidente dell’Uganda ha ordinato al governo di riaprire temporaneamente le frontiere nel distretto di Zombo affinché al gruppo di rifugiati potessero essere assicurati aiuti salvavita e protezione. Il Governo ha indicato che la reintroduzione dei controlli alle frontiere è prevista per venerdì, una volta che le operazioni umanitarie saranno concluse. L’UNHCR e i partner, in coordinamento con l’Ufficio del Primo Ministro, il Ministero della Salute e l’amministrazione del distretto locale, hanno lavorato incessantemente per rafforzare le capacità di accoglienza presso la frontiera di Zombo, allestendo anche strutture da adibire all’osservanza della quarantena, e assicurare la disponibilità di livelli adeguati di assistenza d’emergenza. Tutti i nuovi arrivati saranno sottoposti a controlli sanitari e di sicurezza al confine. Le persone vulnerabili saranno identificate e riceveranno assistenza in via prioritaria.Dopo una quarantena obbligatoria di 14 giorni, secondo quanto previsto dalle linee guida e dai protocolli nazionali in materia, i richiedenti asilo saranno trasferiti presso gli insediamenti di rifugiati esistenti. L’UNHCR ha raccolto solo il 18 per cento dei 357 milioni di dollari richiesti per le operazioni in Uganda. L’Agenzia esorta la comunità internazionale a mostrare solidarietà e ad aiutare l’Uganda a rispettare gli impegni assunti nell’ambito del Global Compact sui Rifugiati e a mantenere le politiche progressiste adottate in materia di rifugiati in questi giorni difficili.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turismo: l’UE avvia una procedura di infrazione verso l’Italia per i rimborsi dei viaggi

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

La Commissione Europea ha avviato una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia per aver promulgato una normativa nazionale che lascia a compagnie aeree, tour operator e agenzie la facoltà di decidere, in caso di viaggi non fruiti a causa dell’emergenza sanitaria, se restituire ai clienti l’importo versato o se erogare il rimborso tramite voucher. L’avvio del procedimento da parte dell’UE arriva dopo gli interventi già avviati da Enac e Antitrust e dimostra (come se ce ne fosse ancora bisogno!) la necessità di un’immediata modifica della legge che appunto regolamenta questi stessi rimborsi.Lo abbiamo evidenziato più volte nelle scorse settimane e non ci stanchiamo di ribadirlo: non possono essere gli utenti a pagare le conseguenze momento di difficoltà che l’intero comparto turistico sta attraversando. È necessario individuare altri meccanismi a sostegno del settore, garantendo però la tutela dei diritti dei cittadini. Ci chiediamo a questo punto cosa aspetti il Governo ad intervenire e a modificare la normativa, lasciando quindi agli utenti la facoltà di scegliere tra la restituzione della somma pagata e l’emissione del voucher.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’Italia è sotto sorveglianza della Troika dal 2011″

Posted by fidest press agency su martedì, 7 luglio 2020

Quando la tecnocrazia europea arrivò a presidiare le commissioni bilancio del Parlamento. Oggi per il Mes si parla addirittura di sorveglianza rafforzata, che è un eufemismo per definire diversamente le condizionalità ex post. Il che consentirebbe all’Ue, in particolare alla Bce e alla Commissione, di imporre all’Italia scelte macroeconomiche stile Monti e Cottarelli ai tempi della spending review, e sulla falsa riga della lettera della Bce dell’agosto 2011. Se le condizionalità non ci sono e non c’è la sorveglianza rafforzata, come ha dichiarato Gentiloni, occorre cambiare il Trattato, non basta una dichiarazione d’intenti. Per quel che ci riguarda, la sospensione del Patto di Stabilità e del rispetto del rapporto Deficit/Pil deve protrarsi almeno fino al 2030”. È quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »