Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Archive for 24 giugno 2021

Carburanti: Unc, prosegue corsa al rialzo

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Secondo i dati settimanali del ministero dello Sviluppo Economico pubblicati ora, rincarano ancora i prezzi dei carburanti, che si attestano, in modalità self service, a 1,614 euro al litro per la benzina e a 1,474 euro per il gasolio. “Non c’è pace per chi vuole andare in vacanza. Non si arresta, infatti, la corsa dei carburanti. Dopo aver sfondato settima scorsa la quota di 1,6 euro, cosa che non succedeva da due anni, dal 10 giugno 2019, la benzina ora sale ancora toccando 1,614 euro al litro. Anche il gasolio raggiunge il valore massimo dal 27 gennaio 2020, quando si attestò a 1.482 euro al litro, quasi un anno e 5 mesi fa” denuncia Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Dall’inizio dell’anno, dalla rilevazione del 4 gennaio, in poco più di 5 mesi, un pieno da 50 litri è aumentato di 8 euro e 65 cent per la benzina e di 7 euro e 76 cent per il gasolio, con un rincaro, rispettivamente, dell’12% e dell’11,8%. Su base annua è pari a una stangata ad autovettura pari a 208 euro all’anno per la benzina e 186 euro per il gasolio” prosegue Dona. “In un anno solare, ossia dalla rilevazione del 22 giugno 2020, quando la benzina era pari a 1.385 euro al litro e il gasolio a 1.273 euro al litro, un pieno da 50 litri costa 11 euro e 45 cent in più per la benzina e 10 euro e 6 cent in più per il gasolio, con un rialzo, rispettivamente, del 16,5% e del 15,8%. Un rincaro che, su base annua, produrrebbe una mazzata teorica pari a 275 euro all’anno per la benzina e a 241 euro per il gasolio” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Industria: Istat, fatturato aprile +3,3% su mese

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Secondo i dati resi noti oggi dall’Istat, il fatturato dell’industria ad aprile sale del 3,3% sul mese precedente e del 105,1% su base annua. “Dati eccellenti, per non dire fantastici. Finalmente recuperati i valori pre-crisi. Non solo si tratta del quinto rialzo mensile consecutivo, ma si è recuperato abbondantemente quanto perso per colpa del Covid. Meglio di così non si poteva sperare” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.”Secondo il nostro studio, infatti, se si confronta il fatturato di oggi con quello del febbraio 2020, ultimo mese pre-lockdown, è superiore del 5,6%, mentre rispetto a gennaio 2020, ultimo mese pre-pandemia, è superiore del 3,5%. Non solo, ma andando indietro di due anni, rispetto ad aprile 2019, ora il livello, nei dati corretti per gli effetti di calendario, è più alto dell’8,2%, +7,6% su aprile 2018. Insomma, una vittoria su tutta la linea” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Continua la politica di acquisizioni di smeup

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

SME UP S.p.A. annuncia oggi di avere acquisito il ramo d’azienda Archibox e Archismall dell’azienda Archivist, soluzioni dedicate al mondo della gestione documentale e della fatturazione elettronica.Archivist, azienda di Carpi (Modena), presente sul mercato da oltre 20 anni, ha sviluppato nel tempo approfondite competenze nell’ambito delle soluzioni documentali rivolte alle imprese, diventando azienda di riferimento nel settore.La scelta di SME UP S.p.A. in termini di acquisizione del ramo d’azienda si inserisce in una strategia a più ampio spettro sui temi del Document Management.L’acquisto delle soluzioni Archibox e Archismall consente infatti a SME UP S.p.A. di arricchire la propria offerta di competenze e prodotti in ambito Documentale, con l’obiettivo di supportare i clienti allargando il portafoglio di soluzioni e rafforzando al contempo la presenza sul territorio italiano. Con questa operazione SME UP S.p.A. garantisce ai clienti acquisiti una continuità di servizio e di supporto a cura degli stessi collaboratori che si sono occupati di Archibox e Archismall fino ad oggi.I luoghi di archiviazione potranno essere molteplici, andando così a configurare un importante sviluppo delle soluzioni documentali, tema di grande rilevanza nel futuro della nostra azienda.” – ha dichiarato Silvano Lancini, Presidente smeup.Con l’acquisizione del ramo d’azienda di Archivist, smeup, con sede legale a Erbusco (BS) e altre 13 sedi nel nord e centro Italia, con 460 collaboratori e 2450 clienti in Italia e nel mondo, rafforza le sue competenze in ambito documentale, arricchendo la sua l’offerta di soluzioni applicative per aziende di medie e grandi dimensioni nel mercato ERP, integrando le proprie competenze in ambito documentale con quelle di Archivist.La scelta di crescere per linee esterne passando per progetti industriali di lungo termine, continua dopo l’ingresso nel capitale sociale di ASI e di Progetto 6 avvenuti qualche mese fa. Questa strategia ha contribuito negli anni, e continuerà a farlo nei prossimi esercizi, allo sviluppo sostenibile delle performance di business aziendali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incontro tra l’ambasciatore del Libano presso la Santa Sede e il direttore di ACS Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

In vista della giornata di riflessione voluta da Papa Francesco, che il prossimo 1° luglio radunerà i principali responsabili delle comunità cristiane presenti in Libano, il direttore di Aiuto alla Chiesa che Soffre, Alessandro Monteduro, ha incontrato l’ambasciatore del Libano presso la Santa Sede, Farid el Khazen. Il diplomatico ha richiamato le gravi difficoltà del Paese, in particolare la crisi economico-finanziaria, l’elevata inflazione e le tragiche conseguenze dell’esplosione verificatasi nel porto di Beirut dell’agosto 2020. Da un lato vi sono quanti attualmente vivono al di sotto della soglia della povertà, privi di cibo e di medicine, dall’altro vi è una ex-classe media che non può accedere neanche ai propri risparmi depositati nei conti correnti bancari. Il diplomatico libanese ha manifestato vivo apprezzamento per l’iniziativa del Santo Padre ritenendola particolarmente utile all’ampliamento della rete di distribuzione degli aiuti alla popolazione sofferente. Monteduro ha evidenziato la concreta vicinanza di Aiuto alla Chiesa che Soffre al popolo della nazione mediorientale così duramente provata, sottolineando che, dall’inizio del 2020 fino al corrente mese di giugno, la fondazione pontificia in Libano ha finanziato 90 progetti per un totale di € 5.205.407. Tali progetti includono, fra l’altro, gli interventi effettuati a seguito dell’esplosione nel porto di Beirut, e cioè la fornitura di pacchi viveri, di buoni acquisto e di kit per l’igiene personale per famiglie nel bisogno, nuove strutture sanitarie per ospedali di Beirut, e la riparazione di diversi luoghi di culto e di altre strutture ecclesiastiche danneggiati dalla deflagrazione. ACS ha inoltre continuato a finanziare il progetto “Tavola di San Giovanni il Misericordioso” per garantire cibo ai cristiani poveri dell’area di Zahle e della valle di Bekaa, ha acquistato respiratori e altre forniture mediche per far fronte alla pandemia da COVID-19, ha fornito aiuti di emergenza per i rifugiati siriani presenti sul territorio libanese. L’incontro fra l’ambasciatore el Khazen e il direttore Monteduro si è concluso con il comune auspicio che, dopo l’imminente giornata di riflessione promossa dal Pontefice, si possa rafforzare la collaborazione ecumenica tra le diverse denominazioni cristiane per far fronte in modo più efficace e capillare alle drammatiche difficoltà attualmente sperimentate dalla popolazione del Paese dei Cedri.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

AIPB presenta i dati sui flussi e le prospettive 2021

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

AIPB, Associazione Italiana Private Banking, presenta i dati sui flussi di ricchezza finanziaria investita delle famiglie private e le prospettive per fine 2021. Anche nell’anno della pandemia il Private Banking ha registato una crescita positiva del +5,1% recuperando velocemente il profondo effetto mercato negativo generato dalle prime fasi della crisi. La nuova raccolta netta è rimasta positiva in tutti i trimestri dell’anno (totale annuo 4,1%) raggiungendo un massimo storico di circa 36 miliardi di euro e masse attestate a 932 miliardi, al 31 dicembre 2020. La previsione per il 2021, in base all’attuale scenario economico finanziario, stima un’ulteriore crescita del 5% per il settore, che potrebbe raggiungere i 978 miliardi di masse in gestione entro fine anno. L’andamento effettivo del mercato ha addirittura superato le attese: la previsione fatta nel 2018 (basata su uno scenario economico finanziario che non poteva certo prevedere gli eventi eccezionali dell’ultimo biennio) stimava che il PB sarebbe arrivato a 893 miliardi di euro entro la fine del 2020. Il settore ha, invece, consolidato una crescita superiore alle previsioni, raggiungendo 932 miliardi di euro a fine 2020. La quota di ricchezza delle famiglie benestanti (famiglie italiane con ricchezza finanziaria investibile superiore a 500mila euro) servita dal private banking è cresciuta costantemente arrivando nel 2020 al 63% (si attestava intorno al 60% tra il 2016 e il 2018), segno che l’Industria ha saputo intercettare sempre meglio le esigenze della sua clientela target. Negli ultimi 5 anni, il valore della ricchezza finanziaria affidata dalle famiglie benestanti al Private Banking ha mostrato un tasso di crescita medio annuo del 4,4%, pari al doppio del tasso di crescita delle famiglie che non si sono rivolte agli operatori Private per la gestione dei propri investimenti (2,0%).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Buddybank in partnership con Moneyfarm lancia Steppy, soluzione via app di investimento

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Buddybank, la banca per smartphone di UniCredit, entra nel segmento degli investimenti digitali grazie alla collaborazione con Moneyfarm e all’advisory di BlackRock. Nasce così “Steppy”, un’offerta di investimento fully digital da smartphone dedicata a tutti i buddies. Moneyfarm, azienda leader nella gestione del risparmio con approccio digitale, gestirà i portafogli facendo leva anche sull’asset allocation consigliata da BlackRock, ottimizzata sulla base di metriche ESG, includendo quindi nel processo d’investimento tematiche ambientali, sociali e di governance. Sviluppato in open banking via API, “Steppy” è un servizio di gestione di portafogli multilinea sottoscrivibile in pochi passaggi attraverso l’app buddybank. L’onboarding è totalmente digitale e il cliente dopo la compilazione di un breve questionario MiFID, può definire i propri obiettivi in autonomia oppure con il supporto della consulenza. Secondo l’EY Global Wealth Research Report – ricerca che misura i cambiamenti nelle aspettative dei risparmiatori sui servizi e le modalità della relazione con i wealth manager – durante la pandemia gli investitori hanno intensificato esponenzialmente l’uso della tecnologia e questo ha determinato un cambiamento permanente nelle loro scelte. In particolare, la totalità dei Millennial (i nati tra il 1981 e il 1996), ha rivelato che in futuro intende utilizzare sempre più strumenti di investimento digitali e virtuali. Allo stesso modo è cresciuta molto la sensibilità per gli investimenti ESG: la stessa ricerca, infatti, rileva che l’83% dei Millennial ha degli specifici obiettivi di sostenibilità e quasi uno su tre ritiene che il proprio wealth manager potrebbe fare di più per comprenderli appieno.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pictet nomina due nuovi soci

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Il Gruppo Pictet annuncia la nomina di due nuovi soci a partire dal 1° settembre 2021, portando a nove il numero totale dei soci alla guida del Gruppo. Elif Aktuğ e François Pictet saranno il 44° e il 45° socio nella storia della Banca, una storia lunga ormai 216 anni.Elif Aktuğ è in Pictet dal 2011 come lead manager del fondo Agora di Pictet Asset Management, una strategia dedicata alle azioni europee da 2,5 miliardi di euro che ha ricevuto numerosi riconoscimenti per la sua performance. Nel 2020 Elif Aktuğ ha vinto il prestigioso premio «Best Female Fund Manager» della Hedge Funds Review e ha inoltre apportato un notevole contributo al Gruppo come equity partner e come paladina della diversità e dell’inclusione, tra l’altro come cofondatrice del Pictet Women’s Network. In precedenza, è stata Managing Director presso Goldman Sachs a Londra, dove si è occupata di M&A advisory e trading proprietario. Elif Aktuğ è cresciuta a Londra, Ankara e Parigi. Ha conseguito un bachelor degree presso l’Institut d’Etudes Politiques di Parigi e un master in business administration presso la Stanford Graduate School of Business.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La pandemia accelera la trasformazione digitale dei comuni italiani

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

E’ stata trainata soprattutto dall’aumento dei servizi digitali offerti in risposta all’emergenza sanitaria, mentre c’è ancora un divario da colmare in termini di integrazione con le piattaforme abilitanti come SPID e PagoPA e di disponibilità e interoperabilità degli open data. Le città digitalmente più mature sono ancora soprattutto quelle del Nordest e del Nordovest e quelle con la maggiore densità abitativa, ma non mancano casi virtuosi fra i piccoli comuni e nel Mezzogiorno. È il quadro che emerge dall’”Indagine sulla maturità digitale dei Comuni capoluogo”, realizzata fra aprile e maggio 2021 da FPA, società del gruppo Digital360, per Dedagroup Public Services, società in prima linea nello sviluppo delle nuove infrastrutture pubbliche digitali del Paese, e presentata oggi a FORUM PA 2021 nel corso del convegno “Italia digitale: il ruolo dei Comuni per una PA al servizio di cittadini e imprese”. L’indagine analizza il grado di maturità digitale dei 110 comuni italiani capoluogo sulla base di tre dimensioni: Digital public services, il livello di disponibilità online di 20 tra i principali servizi al cittadino e alle imprese; Digital PA, l’integrazione dei Comuni con le principali piattaforme abilitanti individuate dal Piano triennale per l’informatica pubblica (SPID, CIE, PagoPA, ANPR); Digital Openness, la numerosità e l’interoperabilità degli open data e la comunicazione con i cittadini attraverso i canali social. È basata sul modello Ca.Re. (Cambiamento Realizzato) di Dedagroup Public Services, frutto di una rielaborazione del DESI rispetto agli obiettivi definiti dal Piano triennale per l’informatica nella pubblica amministrazione e di una sua contestualizzazione a livello locale. Sono 49 le città italiane che nel 2021 hanno raggiunto un livello elevato di maturità digitale (14 in più rispetto al 2020), 38 si attestano nella fascia intermedia (+1) e solo 23, contro i 37 dello scorso anno, si collocano nella fascia più bassa evidenziando così il generale trend positivo. Nella fascia alta, 39 comuni mostrano performance almeno sufficienti in tutte le tre dimensioni esaminate ed elevate in almeno una di queste: Aosta, Arezzo, Bari, Bergamo, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Catania, Cremona, Cuneo, Ferrara, Forlì, Genova, La Spezia, Lecce, Lecco, Livorno, Lodi, Lucca, Matera, Monza, Napoli, Padova, Palermo, Parma, Pavia, Prato, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Siena, Torino, Trento, Treviso, Venezia, Vercelli, Verona, Vicenza. Completano l’elenco 7 comuni che ottengono il punteggio più elevato in tutti e tre gli ambiti analizzati (Bologna, Firenze, Milano, Roma, Modena, Pisa e Cesena) e 3 città che si fermano al livello più basso in una dimensione ma registrano quello più alto nelle altre due (Asti, Caltanissetta e Piacenza).Le città più mature si collocano prevalentemente nelle regioni del Nordovest (15 comuni su 24 in fascia alta, 7 in quella intermedia) e del Nordest (17 comuni su 24 in fascia alta, 5 a livello medio) e presentano mediamente un’elevata densità abitativa. Ma fra i 49 comuni più digitali figurano anche 9 città del Sud (Bari, Cagliari, Caltanissetta, Campobasso, Catania, Lecce, Matera, Napoli, Palermo), tre in più rispetto al 2020, e 8 città di piccole dimensioni, contro le tre registrate nella precedente edizione.L’offerta di servizi pubblici digitali – L’offerta di servizi pubblici digitali è l’ambito in cui sono stati fatti i maggiori progressi: 47 dei 110 comuni analizzati hanno raggiunto un elevato livello di disponibilità dei servizi digitali (contro i 30 del 2020), 42 si sono posizionati in fascia intermedia (-3) e 21 in fascia bassa (erano 34 l’anno scorso). Tutte le grandi città (oltre i 240mila abitanti) si collocano in fascia alta, insieme a 11 comuni medio-grandi (su un totale di 22) e 16 medi (su 41), mentre raggiungono il livello più elevato solo 8 realtà piccole su 35. Lo stesso divario si registra a livello geografico, con solo 12 comuni del Mezzogiorno (su 40) e 8 del Centro (su 22) che entrano in fascia alta, contro le 27 città del Nord (su 48).I servizi maggiormente offerti dai comuni in modalità digitale sono quelli legati allo Sportello unico delle attività produttive (SUAP), disponibili in 109 comuni, e alla prenotazione di appuntamenti per il rinnovo della carta d’identità, online in 107 città. Seguono l’iscrizione alla mensa scolastica (96), la presentazione di pratiche di edilizia privata (84) e la visualizzazione e il pagamento di contravvenzioni (81). I servizi meno accessibili sono la richiesta del contrassegno auto per disabili (16) e la domanda di assegno per le famiglie numerose (12).Digital PA, integrazione con le piattaforme abilitanti ancora incompleta – L’integrazione con le grandi piattaforme nazionali – come SPID, PagoPA, ANPR, CIE etc – rappresenta un passaggio fondamentale nel processo di digitalizzazione della PA. Questo indicatore, però, appare meno dinamico rispetto a quello dedicato ai servizi pubblici digitali. Solo 27 città si collocano nella fascia alta (erano 23 nel 2020), 58 si attestano nella fascia intermedia (+2) e 25 a un livello basso (-5). Metà delle grandi città (5 comuni su 12) entra in fascia alta, ma la maggior parte delle città medie (26 su 41) e medio-grandi (13 su 22) si ferma a un livello intermedio e ben 16 città piccole su 35 non vanno oltre la fascia bassa. Fra le 27 città più mature, 19 si trovano nelle regioni del Nord, e solo due (Caltanissetta e Campobasso) al Sud.I servizi digitali maggiormente integrati con i sistemi di autenticazione SPID, CIE e CNS, sono il rinnovo della carta d’identità (102 con SPID, 99 con CIE e 4 con CNS) e quelli legati al SUAP (96 SPID, 76 CIE, 89 CNS). Seguono le pratiche edilizie (64 SPID, 42 CIE e 53 CNS), i certificati anagrafici (62 SPID, 44 con CIE e CNS), l’iscrizione agli asili nido (58 SPID, 36 con CIE e CNS) e i certificati di stato civile (58 SPID, 40 CIE e 41 CNS). Il processo che ha registrato più progressi è la migrazione delle anagrafi comunali in ANPR, dove a maggio 2021 figuravano oltre 7.500 comuni subentrati, fra cui 106 comuni capoluogo su 110, con i restanti 4 con la migrazione in corso. Tutti i comuni capoluogo risultano attivi sulla piattaforma PagoPA, con almeno una transazione registrata, ma solo 15 comuni hanno registrato mille transazioni o più ogni mille abitanti e per ben 30 città ne risultano meno di 50. Sono invece 89 i comuni capoluogo che espongono almeno un servizio sull’app IO, fra le quali spiccano Rimini (20 servizi online accessibili), Modena (14) e Vibo Valentia (12). Nella Digital Openness il gap più evidente – La Digital Openness si conferma la dimensione in cui i Comuni faticano maggiormente a progredire. Nonostante una leggera crescita, sono appena 18 le città digitalmente mature da questo punto di vista (+2 sul 2020), 50 si collocano in fascia intermedia e 42 in fascia bassa. Un risultato dovuto allo scarso punteggio ottenuto negli indicatori relativi agli open data, che hanno vanificato le buone performance registrate nella comunicazione con i cittadini attraverso i canali social. Fra le 18 città mature, ci sono 7 grandi comuni e nessuna piccola realtà, 12 sono nel Nord, 3 nel Centro e 3 nel Sud (Lecce, Matera e Palermo).Dall’analisi condotta su portali open data e siti dei 110 comuni capoluogo emerge un quadro polarizzato, con poche eccellenze con numerosi dataset rilasciati e ampie fasce del campione con maturità bassa o bassissima. Complessivamente i comuni analizzati hanno pubblicato meno di 15mila dataset (erano 17mila nel 2020). A Firenze, Milano, Palermo e Torino, che valgono il 42,5% del totale con oltre mille dataset a testa, si contrappongono 48 comuni che non hanno ancora pubblicato open data. Per quanto riguarda la comunicazione sui social media, il numero di Comuni attivi aumenta su sei canali su sette, restando invariato solo su Twitter, e salgono da 16 a 23 le città che usano tutti gli strumenti analizzati. Sono 46 le città mature per livello di presenza, penetrazione, aggiornamento e produttività sui sette canali social analizzati.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scoperta una diagnosi precoce per due malattie neurodegenerative

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Esiste un dato biologico, cioè un biomarcatore, rilevabile attraverso le analisi, che possa indicarci la presenza di una malattia neurodegenerativa? La ricerca di un biomarcatore per le malattie neurodegenerative rappresenta un obbiettivo molto importante e la proteina definita “neurofilamento a catena leggera” (NFL) è un possibile candidato, almeno per quanto riguarda la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) e la Demenza Frontotemporale (FTD), due malattie accomunate in una unica base patogenetica. Il NFL è stato studiato originariamente nel liquido cerebrospinale, ma le moderne tecnologie ci stanno aiutando a rilevarlo anche nel sangue, rappresentando un utile indizio di malattia, di gravità e di eventuale risposta alla terapia. I contributi degli ultimi anni sono sapientemente riassunti in una esaustiva pubblicazione apparsa su Frontiers in Neuroscience a firma Federico Verde, Markus Otto e Vincenzo Silani dell’ IRCCS Istituto Auxologico Italiano – Università degli Studi di Milano, Centro “Dino Ferrari” in collaborazione con l’ Università di Ulm in Germania. “Questa revisione critica – afferma il prof. Vincenzo Silani, Ordinario in Neurologia della Università degli Studi di Milano e Direttore della UO di Neurologia dell’ IRCCS Istituto Auxologico Italiano – rappresenta, per la completezza e competenza, un riferimento per il presente ed il futuro. Il dott. Federico Verde, ricercatore della Università degli Studi di Milano, ha raggiunto una particolare padronanza dell’ argomento dopo un periodo di intensa ricerca presso l’ Università di Ulm in in Germania ed ha potuto raffinare le tecniche di rilevamento del NFL anche grazie alla acquisizione di nuove tecnologie (“saggio di singola molecola”, Simoa). Patologie rimaste per decadi senza un biomarcatore che ne facilitasse la diagnosi, come SLA e FTD, possono ora vantare una priorità tra le malattie neurodegenerative”.“La revisione – spiega il dott. Federico Verde – è il frutto di una analisi della letteratura in un campo a cui sono stato introdotto da un maestro quale il prof. Markus Otto dell’Università tedesca di Ulm ed a cui ho potuto apportare negli ultimi anni un contributo diretto insieme con i colleghi sia tedeschi sia italiani. Il NFL fa parte di una sorta di impalcatura interna delle cellule nervose; quando queste degenerano per effetto di patologie quali la SLA e la FTD, rilasciano al loro esterno frammenti di tale impalcatura, tra i quali appunto il NFL, che pertanto possono essere rilevati e quantificati nei liquidi biologici. Ciò ci fornisce informazioni sul tipo, l’entità e la velocità della degenerazione delle cellule nervose. Le evidenze finora accumulate – continua il Dott. Verde – dimostrano che il NFL può supportare la diagnosi della SLA e della FTD, fornire informazioni utili nella prognosi e – dato di notevole importanza in prospettiva – aiutare a misurare la possibile efficacia dei trattamenti che vengono e verranno sperimentati per l’una e per l’altra malattia”.“È possibile – conclude il prof. Silani – che il NFL, affiancato ad altri biomarcatori, possa amplificare la propria specificità fornendo un riferimento insostituibile per la gestione di pazienti con patologia neurodegenerativa, entrando nel bagaglio degli esami da acquisire per il corretto inquadramento dei pazienti affetti da SLA e/o FTD”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Codici: impugneremo il provvedimento che prevede la sospensione per gli operatori sanitari non vaccinati

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Un attacco alla libertà di scelta, imponendo vaccini che non hanno seguito i classici iter di sperimentazione. Questo il giudizio dell’associazione Codici in merito all’indicazione impartita dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, sulla scia di quanto disposto dal Ministero della Salute, a tutti gli ordini territoriali, tenuti, in caso di accertamento da parte dell’azienda sanitaria competente di operatori sanitari e medici non vaccinati, a provvedere alla sospensione ex lege finché non avranno effettuato la vaccinazione antiCovid19. “Impugneremo il provvedimento – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – in quanto lo riteniamo un atto gravissimo. Prima di tutto, perché lede la libertà di scelta dell’individuo, che deve essere garantita sempre e comunque. La pandemia ha avuto, e continua ad avere, un impatto eccezionale, ma questo non può mettere in discussione diritti imprescindibili. Altro aspetto da tenere in considerazione, e che ci spinge ad impugnare il provvedimento in questione, riguarda l’iter che hanno sostenuto i vari vaccini per arrivare all’approvazione finale. Non sono stati testati seguendo i percorsi classici e questo certamente non è un dettaglio. Non passa giorno senza che vengano registrati eventi avversi, con famiglie che piangono la morte improvvisa di un proprio caro e, giustamente, chiedono di sapere la verità, perché non si conoscono le cause del decesso, soprattutto in quei casi, e non sono pochi, in cui la persona vaccinata non aveva patologie pregresse. Per queste regioni, contestiamo la decisione di sospendere gli operatori sanitari non vaccinati ed abbiamo deciso di impugnare il provvedimento”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cisco annuncia l’intenzione di acquisire Involvio

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

La vita oggi appare un po’ diversa rispetto al passato; lo si vede nel modo in cui le persone lavorano e gli studenti apprendono. Un nuovo mondo ibrido in cui essere in grado di collaborare e rimanere connessi è importante più che mai. E proprio come i leader aziendali e i dipendenti, anche insegnanti e studenti – e i genitori come me – hanno capito che non è necessario essere insieme di persona per connettersi, collaborare e portare a termine le cose. Cisco Webex fornisce una piattaforma sicura e inclusiva che consente di fare proprio questo: connettersi dove e quando serve.Negli ultimi mesi, abbiamo visto che l’apprendimento ibrido è un modo efficace per connettere insegnanti, studenti e genitori. Per fornire un’esperienza ancor più efficace sia nel lavoro che nello studio in questo nuovo futuro ibrido, Cisco è lieta di annunciare l’intenzione di acquisire Involvio LLC, una società di software con sede a New York e leader nell’ambito delle piattaforme dedicate agli studenti. Involvio offre una suite di prodotti per l’istruzione che permettono alle università di migliorare l’esperienza, il coinvolgimento e la partecipazione degli studenti. Il team di Involvio ha assistito Cisco nella progettazione di Webex Education Connector, una soluzione che integra in modo sicuro, le funzionalità di collaborazione Webex nei sistemi di gestione di apprendimento. Inolvio è stata una delle prime aziende ad adottare le API e gli SDK aperti di Webex, e le sue integrazioni sono tra quelle in più rapida crescita e più utilizzate nel nostro ecosistema. L’acquisizione, unitamente alla vasta conoscenza dei nostri strumenti per sviluppatori da parte del team di Involvio, ci permetterà di migliorare la nostra offerta per il mondo dell’istruzione così come le soluzioni verticali che offriamo, favorendo al contempo l’adozione della piattaforma aperta Webex da parte di altri sviluppatori.Oltre alle recenti acquisizioni di Slido, Socio, IMI e Babblelabs, l’acquisizione di Involvio è un altro tassello della nostra strategia per sviluppare esperienze personalizzate, e la dimostrazione del nostro continuo impegno nell’investire in tecnologie che forniscono esperienze di collaborazione uniche ai nostri clienti. Dall’ufficio a casa, alla sala conferenze fino all’aula di scuola, Webex permette alle persone di imparare e lavorare efficacemente.Prevediamo di completare l’acquisizione e di dare il benvenuto al team di Involvio in Cisco nel corso del quarto trimestre dell’anno fiscale 2021.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ludovico Ariosto: Rime per il canzoniere

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

A cura di Giada Gussardo. Collana i Venti, pp. 304, 16 euro Editore: La Nave di Teseo. Una nuova edizione commentata in cui si coniuga scientificità e chiarezza divulgativa, valorizzando inoltre alcuni aspetti finora mai emersi nei commenti a queste liriche latine. A lungo oscurate dal successo dei loro “fratelli maggiori” (l’Orlando furioso soprattutto, ma anche le Satire e le commedie), le liriche in volgare di Ariosto hanno conosciuto, a partire dagli inizi del Novecento, una progressiva riscoperta critica: riscoperta che tuttavia non è bastata a sciogliere i numerosi problemi interpretativi legati a questi componimenti, che rimangono tuttora la produzione più sfuggente e misteriosa del poeta. Ed è notevole che delle difficoltà sofferte da noi posteri si sia reso complice Ariosto stesso, che non autorizzò mai per la stampa le sue rime, né diede loro una sistemazione definitiva.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ayad Akhtar: Disgraced

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Collana le Onde, pp. 128, 15 euro Editore: La Nave di Teseo. L’opera teatrale con cui Akhtar ha vinto il Premio Pulitzer 2013. “L’atto unico di Ayad Akhtar mescola abilmente il politico e il personale, esplorando la razza, la libertà di parola, il politicamente corretto, persino l’essenza dell’Islam e del giudaismo.” – Philip Boroff La storia di Amir Kapoor (Aasif Mandvi), un avvocato pakistano-americano di successo che sta rapidamente salendo la scala aziendale prendendo le distanze dalle sue radici culturali. Quando Amir e sua moglie Emily, un’artista bianca influenzata dall’immaginario islamico, organizzano una cena, quella che inizia come una conversazione amichevole si trasforma in qualcosa di molto più dannoso.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ayad Akhtar: Elegia della patria

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Collana Oceani, pp. 448, 20 euro. Editore: La Nave di Teseo. “Un romanzo sull’immigrazione diverso da qualsiasi altro. Singolare per la sua ricchezza, inventiva, intelligenza e il candore ardente con cui Akhtar scrive quasi ogni frase. Per me, questo è il libro dell’anno.” – Junot Díaz Finalista all’Andrew Carnegie Medal for Excellence in Fiction.L’autore racconta alcuni episodi fondamentali della storia dell’emigrazione della sua famiglia dal Pakistan negli Stati Uniti. Elegia della patria è un romanzo profondamente intimo sull’identità e l’appartenenza, in parte dramma familiare, in parte ritratto dell’America, in parte romanzo picaresco; ma soprattutto è la storia di un padre e di un figlio. Protagonista è lo stesso autore. Nato e cresciuto negli Stati Uniti, è stato educato in una cultura occidentale: suo padre è un illustre medico cardiologo, sua madre è laureata in medicina. Entrambi nati in Pakistan, hanno fatto di tutto per dimenticare le loro origini. Il padre è disposto persino a chiudere un occhio sui rigurgiti di razzismo che esplodono negli Stati Uniti. Alla morte della madre, il narratore protagonista sente il valore delle origini e della patria, piange il legame perduto con lei ed entra in conflitto con il padre.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Francesca Camoana Comparini: Eccomi. La teoria dell’anticipazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Collana i Delfini, pp. 112, 10 euro. Editore: La Nave di Teseo. Con un linguaggio chiaro e luminoso, l’autrice traccia una galleria di aneddoti biblici che hanno sempre qualcosa di nuovo da rivelare al lettore.Francesca Campana Comparini espone una tesi chiara, espressa sin dalle prime pagine, ed esemplificata lungo tutto il testo: il rapporto dell’uomo con Dio è anticipato da un “primo passo” di Dio, cui l’uomo “risponde”. “Eccomi” è la formula con cui l’uomo giusto sta difronte a Dio: raggiunto da Dio, l’uomo riconosce la sua presenza salvifica. Abramo, Mosè, Giacobbe, ma anche le donne (capitolo tra i più interessanti): Sara e Agar, fino a Maria. In libreria dal 22 luglio

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giorgio Scerbanenco: L’antro dei filosofi

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Collana Oceani, pp. 288, 17 euro. Editore: La Nave di Teseo. Un caso difficile e intricato per Arthur Jelling costretto a districarsi tra i componenti di una famiglia di fanatici moralisti che vive monacalmente in una squallida villetta di periferia. Sarà l’intuito e la conoscenza dell’animo umano che porteranno Jelling, poco a poco, verso la verità più segreta.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Giorgio Scerbanenco: Nessuno è colpevole

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Collana Oceani, pp. 256, 17 euro. Editore: La Nave di Teseo. Il terzo e il quarto romanzo della serie di Arthur Jelling.Al distretto di polizia di Boston si presenta il signor Funt che dichiara di aver sparato al proprio amico Ted Farr durante una battuta di caccia. Jelling e il suo superiore riescono subito a sventare il tentativo di Funt di farlo sembrare un incidente e raccolgono la confessione di omicidio premeditato ed intenzionale. Tutti sono portati a valutare la semplicità del caso di fronte al reo confesso, che rischia la pena di morte. Ma l’intuizione porta Jelling a seguire una propria indagine solitaria e caparbia.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Percival Everett: Telefono

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Collana Oceani, pp. 320, 20 euro Romanzo Finalista al Premio Pulitzer 2021 Editore: La Nave di Teseo. Un romanzo, tre diversi finali. In libreria dunque l’ignaro lettore troverà tre diverse edizioni, apparentemente indistinguibili da fuori se non per un minuscolo dettaglio, e avrà il finale che la sorte gli ha riservato. Un libro che rivela tutto il genio di uno dei più eclettici scrittori contemporanei e dimostra quanto l’immaginazione possa entrare nelle pieghe più intime delle nostre esistenze. Zach Wells è un geologo/paleobiologo perennemente insoddisfatto. Esperto in un’area molto ristretta – la storia geologica di una grotta a quarantaquattro metri sopra il fiume Colorado nel Grand Canyon – è un uomo laconico che gioca a scacchi con la figlia, scambia qualche battuta con la moglie mentre lei fa yoga, e fa di tutto per evitare il lavoro nel college dove insegna. Dopo un’infruttuosa e sciagurata spedizione nel deserto, Wells torna a casa e trova il proprio mondo stravolto. Sua figlia ha perso il vantaggio a scacchi, ha sviluppato misteriosi problemi agli occhi e la sua memoria ha cominciato a vacillare. Impotente di fronte alla lenta ma inesorabile malattia della figlia, trova un misterioso biglietto con una richiesta di aiuto, nascosto nella tasca di una giacca comprata su eBay. Tormentato per la salvezza di qualcuno, decide di partire in segreto per il New Mexico per una donchisciottesca missione di riscatto.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Marcello Carrà: La sindrome del pallone

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Origine, natura e cura della mania del calcio collana La nave di TeseO, pp. 160, 18 euro, illustrato. Editore: La Nave di Teseo. Da un artista di fama internazionale, un “Codex calcisticus” che ricorda la fantasia di Luigi Serafini. Un utilissimo trattato “scientifico” riccamente illustrato, necessario per comprendere la patologia che affligge la stragrande maggioranza degli italiani: la mania del tifo calcistico. Il calcio è approfondito, con pungente ironia, come una vera e propria malattia, partendo dall’individuazione e descrizione della causa della sindrome, il bacillus calcisticus, per poi analizzare i sintomi della patologia e le diverse forme con cui si manifesta: da quella “leggera” dell’amatore occasionale, fino alle tipologie più gravi e violente, passando attraverso lo stadio di appassionato. Un quadro divertente, e completo di tutte le sfaccettature, della malattia più amata dagli italiani. Marcello Carrà propone un sistema di diagnosi per permetterci di capire quanto grave sia in noi la patologia e aiutarci a curarla. Perché nessuno si salva (e spesso neppure lo vuole) dalla sindrome del pallone. In libreria dal 15 luglio

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ilya Kaminsky: La Repubblica dei sordi

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2021

Collana i Venti, pp. 336, 17 euro, illustrato con i disegni dell’autore Editore: La Nave di Teseo. Vincitore del Los Angeles Times Book Prize; Finalista al National Book Award, al PEN/ Jean Stein Award, al National Book Critics Circle Award. Al tempo stesso una storia d’amore, un’elegia e un appello urgente, l’atteso libro di Ilya Kaminsky affronta le atrocità del nostro tempo e il nostro silenzio collettivo di fronte ad esse.L’11 luglio l’autore sarà alla Milanesiana, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, in un incontro dal titolo Le guerre, il progresso (ore 21, Almo Collegio Borromeo, Pavia).La Repubblica dei sordi è ambientato in un paese occupato durante un periodo di disordini politici. Quando i soldati intervenuti per placare una protesta uccidono un ragazzo sordo, Petya, lo sparo diventa l’ultima cosa che i cittadini sentono: sono diventati tutti sordi e il loro dissenso viene coordinato dal linguaggio dei segni. La storia segue le vite private dei cittadini circondati dalla violenza pubblica: una coppia di sposi, Alfonso e Sonya, in attesa di un figlio; la sfacciata Momma Galya, che istiga l’insurrezione dal suo teatro di marionette; e le ragazze di Galya, che di giorno e di notte attirano i soldati uno per uno verso una morte dietro le quinte. “Come può un poeta rendere visibile il silenzio? In che modo può illustrare – e illuminare – la nostra sordità collettiva? Un libro straordinario di poesie da una delle grandi voci sinfoniche dei nostri tempi. Un profondo inchino per Kaminsky.” – Colum McCann

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »