Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 26 giugno 2021

Impegno FdI per stabilizzazione insegnanti di religione

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

“Dall’inizio della legislatura Fratelli d’Italia si batte per la stabilizzazione degli insegnanti di religione cattolica. Una vicenda assurda con precari che attendono da 20 anni una procedura per essere stabilizzati. Sono professionisti, sono famiglie che devono veder riconosciuto il proprio diritto. Abbiamo presentato dall’inizio di questa legislatura un emendamento che puntualmente è stato bocciato da tutte le altre forze politiche. Fratelli d’Italia continuerà la sua battaglia e riproporrà questo emendamento per la loro stabilizzazione come ha già fatto nel decreto Scuola, nel decreto Sostegni e nel decreto di assunzione della Pubblica Amministrazione”. Così il senatore di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone, capogruppo Commissione Istruzione e il deputato Paola Frassinetti, responsabile nazionale Dipartimento Istruzione di FdI, a margine della manifestazione degli insegnanti di religione nel teatro Quirino promosso dallo Snadir.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ora religione cattolica: Abolirla?

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

Per Alessandro Manfridi, referente IRC ANIEF, “il fatto che da più parti si chieda una rivisitazione dell’insegnamento dell’ora di religione, adducendo la necessità di proporre una materia che non sia definita “cattolica” a favore di un insegnamento di “Storia delle religioni”, a motivo della “laicità” dello Stato, sarebbe da ritenersi auspicabile? Posto che si tratterebbe di una materia bilaterale, tale rivisitazione non potrebbe essere imposta in maniera unilaterale”. “Come sindacato – continua Manfridi – domandiamo con forza alle componenti politiche che si son fatte protagoniste, attraverso i firmatari, di questa mozione, come sia possibile che partiti tradizionalmente attenti ai diritti dei lavoratori abbiano totalmente disatteso, attraverso questa o altre proposte simili, la situazione di un corpo docente che lavora al servizio delle scuole italiane di ogni ordine e grado da decenni con competenza e professionalità, che in conseguenza della loro proposta di legge rischierebbe la perdita del lavoro. Anief ha proposto pochi giorni fa quattro emendamenti al Governo per il Decreto Sostegni Bis, per la stabilizzazione, a costo zero, di una buona parte di questi docenti. Proposte che non hanno trovato attenzione”. Ritornando al merito della summenzionata mozione, nonché dell’opinione della senatrice Granato, sarebbe necessario che i titoli pontifici e le lauree magistrali in Scienze Religiose siano riconosciuti come abilitanti per l’insegnamento della eventuale nuova classe di Concorso in Storia delle Religioni. Dunque bisogna che questi docenti possano essere stabilizzati con percorsi riservati perché, come più volte riferito, essi sono al lavoro nelle scuole italiane con contratti a tempo determinato e un servizio di docenza che va da 36 mesi a oltre vent’anni (dal momento che non ha potuto accedere al concorso del 2004 chi aveva meno di quattro anni di servizio) senza che lo Stato Italiano li abbia stabilizzati dopo l’unico concorso del 2004. Bene l’apertura ad altri candidati che abbiano accesso a questa eventuale nuova classe di concorso in Storia delle Religioni, ma prima bisogna stabilizzare questi 26mila docenti che, stante il blocco attuale dei loro titoli magistrali pontifici che non danno accesso ad altre classi di concorso, rischierebbero ad oggi un licenziamento in tronco, dopo un onesto e servizio ultradecennale nelle nostre scuole.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Sant’Egidio: Ordine al Merito ad Andrea Riccardi

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

Presso la residenza di Villa Almone, l’ambasciatore in Italia, Viktor Elbling, ha consegnato l’Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania al fondatore della Comunità di Sant’Egidio, Andrea Riccardi. L’onorificenza è stata conferita dal presidente Frank-Walter Steinmeier “per i suoi particolari meriti” riguardanti la Repubblica tedesca. “Non avere paura, non alzare i muri – ha dichiarato l’ambasciatore Elbling nel corso della cerimonia – è una missione nobilissima, che mette al centro i più fragili, dalle persone colpite nelle zone di crisi ai migranti arrivati in Italia. Tutto questo nel nome della fede. Se non ci fosse la Comunità di Sant’Egidio, bisognerebbe inventarla”. “Ringrazio il presidente della Repubblica Federale di Germania e l’ambasciatore Elbling per questo importante riconoscimento che devo all’impegno di tutta la Comunità di Sant’Egidio”, ha risposto Andrea Riccardi. “Viviamo un tempo marcato dall’individualismo, ma senza legami ci si perde e si affonda. Per questo il contributo di tutti è fondamentale: abbiamo bisogno di più Germania e di più Europa per fare avanzare il dialogo e la pace, una civiltà che vorremmo sempre più ecumenica”.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Logistica: Mura (Pd), settore strategico ma trascurato dalla politica

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

“La logistica è un settore trascurato dal dibattito pubblico ma che si è rivelato strategico nel periodo della pandemia: è una leva strategica che tiene su il Paese con cui la politica si è confrontata poco”. Lo ha detto la presidente della commissione Lavoro della Camera Romina Mura, parlando oggi a Radio Immagina.“La logistica ha assunto una tale importanza anche rispetto alla produzione – ha detto Mura – che ha fatto aumentare gli investimenti in innovazione, e noi dovremmo utilizzare l’innovazione non solo per efficientare i processi produttivi ma anche come strumento di controllo delle modalità di lavoro, per monitorare gli orari, integrare i turni, in sostanza cambiare la qualità e le condizioni del lavoro”. Riguardo gli appalti, Mura ha ricordato che “con il dl Semplificazioni abbiamo stabilito che i lavoratori del subappalto abbiamo uguali diritti e retribuzioni di quelli dell’appalto. Sono convinta che la politica si deve misurare sul tema dell’estensione delle regole per i subappalti pubblici anche a quelli privati. E’ uno dei temi che potrebbe cambiare le condizioni di lavoro anche nel settore della logistica”. “Il Paese ha bisogno di costruire prospettive – ha aggiunto la parlamentare – ci sono competenze ma bisogna riappropriarsi delle politiche industriali e insieme di quelle del lavoro. E per questo serve una presenza maggiore e più convinta del ministero del Sviluppo economico”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Almawave e Campus Bio-Medico: firmato accordo per sviluppare sistemi di AI applicati alla salute

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

Università Campus Bio-Medico di Roma e Almawave, società italiana quotata all’AIM Italia (Ticker: AIW) e leader nell’Intelligenza Artificiale (AI), nell’analisi del linguaggio naturale e nei servizi big data, annunciano la firma di una convenzione triennale che prevede attività congiunte per supportare lo sviluppo e l’innovazione tecnologica nell’ambito di sistemi di Intelligenza Artificiale applicati alla salute e in particolare alla prevenzione e al monitoraggio delle patologie cardiovascolari.Il progetto alla base della convenzione, attraverso il bagaglio di competenze e tecnologie all’avanguardia della società, unito all’esperienza di ricerca dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, ateneo capofila del Dottorato Nazionale in AI PhD-AI.it (Area Salute e scienza della vita) istituito da Miur e CNR, punta ad applicare i più innovativi sistemi di AI ai molteplici campi della medicina. Il tutto con il più generale obiettivo di incrementare le conoscenze tecnico-scientifiche delle parti e rispondere con sempre maggiore forza alle sfide della trasformazione digitale della società.Almawave e Università Campus Bio-Medico di Roma, in particolare, intendono sviluppare e validare un modello che attraverso le più elevate tecnologie di AI supporti medici e sanitari nella gestione dei pazienti, sia acuti che cronici, affetti da patologie cardiovascolari. Quest’ultime rappresentano oggi la principale causa di morte in Italia (Fonte: Ministero della Salute, https://www.salute.gov.it/). Risulta pertanto fondamentale ricercare, sperimentare e quindi realizzare strumenti facilmente fruibili che agiscano sia in un’ottica di prevenzione – ad esempio attraverso tecnologie che forniscano in tempo reale informazioni utili ai medici per anamnesi e diagnosi – sia per facilitare percorsi di cura o di riabilitazione, in ambito ospedaliero come domiciliare, favorendo l’autonomia del paziente.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sassoli a von der Leyen: la Commissione applichi il regolamento sullo stato di diritto

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

Il Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli ha scritto oggi alla Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, chiedendo alla Commissione di adempiere agli obblighi previsti dai trattati dell’UE per garantire il rispetto dello stato di diritto in tutti gli Stati membri.In apertura della sessione plenaria del Parlamento europeo a Bruxelles, il Presidente Sassoli ha affermato:“Come indicato dalla nostra risoluzione del 10 giugno 2021, ho scritto alla Presidente della Commissione, a nome del Parlamento europeo e sulla base dell’articolo 265 del TFUE, per invitare la Commissione ad adempiere ai suoi obblighi di custode dei trattati e a garantire la piena e immediata applicazione del regolamento relativo alla condizionalità sul rispetto dello Stato di diritto”.“Siamo convinti che vi siano alcune flagranti violazioni dei principi dello stato di diritto da parte di alcuni Stati Membri che devono essere sanzionate”.“Naturalmente, in assenza di reazioni da parte della Commissione nei tempi assegnati dai Trattati, agiremo contro di essa alla Corte di Giustizia”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sassoli: Oggi finalmente l’Europa può ridurre le disuguaglianze

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

Estratto del discorso del Presidente del Parlamento europeo durante il suo discorso di apertura al Consiglio europeo di giugno. Ha sottolineato la necessità per l’Europa di mantenere le promesse fatte ai cittadini sul certificato digitale europeo e sulla lotta per la riduzione delle disuguaglianze nella fase di ripresa post COVID-19. Il Presidente ha detto:“La cosa peggiore sarebbe avere suscitato nei nostri cittadini e nelle nostre imprese aspettative che poi vengono deluse dalla mancanza di accordo fra gli Stati membri”.“Il progetto europeo che vogliamo costruire deve tenere conto delle esigenze dei lavoratori. Deve concentrarsi sulla lotta alla povertà e la riduzione delle disuguaglianze. Deve occuparsi della dignità delle persone, in una retribuzione equa per le lavoratrici e i lavoratori. Sono questi gli impegni che abbiamo preso nel corso del vertice sociale tenutosi a Porto il mese scorso e che ora dobbiamo rispettare”.Il Presidente Sassoli ha anche ribadito le preoccupazioni del Parlamento europeo sui recenti avvenimenti in Ungheria:“Per essere forti e convincenti sulla scena internazionale, dobbiamo essere coerenti e garantire l’applicazione dello stato di diritto e dei diritti fondamentali che chiediamo agli altri di rispettare. La discriminazione, sia essa razziale, religiosa, basata sull’orientamento sessuale o altro, è incompatibile con i valori fondamentali dell’UE. Ecco perché siamo preoccupati delle recenti iniziative legislative intraprese in Ungheria. Nessuna tradizione o altra cosiddetta specificità culturale può giustificare il mancato rispetto della dignità umana”.Sul rafforzamento di una politica sanitaria europea, Sassoli ha affermato:“Tassello dopo tassello abbiamo la possibilità di costruire le competenze e i meccanismi necessari per una politica comune della salute”.Il Presidente ha anche sottolineato la necessità di una politica comune sulla migrazione e l’asilo:“Sappiamo che la dimensione esterna è essenziale e che soltanto insieme ai nostri partner potremo pensare di governare la mobilità delle persone, forzata o volontaria, nel rispetto dei loro diritti”. “Sappiamo però anche che la dimensione esterna da sola non basta se non sapremo darci una politica comune di migrazione e asilo al nostro interno. Qual è la comune responsabilità davanti a questo fenomeno globale?”“Il Parlamento europeo sta lavorando alle misure contenute nel Patto per la migrazione e l’asilo e siamo pronti a negoziare in modo pragmatico e utile. È evidente che si tratta di una materia politicamente sensibile, ma non è più accettabile che la sorte delle persone sia legata alle vicende elettorali nei nostri Stati membri”.“Dobbiamo definire norme comuni per l’accoglienza delle persone durante lo sbarco e per il salvataggio in mare. Non possiamo rinviare la riflessione su vie regolari di immigrazione controllata. Dobbiamo lavorare insieme su corridoi umanitari e sugli strumenti offerti dalla politica comune dei visti per tutelare chi fugge da persecuzioni e guerre e ha diritto alla protezione internazionale”. Infine, a proposito degli sviluppi nello scenario internazionale, Sassoli ha invitato l’Europa a parlare con una sola voce: “Durante la visita del Presidente Biden, l’Unione Europea ha chiarito che l’Oceano Atlantico è il nostro mare comune e che la democrazia e lo stato di diritto sono valori essenziali su entrambe le sponde”.“Vorrei inoltre ricordarvi di rimanere coerenti e uniti tra noi nei confronti della Russia. Ogni iniziativa di dialogo con le autorità russe è benvenuta ma per essere efficace deve avvenire a livello dell’UE. Dobbiamo parlare con una sola voce. La nostra debolezza è la loro forza”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Garantire l’accesso universale alla salute sessuale e riproduttiva nell’UE

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

In una risoluzione adottata giovedì, i deputati esortano i Paesi UE a proteggere e migliorare la salute e i diritti sessuali e riproduttivi delle donne.Nel testo, i deputati affermano che i diritti alla salute, in particolare i diritti alla salute sessuale e riproduttiva, sono diritti fondamentali delle donne che dovrebbero essere rafforzati e non possono essere in alcun modo indeboliti o revocati.La risoluzione non legislativa è stata adottata con 378 voti favorevoli, 255 contrari e 42 astensioni.Inoltre, le violazioni della salute sessuale e riproduttiva delle donne costituiscono una forma di violenza nei confronti delle donne e delle ragazze e ostacolano il progresso verso la parità di genere. I deputati invitano i Paesi UE a garantire l’accesso a una gamma ampia di servizi di alta qualità, completi e accessibili nel campo della salute sessuale e riproduttiva e dei relativi diritti e a rimuovere tutte le barriere giuridiche, politiche, finanziarie e di altro tipo che impediscono il pieno accesso alla salute sessuale e riproduttiva e ai relativi diritti per tutte le persone.Alcuni Stati membri applicano ancora leggi fortemente restrittive che vietano l’aborto, salvo in circostanze rigorosamente definite, costringendo le donne a ricorrere all’aborto clandestino, a recarsi in un altro paese o a portare a termine la gravidanza contro la loro volontà, e ciò costituisce una violazione dei diritti umani e una forma di violenza di genere. Nel testo, si esortano gli Stati membri ad assicurare l’accesso universale all’aborto sicuro e legale e a garantire che l’aborto su richiesta sia legale nelle prime fasi della gravidanza, soprattutto se la salute della persona incinta è in pericolo.I deputati si rammaricano che la prassi comune in alcuni Stati membri consenta al personale medico, e talvolta a interi istituti medici, di rifiutarsi di fornire servizi sanitari sulla base della cosiddetta obiezione di coscienza, il che porta alla negazione dell’assistenza all’aborto per motivi religiosi o di coscienza e pone a repentaglio la vita e i diritti delle donne.Inoltre, il PE chiede che i Paesi UE garantiscano una gamma di metodi contraccettivi e forniture di alta qualità, consulenza familiare e informazioni sulla contraccezione ampiamente disponibili.I deputati deplorano che l’accesso all’aborto continui ad essere limitato durante la crisi della COVID-19, così come gli effetti che la pandemia ha avuto sulla fornitura e l’accesso ai contraccettivi. I Paesi UE sono anche incoraggiati a garantire una completa educazione sessuale nelle scuole primarie e secondarie, poiché può contribuire significativamente a ridurre la violenza e le molestie sessuali.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Unione Europea presenta la “Joint Cyber Unit”

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

“Quando ci troviamo a considerare il panorama odierno delle minacce informatiche, con una specifica attenzione sul ransomware che ha un impatto sia su Governi che su aziende private, apprezziamo particolarmente l’interesse che la politica sta ponendo sui cyber attacchi. Tuttavia resta da vedere quanto questo progetto di una cyber unità congiunta, che si prefigge di mettere a disposizione squadre di risposta in tutta l’Unione Europea, sarà efficace. Oggi molti Paesi dell’Unione Europea controllano la loro sicurezza nazionale e anche all’interno dei trattati UE concordati, sono presenti eccezioni sulla collaborazione tra le forze dell’ordine.Ci dovrebbe essere un focus ancora più forte sulla collaborazione tra entità private e governi, simile a quello che abbiamo visto negli Stati Uniti. La rapida evoluzione e il futuro delle minacce informatiche richiede una partnership tra privati e Governi più forte, dove le informazioni sulle minacce possono essere condivise e comunicate con efficacia tra gli Stati membri dell’UE.Quando osserviamo il panorama delle minacce informatiche, ci accorgiamo che è veramente senza confini e sta diventando una sfida globale. C’è certamente necessità di un maggiore coinvolgimento politico per affrontare il fatto che alcune delle minacce informatiche più pericolose e impattanti, come il ransomware, sembrano operare impunemente da Paesi che offrono un certo grado di sicurezza ai criminali informatici”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I deputati europei approvano fondi più verdi per lo sviluppo e la cooperazione regionale

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

Il Parlamento ha approvato mercoledì tre fondi UE per rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale in Europa per un totale di 243 miliardi di euroIl cosiddetto “pacchetto coesione” comprende l’obiettivo di cooperazione territoriale europea (Interreg), il Fondo europeo di sviluppo regionale e il Fondo di coesione, come anche il regolamento recante disposizioni comuni e un insieme di norme che regolano i fondi regionali, di coesione e sociali dell’UE per i prossimi sette anni.I tre regolamenti, approvati in via definitiva, saranno pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell’UE il 30 giugno ed entreranno in vigore il giorno successivo.In linea con le nuove norme sulle disposizioni comuni, Interreg e il Fondo regionale e di coesione dovranno destinare almeno il 30% delle loro risorse all’azione per il clima, all’economia circolare e agli investimenti nella crescita sostenibile e nella creazione di posti di lavoro. Sono previste anche misure specifiche per PMI e regioni ultraperiferiche.Con una dotazione di 243 miliardi di euro (a prezzi 2018), il nuovo Fondo regionale e di coesione integrato, equivalente a circa un quarto del Quadro finanziario pluriennale (QFP) 2021-2027, è il più grande fondo pubblico dell’UE. L’obiettivo non è solo di contribuire alla ripresa dalla pandemia di COVID-19, ma anche di garantire un sistema sanitario pubblico più resiliente. Sostegni anche a cultura, turismo sostenibile e trasformazione digitale.Gli investimenti legati all’energia nucleare o ai combustibili fossili sono esclusi dal sostegno, ad eccezione dei progetti sul gas naturale in sostituzione del carbone (fino al 31 dicembre 2025).Per la cooperazione territoriale europea (Interreg) è previsto un bilancio di 8,05 miliardi di euro (a prezzi 2018) per il periodo 2021-2027, un aumento del 3% rispetto al periodo precedente, con un tasso complessivo di cofinanziamento dell’80% (85% per le regioni ultraperiferiche). La cooperazione transfrontaliera riceverà il 72,2% di queste risorse, mentre la dotazione per la cooperazione transnazionale, interregionale e delle regioni ultraperiferiche ammonta rispettivamente al 18,2%, al 6,1% e al 3,5%. Fino al 20% dei fondi di un programma Interreg può essere assegnato a piccoli progetti.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legge UE sul clima: approvato l’accordo sulla neutralità climatica entro il 2050

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

La nuova legge UE sul clima trasforma l’impegno politico del Green Deal europeo per la neutralità climatica UE entro il 2050 in obbligo vincolante.La normativa aumenta l’obiettivo di riduzione delle emissioni dell’UE per il 2030 dal 40% al 55%. Con il contributo delle rimozioni con l’uso del suolo dovrebbe salire al 57%.Il Parlamento ha approvato in via definitiva la legge sul clima, concordata informalmente con gli Stati membri in aprile, con 442 voti favorevoli, 203 contrari e 51 astensioni. Questa decisione darà ai cittadini e alle imprese europee la certezza giuridica e la prevedibilità di cui hanno bisogno per pianificare per la transizione decisa con il Green Deal europeo. Dopo il 2050, l’UE punterà a emissioni negative.La nuova legge europea sul clima aumenta l’obiettivo dell’UE per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra (GHG) entro il 2030, dal 40% ad almeno il 55%, rispetto ai livelli del 1990. Inoltre, un’imminente proposta della Commissione sul regolamento LULUCF per regolare le emissioni e le rimozioni di gas serra dall’uso del suolo (dal cambiamento di uso del suolo e dalla silvicoltura), aumenterà i pozzi di carbonio dell’UE e quindi aumenterà de facto l’obiettivo dell’UE per il 2030 al 57%.La Commissione presenterà una proposta per un obiettivo per il 2040 al più tardi sei mesi dopo la prima revisione globale nel 2023 prevista dall’Accordo di Parigi. In linea con la proposta del Parlamento, la Commissione pubblicherà la quantità massima di emissioni di gas serra che l’UE può emettere fino al 2050 senza mettere in pericolo gli impegni dell’UE nell’ambito dell’accordo. Questo cosiddetto “bilancio di gas serra” sarà uno dei criteri per definire l’obiettivo rivisto dell’UE per il 2040.Entro il 30 settembre 2023, e successivamente ogni cinque anni, la Commissione valuterà i progressi collettivi fatti da tutti i paesi dell’UE, così come la coerenza delle misure nazionali, verso l’obiettivo UE per la neutralità climatica entro il 2050.Data l’importanza della consulenza scientifica indipendente, e sulla base di una proposta del Parlamento, sarà istituito un Comitato consultivo scientifico europeo sul cambiamento climatico per monitorare i progressi e valutare se la politica europea è coerente con questi obiettivi.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Commissione europea: sostenere i settori culturali e creativi

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

La Commissione ha pubblicato i restanti inviti a manifestare interesse per i settori culturali e creativi nell’ambito della sezione cultura del programma Europa creativa, mettendo a disposizione un importo totale di 88 milioni di €. Il bilancio sosterrà progetti di collaborazione europea nel settore della cultura, la circolazione e la maggiore diversità delle opere letterarie europee, e offrirà opportunità di formazione e di esibirsi a giovani musicisti.Mariya Gabriel, Commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani, ha dichiarato: “I settori culturali e creativi, così dinamici, sono stati duramente colpiti dalla pandemia. Ora che le restrizioni vengono abolite, è giunto il momento di concentrarsi sulla ripresa sostenibile delle attività e dei luoghi culturali. Il bilancio di Europa creativa per i prossimi sette anni è notevolmente aumentato e già quest’anno saranno messi a disposizione 88 milioni di € per aiutare artisti e autori a riavvicinarsi al pubblico in tutta Europa. Invito tutti gli interessati a verificare le condizioni degli inviti e a cogliere questa opportunità.” Gli inviti si concentrano, tra l’altro, sulla collaborazione e innovazione artistica europea su temi quali il coinvolgimento del pubblico, la digitalizzazione, la coesione sociale e il contributo al Green Deal europeo. L’invito dedicato alle piattaforme europee contribuirà specificamente ad aumentare la visibilità, la programmazione e la promozione degli artisti emergenti. Le organizzazioni interessate possono candidarsi già da adesso e fino alla fine di agosto o di settembre, a seconda degli inviti. Maggiori informazioni e orientamenti sono disponibili su questa pagina web.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Combattere le diverse epidemie che colpiscono l’Africa

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

Un laboratorio di analisi biomediche utilizzato come strumento di lotta al Covid-19 e, insieme, come centro di ricerca e monitoraggio per le malattie tropicali – come la malaria, la tubercolosi, l’AIDS-HIV, le epatiti, la Chikungunya – che continuano a mietere vittime.È questo il nuovo e innovativo progetto avviato all’Ospedale universitario Le Bon Samaritain, situato a N’Djamena – capitale del Ciad, nel centro dell’Africa – grazie alla Fondazione Magis, ONG dei gesuiti con sede a Roma che promuove attività di cooperazione internazionale attraverso l’impegno di gesuiti e di laici in varie parti del mondo, con l’obiettivo di sostenere le comunità locali nel diventare protagonisti di uno sviluppo sostenibile.L’obiettivo del laboratorio è garantire l’assistenza ai più vulnerabili, concentrandosi sull’attuale situazione emergenziale causata dalla pandemia ma senza dimenticare l’impatto di quelle malattie che in Africa provocano migliaia di morti ogni anno.Dotato di moderne attrezzature in grado di realizzare indagini sierologiche e tam­poni in tempi brevi, il laboratorio effettua anche studi e ricerche sul Covid-19, fondamentali per monitorare i contagi ed effettuare analisi attendibili, oltre che permettere uno screening di massa della popolazione.Inoltre il laboratorio di analisi è in grado di intervenire su altre gravi malattie che colpiscono il Ciad; ne è un esempio la malaria, che costituisce il 50% delle patologie più diffuse nel Paese e, come in molti Paese dell’Africa subsahariana, è la principale causa di morte.Oltre alla costruzione del laboratorio specializzato, Fondazione Magis ha ampliato il progetto dedicato all’Ospedale con l’allestimento di un’unità di terapia sub intensiva (con 4 letti), la dotazione di attrezzature elettromedicali, la ristrutturazione di spazi adibiti alla formazione (sale universitarie e alloggi per gli studenti) e il supporto ai Centri nutrizionali infantili. Fondamentale è infine la formazione del personale sanitario locale: 90 professionisti tra medici, biologi, tecnici di laboratorio e infermieri, più 450 studenti universitari in Medicina.Il progetto gode del finanziamento dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e della stretta collaborazione della task force del Ministero della Sanità Pubblica ciadiano in risposta al Covid-19, oltre che dell’Università statale e varie strutture sanitarie.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Un mercato del lavoro da ricostruire

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

di Giuseppe Bianchi I periodici sondaggi indicano due priorità condivise dagli italiani: la tutela della salute e la tutela dell’occupazione. La prima si sta allentando con i risultati del piano vaccinario, mentre la seconda è tuttora carica di tensioni sociali. È noto che nel periodo dell’emergenza sanitaria il nostro Governo è ricorso alla misura straordinaria del divieto dei licenziamenti nell’intento di tutelare l’occupazione in un momento di forte rallentamento della produzione.Il nodo critico è che queste istituzioni pubbliche, distribuite per competenze tra Stato e Regioni, per lo più non funzionano. Un esempio attuale è fornito dalla multinazionale USA Whirlpool che nel maggio del 2019 ha comunicato la decisione di chiudere lo stabilimento di Napoli prevedendo 350 licenziamenti. Sindacati ed Enti Locali hanno consumato due anni nel chiedere la revoca di tale decisione che contraddiceva precedenti impegni sottoscritti dalla stessa impresa, sostenendo nel frattempo i redditi dei lavoratori con gli ammortizzatori sociali. Questa opera di persuasione non è andata a buon fine ed ora i licenziamenti sono alla porta. Va detto che si tratta di lavoratori con buona professionalità e con un’età media di 42 anni. In questo lungo intervallo di tempo è stata offerta qualche alternativa di lavoro a questi lavoratori spendendo la loro esperienza, capacità professionale, disponibilità lavorativa? Nessuna. Si è guadagnato tempo nell’attesa che il problema si risolvesse da solo. Una situazione che spiega l’atteggiamento del Sindacato di farsi scudo del divieto dei licenziamenti.Ma a questo punto si pone una domanda: in presenza di casi analoghi di esuberi del personale o di riconversioni professionali (destinati a moltiplicarsi nel futuro) non c’è una corresponsabilità di imprese e sindacati nel trovare soluzioni che conciliano ristrutturazioni aziendali e tutele del lavoro? Missione, da sempre, del Sindacato è quella di realizzare la tutela del lavoro nelle aziende e nel mercato del lavoro a sostegno dell’occupazione, così come il mondo delle imprese ha sempre favorito una rete di protezione sociale per agevolare la competitività produttiva.Non va peraltro dimenticato che le parti sociali hanno dato vita ad un mercato dei capitali costituito da fondi settoriali che riguardano pensione, salute, formazione, integrazione dei redditi e riallocazione dei lavoratori. C’è la strumentazione degli Enti Bilaterali e dei Fondi di Solidarietà che, per quanto limitata ad alcuni settori (credito, agricoltura ed altri) indica la capacità di dar vita a forme di welfare privato collettivo. Se si vuole arginare la prospettiva velleitaria di uno Stato Provvidenziale le parti sociali devono recuperare un ruolo nelle politiche del lavoro, peraltro svolto nel passato, perchè l’attuale stato sociale è inadeguato per gestire le profonde trasformazioni che si prospettano nelle strutture occupazionali e nelle organizzazioni del lavoro a livello di impresa. Governo e parti sociali devono recuperare una capacità di cooperazione lungo un asse di obiettivi condivisi facendo pace con una storia di reciproca sfiducia e di divisioni per ridare vitalità ad un sistema di relazioni industriali frustrato da anni di bassa crescita e di stagnazione della produttività e bassi salari. (abstract) fonte: (https://www.facebook.com/QuaderniISRIL/ e sul sito http://www.isril.it)

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premiati dal rettore De Cesaris gli studenti cinesi vincitori del premio “Romeo Gallenga”

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

Ben 12 sono stati studenti dell’Università per Stranieri di Perugia hanno partecipato al Premio artistico “Romeo Gallenga Stuart” organizzato dal Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria e dal Rotary Club Perugia e finalizzato alla promozione delle iniziative dantesche in Umbria. Vincitrici del concorso sono state – tra gli altri – due studentesse cinesi, Chuan Li e Ziyan Wang, che si sono aggiudicate il premio rispettivamente per le figure mitologiche della Ruota della Fortuna e del Grifone, mentre gli studenti Yao Wanyu e Luo Jie hanno avuto menzione d’onore e dignità d’esposizione per le opere ispirate a Caronte e a Medusa.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Poliziotto si difende sparando e viene messo sotto accusa: è la legge

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

“La legge parla chiaro. La magistratura inquirente che ha messo sotto accusa il poliziotto che ha sparato un colpo contro il ghanese armato di coltello sta minacciando lo Stato di diritto. L’uso delle armi da parte di un pubblico ufficiale è previsto e autorizzato quando “vi è costretto dalla necessità di respingere una violenza o di vincere una resistenza all’Autorità e comunque di impedire la consumazione dei delitti di strage, di naufragio, sommersione, disastro aviatorio, disastro ferroviario, omicidio volontario, rapina a mano armata e sequestro di persona”. È l’articolo 53 del codice penale. A questo punto, lo si abolisca. Non si può consentire che un servitore dello Stato venga messo sotto accusa perché compie il proprio dovere normativamente previsto. Ci piacerebbe oltretutto che Ministro degli Interni e Capo della Polizia si complimentassero pubblicamente con l’agente che ha fatto il proprio dovere per fermare l’aggressore”.E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi. E la Presidente Meloni soggiunge: “«Quello che sta accadendo all’agente della Polizia di Stato è del tutto surreale. Dopo che è partita l’indagine a suo carico per “atto dovuto”, cade anche l’accusa di tentato omicidio per il ghanese ferito. L’atto dovuto non è indagare un poliziotto che fa il suo lavoro. L’atto dovuto è quello compiuto dal poliziotto, così come sarebbe dovuta essere la tutela dello Stato nei suoi confronti. Massima solidarietà all’agente. Ha protetto la comunità: andrebbe premiato, invece di essere sottoposto a tutto ciò». Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Il caso dell’agente indagato a Roma – dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Alberto Balboni – per i fatti della stazione Termini che dovrà anticipare le spese legali, mentre il cittadino straniero autore dell’aggressione col coltello avrà le spese legali pagate dallo Stato, è un paradosso che va assolutamente risolto per non demotivare ulteriormente le nostre forze dell’ordine nell’esercizio del proprio lavoro”.”Il ministro dell’Interno – sottolinea Balboni – non ha fatto altro che confermare con la sua risposta che siamo in netto ritardo per la dotazione del taser alle forze di Polizia. Non basta aver confermato che le procedure in corso faranno alla fine arrivare queste armi e anche le body cam agli agenti, perché intanto chi continua a stare in prima linea sono sempre loro”.”L’ampio risalto che ha avuto il caso dell’uomo di nazionalità ghanese che, nei pressi dell’uscita della stazione Termini di Roma, brandendo un coltello da cucina e visibilmente alterato, ha terrorizzato i passanti, minacciandoli, costringendo l’agente di Polizia a sparargli alle gambe per neutralizzarlo – conclude Balboni – ha riproposto il tema della dotazione del taser in modo prepotente. Il ministro Lamorgese ha fornito una risposta che ci lascia solo parzialmente soddisfatti ma ciò che è più grave ha taciuto su quali iniziative intende assumere per evitare che l’iscrizione nel registro degli indagati di agenti che fanno il loro dovere possa provocare ulteriore demotivazione del personale in servizio, già duramente provato dalla scarsezza dei mezzi a disposizione”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

DDL Zan: sbagliato due volte ideologico e ambiguo

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

“Da laico posso anche non concordare con la nota del Vaticano o con il dogma della rivelazione divina da cui scaturirebbe la differenza sessuale, ma questo nulla toglie a un disegno di legge sbagliato due volte perché ideologico e ambiguo. Ideologico perché tende ad annullare ogni specificità e differenza tra uomo e donna, viceversa palesi in natura a prescindere dalla genesi cromosomica, ambiguo perché di fatto sancisce solo lo strapotere della magistratura nella rilevazione soggettiva di eventuali reati, fino al rischio di colpevolizzare legittime se non sacrosante opinioni con grave compromissione della libertà di pensiero e di espressione. Per essere più precisi, l’articolo 1 che, per ogni legge, esprime la cornice dei principi fondamentali, lascia spazi enormi a possibili sanzioni penali contro chi affermi semplicemente di credere nella famiglia naturale. Ci sono dunque profili di incostituzionalità evidenti sui quali, Vaticano o no, non si può procedere con legge ordinaria. Sarebbe infatti necessario cambiare in diversi punti la Costituzione italiana”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fisco, Calandrini (FdI): governo dia certezze e rinvii le scadenze del 30 giugno

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

“Siamo arrivati al 24 di giugno ma ad oggi non abbiamo conferme ufficiali sul possibile differimento delle scadenze fiscali fissate al 30 giugno per i soggetti titolari di Partita IVA. Da giorni sulla stampa si rincorrono notizie sul possibile differimento di questi termini al 20 luglio, ma il governo cosa sta aspettando per dare certezze? Dopo un anno e mezzo di pandemia, con ristori ridicoli, e persino in ritardo come nel caso degli importi previsti dal DL Sostegni e che dovevano essere erogati il 16 giugno, ancora una volta il governo conferma la sua disattenzione per aziende, professionisti e lavoratori autonomi. Questo mondo ha bisogno di risposte concrete e non di chiacchiere. Siamo nel bel mezzo di una crisi senza precedenti e dopo mesi di chiusure e restrizioni, che hanno avuto come conseguenza un pesante calo di fatturato, la galassia delle partite IVA si trova anche alle prese non solo con le scadenze fiscali ma con la perenne confusione del governo. Eppure basterebbe un semplice provvedimento del Ministro Franco per sanare questa situazione e dare un po’ di respiro ai contribuenti. Questa attesa non ha ragioni di esistere. Il governo dia risposte e lo faccia alla svelta”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Nicola Calandrini

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Hips and Vourity Announce Partnership to Enable Crypto Payment for Electric Vehicle (EV) Charging in Europe

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

DUBLIN, Ireland – HIPS Payment Group Ltd., a provider of innovative and cost-effective e-commerce and mobile payment solutions, and Vourity, a Swedish SaaS platform for unattended Sales and Payments with one of the leading payment solutions for Electric Vehicle (EV) charging stations in Europe, today announced their partnership, enabling crypto payment for 50,000 EV charging stations across the European Union (EU).”Allowing the use of crypto payments will make charging convenient for all EV drivers, which will accelerate the move to an all-electric vehicle future”“We are really pleased to announce this partnership as we believe it is forward-thinking on many fronts; allowing the use of crypto payments will make charging convenient for all EV drivers, which will accelerate the move to an all-electric vehicle future,” says John Cavebring, CEO of Hips.Currently, the Vourity platform enables EV drivers to pay for charging by using regular open payment methods such as credit cards (e.g., Visa and Mastercard), Apple Pay, Google Pay, Swish, and Bluecode. The partnership with Hips will expand customer payment processing options, promoting the use of crypto currency as a viable and accessible option.Crypto payments will be fully integrated in the Vourity platform and can connect directly to the blockchain via Hips Merchant Protocol’s (HMP) native protocol token Merchant Token (MTO) starting November 2021. The roll out to 50,000 EV charging stations across the EU will be over 3 years.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

South Sudan and IFAD to boost productivity, food security and resilience of small-scale farmers faced with climate change

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2021

A new US$19.9 million project will bring much needed help to 38,800 rural households facing the impacts of poverty, food insecurity and climate change. The South Sudan Livelihoods Resilience Project (SSLRP) will empower rural people to boost productivity, food security and nutrition, and resilience. At a time when the COVID-19 crisis and climate change could further push the 85 per cent of South Sudanese who live in rural areas into deeper poverty, SSLRP will target the most vulnerable, food insecure and small-scale producers, engaged in fishing, cropping and livestock production.The financing agreement was signed virtually by Gilbert F. Houngbo, President of the International Fund for Agricultural Development (IFAD), and Athian Ding Athian, Minister for Finance and Planning of the Republic of South Sudan.In South Sudan, poverty is higher in rural areas, with 80 per cent of the population living below the poverty line and depend on agriculture for their livelihood. Therefore agriculture is key to defeating poverty and hunger. However, South Sudan, a resource-rich country and the youngest nation in Africa, remains the third most fragile in the world. In South Sudan, farmers continue to bear the brunt of climate change, and the project will address their need for access to drought tolerant and early maturing seeds, drought tolerant agroforestry fodder species, water conservation and management, afforestation, mangroves rehabilitation and conservation, solar and other renewable energy sources. SSLRP will also rehabilitate and construct water infrastructure, rural roads to give access to markets, and processing and storage facilities. To build and strengthen the capacity of the beneficiaries and the government during the implementation phases, SSLRP will partner with the African Development Bank (AfDB), Food and Agriculture Organization of the United Nations (FAO), the International Labour Organization (ILO) and the World Bank. SSLRP will operate in three states and five counties – Eastern Equatoria (Magwi and Torit), Central Equatoria (Kajo Keji and Terekeka) and Jonglei (Bor) and will therefore contribute towards livelihoods recovery and rebuild farming systems. It is also in alignment with the ambitious agenda of the Revitalized Transitional Government of National Unity. .To implement SSLRP, IFAD is providing a US$1.9 million loan, $7.9 million grant and $4.0 million IFAD climate finance. In addition, the Government of South Sudan is providing US$1.6 million, with a further US$5.6 million from the African Development Bank as parallel co-financing and US$0.8 million from the beneficiaries themselves. The Government of the Netherlands will provide US$8.0 million grant as additional co-financing for SSLRP to support rural feeder roads for agriculture production and access to markets.Since 2011, IFAD has financed 2 rural development programmes and projects in the Republic of South Sudan for a total cost of US$ 43.8 million, with an IFAD investment of US$ 23.3million,directly benefiting nearly 77,000 rural households.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »