Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Archive for 18 giugno 2021

Al via il Counselling psicologico della Sapienza a disposizione di tutta la comunità universitaria

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

Su impulso della Rettrice Antonella Polimeni, il Senato Accademico della Sapienza, nella Seduta del 15 Giugno 2021, ha approvato una importante azione di ristrutturazione e potenziamento dei servizi di Counselling Psicologico dell’Ateneo. Si realizza così un progetto già tracciato nel programma della Rettrice e reso ancora più urgente dalla pandemia, che ha aumentato le condizioni di disagio presenti nella popolazione studentesca e nel personale, docente e tecnico-amministrativo e bibliotecario. Come dimostrato da molti studi e ricerche, l’emergere e il riacutizzarsi di disturbi, ansie o difficoltà emotive aumentano il rischio di insuccesso accademico, l’abbandono degli studi e diverse forme di difficoltà nello svolgimento delle attività lavorative, sia in presenza che a distanza. L’investimento senza precedenti sui Servizi di Counselling Psicologico realizzato da Sapienza, che ha reso disponibili oltre 500.000 euro, ha l’obiettivo fondamentale di rispondere con celerità e convinzione a questi bisogni della comunità accademica, per sostenere e promuovere il benessere psicologico e attivare percorsi di superamento del disagio, al fine di rendere l’Ateneo sempre più accessibile e pronto ad offrire una formazione universitaria di qualità, equa ed inclusiva. I servizi di Counselling si offrono non solo come attività cliniche volte alla presa in carico del disagio psicologico nelle sue diverse manifestazioni, ma anche come strutture che promuovono la crescita del corpo studentesco e del personale attraverso percorsi di valorizzazione delle risorse e delle differenze individuali. I servizi di Counselling si impegneranno anche attraverso interventi di monitoraggio, formazione e prevenzione volti ad affrontare temi come la violenza di genere e la lotta contro ogni discriminazione, a promuovere le politiche di inclusione, a combattere gli stereotipi, favorire la convivenza e implementare interventi di promozione del benessere organizzativo e prevenzione del burn out. La nuova struttura dei servizi prevede anche un forte raccordo degli sportelli di Counselling con lo sportello per disabilità e DSA, con i servizi per il tutorato e l’orientamento e con i servizi psicologici dei Dipartimenti di area Psicologica, oltre al coinvolgimento delle Scuole di Specializzazione post-laurea di area Psicologica. Verrà in tal modo configurata una rete efficiente di competenze e invii mirati, capace di garantire il massimo sostegno e la più efficace assistenza a tutta la comunità della Sapienza.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La mancanza di infrastrutture digitali rischia di lasciare milioni di famiglie rurali in povertà

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

Nonostante un notevole incremento nel numero di migranti che spediscono denaro a casa tramite trasferimenti digitali a causa della pandemia di COVID-19, milioni di membri delle famiglie destinatarie, che vivono in zone rurali, affrontano enormi difficoltà per accedere ai servizi finanziari digitali che potrebbero aiutarli a uscire dalla povertà. Il presidente del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) ha lanciato oggi un appello perché si investa con urgenza in infrastrutture e servizi finanziari digitali nei paesi in via di sviluppo, per garantire che le famiglie che vivono in aree rurali non vengano lasciate indietro. L’anno scorso, le rimesse digitali sono aumentate del 65 per cento, raggiungendo la cifra complessiva di 12,7 miliardi di dollari. Questo cambiamento è dovuto a una diminuzione nell’uso di contante determinata dai lockdown, che hanno limitato la possibilità di spedire denaro attraverso canali informali, e dalle regole di distanziamento sociale, tanto per chi spediva quanto per chi riceveva le rimesse. Nonostante la recessione economica globale causata dalla pandemia, i migranti hanno continuato a mandare denaro a casa alle loro famiglie, e le rimesse nel 2020 hanno raggiunto l’ammontare totale di 540 miliardi di dollari – con un calo limitato all’1,6 per cento, rispetto all’anno precedente. In tutto il mondo, 200 milioni di migranti mandano regolarmente denaro a casa a circa 800 milioni di loro parenti. Questo contributo influisce in modo cruciale sulla loro vita e sulla loro possibilità di mantenersi. Quasi la metà di queste famiglie vive in aree rurali di paesi in via di sviluppo, dove la povertà e la fame sono più diffuse. Le famiglie usano i soldi mandati a casa dai lavoratori migranti per soddisfare necessità essenziali quali cibo, alloggio, spese scolastiche e mediche, oltre che per avviare piccole attività imprenditoriali. Queste risorse spesso sono in grado di cambiare la vita delle famiglie e delle comunità locali. Da marzo 2020, l’IFAD è alla guida di una task force globale per le rimesse (RCTF), composta da 41 organismi internazionali, istituzioni intergovernative, gruppi industriali e del settore privato e una rete di organizzazioni che si occupano di migranti, per ovviare all’impatto della pandemia di COVID-19 sul miliardo di persone direttamente coinvolte nel fenomeno delle rimesse. Tra le numerose raccomandazioni rivolte al settore pubblico e privato, la task force ha elaborato misure concrete per promuovere la digitalizzazione del mercato delle rimesse, nel tentativo di stimolare la ripresa e rafforzare la resilienza delle famiglie dei migranti in tutto il mondo. In linea con queste misure, l’IFAD sta attualmente finanziando soluzioni digitali promosse dal settore privato di cui beneficeranno oltre un milione di persone nella sola Africa occidentale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ammissione a quotazione delle azioni ordinarie ATON Green Storage S.p.A.

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

Spilamberto (Modena). ATON Green Storage S.p.A (PMI Innovativa) (“ATON” o la “Società”) operante nel mercato dell’ingegnerizzazione e produzione di sistemi di accumulo di energia per impianti fotovoltaici comunica che, in data odierna, Borsa Italiana S.p.A. ha disposto l’ammissione a quotazione delle azioni ordinarie ATON Green Storage S.p.A. su AIM Italia, mercato organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. Nell’ambito del collocamento sono state offerte in sottoscrizione n. 2,5 milioni di azioni ordinarie dinuova emissione. Il prezzo di offerta è stato fissato in Euro 4,0 per azione, per una raccolta complessiva di € 10 milioni. La domanda complessiva, che al prezzo di offerta ha superato di quasi 5 volte il quantitativo di azioni offerto, è pervenuta da primari investitori qualificati italiani ed esteri. Alla data di inizio delle negoziazioni la capitalizzazione di mercato ed il flottante previsti di ATON saranno, rispettivamente, pari a circa Euro 30 milioni ed al 33.33% del capitale sociale della Società.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Garantire libertà espressione sulla rete

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

“Auspichiamo che l’Agcom, presieduta da Giacomo Lasorella, possa essere Digital services coordinator nell’ambito della cornice del DSA così da garantire la sovranità sui dati nazionali e sui processi in corso. Riteniamo sia urgente e necessario difendere il mercato digitale nazionale dai grandi predatori del mercato: per questo, l’Agcom va riformata, ampliando il perimetro di competenza anche ai nuovi temi e scenari come l’intelligenza artificiale e la regolamentazione degli algoritmi e istituendo all’interno, per la risoluzione delle controversie sulle segnalazioni dei contenuti, un nucleo ad hoc – affermano i parlamentari di Fratelli d’Italia Federico Mollicone, Alessio Butti, Mauro Rotelli a margine dell’audizione nella commissione Trasporti della Camera sulla proposta di regolamento Ue sui mercati equi e contendibili nel settore digitale (legge sui mercati digitali) e sulla proposta di regolamento Ue sul mercato unico dei servizi digitali (legge sui servizi digitali) – nel corso dell’audizione Google e Facebook hanno mostrato, a parole, disponibilità a garantire regole certe per la circolazione dei contenuti ma non hanno risposto ai nostri rilievi sul trattamento dei dati dell’app IO. La regolamentazione delle piattaforme e degli algoritmi è una posizione storica di FDI, così come la difesa della proprietà intellettuale e del copyright: spesso, le piattaforme digitali hanno evitato di remunerare equamente il lavoro creativo e, in molti casi, hanno censurato contenuti in maniera arbitraria, anche di natura giornalistica senza adire le sedi competenti giudiziarie od ordinistiche. Da parte nostra, resta fermo il principio secondo cui soltanto l’autorità pubblica conserva la prerogativa di stabilire la liceità o meno di un contenuto online, e dunque il diritto ad autorizzarne l’eventuale rimozione. In questo quadro, ben venga la collaborazione da parte delle piattaforme private, nell’ottica dell’autoregolamentazione, purché essa sia iscritta in un sistema di controllo pubblico, che non lasci alcuno spazio a possibili abusi, o speculazioni di natura ideologica come spesso avviene. Questo pacchetto legislativo è un primo passo, ma non abbastanza. Infine, chiediamo massima trasparenza sui bandi per il cloud nazionale. La presenza di manager di big tech nei comitati consultivi rischia di creare situazioni di vantaggio nei bandi per il Polo Strategico, con distorsioni della concorrenza. Chiediamo all’Agcom massima vigilanza.”

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Occupazione e aspettative: gli obiettivi della politica economica”

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

A cura di Andrea Delitala, Head of Euro Multi Asset, e Marco Piersimoni, Senior Investment Manager di Pictet Asset Management. Nel Paese nord-americano ci sono pochi dubbi sul fatto che la priorità della politica economica sia il recupero occupazionale. Nonostante i dati del mercato del lavoro (non-farm payrolls) di aprile siano usciti più deboli del previsto, l’obiettivo delle manovre messe in atto è favorire il reintegro dei posti di lavoro persi a causa della pandemia (oltre 7,5 milioni) e, allo stesso tempo, far aumentare il tasso di partecipazione, ossia portare a rientrare nella forza-lavoro parte delle persone scoraggiate o spaventate dal Covid (tra 2,5 e 4,5 milioni di lavoratori), per reintegrare le quali il recupero occupazionale deve spingersi oltre gli 8 milioni di posti. In tale ottica, la Fed ha già da tempo comunicato di privilegiare l’occupazione rispetto al controllo dell’inflazione nell’ambito del suo duplice mandato. Una linea di pensiero mantenuta anche dopo i dati di inflazione sorprendentemente elevati di maggio: l’overshoot tecnico dovuto all’effetto base (la crescita dell’indice dei prezzi al consumo è stata calcolata sui livelli estremamente depressi di un anno fa) dovrebbe essere transitorio. Ciò che resta da capire è dove l’inflazione si assesterà una volta svanito questo impatto passeggero: il mercato si aspetta un punto di arrivo al di sopra del riferimento del 2%, ma non eccessivamente, intorno al 2,5%. Un livello quindi apparentemente tollerabile, considerati anche gli ultimi anni di inflazione estremamente debole. Qualora le aspettative del mercato fossero corrette, vorrebbe dire che la cooperazione tra la politica fiscale e quella monetaria sarebbe stata efficace. Il pericolo maggiore, in tal senso, arriva dai piani di spesa previsti dall’amministrazione Biden. Come dichiarato ufficialmente, questi sono volti in modo primario a ridurre gli squilibri sociali in un Paese in cui la pandemia, complice la mancanza di ammortizzatori sociali adeguati, ha esacerbato le disuguaglianze: diversi studi dimostrano come le classi maggiormente colpite dal virus, sia dal punto di vista economico/lavorativo che da quello medico, siano quelle con un livello di istruzione inferiore. Nel tentativo di livellare le differenze sociali, le misure previste dai programmi governativi potrebbero portare a una risalita dei salari con il rischio della ricomparsa dell’inflazione salariale (grazie alla nota Curva di Phillips, che negli ultimi anni sembra però del tutto sopita), la componente più persistente della crescita dei prezzi. Un discorso analogo vale per l’Europa dove, nonostante un’inflazione proiettata ancora a lungo al di sotto del target del 2%, la difficoltà della BCE nel rialzare i tassi di interesse, per mancanza di mezzi e/o di volontà, dovrebbe mantenere i tassi reali in territorio abbondantemente negativo per molto tempo.Anche nel Vecchio Continente, quindi, prevale la linea morbida: le istituzioni paiono disposte a rischiare di agire in ritardo (“behind the curve”) pur di non arrestare lo slancio che le economie degli Stati membri stanno guadagnando con i progressi nei piani di vaccinazione. Tuttavia, l’inflazione europea secondo il mercato non riesce a risollevarsi dall’1,5%, al di là degli effetti base anche qui di breve respiro. In ogni caso, l’effetto collaterale di questo policy mix globalmente accomodante ed espansivo è l’esplosione del debito pubblico, arrivato sui massimi di sempre minando la stabilità finanziaria di molti Paesi della regione, Italia in primis. Ad oggi, la banca centrale è al margine l’unico compratore netto di BTP, una funzione che, unitamente ai tassi ai minimi storici, risulta cruciale per garantire la sostenibilità del debito pubblico italiano, almeno nel breve termine. Nel frattempo, sta prendendo forma il National Recovery and Resilience Plan (NRRP) nell’ambito del piano comunitario Next Generation EU: composto per il 50% da misure finalizzate a promuovere la digitalizzazione e la “green revolution” (la transizione verde verso modelli più sostenibili), libererà €182 miliardi di risorse aggiuntive, concentrate negli anni tra il 2022 e il 2024. Il Governo stima che queste manovre dovrebbero portare il PIL nominale su un livello prossimo al 6% nei prossimi due anni: con i tassi di interesse sotto controllo grazie all’effetto anestetizzante della BCE, questa maggiore crescita si rivelerebbe senza dubbio determinante per la stabilizzazione del rapporto debito/PIL del nostro Paese. Per comprendere se l’Italia si sia effettivamente instradata in un percorso virtuoso di crescita, quindi, i dati da qui a fine anno saranno molto indicativi della reale efficacia degli investimenti pubblici e delle misure atte a rilanciare investimenti aziendali e consumi. Poi, quando entreranno in gioco le risorse europee, a partire dall’anno prossimo, queste dovranno essere sfruttate per attuare quelle riforme strutturali in grado di sostenere la crescita potenziale. (abstract)

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Economia e fantasia – Insegnare ai figli l’educazione finanziaria”

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

L’anno appena trascorso ha rivoluzionato non solo il nostro modo di vivere e lavorare, ma anche le scelte di consumo, la gestione del risparmio e le abitudini di pagamento. Mai come oggi, quindi, possedere competenze finanziarie adeguate diventa fondamentale per affrontare le sfide del quotidiano e pianificare il proprio futuro. In questo frangente, la fotografia del Paese scattata dal Rapporto Iacofi della Banca d’Italia mostra un quadro poco incoraggiante: un italiano su 4 ha infatti un livello di alfabetizzazione finanziaria non ancora sufficiente, con grandi disparità per genere, età e distribuzione territoriale. Sono circa 8 milioni le persone che gestiscono l’economia familiare pur non avendo un livello di competenze adeguato al compito.Con lo scopo di contribuire a colmare questo gap, investendo per fornire nozioni di educazione finanziaria soprattutto alle famiglie affinché vengano poi trasferite con consapevolezza alle nuove generazioni, Banca Widiba e FEduF – fondazione creata da ABI per contribuire alla diffusione dell’educazione finanziaria sul territorio – presentano oggi “Economia e fantasia – Insegnare ai figli l’educazione finanziaria”. Banca Widiba rinnova così l’impegno sul tema dell’educazione finanziaria e decide di concentrarsi su un aspetto determinante ma tradizionalmente trascurato, con l’obiettivo di accompagnare gli adulti nell’acquisizione di competenze economiche e finanziarie utili ad una maggiore inclusione sociale e lavorativa e contribuire così anche alla reale crescita della cultura economica dei più giovani. L’iniziativa “Economia e fantasia – Insegnare ai figli l’educazione finanziaria” rientra in un progetto formativo articolato a cura della Banca e della Fondazione che coinvolgerà – in una prima fase, a partire dal 22 giugno e fino alla fine dell’anno – soprattutto i genitori, con 8 webinar formativi inediti e aperti al pubblico, per spiegare e approfondire le tematiche connesse alla cultura economica e finanziaria. In una seconda fase, nel corso dell’anno scolastico 2021-2022, il progetto si rivolgerà invece direttamente ai più giovani, attraverso una serie di appuntamenti in presenza programmati presso scuole e università sparse su tutto il territorio nazionale. Il ciclo di incontri “Economia e fantasia – Insegnare ai figli l’educazione finanziaria” sarà condotto e moderato da FEduF e arricchito dalle testimonianze di professionisti di Banca Widiba, con il contributo e la partecipazione di esperti e docenti esterni. Gli appuntamenti si svolgeranno con cadenza quindicinale su piattaforma digitale e in modalità interattiva, con la possibilità, per chi si collegherà, di intervenire e di porre delle domande durante un apposito momento dedicato, l’Angolo dei Consigli. Temi spesso considerati ostici, proposti con un approccio inclusivo, alla portata di tutti, per fornire ai genitori modalità funzionali a compiere le scelte più adeguate per il futuro dei propri figli e a quest’ultimi, strumenti e competenze per affrontare un mondo in continuo mutamento. Gli incontri verranno inoltre trasmessi in streaming su YouTube per poter essere fruiti anche successivamente alla diretta.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governo. Vaccinazioni. Le convergenze parallele del ministro Speranza

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

Quelli un po’ più “antichi”, tra noi, ricorderanno la frase sulle “convergenze parallele” in politica. E’, ovviamente, un paradosso, perché le rette non possono convergere. Salti logici, dunque. Ci è venuta in mente questa similitudine leggendo le dichiarazione del Comitato tecnico scientifico (CTS), che esprime pareri sulle vaccinazioni, fatte proprie dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Dunque, il CTS, a proposito di vaccinazione eterologa (es.Astrazeneca più Pfeizer), scrive che “non APPARE essere SCONSIGLIABILE”. In precedenza, il CTS, sulla eterologa, aveva scritto che “non sono stati pubblicati, allo stato, studi che includono un elevato numero di soggetti”; dal che deduciamo che si stanno avviando sperimentazioni di massa per la vaccinazione eterologa, senza che siano state effettuate prima verifiche consolidate. Nel frattempo, l’Agenzia europea del farmaco (EMA), su Astrazeneca, ribadisce che “Il rapporto rischi/benefici è positivo e il vaccino rimane autorizzato per tutta la popolazione”. L’EMA smentisce le affermazioni di un suo esperto (Marco Cavaleri), il quale si è dissociato dalla interpretazione fornita dai media. La notizia di un fatto tragico, la morte della 18enne, ha colpito tutti noi, ma dalle Autorità sanitarie ci aspettiamo comportamenti razionali, altrimenti, è in gioco la credibilità delle Autorità stesse. Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cun Sperimentale Grano Duro

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

“È fondamentale trovare un punto di accordo tra le diverse posizioni venutesi a creare tra i rappresentanti della filiera così da dare avvio alla Commissione Sperimentale sul grano duro. Dopo un lungo lavoro di raccolta delle deleghe e di concerto sul regolamento, sarebbe davvero un peccato per tutta la filiera grano-pasta non cogliere l’opportunità che questo strumento, divenuto norma con un mio emendamento nel 2015, mette a disposizione”. Lo dichiara il deputato Giuseppe L’Abbate (M5S), che già da sottosegretario al Mipaaf aveva seguito i lavori, in merito alla riunione propedeutica all’avvio della Commissione sperimentale Nazionale del grano duro in programma oggi al Mipaaf con il supporto di Borsa Merci Telematica Italiana.“La Commissione Sperimentale Nazionale non è la panacea di tutte le storture che da tempo contraddistinguono la filiera – prosegue – ma rappresenta un primo luogo di confronto determinante per fotografare in modo trasparente e regolamentato il mercato, accantonare i dissidi e concentrarsi sul valorizzare una delle produzioni nazionali tipiche del made in Italy” conclude.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agricoltura e avversità atmosferiche

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

“Troppo spesso assistiamo a danni alle coltivazioni causati da avversità atmosferiche straordinarie, come grandine, raffiche di vento o piogge abbondanti, con gravi conseguenze per la redditività degli imprenditori agricoli. Gli indennizzi, quando sono presenti i requisiti per essere riconosciuti, sono purtroppo tardivi e spesso insufficienti e, comunque, non rappresentano strumenti di difesa e prevenzione. Ecco perché, al netto dell’esortazione a sottoscrivere le polizze assicurative per le quali il Ministero delle Politiche agricole riconosce agevolazioni, ho presentato un emendamento al Decreto Sostegni Bis che mira ad incentivare gli investimenti in azioni di prevenzione, volte a ridurre le conseguenze delle calamità naturali”. Lo dichiara la deputata Maria Marzana, esponente M5S in commissione Agricoltura.“Sono sempre maggiori e più evoluti gli strumenti presenti sul mercato per proteggere le colture – prosegue – Dare un supporto agli agricoltori ad adottare la soluzione migliore per difendersi dalle avversità significa sostenere la loro redditività e competitività nonché usare un approccio alla gestione del rischio che consente di agire preventivamente, riducendo di danni e limitando l’impiego di risorse per compensare le perdite” conclude.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accordo tra Ue e Canada e sicurezza alimenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

Le possibili conseguenze dei negoziati del G7 sull’agricoltura europea destano forte preoccupazione – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Più in particolare, l’invito rivolto dal primo ministro canadese Justin Trudeau al premier italiano Mario Draghi affinché ratifichi il Ceta, l’accordo di libero scambio tra Unione europea e Canada, rimette sul tavolo un trattato che può seriamente minacciare la qualità e la sicurezza del nostro cibo.L’Europa, e ancor di più l’Italia, possono vantare migliori standard qualitativi e di sicurezza rispetto agli alimenti prodotti oltreoceano. Questa qualità è il nostro segno distintivo e ha ricadute positive sia a livello economico che di salute – prosegue Tiso. Com’è noto, la ratifica del Ceta consentirebbe, tra le altre cose, l’importazione di grano coltivato con l’utilizzo del pericoloso glifosato e di carne prodotta in allevamenti intensivi dove si fa largo impiego di ormoni, scavalcando così le più severe norme vigenti a livello europeo e nazionale.L’adesione dell’Europa al Ceta andrebbe contro gli obiettivi ambiziosi che la stessa Unione ha definito come essenziali per realizzare il Green Deal. Viviamo in un mondo globalizzato dove i prodotti, anche quelli alimentari, viaggiano a grandi velocità. Non basta darsi regole più rigide per la tutela dell’ambiente e della salute dei consumatori, se queste ultime possono essere scardinate da un accordo internazionale che non ne le tiene in alcun conto. Invitiamo pertanto il Governo italiano e l’Unione europea a declinare l’invito di Ottawa per difendere le nostre produzioni e la qualità dell’agroalimentare italiano.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dazi: Cia, con accordo Ue-Usa nuovo slancio a export agroalimentare

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

Con lo stop di cinque anni ai dazi tra Ue e Stati Uniti, si inaugura finalmente una nuova stagione di collaborazione tra le due potenze, prima di tutto sul fronte commerciale, che va verso l’obiettivo auspicato di sostenere e rilanciare le esportazioni, in particolare quelle agroalimentari, che già combattono con gli effetti della pandemia. Così Cia-Agricoltori Italiani commenta l’accordo raggiunto al vertice Ue-Usa di oggi a Bruxelles, alla presenza del presidente americano Joe Biden, che mette un punto alla lunga guerra di ritorsioni tariffarie per la questione Airbus-Boeing. “L’agroalimentare Made in Italy è un settore particolarmente sensibile agli scambi commerciali, con un export che vale 46 miliardi di euro nell’ultimo anno -spiega il presidente nazionale di Cia, Dino Scanavino-. E proprio gli Stati Uniti rappresentano un mercato assolutamente strategico per le esportazioni di cibo e bevande tricolori, con un valore complessivo vicino ai 5 miliardi. Per questo, siamo soddisfatti di questo ritorno al dialogo e al multilateralismo, attraverso decisioni condivise, per sorpassare definitivamente l’incubo dazi doganali e ampliare, invece, le opportunità di creare ricchezza attraverso l’export, prima di tutto quello agricolo e alimentare che ci riguarda più da vicino”. Ancora di più in questa fase storica, segnata dal Covid e anche dalla Brexit, “è urgente favorire accordi commerciali multilaterali e bilaterali tra Paesi. Trattative -aggiunge Scanavino- che possano trasformare il valore riconosciuto dal consumatore finale in valore economico per le imprese agricole e che includano, sempre e in modo inequivocabile, il rispetto del principio di reciprocità delle regole commerciali”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riconoscimenti per l’Urologia di Chieti

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

Non solo urologia, come tradizionalmente conosciuta, o applicata in campo oncologico. Volge l’attenzione all’andrologia Luigi Schips, che dopo aver attivato ambulatori dedicati a Chieti e Vasto per lo studio dell’apparato genitale maschile e le relative terapie farmacologiche e chirurgiche, avvia un nuovo servizio. A partire da luglio all’ospedale di Ortona sarà attivo un ambulatorio dedicato alle patologie andrologiche con particolare attenzione ai problemi di infertilità maschile.“Si tratta di un servizio che sarà seguito da Roberto Castellucci, dirigente medico della nostra équipe – spiega Schips, Direttore dell’Urologia della Asl e Ordinario all’Università D’Annunzio – . La finalità è garantire un’offerta diagnostica e terapeutica completa alle coppie che fanno i conti per il problema sempre più comune dell’infertilità, che riguarda circa il 15%. La scelta di attivare il servizio a Ortona è stata determinata dalla volontà di collaborare con il Centro di Procreazione medicalmente assistita diretto da Gian Mario Tiboni , al fine di offrire alle coppie un percorso integrato che possa prenderle in carico affrontando l’infertilità legata a problemi riproduttivi maschili, causa una volta su due della difficoltà a ottenere una gravidanza”.Intanto il mese di giugno si è aperto nel segno dei riconoscimenti per l’attività dell’Urologia, a partire dal ruolo di principale relatore attribuito a Schips durante la conferenza dal titolo “Low Frequency Plasma BPH Surgery”, evento che ha visto la partecipazione dei più rinomati urologi del medio ed estremo Oriente, dall’ Arabia Saudita alla Cina. Tema della relazione lo stato dell’arte della chirurgia mini-invasiva della prostata e della vescica con tecnica di resezione al plasma, apparecchiatura all’avanguardia in dotazione alla Unità operativa di Chieti integrata alla già esistente tecnologia con il Green Light Laser.Grande apprezzamento per l’attività svolta è stato espresso dal Direttore generale della Asl: “La professionalità di Schips è nota anche all’estero – precisa Thomas Schael – e viene riconosciuta in tutti i più autorevoli contesti scientifici. Rappresenta una straordinaria risorsa per la nostra Azienda e per la sanità abruzzese”.Ma anche il lavoro di ricerca della squadra di Schips è stato premiato con la conquista dell’ultima copertina (è la sesta volta) di European Urology Oncology, prestigiosa rivista della famiglia di European Urology, organo ufficiale della più prestigiosa società scientifica urologica europea ed una delle principali al mondo, ovvero la European Association of Urology. Infatti, è stato ritenuto tra i migliori e collocato sulla “prima” uno studio guidato da Michele Marchioni che ha evidenziato i limiti degli attuali sistemi di classificazione del rischio per i pazienti con tumori avanzati e metastatici del rene proponendone uno nuovo. Tale studio nasce da una collaborazione tra il centro teatino e decine di centri sparsi per tutto il mondo che hanno collaborato alla costituzione di un registro internazionale per i tumori del rene (REMARCC Registry). Marchioni è attualmente membro dello “Young Accademy Urologist Renal Cell Carcinoma Group”, gruppo di ricerca internazionale che raccoglie i migliori giovani attivi all’interno dell’European Association of Urology nella ricerca sul carcinoma del rene ed il suo trattamento.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bmv, vettore di ripartenza per la microeconomia italiana

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

L’Italia è in risalita dalla voragine ma l’esito è incerto, legato a doppio filo all’andamento della campagna vaccinale. Bmv, leader nel mondo del franchising con brand quali Crema e Cioccolato e Square e che nel 2020, nonostante la pandemia, è riuscita a realizzare ben 82 nuove aperture, nei primi sei mesi del 2021 conta già più di 120 nuovi partner che si aggiungono agli oltre 700 affiliati presenti in tutta Italia. Un dato lusinghiero, che conferma la volontà ferrea del paese di rimettersi in piedi, ma anche la correttezza della strada intrapresa da Bmv. Il 2020 è stato anche l’anno di FAU, la nuova Business Unit lanciata dalla casa madre. FAU – acronimo di Franchising Advisory Unit – è focalizzata sulla creazione, sviluppo ed efficientamento di nuovi network in franchising. Il metodo d’azione nasce dalla ventennale esperienza di Bmv, che ha saputo creare oltre 150 nuove attività ogni anno.Anche per FAU, il 2021 si apre con numeri decisamente positivi, con oltre 15 aziende decise a consolidarsi sul mercato affidandosi alla “task force” del franchising. Ma le sorprese in casa bmv non finiscono qui: i mesi di giugno e luglio 2021 vedranno anche il lancio dei Centri Pilota Piadinery, il format a tutto gusto dedicato alla piadina, lo street food per antonomasia.Piadinery offre molto di più di una semplice piadineria: sarà possibile fare colazione, aperitivi, inebriati dal profumo di fragranti piadine 100% Made in Romagna.Come sottolinea Lorenzo Mazzilli, Presidente, Fondatore ed Amministratore Delegato di Bmv: “Siamo orgogliosi della nostra costante crescita e siamo orgogliosi della resilienza tutta italiana che, siamo certi, traghetterà il Paese fuori da questa lunga, dolorosa crisi. Per un imprenditore è incoraggiante vedere questa reazione, sia per il futuro più immediato, quanto su una prospettiva di medio-lungo periodo. La fiducia che, ancora una volta, ci è stata accordata dai nostri partner, è per noi motivo d’orgoglio. E ci sprona a investire ancor di più nei progetti che abbiamo in piedi e in quelli che si apprestano a diventare realtà. I nostri franchising consentono a chi abbia deciso di compiere una scelta imprenditoriale, o abbia la necessità oggettiva di entrare o ri-entrare nel mondo del lavoro, di farlo con la serenità di avere un grande gruppo consolidato alle spalle. Ogni volta che festeggio un’apertura, oltre all’imprenditore, gioisce anche l’uomo, l’italiano che è in me.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corse gratuite per tutti gli studenti che sosterranno gli esami di Stato

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

Questa iniziativa consolida l’impegno sociale di Helbiz, che già in occasione della campagna vaccinale aveva messo a disposizione corse gratuite per tutti coloro chiamati a vaccinarsi, ottenendo un enorme riscontro da parte di tutti i cittadini (sono state effettuate oltre 10mila corse), portando l’azienda a consolidare tale impegno con 100.000 corse totali a disposizione. Ed ora, in occasione della maturità, con questa iniziativa speciale ed unica nel suo genere, Helbiz vuole continuare a sostenere sia i cittadini, sia il trasporto pubblico e anche quello privato garantendo la migliore mobilità sostenibile e green nelle città, in piena sicurezza.Per poter usufruire del servizio basterà utilizzare la app di Helbiz e compilare il form online al link https://bit.ly/3cHNQIo.Questa iniziativa è valida in tutte le 18 città italiane dove il servizio Helbiz di sharing è attivo, quali ad esempio Torino, Milano, Roma, Napoli, Palermo, Pescara, Modena, Bari, Verona, Cesena, Ferrara e molte altre.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vanno riviste le norme che regolano la mobilità annuale dei docenti e del personale Ata

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

Lo ha ribadito Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief, nel giorno di pubblicazione della Nota ministeriale che da oggi al 5 luglio dà la possibilità di presentare domanda, ricordando che vi sono troppi vincoli e categorie escluse. Una limitazione che non può essere accettata dal sindacato, il quale ora chiede alla commissione Bilancio della Camera di rivedere la prima versione del decreto Sostegni-bis e di approvare gli emendamenti presentati sempre da Anief. Il sindacalista ha ricordato che va cancellato “il vincolo quinquennale sulle assegnazioni provvisorie rivolto ai neo-assunti” e che “c’è una limitazione persino nei posti vacanti e disponibili sugli spostamenti”. Come limitati rimangono “i passaggi di ruolo, cioè di quelli che in realtà ancora oggi vorrebbero passare da un grado all’altro di scuola, da una materia all’altra”. Questi vincoli, assieme a quelli delle assunzioni da Gps, la conferma della call veloce e degli organici Covid, e diversi altri, hanno portato il sindacato a manifestare in Piazza Montecitorio la scorsa settimane ed aderire alla manifestazione di oggi delle associazioni dei precari. “Il tema della mobilità è molto importante per tutto il personale della scuola: ogni anno più di 200mila fanno domanda per i trasferimenti e per le assegnazioni provvisorie perché purtroppo ci sono tantissimi, migliaia di posti vacanti e disponibili. È quindi una pratica normale quella di presentare domanda per un altro posto, spesso per potersi ricongiungere alla propria famiglia”. Solo che oggi viene negato questo diritto, benché sia costituzionalmente garantito e vi sino in moltissimi casi le disponibilità dei posti vacanti altrimenti destinati a supplenza. Il problema, ha ricordato Pacifico durante un’intervista all’agenzia Teleborsa, è che “da alcuni anni vi sono dei vincoli alla possibilità di trasferimento” che nel corso della pandemia da Covid sono diventati ancora più inaccettabili.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Humanitas primo ospedale italiano nella classifica Newsweek

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

L’IRCCS Istituto Clinico Humanitas è il primo ospedale italiano e il trentaquattresimo su 250 al mondo nella classifica World’s Best Smart Hospitals 2021 stilata da Newsweek con il supporto di Statista. Tra i fattori valutati, la capacità di avvalersi delle tecnologie più avanzate, l’uso di Intelligenza Artificiale, chirurgia robotica, telemedicina e la presenza di servizi digitali. Oltre a Humanitas, altri 13 ospedali italiani tra cui Bambin Gesù, San Camillo, San Raffaele e Gemelli sono entrati nella prestigiosa classifica internazionale. Se da un lato la pandemia ha accelerato un percorso di digitalizzazione che durava da anni e che in Humanitas segue diverse traiettorie di sviluppo a supporto dei pazienti e dei medici, dall’altro l’innovazione tecnologica è da sempre un valore chiave dell’ospedale alle porte di Milano. Consapevole del ruolo sempre più centrale delle competenze ingegneristiche in ambito sanitario, Humanitas ha istituito un AI Center che integra l’analisi dei dati e il machine learning all’attività clinica e di ricerca dell’ospedale, con l’obiettivo di garantire cure sempre più personalizzate, incrementare la precisione degli interventi, facilitare la diagnosi e aiutare la struttura a gestire il flusso dei pazienti, con un miglioramento generale delle cure e dell’organizzazione interna. Della corsa alla digitalizzazione dovuta alla pandemia hanno beneficiato una serie di servizi per il paziente, come le televisite. In particolare, alcune visite di prericovero vengono effettuate on-line per facilitare il percorso di chi deve essere ricoverato, e le televisite soprattutto in ambito oncologico, dedicate a quei pazienti il cui follow-up è reso spesso complicato dalle precarie condizioni di salute. Durante la pandemia, inoltre, sono state potenziate le “second opinion” da remoto: un sistema efficace per aiutare persone lontane alle prese con diagnosi difficili, in un momento in cui gli spostamenti erano vietati. Il sito http://www.humanitas.it è un punto di riferimento per i pazienti che qui possono trovare esiti di esami ma anche informazioni e novità. Costante è l’attività educational digitale sui temi della prevenzione e cura, come nel caso del giornale humanitasalute.it o dei podcast realizzati per informare i pazienti rispetto a sicurezza e attenzione sui vaccini.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Elezioni presidenziali in Iran

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

Domenica prossima, 18 giugno, si svolgeranno le elezioni presidenziali della Repubblica Islamica dell’Iran. L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) teme che nessuno dei candidati permetterà una vera libertà di religione. L’APM chiede però che almeno le campagne diffamatorie dello stato contro i Bahá’í e altre minoranze religiose debbano finire. La sistematica persecuzione statale dei circa 300.000 bahá’í dell’Iran minaccia di aggravarsi, in particolare nel diritto penale e nei regolamenti amministrativi. La mera affiliazione a una minoranza religiosa non riconosciuta, come la fede Bahá’í, è stata recentemente criminalizzata per legge. I bambini bahá’í sono presi di mira nelle scuole. Sono minacciati di islamizzazione forzata. Anche la situazione dei diritti delle minoranze etniche non può dirsi positiva. I gruppi etnici curdi, ahwazi, baluci, azerbaigiani e turkmeni hanno bisogno di maggiore autonomia, di diritti linguistici e culturali e di un’autoamministrazione regionale. Invece, le autorità di alcune province hanno rafforzato i controlli per limitare il movimento dei membri delle minoranze. Allo stesso tempo, c’è una campagna mediatica senza precedenti contro i bahá’í, così come contro la minoranza di cristiani convertiti, su tutti i canali mediatici. Alla televisione e alla radio, nei giornali, nei siti web e nelle piattaforme dei social media, nei libri, nei seminari educativi, nelle mostre e persino nei graffiti di strada, c’è incitamento contro questa minoranza. Questo serve a legittimare violenza e soprusi. Quando Hassan Rohani è stato eletto come nuovo presidente all’inizio del 2013, molti avrebbero ancora sperato in un miglioramento della situazione dei diritti umani, delle donne e delle minoranze. Rohani a suo tempo era visto come riformista e moderato. Ma durante il suo mandato, il numero di esecuzioni è aumentato e la situazione dei diritti umani è peggiorata drammaticamente. Solo nel 2020, la pena di morte è stata eseguita 246 volte. Insieme alle lunghe pene detentive per i membri dell’opposizione, questo alimenta un clima di paura. L’obiettivo è quello di garantire che nessuno in Iran osi mettere in discussione il potere del regime dei mullah. Il presidente Hassan Rohani non può ricandidarsi dopo due mandati. I 592 candidati originari comprendevano 40 donne. Poi, alla fine di maggio, il Consiglio dei Guardiani, guidato dal leader supremo Ali Khamene’i, ha deciso di permettere solo sette candidati. Questi sette uomini fanno tutti parte dell’instaurazione del regime islamista sciita. Ecco perché, secondo le nostre ricerche, l’affluenza sarà solo del 35-40%, anche se la Guida Suprema ha dichiarato le schede bianche di protesta haram, cioé vietate. Tra i 10 milioni di membri della minoranza curda, l’affluenza sarà probabilmente ancora più bassa. Il regime è particolarmente impopolare nel Kurdistan iraniano.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Marò, Cirielli (FdI): “C’è poco da esultare, ora i responsabili politici paghino”

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

“La vicenda del sequestro dei due Marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, in India sembra essersi conclusa. Ci sono voluti ben nove anni per raggiungere questo risultato: c’è poco da esultare”. Lo dichiara, in una nota, il Questore della Camera e membro della Commissione Affari Esteri Edmondo Cirielli (FdI): “Su quanto accaduto permangono le gravi responsabilità politiche del Governo Monti e dei governi ad esso succeduti, che non sono stati in grado di arrivare ad una risoluzione in tempi rapidi e quindi di difendere a testa alta i due nostri connazionali. Su questa vicenda nel 2014 – ricorda Cirielli – ho presentato, a nome del gruppo di FdI, una proposta di legge per chiedere l’istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta. L’obiettivo era fare luce sulle responsabilità politiche di chi, all’epoca, li consegnò alle autorità indiane violando le normative nazionali e internazionali. Ovviamente, i Governi tecnici e di larghe intese hanno preferito fare finta di nulla. La proposta, comunque, è ancora valida ed auspico una maggiore sensibilità da parte del premier Draghi e del ministro Di Maio. Anche perché: chi pagherà ora per la loro ingiusta detenzione? Chi risarcirà i due militari e le loro famiglie? Temo nessuno. Il caso dei Marò resterà di sicuro uno dei peggiori scandali della storia repubblicana recente” conclude Cirielli.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Istituto di virologia di Wuhan aveva pipistrelli vivi in gabbia

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

“Lontani da ogni teoria complottista, preoccupa la notizia di un video – di Sky News Australia – secondo cui l’Istituto di virologia di Wuhan aveva pipistrelli vivi in gabbia e dove uno scienziato viene filmato mentre nutre un pipistrello con un verme. Il virus quindi potrebbe essere sfuggito al laboratorio, e la notizia tiene vivo il sospetto sulla Cina che nelle fasi iniziali della pandemia ha tentato di insabbiare il tutto, informando il mondo dell’emergenza con un ritardo dalle conseguenze devastanti. Il Paese di Mezzo, l’origine geografica, scientifica ed epidemiologica della pandemia. Quando cacceremo la Cina dall’Organizzazione Mondiale del Commercio sarà sempre troppo tardi, perché non riteniamo ci si possa stare contravvenendo tutte le regole del ‘mondo libero’. Ovviamente chiedere al ministro Speranza di attivare le indagini necessarie sia come responsabile del dicastero della salute in Italia sia come rappresentante nelle sedi europee della Nazione maggiormente colpita dal coronovirus cinese, è chiedere troppo, così come chiedere a Fico di calendarizzare la mozione depositata 10 mesi fa per chiedere alla Cina di risarcire gli ingenti danni morali e materiali che ha cagionato all’umanità”.È quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chinese investment in Europe falls to 10-year low in 2020 – FDI activity fails to recover in 2021

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 giugno 2021

As the Covid-19 pandemic hit in 2020, concerns grew that the economic slump might trigger a round of Chinese distressed asset buying worldwide. So far, these fears have proven mostly unfounded. China’s global outbound merger and acquisition (M&A) activity dropped to a 13-year low in 2020, with transactions totalling around EUR 25 billion, down 45 percent from 2019. The same was true of Chinese foreign direct investment (FDI) in the European Union and the UK. Shrinking M&A activity meant Europe saw a 45 percent decline in completed Chinese foreign direct investment last year, down to EUR 6.5 billion from EUR 11.7 billion in 2019. This took Chinese investment in Europe to a 10-year low. Greenfield investment held up better, reaching its highest level since 2016 at nearly EUR 1.3 billion. These are the key findings of the joint report by Rhodium Group and MERICS: “Chinese FDI in Europe: 2020 Update” by Agatha Kratz (Rhodium Group), Max J. Zenglein (MERICS), Gregor Sebastian (MERICS). The “Big-3” – Germany, the UK and France – reclaimed their top spots, with Germany at the helm. While it remained in third place, the UK saw Chinese FDI fall 77 percent. Poland emerged as a key recipient in 2020, pulled up by one major acquisition. Because small- and mid-size transactions dominated in 2020, Chinese investment was spread more evenly across sectors than in 2021. Infrastructure, ICT and electronics took the top three spots. State-owned enterprises (SOEs) represented 18 percent of total Chinese FDI to Europe, increasing their share but keeping absolute investment flows stable. In contrast? Private investment plummeted 50 percent. Despite a global turnaround in the first quarter of 2021, Chinese FDI faced greater scrutiny by EU member states: 14 member states, including Italy, France, Poland and Hungary, updated their FDI screening mechanisms last year, and member states moved to block several acquisitions by Chinese firms.Chinese FDI activity in Europe continued to fall in the first quarter of 2021. Europe remains an attractive investment location, but persistent disruption from Covid-19, high barriers to outward capital flows in China and rising regulatory barriers to foreign investment in Europe have all contributed to low levels of Chinese investments. Deteriorating EU-China relations could create important additional headwinds for Chinese investors going forward.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »