Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 21 agosto 2017

Raggi i romani e i media

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

roma10I difficili rapporti tra i romani e gli amministratori locali sanno di antico e sono stati quasi sempre conflittuali. Cosa avrebbe potuto assicurarci un cambiamento con l’attuale gestione del Campidoglio con la prima donna sindaco? Alle sue spalle, tra l’altro, ha un Movimento che si è conquistata la fama d’essere costituito da persone oneste e di buona volontà e soprattutto fortemente critico con gli inciuci partitici del passato. Se vado a ritroso, diciamo, fino a trenta-trentacinque anni fa e poi risalgo la china sino a tutt’oggi con la lettura della cronaca locale e rispolverando il mio archivio personale mi sembra di fare copia-incolla con i malanni odierni. E allora perché tanta intolleranza per certi problemi tuttora irrisolti come se la Raggi possedesse la bacchetta magica della fatina e che con un colpetto qua e là potesse offrirci in un baleno uno spaccato della capitale nuovo di zecca? Ma a questo punto mi chiedo: sta proprio qui l’origine di tanta insofferenza che si percepisce tra la gente? O è qualcosa che si accumulata nel tempo e che ora l’attesa, sia pure giustificabile, non è più tollerata? Di certo posso dire che il feeling con i romani ha perso consistenza e le voci di dissenso crescono anche tra gli stessi iscritti al Movimento 5 Stelle sebbene la posizione ufficiale è di pieno sostegno alla Raggi. A questo punto non mi interessa tanto elencare le cose che continuano ad andare male, ma di capire l’irrequietezza dei romani per una sindaca che non sentono più rappresentativa, di fiducia e, a dispetto delle avversità, da sostenere. E’ forse colpa dei media che non perdono occasione per attaccarla ferocemente? Forse, sebbene nutra in proposito qualche dubbio. La mia convinzione è di tutt’altra natura. La Raggi, a mio avviso, ha perso il contatto con i romani, non parla con loro, ma lo fa solo a mezzo stampa, non espone loro con franchezza i suoi crucci di amministratrice. Mesi fa suggerii in proposito alla sindaca di coinvolgere i romani nella gestione pubblica, di renderli in qualche modo compartecipi impegnando il volontariato, la disponibilità di chi, come i pensionati, hanno la possibilità d’osservare e di riferire e di permettere loro di comunicare e di trovare dall’altra parte della cornetta chi prende nota dell’informativa e agisca di conseguenza in tempo reale. Roma è o non è dei romani, da chi da anni vi risiede e aggiungerei dei turisti, di quelli che l’amano e non la sporcano? (Riccardo Alfonso direttore agenzia stampa Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Montanari: per tutto agosto pulizia grandi arterie stradali di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

viadotti-tangenziale-estRoma. “Continuano per tutto il mese le operazioni di pulizia delle grandi arterie della Capitale iniziate lo scorso 6 agosto sulla via Laurentina. Fino a domani gli operatori di AMA lavoreranno su via Aurelia, poi sarà la volta di via Appia, dal 20 al 25 agosto, via Ardeatina, dal 22 al 26 agosto, e via Ostiense dal 28 agosto al 1 settembre. Le operazioni prevedono attività intensive di pulizia straordinaria, diserbo, lavaggio e sanificazione e si snodano in entrambi i sensi di marcia, da e verso il GRA. Mediamente sono impegnati 8/10 operatori al giorno, supportati da spazzatrici, lavastrade, veicoli a vasca.Gli interventi, predisposti dall’AMA d’intesa con l’Assessorato alla Sostenibilità Ambientale e svolti in collaborazione con il Corpo di Polizia di Roma Capitale, si aggiungono alle consuete attività di spazzamento programmate quotidianamente dall’azienda e vengono svolti prevalentemente nelle ore notturne. Al fine di permettere pulizie accurate sia sulla sede stradale sia sui bordi dei marciapiedi, si invitano i cittadini a non lasciare le auto in sosta nelle aree e negli orari, appositamente segnalati, in cui vengono eseguiti gli interventi”. Lo comunica, in una nota, Pinuccia Montanari, Assessora alla Sostenibilità di Roma Capitale.Su http://www.amaroma.it nella sezione “I Servizi del tuo quartiere” si possono visualizzare su una mappa gli itinerari con orari e date.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Qual è la strategia della maggioranza grillina per Atac?”

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

atac trasporti roma“Questo vorrebbero sapere i romani da chi oggi governa Roma. Apprendiamo invece delle ipotesi più disparate sul futuro del trasporto pubblico romano dai giornali, nel silenzio assordante del Campidoglio. Forse la Sindaca dovrebbe trovare del tempo nel suo riposo estivo e in un momento così delicato per comunicare ai romani quali strategie intende mettere in atto, per migliorare un servizio fondamentale di una metropoli come Roma e per dare segnali di speranza ai lavoratori dell’azienda. Invece, un giorno si attribuisce al M5S il concordato in Tribunale, un altro la proroga del contratto, in un’alternanza di visioni che spaventa. Ma cosa c’è di vero e quale sia la reale strategia per salvare Atac può e deve dirlo ai romani solo la sindaca Raggi. E noi torniamo a chiederlo con forza”. Così Svetlana Celli, capogruppo della Lista Civica RomaTornaRoma.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I primi volontari in Italia per aiutare la ricostruzione nelle zone terremotate

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

norciaNorcia. E’ arrivato a Norcia il primo gruppo di volontari del corpo europeo di solidarietà per aiutare a riparare i danni e ripristinare i servizi sociali per le comunità locali colpite dai gravi terremoti verificatisi nella regione un anno fa.
I 16 giovani volontari del corpo europeo di solidarietà che partecipano al progetto “Gioventù europea per Norcia” guidato dall’organizzazione italiana “Kora” contribuiranno a ricostruire gli edifici storici gravemente danneggiati dal terremoto, fra i quali la basilica di San Benedetto e il monastero dei Benedettini. Essi collaboreranno inoltre con i giovani e gli anziani di Norcia, organizzando seminari, attività all’aperto e manifestazioni culturali.
Tibor Navracsics, Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, ha dichiarato: “Meno di un anno dopo che il presidente Juncker ha annunciato l’idea di istituirlo, il corpo europeo di solidarietà è già pienamente operativo e fornisce assistenza a coloro che ne hanno bisogno. Norcia e i suoi cittadini hanno sofferto duramente, e sono fiero dei giovani europei che con la loro solidarietà stanno aiutando questa comunità a riprendersi. Attendo con impazienza di vedere di persona i progetti e incontrare i volontari e le autorità locali durante la mia visita del 4 e 5 settembre. Con il loro impegno, volto soprattutto a ricostruire la storica basilica di San Benedetto, questi giovani stanno anche gettando un ponte fra il passato dell’Europa e il suo futuro: un importante contributo all’imminente Anno europeo del patrimonio culturale.”
I volontari diretti a Norcia provengono da Austria, Francia, Grecia, Ungheria, Portogallo e Spagna per partecipare a uno dei tre progetti attualmente selezionati nel quadro del corpo europeo di solidarietà per le attività nelle regioni italiane colpite dal terremoto. Nel settembre di quest’anno altri membri del corpo europeo di solidarietà prenderanno parte agli altri due progetti, guidati rispettivamente dall’organizzazione Arcs-Arci Culture Solidali e dal Comune di Pescara. Saranno in totale 230 i membri del corpo europeo di solidarietà che sosterranno le comunità italiane colpite da terremoti fino al 2020, e 790 000 gli euro concessi per tali progetti.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pink Floyd Pulse

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

inside outAlcamo sabato 26 agosto alle 21,30 ad Alcamo alle ex Cave Orto di Ballo in occasione di “Pulse”, ovvero una serata di totale omaggio alla band di Roger Waters, David Gilmour, Richard Wright e Nick Mason. La prima capace di fare della psichedelia una tendenza culturale. Sentire cantare i Pink Floyd in un anfiteatro all’aperto, da chi della band inglese ne ha fatto una scelta di vita e un punto di riferimento da fare conoscere ovunque, anche nei paesi della provincia siciliana, propagando l’immenso ruolo che il gruppo ha significato e continua a significare per la vita di milioni di persone e più generazioni. In scena gli Inside Out, ovvero la tribute band Pink Floyd, attiva ormai da cinque anni, forte del recente sold out al teatro Golden di Palermo.La band è formata da Joshua Ross (voce, chitarra elettrica e chitarra acustica), Nicolò Florio (chitarra elettrica e acustica, lap steel e cori), Fulvio Signorino (tastiere e cori), Marcello Castellucci (basso), Mimmo Aiello (batteria e percussioni), Vincenzo Cosenza (sassofono e cori), Francesca Ippolito (cori e voce), Claudia Sala (cori e voce), Magda Loriano (cori e voce), Gino Gianfala (percussioni).Nel corso della serata sarà eseguito “Pulse”, l’ultimo disco live che i Pink Floyd pubblicarono nel 1995, scalando le classifiche di tutto il mondo. La prima parte dello show sarà dedicata ai grandi classici come “Shine on you Crazy diamond”, “One of these days”, “High hopes”, “Sorrow”. Nel secondo tempo verrà eseguito integralmente uno dei capolavori di tutti i tempi: “The dark side of the moon”.A creare l’atmosfera: l’uso di video originali, effetti luci e scenografie degne della tradizione Pink Floyd.Il biglietto costa in prevendita 10 euro e si può comprare ad Alcamo Marina al bar Paziente di contrada Canalotto, a Balestrate al Perbacco ristopub in piazza Rettore Evola 57, a Castellammare del Golfo al Caffè Paziente sul lungomare spiaggia Playa o telefonando al 3397848553. Tredici euro è il prezzo da pagare per chi il ticket lo compra direttamente al botteghino del teatro.
Il concerto è organizzato da Rock Show Eventi, produzione artistica e management sono di Gaetano Vicari. Gli sponsor sono: Alter ego e Gran Cafè Paziente, con il patrocinio del Comune di Alcamo. (foto: inside out)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Energia: il futuro è qui

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

sotto l'ombrelloneLignano pineta. Il settore dell’energia è in continua crescita, soprattutto nel comparto delle energie rinnovabili, tant’è che solo in Italia si attendono investimenti pari a 9 miliardi annui per i prossimi tre decenni. Tutto ciò porterà alla creazione di sempre più posti per laureati e diplomati in materie tecnico-scientifiche (meccanica, elettronica, informatica, agraria, biologia, chimica, ecc.), ma anche per venditori e commerciali. Opportunità di lavoro che, tuttavia, i giovani potranno cogliere se sapranno formarsi nel modo migliore (fondamentale l’inglese), scegliendo i corsi di studi adeguati, mettendo in campo passione e disponibilità a impegnarsi per crescere e imparare.Lo hanno sostenuto i tre esperti intervenuti al terzo appuntamento di Economia sotto l’Ombrellone all’Aurora Beach – Summer Fruit & Bar di Lignano Pineta il cui tema era: “L’energia comparto del futuro: occupazione tra produzione e vendita”. Massimo Berka general manager di Biogaservizi, Roberto Pilat di Sky Gas&Power e Marco Tam presidente del Gruppo Greenway hanno risposto alle domande del moderatore Carlo Tomaso Parmegiani e del pubblico delineando le prospettive di un settore sempre più fondamentale per la vita di tutti noi.
«Le potenzialità di sviluppo nei prossimi anni delle energie cosiddette verdi sono notevolissime -ha affermato Tam-. La Germania, ad esempio, ha già deciso di uscire progressivamente dalle produzioni di energia più inquinanti per sportarsi verso quelle più ecologiche. Nel contempo, nelle case di tutti noi il ruolo dell’elettricità sarà sempre crescente e sostituirà progressivamente l’uso del gas, così come nei mezzi di trasporto ci sarà un forte aumento dei motori elettrici a scapito di quelli che utilizzano carburanti fossili. Per cui le prospettive di sviluppo per gli impianti in grado di produrre elettricità in modo ecocompatibile e carbon free sono davvero molto interessanti e il nostro Paese può giocare un ruolo fondamentale viste le importanti competenze sviluppate nella costruzione di impianti di produzione di energie rinnovabili come fotovoltaico, eolico, idroelettrico, biomasse, biometano».
Sulla stessa linea Berka: «Le prospettive di sviluppo del settore sono molto interessanti e, d’altra parte, i numeri lo confermano: secondo diverse rilevazioni, il comparto dell’energia verde è in grado di generare posti di lavoro pari a 15 volte quelli generati dalla produzione di energia con metodi inquinanti. Vedo solo due ostacoli potenziali: uno diffuso in tutto il mondo, ossia il cosiddetto effetto “nimby” per cui nessuno vuole gli impianti di produzione vicino a casa propria, mentre le produzioni ecosostenibili dovranno per forza vedere un grande aumento del numero di impianti; l’altro tipicamente italiano, ossia la burocrazia esasperante per cui oggi, ad esempio, per un impianto a biomasse ci possono volere le autorizzazioni di circa 50 enti diversi il che ovviamente rallenta i tempi di realizzazione, aumenta i costi e conseguentemente rende le energie verdi meno competitive e meno attraenti per gli investitori».
Economia sotto l’Ombrellone si chiude mercoledì 23 agosto, ore 18.30, con l’incontro: “Investire in un mondo che cambia, fra crisi bancarie e crescita delle Pmi” Mario Fumei – Private Banker Pierluigi Lotti – Consulente Finanziario Gilberto Bassi – Partner Manager Copernico Sim. (foto: sotto l’ombrellone)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Forestali: accorpamento con i carabinieri presenta profili incostituzionalità?

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

corpo-forestale“La pronuncia del Tar Abruzzo conferma tutto quanto denunciamo da mesi a proposito di quella parte della Riforma Madia con cui è stato previsto l’accorpamento dei Forestali nell’Arma dei Carabinieri. Una militarizzazione forzata che ha segnato un salto all’indietro verso un anacronistico e insostenibile obbligo di assumere uno status che può e deve essere solo voluto con la massima convinzione, come scelta di vita, come modo di essere. Proprio con la medesima devozione con cui si sceglie, piuttosto, di appartenere a Corpi Civili che ai nostri tempi rappresentano ormai la realtà di tutti i Paesi democratici. Sciogliere il Corpo Forestale dello Stato è stato un errore clamoroso che ha spazzato via con un colpo di spugna decenni di faticose conquiste dei lavoratori che ci hanno preceduto e di cui abbiamo raccolto il testimone orgogliosamente. Oggi un Tribunale dello Stato sugella in via giudiziaria la fondatezza di tutto quanto abbiamo denunciato e lamentato, in ogni sede, in og
ni modo, fino ad arrivare in piazza, davanti a Montecitorio, dove abbiamo urlato il nostro dissenso con altre migliaia di colleghi. Allora c’è stato chi si è girato dall’altra parte – ciò che noi e solo noi non potremo mai fare -, e queste sono le conseguenze. Mortificare le grandi professionalità del personale e i compiti vitali e delicatissimi del Corpo Forestale non è un esempio di razionalizzazione nella Pubblica Amministrazione. E soprattutto non è accettabile lo sfregio intollerabile nei confronti dei diritti di migliaia di lavoratori che sono stati costretti con la forza ad assumere uno status che ne ha stravolto la vita e il lavoro”.
Questo il commento di Domenico Pianese, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, dopo la notizia che i giudici del Tar dell’Abruzzo hanno rilevato profili di incostituzionalità nel provvedimento con cui è stato previsto l’assorbimento dei Forestali nell’Arma dei Carabinieri, ed hanno quindi sospeso il proprio giudizio e inviato gli atti alla Corte Costituzionale per la relativa decisione, proprio in merito alla forzata militarizzazione del personale transitato nell’Arma.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Niente asilo a chi non è vaccinato

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

vaccinazione-antinfluenzale-2012-2013Dopo il noto decreto legge n. 73 del 7 giugno 2017 in materia di vaccinazioni, dal titolo “Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale”, convertito con modificazioni dalla legge 31 luglio 2017, n. 119, il Ministero della salute ha emanato le circolari, la prima del 14 agosto 2017, che fornisce indicazioni operative su quattro vaccinazioni raccomandate per i minori di età compresa tra zero e 16 anni (anti-meningococcica B, anti-meningococcica C, anti-pneumococcica, anti-rotavirus) e quella del 16 agosto 2017 con le prime indicazioni operative per l’attuazione del suddetto Decreto che contiene i modelli per l’autodichiarazione e una tabella di ausilio per il controllo dell’adempimento delle vaccinazioni obbligatorie. La norma, viene specificato espressamente, sostituisce le indicazioni fornite con la Circolare 12 giugno 2017. lla luce delle nuove circolari, in particolare quella del 16 agosto, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è opportuno riportare di seguito in sintesi alcune tra le principali le direttive che non mancheranno di riaccendere il già infuocato dibattito tra pro e contro l’obbligo di vaccinazione, con prevedibili ripercussioni anche di natura giudiziale per il probabile tentativo da parte dei contrari di adire la Consulta per la verifica della costituzionalità della normativa. e vaccinazioni sono offerte gratuitamente dalle Asl, in base a specifiche indicazioni del calendario vaccinale nazionale relativo a ciascuna coorte di nascita.”La sanzione estingue l’obbligo della vaccinazione – si legge – ma non permette comunque la frequenza, da parte del minore, dei servizi educativi dell’infanzia, sia pubblici sia privati, non solo per l’anno di accertamento dell’inadempimento, ma anche per quelli successivi, salvo che il genitore non provveda all’adempimento dell’obbligo vaccinale”. Il divieto di iscrizione ai non vaccinati non vale invece per la scuola dell’obbligo. “Diversamente, per gli altri gradi di istruzione, e precisamente per quelli dell’obbligo – si legge sempre nella circolare – la presentazione della documentazione non costituisce requisito di accesso alla scuola (scuola primaria, scuola secondaria di primo grado, scuola secondaria di secondo grado, centri di formazione professionale regionale) o agli esami”. I minori non vaccinabili per ragioni di salute, spiega la nota, sono inseriti in classi nelle quali sono presenti soltanto minori vaccinati o immunizzati. “Inoltre, i dirigenti scolastici delle istituzioni del sistema nazionale di istruzione e i responsabili dei centri di formazione professionale regionale e delle scuole private non paritarie comunicheranno alla ASL, mediante modalità operative decise localmente dalla ASL, entro il 31 ottobre di ogni anno, le classi nelle quali sono presenti più di due alunni non vaccinati”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Donald Trump has no grasp of what it means to be president

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

trumpDEFENDERS of President Donald Trump offer two arguments in his favour—that he is a businessman who will curb the excesses of the state; and that he will help America stand tall again by demolishing the politically correct taboos of left-leaning, establishment elites. From the start, these arguments looked like wishful thinking. After Mr Trump’s press conference in New York on August 15th they lie in ruins.The unscripted remarks were his third attempt to deal with violent clashes in Charlottesville, Virginia, over the weekend (see article). In them the president stepped back from Monday’s—scripted—condemnation of the white supremacists who had marched to protest against the removal of a statue of Robert E. Lee, a Confederate general, and fought with counter-demonstrators, including some from the left. In New York, as his new chief of staff looked on dejected, Mr Trump let rip, stressing once again that there was blame “on both sides”. He left no doubt which of those sides lies closer to his heart.
Latest updates. Mr Trump is not a white supremacist. He repeated his criticism of neo-Nazis and spoke out against the murder of Heather Heyer (see our Obituary). Even so, his unsteady response contains a terrible message for Americans. Far from being the saviour of the Republic, their president is politically inept, morally barren and temperamentally unfit for office.
Self-harmStart with the ineptness. In last year’s presidential election Mr Trump campaigned against the political class to devastating effect. Yet this week he has bungled the simplest of political tests: finding a way to condemn Nazis. Having equivocated at his first press conference on Saturday, Mr Trump said what was needed on Monday and then undid all his good work on Tuesday—briefly uniting Fox News and Mother Jones in their criticism, surely a first. As business leaders started to resign en masse from his advisory panels (see article), the White House disbanded them. Mr Trump did, however, earn the endorsement of David Duke, a former Imperial Wizard of the Ku Klux Klan.
The extreme right will stage more protests across America. Mr Trump has complicated the task of containing their marches and keeping the peace. The harm will spill over into the rest of his agenda, too. His latest press conference was supposed to be about his plans to improve America’s infrastructure, which will require the support of Democrats. He needlessly set back those efforts, as he has so often in the past. “Infrastructure week” in June was drowned out by an investigation into Russian meddling in the election—an investigation Mr Trump helped bring about by firing the director of the FBI in a fit of pique. Likewise, repealing Obamacare collapsed partly because he lacked the knowledge and charisma to win over rebel Republicans. He reacted to that setback by belittling the leader of the Senate Republicans, whose help he needs to pass legislation. So much for getting things done.Mr Trump’s inept politics stem from a moral failure. Some counter-demonstrators were indeed violent, and Mr Trump could have included harsh words against them somewhere in his remarks. But to equate the protest and the counter-protest reveals his shallowness. Video footage shows marchers carrying fascist banners, waving torches, brandishing sticks and shields, chanting “Jews will not replace us”. Footage of the counter-demonstration mostly shows average citizens shouting down their opponents. And they were right to do so: white supremacists and neo-Nazis yearn for a society based on race, which America fought a world war to prevent. Mr Trump’s seemingly heartfelt defence of those marching to defend Confederate statues spoke to the degree to which white grievance and angry, sour nostalgia is part of his world view.At the root of it all is Mr Trump’s temperament. In difficult times a president has a duty to unite the nation. Mr Trump tried in Monday’s press conference, but could not sustain the effort for even 24 hours because he cannot get beyond himself. A president needs to rise above the point-scoring and to act in the national interest. Mr Trump cannot see beyond the latest slight. Instead of grasping that his job is to honour the office he inherited, Mr Trump is bothered only about honouring himself and taking credit for his supposed achievements.Presidents have come in many forms and still commanded the office. Ronald Reagan had a moral compass and the self-knowledge to delegate political tactics. LBJ was a difficult man but had the skill to accomplish much that was good. Mr Trump has neither skill nor self-knowledge, and this week showed that he does not have the character to change.This is a dangerous moment. America is cleft in two. After threatening nuclear war with North Korea, musing about invading Venezuela and equivocating over Charlottesville, Mr Trump still has the support of four-fifths of Republican voters. Such popularity makes it all the harder for the country to unite.
This leads to the question of how Republicans in public life should treat Mr Trump. Those in the administration face a hard choice. Some will feel tempted to resign. But his advisers, particularly the three generals sitting at the top of the Pentagon, the National Security Council and as Mr Trump’s chief of staff, are better placed than anyone to curb the worst instincts of their commander-in-chief.
For Republicans in Congress the choice should be clearer. Many held their noses and backed Mr Trump because they thought he would advance their agenda. That deal has not paid off. Mr Trump is not a Republican, but the solo star of his own drama. By tying their fate to his, they are harming their country and their party. His boorish attempts at plain speaking serve only to poison national life. Any gains from economic reform—and the booming stockmarket and low unemployment owe more to the global economy, tech firms and dollar weakness than to him—will come at an unacceptable price.Republicans can curb Mr Trump if they choose to. Rather than indulging his outrages in the hope that something good will come of it, they must condemn them. The best of them did so this week. Others should follow.(This article appeared in the Leaders section of the print edition under the headline “Unfit” Zanny Minton Beddoes, Editor-in-Chief)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

How New Zealand could bring down the Australian government

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

diplomatic fracasA STRANGE political scandal in Australia turned serious on August 14th when the deputy prime minister, Barnaby Joyce (pictured), discovered—much to his surprise—that he was also a citizen of New Zealand. Section 44 of Australia’s constitution prevents anyone with dual citizenship from sitting in Parliament. So far such discoveries have led two Australian Greens to resign from the Senate and an MP of the Liberal Party to step down from his cabinet role as industry minister. But the discovery of Mr Joyce’s apparent ineligibility has given the matter greater urgency—the loss of a single seat would cause the coalition government of the Liberal and National parties to lose its majority. Events have escalated quickly, with one Australian minister accusing New Zealand of meddling in its politics.
Mr Joyce is one of Australia’s most high-profile and experienced politicians. The leader of the right-wing National Party, he spent eight years in the Senate and has sat in the House of Representatives since his party returned to power in 2013. He is also minister for agriculture. But Mr Joyce’s father was born in New Zealand. The child of a citizen of New Zealand automatically becomes one by descent. In parliament, Mr Joyce emphasised his maternal Australian roots and the fact that he had never sought foreign citizenship. But he could do little other than to refer the matter to the High Court, which will hear the case on August 24th. Unlike the Green senators, he has refused to resign. That the prime minister, Malcolm Turnbull, asked Mr Joyce to continue in his duties is directly related to the government’s fragile grip on power. If Mr Joyce were to be found ineligible to sit, a by-election would be arranged for his rural seat of New England, north of Sydney. Until then, the government would have to seek support from opposition parties and independents to approve legislation. Worse still, the by-election could turn into a de facto referendum on the government’s performance. This poses risks for an administration that has consistently trailed behind the opposition Labor Party in opinion polls.
The Australian government is also unhappy about the manner in which Mr Joyce’s roots were disclosed. The chief-of-staff of an Labor senator spoke to an MP in the New Zealand Labour Party, Chris Hipkins, about Australian legislators who may be New Zealand citizens. Mr Hipkins raised the issue in his country’s Parliament. Questions from journalists then resulted in the Kiwi interior minister explaining Mr Joyce’s new-found status. Smelling a conspiracy, the Australian foreign minister, Julie Bishop, said that she would find it “very difficult” to work with a party that sought to “undermine the Australian government”. In addition to the strength of Ms Bishop’s language, the fact that she made such a statement during an election campaign in New Zealand has heightened sensitivities further. The leader of New Zealand Labour, Jacinda Ardern, described Ms Bishop’s comments as “highly regrettable”. It is clear the debate still has some distance to run. The Australian government has called into question the citizenship of seven Labor MPs. (Indeed, a constitutional law expert interviewed on Australia’s national broadcaster this week said she had discovered while researching that subject that she too was a Kiwi. This does not disqualify her from her position at Sydney Law School.) One solution to the political drama might be an amendment to the constitution itself. When Section 44 was written, in 1891, New Zealand was not considered a foreign power, as both Australia and New Zealand came under the dominion of the British monarch. This changed only in 1986 when Australia stepped out entirely from British rule. This might be the moment for the constitution to move with the times, too. (Photo: diplomatic fracas) (by The Economist)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Area archeologica di Pompei

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

area archeologicaCon l’avvio del cantiere di messa in sicurezza dei fronti di scavo, ovvero di tutta quella porzione di terreno che circonda l’area non scavata di Pompei, di circa 22 ettari, e con la ripresa dei cantieri della Regio I, II e III precedentemente bloccati a causa di un ricorso al TAR, entro il 2019 l’area archeologica di Pompei sarà interamente consolidata. Oltre due chilometri di muri antichi saranno oggetto di messa in sicurezza, mentre l’area non scavata alle spalle dei fronti di scavo, nelle Regiones I-III-IV-V-IX, sarà oggetto di intervento di mitigazione del rischio idrogeologico, che assicurando un adeguato drenaggio del suolo consentirà di ridurre la spinta del terreno sui muri antichi, problema particolarmente insistente nel periodo delle piogge.Tra gli interventi in programma il grande cantiere prevederà anche un vero e proprio scavo nella Regio V, il cosiddetto “cuneo” (un’area di oltre 1000m2 nella zona posta tra la casa delle Nozze d’Argento e gli edifici alla sinistra del vicolo di Lucrezio Frontone), che nella condizione attuale costituisce un elemento di debolezza del pianoro dal punto di vista idrogeologico. Lo scavo porterà in luce strutture e reperti di ambienti privati e pubblici che contribuiranno ad arricchire la conoscenza del sito e lo stato di avanzamento della ricerca archeologica. A tal scopo sul pianoro delle regiones IV e V, dove è in corso l’allestimento dell’ area logistica, è in programma anche l’installazione di un laboratorio di studio archeologico dei reperti che saranno rinvenuti e un deposito per la loro conservazione temporanea. “Si tratta del più grande intervento nell’area non scavata di Pompei, dal dopoguerra – dichiara Massimo Osanna, Direttore Generale del Parco archeologico di Pompei. – Finora si era sempre proceduto per piccoli interventi di tamponamento sui fronti di scavo, nei punti più critici. Adesso si procederà in maniera radicale al consolidamento dei fronti e a risolvere il problema dell’acqua che si accumula nei terreni esercitando pressione sulle pareti e sulle facciate delle domus portati alla luce, che hanno finito per costituire una sorta di argine di contenimento dei terreni che impregnati di acqua piovana vi esercitavano pressione esponendoli al pericolo di cedimento.” L’intervento, che rientra nel Grande Progetto Pompei durerà circa due anni. I lavori procederanno per sottocantieri al fine di continuare a garantire la fruibilità del sito. Periodicamente verranno forniti aggiornamenti sull’avanzamento dei lavori.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

In Dubious Battle di James Franco

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

In Dubious BattleRoma Martedì 22 agosto ore 21:00 – Cinema The Space Moderno (Sala 5), Piazza della Repubblica 43 arriva nelle sale italiane IN DUBIOUS BATTLE – Il Coraggio degli Ultimi diretto James Franco e tratto dall’omonimo romanzo del 1936 del Premio Nobel John Steinbeck, tradotto in Italia da Eugenio Montale con il titolo La Battaglia. Ambientato in un’America degli anni ’30 in piena lotta tra lavoratori e capitalisti, è la storia di un uomo che, in disperata lotta per il riconoscimento dei propri diritti fondamentali, cerca di organizzare uno sciopero dei raccoglitori di frutta nel sud della California. IN DUBIOUS BATTLE porta sul grande schermo la sofferenza, gli stenti e il coraggio della popolazione rurale della Grande Depressione, un dipinto corale che vanta, oltre Franco, un cast del calibro di Nat Wolff, Selena Gomez, Vincent D’Onofrio, Ed Harris, Sam Shepard, Ashley Greene, Josh Hutcherson, John Savage e ancora Robert Duvall e Bryan Cranston. IN DUBIOUS BATTLE – Il Coraggio degli Ultimi è prodotto da AMBI MEDIA GROUP di Andrea Iervolino e Monika Bacardi, in collaborazione con Rabbit Bandini Production e That’s Hollywood Production. Distribuito da Ambi Media Italia, il film sarà al cinema dal 7 settembre.
Il Titolo “In Dubious Battle” è un riferimento a un brano del Paradiso perduto di John Milton. Da questo libro si evince il grande interesse di Steinbeck per ciò che accade nella mente e nel cuore degli uomini quando si muovono, non come individui singoli ma come membri di un gruppo. “In Dubious Battle” è il suo tentativo di studiare un tipico sciopero a metà della grande depressione in termini bionomici (disciplina che studia le leggi che governano i processi vitali). Nel 1958, il critico Alfred Kazin proclamò “In Dubious Battle ” e “Furore” come i suoi libri più potenti. Il presidente Barack Obama, in un’intervista al New York Times, ha detto che “In Dubious Battle” è il suo libro preferito.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli uffici scolastici pubblicano le graduatorie d’istituto

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

scuolaOra ogni supplente potrà rendersi conto del punteggio assegnato consultando ‘Istanze On Line’: la stampa specializzata spiega che tocca alle segreterie scolastiche ‘mettere una pezza’ agli errori del sistema informatico con il quale si trovano a lavorare gli assistenti amministrativi alle prese con la valutazione delle domande dei docenti per l’accesso alle graduatorie. Alla mancata formazione su molti aspetti delle tabelle di valutazione dei titoli (interpretate con fantasia) si aggiungono gli errori di default del sistema on line. Sono già migliaia le richieste di rettifica del punteggio recapitati sulle scrivanie delle segreterie, da parte dei docenti che hanno visualizzato il punteggio non corretto. Nel computo degli errori da sanare, ci sono pure i tanti bug dovuti alla decisione del Miur di escludere tante categorie di docenti. Come i diplomati Itp, a cui il Tar ha dato ragione avallando la tesi dell’Anief. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Attendiamo con fiducia la richiesta di inserimento nella seconda fascia d’istituto anche per i diplomati AFAM e magistrale linguistico, per i quali già esistono pronunciamenti positivi in Consiglio di Stato. C’è anche da verificare se il Ministero dell’Istruzione abbia comunicato ai propri Ambiti territoriali provinciali e alle scuole capofila di dare seguito agli ordini del tribunale amministrativo per registrare l’immediato inserimento nella seconda fascia delle Graduatorie d’Istituto di tutti gli aventi diritto. Inoltre è bene che ogni docente verifichi il punteggio assegnatogli e presenti apposito ricorso qualora vi siano discrepanze rispetto a quanto effettivamente gli spetta.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pane Nostrum nel segno del turismo

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

SenigalliaSenigallia dal 21 al 24 settembre. Pane Nostrum nel segno del turismo. Per la diciassettesima edizione della festa dell’arte bianca, gli organizzatori della manifestazione – Comune di Senigallia, Confcommercio Marche Centrali e C.I.A . (Confederazione Italiana Agricoltori) – hanno deciso, in collaborazione con gli albergatori, di promuovere uno speciale pacchetto turistico.
Nonostante sia ormai bassa stagione, Senigallia può sempre riservare sorprese, con bel tempo e voglia di relax. Per questo motivo, nella settimana di Pane Nostrum, gli alberghi proporranno tariffe speciali a chi vorrà soggiornare a Senigallia, regalando ai turisti anche la partecipazione gratuita a una delle masterclass in programma.
Questi corsi sono la novità che caratterizzeranno la diciassettesima edizione, lezioni teoriche (a pagamento per il pubblico) tenute da esperti panificatori, pizzaioli e pasticcieri, riconosciuti a livello nazionale, che spiegheranno ai partecipanti le tecniche per ottenere il miglior prodotto. Già noti alcuni nomi che verranno nel ritrovato Palazzo Baviera, inaugurato recentemente dopo una importante opera di ristrutturazione che l’ha riportato al suo antico splendore: Christian Zaghini, pizzaiolo molto attento alla formazione, specializzato nelle tecniche di impasti diretti, indiretti e con il lievito madre, e Massimo Vitali, maestro panificatore a Sala di Cesenatico, noto per la produzione di lievitati tutto l’anno.
Pane nostrum avrà numerosi espositori e aziende agricole del territorio con le loro eccellenze, panificatori in primis, di tutta la regione Marche che venderanno i propri prodotti al pubblico; i forni a cielo aperto in piazza del Duca; le attività per i bambini e le scuole e due differenti percorsi di corsi e laboratori, sempre a pagamento: quelli per i professionisti che potranno fare formazione e confrontarsi con i colleghi e quelli per amatori che potranno apprendere alcune nozioni su come fare pane, pizza e dolci.
La manifestazione è organizzata dal Comune di Senigallia, Confcommercio Marche Centrali e C.I.A – Confederazione Italiana Agricoltori – con il contributo della Camera di Commercio di Ancona e realizzata da Marche Expo. Due i main sponsor che danno anche il nome alle aule didattiche in piazza Del Duca: Molino Paolo Mariani e Moretti Forni.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo procedimento disciplinare dipendenti pubblici

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

pacifico-marcelloNon c’è solo l’esigenza di rivedere e rendere omogenei i tempi del procedimento disciplinare: il D.lgs. 75/2017 scava un solco ancora più profondo tra i poteri dello Stato-datore di lavoro e i lavoratori pubblici. A chi esercita il potere disciplinare non può essere consentito di derogare ai termini che regolano il procedimento.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): è tempo di dire basta alla vecchia immagine del dipendente pubblico come sinonimo di fannullone o assenteista. La necessità di colpire senza alcuna esitazione chi, tra i lavoratori pubblici, vìola i vincoli contrattuali e deontologici, non consente alla pubblica amministrazione di porsi al di sopra della legge e reputarsi esentata dal rispetto tassativo dei termini che essa stessa si è data.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istruzione – Sicurezza: a settembre diverse scuole potrebbero non aprire

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

ministero-pubblica-istruzioneCon l’avvio del nuovo anno scolastico cresce il pericolo di chiusura delle strutture non a norma: gli enti locali, impossibilitati ad agire, non si vogliono più prendere la responsabilità di far riprendere le lezioni in strutture fatiscenti. Sono non pochi, inoltre, gli esposti presentati nelle ultime settimane da genitori sempre più preoccupati. Entra così nel vivo l’azione del giovane sindacato dei dirigenti scolastici: in vista dell’audizione, il prossimo mese, presso la VII e XI Commissione della Camera in merito all’esame dei disegni di legge n. 3830 e 3963, Udir propone l’introduzione al D.lgs. n. 81/08 del Titolo XIII bis recante ‘Disposizioni speciali in materia di Istituzioni scolastiche ed educative’ con nuovi nove articoli su individuazione del datore di lavoro responsabile sulla sicurezza, potere inibitorio e d’interdizione, obblighi e sanzioni per il proprietario dell’immobile e del DS, impegni economici, lavori in appalto, definizioni. Il problema è reale: in assenza di fondi adeguati, la Provincia di Caserta rischia di chiudere le Scuole superiori già dal prossimo 15 settembre. Le modifiche tengono conto anche delle indicazioni dei capi d’istituto, da troppi anni caricati di responsabilità a fronte di stipendi inadeguati.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

VIII Land Art al Furlo “SAXUM”

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

antonio soraceSant’Anna del Furlo – Fossombrone – PU 26 agosto – 23 settembre 2017, prende il via l’VIII edizione della Land Art al Furlo: “Saxum”. Alle ore 17.00 la cerimonia inaugurale alla CASA DEGLI ARTISTI di Sant’Anna del Furlo, dove si mostrerà il “Tuffo” di Antonio Sorace, che si rivede dopo un anno di assenza per i necessari restauri curati dalla Scuola di Restauro e Conservazione dell’Università di Urbino. Così come torna a rivivere “Apogeo 2011” opera di Yvonne Ekman: anche questo lavoro è stato restaurato dalla Scuola di Urbino e viene mostrato in una nuova collocazione. Saranno presenti il Presidente della provincia di Pesaro-Urbino, Daniele Tagliolini, gli Amministratori di Fossombrone, in particolare l’Assessora alla Cultura, Gloria Mei, gli studenti e gli insegnanti della Scuola di Restauro di Urbino. Subito dopo si svolgerà la Visita Guidata alla scoperta di più di quaranta opere del 2017: saranno presenti gli autori che interverranno per raccontare i loro lavori e dialogare con il pubblico. In conclusione, Grand Buffet all’italiana.
/ 27 agosto, ore 10: Passeggiata bianca. Partenza dalla Drink Cup: visita guidata alla Cava di Sant’Anna con il geologo e docente urbinate Elvio Moretti. Alle ore 17, alla Casa degli Artisti, proiezione del documentario “Born of stone” di Emilio Bellu (www.emiliobellu.com), corto pluripremiato dedicato a Pinuccio Sciola e alle sue Pietre sonore.
arsruralis/ 3 settembre, ore 16: Leone Pantaleoni in “Le parole sono pietre”, il famoso “fromboliere dell’alfabeto” zigzaga tra anagrammi, rebus, motti di spirito. Verrà lanciato il gioco “Saxum”. Ore 17 il docente urbinate Elvio Moretti in una videoconferenza: “Il sasso nella Storia”, viaggio in Medioriente dall’Eufrate al Mar Rosso inseguendo un sogno.
/ 9 settembre, ore 17: “Il sasso in bocca”: presentazione del libro di Lorenzo Baldo: “La mafia ordina: suicidate Attilio Manca”. Introduce Anna Alessia Petrozzi, giornalista esperta di mafie, intervengono: Andreina De Tomassi ex direttrice di “Antimafia Duemila”, Michele Altomeni Fattoria della Legalità e Marta Cecconi di Libera.
/ 17 settembre, ore 16: Talk su “Arte e coscienza ambientale. Qual è il ruolo dell’artista oggi?” curato e moderato da Federica La Paglia. Intervengono Silvano Manganaro, critico e curatore, professore di Storia dell’Arte ed Economia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, co-curatore del progetto Eremi, collabora con Il Giornale dell’Arte; e Rosanna Ruscio, storica dell’arte, docente di Storia dell’Arte Contemporanea e di Storia delle tecniche artistiche presso l’Accademia di Belle Arti di Milano-Brera. Ricercatrice impegnata nello studio del rapporto Arte e Natura, autrice de “Il paesaggio prestato. Azioni e scenari del progetto ambientale” con Anna Ghinato, (Aracne Editore, Roma 2014)
/ 23 settembre, ore 16: “Le pietre in bilico” attesissima performance e workshop di Luca Zaro che dimostra gli equilibri impossibili dello stone balancing. Una pratica quasi Zen. Alle ore 17: “Suspended Rocks al Furlo” performance di e con Sandford& Gosti.
Concerto di chiusura ore 18: il Novus Baroque Ensemble interpreta Johann Sebastian Bach (1685-1750). Pietro Berlanda (Flauto traversiere); Giuliano Eccher (Viola da gamba); Andrea Leopardi (Violino); Josef Piras (Clavicembalo).
paolo garauGiuseppe CosenzaBrindisi di arrivederci alla IX edizione. Per tutto il periodo, dal 26 agosto al 23 settembre, nella Galleria d’Arte di Sant’Anna del Furlo saranno visibili: una personale del fotografo Sandro Cristallini “Alfabeto di pietra”, una collettiva fotografica dei ragazzi di Montefelcino coordinati da Sauro Gasparri, le tavole a fumetti di Alex Savelli, un’opera di Amir Sharifpour e Sima Shafti, un’acrilico di Marco Bacoli, un’opera di Adolfo Tagliabue, una scultura di Daniele Covarino, “Volto divino” opera di Thea Tini. Nel punto info le brochure dei partecipanti e nel punto video una rassegna dei corti firmati da Sandford&Gosti.
Inoltre le studentesse e gli studenti del Liceo Artistico Apolloni di Fano – Benedetta Montesi, Margherita Dell’Atti, Rebecca Bacciaglia, Francesco Serafini, Milena Rossi, Serena Casagrande, Victoria Osei, Serena Sgreccia, coordinati dai docenti Paolo Tosti, Paola Mancini e Stefano Petreti, partecipano con i loro progetti a “Saxum”. (foto: antonio sorace, arsruralis, paolo garau, Giuseppe Cosenza)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La moderna radioterapia

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

radioterapiaOffre ai pazienti affetti da tumore sempre maggiori opportunità di guarigione e di preservazione degli organi malati e della loro funzione. Questo miglioramento è ottenuto dall’integrazione di saperi diversi. La moderna radioterapia si avvale, infatti, dell’approfondimento delle conoscenze sull’interazione diretta o indiretta tra le radiazioni e i diversi processi metaboli della cellula neoplastica e del microambiente che la circonda, e sul ruolo delle nuove molecole nel potenziare la sua azione sulle cellule neoplastiche come nel prevenirla sui tessuti sani. Nuove modalità di accelerazione di particelle differenti dagli elettroni rendono disponibili radiazioni dalle caratteristiche utili ad ulteriormente perfezionare l’irradiazione di bersagli complessi ed eterogenei nella loro sensibilità. La rappresentazione mediante un imaging non più solo morfologico, ma anche metabolico e funzionale, consente di identificare meglio i volumi a rischio di presenza di malattia, ma anche di identificare tramite la ripetizione degli stessi durante la terapia, se la neoplasia evidenzia sub volumi resistenti al trattamento, consentendo le necessarie ottimizzazioni. La possibilità di realizzare macchine ibride con diagnostiche disponibili nelle apparecchiature di trattamento o di montare unità di terapia in apparecchiature di diagnostica o su robot, favorisce il monitoraggio della corretta geometria del trattamento radiante durante tutta la sua durata e il governo dell’irradiazione di organi in movimento. L’estendersi delle possibilità delle altre terapie oncologiche favorisce la definizione di approcci terapeutici personalizzati in grado di offrire ai pazienti non solo maggiori possibilità di guarigione ma anche una migliore qualità di vita. La percezione da parte del paziente della fondamentale importanza di identificare nell’équipe terapeutica dei sanitari vicini alle complesse dinamiche emotive ed organizzative nelle quali si trova a vivere, richiede l’esercizio di un sapere relazionale attento e competente. Nella moderna radioterapia nuovi profili professionali e nuovi scenari organizzativi interagiscono con grande dinamicità e richiedono quindi di essere coordinati per far beneficiare ai pazienti e gli operatori tutti il vantaggi di questa innovazione. (Prof. Vincenzo Valentini Professore Associato, Cattedra di Radioterapia, Università Cattolica S. Cuore (Roma)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella launches “Catella Modernes Wohnen” open-ended mutual real estate fund for small-scale, affordable living

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

catellaThe team of Catella Real Estate AG has launched “Catella Modernes Wohnen” – an open-ended mutual real estate fund. The fund invests in small-scale, and thus affordable, accommodation with a focus on one and two person households in German conurbations.
Over 75% of households in Germany are one and two person households, but one room apartments account for only 3% of Germany’s housing stock; if 2-3-room apartments are included, the share is 30%. The average residential unit size of 95 m² realised in new construction is not in line with demand. The new fund will invest in small-scale and therefore affordable housing development that meets demand. In addition to students, the target group also includes the huge group of commuters, young professionals and above all senior citizens.“We are talking about approximately 10-12 million households looking for affordable housing in urban areas. That doesn’t work on 80-100 m², but has to be realised on 20-50 m² to keep overall rents at reasonable levels. Catella Modernes Wohnen aims to provide affordable living space to the largest group of users of residential accommodation – Germany’s rising number of one- and two-person households.” says Michael Keune, Portfolio Manager at Catella.The fund has made its first investment of EUR 25 million in an apartment building in Mainz, situated within walking of the city’s main railway station. Scheduled for completion in September, the property has 77 single and 65 double apartments. The building is part of a micro-living complex with additional services and student apartments also acquired by Catella managed funds. In total, Catella has thus invested in around 900 apartments for students, young professionals and commuters at the Mombacher Strasse location in Mainz.Further projects for micro living, student accommodation, housing for senior citizens and temporary accommodation (boarding houses) are already in the due diligence phase. The fund’s target volume is around EUR 500 million, with an overall target return based on the BVI method of 3.5-4.5% p.a.Catella Real Estate AG is the investment managment company of Catella AB, with 600 employees in 13 countries across Europe. Catella Real Estate AG has 70 employees and manages 19 opend-ended and special funds with 3.2 billion EUR assets under management.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra “L’Assunta di Bernardo Daddi e l’identità di una Città”

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 agosto 2017

prato palazzo pretorioPrato Museo di Palazzo Pretorio il 6 settembre 2017 alle ore 11:30 anteprima riservata alla stampa della mostra “Legati da una Cintola. L’Assunta di Bernardo Daddi e l’identità di una Città”. La Mostra verrà inaugurata, in occasione della 50a edizione delle manifestazioni civili e religiose legate alla Cerimonia per l’ostensione pubblica della Sacra Cintola (8 settembre ore 22). E’ l’evento che da oltre otto secoli la città di Prato celebra.
Per un giorno la città sarà animata da Manifestazioni e Concerti diventando un vero e proprio Palcoscenico all’aperto. Un Corteggio storico con oltre seicento figuranti provenienti da tutta Italia con i loro costumi d’epoca ed i loro intrattenimenti attraverseranno le vie del centro di Prato per raggiungere piazza Duomo – dove si incrociano i valori laici e religiosi simbolicamente rappresentati dalle tre chiavi (due di proprietà del Comune ed una della Diocesi) – e il Sindaco e il Vescovo apriranno lo scrigno contenente la preziosa reliquia con l’Ostensione della Sacra Cintola dal Pulpito di Donatello (ore 22:15).
Il suggestivo percorso espositivo, che intreccia i fili di un racconto tra storia e tradizione, metterà in luce il ricco patrimonio di cultura e bellezza, custodito nel territorio e oltre i confini locali. Per la prima volta potremo così ammirare, grazie a prestiti dal Metropolitan Museum di New York e dai Musei Vaticani, la ricostruzione della smembrata Pala di Bernardo Daddi, realizzata per il Duomo di Prato, e di cui il Museo di Palazzo Pretorio conserva una delle due predelle. Eccezionalmente, sarà visitabile la Cappella della Cintola, nel Duomo di Prato, interamente affrescata da Agnolo Gaddi.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »