Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 19 agosto 2017

Islamist terrorism in Catalonia leaves the Spanish wondering why

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

Islamist terrorismTHE jihadists of Islamic State (IS) may boast of their ambition to recover the lost Islamic lands of “al-Andalus”. But until this week Spain seemed relatively safe, and tourists have been flocking to its cities and beaches in growing numbers—nowhere more so than to Barcelona.That illusion of security was cruelly shattered around 5pm on August 17th, when a white van veered onto Las Ramblas, a tree-lined avenue that represents the city’s easy-going spirit. The vehicle zigzagged down the avenue for about 500 metres, mowing down panicked pedestrians before crashing; the driver fled on foot. At least 13 people were killed, and more than 100 injured.What at first seemed like a lone-wolf attack quickly turned into something more organised and sinister. A few hours after the carnage in Las Ramblas, in the early hours of August 18th, Catalan police shot dead five suspected terrorists in Cambrils, a seaside resort. Their vehicle had jumped a police checkpoint and sped towards the main beachfront promenade, where it overturned, according to local media reports. They were wearing what appeared to be explosive vests but these proved to be fake, the police said. Four of the attackers were killed by police after the vehicle flipped, while the fifth was shot after being spotted by a police helicopter, according to El País, a Spanish newspaper. Video footage by bystanders shows him being repeatedly shot, standing up, and being shot again as he jumped over a partition in the road and rushed towards policemen. A woman who was stabbed by one of the assailants was killed in Cambrils; five civilians and one policeman were injured.
Adding to the alarm is the evidence from an explosion that destroyed a house on Wednesday night in another Catalan town, Alcanar. The blast, which left one person dead, was initially attributed by firemen to a gas leak. But the house now appears to have been a bomb factory, part of a plot to use gas as an explosive. One of the men injured in the house explosion in Alcanar is in police custody.
Investigations into the suspected cell are still at an early stage, but are focusing on men of Moroccan descent, including some with links to the Spanish enclaves in north Africa. The man in whose name the Barcelona attack van had been rented was arrested in another Catalan town, Ripoll, after he walked into a police station to report that his documents had been stolen. Media reports identify him as Driss Oukabir, a Moroccan. Unconfirmed reports claim his brother, Moussa, was the driver of the van in Barcelona. Police are trying to determine whether he was among those killed in Cambrils.Catalonia, which hosts Spain’s largest Muslim population, has been a focus of radicalism. Since 2012 police have conducted some 30 separate anti-terrorism investigations in the region, arresting 62 suspects. In April police arrested nine people in and around Barcelona, reportedly in connection to the terrorist attacks in Brussels in March 2016. El Periódico, a newspaper, says the CIA had warned Spain about an impending attack in Barcelona, but it appeared to lack specific details.
IS later claimed responsibility for the attack in Las Ramblas, saying it was a “response to calls for targeting coalition states”—a reference to the American-led coalition against the group. It was the worst act of jihadist terrorism in Spain since the bombing of commuter trains in Madrid killed 192 people in 2004 (see chart below). If the Madrid bombings were supposedly a reprisal for the country’s participation in the invasion of Iraq, the motivation for the latest attacks seem less obvious. These days Spain is a minor player in the campaign against IS and other groups, a fact that some thought might reduce the risk of attack. In 2015 Spain withdrew nearly all its troops from Afghanistan. It is not taking part in the air campaign against IS in Iraq and Syria. Spain has about 400 soldiers helping to train the Iraqi army and police. In Africa, Spain has also provided transport aircraft to help French-led missions in Gabon and Senegal, and has had a small contingent of 150 soldiers in Mali.
Yet pretexts for an attack are easy to find in the tangle of historical, religious and contemporary grudges that jihadists hold against the West. In the end, the targets and timing of jihadist attacks in Europe may have less to do with deliberate planning by IS leaders, increasingly embattled in their self-declared caliphate, and more with the availability of extremists, sometimes self-radicalised, willing to terrorismcarry out attacks. An important question for counter-terrorism experts is whether the attacks in Spain involved fighters who have returned to Europe from Syria. Unlike those of al-Qaeda, IS’s claims of responsibility tend not to include “martyrdom” videos made by the attackers.Whether or not IS was mounting a concerted plot against Spain, the attacks were an assault on all of Europe, and the world: the dead and injured include German, French, Italian, Belgian and Greek citizens. Australian, Pakistani, Philippine, Venezuelan and Chinese nationals were also among the casualties, officials said.Tourism has been the engine of Spain’s economic recovery since the financial crisis, accounting for 11% of GDP last year. Spain welcomed a record 75m tourists in 2016 and is expecting another surge this year; the number of tourists rose almost 12% in the first half of 2017, compared with the same period last year. In part Spain benefited from terrorist attacks elsewhere, including Tunisia, Egypt and Turkey.Barcelona is Spain’s main tourism hub, welcoming sine 9m overnight visitors a year. In recent online propaganda linked to IS, the city’s emblematic Sagrada Família basilica was featured as a possible target.
The Madrid attacks of 2004 had an immediate political impact, ruining the prospect of re-election for the centre-right Popular Party a few days later, not least because it had wrongly blamed the attack on the Basque-separatist ETA movement. One question is whether the attacks in Barcelona and Cambrils might dampen support for Catalan independence in a controversial referendum by the regional government, scheduled for October 1st. For now, though, the city’s citizens will be mourning their dead. As the strollers returned to Las Ramblas the day after the murders, they spontaneously broke out in chants of “we have no fear”. (by The Economist)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In search of silent heroes – from Oslo to Athens

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

osloOslo. When you undertake something remarkable for a good cause, it’s easy for the undertaking to overshadow the cause. Mark Fuhrmann knows this as he resumes his 5200 km kayaking odyssey from Oslo to Athens after a month’s hiatus, with 3300 km to go, on a mission to reward small acts of kindness along the way.Mark’s journey itself is epic enough to have attracted plenty of press, but his real purpose is to bring attention to the unsung heroes along his route, those who give to others without asking anything in return. Fuhrmann has recognised these ‘silent heroes’ in their local communities from the start of his voyage in Norway, through Sweden, Denmark, Germany, Holland, Belgium, and into France. Now his path will lead him down the canals and rivers of Provence to the Mediterranean, across Italy to the Adriatic and down the Balkan coast, where he will continue to acknowledge deserving individuals and organisations with modest cash awards to support their work.Mark’s inspiration for this incredible journey unfolded in the Greek village of Idomeni, in the shadow of the Syrian refugee crisis. Panayiota Vasileiadou, 82, was alone in her home when a young woman turned up on her doorstep with nine companions, cold and hungry, fleeing the battles raging in Aleppo. Rather than turn them away, ‘Mama’, as her guests now call her, took them all in and fed them on her monthly pension of 450 Euro.This near-heroic act of sacrifice has brought Vasileiadou international attention, but her real mission was simply to help those in need by any means she could. And now Mark Fuhrmann’s ultimate destination is Idomeni, to finally meet ‘Mama’.
Fuhrmann says: “One act of kindness may seem insignificant in this vast universe, but touching the life of even one person is highly significant, for that person, but also for society.”“This trip is a huge challenge for me, but what keeps me going is the thought of visiting Panayiota Vasileiadou in her home and giving her a big hug to thank her for her efforts, just to acknowledge her act of kindness. What a tremendous source of inspiration she has been, and a role model for all of us.”
5200 kilometres may seem a long way to paddle a kayak just to give an old lady a hug. But along the way, Mark Furhmann will have shared the inspiration of many small acts of kindness that, together, make a big difference in the world. The journey is certainly deserving of headlines, but the real story lies in the mission.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I dati definitivi del Macerata Opera Festival 2017

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

aidaambasciatore d'Italia in Croazia, Adriano Chiodi Cianfarani con moglie insieme a Romano Carancini e Betty TorresiCarancini prima dell’ultima recita saluta Micheli dopo sei anni di direzione artistica. L’abbraccio di tutto lo Sferisterio nella serata dedicata ai terremotati.
Si spengono le luci della 53a edizione del Macerata Opera Festival. Dopo i dati provvisori annunciati ieri ecco quelli definitivi, che comprendono l’ultima recita di Aida, andata in scena lunedì 14 agosto: l’incasso lordo è stato di 1.264.039 euro, mentre gli spettatori paganti sono 32.132. Si tratta di due record significativi per lo Sferisterio, in un anno difficile per tutto il territorio dopo il pesante sciame sismico del 2016. Altro dato interessante sono gli omaggi, in costante calo negli anni. Nel 2017 sono stati 1261, il 3,78% rispetto ai biglietti emessi.L’ultima recita di Aida sarà ricordata per più motivi. È stata un’ulteriore occasione di vicinanza dello Sferisterio alle terre ferite dal sisma: il Macerata Opera Festival, infatti, con il supporto di Vemac, azienda distributrice di materiali per l’edilizia, e la volontà del presidente e vicepresidente dell’Associazione Arena Sferisterio Romano Carancini e Antonio Pettinari, ha invitato 500 cittadini residenti nei comuni del cratere che hanno potuto assistere alla rappresentazione dell’opera di Giuseppe Verdi. E grazie anche a Contram Mobilità, che ha coperto tutti i costi, è stato organizzato un servizio navetta ad hoc per i partecipanti, sia per l’andata che per il ritorno.È stata anche l’ultima serata di Francesco Micheli, direttore artistico. Romano Carancini, prima dell’inizio dello spettacolo ha preso il microfono e, davanti a più di duemila spettatori, ha voluto stringere con un Nessi.jpgabbraccio caloroso colui che negli ultimi sei anni ha diretto il teatro maceratese, proiettandolo ai vertici europei. “È una notte speciale. È la notte di Francesco Micheli il nostro direttore artistico, in particolare perchè per lui sarà l’ultima notte da direttore artistico del Macerata Opera Festival. Dal 20 luglio 2012 quando con lui iniziammo questo incredibile viaggio con la recita della Traviata fino ad arrivare a stasera, 14 agosto 2017, con l’Aida del 50º a firma proprio di Francesco Micheli. Talvolta il destino sa essere più romantico e puntuale dei nostri desideri. Durante il Festival, soprattutto in questi ultimi giorni, è capitato spesso che lui abbia potuto salutare gruppi, persone, maestranze, ma io ho creduto fosse giusto salutarlo coralmente in questo bellissimo luogo tutti insieme: noi, voi e lo Sferisterio. Con Francesco Micheli il Macerata Opera Festival ha saputo parlare a tutti e in particolare ai nostri giovani. Tra i tanti muri abbattuti in questi anni questo è quello simbolicamente di cui siamo più fieri. Grazie Francesco questa sarà sempre casa tua e noi ti vorremo sempre bene”. Emozionato, Micheli ha abbracciato Carancini e salutato il pubblico che lo ha lungamente applaudito. (foto: aida, ambasciatore d’Italia in Croazia, Adriano Chiodi Cianfarani, nessi)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Castellum Invests SEKm 317 in Stockholm’s Leading Car Dealership Cluster

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

GothenburgGOTHENBURG, Sweden/PRNewswire/ — Castellum has begun new construction on a car showroom and related operations facilities, covering approx. 23,000 sq.m. on Smista Allé in Huddinge. The area has been developing into Stockholm’s foremost cluster for car dealerships since the beginning of the 2000s. The investment is expected to total SEKm 317.The new building is scheduled for completion during the first quarter of 2019.The property will be constructed in four floors. Floor One and Two will comprise premises with a surface of approx. 9,300 sq.m. Floor Three and Four will house an unheated parking garage with a surface area of approx. 13,900 sq.m.A 15-year leasing agreement has been signed with NCG Retail Eijendomme AB – who through British MotorGroup Stockholm will run a car dealership, including service and repair departments for the Jaguar and Land Rover automobile brands. The contract includes approx. 4,000 sq.m. heated premises, and parking on the garage floor. This represents an occupancy rate of 34%, relative to the total annual leasing value of SEKm 24,8.This will be the final new construction along the E4 and Smista Allé, and will include the construction of a noise- and risk-screening barrier from the highway, in consideration of nearby residential areas.Customers will enjoy access to a 180-metre long, extremely well-exposed signage position, directly toward the E4, as well as the upcoming Stockholm Bypass. This marks completion of the development area adjoining Smista Allé, thereby promoting more conveniently located services and even better public transit.To date, Smista is Castellum’s largest development area in the Stockholm region.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alvogen Announces Acquisition to Expand Russian Business

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

moscaMosca. Alvogen announced today that it has signed a definitive agreement to acquire Omega Bittner, a Russia-based pharmaceutical firm owned by Perrigo Company plc. Working with well-established and recognized brands in Russia including LactacydTM, AflubinTM and ParanitTM, the firm focuses on a targeted portfolio of over-the-counter drugs in categories such as women’s healthcare and cough & cold.Hacho Hatchikian, Executive Vice President of Alvogen CEE, commented: “This acquisition supports our strategy to gain more exposure to Russia’s high growth market. It will create greater scale and diversity across our portfolio and sales channels, while increasing market share in women’s healthcare and cough & cold.
“I would like to welcome Omega Bittner’s talented and dedicated workforce to the Alvogen family and look forward to their contributions, as we strive to provide patients in the region with highest quality products and services.”These products will complement, as well as significantly strengthen, Alvogen’s existing portfolio in the region.The transaction is expected to close by the end of Q3 2017, subject to customary approvals.Alvogen is a global, privately owned pharmaceutical company focused on developing, manufacturing and selling generic, brand, over-the-counter brands (OTC) and biosimilar products for patients around the world.The company has commercial operations in 35 countries with 2,800 employees and operates four manufacturing and development hubs in the US, Romania, Korea and Taiwan. North America is Alvogen’s single largest market and other key markets include: South Korea, Taiwan, Russia, West Balkan, Poland, Romania, Bulgaria, Hungary, Thailand, Ukraine, Japan and China.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Toshiba’s Comment on the Court Order Issued In the Dispute with SanDisk on Data Shut Out

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

toshibaToshiba Corporation (TOKYO:6502) and Toshiba Memory Corporation (‘TMC”), a subsidiary of Toshiba today received an order from the Superior Court of California for the County of San Francisco (the Court) regarding the motion for preliminary injunctive relief made by SanDisk LLC (SanDisk), a subsidiary of Western Digital Corporation (Western Digital) (NASDAQ: WDC), relating to Western Digital’s access to certain information stored on certain databases owned by TMC.The Court ordered, among other things, for TMC to resume Western Digital Technologies, Inc.’s (WDT) access to certain data stored on TMC’s databases. While TMC will comply with the order, it will not affect TMC’s memory business, including TMC’s decision to make unilateral investments in Fab 6 at Yokkaichi Operations.Dr. Yasuo Naruke, Senior Executive Vice President of Toshiba Corporation stated that, “While we are aware of the Judge’s ruling today, we do not expect any of the current ongoing litigation with Western Digital and SanDisk to limit us in proceeding with our business plans. I am extremely confident in our decision to move forward with timely unilateral investments in Fab 6 at Yokkaichi Operations – which will allow us to maintain our position as a leading player in the highly competitive 3D Flash memory market.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il 60° Zecchino d’Oro è ormai vicino

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

zecchino d'oroLa diretta domenicale è dal 19 novembre al 10 dicembre su Rai1 con la direzione artistica di Carlo Conti. E’ stata ufficializzata e anche lo speciale serale dell’8 dicembre sempre su Rai1, ma l’Antoniano di Bologna è ancora alla ricerca dei piccoli interpreti dei 12 brani inediti curati da Peppe Vessicchio. Il tour delle Selezioni Nazionali dello Zecchino d’Oro, organizzato dal project manager Claudio Zambelli per l’undicesimo anno consecutivo, è partito a gennaio dalla Val di Fiemme e ha toccato 15 regioni italiane – isole comprese – per un totale di 35 tappe, 7 eventi speciali e circa 20.000 bambini e relative famiglie coinvolte. L’obiettivo del tour è quello di individuare 80 finalisti per la selezione finale che si terrà a Bologna il prossimo 30 agosto.L’appuntamento finale del tour coincide con la festività di Ferragosto in una due giorni dedicata alla musica e alle famiglie: si parte lunedì 14 agosto con le audizioni dalle 10.00 alle 18.00 presso il Cinema-Teatro in via Gardesana, 7 a Torri del Benaco (VR) e con lo spettacolo teatrale “Canta con noi lo Zecchino d’Oro” alle ore 21.00 in Piazza Calderini. La festa entrerà nel vivo martedì 15 agosto sempre alle ore 21.00 presso Piazza Calderini con lo spettacolo dei piccoli interpreti finalisti “Serata d’Oro… Zecchino!” presentato da Francesca Fialdini, volto noto di Uno Mattina e già presentatrice dello Zecchino d’Oro 2016, e da Marco Lui detto Mr. Lui che ha seguito tutto il tour tappa dopo tappa.
La partecipazione alle Selezioni dello Zecchino d’Oro è, come sempre, gratuita ed è riservata ai bambini che abbiano compiuto i 3 anni d’età all’atto dell’iscrizione e non avranno compiuto 11 anni nel 2017.
Ogni tappa prevede due fasi: una prima audizione a porte chiuse in cui il solista è invitato a cantare un brano scelto tra quelli dalla 40ª alla 59ª edizione dello Zecchino d’Oro; una seconda fase, appunto il 30 agosto, in cui i selezionati sono invitati ad esibirsi presso l’Antoniano di Bologna dove verranno definiti i solisti del 60° Zecchino d’Oro.L’iscrizione alle selezioni va effettuata on line susito http://www.selezionizecchinodoro.it.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dalla deforestazione alla devastazione del mare: sversamento di olio di palma a Hong Kong

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

Hong KongHong Kong. Giorni fa è avvenuta una collisione tra due navi a sud di Hong Kong nelle acque prospicienti il delta del Fiume Pearl. Secondo informazioni ottenute da Tradewinds News, la the chimichiera giapponese Global Apollon, della GMS, e la nave cargo Kota Ganteng, della Pacific International Lines (PIL), siano entrate in collisione, ma si hanno a disposizione ben pochi dettagli. Restano altresì sconosciuti i dettagli relativi ai danni, ma la nave cargo Kota Ganteng ha ripreso la navigazione verso Singapore. La Global Apollon si trova all’ancora nelle acque vicine all’Isola di Guishan, facenti parte della Cina, site appena a sud-ovest delle Isole di Soko, appartenenti a Hong Kong.La Global Apollon trasportava 9.000 tonnellate di olio di palma grezzo e una significativa quantità (il cui ammontare non è noto) di tale sostanza si è sversata nelle acque circostanti. Le autorità di Guangzhou hanno mobilitato 9 imbarcazioni al fine di fornire assistenza e di contenere lo sversamento, in base ai rapporti che abbiamo esaminato, eppure il governo di Hong Kong asserisce di non essere stati informati della fuoriuscita di olio fino a sabato 5 agosto 2017. Quando il governo di Hong Kong ha scoperto l’accaduto, grandi quantità di questo olio di palma avevano ormai iniziato a giungere a riva sulle spiagge meridionali di Hong Kong.Sea Shepherd ha avuto notizia dello sversamento domenica, dopo che cittadini attenti a tali questioni hanno iniziato a chiedere che cosa fosse quella sostanza collosa di colore bianco e se rappresentasse un pericolo. Il governo di Hong Kong aveva affisso alcuni avvisi a stampa di dimensioni molto piccole (A4) presso le spiagge specificamente deputate dal governo stesso alla balneazione, ma, alla data odierna, non ha emesso avvertimenti pubblici di maggiore rilevanza. Infatti, il nuovo Sottosegretario per l’Ambiente, Tse Chin-wan, ha affermato che tutto è sotto controllo e che lo sversamento non da adito a preoccupazioni per la salute pubblica.
Privati cittadini sensibili alla questione sono in disaccordo con tale affermazione, dopo aver visto con i propri occhi la situazione delle loro spiagge, dunque si sono mobilitati per ripulire quello che il governo dovrebbe star ripulendo. Nel 2012 si è riversata in mare un’enorme quantità di minuscole palline di plastica che hanno ricoperto le spiagge di Hong Kong, quando una nave, durante un tifone, ha perso sei container. I privati cittadini di Hong Kongs sono altamente consapevoli delle limitazioni che qualunque governo presenta quando si trova di fronte a un episodio di tali dimensioni, e sono molto desiderosi di dare aiuto in qualità di volontari.
Gary Stokes, Direttore per l’Asia di Sea Shepherd Global, ha scritto una lettera aperta al Direttore del Dipartimento Marittimo e ad altri dipartimenti governativi, al fine di offrire assistenza di tipo simile a quella offerta nel 2012. A tutt’oggi l’unica risposta ricevuta da Sea Shepherd è stata: “Grazie, vi ricontatteremo”.Durante uno dei pattugliamenti condotti con l’imbarcazione Amberjack, Sea Shepherd ha documentato situazioni in cui dei pesci si cibavano dell’olio di palma, quasi in “condizioni di frenesia”. Ancora non si conoscono gli effetti che l’olio di palma ha sul pesce, ma si sono verificati aumenti nella quantità di pesci morti trasportati dal mare sulle spiagge.Sebbene l’olio di palma, in sé e per sé, non rappresenti un pericolo per gli esseri umani, il problema è dato dai batteri che esso attira e che crescono su di esso. L’olio di palma passa allo stato liquido a 35˚C, dunque in acqua esso rimane allo stato solido. Quando raggiunge le spiagge o delle coste rocciose, si scioglie. Ne abbiamo rilevate infiltrazioni a 10,16 cm nella spiaggia, profondità a cui si raffredda e torna allo stato solido. Ciò non lascia ben sperare, perché occorrono poi 30 giorni perché l’olio si scomponga. Gran parte di esso ritorna in mare, creando una macchia d’olio che riduce i livelli di ossigeno nell’acqua in maniera affine agli episodi noti come “maree rosse”.Sversamenti analoghi nel Regno Unito hanno spinto il governo di tale Paese ad emettere un avviso alla cittadinanza affinché facesse in modo che i bambini piccoli e i cani stessero lontani dalle spiagge. “A Hong Kong abbiamo visto bambini che giocavano nell’olio di palma. I genitori hanno detto di aver sentito dire dal governo che ‘non è affatto un pericolo'”, racconta Gary Stokes.”La triste realtà è la nostra dipendenza dall’olio di palma, che sta facendo scomparire le foreste pluviali in Indonesia e in Malesia per soddisfare la domanda in materia della nostra dipendenza da snack prodotti industrialmente”. Il doppio impatto negativo sull’ambiente è rappresentato dal fatto che l’olio di palma, con tutta probabilità, ha distrutto l’habitat delle specie delle foreste pluviali e ora inquina gli habitat marini, minacciando la vita negli oceani di Hong Kong”.Le operazioni di pulizia continuano, portate avanti da volontari provenienti da tutta Hong Kong che si recano sulle spiagge dell’Isola di Lamma, il punto dove la situazione è peggiore. “In momenti come questi, gli eroi della vita di ogni giorno appaiono emergendo dalla folla e si danno da fare laddove è necessario. Uno speciale riconoscimento deve essere tributato a Robert Lockyer, Keilem Ng e Julia Leung, tra i molti che lavorano ogni giorno sulle spiagge coordinando i volontari”, afferma Stokes. (Traduzione a cura di Sea Shepherd Italia).

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dov’è il buon governo?

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

Palazzo chigi1Da anni, oramai, l’Italia soffre di quel male oscuro che possiamo indicare nella mancanza di un governo che sappia essere virtuoso nell’esercizio del suo mandato. Si ha l’impressione che la stessa democrazia, che i nostri padri hanno costruito con tanta fatica e al prezzo di non poche vite immolate alla causa, oggi è messa in discussione. Si è voluta creare una condizione favorevole perché si possa favorire al meglio un rapporto tra la volontà popolare e chi è demandato a governarla. Sulla carta tale condizione aveva tutte le premesse per funzionare al meglio. La fattispecie pratica non ha rilevato la validità di tale rapporto. Oggi abbiamo amministratori eletti in nome del popolo che si rivelano negatori del mandato ricevuto e che sovente cambiano casacca politica. Viene, praticamente, stabilito un nuovo primato che è quello di una riedizione, corretta e riveduta, ma fondamentalmente la stessa, di quando l’imperatore si serviva di vassalli, valvassori e valvassini per esercitare il suo potere e delegare le sue prepotenze ai servi della gleba. E quando gli umili si sono sentiti riscattati dalle rivoluzioni borghesi e hanno confidato su una cultura del consenso a più voci di fatto su sono rivisti respinti nel loro ghetto, sia pure con forme di trattamento più raffinate ma anche più sadiche, rispetto ai tempi passati. Lo scoramento sta nella consapevolezza che non è la volontà di popolo che prevale ma è quella di una minoranza che si sente portatrice di un potere che va oltre il consenso democratico che pure sa imbrigliare volgendolo a proprio favore, per riconoscere che si può vivere solo in un modo che è quello dell’avere e non dell’essere. E se vogliamo restare alla realtà odierna niente di più infausto è il governo che si è dato l’Italia dove l’esercizio del potere fa scempio della volontà popolare, la condiziona con martellanti messaggi mediatici, l’addormenta con una speranza di tempi migliori e umilia la politica rendendola uno strumento inutile e costoso. Forse non ci rendiamo del tutto conto che stiamo perdendo del tutto la nostra libertà, che stiamo subendo l’attacco più proditorio e satanico dei poteri forti dove non domina la maggioranza di popolo ma una ristretta cerchia e che non esita a renderci consapevoli che non esiste libertà, giustizia e uguaglianza se non si appartiene alla schiera degli eletti, di quella minoranza che si rifà al 10% della popolazione mondiale. Gli altri sono tutti figli di una razza inferiore, a metà strada tra la scimmia e l’essere umano. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giovani: un nuovo malessere

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

opportunita-lavoroParto da un dato rilevato nei più recenti sondaggi d’opinione sul malessere giovanile. Mi limito, in questo caso solo ad un aspetto che riguarda la disaffezione dei giovani nei riguardi del lavoro. Non è, è bene precisarlo, un dato rilevante, statisticamente parlando, ma denota, a mio avviso, un “umore” che non va, in ogni caso, sottovalutato. Fatta questa doverosa premessa entro nel merito. Ciò che mi ha colpito è proprio quella percentuale che riguarda i giovani che non lavorano ma che nemmeno cercano lavoro. Sembra che essi, in qualche modo, vogliono “rivendicare” il disagio dei loro padri che, assillati dal bisogno, non guardavano tanto per il sottile l’impiego che si offriva loro, ma al tempo stesso non si sentivano realizzati. Nacque una disinteresse per ciò che si faceva che, in un certo, senso spiega il doppio lavoro, la scelta di un pensionamento precoce per fare qualcosa d’altro e più congeniale con ciò che avrebbero desiderato sin dall’inizio dell’avventura lavorativa. Il tutto risale agli anni successivi alla seconda guerra mondiale. Reduci che tornavano dal fronte, dalla prigionia, giovani che avevano lasciato uno studio, una professione, un mestiere e si sentivano catapultati in una realtà amara fatta di disoccupazione, di emarginazione, di povertà. Trovare un lavoro, un qualsiasi lavoro era per essi un imperativo. Nacquero così i cosiddetti “ammortizzatori sociali” enfiando i posti di lavoro che non c’erano, obbligando i giovani ad una ferma militare che spezzava in qualche modo il tempo per entrare nel mondo del lavoro e lo stesso accadeva per chi sceglieva di proseguire gli studi con i fuori corso universitari. Oggi la situazione si è capovolta. I posti di lavoro si riducono perché bisogna far quadrare i bilanci delle imprese pubbliche e private e non è più tollerato un eccesso di manodopera. Si pensò all’inizio che sarebbe bastato accelerare il turnover con le pensioni di anzianità e i prepensionamenti ma la soluzione mostrò subito i suoi limiti. Prima di tutto perché si dilatò il lavoro in nero (pensionati giovani in cerca di lavoro che non avevano bisogno di versare contributi previdenziali e che accettavano di buon grado tale condizione di “clandestinità” anche perché se l’avessero resa pubblica sarebbe stata penalizzata la loro rendita pensionistica). Secondariamente la cura dimagrante delle aziende non permetteva un assorbimento della nuova manodopera in condizioni di parità rispetto alle unità che andavano in pensione, ma con il solo aggravamento del bilancio dell’Inps che per pagare i pensionati aveva bisogno di nuovi contributi da parte di coloro che si immettevano in un’attività lavorativa. Con queste contraddizioni, con la logica capitalistica delle multinazionali che per moltiplicare i profitti insediano le loro attività produttive nei paesi dove è molto basso il costo della manodopera, con l’incapacità di chi ci governa e ci ha governati di mettere ordine alle politiche del lavoro e ad adottare provvedimenti ad hoc per scoraggiare il lavoro in nero, per assicurare una filiera corta per ridurre il maggior costo del lavoro, nel mettere a punto servizi tecnologicamente più qualificati e nel rapportare uno sviluppo del sistema paese omogeneo in tutte le sue aree. Ciò non è accaduto. La stessa scuola si sta privando della cultura come valore di pregio. E i giovani, a questo punto, cominciano a dubitare che il lavoro possa essere degno per una loro elevazione culturale e sociale essendo sempre più massificato a logiche opportunistiche di sfruttamento e ad interessi a loro estranei. E questa disaffezione ha oggi un terreno fertile per germinare se non si cambiano radicalmente le regole del gioco. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il trasporto intermodale in Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

conteinerMi interessai per la prima volta del trasporto intermodale in Italia ben 35 anni fa allorchè fu avviata una indagine conoscitiva su iniziativa di alcuni parlamentari della commissione trasporti della Camera. Da allora ad oggi il dibattito è aperto ma con scarsi risultati pratici. Come si sa il trasporto intermodale è costituito da una combinazione di mezzi diversi che in Italia, per la sua conformazione geografica, risultano particolarmente idonei in specie per il trasporto veloce di beni deperibili. Un esempio pratico si fece con gli agrumi siciliani trasportati da Catania a Palermo con camion porta container per poi essere imbarcati su nave con destinazione Genova e da lì su treno destinazione nord Europa. Il tempo complessivo richiesto non superava i 4 giorni riducendo lo scarto del prodotto del 10% contro il 30-35% delle altre soluzioni che prevedevano il viaggio su treno lungo tutta la Penisola. Lo stesso discorso vale per il trasporto dei passeggeri nei percorsi che implicano il viaggio Aereo –treno – nave o autobus. Ma il criterio vale anche per il trasporto urbano (auto –metro – bus) per non parlare di altre soluzioni come il car-sharing (auto condivisa, ovvero un servizio che permette di utilizzare un’automobile prelevandola ad un punto convenuto su prenotazione) o il car pooling (che consente a più persone di viaggiare insieme nella stessa auto per poi dividersi le spese di viaggio e di manutenzione). E’ ovvio che per la mobilità urbano possono entrare nel trasporto anche le biciclette e i ciclomotori elettrici.
Questo tema per il caro carburanti e per i costi afferenti la tenuta di un’auto (assicurazione, tasse di circolazione, manutenzioni ordinarie e straordinarie) è oggi di grande attualità anche perché le amministrazioni comunali, in specie dei grandi comuni italiani, hanno fatto sulle politiche della mobilità un loro cavallo di battaglia. Il problema sta ora nel rendere fattibile e interagibile l’intero sistema che tuttora resta “congelato” in determinate aree per svariate ragioni (mancato sviluppo della rete viaria, ferroviaria, marittima, fluviale e lacuale. Ecco perché nel contesto di una politica del trasporto nazionale occorre rimettere in moto la progettualità già da tempo avviata e inspiegabilmente interrotta e non tanto e non solo per motivi economici. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scoprire e riflettere la verità

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

bocca della veritàGli antichi romani la sapevano lunga allorchè affermavano: “veritas odium parit” (la verità genera odio). Detto ancora più realistico se lo rapportiamo ai fatti odierni. Scoprire e riflettere la verità che sappiamo è dentro e intorno a noi rischia di diventare un “delitto di lesa maestà” per chi l’ammanta di parole mielate, di abili mistificazioni. La menzogna diventa il frutto di una propaganda intesa come strumento di governo della popolazione secondo il ben oliato marchingegno che il popolo vada illuso, blandito, ingannato. Le notizie vanno plasmate, manipolate dalla brutalità della verità, dalla buccia della riflessione, dalla scoperta del suo contenuto. Le notizie non devono inculcare valori e meno che mai dischiudere una forza organizzata, rafforzare le responsabilità, intravedere un cambiamento sociale. Le notizie devono essere Instrumentum regni per farle diventare una forza organizzata dal governo per la sudditanza. E tutto questo affannarsi a paludare il rito della verità di enormi panni menzogneri diventa una forza per legittimare la costruzione del consenso fatto, per lo più, come negazione della realtà, come violenza da esercitare sui valori, sulla dignità e sul rispetto di se stessi. E la nostra cosiddetta civiltà ha anche esaltato un’altra parola: l’ipocrisia per abbeverare i più ingenui alla fonte dei dotti pedagoghi che predicano bene e razzolano male. Così si completa il quadro che fa della verità il peggiore dei mali, il più ricercato dalla giustizia, il male incurabile della nostra umanità, il pericolo pubblico numero uno. Alla fine della verità non vi sarà più traccia se non nei manicomi pieni dei predicatori di verità, e oer diventare alla fine la parola più folle del mondo. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La “memoria” degli italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

travaglioGiorni fa mi ha colpito un passaggio del discorso del giornalista Travaglio tenuto ad “Otto e mezzo” nel rispondere alla conduttrice Lilli Gruber riguardo la possibilità che gli italiani, dopo l’attuale buriana, si ritrovino con la riedizione del personaggio Berlusconi mondato dalla “cattiva fama” di questo governo e con la possibilità di promettere meno tasse e più prosperità per il popolo degli elettori. Non vi è dubbio che in tema di “memoria” i timori di Travaglio mi sembrano validi. Non è la prima volta che mi stupisco come il voto degli italiani abbia mostrato quasi indifferenza nei riguardi dei torti subiti, delle promesse mancate, delle umiliazioni subite. Qui non si è trattato tanto di “memoria lontana”, ma di “breve” anzi “brevissima” e, quindi, ancora più grave e preoccupante. Allora dissi che mi sarei aspettato un vero e proprio crollo di consensi con il Pd, Forza Italia, Lega et similia. Ciò non è accaduto, purtroppo. Un’astensione che mi sarei prefigurata riconvertibile su nuovi modelli di governance politica fondata su altre basi e che avrebbe potuto scaricarsi in un voto o per i partiti minori e più contrari ai protagonisti dell’attuale inciucio o con un movimento che avesse come obiettivo la formazione di una classe politica nuova di zecca. Tutto questo non è avvenuto e mi chiedo, a questo punto, se è solo una questione di memoria. Allora pensai agli italiani “gnoccoloni”. Ora, in alternativa, spero che sia ancora valida l’ipotesi supportata da Grillo con il Movimento cinque stelle per fare in modo che anche gli “gnoccoloni” si rinsaviscono. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anziani: alternativa possibile

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

federanzianiIn alcuni miei libri ho parlato a lungo della questione degli anziani sotto i due più importanti aspetti: la previdenza e l’assistenza. Ho, innanzitutto, posto l’accento sull’evoluzione dell’età che ha fatto registrare un importante cambiamento nella sua condizione. Non molti anni fa, infatti, si entrava nell’età adulta più tardi di oggi così come si consideravano “vecchi” i sessantenni. Si vuole quindi valutare più ampliato lo spettro della vita attiva-lavorativa dai 16 ai 60 di allora ai 15 – 77 di oggi. In pratica siamo passati dai 44 anni agli attuali 62. Ma non finisce qui. Tutto l’arco della nostra esistenza si avvale di due fondamentali variabili dettate una dai passaggi formativi-professionali (scuola, master, specializzazioni, ecc.) e l’altra dallo stato di salute che potrebbe permettere ad esempio ad un ottantenne, e anche oltre, d’avere una “mente attiva” ma in un corpo fragile. Questo allungamento della speranza di vita congiunto ad una migliore qualità dell’esistenza si scontra inevitabilmente con altri due aspetti, cioè quello dell’evoluzione tecnologica e scientifica che, tra l’altro, riduce l’impiego di manodopera nelle imprese e l’aumento esponenziale della popolazione mondiale che oggi ha superato i 7 miliardi di persone. E dentro tali componenti ruota l’inevitabile disparità di natalità tra i paesi cosiddetti avanzati e quelli del terzo mondo notoriamente più poveri, o per meglio dire composti da una maggiore e più diffusa povertà. Ciò provoca un flusso migratorio in cerca di regioni più ospitali. Siffatto insieme di cose ci rende consapevoli della necessità di ricercare un modello di società diverso che nel prendere atto dei mutamenti esistenti e della loro evoluzione, in prospettiva, si faccia carico di trovare una risposta adeguata che contemperi sia il contingente sia la possibilità di mettere mano ai necessari correttivi futuri. Ecco perché se ci limitiamo al caso italiano, con una fascia di una popolazione considerata anziana e che va dai sessanta anni in poi e che si può quantificare in oltre 15 milioni di persone ovvero un quarto della popolazione totale, dobbiamo farci carico di iniziative adeguate ed anche prevederne di originali. Consideriamone alcune estratte da un progetto dei Centri studi della Fidest di qualche anno fa:
– trasformare la previdenza in assicurazione e stabilire contributi che permettessero ogni dieci anni di ottenere una rendita pari al 20% della media dei corrispettivi retributivi percepiti;
– eliminare i limiti di età sia per l’accesso al lavoro sia per lasciarlo pur stabilendo opportuni vincoli soprattutto per evitare il lavoro minorile sostitutivo della scuola;
– consentire la mobilità lavorativa per fasce di età considerando che si possono fare dei lavori ad una certa età ma non in altre. L’esempio tipico è dato dal giocatore di calcio professionista che, intorno a 35 anni, appende gli scarpini al chiodo, ma non per questo si considera un pensionato. Si cerca, semplicemente un altro lavoro;
– in caso di disoccupazione, diciamo di un cinquantenne, e le difficoltà a trovare un altro impiego, le rendite assicurative nel frattempo accumulate (pensiamo a tre cicli da 10 anni e quindi il 60% della sua media retributiva complessiva) possono evitargli un più cocente disagio economico.
– agli “anziani” verrebbe riservata un’altra opportunità che è quella di vivere in una “comunità mista” chiamata dagli ideatori “cittadella del sapere” dove l’esperienza e la conoscenza degli uni si combina con talune prestazioni assistenziali degli altri. E queste condizioni rese operabili nei paesi del terzo mondo permetterebbero, tra l’altro agli autoctoni di acquisire maggiori conoscenze e conseguenti possibilità lavorative in loco o altrove.
Per quanto riguarda l’assistenza il principio guida deve essere quello della “universalità” ma nella prevenzione: meglio prevenire che curare un male avanzato. E per farlo tutta la filiera assistenziale va rivista. Il risultato ci offre un migliore sistema assistenziale e sensibili economie di gestione. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quali riforme in Italia e nel mondo?

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

maternitaNella cultura occidentale di questi ultimi tempi sta facendo capolino sempre di più la convinzione che la civiltà cosiddetta capitalistica stia esaurendo la sua spinta e che è opportuno un nuovo giro di boa. Le ragioni sono tante e non solo, quindi, di natura economica. E’ che stiamo toccando un punto di non ritorno per errori del passato e che fanno sentire forte la loro eredità ai giorni nostri. Pensiamo, ad esempio, alla natalità. Aver toccato e superata la soglia dei sette miliardi di abitanti è un dramma sociale da non sottovalutare. La logica del “crescete e prolificate” si sta ritorcendo contro gli stessi estimatori. Da parte mia, e da anni che lo sostengo, ritengo sbagliato ancorare il diritto alla vita senza impegnarsi a sostenere un altro diritto parimenti importante che è quello del diritto a vivere. Dimentichiamo troppo di frequente che dare la vita non è sufficiente e che abbisogna assicurarne la tenuta. Tutto questo se non vogliamo che decine di milioni di bambini ogni anno nel mondo muoiono di fame, per mancanza di cure e che i sopravvissuti vivano di stenti, di malattie debilitanti o che rabbiosamente si riscattano esercitando la violenza contro i loro simili nella logica fisica che uno spazio occupato da un corpo non può essere preso, contemporaneamente, da un altro. Significa così che chi vive deve industriarsi a far si che dal diritto alla vita si passi automaticamente al diritto a vivere garantendo al nuovo venuto il diritto ad alimentarsi, ad avere assistenza sanitaria adeguata, ad avere un’istruzione confacente, un lavoro e ad essere affrancato dalla povertà nella vecchiaia. Se avessimo percorso questo tragitto virtuoso di certo non saremmo oggi in sette miliardi e forse saremmo in uno o due miliardi, ma in compenso avremmo più risorse, meglio distribuite e minori conflitti tribali e arrampicatori sociali. Forse non avremmo il progresso tecnologico odierno, ma in compenso saremmo più tutelati e sereni. Ma oggi come dobbiamo fare per limitare i danni derivanti da questo eccesso di natalità? La risposta è culturale. Non si deve, infatti, insegnare ad avere figli come un bene assoluto ma ad averli responsabilmente per ciò che possiamo dare ad essi nel loro diritto a vivere. La risposta è religiosa perché la fede non deve ignorare la solidarietà generazionale e a rendersi conto che si può esprimere solo nell’offrire entrambi i diritti e non uno solo. La risposta è economica. La produzione dei beni non è regolata all’infinito perché le risorse naturali e quelle di trasformazione o da laboratorio hanno un limite e sta a noi calibrarle con oculatezza. La risposta è etica. Dobbiamo rispettare l’essere umano e la natura che lo circonda come una parte di un tutto che merita considerazione in ogni sua componente grande o piccola che sia. La risposta è sanitaria. Dobbiamo sconfiggere la convinzione che la sofferenza è inevitabile e non un male da evitare. E che la farmacopea deve curare e non creare dipendenza o effetti collaterali debilitanti. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In Italia ci vuole un “dittatore?” Quando la storia si fa cronaca

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

Il DittatoreScrivevo nel mio libro “Il dittatore”, alcuni anni fa, che questa figura, nell’antica Roma era rappresentata dalla presenza di un magistrato che assumeva la pienezza dei poteri civili e militari. Successivamente, nel risorgimento italiano, tale parola si collegò al capo democratico al quale si attribuivano, sia pure per un breve periodo, tutti i poteri per facilitare il passaggio da un vecchio regime al nuovo fondato sulla libertà, l’indipendenza e l’unità. Dunque nell’accezione da me indicata niente lascia prefigurare un personaggio avvolto dal mito della violenza e della sopraffazione, ma, semmai, un uomo saggio, carismatico e rispettato da tutti che si caricava di un onere pubblico nell’interesse comune. Cercai, subito dopo, d’essere confortato da qualche esempio ricorrendo ai due nomi più vicini al mio tempo: Benito Mussolini e Giulio Andreotti. Entrambi ebbero il sostegno elettorale, ma non si somigliarono di certo dal punto di vista dell’azione politica. Mussolini, infatti, trasbordò nel potere assoluto negando il valore della libertà e della democrazia mentre Andreotti restò nel sistema, lo assecondò e ne subì i rigori. Ciò, non di meno, esercitò un potere quasi autoritario ma con discrezione, praticamente in punta di piedi. Siamo poi passati, in ordine di tempo, a Silvio Berlusconi. Personaggio controverso, catapultato in politica più per necessità, per sostenere le sue aziende, che per convinzione e che in questi giorni ritorna agli onori della cronaca politica ma tenendosi stretto lo stesso “vizietto” di sottofondo. A questo punto possiamo meglio definire l’identikit di tutti e tre. L’ascesa al potere del primo fu favorita dal timore che il virus del comunismo potesse diffondersi in Italia minando gli interessi del mondo industriale vigente. Il secondo doveva fungere da garante per tutelare la tenuta dell’Italia nell’area occidentale dovendo competere con il più forte partito comunista fuori dalla cortina di ferro. Questo spiega la necessità di stabilire rapporti anche con i mafiosi pur di trovare anticomunisti sia convinti sia prezzolati. E Silvio Berlusconi? Anche lui fu avvantaggiato dalle apprensioni di una certa classe sociale timorosa che partiti troppo inclini a sinistra potessero alterare gli equilibri dei potentati nazionali che dovevano, tra l’altro, essere gestiti in famiglia e lontani dagli occhi indiscreti delle luci della ribalta. Tutto ciò ha avuto un prezzo. Lo Stato si è inventato lavori inesistenti e che chiamiamo ammortizzatori sociali e che oggi, questi eccessi compresi i finanziamenti alle imprese a fondo perduto e le ruberie di varia natura, sono fatalmente giunti al pettine con un debito pubblico da capogiro. Ora ci vorrebbe un altro dittatore, ma di tutt’altra pasta, diciamo in chiave risorgimentale, carismatico e fondamentalmente democratico e consapevole che il suo compito è di breve durata e che la sua mission è solo quella di dover traghettare il paese verso le riforme strutturali e per tenere un nuovo rapporto di convivenza civile e al tempo stesso mettendo un freno alle diverse corporazioni e lobby che oggi tiranneggiano il paese e lo paralizzano con i loro veti incrociati. Per un attimo abbiamo pensato a Matteo Renzi ma abbiamo dovuto ricrederci anche se la sua ombra continua ad aleggiare preoccupante sulla scena politica italiana. (Riccardo Alfonso direttore dei centri studi sociali e politici della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Appello al popolo degli astensionisti

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

elezioni1I sondaggi d’opinione rilevano una costante negli umori dell’elettorato italiano che ruota intorno al 40% degli elettori che dichiarano di volersi astenere dall’andare al voto. Le motivazioni sono diverse e ritengo del tutto valide. Ma nello stesso tempo mi rendo conto che salire sull’Aventino come atto di sdegno e di sfiducia per ciò che i politici fanno e promettono con intenti menzogneri, è un atteggiamento suicida. Lo è in quanto non ci si astiene sconfiggendo la politica, ma favorendone i suoi oscuri disegni in quanto astensionisti o no è la politica che continua a fare il suo corso, se non peggio, essendosi privata di quel dissenso che l’avrebbe indebolita se non costretta a cambiare rotta. Non possiamo privarci di una possibilità che la democrazia, sia pure con molti se e ma, ci offre per esprimere i nostri sentimenti, condizionare il nostro dissenso o consenso e per lasciare tutto sommato un segno, un richiamo, un avvertimento, ma in forma attiva. Lo possiamo fare solo partecipando e non estraniandosi poiché votanti o no la politica continua a dominare la nostra vita quotidiana. Si tratta solo di capire come si può imbrigliare il sistema e a condizionarlo con il voto. Pensiamo alla proposta di votare i partiti minori, quelli che si sono mostrati più antisistema e che danno fastidio ai maggiori. Pensiamo alla proposta di chi vorrebbe la nascita del “partito degli astensionisti” (che vanno al voto, ovviamente) con propri candidati, ma con personalità del tutto nuove e con la possibilità di fare piazza pulita dei soliti noti. Non dimentichiamo che se solo i due terzi degli astensionisti andassero al voto e lo facessero in uno dei due modi indicati avremmo un partito del 20%, e forse più se trascinasse nel consenso anche gli indecisi, che avrebbe la forza di rappresentare l’ago della bilancia nel governo del Paese. Perchè dovremmo perdere questa occasione? D’altra parte la scelta delle candidature non dovrebbe essere un problema se ci guardiamo bene intorno e ci rendiamo conto che esistono persone giuste più di quanto non si possa credere e capaci di figurare con più efficacia e autorevolezza gli interessi generali del Paese. Meditate gente, meditate “astensionisti”. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Europa messa alle corde

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

dossier europa parte primadossier europa parte secondaNon stiamo a rivangare il passato, quello remoto per intenderci. Partiamo invece dall’inizio di questo nuovo secolo. Lo facciamo prendendo buona nota dai lanci della Fidest che da allora si sono infittiti sul tema europeo sino a permetterci di raccoglierli in tre volumi e oggi di comparare questi spunti con l’attualità.
La prima riflessione che ci giunge spontanea è l’insoddisfazione di molti europei per una comunità che sembra di più assumere una logica “imperiale” con un potere centrale che accentra e non riesce a comprendere lo spirito dei tempi. Fa poi da corollario un supporto umano nella leadership europea alquanto mediocre che non è in grado di riscattarsi con più centri di comando: Consiglio europeo, Commissione Europea, Parlamento Europeo, proprio perché diventano, in pratica, dispersivi e si trasformano spesso in una tribuna dove dar sfogo alle proprie pretese nazionalistiche e al più realizzando alleanze bipolari: franco-tedesche, paesi dell’Est europeo, ecc.
Una cosa, tuttavia, è certa: l’attuale leadership ci conduce verso un futuro incerto e al rischio concreto di uno sfaldamento dell’intero sistema. E la mediocrità non ci permette d’affrontare il futuro con la necessaria determinazione nel fare scelte coraggiose facendo perdere alcuni tabù legati alla “sovranità nazionale” per renderla collettiva. Pensiamo, ad esempio, alle politiche industriali e monetarie, a quelle del lavoro, fiscali e dei prezzi.
Ma anche la capacità d’avere una politica estera comune che sappia parlare al mondo con una sola voce perché, ad esempio, avremmo fatto volentieri a meno dell’intraprendenza del presidente Macron per la questione libica. Avremmo dovuto costruirla con quella europea con la Mogherini o chi per lei. Che senso, infatti, ha mostrare una pluralità di politiche internazionali se vogliamo essere dossier europa parte terzarappresentativi di una volontà collettiva di taglio europeo? L’Europa, per intenderci, ha perso la consapevolezza che il nostro tempo richiede decisioni immediate e, soprattutto, che i destinatari debbano essere certi d’avere a che fare con una forza unitaria e non spezzettata in più tronconi e persino l’un contro l’altro armata. E in politica estera, in particolare, avremmo molte ragioni per restare uniti e fermi nelle nostre scelte. Pensiamo ai rapporti con la Federazione russa di Putin e al vicino Oriente. La Russia, dopo tutto, al di qua degli Urali, è l’Europa e il Mediterraneo ci offre l’opportunità di tessere buoni rapporti con tutta l’area dei paesi nord africani e asiatici che si affacciano sulle sue sponde. Ci siamo mai chiesti quali politiche autonome e originali siamo stati capaci d’imbastire con questi paesi? Siamo solo riusciti a creare un gran “pasticcio”, per usare una parola educata, con le politiche migratorie. Abbiamo trasformato, in particolare, l’Italia in un grande capo profughi con seicentomila arrivi in due anni, ed ora ci ritroviamo a non sapere come gestirli perché non si tratta solo di rifocillarli ma di trovare loro un lavoro. Non sanno forse i grandi saputelli di Bruxelles che esiste una forte evoluzione tecnologica che tende a ridurre il lavoro degli “umili” e ad esaltare quello delle “intelligenze”? (Riccardo Alfonso direttore dei centri studi sociali e politici della Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Politiche di bilancio

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

europa-261011-cLa sostenibilità dei conti pubblici rappresenta per tutti i paesi dell’area dell’euro un fondamentale denominatore comune. Pervenirvi non ci sembra sufficiente se non partiamo dall’associare questo impegno ad un ordinamento giuridico comune e al rafforzamento delle norme che disciplinano la formazione e l’attuazione delle politiche di bilancio. Abbiamo cercato troppo a lungo la via dell’unione europea ma senza badare alla necessità di contemperare tale aspetto ad una concreta visione che rafforzasse in prospettiva la competitività non di un sistema paese ma di un sistema europeo. Ci siamo avvitati a lungo nelle logiche nazionaliste dove la crescita si accettava alla sola condizione di farla propria e a volte a scapito del vicino. Pensare, invece, ad un mercato di beni e servizi ad ampio respiro europeistico scavalcando, di fatto, l’idea nazione, esulava dal nostro pensiero guida. L’Europa comunitaria oggi più che mai ha bisogno di identificarsi in un mercato unico e con regole comuni. Il discorso vale non solo in campo finanziario ma anche in quello del mercato del lavoro e le variabili che vi ruotano attorno: salari, mobilità, regole, pensioni. D’altra parte che senso ha avere una moneta unica e poi ritrovarsi con costi dei beni primari fortemente differenziati e taroccati da salari che si assottigliano per politiche fiscali sbagliate. Noi, prima di pensare al singolare, dovremmo renderci conto che in un mercato globale non vale il successo di uno ma solo se è cooperativo. Noi possiamo vantare grandi potenzialità ed enormi risorse energetiche se pensiamo all’Europa dagli urali ai Pirenei ed oltre e ci affacciassimo con meno prosopopea e più pragmatismo ai mercati dell’Africa occidentale e del vicino oriente. Per pervenirvi speriamo che possa essere sufficiente un solo passaggio generazionale perché il tempo che ci resta si restringe sempre di più. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La mistica della violenza

Posted by fidest press agency su sabato, 19 agosto 2017

La mistica dell'evoluzioneLa parola ‘mistica’, ha una chiara origine greca nella radice del verbo myein. Indica tutto ciò che è incomprensibile, enigmatico, immediato. Il termine, nella fattispecie, lo adotto e lo associo a quello della “aggressività” che compone una parte dell’essere umano, ovvero di colui che spalma il dono dell’essere con il veleno dell’aggressività. Non è in tutti, per fortuna, ma è in molti, purtroppo.
Ed è un atteggiamento che non trova riscontro con la logica. Si è violenti per immotivate ragioni, per il gusto di procurare il male come se fossimo nella costante di un atteggiamento che va oltre la comprensione. E’ una forza selvaggia, spronata da istinti primordiali, da ottusa volontà. Sull’argomento molto si è discettato. Sono stati messi in campo svariate argomentazioni e scomodato illustri studiosi per dare una spiegazione logica ad un comportamento che se si poteva, in qualche modo, motivare alle origini della vita con i suoi imperativi esistenziali legati alla natura selvaggia dell’ambiente nel quale l’essere primordiale doveva fare i conti, oggi non sembra trovare alibi altrettanto permeanti. Eppure esiste una continuità storica che percorre il filo logico della violenza in tutte le epoche sino ai giorni nostri e certamente intaccherà anche le future generazioni.
la mistica della fedeEcco perché è stata scomodata la “mistica” poiché tocca le corde sensibili di un qualcosa che pare giungere da lontano ma al tempo stesso, nonostante la lunga osservazione, ci sfugge perché non riusciamo a catalogarla secondo schemi logici e nonostante la nostra crescita intellettuale ed esistenziale. In altri termini vi sono uomini e donne che hanno fatto della violenza la loro “mistica”. Ricordo in proposito il recente libro di Stefania Bonura con i tipi di Newton Compton Editori “Le 101 donne più malvagie della storia” e un altro saggio dove si discettava sulla crudeltà che portò al genocidio di interi popoli, dagli indiani d’America, agli indios e che ancora oggi in Africa e altrove, con forme a volte ammantate da motivazioni religiose e in difesa degli autoctoni. Ora con un mio saggio ho inteso ripercorrere questi momenti che umiliano la nostra intelligenza, che ci rendono schiavi di una condizioni che non fa onore alla nostra cultura, alle stesse ragioni che ci rendono credenti in valori trascendentali, e vi cerco una spiegazione. Di certo non sarà per i critici severi una spiegazione supportata dal rigore scientifico tout court, ma, a mio avviso, resta l’unica più plausibile o se vogliamo un buon punto di partenza per una ricerca più approfondita e tecnicamente validata. Sarà mia cura sintetizzare questo lavoro nei miei prossimi articoli ed avere, almeno lo spero, da parte di chi avrà la bontà di leggermi, dei preziosi pareri e possibili contributi e anche giudizi critici e aperti dissensi. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »