Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Archive for 2 agosto 2017

Roma: Oggi è stato nominato il nuovo Cda a tre di Atac

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

meleoE’ composto dal presidente e Ad Paolo Simioni, Cristiano Ceresatto e Angela Sansonetti. “Questa governance ha il compito di risanare l’azienda, di rilanciarla, di mantenerla pubblica, di tutelare tutte le persone che ci lavorano. Noi andiamo avanti, perché Atac deve restare ai romani”. Lo dichiara l’Assessora alla Città in Movimento di Roma Capitale, Linda Meleo. “Sappiamo che è un percorso difficile, ma ne eravamo a conoscenza già dai primi giorni del nostro mandato. Questo cambiamento significa solo che non siamo disposti ad arretrare di un solo passo. L’operazione di risanamento richiede tempo e interventi specifici e la nuova governance di Atac è stata composta pensando proprio alle esigenze della municipalizzata”. “Nella squadra oltre al presidente e Ad Paolo Simioni, anche Cristiano Ceresatto e Angela Sansonetti, a cui vanno i miei migliori auguri. E’ bene sottolineare che il loro compito è quanto mai determinate e centrale soprattutto in un momento così delicato per l’azienda. La municipalizzata ha bisogno di figure di alto livello professionale, competenti a livello gestione aziendale e sul tema trasporti. Siamo certi che la nostra scelta e la configurazione del Cda a tre risponda proprio alle esigenze e necessità di Atac”, spiega Meleo.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pneumonia or sepsis in adults associated with increased risk of cardiovascular disease

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

Sophia Antipolis. Pneumonia or sepsis in adults that results in hospital admission is associated with a six-fold increased risk of cardiovascular disease in the first year, according to research published today in the EuropeanSophia Antipolis Journal of Preventive Cardiology.1 Cardiovascular risk was more than doubled in years two and three after the infection and persisted for at least five years.“Severe infections in adulthood are associated with a contemporaneously raised risk of cardiovascular disease,” said last author Professor Scott Montgomery, director of the clinical epidemiology group, Örebro University, Sweden. “Whether this raised risk persists for several years after infection is less well established.”This study examined if hospital admission for sepsis or pneumonia is associated with an increased risk of cardiovascular disease in the years following infection, and whether there is a period of particularly heightened risk.The study included 236 739 men born between 1952 and 1956 who underwent extensive physical and psychological examinations at around age 18 years as part of compulsory military conscription assessments. The researchers obtained infection and cardiovascular disease diagnoses from a register that has recorded information on patients admitted to hospital since 1964. The men were followed from late adolescence into middle age (follow-up was completed in 2010).During the follow-up period, a total of 46 754 men (19.7%) had a first diagnosis of cardiovascular disease. There were 9 987 hospital admissions for pneumonia or sepsis among 8 534 men who received these diagnoses.The researchers found that infection was associated with a 6.33-fold raised risk of cardiovascular disease during the first year after the infection. In the second and third years following an infection, cardiovascular disease risk remained raised by 2.47 and 2.12 times. Risk decreased with time but was still raised for at least five years after the infection by nearly two–fold (hazard ratio 1.87).Similar findings were observed for coronary heart disease, stroke, and fatal cardiovascular disease. The persistently raised risk could not be explained by subsequent severe infections.“Our results indicate that the risk of cardiovascular disease, including coronary heart disease and stroke, was increased after hospital admission for sepsis or pneumonia,” said lead author Dr Cecilia Bergh, an affiliated researcher at Örebro University. “The risk remained notably raised for three years after infection and was still nearly two-fold after five years.”When the researchers examined the relationship between other risk factors such as high blood pressure, overweight, obesity, poorer physical fitness, and household crowding in childhood, they found that infection was associated with the highest magnitude of cardiovascular disease risk in the first three years post-infection.Professor Montgomery said: “Conventional cardiovascular risk factors are still important but infection may be the primary source of risk for a limited time.”The authors said the results point to a causal relationship, since cardiovascular disease risk is very high immediately after infection and reduces with time. Persistent systemic inflammation after a severe infection may play a role, as inflammation is a risk for cardiovascular disease. Most patients with sepsis or pneumonia recover but many still have high circulating inflammatory markers after the acute phase of the infection.
Professor Montgomery said: “Our findings provide another reason to protect against infection and suggest that there is a post-infection window of increased cardiovascular disease risk. We did not study any interventions that could be initiated during this period, but preventative therapies such as statins could be investigated.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aung San Suu Kyi gathers Myanmar religious leaders

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

Aung San SuuYANGON, Myanmar — Every year for decades, Nobel Peace Prize Laureate Daw Aung San Suu Kyi has held a memorial service in honor of nine politicians, including her father, who were assassinated six months before Myanmar gained independence from Britain. This year’s service on 19 July marked the seventieth anniversary of General Aung San’s death. Originally initiated by Ms. Aung San Suu Kyi and her mother, the annual memorial service has become an important space for uniting diverse groups in prayer and peace over many years.In the majority Buddhist Myanmar, Ms. Aung San Suu Kyi this year sought to specifically bring together minority religious groups, including Baha’i, Christian, Hindu, Jewish, and Muslim religious leaders. During the commemoration, she spoke warmly of the Baha’i community and its teachings on unity.Ms. Aung San Suu Kyi has long been known for her commitment to promoting peace and was awarded the Nobel Peace Prize in 1991 in recognition of her leading a non-violent struggle for democracy and human rights. This came against the backdrop of civil and ethnic conflict that had plagued the country since the mid-1900s, when it gained independence after more than a century of colonization. Over the past several years, Myanmar has been in a period of marked transition, gradually opening up to the world.”Aung San Suu Kyi realizes the role of religious leaders is very important for nation building and peace so she organized such a gathering,” said Auxiliary Bishop John Saw Yaw Han who attended the event, as reported by ucanews.com.Another participant U Saung Lwin Aung, a Muslim leader from Yangon, told UCA News, “The gathering of all religious leaders is very important as hate speech is growing in the country, so we must join hand in hand to fight it through love speech.””As the unity of the human race and the need to eliminate all forms of prejudice and establish peace are among the foremost principles of Baha’u’llah’s teachings, the quest for peace in Myanmar is very dear to the hearts of the Baha’is here,” said U Myint Zaw Oo, a representative from the Baha’i community reflecting after the meeting on the significance of bringing together the diverse religious leaders on that momentous occasion.The Baha’i community in Myanmar is one of the oldest in the world, dating back to the time of Baha’u’llah when, in 1878, two believers introduced the Baha’i Teachings to the people of Myanmar (referred to as Burma at the time). From that point onward, the nascent community grew quickly and became well established in the country. (photo: Aung San Suu)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The ninth edition of the Julio Castelo Matrán International Insurance Award

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

madridMadrid. Fundación MAPFRE is opening its call for entries for the ninth edition of the Julio Castelo Matrán International Insurance Award. The winner of the biannual award will receive a cash prize of €30,000. The award will be made in recognition of scientific research work or innovation projects of significant importance on matters related to insurance and social protection.This award is open to individuals or institutions that have conducted scientific research work or developed or innovation projects of significant importance, whose results have led to the expansion of insurance activity in society, and contributed to economic stability through insurance and/or social protection.Applications and supporting documentation can be submitted in English, Spanish or Portuguese, up to March 2018, in line with the terms and conditions of the awards, which are available at http://www.fundacionmapfre.org. This award pays tribute to Julio Castelo Matrán, former Chairman and CEO of MAPFRE, one of the driving forces behind the growth and development of the company.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Stangata per gli italiani in vacanza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

vacanzeSecondo i dati provvisori di luglio resi noti oggi dall’Istat, l’inflazione registra un aumento dell’1,1% su base annua, dall’1,2 di giugno. “Bene il rallentamento dell’inflazione. Ma per gli italiani in vacanza si è registrata una vera e propria stangata. Chi è andato in ferie, infatti, ha subito aumenti inaccettabili, una speculazione bella e buona. Non è tollerabile che in un solo mese, da giugno a luglio, ci siano stati rialzi del 12,5% per il Trasporto aereo passeggeri, del 13,2% per il Trasporto marittimo, del 21,6% per i Villaggi vacanza e campeggi e del 15,1% per i Pacchetti vacanza nazionali (+15,1%)” ha dichiarato Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Solo il trasporto ferroviario è rimasto stabile, mentre gli Alberghi sono calati, anche se su base annua registrano un incremento ragguardevole, del 5,1 per cento” conclude Dona.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tecnica della Puntasecca

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

tecnica incisioneCervia. Dal 3 al 31 agosto ogni giovedì nell’orario di apertura ( ore 20.30-23.30) MUSA il museo del sale di Cervia ospita Claudio Irmi e Giampiero Maldini, artisti del territorio specializzati nella tecnica della Puntasecca che proporranno dimostrazioni dell’uso del torchio calcografico. Si potrà vedere come nasce un’opera incisa su lastra metallica e come viene poi stampa sulla carta
Gli artisti utilizzano come matrici prevalentemente lastra di rame o di zinco dello spessore di un millimetro circa oppure altre leghe “morbide” che cedono facilmente al passaggio della punta.
Essendo il rame metallo elettivo, la punta che incide, per quanto affilata, non supera agevolmente l’attrito opposto dalla forma. La maggiore o minore pressione esercitata dall’incisione sullo strumento, determina la variazione di profondità, e quindi d’intensità della traccia. Essa presenta, lungo i margini, le “barbe” costituite dal ripiegarsi del metallo aperto dall’intaglio e rovesciato ai lati come la terra dal vomere. Il segno è fresco, immediato, arricchito dalla pastosità creata dalle “barbe” impregnate d’inchiostro e si differenzia nettamente dal segno del bulino che elide il metallo con perfetta continuità e regolarità. Le origini dell’incisione calcografica sono incerte,sembra essere nata in Germania verso il 1430, quando si può supporre fosse conosciuto l’uso del torchio a cilindri in sostituzione del torchio verticale fino allora usato per la xilografia. Per questa tecnica si fa solitamente riferimento alla più conosciuta acquaforte che si sviluppò all’inizio del 1500 come sistema rapido di incisione in sostituzione del bulino. Si suppone che il primo ad utilizzarla in Italia sia stato Francesco Mazzola detto il Parmigianino (1503/4-1540) mentre successivamente grazie a Callot (1592/3-1635) e Rembrandt (1606-1669) divenne un’importante forma d’arte.
Sostanzialmente la calcografia si differenzia in base ai sistemi utilizzati per la preparazione della lastra. Nel bulino (la tecnica più antica) l’incisione si ottiene attraverso l’asportazione meccanica di materiale dalla superficie della lastra. Nella puntasecca l’incisione è ottenuta tramite la pressione di una punta, solitamente conica, deformando meccanicamente la superficie metallica. Nell’acquaforte e nell’acquatinta il tratto inciso si ottiene con un’asportazione chimica di materiale dalla superficie della matrice. (foto: tecnica incisione)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ora il curriculum si manda via whatsapp

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

velvetSe la vostra più grande aspirazione è lavorare nel settore del marketing, allora questa opportunità fa per voi. La società Velvet Media di Castelfranco Veneto, nel Trevigiano, specializzata in social media management, sta cercando una risorsa da inserire nella sua squadra: al candidato più valido spetta un posto a tempo indeterminato come social media manager. L’idea rivoluzionaria però è che, vista l’importanza del ruolo, il periodo di formazione sarà piuttosto sui generis: due settimane fianco a fianco col founder, finalizzate all’assunzione. L’esperienza formativa, battezzata “Una poltrona per due”, rappresenta un’importante occasione per apprendere i segreti del mondo del marketing a diretto contatto con il titolare, comprendere le modalità per poter gestire al meglio grandi brand e sapersi integrare in una squadra di professionisti altamente qualificati, condividendo preziosi momenti immersi nell’eclettico mood di Velvet.“Cerco una nuova figura da integrare nel reparto gestione social media – spiega Bakdounes – voglio sia il futuro eroe dei social, un futuro manager di Velvet, per questo ci tengo a formarlo direttamente, non solo a livello tecnico ma anche e soprattutto trasmettendo lo spirito ed il modus operandi tipico di Velvet. Cerco candidati con una grande passione per il marketing e il mondo del web, curiosi e tenaci, pronti a cogliere l’opportunità di crescere professionalmente, anche nel periodo in cui gli altri pensano alle ferie”. Assolutamente innovativa la modalità con cui avverrà la selezione: oltre al tradizionale invio via mail del proprio curriculum vitae, corsia preferenziale sarà data alle candidature che scriveranno direttamente su whatsapp al numero aziendale (+39) 392 9249288 ed invieranno un breve video di presentazione di meno di un minuto.
Velvet Media in Pillole. Società di comunicazione e marketing, nasce nel 2011 a Cittadella, nel Padovano. Inizialmente specializzata nella scontistica e nel couponing, raccoglie le istanze e le proposte di oltre tremila società. Nel 2013 apre a Galliera Veneta, sempre nel Padovano, una esperienza editoriale che la porta a pubblicare il magazine “Storie di Eccellenza”, distribuito in decine di migliaia di copie in tutto il Nord Italia. Dal 2015 il trasferimento nella sede più ampia di Castelfranco Veneto, nel Trevigiano, e la decisione di orientare il business nella gestione dei social aziendali, garantendo un servizio di marketing totalmente in outsourcing: dalle foto ai testi, dai video alla gestione dei siti internet. Nel 2016 l’apertura della sede staccata a Denver, negli Stati Uniti, e la specializzazione nella lead generation: produrre clienti reali filtrando dati raccolti nel web. Nel corso del 2016 Velvet ha gestito l’immagine social di circa seicento aziende, creando post che sono stati visti in tutto oltre trenta milioni di volte grazie all’impegno di settanta persone tra dipendenti fissi e collaboratori. Amministratore delegato e founder della società è Bassel Bakdounes. (foto: velvet)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alla scoperta del patrimonio calabrese: musei e parchi archeologici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

Capo ColonnaGregorio AversaCapo Colonna (Crotone) 1/22 agosto 2017. Al Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone), diretto da Gregorio Aversa, si terrà il ciclo di incontri Alla scoperta del patrimonio calabrese: musei e parchi archeologici. L’iniziativa nasce dalla volontà di presentare e valorizzare alcuni tra i vari presidi archeologici della Calabria che conservano resti di grande valore forse non ancora abbastanza conosciuti. Parteciperanno a questa importante proposta mirata alla conoscenza e alla promozione dei tanti tesori che contraddistinguono la nostra Regione alcuni esperti del settore. Questi gli incontri previsti:
1 agosto 2017 – Ore: 18.30 Incontro con Adele Bonofiglio, direttore del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, del Museo Archeologico Nazionale di Amendolara e del Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”di Vibo Valentia.
Angela Acordon8 agosto 2017- Ore 18.30 Incontro con Maria Cerzoso, direttore del museo dei Brettii e degli Enotri di Cosenza.
18 agosto 2017- Ore 18.30 Incontro con Fabrizio Mollo, curatore scientifico e allestimento del museo di Blanda di Tortora e curatore allestimento del museo dei Brettii e del Mare di Cetraro.
22 agosto 2017 – Ore 18.30Incontro con Rossella Agostino, direttore del Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri, del Museo Archeologico e Parco Archeologico dell’antica Kaulon, del Museo e Parco Archeologico “Archeoderi” di Bova Marina e del Museo Archeologico di Metauros di Gioia Tauro.
In coincidenza con gli incontri il museo di Capo Colonna rimarrà aperto al pubblico fino alle ore 23.00. L’iniziativa è realizzata dal Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna in collaborazione con il comune di Crotone. Il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon. (foto: capo colonna, Gregorio Aversa, Angela Acordon)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Per fare la legge elettorale manca solo il PD

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

elezioni“Siamo d’accordo con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: una legge elettorale serve, serve che la faccia il Parlamento, e serve che la si faccia presto e bene con il consenso di tutti i maggiori gruppi parlamentari, di tutti i partiti”.Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio.“Un modello c’è, è quello tedesco, si riparta da questo e si veda se a settembre c’è il consenso più ampio possibile.Io sono ottimista, il centrodestra sta lavorando per avere una sua proposta a partire dal modello tedesco, spero che anche il centrosinistra abbia un’attitudine simile e non sia diviso. Il Movimento 5 stelle aveva già dato l’ok al modello tedesco, quindi da questo punto di vista sono ottimista, purché si lavori presto e bene, con lealtà senza giochi e giochetti da parte di nessuno”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Frodi Creditizie e Furti d’Identità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

euro-areaLo studio ha messo in evidenza che nell’intero anno 2016 i casi di frode creditizia o emissione di cambiali e assegni a nome altrui perpetrati mediante furto di identità siano stati più di 26.100 con una perdita economica che supera i 152 milioni di Euro. Questo dato risulta in ulteriore crescita a fronte dei circa 25.300 casi rilevati nel corso dell’anno precedente, a conferma di un fenomeno in costante espansione.In particolare, la distribuzione delle frodi per sesso evidenzia che la maggioranza delle vittime sono uomini (nel 64,3% dei casi per la precisione) mentre l’incidenza delle donne risulta in leggera diminuzione (-0,5%) rispetto alla precedente rilevazione. La fascia di età nella quale si rileva il maggior incremento è quella degli under 30 (+11,3%) a dimostrazione che, rispetto a quanto si potrebbe pensare, i giovani spesso si caratterizzano per abitudini poco prudenti.Inoltre, anche nell’anno 2016 il prestito finalizzato continua ad essere di gran lunga la tipologia di prodotto di credito maggiormente colpito: il 64,3% dei casi, infatti, riguarda questa forma tecnica, seppure si registri un notevole calo rispetto all’anno precedente (-13,48%). Nell’ambito dei prestiti finalizzati, il 39,8% dei casi di frode creditizia rilevati nel corso dell’ultimo anno ha avuto per oggetto l’acquisto di elettrodomestici; una quota rilevante riguarda anche i comparti auto-moto (12,1%), le spese per la casa immobili e ristrutturazione (10,4%) e l’arredamento (8,9%) e gli articoli di elettronica, informatica e telefonia (6,2%).Infine, relativamente alla distribuzione delle frodi per importo, dallo studio CRIF emerge che nel 2016 il 20,9% dei casi ha riguardato un valore inferiore ai 1.500 Euro (con un peso di questa classe in calo del -36,3% rispetto all’anno precedente) ma il 13,5% dei casi ha visto un importo superiore ai 10.000 Euro.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Insufficienza epatica acuta nei bambini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

ospedale-bergamo-papaBergamo. Quasi la totalità dei bambini con insufficienza epatica acuta curati all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo sopravvive, sia che vengano sottoposti a trapianto di fegato sia che vengano trattati con approcci non chirurgici. Sono il 93% del totale e questa è la percentuale più alta nota in letteratura. Lo dimostra uno studio retrospettivo condotto sui 55 casi seguiti a Bergamo dal 1996 al 2012 e pubblicato sul numero di giugno della rivista Digestive and Liver Disease. A firmare l’articolo i rappresentanti di molte delle specialità coinvolte nella cura di una patologia grave, che insorge improvvisamente e con gravi rischi per la sopravvivenza dei pazienti: i pediatri Angelo Di Giorgio e Lorenzo D’Antiga, direttore dell’Unità, il direttore del Dipartimento di Chirurgia Michele Colledan, il patologo Aurelio Sonzogni, il responsabile della Terapia intensiva pediatrica Ezio Bonanomi, il medico del Laboratorio analisi Maria Grazia Alessio e il medico della Direzione medica di presidio Antonio Piccichè, esperto di statistica sanitaria. I pazienti, con un’età media di 2 anni e mezzo e un range che spazia dai pochi giorni di vita ai 10 anni, sono stati divisi in due gruppi: il primo ha considerato i 27 bambini per cui non è stato necessario ricorrere al trapianto e il secondo i restanti 28 bambini che invece hanno ricevuto un fegato, o parte di esso, da un donatore. Nella maggioranza dei casi (26) la causa di insufficienza epatica è rimasta sconosciuta, mentre tra le cause riconosciute ci sono state epatiti autoimmuni (10), disturbi metabolici (9), overdose di paracetamolo (6), intossicazione da funghi (3) e infezioni (1).Le percentuali di sopravvivenza sono stati simili: 92,5% nel primo gruppo e 92,8% nel secondo, con un tasso di sopravvivenza complessivo a 4 anni del 93%, una percentuale superiore a quella riportata in studi precedenti e in altri ospedali nel mondo. Tra gli indicatori più significativi per la prognosi sono stati individuati la quantità di bilirubina nel sangue e il livello di gravità di una eventuale encefalopatia epatica, che si manifesta con confusione mentale, alterato livello di coscienza e anche coma, come conseguenza dell’accumulo nel sangue di sostanze tossiche che normalmente vengono rimosse dal fegato.“Il nostro studio dimostra che i bambini con insufficienza epatica acuta possono essere gestiti con successo sia con un trattamento medico che ricorrendo, quando necessario, al trapianto – ha spiegato Lorenzo D’Antiga, direttore della Pediatria del Papa Giovanni XXIII -. Il tasso di sopravvivenza che abbiamo registrato è molto più alto rispetto a tutti gli studi precedenti. Questo, secondo la nostra analisi, è da ricondurre sia al miglioramento generale delle conoscenze e dei trattamenti offerti a bambini con un fegato malato registrati negli ultimi anni, sia all’efficienza dell’organizzazione della reta donazione-trapianto esistente in Italia, senza tralasciare una caratteristica peculiare dell’Ospedale di Bergamo: il ricorso intensivo allo split liver, cioè l’utilizzo di una sola parte di fegato invece che il fegato intero nei trapianti pediatrici”.“A Bergamo di fatto una lista d’attesa per i trapianti di fegato pediatrico non esiste. Questo perché la possibilità di ricavare due porzioni di fegato partendo da un solo organo di un donatore adulto, molto più frequente di uno pediatrico, ha raddoppiato la disponibilità degli organi – prosegue Michele Colledan -. Questo studio lo dimostra: nel nostro centro la mortalità in lista d’attesa, anche in casi di emergenza-urgenza, è un fenomeno molto raro ed è da considerare un’eccezione. Anche a distanza di anni dal trapianto per insufficienza epatica acuta, il tasso di sopravvivenza è del tutto sovrapponibile a quello dei bambini trapiantati a causa di condizioni croniche”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Legge sui vaccini e decreti attuativi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

vaccini“La definitiva conversione in legge del decreto sui vaccini obbligatori ha chiuso un aspro dibattito politico e consegnato al Paese l’auspicato strumento per una maggiore tutela della salute dei bambini e degli adolescenti. Adesso però inizia la fase applicativa che deve rendere esecutive le norme della legge con il minor disagio possibile per i giovani pazienti e la massima efficacia di risultato per la salute del singolo e la salvaguardia della comunità”. E’ questo l’auspicio della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP). “Come abbiamo più volte affermato durante il dibattito parlamentare il Pediatra di libera scelta, nell’ambito del suo rapporto fiduciario con il proprio assistito e le famiglie, si rende disponibile a sostenere questo importante impegno – afferma il dott. Giampietro Chiamenti Presidente Nazionale FIMP -. Tutte le ricerche dimostrano che il pediatra e il medico di famiglia sono le figure professionali sanitarie nelle quali l’assistito ripone la maggiore fiducia. Questo rapporto privilegiato che abbiamo con la popolazione ci deve imporre un ruolo attivo anche nella esecuzione delle vaccinazioni. Quest’azione se svolta nei nostri studi può aumentare notevolmente l’adesione ai vaccini da parte dei cittadini cosiddetti “esitanti”. “Per questo la FIMP ritiene che, in attesa della applicazione della nuova legge, sia necessario definire quanto prima il ruolo e le funzioni delle Cure primarie nel contesto di un sistema di rete fra Servizi vaccinali e medici curanti – prosegue Chiamenti -. In questo ambito e nel rispetto delle specificità locali vanno individuate le soluzioni organizzative più efficaci per facilitare le incombenze innanzitutto delle famiglie e poi delle istituzioni scolastiche e sanitarie. Per quanto riguarda i compiti e le funzioni degli operatori del sistema sanitario siamo in attesa del decreto attuativo della legge che a breve dovrebbe essere emanato dal Ministero della Salute”. “In questa circostanza giunge opportuna la revisione dell’“Atto di Indirizzo” per il rinnovo delle convenzioni della medicina territoriale approvato lo scorso 27 luglio dal Comitato di settore della Conferenza delle Regioni – sottolinea Chiamenti -. Il provvedimento potrà permettere di riavviare la trattativa per il rinnovo della ACN, ed è un presupposto necessario per una nuova programmazione di compiti e funzioni che i pediatri e i medici convenzionati andranno ad assumere ai vari livelli. In tale contesto, e per quanto riguarda gli obiettivi di salute che il servizio sanitario nazionale si propone, confidiamo sulla possibilità che tramite accordi regionali ed aziendali si possa trovare la soluzione più adatta alle specificità locali per un rinnovamento dell’offerta vaccinale con il coinvolgimento attivo della pediatria di famiglia nel rispetto di una efficace integrazione a vantaggio dei cittadini utenti e degli obiettivi da raggiungere”. “Il Servizio Sanitario sta attraversando un momento caratterizzato da un acceso dibattito a vari livelli e da un attivismo legislativo da cui conseguentemente dovrà derivare un nuovo approccio organizzativo del sistema delle cure e della prevenzione con l’adozione di nuovi modelli, più moderni e funzionali – conclude il presidente FIMP -. La Legge sui Livelli Essenziali di Assistenza, l’obbligo vaccinale e la riapertura della stagione dei rinnovi contrattuali sono un’occasione da non perdere per affrontare e risolvere in modo positivo i cambiamenti che l’attuale contesto sanitario e legislativo ci pone come opportunità da realizzare. La FIMP è pronta ad affrontare questa complessità mettendo in campo proposte e possibili soluzioni, ma ribadisce nel contempo la necessità di una valorizzazione del proprio impegno dimostrato negli anni per costruire un modello che nei fatti ha prodotto e produce salute nei confronti dell’infanzia e dell’adolescenza a cui le Istituzioni non si possono sottrarre”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italia: emergenza idrica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

VincenziPermane la “grande sete” su ampie zone del Paese, soprattutto al Nord, dove anche il lago Maggiore è sceso sotto la media stagionale, mentre gli altri grandi bacini stanno rapidamente avvicinandosi ai minimi storici. In Emilia Romagna, il Consorzio di bonifica Emilia Centrale ha dovuto sospendere, per la prima volta in 70 anni, la derivazione irrigua dal torrente Enza, in località Cerezzola, per garantire il minimo deflusso vitale in una situazione di portata estremamente ridotta in alveo.“Per capire la gravità della situazione, basta un dato: mediamente, alla vigilia del grande caldo, i bacini dell’Emilia Romagna contenevano complessivamente 16 milioni di metri cubi d’acqua; quest’anno erano poco più di 2… e non siamo ancora a metà della stagione irrigua!”: il commento è di Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), nonché imprenditore agricolo modenese.Anche sulla pianura bolognese del Consorzio di bonifica Renana la pioggia è diminuita mediamente del 30%. Qui, come nelle altre parti d’Italia, è la professionalità e l’esperienza degli operatori consorziali, organizzati anche su turni di 24 ore, a garantire gli apporti idrici possibili per limitare i danni all’agricoltura.Un esempio di assoluto rilievo arriva dalla Toscana, dove la necessaria sospensione delle derivazioni irrigue a causa del basso livello idrico del lago di Massaciuccoli (la prosecuzione dei prelievi avrebbe provocato danni legati sia alla carenza d’acqua che alla probabile ingressione di acqua salata dal mare) avrebbe compromesso oltre 500 ettari di culture (mais, ortaggi…), comportando anche problemi ambientali, legati all’insufficiente ricambio delle acque. Il Consorzio di bonifica 1 Toscana Nord ha immediatamente proposto un’ipotesi alternativa: immettere nella rete irrigua acqua fresca, derivante non più dal lago, ma dal fiume Serchio mediante la riattivazione di un impianto idrovoro, dismesso in comune di Vecchiano. Grazie alla rapida convocazione del tavolo sull’emergenza idrica del lago Massaciuccoli (conosciuto nel mondo come “il lago di Puccini”), da parte della Regione Toscana, è stato possibile in pochi giorni esaminare e condividere la proposta, dando una risposta rapida ed efficace alle esigenze del mondo agricolo e del territorio: l’ente consortile, infatti, provvederà, oltre che alla riattivazione dell’impianto e quindi all’acqua per l’agricoltura, anche al monitoraggio della salinità delle acque lacustri.“E’ questa la capacità operativa e progettuale, la sussidiarietà legata alla vicinanza al territorio di cui andiamo orgogliosi – commenta Massimo Gargano, Direttore Generale ANBI – Va anche sottolineata, l’efficacia del metodo concertativo da noi sostenuto e che ha visto tutti gli enti coinvolti impegnarsi per trovare soluzioni, in pochi giorni, ad una delle situazioni di crisi idrica, più gravi degli ultimi decenni in Toscana. Senza il contributo di tutti non sarebbe stato possibile.”

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come creare una start up di successo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

sotto l'ombrelloneLignano Sabbiadoro (UD) 2 agosto 2017 ore 18,30 al Beach Aurora sul Lungomare Alberto Kechler – località Lignano Pineta primo incontro di Economia sotto l’Ombrellone dal titolo “Come creare una start up di successo”. L’incontro, è moderato dal giornalista Carlo Tomaso Parmegiani ed è ad ingresso libero. Al termine, è previsto un aperitivo offerto dall’azienda agricola Renato Keber. E’ organizzata da EoIpso comunicazione ed eventi e propone quattro incontri su temi d’attualità economica in un contesto informale.
Indicate spesso come la strada per lo sviluppo, le start up necessitano non solamente di un’idea innovativa, ma soprattutto di un progetto. Nel primo semestre di quest’anno, risultavano iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese quasi 7.400 start up innovative: sette su dieci operanti nella fornitura di servizi alle imprese (prevalentemente produzione software e consulenza informatica), il 19,6% nei settori dell’industria in senso stretto, mentre il 4% nel commercio. Ma non tutte le star up sono destinate a sbocciare: tra incubatori, think tank e laboratori, in tanti ci provano; pochi riescono a trasformare un’intuizione in un vero e proprio business capace di generare occupazione e ricchezza. È stata la CGIA di Mestre a rivelare un’eccessiva fragilità delle imprese fondate da giovani: nei primi 5 anni di vita più della metà getta la spugna.
Nell’incontro del 2 agosto, Economia sotto l’Ombrellone mette sul piatto due case history e una bussola. I casi presentati sono quelli di Ermetris, giovane società di Gorizia che opera nel settore ferroviario, e LaborCro, studio che non ha ancora spento la prima candelina ma che è nato dopo un settennato di analisi e valutazioni e che offre un servizio di consulenza legale per professionisti e imprese. La bussola è rappresentata dallo studio GLP che invece di anni alle spalle ne ha 50 e che in mezzo secolo è diventato un punto di riferimento nel settore della tutela della proprietà intellettuale, assumendo anche il ruolo di motore di innovazione. Testimonianze significative che sono espressione di una regione, il Friuli Venezia Giulia, che è terza in Italia (dopo Trentino Alto Adige e Marche) per incidenza di start up innovative in rapporto al totale delle società di capitali.
All’incontro “Come creare una start up di successo” sono previsti gli interventi di Claudio Borrello fondatore e amministratore delegati di Ermetris, del fondatore di LaborCro Dino Lazzarini e di Davide Petraz managing partner GLP.(foto. sotto l’ombrellone)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Interior Design App Planner 5D Offers More Building Options than Minecraft and Integrates VR

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

Interior DesignPlanner 5D, which has already helped more than 18 million homeowners, architects and renovators to design their new home, office, or restaurant, is now attracting also those who love games – or those who want to use games in order to design their homes. Users of Planner 5D can visualize and adjust various colors, materials and décor details, see designs in 2D and 3D, create renders, and share them with friends or on social media.
So those who love designing, and feel that Minecraft is not enough, now have an even better tool that offers more options to choose shapes, textures and colors of furniture, walls, and interior design details.For example, Minecraft allows to build in blocks and cubes only, and Planner 5D gives offers various options: a user starts within a block, which is actually a room, and can use their fantasy and integrate whichever shapes they want.A feature called magic cube allows to change the size of an object and morph it into other shapes – and not necessarily buildings.In addition, Planner 5D is already using or working on enhanced reality features that make interior design even more exciting. These features are:
1. Virtual Reality (VR). Virtual reality option, currently available on Android, gives an opportunity to see how the designed house will actually look. After downloading the app and creating a project, users put on VR goggles, turn virtual reality mode on and can “step into” their new house. Virtual reality allows people to really feel what their dream home would look like.
2. AI (Artificial Intelligence). When it comes to interior design, in the near future virtual reality will be closely connected with AI to create life-like user experiences. With the help of AI, users’ wishes will be guessed before they even think about a solution, and reflected through virtual reality goggles. Machine learning algorithm will travel through someone’s projects looking for patterns. For example, some people tend to lean towards lighter wall colors and Italian-style furniture. So when a person chooses their wall color, the system will suggest furniture that they might like – and everything will be shown in real-life virtual reality technology.
3. AR (Augmented Reality). Planner 5D’s AR app, coming in the fall, will automatically recognize walls, furniture and house design model created with the app by using image recognition technology. The AR app would also create a 3D model of the house from a simple photo. A user would only need to snap a photo with their smartphone, which would be sent directly to a server, resulting in a 3D model of the house. The 3D project would be easy to edit and would allow to rearrange furniture, change textures, virtually add new furniture or to delete old furniture and exchange it with new options. AR technology, which will eventually move from smart devices into AR glasses, will change the way we view interior design, making it accessible to anyone.
Planner 5D is already being used in classrooms to help kids learn STEM subjects, such as math skills and interior design, through interactive experiences and games. Gamification is becoming one of the major trends in education this year, and will continue to attract bigger amounts of people who want to build, learn or design – the fun way. To learn more, please visit Planner 5D’s website.
Originally a startup company founded by Alexey Sheremetyev and Sergey Nosyrev, Planner 5D has a community of over 18 million users with more than 100,000 users daily. It’s a free cross-platform application which supports in-app purchases. It can be used on a browser, Android and iOS. The app offers customization of furniture with the ability to change textures, colors and size, a VR tool and creative suggestions for home design. (photo: Interior Design)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ingenico estende l’accettazione dei pagamenti Alipay alle banche e agli Acquirer europei

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

ingenico-alipayIngenico Group leader mondiale nelle soluzioni di pagamento elettronico, ha siglato un accordo con Alipay, la più grande piattaforma al mondo di pagamento on-line e off-line appartenente al gruppo Ant Financial Services, per consentire ai turisti cinesi di pagare con il proprio wallet e con la massima sicurezza anche presso i negozi europei.A completamento dell’accordo già in essere dal 2016 relativo ai pagamenti on-line, Ingenico ha sviluppato una soluzione “chiavi-in-mano” per l’accettazione anche in-store dei wallet Alipay, il mobile wallet più diffuso in Cina con oltre 520 milioni di utenti. Il sistema consente di garantire agli utenti cinesi la stessa user-experience che sono soliti avere facendo acquisti nel loro Paese.La soluzione è compatibile con tutti i dispositivi Ingenico della famiglia Telium 2 e Telium TETRA ed è rivolta a Banche e Acquirer, consentendo loro di abilitare in modo semplice l’accettazione del nuovo wallet su tutta la propria rete di terminali. Il sistema fornisce anche strumenti per la registrazione dei merchant, la trasmissione delle transazioni al server Alipay e i tool di monitoraggio e controllo.L’accettazione dei pagamenti Alipay può avvenire in due modalità: “transaction scan” (riconoscimento tramite bar-code, esterno o integrato nel POS, del QR-code Alipay mostrato sullo smartphone dell’utente) e “merchant scan” (lettura con lo smartphone del cliente del QR-code Alipay sul display del POS). Ingenico ha progettato il sistema in modo che sia compatibile con ogni tipo di applicazione di pagamento locale già presente sul terminale POS, assicurando quindi la più agevole implementazione della soluzione in ogni Paese, indipendentemente da protocollo, linguaggio o valuta in essere.Il POS Ingenico diventa così il punto di accettazione di qualsiasi transazione elettronica all’interno del negozio, sia essa generata dalle tradizionali carte di credito e debito, che da mobile wallet e altri strumenti innovativi. (foto: ingenico-alipay)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Esistenza umana tra eccezioni e regole

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

guerraIl percorso esistenziale di tutti gli esseri viventi si fonda su una logica che considera le aspettative di vita entro due precisi parametri: quello delle eccezioni e quello delle regole. Se si è giovani e si muore è un’eccezione. Se si è anziani e si muore è una regola. Se questi sono i paletti entro i quali dobbiamo procedere la logica vuole che per i primi occorre disporre il massimo delle risorse e per i secondi quello che resta. E’ così connaturato tale convincimento che le nostre coscienze si ribellano se un giovane muore privato dell’assistenza ma ci lascia meno risentiti, se non indifferenti, se ciò accade ad un anziano a prescindere dall’ipocrisia “pietistica” di alcuni “moralisti”. In passato tale pensiero era stemperato dalla ridotta presenza degli anziani e dall’idea che la sfida da essi ingaggiata contro le “regole” ben valesse d’ospitarli e d’ascoltarli. Oggi l’evoluzione della scienza medica e biologica ci ha aperto nuovi scenari dilatando l’arco delle eccezioni, rispetto alle generazioni passate. In pratica se all’inizio del XX secolo si considerava vecchio un sessantenne oggi lo è per un ottantenne e forse oltre. E’ un bene, quindi, per la scienza vivere più a lungo ma non lo è altrettanto se non interveniamo con adeguati correttivi a una reale ridistribuzione delle risorse e alla limitazione delle nascite. Il XXI secolo deve essere, quindi, anche il secolo che ponga seriamente questo problema all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale e la renda consapevole che se si allunga il ricambio generazione dobbiamo anche limitare in qualche modo il numero delle presenze complessive per ogni generazione e che tutti insieme dobbiamo convenire che se le risorse non sono illimitate è necessario fare delle scelte di merito. Pensiamo ai costi in vite umane, in sacrifici, sprechi, distruzioni che provocano le guerre, i conflitti, tribali e razziali e quanto sia più saggio evitarle per impiegare tali mezzi in chiave solidaristica. E’, ovviamente, una svolta di ardua impresa, considerate le conflittualità che hanno costellato ogni generazione dai millenni trascorsi ad oggi. Eppure dobbiamo arrivarci se non vogliamo distruggere ciò che ci resta di buono dentro di noi nel rispetto del prossimo, nella mano che stendiamo alla ricerca di un altro calore umano. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Denaro/capitale e denaro/reddito

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

soldi e casaLa crisi ciclica dell’economia e della finanza tende sempre più a riversarsi sul mercato presentando il conto del disastro all’economia del lavoro. E’ questa profonda distinzione che si cerca in tutti i modi di nascondere sotto il tappeto, come se si trattasse di spazzatura ingombrante. Non si vuole chiarire che il difetto di base sta nella doppia natura del denaro; doppia natura perché, pur nella medesima dimensione il denaro non è uguale per tutti, e non soltanto per gli scopi cui viene utilizzato, ma come mezzo per sancire la presenza nella società. C’è il denaro/capitale e c’è il denaro/reddito; il primo cresce con l’economia della finanza, il secondo rappresenta il corrispettivo del lavoro. La crisi che stiamo vivendo nasce dal denaro/capitale, colpevole di avere tirato la corda troppo a lungo, sostenuto dall’avidità; ma nel momento della crisi si richiude a riccio a tutela corporativa, peraltro sostenuto e garantito da questo governo. Il capitalismo ha ricevuto regalie, condoni, leggi speciali; ha ricevuto miliardi per “rubare” Alitalia; ha ricevuto garanzie di solidità offerta alle banche per salvaguardare quei pochi capitali che ancora resistono in Italia e che non hanno ancora raggiunto le isole felici dell’evasione; ha ricevuto e riceve programmi di sviluppo economico con finanziamenti di opere faraoniche fuori dal tempo come le centrali nucleari e il ponte sullo stretto, tutti investimenti utili soltanto alla grande finanza e alle grandi mafie che su di essi, hanno speculato ignobilmente e pretendono di poter continuare a farlo. Adesso ci viene nascosto che manca la spesa di denaro come capitale; questo perché il capitale, come denaro, si chiude a riccio di fronte la crisi che ha provocato, con la pretesa, sostenuta dal governo, di riversare sulla borghesia impiegatizia, salariati e operai, i costi della crisi, senza alcun intervento costruttivo, nella forma di spesa di reddito della classe a reddito fisso, per cui la mancata spesa di capitale refluisce negativamente anche sulla domanda per consumi, venendo meno la necessaria liquidità operativa. E’ chiaro che non esistono fondi per sostenere le classi più bisognose, i nuovi disoccupati, i cassintegrati, i precari, i pensionati, i “cervelli” sempre più in fuga precipitosa: sono stati impegnati a profusione per sostenere il denaro/capitale, come se potesse risorgere dalle sue stesse ceneri, penalizzando ulteriormente il reddito da lavoro, mortificando proprio il lavoro, vanificandone l’utilizzo. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il male antico dei corrotti e dei corruttori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

soldi-pubbliciParliamo tanto di corrotti, corruttori e corrompibili da almeno 40 anni a questa parte ma ci guardiamo bene di passare dalla parlata ai fatti per porvi riparo in qualche modo, se non rispolverando qualche palliativo tanto per gettare fumo negli occhi. Già Fanfani, infatti, quando era segretario della Dc denunciò gli abusi di alcuni politici. E se vogliamo fare una ulteriore dietrologia ricordo quanto ebbe a dire Moro ai direttori delle testate dei piccoli periodici a Palermo invitandoli a “ricercare la verità” consapevole del deterioramento del quadro politico nel quale si stavano inserendo elementi di dubbio profilo morale e che tendevano ad inquinarlo. Ma ne rilevava anche la impossibilità che tali fatti venissero a galla e fossero perseguiti per vie legali tanto che pensò di farli emergere, per lo meno, per via mediatica. Un discorso che ci riporta all’attualità e forse spiega il motivo per il quale si cerca di mettere il bavaglio alla libera stampa ovvero quella dei piccoli editori non compromessi con i grandi potentati. Oggi l’insidia è più grave in quanto si cerca di confondere l’opinione pubblica con notizie false e pretestuose nei confronti dei “censori” così come si fa con taluni “pentiti” di mafia. Oggi è diventata una lotta impari se stiamo ad osservare quanto accade nel Paese e nel Parlamento e nelle stesse procure e aule dei tribunali. Possibile che l’opinione pubblica non se ne renda conto o lo dobbiamo al fatto che è già vittima di quel sottile veleno che si chiama “disinformazione” e sta per finire come l’asino di Buridano non sapendo se mangiare prima di bere o viceversa alla fine muore di fame e di sete. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le bolle della contemporaneità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 agosto 2017

terra madre1Ho ristretto il campo a solo tre anche se a ben considerare potrei aggiungerne un altro paio. Tre per contemperare l’importanza che annetto ad altrettanti eventi di portata mondiale quali sono il proletariato e la sua forza organizzata in un grande movimento che nato dalla mente di Marx si è trasformato in una idea di “stato” per poi “scoppiarci tra le mani”. Nello stesso tempo si è consolidato il capitalismo come il patriziato del parvenu e anch’esso oggi sembra voler esaurire la sua forza espansiva e fare la fine della prima bolla. La terza è più romantica e al tempo stesso capace di defilarsi alla nostra osservazione e ai venti del cambiamento: è quella che possiamo definire la “nobiltà dell’antico lignaggio”. Ad attraversarli vi è l’essere umano con le sue passioni, le sue tensioni ideali, le sue aberrazioni. Sono le bolle che abbiamo creato per suscitare una speranza, per indicare una strada, per definire un ruolo, per legare le generazioni che si avvicendano ad un precetto di fede, a una visione del mondo ora egualitario ora esclusivo di alcune minoranze privilegiate per antico censo o per nuovi meriti. E a guardarli crescere, prosperare e morire vi è quell’enorme folla che si chiama umanità. E dire che il tutto è stato promosso ora in suo nome ora per illuderla che lo fosse, ora per sostenerla ora per tradirla. Oggi mi chiedo se non è giunto il tempo per prendere coscienza di una nuova consapevolezza che sta diffondendosi intorno a noi e dentro di noi e che sta diventando qualcosa di diverso di una bolla. Forse è una bolla tecnologica e nulla di più ma è destinata, se non altro, a risvegliare le nostre coscienze. Non possiamo più tollerare che la miseria estrema condanni a una morte prematura milioni di bambini e le loro madri. Non possiamo più tollerare che la violenza e la sopraffazione soffochi la nostra identità. Non possiamo più tollerare che la disinformazione ci renda complici degli interessi partigiani di una minoranza di nostri simili e dei loro illeciti traffici. Non possiamo più tollerare che per una idea formale si faccia strage di innocenti come l’idea della guerra santa, dell’integralismo religioso e del fanatismo politico. Dobbiamo spezzare questa spirale velenosa che intorbida i nostri sentimenti e ci spinge ad atti di superbia contro i nostri simili e la stessa natura che ci circonda. Dobbiamo cercare la strada maestra senza lasciarci attrarre dalle vie secondarie e dal rischio di finire in un vicolo cieco anche se appaiono più belle e seducenti. Dobbiamo imparare ad essere costruttori di un disegno coerente allorché pensiamo che le risorse dell’umanità non possono essere distrutte dalle guerre e che le guerre non devono essere alimentate dai mercanti di armi e a monte dalle fabbriche che le producono. Dobbiamo essere votati ad un disegno di solidarietà dove la mano che stringe quella del nostro vicino è la mano di chi ama e sa di essere riamato. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »