Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Archive for 5 agosto 2017

Privatizzazioni promesse dal governo: che fine hanno fatto?

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

pil il fattoDichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: “Siamo stupefatti di venire a sapere che il ministro dell’Economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan, in una sua intervista al ‘Sole 24 Ore’, ha dichiarato che il processo di privatizzazioni, da lui stesso sempre sostenuto, ‘si è interrotto nell’ultima legge di bilancio e ora valuteremo se ci sono le condizioni per riprenderlo’.
Non ci dovrebbe essere nulla da valutare, solo vendere asset pubblici. Eravamo rimasti che il nostro ministro avrebbe mantenuto fede a quanto scritto nel Documento di Economia e Finanza dello scorso aprile, allorché aveva messo nero su bianco che dalle privatizzazioni sarebbero entrate, nel quadriennio 2017-2020, risorse pari allo 0,3% del Pil (circa 5 miliardi di euro) ogni anno, per complessivi 20 miliardi, come impegno, preso ufficialmente davanti alla Commissione Europea, per ridurre la montagna da 2.300 miliardi di euro di debito pubblico che sta affossando l’Italia. Si era parlato di collocare sul mercato le partecipazioni del Tesoro in Poste Italiane, Trenitalia. E ora, il ministro Padoan ha la spudoratezza di dirci che ‘gli importi sono sempre inferiori a quanto si dice’.Si rende conto, il ministro Padoan, che se entro i prossimi 5 mesi non incasserà i 5 miliardi promessi avrà creato un buco nel bilancio dello Stato che mette a repentaglio il programma di riduzione del debito concordato con Bruxelles, con la quasi certa apertura della procedura di infrazione che esporrebbe l’Italia ad una nuova crisi dello spread?”. (fonte grafico: Il Fatto quotidiano)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il debito pubblico cresce e il governo la giudica un’oculata gestione

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

SEDE DEL SOLE 24 ORE“Nella sua lunghissima intervista su ‘Il Sole 24 Ore’, il ministro Padoan parla di una ‘gestione molto oculata del debito pubblico’. Questa affermazione è stupefacente”. Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.
“Ci chiediamo: è a conoscenza, il ministro Padoan, della recente istruttoria avviata dalla Corte dei Conti sulla gestione dei derivati sul debito italiano, che si è conclusa con il riconoscimento di un danno erariale monstre quantificato in 3,9 miliardi di euro, contestato alla direttrice della direzione Debito Pubblico del Dipartimento del Tesoro, Maria Cannata, la funzionaria che gestisce ormai da decenni tutte le emissioni dei titoli di stato italiani; a Vincenzo La Via, attuale Direttore Generale del Tesoro e predecessore di Maria Cannata; e agli ex ministri Vittorio Grilli e Domenico Siniscalco, tutti quanti citati in giudizio assieme alla banca d’affari Morgan Stanley, che continua incredibilmente a far parte dell’elenco degli ‘specialisti’ che insieme con il Tesoro gestiscono il debito pubblico italiano? E’ questo il modo che il ministro ritiene ‘oculato’ di gestire i soldi degli italiani? Non c’è poi da stupirsi se il nostro debito continua a crescere al ritmo di quasi 50 miliardi di euro l’anno e a battere ogni record storico mese dopo mese”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Napolitano e i “segreti di Stato”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

napolitanoLaboccetta – Napolitano la smetta di raccontare menzogne e spieghi il suo ruolo nel colpo di stato contro Berlusconi.’L’ex Presidente Napolitano non si smentisce: continua a raccontare bugie e prova a sfuggire dalle sue responsabilità’- dichiara Amedeo Laboccetta, deputato di Forza Italia. ‘Ho invitato più volte Giorgio Napolitano ad un contraddittorio pubblico su quanto ho scritto in un mio libro sul complotto da lui ordito con Fini e Tremonti per far cadere il governo Berlusconi. I fatti e le circostanze, di alcune delle quali sono stato testimone oculare, non sono state mai smentite dai protagonisti e Napolitano, se ne ha il coraggio, venga a spiegare alla luce del sole il ruolo che lui ebbe nell’operazione di killeraggio politico contro Silvio Berlusconi’- continua il parlamentare. ‘ La verità su quella stagione opaca non può essere tenuta nascosta al popolo italiano che ha il diritto di sapere i nomi di coloro che tramarono per rendere vano il risultato di libere e legittime elezioni. Napolitano, prima che la sua stagione umana raggiunga l’inevitabile fine, renda finalmente un concreto servigio alle istituzioni repubblicane restituendo, utilizzando la valuta della verità, almeno una piccola parte dei privilegi goduti e di quelli di cui continua a godere’- conclude Laboccetta. (n.r. Che ci sia stata un’operazione poco chiara al tempo del dimissionamento di Berlusconi ne sono convinti non pochi italiani. E’ inevitabile pensare che non si poteva fare una simile operazione senza l’avallo del Presidente della repubblica di quel tempo. E’ giusto, ora come allora, chiedere un chiarimento e che i diretti interessati lo facciano pubblicamente. Ne va della dignità delle parti in causa e del buon diritto degli italiani. Basta con l’Italia dei “misteri”.)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festival dei Teatri d’Arte Mediterranei

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

samihporticcioloFormia (Lt) dal 18 al 20 Agosto Il festival è dedicato ad Ilaria Alpi, la giornalista assassinata nel 1994.Un evento ricorrente promosso dal Teatro Bertolt Brecht all’interno del progetto delle Officine Culturali della Regione Lazio, del riconoscimento del Ministero per i beni e le attività culturali con il patrocinio del Comune di Formia e del Parco Riviera di Ulisse. Tre giorni di visite guidate, concerti, spettacoli, incontri ad ingresso gratuito con presenze nazionali ed internazionali tra Marocco, Spagna e Tunisia sulla scia del progetto de “I Fari Culturali del Mediterraneo” che il collettivo formiano sta portando avanti. Artisti, docenti, istituzioni dei Paesi del Mediterraneo chiamati a raccontare le donne tra musiche, danze, storia e fenomeni culturali.Atmosfere e suggestioni mediterranee hanno fortemente influenzato le scelte artistiche anche di questa edizione che si svolgerà prevalentemente al contatto con il mare, i profumi, i paesaggi e gli scorci del Mediterraneo nel meraviglioso scenario dell’Area protetta di Gianola tra i secolari resti archeologici romani e l’incanto del paesaggio.
OsservazioneAstronomicaAlla ore 7:00 del 18 ed del 20 Agosto nello scenario a strapiombo sul mare dei ruderi della Villa di Mamurra, nella cisterna maggiore ed il 19 Agosto alla Tomba di Cicerone tornano le letture reinterpretate e drammatizzate dei classici greci e latini, quest’anno dedicate agli epici personaggi femminili. A seguire ogni giorno le visite guidate nell’area protetta a cura del Presidente del Parco Riviera di Ulisse Davide Marchese (su prenotazione). Suggestiva novità della XIII Edizione saranno le letture in barca a vela con partenza alle ore 9:00 e alle ore 11:00 dal porticciolo Caposele (su prenotazione). Si continuerà alle 18:00 con i reading nei luoghi simbolo della città (ex lavatoio di Maranola, ex clinica Cusumano e ex Seven Up), alle ore 19:30 con gli incontri di approfondimento sul rapporto tra donne, poesia, letteratura, lavoro e religione nel Mediterraneo e alle ore 21:30 sulla spiaggia del porticciolo romano con spettacoli e concerti tra musiche e danza tunisine, il Fado portoghese e i ritmi delle terre del sud. Tre giorni per lasciarsi trasportare dall ’incanto che solo i poeti, gli artisti e i sapori del Mediterraneo sanno donare in una terra dall’incredibile fascino e piena di contraddizioni, tra storia e precarietà, eppure “di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio” (B.Brecht).www.teatrobertoltbrecht.it (foto: samih, porticciolo, osservazione astronomica)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quinta rassegna “Artisti per NUVOLARI” 2017

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

artisti per nuvolariCastel d’Ario (Mn) Casa Museo Sartori via XX Settembre, 11/13/15 Inaugurazione: Domenica 10 Settembre 2017, ore 11.00. La Casa Museo Sartori di Castel d’Ario (Mantova) in via XX Settembre 11/13/15, dal 10 Settembre al 15 Ottobre 2017 presenta la quinta rassegna “Artisti per NUVOLARI” 2017. La mattina dell’inaugurazione, Domenica 10 Settembre, passerà appositamente per via XX Settembre davanti alla “Casa Museo Sartori” di Castel d’Ario, dalle ore 10.00, la manifestazione d’auto storiche “AMAMS Caffè veloce a Castel d’Ario” organizzata da AMAMS Tazio Nuvolari. La sosta delle autovetture avverrà nella Piazza del Castello e gli equipaggi partecipanti si recheranno a visitare la rassegna d’arte per rendere un omaggio al campione Nuvolari.
La mostra, che nasce da un’idea e progetto di Adalberto Sartori, gode dei patrocini di Regione Lombardia, Provincia di Mantova, Comune di Castel d’Ario, Comune di Mantova, Automobile Club Mantova, Museo Tazio Nuvolari, Amici del Museo Tazio Nuvolari, AMAMS Associazione Mantovana Auto e Moto Storiche Tazio Nuvolari, Mantova Corse, Ecomuseo della risaia, dei fiumi, del paesaggio rurale mantovano, Rotary Club Mantova Est Nuvolari e ProLoco di Castel d’Ario.
La mostra “Artisti per NUVOLARI” si inaugurerà Domenica 10 Settembre alle ore 11.00, con interventi di Arianna Sartori curatrice della mostra e del catalogo, Beniamino Morselli Presidente Provincia di Mantova, Daniela Castro Sindaco di Castel d’Ario, Mattia Palazzi Sindaco di Mantova, Giancarlo Pascal Presidente Museo Tazio Nuvolari di Mantova e Presidente Automobile Club Mantova, Attilio Facconi storico e autore del testo di presentazione del catalogo, Maria Gabriella Savoia ‘Casa Museo Sartori’ e autrice del testo critico del catalogo e alla presenza degli artisti che sono stati invitati dalla curatrice della mostra Arianna Sartori a realizzare appositamente un dipinto o una scultura in omaggio al pilota Tazio Nuvolari.
In mostra sono esposti 53 opere, tra dipinti e sculture, realizzate da: Baglieri Gino, Baldassin Cesare, Benedetti Laura, Biagioni Emanuele, Bianco Lino, Bocelli Giuseppe, Bonafini Annalisa, Bongini Alberto, Budini Gianfranco, Candiano Carmelo, Capraro Sabina, Castaldi Domenico, Cerri Giovanni, Chiappa Tommaso, Corsucci Umberto, Cortellazzi Rossano Simone, Cristini Filippo, D’Ambrosi Diego, Davanzo Walter, Diazzi Roberta, Ferraris Giancarlo, Ferri Massimo, Ferro Davide, Filippini Claudio, Fonsati Rodolfo, Gravina Aurelio, Lengua Antonio, Luchini Riccardo, Luglio Corrado, Marzelli angelo rinaldiPasquale, Merlo Alessandro, Miano Antonio, Mini Daniele, Minto Maria Grazia, Molinari Mauro, Monga Paolo, Musi Roberta, Orlandini Fabrizio, Paolini Parlagreco Graziella, Perna Vincenzo, Pilon Valerio, Pirondini Antea, Poli Gabriele, Rameri Alessandra, Romani Massimo, Romani Maurizio, Rossato Kiara, Sanna Alessandro, Santoli Leonardo, Scotto Aniello, Trombini Giuliano, Zamboni Nicola, Zoli CarloNel corso della rassegna si svolgeranno diverse
Sabato 16 Settembre, dalle ore 14.30, il CLUB 8VOLANTI farà giungere a Castel d’Ario da Mantova il corteo delle auto storiche che partecipano al “3° Concorso d’Eleganza per auto storiche Città di Mantova. La più bella del reame”, ed effettueranno il passaggio dinanzi alla “Casa Museo Sartori”, la successiva sosta delle auto nella Piazza del Castello e visita degli equipaggi alla mostra in onore del pilota Nuvolari.
Domenica 17 Settembre, dalle ore 13.00, la scuderia MANTOVA CORSE, ha previsto per il “GRAN PREMIO NUVOLARI”, il passaggio di 300 auto storiche per Castel d’Ario e per via XX Settembre dove ha sede “Casa Museo Sartori”, ed una sosta veloce nella Piazza del Castello.
Domenica 17 Settembre, alle ore 17.00, nel cortile interno di “Casa Museo Sartori” si svolgerà lo spettacolo “LA DECIMA MUSA” di Ennio Castellani (Burattini di Maurizio Gioco. Costumi dei burattini di Ennio Castellani. Musiche di Francesco Bellomi. Burattinai: Maurizio Gioco e Barbara Caracciolo), inoltre l’esposizione di alcuni abiti dello stilista Ennio Castellani.
(Catalogo: 144 pagine con presentazione storica di Attilio Facconi e testo critico di Maria Gabriella Savoia, riproduce le 53 opere, le 53 biografie degli artisti e riporta i contenuti in italiano ed inglese – Archivio Sartori Editore, Mantova. € 25,00) Orario: Sabato 15.30-19.00 – Domenica 10.30-12.30 / 15.30-19.00. Ingresso: libero.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: “Cambia Calabria che l’erba cresce”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

cambia calabriaSembra una boutade, una parodia del quasi omofono proverbio e invece è la descrizione serissima della realtà alla quale assistiamo, spesso senza accorgercene, ogni giorno.
Già perché questa regione che qualcuno vorrebbe immobile, sempre in attesa di un Dio che possa venire a salvarci e, soprattutto, a cambiarci, in realtà è una regione che lentamente e nonostante tutto e tutti sta già cambiando.
Mentre la politica continua ad arrovellarsi intorno alle innumerevoli ricette per lo sviluppo, la società civile non è rimasta a guardare, e lentamente, proprio come l’erba, giorno dopo giorno, micron dopo micron ha continuato a crescere e a cambiare il volto di questa regione. Un po’ come la tartaruga che vince la gara con la lepre decidendo semplicemente di non fermarsi a dormire.
Il libro di Veltri è un ritratto fedele di questa enorme rivoluzione silenziosa in atto. Si parla di giovani che hanno trovato nell’agricoltura 2.0 un nuovo modello di business e imprenditoria; delle imprese che investono e realizzano fatturati nella green economy; di comuni che importano dai paesi del Nord Europa modelli per tenere lontani i ragazzi dall’alcol e dalle droghe o, ancora, di suore che in silenzio e applicando il modello della tenerezza tanto caro a don Puglisi sfidano a viso aperto le mafie, insegnando ai ragazzi di San Luca che un altro modo di vivere è possibile.
Certo, Veltri, da giornalista di lungo corso qual è, sa anche che la Calabria è anche e purtroppo molto altro, e che questi tanti casi positivi mancano, per esempio, di qualcuno o qualcosa che riesca a metterli in rete, a fare sistema. Sa che ci sono tante piaghe che aspettano ancora di essere guarite…eppure sa che è necessario un nuovo sguardo se si vuole cercare di comprendere al meglio e magari aiutare questa regione, guidandone il bisogno di cambiamento già in atto piuttosto che inventare percorsi che non possono condurre da nessuna parte. Serve uno sguardo che parta da una conoscenza reale e concreta del territorio, uno sguardo che parta dunque dal basso perché il cammino deve essere guidato dalla testa, ma si realizza con i piedi.
Filippo Veltri, giornalista professionista dal 1978, ha lavorato al «Giornale di Calabria», a «l’Unità», a «la Repubblica» al «Sole 24 Ore»… è stato responsabile della sede Ansa della Calabria. Oggi è editorialista e commentatore del «Quotidiano del Sud» e della rete televisiva «Ten». (foto copertina: cambia calabria)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dl Sud: Zes per ridurre gap infrastrutturale”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

camera deputati“L’istituzione di Zone economiche speciali (Zes) nelle aree meridionali del Paese, contenuta nel dl Sud, è sicuramente una buona notizia. Ma è chiaro che, per essere davvero reale volano di sviluppo delle aree dove sono insediate, le Zes non possono rimanere cattedrali nel deserto. Per questo è di estrema importanza che il Governo abbia accolto un ordine del giorno di Alternativa popolare, a prima firma Lupi, con la quale l’Esecutivo si impegna a garantire la realizzazione di Zes che possano contare su un’adeguata rete di trasporti e caratterizzate dalla facilità di accesso alle reti infrastrutturali, strade, autostrade, ferrovie, porti”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo, di Ap.
“In particolare – prosegue Garofalo – è stata accolta la nostra specifica proposta di tener conto di quanto previsto dai Patti per il Sud, siglati tra Governo-Regioni e Città Metropolitane nel 2016, e di quanto contenuto nel Def 2017 circa gli obiettivi di dotazione e di sviluppo infrastrutturale delle regioni meridionali. Tutti gli istituti di ricerca e gli operatori economici confermano infatti che il gap infrastrutturale è una delle zavorre che frenano la crescita del Mezzogiorno. Per cui – conclude Garofalo – anche le potenzialità delle zone caratterizzate dall’attribuzione di benefici fiscali e di semplificazione, che riescono a creare condizioni favorevoli in termini economici, finanziari e amministrativi, sarebbero vanificate se fuori da un effettivo contesto infrastrutturale di sviluppo. Bene dunque l’odg, bene il via libera del Governo.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce il concorso di idee

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

università bresciaBrescia. Ideare progetti che dovranno avere carattere innovativo, realizzabili attraverso l’impiego delle tecnologie costruttive industrializzate a secco, con l’ausilio, preferibilmente, di impianti tecnologici ecocompatibili, a basso dispendio energetico.
Questo l’obiettivo del “Concorso di Idee” lanciato da Wood Beton Spa, un vero e proprio bando patrocinato dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Brescia e dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia, aperto a tutti i professionisti di età inferiore ai quaranta anni, in possesso di titolo di laurea quinquennale in architettura o ingegneria, regolarmente iscritti ai rispettivi ordini professionali. E’ possibile partecipare, oltre che in forma individuale, anche in forma di raggruppamento (Associazione di Scopo). Il tema del concorso è l’elaborazione di un progetto di una “CASA SMART DOMUS PLUS”, che sia in grado di interpretare le necessità di un nucleo familiare, coniugandole con le relative esigenze di spazio, ambienti e distribuzione funzionale. Le proposte dovranno affrontare e approfondire l’aspetto costruttivo, estetico, funzionale ed organizzativo, promuovendo un modo abitativo sostenibile e di qualità.
I candidati potranno optare sia per edifici monopiano sia pluripiano, completi di almeno di un box auto per singola unità immobiliare.Il termine ultimo per le iscrizioni è previsto per il 30.09.2017 mentre, per la ricezione dei progetti, la scadenza è fissata alle ore 24:00 del 31.10.2017.In palio, per il progetto che si classificherà al primo posto, 7.000,00 euro; 5.000,00 euro andranno invece al secondo classificato e 3.000,00 al terzo.Questo bando rappresenta un’occasione di incontro di esperienze e di progetti, che lascia spazio alla menti delle giovani generazioni: un “Concorso di idee” nato con lo scopo di raggiungere la creatività dei “progettisti del domani”, legati al mondo dell’era contemporanea e in grado di offrire ottimi suggerimenti sulle scelte abitative del futuro.… Idee Smart, Idee Plus!

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Summer School “Impresa e diritti Umani”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

Università per Stranieri di PerugiaPerugia – La I edizione della Summer School “Impresa e diritti Umani” è un importante percorso formativo ideato e proposto dall’Università per Stranieri di Perugia insieme all’Unione Forense per la tutela dei diritti umani (UFTDU) e all’Osservatorio internazionale sui diritti umani nei Paesi del Mediterraneo (ODIMED), in collaborazione con il Comitato interministeriale per i diritti umani (CIDU), che pone i riflettori su una problematica di grande attualità offrendo una settimana di corso intensivo focalizzato sull’ Impresa e diritti Umani. La Summer school è un’opportunità unica per approfondire il ruolo crescente della globalizzazione dei mercati e le nuove dimensioni della responsabilità sociale che impongono di declinare la tutela dei diritti in una stretta connessione con la qualità del Made in Italy, non solo limitata al prodotto, ma al sistema di relazioni che intessono i contesti produttivi e di mercato. Il corso, della durata di 5 giorni, si svolgerà a Palazzo Gallenga dell’Università per Stranieri di Perugia, da lunedì 18 settembre fino a venerdì 22 settembre, con un impegno complessivo di 28 ore ed è aperto ad un massimo di 40 partecipanti. Due i percorsi formativi proposti: il primo, a carattere multidisciplinare, valuta la tutela dei diritti umani in aree scientifiche e culturali diverse; il secondo approfondisce questioni relative alla responsabilità sociale d’impresa nella prospettiva della internazionalizzazione dei processi produttivi. Il Corso è accreditato dal Consiglio Nazionale Forense con il riconoscimento di 20 Crediti Formativi. Saranno rilasciati 3 CFU – SSD IUS/13. Il comitato scientifico della Summer School è composto dal prof. Guido Alpa, Prof. Ugo Ruffolo, prof. Salvatore Andò, prof. Anton Giulio Lana, prof. Giovanni Paciullo. Il direttore scientifico del corso è Laura Coppini, e Alessio Sangiorgi è il coordinatore.
L’offerta formativa è rivolta a pubblici ufficiali e funzionari della Pubblica Amministrazione, ad avvocati, dottorandi e operatori del diritto, nonché a rappresentanti delle ONG specializzate nel settore e a tutti coloro che intendano conseguire una specializzazione nella materia per l’esercizio della professione, la partecipazione a concorsi o l’accesso a organizzazioni internazionali operanti nell’ambito della tutela dei diritti umani. Per maggiori informazioni e per scaricare il bando seguite tutte le istruzioni presenti nella home page dell’Università per Stranieri di Perugia all’indirizzo http://www.unistrapg.it. Scadenza per la domanda d’iscrizione: 3 settembre 2017.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il mare risale lungo il Po

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

lago gardaMentre il lago di Garda è sceso sotto il 30% della capacità (28,8%), scatta l’emergenza per i fiumi Adige e Po nel Veneto: a segnalarlo è l’ANBI (Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue).La portata dell’Adige, a Boara Pisani, oscilla fra gli 80 e 130 metri cubi al secondo, rendendo più volte insufficiente l’azione della barriera anti intrusione del cuneo salino, che viene “scavalcata” dalla marea. Anche per il Po i livelli sono preoccupanti: la portata, a Pontelagoscuro, è di ca. 550 metri cubi al secondo (a Luglio era mc./sec. 600 ca.), ma era scesa, la settimana scorsa, fino a 400 metri cubi al secondo.L’abbassamento della portata comporta la chiusura di tutte le derivazioni irrigue nel tratto compromesso dall’ingresso del mare, la cui acqua salata risale la corrente del fiume per oltre 12 chilometri. E’ una situazione, che si ripete da mesi e solo un afflusso d’acqua dolce importante potrebbe “lavare” il territorio dal sale, che ha contaminato il fiume, con le relative conseguenze per l’agricoltura, mettendo a rischio anche l’uso idropotabile..Per quanto riguarda il fiume Brenta, il Consorzio di bonifica Bacchiglione ha adottato diverse misure straordinarie, come l’attivazione di pompe d’emergenza sul canale Novissimo, accordi con il Genio Civile per la regolazione delle paratoie che scaricano in laguna, pulizie idrauliche straordinarie per migliorare il deflusso d’acqua. Il Consorzio di bonifica Brenta ribadisce, inoltre, la necessità di finanziamenti per la trasformazione pluvirrigua degli impianti di irrigazione e per il rimpinguamento delle falde; i relativi progetti sono già predisposti.Dal canale L.E.B. (Lessino Euganeo Berico), che attraversa buona parte della campagna veneta dal veronese fino alla zona di Chioggia, la derivazione irrigua è massima (32 metri cubi, cioè 32.000 litri al secondo) per rispondere alla grande sete del territorio.
Con l’annuncio dell’arrivo del periodo più caldo dell’anno, crescono le preoccupazioni delle Organizzazioni Professionali Agricole soprattutto per le aree, dove non c’è un adeguato apporto irriguo (Bassa padovana, Polesine, Sud vicentino).E’ tranquilla, invece, la situazione per il bacino del fiume Piave: i bacini montani sono, infatti, al 95% del volume invasabile.“Anche la situazione veneta sollecita la politica a prendere decisioni – sottolinea Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) – I Consorzi di bonifica del Veneto hanno progetti definitivi ed esecutivi di miglioramento della rete irrigua per 147 milioni di euro; ad ogni livello è ormai tempo di scelte concrete.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un DDL senza concorrenza che penalizza l’agire professionale e apre la strada agli oligopoli

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

Ministero saluteL’approvazione del Ddl Concorrenza, segna un passaggio molto negativo per la sanità italiana, perché si consegna alla pura logica di mercato un servizio, quello farmaceutico, che è da sempre una delle funzioni centrali del servizio sanitario, il cui scopo è garantire l’equo e uniforme accesso ai medicinali a tutta la popolazione. E’ grave che, a differenza di quanto avviene per le società di professionisti, nel caso delle società proprietarie di farmacie non sia prevista la riserva della maggioranza alla componente professionale e questo può determinare una minore tutela del cittadino, visto che il professionista della salute deve rispondere a una proprietà che segue solo regole di mercato. Con questo provvedimento si creano dunque le condizioni per sostituire una rete di presidi retti da professionisti con un oligopolio di società di capitali a vocazione puramente commerciale, in assenza di qualsiasi tutela per il professionista. Ed è facile osservare che con la creazione di cartelli e di posizioni dominanti – cinque soli soggetti potrebbero arrivare a controllare tutte le farmacie italiane – viene negato anche il principio stesso della concorrenza. Inoltre, va sottolineato che mentre le società che erogano prestazioni medico-specialistiche sono tenute a un contributo all’ente previdenziale dei medici, nulla del genere è stato previsto per quelle che detengono la proprietà delle farmacie. Per tutti questi motivi la Federazione degli Ordini ha fin dall’inizio denunciato la pericolosità di questo provvedimento, anche sulla base dei risultati che misure analoghe hanno avuto in altri paesi europei che, in alcuni casi, stanno ripensando completamente le loro scelte. Da oggi le condizioni in cui il farmacista svolge la sua attività professionale cambiano radicalmente, e tutta la professione è chiamata ad affrontare questa svolta puntando sull’aggregazione, sull’innovazione e su quelle prestazioni rivolte alla salute del paziente che soltanto il farmacista può assicurare. E’ il momento di far valere la capacità di evolvere che la nostra professione ha saputo dimostrare in tutte le fasi di cambiamento della società, restando protagonista della tutela della salute.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Aula del Senato ha approvato il Ddl concorrenza, che ora diventa legge dello Stato

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

senato“Un brutto giorno per i consumatori. Non facciamo mai dietrologia, sappiamo che certe cose sono più facili a dirsi che a farsi, ma che una legge finisca addirittura per peggiorare l’esistente, francamente è troppo!” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “D’altronde se lo stesso presidente della commissione Industria del Senato si è dissociato, è evidente che c’è qualcosa che non quadra” prosegue Dona.
“Basterebbe la fine del mercato tutelato nel settore dell’energia, per esprimere un giudizio negativo, considerato che non vi può essere alcuna concorrenza fino a che, per la luce, i primi cinque operatori detengono l’87,8% del settore domestico e per il gas i primi tre gruppi controllano il 44,8% del mercato. Ma i punti dolenti sono veramente tanti, troppi: dal tetto regionale del 20% per le società di capitale che controllano le farmacie, troppo elevato, alla norma pro albergatori che, consentendo loro di praticare prezzi differenti rispetto a quelli offerti on line, impedirà al consumatore di poter confrontare i prezzi in modo trasparente sui siti comparatori, risparmiando sulle vacanze come avvenuto in questi anni” conclude Dona.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’alternanza scuola lavoro come condizione lavorativa?

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

opportunita-lavoro“Perché la parte dell’alternanza relativa al lavoro non dovrebbe essere riconosciuta come condizione lavorativa?” Così interviene ai microfoni di Ma cos’è questa estate di Elisabetta Fiorito su Radio 24 il sottosegretario al Ministero dell’Economia e Finanze Pierpaolo Baretta.Intervenuto sulle proposte di rendere gratuito il riscatto della laurea, il sottosegretario afferma a Radio 24: “Non c’è dubbio che oggi il riscatto della laurea costi in modo proibitivo. Vogliamo tenerne conto e provare ad andare incontro soprattutto alle persone giovani, partendo da loro? Sono quelle che più difficilmente incrociano immediatamente il mercato del lavoro e quindi potrebbero avere una difficoltà a costruirsi una pensione.” E aggiunge ai microfoni di Radio 24: “L’evoluzione del mondo del lavoro è così forte e tumultuosa che pensare che la partecipazione al lavoro inizi formalmente quando si prende il primo stipendio, che talvolta è anche molto spostato in avanti nel tempo, potrebbe consigliare a riflettere in chiave strategica sul fatto che anche gli studi universitari possono essere considerati una specie di apprendistato all’attività lavorativa. Si tratta di avere una concezione più ampia dell’idea di lavoro comprendendo anche in questo caso una parte della vita di studio e dopodiché le soluzioni si trovano, sono molte le possibilità di studiare soluzioni. Non si tratta di mettersi in un’ottica ‘o questo o niente’, ma si tratta di dire nel campo dell’assunzione della priorità giovani e la priorità di tutto è offrire loro lavoro, valutare l’intera condizione. Il riscatto della laurea è uno dei percorsi che vanno inseriti.
Il sottosegretario al Ministero dell’Economia e Finanze Pierpaolo Baretta continua a Radio 24: “Dovremmo favorire l’accesso all’Università anche alle classi meno agiate. Tutte le forme che vanno in questa direzione vanno studiate e in qualche modo favorite. Pensiamo alle tasse universitarie: una parte di queste potrebbero essere dedicate a una copertura figurativa del percorso previdenziale. La carriera previdenziale deve essere una carriera unica nella vita. Abbiamo ancora degli intoppi sul fatto che se uno cambia attività lavorativa fa fatica anche a ricongiungere i contributi: oltre che costare molto la laurea, costano molto anche le ricongiunzioni. Non c’è solo l’età pensionabile quando si parla di pensioni.” (Franca Piovani – Ufficio stampa Gruppo 24 ORE)

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Droghe, il Governo e i misteriosi silenzi intorno un mercato da 14 miliardi

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

droga cannabis-vicino“La relazione annuale al Parlamento sulle droghe compilata dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio è stata pubblicata sul sito il 1 agosto nel totale disinteresse e silenzio della politica” dichiarano Filomena Gallo, Segretario dell’Associazione Luca Coscioni, l’associazione che si batte per le libertà civili e Marco Perduca, coordinatore di Legalizziamo.it.
Centoquarantatre pagine in cui, tra le altre cose, si calcola che il mercato degli stupefacenti in Italia sia quantificabile in 14 miliardi di euro, praticamente il valore di una ‘manovrina’. La spesa per sostanze è ripartita tra Cocaina, 43%, Cannabis, 28,2%, Eroina, 16,2% e altre sostanze sintetiche 12.7%. Da quanto emerge, i prezzi della merce si abbassano e la purezza aumenta. “Di fronte a questo potenziale economico, è indispensabile aprire un dibattito pubblico, politico e istituzionale ma il Governo invia la relazione al Parlamento quando questo chiude per la pausa estiva e lo fa senza neanche una conferenza stampa per presentarlo né, tanto meno, annuncia risposte alla diffida che con Antigone, Forum Droghe, la LILA e la Società della Ragione abbiamo inviato il 31 luglio al Presidente Gentiloni per chiedere la convocazione della Triennale (ma assente dal 2009) Conferenza Nazionale sulle Droghe dove il contenuto della Relazione dovrebbe esser discusso istituzionalmente”.“Possibile che i Presidenti Grasso e Boldrini non abbiano nulla da dire rispetto a questa mancanza di rispetto del Parlamento e delle sue prerogative di ‘cane da guardia’ dell’operato del Governo?” concludono Gallo e Perduca.
La relazione al parlamento presenta anche dati circa l’entrata nel circuito penale e i numeri dei consumatori problematici: 32.992 sono le persone segnalate all’Autorità Giudiziaria, in aumento rispetto agli anni precedenti. Quasi due terzi dei denunciati sono maschi tra i 20 e i 39 anni. La maggior parte delle denunce è associata ai derivati della cannabis, seguono quelle per cocaina ed eroina (entrambe in aumento), mentre quelle per droghe sintetiche (1,2%) sono in diminuzione. Sono invece 9.959 i soggetti condannati per reati di produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti e/o associazione finalizzata al traffico di queste (artt.73 e/o 74 DPR 309/90).
Il 34,1% della popolazione carceraria è costituita dai detenuti per reati droga-correlati (artt.73 e/o 74 DPR 309/90) in controtendenza rispetto al 2014. Sono diminuiti anche i nuovi ingressi per art.73 DPR 309/90, il 50% dei quali rappresentato da stranieri; sul totale dei detenuti per reati droga correlati, tale percentuale scende al 39%.I minori in carico ai Servizi Sociali della Giustizia Minorile per reati droga correlati sono stati il 18,1% dei 21.848 soggetti in carico; 63 hanno usufruito delle misure alternative. Rispetto ai 1.141 ingressi in Istituti Penali, quelli per reati droga correlati sono il 13,7%; i minori collocati in Comunità sono stati 87.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Regionali sicilia: alleanze e programmi

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

palermo palazzo normanni regione“Il governo e il ministro Padoan tirino fuori il Dpcm sui ‘tagli’ ai ministeri”. Lo afferma, in una nota, Rocco Palese, deputato di Forza Italia. “Il decreto della presidenza del Consiglio attuativo della manovrina di primavera, quella che l’Europa ha imposto al governo, nonostante sia stato approvato il 28 giugno scorso non è stato ancora pubblicato in Gazzetta ufficiale. Non si sa che fine abbia fatto. E indiscrezioni di stampa ci raccontano che i ministeri che rischierebbero di più sarebbero quelli dell’istruzione e del lavoro. Insomma – conclude -, il solito gioco delle tre carte del governo e della sinistra. Prima hanno distribuito mance e mancette, adesso sono costretti a ridurre capitoli di spesa in ministeri fondamentali. L’ennesimo imbroglio”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Manovra economica e tagli ministeriali

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

Palazzo chigi1“Il governo e il ministro Padoan tirino fuori il Dpcm sui ‘tagli’ ai ministeri”. Lo afferma, in una nota, Rocco Palese, deputato di Forza Italia. “Il decreto della presidenza del Consiglio attuativo della manovrina di primavera, quella che l’Europa ha imposto al governo, nonostante sia stato approvato il 28 giugno scorso non è stato ancora pubblicato in Gazzetta ufficiale. Non si sa che fine abbia fatto. E indiscrezioni di stampa ci raccontano che i ministeri che rischierebbero di più sarebbero quelli dell’istruzione e del lavoro. Insomma – conclude -, il solito gioco delle tre carte del governo e della sinistra. Prima hanno distribuito mance e mancette, adesso sono costretti a ridurre capitoli di spesa in ministeri fondamentali. L’ennesimo imbroglio”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I flussi migratori e gli errori del PD pagati dagli italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

migranti«Dopo aver riempito l’Italia di immigrati clandestini oggi il Pd arriva in aula e sostanzialmente ammette di aver sbagliato tutto e che avevamo ragione noi “pericolosi populisti”. Fratelli d’Italia ha scelto di astenersi sull’iniziativa in Libia perché la missione ha dei contorni troppo poco chiari per poter dare un voto favorevole ma volevamo comunque dare un voto di incoraggiamento al governo perché per la prima volta ammette che bisogna bloccare i flussi migratori». È quanto ha dichiarato a margine del voto in aula il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni sulla relazione che autorizza la partecipazione dell’Italia alla missione internazionale in supporto alla Guardia costiera Libica.Il leader di FdI ha poi risposto a una domanda sulle ONG: «Penso sia scandaloso il comportamento di alcune organizzazioni non governative, che scelgono di non accettare alcune regole molto blande che il governo prova a concordare con loro. Penso che non si possa consentire a chiunque di favoreggiare l’immigrazione clandestina e che se queste ONG si comportano cosi si debbano sequestrare le loro navi e denunciare i loro equipaggi, perché quello è fiancheggiamento dell’immigrazione clandestina».

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fincantieri: I francesi giocano a fare i “furbi”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

fincantieri“Non non dovremmo dimenticarci che la storia insegna che la Francia può anche credere di fare la furba con scorrettezze e testate date sperando che l’arbitro non veda ma poi alla fine noi vinciamo ai rigori”. Lo dichiara l’On. di Forza Italia Sandra Savino.“Ed è per questo – prosegue la parlamentare – che invece di tentennare timidamente, come sta facendo il nostro Governo, di fronte ai temibili francesi, dobbiamo tirare fuori tutto il nostro orgoglio rimanendo fermi, come annunciato dai Ministri coinvolti, sulle nostre sacrosante posizioni e facendo capire all’interlocutore che non siamo fessi, che conosciamo i margini di manovra che il diritto comunitario ci dà e che siamo pronti a servicene. Nessun bluff, qua si va fino in fondo”.“Macron deve capire che il nostro Paese non è disposto a pagare per i problemi interni dell’esecutivo francese legati al progetto di Jobs Act e allo scontro con i sindacati che per questo autunno si prevede rovente. Se ci muoviamo bene la sua mossa molto tattica e poco strategica gli si rivolterà contro. E il nostro arbitro è l’Unione Europea”, conclude Sandra Savino.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Decreto Mezzogiorno: un bluff per il Sud

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

mezzogiorno italia‘Il numero, la qualità e la quantità di modifiche apportate al DL 91/2017 sulle “disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno” in sede di conversione in legge avrebbero richiesto un confronto autentico che ancora una volta ci è stato negato dal Governo che ha blindato il testo’- così Amedeo Laboccetta, deputato napoletano e vice coordinatore campano di Forza Italia.
‘Le otto regioni del Sud che registrano le maggiori sofferenze, avrebbero meritato più rispetto anche in tema di interlocuzione con il Governo. In pochi giorni, nel decreto legge sono stati introdotti e trattati temi di grande rilevanza: rifiuti, imballaggi, trasporto pubblico locale, contrasto agli incendi boschivi, modifiche al codice penale sulle estorsioni, edilizia scolastica e giudiziaria, formazione, marginalità sociale, immigrazione, autostrade ed ancora altro. Il decreto ha talmente ampliato la sua portata da essere stravolto’.- continua Laboccetta.
‘Potrebbero esserci molte ricadute positive per il Sud ma le preoccupazioni sono tante e non mi riferisco solo al sospetto tempismo di questo documento che nasce a fine legislatura. La misura “il resto del Sud” potrebbe essere definita “il resto di niente” perché prevede solo uno spolvero di spiccioli a giovani imprenditori del Sud, ripercorrendo una strada già tracciata molti anni fa da Sviluppo Italia. Cambiano i nomi ma la sostanza resta la stessa e ci vorranno anni per recuperare i fondi assegnati e non spesi o mal gestiti. Lo spazio improvvisamente garantito alle “associazioni ed agli enti del terzo settore” apre a più di un sospetto, in un momento in cui la Corte dei Conti si interroga sulle interferenze di questi enti con i sindacati e la politica’- aggiunge il deputato. ‘Il più rilevante degli interventi è quello dell’istituzione di Zone Economiche Speciali, le ZES, la cui efficacia resta comunque ancorata ai decreti attuativi che saranno successivamente emanati dal Governo. Quello che invece lascia pesantemente perplessi è che l’istituzione delle ZES, esclude sostanzialmente una reale interlocuzione con il territorio, marginalizzando le Regioni ed escludendo, di fatto, tutte le parti sociali e la politica locale. Una deriva che già si è sostanziata con la riforma dei porti che poco o nulla ha cambiato ma certamente ha concentrato nelle mani di quindici soggetti, i presidenti delle Autorità di Sistema Portuale, una parte importante dello sviluppo del nostro Paese. Quindici persone di diretta emanazione del Governo che hanno messo le mani sul 14% del PIL del Paese, perché tanto pesa la logistica in Italia. Questa stessa deriva è estesa oggi alle ZES conferendo a pochi soggetti un potere straordinario, anche per concordare soluzioni che potrebbero non essere nell’interesse di tutti. Una delle più importanti ZES verrà istituita a ridosso del porto di Napoli, nell’area orientale, un’area estesa oltre 800 ettari classificata come sito di bonifica di interesse nazionale a causa della presenza di pericolosi depositi costieri che andavano delocalizzati sin dal 2004, come previsto dagli strumenti urbanistici approvati dal Comune di Napoli e dalla Regione Campania. Ma convenienze di varia natura hanno portato a trascurare il problema, pur essendo l’area orientale di Napoli una polveriera in caso di possibili attentati terroristici ed un posto densamente popolato ove si concentra un’elevata casistica di patologie tumorali. Ma di questo nessuno parla perché ci sono altre convenienze. Da napoletano penso che l’area di Napoli Est avrebbe potuto essere la grande occasione per la rinascita della città. Ma così non è. Ed ora le ZES, per come è configurata la governance, potrebbero rivelarsi un altro regalo ai titolari dei depositi costieri’- conclude Laboccetta.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“E’ un attivismo solo apparente quello del Governo nei confronti del Sud”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 agosto 2017

gazzetta mezzogiorno“In realtà, invece, rivela, già nella scelta dello strumento della decretazione d’urgenza, la mancanza di un progetto organico, di una efficace politica di coesione territoriale”. Così Rocco Palese, deputato di Forza Italia, sulle colonne della gazzetta del Mezzogiorno. “Sembra quasi – ha aggiunto – che il Governo nei confronti delle famiglie e delle imprese del Mezzogiorno si comporti come quei genitori che non danno abbastanza attenzioni ai figli e per placare i propri sensi di colpa gli fanno regali e gli danno soldi piuttosto che affetto. Con l’aggravante che in questo caso i soldi sono sempre gli stessi e non vanno neanche tutti al Sud”. “La vera beffa – ha sottolineato Palese – è che questi strumenti legislativi, spacciati per disposizioni urgenti per favorire la crescita economica del Mezzogiorno, diventano veri e propri decreti omnibus, finendo per essere usati dal Governo per nascondere, dietro lo scudo del titolo, di tutto e di più. Se è vero come rivela l’Istat che il 50% per popolazione nelle regioni del Sud è a rischio povertà, il Governo non può più continuare ad essere così lontano dalla realtà e a non comprendere che non serve la sovraincentivazione, non servono molte più risorse di quelle che da decenni arrivano a pioggia al Sud e si perdono in mille rivoli fatti anche di illegalità e corruzione. Servono – ha concluso meccanismi di semplificazione, una cabina di regia che faccia da supporto tecnico e renda efficace ed efficiente la spesa dei fondi e che non può essere certo affidata alle Prefetture come previsto da questo decreto, se non altro perché negli ultimi anni sono state depotenziate di uomini e mezzi”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »