Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 20 novembre 2020

Cambio alla guida del 1° Gruppo delle Voloire

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Vercelli. Si è svolto nella caserma “M.O.V.M. Aldo Maria Scalise” di Vercelli, l’avvicendamento alla guida del 1° Gruppo obici, intitolato alla Medaglia d’Oro risorgimentale “Gioacchino Bellezza”, pedina operativa del Reggimento Artiglieria a Cavallo: il Tenente Colonnello Andrea Maria Gradante ha ceduto, al termine di una sobria cerimonia svoltasi nel rispetto norme di contenimento della diffusione del CoViD-19, il comando dell’unità al parigrado Massimo Larocca, divenuto il 91° Comandante del 1° Gruppo.La cerimonia, presieduta dal Colonnello Andrea Simone, 82° Comandante delle “Voloire”, ha visto il passaggio di consegne fra i due Ufficiali Superiori, al termine di un anno particolarmente intenso dal punto di vista addestrativo e operativo, con il contributo fornito dal personale del 1° Gruppo a numerose ed importanti attività. Nell’ambito dello sforzo continuo del Reggimento, infatti, il 1° Gruppo “Bellezza” ha fornito uomini e mezzi in supporto alle Istituzioni e alle Forze dell’Ordine per il mantenimento dell’ordine pubblico e il controllo del territorio nelle città di Torino, Saluggia e Vercelli, nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure” dove le Voloire, fino al giugno scorso, hanno costituito il Comando del Raggruppamento “Piemonte-Liguria”, e di cui il Tenente Colonnello Gradante è stato Comandante di Gruppo Tattico.Contestualmente all’impegno operativo, sono state svolte diverse attività per l’incremento della capacità specifica d’arma e specialità.In aggiunta, in risposta all’emergenza sanitaria nazionale, il 1° Gruppo ha schierato già nel mese di marzo, mezzi e personale nell’area di Bergamo, operando inoltre, in sinergia con le realtà filantropiche e di volontariato locali, per la distribuzione di oltre 300.000 dispositivi di protezione sanitaria.Giunto al termine dell’anno alle redini del 1° Gruppo “Bellezza”, il Comandante cedente ha ringraziato, per il lavoro egregiamente svolto, gli artiglieri di ogni categoria e grado, augurando al successore buon lavoro e sempre migliori fortune così come, all’unità, di proseguire nel solco dei rilevanti risultati raggiunti, verso futuri traguardi operativi e addestrativi ancora più prestigiosi. Il Tenente Colonnello Gradante andrà a ricoprire l’incarico di Capo Sezione presso l’Ufficio Generale Promozione, Pubblicistica e Storia dello Stato Maggiore dell’Esercito.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quattro italiani su cinque vogliono un’UE con più poteri per affrontare la pandemia

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Bruxelles. Secondo un sondaggio dell’Unione europea, svolto durante la seconda ondata di coronavirus, il 78% degli italiani chiede maggiori competenze a livello europeo.La percezione positiva dell’Unione è aumentata di undici punti rispetto alla scorsa primavera. In generale i cittadini europei vogliono un bilancio comunitario con mezzi sufficienti per affrontare la crisi e un’erogazione dei fondi legata al rispetto dello stato di diritto.Il Parlamento europeo ha pubblicato oggi i risultati finali del suo terzo sondaggio di quest’anno in cui chiede ai cittadini europei il proprio punto di vista sulla crisi legata al coronavirus e sull’Unione europea. Anche se il 50% degli europei ritiene che l’incertezza sia ancora lo stato d’animo principale quando si parla dell’impatto economico della pandemia, oggi più persone hanno una visione positiva dell’Europa rispetto a primavera.Mentre aumenta il numero dei cittadini europei che si sentono incerti del proprio futuro, il 66% degli intervistati concorda sul fatto che l’UE dovrebbe avere più competenze per affrontare la pandemia. In Italia il dato sale al 78%. Inoltre, la maggioranza degli intervistati (54%) pensa che l’UE dovrebbe avere strumenti finanziari più forti per fronteggiare le conseguenze della crisi. In Italia è il 64% a chiedere una maggiore capacità finanziaria. In ogni caso, i cittadini europei sostengono che sia fondamentale che i fondi comunitari vadano solo agli stati membri che abbiano un sistema giudiziario valido e rispettino i valori europei condivisi. Più di tre quarti degli intervistati (77%) è d’accordo sul fatto che l’UE debba finanziare solo gli stati che rispettano lo stato di diritto e i principi democratici. La salute pubblica dovrebbe essere la priorità di spesa, seguita dalla ripresa economica e da nuove opportunità per le imprese (42%), dal cambiamento climatico e dalla protezione dell’ambiente (37%) e dal lavoro e welfare (35%).Il sentimento nei confronti dell’UE è migliorato rispetto al primo sondaggio di aprile/maggio 2020. La percentuale di intervistati che ha un’idea positiva dell’UE è aumentata costantemente, dal 32% di aprile al 41% di oggi. La maggioranza degli intervistati rimane comunque insoddisfatta per via della mancanza di solidarietà tra gli stati membri. Poco meno della metà degli intervistati (49%) dice di essere invece soddisfatto delle misure intraprese dai propri governi.In Italia si registra una crescita dell’opinione favorevole verso l’UE: in particolare, in confronto alla scorsa primavera l’incremento è stato di 11 punti percentuali. Anche in Italia una netta maggioranza degli intervistati (78%) vorrebbe che l’Unione europea avesse più competenze. Sui sentimenti provati in questa fase, gli intervistati sono sostanzialmente allineati al resto d’Europa, con una differenza più rilevante sulla “speranza”: il 46% degli italiani si sente speranzoso (UE: 37%). È alta la consapevolezza degli italiani sulle misure messe in campo dall’Unione per il sostegno alla situazione creata dalla pandemia (sono conosciute dal 42% degli intervistati italiani, a fronte di una media UE al 30%. Infine l’81% vuole che i fondi siano legati al rispetto dello stato di diritto e dei principi democratici.In tutta Europa, il 39% degli intervistati dice che la pandemia ha già avuto un impatto sul reddito personale. Un ulteriore 27% dice che si aspettano un impatto simile nel futuro. I giovani e le famiglie con figli sembrano essere i più colpiti dalla crisi: il 64% dei cittadini tra i 16 e i 34 anni ha subito qualche forma di difficoltà finanziaria, e il 27% degli intervistati con figli hanno attinto ai risparmi personali prima del previsto. In cinque stati membri, più della metà degli intervistati dice che la pandemia ha già colpito il reddito personale: Cipro, Grecia, Spagna, Romania e Bulgaria. In Italia sono il 46%. (n.r. L’Europa che non vorrei vedere è quella che da una parte offre e dall’altra ritira la mano. E lo spettacolo odierno ce lo offre proprio il balletto intorno al “recovery fund” con una comunità ostaggio di due o tre stati che, per altro, già dimostrano palesemente d’essere già fuori dalle regole di convivenza civile e democratiche della Comunità).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dalla Conferenza interparlamentare di alto livello su migrazione e asilo in Europa

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Bruxelles. “Teniamo questa conferenza a pochi giorni da una delle tante, troppe tragedie in mare nel Mediterraneo, tra la Libia e l’Italia. La ONG Open Arms, la sola che con la guardia costiera italiana ogni giorno soccorre persone in quel braccio di mare, ci ha mostrato le immagini di una madre, stremata su un gommone, gridare e implorare i soccorritori di cercare il suo bambino perso in mare. Quel bambino aveva 6 mesi, si chiamava Joseph, veniva dalla Guinea ed è morto poco dopo essere stato portato a bordo della nave di Open Arms, in attesa di soccorsi arrivati purtroppo troppo tardi”.“Voglio parlare di questo bambino perché dietro ai numeri di cui parliamo giustamente nell’analisi dei flussi migratori ci sono persone e ci sono storie. Persone e storie che devono essere il cuore di ogni politica efficace di migrazione e asilo”. “Credo che il nuovo ciclo politico ci dia oggi l’opportunità storica di fare questo salto di qualità: svolgere politiche efficaci e umane. E voglio salutare la proposta della Commissione europea di un Patto sulla migrazione e l’asilo, un pacchetto di proposte legislative che rappresenta una prima base di lavoro”.“Qualsiasi sistema efficace di migrazione e di asilo europeo deve essere sviluppato tenendo presenti alcuni principi. Una ripartizione della responsabilità – che è collettiva – per l’accoglienza delle persone, per le operazioni di identificazione, l’esame delle richieste di asilo, l’accoglienza dei rifugiati, l’esecuzione delle operazioni di rimpatrio. Questo implica un impegno molto maggiore sia nella ricollocazione dei rifugiati all’interno dell’Unione che nel reinsediamento dei rifugiati da Paesi terzi. Dobbiamo definire percorsi legali alternativi per la protezione, come i visti umanitari”.“Un sistema di regole condivise per il salvataggio in mare e lo sbarco delle persone, senza criminalizzare chi salva vite in mare perché adempie non solo ad un obbligo sancito dal diritto internazionale del mare, ma ad un obbligo morale”. “Un lavoro comune delle nostre forze di polizia e di intelligence per smantellare le organizzazioni criminali a capo del traffico di persone lungo tutte le rotte principali, in collaborazione con i nostri partner nei Paesi di origine e transito”.“L’apertura di canali legali per l’immigrazione per motivi di lavoro sulla base delle necessità dei nostri mercati del lavoro”. (n.r. Belle parole ma che ne facciamo quando i fatti dimostrano che quando si tratta di immigrazione clandestina o quanto altro è l’Europa comunitaria a guardare altrove mettendo i paesi come l’Italia, la Grecia e Malta in grave difficoltà. E’ semplicemente una vergogna, per non dire altro)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migration and asylum: time to find balance between solidarity and responsibility

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

The EU must help member states at the external borders to manage migration flows and ensure that those seeking protection are welcomed in line with its core values.At the opening of the High-level Inter-parliamentary Conference on Migration and Asylum in Europe organised by the European Parliament, EP President David Sassoli stressed that “behind migration figures there are people , each one with their own story”, adding that “they need to be at the heart of any efficient European policy on migration and asylum”. President Sassoli referred to the recent tragedy off the coast of Libya in which a six-month-old baby from Guinea lost his life after a shipwreck. He also emphasised that Italian, Spanish, Greek, and Maltese borders are, in fact, European borders: i.e. a shared responsibility for the whole Union.EC President Ursula von der Leyen also acknowledged that “far too many people are risking their lives to come to Europe” and highlighted the great contribution that migrants often make to their hosting communities – citing the German-Turkish couple behind the Pzifer-BioNTech COVID-19 vaccine as an example. The new Pact on Asylum and Migration aims to balance the need to welcome refugees, fight smugglers, and ensure integration and appropriate treatment for everyone, including those who cannot remain in Europe, she explained.Wolfgang Schäuble, Chair of the German Bundestag, admitted that there are no easy nor optimal solutions to this conundrum. “We must fulfil our humanitarian obligations, and saving lives at sea is a legal obligation”, he said, but sometimes we also have to cooperate with dubious regimes. He warned that cynical smugglers use EU ideals to their benefit, so “we need to show we are capable of returning people in order to not create false incentives”.The Speakers of the Portuguese and Slovenian parliaments, Eduardo Ferro Rodrigues and Igor Zorčič, also took part in the opening of the conference, since these two countries form together with Germany the trio of EU presidencies of the Council. Ferro Rodrigues noted that migration is a global phenomenon to which the EU must respond based on its founding values. “There is a lot of work to be done in the years ahead” on the basis of a new European Pact, he added. Zorčič agreed that the current asylum system has shown too many weaknesses in recent years and hoped the EU will be able to create an efficient common framework, taking into account each member state’s situation.Find here the full programme of the event. Debates will focus on the relationship between solidarity and responsibility in migration and asylum management, the external dimension, shaping partnerships with third countries, and legal migration and integration.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Independent Ethics Body: presentations and debate on transparency and integrity in the EU

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Bruxelles. Two studies were discussed in the presence of their authors and MEPs, in a joint Constitutional Affairs and Legal Affairs Committee meeting on Thursday.Dr Christoph Demmke, Professor of Public Management, University of Vaasa, Finland, presented “Conflict of interest policies: effectiveness and best practice in Europe”. He argued that the tendency to expand existing policies has proven to be ineffective, urging for less self-regulation and underlining the need for an independent, external and depoliticised body with sanctions capabilities. Dr Markus Frischuut, Professor, Jean Monnet Chair “EU Values & DIGitalization for our CommuNITY (DIGNITY)”, at MCI / The Entrepreneurial School, Innsbruck, Austria, spoke on “Strengthening transparency and integrity in the EU institutions by setting up an independent EU ethics body”. He pointed out that scandals have reduced citizens’ trust in the EU and proposed a new interinstitutional agreement to consolidate and expand existing mechanisms.Most MEPs who took the floor agreed on the need for an independent ethics body and will be looking forward to the draft report by rapporteur Daniel Freund (Greens/EFA, DE), and the opinion by Stéphane Séjourné (Renew, FR). Some questioned were raised on the feasibility of the authors’ proposals, drawing attention to the envisioned body’s structure, membership and scope. Other discussion topics included accessibility recommendations, investigations of conflict of interest allegations of Commissioners, how oversight for a range of codes of conduct would materialise, and the authority of the IEB to enforce sanctions. Many wondered how it would establish conflicts of interest without access to tax, law and asset documents.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EU economies need public investment-led stimulus, ECB President tells MEPs

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Bruxelles. MEPs quizzed ECB President Lagarde about the bank’s policies going forwards, how to factor in climate change, and looming high debt as a result of the pandemic. Thursday’s meeting was the fourth and last time that MEPs will meet with President Christine Lagarde in 2020. Opening the discussion, Ms Lagarde struck a downbeat tone on the EU’s economic prospects due to the continued effects of the pandemic. She also insisted, however, that the ECB’s standard tools and those specifically put in place to cope with the exceptional situation, together with other actions at EU level, had been very successful in preventing a much worse situation. Ms Lagarde also insisted that member states needed to run a public investment led stimulus of the economy.Although MEPs were broadly in agreement that the exceptional times called for exceptional action, some worried that the ECB was coming close to overstepping its mandate, while others argued that it was urgent for the ECB to consider using additional tools. This difference in approach also concerned the question of whether the ECB should specifically target climate change, notably by purchasing more green bonds.MEPs also worried whether the easing of the conditions linked to the ECB’s targeted longer-term refinancing operations (TLTRO) programme had become another way to finance banks rather than meeting its original purpose – that of facilitating lending to the real economy.In light of the prolonged downturn, some MEPs questioned the role of the stability and growth pact in its current format, whereas others asked Ms Lagarde whether debt should be cancelled in some form. Finally, the recent blocking of the EU’s long-term budget by Hungary and Poland was also brought up by MEPs, who hinted that the ECB’s governing council could have reason to look into potential negative repercussions on the Eurozone economy.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

EU survey confirms citizens’ call for EU to have more powers to tackle pandemic

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Bruxelles. In the grip of the second wave of coronavirus, two thirds of EU citizens call for more EU competence and an EU budget with sufficient means to tackle the crisis.The European Parliament released today the full results of its third survey this year asking European citizens their views on the Coronavirus crisis and their attitudes towards the European Union. Although 50% of Europeans feel ‘uncertainty’ again as their key emotional state as the economic impact of the pandemic takes its toll, more people now have a positive image of the EU than in the Spring.With an increasing number of EU citizens feeling uncertain about their future, two thirds of respondents (66%) agreed that the EU should have more competences to deal with the pandemic. In addition, a majority of respondents (54%) think that the EU should have greater financial means to tackle the consequences of the pandemic.However, it is of the utmost importance to EU citizens that EU funds only go to Members States with a functioning judicial system and a robust respect of shared European democratic values. More than three-quarters of respondents (77%) agree that the EU should only provide funds to Member States conditional upon their government’s implementation of the rule of law and of democratic principles. Public health should be the key spending priority, followed by economic recovery and new opportunities for businesses (42%), climate change and environmental protection (37%) as well as employment and social affairs (35%).Attitudes towards the EU have become more positive in comparison with the first survey in April/May 2020 this year. The proportion of respondents who hold a positive image of the EU has increased steadily, from only 31% in April 2020 to 41% in the present survey. However, a majority of respondents remain dissatisfied with the solidarity, or lack thereof, between EU Member States. Around half of the respondents (49%) say they are satisfied with the measures their government has taken so far against the Coronavirus pandemic, while a similar proportion (48%) are not satisfied. Attitudes have become more negative since the last wave of the survey, with a fall in satisfaction with government measures.EU-wide, more than a third of respondents (39%) say that the COVID-19 pandemic has already impacted on their personal income. A further 27% say that they expect such an impact on their finances in the future. Young people and families with children appear to be hit worst by the crisis: 64% of citizens between 16 and 34 years have experienced some form of financial difficulties, 27% of respondents with children have used their personal savings sooner than planned. In five Member States (Cyprus, Greece, Spain, Romania and Bulgaria) more than half of respondents say that the pandemic has already affected their personal income.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nell’anno del virus, non scordiamoci funghi e batteri

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Mentre il Coronavirus dilaga, funghi e batteri avanzano e diventano sempre più resistenti ai farmaci in grado di annientarli. Quello che stiamo vivendo verrà ricordato da tutti come l’anno del coronavirus eppure, mentre leggiamo i bollettini quotidiani su positivi e ricoveri per la pandemia, crescono i numeri legati all’antimicrobico-resistenza: basti pensare che ogni anno nei Paesi UE si registrano circa 33.000 decessi causati da batteri resistenti agli antibiotici e quasi un terzo – oltre 10mila – riguardano il nostro Paese. Il triplo delle vittime di incidenti stradali, che nel 2018 sono state 3.334. A invitarci a non sottovalutare le infezioni fungine e batteriche mentre l’attenzione è concentrata su una malattia a trasmissione virale come il Covid-19 è la campagna d’informazione “Non scordiamoci funghi e batteri. Difendiamo insieme gli antimicrobici” promossa da Pfizer in occasione della World Antimicrobial Awareness Week (WAAW 2020) che si celebra dal 18 al 24 novembre. Un vero e proprio appello rivolto a cittadini, istituzioni, media affinché vengano difesi valore ed efficacia dei farmaci antimicrobici, messi a rischio da un uso scorretto che apre la strada ai ‘superbugs’, microorganismi diventati resistenti a questi farmaci. Senza una maggiore consapevolezza dei cittadini e in assenza di interventi strutturali, nel 2050 i batteri multiresistenti saranno la principale causa di morte al mondo. Mentre già oggi alcuni pazienti affetti da COVID-19 possono sviluppare sovrainfezioni da germi multiresistenti che aggravano il quadro clinico. Lavarsi le mani, non abusare di farmaci antimicrobici, utilizzarli secondo la prescrizione del medico sono le regole fondamentali che la campagna rilancia attraverso il sito http://www.stopsuperbugs.it, video educazionali e attività web e social in partnership con Skuola.net, il maggior punto di riferimento in Italia per alunni, genitori e insegnanti. Per coinvolgere anche i ragazzi, attraverso il profilo Instagram di Azioneprevenzione sarà possibile scaricare il filtro in Realtà Aumentata “Stopsuperbugs”, per “infettare” foto e video con batteri e funghi animati.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Ho sottoscritto l’appello Vaccino Bene Comune”

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

E’ stato promosso e sostenuto da moltissimi rappresentanti del mondo della sanità, della politica, della comunità scientifica, dell’economia, delle organizzazioni sociali, dell’attivismo e della cultura.Nell’accesso alle cure e al vaccino pesano non solo, come se non bastassero già, le disuguaglianze tra le persone ma anche tra gli Stati.Come dice l’appello “I paesi più ricchi si sono già accaparrati più di due miliardi di dosi dei potenziali vaccini”. I governi europei hanno finanziato la ricerca per il vaccino con imponenti contributi pubblici. Ora però occorre porre le condizioni all’industria farmaceutica “quanto a prezzi, strategie di accesso e trasparenza degli studi clinici.” È necessaria dunque una misura di politica internazionale che garantisca l’accesso e l’esercizio universale del vaccino e delle cure per il CoVid. Da noi e nel resto del mondo.Il diritto alla salute e alla vita è un diritto fondamentale e universale della persona. Una delle basi della civiltà umanistica moderna.La politica deve impegnarsi ogni giorno per garantire la dignità e la tutela della salute delle persone partendo proprio da quelle che si trovano nelle condizioni più svantaggiate”.Così in una nota Marta Bonafoni, capogruppo della Lista Civica Zingaretti al Consiglio Regionale del Lazio.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ricerca: identificato un nuovo biomarcatore di gravità di Covid-19

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Cosa determina reazioni così diverse di fronte all’attacco del virus SarS-CoV-2? Perché alcune persone si ammalano gravemente e altre meno? Di fronte a quadri clinici complessi e instabili, è possibile prevedere il livello di gravità della malattia? Uno studio basato su due casistiche indipendenti, portate avanti rispettivamente da una task force dell’IRCCS Humanitas guidata dal prof. Alberto Mantovani che comprende ricercatori e medici in prima linea contro Covid 19, e dal gruppo di medici e ricercatori dell’ASST Papa Giovanni XXIII, guidato dal prof. Alessandro Rambaldi, ha identificato un indicatore di gravità di malattia nei pazienti affetti da Covid 19: la molecola PTX3.Il lavoro “Macrophage expression and prognostic significance of the long pentraxin PTX3 in COVID-19”, appena pubblicato su Nature Immunology, ha coinvolto 96 pazienti in Humanitas e 54 al Papa Giovanni XXIII. In più, grazie all’accesso ai dati e all’analisi bioinformatica supportata da Intelligenza Artificiale, ha esaminato i dati di pazienti residenti in Israele e USA. I ricercatori hanno indagato i meccanismi dell’immunità innata a livello del sangue circolante e del polmone. “L’analisi ha portato alla luce il ruolo di un gene scoperto dal mio gruppo anni fa, la PTX3: una molecola coinvolta nell’immunità e nell’infiammazione – spiega il prof. Alberto Mantovani, Direttore Scientifico di Humanitas e professore emerito di Humanitas University -. Nei pazienti malati di Covid-19, questa molecola è presente a livelli alti nel sangue circolante, nei polmoni, nelle cellule della prima linea di difesa (i macrofagi) e nelle cellule che rivestono la superficie interna dei vasi sanguigni (l’endotelio vascolare). Informazioni importanti dal momento che i pazienti malati di Covid-19 presentano una fortissima infiammazione (la sindrome di attivazione macrofagica) che porta a trombosi del microcircolo polmonare a livello delle cellule endoteliali. A seguire, abbiamo verificato che la PTX3 potesse essere un marcatore di gravità, grazie a reagenti e a un test messo a punto dai ricercatori di Humanitas”.Le due casistiche indipendenti, quella di Milano e quella di Bergamo, confermano che la misura della PTX3 costituisce, ad oggi, il più importante fattore prognostico associato all’aggravamento delle condizioni dei pazienti.“Questi dati – spiega il prof. Alessandro Rambaldi direttore dell’Unità di Ematologia e del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo – confermano la centralità del danno endoteliale nella patogenesi delle manifestazioni più gravi osservate nei pazienti Covid. I livelli circolanti di PTX3, misurati nel sangue, serviranno a guidare la valutazione della risposta ai trattamenti di questi pazienti. La validazione dei risultati ottenuta in due coorti indipendenti di pazienti sottolinea la robustezza e la riproducibilità di questa osservazione e l’importanza di poter utilizzare materiale biologico opportunamente conservato al momento del ricovero di questi pazienti”.Prossimo passaggio sarà il trasferimento della scoperta dal bancone della ricerca al letto del paziente. “Lo studio, che necessita di ulteriori verifiche e conferme, potrebbe costituire uno strumento importante per guidare i medici nella definizione delle terapie per ogni paziente” – prosegue il prof. Mantovani -. In Humanitas stiamo mettendo il test a servizio di medici impegnati con i pazienti Covid grazie alla collaborazione del Laboratorio di Analisi Cliniche dell’ospedale guidato dalla dott.ssa Maria Teresa Sandri. Ci auguriamo che possa aiutare i clinici a valutare tempestivamente la gravità della malattia e curare sempre meglio i malati”. Partito da un approccio ad alta tecnologia, lo studio arriva a definire un test semplice – basta infatti un esame del sangue per valutare il livello della PTX3 –, a basso costo e potenzialmente condivisibile con tutti.“Lo studio dimostra che l’avanzamento delle conoscenze si fa grazie alla raccolta di campioni biologici e dati personali e sanitari della popolazione, indispensabili per una efficace ricerca su COVID-19, secondo procedure operative standard internazionali consolidate” – conclude il prof. Rambaldi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Statement by EP Conference of Presidents on long-term EU budget and Rule of Law

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

The Conference of Presidents (EP President and political group leaders) met today and reaffirmed the European Parliament’s position regarding the deal reached with the Council on the Multiannual Financial Framework (MFF) regulation, the related Inter-institutional Agreement (IIA), the related set of unilateral and joint declarations, and the regulation on Rule of Law conditionality.The European Parliament already adopted its opinion on the Own-Resources Decision on 16 September, well in time to allow the Council and subsequently the Member States to ratify the Decision by the end of 2020.We ask the Council to adopt the package and begin the ratification process as soon as possible. The European Parliament’s leadership deeply regrets this delay and reiterates that the agreements reached (on both the MFF and the Rule of Law) are a closed deal and can in no way be reopened.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Finanziamento pubblico editoria

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Cdp (Cassa Depositi e Prestiti [Stato]) oggi ha fatto il suo dovere per sopperire ai presunti scarsi finanziamenti pubblici all’editoria. Tutti i quotidiani * hanno una intera pagina (in genere l’ultima di copertina, tra le più costose per le inserzioni pubblicitarie) per ricordarci che “Da 170 anni, dall’Italia per l’Italia, oggi più che mai“. Messaggio un po’ criptico, per gli addetti ai lavori, che continua: “Ogni giorno sosteniamo le imprese e il terrritorio, insieme a 27 milioni di risparmiatori che con noi investono nel preente e nel domani dell’Italia. Scopri tutte le soluzioni di Cassa Depositi e Prestiti su cdp.it”.I soldi per pagare questa pubblicità sono soldi dei contribuenti. Sarà che siamo un po’ strani, ma non compendiamo l’utilità di una campagna d’immagine del genere: a chi si rivolge, cosa vuol far sapere… certo, ci dicono che loro hanno i Buoni Fruttiferi… cosa che tutti gli interessati già sanno e che quando escono vanno a ruba e finiscono subito… quindi?Quindi… non è una pubblicità ma un modo inelegante di dare un po’ di soldi ai quotidiani italiani. Che sono in crisi? Da sempre, ci dicono. Ma non di più – e molto di meno – rispetto a chi invece è ora travolto da crisi sanitaria ed economica per pandemia.Ma se questi soldi li avessero donati a chi è in prima fila contro la pandemia, strutture pubbliche sanitarie incluse, casse integrazioni non ancora pagate incluse… Non lo sappiamo e non lo sapremo mai. Ma sappiamo solo, visto che per l’appunto sono soldi dello Stato, che quest’ultimo non ci fa proprio una bella figura. Soprattutto per la fiducia, ammesso che a qualcuno interessi.Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio industria Felix a Theras Lifetech

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

E’ di Salsomaggiore e si chiama Theras Lifetech l’azienda che spicca per aver superato complesse valutazioni che hanno preso in esame i principali parametri di bilancio, al punto di aggiudicarsi il Premi Industria Felix. E’ proprio nella provincia parmense che si sviluppa l’attività di Theras Lifetech, azienda leader nella ricerca e nella commercializzazione di tecnologie d’avanguardia per il trattamento e il monitoraggio del diabete in continuo e per la gestione del dolore cronicoIl premio Industria Felix, assegnato ogni anno da un comitato scientifico composto da economisti, imprenditori e manager di alto profilo, è riservato alle realtà imprenditoriali con bilanci virtuosi che rappresentano un’eccellenza e che contribuiscono, con la qualità gestionale e l’aumento di posti di lavoro, al benessere sociale e al progresso economico. Theras Lifetech è stata scelta “Tra le 15 top imprese con sede legale in Italia per performance gestionali e affidabilità finanziaria Cerved del settore Commercio” – si legge nella motivazione del Premio Il 2019 si è chiuso per Theras Lifetech con un fatturato che sfiora i 65 milioni di euro con una crescita del 100% sull’anno precedente che si era chiuso già con risultato di oltre 32 milioni di euro.E’ composto da più di 80 persone tra dipendenti e collaboratori, metà dei quali impegnati su tutto il territorio nazionale a fornire supporto tecnico a strutture sanitarie, medici e pazienti, con un servizio di assistenza attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Le più importanti partnership di tipo commerciale sono con aziende americane leader nel loro settore. Si tratta di Dexcom e Insulet (che Forbes pone al secondo e quarto posto tra le aziende innovatrici con la miglior crescita) e Nevro, azienda americana che ha brevettato un’esclusiva terapia per il trattamento del dolore cronico. Theras Lifetech, inoltre, collabora con più di 100 strutture ospedaliere e cliniche specialistiche in tutta Italia. In questo momento sono 8 i progetti di ricerca in corso firmati da Theras Lifetech. L’azienda investe ogni anno una parte del fatturato in Ricerca e Sviluppo e in Basic Science Research.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carceri: La polizia penitenziaria non gioca con i telefonini

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

“Riteniamo essere gravi le affermazioni del procuratore Gratteri sulla Polizia Penitenziaria, auspichiamo una giusta rettifica”. Così la Fp Cgil Polizia Penitenziaria in merito alle parole del procuratore capo di Catanzaro, pronunciate ieri su La7 ospite di ‘Otto e mezzo’, relativamente al posizionamento di inibitori di cellulari nelle carceri che, secondo Gratteri, ‘provocherebbe la rivolta della Polizia Penitenziaria perché, invece di controllare cosa succede nelle carceri, non potrebbero più giocare con i telefonini’.“Pur riconoscendo e apprezzando lo spessore istituzionale del magistrato – afferma il coordinatore Nazionale Fp Cgil Polizia Penitenziaria, Stefano Branchi -, non condividiamo assolutamente quanto da lui dichiarato. Si tratta di affermazioni gravi e lesive dell’immagine del corpo di Polizia Penitenziaria, per il nobile e orgoglioso lavoro quotidiano di donne e uomini al servizio dello Stato. I nostri poliziotti penitenziari e le nostre poliziotte penitenziarie garantiscono sicurezza, svolgono attività preventiva, repressiva, di osservazione e trattamento, allo stesso tempo salvano vite umane, in condizioni lavorative sempre più difficili e articolate, specie in questo periodo emergenziale e preoccupante. Certamente non ‘giocando al cellulare’, strumento, tra l’altro, non consentito neanche per uso personale durante il servizio. Auspichiamo e chiediamo una giusta rettifica, così da poter evidenziare meritata nitidezza alla Polizia Penitenziaria”, conclude.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pa: Cgil Cisl Uil Fp, basta attacchi pretestuosi, siamo responsabili

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

“Basta attacchi pretestuosi: siamo responsabili. Il Governo piuttosto apra al confronto con noi”. Così i segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa, Serena Sorrentino, Maurizio Petriccioli, Michelangelo Librandi e Nicola Turco, in merito alle reazioni suscitate dalla proclamazione dello sciopero della Pa per il prossimo 9 dicembre.“Siamo sottoposti alla legge che regola lo sciopero nei servizi essenziali – affermano i quattro dirigenti sindacali -. Forse non tutti sanno, e tra questi la Ministra viste le sue dichiarazioni, che la legge tutela la necessaria continuità assistenziale, quindi non tutti possono scioperare quando si proclama uno sciopero nel settore pubblico. Ai cosiddetti contingenti minimi esclusi dalla legge, cioè il personale che viene precettato per garantire la continuità dei servizi ai cittadini, si sommeranno anche quelli che sono impegnati nell’emergenza Covid e che non faremo astenere dal lavoro, per cui la percentuale degli abilitati ad esercitare il diritto di sciopero si riduce.Il nostro obiettivo non è bloccare i servizi ma esprimere il nostro dissenso”.La ministra Dadone, proseguono i segretari delle categorie di Cgil, Cisl e Uil, “ha parlato di blocco del Paese esasperando i toni, per coprire la responsabilità della tensione sociale determinata dall’assenza di confronto con le categorie nonostante le nostre reiterate richieste. Quale datore di lavoro rinnova un contratto senza neanche un confronto con il sindacato? È una forzatura di retaggio populista semplificare la vertenza generale sul lavoro pubblico che abbiamo intrapreso da mesi, e che riguarda il piano straordinario di assunzioni, la sicurezza nei luoghi di lavoro e il rinnovo del contratto per tutti i settori pubblici, ovvero funzioni locali, sanità e funzione centrali, alla mera richiesta di più salario per gli ‘statali’, quasi a volerne dare un’accezione negativa”.Si tratta di lavoratori, precisano, “che hanno retribuzioni molto diverse e che sono tutt’altro che privilegiati, dai sanitari agli educativi, dalle forze dell’ordine ai lavoratori che in tutte le pubbliche amministrazioni svolgono una funzione essenziale. È proprio questa mancanza di rispetto che ha prodotto la rottura e di certo non è dipeso dal sindacato. Noi non ci fermeremo: non bloccheremo i servizi, assisteremo i cittadini, ma il 9 dicembre protesteremo anche con forme innovative che non compromettano il lavoro e i servizi ma faranno sapere al Governo che su assunzioni, sicurezza e contratti continueremo con le azioni programmate fino a che non ci saranno risposte”, concludono.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Recovery Fund: Serracchiani, delusione da premier sloveno Jansa

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

“La lettera del premier sloveno Jansa rappresenta una grande delusione: schiera la giovane Repubblica su un fronte innaturale, danneggia i cittadini sloveni colpiti duramente dalla pandemia, non è coerente con l’interconnessione economica fra la Slovenia e l’Italia, che è il secondo partner commerciale dopo la Germania. Auspico che il Governo sloveno, europeista per vocazione, saprà mettere gli interessi nazionali e comunitari prima delle alleanze sovraniste”. Lo afferma la deputata Debora Serracchiani (Pd), a proposito della lettera del primo ministro sloveno Janez Jansa al presidente del Consiglio europeo Charles Michel, con cui si schiera con Ungheria e Polonia nello scontro sul Recovery.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“I contagi nelle carceri italiane sono nuovamente in aumento”

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Secondo gli ultimi dati rilasciati poche ore fa dal DAP sono 758 i detenuti e 936 gli operatori risultati positivi al COVID19. Numeri che aumentano in mondo esponenziale, basti pensare che solo venerdì 638 detenuti e 885 operatori avevano contratto la malattia. Questi numeri meritano un’attenzione immediata affinché le carceri italiane non diventino un luogo collettivo di contagio”. E’ il commento di Luigi Iorio coordinatore della segreteria nazionale del Psi. “Secondo quanto riportato dalla UILPA (sindacato di polizia penitenziaria della UIL) – continua il dirigente socialista – a differenza di quanto accaduto a marzo, l’amministrazione penitenziaria si sta adoperando per fornire dispositivi di protezione individuale in numero adeguato e ha diramato importanti direttive per prevenire e isolare il contagio; tuttavia non basta per azzerare il rischio di un contagio totale della popolazione penitenziaria. Servono risposte immediate e strutturarli da parte del Governo nazionale in merito al sistema carcere. Come sempre affermato dai socialisti in questi mesi occorre: diminuire sensibilmente il numero dei detenuti per reati meno gravi, assunzioni seppur temporanee di agenti penitenziari e rafforzamento dei servizi sanitari in carcere (assunzioni di medici e aumento di terapie intensive). Il pianeta carcere costituito da detenuti, volontari, agenti penitenziari e dipendenti non può essere lasciato al suo destino” – conclude Iorio.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Indagine su favoreggiamento clandestini di origine tunisina”

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

“I dati forniti, questa mattina, dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese sull’aumento dei flussi migratori dall’inizio dell’anno con 32 mila arrivi, di cui oltre 12 mila tunisini, confermano che bisognerebbe aprire un’indagine per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, atteso che in Tunisia non c’è alcuna guerra”. Lo dichiara, in una nota, il Questore della Camera e membro della commissione Affari esteri Edmondo Cirielli: “E’ vergognoso non sanzionare il Governo tunisino che consente e non blocca tale fenomeno, nonostante sia beneficiario di abbondanti finanziamenti italiani che continua a ricevere da anni. Ma è il nostro Governo ad essere inadempiente con gli italiani e con l’Europa di Schengen, perché non difende le frontiere sovranazionali”. Poi Cirielli aggiunge: “Non dobbiamo stupirci, quindi, se Austria, Francia e Slovenia vogliono di chiudere le frontiere con la nostra Nazione. Per colpa delle politiche scellerate della maggioranza Pd-M5S, infatti, siamo indifesi al terrorismo, alla microcriminalità e anche al Covid-19, visto che un’alta percentuale di tunisini che arrivano in Italia risultano contagiati dal virus. Presenterò – conclude Cirielli – un’interrogazione parlamentare per sapere quali misure intende adottare in merito il ministro dell’Interno, oltre a portare il conto come un ragioniere dell’invasione incontrollata dei migranti, che il suo Governo continua a favorire mettendo in pericolo la sicurezza e la salute degli italiani”.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

”In Your Name”

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

E’ il Nuovo singolo e Video Dei Rhomanife, in uscita sabato 28 novembre alle 18,00. I Rhomanife lo pubblicheranno su tutti i canali social e su piattaforme musicali mondiali… Il brano ”In Your Name” è un invito alla fede nel Signore e nella verità che ci può rendere liberi, distaccandosi dalle cose del mondo e dai peccati che sono e si trasformano nelle nostre punizioni della vita… Agli ascoltatori resta sempre la scelta della strada da seguire nel proprio cuore… Il video è stato girato e montato da Vito Sfogo Lirico, ormai noto regista dalle mille sfacciettature artistiche. Il brano è stato realizzato, suonato e cantato da dieci musicisti della terra di Bari: Gianni Somma (voce e chitarra), Pino Di Taranto (basso), Filomena De Leo (voce), Antonella Lacasella (voce), Nicola Boccuzzi (chitarra), Cosimo Lagioia (tastiere), Francesco Bartoli (batteria), Lidia Bitetti (sax), Donny Balice (tromba) ed Eddy De Marco (trombone). Il master del brano è stato realizzato da Treble Antonio Petrachi presso il Treblestudio. I Rhomanife pertanto vi invitiamo ad iscrivervi al canale youtube Rhomanife band, commentare e condividere i video, per diffondere il messaggio d’amore e di salvezza, ai veri adoratori in spirito ed in verità. I Rhomanife sempre con amore per te.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il 25 novembre la Sanità sciopera

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2020

Ogni giorno che passa si dimostrano sempre più fondate le motivazioni dello sciopero della Sanità Pubblica, delle ASP e delle IPAB indetto da USB per mercoledì 25 novembre. E ogni giorno che passa conferma l’esigenza e l’urgenza di rappresentare la rabbia e l’amarezza degli operatori sanitari, sacrificati una volta di più sull’altare della lotta alla pandemia. È la cronaca a ribadire quotidianamente, in modo impietoso, la carenza di personale, la sofferenza degli ospedali non solo in termini di posti letto, l’inconsistenza della medicina territoriale. Tutto questo perché nei mesi in cui il virus è sembrato in ritirata non sono state fatte poche e semplici cose che avrebbero evitato al Servizio Sanitario Nazionale di precipitare nella drammatica condizione attuale. Sarebbero state sufficienti assunzioni stabili e massicce di personale, il potenziamento della medicina territoriale e delle attività di prevenzione e tracciamento, il recupero di posti letto. C’è stata, evidente, la mancanza di volontà politica di imprimere un cambio di passo, confermata dalla bozza della Legge di Bilancio 2021: aumenta il finanziamento del SSN destinato all’esecuzione dei tamponi da parte dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, si fanno contratti con i medici specializzandi e assunzioni di personale sanitario, ma tutto rigorosamente all’insegna della precarietà.Viene cioè colpevolmente e scientificamente prorogato il reclutamento di medici, infermieri e OSS con contratti di lavoro autonomo di durata non superiore ai sei mesi, una volta verificata l’impossibilità di attingere alle graduatorie concorsuali, ben sapendo che le graduatorie attive sono merce rara. Si vincola inoltre l’accesso al finanziamento integrativo del SSN alla sottoscrizione di accordi bilaterali fra regioni, orientati a eliminare la mobilità sanitaria. In pratica si impedisce a chi ne ha bisogno di curarsi nella maniera più appropriata. Dulcis in fundo, solamente briciole o addirittura nulla per il personale. Per gli infermieri è prevista una indennità complessiva lorda di 335 milioni di euro da destinarsi alla contrattazione collettiva. Considerando che gli infermieri e gli infermieri pediatrici della sanità pubblica sono circa 270.000, il riconoscimento sbandierato come una grande vittoria da parte dei sindacati corporativi infermieristici, ammonterà a circa 2 euro netti al giorno. L’ennesima beffa, un contentino a fronte di condizioni di lavoro inaccettabili.Va anche peggio per il resto del personale che, pur partecipando attivamente al contrasto della pandemia, in particolare OSS e Tecnici delle professioni sanitarie, non ha guadagnato sul campo nemmeno l’onore di una citazione. Il 25 novembre con il personale della Sanità sciopererà anche quello della Scuola, dei Servizi educativi e del Trasporto pubblico locale. Sono settori essenziali del servizio pubblico che, pur interagendo quotidianamente, non sono stati oggetto di una pianificazione integrata né sono stati messi in sicurezza, diventando ambiti di trasmissione del virus ed evidenziando nel corso della pandemia tutti i limiti della gestione affidata, in parte, ai privati e orientata al risparmio.Con lo sciopero del 25 novembre USB rivendica investimenti, assunzioni stabili, sicurezza e un nuovo ruolo dello Stato nella gestione dei Servizi Pubblici Essenziali.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »