Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 7 novembre 2019

Scossa di terremoto nell’Aquilano, avvertita anche a Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Una scossa di terremoto di magnitudo locale tra 4.4 e 4.9 è stata registrata alle ore 18:35 a Balsorano, nell’Aquilano. La scossa è stata avvertita anche nel territorio di Roma. Sono subito scattate le operazioni di verifica sul posto per accertare danni a persone ed edifici. Nella notte di ieri nella stessa località erano state avvertite altre due scosse di magnitudo 2,5 e 2,8, rispettivamente alle ore 01:13 e 04:39.
Balsorano, borgo nella Valle Roveto, vicino al confine con il Lazio, era stata quasi completamente distrutta dal devastante terremoto della Marsica del 1915 per essere poi ricostruita più a valle. (fonte Agi)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Solidarietà alla senatrice Lilliana Segre

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e l’associazione medici di origine straniera in Italia(Amsi) esprimono solidarietà alla senatrice Lilliana Segre invitando tutti, mondo politico, istituzioni, comunità e associazioni arabe ,musulmane ,ebraiche ,cristiane ,diaspore africane e di origine straniera ad unirsi per combattere insieme il razzismo e le discriminazioni razziali e religiose ,l’antisemetismo e l’islamofobia che sono patologie gravi che nascono da disagi sociali e pregiudizi storici e politici contro la diversità e le varie civiltà. cosi dichiara il fondatore dell’Amsi e Co-mai Foad Aodi nonché membro del Gdl Salute globale della Fnomceo con grande preoccupazione di questa ondata di attacchi a cittadini italiani di altre religioni o di altro colore.
Urge intervenire con azioni culturali e mediatiche concrete da parte del mondo politico oltre le solidarietà che non basta più visto la gravità della situazione e gli slogan discriminatori e razzisti che arrivano dagli stadi ,scuole ,università ,mondo del lavoro ,sui mezzi di trasporto pubblici e dai social e trasmissioni televisive ,sono in aumento del 40% nel 2019 le segnalazioni che arrivano al nostro sportello congiunto Amsi ,Co-mai e del Movimento Internazionale Transculturale Uniti per Unire.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Su antisemitismo parole ambasciata Israele danno ragione a FdI

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

“Inquietante la notizia che la senatrice Liliana Segre necessiti della scorta per le vigliacche minacce ricevute. A lei va tutta la solidarietà mia e di Fratelli d’Italia. La presidente della Comunità ebraica, Ruth Dureghello, ha ricordato che sono molti gli esponenti di spicco della comunità ebraica posti sotto scorta per i pericoli che corrono. Una situazione preoccupante che necessita di una presa di posizione netta senza reticenze e omertà, come accaduto fin ora. Come più volte segnalato da autorevoli studi, infatti, i pericoli principali per le comunità ebraiche italiane ed europee derivano, in prima battuta, dall’integralismo islamico, in secondo luogo da frange dell’estrema sinistra che hanno tramutato l’avversione per Israele in ostilità nei confronti degli ebrei, e in terza battuta dall’antisemitismo di estrema destra. In tale quadro risultano particolarmente significative le dichiarazioni dell’ambasciatore d’Israele in Italia, Dror Eydar, che in seguito alla notizia dell’assegnazione della scorta alla senatrice Segre, invita il governo italiano a recepire la definizione di antisemitismo dell’IHRA (Alleanza Internazionale per la memoria dell’Olocausto), che fa chiaro riferimento anche al pericolo derivante dall’integralismo religioso e dall’avversione allo stato d’Israele. Dichiarazioni che diventano macigni se si pensa che nelle tante pagine della mozione di istituzione della cosiddetta Commissione Segre, raccontata dai più come strumento di contrasto all’antisemitismo, non sono mai citate le parole ‘Israele’ e ‘integralismo islamico anti-ebraico’, anomalia che Fratelli d’Italia ha provato a correggere con due apposite mozioni purtroppo bocciate dal Senato. Auspichiamo ora che il Parlamento, anche in virtù di questo nuovo importante sollecito da parte dell’ambasciata israeliana, si convinca ad approvare una mozione che contrasti veramente tutti i fenomeni di antisemitismo, senza ideologici strabismi”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Giovanbattista Fazzolari, responsabile nazionale del programma di FdI.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aggressione Frecciarossa 9309

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Capriate San Gervasio. Dussmann Service è a conoscenza dell’increscioso episodio avvenuto sul treno 9309 (Torino – Roma) di cui si è reso protagonista un suo pulitore viaggiante. L’Azienda si dissocia senza riserve dal comportamento del dipendente: tutte le pratiche necessarie al suo licenziamento immediato sono già state avviate.La Società tiene a rendere noto che il dipendente non aveva precedenti per reati di tipo penale e che, prima di questo episodio, la sua condotta è sempre stata conforme ad ogni regolamento. La politica aziendale prevede continui corsi di formazione e aggiornamento, per garantire sempre rapporti ineccepibili tra personale e personale ferroviario, personale di altre Società e viaggiatori.Pertanto Dussmann Service condanna incondizionatamente la condotta del dipendente. Lo standard internazionale di certificazione SA 8000 garantisce l’assoluto rispetto dei principi promossi dall’Azienda e ne certifica l’indefesso impegno per un’osservanza senza riserve. Gruppo Dussmann impiega oltre 70.000 persone in 17 paesi. Dussmann Service fornisce l’intera gamma di servizi di facility: Pulizia, Catering, Sicurezza e Reception, Servizi Tecnici ed Energy Management. Nel 2018, il gruppo Dussmann a livello globale ha realizzato un fatturato oltre 2 miliardi di euro, di cui circa 507 Milioni a livello nazionale, che lo rende uno dei più grandi provider di multi-servizi privati di tutto il mondo.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incendio Pecora Elettrica

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Roma. “Distruggere i luoghi delle idee e della promozione della cultura, quali sono le librerie, è un atto vile e pericoloso per la democrazia, che non deve avere cittadinanza nel nostro Paese”. Così il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Ricardo Franco Levi ha commentato la notizia dell’incendio nella libreria-caffetteria “La Pecora Elettrica” di Roma, nel quartiere Centocelle. Il locale era già stato messo a fuoco nella notte tra il 24 e il 25 aprile e avrebbe dovuto riaprire oggi.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sicurezza a scuola: Ancora un crollo

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Scafati (Sa) Parla la ds Adriana Maria Loredana Miro dell’istituto d’istruzione superiore statale A. Pacinotti di Scafati: “Non possiamo da soli adempiere al compito della prevenzione dei rischi, poiché non siamo proprietari delle strutture e non disponiamo delle risorse necessarie a realizzare la manutenzione degli edifici. Il nostro ruolo è quello di garantire il diritto alla salute e all’istruzione per i nostri studenti”. Marcello Pacifico (Udir): Siamo con la dirigente, non è possibile affidare l’incolumità di studenti e lavoratori della scuola al caso, non è accaduta una tragedia solo per pura fatalità e certamente non va bene. Stiamo presentando un emendamento al disegno di legge di stabilità. Chiediamo alla politica di approvarlo.
È accaduto nell’ultimo fine settimana, prima insomma che riprendessero le attività didattiche dopo la lunga pausa dello scorso week-end. Ancora allarme sicurezza a scuola. Come riporta Il Mattino.  È stato il personale scolastico a lanciare l’allarme alla riapertura della scuola. In pratica, “una buona parte d’intonaco si era staccato da una gradinata della scala che dal primo piano dell’edificio conduce ai laboratori”. L’istituto è rimasto chiuso per consentire “ai tecnici della Provincia di Salerno (ente competente) di eseguire i lavori di messa in sicurezza dei vani scale e di procedere ad un controllo generale della struttura”. Udir ha fatto della questione sicurezza uno dei punti di forza della propria battaglia sindacale. Ha, infatti, rimarcato l’esistenza e l’urgenza del problema durante l’incontro che ha avuto al Miur, in seguito alla manifestazione a Roma, qualche giorno fa. La dirigente scolastica dell’istituto colpito dal crollo, Adriana Maria Loredana Miro, che è socia Udir, ha rilasciato una sua dichiarazione, che riportiamo di seguito.
“Al rientro dal ponte di Ognissanti – afferma la dirigente scolastica Miro – dopo i giorni di maltempo, alunni e docenti del Pacinotti di Scafati hanno rinvenuto un intero costone di intonaco che si era staccato dal vano delle scale poste tra il piano terra e il primo piano dell’Istituto, con calcinacci riversati sulle scale sottostanti. Fortunatamente il cedimento è avvenuto quando l’Istituto era chiuso”.
Siamo in pratica di fronte a un ulteriore episodio che mette in evidenza la manutenzione ormai inesistente e la presenza di edifici scolastici fatiscenti. “L’Istituto infatti – continua la ds – costruito da più di 50 anni è stato oggetto solo ultimamente di lavori di ristrutturazione, grazie a un FESR che si è aggiudicato alcuni anni fa. Lo stesso è destinatario di una cifra di 5 milioni di euro, che verrà utilizzata per lavori strutturali, sulla scorta dei quali potrà ottenere le certificazioni richieste per essere a norma. Solo ora si sta espletando la gara per l’appalto in provincia e sicuramente i tempi non saranno brevi. Nel frattempo la provincia di Salerno rimane sorda alle richieste che da anni vengono puntualmente effettuate per sopralluoghi e lavori di manutenzione, nascondendosi dietro la promessa di lavori da effettuare con i 5 milioni di euro. Noi dd.ss. non intendiamo più essere individuati come responsabili di quanto possa avvenire agli edifici in assenza di interventi di messa in sicurezza da parte di enti territoriali competenti. Non siamo nelle condizioni oggettive di adempiere, da soli, al compito della prevenzione dei rischi, in quanto non siamo proprietari delle strutture e non disponiamo delle risorse necessarie a realizzare la manutenzione degli edifici. Il nostro ruolo è quello di garantire il diritto alla salute e all’istruzione per i nostri studenti”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Stati Uniti d’Europa. Trump vuole che l’Italia esca dall’Ue. Non conviene

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Ci ha provato prima con il Regno Unito e, pochi giorni fa, anche con l’Italia. E’ il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha dichiarato: “L’Italia è un altro Paese che starebbe molto meglio senza la Ue”, promettendo vantaggi commerciali. I dati smentiscono il presidente Trump. Vediamo:
Valore delle esportazioni italiane nel Mondo: 462 miliardi.
Valore delle esportazioni italiane verso la Ue: 260 miliardi.
Valore delle esportazioni italiane verso gli USA: 42 miliardi.
Quindi, le esportazioni italiane verso gli Usa rappresentano solo il 9% delle nostre esportazioni nel Mondo, mentre le esportazioni italiane verso la Ue ne rappresentano ben il 56%. La principale voce delle esportazioni italiane sono i macchinari, siamo, cioè, un Paese “metalmeccanico”. E’ di tutta evidenza che all’Italia conviene rimanere nella Ue.Fuori dalla Ue, l’Italia si troverebbe il muro dei dazi alzati dai Paesi europei, il cui valore sarebbe complessivamente superiore a quelli posti dagli Usa.Fuori dalla Ue, l’Italia si troverebbe schiacciata tra due colossi economici: quello americano e quello cinese, che rappresentano rispettivamente il 24% e il 16% del prodotto interno lordo mondiale. L’Italia con il suo 2,4% del Pil mondiale farebbe la fine del vaso di coccio tra quelli di ferro: una catastrofe per i cittadini italiani.Ricordiamo che il Pil complessivo della Ue è del 21%, secondo agli Usa e prima della Cina, e che, solo muovendoci come Ue, possiamo confrontarci con questi due giganti economici.Eppure, prima delle elezioni nazionali, Lega e M5s volevano uscire dalla Ue. Ora il M5s ci ha ripensato, la Lega, invece, ondeggia tra dichiarazioni favorevoli alla Ue la mattina, e quelle contrarie la sera. Sempre a caccia di voti.E’ necessario, quindi, proseguire nella integrazione europea, per arrivare alla stessa politica estera, fiscale e militare. Insomma, occorrono gli Stati Uniti d’Europa. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libro: Le sette morti di Evelyn Hardcastle

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Blackheath House è una maestosa residenza di campagna cinta da migliaia di acri di foresta, una tenuta enorme che, nelle sue sale dagli stucchi sbrecciati dal tempo, è pronta ad accogliere gli invitati al ballo in maschera indetto da Lord Peter e Lady Helena Hardcastle. Gli ospiti sono membri dell’alta società, ufficiali, banchieri, medici ai quali è ben nota la tenuta degli Hardcastle. Diciannove anni prima erano tutti presenti al ricevimento in cui un tragico evento – la morte del giovane Thomas Hardcastle – ha segnato la storia della famiglia e della loro residenza, condannando entrambe a un inesorabile declino. Ora sono accorsi attratti dalla singolare circostanza di ritrovarsi di nuovo insieme, dalle sorprese promesse da Lord Peter per la serata, dai costumi bizzarri da indossare, dai fuochi d’artificio.
Alle undici della sera, tuttavia, la morte torna a gettare i suoi dadi a Blackheath House. Nell’attimo in cui esplodono nell’aria i preannunciati fuochi d’artificio, Evelyn, la giovane e bella figlia di Lord Peter e Lady Helena, scivola lentamente nell’acqua del laghetto che orna il giardino antistante la casa. Morta, per un colpo di pistola al ventre.
Un tragico decesso che non pone fine alle crudeli sorprese della festa. L’invito al ballo si rivela un gioco spietato, una trappola inaspettata per i convenuti a Blackheath House e per uno di loro in particolare: Aiden Bishop. Evelyn Hardcastle non morirà, infatti, una volta sola. Finché Aiden non risolverà il mistero della sua morte, la scena della caduta nell’acqua si ripeterà, incessantemente, giorno dopo giorno. E ogni volta si concluderà con il fatidico colpo di pistola. La sola via per porre fine a questo tragico gioco è identificare l’assassino. Ma, al sorgere di ogni nuovo giorno, Aiden si sveglia nel corpo di un ospite differente. E qualcuno è determinato a impedirgli di fuggire da Blackheath House…
Accolto dall’entusiasmo della critica al suo apparire, vincitore del Costa First Novel Award, Le sette morti di Evelyn Hardcastle è, come ha scritto il Financial Times, «qualcosa in cui il lettore non si è mai imbattuto fino ad ora», un romanzo geniale in cui Agatha Christie incontra Black Mirror.
Stuart Turton si è laureato in filosofia, ha lavorato in una libreria di Darwin, insegnato inglese a Shanghai, collaborato per una rivista di tecnologia a Londra, scritto articoli di viaggio a Dubai. Ora è un giornalista freelance e, dopo Le sette morti di Evelyn Hardcastle, il suo primo romanzo, uno dei più acclamati scrittori inglesi.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il divario tra Nord e Sud Italia non accenna a diminuire

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Interessa tutto il tessuto produttivo, agricoltura inclusa – dichiara il presidente nazionale Confeuro Andrea Michele Tiso. Il rapporto Svimez, presentato oggi a Roma, evidenzia una diminuzione del 2,7% del valore aggiunto dell’agricoltura al Sud nel 2018, contro un aumento nel Centro-Nord del 3,3%. Ma a preoccupare è soprattutto l’abbandono del Mezzogiorno da parte dei giovani: dall’inizio del secolo ben 2 milioni e 15 mila residenti, la metà giovani fino ai 34 anni, quasi un quinto laureati, hanno scelto di andare altrove per costruire il proprio futuro.Senza il contributo delle nuove generazioni, diventa difficile pensare a un rilancio dell’agricoltura del nostro Mezzogiorno – continua Tiso. I dati mostrano con chiarezza la necessità di stimolare la crescita del Sud attraverso misure che vadano oltre l’assistenzialismo per promuovere lo sviluppo a lungo termine, come per esempio un accesso più agevole al credito per le piccole e medie aziende agricole e finanziamenti mirati. Per includere le nuove generazioni è necessaria un’azione a tutti i livelli: una nuova Pac incisiva integrata da misure adeguate a livello nazionale, come per esempio norme più flessibili in materia di fiscalità e successioni per migliorare l’accesso dei giovani. Se si vuole puntare sull’agricoltura per far ripartire il Sud, non va poi dimenticato un altro gap: quello che distanzia la produttività del lavoro del settore primario dagli altri settori. Finché questo divario persiste, le nuove generazioni sceglieranno lavori con maggiore retribuzione e sarà difficile contrastare l’abbandono dei territori a vocazione agricola.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorso europeo “I giovani e le scienze”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Si tratta della 32a edizione dell’European Union Contest for Young Scientists della Direzione generale Ricerca della Commissione europea. “Possono concorrere singolarmente o in gruppo di non più di tre gli allievi delle scuole superiori”, specifica Alberto Pieri, segretario generale della FAST- Federazione delle associazioni scientifiche e tecniche, che da sempre organizza la manifestazione italiana del prestigioso concorso. “E’ l’unico contest voluto sia dal Parlamento europeo, dalla Commissione europea e dal Consiglio, sia dai Governi degli stati membri; consente di vincere premi quali settemila euro per le proprie invenzioni e/o ricerche e di essere scelti per poter accedere a iniziative, concorsi internazionali, borse di studio e viaggi ed entrare nel Forum dei Giovani scienziati al quale aderiscono i partecipanti di tutte le edizioni della competizione.
La scadenza entro cui si possono inviare alla FAST i moduli e candidarsi è il 24 gennaio 2020. La giuria internazionale di esperti seleziona i migliori progetti dei neoleonardo italiani 2020; questi concorrono con loro stand e invenzioni nell’esposizione aperta a pubblico e gratuita dal 7 al 9 marzo 2020 a Milano in p.le Morandi 2.
I vincitori possono partecipare agli eventi internazionali collegati all’iniziativa della Commissione europea e previsti da maggio 2020 ad aprile 2021.Per consultare/scaricare il bando: http://www.fast.mi.it/gs2020/gs2020.htm

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto Svimez: Confermato il disimpegno su Scuola e Istruzione

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Gli investimenti per la Scuola e l’Università si confermano in calo, soprattutto al Sud: lo dice, chiaramente, il rapporto Svimez 2019 sull’economia e la società del Mezzogiorno, presentato oggi a Montecitorio, a Roma, proprio nelle ore in cui la manovra inizia al Senato il suo percorso parlamentare. Istruzione, Innovazione, Ambiente e Lavoro risultano tra le priorità emerse dal Rapporto nazionale, con il dato sulla formazione dei giovani che risulta ormai collocato stabilmente tra i comparti che riservano risparmi pubblici. Marcello Pacifico, presidente Anief, rivendica “organici aggiuntivi per gli istituti collocati in zone ad alto rischio dispersione scolastica, l’eliminazione delle classi pollaio, ad iniziare da quelle con alunni disabili e con problemi di apprendimento. Laddove gli enti locali e i territori non danno alcuna spinta agli istituti scolastici, è indispensabile che nella scuola si agisca introducendo propri anticorpi, come gli organici maggiorati, anche di personale Ata che in condizioni sempre più sottodimensionate svolge un prezioso lavoro di raccordo e di sorveglianza, il ritorno delle compresenze, l’ampliamento del tempo pieno, l’eliminazione dell’organico di fatto e la riduzione del numero di alunni per classe. Si deve poi prevedere, inoltre, uno stanziamento di risorse straordinarie, anche per favorire l’orientamento, considerando il sempre troppo alto numero di abbandoni precoci dei banchi. Sono tutte disposizioni che necessitano di investimenti corposi e non di certo dei tagli al settore previsti fino al 2035”. Sulla scuola non ci sono inversioni di tendenza: scorrendo i dati forniti oggi attraverso la ricerca annuale dello Svimez, risulta che in Italia la spesa per l’istruzione si riduce con una flessione del 15% a livello nazionale, di cui il 19% nel Mezzogiorno e il 13% nel Centro-Nord. Nel Mezzogiorno solo poco più di 3 diplomati e 4 laureati su 10 sono occupati da uno a tre anni dopo aver conseguito il titolo. Prosegue l’abbandono scolastico, nel 2018 gli early leavers meridionali erano il 18,8% a fronte dell’11,7% delle regioni del Centro-Nord. Per di più al Sud il 56% delle scuole ha bisogno di manutenzione urgente. Il rapporto Svimez, quindi, è un altro ulteriore tassello che conferma i passi indietro degli ultimi Governi sull’istruzione nazionale. Passi che hanno già avuto i loro importanti negativi effetti sulle scuole più esposte alle difficoltà, ad iniziare da quelle territoriali: laddove vi è carenza di agenti culturali, soprattutto al Sud, le competenze degli alunni risultano decisamente indietro, come certificato dai dati Invalsi, pubblicati ad inizio estate. Una tendenza sulla quale pesano anche il numero eccessivo di alunni per classe, che quando superiore ai 22-23 o ai 20, in caso di presenza di alunni disabili, non permette all’insegnante di incidere con alta efficacia nella formazione, la bassa presenza di tempo pieno, l’alto numero di docenti precari, in particolare di sostegno, e la scarsità di risorse umane, in organico, indispensabili per attuare la didattica con successo in determinate condizioni.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Finanziamento di strumenti diagnostici per gli ambulatori dei medici di famiglia

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

“Giudichiamo positivamente la proposta del Ministro della Salute Roberto Speranza sul finanziamento di strumenti diagnostici per gli ambulatori dei medici di famiglia. Consideriamo questa decisione un passo avanti verso la costituzione di un vero team delle cure primarie che sia in grado di effettuare una presa in carico avanzata e onnicomprensiva dei bisogni della popolazione italiana. Si tratta di una delle priorità nella riorganizzazione del nostro sistema sanitario ed è necessaria soprattutto per il sempre crescente numero di pazienti colpiti da patologie croniche”. E’ quanto dichiara il dott. Claudio Cricelli, Presidente Nazionale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG). “Abbiamo già configurato gli obiettivi della presa in carico che presenteremo in maniera estesa durante il prossimo congresso SIMG di fine novembre – aggiunge Cricelli -. A questo percorso si affianca la scuola di medicina pratica SIMG Lab che è avviata a livello nazionale. Con le sue 20 postazioni sarà attiva per l’intera durata del nostro congresso e abbiamo già avuto oltre 2.500 iscrizioni ai corsi diagnostici”. “La SIMG – prosegue il Presidente SIMG – ha configurato per la prima volta il pacchetto integrato diagnostico alla fine degli anni 80. Oggi offriamo, alla professione medica, l’opportunità di sviluppare un percorso integrato che risponda alle proposte del Ministro Speranza che sono in linea con le esigenze della popolazione di questo Paese”. “La nostra Società Scientifica si sta impegnando sempre più per migliorare la formazione e l’addestramento dei medici di famiglia sugli esami diagnostici che possono essere eseguiti direttamente nei nostri ambulatori – conclude Cricelli -. Da febbraio 2020 estenderemo programmi di formazione specifici a tutte le 124 sezioni periferiche della SIMG. Grazie anche alla collaborazione di altre associazioni della medicina generale offriremo un percorso completo, associato ad una offerta di servizi e di strumentazione diagnostica adeguata”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

B&B: La settimana del baratto

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Si avvicina il consueto appuntamento annuale organizzato da http://www.Bed-and-Breakfast.it: dal 18 al 24 novembre, i B&B italiani affiliati al portale aderenti all’iniziativa offrono un soggiorno gratuito in cambio di beni e servizi, come succede ormai da 11 anni nel corso della terza settimana del mese di novembre.Nell’undicesimo compleanno della Settimana del Baratto si conferma e consolida la pratica dello scambio associata al piacere del viaggio e di alloggio in strutture familiari, tutte presenti sul sito http://www.SettimanadelBaratto.it. In questo luogo virtuale domanda e offerta si incrociano, si contratta e infine ci si accorda: questo è cioè il punto d’incontro tra i viaggiatori e i gestori dei bed and breakfast. I primi si propongono per attività manuali, creative e didattiche, oppure offrono beni propri, in cambio di un pernottamento, mentre i secondi pubblicano i loro desideri mettendo a disposizione gratuitamente la propria ospitalità. E anche quest’anno, man mano che le adesioni dei B&B aumentano, la fantasia sembra non avere limite…Qualche esempio? A Stella, in provincia di Savona, il B&B Pin de Stèlle propone un soggiorno gratis in cambio di qualcuno che predisponga una cena o un apericena vegano con cuoco professionista o anche un mini corso di cucina salutista. In alternativa va bene anche un un intervento di esperti della divinazione attraverso la sfera di cristallo. A Colle Val d’Elsa, sulle dolci colline senesi, i gestori del Podere Fonternaccia cercano qualcuno che si occupi di fare delle ricerche catastali per scoprire le origini della loro casa. Il B&B “La Gatta Blu” di Cattolica, in provincia di Rimini, baratta ospitalità con concerti da tenersi presso la struttura stessa: vanno bene musicisti sia italiani che stranieri. Pernotto e colazione gratuiti anche al B&B Books&Bikes, a Buja (Udine): basta confezionare delle lenzuola ricamate e concordare lo scambio. Chi volesse fare, invece, una capatina nella Capitale soggiornando gratis, il B&B “A casa di Lia” di Roma, cerca un antico timone di veliero, stile piratesco, o delle riprese della struttura con drone, oppure un telescopio o ancora la presenza di Keanu Reeves. Esatto, chi porterà Keanu Reeves ospite potrà soggiornare gratis.Da nord a sud, centinaia di bed and breakfast sono pronti all’accoglienza dei viaggiatori, che non dovranno spendere denaro per scoprire o conoscere meglio angoli d’Italia. E per chi volesse varcare i confini della Penisola, sempre dal 18 al 24 novembre si svolge anche la Barter Week, spin-off internazionale dell’evento nostrano, a cui partecipano i B&B sparsi in 64 paesi di tutto il globo.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pino Masciari: Candidato alla Presidenza della Regione Calabria? No, grazie! Mancanza di condizioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Da diversi giorni leggo sulla stampa il mio nome quale possibile candidato alla Presidenza della Regione Calabria, e ciò soprattutto a seguito delle centinaia di manifestazioni di stima che mi giungono da attivisti M5S, Meet-up e parlamentari di ogni provincia della mia amata Regione (e non solo), i quali, assieme a gran parte della società civile, sostengono la mia candidatura.Ringrazio tutti per questo attestato di stima e apprezzamento, segno che in questi anni le mie battaglie per la legalità e la mia integrità contro il sistema criminale hanno lasciato il segno in molti cuori dei cittadini calabresi.Tuttavia il colpevole ritardo e l’immobilismo di una certa politica non fa il bene della Calabria e dei calabresi e non mi consente di prendere in considerazione il mio possibile contributo diretto come candidato a governatore.Mi rammarica solo il pensiero che la questione della Calabria non sia considerata con la determinazione che merita, quale questione basilare per il rilancio del nostro Paese.La Calabria ha bisogno di una rivoluzione culturale e di un ampio progetto pensato e condiviso nei dettagli, non raffazzonato in extremis in presenza di idee non chiare sino all’ultimo, sia in termini di coalizione che di candidati.Una sfida del genere richiede tempo, i calabresi meritano ascolto e tempo al fine di renderli tutti il più possibile partecipi del cambiamento.La Calabria e i calabresi meritano persone che con “amore e dedizione” lavorano per il bene del territorio e dei suoi cittadini.Continuerò a dare il mio contributo nella società civile come da anni con soddisfazione sto facendo e mi dichiaro sempre a fianco di tutti coloro, in particolare giovani ed imprenditori, che con onestà e sacrificio lottano ogni giorno contro il giogo del sistema mafioso.Del resto la legalità non ha colore politico, ma va professata ed attuata ogni giorno, nel vivere civile, in mezzo alla gente; se i futuri “governatori” capiranno questo, forse la Calabria avrà ancora speranza. (n.r. Le parole di Masciari fotografano un’amara situazione in quanto si deve prendere atto che la politica ancora più del passato non è in grado di fare l’apri pista per la rigenerazione del sistema paese. Ed è una “falla” che può diventare mortale alla stessa democrazia. E’ che la lotta alla legalità ha perso la sua naturale arma per avviare una necessaria stagione di cambiamenti. Gli uomini e le donne migliori stanno abbandonando il campo scoraggiati da tanta grettezza che sta inquinando ogni cosa. Siamo davvero giunti ad un punto di non ritorno?)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Urbanistica: Al via fase transitoria per adeguamento Acru a nuove norme appalti

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Regolamentare e adeguare alle nuove norme sugli appalti pubblici il sistema della realizzazione delle opere pubbliche all’interno delle aree ex abusive da parte delle Associazioni consortili di recupero urbano (Acru). È l’obiettivo della delibera approvata dalla Giunta capitolina che punta alla revisione di un sistema complesso attraverso un atto che permetta la gestione della fase transitoria in modo da garantire l’attuazione di tutte le opere attese dai territori e già approvate. Lavori che quindi saranno comunque realizzati dalle Acru che dovranno costituirsi come veri e propri soggetti che portano in attuazione interventi pubblici per conto dell’amministrazione comunale, soggetti giuridici riconosciuti e non più semplici associazioni.Si tratta della prima di due delibere che andrà a definire complessivamente il tema. A breve infatti verrà approvato il provvedimento che porterà ad una nuova riperimetrazione e ripianificazione delle aree ex abusive i cui strumenti urbanistici sono decaduti. Nelle fasi di attuazione i Municipi avranno un ruolo centrale nell’individuazione delle opere pubbliche prioritarie da realizzare. “La proposta di delibera sulle Acru, approvata in questi giorni dalla Giunta capitolina, prende le mosse da un ordine del giorno, a mia prima firma, approvato in Aula Giulio Cesare all’unanimità nel marzo 2017. Con quell’atto si chiedeva di attualizzare lo strumento dei consorzi di recupero urbano, stabilendo regole precise, a cui le associazioni consortili devono attenersi nel rispetto del nuovo codice degli appalti, e improntate a criteri di totale trasparenza del loro operato e di maggiore partecipazione e coinvolgimento dei cittadini e dei Municipi nelle scelte delle opere da realizzare. Accogliamo dunque con favore questa prima delibera che segna l’avvio di un nuovo percorso per i consorzi e dà impulso alla realizzazione di progetti già approvati che porteranno finalmente opere essenziali come strade, fogne, illuminazione e servizi necessari allo sviluppo delle zone più periferiche della città. Ora ci aspettiamo che arrivi presto anche la seconda delle due delibere previste per il riordino generale di questo settore, essendo entrambe attese da tempo dai territori”, dichiara la presidente della Commissione Urbanistica Donatella Iorio.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Crollata del 70% la produzione delle api

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Le api non stanno bene e questa è una cattiva notizia per tutti. I cambiamenti climatici che comportano fortissime piogge concentrate nel tempo, seguite a lunghi periodi di siccità, hanno causato a un forte calo della produzione di miele in tutta Europa. E l’Italia, purtroppo, non è da meno. Anche il tradizionale concorso dei mieli cremonesi, giunto alla 15° edizione, vede le ripercussioni di questa situazione. «Le nostre api quest’anno hanno prodotto molto meno miele – spiega Esterina Mariotti, presidente dell’Associazione produttori apistici cremonesi -. Nel 2019 c’è stato un crollo del 70% della produzione». I suoi associati sono 150 e in totale, quest’anno, sono stati prodotti circa 40 mila kg di miele.La premiazione del 15° concorso dei mieli cremonesi, organizzato in collaborazione con Camera di Commercio di Cremona, Strada del Gusto Cremonese e la squadra degli assaggiatori dell’Associazione lombarda apicoltori si svolgerà sabato 9 novembre presso Il BonTà, il Salone delle eccellenze enogastronimiche dei territori, dal 9 al 12 Novembre presso gli spazi espositivi di CremonaFiere. Il concorso mieli cremonesi ha un compito tecnico che riguarda la formazione degli apicoltori attraverso le schede di valutazione e gli assaggi. Ogni apicoltore può capire dai successi o dagli errori degli assaggi cosa può fare per ottenere un miele migliore. «Ma questo concorso vuole anche sensibilizzare i non apicoltori alle tematiche ambientali – aggiunge la presidente Esterina Mariotti – visto che l’ape è un indicatore dello stato di salute del territorio. Se le api vivono bene in un luogo, in esso vivremo bene anche noi». i trattamenti sui tigli vanno fatti con prodotti non tossici per le api e in generale bisogna promuovere l’utilizzo di prodotti a basso impatto ambientale, così da preservare il territorio vivibile per tutti.L’associazione si propone di fare cultura del territorio attraverso il suo prodotto più dolce: il miele. Ogni miele però è diverso dall’altro ed esprime l’essenza e il carattere del territorio di provenienza. E’ quindi fondamentale la collaborazione dei sindaci dei comuni degli apicoltori premiati. Il territorio è fondamentale per le api e se esso non è gestito con criterio potremmo dover dire addio in primis alle nostre api, poi ad una grande varietà di ricchezza vegetale. Il calo della produzione di miele ha avuto ripercussioni anche sul concorso. Rispetto ai 150 mieli presenti lo scorso anni, quest’anno quelli in concorso saranno “solo” 70. E proprio per questo, i campioni presenti in fiera saranno soprattutto mieli millefiori. L’anno scorso Il BonTà – Salone delle Eccellenze Enogastronomiche dei Territori ha portato a Cremona più di 30 mila visitatori. Dal 9 al 12 novembre saranno in mostra 2.000 prodotti artigianali dei territori. Il Salone dedicato ai sapori autentici e al cibo di alta qualità è un evento unico in cui l’eccellenza enogastronomica dei prodotti tipici dei territori, unita all’educazione alimentare e alle nuove esigenze del mercato, incontra l’interesse dei consumatori e degli operatori del settore. Una particolare attenzione verrà dedicata proprio a quest’ultimi, che potranno individuare le migliori attrezzature professionali per le loro attività. Il salone comprende anche uno spazio dedicato ai professionisti della ristorazione. Si chiama BonTà Professional e permette di toccare con mano il meglio delle attrezzature professionali per realizzare piatti gustosi e innovativi prestando attenzione a igiene, praticità e riduzione degli sprechi. Terzo filone della manifestazione è quello dedicato alla birra: Special Beer Expo. Qui le specialità birraie dei territori incontrano professionisti e appassionati del mondo della birra, creando il contesto ideale per scoprire abbinamenti originali, tendenze innovative e per confrontarsi sulle ultime novità in tema di somministrazione e consumazione delle birre speciali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Seminari di Europa” giornata di studi sulla tolleranza

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Parma Martedì 12 novembre, dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 18.30 presso l’Auditorium di Palazzo del Governatore (Piazza Garibaldi) ospiterà la giornata di studi sul tema della tolleranza, resa possibile dalla collaborazione tra Università di Parma, ISMEO – Associazione Internazionale di Studi sul Mediterraneo e l’Oriente (Progetto MIUR Studi e ricerche sulle culture dell’Asia e dell’Africa), IPOCAN – Istituto per l’Oriente Carlo Alfonso Nallino e GCSS – Giunta Centrale per gli Studi Storici.La giornata sarà aperta dai saluti del Rettore dell’Università di Parma Paolo Andrei, dall’Assessore alla Cultura del Comune di Parma Michele Guerra, del Direttore del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali – DUSIC Diego Saglia e della Coordinatrice dell’Unità di Storia del Dipartimento DUSIC Elena Bonora. L’apertura dei lavori sarà affidata ad Alessandro Pagliara, docente di Storia romana all’Università di Parma e responsabile organizzativo dei Seminari di Europa.Il convegno, a cura di Alessandro Pagliara (Università di Parma) e Adriano Valerio Rossi (ISMEO), sarà articolato in due sessioni: quella mattutina sarà dedicata al tema della tolleranza nel mondo greco e romano tra antico e tardoantico (con uno sguardo alla ricezione di tematiche antiche in epoca moderna); la sessione pomeridiana sarà invece incentrata sull’Oriente, con relazioni che indagheranno le nozioni di tolleranza e intolleranza nel mondo islamico, nella Cina antica, in Georgia e Iran.La sessione mattutina, presieduta da Domenico Vera (Università di Parma), sarà caratterizzata dagli interventi di Maria Teresa Schettino (Universités de Haute-Alsace et de Strasbourg, UMR Archimède, “Carthago delenda est”: l’intolleranza estrema in guerra?), di Tommaso Gnoli (Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, L’intolleranza di un grande intellettuale: il pagano Libanio e il Cristianesimo), di Fabrizio Oppedisano (Scuola Normale Superiore, Pisa, Il laboratorio di un re visionario: Teoderico e l’Italia romano-ostrogota), di Luca Iori (Università di Parma, Democrazia e tolleranza: l’Epitafio di Pericle e i suoi interpreti ottocenteschi).Nella sessione pomeridiana, presieduta da Tommaso Gnoli (Alma Mater Studiorum, Università di Bologna), si succederanno le relazioni di Claudio Lo Jacono (IPOCAN – Istituto per l’Oriente Carlo Alfonso Nallino, Roma, Tolleranza e intolleranza islamica verso il Cristianesimo), di Maurizio Scarpari (Università Ca’ Foscari, Venezia, Intolleranza etnica e assimilazione nella Cina antica), di Gaga Shurgaia (L’Orientale, Università degli Studi di Napoli, I volti della tolleranza nel regno di Davit IV il Ricostruttore 1089-1125).Dopo la discussione generale, le conclusioni saranno affidate ad Adriano Valerio Rossi, docente di Filologia Iranica all’Orientale, Università degli Studi di Napoli e Presidente di ISMEO – Associazione Internazionale di Studi sul Mediterraneo e l’Oriente.I Seminari di Europa sono organizzati dall’Università di Parma (Dipartimento DUSIC – Unità di Storia e CUCI – Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale ) con il Comune di Parma (Assessorato alla Cultura), in collaborazione con la Giunta Centrale per gli Studi Storici di Roma, l’Ufficio Scolastico provinciale di Parma e Piacenza, la Fondazione Collegio Europeo, la Scuola per l’Europa, il Liceo Scientifico “Marconi” e il Polo Scolastico Agro-Industriale di Parma, e sono realizzati con il contributo della Fondazione Cariparma.
Il secondo ciclo dei “Seminari di Europa”, intitolato “Variazioni sul tema della Tolleranza”, è parte di Facciamo Conoscenza – L’Università per Parma 2020, la rassegna delle attività con cui l’Università di Parma contribuisce alle celebrazioni per Parma Capitale Italiana della Cultura 2020.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gare bandite dalle pubbliche amministrazioni

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

Ha superato quota 1000 – per un valore di 5 miliardi di euro – il numero di gare bandite dalle pubbliche amministrazioni nel corso 2019, utilizzando per i propri acquisti autonomi la piattaforma di eProcurement (cd. Gare in ASP – Application service provider) messa a disposizione dal Programma di razionalizzazione della spesa pubblica, gestito da Consip per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanze.Il risultato segna una crescita rilevante (+700%) rispetto al 2018, anno di avvio del sistema, quando le gare bandite in tutto l’anno sono state 124 (per un valore complessivo di 587 milioni di euro), a confermare l’elevato gradimento delle amministrazioni verso uno strumento che consente di ottenere grande efficienza e personalizzazione dell’acquisto.La composizione delle oltre 1000 gare evidenzia che:
l’83% è stato bandito da Amministrazioni centrali e il restante 17% da Amministrazioni territoriali e Soggetti aggregatori
il 60% sono state procedure aperte, di cui quasi l’80% aggiudicate con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Queste ultime rappresentano il 77% del valore complessivamente bandito, pari a oltre 3,8 miliardi di euro.
Tra le amministrazioni che hanno utilizzato maggiormente la piattaforma ci sono i Ministeri dell’Interno e della Difesa, l’Inail, ma anche amministrazioni locali quali l’Azienda regionale per l’informatica e la telematica (Regione Abruzzo), l’Azienda provinciale sanitaria di Ragusa, e università quali la Federico II di Napoli.
Dichiara l’Amministratore delegato di Consip, Cristiano Cannarsa: “Oltre 1000 gare in soli 10 mesi è il risultato del grande lavoro di Consip, costruito negli ultimi 2 anni, per rafforzare e promuovere una soluzione di acquisto efficace, tecnologicamente avanzata e ad alta personalizzazione. Ma non solo, il ricorso alla piattaforma di eProcurement per acquisti autonomi delle amministrazioni permette anche il pieno rispetto gli obblighi di legge e rappresenta una misura di grande efficienza amministrativa nell’uso delle risorse pubbliche”.Consip, attraverso la disponibilità a titolo gratuito della piattaforma di negoziazione, supporta:
le amministrazioni nel rispettare le prescrizioni del Codice degli appalti – che prevede per tutta la PA, a partire dal 18 ottobre 2018, di eseguire comunicazioni e scambi di informazioni nelle procedure d’appalto utilizzando mezzi di comunicazione elettronici
i “Soggetti aggregatori”, ovvero le 32 centrali di committenza individuate con albo ANAC, nel presidio delle merceologie per le quali, oltre determinate soglie, le amministrazioni possono approvvigionarsi solo attraverso gli strumenti messi a disposizione dagli stessi Soggetti aggregatori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuole in emergenza: Mancano 60 mila collaboratori scolastici

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

I fatti di cronaca e la recente disgrazia del bambino morto a Milano cadendo dalla tromba delle scale dell’Istituto Pirelli, hanno messo in evidenza anche per l’ex responsabile scuola di Forza Italia, Elena Centemero, il problema degli organici del personale Ata, nettamente inferiori al fabbisogno e lontani dai quei requisiti minimi anche per i servizi di sorveglianza degli studenti. Pacifico: coi tagli si mettere in dubbio la sicurezza. Le nuove tecnologie non possono sostituire le persone come in un’azienda per realizzare risparmi. Bisogna partire dal ripristinare gli organici tagliati dieci anni faLa scarsità di collaboratori scolastici nelle scuole sta diventando un problema serio: a renderlo tangibile, dopo che l’Anief da anni rileva la grave assenza venutasi a determinare a seguito della Legge 133 del 2008 che ha soppresso quasi 50 mila posti di cui 47mila in meno in un solo triennio, pari a quasi il 20% dell’intero organico, è stata la drammatica morte dell’alunno di cinque anni caduto pochi giorni fa nella tromba delle scale della sua scuola di Milano: una terribile circostanza che ha messo in evidenza come il tema della sicurezza e della culpa in vigilando, con i dirigenti costretti anche a mandare a turno gli alunni al bagno, come deciso di recente nell’Istituto Comprensivo “Calcedonia” di Salerno, sia stato messo da parte dal decisore politico per mere ragioni di finanza pubblica.
Elena Centemero, preside all’Istituto Vanoni di Vimercate, già responsabile Scuola di Forza Italia, ha detto a Repubblica che “tenere bambini e ragazzi in aula non è un bene, ma siamo tutti sotto organico. Nelle scuole italiane mancano sessantamila collaboratori scolastici. Sto chiedendo la possibilità di utilizzare lavoratori socialmente utili ai piani”.Orizzonte Scuola ha ricordato che i dirigenti scolastici hanno protestato davanti al MIUR per denunciare che si sono verificati ottantottomila incidenti nelle scuole in un anno; hanno chiesto al viceministro Ascani 4 collaboratori in più in ogni scuola. Nelle scuole l’argomento è di stretta attualità e i dirigenti scolastici adottano provvedimenti diversi e fantasiosi fino ad arrivare alla decisione di istituire i turni per andare in bagno per gli alunni, solo se accompagnati dai collaboratori. I provvedimenti da attuare sono evidenti: la sicurezza è un’emergenza delle scuole, non si può più rimandare. A questo proposito, il Miur e i sindacati rappresentativi della categoria hanno sottoscritto un accordo, nel quale uno dei punti è proprio intervenire tempestivamente, nella Legge di Bilancio 2020, per la definizione di norme riguardanti la sicurezza nelle scuole coerenti con l’assetto delle responsabilità dei diversi soggetti coinvolti.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cerved Group lancia Cerved Money&GO

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 novembre 2019

E’ una piattaforma fintech di cessione del credito commerciale totalmente digitale realizzata sfruttando al meglio le tecnologie più innovative e un vastissimo ecosistema di dati.
Con Cerved Money&GO le imprese e i finanziatori potranno contare su un “data lake” unico, composto da dati ufficiali, come bilanci, visure, protesti, dati immobiliari, elenco dei soci; dati forniti da Cerved Payline, un database di esperienze di pagamenti commerciali; dati “open” come gare e finanziamenti pubblici e molti altri ancora ottenuti analizzando le pagine web, i siti aziendali, i social network.
Per l’elaborazione di tutte queste informazioni e per il supporto ai processi di gestione del rischio, la piattaforma adotta una serie di tecnologie advanced analytics di ultima generazione, come algoritmi di machine learning e motori di ricerca semantica, mettendo a frutto le riconosciute competenze del Gruppo in materia di valutazione e controllo di tutto il ciclo di vita del credito.
I crediti ceduti dalle imprese sono acquistati da una società veicolo finanziata tramite un programma di cartolarizzazione realizzato ai sensi della Legge 130/99. Banca IMI – Intesa Sanpaolo e Banca Finint hanno realizzato la cartolarizzazione.
La Direzione Legale di Cerved e lo studio legale Bonelli Erede hanno prestato assistenza legale per la realizzazione del progetto; Bonelli Erede ha agito altresì come Transaction Counsel della cartolarizzazione.
“Crediamo che la tecnologia e la digitalizzazione applicate alla finanza e al credito siano una delle chiavi per attivare il potenziale economico italiano, fatto in larga parte di piccole imprese per le quali, a differenza di quelle più grandi, il credito non ha ripreso a crescere – commenta Andrea Mignanelli, amministratore delegato di Cerved – Cerved Money&GO è una piattaforma tecnologica di ultima generazione per l’acquisto di crediti commerciali che nasce proprio per soddisfare il bisogno di capitale circolante delle aziende ed è a disposizione delle banche e delle finanziarie che vorranno utilizzarla per servire in maniera efficiente e digitale i propri clienti”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »