Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 22 novembre 2019

JPMorgan e Fondazione Et labora insieme per inserire i giovani nel mondo del lavoro

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Bergamo. Il nuovo percorso Vivaio dei mestieri viene presentato sabato 23 novembre alle ore 10 presso la sala Galmozzi del Comune di Bergamo in via Tasso 4: interverranno, per Fondazione Et Labora Massimiliano Marcellini, William Di Marco e Roberta Bergamaschi, rispettivamente Presidente, Direttore Generale e coordinatrice del progetto, Francesco Guidi, Managing Director di JP Morgan Italia, Brunella Reverberi, Dirigente Unità Operativa Sistema educativo e Diritto allo studio della Dir. Generale Istruzione Formazione Lavoro di Regione Lombardia e Sergio Gandi, vicesindaco del Comune di Bergamo. Oltre quattrocento giovani inseriti nel mondo del lavoro attraverso un percorso di orientamento e riqualificazione, seicentonovanta aziende coinvolte, di cui 217 hanno accolto almeno un apprendista: sono i risultati del progetto We Build Job, realizzato dalla bergamasca Fondazione Et Labora con il sostegno di JPMorgan Chase Foundation e finalizzato a promuovere l’apprendistato duale quale modalità prioritaria e vincente di inserimento lavorativo per i giovani. I ragazzi coinvolti appartengono alla cosiddetta generazione “neet”, che identifica le persone non impegnate nello studio, né nel lavoro né nella formazione.Il progetto ha anche contribuito alla realizzazione della prima scuola in Italia interamente dedicata all’apprendistato, UPPRENDO, in cui già dal secondo anno è previsto l’ingresso nel mondo del lavoro.Grazie al successo dell’attività, JPMorgan Chase Foundation ha deciso di contribuire anche al secondo progetto presentato dalla Fondazione Et Labora e chiamato il Vivaio dei mestieri. Il nuovo progetto è un’evoluzione del precedente e sarà focalizzato sul rapporto con le scuole e con le famiglie, interlocutori fondamentali per far conoscere l’apprendistato duale.
Et Labora nasce per rispondere alla necessità di realizzarsi presente in ogni individuo. Promuove una “buona” occupazione, con l’obiettivo di orientare chi lo desidera alla scoperta delle proprie capacità e potenzialità occupa dell’inserimento e del reinserimento lavorativo e accompagna aziende e imprenditori nella definizione e ricerca delle figure professionali più adatte alle loro esigenze. Contribuisce a garantire la permanenza in azienda attraverso la formazione continua del personale, dando risposte efficaci alle richieste del mondo del lavoro, sempre in continua evoluzione. Offre a giovani e adulti gli strumenti necessari per esprimere le proprie capacità, al fine di realizzarsi a livello professionale e, di conseguenza, anche a livello personale.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione del libro di Silvana Lazzarino: “Emozioni senza tempo”

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Roma sabato 23 novembre 2019 ore 18.00 presso la Libreria Hora Felix, Roma, Via Reggio Emila, 89 presentazione del libro edito da EPC Edizioni Progetto Cultura (2019) a cura di Sandro Angelucci, letture di Loredana D’Alfonso. Modera Maria Rizzi. A moderare l’incontro sarà Maria Rizzi, Presidente Iplac, affermata scrittrice di gialli e organizzatrice di eventi letterari; la presentazione è a cura di Sandro Angelucci, poeta, saggista e critico letterario di grande spessore e sensibilità tra i più affermati nel panorama italiano che si soffermerà sul contenuto della raccolta della poetessa romana. Le letture sono affidate alla voce suadente di Loredana D’Alfonso scrittrice di racconti, poetessa e giornalista. Durante la presentazione dove Silvana Lazzarino e Sandro Angelucci affronteranno l’idea di sospensione del tempo nella continuità dell’esistenza espressa in diverse liriche, verranno proiettate le immagini dei dipinti della famosa pittrice a livello internazionale PATRIZIA CANOLA riferiti alla natura compresa l’opera “Ortensie”, scelta dall’autrice quale copertina per il suo libro dato il contenuto profondo che si evince legato alla continuità dell’esistenza, in linea con la tematica trattata nella raccolta poetica.Nella raccolta poetica dell’autrice romana, con prefazione a cura di Sandro Angelucci, è rivelato un dialogo interiore a partire da quanto affiora e si manifesta negli orizzonti di una Natura in divenire dove tutto è sospeso tra materia e spirito, finito e infinito, e dove il
particolare si mostra nell’universale, nella ciclicità di un tempo senza tempo. Tutto torna e non finisce. Sospensione del tempo rivelata dalla Natura nei suoi molteplici aspetti:un cielo a partita d’occhio restituisce questa continuità dello scorreredella vita pur nell’alternarsi delle stagioni che risuonano contrastanti, eppure in perfetta armonia nello sviluppo di un ciclo infinito dove principio e fine coincidono nell’eterno rifiorire del pensiero e di quella scintilla di luce insita in ogni essere con diverse forme e sfumature. Il Tempo in cui sono restituite le Emozioni sembra non esistere per l’autrice che con la poesia “Il confine del cielo” indica come la volta celeste non possa che essere rapportata se non a sé stessa, nella sua infinitezza e nel suo non essere inserita in alcun tempo e spazio. Sandro Angelucci all’inizio della sua prefazione al libro prendendo in considerazione la suddetta poesia così scrive: “Silvana Lazzarino si sente cinta e racchiusa dalla volta celeste, un’entità indefinibile perché rapportabile unicamente a sé stessa. Nessuno spazio, nessun tempo, nessun luogo cui riferirsi.” Il tempo nell’osservazione del creato sembra fermarsi fino a non esistere per l’autrice nel suo volercoinvolgere tutto l’essere andando oltre la semplice contemplazione dello stesso. In copertina l’immagine del dipinto “Ortensie” di Patrizia Canola racchiude il senso di questa ciclicità della vita e allo stesso tempo il suo mistero. Il colore blu e la sfericità di questi fiori restituiscono l’idea di un tempo senza tempo, ciclico e perfetto, dove si può ritrovare altro senso a questo viaggio, volgendo lo sguardo verso l’attesa di un nuovo giorno “dove l’orizzonte schiarisce/ e tutto è come sospeso/per rinascere”.
Il libro di poesie “Emozioni senza tempo” si è aggiudicato il terzo posto alla XIV edizione del Premio Letterario internazionale “Voci città
di Roma” organizzato dall’Iplac e promosso dal X Municipio del Comune di Roma e dal Rocca di Papa, e anche il terzo posto alla XIX Edizione del Concorso Internazionale Poetico Musicale organizzato dalla Delegazione Provinciale di Lecce del Cenacolo Accademico Europeo “Poeti nella Società”, in collaborazione con l’Accademia Neapolis di Napoli, l’Accademia “Arte e Cultura” di Salerno, la M.C.I. di Basilea, l’Associazione Koinè di Castrignano dei Greci, di altri Centri culturali e con il Patrocinio del Comune di Martano (LE).

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

A Roma concerto barocco

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Roma Sabato 23 novembre 2019 Ore 20,30 Chiesa di San Nicola dei Lorenesi Largo Febo, 9 vicino a Piazza Navona, nel rione Parione le flautiste Ece Koyuncu e Marija Strackaite, accompagnate dai solisti della Cappella Musicale Costantina con Paolo De Matthaeis all’organo positivo, si esibiranno in un emozionante concerto barocco. Il concerto per due Flauti di Antonio Vivaldi e la musica da Tavolo (Tefel-Musik) di Giorgio Filippo Telemann saranno protagonisti nel rilevare umori e sensazioni attraverso l’estrema cantabilità degli strumenti traversi. Ancora una volta si ripropone il confronto tra i due musicisti coevi e simili negli intenti artistici quasi a tradire le distanze geografiche che rimanevano allora molto distanti ma che portarono i due a comporre con un gusto piacevole e spendibile in ogni occasione. La serata sarà introdotta da Paolo De Matthaeis che concerterà dalla tastiera del piccolo organo della chiesa tracciando i momenti più salienti dei brani proposti tra cui il celebre Canone di Pachelbel e alcune sonate da chiesa di W.A.Mozart.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La deforestazione nell’Amazzonia brasiliana

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Ha raggiunto tra agosto 2018 e luglio 2019 il tasso più alto registrato dal 2008. Ben 9.762 chilometri quadri, secondo i dati del Programma di monitoraggio satellitare della foresta amazzonica brasiliana (Prodes) dell’Istituto brasiliano di ricerche spaziali (INPE). Un indice sviluppato da questo Istituto mostra che nei primi tre mesi del monitoraggio (agosto-ottobre 2019) è aumentata del 100 per cento l’area interessata da allarmi di deforestazione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.“La politica del presidente Bolsonaro sta annientando la capacità del Brasile di combattere la deforestazione, favorendo chi commette crimini ambientali e incoraggiando le violenze verso Popoli Indigeni e comunità forestali tradizionali” dichiara Martina Borghi, campagna foreste di Greenpeace Italia. “Agire per porre fine alla deforestazione – dell’Amazzonia e di tutte le foreste del Pianeta – deve essere un obiettivo globale della Comunità Internazionale. Il governo brasiliano deve proteggere la foresta e i suoi abitanti, mentre governi nazionali e Ue devono impegnarsi concretamente e proporre una legislazione in grado di garantire che il cibo che mangiamo e i prodotti che utilizziamo non vengano prodotti a scapito dei diritti umani e delle foreste del Pianeta».L’Unione Europea, durante l’ultimo G7, ha dichiarato di voler difendere l’Amazzonia stanziando fondi contro gli incendi ma, al tempo stesso, ha elaborato, a fine luglio, un Piano d’azione contro la deforestazione che non affronta i costi ambientali e umani delle politiche commerciali e agricole dell’Ue, continuando a permettere a una manciata di multinazionali di accedere a nuovi mercati a scapito della necessità di valutare il costo ecologico, climatico e umano degli accordi commerciali in cui l’Ue è coinvolta. “L’Accordo di libero scambio Ue-Mercosur, che coinvolge il Brasile e altri tre stati del Sud America (Argentina, Paraguay e Uruguay), almeno così com’è, aumenterà le importazioni di materie prime agricole in Europa (a cominciare da carne e soia), con conseguenze devastanti per il clima, le foreste e i diritti umani, sacrificati ancora una volta sull’altare del profitto” conclude Borghi.Greenpeace chiede che l’Accordo UE-Mercosur sia sospeso finché le foreste non saranno adeguatamente protette e che comprenda misure efficaci per rispettare l’Accordo di Parigi sul clima, la Convenzione sulla diversità biologica e gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu. La distruzione delle foreste è una delle principali cause del cambiamento climatico e della massiccia estinzione delle specie a cui stiamo assistendo. Proteggere le foreste e promuovere pratiche agricole sostenibili ed ecologiche, è fondamentale per affrontare la crisi climatica che stiamo attraversando.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

FLOS OLEI 2020: i migliori extravergine del mondo

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Roma Sabato 7 Dicembre 2019 a Roma, presso l’hotel The Westin Excelsior (Via Vittorio Veneto, 125), andrà in scena l’evento Flos Olei Tour in Rome. Masterclass di cucina con grandi chef e workshop sulle tecniche di degustazione dell’olio completeranno l’offerta per il pubblico di appassionati e addetti ai lavori. Si alza il sipario su Flos Olei 2020, la prima e più importante guida alle aziende di produzione olearia di tutto il mondo e ai loro extravergine. Molte le novità dell’11° edizione del volume nato nel 2010 e curato dall’esperto internazionale Marco Oreggia (che ne è anche editore) e dalla giornalista Laura Marinelli. Sono ben 720 gli oli extravergine selezionati da assaggiatori professionisti, 500 i produttori segnalati, provenienti da 53 paesi su 5 continenti (il Kuwait è la new entry), 85 le cartografie mondiali delle zone olivicole. Più focus sulla tecnica di degustazione e consigli sugli abbinamenti gastronomici. Due le versioni, che dimostrano la portata globale del progetto: italiano-inglese e, dopo il successo dello scorso anno, italiano-cinese.Ma la novità più rilevante è la nascita della Hall of Fame, classifica di merito che affiancherà d’ora in poi la storica e ambita The Best. Se quest’ultima premia abitualmente le aziende che, presentando un extravergine di altissimo livello, si sono distinte nelle diverse categorie di concorso, a entrare nella Hall of Fame sono le realtà premiate con i 100/100esimi le quali, dopo un’importante crescita negli anni, hanno ormai raggiunto un traguardo stabile di eccellenza. E dunque alle due spagnole Castillo de Canena Olive Juice e Aceites Finca La Torre (entrambe andaluse) si affiancano le cinque italiane provenienti da diverse regioni: Azienda Agricola Comincioli (Lombardia), Frantoio Bonamini (Veneto), Frantoio Franci (Toscana), Azienda Agraria Viola (Umbria), Azienda Agricola Biologica Americo Quattrociocchi (Lazio).
Interessanti novità anche nella The Best, con diversi produttori presenti nella classifica per la prima volta. Tra i 21 premiati (una categoria è a pari merito): 12 italiani, 5 spagnoli, 1 croato, 1 argentino, 1 cileno, 1 sudafricano. Tra i riconoscimenti più ambiti: L’Azienda dell’Anno è la pugliese Olio Intini; il Migliore Olio Extravergine di Oliva dell’Anno è dell’Azienda Agraria Marfuga (Umbria); L’Azienda Emergente è l’Agricola Fratelli Renzo (Calabria); i Migliori Oli Extravergine di Oliva da Agricoltura Biologica sono quelli di Frantoio di Riva (Trentino Alto Adige) e della spagnola Almazara Deortegas (Region de Murcia); il miglior rapporto Qualità/Prezzo se lo aggiudica la cilena Agrícola Monteolivo, mentre quello Qualità/Quantità l’italiano Frantoio Gaudenzi (Umbria). Nelle altre categorie troviamo aziende italiane: Società Cooperativa Agricola C.A.B. (Emilia Romagna), Società Agricola Buonamici (Toscana), Madonna dell’Olivo (Campania), Azienda Agricola Le Tre Colonne (Puglia), Olio Mimì (Puglia), Azienda Agricola Ortoplant (Puglia), Olearia San Giorgio (Calabria). Accanto alle spagnole: Aceites La Maja (Comunidad Foral de Navarra), Marqués de Griñon Family Estate e Casas de Hualdo (Castilla-La Mancha), Monva (Andalucía). E dal resto del mondo: Olea B. B. (Croazia), Tokara (Sudafrica), Familia Zuccardi (Argentina).
Ultima novità presente nell’11° edizione della guida è il simbolo della blockchain, strumento in grado di garantire trasparenza e tracciabilità dei processi aziendali. Mentre le 880 pagine di Flos Olei 2020 sono stampate, come sempre, su carta FSC a testimonianza dell’attenzione degli autori per l’ambiente. La guida è disponibile anche su App per iOS e Android.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un sorso di “Tintilia del Molise”

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

È sempre un piacere parlare di un testimone principe del territorio molisano, il vino Tintilia, ed è stato bello farlo nel Molise, a Bojano, capitale riconosciuta dell’antico Sannio.Un vino rosso (tinto) che racconta la Spagna, quale terra di origine, e, anche, la Francia per averlo adottato e, poi, portato nella capitale, nel periodo in cui, prima metà dell’800, nel Regno di Napoli c’erano i francesi. Da lì il trasferimento facile nella Provincia più vitata del Regno qual era il Molise. Terra di vini bianchi, soprattutto nelle aree interne, intorno a Campobasso e intorno a Isernia, dove appagava la gran parte dei viticoltori e dei consumatori, che, parlando del vino, lo hanno sempre inteso rosso.
Tant’è che nelle cantine di Campobasso e d’intorno chiedere un bicchiere o una bottiglia di vino rosso si diceva semplicemente, “dammi una tintilia (damme na tenteje). Tutto questo fino a quando le cantine erano diffuse e svolgevano un ruolo sociale importante. E, anche, fino a quando le minute vigne di Tintilia hanno resistito all’attacco ricevuto da una programmazione che ha scelto, agli inizi degli anni ’60, le colline che guardano da vicino l’Adriatico per lo sviluppo della nuova vitivinicoltura molisana e privilegiato fondamentalmente due vitigni, il “Trebbiano” ed il “Montepulciano”, che scendevano direttamente dall’Abruzzo.
Alla fine degli anni ’80 già non si parlava più di Tintilia, fino a quando istituzioni come Università e Ente di sviluppo, imprenditori illuminati, tecnici e comunicatori esperti di enologia – chi intorno a un banco di laboratorio, chi sulla cattedra, chi alla sua ricerca nei campi e chi intorno a una tavola imbandita – non cominciarono a riparlare, con tanta passione, dei suoi acini spargoli, della poco produzione e della grande bontà.Michele Tanno, l’agronomo, era il più appassionato di tutti, in giro a ricercare le vigne o i tralci rimasti, insieme con il disegnatore della farfalla di “Piacere Molise”, Ro Marcenaro, che lo raccontava a tutti.Un momento importante quello che stava succedendo nella prima metà degli anni ’90 con la riscoperta del vino Tintilia.
La nuova considerazione ricevuta l’ha portato a essere, nel 1966, una delle 17 tipologie della nuova Doc “Molise o del Molise” ed a fare il salto definitivo nel 2011 con il riconoscimento di una Doc tutta sua, “Tintilia del Molise”, prodotta nei vigneti coltivati, sopra i 200 s. l. m., in 60 comuni della Provincia di Campobasso e 15 della Provincia di Isernia.Il limite dei 200 metri minimi di altitudine si era reso necessario già con l’inserimento nelle Doc “Molise o del Molise” per far riconquistare a questo vitigno il suo territorio naturale e non ritrovarlo confuso tra i vitigni delle colline basse. Quelle che guardano il mare Adriatico da vicino, che tanto rappresentano la rinascita della vitivinicoltura nella seconda più piccola regione d’Italia.Una ripresa lenta ma significativa dopo l’uscita, 1999, della prima bottiglia “Tintilia del Molise” dell’azienda Di Majo Norante di Campomarino, a me cara per la riproduzione in etichetta di un angolo del mosaico più bello, quello del leone, ritrovato nella mia Larino, già capitale dei Frentani. Poi altri produttori a segnare la storia bella che vive oggi il vino “Tintilia” con le medaglie e gli applausi ricevuti in occasione delle premiazioni nei più importanti concorsi, nazionali e internazionali. Il suo sapersi accompagnare, con la delicatezza propria dell’essere molisano, ai vini italiani più noti e più blasonati.E’ così che è diventato il testimone principe del territorio molisano e dell’immagine di un Molise che c’è e vuole dire la sua, anche con le sei indicazioni geografiche riconosciute, con l’olio “Molise” Dop extravergine a fare da traino, e i suoi 150 e più prodotti tradizionali, tra i quali spiccano, bontà come la “Pampanelle di San Martino in Pensilis”, la “Stracciata”, il “Fagiolo di Acquaviva di Isernia”, la “Ventricina della Valle del Trigno”, l’”Ostia d Agnone”, la “Pezzata di Capracotta” e altro ancora.Per essere ancor più testimone e immagine del Molise, la motrice possente del treno delle bontà e delle bellezze del Molise, il “Piacere del Molise”, serve l’unità di tutti i suoi produttori dentro il consorzio di tutela; il dialogo costante produttori e istituzioni, in primo luogo i Comuni; una programmazione dello sviluppo con l’agricoltura, la zootecnia e la forestazione perni dello stesso; una reale strategia di comunicazione che guarda lontano, e, ciò è possibile se poggia su strutture, strumenti e, ancor più, professionalità capaci di tessere il racconto del Molise, delle sue risorse e dei suoi valori.L’invidia, un male tipico del mondo contadino, non solo molisano, non produce, ma fa perdere solo tempo e occasioni. E’ un freno possente, la forbice che da sempre taglia le ali al Molise, e, nel caso da me qui considerato, le ali di rosso colorate di un vino al femminile, come la “Barbera” la “Tintilia” o semplicemente “Tintilia” (by Pasquale Di Lena)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Samsung e MIUR presentano LetsApp – Solve for Tomorrow Edition

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Il nuovo progetto si inserisce nell’ambito delle finalità del Protocollo d’Intesa, sottoscritto in data 1 maggio 2019, tra il MIUR e Samsung Electronics Italia per la realizzazione di azioni a supporto dell’innovazione digitale nella scuola italiana, che, tra le altre, individua proprio quella di avvicinare gli studenti al mondo dell’imprenditorialità ed alimentarne lo spirito d’iniziativa. La nuova edizione di LetsApp è un progetto parte del laboratorio creativo studentesco “IoStudioLAB”, avviato da “IoStudio – la Carta dello Studente”, e punta a valorizzare i lavori di gruppo e stimolare maggiormente il pensiero critico e la creatività degli studenti. “Solve for Tomorrow”, traducibile con «soluzioni per il domani», sottolinea l’obiettivo principale dell’iniziativa di quest’anno, ovvero provare a rispondere alle sfide di oggi per cercare di migliorare il domani. In particolare, la terza edizione di LetsApp si propone di avvicinare gli studenti alle discipline STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics) e di aiutarli a sviluppare l’attitudine creativa a risolvere problemi incoraggiandoli a elaborare, grazie alla tecnologia, idee e soluzioni che affrontino questioni sociali che li coinvolgono direttamente.La piattaforma LetsApp è disponibile al seguente link: http://www.letsapp.it. La partecipazione è aperta a tutti gli studenti iscritti a una scuola secondaria di secondo grado di qualsiasi tipologia e indirizzo, previa registrazione sul sito Internet dove occorre indicare la scuola di appartenenza.
Tutti gli studenti che completeranno con successo il corso riceveranno un certificato di frequenza, che potrà essere utilizzato per il riconoscimento dei relativi crediti formativi da parte del Consiglio di classe.Al termine del percorso formativo gli studenti verranno invitati a costituire dei gruppi di lavoro composti da un minimo di 2 e fino ad un massimo di 5 studenti – coordinati da un docente-tutor – per applicare le nozioni acquisite durante il percorso e sviluppare una soluzione a un problema comunitario, raccontarlo attraverso un video e partecipare a un hackathon, previsto per maggio 2020.
Le scuole dei 9 migliori progetti riceveranno da parte del MIUR e di Samsung un attestato di eccellenza per la qualità dei progetti ideati e realizzati dai propri studenti. I docenti tutor dei gruppi vincitori riceveranno uno specifico attestato di premialità per il supporto fornito al lavoro svolto.La piattaforma LetsApp è disponibile al seguente link: http://www.letsapp.it. La partecipazione è aperta a tutti gli studenti iscritti a una scuola secondaria di secondo grado di qualsiasi tipologia e indirizzo, previa registrazione sul sito Internet dove occorre indicare la scuola di appartenenza.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Obiettivo Orientamento 2019-22

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Torino. Riprendono sul territorio metropolitano le attività di orientamento formativo rivolte ai giovani dagli 11 ai 22 anni, per contrastare la dispersione scolastica, favorire il successo formativo e agevolare il proseguimento degli studi e l’inserimento al lavoro.
Incontri nelle scuole, laboratori, seminari, percorsi individuali: queste le attività proposte dalla Città metropolitana per il triennio 2019-22 all’interno del sistema a regia regionale “Obiettivo Orientamento Piemonte”, finanziato con 4,5 milioni di euro provenienti dal Fondo sociale europeo. Al Torinese sono dedicati oltre 3,3 milioni di euro, a coinvolgere una platea potenziale di circa 195 mila giovani che frequentano istituti scolastici o enti di formazione professionale, oppure che sono a rischio di dispersione scolastica o in cerca di lavoro.
“Obiettivo Orientamento Piemonte” è un sistema integrato volto a condividere e ottimizzare gli sforzi di tutti i soggetti che, a vario titolo, lavorano per favorire il successo scolastico e formativo. Il suo principale strumento risiede nella rete di sportelli pubblici gratuiti che offrono servizi di accoglienza, colloqui individuali o di gruppo e incontri negli istituti scolastici, per accompagnare i giovani nelle delicate fasi di passaggio tra un ordine di scuola e l’altro, per riprendere un percorso di studi interrotto o per orientare alla ricerca di un lavoro rispondente alle proprie attitudini e capacità. Attività rilevanti sono anche il coordinamento e l’organizzazione dei Saloni dell’Orientamento, la promozione degli Open days, la realizzazione delle guide di orientamento.
Tra le novità della nuova programmazione l’estensione del target agli 11 anni per sensibilizzare ragazze e ragazzi già dalla 1° media, il coinvolgimento delle famiglie con incontri informativi dedicati e la creazione di équipe di bacino composte da orientatori/trici, insegnanti, referenti dei Centri per l’Impiego e tutti gli altri soggetti che operano a livello locale sul tema orientamento. “La nuova programmazione” spiega la consigliera delegata all’istruzione e orientamento della Città metropolitana Barbara Azzarà “darà continuità agli interventi e alle azioni messe in campo nel triennio 2016/2019 che hanno permesso di coinvolgere più di 50 mila giovani, ma che, grazie anche ad alcuni importanti elementi di innovazione, potrà raggiungere un numero ancora più ampio di ragazzi e famiglie, consentendo di definire un sistema sempre più completo ed efficace”.
Gli sportelli di Obiettivo Orientamento, diffusi su tutto il territorio metropolitano, sono a oggi 45, ai quali se ne aggiungeranno presto altri nei Centri per l’Impiego e nelle scuole . L’elenco è disponibile nelle sezioni Orientamento del sito web della città metropolitana e della Regione Piemonte. La gestione è affidata a un raggruppamento territoriale, individuato con procedura a evidenza pubblica, che riunisce enti accreditati per le attività di orientamento e che lavora in collaborazione con scuole, università, centri per l’impiego, servizi per il lavoro, Comuni, associazioni, organizzazioni sindacali e datoriali.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Imparare giocando è possibile e sicuramente molto efficace

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Lo dimostra il grande successo ottenuto dall’azione pilota del progetto nazionale “Oggi per Domani”, promosso dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e realizzato da Comunicazione 2000, che ha coinvolto un campione di 300 classi di oltre 70 scuole d’infanzia e primarie del Comune di Roma (per un totale di più di 8000 alunni). Emerge, dunque, un contesto in cui da un lato si riscontra nei bambini la presenza di stereotipi legati al sesso, ad affermarlo sono il 53% degli insegnanti. Dall’altro, la mancanza di interventi mirati a contrastare la formazione di queste architetture culturali che nella loro peggiore espressione si traducono in episodi di violenza di genere. Fortunatamente, però, solo per 2 bambini su 100 la donna rappresenta “il sesso debole” sia da un punto di vista fisico sia di ruolo sociale.I dati raccolti da Comunicazione 2000 tracciano una panoramica molto interessante sul modo in cui la scuola affronta il tema della violenza e dei soprusi in generale. Da una prima analisi dei risultati, infatti, emerge che il 70% degli istituti scolastici considerati organizza lezioni e programmi ad hoc per sensibilizzare gli alunni verso tali argomenti. Tuttavia, meno del 40% delle iniziative in atto affronta in maniera specifica la problematica della violenza di genere, poiché la stragrande maggioranza degli interventi analizza la violenza tradotta sotto forma di bullismo e cyber-bullismo.Anche se il 100% degli insegnanti intervistati dichiara di parlare e spiegare costantemente ai bambini concetti quali il rispetto dell’altro e le pari opportunità, solo il 36% degli istituti scolastici ha a disposizione uno psicologo, figura chiave che integra e supporta il lavoro svolto dai docenti, soprattutto quando si affrontano tematiche di questo tipo.Il 100% degli insegnanti coinvolti nel progetto Oggi per Domani ha dichiarato interessante e di grande attualità l’iniziativa, che ha trovato un riscontro molto positivo anche da parte dei bambini che si sono mostrati nel 97% dei casi, vale a dire nella quasi totalità dei partecipanti, fortemente coinvolti dall’attività.
Il progetto è stato, inoltre, valutato anche in termini di efficacia e di penetrazione dei messaggi. Il 90% dei docenti ha definito Oggi per Domani efficace e ha espresso un giudizio estremamente positivo nei confronti dei materiali ludico-didattici messi a disposizione per l’esecuzione dell’attività, vale a dire i manuali informativi destinati a insegnanti e genitori e il glossario con la terminologia legata al fenomeno.Tali supporti sono stati considerati molto utili dal 94% degli insegnanti, unitamente al video animato con protagonista il Maestro Guido Storto, punto chiave del progetto, che ha registrato un alto grado di penetrazione nei confronti dei bambini, tanto che nel 95% dei casi eĚ€ stato giudicato in grado di trasmettere agli alunni un messaggio positivo e adeguato. Molto interessante, inoltre, il coinvolgimento dei genitori e delle famiglie in generale, il 70% dei quali ha mostrato una viva attenzione alla tematica e un ruolo attivo nell’ambito dell’iniziativa.Si evidenzia, infine, che il 93% delle scuole aderenti all’iniziativa vorrebbe che il progetto si ripetesse il prossimo anno e suggerisce ad altri istituti di prenderne parte.Le conclusioni che emergono da questa analisi rivelano che fortunatamente non si sono riscontrate segnalazioni di episodi o presunti episodi di violenza di genere, considerato il grande valore del progetto nel far emergere eventuali situazioni di violenza all’interno delle mura domestiche sia da parte dei bambini, che sono i principali destinatari di Oggi per Domani, sia da parte delle loro famiglie che, insieme alla scuola, sono evidentemente i veicoli per aiutare i più piccoli a comprendere il fenomeno.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Inclusione, Ecosostenibilità e Innovazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

L’Istituto Comprensivo di Paliano (FR) con il progetto Biblioteca Sonora, l’Istituto Pirandello-Svevo di Napoli con il progetto Liberi dalla Plastica e l’Istituto Comprensivo G. Falcone di Copertino (LE) con il progetto Redazione WikyEuropa, sono i tre istituti che hanno vinto la terza edizione di Facile.it per la scuola (https://www.facile.it/scuola.html), il concorso promosso dalla web company per premiare l’eccellenza nella scuola primaria e secondaria pubblica italiana.I tre istituti, che hanno conquistato il primo posto, rispettivamente, nelle categorie Inclusione, Ecosostenibilità e Innovazione, sono stati premiati dalla giuria per essersi distinti in termini di creatività, valore e novità, e si sono aggiudicati, insieme alle tre scuole arrivate seconde, una donazione complessiva da 15.000 euro e 30 postazioni PC complete. La dotazione consentirà agli istituti di far crescere ulteriormente le iniziative avviate e portare a compimento i progetti.
«L’elevato livello dei progetti che hanno partecipato a questa edizione», ha dichiarato Mauro Giacobbe, Amministratore delegato di Facile.it «ha confermato ancora una volta come le scuole primarie e secondarie pubbliche italiane abbiano grande passione e voglia di mettersi in gioco. Con Facile.it per la scuola diamo il nostro piccolo contributo, aiutando docenti e alunni a realizzare i loro progetti e sostenendo la loro grande voglia di fare.».
Con il progetto Una Biblioteca Sonora per Leggere meglio e…di più, l’Istituto Comprensivo di Paliano (Frosinone) si è aggiudicato il primo posto della categoria Inclusione; con l’obiettivo di elevare le competenze di alfabetizzazione degli alunni e favorire il conseguimento della cittadinanza digitale, il progetto, che ha coinvolto gli studenti della scuola primaria, ha previsto l’allestimento di una biblioteca sonora nonché la produzione di audiolibri fatta direttamente dagli alunni e pensati per facilitare l’apprendimento degli studenti stessi e, in particolare, dei ragazzi con bisogni educativi speciali.Al secondo posto si è classificato l’Istituto Comprensivo di Cossato in provincia di Biella con il progetto Comunicare con micro:bit, che mira a favorire la piena inclusione degli alunni non udenti nelle classi grazie alla realizzazione di uno strumento in 3D in grado di tradurre l’alfabeto in dattilologia.
È stato l’Istituito Pirandello-Svevo di Napoli, con il progetto Liberi dalla plastica, a guadagnarsi il primo posto nella categoria Ecosostenibilità; l’iniziativa è nata per mostrare ai ragazzi come sia possibile sviluppare un’economia circolare e senza plastica, partendo proprio dai prodotti della natura. Gli alunni si sono quindi cimentati in prima persona nella realizzazione di un orto-giardino con alcune piante di stagione, utilizzate poi per la creazione di prodotti ecosostenibili e plastic free, dando il via ad una vera e propria green economy scolastica. Il secondo posto è stato assegnato all’Istituto Villa San martino di Pesaro con il progetto Riciclartisti di quartiere, all’interno del quale l’arte urbana diventa un’esperienza comunitaria e assolve una funzione sociale, divenendo uno strumento di abbellimento, recupero e riqualificazione degli spazi.
Per la categoria Innovazione il primo posto è stato conquistato dall’Istituto Comprensivo G. Falcone di Copertino (Lecce) con il progetto Redazione WikyEuropa, che ha visto gli alunni della scuola secondaria di primo grado impegnati nella realizzazione di una cartina geografica interattiva e multimediale, primo ed importantissimo passo nella creazione di materiale didattico dedicato alla cultura e alla civiltà europea e mirato a favorire l’insegnamento di queste tematiche.Secondo posto per l’Istituto Daniele Spada di Sovere (Bergamo), premiato per il progetto Serra sostenibile e tecnologica, che ha coinvolto gli alunni nella progettazione, costruzione e automatizzazione di una vera e propria serra, con l’obiettivo di ridurre costi energetici e di gestione e, al contempo, aumentarne la produttività.
A decretare i vincitori è stata una giuria di esperti composta da Maria Cristina Origlia, giornalista del Sole24Ore e vicepresidente del Forum della Meritocrazia, Alessandra Venneri, Head of Corporate Communications Italia e South East Europe di Kaspersky Lab, azienda da anni impegnata nella sicurezza informatica dei giovani e nella lotta al Cyberbullismo, Daniele Grassucci, co-founder e Head of Content and Communication di Skuola.net, e presieduta da Mauro Giacobbe, Amministratore Delegato di Facile.it.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Relazioni sindacali: In Aran tutte le confederazioni firmano l’accordo quadro a eccezione della CGIL e della CISL

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Per la certificazione della rappresentatività per il triennio 2019/2019. Nella scuola, entra l’Anief che si dichiara pronta a partecipare ai tavoli per il rinnovo della parte giuridica del nuovo contratto e a trattare sulla parte economica. Marcello Pacifico, presidente nazionale: Bene, ora l’amministrazione ci convochi. Da 18 mesi aspettavamo questo momento. Siamo passati da associazione di tendenza a sindacato istituzionale. Sentiamo la responsabilità di fare entrare il diritto nelle nostre scuole e in tutte le sedi dell’amministrazione centrale e periferica. Nel nuovo anno, in programmazione mille assemblee sindacali per informare e discutere con i lavoratori sulle proposte per rinnovare il Ccnl e Ccni e sui diritti lesi, dall’abuso dei contratti a termine. Nel prossimi giorni saranno nominati i delegati sindacali nelle ottomila istituzioni scolastiche, presso Miur, regioni, Aran, Usr.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Regionalizzazione concorsi docenti, no secco del ministro degli Affari regionali Francesco Boccia

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Sull’autonomia differenziata da applicare al comparto Istruzione, secondo il titolare del dicastero che gestisce le Regioni italiane, sul fronte dei “concorsi dei docenti non c’è alcun margine di trattativa, perché la scuola è dello Stato e ha un profilo unico”. Saltano, quindi, almeno fino a quando rimarrà in vita questo governo, le possibilità di vedere bloccati per diversi anni, senza possibilità di deroga, i docenti vincitori di un concorso regionale. Rimangono in piedi, invece, le possibilità di regionalizzare altre prerogative scolastiche, come la continuità didattica e l’organizzazione interna, come ad esempio la chiusura o meno di una sede scolastica. Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ritiene condivisibile la posizione, avversa a regionalizzare i concorsi della scuola, espressa dal ministro degli Affari regionali, ricordando come “la sentenza n. 76/2013 della Consulta abbia messo a nudo la violazione del secondo comma dell’articolo 117 della Costituzione, da parte di chi promuove il modello dell’autonomia differenziata. Senza dimenticare le due sentenze (nn. 147/2012 e 37/2005) dalle quali è risultato con chiarezza che personale Ata e dirigente scolastico sono lavoratori dello Stato, senza deroghe. E con la stessa sentenza n. 242 della 2011, sempre la Corte Costituzionale ha ricordato che la valutazione dei punteggi nel reclutamento del personale docente, diversi da quelli concordati con lo Stato a livello nazionale, non sono fattibili, nemmeno nella Provincia autonoma di Trento, che è collocata tra l’altro su un territorio a statuto speciale e che quindi potrebbe godere di trattamenti legislativi particolari. Va, infine, usata molta cautela nel regionalizzare altre funzioni, come quella di formare scuole e classi, perché l’interesse politico-locale rischierebbe di prevalere sulla formazione degli alunni e sul diritto allo studio”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La tecnologia necessita dell’essere umano per generare valore

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

“Iper-personalizzazione” è la parola chiave per l’evoluzione delle Compagnie assicurative secondo RGI – Software vendor leader in Europa nei Policy Administration System per la trasformazione digitale del mercato assicurativo – che ne ha parlato questo pomeriggio nell’ambito dell’Insurance Summit organizzato da 24ORE Business School in collaborazione con Il Sole 24 ORE a Milano.Il mercato assicurativo è infatti arrivato ad un’era post-digitale, in cui la tecnologia che consente all’essere umano di ottimizzare processi e risparmiare tempo è ormai ampiamente disponibile. La prossima sfida è quindi l’interazione con l’essere umano, con modalità e touch point innovativi, per garantire all’assicurato un’offerta di prodotti e servizi personalizzata.Il customer corner è infatti l’evoluzione dell’area riservata, che già oggi per legge tutte le Compagnie assicurative devono mettere a disposizione dei propri assicurati per finalità informative sulle proprie polizze.Il customer corner è quindi un Digital Hub assicurativo, basato su una nuova architettura Cloud-native, un luogo unico dove l’assicurato può trovare servizi innovativi, completamente personalizzati, come ad esempio polizze modulari, teleassistenza, elderly care, ma anche device per la domotica, contenuti personalizzati e formulati con linguaggio più comprensibile in base alle sue caratteristiche personali. Questo Digital Hub Assicurativo è anche il punto di contatto dove la Compagnia può raccogliere informazioni preziose sull’assicurato e sulle sue esigenze, anche inespresse perché mascherate da barriere cognitive: grazie a tecniche di behavioural profiling, o profilazione comportamentale, i bisogni del consumatore possono infatti essere raccolti con il consenso esplicito dell’assicurato tramite quiz semplici e intuitivi, oltre ovviamente ai questionari di demands&needs come previsto dalla normativa.
RGI parlerà infatti nel proprio intervento di domani di alcuni esempi di applicazioni, disponibili sul customer corner, che hanno la persona come punto focale: oltre al quiz comportamentale, che incorpora algoritmi di machine learning e intelligenza artificiale, saranno illustrate anche alcune applicazioni per la teleassistenza medica, basate sui dati raccolti tramite l’Internet of Things, ad esempio con smart bracelet che trasmettono all’operatore i parametri vitali dell’assicurato.Le applicazioni tecnologiche che possono essere integrate sul customer corner Cloud di RGI sono innumerevoli e dipendono dal modello di business proprio della singola Compagnia, ma tutte hanno l’assicurato al centro, come principale parte attiva di uno scambio continuo di dati, informazioni e servizi sempre più one-to-one.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

NTT Pro Cycling sarà il nuovo brand del Team Dimension Data

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

NTT Pro Cycling, una delle squadre ciclistiche dell’UCI WorldTour con base in Sud Africa, ha presentato il nuovo team per la stagione 2020 e il nuovo brand del Team Dimension Data. L’annuncio, emesso direttamente dalla casa madre NTT a Tokyo, include la presentazione della nuova maglia e approfondimenti sulle soluzioni tecnologiche per il reclutamento dei corridori e della strategia del team.Il nuovo abbigliamento della squadra spiccherà nel contesto del WorldTour e delle più importanti gare sportive del 2020. Un brand che i ciclisti indosseranno con immenso orgoglio, continuando a promuovere il contributo che le biciclette possono offrire nel cambiare la vita delle persone, proseguendo il lavoro dell’NTT Pro Cycling con Qhubeka, che recentemente ha distribuito la sua 100.000º bicicletta.
Il team include nove nuovi eccezionali ciclisti, che si aggiungono all’attuale gruppo di talenti, con l’obiettivo comune di affermarsi tra le prime dieci squadre del mondo.
Ciascuno dei corridori è stato selezionato con l’aiuto di una soluzione tecnologica ideata congiuntamente da NTT e NTT Pro Cycling che sfrutta i data analytics avanzati per supportare il team nella scelta dei corridori, nella preparazione del proprio calendario di gara e nell’assegnare i ciclisti più appropriati per le specifiche corse. Inoltre, la tecnologia consente al team di monitorare lo stato di salute e benessere dei propri ciclisti attraverso un’applicazione mobile mentre applicazioni business quali il controllo e la tracciabilità degli asset e dei veicoli consentono al team di operare come un’azienda ben organizzata. Insieme è stato possibile creare la squadra più tecnicamente avanzata del WorldTour. Doug Ryder, Team Principal, NTT Pro Cycling, ha dichiarato: “Ci tengo a ringraziare tutti nostri partner e, in particolare, il nostro sponsor NTT Ltd. Ci impegniamo per diventare un punto di riferimento nel mondo dello sport, cercando di essere sempre di più un team motivato e supportato dalla tecnologia, ma soprattutto animato dalla nostra causa che sostiene l’iniziativa benefica Qhubeka.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Willis Towers Watson: gli asset ESG frenano il calo della crescita dei maggiori gestori patrimoniali a livello mondiale

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Secondo l’ultima ricerca Global 500 del Thinking Ahead Institute di Willis Towers Watson, gli asset gestiti con approccio ESG (Environmental, Social, and Governance) sono aumentati del 23,3% nel 2018 nei portafogli dei 500 maggiori gestori patrimoniali del mondo, a differenza degli asset under management (AUM), che sono diminuiti del 3% rispetto all’anno precedente. Le attività gestite secondo i principi ESG sono aumentate del 17,8% nel corso dell’anno corrente.La ricerca è stata condotta in collaborazione con Pensions & Investments, uno dei principali quotidiani internazionali di investimento.
La sostenibilità e l’importanza della cultura nella gestione concreta delle società di investimento sono state le principali aree d’interesse nel 2018. Il report evidenzia che congiungere la cultura alla strategia, ai valori, alla vision e alla mission, è diventata una sfida e un’opportunità fondamentale di leadership. Un obiettivo di fondo più forte, al di là del perseguimento della sola crescita e del profitto, viene visto come un fattore di differenziazione in un settore sovraffollato che si trova ad affrontare un ambiente difficile. L’interesse dei clienti per gli investimenti sostenibili, inclusi gli azionisti con diritto di voto, è aumentato nell’83% delle aziende intervistate.
La ricerca ha inoltre rilevato che circa 242 nomi che erano presenti nell’elenco dei primi 500 gestori patrimoniali al mondo del 2008 non sono presenti nell’elenco del 2018. Mentre l’ultimo decennio è stato un ambiente piuttosto favorevole per i gestori patrimoniali, con mercati in crescita e forti margini di profitto, la maggior parte degli osservatori si aspetta una più grande pressione nei prossimi anni a causa della crescente attività normativa, della compressione delle commissioni e dell’elevato costo della tecnologia. L’81% dei gestori di fondi ha dichiarato di aver aumentato le risorse destinate alla tecnologia e ai big data, mentre il 57% dei manager intervistati ha dichiarato di aver registrato un aumento del livello di controllo normativo.BlackRock rimane il più grande asset manager nella classifica, posizione che ricopre dal 2009. Nel frattempo, Vanguard e State Street completano la top 3 per il quinto anno consecutivo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Adyen e The Next Web ampliano la nuova edizione di Tech5

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Adyen, la piattaforma di pagamento preferita da molte aziende leader a livello mondiale, e The Next Web (TNW) hanno aperto le candidature per la settima edizione di TECH5, il concorso che ogni anno premia le migliori startup e scale-up europee.
Vetrina fra le più importanti a livello europeo, Tech5 offre alle scale-up in più rapida crescita la possibilità di entrare a far parte di un network che riunisce le migliori aziende, i più importanti investitori e i maggiori esperti provenienti da tutto il continente.La selezione si basa su criteri quali i round di investimenti, la crescita del team, la presenza sui media e l’impatto social. Tra i candidati delle scorse edizioni figurano realtà di spicco come la danese Too Good To Go (vincitrice dell’ultima edizione), la società olandese Tiqets, la britannica Transferwise e la estone Bolt. Solo queste 4 società insieme hanno raccolto oltre 1 miliardo di euro di finanziamenti.
La community di Tech5, incluse le scale-up che partecipano al concorso, nel corso dell’anno si ritrova ai più grandi eventi di tecnologia in Europa. La finale di quest’anno si svolgerà il 17 giugno ad Amsterdam, dove le cinque migliori aziende di ogni paese celebreranno i loro successi nel corso del Founders Day e della TNW Conference. Nella scorsa edizione, per l’Italia furono selezionate Musement, Oval Money, Satispay, Soundreef e Supermercato24.Roelant Prins, CCO di Adyen, ha commentato: “Adyen è stata fondata nel 2006 e da allora abbiamo fatto un percorso straordinario fino alla IPO dello scorso anno. Per noi è importante condividere il nostro successo con la community di scale-up, mettendo a loro disposizione le nostre conoscenze e il nostro network. Lo facciamo dal 2012 con Tech5 di cui oggi celebriamo la straordinaria crescita”.
Patrick de Laive, co-founder di TNW, ha aggiunto: “Si tratta di un gruppo di persone e Aziende unico. Riunirle e dare loro visibilità, significa contribuire a sviluppare nuovi business, a stimolare nuove idee, nuove collaborazioni e innovazioni, che possono far crescere sempre di più la scena tech europea”.Le iscrizioni a Tech5 sono aperte da ieri 18 novembre 2019 e termineranno il 12 dicembre 2019. Le Aziende possono candidarsi condividendo i dati sulla loro crescita e i tre risultati più importanti conseguiti negli ultimi due anni, come premi, round di investimenti e sviluppo di prodotti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MEF stanzia ulteriori somme per il Fondo di prevenzione usura

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Come anticipato in occasione del Ventennale di gestione da parte di Adiconsum del Fondo di prevenzione del sovraindebitamento e dell’usura, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha ufficializzato con un comunicato la messa a disposizione di ulteriori 24,2 milioni di euro in garanzie statali per le imprese e le famiglie a rischio “usura”.Esprimiamo apprezzamento per le ulteriori risorse stanziate dal MEF a favore del Fondo di prevenzione usura – dichiara Rino Tarelli, Presidente del Fondo gestito da Adiconsum – Ciò aumenterà la platea degli aventi diritto e ci permetterà, come unica associazione consumatori tra gli enti gestori autorizzati, di offrire maggiori garanzie per conto di quelle famiglie in possesso dei requisiti stabiliti dal Ministero, per l’accesso al credito legale.Il Fondo di prevenzione è uno strumento di grande utilità – prosegue Tarelli – Nei 20 anni di gestione del Fondo, Adiconsum è riuscita a garantire più di 26 milioni di euro alle famiglie.
Il nostro obiettivo – continua Tarelli – è quello di continuare a stare a fianco delle famiglie in difficoltà e di migliorare e rendere più efficiente il Fondo. Per questo – conclude Tarelli – auspichiamo che la ripartizione dei fondi tenga maggiormente conto delle necessità di assicurare sostegno alle famiglie in difficoltà economiche dovute al sovraindebitamento.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aiuto alla chiesa che soffre

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

Da Washington a Sidney, da Manila a Toronto. In queste settimane Aiuto alla Chiesa che Soffre sta illuminando di rosso decine di monumenti e di cattedrali e oltre 2mila chiese per tenere alta l’attenzione del mondo sulla persecuzione anticristiana.Sensibilizzazione e informazione sono parte fondamentale dell’opera della Fondazione pontificia che attraverso le proprie 23 sedi nazionali continua ad organizzare eventi con testimoni della Chiesa perseguitata, suggellati dall’illuminazione in rosso di chiese o monumenti in ricordo del sangue versato ancora oggi da tanti cristiani in tutto il mondo.Un’ondata di luce che non si arresta ormai da anni ed ha illuminato luoghi simbolo quali il Cristo Redentore a Rio de Janeiro, il Palazzo di Westminster a Londra, la Basilica del Sacro Cuore a Parigi.In Italia, dopo Fontana di Trevi, il Colosseo e Venezia, il mese scorso ACS ha “tinto” di rosso la Basilica di San Bartolomeo all’Isola, santuario del martiri del XX e del XXI secolo. In quell’occasione è stato presentato il Rapporto sulla persecuzione anticristiana Perseguitati più che mai.Ad ottobre sono stati imporporati monumenti e chiese anche in Germania, Polonia e Svizzera.Questa settimana numerose sedi nazionali ACS si uniranno alla campagna, a cominciare dall’Australia dove da domani e per una settimana si tingeranno di rosso sette cattedrali in diverse città tra cui Sidney, Brisbane e Melbourne. Numerose le cattedrali e le chiese in rosso in Canada e Stati Uniti, in città quali Montreal, Toronto, Washington e New York.Nelle Filippine addirittura ben 2050 parrocchie in 68 diverse diocesi parteciperanno puntando su facciate e campanili delle luci rosse a simboleggiare il sangue dei martiri.Una scia rossa illuminerà anche diverse nazioni europee. In Gran Bretagna s’imporporeranno 13 cattedrali e 130 edifici tra cui Westminster Palace e la sede del Parlamento Scozzese. Si uniranno poi Portogallo, Paesi Bassi, Austria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Irlanda e Ungheria per un totale di oltre 50 chiese.
«Il nostro intento è sconfiggere l’indifferenza, innanzitutto della comunità internazionale – afferma il direttore di ACS, Alessandro Monteduro – Come ci ricorda spesso il Santo Padre oggi ci sono più martiri cristiani che nei primi secoli. E la missione di ACS è impedire al mondo di chiudere gli occhi di fronte alla sofferenza dei nostri fratelli nella fede, perseguitati spesso perché percepiti vicini all’Occidente. Quello stesso Occidente che troppo spesso preferisce voltarsi dall’altra parte e non vedere».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European Maritime Day In My Country 2020

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

In parallel with the European Maritime Day (EMD) Conference in Cork (14 & 15 May 2020), a series of local EMD events, the EMD In My Country events will take place all over Europe for the public at large. During 2019, 145 events were organised in 23 different countries, attracting 25.000 participants, making a record in EMD history!: beach-cleaning activities, guided tours of ports, workshops, conferences, seminars and exhibitions on maritime themes, eco-tours and walks in areas with significant maritime heritage (cultural, environmental), excursions by boat, visits to maritime museums or former ships, shipyards and port facilities etc.For 2020 the focus will be on youth activities. We especially encourage all the young ocean activists and youth organisations working for the promotion of sustainable oceans to apply.‘EMD in my Country’ 2020 will take place from April to June 2020. Read our call and submit your event to be part of European Maritime Day (EMD) in My Country 2020!

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conference on multilateral diplomacy and future warfare

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 novembre 2019

To commemorate the 70th anniversary of the 1949 Geneva Conventions, the Istituto Svizzero and the Swiss Embassy in Italy invite, in collaboration with the University Roma Tre and The University of Geneva, the Roman public to a discussion about both the achievements and the challenges in current international humanitarian law (IHL). The DISPUTE series provides a platform for citizen engagement relating to the globalization and the future of contemporary societies. Proposing a new topic every year, the forum aims to strengthen civic participation and public debate.This year’s edition puts the role and relevance of the IHL up for debate. Featuring politicians, scholars, representatives of states, armed forces, the Red Cross Movement and non-governmental activist groups, interested citizens have the chance to participate in an informed discussion with experienced specialists who can give a clear idea of what IHL is, what it does, and what its challenges for the future are. The conference will be accompanied by two commentators, whose role is to highlight important themes and arguments in wrap-up sessions following each panel.During the last decades, multilateral diplomacy has not always been effective despite sustained efforts of the international community to develop new international instruments in order to face current and upcoming challenges in IHL. The trend in favor of unilateral solutions and the shifting of priority from international concerns to national interests is noticeable in a number of States.Inherent features of IHL render law-making in this domain particularly difficult. For instance, various actors are involved in contemporary armed conflicts, such as organized armed groups or international organizations and accommodating their perspectives in a State-centric international system remains a challenge.Against this backdrop, the DISPUTE series will offer the opportunity to panelists and the audience to reflect on possible venues to enhance and continuously ensure effective protection to victims of armed conflicts. Furthermore, the session will explore the continued relevance of the Geneva Conventions and other multilateral IHL treaties highlighting best practice examples from armed conflict situations.
Two panels will focus on selected challenges that have arisen in recent armed conflicts. Particular attention will be paid to non-international armed conflicts and related issues pertaining to non-state actors as well as to the protection of cultural heritage in armed conflicts. Discussions will not only demonstrate the complexity of IHL application and humanitarian action in armed conflicts but also give a picture of the global community’s handling of these complexities.
The third session concerns new technologies and their potential impact on the future of warfare. The rapid development of technologies and artificial intelligence with potential military applications may radically change the face of armed conflicts. Drones are increasingly used, cyberspace has emerged as a new battlefield, and automated weapons systems such as combat robots may be defining future wars. At the same time, modern technologies can improve the application of IHL and the enforcement of such rules in case of violations. These changes have not only ethical implications but also pose legal and practical problems to IHL. A simultaneous translation in English-Italian will be provided.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »