Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 25

Archive for 29 ottobre 2021

StartCup Lombardia: premiati i vincitori dell’edizione 2021

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Milano. Gymnasio, Komete, TTop e Synergy Flow sono i progetti selezionati da StartCup Lombardia, la competizione organizzata dalle Università e dagli Incubatori Universitari lombardi e promossa da Regione Lombardia – Direzione Generale Sviluppo Economico Assessore Guido Guidesi, con il coordinamento di PoliHub – Innovation Park & Startup Accelerator del Politecnico di Milano. A valutare i migliori progetti un comitato presieduto da Regione Lombardia e costituito da rappresentanti del venture capital. Anche per questa XIX edizione sono stati 4 i progetti vincitori delle quattro diverse categorie – ICT & Services, Industrial Technologies, Life Science & Medtech e Cleantech & Energy – a cui va un contributo economico di 25 mila euro ciascuno per supportarne lo sviluppo. · Gymnasio (ICT & Services) – sistema adattivo alimentato dall’Intelligenza Artificiale per il fitness domestico che traccia i movimenti durante gli allenamenti e fornisce allenamenti personalizzati. Il riconoscimento premia lo “stato di avanzamento del progetto, supportato da un solido percorso di validazione”. · Komete (Industrial Technologies) – piattaforma IoT che trasforma le imprese manifatturiere in Smart Factory, nata per rendere semplice e accessibile la transizione all’industria 4.0 da parte delle PMI manifatturiere ed elevare lo standard di sicurezza in fabbrica. Il progetto è stato capace di “combinare l’innovazione alla tradizione familiare”. · TToP (Life Science & Medtech) – TToP è una piattaforma modulare e versatile, in grado di replicare la complessa fisiologia dell’organismo umano, rendendo più efficiente il processo di sviluppo di nuovi farmaci e minimizzando l’utilizzo di modelli animali. Particolarmente apprezzate “l’ambizione del progetto e il team”. · Sinergy Flow (Cleantech & Energy) – propone una batteria innovativa per l’accumulo energetico stazionario di media e larga scala. La batteria a celle di flusso (RFB) impiega gli scarti ricchi in zolfo dell’industria petrolchimica, garantendo un costo di installazione ridotto ed elevate prestazioni, in pieno rispetto dei principi della Circular Economy. Il “team e l’altissimo impatto potenziale dell’idea, in ottica di Circular Economy” le ragioni del riconoscimento. Novità 2021, il Premio Speciale di 25 mila euro per il progetto che sviluppa la migliore soluzione e/o tecnologia in ambito sicurezza e benessere sul luogo di lavoro, assegnato a ElastoBrain. Progetto pensato per eliminare il gap tra capacità fisiche umane e macchine robotiche, garantendo la sicurezza dei lavoratori, è una tecnologia innovativa basata su polimeri elettro-meccanici nati che consente di realizzare dispositivi integrabili nei tessuti, sottili, elastici e wireless. Premiati, inoltre, altri 2 progetti – Huvant e Roplastic – che, come i vincitori di categoria, avranno diritto ad accedere al Premio Nazionale dell’Innovazione, in programma a Roma e in modalità ibrida, il 30 novembre e il 3 dicembre. http://www.startcuplombardia.it.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’annuncio di Mark Zuckerberg: Facebook si chiamerà Meta

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Mark Zuckerberg ha ufficializzato giovedì la nuova identità dell’azienda durante l’atteso Connect: Facebook cambia il nome e si chiamerà Meta, in omaggio a una nuova visione di realtà virtuale per il futuro, che il social network ha battezzato “metaverso”. La decisione di adottare una nuova identità aziendale da parte del colosso, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è stata letta anche come la volontà di allontanarsi dalle polemiche che lo hanno investito, soprattutto di recente. E in un certo senso, le parole pronunciate da Zuckerberg ne danno indirettamente una conferma.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2022 Anno europeo dei giovani: idee e aspettative dei giovani cercasi!

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

A seguito dell’adozione della proposta formale per proclamare il 2022 Anno europeo dei giovani, la Commissione invita ora i giovani a condividere aspirazioni, interessi e idee su ciò che si aspettano da questa iniziativa. Il sondaggio aperto oggi aiuterà a fare chiarezza sui temi, sui tipi di attività e sui benefici futuri e a lungo termine che i giovani vogliono vedere realizzati. Sarà possibile parteciparvi fino al 17 novembre 2021. L’Europa ha bisogno della visione, dell’impegno e della partecipazione di tutti i giovani per costruire un futuro migliore, più verde, più inclusivo e digitale. Organizzando l’Anno europeo dei giovani l’UE vuole moltiplicare e migliorare le opportunità per il futuro delle nuove generazioni.L’iniziativa, proposta dalla Presidente von der Leyen nel suo Discorso sullo stato dell’Unione, comprenderà una serie di eventi e attività per i giovani. L’intenzione è di intensificare l’impegno dell’Unione, degli Stati membri e delle autorità regionali e locali per riconoscere gli sforzi fatti dai giovani durante la pandemia e per sostenerli e coinvolgerli in una prospettiva post-pandemica. Nel corso del 2022 raccoglieremo ulteriori idee da includere nel processo e verificheremo l’andamento dell’iniziativa grazie a ulteriori sondaggi. I giovani saranno alla guida del processo sia prima sia durante l’Anno europeo dei giovani, affinché possano trarne il massimo vantaggio.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Urge una nuova legge d’immigrazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Amsi,UMEM ,Co-mai e Movimento Uniti per Unire; Urge intensificare la collaborazione tra Europa ed i paesi di origine dei migranti in modo continuo, costruttivo e trasparente e non in modo sporadico e lasciarli da soli compreso l’Italia.I numeri sono indispensabili per inquadrare qualsiasi problema anche quello dell’immigrazione: fino al 22 ottobre in Italia sono sbarcati 51.568 migranti rispetto ai 26.683 dell’anno scorso a conferma che la rotta del Mediterraneo centrale è quella più percorsa dai trafficanti di esseri umani. Oltre 14.000 sono i tunisini, 6.000 i bengalesi e più di 5.000 gli egiziani .E poi, per l’Afghanistan che ormai è passata tra i conflitti dimenticati; ai confini tra Europa e Asia ci sono 3,5 milioni di profughi afghani in Iran dopo la presa del potere dei talebani , circa 2 milioni sarebbero pronti a muoversi e 2.000 afghani ogni giorno cercano di entrare in Turchia dove nel territorio turco ci sono già 300.000 afghani. Inoltre, ultimi dati fino allo scorso settembre indicano che nel Mediterraneo centrale l’aumento rispetto all’anno scorso è stato dell’87 per cento e lungo la rotta dei Balcani occidentali del 148 per cento. Proprio perché la pressione migratoria aumenta, la riunione del Consiglio europeo è stata tesa e spigolosa su diversi temi come i movimenti secondari, il comportamento della Bielorussia contro le frontiere dell’Unione europea e l’equilibrio tra solidarietà e responsabilità, che comporta anche una migliore (nelle intenzioni italiane) suddivisione dei soldi. È quest’ultimo punto, introdotto nel documento finale, che il presidente del Consiglio ha sottolineato alla fine del vertice: Mario Draghi si è detto molto soddisfatto perché inizialmente nel testo erano citati solo i movimenti secondari e, soprattutto, perché si “è aperto uno spiraglio sulla discussione sul Patto sulla migrazione e l’asilo, ferma da un anno”.”Per tutti i dati e le dichiarazioni illustrati ci appelliamo al Presidente Draghi per intensificare l’impegno affinché l’Italia possa ottenere un accordo per una nuova legge d’immigrazione europea che viene aggiornata ad oggi prendendo in considerazioni tutti i cambiamenti geopolitici ,effetto pandemia ,carenza di professionisti della sanità in Italia e nel mondo ,Salute Globale ,responsabilizzare di più i paesi di origine dei migranti e dei rifugiati a combattere il mercato degli esseri umani e della corruzione nel mercato dell’immigrazione irregolare nei punti di partenza e non solo d’arrivo. Cosi Dichiara Foad Aodi, Presidente Associazione medici di origine straniera in Italia(Amsi) e Unione medica euro mediterranea (Umem) e membro Commissione Salute Globale Fnomceo Ufficio Stampa Amsi http://www.amsimed.org

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Volatilità, Cina e inflazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

A cura di Richard Flax, Chief Investment Officer Moneyfarm. Dopo una prima metà dell’anno caratterizzata da performance generalmente positive, i mercati hanno frenato la propria rincorsa nel terzo trimestre. Le azioni dei mercati sviluppati sono cresciute solo marginalmente, mentre le obbligazioni globali sono rimaste sostanzialmente invariate. L’azionario dei mercati emergenti ha invece avuto un andamento più movimentato. Le turbolenze in Cina, innescate dalla crisi di alcune aziende immobiliari in un contesto di crescita in rallentamento, hanno pesato sul mercato azionario che nel trimestre è sceso di circa il 7%. Negli ultimi mesi tutte le nostre discussioni sono state dominate da tre questioni principali. La prima è stata la ripresa dell’economia globale. Abbiamo visto i dati macro deteriorarsi un po’, il che significa che la ripresa non è forse così forte come delineavano alcuni degli scenari più ottimistici. Il secondo centro di attenzione, ancora una volta, è stato l’inflazione. Abbiamo generalmente ritenuto, insieme a molti altri, che l’inflazione si sarebbe prima o poi regolarizzata gradualmente verso la soglia del 2%, l’obiettivo della maggior parte delle banche centrali. Nel complesso, sembra che i banchieri centrali stiano iniziando a delineare la strada della normalizzazione – forse un po’ prima di quanto avremmo potuto pensare. Ma, in un mondo in cui le catene di approvvigionamento rimangono sotto pressione, continuiamo a pensare che la rimozione dello stimolo sarà un processo graduale e attento. Infine, abbiamo rivolto molta della nostra attenzione alla Cina. Nell’ultimo anno abbiamo assistito a numerose azioni da parte del governo di Pechino che hanno preso di mira le grandi aziende, le piattaforme Internet e le società immobiliari. La crisi di Evergrande, una grande società immobiliare, merita molta attenzione.Gli ultimi mesi hanno visto i politici cinesi condurre una guerra a tutto campo contro i giganti tecnologici (e campioni della crescita) del paese, in nome dell’uguaglianza economica e sociale e di una crescita più sostenibile. In qualità di investitori globali, siamo stati in grado di osservare l’evolversi delle ostilità da una comoda distanza. Lo stesso non si può dire per quanto riguarda la crisi Evergrande: la possibilità che la più grande società immobiliare cinese potesse andare in default è stata sufficiente a preoccupare per qualche giorno la maggior parte degli investitori globali.Mentre la Cina è alle prese con la debacle di Evergrande – insieme agli investitori esposti all’High Yield cinese – il resto del mondo finanziario ha rivolto la sua attenzione alla logistica e alle frizioni sul mercato del lavoro. I problemi relativi alle scorte hanno impedito alle aziende di capitalizzare l’aumento della domanda e di conseguenza la ripresa del giro d’affari ha subito un rallentamento.Nonostante tutto, il terzo trimestre è stato ancora caratterizzato da una crescita economica positiva. Anche tutti i problemi che riguardano la catena di approvvigionamento, la mancanza di forza di lavoro, i rincari energetici sono in ultima analisi riconducibili a una crescita repentina della domanda. Questo crea un contesto positivo di fondo che ci permette di guardare ai prossimi mesi con cauto ottimismo. Lo slancio economico si è indebolito a causa dei problemi che abbiamo discusso, ma la crescita è ancora lontana dal diventare negativa. Il sostegno politico e la ripresa economica hanno sostenuto i mercati azionari. Gli investitori in euro sono inoltre stati aiutati dal dollaro USA, che si sta rivelando un rifugio sicuro per i mercati finanziari; mentre la performance delle azioni è peggiorata nella seconda metà di settembre, il biglietto verde si è apprezzato rispetto ai suoi principali omologhi globali. Quando valutiamo il ciclo delle notizie, è importante per noi vedere attraverso il rumore di fondo e isolare i fatti che determinano realmente uno sviluppo per i nostri investitori. L’ultimo fattore di rischio da considerare è la possibilità che l’inflazione si dimostri meno transitoria di quanto si pensasse inizialmente e di quanto abbiamo predicato negli scorso mesi, sulla scia delle banche centrali. La nostra opinione è che ha contare sia effettivamente ciò che pensano le banche centrali sull’argomento. Fed, Bank of England e Bce continuano a sottolineare come il fenomeno sia legato alla congiuntura, anche se cominciano a includere nella loro narrativa la possibilità che l’aumento dei prezzi abbia conseguenze più strutturali. A nostro avviso ciò non cambia di molto le prospettive di politica monetaria di breve termine ma potrebbe in qualche modo influenzare nel medio termine la velocità e la tempistica dello smantellamento dei sostegni all’economia, una prospettiva che dobbiamo monitorare.Negli ultimi mesi abbiamo assistito a una forte crescita dell’economia globale che si è tramutata in rendimenti molto positivi. Il 2021 ha rispettato le premesse e crediamo che questa fase positiva continuerà nei prossimi mesi, anche se forse in misura minore. Con questo presupposto, abbiamo modificato le nostre scelte tattiche, guardando ai prossimi mesi con fiducia, ma aggiustando i portafogli per fronteggiare meglio alcune tendenze di cui abbiamo parlato precedentemente. (abstract)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commento sui mercati europei

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

A cura di Alistair Wittet, Gestore del fondo Comgest Growth Europe di Comgest. Dopo una solida performance nei primi otto mesi dell’anno, a settembre è ripreso il ribasso dei mercati azionari mondiali. Come sempre, è difficile individuare l’esatta causa scatenante. All’inizio, la variante Delta del Covid-19 sembrava destinata a interrompere la ripresa (i viaggi aerei avevano persino invertito la loro tendenza al miglioramento in agosto), ma i progressi incoraggianti delle campagne vaccinali hanno attenuato queste preoccupazioni. Poi, a settembre, diverse banche centrali in tutto il mondo hanno aumentato i tassi, la maggior parte per la prima volta dall’inizio della pandemia, mentre la Federal Reserve statunitense e la Banca d’Inghilterra hanno annunciato l’intenzione di voler procedere a una stretta monetaria. Perché questa decisione? Il troppo denaro a basso costo da troppo tempo rischia di innescare uno scenario di iperinflazione, in particolare nel contesto di un’economia mondiale che si sta riprendendo bene dalla pandemia. Per i mercati azionari, tuttavia, ciò significa meno denaro per alimentare le quotazioni azionarie, o almeno questo è il pensiero corrente. Infine, la notizia che Evergrande, lo sviluppatore immobiliare cinese, non fosse in grado di rimborsare un’obbligazione ha aggiunto altri timori oltre a quello di una diffusione del contagio.Nel terzo trimestre le notizie sulle società non sono mancate. ASML ha continuato il suo trend rialzista fino all’attesissimo investor day, in cui ha aggiornato le sue previsioni fino al 2025, fornendo nuove linee guida fino al 2030 (che la inseriscono nel gruppo esiguo di società in grado di fare previsioni a così lungo termine). Le nuove stime prevedono un CAGR (tasso di crescita annuo composto) del fatturato dell’11% fino al 2030, con una crescita degli utili probabilmente più rapida. Rimaniamo molto positivi, in particolare dopo il recente calo delle azioni. Icon ha completato la fusione con PRA Health che le permetterà di raddoppiare le proprie dimensioni passando così dalla sesta alla seconda posizione tra le più grandi organizzazioni di ricerca a contratto (CRO) del settore. Da diversi anni il settore ha intrapreso un percorso di consolidamento e consideriamo questa fusione come una tappa importante per guadagnare in dimensioni e rilevanza. Novo Nordisk è cresciuta nettamente in seguito all’incredibile successo del suo nuovo prodotto per il trattamento dell’obesità, Wegovy, che ha portato la società a rivedere al rialzo i suoi obiettivi finanziari per il 2021. A poche settimane dal lancio negli Stati Uniti, il farmaco veniva già prescritto più del suo predecessore sei anni dopo il lancio. Insieme alla classe di farmaci GLP1, i prodotti per la perdita di peso di Novo dovrebbero portare a un’accelerazione della crescita dei ricavi del gruppo al 9% circa nei prossimi cinque anni.Come detto in passato, possiamo attualmente notare segni concreti dell’uscita dalla crisi economica con una ripresa a K. Le tendenze pre-crisi stanno accelerando, sia che si tratti di investimenti nel comparto digitale, di trasformazioni tecnologiche o di considerazioni ambientali. I titoli che già evidenziavano solidità diventano ancora più forti. Per esempio, la domanda dei pannelli isolanti prodotti da Kingspan sta accelerando man mano che le aziende cercano di ridurre il loro impatto ambientale. Le vendite di sigillanti per automobili di Sika, o del software di progettazione di Dassault, sono state sostenute dall’adozione sempre più crescente di veicoli elettrici. Gli investimenti nel digitale su larga scala hanno provocato un aumento della domanda delle competenze di Accenture, mentre va da sé che le prospettive di ASML non potevano che uscire rafforzate dal fabbisogno di semiconduttori derivante da questo tipo di investimenti. Concretamente sono anche questi fattori ad aver sostenuto il fatturato organico del portafoglio nel primo semestre 2021, che è superiore del 13% circa allo stesso periodo del 2019, mentre il PIL europeo è appena tornato al suo livello pre-crisi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tamponi e vaccini in farmacia

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

In queste ore si stanno concretizzando due importanti provvedimenti che riguardano l’attività in farmacia e il lavoro dei farmacisti. È stata inviata una comunicazione da parte del Commissario all’emergenza Covid, Generale Figliuolo, alle regioni in cui si invitano le stesse ad adottare i provvedimenti utili all’organizzazione dell’effettuazione dei tamponi anche in orari serali e fuori dalle fasce ordinarie di apertura delle farmacie. Il secondo provvedimento riguarda l’accordo sottoscritto tra Ministero della Salute, FOFI e associazioni sindacali di categoria (Federfarma e Assofarm) per l’effettuazione delle vaccinazioni antinfluenzali in farmacia. Questo accordo prevede per la farmacia la remunerazione dell’atto professionale con 6,16 € a vaccinazione effettuata. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs ritengono che, a poche settimane dalla sottoscrizione del testo di rinnovo del Contratto Nazionale delle farmacie private e nel pieno della discussione di rinnovo del Contratto Nazionale delle farmacie speciali (comunali) sia indispensabile affrontare questi temi in un confronto sindacale di merito. Per questo è stata inviata una richiesta di incontro alle associazioni di categoria, mettendo in copia anche il Commissario Straordinario all’emergenza Covid, Generale Figliuolo e il Ministro della Salute, Onorevole Speranza.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Governo sta valutando la nomina di un Inviato speciale per la libertà religiosa

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Gli onorevoli Paolo Formentini, Eugenio Zoffili e Vito Comencini, con un’interrogazione a risposta immediata in Commissione Affari esteri della Camera, ieri hanno chiesto al Ministro Luigi Di Maio se il Governo sia intenzionato a istituire la carica di Inviato speciale per la tutela della libertà religiosa. Tale carica, hanno sottolineato i tre deputati, nel nostro Paese avrebbe lo scopo di confermare che il diritto di professare liberamente la fede religiosa, riconosciuto dall’articolo 19 della Costituzione italiana, non è valido solo a livello nazionale ma deve essere promosso in ogni sede internazionale quale diritto inviolabile di ciascuno. L’atto parlamentare è particolarmente opportuno perché l’istituzione o la riattivazione della carica di ambasciatore per la libertà religiosa è ormai una realtà in un numero crescente di nazioni, quali Danimarca, Paesi Bassi, Stati Uniti, Norvegia, Finlandia, Polonia e Regno Unito. In Germania è stato nominato un Commissario per la libertà religiosa nel mondo.Il sottosegretario Manlio Di Stefano, dopo aver ricordato che la richiesta di nominare un Inviato speciale per la libertà religiosa era stata sottoposta al Governo anche da Aiuto alla Chiesa che Soffre, ha risposto che, alla luce del tradizionale impegno italiano in materia di diritti umani, la proposta è attualmente alla valutazione della Farnesina. Aiuto alla Chiesa che Soffre ringrazia sia gli onorevoli Formentini, Zoffili e Comencini per la sensibilità dimostrata nei confronti delle comunità oppresse per le violazioni della libertà religiosa, sia il Governo il quale, nella persona del sottosegretario Di Stefano, ha fornito rassicurazioni. ACS auspica un esito positivo delle valutazioni in corso affinché l’Italia possa fornire quanto prima un segnale politico e istituzionale chiaro e inequivoco a tutela di questo diritto fondamentale attualmente violato in 62 dei 196 Paesi sovrani del mondo.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Crescono le stime sul PIL lombardo per il 2021

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

La forte ripresa in atto e le attese positive sulla produzione sono tra i principali fattori a influenzare il rialzo delle stime sul PIL lombardo (+6,4% per il 2021), nonostante crescano le criticità sul fronte delle catene di approvvigionamento. In Lombardia, il recupero in corso si accompagna anche alle nascite di nuove imprese che tornano superiori al periodo pre-Covid.I dati del Booklet Economia a cura del Centro Studi di Assolombarda, pubblicato su Genio & Impresa (genioeimpresa.it), il web magazine dell’Associazione, evidenziano in Lombardia la crescita del PIL per l’anno in corso di oltre 6 punti percentuali (dal 5,4% stimato a luglio). Un’accelerazione significativa ma che permetterà di superare i livelli pre-Covid solo nel 2022 (ancora del -3,4% il gap nel 2021). I divari e i tempi di recupero sono simili, per questo anno, in Veneto, Emilia-Romagna, Piemonte e nel totale nazionale. Un allineamento che emerge anche dai bilanci del periodo pandemico vissuto nelle principali regioni produttive italiane, con la Lombardia che al pari di Emilia-Romagna, Veneto, Piemonte e al totale nazionale, ha registrato una caduta di PIL intorno al -9%. Differenti i dati nel confronto europeo: la Cataluña con un -11,5% accusa una perdita annua più ampia e senza precedenti (-10,8% la caduta in Spagna), mentre in Bayern e Baden-Württemberg la flessione è contenuta al -5,5% (-4,6% nel totale Germania).Positive le prospettive di domanda e produzione, ma crescono le criticità sulle catene di approvvigionamento. Dopo il lieve arretramento di agosto, pur essendo i livelli storicamente elevati, a settembre il clima di fiducia delle imprese manifatturiere risulta stabile nel totale italiano, mentre risale nel Nord Ovest e in Lombardia. Nel confronto europeo, la fiducia tocca un nuovo record in Germania e torna a crescere in Spagna, mentre è in deciso peggioramento in Francia. Le imprese italiane e tedesche stanno, quindi, ricorrendo anche alle giacenze nei magazzini per assorbire le tensioni sui prezzi e sulle disponibilità di materie prime e semilavorati. Seppur in un quadro in cui il rimbalzo perde parte dello slancio iniziale, le scorte di prodotti finiti in diminuzione e contemporaneamente la domanda ancora sostenuta si riflettono in un aumento ulteriore delle attese di produzione da qui a fine anno.Più composita è la condizione dei servizi di mercato. Il clima di fiducia nel Nord Ovest scende ancora a settembre ma rimane su livelli estremamente elevati e le prospettive di domanda delineano un aumento. In Italia, in Europa e in Spagna, l’indice della fiducia torna a crescere spinto dalla componente dei servizi turistici, mentre diminuisce in Germania e soprattutto in Francia.In Lombardia, tra aprile e giugno, le iscrizioni di nuove imprese alle anagrafi camerali sono aumentate del + 4,7% rispetto alla media 2017-2019. La ripresa, dunque, ha creato le condizioni per nuove iniziative imprenditoriali. Un fenomeno che ha caratterizzato la nostra regione, rispetto ad altri territori nazionali come il Piemonte che segna un incremento più contenuto del +1,4%, mentre Emilia- Romagna e Veneto sono in negativo (rispettivamente -1,4% e -4,1%). Le cessazioni in Lombardia sono 7.788, inferiori di quasi un quinto rispetto alla media 2017-2019 e ancora lontane dal fisiologico ‘ricambio’ del sistema. Nel dettaglio le nuove attività che superano il livello pre-Covid riguardano i settori della Finanza (+56%), delle Attività professionali, scientifiche e tecniche (+51%), dell’Immobiliare (+22%), dell’ICT (+21%) e delle Costruzioni (+21%). Restano ancora sotto i livelli 2017-2019, le attività che hanno maggiormente sofferto durante la pandemia: Alloggio e ristorazione (-29%), e anche nell’industria (in questo caso, però, la tendenza è in atto da diversi anni).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prezzi energia alle stelle

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Da alcuni mesi il prezzo del metano è più che quadruplicato provocando un rincaro importante del prezzo dell’energia. Considerando poi che l’Italia importa oltre il 70% dell’energia consumata e che più del 50% dell’energia elettrica è prodotta da centrali turbogas, è necessario pensare a soluzioni non solo diversificate, ma anche più sostenibili. In un contesto simile, le energie rinnovabili ed il biogas rappresentano l’attualità ed una grande opportunità per il nostro Paese, che già vanta un grande vantaggio infrastrutturale per il trasporto e la distribuzione del gas naturale. Ma di cosa si tratta esattamente? Il biogas è una miscela di gas metano e anidride carbonica prodotta dalla fermentazione di matrici organiche in assenza di ossigeno, attraverso un processo definito digestione anaerobica. Rappresenta quindi una fonte di energia rinnovabile che può avere un impatto positivo nel ridurre le emissioni di gas a effetto serra in diversi settori che attualmente sono particolarmente energivori, come quello dell’agricoltura, ma anche dell’industria Food&Beverage.Perchè scegliere la filiera del biogas e del biometano? Il biometano potrebbe rappresentare per il nostro Paese un risparmio di 1,6 miliardi di metri cubi di importazioni di biocarburanti e un potenziale produttivo al 2030 di 8 miliardi di metri cubi, pari al 10% del consumo nazionale di gas naturale. Da sottolineare che il biometano avanzato – nell’agosto 2021 – ha registrato un prezzo al ritiro GSE pari a 40,58 euro/MWh, equivalente a circa 0,38€/Sm3.L’Italia è oggi il terzo produttore europeo di biogas dietro Inghilterra e Germania e quinto nel mondo dopo Cina e USA, con un valore economico di 3,2 miliardi di euro, al netto degli incentivi. Grazie alle numerose richieste di costruzione di nuovi impianti, o di revamping di impianti biogas esistenti, si prevede che l’Italia diventi inoltre leader europeo per la produzione di Bio-LNG con una capacità produttiva di 299 t/g entro il 2022.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Roma Capitale. Non inizia bene il neo sindaco Gualtieri

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Con una intervista su due pagine de La Repubblica, il neo sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, si propone alla città con i suoi obiettivi. Qualcosa non quadra. Per la gestione dei rifiuti, il sindaco Gualtieri, dichiara: “Partiremo dalla pulizia e dalla manutenzione, anche valorizzando il contributo dei romani.”. Tradotto significa che i cittadini dell’Urbe dovranno armarsi di scopa e paletta, dopo che pagano la tassa sui rifiuti tra le più alte d’Italia? Prosegue con:”Poi cercheremo di far subito ripartire gli uffici. “Il che significa rimettere su strada 23 mila dipendenti comunali, più quelli dei vari enti connessi, che contraddice la sua proposta della “città dei 15” minuti, cioè della mobilità in quell’arco di tempo. Alla domanda se non teme di fare la fine del precedente sindaco Ignazio Marino (PD), risponde che “nessuno mi accoltellerà”. Si riferisce alla defenestrazione del sindaco Marino con atto notarile firmato dai consiglieri del PD. Avremmo gradito che la elaborazione del lutto fosse più esplicita, chè ammettere gli errori passati è sempre un buon inizio. Come al solito, staremo a vedere, come abbiamo fatto con tutti, dicasi tutti, i sindaci precedenti. Primo Mastrantoni, Aduc

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fisco. Ricchiuti (FdI): intervenire su sistema sanzionatorio. Draghi parla solo di Irpef

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

“Anche con il Governo Draghi si torna nuovamente a parlare della riforma fiscale solo nell’ottica della riduzione di qualche punto di percentuale di IRPEF , come se questo risolvesse un male atavico che vede nel sistema sanzionatorio un’arma di distruzione di interi comparti produttivi e che con la crisi in atto potrebbe risultare fatale per l’intera economia nazionale. L’assurdità delle società pubbliche di riscossione ma in genere del fisco è questa: chi presenta la dichiarazione dei redditi, ha un’attività legale, ma, al contempo, si trova in difficoltà finanziarie, viene perseguitato , le iscrizioni a ruolo tra sanzioni e interessi triplicano il debito originario. Chi, invece, esercita attività economiche nella totale illegalità ovverosia nell’evasione totale, non solo fiscale ma in barba a qualsiasi legge e regolamento, può rimanere tranquillissimo: non può subire iscrizioni a ruolo per debiti erariali/contributivi non versati , in quanto manca proprio la dichiarazione, per cui non vi è la spontanea ammissione . Costui quindi non subirà fermi amministrativi, non dovrà chiedere rateizzazioni, non dovrà pagare un bel nulla. Come può lo Stato affermare, se pur non palesemente, altresì dicendolo tra le righe, che le sue leggi in materia fiscale sono solo un opuscolo di cattivi consigli? Praticamente una istigazione a lavorare in nero . Durante alcuni confronti pubblici mi è stato replicato, che qualcuno ogni tanto lo pizzicano. Cosa credete gli facciano? Innanzitutto possono ricostruire induttivamente solo gli ultimi 5 anni di reddito e colui che viene colpito può patteggiare ad un terzo, ammesso che abbia intestato qualcosa a lui , ma la vedo dura. Quindi, chi ha reso dichiarazione dei redditi e non ha sufficienti risorse per pagare dovrà pagare il triplo, chi ha evaso totalmente potrà patteggiare un terzo calcolato su 5 anni di reddito calcolato induttivamente. Questo sistema sarebbe una trama adatta a un film comico se non avesse cagionato centinaia di suicidi piccoli imprenditori”.Lo dichiara Lino Ricchiuti, Viceresponsabile del Dipartimento Imprese e Mondi produttivi di Fratelli d’Italia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Osservatorio Anbi sulle risorse idriche

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Con un’immagine ad effetto sono chiamate “bombe d’acqua” ma, se si escludono i violenti e talvolta tragici eventi estremi, non sta piovendo più, in maniera utile, su Umbria, Abruzzo e Puglia: lo segnalano i dati raccolti nel report settimanale dell’Osservatorio ANBI sulle Risorse Idriche, che registra come, in Settembre, sull’Umbria siano mediamente caduti solo mm. 21,6 di pioggia (mm.24,1 in Agosto), scendendo addirittura a mm. 4,75 nelle zone meridionali della regione; solo 12 mesi fa erano piovuti mm. 101,53! Peggio ancora va in Abruzzo, i cui pluviometri superano il -90% dopo il -73% di Agosto e l’invaso di Penne segna la peggiore performance dal 2017 (a Settembre erano trattenuti solo 0,59 milioni di metri cubi d’acqua). Dati pluviometrici negativi nel mese di agosto anche per le Marche (dal -50% di Montemonaco a -67,3% di Carpegna) con evidenti conseguenze negative sulle portate dei corsi d’acqua, tornati in calo, seppur in vantaggio sul 2019. In Puglia, nei primi 8 mesi dell’anno si registrano pesanti deficit pluviometrici con generalizzate caratteristiche di “severa siccità”, che sfociano in “siccità estrema” nelle province di Bari e Barletta-Andria-Trani, toccando anche quelle di Brindisi e Taranto fino a sconfinare in buona parte della Basilicata (fonte: Centro Meteo Puglia). Anche in Emilia Romagna i dati pluviometrici sono largamente negativi: la media regionale delle precipitazioni nel periodo Marzo-Settembre 2021 è la più bassa dal 1961 con un deficit di oltre 200 millimetri nel settore centro-orientale, dove manca all’appello fino al 50% delle piogge; tornano così a soffrire le portate dei principali fiumi con Reno e Nure ancora sotto il minimo storico, così come i bacini piacentini Molato e Mignano sono scesi ai livelli più bassi dal siccitoso 2017 (fonte: ARPAE).“Scendendo nel dettaglio – aggiunge Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI – il nostro Piano di Efficientamento della Rete Idraulica del Paese prevede, al Sud, il disinterrimento di 45 invasi ed il completamento di altri 6, garantendo quasi 2700 posti di lavoro, grazie ad un investimento di circa 536 milioni di euro; per quanto riguarda il Centro Italia, sono previsti 36 progetti definitivi per il disinterrimento di altrettanti invasi ed il completamento di altri 6 bacini per un investimento complessivo di circa 186 milioni di euro capaci di attivare oltre 900 posti di lavoro.” Al Nord calano i livelli dei laghi Maggiore (ora sotto media) e Lario, mentre restano abbondanti le portate del fiume Adda, in Lombardia.Resta sostanzialmente stabile la media dei flussi nei corsi d’acqua piemontesi con gli estremi della Dora Baltea in aumento e della Stura di Lanzo in decrescita.Calano anche le portate del fiume Po, largamente sotto i livelli medi e dell’anno scorso, ma che si mantengono comunque su valori superiori alla portata di magra ordinaria.Reggono, seppur in leggero calo, i fiumi veneti ad eccezione del Piave, che supera i livelli degli anni precedenti, mentre torna ad essere preoccupante la situazione dei fiumi toscani, abbondantemente sotto media e lontani dalle portate del 2020, nonostante la recente ondata di maltempo; l’anno scorso, un più lungo periodo piovoso favorì importanti portate fluviali per molti giorni.Nel Lazio, il lago di Bracciano è in calo (-11 centimetri), così come i fiumi Liri e Sacco.In Campania, su base settimanale, i livelli idrometrici dei fiumi Garigliano, Volturno e Sarno risultano in diminuzione, mentre stabile è il Sele, unico superiore alla media del recente quadriennio; I volumi del lago di Conza e degli invasi del Cilento sono in ulteriore calo. In Basilicata, toccata da una tardiva siccità, gli invasi calano di quasi 10 milioni di metri cubi in una settimana; lo scorso anno, dopo una persistente assenza di piogge estive, la decrescita era stata di solo 1 milione e mezzo di metri cubi in questo periodo.Nella confinante e siccitosa Puglia, questa settimana l’acqua nei bacini registra -1,5 milioni di metri cubi, mentre quelli sardi segnano il terzo peggior risultato dal 2010 dopo i disastrosi 2016 e 2017 (al 30 Settembre 2021 trattenevano 1039,79 milioni di metri cubi).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commento sugli investimenti obbligazionari globali

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

A cura di Andrew Cormack, Gestore di portafogli obbligazionari di Capital Group. In occasione della riunione di giugno, la Federal Reserve USA ha segnalato chiaramente l’intenzione di ridimensionare la sua politica accomodante. Questo ci rende meno ottimisti in merito al tratto a breve della curva dei rendimenti dei Treasury, ma al contempo riduce la probabilità di una spirale inflazionistica, motivo per cui a luglio e agosto abbiamo assistito a un calo dei rendimenti dei Treasury. Questo probabilmente riduce i premi a termine e offre un supporto per i tassi a lungo termine e ci fa ipotizzare un appiattimento della curva dei rendimenti nel medio periodo. I Treasury USA continuano inoltre ad essere favoriti dal differenziale dei tassi di interesse rispetto ad altri mercati sviluppati come Europa e Giappone, dove i rendimenti rimangono negativi su gran parte della curva. Continuiamo a individuare una solida domanda di Treasury dai fondi pensione e dagli acquirenti esteri. La politica della Fed influenza non solamente gli USA, ma anche i mercati e l’economia globale. A nostro avviso, la Fed è essenzialmente la banca centrale globale, perché stampa la moneta di riserva mondiale. La sua politica viene esportata all’estero tramite numerosi canali finanziari. Da giugno, la Fed si è concentrata maggiormente sull’inflazione; ha ridimensionato i timori ad essa correlati, alleviando la pressione per l’irrigidimento della politica che gravava su altre banche centrali quali la Bank of Canada, la Norges Bank e anche la Banca Centrale Europea (BCE). E i rendimenti obbligazionari hanno registrato un calo in tutto il mondo.Come investitori obbligazionari globali, possiamo investire in qualunque parte del mondo. Non siamo del tutto d’accordo con la politica europea e con il mantenimento dei tassi di mercato a livelli così ridotti, così a lungo. I tassi negativi hanno penalizzato il sistema bancario e di conseguenza il solido flusso di credito nelle economie europee.Dall’inizio della pandemia di Covid-19 i rendimenti sono calati nella maggior parte dei mercati, queste obbligazioni sono divenute un investimento meno redditizio con l’appiattimento delle curve dei rendimenti.La Cina sta divenendo una parte importante dei mercati del reddito fisso e dei nostri portafogli obbligazionari globali. Da quando il debito cinese è entrato nell’Indice Bloomberg Barclays Global Aggregate nel 2019, è cresciuto fino a raggiungere circa il 7% dell’indice. Questo ha attirato un ampio spettro di investitori, incrementando la profondità e la liquidità del mercato. Consideriamo le obbligazioni cinesi alla stregua del debito dei mercati sviluppati. La qualità dell’universo investment grade generale (con rating BBB/Baa e superiori) è oggi inferiore al passato, soprattutto da quando è salita anche la duration dell’indice delle obbligazioni corporate. Effettuando una rettifica per la qualità e la duration, i livelli di spread sono molto contratti. È piuttosto interessante, considerando che siamo appena emersi da una delle crisi economiche peggiori che si possono ricordare. C’è molta liquidità all’interno nel sistema, che porta a una insaziabile ricerca del rendimento. Le valutazioni inducono alla prudenza, ma non vogliamo essere sottopesati sulle obbligazioni corporate nei nostri portafogli perché dobbiamo tenere in considerazione anche l’attuale fase intermedia del ciclo economico, che storicamente è un periodo di extra-rendimenti moderati per l’obbligazionario corporate.Sono quindi meno focalizzati sul beta di credito, o sull’ottenimento di un’ampia esposizione creditizia, e molto più focalizzati sulla selezione del credito. Fortunatamente disponiamo di un ampio team di analisti creditizi che generano numerose idee specifiche. Continuo ad apprezzare alcuni segmenti del settore dell’energia negli USA. Inoltre, i mercati del credito asiatico forniscono un ragionevole vantaggio di rendimento rispetto all’universo investment grade USA in generale. I nostri analisti stanno inoltre individuando alcune aziende molto solide nei mercati emergenti.Continuiamo ad apprezzare il debito dei mercati emergenti come fonte di rendimento. In un contesto di recupero della crescita globale, i nostri economisti prevedono un dollaro relativamente stabile, che può rappresentare un contesto positivo per le valute dei mercati emergenti. Molte economie e valute sono destinate a beneficiare del rialzo del ciclo delle materie prime. I mercati asiatici, che presentano rendimenti inferiori ma tendono ad essere anche meno volatili, sono un’altra area di interesse. (abstract)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

«I cristiani si estingueranno se l’Occidente non farà nulla»

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Il patriarca dei siro-cattolici Ignatius Joseph III Younan, in un colloquio con la fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), sottolinea quanto sia urgente arginare la migrazione cristiana dal Libano. Secondo il patriarca infatti, a fronte della crisi economica e dell’attuale ondata di violenza, se l’Occidente non aiuta i cristiani libanesi questa comunità potrebbe presto estinguersi.Il prelato denuncia l’esodo di fedeli da un Paese in cui i cristiani sono circa due milioni. «Temiamo veramente molto che, qualora questa crisi continui, sia la fine dei cristiani in Libano e in tutto il vicino Oriente nel giro di pochi anni. Normalmente quando i cristiani partono, come è successo in Iraq, Siria e Turchia, non tornano. Chiedono: ‘Perché dovremmo tornare quando non possiamo garantire ai nostri figli una vita dignitosa né la libertà religiosa?’».Il patriarca dei siro-cattolici racconta: «Uno del nostro clero ha richiesto un permesso di soggiorno e un funzionario gli ha detto che si rilasciano 5.000 passaporti al giorno e che si stima che almeno 3.000 di questi siano per i cristiani che poi se ne vanno. Non possiamo convincerli a restare perché dicono: ‘Come possiamo sopportare questa situazione? Non c’è speranza per il nostro futuro.’ Si devono osservare i problemi del Libano e dire ai politici che quando è troppo è troppo. Forse questo non è più d’interesse per i politici occidentali. Hanno altri problemi da affrontare».La scorsa settimana a Beirut si sono verificati scontri che hanno causato la morte di sette persone. Le violenze hanno seguito le manifestazioni di protesta per la rimozione del giudice Tarek Bitar, fino ad allora titolare delle indagini sull’esplosione del porto di Beirut dell’agosto 2020. La deflagrazione ha causato oltre 200 vittime e la devastazione di gran parte della città, in particolare dei quartieri cristiani. Il Paese sta inoltre attraversando una grave crisi economica e soffre di una elevatissima inflazione. Oltre il 50% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà a causa della corruzione, delle inadeguate infrastrutture pubbliche e del COVID-19.Secondo il patriarca Younan l’Occidente «non sta facendo con saggezza e onestà ciò che deve fare per difendere le minoranze in Medio Oriente, in particolare i cristiani. Siamo qui da millenni. Abbiamo sopportato ogni tipo di oppressione». ACS dopo l’esplosione portuale del 2020 ha finanziato progetti per oltre 5,4 milioni di euro garantendo aiuti di emergenza e ricostruendo le chiese del quartiere cristiano di Beirut.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le chiavi per rilanciare l’olio italiano di qualità

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Perugia. “L’olio extravergine d’oliva made in Italy è famoso ed è esportato in tutto il mondo, nonostante solo il consumo interno sia il doppio della capacità produttiva dell’olivicoltura nazionale. Questo deve farci riflettere su come aumentare le produzioni e su come catturare l’attenzione del consumatore italiano affinché preferisca il prodotto locale e non quello straniero, oltre che per questioni meramente legate al prezzo. L’oleoturismo, attraverso la valorizzazione delle produzioni con una comunicazione e un consumo esperienziale, può essere una chiave vincente. Il decreto interministeriale Turismo e Mipaaf, che sto seguendo da tempo, è ora in dirittura d’arrivo e può generare un determinante impulso al settore, proprio a partire dall’Umbria”. Lo dichiara il deputato Filippo Gallinella (M5S), presidente della commissione Agricoltura, a margine del convegno ‘From farm to tourism’ nell’ambito di ‘Frantoi Aperti’ a cui ha partecipato oggi a Perugia. “Ritengo che dovremo pensare a nuove modalità di vendita ad alto valore aggiunto – aggiunge -, preferendo il ristorante allo scaffale. Dobbiamo lavorare per una carta dell’olio, con confezioni monouso in piccole bottiglie che diventano veicoli di comunicazione della qualità al consumatore, ripercorrendo quanto già fatto negli anni dal vino. Altra chiave è la sostenibilità, oramai imprescindibile per chi acquista e a cui abbiamo aperto con l’identificazione univoca nel ‘decreto Rilancio’. Una strada già avviata dal comparto vitivinicolo, zootecnico e dell’ortofrutta”. “A ciò si lega l’innovazione che sosteniamo con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, dove si punta a raggiungere il risparmio idrico ed energetico attraverso il rinnovo dei macchinari nei frantoi, proprio nell’ottica dell’economia circolare” conclude.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lavoro agile, Blasi (Cisal): “Contraddizioni in linee guida”

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

“Abbiamo ribadito la necessità di rendere il lavoro agile un istituto di ampia diffusione attraverso il quale perseguire il piano di digitalizzazione e ammodernamento della pubblica amministrazione, meglio se nell’ambito del PNRR. Rispetto a tale obiettivo si è criticata l’impostazione del decreto ministeriale con cui il Ministro Brunetta ha imposto, dal 15 ottobre, in modo repentino e non condiviso dalle OO.SS. l’immediato rientro in presenza di tutto il personale del pubblico impiego, rappresentando come tale forzatura, in non pochi casi, stia ponendo problemi di violazione dei protocolli sanitari per il personale interessato, tanto che molti Enti continuano a mantenere quote di personale in lavoro agile proprio per non incorrere in violazione delle norme sanitarie. Altresì si è contestata la volontà del Ministro di disciplinare attraverso atti di legge e regolamentari una materia, come quella del lavoro agile, di stretta competenza della contrattazione sindacale. Nel merito si sono evidenziate alcune contraddizioni contenute nelle linee guida; in alcuni casi, infatti, si è notato che una puntuale attuazione di quanto con esse disposto di fatto impedirebbe la prosecuzione di qualsiasi esperienza di lavoro agile attualmente ancora in corso”. Lo ha detto il segretario confederale della Cisal, Massimo Blasi nel corso dell’incontro con il ministro della PA, Renato Brunetta, sulle linee guida per l’attuazione del lavoro agile nella pubblica amministrazione.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Throwing Balls at Night di Jacopo Miliani

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Torino Corso Castelfidardo 22 Mercoledì 3 novembre alle ore 21.00, OGR Torino presenta negli spazi del Duomo la performance Throwing Balls at Night di Jacopo Miliani ispirata al poème-dansé Jeux di Claude Debussy, Sergej Diaghilev e Vaslav Nijinsky. Un evento gratuito e a ingresso libero (fino a raggiungimento della capienza massima) organizzato da OGR per celebrare Torino capitale mondiale del tennis, in occasione delle Nitto ATP Finals, il più importante torneo indoor maschile che, dal 14 al 21 novembre, porterà in città gli otto migliori tennisti e le otto migliori coppie di doppio per contendersi il prestigioso titolo.Throwing Balls at Night intreccia cultura sportiva ed espressione artistica, descrivendo l’incontro fortuito in un parco di notte di tre giocatori di tennis che, non potendo riprendere il gioco, si intrattengono in un corteggiamento reciproco, lasciando spazio a momenti di ambiguo erotismo.Poème-dansé del 1913, Jeux è passato alla storia come un balletto profetico e anticonvenzionale: per il suo uso dello sport sulla scena, per lo spazio dedicato a identità sessuali all’epoca oggetto di censura, e per la scelta di un linguaggio privato, da club, che sembrava presagire la cultura giovanile degli Anni Venti.Mescolando danza accademica e atteggiamenti tratti dalla vita moderna, il balletto ha avuto una fortuna critica molto contestata, ma si è guadagnato un posto nella storia della danza per la sua visionarietà, in seguito associata alla nascita del cosiddetto balletto neoclassico.Partendo da queste suggestioni, Jacopo Miliani fonde in Throwing Balls at Night l’assoluta modernità delle tecniche coreutiche e delle concezioni rivoluzionarie di Nijinsky con il Vogueing degli anni Ottanta newyorkesi. Così, dopo qualche minuto di ascolto di Debussy, i danzatori/performer iniziano a muoversi al ritmo di MikeQ – leggenda del ballroom sound – scaldando il lungo catwalk allestito per la serata con movimenti, gesti, pose.Ingresso libero fino al raggiungimento della capienza massima.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le cellule dell’embrione lavorano in squadra per ripararsi

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Dopo aver analizzato più di 20.000 embrioni, l’Institut Marquès propone di cambiare i criteri per determinare se sono adatti al trasferimento nell’utero nei trattamenti di Riproduzione Assistita.Nei trattamenti di fecondazione in vitro (FIV), gli embrioni sono classificati secondo linee guida basate sul loro aspetto e sul modo in cui si sviluppano tra il primo e il quinto giorno di vita, quando raggiungono lo stadio di blastocisti. In questo modo, vengono trasferiti alla paziente quelli considerati più probabili per impiantarsi, continuare a svilupparsi e diventare un bambino sano.La linea di ricerca aperta dall’Institut Marquès sullo sviluppo embrionale mette in discussione i criteri di valutazione degli embrioni che finora sono stati utilizzati nei laboratori di Riproduzione Assistita. I risultati ottenuti da questo centro di Barcellona mostrano che gli embrioni che non seguono i normali schemi di evoluzione potrebbero avere gli stessi tassi di successo degli embrioni con una divisione perfetta.Grazie alle incubatrici con telecamere time-lapse (Embryoscope), nei laboratori dell’Institut Marquès è stato possibile catturare immagini di embrioni con divisione inversa che riassorbono le proprie cellule e di embrioni multinucleati che espellono le cellule anomale al 4° o 5° giorno di vita. Per raggiungere questo obiettivo, è stato analizzato lo sviluppo di 21.274 embrioni, dalla fecondazione fino al raggiungimento dello stadio di blastocisti.”Stiamo mettendo in discussione tutti i fenomeni di divisione embrionale che, fino ad ora, erano considerati una cattiva prognosi. Per il momento, abbiamo già dimostrato che nel caso della divisione inversa e degli embrioni multinucleati, non ci sono prove scientifiche che consigliano di scartarli a priori. Dobbiamo vedere come evolvono fino al loro quinto giorno di vita e verificare se sono riusciti ad auto-ripararsi prima di decidere se sono adatti all’impianto nell’utero della madre e capaci di dare origine a un bambino sano”, dice il Dott. Borja Marquès, ginecologo specializzato in Riproduzione Assistita. “Il nostro lavoro offre alte possibilità di vita a embrioni che fino ad oggi avrebbero potuto anche essere scartati. In questo modo, stiamo offrendo nuove opzioni ai nostri pazienti”, aggiunge il Dott. Marquès.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Luca Ricci: Gli invernali

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 ottobre 2021

Collana Oceani, pp. 240, 18 euro. Il terzo tassello della quadrilogia delle stagioni, un romanzo dal ritmo indiavolato, ricco di dialoghi fulminanti, capace solo come Ricci sa fare di scavare nelle ragioni più profonde che muovono gli uomini e le donne. Un editore rifiuta il romanzo di uno scrittore: niente di male, se editore e scrittore non fossero anche amici per la pelle e testimoni di nozze dei rispettivi matrimoni; un esordiente viene tenuto a battesimo da un importante e temuto critico letterario: tutto bene, se l’esordiente non si frequentasse con la ex moglie del critico; una scrittrice di romanzi rosa va a letto con il suo agente letterario: ammissibile, se scrittrice e agente non si incontrassero a colazione proprio con il marito di lei, un onesto lavoratore nel ramo della “fibra ottica” senza alcuna propensione per l’arte. E questo girotondo di personaggi che appartengono al famigerato quanto avventuroso mondo del terziario culturale non potrebbe andare in scena se non durante la “barzelletta seria” che è l’inverno romano. Un tempo li si sarebbe chiamati con ossequio “intellettuali”, oggi li guardiamo con tenerezza mentre tentano di sfangarla, tra idealismo e problemi pratici, tradimenti e atti di fede, illuminazioni e ottenebramenti. In una Roma incorniciata dalle finestre dei locali e delle case dentro cui si sverna, che “se non esistesse non andrebbe inventata”, si consuma un’impietosa schermaglia dialettica che riguarda le passioni, i sentimenti, gli affetti: la posta in gioco come sempre è la vita. Editore: La Nave di Teseo

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »