Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 106

Archive for 9 dicembre 2019

Local and regional leaders set out vision to deliver European Green Deal

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

The European Committee of the Regions (CoR) has set out its demands for the European Green Deal, which it believes must be met to reach climate neutrality by 2050. From energy to mobility, agriculture, biodiversity, digitalisation and the circular economy, the Committee argues that the Green Deal needs a clear action plan with measurable objectives, targeted actions, and appropriate funding, prepared together with local and regional authorities – if Europe is to respond to the climate emergency.In a debate with Frans Timmermans, the newly appointed European Commission Executive Vice-President for the European Green Deal, the CoR called on the EU to keep global warming below 1.5°C by setting out an ambitious legislative and financial package that supports all regions and cities in delivering transitions, putting sustainability at the heart of all the policy-making. The resolution adopted in Brussels shortly before the European Commission unveils plans for the Green Deal on 11 December, calls on the EU to enshrine into law a commitment to being carbon-neutral by 2050, upgrading its energy, climate and environmental objectives and offer sufficient funding to support regions and cities. Karl-Heinz Lambertz, President of the European Committee of the Regions, said: “We can no longer close our eyes to the climate emergency. The European Green Deal is the last opportunity for Europe to be credible, uphold its international obligations and offer a clear path to carbon-neutrality by 2050. The EU must green all its policies and investments, ensuring a just transition that supports every region and city. Local and regional governments must be a fully-fledged partner and player, backed with real investment. The current EU budget proposals, including cuts to cohesion policy, will undermine regions’ and cities’ efforts to accelerate climate action. Time is running out, we must not dither and we must act together. If the green transition does not start in our cities and regions, it will not happen at all.”Frans Timmermans, the European Commission Executive Vice-President, warned of inaction and said: “All levels of government will have to play their role if we want to succeed in shaping our collective future: this is not something that national governments can do alone. Cities and regions have a huge role to play in the fundamental transformation that the Green Deal is to drive in our society. From emissions-free transport to biodiversity protection, from energy efficiency in buildings to greening our cities and reforestation, we need every single one of you. We won’t reach the objectives of the Green Deal without local and regional authorities.”
During the plenary debate, a group of young elected politicians presented their demands for Europe to Executive Vice-President Timmermans and President Lambertz. A representative of the ‘Young Elected Politician (YEPs) United 4 Climate’ programme, Marina Grech, a local city councillor in Qormi, Malta, said, “We, young leaders, work hard in our local communities to make a liveable and sustainable future for ourselves and our children. United, we come together across parties and across European countries. If I, as 19 years old can take action and if I can stand here today to make our voice heard, so can you.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sulla data delle elezioni dei Comites:”Voto in aprile: si o no?”

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

nissoli onorevoleFucsia Nissoli Fitzgerald ha scritto un articolo apparso nell’edizione odierna di “AmericaOggi” per illustrare la sua interrogazione al MAECI dove chiede chiarezza sulla data delle elezioni dei Comites. “Da quando sono deputata, – afferma Fucsia – cioè dal 2013, ho sentito troppo spesso parlare di riforma della rappresentanza e di nuove regole per eleggerla: si tratta di Comites, CGIE e Parlamentari eletti nella Circoscrizione estera. Per quanto riguarda i parlamentari, l’unica cosa fatta è stata quella di ridurli tanto da rendere la rappresentanza a Montecitorio e a Palazzo Madama al limite della visibilità e quindi con maggiori difficoltà operative. A questa riduzione a mio parere dovrebbe corrispondere un potenziamento dei Comites e del CGIE, un potenziamento che passa sia attraverso maggiori risorse da assegnare che la legittimazione democratica. Ora, sappiamo che i Comites sono a fine mandato e che si dovrebbe votare ad aprile 2020, ma non ci sono segnali istituzionali che lasciano presagire la preparazione delle elezioni che avvengono in ogni Consolato che conta almeno tremila cittadini italiani iscritti nel Registro Aire. Inoltre, alcune recenti affermazioni, del Presidente della Commissione esteri del Senato su un rinvio delle elezioni per mancanza di fondi lasciano molto perplessi e manifestano una scarsa considerazione per il diritto degli italiani all’estero di scegliere democraticamente i propri rappresentanti anche se a livello di circoscrizione consolare.
Vista la situazione, allora, ho ritenuto importante presentare una interrogazione parlamentare al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in maniera da fare chiarezza sulle intenzioni del Governo se intende rispettare o meno la data del voto e le sue modalità.Non vorrei che si ripetesse quanto avvenuto in passato con il rinvio continuo delle elezioni che ha prolungato di ben 5 anni la scadenza naturale di tale organismo. Immaginate voi che si dica ai cittadini di un comune italiano che le elezioni si rinviano per mancanza di copertura finanziaria? E per ben 5 anni! Sarebbe inconcepibile sul piano della democrazia. Ecco, io non vorrei che il rinnovo dei 101 Comites presenti nel mondo previsto per il 2020 venga rimandato a data da definire! Dobbiamo delle risposte ai nostri connazionali all’estero ed a anche a chi intende prepararsi a svolgere un servizio per la Comunità e chiedo che il Governo risponda in maniera chiara.I Comites hanno il duplice obiettivo di “favorire l’integrazione dei cittadini italiani nella società locale e di mantenere i loro legami con la realtà politica e culturale italiana” (art. 1, c. 4 della legge del 2003), sancito già nella legge istitutiva del 1985.Un obiettivo importante che richiede un funzionamento adeguato ed una vera e propria partecipazione democratica degli italiani residenti in loco.
Per fare questo è necessario anche apportare delle innovazioni nel meccanismo di voto.Nelle elezioni del 2015 si è scelto di permettere di esercitare il diritto di voto per corrispondenza solo agli elettori, in possesso dei requisiti di legge, che facciano espressa richiesta all’Ufficio consolare di riferimento di iscrizione in un apposito elenco elettorale. Ad oggi non sappiamo se si ripeterà tale procedura con la formazione di una lista di elettori iscritti in un apposito albo e vorrei che il Governo lo chiarisse sin da ora; inoltre sarebbe opportuno l’introduzione di forme di votazione elettronica, ma sono cose che vanno previste ed organizzate!Abbiamo bisogno di sperimentare nuove modalità di voto da applicare anche per il voto parlamentare e credo che l’occasione delle elezioni dei Comites sia quella buona per inserire un po’ di innovazione con il duplice obiettivo di snellire le procedure elettorali e renderle più sicure! Il mio auspicio è che non si perda questa opportunità ma soprattutto che si rispettino i diritti politici degli italiani all’estero dando loro la possibilità di esercitare il loro diritto di voto per rinnovare i propri rappresentanti locali secondo la scadenza naturale prevista dalla legge! Le recenti notizie dall’Argentina sui brogli elettorali nel voto per la Circoscrizione Estera e quelle meno recenti sui brogli in Canada ci devono spingere a mettere in sicurezza il voto all’estero anche per garantire l’effettività del diritto al voto, come sancito dalla Costituzione, a tutti i connazionali all’estero e l’introduzione di sistemi telematici possono aiutare in questo processo. Sentir parlare continuamente di brogli per quanto riguarda il voto all’estero fa male all’Italia, alla nostra immagine come Paese e offende la dignità degli elettori. Per questo ritengo che è doveroso affrontare la questione per evitare che un manipolo di imbroglioni metta a rischio un grande progetto e cioè quello della Circoscrizione Estera con la conseguente possibilità, per chi vive fuori dai confini nazionali, di far sentire la sua Voce a Roma. Il voto dei Comites, allora, diventa, oltre che esercizio democratico, anche un primo test per capire se siamo capaci di emarginare chi delinque e organizzare una elezione libera e sicura!”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dialoghi Riflessioni sulla democrazia / Diálogos Reflexiones sobre la democracia

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

DSCN2194Roma Martedì, 10 dicembre ore 18:30 Martes 10 de diciembre a las 18:30 h. Sala Dalí Piazza Navona, 91. Donatella Di Cesare e Daniel Innerarity hanno analizzato nei loro saggi l’incertezza contemporanea e i grandi problemi filosofico-politici dei nostri tempi: il ruolo politico della filosofia, l’immigrazione e l’attuale crisi dell’Unione Europea. L’evento fa parte del programma «La Cultura è Capitale», organizzato dall’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Spagna e dalla Fondazione con il Sud, per celebrare Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Ingresso gratuito.
Donatella Di Cesare y Daniel Innerarity han analizado en sus ensayos la incertidumbre contemporánea y los grandes problemas filosóficos y políticos de la actualidad: el papel político de la filosofía, la inmigración y la actual crisis de la Unión Europea. El evento forma parte del programa «La Cultura è Capitale», organizado por la Oficina Cultural de la Embajada de España y la Fondazione con il Sud para celebrar Matera Capitale Europea della Cultura. Entrada libre.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Scuola: Dati Ocse sui docenti italiani: pagati poco, precari a vita e demotivati

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Emerge un quadro drammatico dal più recente studio dell’Organizzazione per la Cooperazione e per lo Sviluppo Economico. Pacifico (Anief): “Età media altissima, professione usurante. Bisogna aumentare gli stipendi e permettere ai docenti di andare in pensione prima”
Un quadro realistico e sconfortante. Non ci sono solo gli alunni nei dati Ocse – Pisa 2018 sugli apprendimenti in Italia. La stampa specializzata riporta anche il focus realizzato dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico sugli insegnanti di casa nostra, che sono risultati “demotivati, con stipendi tra i più bassi d’Europa, precari emigrati e con poco entusiasmo nel lavoro. Infatti, gli studenti di 15 anni alla domanda se durante le lezioni i docenti erano sembrati entusiasti e divertiti del loro lavoro hanno risposto negativamente”. Secondo quanto si legge su Orizzonte Scuola: “Tra i paesi in cui si riscontra lo stesso grado di “entusiasmo” troviamo paesi come l’Albania, Kosovo e Korea”. Sui 76 Paesi considerati l’Italia occupa il 58° posto. Una classifica non entusiasmante, dati preoccupanti per il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, “non perché siano diversi da quelli di un anno fa ma perché sono molto peggio rispetto a quelli di 20 anni fa”. Le cause del poco entusiasmo e della poca motivazione, secondo il giovane sindacato rappresentativo, sono da ricercare anche nelle retribuzioni insoddisfacenti, nel perenne precariato e nell’uscita tardiva dal lavoro, che caratterizza il cammino professionale dei docenti italiani. Gli stipendi del personale scolastico, come quello di tutta la pubblica amministrazione, rimangono di una decina di punti sotto al costo della vita e distante da quelli dei colleghi UE. Per il giovane sindacato è necessario ancorare i compensi al costo della vita come è avvenuto ed è stato siglato per i lavoratori nel privato. Serve ben altro rispetto a quanto viene pronosticato dalla politica. Anche in tal senso Anief rispetto alla Legge di Bilancio, AS 1586, ha suggerito 40 emendamenti. Altri recenti dati OCSE hanno sentenziato altre statistiche incontrovertibili e che dovrebbero destare scandalo: i nostri docenti sono i più anziani tra i Paesi sviluppati rispetto all’Europa ma anche a tutto il mondo: ben il 58% dei docenti italiani, tra elementari e superiori, ha più di 50 anni, contro una media OCSE del 34%.

Posted in scuola/school, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cavalli, costumi e dimore

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Torino 19 dicembre 2019 – 13 aprile 2020 GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino Anteprima per la stampa: mercoledì 18 dicembre ore 12. La mostra, a cura di Virginia Bertone tratteggia la formazione di Carlo Pittara e gli anni della “Scuola di Rivara”, per concentrarsi sulla storia e la fortuna critica della Fiera di Saluzzo. Il riallestimento del dipinto è quindi un’occasione di riscoperta, studio e approfondimento, per cercare di ritrovare le motivazioni della grande raffigurazione. Nello stesso tempo l’esposizione del dipinto ha permesso di verificare le sue condizioni conservative, a tale scopo è stato realizzato un nuovo telaio in sostituzione di quello non più utilizzabile del 1981.La grande opera suscitò grande entusiasmo del pubblico che visitò l’Esposizione Nazionale, per l’originalità dell’invenzione, la resa realistica della ricostruzione dell’antica fiera, accanto alla dimensione a scala naturale della rappresentazione. Il risultato è sorprendente: una grande parata di cavalieri, personaggi in costume e moltissimi animali: dalle capre ai bovini, dai cavalli di razza a quelli da tiro, dagli animali da cortile ai cani, fino alla scimmietta ritratta sulla spalla di un giovane con lo scopo di attrarre l’attenzione sulla merce di un pittoresco venditore di chincaglieria. Una sorta di grande affresco, se non addirittura la premonizione di una visione da cinemascope.
Al dipinto è affiancato un grande grafico che permette di individuare gli edifici e le dimore saluzzesi, e apprezzare le diverse specie degli animali raffigurati. Per il riconoscimento e lo studio degli animali dipinti con grande competenza da Pittara, la mostra si avvale in particolare dell’apporto di alcuni Docenti ed ex Docenti del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino, nell’ambito di una collaborazione in occasione delle celebrazioni per i 250 anni dalla fondazione della Scuola Veterinaria di Torino.A concludere il percorso è una sezione dedicata all’Esposizione Nazionale del 1880 che propone i diversi acquisti della Città di Torino per il Museo Civico, a partire da una delle tele premiate: La deposizione di Papa Silverio di Cesare Maccari, che riflette un’impressionante ricerca di verità nella rappresentazione delle figure, anche qui grandi al vero, ispirate all’età romana tardoantica. Alla rievocazione dei primi martiri è dedicato il marmo dell’Eulalia Cristiana di Emilio Franceschi, anch’esso premiato, mentre al gusto orientalista rispondeva la rappresentazione sensuale della Schiava di Giacomo Ginotti. L’indagine compiuta in occasione della mostra ha permesso di mettere in luce, all’interno della collezione della GAM, diverse altre opere che parteciparono a quella manifestazione e che furono donate al Museo in momenti successivi: è il caso di un soggetto non lontano da quello Pittara, come la Fiera di animali a Moncalieri di Felice Cerruti Bauduc, che fu però completamente oscurato dalla presenza della Fiera di Saluzzo, o ancora il singolare soggetto dell’ormai anziano Francesco Gonin, Il primo cavallo domato dall’uomo. Sono inoltre esposti gli splendidi Studi per le “Tentazioni di Sant’Antonio” di Domenico Morelli che permettono di rievocare la presenza del dipinto che l’artista presentò con successo all’Esposizione. Domenico Morelli veniva premiato in quell’occasione con un diploma d’onore, mentre Antonio Fontanesi, che si presentava con la sua ultima fatica Le nubi, veniva ignorato ed escluso dalle premiazioni.La mostra si avvale della collaborazione scientifica di Lea Antonioletti, Sonia Damiano e Alice Guido ed è accompagnata da un catalogo edito da Silvana Editoriale. Orari di apertura: da martedì a domenica: 10.00 – 18.00, lunedì chiuso. La biglietteria chiude un’ora prima. Biglietti: Intero 10,00€ Ridotto 8,00€ Ingresso gratuito Abbonamento Musei e Torino Card.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mamma balli con me?

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Roma Dal 20 dicembre al 5 gennaio Teatro de’Servi Via del Mortaro 22 (angolo Via del Tritone) Storia d’amore e di amicizia tra le mura di San Lorenzo di Monica Lugini e Paolo Pioppini 31 dicembre Speciale Capodanno Regia Alessandro Moser con Antonia Di Francesco, Monica Lugini, Tommaso Paolucci, Erica Picchi, Paolo Pioppini, Angela Ruggiero. Tecnico audio e luci Alessandro Moser. Grafica e foto Danilo Giovannangeli. Costumi Rossella Filipponi. Scene Muse&Musi Orario spettacoli I settimana: venerdì ore 21, sabato ore 17.30 e 21, domenica ore 17.30 II e III settimana da martedì a venerdì ore 21, sabato ore 17.30 e 21, domenica ore 17.30 Speciale Capodanno a teatro 31 dicembre ore 20.00 Brindisi e spettacolo euro 50,00
Mamma balli con me? ha il sapore delle pastarelle del pranzo della domenica, ha i colori delle smanicate incrociate sul davanti delle nonne, il candore delle canotte bianche dei padri dopo il lavoro, l’odore dei guanti di gomma da cucina delle mamme.
Questa famiglia, che trova le sue radici proprio tra quelli che sono scampati alle bombe, vive il conflitto tra padre e figlio che li separa su tutto, come un muro fatto a regola d’arte.E si racconta di una figlia adolescente che, nonostante l’età, sembra saperne molto di più di suo fratello sulla vita perché le piace ascoltare dai racconti della saggia nonna, che tra il lavoro a maglia, levare un malocchio, un proverbio romano e l’altro non spreca mai le parole ma racconta e racconta… Infine la zia vedova che arriva da Mondragone il cui unico sogno è di potere visitare il santuario di Lourdes. “Tutti conservano un segreto” sentenzia nonna Rosa, uno di quei segreti intoccabili, antichi come la radio rotta, dalla quale non suona più lo swing da ballare dei loro anni fuggiti. Segreti su cui la vita si stratifica giorno dopo giorno e che inaspettatamente tornano a galla, rovesciando quel mare che si agita nello stomaco malgrado le scelte compiute. La vita prende sempre una direzione, lasciando a volte in sospeso troppe questioni che gli anni, l’amore, le rinunce ammorbidiscono ma non dimenticano. L’amore vero è davvero uno solo? Chi lo sa, ma intanto: “mamma, balli con me?” Biglietti: Platea Intero € 24 – Ridotto € 18 – Under14 € 10 Galleria intero € 20 – Ridotto € 15 – Under14 € 10 http://www.teatroservi.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’INGV all’Expo-Forum Europeo sulla New Space Economy

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Roma. Si svolgerà dal 10 al 12 dicembre, presso la Nuova Fiera di Roma (Via Portuense, 1645), la prima edizione dell’Expo-Forum Europeo sulla New Space Economy (NSE, http://www.nseexpoforum.com), organizzata dalla Fondazione Edoardo Amaldi e dalla Fiera Roma.L’evento, cui prenderà parte anche l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), è interamente dedicato alle potenzialità dell’economia spaziale e ha come obiettivo quello di coinvolgere tutti coloro che sono interessati a questo nuovo ecosistema, creando un ambiente in cui gli attori della New Space Economy e della Old Economy possano incontrarsi per stimolare nuove collaborazioni ed evidenziare le già esistenti possibilità.L’INGV sarà presente all’Expo con uno stand dallo slogan “Our Planet from Space” per presentare le attività che l’Istituto svolge in questo ambito. Presso lo stand sarà possibile interagire con il personale INGV che illustrerà le principali attività in cui l’Istituto è coinvolto.Le attività di ricerca e servizio dell’INGV sono svolte grazie all’utilizzo dei dati di osservazione dallo spazio integrati con le misure effettuate da sistemi a terra, permettendo di fare ricerca di avanguardia su temi legati a terremoti, vulcani e ambiente. Presso lo stand INGV si potranno seguire brevi seminari orientati alla presentazione delle ricerche principali, dei prodotti e dei servizi dell’Ente, basati sulle analisi di dati spaziali. Le attività dell’Istituto saranno illustrate anche attraverso 7 talk e 7 poster presentati nelle sessioni di conferenze dedicate agli addetti ai lavori. Inoltre, sarà garantita la presenza di esperti INGV alle tavole rotonde, in particolare a quelle relative ai settori “Emergency” e “Maritime”. Nello stand saranno presentati anche i prodotti frutto del trasferimento tecnologico nel settore spazio e le iniziative di start-up realizzate. In particolare, l’INGV presenterà al Forum le attività svolte in cinque settori strategici: Galileo, che tramite dei dati di navigazione e posizionamento satellitare consente all’Istituto di fornire dati e servizi per scopi di geodesia, studio e monitoraggio del territorio, posizionamento di precisione e per la mitigazione degli effetti della meteorologia spaziale, in particolare per l’aviazione civile; COPERNICUS, programma di Osservazione della Terra finanziato dalla Commissione Europea per generare prodotti usati per monitorare e conoscere meglio i fenomeni naturali del nostro Pianeta; missioni satellitari, tra cui la missione spaziale iperspettrale ASI-PRISMA, per le quali l’INGV lavora allo sviluppo di sensori di prossima generazione per l’Osservazione della Terra; supporto ai servizi e dati spaziali mediante lo sviluppo e il mantenimento di reti di monitoraggio su scala regionale, in Italia e nel Mediterraneo, e su scala globale in grado di fornire in tempo reale parametri e osservazioni geofisiche necessari per la validazione dei dati spaziali; sviluppo di start-up e tecnologie innovative, come lo spin-off SpacEarth Technology, che, nel tempo, ha portato a vari brevetti nell’ambito delle applicazioni spaziali, mostrando le potenziali applicazioni nell’aviazione, nell’agricoltura di precisione, nella navigazione marittima e nelle telecomunicazioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pasticcio Mittal di Taranto

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

“Altro che trattativa con il governo. Arcelor Mittal, con un piano per l’ex Ilva che prevede 4.700 esuberi al 2023, con 2.891 già nel 2020, si volta dall’altra parte.La sicumera del premier Conte nella gestione della vicenda s’infrange sullo sviluppo di un negoziato che non promette nulla di buono. D’altronde il taglio dello scudo penale aveva già dato un vantaggio a Mittal, sfilarsi per licenziare o dismettere, e oggi il governo si dimostra ancora una volta debole. Da difendere ci sono circa 20mila posti di lavoro, compresi quelli generati dall’indotto, c’è in ballo il futuro di Taranto e il rilancio dell’acciaieria italiana. Un pasticcio targato Di Maio prima e Conte poi”. E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Focus su competitività e crescita di piccole e medie imprese

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Bologna Mercoledì 11 dicembre, dalle 9 alle 13, a Palazzo Segni Masetti (Confcommercio / Ascom Bologna), Strada Maggiore 23 una ricerca realizzata in collaborazione con Bva-DOXA che sarà presentata a Bologna nell’evento THINK BIGGER. Tra i primi esiti: innovazione, digitalizzazione, digital transformation, digital marketing. Sono queste le direzioni emerse anche nelle strategie di piccole e medie imprese, a livello dei loro manager. L’innovazione (di prodotto, di processo, organizzativa e di relazione col mercato) è percepita come una leva strategica fondamentale. Accanto ad essa la digitalizzazione, considerata strategica pressoché in egual misura all’innovazione; i processi di digitalizzazione risultano essere più diffusi, anzi, proprio nelle imprese di piccola dimensione: solo l’1,5% degli intervistati riporta che nessuna tecnologia è stata implementata nell’impresa. La digitalizzazione resta comunque di più difficile decifrazione per i board: l’85,8% degli interpellati non ha saputo indicare la percentuale di fatturato destinabile alla digital transformation. Rispetto all’innovazione, rivestono una significativa rilevanza l’incertezza sui ritorni dell’investimento e i costi, considerati ancora elevati. In questo quadro emerge con forza il ruolo centrale della formazione e dell’aggiornamento, in particolare riguardo a queste competenze: l’analisi dei dati (55,7%), il digital marketing (39,8%), il social media management (37,7%) e la cybersecurity (36,0%). Quanto alle abilità meno centrate sulla tecnologia, sono ritenute prioritarie: maggior capacità di analizzare e valutare gli scenari, saper innovare, saper sviluppare e gestire il lavoro in team, tenendo ben presente che il 95% delle aziende italiane ha meno di 10 addetti. Di sicuro emerge la necessità di operare in direzione di un rafforzamento degli elementi di pensiero manageriale che assolvono ad un ruolo più significativo nella diffusione di una predisposizione al cambiamento e all’innovazione. La ricerca offre il contributo originale di aver individuato 5 cluster di PMI, omogenee al loro interno per strategie comportamenti, di particolare utilità per chi opera nel settore. L’obiettivo di QUADRIFOR con l’evento “THINK BIGGER.” è comprendere pienamente i complessi fenomeni in corso per orientare la formazione sulle reali necessità delle PMI, quale contributo ad un aumento esponenziale della loro crescita e della loro competitività.
Il programma della mattinata prevede i saluti istituzionali di Giancarlo Tonelli, Direttore Generale Confcommercio Ascom Bologna, mentre i lavori saranno aperti dalla Presidente di Quadrifor, Rosetta Raso. A seguire l’intervento del Direttore dell’Istituto, Roberto Savini Zangrandi, su “La formazione manageriale come leva di sviluppo delle PMI, il ruolo di Quadrifor”. A Pierluigi Richini, Responsabile Studi e Formazione Quadrifor, l’onere di illustrare i numeri, con una presentazione dal titolo: “Modelli di business nelle Pmi del terziario tra innovazione e tradizione. I risultati della ricerca”. I dati saranno commentati in un talk moderato dalla giornalista de Il Sole 24 Ore, Monica D’Ascenzo, insieme ad Andrea Granelli, Fondatore di KANSO, Vilma Scarpino, Ceo di BVA Doxa e Luca Solari, Professore di Organizzazione aziendale e Direttore di Pathos Lab Università degli Studi di Milano. A Maria Luisa Coppa Vicepresidente Quadrifor, il compito di tirare le fila sui risultati emersi e sul ruolo importante delle Parti sociali anche nel governare questi complessi momenti di transizione per le imprese, i loro addetti, il loro management. L’ingresso è libero previa iscrizione al link: https://lnkd.in/gTKY67K.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo aumenta Ires su redditi imprese concessionarie

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

“Il governo continua a penalizzare pesantemente le aziende che cercano di proseguire la loro attività. E’ infatti di poche ore fa la presentazione di un emendamento che aumenta del 3 per cento la tassa Ires sui redditi delle imprese concessionarie per le acque minerali. Insieme alla tassa sulla plastica, questo ulteriore balzello alla manovra creerà un binomio perfetto per dare un ulteriore mazzata alle tante società di questo settore. La cosa è ancora più grave per il fatto che queste aziende hanno la loro attività nelle zone montane e spesso rappresentano una delle poche, se non l’unica attività industriale locale. Tutto ciò, sommato anche all’idea di eliminare le agevolazioni sulle accise del gasolio per il trasporto, farà lievitare i costi, che inevitabilmente si riverbereranno sui consumatori, con la conseguenza di vedere diminuiti gli introiti e sancire la definitiva crisi di queste aziende e di questi territori. Fratelli D’Italia è fortemente contraria a tutto ciò che può indebolire il nostro tessuto economico, per questo chiediamo l’abolizione della tassa sulla plastica e dell’aumento delle tasse sulle concessioni delle acque minerali”. E’ quanto dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Patrizio La Pietra.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo apra riflessione su tassazione investimenti Casse di previdenza

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

“E’ importante aprire una riflessione sul tema della iniqua tassazione degli investimenti previdenziali. Infatti, l’attuale tassazione del 26 per cento che equipara, appunto, gli investimenti delle Casse di Previdenza a quelli speculativi tout court, rappresenta non solo una doppia tassazione, sui rendimenti e sulla pensione erogata, ma anche un’iniquità che si riverbera sui trattamenti pensionistici con un effetto negativo che può arrivare fino al 30 per cento del trattamento erogato”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, segretario della Commissione Finanze e Tesoro, a margine del convegno “Patrimoni previdenziali: un valore per il Paese” organizzato dal presidente del Centro Studi e Ricerche Itinerari previdenziali, professor Alberto Brambilla. “Urge, quindi, una rivisitazione del trattamento fiscale sugli investimenti previdenziali che va esteso a tutto il settore, diversificandolo dalla speculazione, visto che riguardano i trattamenti di quiescenza dei professionisti e le connesse funzioni assistenziali e di welfare garantite spesso in supplenza dello Stato. Ed è senza dubbio positiva l’apertura del sottosegretario Baretta, affinchè si possa davvero mettere in campo un’iniziativa trasversale nell’interesse di tutti i professionisti italiani” conclude il senatore de Bertoldi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ridurre l’Iva per gli alimenti degli animali

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Ridurre l’Iva, attualmente prevista al 22%, per i mangimi e gli alimenti dietetici complementari degli animali domestici con un’aliquota agevolata. È la richiesta presentata con un ordine del giorno in commissione Finanze della Camera dal deputato di Fratelli d’Italia, Maria Teresa Baldini. “Secondo il Censis – ha spiegato il deputato Baldini – l’Italia è la seconda nazione in Europa per la presenza di animali domestici, ben 32 milioni. Per questo è opportuno che si preveda un’aliquota agevolata per i prodotti alimentari destinati a questi animali che, per la loro capillare diffusione, non possono essere classificati come bene di lusso ma prodotto primario per milioni di famiglie italiane”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Polizia penitenziaria e riforme

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

“Bonafede è molto bravo con le chiacchiere. Ma gli agenti della Polizia Penitenziaria sono stanchi delle prese in giro di M5S e Pd”. Lo dichiara il Questore della Camera Edmondo Cirielli (FdI) rispondendo alle dichiarazioni del ministro della giustizia: “Sostiene che gli agenti penitenziari non sono di serie B. Bene. Allora – aggiunge Cirielli – lo dimostri con concretezza e serietà: aumenti l’organico, migliori le condizioni economiche e sociali dei componenti del Corpo e vari una riforma complessiva che ridefinisca le funzioni e le competenze tra i dirigenti della Polizia Penitenziaria e i direttori delle carceri. E, contemporaneamente, dia la possibilità di fare carriera agli agenti di custodia in modo che possano diventare dirigenti trasferendo maggiori poteri al comandante di Polizia Penitenziaria”. Infine, il parlamentare di Fratelli d’Italia rilancia una sua storica proposta: “Bonafede sospenda la vigilanza dinamica, il cosiddetto regime delle celle aperte, introdotto dal Governo dei suoi alleati del Pd, che rappresenta la principale causa della scarsa sicurezza all’interno dei penitenziari italiani. La cancellazione della vigilanza dinamica sarebbe un primo passo verso una seria riforma dell’ordinamento penitenziaria che dovrà porre al centro la sicurezza degli agenti che, ogni giorno, subiscono minacce e violenze dai detenuti. Il ministro della giustizia passi dalle parole ai fatti” conclude Cirielli.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Manovra. La Pietra (FdI): governo irremovibile su sugar tax

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

“Il governo nell’ambito della legge di Bilancio ha fatto alcuni passi indietro, ad esempio sulle auto aziendali e sulla tassa sulla plastica, e questo anche grazie alle pressioni di Fratelli d’Italia. Ma sembra irremovibile sulla tassa sullo zucchero. Sarebbe un disastro per il nostro agroalimentare con un duplice effetto: da una parte porterà ad un aumento dei prezzi di tutti quei prodotti dolciari che, con marchio italiano, cercheranno di mantenere una qualità alta, determinando una probabile diminuzione dei consumi e la conseguente crisi delle aziende produttrici; dall’altra l’uso di sostanze dolcificanti di origine chimica al posto dello zucchero, con un peggioramento della qualità dei prodotti. Tutto questo certamente non a vantaggio della tutela del Made in Italy. E naturalmente i primi a pagarne le conseguenze saranno proprio i consumatori che si ritroveranno con prodotti o più costosi o più scadenti. FdI perciò ribadisce il suo ‘No’ alla tassa sullo zucchero, nella logica di una promozione della qualità delle produzioni nazionali”. Lo dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione Agricoltura del Senato, Patrizio La Pietra.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Natale: vendite ridotte per effetto Black Friday

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Come lo scorso anno, anche nel 2019 si attendono a Natale meno vendite del solito per via dell’effetto Black Friday. L’Unione Nazionale Consumatori, infatti, ha analizzato i dati Istat delle vendite al dettaglio dello scorso anno e quei prodotti che avevano avuto un boom delle vendite a novembre, sono poi calati a dicembre. Una dimostrazione del fatto che le vendite del Black Friday sono nella gran parte dei casi regali di Natale anticipati e non determinano un reale aumento delle vendite complessive.Così, ad esempio, gli elettrodomestici, radio, tv e registratori che a novembre dello scorso anno avevano registrato il record tendenziale delle vendite, +11,7%, a dicembre poi calarono dello 0,9%. Le calzature, al secondo posto delle vendite annue di novembre con un +4,3%, poi nel mese di Natale scesero del 2,5%.L’associazione di consumatori, quindi, ha sommato le vendite di novembre e di dicembre 2018, confrontandole con gli stessi mesi del 2017, per verificare se, grazie al Black Friday, si registrava un reale incremento delle vendite complessive e non un mero spostamento da dicembre a novembre.Ebbene, le vendite non alimentari segnano solo un +0,3%. Solo due gruppi di prodotti riportano un rialzo rilevante delle vendite totali, ossia delle vendite degli ultimi due mesi del 2018 rispetto allo stesso periodo del 2017: Elettrodomestici, radio, tv e registratori con + 4,4% e Dotazioni per l’informatica, la telefonia e le telecomunicazioni con +1,6%. La calzature, che pure erano al secondo posto degli incrementi tendenziali di novembre 2018, finiscono, aggiungendo dicembre, con un incremento totale dello 0,7% soltanto, mentre per l’abbigliamento il rialzo è appena dello 0,1%.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Linee Guida per una Sana Alimentazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Equilibrio, varietà e moderazione, all’insegna della tradizione italiana e della dieta mediterranea, con un occhio alla migliore ricerca scientifica ed uno alla sostenibilità: questi gli “ingredienti” della Edizione 2018 delle Linee Guida per una Sana Alimentazione Italiana, realizzata dal CREA, con il suo Centro di Ricerca Alimenti e Nutrizione, e presentata oggi al Mipaaf. Si tratta, per l’Italia, delle uniche indicazioni istituzionali per una alimentazione equilibrata dirette alla popolazione sana, autorevoli e libere da condizionamenti, redatte periodicamente, a partire dal 1986 e fino al 2003, dal CREA Alimenti e Nutrizione (allora Istituto Nazionale della Nutrizione e poi INRAN), che hanno raggiunto ogni volta milioni di persone. Sono state elaborate con il supporto di una autorevole e nutrita Commissione multidisciplinare di esperti (oltre 100), presieduta da Andrea Ghiselli (dirigente di ricerca CREA Alimenti e Nutrizione) e coordinata da Laura Rossi (ricercatore CREA Alimenti e Nutrizione), con l’intento di raccogliere e rielaborare le migliori evidenze scientifiche, coniugandole con le nostre tradizioni alimentari. L’obiettivo prioritario delle Linee Guida resta sempre lo stesso: la prevenzione dell’eccesso alimentare e dell’obesità che, in Italia, soprattutto nei bambini, mostra dati preoccupanti, in particolare nei gruppi di popolazione più svantaggiati. In generale, l’edizione 2018 si presenta più corposa rispetto alle precedenti revisioni ed è suffragata da un voluminoso dossier scientifico di riferimento, (https://www.crea.gov.it/web/alimenti-e-nutrizione/-/nuove-linee-guida-per-una-sana-alimentazione-edizione-2018- ) in cui ogni risultato, ogni conclusione e tutte le raccomandazioni sono state sostanziate e supportate dalla letteratura scientifica pubblicata e criticamente revisionata. Esso è basato sulle evidenze derivate da studi epidemiologici, clinici e di intervento, sull’analisi delle revisioni sistematiche della letteratura, meta-analisi, report di agenzie transnazionali (EFSA, OMS, FAO ecc.) o di organizzazioni con specifica missione istituzionale in ambito di nutrizione e salute. Per la sua strutturazione sono state eseguite analisi di dati specifici, soprattutto in materia di consumi alimentari ed epidemiologia.Tuttavia, se le 13 nuove Linee Guida di questa edizione rispecchiano in larga parte quelle del 2003 ancora scientificamente valide, ci sono 3 rilevanti novità, segno dei tempi che cambiano: “Più frutta e verdura”, in considerazione della loro importanza nel quadro di un’alimentazione bilanciata e nella promozione della salute; “Sostenibilità delle diete”, relativa all’impatto ambientale e all’accessibilità socioeconomica di una dieta sana; e, infine, “Attenzione alle diete e all’uso degli integratori senza basi scientifiche”, dedicata a guidare il consumatore nella giungla delle diete alla moda, mettendo in evidenza le ragioni della loro nascita, l’efficacia per il dimagrimento e, soprattutto, le controindicazioni.Inoltre, sono stati compilati per la prima volta piani dietetici, anche ipocalorici, che includono alimenti provenienti da tutti i gruppi alimentari, utilizzando come riferimento le “porzioni standard italiane”, fondamentali per costruirsi una alimentazione equilibrata. E, sempre per facilitare il consumatore, sono state ampliate le parti pratiche del documento, come le “false credenze” e i “come comportarsi” più numerosi box di approfondimento che, senza interrompere o appesantire il testo, si trovano a margine dei vari capitoli.A breve le Linee Guida saranno on line sul sito del CREA.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

RIS, CIS e sclerosi multipla: quando una notizia ti cambia la vita

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Per arrivare a una diagnosi di sclerosi multipla bisogna riscontrare una serie di sintomi neurologici in rapporto ai quali vanno effettuati diversi accertamenti e analisi, che possono confermare o meno l’ipotesi. «Al momento non è disponibile un singolo test in grado di confermare in maniera certa e indiscutibile la diagnosi di sclerosi multipla: sono l’insieme dei risultati e un’osservazione clinica prolungata a permettere di confermare o escludere la presenza della SM.”Ci sono diverse forme di malattia. Soprattutto all’inizio possono esistere delle forme chiamate RIS, “sindrome radiologicamente isolata”, dove c’è una lesione radiologica vista alla risonanza magnetica, che non dà nessuna conseguenza dal punto di vista clinico e potrebbe non diventare mai sclerosi multipla- dice Mario Alberto Battaglia, Presidente FISM -. Oppure possono esserci delle forme “clinicamente isolate”, le cosiddette CIS, dove magari c’è un sintomo clinico, ma che non necessariamente evolve in sclerosi multipla conclamata. In tutte le forme è necessario affrontare correttamente la diagnosi con un neurologo e poi, se serve, decidere insieme di intraprendere una terapia per non permettere l’evoluzione della malattia».”La sclerosi multipla – afferma Mario A Battaglia, Presidente FISM «è una grave malattia, ma è anche la malattia per la quale la scienza ha compiuto veri passi da gigante in questi ultimi 20 vent’anni. È una malattia che oggi non deve fare più paura perché la si può affrontare grazie alla rete di assistenza, alla rete sociale, ai farmaci. Oggi la rete dei Centri clinici e l’associazione delle persone con SM, l’AISM, danno a tutti la possibilità di vivere la propria vita oltre la sclerosi multipla».Insomma oggi è possibile affrontare positivamente la realtà della sclerosi multipla. «Soprattutto – conclude Battaglia – è possibile vivere la propria vita oltre la sclerosi multipla per i giovani che oggi ricevono questo tipo di diagnosi, perché sicuramente non raggiungeranno probabilmente mai i livelli seri di disabilità che vent’anni fa colpivano chi aveva la sclerosi multipla».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convenzione tra Fondazione Zeffirelli e Università di Firenze

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

In considerazione la comunanza d’intenti tra le due istituzioni, è stata siglata nei giorni scorsi una convenzione tra la Fondazione Franco Zeffirelli e l’Università degli Studi di Firenze. L’accordo prevede un rapporto privilegiato tra i due enti sia nell’ambito della diffusione culturale, sia in quello della collaborazione su determinati progetti, per ognuno dei quali è prevista comunque la stipula di un protocollo d’intesa specifico.«Su proposta della Fondazione Zeffirelli – ha detto il Rettore dell’Università di Firenze, Luigi Dei, che oggi ha visitato la Fondazione Zeffirelli di Firenze -, con la quale avevamo già in essere una convenzione per ospitare i tirocinanti, abbiamo recentemente approvato nel Senato Accademico e Consiglio di Amministrazione una convenzione più generale per iniziative a 360 gradi tra questa fondamentale e significativa istituzione, da poco qui a Firenze, e la nostra Università perché penso ci siano tanti punti di intersezione. Mi auguro quindi che la nuova convenzione, che è una carta scritta, possa originare anche iniziative concrete, cosa di cui sono certo». Da parte sua Pippo Zeffirelli, Presidente della Fondazione intitolata al Maestro Franco, ha aggiunto di essere «sicuro di questa collaborazione. Per noi si tratta di un importante punto di arrivo e soprattutto mi preme l’opportunità di poter attrarre l’Università in questo mondo straordinario, di fantasia ma anche di grande professionalità, costituito dalle arti dello spettacolo».
http://www.fondazionefrancozeffirelli.com

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Assocertificatori su polemiche SPID

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

É in questi giorni in discussione al Senato il disegno di legge di Bilancio in cui sono previste importanti modifiche alla governance del sistema SPID (il Sistema Pubblico per l’Identità Digitale), modifiche riconducibili, secondo alcuni documenti circolati, alla “inefficienza degli operatori di mercato”.Assocertificatori, che è l’Associazione che raggruppa la maggior parte degli operatori digitali italiani, alcuni dei quali Digital Champions europei, che gestiscono la quasi totalità del mercato delle PEC, identità digitali, firme elettroniche, servizi di conservazione digitale e fatturazione elettronica e che con l’insieme degli iscritti rappresenta uno dei maggiori contributori della digitalizzazione del Paese, desidera ricordare che l’attuale piattaforma SPID:
· è attiva per circa 5 M.ni di cittadini ed ha visto una crescita di oltre 1,6 M.ni nei primi 10 mesi del 2019 (pari ad un + 47% in un solo anno);
· è stata realizzata grazie all’impegno e alle risorse stanziate dagli operatori privati;
· rispetta i massimi requisiti di affidabilità e sicurezza richiesti dagli standard internazionali, oltre ad essere già oggi interoperabile in molti paesi europei;
· è stata rilasciata finora gratuitamente ai cittadini e tutti gli Identity Provider si sono impegnati a mantenere tale gratuità a tempo indeterminato.
Per tali ragioni, non appare corretto individuare presunte “inefficienze degli operatori di mercato” ma, al contrario, sembrerebbe opportuno rimarcare il contributo di questi operatori al Paese, in un contesto di lenta adozione di SPID da parte dei service provider pubblici.
Inoltre, si evidenzia come il modello che si verrebbe a realizzare rappresenterebbe una grave vanificazione degli investimenti fin qui stanziati dagli operatori di mercato, associata ad una importante perdita di chance, proprio nel momento in cui il servizio SPID ha cominciato a catalizzare l’interesse dei Cittadini. Parimenti, non sembra corretto evocare l’esigenza della gratuità di Spid per i cittadini come una delle motivazioni della scelta, quando tale gratuità è già garantita e fino ad oggi non ha richiesto alcun finanziamento pubblico.
Assocertificatori non ha mai fatto mancare verso il Governo e la PA il proprio supporto in termini di risorse, know how ed investimenti e resta in prima linea per partecipare attivamente, nel rispetto delle prerogative del Governo e del Parlamento, al processo di Trasformazione Digitale dell’Italia, dei suoi cittadini, delle sue imprese e della sua Pubblica Amministrazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ogury: Nuovo round di finanziamento

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Ogury, tech company che ha dato vita alla prima soluzione di marketing alimentata dalla scelta dell’utente, ha annunciato oggi un nuovo round di finanziamento da 50 milioni di dollari, che permetterà all’azienda di accelerare l’innovazione tecnologica e la partnership con nuovi brand in mercati chiave come Europa, Stati Uniti e nella regione APAC. Il finanziamento è stato erogato da Idinvest Partners e altre banche.Da sempre conforme alla GDPR, Ogury punta a guidare lo shift dell’advertising da un approccio “data-driven” ad una cultura “choice first” che mette al primo posto la scelta dell’utente. Il nuovo finanziamento permetterà all’azienda di accelerare l’innovazione del prodotto e la partnership con nuovi brand in mercati chiave come Europa, Stati Uniti e nella regione APAC.Il digitale e i dispositivi mobili sono parte integrante della vita quotidiana, e gli utenti hanno la possibilità di compiere delle scelte. L’entrata in vigore delle nuove normative sulla privacy ha cambiato il digital marketing: le aziende devono coinvolgere i consumatori, massimizzare i ricavi e accrescere la fiducia del consumatore. Ogury ha creato la prima soluzione di marketing alimentata dalla scelta dell’utente, in grado di integrare in un unico ambiente: 1. Consenso di prima parte, informato e tracciabile 2. Insights unici sul consumatore e il suo mobile journey, 3. Attivazione dei dati in un ambiente sicuro. Questa introduzione cambierà la direzione e il futuro dell’intero mercato adtech.
Thomas Pasquet, Co-Founder e Co-CEO di Ogury, ha dichiarato: “Il consenso informato dell’utente è stato al centro della nostra tecnologia sin dalla nascita dell’azienda. Per natura siamo conformi alla GDPR e pronti per la CCPA negli Stati Uniti. Diversamente da molte aziende del settore, non siamo stati penalizzati dalle recenti normative. Collaboriamo infatti con brand, editori e agenzie per offrire un advertising costruito sulla scelta del consumatore, che rispetti i più alti standard di protezione dei dati”.Oltre a innovare i prodotti e rafforzare la presenza di Ogury nei mercati già consolidati, il nuovo investimento accelererà la crescita dell’azienda negli Stati Uniti (Paese chiave dal 2016), e l’espansione in nuove regioni internazionali. All’inizio di quest’anno Ogury ha aperto due nuovi uffici in Germania e in Messico, mentre a settembre è entrata nel BeNeLux e APAC con nuovi uffici ad Amsterdam e Singapore.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »