Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 255

Archive for 16 dicembre 2019

Nissoli a Boston nella culla dell’italianità

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

nissoli a boston“Sabato scorso, ho incontrato a Boston, alla presenza della Console Generale, Federica Sereni, il Club Augusta, invitata dal suo Presidente, l’amico Enzo Amara. E’ stato un bagno di italianità così ben conservata da riuscire a comunicare a tutti i veri valori tradizionali, quelli che formano la nostra identità e che sono preservati dalle attività associative. Ho rivisto persone che mi rendono orgogliosa di essere italiana all’estero. Mi sono resa disponibile a rappresentare le loro esigenze in Parlamento, a Roma, come del resto ho sempre fatto, ed in particolare vorrei che le Istituzioni prestassero più attenzione alle associazioni di italiani all’estero, perché, come fa il Club Augusta di Boston, mostrano il volto bello dell’Italia e fanno da ponte con la terra di origine.
Il giorno dopo ho avuto un proficuo ed ottimo incontro, sempre a Boston, con il Vice Presidente del Comites di Boston, Cav Domenico Susi, il Tesoriere del Comites, Alberto Mustone, Francesca Di Benedetto, District Manager Ital UIL, e l’amico Gianni Patane’, dell’associazione SAGB. Persone vere, impegnate per il bene della nostra collettività! I Comites, assieme all’associazionismo ed ai Patronati, assicurano un collegamento costante tra i connazionali all’estero e le Istituzioni, dal Consolato al Parlamento. Un lavoro importante di cui abbiamo fortemente bisogno e per questo ringrazio tutti coloro che si impegnano su questo fronte!”.
Lo ha dichiarato l’on. Fucsia Nissoli Fitzgerald, eletta nella Circoscrizione Estera – Ripartizione Nord e Centro America.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Modeste le previsioni di occupazione in Italia nel primo trimestre 2020

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

I risultati del MEOS (Manpower Employment Outlook Survey), resi noti oggi da ManpowerGroup, relativi alle previsioni occupazionali per il primo trimestre 2020 prefigurano ancora un trimestre sostanzialmente fermo in termini di occupazione. Infatti, sebbene il 6% dei datori di lavoro preveda un incremento delle assunzioni a fronte di un analogo 6% che prevede una diminuzione, il dato che prevale è l’86% delle imprese che non intravede alcun cambiamento; ciò si traduce, quindi, in un saldo nella Previsione Netta sull’Occupazione pari allo 0%, che diventa +1% al netto delle variazioni stagionali. In ottica storica, poi, il trend continua a essere negativo: le previsioni di assunzione diminuiscono di 3 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 2 punti percentuali rispetto all’anno scorso.
Confronti regionali: Per il prossimo trimestre i datori di lavoro di tre delle quattro regioni prevedono un aumento del numero di lavoratori. I dati più positivi provengono dal Nord Ovest, con una prospettiva di crescita dell’occupazione netta al +6%, seguito dal Nord Est, con un + 5%. Si prevedono modesti aumenti occupazionali anche nell’Italia centrale (+1%), mentre nel Sud e Isole è prevista una consistente flessione del mercato delle assunzioni pari al -11%.
Confronti settoriali: I datori di lavoro prevedono, per il prossimo trimestre, un incremento delle assunzioni in 4 settori industriali su 10: significativi il settore pubblico e nel sociale, con una crescita dell’occupazione netta del 6%, e il settore dell’hotellerie e della ristorazione (+ 2%). Dall’altra parte, i datori di lavoro nei restanti sei settori prevedono un taglio occupazionale: dal settore agricolo, caccia, pesca e silvicoltura, al settore dei trasporti e alle comunicazioni, la Previsione Netta sull’Occupazione attesta un decremento del 3%. In calo del 2% anche il settore finanziario, assicurativo, immobiliare & dei servizi e il settore del commercio all’ingrosso e al dettaglio.
Confronto tra dimensioni aziendali: Per quanto riguarda le dimensioni aziendali, i datori di lavoro delle quattro categorie analizzate si aspettano un incremento nel prossimo trimestre. I datori di lavoro delle grandi aziende (oltre 250 dipendenti) dichiarano solide intenzioni di assunzione con una previsione di crescita netta del 18%; si prevede una crescita occupazionale rilevante (+12%) anche per le medie imprese (50-249 dipendenti), mentre le piccole imprese (10-49 dipendenti) e le micro imprese (meno di 10 dipendenti) prefigurano un modesto incremento dell’1%.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Emanata la circolare Miur di cessazione dal servizio del personale scolastico dal 1° settembre 2020

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

E’ stata emanata la Circolare Miur prot. 50487 condivisa con l’Inps con la quale si forniscono le indicazioni operative per le cessazioni dal servizio dal 1° settembre. Marcello Pacifico (Anief): Non è giusto mandare in pensione a 62 anni con decurtazioni, soprattutto se il lavoro è gravoso, come quello del personale scolastico, anche se non riconosciuto dalla legge: si ribadisce la necessità d’inserire l’insegnamento all’interno dell’Ape social. Le domande di cessazione dal servizio e le revoche delle stesse devono essere presentate entro il 30 dicembre 2019. I dirigenti scolastici, il personale docente, educativo e Ata di ruolo devono utilizzare esclusivamente la procedura web POLIS “istanze on line”, relativa alle domande di cessazione, disponibile sul sito internet del Ministero; nella domanda di cessazione gli interessati devono dichiarare espressamente la volontà di cessare o permanere in servizio una volta che sia verificato dall’Inps il possesso o meno dei requisiti contributivi. Successivamente le domande di pensione devono essere inoltrate all’ente Previdenziale INPS in modalità telematica. Si ricorda che l’accertamento del diritto al trattamento pensionistico sarà effettuato da parte delle sedi competenti dell’INPS sulla base dei dati presenti sul conto assicurativo entro i termini che saranno comunicati con nota congiunta MIUR/INPS. Le domande di trattenimento in servizio continuano a essere presentate in forma cartacea entro il termine del 30 dicembre 2019. Si ricorda che nel 2020 potranno chiedere la permanenza in servizio i soli soggetti che, compiendo 67 anni di età entro il 31 agosto 2020, non siano in possesso di 20 anni di anzianità contributiva entro tale data.I docenti interessati all’Ape sociale o alla pensione anticipata per i lavori gravosi e per i lavoratori precoci potranno, una volta ottenuto il riconoscimento dall’INPS, presentare la domanda di cessazione dal servizio con modalità cartacea, sempre con effetto dal 1° settembre 2020. Con il vigente ordinamento permangono i requisiti contributivi e anagrafici per le pensioni di vecchiaia al compimento dei 67 anni di età; per la pensione anticipata è richiesto il requisito contributivo di 41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini. È prevista la possibilità di fruire della pensione anticipata “Quota 100” al raggiungimento dei 62 anni di età e almeno 38 anni di contributi. Confermata Opzione donna per chi ha almeno 58 anni di età e 35 anni di contributi entro il 31 dicembre 2018, optando per il calcolo della pensione con sistema interamente contributivo.
Il presidente Pacifico ha dichiarato che “non è giusto mandare in pensione a 62 anni con decurtazioni, soprattutto se il lavoro è gravoso, come quello del personale scolastico, anche se non è considerato tale dalla legge. In realtà, la professione docente è esposta allo stess da lavoro correlato, collegata al burnout e alle conseguenti malattie professionali; perciò l’Anief ribadisce la necessità d’inserire l’insegnamento all’interno dell’Ape social”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Novità formazione iniziale, per la scuola secondaria niente tirocinio

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Qualche giorno fa si è tenuto a Roma il convegno nazionale “Formazione iniziale degli insegnanti: scorciatoie o qualità?”: sono intervenuti il senatore Mario Pittoni (Lega), presidente della VII Commissione del Senato, l’on. Flavia Piccoli Nardelli (PD), componente della VII Commissione della Camera, e le senatrici Loredana Russo (M5S) e Giulia Latini (Lega). Durante l’incontro è stata criticata l’eliminazione del tirocinio attuata dalla revisione del Decreto legislativo n. 59/2017 decisa dal governo giallo-verde con la motivazione di una semplificazione e velocizzazione delle procedure.In pratica, “nel nuovo testo di legge la formazione iniziale si riduce a pochi esami da sostenere durante i percorsi di laurea disciplinare: 24 crediti formativi universitari (CFU), senza alcun tirocinio accompagnato da docenti esperti della scuola. Il contrario di quanto previsto per gli insegnanti della scuola dell’infanzia e primaria, che per insegnare seguono un percorso di laurea dedicato all’insegnamento con un consistente e pluriennale tirocinio nelle scuole, accompagnato da docenti esperti in funzione di tutor”. Anche il mondo accademico ha affermato che “questa situazione non è accettabile e va tempestivamente modificata”.Inoltre, “durante il convegno è stata presentata una proposta concreta che intende ripristinare una condizione minima di qualità per formare insegnanti della scuola secondaria: un percorso di un anno e 60 CFU con il ripristino del tirocinio e della collaborazione fra scuola e università. I politici intervenuti si sono detti disponibili a prendere in considerazione in sede legislativa le proposte emerse nel Convegno”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

«Se non smettete di cercare vostra figlia, vi accuseremo di blasfemia»

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Queste le minacce del musulmano Abdul Jabbar ai genitori e all’avvocato di Huma Younas. A riferirlo ad Aiuto alla Chiesa che Soffre è l’avvocato della famiglia, Tabassum Yousaf.È l’ultimo sviluppo della drammatica vicenda della quattordicenne cristiana rapita a Karachi in Pakistan il 10 ottobre scorso, convertita con la forza e costretta a sposare il proprio sequestratore, il musulmano Jabbar.«Accade spesso che i rapitori minaccino i familiari di accusarli di blasfemia – spiega l’avvocatessa cattolica – un’accusa che in Pakistan comporta la condanna a morte». In casi come quello di Huma è molto difficile per le famiglie ottenere giustizia. «I cristiani sono poco istruiti e non conoscono i propri diritti – continua la Yousaf – e sono troppo poveri per sostenere le spese legali necessarie per portare il caso in tribunale. Così i rapitori hanno la meglio, spesso grazie anche agli stessi agenti di polizia che oltre a scoraggiare i genitori, indicano ai sequestratori le scappatoie legali di cui servirsi».È purtroppo un drammatico schema che si ripete ogni volta che una ragazza cristiana – pur minorenne come nel caso di Huma – viene rapita, violentata, costretta alla conversione e a sposare il proprio aguzzino. «Di fronte al dramma di questa adolescente e dei suoi genitori, Aiuto alla Chiesa che Soffre non è rimasta indifferente – afferma Alessandro Monteduro, direttore di ACS-Italia – Sosterremo tutte le spese legali della famiglia. Così che per una volta i cristiani del Pakistan possano avere giustizia. La nostra speranza è inoltre che un eventuale esito favorevole della vicenda possa scoraggiare nuove conversioni forzate di giovani cristiane».L’avvocato Yousaf ha presentato istanza all’Alta Corte del Sindh, la provincia di Karachi, denunciando Adbul Jabbar di rapimento, conversione forzata e matrimonio forzato. Nonostante la famiglia abbia presentato i certificati di nascita e di battesimo della ragazza, sui quali si attesta che Huma ha 14 anni, il suo rapitore sostiene che la giovane abbia in realtà 18 anni. Probabilmente aiutato da agenti della polizia locale l’uomo ha presentato a sua volta istanza contro i genitori di Huma. «Purtroppo in Pakistan anche se si è nel giusto non è così facile ottenere giustizia», spiega Tabassum Yousaf. Fondamentale ora sarà anche il coinvolgimento di politici e mezzi di comunicazione locali, rimasti ancora silenti nonostante l’interessamento dei media internazionali alla vicenda. Ecco perché stamattina, alle 10 ora italiana (14 locali), l’avvocato e i genitori dimostreranno pubblicamente di fronte al Press Club di Karachi. «Se nessuno interverrà a livello locale – aggiunge l’avvocato – il rischio è che Huma non possa più tornare a casa».

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ue. FdI interroga la Commissione Europea su concorrenza e rischi occupazionali del caso Lactalis

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

“Lesione del principio di libera concorrenza e concreto rischio occupazionale per i lavoratori italiani”. Sono questi i forti dubbi sollevati dall’europarlamentare di FDI, Nicola Procaccini, in merito all’acquisizione dell’azienda italiana Nuova Castelli da parte del colosso francese Lactalis. Sulla vicenda Procaccini ha presentato una interrogazione, firmata da tutti gli eurodeputati del gruppo di FDI-ECR (Raffaele Fitto, Carlo Fidanza, Pietro Fiocchi, Raffaele Stancanelli) in cui vengono chiesti chiarimenti alla Commissione Europea.
“Non ci convincono le motivazioni con cui la Commissione Europea ha approvato questa acquisizione ritenuta non lesiva del principio di libera concorrenza, per questo abbiamo preteso la massima trasparenza considerata la posizione dominante di Lactalis nel settore lattiero-caseario. Siamo anche preoccupati per i risvolti occupazionali di questa operazione, a rischio ci sono molti lavoratori italiani e nella interrogazione chiediamo alla Commissione come intende agire concretamente per sostenere le nostre maestranze. Si sta configurando l’ennesima operazione a danno dell’Economia italiana: i francesi fanno spesa da noi e a rischio sono i nostri lavoratori e l’attività di tante altre aziende italiane che operano nel settore, schiacciate dal colosso francese”, specifica Procaccini.
Sulla stessa linea anche il senatore Patrizio La Pietra, capogruppo di FdI in commissione Agricoltura, secondo il quale “aver messo nelle mani dei francesi sia la produzione dei nostri formaggi tipici, come il Parmigiano Reggiano, sia la loro commercializzazione provocherà sicure conseguenze a produttori e trasformatori italiani dei prodotti d’eccellenza. Come Fratelli d’Italia attiveremo la commissione Agricoltura affinchè solleciti il ministro, Teresa Bellanova, ad intraprendere una forte azione di difesa dei nostri prodotti dalla Commissione europea palesemente a trazione franco-tedesca”

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorso “Storie di Economia Circolare”

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Il presidente di Ecodom Maurizio Bernardi dichiara: è importante raccontare la positività. Documentare che l’Economia Circolare è possibile per far conoscere le esperienze già attive nel nostro Paese. È necessario alimentare la consapevolezza che esiste la possibilità di fare impresa in modo diverso, che davvero si può operare senza sprecare, che qualcuno riesce a cambiare il corso delle cose. Per questo abbiamo creato l’Atlante dell’Economia Circolare, un vero censimento delle realtà virtuose; e per questo abbiamo voluto un Concorso, un premio a chi sa raccontare in modo bello ciò che di bello già accade in ogni parte d’Italia. Le storie presentate quest’anno hanno narrato diverse realtà di Economia Circolare in Italia: da quelle che creano oggetti usando esclusivamente materiali di recupero, a quelle che pensano che le case del futuro siano quelle costruite con le tecniche del passato, passando per le aziende cha sanno coniugare la filosofia della circolarità ai princìpi di inclusione e recupero sociale”. Qualche dettaglio sulle esperienze raccontate dai vincitori:
L’A.P.S. Farina 080 Onlus (Bari) è un’associazione che opera da oltre due anni nel capoluogo pugliese sul tema dello spreco alimentare. Il suo progetto più importante è Avanzi Popolo 2.0, che mira ad attivare la cittadinanza contro lo sperpero di cibo.
BAG – Beyond Architecture Group (Roma) è uno studio di progettazione attivo nell’ambito dell’architettura sostenibile. Progetta e realizza abitazioni e installazioni utilizzando materiali locali, da riciclo e naturali, e sviluppando soluzioni di design che consentono un elevato risparmio energetico.
DAY (Roma) è un laboratorio nato nel marzo del 2019 all’interno del Villaggio Globale. Ad aprirlo è Sait, arrivato all’età di 16 anni in Italia dal Kurdistan nella speranza di una vita migliore. A Roma, per anni, Sait ha lavorato come interprete e operaio, fino a realizzare il suo sogno di costruire giocattoli per bambini.
Giunko S.r.l. (Bologna) nasce alla fine 2014 intorno a Junker, la app che riconosce ogni prodotto dal codice a barre (oltre che dai simboli degli imballaggi e dalla ricerca testuale), dice di che materiale è composto e in quale bidone va separato secondo le regole del comune in cui si trova.
Il Centro per lo Sviluppo Sostenibile (Milano), promuove la sicurezza alimentare, la tutela dell’ambiente e della salute, l’energia sostenibile. Per il biennio 2018-2019 il CSS ha dato vita al progetto sperimentale MAIC: Modello italiano di Allevamento di Insetti Commestibili.
Alla realizzazione dell’Atlante Italiano di Economia Circolare (www.economiacircolare.com) hanno contribuito anche Poliedra, Consorzio del Politecnico di Milano che svolge attività di ricerca nei settori della valutazione ambientale e della sostenibilità, A Sud, associazione indipendente impegnata nella tutela e nella giustizia ambientale, Ecosistemi, fondazione specializzata in strategie per lo sviluppo sostenibile, Banca Popolare Etica, istituto creditizio ispirato ai principi di trasparenza ed equità e Zona, associazione di reporter e photo editor di fama internazionale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quarantenni: sempre più poveri e infelici a causa del lavoro

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Il lavoro operaio è in via di estinzione. E fin qui niente di nuovo. Ma ciò che sorprende, e un po’ spaventa, è il dato relativo al lavoro impiegatizio e manageriale: nel prossimo decennio infatti anche gli impiegati e i manager saranno ridimensionati nella stessa misura degli operai.Secondo uno studio di Domenico De Masi, professore emerito di sociologia del lavoro presso l’università La Sapienza di Roma, a causa dell’automazione nei prossimi anni ci sarà un calo drastico dell’occupazione sia di operai che di impiegati.Si stima infatti in circa 4 milioni i posti di lavoro che saranno sostituiti dai robot, e rimpiazzati dagli algoritmi.Dati ben peggiori quelli diffusi dallo studio di McKinsey, “A Future That Works: Automation, Employment, and Productivity”, che prevede per l’Italia la metà dei posti di lavoro, cioè circa 11 milioni di posti, andare in fumo.A pagarne di più il prezzo i quarantenni di oggi, stretti nella morsa di una crisi che è anche culturale. Una generazione di mezzo, costretta tra quella dei padri analogici e quella dei figli digitali, definita dei “tardivi digitali“. Una generazione di eterni precari, imprigionati tra i vecchi che hanno beneficiato dei “bei tempi andati” e i giovani che vivono incollati allo smartphone senza colpo ferire.Cosa accadrà quindi ai quarantenni di oggi? E quali mosse serviranno già a partire dal 2020 per non rimanere completamente fuori dal mercato?A rispondere a queste domande Carlo D’Angiò, ricercatore e studioso della materia da oltre 25 anni, nel video documentario «I quarantenni e il lavoro». Una sintesi cruda ma efficace di una serie importante di dati, interviste e informazioni tecniche e socio-economiche, raccolti per questo contenuto di straordinaria visione.“Operai e impiegati non serviranno più al sistema; tuttavia, c’è una nuova figura professionale che non può essere sostituita dalla tecnologia. Ed è proprio questa figura, verso cui dovrebbero orientarsi i quarantenni di oggi, trasversale nei ruoli e nei mercati, che occuperà lo scenario del lavoro nei prossimi anni” dice D’Angiò.Per capirne di più si rimanda alla visione del documentario «I quarantenni e il lavoro», disponibile gratuitamente online alla pagina https://phoenix.carlodangio.academy/documentario-i-quarantenni-e-il-lavoro.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torna il calendario di Greenpeace, che quest’anno è dedicato alla musica

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Nella fascia bassa di ogni mese, infatti, si ripercorrono le collaborazioni con gli artisti più celebri della scena nazionale e internazionale. Pochi sanno, infatti, che Greenpeace nacque con un concerto. A ottobre 1970, Joni Mitchell, James Taylor e Phil Ochs suonarono a Vancouver, in Canada, per sostenere la spedizione pacifista da cui nacque l’associazione. Negli anni che seguono, dagli Eurythmics a Radiohead, passando per gli U2 e i REM, la storia di Greenpeace si fonde con quella musicale.In Italia, dove Greenpeace arriva nel 1986, bisogna aspettare il 1995 perché la rockstar Gianna Nannini si schieri contro i test atomici nel Pacifico, a Mururoa, partecipando a un blitz di Greenpeace e addirittura improvvisando un concerto sul balcone dell’Ambasciata francese a Roma. Da allora molti sono stati gli artisti impegnati a fianco dell’associazione, non ultimo Lodovico Einaudi che nel 2016 viaggia con la nave di Greenpeace “Arctic Sunrise” fino alle isole Svalbard dove esegue al pianoforte, su una piattaforma galleggiante in mezzo ai ghiacci, “Elegia per l’Artico”, da lui appositamente composta. Negli anni sono poi in tanti, da Luca Barbarossa a Noemi, da Piero Pelù a Vinicio Capossela, ad appoggiare l’associazione.Come sempre il calendario Greenpeace è prodotto interamente in Italia e stampato con inchiostri vegetali su carta 100 per cento riciclata. Un’idea regalo che fa bene al Pianeta, con la quale si contribuisce all’indipendenza di Greenpeace, che non accetta fondi da aziende o istituzioni, e si finanzia esclusivamente con il contributo di singoli individui che ne condividono gli ideali e la missione. Per acquistare il calendario, al costo di 15 euro (prezzo bloccato da 5 anni), o per saperne di più: https://shop.greenpeace.it/prodotto/calendario-2020

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“In Italia l’incontinenza è un problema che va affrontato con molta attenzione”

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Si deve agire “riorganizzando il sistema di prevenzione, cura, riabilitazione e integrazione sociale dei pazienti stomizzati e incontinenti, come previsto nel disegno di legge di cui sono stato relatore al senato della Repubblica. La mia attenzione verso questo problema proseguirà anche nel mio ruolo di Vice Ministro”. E’ quanto ha dichiarato il Viceministro della Salute Pierpaolo Sileri intervenendo al convegno nazionale Basic Riab – Als Live Surgery che si è svolto a Roma e organizzato dall’AIUG (Associazione Italiana di Urologia Ginecologica). “Per portare avanti questo processo è fondamentale la collaborazione con le società medico-scientifiche come l’AIUG e con le associazioni dei pazienti che possono portare il loro specifico contributo – ha aggiunto Sileri -. Un nostro obiettivo primario, rispetto alla gestione dell’incontinenza, deve essere l’implementazione dei percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA)”. “Ringraziamo il Vice Ministro per l’interessamento e siamo pronti a collaborare con le istituzioni – ha sottolineato il prof. Marzio Angelo Zullo, membro del direttivo nazionale AIUG e presidente del convegno di Roma -. L’incontinenza non è piccolo disturbo della terza età ma una vera e propria malattia che interessa oltre 2 milioni di donne in Italia. Numeri importanti e in crescita che sottolineano la necessità di definire percorsi d’assistenza condivisi e uniformi”. Al convegno di Roma è intervenuta anche la Senatrice Paola Binetti, il direttore generale dei dispositivi medici del ministero della salute Marcella Marletta e rappresentanti delle Associazioni dei pazienti Senior ITALIA e Fais, le federazioni delle ostetriche e degli infermieri e i rappresentanti dell’industria.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accertamenti spese per malati di tumore

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

“È irragionevole e sprovveduto procedere a delle verifiche con le modalità portate avanti dall’Agenzia delle Entrate nei confronti di malati di tumore come avvenuto nel caso della scrittrice Sara Recordati a cui è stato chiesto di giustificare la spesa della parrucca post chemioterapia, anche considerando che le cure erano state espletate in una struttura ospedaliera pubblica e quindi tracciabili. Ritengo doveroso rendere più semplici le procedure relative alla presentazione della documentazione giustificativa delle spese mediche in modo da non onerare oltremodo persone che, oltre ad affrontare gravi malattie, devono poi essere esasperate da procedure burocratiche eccessive. Ho, inoltre, chiesto una disciplina uniforme sul territorio nazionale rispetto ai contributi/rimborsi, riconosciuti per l’acquisto della parrucca post chemioterapia, quale vero e proprio presidio sanitario necessario al malato di cancro per migliorare la qualità di vita e la socialità. Ciò per escludere le attuali disparità, considerando che solo alcune Regioni prevedono specifici rimborsi”. Lo ha dichiarato il deputato di Fratelli d’Italia, Walter Rizzetto, annunciando una interrogazione parlamentare.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

DAVID ATTENBOROUGH: Avventure di un giovane naturalista

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Nel 1954, a un giovane presentatore televisivo di nome David Attenborough viene offerta l’occasione di una vita: viaggiare per il mondo alla ricerca di animali rari e inafferrabili per la collezione dello Zoo di Londra e filmare le spedizioni per la BBC.
Oggi quel giovane esploratore è unanimemente considerato «il più grande divulgatore scientifico mondiale» e questa è la storia dei viaggi che hanno dato il via alla sua carriera.Sulle tracce dei formichieri giganteschi in Guyana, dei dragoni di Komodo in Indonesia e degli armadilli in Paraguay, Attenborough ha combattuto con pesci cannibali, porcospini aggressivi e maiali selvatici in fuga, oltre ad aver percorso chilometri e chilometri tra deserti, foreste e terreni insidiosi, per registrare l’incredibile bellezza e biodiversità di queste regioni. I metodi possono, oggi, essere considerati obsoleti, ma il fascino e il rispetto per la fauna selvatica, le persone e l’ambiente – e l’importanza di proteggere questi luoghi selvaggi – non lo è affatto.Scritto con il suo spirito di marchio e il suo fascino, Avventure di un giovane naturalista non è solo la storia di un’avventura straordinaria, ma dell’uomo che ci ha fatto innamorare del mondo naturale e che lo sta facendo ancora oggi.Traduzione dall’inglese di Alessandro Zabini Euro 18,00 416 pagine, illustrato Neri Pozza editore.
Sir David Frederick Attenborough (Isleworth, 8 maggio 1926) è un divulgatore scientifico e naturalista britannico. Pioniere del documentario naturalistico e uno dei massimi divulgatori scientifici a livello mondiale, per più di 50 anni ha realizzato documentari di storia naturale trasmessi da numerose reti televisive ed è noto soprattutto per aver scritto e presentato con l’Unità di storia naturale della BBC le nove edizioni della Life series (documentari che costituiscono una delle più complete indagini sulla vita della Terra). È stato anche direttore di BBC Two e direttore dei programmi della BBC negli anni Sessanta e Settanta.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Safilo: Serracchiani-De Menech, Mise apra tavolo

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

“È necessario convocare un tavolo urgente al Mise alla presenza della dirigenza del gruppo Safilo, dei sindacati e delle Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia”. Lo chiedono in un’interrogazione già depositata alla Camera i deputati del Pd Debora Serracchiani e Roger De Menech, dopo che è stato reso noto il piano di ristrutturazione dell’azienda che prevede 700 esuberi (400 a Longarone, 250 a Martignacco, con la chiusura dello stabilimento e 50 nella sede di Padova). “Sono colpi durissimi al tessuto produttivo del Veneto e del Friuli Venezia Giulia – osservano i parlamentari dem – che così sono sottoposti a un dissanguamento occupazionale dalle pesanti ripercussioni sul territorio”.”Confidiamo si riesca a stringere un’alleanza istituzionale – aggiungono i deputati – per far fronte a queste situazioni, anche con un monitoraggio che prevenga le crisi, almeno ove possibile, intervenendo prima che esplodono in modo così drammatico”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La transumanza è patrimonio culturale dell’Unesco

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Il comitato intergovernativo del patrimonio mondiale dell’Unesco, che si è riunito a Bogotà, in Colombia, ha proclamato la transumanza patrimonio culturale immateriale dell’umanità. La transumanza è l’antica pratica della pastorizia, che consiste nella migrazione stagionale del bestiame nel Mediterraneo e nelle Alpi. Il Professore Pier Luigi Petrillo, autore del dossier, e Massimo Riccardo, Ambasciatore d’Italia all’Unesco, sono particolarmente soddisfatti da questo risultato che riconosce e premia il lavoro svolto dall’Italia. Le vie della transumanza sono, inoltre, un elemento della tradizione e del paesaggio italiano che coinvolge molte regioni e i pastori sono un presidio sul territorio, che contribuiscono ad arginare grandi emergenza, come il dissesto idrogeologico.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Auto: acquisto o noleggio?

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Noleggio a lungo termine o acquisto? Per alcune categorie, invece che comprare un’auto nuova e poi rivenderla dopo qualche anno, può essere vantaggioso affittarne una per un lasso di tempo? Altroconsumo ha analizzato – nel numero di InTasca di gennaio 2020 – le principali offerte presenti sul mercato confrontando i costi del noleggio a lungo termine (da 36 a 60 mesi) con quelli di acquisto relative a city car e auto di grossa cilindrata (con o senza rate).Grazie alle agevolazioni fiscali, il noleggio a lungo termine è particolarmente adatto a imprese e professionisti ma sta riscuotendo un grande successo anche tra i privati. Si tratta infatti di un trend in aumento nel nostro Paese: nell’ultimo anno c’è stato un incremento del 20% delle auto immatricolate per il noleggio, con 33.353 immatricolazioni di auto per il noleggio a maggio 2019, a conferma dell’interesse di sempre più persone alla formula dell’affitto tutto compreso (assicurazioni e manutenzione).
I risultati dell’analisi: poca convenienza sulle city car, più interessante sulle auto di grossa cilindrataAltroconsumo ha contattato le principali società presenti sul mercato – Arval, ALD automotive, Lease Plan e Leasys – per analizzare le condizioni contrattuali ed assicurative e per calcolare se convenga o meno il noleggio rispetto all’acquisto, paragonando i costi da dover affrontare, nello stesso periodo di tempo, sia per comprare un’auto che per noleggiarla. Dalle analisi effettuate è stato evidenziato che il noleggio a lungo termine conviene quasi sempre per le auto di grossa cilindrata vista la loro velocità nell’essere deprezzate, mentre non è così per le citycar, capaci di mantenere il proprio valore economico per periodi più lunghi.Se è vero che il costo del noleggio comprende bollo, l’assicurazione RC Auto, quella contro furto e incendio e i danni dell’auto, e la manutenzione ordinaria e straordinaria, nel valutare la convenienza del noleggio a lungo termine bisogna tenere però presente che il locatario è responsabile di tutto ciò che accade al veicolo, perché la proprietà dell’auto resta della società che si occupa del noleggio e il locatario deve mantenere l’auto in buone condizioni che saranno valutate al momento della riconsegna alla fine del noleggio.
Come funziona il noleggio a lungo termine?
La prassi per iniziare il rapporto con le società che si occupano di noleggio a lungo termine è pressoché uguale per tutte: al potenziale cliente viene fatto compilare online un preventivo generico per poi essere ricontattato telefonicamente per mettere a punto un preventivo personalizzato. Il tutto quindi avviene online e via telefono, senza poter parlare di persona con un venditore.Attenzione a richiedere e leggere con attenzione il contratto, Altroconsumo su 24 prove pratiche svolte a Roma, Milano e Napoli solo una volta ha ricevuto informazioni complete ed esaustive.In ogni caso, se il contratto è stato concluso a distanza, il cliente ha diritto a recedere entro 14 giorni dalla conclusione.Da tenere sotto controllo, poi, ci sono le varie voci dei costi del noleggio: oltre al canone mensile da versare, bisogna tenere presente che quasi sempre sarà richiesto un anticipo, di 10 o il 20% del prezzo di listino dell’auto, da non confondere con il deposito cauzionale, invece richiesto al cliente per ripagare eventuali canoni non versati o danni al veicolo. La cifra dell’anticipo è una componente economica che insieme al canone definisce il prezzo del noleggio; l’anticipo è in parte restituito se il cliente recede dal contratto prima del termine del contratto. Nel prezzo del noleggio sono comprese tutte le forme di manutenzione dell’auto, sia ordinaria che straordinaria, e le coperture assicurative, che cambiano a seconda delle condizioni stipulate; Altroconsumo consiglia di valutare bene penali e franchigie delle assicurazioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riqualificazione via del Tritone e via dei Due Macelli, accordo tra Campidoglio e Rinascente

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Roma Campidoglio e Rinascente insieme per la riqualificazione di via del Tritone e via dei Due Macelli. È stata sottoscritta la convenzione che prevede la donazione a Roma Capitale di 3 milioni di euro da parte de La Rinascente S.p.A., per il restyling delle due strade del centro della città.Il progetto, elaborato dal Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana (SIMU) di Roma Capitale, prevede nello specifico il rifacimento e la riqualificazione delle carreggiate e dei marciapiedi, la riorganizzazione funzionale e l’ampliamento degli spazi pedonali lungo i fronti commerciali, la riorganizzazione e messa in sicurezza di Largo del Tritone e l’adeguamento degli impianti dei sottoservizi. Inoltre, sarà realizzata anche una ridefinizione della viabilità secondo uno studio sviluppato dal Dipartimento Mobilità e Trasporti. La prima fase dei cantieri interesserà via del Tritone – nel tratto compreso tra i civici 46 e 70 – e via dei Due Macelli, tra via del Tritone e via di Capo Le Case. Poi proseguiranno nei tratti di via del Tritone fino a Largo Chigi, da Largo del Tritone a piazza Barberini e da Largo del Tritone a via della Stamperia. L’ultimo step riguarderà via dei Due Macelli, tra via Capo Le Case e Piazza di Spagna.
“La salvaguardia del territorio e la valorizzazione dei suoi tesori sono per Rinascente una priorità. Con questa operazione vogliamo essere, ogni giorno concretamente, ‘per la città, con la città e nella città’ – afferma l’Amministratore Delegato Rinascente Pierluigi Cocchini – I nostri department store sono dei luoghi dove accadono cose: servono energia e cura da dedicar loro internamente ma anche attenzione e sensibilità ad intercettare quello che li circonda. Ecco il perché di questo progetto”.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli sprechi sotto le feste

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

(By AJ-Com.Net) Il Natale è tradizionalmente il momento dell’eccesso, soprattutto in Italia dove in occasione delle feste si esagera spesso con cibi e vini. Queste celebrazioni natalizie golose hanno così un effetto dannoso sul pianeta di cui stiamo consumando le risorse a tempo di record, ogni anno sempre di più: a mettere in evidenza questo aspetto spesso trascurato è Ener2Crowd (www.ener2crowd.com), la prima piattaforma italiana di lending crowdfunding energetico, che in occasione di questo Natale 2019 invita i cittadini a rendere le feste più eco-sostentibili.In particolare lo spreco alimentare somma annualmente in Italia 17 miliardi di euro, pari all’1% del pil, di cui 14 miliardi di euro dissipati per il cibo già prodotto e gettato e 3 miliardi di euro per lo spreco di filiera e distribuzione.
Dopo soli 3 anni, tramutato in investimenti mirati e sostenibili, lo spreco produrrebbe una rendita complessiva del 28%. Tassi di crescita del genere sono introvabili anche in prodotti finanziari speculativi e ciò dà una misura delle potenzialità di un’economia stabile riconvertita e partecipata verso il green.Ma se analizziamo i dati del periodo natalizio scopriamo che si getteranno via oltre 500 mila tonnellate di cibo, corrispondenti ad oltre 80 euro per gruppo familiare che vanno in fumo inutilmente, portando anche ad un’impennata del livello di inquinamento «perché ogni tonnellata di rifiuti alimentari produce 4,2 tonnellate di CO2» spiegano gli esperti.
Le lampadine a led -ad esempio- consumano l’80% di energia in meno rispetto alle vecchie luci ad incandescenza e durano 30 volte di più, una scelta che nell’ultimo anno ha già consentito di evitare 600 milioni di tonnellate di CO2 nell’atmosfera, riduzione pari alla chiusura di 170 centrali elettriche a combustione.In tal senso Roma e Palermo sono state le prime città in Italia ad optare per il diodo ad emissione di luce per decorare gli abeti nelle piazze principali. «Vogliamo che sia un Natale all’insegna della sostenibilità. Per questo le luci sono a basso consumo e l’abete, alto 21 metri e abbellito con oltre 600 sfere e 3 mila metri di luci a led, è certificato FSC e quindi è anche conforme ai più rigorosi standard ambientali» mette in risalto il sindaco di Roma, Virginia Raggi. Ed anche l’installazione di Milano, alta 37 metri e composta da 81.448 punti luce, è quest’anno una struttura «light emitting diode», nell’abbraccio di un anello verde formato da 22 abeti: un “albero” innovativo e sostenibile che vuole essere un simbolo di inclusione e di solidarietà. L’albero di Natale è infatti un altro tema caldo in quanto ad inquinamento. Scegliere un albero vero a zero chilometri per evitare l’inquinamento dovuto ai lunghi trasporti o alle modalità di produzione è sempre la scelta migliore. Il processo di realizzazione di un albero artificiale in pvc richiederebbe invece un consumo di circa 20 chili di petrolio e comporterebbe il rilascio di 23 chili di biossido di carbonio. Così come le palline di plastica, per ogni tonnellata prodotta ex-novo, comportano l’emissione di 2,5 tonnellate di CO2.
Perché scegliere il «crowdfunding energetico»? I progetti Ener2Crowd, tutti diversi tra loro, hanno superato una forte selezione e sono accomunati dal diretto coinvolgimento dei più giovani in iniziative volte a produrre un cambiamento concreto nella società. Ad esempio il progetto Ener2Crowd legato al relamping realizzato da Samso SpA con la nuova tecnologia a led è in grado di produrre risparmi economici consistenti ed un valore ambientale ed energetico estremamente rilevante, permettendo un risparmio nei consumi finali di 845.500 kWh all’anno e portando ad una riduzione annua di 365 tonnellate di emissioni di CO2, pari all’effetto che avrebbe la piantagione di 36.500 alberi, un numero tale da coprire 185 campi da calcio. (AJ-Com.Net). AJ/LL 13 DIC 2019 09:00 NNNN

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’assistenza pediatrica in Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Roma 17 dicembre 2019 ore 11 Ministero della Salute Lungotevere Ripa 1 presentazione libro bianco. L’assistenza pediatrica in Italia, sino a oggi tra le migliori al mondo, vive una stagione difficile dovuta principalmente alla progressiva riduzione del numero di specialisti che si occupano di bambini, al conseguente depauperamento di risorse umane nei reparti ospedalieri, nei pronto soccorso, nelle terapie intensive neonatali e nel territorio, all’aumento dei bambini con patologie croniche e complesse che necessitano di un’assistenza specialistica e multidisciplinare, alle criticità che contraddistinguono il passaggio di questi pazienti dal pediatra al medico dell’adulto e all’emergere di forti diseguaglianze territoriali nell’accesso alle cure. Il Libro Bianco realizzato dalla FIARPED, Federazione Italiana delle Associazioni e Società Scientifiche dell’Area Pediatrica, per la prima volta fotografa lo stato dell’assistenza pediatrica in Italia: dalla neonatologia all’oncoematologia; dall’emergenza-urgenza alle malattie respiratorie e allergiche sino alla neuropsichiatria e alla chirurgia. Il Libro Bianco è frutto del contributo di 34 Società Scientifiche e Associazioni che operano nel mondo del bambino e della sua salute. Il risultato è un documento estremamente ricco e dettagliato per ciascuna area specialistica, dal quale emergono molte difficoltà, spesso comuni a tutte. Di certo si evidenzia l’importanza di garantire a ogni neonato, bambino e ragazzo il diritto di essere sempre seguito da uno specialista competente e dedicato all’età evolutiva. Intervengono:
· Paolo Siani, pediatra, Deputato;
· Giorgio Trizzino, pediatra, Deputato;
· Giovanni Corsello, Past President FIARPED
· Renato Cutrera, Presidente FIARPED
· Annamaria Staiano, Vicepresidente Società Italiana di Pediatria
· Antonella Costantino, Presidente Società Italiana Neuropsichiatria Infantile
· Fabio Mosca, Presidente Società Italiana di Neonatologia
· Federica Zanetto, Presidente ACP
· Mario Lima, Presidente Società Italiana di Chirurgia Pediatrica.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo. La legge Salvini-Di Maio sulla legittima difesa è una bufala. Confermato!

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Nonostante la nuova legge legastellata sulla legittima difesa, la Corte di Assise di Catania ha condannato a 13 anni di reclusione, per duplice omicidio e tentato omicidio, un gioielliere che aveva sparato a due rapinatori uccidendoli e ferendo il terzo. I rapinatori avevano assaltato la gioielleria e minacciato la moglie del gioielliere con una pistola, poi rivelatasi a salve. Dopo colluttazione, i rapinatori erano fuggiti e il gioielliere aveva sparato colpendoli alle spalle.Ma come, la difesa non è sempre legittima, come dichiarava Salvini, che girava per le piazze con una maglietta proprio con la scritta: la difesa è sempre legittima? Alla prova dei fatti, cioè alla sentenza dei magistrati, non è così, perché, come sostenevamo, la difesa è sempre legittima, se legittima, e la legge legastellata era propaganda.Abbiamo impiegato ore per spiegare che non è in discussione la legittima difesa, quando è tale. Se per esempio, un malvivente entra in casa e si avvicina con fare minaccioso, magari armato, il cittadino ha il diritto di difendersi, con ogni mezzo a sua disposizione.La legge Salvini-Di Maio, sostanzialmente, non cambia in nulla le norme precedenti. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CohesionAlliance: European Council must preserve the EU’s top investment policy

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

Cohesion policy is the EU’s main investment tool and plays a key role in addressing emerging challenges such as decarbonisation, climate adaptation, digitalisation and integration of migrants by promoting the strong involvement of local actors. In a paper prepared by the Finnish Presidency of the Council of the EU, cohesion allocation would be cut by €44.6 billion in comparison with the current period (excluding the United Kingdom). This means a reduction of 12%.
For this reason, the #CohesionAlliance partner organisations wrote to the President of the European Council – Charles Michel – stressing that, ‘cuts would entail major political risks, calling into question the capacity of the EU to fulfil the Treaty objective of strengthening economic, social and territorial cohesion, due to a lack of critical mass of support in many regions, meaning also lower investments in key European objectives’. The letter insists therefore on, ‘the necessity for cohesion policy to have sufficient funding of at least one-third of the future EU budget at its disposal, and for any new instruments such as the Just Transition Fund and its budgetary allocations to be additional to the existing European Structural and Investment Funds’.The Alliance is also deeply worried by the ongoing attempt – in the framework of the negotiations between European Parliament, Commission and Council – to undermine the involvement of regional and local governments in funds management. In the letter, the coalition partners demand, instead, ‘the full involvement of local and regional authorities in the programming and implementation phase of cohesion policy’. All Member States, they argue, must continue to be obliged to develop Partnership Agreements setting the distribution of tasks and responsibilities in the management of investment plans backed by cohesion policy.Finally, the Alliance highlights the risks connected to a late agreement on the new long term EU budget and call on the European Council, ‘swiftly to conclude the negotiations on the new MFF and accompanying sectorial regulations for 2021-2027, in order to allow the Partnership Agreements and programmes to be set up in due time, allow a smooth transition to the upcoming funding period and avoid the disastrous consequences for both managing authorities and beneficiaries’.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »