Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Archive for 22 maggio 2021

Michele Taddei: Steppa bianca. Memorie di Albino cavallo da guerra

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

L’epopea del Reggimento Savoia Cavalleria (3°) nella steppa russa durante la Seconda guerra mondiale. La voce narrante è quella di Albino, cavallo maremmano che, insieme ai suoi compagni, prese parte alla carica di Isbuscenskij, il 24 agosto 1942, tradizionalmente conosciuta come l’ultima carica di cavalleria.Ferito in battaglia, sopravvissuto nella ritirata, di lui si persero le tracce fino a quando, a guerra ormai conclusa, venne fortunosamente ritrovato e riconsegnato al suo Reggimento. Dove e con chi era stato? Un mistero che appassionò gli italiani nel dopoguerra, e che richiama alla mente la trama di “War Horses”, da cui Steven Spielberg ha tratto l’omonimo film. Con l’unica differenza che quello che qui viene narrato è tutto autentico. Per la prima volta, il libro racconta il punto di vista di Albino e prova a risolvere il giallo della sua scomparsa ma soprattutto rende omaggio ai soldati caduti, all’antica tradizione cavalleresca e alle migliaia di cavalli sacrificati in nome della guerra.Steppa Bianca. Memorie di Albino cavallo da guerra.Cantagalli 2021 | pp. 216 | euro 17

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Arriva il vaccino Curevac

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Un nuovo vaccino contro il Coronavirus (Sars-Cov-2) è in arrivo a giugno, è il Curevac. Prodotto in Germania, anche grazie a un finanziamento pubblico di 300 milioni, il Curevac si aggiunge ai vaccini a mRNA di Pfizer- Biontech e Moderna e può essere conservato alle normali temperature di frigorifero per tre mesi o a temperatura ambiente per un giorno. L’azienda Curevac è in attesa della certificazione dell’EMA, l’Agenzia europea per i medicinali, che dovrebbe arrivare a giorni. Il vaccino Curevac, come quelli di Pfizer-Biontech e Moderna, non reca danno al DNA, come erroneamente propagandato. Insomma, dopo vaccinazione non ci crescerà l’undicesimo dito.La Commissione Europea ha ordinato 225 milioni di dosi di questo vaccino, con una opzione per altri 180 milioni. L’azienda Curevac da decenni sperimenta preparati terapeutici a mRNA. L’idea di partenza era quella di trovare cure per il cancro e altre malattie. In conclusione, con i farmaci a mRNA si sono aperti nuovi campi di ricerca per la cure di varie patologie, con una tecnologia a adattabile alle diverse situazioni, compreso i mutanti del Coronavirus. Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più a lungo. Ci sono però ancora problemi: dalla presa in carico del paziente alla revisione organizzativa, dall’accesso uniforme a terapie innovative ai problemi nutrizionali che moltissimi pazienti presentano. Il coordinamento tra Centri ‘Hub e Spoke’ e medicina territoriale, è fondamentale nei processi organizzativi/gestionali. Per fare il punto sul tema, Motore Sanità ha organizzato un nuovo incontro ‘ONCOnnection – La medicina di precisione: un nuovo snodo chiave del percorso diagnostico-terapeutico’, serie di webinar incentrati sul mondo dell’oncologia, realizzati grazie al contributo incondizionato di Pfizer, Amgen, Boston Scientific, Nestlé Health Science, Takeda, Kite a Gilead Company, Janssen Pharmaceutical Companies of Johnson & Johnson e Kyowa Kirin. “A lungo in ambito oncologico ci siamo concentrati sulla patologia, raggiungendo risultati importanti anche con poche conoscenze specifiche dei processi biologici che sono alla base della malattia. Oggi sappiamo, invece, che non possiamo più pensare che esista “il” tumore ma tanti sono “i” tumori, e ogni persona presenta una malattia diversa con un’evoluzione differente. Siamo anche consapevoli del fatto che il nostro patrimonio genetico, unico per ciascuno di noi, interagisce in maniera altrettanto peculiare con l’ambiente circostante. Per questo dobbiamo guardare ad ogni paziente come un individuo “unico” e applicare una medicina di precisione che possa consentirci di ottenere i migliori risultati tenendo conto della genetica e dell’epigenetica, ovvero delle caratteristiche biologiche della malattia, delle caratteristiche cliniche del paziente, unendo le diverse discipline e competenze e quanto di meglio, in termini di tecnologia e terapia, provenga dalla ricerca. In altre parole, dobbiamo guardare a ogni paziente come già aveva suggerito Ippocrate nel Prognostico: cercando di capire cosa sia meglio per quella singola persona.”, ha dichiarato Rossana Berardi, Direttore Clinica Oncologica, Direttore Scuola di Specializzazione in Oncologia Medica, Direttore Centro di Riferimento Regionale di Genetica Oncologica, Ospedali Riuniti di Ancona”Il profondo cambiamento a cui stiamo assistendo nel campo dell’oncologia umana è principalmente dovuto ai progressi nell’ambito genetico e genomico. Il nuovo modello di “oncologia mutazionale” ha consolidato il principio ben noto di “medicina di precisione” con lo sviluppo di terapie a bersaglio molecolare sempre più efficaci. In questo nuovo scenario è fondamentale che la Rete Oncologica Piemonte Valle d’Aosta garantisca, nella pratica clinica, il mantenimento di appropriatezza, omogeneità e sostenibilità economica dei test genomici richiesti, nonché renda disponibili specifiche competenze scientifiche e cliniche per la scelta delle terapie mediche. La profilazione molecolare di campioni tumorali e l’espansione dei dataset di “big data” genomici renderanno infatti sempre più complessa l’interpretazione dei dati da parte dei clinici, facendo crescere il divario tra le conoscenze cliniche e le implicazioni della genomica nella cura del cancro. In tale contesto è fondamentale il ruolo dei Tumor Board Molecolari, all’interno dei quali operano differenti specialisti, che si pongono l’obiettivo di fornire risposte ed indirizzi a supporto della Rete Oncologica Regionale, sia in riferimento alla governance del sistema che sugli aspetti clinici, al fine di governare l’accesso ai nuovi approcci terapeutici secondo appropriatezza, garantire un’offerta di qualità alla rete, promuovere l’omogeneità nelle procedure sul territorio regionale, e definire un’organizzazione basata sull’equilibrio costo/efficacia, anche per la definizione di criteri per l’accesso all’innovazione in campo terapeutico-assistenziale.”, ha detto Franca Fagioli, Direttore ff Rete Oncologica Piemontese – Direttore SC Oncoematologia Pediatrica e Centro Trapianti – Presidio Ospedaliero Infantile Regina Margherita – AOU Città della Salute e della Scienza di Torino

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rapporti fra vitamina D e COVID-19

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Per divulgare le nuove conoscenze sulla vitamina D, che in realtà non è una vitamina, ma è molto simile ad un ormone, l’Accademia di Medicina di Torino, che in passato ha affrontato i rapporti fra vitamina D e COVID-19 diffondendo un articolato documento sottoscritto da 156 medici italiani (https://www.accademiadimedicina.unito.it/attivita/altro/317-vitamina-d-nella-prevenzione-e-nel-trattamento-del-covid-19-nuove-evidenze.html), organizza un corso nazionale di aggiornamento intitolato “La vitamina D: l’ormone della salute” che si svolgerà interamente per via telematica il 21, 22, 28 e 30 giugno, sempre dalle 17:30 alle 19; verranno illustrati, con la partecipazione, in qualità di docenti, dei maggiori esperti italiani sull’argomento, gli aspetti biologici, epidemiologici e clinici dell’ipovitaminosi D e come utilizzare la vitamina D per combattere le numerose malattie croniche dell’anziano. Per partecipare al corso, la cui adesione è gratuita fino ad esaurimento dei posti disponibili e che erogherà 12 crediti formativi., occorre iscriversi al sito del provider http://www.symposium.it/eventi Il corso rappresenta la 31ª edizione di un evento formativo di livello nazionale sulle malattie metaboliche dell’osso che da anni viene organizzato dal prof. Giancarlo Isaia, docente di Geriatria e presidente dell’Accademia di Medicina di Torino ed è il primo evento di una nuova iniziativa dell’Accademia di Medicina di Torino che intende organizzare eventi formativi di livello nazionale, sempre in modalità webinar e sempre con erogazioni di crediti ECM.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale dell’Africa

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Martedì 25 maggio – Amref Health Africa-Italia presenta la seconda edizione de “L’Africa MEDIAta”, un rapporto a cura dell’Osservatorio di Pavia. Il documento analizza l’Africa nella rappresentazione dei media e nell’immaginario dei giovani, in un arco temporale che va dalla fine del 2019 ai primi mesi del 2021. L’evento sarà trasmesso online, martedì 25 maggio, dalle ore 11 sui canali Facebook e Youtube di Amref Health Africa-Italia, in diretta dalla Casa del Cinema di Roma. Media partner dell’evento Rai Ragazzi, Rai Radio Kids e Rainews24. Interverranno all’evento: Paola Crestani – Presidente di Amref Italia; Guglielmo Micucci – Direttore Amref Italia; Paola Barretta – Osservatorio di Pavia; Mackda Ghebremariam Tesfau’ – Sociologa e attivista di Razzismo Brutta Storia; Massimo Giannini – Direttore La Stampa; Andrea Salerno – Direttore La7; Walter Veltroni – Giornalista e regista; Luca Milano – Direttore Rai Ragazzi; Carolina Benvenga – Conduttrice Rai Ragazzi; Haroun Fall e Dylan Magon – Attori di Zero. Modererà Federica Lodi, giornalista Sky.In Italia Amref lavora attivamente per contribuire ad una percezione diversa del continente africano. Una percezione più inclusiva che possa arginare la pericolosa deriva che nasce dall’ignoranza. Per questo, dal 2019, Amref dedica parte del suo impegno alla ricerca, analizzando i media nazionali e lo spazio che viene dato all’Africa, sia in termini di quantità che di veridicità delle informazioni. Da qui è nato il rapporto “L’Africa Mediata”, realizzato in collaborazione con l’istituto di ricerca Osservatorio di Pavia. Un documento ricco di dati e analisi che ha l’ambizione di fotografare una buona parte della narrazione del Continente africano nel nostro Paese.L’emergenza sanitaria determinata dal Covid-19 ha reso evidente la dimensione globale di certe fragilità e ha evidenziato alcuni meccanismi socio- economico-politici che definiscono la drammatica situazione attuale. Lasciare fuori dal dibattito temi e aree del mondo già ai margini dell’informazione è un errore grave. Per questo, in occasione della prossima edizione del rapporto “L’Africa Mediata”, Amref si propone di analizzare le caratteristiche che ha assunto l’informazione nel corso del 2020 e del primo trimestre del 2021 relativamente all’Africa.Oltre a quotidiani, notiziari, programmi tv e social, la seconda edizione vedrà protagonisti i programmi per i bambini e ragazzi. Questa parte è stata sviluppata anche con dei focus group realizzati con studenti di scuole italiane. Come vedono l’Africa loro? Da questo contributo, offerto dal report, nasce l’ispirazione per il progetto video realizzato da Walter Veltroni per Amref, il cui trailer sarà presentato in anteprima all’evento del 25 maggio a Roma. Il report “L’Africa Mediata” avrà uno spaccato dedicato anche ai confini e alla migrazione. Un contributo che nasce dal progetto Snapshots From the Borders, che ha supportato la ricerca. Tale progetto – che vede il Comune di Lampedusa capofila, Amref partner, finanziato dall’Unione Europea – offre uno spunto rilevante per raccontare, quella che il report definisce “Africa qua”.Sarà possibile seguire l’evento attraverso la pagina Facebook di Amref Health Africa Italia e il canale Youtube (Amref Italia). La Rai, in collaborazione con Amref Health Africa-Italia, dedicherà alla giornata mondiale dell’Africa, dei momenti all’interno della sua programmazione. Media partner dell’evento sono Rai Ragazzi, Rai Radio Kids e Rainews24.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Antitrust Ue smaschera operazione di cartello sui titoli di Stato europei

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

È di oggi la notizia della multa di circa 69,5 milioni di euro che l’Antitrust Ue ha inflitto a Unicredit per operazioni di cartello nel trading del mercato primario e secondario dei titoli di Stato europei (Egb) con altre sei banche d’investimento: Bank of America, Natixis, Nomura, Rbs, Ubs e WestLB.Complessivamente le sanzioni erogate a Unicredit, Ubs e Nomura ammontano a 371 milioni di euro. Sembrerebbe che le banche abbiano partecipato al cartello tramite un gruppo di trader che si scambiavano informazioni commercialmente rilevanti, come ad esempio i prezzi e i volumi nelle aste e sui prezzi praticati ai rispettivi clienti, sulla loro strategia di offerta nelle aste del mercato primario e sui parametri di negoziazione sul mercato secondario.Il tutto, per di più, nel mezzo della crisi finanziaria tra il 2007 e il 2011 che ha investito i sistemi economici a livello planetario.A svelare le operazioni di cartello è stata Natwest, che ha evitato la sanzione di 260 milioni di euro. Mentre la sanzione di Ubs è stata ridotta del 45% per aver collaborato nelle indagini della Commissione.Mentre le banche annunciano già che impugneranno il provvedimento presso le corti europee ci auguriamo che si faccia al più presto la massima chiarezza perché soprattutto in questo momento è necessaria la massima trasparenza sui mercati finanziari e il corretto funzionamento del mercato dei titoli di Stato.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migrazione: Il PE chiede vie legali per l’ingresso di lavoratori in UE

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

In una risoluzione non legislativa adottata giovedì con 495 voti favorevoli, 163 contrari e 32 astensioni, il Parlamento sottolinea che dal 2015 la migrazione legale figura a malapena nello sviluppo della politica migratoria dell’UE e che il Nuovo Patto sulla Migrazione e l’Asilo non include alcuna proposta specifica in questo settore.Secondo i deputati, “le politiche dell’UE e nazionali in materia di migrazione legale dovrebbero concentrarsi sul fornire una risposta alle carenze dei mercati del lavoro e delle competenze”, tenendo presente l’invecchiamento della popolazione e la contrazione della forza lavoro. Il PE chiede che la legislazione in vigore sia rivista e che il campo di applicazione sia più ampio, dato che attualmente copre soprattutto i lavoratori altamente qualificati (o altamente retribuiti) e le multinazionali, mentre solo la direttiva sui lavoratori stagionali si rivolge alla migrazione meno retribuita.Nel testo viene sottolineato il ruolo importante delle rimesse e i benefici che una migrazione sicura, regolare e ordinata comporta sia per i paesi d’origine che per quelli di accoglienza. Riconoscendo i rischi connessi alla “fuga dei cervelli” per i paesi di origine, i deputati suggeriscono di promuovere la migrazione circolare, dove il migrante ritorna dopo un certo periodo di tempo nel suo paese e potrebbe poi ripartire per ragioni di lavoro. A questo scopo, la Commissione dovrebbe analizzare l’approccio adottato da altri paesi, come un sistema a punti.Suggeriscono inoltre di permettere ai lavoratori stranieri di trascorrere periodi più lunghi lontano dal paese ospitante senza perdere il lavoro, in modo da poter viaggiare più facilmente verso i loro paesi d’origine.Per una risposta più efficiente ai bisogni o alle carenze di manodopera sui mercati nazionali, i deputati propongono di sviluppare un bacino di talenti e una piattaforma di corrispondenza a livello europeo, che possa coprire tutti i settori e i livelli di occupazione e che funga da sportello unico per i lavoratori non UE, i datori di lavoro UE e le amministrazioni nazionali.Si raccomanda infine di facilitare e accelerare la valutazione e il riconoscimento di diplomi, certificati e altre qualifiche professionali. Ciò rafforzerebbe la mobilità intra-UE, che, a sua volta, può contribuire agli aggiustamenti del mercato del lavoro e alla crescita economica generale nei paesi dell’UE.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Recovery: il Parlamento chiede un controllo democratico sui piani nazionali

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

In una risoluzione non legislativa adottata giovedì con 602 voti favorevoli, 35 contrari e 56 astensioni, i deputati hanno ribadito che, in linea con i contenuti del Regolamento sul dispositivo per la ripresa e la resilienza (Recovery and Resilience Facility – RRF), il PE ha il diritto di ricevere le informazioni pertinenti sullo stato di attuazione dei piani nazionali di ripresa e resilienza (PNRR).Per garantire una maggiore trasparenza e la responsabilità democratica dei PNRR, i deputati si aspettano di ricevere dalla Commissione le informazioni di base necessarie, nonché una sintesi delle riforme e degli investimenti dei piani nazionali ricevuti (18 Paesi UE hanno presentato i loro piani il 18 maggio). Si aspettano inoltre che queste informazioni siano fornite in un formato facilmente comprensibile e comparabile, comprese le traduzioni esistenti dei documenti presentati dagli Stati membri.I deputati ritengono che la condivisione delle valutazioni preliminari dei piani non pregiudicherà l’esito della procedura, poiché la maggior parte dei PNRR sono già in fase avanzata e probabilmente saranno approvati. Tale supervisione, al contrario, migliorerebbe il dialogo sulla ripresa.Inoltre, il coinvolgimento del Parlamento sulla piena trasparenza e la responsabilità garantirebbe e rafforzerebbe la legittimità democratica e il senso di titolarità dei cittadini. Per garantire il coinvolgimento di società civile, autorità locali e regionali nell’attuazione dei piani, i deputati invitano la Commissione a sollecitare gli Stati membri a consultare tutte le parti interessate a livello nazionale, anche in caso di eventuali modifiche o nuovi PNRR in futuro.I deputati vogliono infine che le commissioni competenti del Parlamento siano tenute informate sui risultati preliminari riguardanti l’adempimento dei traguardi e degli obiettivi concordati, affinché siano in grado di valutare al meglio l’effettiva e corretta spesa dei fondi.Il dispositivo per la ripresa e la resilienza è la parte più grande del pacchetto Next Generation EU e uno strumento temporaneo di crisi progettato per aiutare i Paesi UE ad affrontare gli effetti della pandemia COVID-19, con un totale di 672,5 miliardi di euro in prestiti e sovvenzioni. Per essere ammissibili al finanziamento, i piani nazionali si devono incentrare su politiche chiave dell’UE quali la transizione verde, la biodiversità, la trasformazione digitale, la coesione economica e la competitività, nonché la coesione sociale e territoriale, la reazione delle istituzioni alle crisi e sulle modalità per aiutarle a prepararvisi, come anche le politiche a favore dei minori e dei giovani, compresa l’istruzione e lo sviluppo di competenze. Ciascun piano deve destinare almeno il 37% del proprio bilancio al clima e almeno il 20% alle azioni digitali. Il regolamento stabilisce anche che potranno ricevere fondi a titolo del dispositivo soltanto i paesi membri impegnati nel rispetto dello Stato di diritto e dei valori fondamentali dell’Unione europea. Infine, gli stati membri devono spiegare in quale maniera i piani nazionali di recupero e resilienza contribuiscano all’uguaglianza di genere e alle pari opportunità e in che modo le parti interessate a livello nazionale siano state coinvolte nella preparazione dei PNRR.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cina: PE rifiuta di approvare l’accordo finché le sanzioni sono in vigore

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

In una risoluzione approvata giovedì con 599 voti favorevoli, 30 contrari e 58 astensioni, il Parlamento condanna con la massima fermezza le sanzioni “immotivate e arbitrarie” recentemente imposte dalle autorità cinesi a diversi individui ed entità europee, tra cui cinque deputati, affermando che la mossa di Pechino rappresenta un attacco alle libertà fondamentali ed esortando le autorità cinesi a revocare queste misure restrittive.La sospensione di qualsiasi valutazione dell’accordo globale UE-Cina in materia di investimenti (Comprehensive Agreement on Investment – CAI), concordato in linea di principio tra l’UE e la Cina nel dicembre 2020, così come qualsiasi discussione sulla sua ratifica da parte del Parlamento europeo, è “giustificata in virtù delle sanzioni cinesi in vigore”.I deputati chiedono che la Cina tolga le sanzioni prima di occuparsi dell’accordo, “senza pregiudicare l’esito del processo di ratifica”, e ricordano alla Commissione europea che terranno conto della situazione dei diritti umani in Cina, compresa Hong Kong, al momento di dell’approvazione del testo.Tuttavia, gli altri accordi commerciali e di investimento con partner regionali, compreso Taiwan, non dovrebbero subire le ripercussioni della sospensione della ratifica dell’accordo globale UE-Cina.Nonostante la reazione di Pechino, il Parlamento accoglie con favore l’inserimento da parte dell’UE di quattro cittadini e di un’entità cinesi nell’ambito del regime globale di sanzioni dell’UE in materia di diritti umani, a causa del loro ruolo nelle gravi violazioni dei diritti umani contro gli uiguri e le persone di altre minoranze etniche musulmane nella regione cinese dello Xinjiang.I deputati chiedono anche di riequilibrare le relazioni UE-Cina, sostenendo l’adozione di un pacchetto di misure autonome quali una normativa contro gli effetti distorsivi delle sovvenzioni estere sul mercato interno, un divieto di importazione per le merci prodotte mediante lavoro forzato e un regolamento UE più efficace e rigoroso sul controllo degli investimenti esteri. Infine, l’UE deve poter rispondere adeguatamente alle minacce informatiche della Cina e agli attacchi ibridi.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il PE chiede maggiore protezione dei migranti dalle violazioni dei diritti umani

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Bruxelles. Il Parlamento critica la Commissione europea e alcuni paesi dell’UE per l’uso eccessivo di accordi informali sul rimpatrio e la riammissione dei migranti irregolari. Il Parlamento ha adottato una risoluzione, con 358 favorevoli, 309 contrari e 26 astensioni, che fornisce raccomandazioni sulla protezione dei diritti umani nel quadro della politica esterna di asilo e migrazione UE. Il testo rileva che, dal 2016, l’UE e alcuni Stati membri hanno concluso molti accordi e intese bilaterali informali con paesi terzi sul rafforzamento delle capacità di controllo e gestione delle frontiere, sulla lotta al traffico di esseri umani e sul rimpatrio e la riammissione dei migranti irregolari. La risoluzione evidenzia diverse tendenze preoccupanti sui diritti umani che derivano da tali accordi informali, che sono conclusi senza il dovuto controllo democratico e la supervisione parlamentare e non sono soggetti al controllo giudiziario. I deputati inoltre esortano la Commissione europea a negoziare e firmare accordi formali di riammissione con i paesi terzi e notano l’assenza di adeguati meccanismi operativi di segnalazione, monitoraggio, valutazione e responsabilità per seguire i casi individuali e rispondere alle potenziali violazioni, così come la mancanza di rimedi giudiziari efficaci per le persone i cui diritti potrebbero essere stati violati. Il PE sottolinea che i diritti dei richiedenti asilo dipendono proprio dalla possibilità che un tribunale verifichi l’avvenuta violazione dei loro diritti umani.Una panoramica completa e pubblica dei finanziamenti UE ai paesi terzi per facilitare la cooperazione sulle questioni migratorie rimane tutt’ora indisponibile, nota il testo. I deputati chiedono alla Commissione di garantire la piena trasparenza, anche stabilendo una tale panoramica. Il PE chiede infine informazioni dettagliate su qualsiasi altra misura di sostegno fornita dalle agenzie europee, come Frontex, al fine di garantire che i deputati possano controllare efficacemente come viene speso il bilancio UE.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale dell’oceano 8 Giugno 2021

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Educare e coinvolgere i giovani sull’importanza dell’oceano per il nostro pianeta, la nostra salute, il nostro futuro. Con questo obiettivo l’8 giugno 2021, in occasione della Giornata Mondiale dell’oceano, IOC-UNESCO nell’ambito del Decennio delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile in Italia organizza l’evento “Tra passato e futuro: verso la Generazione oceano” che avrà luogo in Sardegna, sull’isola de La Maddalena dalle ore 9.00 alle 20.00, e che sarà fruibile interamente online sul canale dedicato.L’Italia e il mare hanno da sempre un rapporto profondamente sinergico: a partire dalla cultura greco-latina, il Mare Nostrum è stato il centro della diffusione del commercio nonché punto di incontro tra culture diverse che hanno contribuito allo sviluppo della civiltà occidentale, dell’alfabeto, della millenaria storia culinaria e gastronomica, delle formazioni delle prime città-stato, delle prime esplorazioni. L’Italia custodisce 55 Beni del Patrimonio Mondiale luoghi naturali e culturali tra i più famosi al mondo, molti dei quali situati in zone costiere, e può inoltre contare su altre designazioni dell’UNESCO come 17 geoparchi e 19 riserve della biosfera, a prova del suo grande valore naturalistico e paesaggistico. Ospita infatti la più ricca biodiversità di specie animali e vegetali, molte di queste presenti solo nel Mediterraneo o nelle nostre coste.Per quanto riguarda l’economia, il mare è invece nevralgico per il settore del turismo costiero e marino, senza dimenticare il campo emergente delle energie rinnovabili dove l’energia blu ad oggi vale circa 420 milioni di €; infine, tra il valore aggiunto e la produzione, la pesca registra in Italia ben 2891 milioni di €. Il programma dell’8 giugno vedrà l’alternarsi di tavole rotonde, talks e panel tematici con la partecipazione tra gli altri del Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani, del presidente della Commissione Nazionale UNESCO Franco Bernabé, dell’attivista di Fridays For Future Italia e narratrice scientifica Sara Segantin e della Madrina dell’Oceano Caterina Balivo, che intervisterà Roberto Danovaro, Presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn e definito “top scientist” mondiale nella ricerca relativa a mari e oceani nel decennio 2010-2020 dalla prestigiosa piattaforma Expertscape. Presente all’evento anche il comandante e l’equipaggio di Progetto Mediterranea. Partita per un nuovo triennio di navigazione, studio e ricerca del mar Mediterraneo, la barca a vela farà tappa a La Maddalena per ospitare alcune delle dirette e per raccontare insieme a Francesca Santoro e Caterina Balivo i primi risultati e i progetti di Citizen Science.I temi trattati rappresenteranno un crocevia tra il passato – focalizzandosi sui personaggi storici che hanno contribuito allo sviluppo delle scienze del mare – e il futuro, affrontando tematiche emergenti come la cittadinanza attiva e i progetti di citizen science, i nuovi materiali per il mondo della moda, il ruolo dello sport per la salvaguardia dell’oceano e il settore della Finanza Blu.

Posted in scuola/school, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Patto per la scuola, La Cisal sigla l’accordo a Palazzo Chigi

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

“Soddisfatti per un patto che apre a una stagione di confronto aperto con i sindacati per un reclutamento più snello e funzionale, per poter ridiscutere le procedure di mobilità e assegnazione provvisoria riportando la questione al tavolo contrattuale e per una procedura immediata di immissioni in ruolo straordinarie, in modo da garantire davvero un avvio dell’anno scolastico all’insegna della stabilità del lavoro nella scuola”. Lo ha detto il segretario confederale della Cisal e presidente Anief, Marcello Pacifico, al termine dell’incontro per la sottoscrizione a Palazzo Chigi del Patto per la scuola. “Ora bisogna trovare urgenti soluzioni condivise per risolvere il problema della supplentite nel sistema nazionale di istruzione, valorizzare le diverse professioni del personale scolastico a livello giuridico e salariale, riaprire in sicurezza le scuole e migliorare gli apprendimenti, rimuovere i vincoli e gli ostacoli ai trasferimenti e passaggi di ruolo”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Patto per la Scuola è stato siglato

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Confederazioni sindacali e Ministero si sono incontrati a Palazzo Chigi per la firma sulla versione definitiva dell’accordo dopo il vaglio del Governo. Anief ha contribuito, grazie anche all’intervento del segretario confederale Cisal e presidente nazionale Anief Marcello Pacifico, a definire la stesura del testo definitivo. “Diverse nostre priorità sono state ascoltate e accolte e di questo non possiamo che esserne soddisfatti: c’è l’obiettivo comune di cancellare il continuo ricorso ai contratti a termine anche eliminando dall’ultima versione, proprio come avevamo chiesto noi, un riferimento generico alla definizione di un organico pluriennale anche per i contratti a termine. Nella scuola si deve stabilizzare, oggi più che mai, e garantire l’immissione in ruolo di tutti i precari. Le procedure snelle utili all’assunzione a tempo indeterminato saranno definite e utilizzabili già per garantire l’inizio del prossimo anno scolastico. C’è anche l’intesa per confrontarsi a breve sulle procedure di mobilità e di assegnazione provvisoria e auspichiamo che la soluzione possa tornare materia “pura” di contrattazione tra le parti sociali. Evidenziamo anche e nuovamente che il Patto intende valorizzare i convitti nazionali, gli educandati, il personale educativo e DSGA e le scuole italiane all’estero, tutti temi che Anief ha sollevato ed hanno trovato conferma nel testo definitivo”. Durante il suo intervento, Marcello Pacifico si era soffermato non solo sulla necessità di una procedura urgente e utile al reclutamento e che valorizzasse il servizio svolto per anni da centinaia di precari, come il ricorso allo scorrimento delle GPS, ma anche sull’importanza di attivare subito, “oltre al tavolo sul reclutamento, anche quello sulla mobilità in vista delle assegnazioni provvisorie per dare una risposta anche in deroga, come è stato fatto nel 2011, alla legislazione vigente”. La firma apposta oggi dalle confederazioni, dunque, dà il La all’avvio delle risoluzioni utili a garantire un corretto avvio dell’anno scolastico 2021/2022, ma anche per ridisegnare il mondo della scuola rivedendo le procedure concorsuali e di reclutamento in modo consapevole e responsabile. “In contrattazione proporremo – commenta Marcello Pacifico dopo la firma di oggi apposta all’accordo – una valorizzazione vera del personale tutto della scuola con il riconoscimento delle indennità di rischio biologico e burnout, di un’indennità di sede lavorativa in caso questa sia diversa dalla residenza abituale e un’indennità di incarico per i contratti successivi ai 24 mesi”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il Decreto Sostegni bis apre all’assunzione dei precari con tre anni di servizio

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Sui precari da assumere, il Governo Draghi mantiene una parte dell’impegno: quest’anno i posti da insegnante residui verranno assegnati a coloro che hanno svolto – negli ultimi 10 anni scolastici oltre quello in corso – almeno tre annualità di servizio nelle scuole statali. Il contratto a tempo determinato è proposto esclusivamente nella provincia o nelle classi di concorso per le quali il docente risulta iscritto nella prima fascia delle graduatorie provinciali per le supplenze o negli elenchi aggiuntivi. Nel corso del contratto a tempo determinato i candidati svolgeranno il percorso annuale di formazione iniziale e prova, superato il quale saranno assunti nei ruoli dello Stato, specifica anche Orizzonte Scuola. Anief è solo parzialmente soddisfatta per la decisione presa dal Consiglio dei Ministri: con la conversione in legge dello stesso Decreto Sostegni bis, ha detto oggi Marcello Pacifico, leader dell’Anief, “bisogna modificare alcune parti. Dunque – ha dichiarato il sindacalista durante un’intervista sempre alla rivista specializzata Orizzonte Scuola – bisogna reclutare tutti i precari della scuola italiana, quelli delle graduatorie delle supplenze, in prima e seconda fascia, i docenti di religione cattolica e quelli in graduatorie di istituto”. Sempre sul reclutamento, Anief chiederà modifiche sull’abolizione della call veloce per gli idonei del concorso DSGA e sulla sospensione dell’utilizzo della call veloce per il personale docente per il solo prossimo anno scolastico. In ogni caso, sostiene sempre il giovane sindacato autonomo, il sistema di reperimento del personale dovrà essere in maniera permanente utilizzato all’interno del doppio canale di reclutamento e non soltanto per il prossimo anno scolastico.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carta del docente anche per i precari

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Per ANIEF sono decisamente troppe le questioni che riguardano i precari della scuola ancora in attesa di soluzione. Oltre al tema del reclutamento, su cui Ministero e sindacati hanno recentemente stilato un patto ancora in attesa del via libera da Palazzo Chigi, l’altro fronte caldo è quello del mancato riconoscimento anche ai docenti precari della Carta di 500 euro annui per l’aggiornamento e la formazione.“Si tratta – afferma Marcello Pacifico – di una delle numerose forme di discriminazione rispetto ai colleghi di ruolo che i docenti precari devono subire dal 2015, anno in cui la Carta è stata introdotta. Insieme al contratto per regolare la DAD in piena pandemia, avevamo siglato anche un’intesa con il Ministero dell’istruzione perché si avviasse un percorso che ponesse rimedio a questa intollerabile esclusione, visto che a fare didattica a distanza sono stati sia i docenti di ruolo che quelli precari. Sono passati sei mesi e quell’intesa è rimasta lettera morta”.Per questo, il sindacato ha deciso di riaprire le adesioni al ricorso al giudice del lavoro per chiedere l’assegnazione della Carta docenti anche ai precari, predisponendo una lettera di diffida e di messa in mora da inviare al ministero.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

C’è anche molta scuola nel decreto Rilancio

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Per quanto riguarda gli emendamenti al ddl principale figurano la rimodulazione della didattica in presenza per il nuovo anno scolastico (sono 5 gli emendamenti che trattano di questo argomento: 3.7; 3.13; 3.14; 3.19; 3.21) e l’adeguamento dell’organico di fatto in organico di diritto (emendamento 3.012); per quanto riguarda gli emendamenti d’interesse all’articolo aggiuntivo vi sono le “Misure urgenti in materia di assunzione del personale docente dalle graduatorie provinciali per le supplenze” (emendamento 3.016); misure urgenti in materia di assegnazione provvisoria straordinaria per il personale scolastico 3.010); in materia di assunzione di personale precario del comparto istruzione e ricerca (emendamento 3.02); per l’assunzione di personale scolastico (emendamento 3.018); sul reclutamento del personale docente e sul contenzioso relativo all’assunzione con riserva da graduatorie (emendamento 3.020); per il reclutamento dei Dirigenti Scolastici: reinserimento graduatoria idonei concorso (emendamento 0.11.01.147); la necessità di fare in fretta per il reclutamento dei docenti: scorrimento idonei concorso straordinario (0.11.01.35). Inoltre ci sono due emendamenti a cui Anief guarda con grande interesse: mobilità straordinaria (emendamenti 3.07 e 3.014) e lavoro agile nella scuola (emendamenti 0.11.01.157). Infine, c’è un articolo di interesse del ddl: l’articolo 3, il quale disciplina le modalità per la ripresa delle attività scolastiche nelle istituzioni scolastiche e universitarie dell’intero territorio nazionale. Il comma 1 stabilisce che dal 26 aprile, fino alla conclusione dell’anno scolastico 2020-2021, riprendono in presenza le attività dei servizi educativi per l’infanzia, della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado nonché, almeno per il 50 per cento della popolazione studentesca, le attività scolastiche e didattiche della scuola secondaria di secondo grado. Si chiarisce che le predette disposizioni non possono essere derogate da provvedimenti dei Presidenti delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano e dei sindaci, salvi i casi di presenza di focolai o di rischio estremamente elevato di diffusione del virus SARS-CoV-2 o di sue varianti nella popolazione scolastica. In tal caso i provvedimenti di deroga sono motivatamente adottati, sentite le competenti autorità sanitarie, anche per porzioni di territorio.Al comma 2 si stabilisce che, per il periodo dal 26 aprile fino alla conclusione dell’anno scolastico 2020-2021, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica. A tal fine si prevede che per le zone rosse sia garantita l’attività didattica in presenza almeno al 50 per cento e fino al 75 per cento della popolazione studentesca e, per le zone gialle e arancioni, almeno al 70 per cento e fino al 100 per cento della popolazione studentesca.La didattica a distanza è utilizzata dagli altri studenti. Il comma 3 contiene una particolare disposizione che facoltizza le istituzioni scolastiche a operare in presenza per l’uso dei laboratori o per favorire l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento telematico con gli altri alunni della classe. I commi 4 e 5 disciplinano le attività didattiche della formazione superiore per il periodo dal 26 aprile 2021 fino al 31 luglio 2021. Il comma 4 prevede che nelle zone gialle e arancioni le attività didattiche e curriculari delle università siano svolte prioritariamente in presenza secondo appositi piani di organizzazione. Nelle zone rosse i predetti piani possono prevedere lo svolgimento in presenza degli insegnamenti relativi al primo anno dei corsi di studio ovvero delle attività formative rivolte a classi con ridotto numero di studenti. Per l’intero territorio nazionale, i citati piani di organizzazione prevedono che siano svolti in presenza gli esami, le prove e le sedute di laurea, le attività di orientamento e di tutorato e le attività dei laboratori, nonché l’apertura delle biblioteche, tenendo conto anche delle esigenze formative degli studenti con disabilità. Infine, il comma 5 estende l’applicazione delle disposizioni del comma 4, per quanto compatibili, anche alle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica, ai conservatori di musica, alle accademie e agli istituti superiori per le industrie artistiche nonché alle attività delle altre istituzioni di alta formazione collegate alle università.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sono scomparsi più di 10 milioni di alveari nel mondo solo negli ultimi cinque anni

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Colpa dei cambiamenti climatici, che mettono a rischio la sopravvivenza delle api, tra aumento delle temperature e diffusione di nuovi parassiti, con effetti drammatici sulla sicurezza alimentare globale. Così Cia-Agricoltori Italiani che, nella Giornata Mondiale delle Api, rilancia l’allarme sullo stato di salute di questi insostituibili impollinatori, da cui dipende il 70% della produzione agricola mondiale, e quindi del cibo che arriva a tavola, e aggiunge: “Diventa sempre più fondamentale, dunque, promuovere misure che favoriscano e tutelino lo sviluppo dell’apicoltura”.Tra le conseguenze peggiori del climate change c’è proprio la diminuzione drastica del numero di api. Il rialzo delle temperature del pianeta, infatti, costringe le api a cambiare habitat e spostarsi continuamente alla ricerca di areali più freschi. Mentre lo stravolgimento delle stagioni, con primavere anticipate e freddo fuori periodo, ha effetti negativi sulla loro capacità produttiva e riproduttiva. In più, il riscaldamento globale facilita la proliferazione dei cosiddetti “parassiti dell’alveare”.Ma se non si interviene subito e in maniera integrata, presto le varietà di miele, così come di ortaggi e frutta, saranno sempre più scarsi, o non disponibili, o con prezzi più alti, considerato che dal servizio di impollinazione di questi insetti provengono 90 delle 115 principali coltivazioni mondiali. Ecco perché -evidenzia Cia- ancora di più oggi, all’apicoltura deve essere riconosciuta la funzione fondamentale di base del sistema agricolo.Una funzione insostituibile, in primis in Italia, dove oltre 68.000 apicoltori curano ogni giorno 1,6 milioni di alveari sparsi nelle campagne nazionali, salvaguardando la biodiversità e mantenendo le tante varietà di mieli locali, nonostante i cali di produzione dovuti appunto alle avversità atmosferiche. Proprio oggi al Mipaaf c’è il Tavolo miele -ricorda Cia- dove chiediamo maggiore sostegno al mercato del miele nazionale, attraverso campagne di promozione e di comunicazione, e un efficace piano di controllo sui mieli importati (spesso adulterati). Più in generale, vogliamo che le istituzioni tutelino l’apicoltura, introducendo adeguate misure di sostegno assicurativo contro le calamità naturali; intervenendo sul sistema fiscale con un’aliquota Iva agricola anche per servizi di impollinazione, pappa reale e polline; valorizzando il comparto attraverso misure specifiche nella futura Pac.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli Stati Generali del Mare

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Ostia. Dall’8 all’11 luglio 2021, tornano gli Stati Generali del Mare, manifestazione internazionale più importante dedicata al mare come risorsa economica e ambientale. L’evento, organizzato dall’associazione ecologico-scientifica Mareamico, si terrà a pochi chilometri dal centro della Capitale, presso la Sala Convegni dell’elegante Ostia Antica Park Hotel. L’intento della kermesse, alla sua XXIX edizione, è quella di porre l’accento sui temi connessi con la Blue Growth e la Blue Economy. In particolare, l’evento avrà come focus principale le opportunità offerte dal mare ma anche le minacce derivanti da un errato sfruttamento della più grande risorsa del Pianeta. Temi che verranno spiegati e discussi alla presenza dei membri del Comitato Scientifico Mareamico e con i rappresentanti istituzionali Europei, Nazionali e Regionali, al fine di evidenziare le criticità e opportunità, individuando le politiche di gestione degli ambienti marini costieri.La Rassegna prevede quattro giorni di dibattiti e confronti, a iniziare dalla pianificazione dello spazio marittimo quale attivatore del Green Deal europeo. L’Unione Europea, infatti, dopo la crisi sanitaria causata da COVID-19, ha presentato un programma per la ripresa, con l’intento di rilanciare l’economia attraverso un approccio verde, sociale e digitale, per un futuro più sostenibile. Un progetto che mira a promuovere l’uso efficiente delle risorse, al fine di arrivare a un’economia pulita e circolare, ripristinando la biodiversità e riducendo l’inquinamento, con programmi di investimento su ricerca, innovazione e azioni esterne, al fine di supportare programmi chiave per le future crisi.Si parlerà, inoltre, di turismo sostenibile quale motore della nostra economia, dando voce proprio a uno dei settori più colpiti dalla recente crisi pandemica. Molte Regioni italiane, infatti, competono con le città d’arte puntando principalmente sugli scenari naturali. Facile intuire come la tutela del mare e dei territori costieri diventi il perno essenziale per la ripresa.Tra i temi delle Tavole Rotonde, anche quello che della pesca ricreativa e sostenibile. La prima annovera più di due milioni di praticanti ed è un’importante pilastro sociale ed economico. La sfida sarà trovare il giusto equilibrio per gestire correttamente l’attività tenendo presente la componente socioeconomica e, allo stesso tempo, colmando con la ricerca scientifica le lacune ecologiche che riguardano la valutazione degli impatti delle varie attività di questo tipo di pesca sulle popolazioni naturali delle specie bersaglio. La seconda, invece, porrà al centro del dibattito il complesso scenario del settore della pesca, caratterizzato da ostacoli duri da superare e inaspriti dalle incertezze causate dall’impatto dovuto al coronavirus, iniziando dall’oggettiva difficoltà per molte imprese a mantenere un livello di redditività che consenta loro di restare sul mercato e investire. Verranno analizzati nodi sociali ed economici profondi, dalla forza lavoro che invecchia – con sempre più con scarso turn-over – fino alla diffidenza verso le Istituzioni, viste nell’insieme come un avversario capace solo di imporre limiti e vessazioni.Al termine della rassegna, i Coordinatori delle Tavole Rotonde elaboreranno un documento conclusivo e di proposte che sarà portato all’attenzione delle Autorità Politiche al fine di promuovere opportune decisioni legislative.È prevista anche la partecipazione di alcune scuole superiori che aderiranno ai corsi estivi organizzati dal MIUR. Da anni, infatti, Mareamico ha avviato specifici percorsi didattici atti a promuovere l’educazione ambientale negli istituti scolastici, secondo le Linee Guida di Educazione Ambientale per lo Sviluppo Sostenibile elaborate dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il racconto di un sogno – Ritorno a Twin Peaks di Ilaria Mainardi

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

E’ un saggio divulgativo ricco di spunti di riflessione, che si focalizza sul terzo atto del capolavoro seriale di David Lynch. Come afferma il critico cinematografico Luca Pacilio nella prefazione: «Mainardi, tra le nebbie di Twin Peaks, prova a indovinarne i contorni – confrontando pareri, equiparando testi – e, fidandosi del suo intuito e della conoscenza della geografia lynchiana, ne dipinge un ritratto sorprendente.» Is it the future or is it the past? Con David Lynch non ne siamo mai certi: i bordi si sfumano, le maglie si allargano, lo spaziotempo e ogni sua logica esplodono in un Big Bang di intuizioni e suggestioni. Raccontare tale caos primigenio come se fosse un sogno è l’obiettivo di questa disamina del terzo capitolo dell’iconico Twin Peaks, una lettura metaforica che ne esplora il simbolismo con l’ausilio della critica cinematografica e della filosofia, della religione e della psicologia. Provando a fare ordine, a comprenderlo quanto più possibile senza annullarne del tutto il mistero. Perché forse è proprio lì, nella sua perturbante indeterminatezza, che si annida il fascino visionario del regista di Missoula. Ilaria Mainardi risiede a Pisa, sua città d’origine. Qui ha visto maturare l’amore per il cinema, scrutato col rispetto e la sospensione incredula che si deve a ciò che è al tempo stesso familiare e misterioso. Con Les Flâneurs Edizioni ha pubblicato il romanzo La quarta dimensione del tempo (2020). Collabora con il sito di critica cinematografica http://www.spietati.it. Les Flâneurs Edizioni nasce nel 2015 grazie a un gruppo di giovani amanti della Letteratura. Il termine francese “flâneur” fa riferimento a una figura prettamente primo novecentesca d’intellettuale che, armato di bombetta e bastone da passeggio, vaga senza meta per le vie della sua città discutendo di letteratura e filosofia. Oggi come allora, la casa editrice si pone come obiettivo la diffusione della cultura letteraria in ogni sua forma, dalla narrativa alla poesia fino alla saggistica, con indipendenza di pensiero e occhio attento alla qualità. Les Flâneurs Edizioni intende seguire l’autore in tutti i passaggi della pubblicazione: dall’editing alla promozione. Les Flâneurs Edizioni è contro l’editoria a pagamento. Saggistica Collana: Boulevard Pagine: 154

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Arriva un nuovo team nella smart e-cup

Posted by fidest press agency su sabato, 22 maggio 2021

Frosinone, Si presenta ai cancelli di ingresso della smart e-cup un pilota di alto profilo come Luigi Ferrara. Il campione barese non sarà però presente in Sicilia perché momentaneamente indisponibile; al suo posto prenderà i comandi della smart e-cup #42 il giovane Simone Patrinicola. “È un piacere per noi di Mercedes-Benz L’Auto, con le nostre 3 sedi tra Lazio e Abruzzo ed una storia che parte dagli anni ’70, essere protagonisti di questo progetto. Il campionato smart e-cup rappresenta per noi una nuova sfida che si va ad affiancare a quelle che il reparto sportivo del nostro Gruppo ha già intrapreso negli anni con ottimi risultati. Poter ritrovare il fascino e le emozioni del mondo MotorSport con un impatto zero rappresenta la vera sfida del futuro e noi vogliamo farne parte. La smart e-cup ci porta nel futuro e nel nuovo modo di vivere la natura, con tutta la gamma smart 100% elettrica diamo un segnale importante per vivere e rispettare le nostre città e l’ambiente ai massimi livelli”, fanno sapere dal dealer di Frosinone. “Luigi Ferrara sarà il nostro testimonial per questa nuova esperienza e siamo sicuri che incarnerà a pieno le aspettative di tutto il Gruppo, incrociamo le dita e crediamo che ci porterà grandi risultati”. Luigi Ferrara, già visto in azione lo scorso anno a bordo della vettura griffata SportMediaset, tornerà al volante della smart e-cup schierata dal team L’Auto. già a partire dal prossimo round di Vallelunga. Il primo round della smart e-cup è in programma sul mitico tracciato di Pergusa questo fine settimana con due emozionanti gare.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »