Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 25 giugno 2010

A Roma contro “love boy day”

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Roma 26 giugno 2010 Piazza Navona, dalle ore 11, manifestazione per riaffermare  ‘La pedofilia come un crimine contro l’umanità” “Nel giorno in cui i pedofili autogiustificano il loro diritto di amare liberamente i bambini, il Movimento RES (Roma Europa Sociale) insieme all’MPI Giovani (PdL), saranno in per la giornata contro la pedofilia”. Lo dichiarano in una nota congiunta, Giovanni Picone (Portavoce RES) e Ilaria Misantoni (Responsabile regionale MPI- Giovani), promotori dell’iniziativa. “La nostra manifestazione – continua la nota – è un atto doveroso contro tutti quei movimenti e organizzazioni che ancora giustificano e promuovono questa pratica, inspiegabilmente non ancora riconosciuta come crimine contro l’umanità. Il nostro obiettivo – conclude la nota – è quello di sensibilizzare le nostre istituzioni al fine di esortarle ad adottare provvedimenti seri, come è senz’altro la castrazione chimica, per mandare finalmente un chiaro segnale di ferma condanna contro questa odiosa piaga sociale. Alla manifestazione – aggiunge infina la nota – interverranno il consigliere regionale Pino Palmieri, il consigliere comunale Fabrizio Santori, presidente della commissione ‘Sicurezza’, il coordinatore regionale MPI Fabio Sabbatani Schiuma, i consiglieri municipali Augusto Santori (XV), Marco Giudici (XVI) e Monica Picca (XIII), presidente della commissione ‘Pari Opportunità.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

G8 e G20: dare risposte concrete

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Toronto (Canadà) 26-27 giugno 2010. Le principali reti della società civile italiana – coese nel promuovere la Campagna Zerozerocinque – si appellano ai leader del G20 affinché il vertice chiamato a regolamentare i mercati finanziari e a dare risposte concrete alla crisi economica approvi, tra le altre misure, anche l’introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie. Tale tassa pur con un’incidenza minima – si ipotizza lo 0,05% sul valore di ogni transazione – sarebbe in grado di generare un gettito importante da utilizzare per le misure di contrasto alla crisi economica, di sostegno all’occupazione, per le politiche sociali, ambientali e di cooperazione allo sviluppo. «Si pensi alla crisi della Grecia, all’attacco all’euro, alla finanziaria da 24 miliardi approvata in Italia e alle misure analoghe allo studio in tutta Europa. Chiediamo ai Governi e alle istituzioni finanziarie di adottare misure per anticipare i mercati e ridare alla politica strumenti di controllo sulla sfera finanziaria, valutando le proposte che da tempo le reti della società civile internazionale promuovono. Tra queste la tassa sulle transazioni finanziarie – a cui si sono già detti favorevoli i governi Francese, Tedesco e Belga».
I promotori della Campagna 005 promettono di non fermarsi: se il G20 non sarà in grado di prendere decisioni e si concluderà con l’ennesimo nulla di fatto, chiedono che l’Europa si muova da sola sulla scia di quanto già discusso nell’ultimo vertice del Consiglio Europeo. L’introduzione della tassa sulle transazioni finanziarie potrebbe essere efficace anche se applicata nella sola Europa o nella sola area Euro. Inoltre una tale volata in avanti dell’Europa sarebbe un segnale forte per i prossimi G20 in Corea e in Francia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Autovie venete: cantieri e previsioni traffico

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Ultimi cantieri aperti lungo l’autostrada prima dello stop estivo. Dal primo luglio, infatti,  rimarranno attivi solo i cantieri inamovibili e quelli legati a interventi d’urgenza. Per quanto riguarda questo fine settimana, nella notte tra domenica 27 e  lunedì 28  è in programma il passaggio di un trasporto eccezionale. Si tratta di una fresa, molto pesante  movimentata da un autoarticolato lungo 26 metri il cui ingombro complessivo è di 6 metri e 80, mentre il peso complessivo è di 96 tonnellate.  Il trasporto eccezionale entrerà a mezzanotte al casello di Latisana e proseguirà lungo la A4 Venezia-Trieste per poi dirigersi verso Tarvisio lungo la A23 a una velocità non superiore ai 40 chilometri orari. Possibili rallentamenti, quindi, potranno verificarsi lungo la tratta autostradale interessata. Prosegue la potatura della siepe centrale lungo la A4 Venezia-Trieste.
Questa settimana, il tratto interessato dai lavori, effettuati in orario notturno (dalle ore 21 alle ore 6 del mattino) è quello compreso tra Latisana e S. Giorgio di Nogaro in entrambe le direzioni. Il cantiere mobile, che in caso di criticità verrà sospeso, comporterà la chiusura delle corsie di sorpasso. Ancora in corso, sulla A4 Venezia-Trieste,  i lavori di dismissione della vecchia barriera di Roncade.  Dal nodo con la A57 tangenziale di Mestre a S.Donà di Piave, sia in direzione Trieste che in direzione Venezia, le corsie sono a larghezza ridotta. Lungo la A57 tangenziale di Mestre, infine, ancora attivo il cantiere per lo smantellamento di una vecchia corsia della  A4. Il cantiere comporta la chiusura della corsia di sorpasso della bretella d’innesto che, dal Casello di Venezia Est porta in A4. La carreggiata non più utilizzata e ora esterna all’autostrada, verrà dismessa entro la metà di luglio.
Primo fine settimana estivo e primo traffico “da vacanza” sulla rete autostradale di Autovie Venete, anche se gli spostamenti, come sempre, saranno influenzati dalle condizioni metereologiche, soprattutto per quanto riguarda i flussi diretti verso le località turistiche del Veneto e del  Friuli Venezia Giulia. Per venerdì 25 giugno, sulla A4 Venezia Trieste, in direzione Venezia (in mattinata) e in direzione Trieste (verso sera) è previsto flusso veicolare sostenuto (anche per l’arrivo dei turisti sloveni che in patria festeggiano l’indipendenza nazionale), che andrà intensificandosi ulteriormente sabato 26 giugno, lungo l’intera A4, in particolar modo in direzione  Possibili rallentamenti lungo i nodi  delle interconnessioni autostradali e in uscita alla barriera di Trieste Lisert e al casello di Latisana (in mattinata).  Incremento dei transiti anche sulla A23 Palmanova Tarvisio, soprattutto tra Udine Sud e il bivio con la A4, in entrambe le direzioni. Domenica 27 giugno, traffico locale intenso soprattutto nelle prime ore del mattino e nelle ore serali, con possibili rallentamenti ai caselli di San Stino di Livenza, San Donà di Piave, Latisana e alla barriera di Trieste Lisert.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mondiali 2010: Si scommette sul primo posto

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Le partite pomeridiane, Portogallo-Brasile e Corea del Nord-Costa D’Avorio chiuderanno il gruppo G. Ai carioca, già qualificati, è sufficiente un punto per terminare primi nel girone. I lusitani, ad un passo dagli ottavi, con i tre punti raggiungerebbero la vetta del gruppo.  Per il match Portogallo-Brasile, gli scommettitori Better danno il 60 % delle preferenze alla squadra di Dunga, il 33% è per il pareggio e il 7% per il colpaccio di Cristiano Ronalda e co. I quotisti Better hanno così quotato il primo marcatore della partita: Luis Fabiano a 6,00, Ronaldo a 7,50, Robinho a 8,00 e Huho Almeida a 10,00. Da non trascurare due calciatori che arrivano spesso sotto porta: Julio Baptista a 13,00 e Simao a 15,00. Per l’altra partita Corea del Nord-Costa D’Avorio: la vittoria degli africani ha il 95% delle preferenze, il 2% per il pareggio e l’1% per la vittoria Coreana. Per primo marcatore il favorito è Drogba, a 4,00; per gli asiatici, il bomber Jong Tae Se, a 12,00. La classifica: Brasile 6 pt, Portogallo 4, Costa D’Avorio 1, Corea del Nord 0. Le quote sono soggette a variazioni  http://www.better.it

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Toronto, Canada: vertice dei g8-g20

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Toronto (Canada) 25-27 giugno 2010. A Toronto i due vertici si svolgeranno in giorni successivi, e non è chiara la suddivisione di compiti e mandati tra due raggruppamenti. Lo scopo del G20 è quello di coordinare i lavori e le decisioni dei diversi membri del G20 in modo da arrivare a regole comuni, e come minimo fare in modo che le decisioni di politica economica prese in un Paese non ostacolino o danneggino altre nazioni o regioni. Da due anni a questa parte il G20 si riunisce a livello di capi di Stato e di governo per elaborare delle proposte comuni in risposta alla crisi finanziaria. All’interno di questa ampia cornice ricadono moltissime questioni. Non tutte sono prese in considerazione dal G20, e non tutte vengono trattate in ogni vertice. Non esistendo ad oggi un mandato preciso, né un segretariato che coordina i lavori, la decisione su quali questioni includere e quali siano quelle prioritarie viene lasciata in massima parte al Paese ospitante di turno. I membri del G20 sono: Arabia Saudita, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, India, Indonesia, Italia, Messico, Russia, Sud Africa, Turchia, Usa, e l’Unione Europea (tramite la Commissione UE). Partecipano inoltre ai lavori i rappresentanti di FMI, Banca mondiale, Financial Stability Board, Ocse e OIL. Il Paese organizzatore può inoltre estendere l’invito ad altre nazioni selezionate.
Il G20 nasce all’indomani della crisi che colpisce il Sud–Est Asiatico nel 1997–98. La crisi si estende rapidamente a Paesi anche molto lontani (Brasile, Messico, Russia). Emerge la necessità di un coordinamento in materia economica e finanziaria che vada ben al di là del G8.
Durante la conferenza di Bretton Woods del 1944 furono creati la Banca mondiale e il Fondo Monetario Internazionale, a cui venne affidato, tra gli altri, il compito di assicurare la stabilità delle valute mondiali. Il sistema prevedeva di legare il valore delle diverse valute al dollaro, il quale a sua volta era scambiabile in ogni momento con oro (il Gold Exchange Standard). Questo sistema di scambi fissi è andato avanti fino all’inizio degli anni ’70, quando gli Usa lo abolirono unilateralmente, dando di fatto il via a un sistema di libera fluttuazione delle valute sui mercati mondiali. La questione delle valute va però ben di là delle pur gravi problematiche legate direttamente alla speculazione. Il dollaro continua a essere la valuta di riserva a livello mondiale, e quasi tutte le merci sui mercati internazionali vengono scambiate in dollari.  Una parte del mondo, il Nord, vive da decenni al di sopra delle proprie possibilità, consumando e spendendo più di quanto potrebbe. Questo è stato in parte possibile grazie a diversi meccanismi economici, commerciali, finanziari pesantemente sbilanciati in favore delle nazioni più ricche e in parte grazie a un continuo accumulo di debiti di questi stessi Paesi. Il risultato è l’accumulo di enormi riserve valutarie da parte di alcuni Stati emergenti, e un debito crescente e sempre più insostenibile per altri.  Se nel caso della Cina una delle proposte per riequilibrare la situazione è legata alla rivalutazione della moneta locale, le difficoltà possono essere ben diverse per Paesi legati dalla stessa valuta, come avviene all’interno della zona euro.
La novità degli ultimi mesi è che per la prima volta anche Paesi occidentali hanno dovuto seguire lo stesso percorso. La Grecia è stata la prima nazione della zona euro a dovere accettare un intervento del FMI, e le condizionalità connesse.
La liberalizzazione dei flussi di capitale è stata una delle maggiori innovazioni degli ultimi decenni. Sulla spinta neoliberista e sotto la guida del FMI moltissimi Paesi hanno abbattuto i loro controlli sui flussi di capitali in entrata e in uscita.  bQuesto ha causato instabilità e impedito a diverse nazioni di attuare delle politiche economiche adeguate o di proteggersi in caso di attacchi speculativi. L’esempio più evidente viene probabilmente dalla crisi che ha colpito il Sud-Est asiatico nel 1997 – ’98. Allo scoppiare della crisi, e nel giro di due sole settimane, oltre 100 miliardi di dollari sono fuggiti dai Paesi interessati, aggravando pesantemente una situazione già critica. La Malesia, l’unico Paese della regione che aveva mantenuto una qualche forma di controllo sui flussi di capitale, è quello che ha subito meno gli impatti della crisi rispetto ai vicini.
Dietro la spinta di Francia e Germania, il Consiglio UE ha deciso all’unanimità di chiedere al G20 di Toronto di muovere dei passi in avanti sulla tassa sulle transazioni finanziarie, e ha anche dato il proprio sostegno per l’applicazione su scala europea della tassa sulle banche.
Il paragrafo sui paradisi fiscali del documento finale  del G20 di Pittsburgh si apre con l’auto-elogio secondo cui “il nostro impegno con le giurisdizioni non-cooperative ha dato dei risultati impressionanti”.  La stessa lista dei territori considerati paradisi fiscali, la famosa “lista nera” elaborata dall’OCSE, sembra decisamente influenzata dai membri del G20.  Una delle proposte più efficaci per contrastare i flussi illeciti, l’evasione fiscale e la corruzione sarebbe quella di chiedere alle imprese multinazionali di pubblicare i loro dati fiscali e contabili per ogni Paese in cui operano, e non solo aggregati per regioni, come avviene oggi (Country by Country reporting). Una proposta di buon senso, semplice da implementare e che avrebbe degli enormi impatti positivi a livello globale, ma sulla quale fino a oggi il G20 non si è pronunciato.
Una delle misure maggiormente discusse per rafforzare il sistema bancario riguarda l’aumento dei requisiti di capitale, ovvero della quantità e della qualità di risorse proprie che le banche devono tenere da parte per ogni finanziamento che fanno.  Lo studio di un nuovo accordo di Basilea III deve quindi andare di pari passo con l’elaborazione di regole più generali per limitare il “settore bancario ombra” o “shadow banking sytem” dove si svolgono tali operazioni.
Una delle maggiori critiche rivolte al G20 è il fatto che si sia auto-nominato coordinatore dell’economia mondiale e abbia assunto un ruolo centrale nel definire i futuri assetti dell’economia e della finanza globali, in assenza di un mandato chiaro conferito dall’insieme delle nazioni del mondo, e al di fuori del consesso dell’ONU. Secondo queste critiche, il G20 non dovrebbe avere alcuna legittimità nel prendere decisioni che di fatto interessano direttamente tutte le nazioni e le popolazioni del pianeta. (sintesi da un articolo di Luca Manes)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Internet e mondiali: l’Inghilterra è nel pallone

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

I Mondiali di calcio entrano nel vivo, e l’interesse degli inglesi verso la competizione cresce vertiginosamente. Secondo le rilevazioni Experian-Hitwise, di riferimento nei servizi di monitoraggio online, in Gran Bretagna una ricerca web su 88 contiene riferimenti ai Mondiali di calcio, con un’incidenza raddoppiata rispetto ai primi giorni della competizione. In particolare, il sito ufficiale della manifestazione (www.fifa.com) ha raggiunto il quarto posto tra i siti sportivi più visitati, e guidando la classifica delle fonti più consultate riguardo ai Mondiali. Ma i Mondiali si confermano essere non solo competizione sportiva, ma anche folklore. Le ricerche web contenenti la parola vuvuzelas, le pittoresche trombe da stadio sudafricane, sono infatti aumentate di oltre 80 volte rispetto alla vigilia della competizione. Dalle rilevazioni Experian-Hitwise, emerge inoltre che: le fronde interne alla nazionale francese hanno scatenato l’interesse dei fan britannici, con una crescita delle ricerche di oltre il 150% rispetto alla scorsa settimana; tra i marchi sponsor ufficiali della competizione o delle varie nazionali, il più cliccato è stato il produttore di birra Budweiser, davanti alla casa automobilistica coreana Kia, a Westfield, Vodafone e Adidas.
Experian (Experian Plc) è leader mondiale nei servizi informativi per la prevenzione dei rischi di credito e di frode, il marketing  e la protezione dei dati di aziende e consumatori. E’ quotata alla Borsa di Londra (EXPN), ove concorre all’indice FTSE-100, espresso dai 100 titoli azionari più importanti.  Ha sede a Dublino (Irlanda) e le principali direzioni operative sono  a Costa Mesa (California, USA) , Nottingham (GB) e San Paolo (Brasile). Conta circa 15.000 addetti in 40 paesi per una clientela estesa a più di 90 paesi, con un fatturato annuo che supera i 3,9 miliardi di dollari. In Italia, opera dal 1995; ha sede a Roma, e filiali a Milano e Pontedera (PI).

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Estatica tra danze popolari e clown

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Pescara, 26 giugno alle 21.30 Prosegue con successo il calendario eventi di Estatica al porto turistico “Marina di Pescara”.  nell’arena del “Marina”.Serata di danze popolari e internazionali proposta dall’associazione *Didee. Un mix di danze rumene, israeliani, bretoni, inglesi, greche, irlandesi e boliviane, ma anche abruzzesi, campane e italiane, selezionate e scelte dalla professoressa Donatella Di Iulio. L’associazione, presente sul territorio pescarese da circa 6 anni, nasce dalla voglia di comunicare la scoperta e la tutela di forme di espressione da far riemergere. Nell’arena del porto turistico si alterneranno quattro gruppi, tra cui anche uno composto da studentesse del liceo scientifico “Leonardo Da Vinci” di Pescara, sezione Portanuova.
Domenica 27 giugno alle 21.30 nell’arena del “Marina”. invece andrà in scena “Pinguino & Ghiacciolo Show”, di e con Dario De Remigis e Philippe Tordeaux, rinviato dalla settimana scorsa a causa del maltempo. Una continua sfida tra i due clown per accaparrarsi le simpatie del pubblico, coinvolgendolo fino a renderlo parte integrante dello show.
Ricordiamo che l’ingresso a tutti gli spettacoli è gratuito, e che in occasione di Estatica è stato creato un ingresso pedonale a pochi metri dal versante sud del Ponte del Mare, facilmente individuabile tramite apposita segnaletica orizzontale e verticale.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Seacily Jazz Festival 2010

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Palermo 25 giugno, presso i Giardini sopra le Mura dello Spasimo, l’enfant prodige della batteria, Gianluca Pellerito, insieme a Sebastiano Alioto, Sergio “Guna” Cammalleri e l’Orchestra Jazz Siciliana, diretta da Domenico Riina, faranno rivivere le emozioni del Three Drums Show, dopo il successo dell’esibizione in prima mondiale dello scorso 31 luglio. Durante il concerto sarà presentato il cd live registrato in quell’occasione al Teatro di Verdura, serata in cui si esibirono in contemporanea i miti della batteria: Peter Erskine, Alex Acuña e Gianluca Pellerito con  l’Orchestra Jazz Siciliana. Il concerto verrà replicato anche il giorno dopo, 26 giugno 2010; costo del biglietto, 10 €. Sarà possibile acquistare in prevendita i biglietti presso la sede della Fondazione, in via dello Spasimo 15, o la sera dei concerti al botteghino dalle ore 20.30.  .
Gianluca Pellerito nato a Palermo nel 1994, inizia il suo approccio con la batteria all’età di quattro anni. A otto anni Gianluca esordisce sul palco di Umbria Jazz con l’ensemble della Berklee Summer School diretta dal maestro Dave Clark. A 10 anni l’incontro con il Brass Group. A 11 anni la sua prima esperienza in sala di registrazione. Nell’estate 2006 ha l’opportunità di suonare con la Big Band del Brass Group.
Domenico Riina. Nato a Partinico nel 1963, si è diplomato presso il Conservatorio di musica Vincenzo Bellini di Palermo nel 1992.  Ha partecipato ai Festival jazz di Sanremo, Praga, Messina e Catania, e al Vocal Festival Palermo ’90, e ha collaborato inoltre con Sal Genovese e con la Gidi Band di Milano.
Sebastiano Alioto. Nato a Palermo nel 1961. La sua versatilità, lo porta a militare con tutti i nomi più significativi dell’area jazzistica e fusion siciliana, dal grande vibrafonista Enzo Randisi, con il cui gruppo “Duke Ellington Singers” ha partecipato a festival fra cui Monteroduni e Fano Jazz by the Sea, sino a diventare il primo batterista del “Cinzia Spata Unit”. Militando nell’Orchestra Jazz Siciliana.
Sergio Cammalleri in arte ‘GUNA’, ha studiato con continuità seguendo la strada dei grandi maestri come Los Papines, Airto Moreira, Ray Mantilla, Steve Thorthon. Nel 1980 con Alfonso Viera forma il ‘Brasilian Samba Sound’. Attualmente è percussionista della Orchestra Jazz Siciliana con la quale è stato in turnee per conto dell’E.A. Teatro Massimo.
L’Orchestra Jazz Siciliana rappresenta in Italia la prima e unica orchestra permanente di jazz a partecipazione pubblica. Fondata da Ignazio Garsia nei primi anni ‘70 con il nome di Brass Group Big Band, l’Orchestra Jazz Siciliana ha svolto una intensa e continuativa attività concertistica sotto la guida di alcuni dei più prestigiosi direttori d’orchestra dei mondo. L’orchestra è diretta in questa circostanza dal maestro Domenico Riina. (three drums, gianluca pellerito, orchestra)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il modello carcerario Usa è esportabile in Italia?

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Sono stata positivamente colpita dagli aspetti della organizzazione, della riabilitazione e della formazione che caratterizzano il sistema carcerario statunitense”. Queste le parole del sottosegretario Elisabetta Casellati a  margine di una visita nelle carceri statunitensi. “La peculiare struttura  a raggiera del Centro di Detenzione Federale di New York consente una socializzazione dei detenuti in attesa di giudizio che, attraverso il sistema delle “celle aperte”, confluiscono in uno spazio comune. Questo dimostra un’elevata attenzione verso l’aspetto psicosociale della persona”. Per ciò che concerne il penitenziario statale di Sing Sing e dunque i condannati definitivi la senatrice aggiunge: “è un modello estremamente positivo, basato sull’istruzione e sulla  formazione professionale obbligatoria. Sono inoltre consentiti incontri quotidiani con la famiglia dalle ore 8.30 alle ore 14.30. E’ apprezzabile il sistema di incentivi che lo Stato di New York offre alle imprese che assumono gli ex detenuti. Ritengo in definitiva che il sistema carcerario statunitense  – conclude il sottosegretario – possa offrire ottimi spunti per il nostro piano carceri”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mondiali 2010: oggi ultime partite gruppi G e H

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Con le partite di oggi si chiudono i giochi per i gruppi G e H. Da domani iniziano gli ottavi di finale. Le quote Better per il girone G, prima dell’inizio del mondiale, vedevano come favorita “vincente girone” il Brasile a 1,50, che è già qualificata con una giornata d’anticipo. Oggi i carioca con un pareggio contro il Portogallo, si assicurerebbero la prima posizione, i lusitani arriverebbero secondi. Per il “vincente accoppiata” del girone G, Brasile-Portogallo e Brasile-Costa d’Avorio erano quotate a 2,10. Per il girone H, la Spagna, che oggi deve vincere contro il Cile per avere la certezza del passaggio del turno, aveva i favori del pronostico come “vincente del gruppo” a 1,25. A seguire il Cile, quotato all’inizio come vincente a 6,00 e la Svizzera a 10,00. L’”accoppiata vincente” più giocata vedeva presente le “furie rosse”: Spagna-Cile a 1,73 e Spagna-Svizzera quotate a 2,75.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Poliziotti pugnalati alle spalle

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

“Dobbiamo prenderne atto… ancora una volta… ci hanno pugnalato alle spalle! Dobbiamo prenderne atto… il nemico è questo Governo! Siamo Servitori dello Stato, non schiavi! Siano razionali e ragionevoli, e pronti ai sacrifici, non bovinamente supini al potente di turno! Dobbiamo alzare la testa. Dobbiamo saperci fare sentire! E’ ora di tornare nelle piazze, nelle strade, in ogni dove”. Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, chiama a raccolta le migliaia di iscritti al Sindacato Indipendente di Polizia, dando il via ad una massiccia campagna di protesta contro “l’insopportabile atteggiamento di prevaricazione, di ingiustizia, di inadempienza, di un Governo che vuole toglierci di mezzo.”  “Adesso basta! – tuona Maccari – Prima di proporci di continuare a tenere bloccati i nostri contratti e tanti altri deliri del genere – come il blocco degli automatismi e la sparizione dei soldi per il riordino, tanto per fare banali esempi -, che si ritorcono contro i semplici cittadini, i veri lavoratori, e chi, evviva Dio, rischia la vita per mettersi al servizio degli altri, si intervenga sulla schifosa melma che ormai invade i palazzi che contano rimpinguando le tasche di chi continua a chiedere sacrifici insostenibili!”. Presto le sagome degli uomini in divisa con un pugnale piantato nella schiena campeggeranno ovunque, “per ricordare a tutti – spiega Maccari – come veniamo considerati dal Governo.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Museo Aligi Sassu

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Atessa (Ch) Palazzo Ferri – posticipata al 31 luglio l’inaugurazione del Museo Aligi Sassu 210 opere su carta dal 1927 al 1990 a cura di Alfredo Paglione ed Elena Pontiggia Novanta lavori su carta, per lo più inediti, disegni, acquerelli, pastelli e tempere, con centoventi opere grafiche scelte: acqueforti, acquetinte, litografie e serigrafie, costituiscono l’importante collezione di Alfredo e Teresita Paglione affidata al nuovo Museo Sassu di Atessa. La rassegna ripercorre le tappe più importanti della vita e della produzione artistica di Aligi Sassu a partire dalle opere futuriste del 1927-28, per poi soffermarsi sui lavori degli anni ’30, tra cui i famosi Uomini rossi e i Ciclisti, i Caffè, le Battaglie, i disegni del carcere di Fossano realizzati tra il 1937 e il 1938, le Crocifissioni e i Concili degli anni ‘40, fino alle Corride spagnole degli anni ‘60.
Aligi Sassu, scomparso il 17 luglio 2000 a Pollença (Mallorca, Spagna), quest’anno viene ricordato con tre significativi eventi: la mostra presso il Museo di Villa Urania a Pescara, in corso fino a fine giugno, incentrata sulla produzione in ceramica e l’apertura dei due nuovi musei a lui dedicati ad Atessa, in Abruzzo, e a Thiesi, in Sardegna, dove trascorse alcuni anni della giovinezza.
La città di Atessa con la nascita del nuovo museo rende omaggio all’artista sottolineando il profondo legame con la terra d’Abruzzo: nel 1964 vi realizza una grande opera murale “Il Concilio Vaticano II” presso la Chiesa di S. Andrea a Pescara, nel 1987 in anteprima  assoluta espone la “Divina Commedia”, una raccolta di 113 oli, al Castello Gizzi di Torre De’ Passeri (Pe) e nel 1997 la mostra di arte sacra con cui viene aperto il Museo dello Splendore di Giulianova. Qualche anno dopo, nel 2003, presso la Fondazione Carichieti viene inaugurata la mostra permanente de “I Promessi Sposi”, 58 straordinari acquerelli ispirati al celebre romanzo di Alessandro Manzoni, opere donate dai coniugi Alfredo a Teresita Paglione alla città di Chieti.
Il catalogo del nuovo Museo Sassu di Atessa, edito da Silvana eEditoriale, contiene testi  di Giulio Borrelli, Elena Pontiggia, Elsa Betti e un’intervista di Giovanni Gazzaneo ad Alfredo Paglione, noto gallerista e cognato del Maestro. (aligi sassu)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra Querci-Tremlett

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Bagnolo di Lonigo (Vicenza) 26 giugno – 13 novembre Villa Pisani Bonetti, Via Risaie 1, Mostra: Bruno Querci  David Tremlett a cura dI: Francesca Bruno, Querci David. Il progetto, avviato nel 2007 da Manuela Bedeschi e Carlo Bonetti, collezionisti d’arte contemporanea e attuali proprietari della Villa, è coordinato da Luca Massimo Barbero e curato da Francesca Pola.
Le opere realizzate ‘in situ’ dai due artisti sono pensate per dialogare con il luogo e gli spazi di una dimora abitata, in una dimensione privata e vissuta che non è soltanto uno spazio espositivo.
In dialogo con l’identità strutturale dell’edificio nascono le opere di Bruno Querci (Prato, 1956), che interviene con lavori inediti di grandi dimensioni nel grande salone centrale e nella cantina con mattoni a vista: in essi, il vibrante e intenso accostamento di bianco e nero crea fasce luminose pulsanti, orizzontali e verticali, che sottolineano e traducono le privilegiate direttrici originanti, planimetriche e architettoniche, di Villa Pisani.
Villa Pisani a Bagnolo di Lonigo, progettata da Andrea Palladio a partire dal 1541, al ritorno dal suo primo viaggio a Roma, e realizzata tra il 1544 e 1545, è forse l’opera più rappresentativa del periodo giovanile della sua attività e con essa inizia la collaborazione con la Repubblica veneziana. Ispirata alla monumentalità della Roma imperiale, Villa Pisani rappresentava l’affermazione del potere di Venezia sulla terraferma: la dimora rappresentativa e vivibile nello stesso tempo, controllava il territorio agricolo circostante, mentre la posizione sul fiume la collegava alla Serenissima per i trasporti di persone e di merci. Secondo il progetto originale la Villa doveva avere infatti due facciate principali: la prima verso il fiume, ancora integra, e l’altra rivolta verso la campagna, parzialmente incompiuta. Agli interventi di Querci e di Tremlett sono dedicati due cataloghi monografici che contengono l’introduzione di Manuela Bedeschi e Carlo Bonetti, i testi critici di Luca Massimo Barbero e di Francesca Pola, apparati bio-bibliografici degli artisti e le immagini delle opere realizzate a Villa Pisani. (bruno queerci)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Charme féminin

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Sanremo  Sale d’Arte del Nyala Suite Hotel, Via Solaro 134 1-29  luglio 2010:  Monica Frisone, 1- 29 agosto 2010: Roberta Camilloni, 3 – 30 settembre 2010: Antonella Cotta  Un evento espositivo di alto livello, incentrato sulla produzione pittorica di tre giovani protagoniste, eccellenti artiste che occupano un posto eminente nella pittura italiana contemporanea. Questo quanto si propone il ciclo di mostre estive titolato “Charme féminin”, curato dalla dottoressa Giorgia Cassini, in programma presso le Sale d’Arte del Nyala Suite Hotel a Sanremo.
“Charme féminin”, intende valorizzare la figura della donna come pittrice e non più solo come soggetto dipinto, assegnandole il ruolo di protagonista della scena artistica a lungo dominata dalla figura maschile. Questo è quanto si propone il ciclo di tre esposizioni che verrà allestito con cadenza mensile nelle costituende Sale d’Arte meritoriamente ideate dall’ingegner Igor Varnero, Director of Sales and Marketing del Nyala Suite Hotel.  Un’iniziativa che si propone di promuovere ed evidenziare il ruolo della donna nell’arte e di recuperare il valore scientifico, sociale e antropologico delle opere di artiste contemporanee, quali figure rilevanti nel panorama creativo nazionale. Le tre mostre offriranno pertanto l’opportunità di godere del genio artistico al femminile, di cui sarà possibile cogliere la freschezza dell’essere donna ed ammirarne la creatività. Per godere pienamente dell’esperienza visiva attraverso il sentire individuale l’allestimento di ogni mostra sarà modulato sulle tre diverse stilistiche proprie di ciascuna artista a creare un raffinato apparato scenografico. (monica, antonella)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lumacata di san Giovanni

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Ariccia, 26 giugno, uno dei comuni dei castelli romani, festeggia San Giovanni Battista con la tradizionale “Lumacata di San Giovanni”. L’appuntamento, patrocinato dall’assessorato alla cultura ed organizzato dal Comitato per i festeggiamenti di Ariccia, è in p.zza Dante Alighieri a Galloro a partire dalle 19,30 dove sarà possibile gustare lumache e gastronomia varia. Il tutto accompagnato dalla musica dal vivo degli Iana Group. Per gli amanti del ballo anche domenica 27 sarà una buona occasione di divertimento. Infatti a partire dalle 21,00 musica per tutti i gusti al Belvedere di p.zza Mazzini.  (teatro bernini)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tagli alle fondazioni liriche

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

“L’Italia dei Valori sul Dl enti lirici ha deciso di fare ostruzionismo e di andare avanti in questa battaglia perché riteniamo questo provvedimento sbagliato nel merito e nel metodo. Nel metodo perché ancora una volta il Parlamento è stato esautorato delle sue funzioni da un decreto che verrà approvato senza possibilità di essere modificato. Nel merito perché questo atto è tutto tranne che una riforma degli enti lirici. E’ piuttosto una tagliola che si abbatterà sui lavoratori e gli addetti ai lavori del mondo della cultura” lo dichiara l’on. Massimo Donadi, capogruppo di IDV alla Camera.  “La battaglia che IdV sta portando avanti in aula è una battaglia di coerenza. Il provvedimento era incostituzionale ieri ed è incostituzionale oggi. Se le altre di opposizioni hanno cambiato idea prendiamo atto, ma non ci facciamo certo condizionare. Gli accordi sottobanco non ci interessano, noi portiamo avanti la nostra battaglia per il futuro del settore cultura. Idv è contraria ai tagli e continuerà a dare battaglia contro un provvedimento che toglie il futuro a questo settore. Tutto questo dimostra ancora una volta che l’Italia dei Valori è la forza d’opposizione più intransigente e determinata che siede in Parlamento” conclude Donadi.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Orsogna a padre Achille Fosco

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Orsogna (Ch) sabato 26 giugno alle ore 9.30 si tiene una tavola rotonda nel Teatro «Camillo De Nardis» – moderata da Nicolò Iocco (nipote di Padre Achille Fosco) e dal consigliere comunale Anna Bucci alla quale parteciperanno il  vescovo di Melfi-Rapolla-Venosa, monsignor Gianfranco Todisco, i sindaci di Orsogna, Alessandro D’Alessandro, e di Rionero in Vulture, Antonio Placido, il parroco di Orsogna, don Mario Persoglio, il ministro provinciale dei Frati minori d’Abruzzo, padre Carlo Serri, la superiora generale delle Sorelle Misericordiose, madre Valeria Dema, il ministro provinciale dei frati minori conventuali d’Abruzzo, padre Giorgio Di Lembo, il ministro generale dei frati minori conventuali, padre Marco Tasca, lo studioso padre Nicola Petrone. Seguirà una Santa Messa nella Chiesa parrocchiale
Alle ore 12.30, vi sarà la cerimonia al «belvedere», adiacente la Chiesa di San Nicola di Bari, che si affaccia sulla Majella per inaugurare un monumento dedicato agli emigrati orsognesi.  All’iniziativa parteciperanno una rappresentanza istituzionale e una delegazione di cittadini di Rionero in Vulture (Potenza), dove padre Achille fondò l’istituto «Mater Misericordiae», sede delle Sorelle Misericordiose, le quali ancora oggi in tutta Italia e nelle Nazioni più povere aiutano il prossimo attraverso case di riposo, scuole dell’infanzia, case di accoglienza per malati e bisognosi. Nel 1926, a Motta Filocastro in Calabria, padre Achille gettò le basi per la costituzione dell’Istituto delle «Missionarie Francescane del Verbo Incarnato», che si sono espanse in Africa e Asia. Si adoperò anche nella Diocesi dell’Aquila per la rinascita dell’Ordine Benedettino – Celestiniano. Fu «apostolo di comprensione e solidarietà», fondò orfanotrofi e strappò alla fame e alla strada tantissimi bambini poveri, abbandonati e bisognosi di educazione. Un esempio prezioso ancora oggi, in tempi così difficili e conflittuali Questo fu padre Achille Fosco, frate minore conventuale nato a Orsogna (Chieti) nel 1897 e morto ad Atri (Teramo) nel 1971.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Il costo annuo della corruzione in Italia e nell’Eu

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

E’ stimato oltre il 5% del PIL globale. In Europa 56 miliardi di euro sono persi ogni anno per frodi legate al mondo della sanità, una perdita di almeno 150 milioni di euro al giorno”. Questi alcuni dati presentati oggi dal Vicepresidente del Parlamento europeo Roberta Angelilli in occasione del convegno svoltosi questa mattina a Roma  Strategie europee per la lotta alla corruzione: iniziative legislative e buone prassi” promosso dall’associazione Cantiere Europa, con il patrocinio dell’ordine degli Avvocati di Roma. La corruzione è presente in tutti gli Stati Ue sia a livello di amministrazioni centrali sia locali. In Europa solo un piccolo gruppo di paesi membri (Danimarca, Finlandia e Svezia) è riuscito a trovare una soluzione di successo per mantenere la corruzione sotto controllo. Negli altri paesi la corruzione rappresenta un problema serio con caratteristiche specifiche, e i paesi con il più alto livello  di corruzione sono Bulgaria, Polonia e Romania. “L’Italia – ha evidenziato il Vicepresidente Angelilli – risulta essere la Nazione europea in cui il crimine organizzato impone il più alto costo ai privati: i settori più a rischio sono gli appalti pubblici e il settore dell’edilizia.  Ma insieme alla Spagna, l’Italia è l’unico paese dove esistono forze dell’ordine con un incarico specifico in questo settore (Guardia Civil in Spagna, Guardia di  Finanza in Italia), cioè rappresenta un utile strumento di contrasto alla corruzione come ha sottolineato la Commissione europea”. “Entro il 2011 l’Italia per adempiere agli obblighi internazionali dovrà approvare il disegno di legge contro la corruzione, che dovrà prevedere anche standard sul conflitto di interessi per tutti coloro che ricoprono funzioni nella Pubblica Amministrazione, compresi manager  e consulenti, a tutti i livelli” ha concluso l’europarlamentare Angelilli.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Manovra e rilievi Corte dei conti

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

“La Corte dei Conti denuncia con forza quello che Italia dei Valori sostiene da tempo, ovvero che la manovra del governo è indecente e inciderà negativamente sulla crescita del Paese. Sarebbe bene che il governo e la maggioranza prendessero in considerazione le osservazioni della magistratura contabile, invece che liquidarle in arditi sostantivi” lo dichiara in una nota l’on. Antonio Borghesi, vicepresidente del gruppo Italia dei Valori alla Camera.  “A cominciare dai tagli alle province, baracconi inutili e costosi,come propone l’Italia dei Valori nella sua contromanovra, per continuare con lo stop alla proliferazione assurda di società pubbliche, usate dai partiti per sistemare su comode poltrone ben retribuite parenti ed amici” spiega Borghesi. “Italia dei Valori, nella sua contromanovra, ha operato una serie di tagli agli sprechi e ai costi della politica che liberano 20 miliardi euro e li reinveste in crescita e sviluppo. Così noi interpretiamo il senso di responsabilità, a differenza di chi sparge vuoto ottimismo” conclude Borghesi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli assegni scoperti del G8

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 giugno 2010

Un buco doppio rispetto a quello dichiarato dal G8. E’ di ben 20 miliardi di dollari (16 miliardi di euro) la somma che i paesi del G8 devono stanziare per mantenere fede alla promessa di aiutare i paesi più poveri entro il 2010. Lo denunciano Oxfam e Ucodep alla vigilia del vertice canadese. Utilizzando le cifre in dollari costanti del 2009 invece che del 2004, il G8 ha minimizzato il suo ritardo nel rapporto di rendicontazione pubblicato domenica scorsa, calcolando così un ammanco di soli dieci miliardi di dollari (8 miliardi di euro). Un trucco contabile che equivale a pitturare la facciata senza affrontare il problema dalle fondamenta.  Infrangere le promesse, avvertono Oxfam e Ucodep, vuol dire lasciare milioni di piccoli contadini soli a lottare contro cambiamenti climatici e crisi economica per nutrire le loro famiglie e le comunità. I 20 miliardi di dollari che il G8 ancora deve a queste persone equivalgono ad appena lo 0,07% del reddito nazionale lordo dei paesi del G8. Eppure, sarebbero sufficienti a mandare a scuola tutti i bambini del mondo o a evitare che muoiano di malaria. Grazie agli aiuti in più che sono stati effettivamente elargiti – 28 miliardi di dollari (22,7 miliardi di euro) secondo le stime dell’OCSE – sono state salvate milioni di vite e si sono registrati straordinari progressi nei paesi in via di sviluppo.
Cinque anni fa, a Gleneagles, i leader del G8 si impegnarono ad aumentare gli aiuti ai paesi del Sud del mondo di 50 miliardi di dollari (40 miliardi di euro) entro il 2010. Di questi, 25 miliardi di dollari (20 miliardi di euro) sarebbero andati all’Africa. Tuttavia, il G8 registra un ammanco di 20 miliardi di dollari (16 di euro). L’Italia è il fanalino di coda del G8 in materia ad aiuto pubblico allo sviluppo (APS) ed è il paese che più di tutti ha tradito le promesse fatte a Gleneagles. In seguito ai ripetuti tagli alla cooperazione allo sviluppo, infatti, l’APS italiano ha registrato nel 2009 un calo complessivo pari al 31%. Ciò significa che mancano all’appello quasi 6 miliardi di dollari (4,7 miliardi di euro) per aiutare i paesi più poveri, ossia la differenza tra quanto l’Italia ha promesso al G8 del 2005 e quanto, con ogni probabilità, stanzierà al G8 di quest’anno.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »